Skip to main content

Full text of "Lezioni di storia delle colonie e diritto coloniale"

See other formats


LIBERA UNIVERSITÀ’ COMMERCIALE L. BOCCONI 

MILANO 


LEZIONI 

DI 


TENUTE DAL 

Chiar. Prof. EHRITQ CRTELLFìNl 


Anno accademico 1913-14 



PAVIA 

Premiato Stabilimento Tipo-Litografico Successori Bruni 













— re 


*£; coloftl*saa ior.e ♦ <? oet*■»»*> jfi olito s a* 

«tfcsloaa 9 Yalo&e 4*11». sua xcn^iono 'sonoa* corco tatuo jp* 


'■ •<'‘ili ~ 


eot?-t .•>%& dello «Hlwjwio e 4ell& aqpssj^ioao a^lle aooioth 
«mi*. 


8ftu »-5 4*1 .In o©lenaJ rt - zn%% o»es etnioN\ eoo» <*s 
oH*, politiohfc., .roX^tooo e soci <.•!*.*• V^oar* * férma SS d©^ 
l^ni.ù quanto all 5 ersgiso o ri'.iar..";« ■•■twwi - ”, 


0a,jPttfté.^t4 <f>rovai»aalle cnlo, .'? - • ?&'•<!?.<■ *• ;.; ,. ’. .. :■ 




ftwtae*- Tarli pmtl Si vj.pt a àat .v;' m*$ ao aill Sfogal i 
et( ; rif. a«X lo oolc*ai ,*. sàai ;v •• ■. 


5*. Storia 4«11& Oolo«.s© oi può Mrs «'no pft 
«arti, rispetti ^ j: 1 ;#. a confca&wr’ai *aLU» atcr’ £*.? aata^ 
iti t k. perché g,TW».M o a »«aiS « v, » * a r»b a no «sten >•<**. o a© hfc t *a 
o m m-'l *«**$«• Sella s*4 o’jigt?;'! #jri»s*.tre e afe* «»&««» 
^Opelo -s libero s» waséttt oc-» «rie®*»*! stjj&ftlfrpfc, * éSf* 
la . ( ./atìt}j 2 »«i osi &«i popoli jrrim & ?iA»oe e poi * «élar-i 

-.1 '■* . ,-**.» -■-f ?J! -.-r:\v ^ts «S'. «J, p ... ST55 «ia»a 

•»T0!!ì . /-••; ,» 00.&OWl.‘.4 38 i>tOTW <JOÌO"tA«8 


m&p. x 





























m 4 +* 


iisaitWaail, * ìe» tJWtosKlgfc&sione u-lìo Uè# " la r.i *ì ^ * C—-. 
gejggJL « £ si. 1 a. ci viltà , none. a4 un teatpo 51 ^fattore ditorwina* 
tt e l- fHiltatoijsiiii ..óensplht.o e. ptà .&t$ÌVo «alla eto*lfc 
«as.«aLa k addurlo .oé.* il «ahomeao coloniale, oeialdettHo te 
•a« punto.ài a piuttosto largo « ^iptaaslvo, 4 il-féno_ 
.aene più. a Ostanti» a. più fecondo, di fatta la «or5.a 

oaìo* ■ 

' " '» .- 
; ' ■' 

' *' - .• jt. i * 

Par dicala" nel.senso teorico dalla parola si 
intonds attnalmonta.iaa.paese ohe-diente da uno .'tate so»'*©, 
aarsa.-part- integraste., e. ohe,, sottratto alle sovranità di 

* - ' * * v , * * * . . , 

tutti,.gt 15, altri Stati,, sia gpvevn&to la vuoilo de coi dipen 
do, ohe a* <;a ordina in.tutto o in pere e 1" aeletè-ijas olle 
e s ì st ©nsa -j:. a o^js ia, 

Vn. «io aaà punto 41 Vi età non e so Visivamente tee 

-*■* 

rieo, nel)cena' più largo e o.offiprsssivo, "j* eleni „ ’ è casi 
lumino grappe di popolazione- cte, trvportato it n paese 
diverso da ouelltìL.ijd Origino., -continuar sei r *a&e uno?© le a 
Èion® di civiltà e di Sviluppo Sei paese 4*erigile; *■ "coda _ 
%&,* 4 #301» Itetene paese, già fansbmtà* popolato 4» uno 
■ epe' ìsì ©ne di i-na de terminata rèa** o olviltà oaogeneu, ohe 
*ie sottoposto 84 un altro di r&ssà e civiltà ìUtsw@, 
ne sui* ordina tutto Is rotaie, o tatti i modi Soli' e&ds^yu^ j 
*eeÌe**o", ìnfUév nel senso più iztpto della sa-ot- . é m 

gtf&ppft ài, popolasi0:06 ohr! tl ; r . ' un 

* 





















I * 

ri. 





cello-stato da «ut deriva, 6 aeaaa naugilst» 

■? 

a®a /. ^ -ea s4 afta pnlit Imi .sai t®yrit e gl e sul <$»&!» al si». 

* ' ' '‘* r * 

fofml, pnr «» tempo pii 0 mòno'lungo,- un gruppi 
divedo, atavogdaae, nel paese, lei '^cle pur costituisce 
*on grappò di sumtl (rodasi..11. còso d*U« colonie te&sefe* 
del Sgasile)» 

» Dnl punto dì vista della Storia 441 la 31¥it#> 

interessa qualmigue fate» di coloni Enfiatone, Intesa noi sèa 
so pii largo dèlia parola*..Sai punto dì‘ vista del diritto 
intera® a dalla, so onditi® interna., di uno Stato-, interessa non 
tanto 11 fenomeno coloniale, srnifco Mi fenomeno politico e 
galla ?.tro***jrt'rite iella .sovraniti, guanto il fenomeno eo^ 

. , «si'ifswita dalla trasmigrasiend ae£U uomini pura e 
sedile &, e ahe. Afe. por risultai® 1» roteasione di quelle 
cjve voigs.TifnKAa.fte es chiamane lo sansa feùpdìem*^ 

Pai innato di visi».del nostro stùdio, invece, e 
della ricerca che a noi é affidata, so» ‘latore e sa afe* qual^ 
la parte delle. a ctonie & ’lille. Storia. dalla coloni»s&siafte 
ob,e pr.eaea^a.uaa aniane e un aesso. pd itisi fra il passe «no 

stabilisce la colonia e quello In dui 1» e0Ioniè 6-#4abili^ 

- 

ta*« B pur in. .guest p . sesso- ristf ?tt©- le osi giri e 1* 

Bitta! .della colònie e le loro- csUéa- ©otto le piu svaniate, 

, ilcaui an&i *r sono, #£#13 «atra la wttutfc -a 

rep®» e tutto il «aspo degli studi erano aotto il pe®® li 









« 6 « 

V 

- ,v .* '• , ( 

maljaae fct erto o, e he aveva tawt * «Srte -1 l ■- «■ n i k , > 
as .; : -? porre aita falso.nel. suo oav&ttfere e svolute * oev^ tu^ 

i t 

%-k ? distami ok» vogliono spiegava eoa «ma fornai* udì*« a. 

V 

oo.v più «intatti e* sto et possa concepire: la e tòt-fu Sei 
wAasi..e-.àelis loro organizsasi, eoe « al valevi». ve_ 
àef* aei faaaàeao «elenìale una .sola *Wt*a ftetenritmate, vr 
la v . 51 r*> le cause eoouomioa. 

gasiate quei. periodo, resasi posti ili lo IM/nila^ 
gloa ueltépliaa a sintetica della varia Ma a e ohe 8«' tiv*.?. ^ 

i. 

m&Or 11 feteapeae e $3 calale,. si amwtte attualmente «.he que 
sto csase peftaaae essere varie; taluna 61 carattere y*tvf\ 

• ' 7 ' -r 

latrtoeaeiiie -m onori ee, altra ai estrattore politico , al-' 

Xmf.im :tt eaeluelvameate n»er*Xe. 

Hù fX «olito avvisa* che un paese senta il 

* * 

>:. sa alte*t«a»re una parte delia sua pepales ione cuian 

do queste wn^nngt una certa densità sp r op orsio» t „its alle 
rleor&e eao-aosteto del paese sitasse* Tale "esturea tene 1e^ 
tema* &CHÌ. si verifica per tutti t paesi all/» ideati afe i$& 
aità assoluta H popolasione, »» pittitelo all* ideale/ do^. 
aitK relativa, or via <?»an«.o la densità assoluta e«p*r« U 
SCtesjAio.lità. ®ocuo«iae dei paese. abe v&rts «ridente sente ah 
«irto s, «tato, Oos* U Belgio, eolia aA^ore deàal à a «sala 
*?, ti tXureptt, te una éitigmsioto 3.» Italia . 

aioil.■ 3. f-.£* li ère -y «Ir dunettk, ha uste ■■ 4 ? *»»& X,y&» « j, 9 pi&y ^ 
In to ’**- » f k & resiti «rnl fa, atra 15 ai Usai Ai 












tj al Mt *«**» attuai »w* «* •***»* t ‘ a » “ 

ter ,. MO ni* ani»» <avm»r ■*■**• °» tBl * *“ 1 * I ‘’ a ‘** 
t, sa confronta, «Mi Intigni*»»®'''» 

Sa sagola éaàolntaKiaato lB«4«»!PÌbll4 •# 54lMJ*a 

>is , 1 , fHMisMiU «<««• eaoaoMlaa M3* «***“***• * «* . 

Mssgaa *1 «KiuiM, a la *» 

M lana !**•*"• a la •*!>•*»•*» «1 #»•*• 

J.iifl ,inali salata popolasti*» là» approfitta»» - » SM 
, #M » iati tal» rigala un »»««»* **•» «*» 14 
4i oul EOtgfW-* 

iteolo BOB 14 *WWl* W «•«"»» te »***t 
*a l4 „»**»!*««** «1**. ” B V»n» Ptò **»»•«• • ** *- 

sain„ dal MiMlt assnro oMtali 1» t«ol«4«* SI BS 1 -» *■#. 

M « pro»:»rsi«nM« i» .m* tmmm* m “**** “ ” msl * t92 - 

#i . J 083 't*mf Si» ohe ijueoio asaat» proemio»», I** 
«aiHin acanto lilla » »•» * «*W4B. 

tot mossi di eusìilstonaa^ rioni a turbarsi, o»»» 

Stabilita tolToVi» * KOB» 1» »*“«*» • ■ MW " rt4 »" ****** 

' lolla «tali*, tal-altra, a fórra J>«. *•- 

mi in altri tirati •* •*“*•*• ** ln&nilt@r-i» » -n »o-.- 

sodo i ra «*UM 4* «1» ******** 18 o°M»l »"•*«• *** 
banSiaxK, '• noflaatt. la ooagaiatn » la asps4s»osi «olaal»., 
sa, ab».,costatati»» I» "colonisti.***! »»p*Wwit#. «a-ttn*. 

» 

' tfft§ssÌ/& noa é .’U c. +trt ». 





- 8 * 



ai jeModi * ^ as ' ^ M 

litio*,. fjs..Amx saw&* U cause y«l^giesa. 

Usi. pasìodl tisi *1 .<«**> * 9e¥l > 6 x ° n * | 

t, f*tt-*r 1-***** # *a~»3rftgai.«tti... S-gaOail &». m:r&» èal >" rt ^ r,A0 -.„ 

%6t«, sul .p.aHittì Tifl*© r -Ata. aontel» 3* espulsi oae « <* *’ 0 i 
tesuMtansa &«ì yiati sottraisi a sa giOg® *&»«*© e*-. 

*11» t ;®u>8*i» e^anc-ttaaTVOBlTa sei p«ilodi mat oUXV. 

trtàu ai**ia, »«» P** fr ^ eati 

5aGSS ' “*** * 

«oli* wlfe o^mitao^ àslls psTaseasioas religiosa, i. 

qMrt*ttltla* .sp^«awft*« « ofto r a# «a«»pi6. WVttte 1r prl - 
■hq .rigirai Al. alcool «alai età f©.marito S*i « *<*« * * oaò 
alwat.,Stati :*a«U <>***»»* stati sti fiali‘ Asari®* tal »«** 
Alerei ■ importarti.® .csaisa 45 ocleaiaB^aioaa 4 Bt« 
"cs la i•passiona» «peoislmeats tó epush© osile quali vi 
p«mHÌ..ttMUi anacra tsirsoì a tè**l*«H *««i «al W*>- 


Fi|pw I w #U*a*àu o jaÉtiApaa© & v«9olRZiom9X% 
14X X». baiane, ì&roa© «Haolciat* fealla ? «nei* JfiUnk «U 

"aSSnl'V «$'**“»♦"*. et4s « lwt 

ao 4 M.,B atoi isllU»atrM.la si resinali il <>»•»« .*» X 


doparti^!, frovaàttMl' io .ma:*m6Ìaat«- affato àìterso Aa <P*1 
lo àalla...a&tpopoli, e so» tronfi osi fttttSaaal * 96 5* tK 


alla qa pi.a àijye* 'afiatfear#. 11 lerà •«»****«» •zkùqQì t, <mtr* 
7cn(j io .gran «amara.»ól casaline. A Ala **B8«. P* 9®* ffi# * A4n 














tir 3 *'■ 


, - 'iftilT' ì.rCHV>%**Q ooatl>-. > ■" 

r:'% -a;' * fil sjnalla, su. =p.al? r-oli.s rr-S^'r.- ' ‘ '' 

• n.. lì • ' , t ‘V.-*-* «f »'i - . ., oyo J» ;'"i 

■ : « -:,?•• tfp. 3 r- ' x ; >rr* ».V 

5^'; - . 5 : n -1 • rv;' rf'fL 4 '•'5. ' v 

•< .f ''-ac ’ 1 r o l'Sltr J ; « 

V 


■■ i irr «v. ?.rr ■ ' 'ilo-':'. .-. - . '.or i - . 

1 ' ' I f> ■ ■ • , . ■ ■■ -■•■;■ • ■ .• 0-: 

Qt ' • . ■ 

■ 

i. 9 l • ■ ; ■ 




■*# r.-iXI'i fif^r r,','; '' x - • r: 

fletto r «OC x o . v. * r ’ <•; 

f ot v - r^ '":. „ ; J •• ' . •?•' ■ ’1 *■•' «' 

pili, " s !« f.'.i'O C ■' i • ' - « • 

te-, i •, »}-«•• i Li, i. - r "■ '•*- i ' 

rag? .''ìv! : . .}.- -1 aoi > i -..rr : 

*■ *£vìo. lo y«g-i wti .5 oi.I* aqa i X il>y ’ -j ' ' i'- 

Cà'St' i.5 i"- ; . '.*o t . ; t v** o a alla- ’pn&psU- ; -r-.-. '-a, ai 
ì j i, *„ ri g*■: i Q ,j ;• osi swatOfJl. 


»“-T 

;.r . Tessa. a • vs&A.oa 




« 








» Ì 0 •** 


r- 5lr- ^® i-« - ■**•** ‘ 

.-..iti a mi. vrrH *. •■', a» »!:. MJfigiV-. ."o * : ;• ; <■ • ri*, 

•* 0\i v .' ’ 1I5P 'IjfV ; s. \£2S- : ; -S Jf.Ui.'f ■ .'.: \ ! ! - I . i. ^ • 

os*.?;;. re. • '" • •• '.••**-ra ?> v » : e -■ t # «l 

pud èi *« èW n*i 't?“ *S 3 Vir.pl. '■ ' : • ' ' ' ' v l‘, 

Sliefeiol fa $?<vsto '>;rv '■ 1 ac/.•tft'V » 

£& £*?rs«eM.f ’ '.i- " J ' - ’ * * • 

...; agg •* gf&B • ' • '. ' *t wm : : ■ -V : 

'• <• n*; *•••>•',* $ • ' * r . e; : ■ : • 

;H V iifcffiS* nX^r- '. “•• • ■ .■ 

m (Stigli*** sii* r.'H* ' w ^ r, > ::. ! . o»: > : r»x < 

pS' SR fii '■' >'•;;*>* ? I . ■' 

r " 1 (2«to ‘ • ■ -'’• ■ i V L-~" ' ': « • • 

: r,\ p» : • -.vfeif* . >” „ ■ * ; -in i* »'...■ ■■ 

JU&' '’■■)." ' •• , r , ’ " i : '• 

le' ipvis f*a• ' ^-r-T 1 'i'v 1 * il 1 » ■■ ••. ./ ’ -h- ■ loi'-f' 

" Ortgiiaeifi.RS.ajìlft » Sia.' * «.a • -V f ••' : '" r 
■’ ■ H spirano p*t Bapsr&oion.o t e v • ■*■ , ■'' .c\ 

C prliTii* 5 f ‘‘.n'S'v. ' ■'■>. 

9 «Itti wolltt&oM.» '■ . ’ 1 " • ' '■ j 1 ' • 

$è». .figlìfeai s ■ ,. è ■ '■' f - ■ ‘ 1 ■’ 

.■•30 0.O3fe ,r.i0;.''-0 r" ' *" ' . 

: f .l t-Tei. o r..-> -■■ . ; /...-■•• vi 1 .a. ' -ifra. 

-■/itne di ttibV' À*3 0UU.1.1 , ' ■ ■ ' • ! o diottri 

ricordo ^ o ^ 'v n ^ > ^r- ■ po <juilI€ s't 














foioso . 

a ,• • ■ •■/lì-: 'si ntri r:'./y f ‘ix Uf4a« ^W»8t^ ***„ 

i.V> 3'lo Sct8 ; ffl&T§> S- : ’ ' ' ••' 1 -, ^ * v »** Éioave .> "V- 

■: . .o fenici»* ** 

„ • ■ . , ; , ' i&# M 

:f . ., ^ ■• ; 3 gìHEiBÉ» «P • **£$ s ■' ; - n - 

appesa 1 - " ' ■' “ 

. ... %i orientai* « Ì *»ntt «tótódi* 

: ^ ^ , ti* 9 te &***«&**** m p ■ 

i >*m ■ ■- • & ■ ; ::fViX: ' i ' 

. .., ,. i;: - m .:*•• ? -, S* : i p*p* ^ p#u< * 

lw ,,:~. strepo’!. 

„ ... f -, m ; :•©£<• «1> ifeSf £0 servì * 

... ;i ,. ■ ..,. ;■ v;.t.- pM *p#**«*** 

• ■ ... s f potesse *» ****«» *$»** 

,,j,..s-«, - . -rt. ■'•'•' ••om - u^i.*+o*l. sorgevano i$9 

^ irfrtowa <&» sa ^ W A* 

sei»* Vr-doe colonia, ^eìa « **** W}0 a ^~ 

im* r^ftlcv p.* spinto « **** £lla VUa 

rittis& e.cotatóemìftU,. ebbe una vera espansione -reyse X % 

tenio ; . graaie al pii *»*&> del *»»*•**• "-«V. 

l**e**»1« te.aìa, potè folgoro «**» &oU 6 4oìeS&« 

- . v ‘i% A ,ov a .^scr'oli e ohe «**$**#*«*• 
.. ,, r > ■;. • -V m ! • •• r 00 - ■ ' 

. . „,, .. • fl ^.- !• dnarnào ài Insulse 

;. h, ■ ? *, ^ . ‘.M'> .** i\-t’ 4 '^ • , V 

\ ; r i r • i 1 "• ■ 









c\ ■ v .l - 




W.-if ri-.; v ■ v- ' ' ■ . • 


li Oilfl 1 


Il '■ - itsSSftl • s< 

g2F-4«*a* 


X -;r-jO'i ". *0 VE.1 : - S*7<?V5.nC . 'i Torri T. Sv :. 

4M|1« •••:. «» ’ • • • , <*h 

eh- 1 one . .1 e trwstito Ir» co-lori . i e e 

t- i-'.ev-'.. air:. ’v; ‘•-o . :.t • ^ • 1.»...» ••■or 

‘igiOvV’' '••*••’• fi ! r r ; . i.. ' - i : • ' • 

* Lf-niffi? r •; • à'TlcVi» dei ?» • T ■*» ’ •.'**«1 . >.;i V 

" : la ■ ■ ■ ... 

H •>;.■ ?•; . -J.\ v VT: • ,1; . ’ . • t - . y ^ 

-.«■r 

V ?/*0 ."•■pi • ? ' V- V : ■ > ' ---■ì.l OtV: ■ ;■■' •: " . . vf‘t' 

' ■ sii * • «dxtt patria) 

tutta 1 u : * iCte r recto., . . . - j ■ ;~ 

IMié«x^Rèo ■■■■yv.ì col ».ts ?; -' . • t f- . 

w 

V**» ■■ I Gartstft.^ì-rO ..1;:',Ì3 3ajijftS3*Vf f: t ■ li , > 

sUt»irt S-ègli saliti T‘OXiftte.5. laaip^ierA:» - 1 ■ 

a^i-pp.011;• >. vjjjtft .1 ‘••••‘•.ir - - ’-t , 1 '. ,o 

eca c^-vè-tar; ^or- ; :. • i--.--«<sfifcG ;>1^< , ' ì 

‘>1 |Srii,i 5ft r ssii<i 1 „ . i ó'Awkt fRfreà* OQàìrer^.VBt.o j A a 

f 

patria -j>u Ila capata».1 or •> celi* 

Me# a i*si la vita -èootóaaJjaat ir* tutte li taosado eller* 

- '•«•• setv t •-. 

T.<i ~ ’.r.i gr eh a » fiotta l&pi>«at© a 1 















« 1* 


' ' 1 '> ■ a »£■£. 0 4X0 f). 

* ■£> 

- ;' «fSHftV* l« £n* :h& 

' ; '< ’• .' : >*j, & -.'ito ,'f« = \' 

•♦ ■."■orta*,s i n*l nwi>?? - 

' ; ' ' ' ■ 

9 ~ 

■ - ' ■ ' •'• . g $pfl 

° ■’ • ’•■''• ' • ■■"' Ir ?'•?■&&<■ ma rsì <s;'ij(.ft*c-■ ,i- 

31 ' r ■ ■ „ eolie oasi e «e» ; votate ••• 

'■ ’■. ■ r ?• :*VJ Or.'v risiati • . 5 / / 

eaa& «eji éttM ms J«j, 

■•*■•• ? •*? V’r*. * f : , : ‘ -.u» a i.. "'■ ■ ■ ar ■ - _ ’ifjJi 'Pii ; ' ‘ 

• ’ ■' ra’-Mì ,-V rf ci-':- lt>i 

* 81 Yuto ri-: .i -■■ aia «ni rsm •» pfg 

*' ’ " • oro *i ■ • zt-'i'iù sriti? '«»!<>;.■* o 3 

jr r-At> ; ■; il' ! re ’ t a s<v ■> - o\o- la Iati::-' 

CG'.jar.- ••. • • : iv:r*> 5 Ir ;Ha «<*"•••> >» .enti- 

- 1 - 7 ' ■ 0 batta ■■■'.: ■ '••■•;. .*? ;';rfvS'v’.vV-t'“.--. 

» V 

dittai OCf ' • « ’ 0 !■ ’'■<:)'* IO ÌEt 5 « : 

t-’.i-?' c^vcì.-j . .. : ^ ■” oii «ste ?Tlr---rie- - i . 

fJO£< 1 liJié • Otoeyo&d , M ?•♦.. H a;ì "!■•• »v \ v $ > , ■ 

,r ^ f 

zi' *. ; v»a<) I ’ f- i-. po.rfs&t 

at^StófeO f-5. ‘'114 r .lCifrVffi r.eàesiv?* oh» • VU -^oy ;* 

i'sfii* iSM fattoi « iti gr&el* 








*, 14 *• 


1* tfs'jfc-Sfts toxs&<i'3Q ■ ’.'lA 5'".'«Pto* '•'•■'• 

rsai £*l 3!<£et&e*. r&$$^&ast&%Q i ' • * 1 usal a • > • 

a>» gatta 11# «he, tSfJmt il ‘l:- : ;c, • «"*. > 9*i«‘-U 

ÌT&j&Atlw -X citte.'.liti . <• '■'• . 'di il *" 

A'-.-^frUtF . ( saio 'jiJVfìi-.: all'OJì; ’ .li ■ • '■■'•< Y*<&? ♦ •»' 

««^IvW’ si* saio opr 'il -'*■• ‘1 ‘-co e 1* 

6 l£it$pPlL,iataififc*» o hfctmfc v,.. ; tt .•'■• *-■'• ° ' °P e: ’ 

ahi ‘ a ì«i£iK#« + distif* adone s'*y '■ 1 '' *'- C' ' * 

. oan. dalla •Sita £èlls- i^ott 34 • 

1» a acerba gran ■ ,o/ 

soffro addata*** 1# eciinio saio X «»“• 

losrp, ’»t‘. v 1 H «jnelio oUe «or colo* •. 


IL'. 

• Sfa ?}.ri‘3r#li^ tra 

ol o c'ist 1 v- ’■»* o di v 1 età del 1# 
n i rors > use anche ààl vi"'-'- *-.4 '■■■’ 

c<5t \ < tasloiia * #oT;;':5t«iono ^ o‘ dall n gaiglttk dogli ’■'" 

la rs?p # 3 #nt>'fc/ó Iteli* Ì*c|»etafc #1 <wv .?■ .''•?* ’ '** *•* 

■.iole---? ' ài "psxoìsiB&tìio" 4 & «M r.-«#te tì At» jcXeMs i& ‘Vl'rfct 
,s:;«;-'kc b p% jn'roftfpitaoo '# d«e spoeto yftaaip^li 

• ii £0«;3.o»e *£at tisane xa 1< eitenie »ao4«y»«ii 

f-': ; ibft «i tre-»? .*# cottili Alati»#!#?-! fsè 




•-, -i * 3 *;. 'Sì' • 

do fleÌMck 

1 ,.' J o *.. 


1* 'M./jUM!' fa piti 1 \7. ■ 

* •■ ' ■ 1 "■• d j.ux Q 0 UW.-V -#nt ! , » 

•'• iU >0"5i •• ^ , 
























15 * 


la -i .«mo^cuto ftotxo a»^ »* 1X * ^ 

,.^.nto *#cjaajvc : ..:< * .' ■■ Aor^ (o 

; rtffi ,^i « *» » *«•»,«* ov; ; : : 

, _ r . %-asaft .'© p»jf eì"¥l.Ì$$> * vw-ot.i.-. o*3 .„ 
sa «bltsnt-i :-■ •*■ 

- ,* ,* a i * -, r v* i ■ • % "■ o vrU c ■• j 

. i^.j ■ / aftpì ?..' - T * •"> 

la Kiifre. p»tr«« V ® 0 ® 3 ’* 

k « •„* puft" i® ii #3 tisana® il 

l'jnutreii» . jopolstn i» irtgue—, -i. 

*WMC »«?*“** ' ’ " 

•,.«*.«• Wtito, »»?«“«»** ’*■ '"■' ■" 

1„ o»W*t»-.M.-«®»^ '" «% ; S»s«v ft* 1 

„,,. • Mft: » 951 *W** *#“ J ‘ : - 

i-lilTW . m$ Amm *#x ***“ 

-a a? W Hf ■• ■• ?*.fttaw?^#®3Ì Bó àftéi.ssis. 

e.o -efe* no» .poteva Aé .far****--'- '■ ' -* 

- 4 m 4 y>«+ft ri.tvw : ' 4*11 ♦ <3 OBfc/5 -•■«- v **~ 

tì-' i-eEt-fl o^asre «j.imnaw pò- - 

,.nm «*» «*— ' ■• * u ***■«* ^ 
i. wnt» MH 1» airsttMarrto ****** mk»*Ht>.r.Ì, ?| 

t, ,,..,13» pCTOteSS-OM.«Usato:» **M» * U< C Jt8WS " 

, . . * , -i t ^ V <• tjg ■' ^ '• 

m. ■• ■ » • *>■• <3«il al ®«' Ae U; ,y ‘ 

Colori di •»»««'•*> *»*K V* ■ ■ ' ' U 

r-n,all Ifei<vn -«ito pop olesioas. 9 A ’ ■ 

; i:>>-rt. ;:t.oo eflodwderii* 

,^. ■ . ,<;. n .■,■ •'>'ejr® r,tlitay^i oh*' ■* f 

.. . ,, ,,. H . lr ' " stóte!#! 4 ’ 


t? 


/i r 


- ;. • ^ * 




^ A - * -%Y> r l’t v 

: ^ fì "" • ^ 

















'*** 1#> «©iostfr mostra*, jre • i ccv • ... • 
tUiU * ° ** ,uUb * : #1:3» «le,., i ■ ,«. *. , : U >ep,« a( J . . 

! » rt i i 




























LIBERA UNIVERSITÀ’ COMMERCIALE L. BOCCONI 

MILANO 




TENUTE DAL 

Chiar. Prof. ENRITO CRTELLRHI 


Anno accademico Ì913-1914 



PAVIA 

Prem. Stab. Tipo-Li togr. Successori Bruni 
















, 

*' 












. 

:* 


; f ' ' . ■' •• -J . i) b -. I :1 8 . 













V V _ • » V»i .>? fc v 










- 































































3 


STORI A musi CCLOHIS JS DIRITTO COLONI AI® 

PRIMA PARTS 


pus»te due ultime categorie dt popolazioni costituiscono 
il materiale della coioaiststazione. Dal punto di rista giuri* 
dico si potrebbe t ottenere che tutti quanti popoli hanno 11 
diritto di essere poco cìrlli e di non esserlo do! tutto, e 
quest-, ragionamento potrebbe anche essere giusto. Va siccome 
a questo ragionamento gli altri Stati non obhouiacquo, ne 
Terrebbe per quello ohe da solo lo seguisse una diminuzione 
dì potenza e una minor parte riserrata a sé nello sviluppo 
etnie del mondo. Inoltre la tendenza anche del diritto sta s= 
ae nell'epoca nostra è tutta contraria a questo eccesso di 
rispetto delle facoltà degli indiridui. Il concetto della us* 
tilità generale prevale su tutti gli altri, e come in alcuni 
paesi ,è ornai di sippr tatto quel proprietario che non mette in 
ralore 11 proprio fondo, così ormai è generale nella pratica, 
se non nelle norme giuridiche del diritto internazionale, che 
che sia espropriato quello Stato o quel popolo chs non dà al 






4 


territorio da esso posseduto tutto quell * increate nto di popo= 
Iasione e di sviluppo economico di cui quel territorio-è su* 
sccttibile. 14 fronte a questo principio del quale, per quan 
to si possa contestare il fondamento giuridico, pure è al= 
trettanto incontestabile che dalla massima parte degli Stati 
stessi è riconosciuto e applicato, deriva nel tempo nostro 
un altra spinta alla attività coloniale; ciascuna Stato che 
desidera mantenere il grado di grande potenza e riservare 
campo sufficiente alla sua espansione avvenire, non solo cen 
te il bisogno di farlo per quei motivi di carattere economia 
co e di carattere politico che abbiamo dianzi ricordati, ma 
anche perchè sente questa attività coloniale come una aia* 
sioae storica che incombe ai popoli più civili e che porta 
di sitamente o indirettamente nel campo del popoli più eivi* 
futuro sviluppo e la futura civilizzazione del mondo, 
per effetto di questa espansione che si piò dire va* 
oa procedendo a quella che si può definire la 'europeizzai 
one * di tutto il mondo conosciuto, e ciò che è più notevo* 

U 3 “ 0Str * aaggl ° mente u Tantaggio « la fecondità stori* 
ca della colonizzazione sta in ciò che nel procedimento, 
nell estenderei di. questa europeizzatone t gli stati europei 

molto danno, ma non poco, ricevono dai territori da loro *o= 
Ionizzasi. Cuant0 pl{ , ,, atUTUà „ lwult toll , aBroH si e= 
































& 


stende qp&e appunto nell’epoca nostra va estradandosi, an» 
ciccai'taratori d'oriente densamente popolati e an,ti carne r,= 

te civili, 1'espanderai de11‘influenza e deila civilità eu= 

■ . 

ropea avviene con una specie di fenomeno di esosmosi e di 
endosmosi intellettuale, che fa contribuire allo b vilappo 
del mondo tutti i popoli che con quelli europei sono in con» 
tatto, © fanno sì che la oiviltà che si va producendo sia 
piuttosto risultato di molti fattori ohe non conseguenza di 
un fattore solo, lo vediamo in quello eh® è avvenuto nel 
Giappone, in quello che sta accadendo in india e nell'ina 
fluansa che va risentendo l'Europa, par quanto in modo an= 
cera tenue, dalle civilizaasioni orientali. Taluni atteggia» 
menti ottimisti e quietisti della filosofia contemporanea 
possono trovare le prime origini nel3$& filosofie dell'Orien» 
te, e a queste si deve anche attribuire non poca parte del* 
le cause di quei quietismo e di quello spirito sempre aurnen» 
tato di toliaransa che caratterissa l'epoca nostra, la forma 
esterna della, civiltà europea assumere un valore diverso in 
Odiente, dove, come vediamo in Giappone, dei Tari suoi fatto» 
ri, gli orientali hanno adottato soltanto interamente quello 
d»no o Viluppo delle spènse esatto .. adottando 

•gli altri se non in. quanto sembrano , a dir così, di »-■ 
no a quel fattore, per care iv. * narvensa di popoli euro» 

uei 







6 

% 

pei. 

Cosi la coloniriiaaione, non solo dà un determinato tipo 
di civiltà ai paesi inferiori ai colonissatori europei, ma 
qualche cosa assorbe e diffonde anche in Europa, del meglio 
che gli altri popoli hanno prodotto, e cosi *rrira indirefU" 
jaeniie a^la forma*} ione di una civiltà e di ur ordinamento ctosi" 
diale de 11'umanit à = 






























? 


JSC 

* 

SOMMARIO 

I modi di acquino dei territori!. I.a conquida. la ***** 
Clone. I* de dia1one di uno Stato ad un altro. Bllainazione o 
modificazione di questi modi nei rapporti ira «li Stati di 
civiltà europea. loro sussisterla*, con qualche modi fica* ione 
del contenuto, nei rapporti fra Stati cristiani e non ori* 
stiani, e più recentemente in quelli fra Stati di civiltà 

europea e Stati di civiltà diversa. 

t* dottrina dell'autorità suprema del Pontefice e 
la sua facoltà esclusiva di attribuire i territorli, Valore 
pratile* ano espleto di tale dottrina. Suo succose.,ro abbandono 
Vx aodiai one e la occupa*! one. Esempi di «tedialo*»* ancJie 

nel diritto contemporaneo. 


Se 11 "imprendere a trattare del diritto coloniale «eder* 
no è necessario anzitutto vedere coma si acquista il materia* 
le primo necessario par la col onisa azione, Ci*>è il territorio, 


e da questo punto di vista ni puì ricordare nel caso dei di¬ 
ritto coloniale la prova storica più eloquente della ine*i* 
stanza anche nel nostro tempo ài un diritto internaiionale u® 








ni Tersale , ma invece della esistenza non solo successiva, na 
anche contemporanea e parallela, di Tarli diritti internaiìo= 
nali t a seconda dei Tari gruppi di popoli 9 dei rapporti dei 
popoli appartenenti a un gruppo con quelli appartenenti a un 
altro gruppo. Per effetto della quale influenza, rapporti, re-' 
gole, norme e modi di acquisto della sovranità che non esisto* 
no più nei rapporti fra i popoli di un gruppo continuano a e* 


si stare fra quelli e i popoli appartenenti a un'altra cerchia 
di ciTiltà, e rapporti e modi di acquisto che esistono con* 
temporaneamente quanto alle norme e alla categoria nei rap= 
porti generali del diritto internaitonale ; acquistano un con* 
tenuto e un significato e un ralore diverso quando si verifi* 


omo nel rapporti fra un popolo e uno Stato del gruppo euro* 
P«o e un popolo 0 uno Stato appartenente a civiltà diversa. 

Di dHBBta diversità bisogna tener conto per potere in 
parte illustrare e in parte correggere quelle norme troppo 
generali e perciò non rispondenti al vero che si trovano t*n* 
t° »«1 trattati di diritto internaalonale, quanto in quo Ili 
41 storia lolla oolonl.aaaion. e di diritto coloniale, un eom= 
«e.eo di norme di diritto . di oWU^hi recisoci non » eoi- 


stito originariamente 
partorienti al medesimo 
diritto internazionale 


se non che per i popoli e gli stati ap* 
gruppo ai civiltà. Si può dire che il 
ai eia sviluppato per via ài circoli 






























3 


concentrici, prima fra i popoli dalla me de siali», raaza come un 
ratto giuridico a base esclusivamente etnica, poi ira l popo= 
li della medesima fede come un fatto giurìdico a base re li® 
ai ■■}>**,&• Xì*m3tc ent <■» fra i popoli appartenenti al medesimo am¬ 
biente di civiltà, come ... ...&t© giuridico a base esclusiva® 
mente sociologica. 

Il primo gruppo è necessariamente il più ristretto par® 
chè il fatto etnico è un fatte, saI to in caco eccezionale a 
individuale di adozione o di naturalizzasicns dì uno stranie® 
re, immutabile, e perciò, quando ai è sviluppato un sistema 
li diritta i«t rn&zionale fra le genti greche, ne derivava 
di :eceesiit n ette a . «Bto non pelassero partecipare se non in 
t - a ciba tutto ecce si duale e per effetto di tratteti quei bar» 
bari che stavano fuO"! di questa cerchia. Invece più largo d® 

r 

venta il diritto interna®tonale a base religiosa. 

Per esempio il diritto internazionale dei popoli cristi»® 
ni, che b! è sviluppato in Europa anche fino a che ebbe la 
sua base completamente e escifivamente teologica pure era 
potenzialmente mondiale, in quanto che, mentre il barbaro non 
poteva diventare greco, il non -.ristiano, volendo, avrebbe 

4 

potuto diventare cristi'*.»";., tu ludi entrare in questa «*erchi* 
come infatti è avvenuto per gli ungheresi, che, quasi identi® 
ci per razza ai turchi, sono entrati nell'ambito del diritto 


STORIA UBILE COLOTTIR 1 DIRITTO COLONIALE * I Parte Disp. 2 










10 


int mozionals europeo dopo avere adottato ; jrincipit fonda» 
asnta^i 'ielle tede e delle civiltà < ~atiar.a. 

f '‘ a siccome questa Identità difede, potenzialmente pos= 
sibila, è dimostrata storicamente impossìbile, anche per el¬ 
metto di quell:* stesse uiveraìtà etniche che non rendono ac= 
cessibili a. coscienze di tutto il mondo le caedesime verì= 

* -lij< --v v -,<j anche il diritto internazionale a base r«= 
-gl sa b restato un diritto internazionale, in potenza uni» 
versale, ma in fatto particolare, 

Invece un diritto internazionale a base più larga è 

"* m 0r “ al ““ n81,s ° ««» «stria» e <„ p» r t. ata.no «ohe 
p At„ca, vioe quello che Esimette a riconoscere eguali 
nei diritti e nei noveri l popoli appartenenti al medesimo 
-aulente di civiltà, il che fa sì che, lanciando libero il 
.campo della coscienza, astraendo dal campo delia razza, si 
ammetta la a densità giuridica quanto a titolo di diritti o di 
ì, in tutti quei popoli che presentano un minimo di ga= 
ranzie nella identità dei principi! della loro civiltà, e 
specialmente dei princìpi! di carattere sociale 7ceo ;erchè 
npo noe... o si e verificata quella differenziazione che 
in un altro ce&po non sarebbe stata possibile, ri Giappone 

^ &ue ^tioolarìtà, anzi il su0 parti* 

ismo religioso e sodale, ha adottato nella vite materiale, 








































Il 


nella politica e nello sviluppo legislativo i principi! 

» 

foncì-uuer.tali della, società occidentale, ò entrato con pari-* 
tà di diritti e di doveri nel campo del diritto interrai 10 = 
naie europeo, mentre invece popoli e Stati anche cristiani 
one non presentano queste i-.ararujie hanno dovuto concedere 
quella diversità e quella differenziazione, di diritti al po¬ 
pe'! europei ciie una volta non ti pretendevano se non che 
dai popoli appartenenti a un altro ambiente religioso,, Il 
trattato reeentisfimo dell'Inghilterra coll'Aoisainia, di 
cui potrà approfittare anche l'Italia per effetto della 
clausola della nazione più favorita, che accorda all*!aghi1= 
terra, e quindi anche a noi, i.l diritto delle capitolazioni 
e della giurie di a ione consolare, propri quatta dici anni 
dopo l'abolì alone di questo diritto completamente consegui- 
ta oal Giappone, è una prova esemplare nell'applica*ione di 
questo nuovo concetto alle misura della dignità e Iella pas¬ 
sibili 1 à di un popolo ad accede; e la questa cerchia più 1 i« 
stretta a completi di diritti « di doveri di carature inter 
nasio rù le . 

Ore questa tripartialone doveva essere accennata perché 
i potv«.ne illustrare le diversità che assumono i modi ài ;■«- 
quir.-if; iella sovranità terrà ter lai© nei rapporti fra i poj>o» 
li di civiltà europea e i popoli che sono fuori di queste 








12 



cerehia, diremo aristocratica, del diritto internazionale, e 
il diverse contenuto che assumono gli stessi mezzi ai scqui= 
sto della sovranità territoriale nei rapporti fra popoli di 
un gruppo e nei rapporti ira popoli di questo e popoli di un 
altro, la sovranità territoriale si può acquietare o per ccn- 
quieta, e per cessione dì una parte del proprio territorio 
fatta da uno Stato ad un altro, oppure per abbandono totale 
da parte di un popolo delia sua sovranità, oppure finalmente 
per acquisto unilaterale della sovranità da parte di un pope» 
lo a danno di un altro indipendentemente dalla conquista, e 
per effetto di una occupazione del territorio eu. ; quale si 
vuole affermare la propria sovranità. 

Ora, nei rapporti fra popoli di civiltà europea la con= 
qiiis.a càuti Diesati di acquisto dell* sovranità territoriale s= 
eiste molto limitatamente, ìnqu&ntoehè per essere legittima 
deve essere sempre sanzionata da un trattato. La occupazione 
n»n esiste più del tutto, perchè eiceoae l’occupazione presu= 
me le.- esistenza non solo di un popolo o di una Stato che vuo¬ 
le acquietare la sovranità ai un territorio, ©a anche l^si- 
di un territorio che in quel momento non appartenga a 
n-SBbunc^ Stato degne di questo ntue c di questo rlconoacìmen- 
to 9 4 impossibile l’occupazione noi rapporti fra Stati ài ci* 
viltà europea, poiché par il sol* fatto che e,i 6t a la aW a* 
































15 


nità metropolitana o coloniale di ano Stato europeo su un de» 
terminata territorio, questo in tempo di pace è sottratto & 
qualunque atto di autorità da parte di un altro Stato. 

invece, nei rapporti fra popoli di civiltà europea e po* 
poli dì civ’Xtà non europea, queste forme di acquieto della 
conquista e dell'occupasione si mantengono, inoltre nei rap= 


porti ira questi Stati e quelli di civiltà europea si eonser» 
vano due altri modi di acquisto della sovranità; quelle che 
corrisponde alla "deditio" del diritto romano, cie s all’ahban* 
dono della* sovranità da parte di un determinato popolc su tut¬ 
to il territorio che gli appartiene, cosicché la dediti© 
l'ultimo atto di sovranità e di di sposi# ione del suo tsrri.^ 


rio ©hs esercita un popolo sovrano "s*- momento nei quale e:. 
scioglie dal punto dì vista del diritto pubblico e viene a 
estinguere la sua sovranità. 

Questi modi si sono venuti »vjlappando in furopa «v• 
base specialmente del diritto romano, t 'eoon«o iì diri - * 
no ai avevano 4 seguenti m-di li ac•_ H ! *. o del .e. s ' 1 

conquista, che avveniva., quando vii pepo!© v:r - 
da un altro e occupato per opera ci quest-- • ut ‘ s> 3 -■ 


riterio, 


uccisione, c nella Si«persiane« qudftdc ?r: *'<■■ ■ 
re pubbli èè,no, * o\ maale-r-* ? „ 1 a est a* i. .. -, i - 


r 









14 


^ ^' er effetto della conquista passava completa* 

fi.6iiyè dal popolo conquistato al conquistatore non sole la p«= 
franiti territoriale, ma anche la proprietà del territorio 
stesso e la proprietrs dei suoi alitanti. Sicché t n ahi tanti 
ci un territorio conquistato divenivano schiavi osi popolo 
cinqui sta .ore Pei vi ara la cessione, fatta da uno Stato di 
Jna f 1 " te - l suo territorio a \m altro; ma siccome per 1 
principi allora prevalenti circa il riconoscimento di sovra* 
Rt< * uao S+ato à» parte di un altro lo Statò vinto non 
P .. ì ù.^aeviere diritti Cile nel docente della sua e o o coc:= 
non avrebbe potuto far valere alle Stato vincitore, 
r.. I «i s*tta„ò di pace o di cessione esso anziché traaiaot- 

Vìr<? * * uoi ciriUi eul territorio venduto, vi "rinuiuiava", 

■cucendo questi territori, dai punto di vieta giuridico, 
nella condire*!* di -rea nullius", sul quale unendo lo Sta* 
to chs l’aveva occupato al fàtto dei poeeeeeo l'àniaus, la 

volontà, di possederlo, veniva ad acquietarlo per vi* di oc® 
cup&sione. 


Poi si veri liceva un -lira «odo ài ««Quietò della oovrj.- 
.ità te* r A toriate coiìs. gig&lfày: ci-- - . q- d »nde ui: popolo inte® 
r ° ° 401,0 ° eMr * »*-“-> ««• «•» rtol. «•<■*,. » 

'* ttat0 in ® u,rra 3 *> «UCkto, ma por dsBldef*-- 21 trf.-sre 
■ma prr.toj.Jona ne*i». p... romano i,W*,,don*i* »i popoi. 

,l * T *'* “* *=»>• «r .«.tu *u. q «i. 














16 


il magistrate recano incaricato di ricevere questa aedi tiene., 
chic dota: "Vi attendante., eoi rostri 'ceni, persone, cose 
sacre e proiene al dominio del popolo recano ?” Scoi riaperse 
devana di si e il rappresentante del popolo romano soggiun¬ 
gevi - , allora: "et ego accipio” e così quelli di veni fan ' com¬ 
pletamente sudditi del popolo romano e proprietà « materia 
della sovranità del pop lo romano i loro beni e il loro ter¬ 
ritorio. 

Fella conquista la assunzione del diritto s X"arte-trio 
del popolo rodano sui conquistati erano completi * in linea : .i 
fatto si traduce ve. nella schiavi ù. Fella. oadit - - Lnm ; eie 
avveniva con qualche limite, e venivano «ttornn eesiee» 
gustine delia assunzione acida Sw/ranità da parte de* rmni. 

Inoltre, per effetto della a on qui sta, le «-cze del popolo 
ccaquietvt erario preda del popolo romena •. tó; s. oleati poma» 
ni e potevano formare quindi oggetto ài rotcheggioi colla de¬ 
diti o era al generale che comandava le truppa c al rappresen¬ 
tante dello Stato romana cl'a la -veditio era fatta e quindi ,.o 
State romano si conservava l’arbitrio di tutte le crac dei 
popoli conquistati, s« questo arbitrio era ©ott ra1 t o eosup 1 e--• 
tementi, ali- l'-reoa e ai *acehsg.gio dei singoli inmruri eie ' 
torritori-a, che invece c or sorVa*ar.o quasto dir ii té, <:• .. 1 .t. 
Memo visto, nella cerumi s%a. 








16 


Quando si unificò l'Impero Tostano, € poi questo al smem- 
Ììrò per effetto d-lìs invasioni bar bar iene, avvenne il for¬ 
marsi ci. un gruppo ài Ste.ti che riconoacevan fra loro alcune 
garanzie e alcune reoiprocauze di diritti e di doveri. L'e= 
seapio cella società ellenìttica e l'esempio della società 
latina succoasive alio EBdjnbr esento de 11 'impcro Tostano dioo= 
etra che il diritto internazionale e il concetto di società 
internazionale non è derivato dalla affinità origini-,ri& de^l* 
Stati indipendenti gli uni verso gli altri che riccncec^sra¬ 
ro una base di diritti e di dover* compii cerai aria speda li 
garanzia di tutta 1'umanità, «a Invece è derivata dalla ri= 
oso branca della pertinenza passata a questo unico impero iaon- 
-■*ia*e che si sviluppò per la prima volta nel concetto della 
a -c : età interna, i onaie„ 

nei rapporti fra questi popoli, tanto nel caco della 
società, ellenistica, quanto nel caso della società latina, 
si attenuò il concetto della conquista, scomparve il concetto 
de.i.*a occupazione e se tit.pervs in "ran parte il concetto della 
dediti* e nel cas-' dell’anqa?*t 0 i& parti c-i uno Stato della 
sovranità territuri*l< su >u>.U nn a2ti-o c »>. una parte di un 
altro ev cominciò ,» <ùsv ingu«re *'r * J'acquisto dei airitti 
pubblici e l'acquisto dei diri a privati, si evinci© a fare 
un * »*« «*» »ei rapporti fra il pop afe t emetti* e ì p<* 

























17 


poli appartenenti fuori deirambienls romano-, fra i popoli 
greci e i barbari, non era mai staff fatto. 

Ali'-:- in quanto si continua ad acme tiare il concetto dal¬ 
ia conquista e delta debellatio e in quanto piu eteOesìonn-” 
menu sì pratica la deditio, si intese sempre nei popoli ni 

civiltà europea ussiti dal desùnto romano «he mediante que* 

© 

sta do di ti 0 o con qui età si (acquista* se non più come aj. tempo 
uel dt-inio romano tutti i diritti pubblici « Wivati ani ter* 
ritor'o « peroino il diritto di proprietà sullo persone, sn 
aoltentf il diritto di sovrani* 5 terriiorlata, salva restando 


■ 4 j r cpr .'.e* 1 privata nei conquistati e Ropratutto sa t.ro 1- — 

( 

bsrtà per^ 01 :^ le, 

3.1 c enee tic antico rie possibili tu di acquistare il 


territorio altrui mediantu oc cupa® ione c ài imporre 1 abbati— 
cono mediante la de dia ione non conti-tir. a a sussìstere che nei 
rapporti ira Stati appartenenti al gruppo latino^rornano e 
sti eceeei va; .e n >. e cristi ah 0, e i popoli fuori di questo ambi en¬ 
te, vaie a diro gli infedéli. E ai: ora e-3 incomincia a svili*?* 
pero vnu elabora»ione dagli antichi conisiti romani della eoa* 
quieta, delia de disi cete e dell'occupai ione che continua, un 
po' modificata e soltanto nei rapporti fra ì popoli cristiani 
eli- costituì ac or <■■ la parte attiva -secondo questo concottc= 


A 


STORIA ism GOLOSI? E DIRITTO COLONIALE * I parte Disp. 








13 


e : popoli infedeli che costituivano la parte prtiaiva dal 
genere umane, Sfa in questo ^omento venni a colpii care il com 
plesso dei principii fondamentali dei diritto pubblico eu= 
reps» si* un luto la forma*Jone a.i grandi Stati europei, 
dall'altro l'alta sovranità- eìw l'Impero e li : ap»t , e cpe--- 
ciafeeate quost-o, pretuadovfc su tutto il genti-' urtano. Per 
effetto dalla donasi ©r.s c ostarti i:>i«na, li Poni fica si ri-* 
tanna e sostenne (e In parte .reca accettare ai Ir. società ee ; 
di cera le questo ccnsett >,ì t~- aspo di tvt<*. lo rrciets intera 
nazionale, cioè il rapprese»*,ante in terra della divinità; 

Za 

e nel 1090 il Papa sostenne in modo validissimo, appoggiane 
dosi alla donazione ecstantiniana, che ceso ave>a il diriit ■ 
di disporre cosa di oca»; che gii appartenesse al tutte le 
terre nuove, di tutte le Isole novali e ctt se. aperte. 

Ora, secondo il concetto geografico di quel tempo ciò 
che non era ancora scoperto nel mondo, a a di cui già *i in» 
tuiva l*«slstessa di fronte alla massa geografica cito cor1i* 
tuiva il a ondo vecchio, sì r itone va che dovesse escare oc* 
eti1uito da un certo nuffl^rt di iaoi«. 

Perciò con questa prète»?. &■■ tutte le isole che non -'=• 
rano ancora conosciute, si formulava affettivamente l* pre¬ 
tesa a tutti i paesi che non erano noti olla società contar* 
por ansa da parte dei g -ni» fisi che questa pretesa formulava 
























rio. 


19 


T difetti aneto nei riporti eoi a '™'*" 1 s,WOI " !l i< ’ 1 
t*,. il P onteii.es frettava a talora UN» «Uro 9 w.ato 

cto tl 11 prfeo (. pif. «**° 481 » 00i p8S,ri in “ . 

Qcaatocto potata in dat.mlr,a« *«•”« *>ioglitra i sudditi 

«.,! giurante di fedeltà, a «a»»* #««***»*»*• 
raro aneto un principe atropa. **»*• *o«mu* 4» «■ 
tre, aoprattttto aa a quatte la «n.lglU* la tutela dagli 

in*.eressi europei dslla rei;. £'ac, 

Per effetto ili qsftst.o c;noetto f;>mV..*ant*lc &*i}& «W res 

etaziu pontificale su tvtta lai ■ '• r ‘ vè *“ nuCr 

vo fomento *11* è ■*<- '4*1 WrlWl nel «**?* *« 12 * *“ 
opzione coloniche, cioè annuiste dei nuovi territori 
appartenenti agli 4nf«4eli li Pontefice ritener li poter 
attribuire questi territori .-.ci» non ancora coperti * 

,to o a quelle -tute. B Sfatti itti K5S e nel 3 'M il Pori* 

teiice *fà*ìm ' P ' *»«* fclMà i i ®W 

gero occupati » «*«**”*- in india, aU* Ori ente 4* «na linea 
passante yer li capo vogador sfiondando idealmente dal norà 
al »ud de 11 *Atlantico, C«s® i po« io&fcoai nello «coprir» t'à 
occupare quei tiratori non invocalo cosse titolo del loro 
acquisto di serrarti *•*> ne V o*o«p;.* HW», rtè la conquista, aa 
quella ati , * tv*. .•*■ .3 ■*. ©ondonto rvrdV- se'!*"&■ 5 v^ss^ dol 






2C 


territorio, fatta da quella autorità supremi®. d-'; 1 la «ociotft 

c r i st i a-na «e di oe va le , al la quale si. r i c or 6bc t » questa c oap e= 
tenda. 


oliando nei Ì4C*2 cominci è noi nuovo Monde l'attività de* 
gii ispagnupli colla scoperta e colla esplorasi ons cucca ssive , 
1 Portoghesi si videro cosi lesi Mi loro etri;*! che s-.edU&« 
ronv peraino una speuiaiono per cacciare questi che, secondo 
Ijto erano intrusi ir. un territorio che loro apparteneva. Va 
intanto nel 1402 il «onte*-ice aveva attribuito agli epagnuo* 
li. diritti analoghi a quelli dei portoghesi, e ricadale queeti 
diritri* orano attribuiti nelle ets’ess vasti.saice ragioni ab— 
o ."i* * i. gran pari « i gnote d@ 1 a ondo, n*1• anno suooes sivo, 
pe? v vi vare la contesa ira questi due passi, li Papu s*/snb 
tuiu linea e. cento leghe all* occidente della la «le dei tape 
Urei.?, e attribuì 41 ‘portoghesi tut«o qut I le che stava a > 
r*cnte e agli spagnuoii tutto quello che stave ad occidente 
d* qus-ta linea. Fu questa l'origine ;■ la basa dì quelle 
trattative ira. Spagna e Portogallo eia , acr-luse nel 1434 col 
trattato li Tonde si Ila», furono ratificate Vanno successivo 
da A Pontefice e costituire omo il punto legittimo di partorì-' 

**“ ** e v ■*'' '• cpagr.v li e dai portoghesi n*i nuovo ven¬ 

do, colla rota difi^naa geografica cue :i , «entra la pnm li* 

r '• ■■■ * dal -Papa nsj S4tg s . £00 io, ria 




























21 


a. ceeltttnu delle isole del oa$c Verd" , questo confine marit = 
tino r'u porta-,o col trattato di Tordeeìllao a 330 leghe, e 
fu QU«Àio che rese posami* che i portoghesi conservassero 
tutte le loro stare di ialisene* e acquistassero nel Brasile- 
una sona che, secondo la prima de .7 ini tastone, sarebbe sta*.* 

Bfera di influenza ^pagnuola, 

jjj, c crite*£i trancimeli le si venivano f crcpando .grand* Stati 
&c o *<ran,o fuori. de 11 'autori ;k pontificia, c si ài spoderano 
a r*rì ; !>igare questa autorità dai punto di vista temporale, op= 
pure che - 3 reno sulla via di rinnegarla anche dal punto ai 
vista spirituale, « che quindi avevano 0 imo 0 due motivi per 
” 5 . É 'irv »a validità di questa atti*..bueione del Ponte*ice 

?■:. 1494 Enrico VII ài Inghilterra, incaricava ì Caboto 
ai esplorare, occupare e acquistare a titolò di sovranità a 
non? "■? d'Inghilterra tutte le terre che avessero scoperà 

to ir. *u:s. determinata regione del vvovo Mondo occidentale, 

0 nc’j 15£i Giovanni Verrà» sai» -.v«v A lo stereo ir cari eo dal-Re 
di Francia. Tanta jjjnrieo VII quanto Francesco " erano catto» 
Ilei, ma, spinti dall'iute-esci de* loro ‘tifi, essi e-A>«~ 
clamano già a contestare questo diritto del pontefice ioi.v 
at tri bus ione dello terre del Nuovo ’-tondo, e infesti av.vt - 
il inciato s «onte starar. >.pche ì sai»!' -• , a tati-'‘lice e con a$s* 
Serd;lnan3-‘ quando„ dopo la le* oc» .pascono de ì. «.? .-A : 1* * 


/ 










poi ài una per te del cor insnts «aac-.- "ano i-> > di Cri* 

tìtoioro Colcffibo - degli e spi or*, tari successivi, ,v: nvoieero 
al Pontefice quasi a titolo al sita aedi-vere , eia non perchè 
riconofcwSSbero che ■v.' , t:'£a 12 diritto di sottrarre a otre Stato 


C>r'p®c su queste tvrre la proprietà e ..a sovranità che gii 
appartenevano * titolo di priiao occupante. 

Ir, questo semento si trovavano durqu'i di fr nté due , - 

catti f oncwìssrstali quanto «i -diritto di acquiìvare la aovr 
r.i..', cei territori a; -pe,rtesenti egli infedeli. Un :onc«t- 
*’’* ^«ppresentr-.ya 1« dottrina ortodosso medicete : e n’*e e • 
;." • .* 4&31& i'srtinensa ab ìnit i c* di a use ti territori al potv■" 
■ * ' * ve ■■ ’iivrle ne poteva, aisjo « cerna vu..svs e poteva ut - 
vrituize a questo 0 a quei pop ole il loro possesso. {*ec®ioo 
qua«-a dottrina infatti, i'cccupasione non aveva a2/*m por* 
tato giuriate 0 per l'attribuzione della sovranità d- ; l serri 
torio occupato all’occupante, u ■ ivraain à- q» l terni - - 

_ indlpendanteffiente dall*occupazione e pria» di quieta «| 3 ,.rte- 
ne,6 * Std«l popolo al quale il papa avesse atti i’yito la pre» 
*r*»ta struse., @ soltanto colla oMupazicne sua ai sotteso 
iidtprxatesnta nella concisione di potors esercitare questa 
Seconda qu^tc concetto non tratwvaei più ai un 
Vm *™ ■ ** « i -erritori occupati 0 il popolo al 

.•.;*,!> :?m& ag* • •-«. U torriiorU occupato, non trattavi 




















,1 nemmeno 01 un «quiete * originari., ma di un «> 

q U lito a titolo derivativo, oloè di una gratuita attàrìbli**» 
ne da parte del pontefice di ,noeti territori,a una determl* 

aat* potenza cristiana. 

Secondo lno.ce la dottrina che cominciarono a contenere 
il Re di Francia . il *• d'Inghilterra • ohe 1 Re d'Inghll* 

« a „<« tt*»4+e dei Paesi Base! sostennero piu va» 
terra e le Provincie Un*te &ei 

. ,.,v f rc lo Ri-or^ e non ri- 

lidaiuante ancora tyifriió-*- — r 

cm&m*ro mmm* supremazia apirituale fai Pontefice, 

invece , ei ritenne egualmente ohe sovranità &*>\ popoli 

_ . j _*.„ riconosciuta 

fedeli sul loro territorio non dovesse 

dar popoli europei, .1 ritenne che dal punto di alata dal di¬ 
ritto pubblica europeo, comunque icancr. cr»»...—»vi .*“» 
territori . questi popoli che H dominavano, l territori ^ 
.tesai dovessero essere considerati ooaa re» nul'rJ». m * 
caso della dottrina ortodossa sostenuta dai Pontefici, di 
questa res ttulWpot.ra disporr, il Pontefice o«e di cosa 
sulla quale aveva un dominio eminente, invece secondo la dot» 
trina sostenuta prima ttaidanants dalla Rrar.dia e dall'Inghil¬ 
terra, poi pifi validamente anche 4*11» Piena,.-» ur-v.. -lan 
desi, Al «seti territori/.. nulUusVtevano, «diente »t o 
di occupasione, prenderà pocaecc* gli Stati europei sodando 
11 diritto osi preste occupante. * per effetto dell*occupasi 









ih 


ne, ciie in questo caso si considerava come un mod<5 di acqui¬ 
eto della s 'Tanità originaria la sovranità degli Stati oc¬ 
cupanti sui territori occupati ®n colpiva r^r effetti del» 
l’atto di occupa» ion* indi pendente, te da c :ììc"i ie attri-c 
••^zion© antecedente o da qualunque ratifica huccs siva, 
q,iella dol trattato di Tordeslllss pt mj .. . q \ pcr*nfice 
nel 1455, 


Queste due dottine ci cerebatteror * Xinr al peri 




14 Rii orma. B succe sai vagente * questa, di fronte a una part* 
tiei Popoli di Europe, che ni orane sonratt'. • -.n^* .-«licosa* 
lae.i.s alia auprea^ia, dpi Pontefice e ehs non rie-ir scovano 
P'-> .’■ questa autorità non la riconoVura più rat !.'•aseiìt* 
™«no.i popoli ohe ir. origine l’avev ;J , riconosciuta, e 
Cvx ««‘Slitti Sta f i e «all*»- 'eraar>: * della Pii or- 

-*a ..n .h,ui t-pb. si venne sostituendo compie t mentii .,i con sotto 
dell ’ ; ^eup^rion* Il esento dell'attriKvsitni; e7 pontefice 
eoe.. .. ,3*3 9 pivO*puc di acquisto :.t? 111 s i •< i l c ter ri * : 

,.„rritot * coloni ad o, per fi© gl li a dire. i a l : erri ori uf- 
eoi oàie^ro. 

'^esto eliminarsi dei principio fcadauni..!« ài 
giustifieastené di questo acquisto di novr,n“à m «r-, p.s 
cullare spec i fi spénte dei Medio Wo si ritiri* -» principi 
isl iirlu= r«»,, ritwnj u ^ 






































su 


©OÌA‘*.t ti Stati isti T*i $ là iuVCTC &Ì -3Ì&3? 

d.u ì -u» 

,i -ili Stati ori -/.un* i)v 1 i* àìiì/ rii vC ì popoli ili-» 
aUitfitf t»»> *•* 

..*.-.- ia . «i«»•:>» s&ioeta di -ir : U e .„.;eile sta» '* cazs~ 
• » - « di «odi di »cquiat* do ~ i-> •• »n» tà t*>rri t ©r « »*le c ìk 
otiC .«JOVàiiO 1 * 0 1 diritto remano » fa/ora dal popolo rasia¬ 


mo e 


k .j.trioo de' ,. «poli virea-.i fuori steli* reaàMÉità. 
„iodo s* utt 1 i*v i-3•• de ir ‘../quist? ti■ ila sovranità 


* -rrit -.rial»' fu. e si &anV.arie 1* occupaci One, dell* quale 
■•ovaio osila pro-ieim* lemione. e doli* quale fu oa®# a & on~ 
tt0 f ondaste n tale questo, olia prima di fronte ai popoli 
; . 4 tiì questi infedeli don a re vaso diritto di sovranità 
.•.ori ai® sso ondo i cono** ■- tei primi $ quindi i popoli 
fi.>nt avevano il à.,»*Stto sii o"r;r. aer. re. i territori pos* 
,;u.r;i e governati do, popoli infedeli cobo re» nulliu®. Suo» 


08 # 8 ivwwdt® -i»i rìtSi ••' .■ *u!? i popoli non appr.'-teaònt*, alla 
«•ivt.ità europea o non . ;tì -in orsaniimo ci Sfato ©he preseli— 
.; almeno gli flettenti e «Mutali & fondamentali di ciò olle si 
ri '. iene una autorità di Si ut •> secondo i concetti praticati in 
f u: op v. n on p ot « s se r o pire t ónde re al ricca o se ime nto di stati e 
quindi dovea«er& adattarsi a che il loro territorio foca® di— 


chiarate ras nulliua, 

ai fronte aui» eiAeitività di certi organismi di Stato 


StOSÌA WBS QOLOm E DIRUTO GOLOSIAI^ - I parie * Dìsp 4 











che, psr quanto non corrispondenti ai principi! fondamentali 
degli Stati europei, pura pracantavano talune garanzie e taiu® 
ni caratteri inai e-: \i~ Voi li ai diritto pubblico, popoli di 
Europa nèh potarono praticar.. : empi-; taaent s o-.n tutti quelli 
che stavano fuori oolù. loro cerchia o religiosa o sociologi» 
a* il loro concetto da Ha uc ,.-<w ione, e -i l''a si ricorts 
nuovamente a quell’istituto dalla deditlo, riè conosciute olì 
diritto romano, Istituto che ej cernie sviluppando quasi Ina •• 
vertito, che non trov vna c«'tegorU in c : t dei moderni 
trattati di diritto internazionali' e coloniale, ma ohe osiate 

a 

tuttavia e la cui ««intensa è dimostrata dal fatto che molti 
ai quegli acquisti di sovranità territoriale che si citano co= 
me atti di occupazione effettiramento sono atti di deditiono 
che un popolo eoi quale il popolo europeo venne in contatto 
riconosceva un principio di sovrani tè, lo abbandonava al po* 
polo europeo. 

Esaminando per esempio la raccolta stessa dei trattati 
relativi all'Africa pubblicata dall"antico ufficio coloniale 
del nostro ministero degli esteri, si vede cba una parte de 
1© occupazioni di territori nelle regioni dai Biaal dei Qo~ 
«oi, di Lug da parte di tutte le tri» verso 1 interno oltre 
•uUgh, hanno effettivamente una formula analoga a quella chi 1 
ei usciva nel diritto rumano per l'atto di deditlo. 





































VJ 

k. 


„ wimto anu gran parte degT i acuisti di Ur® 

^tolAJSC * * ® 

piuti dai popoli »urop61 ncO primo per 1 odo ds 1 

lan0 „t&ti compiuti 0 per via di eon^uie** oppure 

* óiipstd Tu la derivasi «w ài tutta una serie 
di tfedisione* e qu^ 

e ài dottrine che ai %*n»« avocando usi ©orso 

ài pretese s ~± 

ifj ,r v°. Abbiamo già ricordato la dottrina ortodossa 
stadi ©evale per effetto delia quale si ri tene a eh# 
pmWl<« avesse la facoltà di attribuir® e distribuire, 

, cii8 sii oflHipetesse < i&& dsls.a quale avesse la 

coso oo#a Tion ■ * - 

„„ =nar irtitusione diTina" a disporre, tutti 1 ter^ 
c av p $ w c n ^ ^ sr 

., ch$ n0n appartenevano a popoli or titani. Cuesta dot* 

fu accampata *ai Pontefici a pii ripreso, fu accettata 
/U> stati cattolici che avevano interesse ad ao* 

ettari» aa non fu riconos'-ìuta in nessun perìodo dei medio 
f r r- dai principio dall'età moderna, nè fu accettata neams* 
àagli scrittori più ortodoaaì ohe usciti dai campa della 
t8oXogla #1 applicarono allo studio dei diritti internarlo* 
naie uno di questi, ed uno dei più autorevoli, per quanto, 
dei meno comunemente noti, fu il domenicano Sfrancesoo di Vii» 
torta ohe visse dal 1430 al 1843 a ohs insegnò par circa trem 

Vanni «all 'Università di ■ Salawanca.. 

«; Alclm apere sue trattano più' p«rticolsrosnta di quali* 

Jr 

che ri potrebbe de .tre «va* . .v ; wn*-- r-alogi* neu 




— 













28 


rapporti dei diritto, e spesialraents due ira le «uè reLsuslo-s 
ni teologiche « quella ohe ei riferisca alla Indie e quell « 
che si riferisce ai diritti di guerra, •• ontenrcno alcuni 
principi f ondasse n* ... * iupcr ' anti esitai del di " ì t . interna ' 

.'-i "eia le „ 

woi eisuiio abituati a d esiderare.' i dee -nicaoi, cotto la 
If.joc della tiìquisisicria ( coxa uno desìi argini religiosi pi' : 
retrivi, sa invece in quel periodo e specialmente nella ' pa- 
gna, tutte xe dottrine più retrive circa il '.ic con osci :.e.. 
dei diritti dei popoli non cristiani vennero dagli uomini . v> 
. ,ì de j. 1 ordine dei francescani, aentre In dottrine rei*- 
t al diruto «mano eh© deve spettare a tutti gli individui 
c-.aas tali, indipendentemente dalia loro pertinenza ad una o 
àlura »ec;8 ( fu sostenuta dai più dotti cultori della teolo¬ 
gia e fax diritto appartenenti all'ordine domenicano a coisc.- 
otare da questo jìa Vittoria e continuando col domenican-; -n.'V' 
suo discepolo e venendo fino a quel fancso Las fìtta »b ’ che 

tanto ei adoperò per sottrarre gli indigeni dell’America al» 

la schiavitù. 

Ora in queeta reìeotio' di Fr aaihe se c da v i 11 or i a che- « ì 
riferisse file Indie egli sostiene ehu il Papa ha autorità 
mlU *m* r-y, rituali 4 non asiM temporali e che gli infe- 
d 8 cuarido a bbian a un .v or i » zaa ì one Ii siat o «t qg.* e ?. l ■ 
















29 




. 


p0#l » garantire 1 ordine e X* tutela dell® perso* 
iU a?ar i ai cristiani ohe si recano nsi loro terri* 
al p*ri dtìi cristiani il pieno diritto di so- 


tjU # ■ 


tori., aVoina® 

-T---Ì ■n.io eho loro appartiene, 2* ancasoo da Vit* 
* r »«iU -erritori 


.uncue due principi fondaseli tali: che i popoli 
torta n« ' a/a v 

• . -o gol'.aftto perché tali, destituiti di sovra* 

infedeli j£OS * * * 

v'ontefice, parchi le, avesse la c «spot ansa ài 
b - fc ... ■ ; ... i in 0’. "" 0 non a vessar o appar t enut o 


n:-' 

a v trito»**’* 

.* , v,,uia ’-'cli giusti-ricava la conquista delle In» 

R #3Vra0ix n 

itte ■ X^r,v- da parte degli spagnuoli «or, M 

di» ~' c * ' 

J* arti ■ icieso> in parte giuridico a in parte t@< 


5C-3 


lo ito :- 


..v 4 che il Papa non poteva distribuire questi 

*,S 

, , scagliare fra i popoli eri ». 1 -'%r.i quali© 

-:»©•«» pir- oaspetaat* e pi', atte a «vangaiissare questi. 

CJì^‘ ^ 


■ .->• felino ui'u'ridittò di qW?2 lA 

io! sia#**-* 

: cristiani, «a* areno stati aaeltl dal Po&tefi* 

V 1 , X 1 - , Ov ' 1 J * 

«.,jfc,aré l\v&i&y;»!-', fra di loro ad a coauaaieidrp e<m 
io-, incartando i prode-; X europei •■ e sport addo. quelli di 
, ru've. Sa questi pop».,» luic 1 1 opiunevano 

Q X *v * 

&1Jp difesi 03 * fXssllu ode cristiana .ra ,H lare no» sol© non 
co? f -«*4 : a O V M sue ?t o :■ *1 1 l ■ rx t« n*m pe -A « '• Asse:*i *« 

ubsr r ,»c--.far** sto . .- I -i,-tsc:v,- sii» v ?** .$**** 






_ 
















30 


v% fosse predicata fra ài loro, oppure negando la fa= 

c-oJ: à di fare e smercio n ài risiedere a questi cristiani 
rUe -i recavano nei loro territori!, allora ceni venirano a 
tre a 3i uen dalla tosi giurid? • ùa una parto come nomi® 
— - *•* fede e dall’altra casse violatori li quell’jue Gom= 

: -’hi spetta a ciascun popolo con tutti gli altri popoli 

P*r ••tetto di ano facoltà naturale 

uinai egli gl usti fi cava il diritto di. sovranità ac= 

*" ' ' fi-i apagnuoli e dai portoghesi in America col ti= 
5 *’ conquista, giustificato «a sua Tolta» dal fatto che 
è-, indigeni delle Americhe avevano violato uno del diritti 
S rvi ‘ yse ' l * a2i della società europea, il diritto, cioè, dei 
cesa... r * o e il diritto di ohi possiedo la ver-?- fede di pre= 
quelli ohe non la possedevano. 
j e?li veniva a giustificare di ter saliente che coi 
titolo dell’occupazione, l'acquisto di questi territori e 
ne ~ ' : *® pCl stesso veniva a dargli per fondamènto un titolo 

di -acquisto derivativo ansichè un titolo di conquista ori» 
ginario. 

"" quel priaio periodo delle conquiste e delle seca 
***** 51 Meato all'altra due dottrina: 

"* i " 5 ' ' *“* 2T0 «'«io 1» quale al riconoscerà al in. 

U * 1 '* U « H “ # 31 ****** queste terra. , quella 4.1 





31 


vari popoli oli® non riconoscevano questa supreiB&siia del "on« 
te fi <?<? e che pretendevano dì avere ciascuno 11 diritto di 
occupare e di c conquistare, salvo la preso densa di mi altro 
Stato europeo eh© fosse venuto prima di loro su quel deter¬ 
minato territorio, Jfra queste dottrine stava quella del >>a 
Vittoria elle saune t te va il titolo di conquista n • • ito quan— 

do fosse giustificato da questa viola*ione del diritto natu¬ 
rale e dal diritto religioso mondiale, cosi messa da questi 
popoli infedeli. 

Quando gli Stati, ai quali il Pontefice non aveva dato 
il diritte dì occupare i nuovi territori, cessinaw.ron-0 ad 
esplicare la loro attività coloniale, essi tennero ncn più 
dalla dottrina del a Vittoria, ma per una parto da quella 
ortodossa cattolica ain quanto riconosceva al Pontefice il 
diritto di distribuire questi territori- perché da questa 
parte derivava il'concetto di rea nullius applica- ; ai t r= 
ritori popolati da razze di infedeli; e per l'altra alla dot= 
trina de 11’ occupazione , 

ite 11 * «noe ttere e nel lo svi 1 uppare il cene •: t ’ d i re e 
nullius*i popoli d*Europa ed i giuristi, che ridussero a 
sistema le loro preteso, procedei ter e eoo un -‘c tonalo nto 
artificioso dal campo del diritto privato a quv13• del òi« 
ritto in terna*! osa le , Per ree nulUus secondo ■: . r cotto 
originario dèi sudava una cosa che* t-ih 
















32 


apparteneva a nessuno, sia che questa ’zoa- non abbia uizi ■».■> 
pW «auto aa ale ino exa che ab appartenuto »d un proprie^ 
tario e ohe poi questo l’abbi * -.bbandonats Pe-cio le co-? 
immobili tanto nei riguardi della proprietà quanto nei ri* 
guardi della sovranità non potrebbero cono:* aerarsi come ree 
nttiUus se non quando Postero . 1 uta...'nt - ? et trutte - la 

attiviti giuridica di uno o più individui, ci?- assolutane* 
te disabitate invece l popoli e opti nel periodo delle • 
«plorasi oni e scoperte, attin :ri o la i spi razione di queo-a 
nuova dottrina dal concetti. t . ix : -, ->na - ••» . tolicc del -«dio . 

evo, negarono a questi popoli infodeli il diritto et so fi¬ 
nità e considerarono tutti i loro terrlt©?' i me ree nullius 
ne* eas:p j dt j. di. itto internasi anale. F procedettero con 
questo ragionamento che, perch ee: ta una proprietà è nece» 
sano che esista una -ntitè individuale q collettiva che ab- 
bia la personalità giudica noci an. id esercitare quest ; 
diritto di proprietà, re., jpoich questo diritte è un dirit* 
to locale che spetta ad una persona « diventa quindi un at* 
tributo di questa persona, e * u perso*» n.-i esiste è impose 
sibUe mettere che esiste il diritto di sovranità e poi* 
chè questo agglomerante di popoli che non un ora* 

«amento dì Stato a tipo europeo e che sono ignari della vera 
fede non si possono ritenere costituire uno Sta- o, così lo 








33 


tari 

possesso 


lof0 ditate e possedute si devono ritenere in loro 
M non sotto la loro sovranità , perchè manca il 
voltare sovranità a questa collettività che non 

fritto di eserw 

. A \ orinolo! fondamentali del diritto europeo» 

mi, e »»® 110 1 s 

r„pr.»ent a r. un» «oU.ttmtà di Stata. 

roo . at tingendo il concetto negativo della personalità 
trfedlzion ale dottrina cattolica medioevale, gli Stati 
■ ai statori « colonissatori negarono agli Stati colonissa-' 
$ó a i popoli colon Issati il diritte di proprietà e il di* 


ritto di sovranità. 

fl questo essi sostennero non solo relativamente ai po= 
t n0£aadi « S elraggi eoa® erano in gran parte le Pelliros* 
ee dell’America del nord* ma anche rispetto a quelle. popola» 

2 ioni sminen temente civili dell’America Centrale e meridie» 
naie cose erano gli aste chi del Messico e gli indigeni del 
Perù i ouali costituivano due stati nel vero senso della 
parola, =anche nel concetto europeo* con la sola di fiere ma 
dagli Stati europei di essere ignari della fede, che gli Sta» 
ti d'Europa dicevano di avere avuto la missione di diffondere 


nel mondo» 

Accettato cosi il principio della mancanza del diritti 
di sovranità nei popoli infedeli, fino a questo punto gli 
Stati colonizzatori di Europa erano perfettamente d’accordo 


STORIA DELIE CGLORIE E DIRITTO C GLORIALE * I parte = Disp.5 









34 


con la dottrina della supremazia del Pontefice, prevalsa o 
che si era tentato di far prevalere nella seconda parte del 
medio evo. Ma quando si trattò di passare da questo eoncett 
negativo, elle sì riferiva al negare ai popoli infedeli del 
nuovo mondo il diritto di sovranità, al concetto positivo 
eia* si riferiva ad escogitare i mezzi per costituire una e# 
vranità nei loro territori, questi Stati vaia che fossero 
Stati cristiani, sia che avessero sviluppato il concetto de 

Wf 

la indipendenza dello Stato dalla supremazia teologica del 
Pontefice, come la Francia, o fossero Stati riconosciuti 
sottratti alla supremazia cattolica come l'Inghilterra e le 
provinole unite olandesi^ invece di ritener* possibile che 
tale sovranità potesse pervenire a uno Stato, europeo per 
via derivativa per 1'attribuzione da parte del Sommo ponte» 
fio ine, sostennero che ciascun Stato, con la sola diversità 
della precedenza, poteva proclamarvi la propria sovranità. 
Quindi in questa seconda parte positiva, differivano sia da: 
la dottrina tradizionale del medio evo coma dalla dottrina c 
Francesco da Vittoria; dalla prima perchè non ritenevano poi 
si bile una attri suzione, e quindi, una conquista derivativa 
della sovranità, per concessione del Pontefice; dall'altra 
perchè non ritenevano necessario che i popoli, presso i qua» 
li essi volevano costituire la Xcro sovranità, si fossero n- 
si -Oipevoli di violazione sia al diritto di commercio sia 


_ 








35 


al diritto di coloni aa&aiono dei popoli più civili, cioè di 
civiltà europea. 




Abbiamo detto come ì'occupazione siasi ristabilita cerne 
modo di acquieto originario della sovranità territoriale. Ma 
tanto nella dottrina quanto nella pratàca dei singoli Stati, 
quanto anche neIla,pratica di tutto il complesso degli Stati 
dopo le paratali cedificasioni della conferenaa di Berlino 
ai parla anche del protettorato cecie di un modo di acquisto 
originario della sovranità territoriale, Ora, siccome il pro¬ 
tettorato si può intendere e praticare in diversi sensi, è 
necessario., per sbaraazare il terreno da confusioni, di ae= 
cerniere brevemente- a questa varie specie di protettorato* 
delle quali ci è venuto complicando neIX'ultimo messo secolo 
il diritto internazionale, positivo. 

Il protettorato varo e proprio è 1.1 rapporto fra due 
Stati dei quali uno ohe diventa lo Stato superiore promette 
protezione a un altro, specialmente nei suoi rapporti, e l’al 
tro, ohe diventa Stato inferiore, subordina o al controllo cp 
pur» alla rappresentanza assoluta dell’altro tutti i proprii 















33 


rapporti,esteriori e tutta la tutela dei suoi interessi io* 
temasionali. Questo è il protettorato, cerne si è sviluppa* 
nei rapporti fra gli stati europei, rapporto effettivamente 
internazionale fra due Stati dei quali ciascuno conserva la 
propria personalità distinta e dei quali lo Stato inferiore 
resta nella piena integrità della sua persona e della sua 
indipendenza per tutto quello che si riferisce ai rapporti 
interni, lo Stato inferiore, invece, perde o subordina la 
propria indipendenza a quella dell’altro Stato, in quanto e 
riferisce alla sua parte di membro della società internazio 1 
naie degli Stati, ma in quanto si riferisce alla sua azione 
interna, alla sua sovranità interna, resta uno Stato indi» 
pendente, e da ciò deriva che, se per una contestazione circ 
t diritti rispettivi fra lo Stato superiore e lo Stato in= 
feri ore viene a scoppiare una guerra, non è guerra civile, 
ma e guei ra internazionale fino dal principio, perchè com= 
battuta da due Stati, e fino dal principio avendo le forse 
belligeranti dell’uno e dell’altro Stato eguale somma di di* 

ritti di quegli che definiscono sinteticamente come diritti 
dei belligeranti. 

Se ilo sviluppo del diritto europeo a ciò si e limitat o 
sempre il rapporto di protettorato ? n principato di Monaco 
fino al imo ara uno stato protetto «1 «i Barena, 








37 


conservando pure nella sua piccolezza tutta la integrità sua 

41 Stato; la Repubblica di Andorra è anche oggidì uno Stato 

protetto dalla trancia e dalla Spagna, cioè della Francia e 

del vescovo di Urgia per oonto della Spagna, In questo mo= 

# 

meato non esistano nel diritto pubblico europeo altri Stati 
protetti, ma questi che pure esistono e che sono uno degli 
ultimi resti dell'antico diritto feudale, danno il tipo di 
che cose e di che cosa cessi di essere uno Stato protetto. 

Sei rapporti fra Stati ai tipo a civiltà europea e stai¬ 
ti e popoli di altra civiltà, si è fatto nel periodo pi& re¬ 
cente un uso tanto abbondante della forma di vincolo e di 
dipendenza definita come protettorato, quanto è stato Invece, 
l’abbandono nel quale questa forma è stata lasciata nei rap¬ 
porti. fra gli Stati europei. l£a in questi rapporti il protet® 
torato ha assunto una prima forma anomale, vale a dire, in= 
vece di limitarsi ai rapporti esclusi vagente esteriori del 1; 
Stato protetto, ha costituito a poco a poco per gli Stati co« 
sìdetti protetti un vero vincolo di vassallaggio, si è conti® 
nuato a definire nei rapporti fra gli Stati protetti e i ri® 
spettivi protettori • nelle relazioni fra gli stati protei® 
tori europei e gli Stati protetti ui civiltà non europea eo o 
"protettorato" un rapporto e un vincolo che sorgeva come tale 
nel periodo del tvc ■n.Uj o, m che ci complicava immediatsacan 












39 


té ài tante diminuzioni per lo Stato protetto e di tante fun= 

aloni non specìfiche del protettorato per io Stato protetto». 

* 

re , da snaturare! completamente e da conservare del protet» 
torato soltanto il nome. 

Basta esaminare, per convincersi di questa differenza, 
il protettorai■ nella Francia sulla Tunisia e il protettola» 
to dell'Inghilterra sui vari! Stati delle Inai? e i protet= 
torati de11■Olanda sul varii Stati delle Indie olandesi e 
specialmente su quelli de11'isola di Glava. Bel caro della 
Francia già nel 1881 il protettorato veniva croato con una 
forma, sì potrebbe dire, ortodossa, inquantochè lo Stato di 
Tunisi rimaneva in vita e solamente gli affari esteriori 
dello stato erano affidati dalla Tunisia alla gestione dal 
governo francese. Ha immediatamente dopo questa prima erigi» 
na incominciò a complicarsi» TI residente francese diventa 
il ministro degli esteri cello Stato tunisino, a ogni acuii* 
n*strattone è aggiunto un controllore francese, e un control» 
loro frapasse è pure posto in ognuno òsi centri di amministra 
zicne provinciali e regionali, e quindi il rapporto uno ori» 
•ginarlamente poteva definirei come protettorato normale per» 
cliè subordinava la ss iste usa della Tunisia soltanto in quanto 
si riferiva alla gestione delle sua politica estera, diventa* 
va un protettorato anormale inquantochè si esplicava di una 
mntm di .di diritto «*m „, w , 










39 





minietrativo: o sottratte allo Stato protetto e attribuite 
al protettore, oppure costituite come in una forma di condo¬ 
minio nel collettiro esercizio di funzionari dello Stato prò*- 
tetto e di funzionari dello Stato protettore 

Lo stesso può dirsi oe11'esercizio dell'alta sovranità 
cane nome di "protettorato * sia nel Regno di Annata dopo il 
1505 da parte pure della Francia, sia nel periodo primo della 
azione francese nel Madagascar, cioè prima dell'annessione 
nei rapporti fra la Francia e il Governo dei Malgasci. 

Ornici» cosa di elmile presenta il vincolo di protetto» 
rato fra l'Inghilterra come Stato protettore e gli Stati in¬ 
dipendenti dell’india come Stati protetti, e fra la Russia e 
il franato di Riva e il franato di Bukara, è fra l’Olanda e i 
principi dell’Isola di Giava e delle altre Indie olandesi. 

Per esempio i principi delle Indie hanno una -isisienas effisa 
rappresentanti di uno Stato perfettamente autonome nei ri» 
guardi interni, ma, mentre noi rapporti estortori lo StsrU- 
veramente protetto non cessa di esistere «sa. è rappresentato 
dello Stato protettore « sicché, per esempio, la rY ancia pro¬ 
teggendo il principato di Tunisi rappreseci >. anche cnaest. 

% 

soltanto come una entità distinta dalla Iran «sia, s non -tasse 
ma parto della Repubblica trancess. cicche -re. tat: rela¬ 
tivi all'Àfrica, francese non ni estendano alla' T«u* ci». « 











40 


vece i principi cosidetti protetti delle Indie non hanno nem* 
meao questa personalità subordinati, o avendo una personali* 
tà subordinata di diritto interno in quanto si riferisce ai 
rapporti fra loro e lo Stato protettore, hanno perduto compie 
.ajaente anche la personalità subordinata di diritto intera 
nastonale, inquantochè l’Inghilterra non rappresenta nei rap* 
porti cogli altri Stati i principi vasealli delle inaie, .m 
essa stipula per l'India cogli altri Stati trattati che ai 
estendono a tutto il- territorio, come «e fos«e tutto quanto 
dipendente ifflrae&iataaente dalla corona britannica « dall'Im= 
pere deiIndie, sicché gli altri p&eei devono ignorare l’a* 
s.iFtenzsà di questi Stati vassalli dell’India anche come Sta* 
U ^ordinati della corona inglese, Ciò sopratutto perché 
la dipendenza degli Stati dell’India è pit antica che-aon 
quella, della T uni aia o àeil’Ànnam dalla lancia e dal fatuo 
cne questi vincoli cosidstti di protettorato, ma che si potrei 
bero chiamare meglio di "protettorato anormale* perchè sconi'ì 1 
n-ino temedlatamente dalle caratteristiche specifiche del prò* 
ra^o sts„e^, rappresentano una forma ai graduale anneesif 

S aubor libasione di un paese dì civiltà non europea a uro 
di civiltà europea. 

Ma col procedere dell’attività coloniale degli stati mo= 
derni si venne sviluppando sotto la for*a , sotto il no*e di 












4i 


protettoratoun altro vìncolo che è ancora più stretto fra lo 
Stato « il popolo dipendente e lo Stato o 11 popolo superiore 
di questi protettorati anormali dei quali abbiano fatto esm- 
no diansi. In questi protettorati anomali non si verifica 
he una delle tante diversità e dif fere naia? ioni di diritto 
che si manifestano nei rapporti fra Stati di civiltà euro¬ 
pea e rapporti fra quelli e Stati di civiltà inferiore o cal¬ 
colata inferiore. I primi nei rapporti fra loro, anche quan* 
h-o sì subordinano l’uno all’altro rispettane più integral¬ 
mente la personalità dello Sfato subordinate Quando invece 
vengono in rapporto cn^ii stati ai civiltà non europea su* 
tordi nano questi a una specie di capiti» ài-minuti e in quanto 
li trattano come eguali in quante ni subordinine a quei pri* 
vilegi di giuri Sdir, lane consolare o altro conosciuti «di no» 
me dì privilegi delle capi t ciazi (mi, tua, in- qswsfct o proprio lì 
obbligano a subordinarsi lì costrìngono a un vincolo licito 
più stretto e anche m definito come profertorate,priva im¬ 
mediatamente i r ' “tato protetto dì una arte della sovranità 
e deli♦amminisVraalone interna subordinandolo per questo al* 
la volontà dello stato protettore. 

Ma finché sì tratta di questi stati.trattasi sempre di uh vira* 
ooli di proteid-orato che diventa ir regolare, che trascende dai 
suoi eoi;fini,ma che può -.noera definirsi con questo nome pei» 
che cons erva- sempre talune ...eIle caratteristiche che sono prò 
tyfa&s. sUfJtc t<,Co<wt <l mU»à - £ 














42 


prio del protettorato normale 

invece una categoria ancora piò irregolare di prote-Ctorato e 
quella é&fe può definirai eoi nome di"protettorato coloniale" 
e nel quale.si‘hanno bensì da una parte uno stato europeo e 
‘altra uno stato o una tribù o un'aglocierairietit o comunque 
compattamente organizzato di indigeni ir. un territorio non eu¬ 
ropeo e si stipula ira questi un trattato di pr ote^tt orato 
•quando questo trattato di prot^tt 01 '^ 0 ‘- n0 princìpio, per 

quanto definito con questo nome ,racchiusa un qualche aerandone 
di attributo sovrano per effetto dal quale può definirsi imme¬ 
diatamente,a onta del suo nome,coma una rinuncia compii- 41 
sovranità e come corrispondente perfettamente a ciò G “ e 
remi ssione nell'antico diritto romano. 

prendendo in esame la serie dei trattati stipulati risps a* 
i»Africa sìa nella raccolta pubblicata dai nostro mini et? 
degli esteri, sia nella raccolta dell'Eèrstoll (?), si veae 
che una quantità di convenzioni sono definito "convenzioni -- 
protettorato o di protezione* . e contengono questa formula d.» 
protettorato o di protezione in uno dagli articoli dei quari 

t 

constano. Ma nello stasso articolo o in uh altro suppletivo 
contengono una frase sul genere dì questa: "Il principe tale, 
o il tal popolo o la tal® tribù accoglie o domanda la prò te.no 
ne, per «acapio, del He di Inghilterra e abban dona 
v runità tutt o, i l suo t err ì-torio, * In questo caso la protesi me 













43 


-ìissse. di essere protezione c protettorato, nel senso tecnico 
della parola, acquistato coll'uso e eolio sviluppo del dirit* 
io pubblico europeo, e diventa invece protettorato e prete- 
,^... R€ di carattere personale nel sanso etimologico di questa 
del tutto distinte dal senso giuridico & teorie® che 
..•«so costante dal diritto pubblico europeo gli ba attribuì- 
tu. Trattasi in questo caso della completa "dedi*tono" di 
«n popolo, por esempio, africano a uno Stato europeo colla 
attribuzione a questo della sovranità e caspie ta del »uo ter* 
ritorio e della popolazione, e con una promessa da parte de.*.- 
lo "tato cessionario di proteggere i diritti locali special* 
menu in quanto zi riferisce ai diritti privati e di Protei* 
gora questi popoli o queste tribù contro i loro nemici, in 
> uei , t o genere di stipulazioni U "protettorato", qualunque 
c on.se rvi questo nomi-.. t ccmptelnaente trasfigurato e «ivenu*. 
un vero abbandono di territorio da parte del popolo indigeno 
parte del mondo a un popolo o a uno Stato ui civiltà 
europea, colia pròse cu • da parte di questo da proteggete oe*- 
te prerogut ir., del so or»»*-.* 1 be abdica e corti diritti special 
monte privai, del pop ’ che g-~ abbanunn* la sovranità del 
suo torr lprt-f 

^og- r.oi rapporti ira l’Italia e il «'aitano di * vgfa , ira 
t ,T talia oci * f-'ultano di ulula, e il Sultano dei iSigiurtini, 













*4 


e J capi di Mogadiscio, per citare eoitatti alcuni di questi 
esempi, si ha una vera stipulasions dalie quale risulta l'ab= 
bandone della sovranità da parte del popolo africano in fa* 


vere dell'Italia sul loro territorio, quandunque vi sia ado* 
parate, la formula del protettorato o della protalione, che 
V9lv ’ non conserva alcun valore in rapporto &' senso tecnico 
della parala stessa. 

Anche i lupetto ai trattati dell’Africa se esaminiamo per 
esempio quelli fra l'Inghilterra e il Sultanato di Zanzibar, 
troviamo un ."incoio di protettorato che lascia sussistere la 


ulve; rii ue uu 




persona indipendentemente nei rapporti 
protetto, e ohe costituisce un vincolo di protettorato delia 
prima specie di anormalità ricordata prima, analogo a quelle 
del protettorato della Francia sulla Tunisia. 

Egualmente il trattato stipulato nel 1889 fra 1*Italia 
* k'k*°pia era un tentativo di questa specie di protettore* 
tu, vaie a dire di un protettorato di tipo non europeo, ma 
africano, che Corri sponde va però al tipo specifico del pro¬ 
tettorato, cioè alla sussi et ensa eli uno Stato inferiore tu¬ 
telato da uno stato superiore per quante con* cernir* Siene 
di una minor somma di diritti di quelli che ir rapport. 
logru Ri conservino da uno Stato .protetto c.:-\ .« 

invece nei rapporti che abbico per ulti,., tra 















45 


l'Italia © ì .'sultanati della Somali», «1 ha un proiettorato 
che potrebbe dirai verbale, al quale non' o or ri sponde un pro= 
tettorato effettivo, perché lo Stato eh® accetta la prote= 
zione «i estingue ne 11'accettarla e si accontenta, nslì’&Mi- 
c&re alla sua sovranità, di tah a promessa di protezione per 
certi diritti personali del sovrano e privati della coiìet= 
tività, che viene fatta dallo Stato cosi detto protettore. 

Appunto perchè tratta di una forma analoga alla dedi= 

tic, che coatituisce un acquisto di territorio a titolo deri= 

v 

/stivo e olio equivale sostanzia Ime ni e a una cessione, per 
quanto conservi i 1 nome di protettorato, si può adoperare 
per distinguerlo dagli altri protetto»ito regolari nei rap« 
porti fra stati di civiltà europea, e irregolari ne; rapporti 
fra quelli e Stati non di civiltà europea, ei può dire, 
clamo, eie sono del protette»-:tl coloniali, perche- consisto» 
no in una - foro» di acquisto della coieria ohe è nei sur iti» 
zio diverno cosi da-lie conquieta <*©i*s da una vera' e pr.:prta 
annessioni', per i rari», i di di -'itti c- ■ vengono la* ciati el 
«ovranc dello State c:>d sbafo e si p-;; • che ahi» quel 
territcric. 

Poi enirte nel ‘ 

n* altra forma di ':,. ;tiu6 ; • - '.io: •.- . ,. i ■ . x \.ù i: •••*: -v;.-.. 

lare di tutte e eh- m ■. la al '. qua - vtt <»* • •- re 

















46 


no che a tutte i* alt*e spetta il Rame di protettorato. Ne* 
gli articoli 34 e 25 -.eli atto onerale della conferenza di 
Berlino è dette; "Ogni Stato che acquieterà nuovi territori 
per via di .occupazione lungo le coste dell''Africa o che vi 
proclamerà il protettorato è obbligato a denuncisre queste 
acquisto agli altri Stati*. Poi nell'or-:ice! *. *5 stabilito 
c ' 1 ® 'S n i Stato ohe acqui «-ter '* per occupazione * *ar.za iù fari 
alcim cenno del proietterà to) territori lungo la coste del* 
l’Africa avrà 1*obbligo, per conservare gli effetti del 3 *oo~ 
cumazione , di orge-rissare un governo nel erri toric, governo 
che P°sta tute rare i diritti liciti e le regole stabili» 
te nella stessa conferenza di Berlino circa ,l>* hl ; lei 
commercio. 

Ora- in questi -..uè articoli sì ha un obbligo di notifica» 
re ai terzi Stati tanto degli acquieti fatti per occupazione, 
quanto dell’acquisto fatto a tir.ni protettorato e oi ha 
soltanto per l’occupazione un obbligo di immediate organizsa» 
zione di governo nei-territori occupati che non agiate a ca¬ 
rico dello Stato occupante quando ac _u? iu questi *■ rr:ton a 
titolo di protettorato. 

Ora, che eoaa è questo protettorato ? ;- on . c - n e mfk oc* 
cupazione a titolo di protettorato, cioè un. e. .. 
tenuata. Differisce da tutti gli altri protettorati dei ,«*31 


. - 

_ 









4 ? 



Ubiamo parlato prima perchè quelli costituiscono tritìi ùts 
acquieto parziale o totale della sovranità a titolo deriva¬ 


tivo, Trattisi ài un protettorato normale, ìr.quantoche su¬ 
bordina la politica estera di uno Stato a un altro, o trai- 
tiel di un protett-r-* r.normale ir. quanto subordina lo Si*•- 
to protetto anche in una parte o nella totalità della sua 
politica interna o trattisi ài un protettorato oulcnifcl* 
nel quale tutta la sovranità passa dallo Stato cosidetto r.r- 
tetto allo Stato cosidettc protettore alla base di quest, 
protettorati si ha sempre una convenzione, ni ha sempre 
dunque il passaggio di una sovranità da una entità & tm'&l- 
tra, è un vincolo di diritto eli» *1 forma fra due entità 
politiche delie quali la subordinata nel terze casa ni .1. 
stlngue come nella dediti© nel r.oaen.c ■r cui stipula 

Si' 

pr otettorato.. 


invece ir. questa quarta specie di *protsttorato” nor. 
ha un contratto nè un trattato, non si ha uno Stato ~rje- 
re che viene in rappòrti con uno Stato stupori ©re v : c o~ ■ ?> ©«? • 
dolo come tale o abbandona-.do ,. questo le szx. «-3vrw.it a, 


si ha, pome nell'occupazione, un acquivie di «jovr ^r.xk - ** 
tolo •riginari.o, I? 3 un .lat v sì hi r*no Sv.et, ■> d? «i~ ; ■:.. nvv-~- 



ritorto abitato d« un popolo dì sì viltà ìnferi©*-:, m.'' 















48 


tro si ha un popolo di civiltà inferiore che si trova ce«i 
completamente organizsato da corrispondere negati valsente a 
quelle qualifiche che autorizzano a definire il suo terriro» 
rio nei riguardi della sovranità eoe® re» nulliua Acqui® 
stare dunque la sovranità a titolo di protettorato> non dì® 
pende da un contratto bilaterale fra tìu.? cr*.ità politiche 
poiché ne acquieta una sola, ma dipende soltanto dalla vo= 
lontà unilaterale di ohi acquista la sovranità del terrlto® 
rio mediante i'occupazione, di dare cioè a questa occupazio® 
ne un valore attenuato al quale si è convenuto di dare que= 
sta definizione dì "protettorato". 

XI protettorato in questo ultimo significato, cioè ai 
"occupazione di territorio senza padrone a titolo di protet* 
torato , ha una parte nella quale e identica per le candì® 
aloni eh* devono governarle e par le regola che lo accampa® 
gnane alla occupazione, è soltanto una parte, che si rifa® 
ricce alla responsabilità dell*occupante che lo distingue 
dal.tì regole dell*occupazioneTanto nel caso dell'acquisto 
dei-sa sovranità mediante occupazione, quanto nei caso dei® 

1 ac3Uist0 ^ territori senza padrone » titolo ai protetto® 
rato e necessario, secondo le necessità intuitive dei rappor* 
ti in vernasi onai li., e secondo le regole esplicite dell*art. 34 
della e cui eretta» di Berlino, di notificare ai terzi Stati 













45 


quest* occupa*Ai-m», pe? metterli rt grado di far valere e*en-* 
t-ua-l*ente i -or«- interessi. Ora, confrontando «leene di que* 
gte netiflc»eioni relative ai protettorati colio notificarlo» 
ni relative allo occupazioni, *i troveranno perfettamente i- 
denti olili. 

La noti?trazione fatta, per esempio, dalla Francia e 
iiallo Stato libero de a Congo deli’occupazione avvenuta lungo 
Il corso infe.iorc del Congo a titolo di occupazione, e 3& 
notificazione fatta, per esempio,.dalla Spagna e dall’Italia 
ac'le occupazioni fatte dalla prima lungo la costa occidenta¬ 
le e dall’altra lungo la coata orientale dell’Africa a titolo 
ài protettorato, eono perfettamente identiche. le notificazio¬ 
ni dalla Spagna quando ìia proclamato il titolo di protettore* 
to la sua sovranità su tutta la costa accidentale di Africa 
lungo il Kio De Oro, fra il capo ICogador e il capo Bianco è 
concepito nella stessa forma nella quale sarebbe concepita u= 
na notificazione di occupazione di territorio, e le risposte 
delle a'.tre potenze si limitano, come nel caso dell*occupasio® 
ne, a prendere notizia di questo atto di sovranità e dei con® 
fini entro i quali esso è stato proclamato. Ci6, se lo State 
ohe risponde al.la notificazione non crede di avere diritti 
antecedenti sul medesimo territorio, nel caso che no avesse 


si mi a brìi:* colora s ©ramo ootmxm * r parte * aisp » 










presenterebbe tanto nel caso ueul-acquisto per occupazione, 
elle a titolo dì protettorat , 1© sue oboiesioni. 

- ino questo punto dunque presa di posseaoo effettive 

e noti*icariane della presa di pesco 3 ©o effettiva agli altf ; 

Stati per metterli io condizione ai far valere eventualmente 

i loro diritti preesistenti e eguale tanto ne} caso eh? si 

acquisti la sovranità a titolo di occupazione quanto nel ca s 

so ^he la si acquisti a titolo di protettorato la diversità 

comincia dopo, cioè neli’eserciato celia sovrani-a che si ó 

av quietata mediante questo atto di occupa,-ione loentico n©' 

oasi), e la diversità risulto sancita cali abbandono ««. 

i*articolo 35 dell"atto generale di Berlino di una fj*s* el» 

esiste ne il'art. 34, Questo, pei quell, che ai r iier fc soe ti* 

i-resa di possesso effettiva e aula obbliga*ione di nv,- .fica 5 

*.ijns equipara gui obblighi d. chi occupa- un territorio nei 

Te* o senso della parola e chi invece lo occupa a oitoic 

protettorato. Sell'art, 3b e invece scacilitv: ;U £i*t ; .&& 

avranno acquistato per ^ccup,.u*lojne. un territorio lungo la e» 

sta dell ji-.i’iica, eoe. sarà obbligalo a crganiazarvi un govei"*' 

m c m tuteli i diritti degli indigeni, i ordine pubblico, j 
eoe. " 

.a distin^ione,dunque, fra 1 * occupai *oae o il protvtto- 
T * tA ~ oa#i31le ttnioaaente nelle minori obbligai ioni e nel.le 












< / - J . re ap ■-usabili'•& ohe ...afebsmo a* lo Stato che proclama 

ii ,coiq t er.'», in confronto oio Stato che proclama la or» 

.... ,;iQ.nd» uno State eh* occupa un territorio ha 1 5 obbligo di 

or .< .ni*? «*— .> •nt'*o 'breve pe ' ode «H scapo, e se non le- or- 
v .. ... a non -ien .re »* i . -'-oe". * d - ; :«•> gO^*r..o t amai* 

■. i ., on-; o* i, . »ì datt • l teoadena* n« Ile co- 

i( j . di -«» r.Aiiii': iel territ stesso f .o Stato lave* 

■ , : c he vf. q e lèi - un \ •» •' . t orlo a ; L :. uio li. p rote fct--rato dopo 
4 ‘..re - *11o la . atifi • »«•5 ose e dopo «infero latto 1* presa di 
por -* 9 ', eli--tt.iv- non ha obblighi seleni a tutto il torri* 
n; .c o.;. organi.; 1 ;-lav ■- . 'asininistrabi ne Quindi ha meno r#a 
.*• ... iIj .;. e satto obblighi -' C-emo. non . subordinate: 
p .-end ■ • '? subordinano la «sieten«a deìi«. •»©« 

a <. tlntata per -tcui tioru. •- oc..-,»* • /« Irniente 

,i3 r». i.u no.entw la sua &o«t.*»iì v In % ---. ; importa ini si- 

d »i. •; o ai stabilir • . au^ -a e si» 

side v :t e r.* f ‘ '• '-■*■ ' '’'ae ‘è »-. - 

■ '<;-■■ .... rtsX e. J-;r; or*-, o-aac me»*:. n acquieto- *- & 
. .. . ,- - è e - 

•-, .io- - :i a.. vite e . .e«iuàt*■* -'---- i » * - cc*. : jvvUpiml^ f — d 

:v* •■"Sfratto in gr*a parte i vantaggi che sii potè ,ano sparai 
-j, dall.» breve codificasioae cocr/erus, * cogli articoii 54'e 3o 
j*llUlto getterei.-. --• *- "e.'iino, poiohr- e* *l lessero erteci 











52 


tanto àil f ocftUi-a*: ione qusnto ai protettorato g a scossi ■ì'tr- 
fciighi anche dopo la presa ai possesso, o per «e gli a dire a a 
non si fosse creata questa ibrida figura uè protettorai co* 
.-.e Asode di acquis - originario della sovr--.n~ tà e non si ‘ asse 
- ■. > ode «il "oscviyaai'ttàe’’, «quella dodisioasìbn* evrehv 

roso isjpc-sssMÀs per l'avvenir* e-■ 1 « oic :,.-o;i 'ni u : *es ■ 
ve di territori un popolo a ampie taivoata per ci servar-' 
a se per il futuro ««tese sfere di :nfluer*-i, oh? hanno fan» 
to ritardato' la elvìlistsaaioae anche da' *'Amerio* « dei 'au® 
strali* Se si adottata rei due ardiceli la stessa 

regola tanto per la presa ài posse set quan 1 ‘ per man* f 
acato effettivo nella sovranità e por ' ;l effe- ; ivo 
de I l’asinini sirazione, gli acquieto, e le o c pastoni sis'oc 
rhe o * sequestri «oca sei vi ài ter ri .«« . anche p?r ì'a .. > 
a favore di un popolo « cr o stat ■: più possiti a* V. m. 

sa Coloniale aT** i a oì&'-.a sar-.'Où- uà'? euutupì-* **« 

e più attiva, iùquantochè non si »»,•<»'';.g p -tuto iti ere 
po, cor ?«eupaaionÌ fittiaie : con proclamai. ics;. » vassi'*- di 
protettorati che praticamente t^rna io spesso, a -so 4 ,*: ■■■••■> 
l'attività futura di granai popoli, granai ost ariti- ini ai 
territori invece ano ne in quésto Caso, c oue iti quello cu...», 
c = g»ierenaa cosidetta curIla pace, 3 “abilità ae; aiploiu**'...ci 
trustrò una gran parte de,»i'’&s:&fc ■ tati va de li * w&apii à e de il» 



















sa 


prepara*xon* *«A %*• - iati Mente * -ttl aspettavano pria* 

■ questa »’• odi.fi • >*!.e olr " » i .■ ò .ut,- a. : occup «aionc o-> 

vev* aprire ttM nuova a l dir. c * vi. ai a le, e ment. e. 

C xf‘ ' ’ n*‘ pA'( ' ■ vS t " ’ - :V ■ iu ’f-l V * ’ V- . . 1.Ì piS-'J ù'~ -3 i 

plaudiw.o, dcp% non a. ■. . ; , <*■&& •:* 

lo si* o- si ra.-.-iu. '■■>, iiivs ...; . S'ùm v osé... '.-vra 

dalia. JSjrwm ** de* Ingr-. : torva» - • * pi" s ; n\e•. 

rese***-. a sequestrare la asse*,.-* ;• -.ri ài U - .r» 

ni % propr* vantaggi , «labore:- ■; , .« , .r:ùi,X. ■■ v 

sa ohe s iàv ,4 ‘. . v * qui?- >«* a- ri '5 

.-(JJi 3 9 X On%! ìfì (. .&u ■*► "• *" Ol - ài! « 0 ! . ■* / 

reti ivo nel tas* ai protesi, or* *» .. o* ion* gyinv 

queste acquici ' li .véypaaior;* si pr Jt . c ' • • , n - 

senso n -ina -antra-sdia *o*i> gv it*_ . v.. » v; ,u .: -- . • r v... 

rispetto ali*occupazione dei te'"itor : . o << * : .. :; , 

di -s.-sr «ronza « una quantità di pr.* ' a - r: . 

tutelare i ter ai, si rifilanti*.- i pur.- ■ „, . 


Trr ffltxiA ■?■• 


A . 
























3 


6 » 

la dottrina dell® "hinterland* e Quella della 'si'era. 
d'iafluetlsa, riproducono in forma di Tersa le antiche piste - » 
se di attribuire effetti territoriali eecestsivi ad usa atto 
di occupazione e di considerare tutte le regioni possedute 
da popoli barbari come riservate alla espansione di dominio 
di popoli pià civili. 

Eguaglianza con questi degli Stati di civiltà sto» eu* 
rope* nell» non suscettibilità di occupazione dei rispetti*: 
vi territori- Disuguagli ansa quanto agli effetti delle ri* 
ispettive sovranità territoriali. Dottrina dello "hinterland* 
e della afera di influenza non riconosciute dagli Stati *w* 
ropei a prefitto del dominio territoriale degli Stati di ei* 
Viltà non europea. 

Applicazioni della sfera d’influenza ai patti fra Sta* 
ti europei per la ripartizione delle future alieni colonia* 
li» Su» applicasi oai improprie a patti analoghi fra quei 
Stati circa territori appartenenti a Stati non europei od a 
patti imposti ad uno di questi ultimi di non alienare ad un 
determinato Stato europee. 










XI carattere di eccezionalità del diritto coloniale ir 
rapporto a-ì diritto Internazionale si riscontra sopra tutto 
usi «Mi di acquisto, cioè nei modi di effettuare, come nai 
modi di preparare, X 'acquisto della sovranità- 

ì;* è visto cOi?ze questa eccezionalità, più manifesta 
nello sviluppo della dottrina della occupasione e de11*acqui= 
sto della proprietà sulle case immotili , ai eia venuta modi- 
iìcando e come la modificasiOne sia venuta più radicale nel 
dominio del diritto coloniale. Sa è visto poi ohe lo stesso 
iSiìosaedo si manifesta nella condotta tenuta dagli stati per 
preparare la legittimità di-acquisto di territori adiacenti 
a quelli da loro posseduti in un determinato momento. Sotto 
questo rapporto pareva che la modificasi one di acquisti di 
sovranità territoriale avesse distrutto persino la possibili" 
«à di quei territori o della estensione di una sovranità a 
tei rit ori effettivamente- Occupati che aveva contraddici in 
to il di r i n t o c desia le nel secolo XV e XVX. Invece sotto 
altri nomi e altre parvenze, questi istituti sono ricomparsi 
anche setto il dritto contemporaneo» 

Immediatameate prima e dopo la conferenza di Berlino è 
la dottrina dal cosi detto "hinterland* della Bfera di Itp* 
flusnas che rappresenta la rogar rea ione degli stessi eccessi 
di occupazione fittìzia che contraddistinguono U diritto 
««Urtato nel primo periodo della sua manifestatone moderna 














5 


3 che ha' dato luogo a tanti conflitti* 

questi istituti b! sono venuti -tracf ornando ; la dtminu* 
sloìce di risono se imanto di diritto dei popoli di razza e di 
civiltà non europea è eguale a quella che era un tempo, sua. 
invece fra i popoli di razza e di civiltà europèa* la mani¬ 
festasi one è pifc giuridica formalmente ài quel che non fos¬ 
so nel primo periodo della mani fa et astone coloniale. In «uè* 
sto si aveva prima di tutto una dottrina della sfera ài in- 
fin enea* ohe era «fera di. influenza del complesso del pop 0=3 
li cristi ani. Il Pontefice li' rappresentava come sommo di 
tutti i sovrani del sgrido: egli poteva distribuire■à territo¬ 
ri a un popolo o all’altro. Temiva occupato effettivamente 
soltanto un punto del territorio, ma da questo punto si pre¬ 
tendeva che l’effetto di sovranità si estendesse a tutto 11 
territorio che formava con il punto una specie dà unità geo¬ 
grafica, £sr esempio,, occupando la foce di mi fiume, 1’ef.te 
to dulia occupazione si doveva estendere a tutte le sponde 
di ausato- fiume- 

tn epoche pii vicine non esiste piu questa sovranità 
dei Pontefice, dia resta però lo stesso concetto negativo ri- 
spetto al diritto di vedere riconosciuta la propria sovrani^ 
tà aal popoli che-non seno costituiti con un minimo di orga= 
ytizjsassi Che Ctj-c ondo ile once 11 0 eur op© 0 . 

Scrutò i territori appartenenti a popoli che non hanno 
questo minimo di organizzazione costituiscono una sfera di 












6 


influenza cessane per gli «tati che appartengono alla civiltà 
europea. 

Si ila tjuin ài lo sviluppo del cono etto dello "hinterland* 
«he è il eoUegamento geografico di determinati territori non 
effetti vanente posseduti f. territori Ticini posseduti & uno 
Stato, la determinasione di guasto hinterland, è basata sui 
negoziati e sui conflitti tra i vari Stati, poiché non si ha 
piu -us superiore, guaio era prima il pontefice, che ne possa 
lì&ìt&re le pretese* 

*■' Su tutti i territori che non sono in dipendenza diretta 
«on usa regione affettivamente occupata, ma sul guai! gli 
Stati pretendono di riservare la propria salone coloniale fu* 
tura e che possono essere ccnsiderati come la sfera di in 3 
flueaaa oofflrt^s di tutti i popoli civili » la d@terminwsi«ie 
stessa di guest 1 territori f appartenenti a una sfera di in» 
finanza di uno piuttosto che-di un altro popolo, appartiene 
ai trattati che si fesso tra due e pi& Stati, Però guesta 
aste minasi ose è «capre suscettibile di contestazione da par* 
4* di guai Stati che alla medesima non abbiano partecipato. 

. Za Caratteristica della dottrina dello hinterland» guarii 
to di quella dalla sfera di influenza, è basata sul carette* 
re del diritte eh* ai rlcosoocstio reciprocamente fra loro i 
popoli europei. Ss, per esempi e» ©casideriemo torri tari cele* 
siali òhe sene effettivamente oacupatl e confi nan o ftw di le® 
ro, - e ©a© la Suom Ouirea ©hs nella parte ©eoi dentale è clan* 














? 


--,-a aolla P ar ‘ e orientalo inglese e al nord tedesca, ve» 
é , r . r0 ohe essi hanno un confine sicuro e bone delimitato e 
c i 16 ancìie se la colonia sessione non sla spinta fin nell* in» 

—^ tip l'Olanda, nè l'Inghilterra, nè la Germania henne 
tento, u*: 

n-ritto di considerare come proprio hinterland un territori 0 
-le non sia dagli altri Stati occupato, sebbene a questi l- 
.v i-aente appartenga. Se invece tra questi Stati e e ne seno 
;Vri indigeni «he non rispondono al concetto europeo di Sta- 
to questi costituiscono materia di sovranità e possono ss» 
sere considerati come hinterland dai primi. 

Rispetto alla estensione di questo hinterland, gli Stati 
europei potranno venire in conflitto fra di loro, ma non ri» 
spetto ai territori che già appartengono idealmente ai.aedo» 

elmi* 

La differenza che esiste nei rapporti fra Stati europei 
e Stati di c i vi Ita non europea nel considerare la possibili» 
tà di esistenza e la estensione della dottrina dello hinter= 
land si- può.rilevare da taluni esempi recenti, da cui risul» 
tei come Stati europei applichino tale dottrina. 

0 Questa differenza è stata la causa per la quale nei, 
ereditando gli Stati esttentriosali dall’Africa dalla tnf= 
chia, non lì troviamo nella condizione in cui ai trovavano 
25 anni or sono. Infatti la Turchia occupava, la Trip oli tanta 
e Cirenaica con tutto il loro hinterland. In certi territori 
tettava guarnigioni, e in altri non teneva guarnigioni, ma 






8 < 


n0eWa aUi « sovrani.» dai , rtnslpl . 

la sua sovranità si spingeva fino all» sponde settentrionali 

<S ' 1 Ue ° T ‘ aa> &**> »i tratti di determinare 1 limiti 4i 
ovest, hinterland, «entro !a Prenota per effetto delia ** 

occupazione effettiva «a pii reeente delta Tunisia, dei"' ai* 
Senegai, se pretendeva di penetrare ad oriente 
del. Sudan * a end tla) « ^o di Tsad, «ma una dipendenza 
sovranità ohe essa aveva affermato al nord e all'ovest 
« Wel lago, cercava la Turchia di far, valer» i « 
ritti- f t«rriton al sud della TrlpoiitarU . Oirsnaiea .ora 
rispondono salto pii B 1 concetto dello hinterland riguardo 
alla Turchia ehenon riguardo alla IVancla, non nolo per «„ 

tlW -storici. Incordi amo U 

Pertmena. ole veniva applicate nel* accesetene della pr „ 
prlatà dell, ooaa «•«.do i'conoettl del «ritto rasano e 
secondo un -rammento dal giureconsulto Paolo oh» dico:"Bui 
eoe. a«adente alla «a Puf venivo attratta dalla mia così 
che venga anche quella fatta mia..- onesto concetto era vera* 
«dte molto pii applicabile'ai rapporti fra i territori ueur* 
pati dalla Pr&ndia ed i possedimsnts della Turchia ohe non 
« i primi . W*U1 «he gl» la Prenci. possedeva. la Turchia 

******’ •“•** diritto, ma la Brincia non lo volle ri= 
conoscere, . guand. la Turchia do**,*» « definire la ,u.etic= 
« al tribale dell'Aia, la frane!. non vou. aderir, al 


. 
























9 


giudizio arbitrai che er« costituito <U giudici europei che 
per io meno potevano o&re la garanzìa . non avere pregiudi¬ 
ziali favorevoli per la Turchia* 

ha dottrina della sfera di influenza si è sviluppata 
per la necessit-" 1 'vi eliminare, pe■" lo meno in parte, i con¬ 
flitti che ìoesono, sorgere tra i "ari Stati che si propongo^ 
no di estendere a determina*!, territ-ri la loro ..sione ©cono— 
mica e politica. Essa fi distingue dallo hinterland perché 
in questo caso si ha un rapporto geografico in dipendenza 
del territorio non posseduto e quello posseduto, e si tratta 
soltanto di limitare la estensione di questo rapporto e dia 
pendenza, mentre nella sfera di influenza non esisto un rap~ 
porto preesistente fra un territorio e un altro, benché ©si* 
é+.a la esplicasi"nf e il proposito di uno Stato di estender* 
la sua influenza a un altro territorio. Quindi nella sfera rii 
influenza il rapporto è quasi totalmente di creazione volon¬ 
taria dello Stato ohe propone a sè medesima queste sfera. 

- Siccome il rapporto fra i paesi civili e i paesi ai qua-; 
li questi si propongono di ©stender® la loro azione colonia^ 
le futura non può essere regolata da alcuna autorità superic* 
?e> così uno Stato che si propone e®ae $sopo della sua condis 
sic •> futvru un® de terminata etere, di influenza è necce sa» 
ri&menv tratto a farsela garantire de quegli Stati die va* 

" ' M 

SToaiA mm: iodato £ "sismo o'óiamAm 


xa.sp. 2 











10 


irebbero eostf&starla e specialmente da quelli che nella sfes 
ra «tessa 'mano maggiore interesse. Perciò ordinariamente la 
determina» iene della eiera di influenza r ideate il carattere 
di transazione. 

1a determinazione della atera di influenza ha questa cae 
rat ter ist Ica che, sicc®e presenta una de limi tastone di «t= 
tività future che ancora non appartengono, presenta un c®= 
rattere positivo che riguarda gli Stati che *a stipulano, m 
nei rapporti fra questi * gli altri Stati pr«senta un carata» 
tere negativo. I trattati relativi alla delimitazione della 
sx'era di influenza hanno la,caratteristica che obbligano quel 
3.1 che le costituiscono e non l terzi Stati che possono comi 
dorare una tale convenzione fra due altri Stati come reslnter 
silos asta, » che « tortio nee prodest nec nocet =. 

Ma anche rispetto a questa dottrina i sfera d’influen= 
«1 ha una assoluta differetiaialità di diritto fra popoli 
europei ® popoli non europei; perché i primi stipulano tratta 
ti e attribuiscono alla loro attività Stati non appartenenti 
alla civiltà europea, come i territori di tutti gli Stati che 
comprende vano la regione fra i possedimenti occidentali e 
quelli orientali dell* Africa del Sud. 

futtl questi territori vengono attribuiti e distribuiti 
alla «fere di influenza degli Stati europei, mentre invece 
non sono a amasi a pattuire gli stati che non appartengono al 
la èivilt* europea, Ghindi nella partizione delle, sfera fin» 























il* 

flaenz» iri àfrica non si ebbe dal 1835 in poi Rè la burchia, 
■»è il Sultanato di Zanzibar, nè 1*impero di Abissini», nè la 
repubblica di Liberi». 

Li questi trattati per la partizione della afera di in* 

’ luenza è numero»» la sarie a cominciare dal 1885. I possedi» 
menti inglesi, tedeschi, francesi e italiani in Africa e in 
altre regioni vengono delimitati prima ancora che i territo* 
ri fossero occupati con trattati relativi all» sfera d* in» 
finanza. 1?er citare quello che ci riguarda, si ebbe» fino dal 
1891, per 1» sfera di influenza nelle vicinanze dall*®:iopia 
e n<41» regime della Somalia, eon l'Inghilterra.trattati **>* 
furono completati più tardi e eh* ebbero il loro epilogo 
2» Convenzione del .1308, 

ilei trattati per la delimitazione della sfera di infìcèr. 
za fer» la i^raneÀ» e la Germania, a cominciare con la Co&ven» 
zimp del 1833 «4 arrivi sino ali'ultima C#nvernai#»# dal 1912 
do»# si ^-limitano tutte le afere di influensa sali*interno 
dell’Africa Entrale, nella regione del Congo e dalVAfrica 
Orientala Al Congo, in unione con gli interessi del Marocco. 

Ira la Francia e l'Inghilterre' -per 1» regione del &fl*r 
dal 1886 si terminò nel 1904 In cui 1» sfera di influenza fu 
determinata' in tutte le altre parti del mondo. E nel territo¬ 
rio del Sudan Orientai® e della Regione del Iago 5’sad ei 
venne nel 1382 a un accordo fra Germania, Francia e tughil^ 
terra per affetto del quale si spìnsero le sfere di infitteti» 














12 


za. SI questi tre passi fiso al lago Tsad, ttvislone eh»- l’I¬ 
talia avrebbe tutto il diritto di contestare per i territori 
ch« ben fossero stati effettivamente occupati. 

ftueuta dottrina dalla «fera li influenza venne de gene* 
rande ancor più negli ultimi tempi. Sino a pochi anni or so* 
no la dottrina della sfera di influenza era applicata ad as* 
silurare l’azione degli Stati europei su territori che a® par* 
tenevano alla categoria dei territori nulli uè cioè che non 
seno costituiti a Stati che abbiano il minimo di organizsa* 
zlone che si ritiene indispensabile - ■ 

Us. nell’ultimo per lodo al venne ad applicare questa dot* 
trina della sfera di influenza net rapporti fra Stati europei 
e Stati appartenenti a civiltà diversa che per* hanno una 

sviluppo tale da pretendere la integrità dei propri territo* 
ri. 

Come abbiamo già ricordato, i popoli del mondo ci divi* 
dono in tre est «gerì*; 1*) Quelli ohe hanno la pienezza dei 
diritti; 2*) Quelli che hanno riconoscimento, ma con diritti 
m» pe 6 diminuiti, che apparterrò*!» a una civiltà diverea da 
quella europea; 3°) Gli altri che non hanno quel minimo di 
organiszazione ai state riconosciuta sufficiente e che qui»* 
di costituiscono materia di espansione degli altri Stati. 

-Sino agii ultimi tempi quelli appartenenti al 2* gmp= 
po erano considerati meno di quelli appartenenti al prime, 
oa la quanto al diritto della loro sovranità territoriale si 






















ir- 


oonelder arano perfettamente uguali agl 1 steiti 

l'ultimo periodo,InTece, della eepaneione coloniale e della 

corea degli Stati c»™»» 1 ™ lla « lan * t0M 4 “ Ua ^ inflU *" 

„ 0 * è roluta applicare la dottrina della •*«* 4 'infine®, 

aa’non colo alla futura «ione coloniale nei territori nul- 
» *a anodo a duelli che appartengono alla accenda categoa 

• r **’ B « 1 , dottrina ei è applicata a queeti Stati o ecn 
einrenaioni fra gli Stati europei e» riguardano 1. nvXw 
1 . operazioni future di queeti Stati, oppure con trattati 
etipulati da «no . Pi* Stati europei con quelli della —’ 
da-categoria per obbligarli o ad accuse l'impegno di non - 
-ienaro certi territori o di alienarli agli Stati della pri» 
, categoria. Per eeempio, nel 1901 ei atlpulS un trattato 
r ra VTngWlterra, li *»oela e rItalia, al» *arantendo 1» 
pariti fra queeti tre Stati nello cendieioni di carattere - 
oonomico e politico la Abi.einla, n. *«**• ripari wic~ 
e la di et ri bua ione dell. efer. di influenza, ITel 1907 fra 
l'Inghilterra e la buccia ai * coneiderato il TMbet come 
appartenente -alla efera britannica e la Pereia, ohe .ppar» 
tiene alla eeeonda categoria, 0i 4 attribuita fino a Tehorar 
alla' sfera di influenza mena, al end alla efera di inf Itene 
sa britannica, lanciando neutra eoltanto la parte centrale, 
il *owao perenno Woe le mie riserve e non grolle rie**** 
questa- ripartizione, «a recentemente, in seguito al 


















14 


fai listato de 11 ' am-sini et ras i cme &® Ila Porsia, dirotta daJ- 
1'‘americano Sehuster («he pubblicò un libro intitolato: *Th# 
etr&ngling ot P«rsia. w ) t la Russia iapo®?: alla Persia il ricca 
uose imenio di questa .ripartizione, anzi, togliendo di mezzo 
!*► esatta. acuire., fra 1 Maghili erra e 1* Russia si è diviso il 
territorio in da® sole regioni:- la par*..:, settentrionale et* 


tributta alla ' 


‘ 01 e meridionale all'Inghilterrs.. 


Vn e* e»pio de. ev oda «ani fa stazione, non più p$r 
trattati fra Stati della prima categoria, ma per 
mazzo di trattati stipulati, da. uno o più Stati or co ai non 
quelli delia seconda categoria si ha negli impegni ©ho la 
Oins, ha preso di non allenare ©erte determinate regioni! ad 
esempio negai accordi della Cina col Giappone per cui la prl- r 
ma si è impegnata a non alienar» la prorinei.» em sta in ite® 
Cja ài Formosa appartenente a quest'ultimo Stato. 

° ra Si ® per ^ priffla v °3-t» applicato questo sistema 
con un decadente Stato europei, cioè con U Portogallo, par 
^eventuale divisione dei suo* territori coloniali. 

Tutto ciò dimostra che la lotta coloniale è astretta a 
negare una gran parte dei principi ohe stanno a base del di¬ 
ritto Internationale e a dare a questi una specie di parvero 
giuridica ai espressione e analisi sistematica. Queste in* 
"jaxi u«i di: lito che sta a baso della espansione -eole» 
****** ebbero alcune manife©tastoni nel primo periodo della 
mansione medesima., ebbero manifestazioni nel periodo più 













15 


recente epeclaJmeBte con la dottrina dello hinterland e del¬ 
ia «fera d’influenza, ma cono sempre la manifestazione della 
stessa necessità in cui si trovano i popoli esuberanti ni 
U di togliere territori a quelli che non hanno tale esubera* 
za o eli® si trovane in decadenza. 


















16 



I medi derivativi paciflei di acquisti dalla sovranità 
t*rritortala e le loro modifieasioni nei rapporti coloniali, 
la cessione; anomalia del diritto coloniale quanto alla capa* 
citi del cedente ed alla validità oOst 1 tuaiontle dell' 7 <se*~ 
sioni fatte in suo nome. Lo scambio: diverse proporzioni del* 
le sue applicasi ioni al diritto inter raziona lo europeo ed a 
ouelle edonialo. Lasr-venditsi: sua scomparsa dal ùirittd eu. ^ 
peo e sua sussistenza in quello coloniale, le- mutazioni 
s che rat?? della sovranità: la concessione in ar_,"'inl strazioni * 
semplice c qualificata; gli affitti ad uno Stato di un temi 
torio appartenente ad un altro; le municipalità europeo ìel 
territorio dì uno Stato orientale 


l‘eftette di qucata di ffercna ialiti si riconosce anche 
nello sviluppo dei- modi di acquisto derivativi e originari 
della sovranità territoriale. Di questi modi taluno è *eom« 
parso del tutto con lo sviluppo dei rapporti internasi anali > 
alti S sono rimasti in proporzione diversa e con diverse ma» 
«Afestazioni nei rapporti fra popoli di civiltà europea e 
fra «unti o *ltrt popoli, altri si aM10 oyllnppotl, » „ol* 


















17 


tanto relativamente a questo secondo ordine di rapporti. 

Il modo derivativo che, si può dire, scompare, è la 

0e8.gi _P.na.. 

Questa non poteva esistere nel diritto internazionale, 
specialmente europeo, se non sulla tese della organica anione 
patrimoniale dello Stato. Quando questo era tenuto una pertix 
fc«aaa territoriale del sovrano, pertinenza della quale erano 
appendici secondarie e dipendenti gli abitanti, si poteva sp* 
pllcare il criterio dei rapporti patrimoniali apfe la sovra* 
nità territoriale. 

Per esempio quando si-«stinse la casa dei Tudor in ln« 
gfei.lt erra s il parente più prossimo di questa lamigli,!?., che 
era Giacomo VI’ di Scozia, divenne sovrano anche d’Ingfeil* 
terra col nome di Giacomo 1®. Questa fu la causa % or¬ 

masi one del regno dì Gran Brettagna. 

Oggi, per effetto della successione non prò più &vve= 
aire una fusione di due Stati; per esempio la casa reale i=* 
taliana ebbe in parte origine austriaca percM austriaca era 
1$ moglie di Vittorio Emanuele XI®, ma ae si estinguesse il 
ramo diretto della casa reale italiana, e il parante più 
press; -.a £,-■•?.« un principe della casa dell’arciduca Ranieri, 
#&sto principe non potrebbe essere nello stesso tempo impe» 


STORIA mìM COLONIE E DIRITTO COI, OHI AIE 


Disp. 

















18 


Fatare d’Austria e re d'Italia. In queste case il,popolo i« 
taltane potreste* benissimo scegliere un’altra ionia di gorer* 
tto o un'altra dinastia. 

Il carattere della suo ce e si acne era dipendente dal carata 
tere patrimoniale dello Stato specialmente durante e dopa 
l'epoca feudale. 

la suecessione, quale modo di acquieto della sovranità 
territoriale, è oggi ecemparsa. 

Invece un modo che è rimasto tanto nei rapporti tra 
Stati europei, quanto fra questi e Stati non europei, è la 
S f' dSi°HQ .s #la cessione pacifica," sia cessione derivante da 
un trattato 41 pace, dopo le vicende di una guerra, Oueeta 
forma di acquisto si ha tanto nei rapporti fra Stati europei 
quanto fra Siati di civiltà diversa, tanto fra popoli della 
pria» quanto fra quelli della etconda categoria. Sotto que« 
«te rapporto si ha una sola-differenza distintiva fra i 
trattati di cessione fra Stati della prima e i trattati di 
cessione fra, questi e quelli della seconda categoria, * elei 
eh» gli Stati di civiltà europea apprezzano sec«odo i ooacet* 
propri la competenza a contrarre e la sovranità de 11* a 1= 
tra parte contraente. Se ad esempio uno Statò dell’Impero 
Germanico stipulasse un trattato col quale cedesse a un altro 
Stato una parte del ano territorio, u trattato sarebbe nullo 
P«r effetto della ineoiapeteaèa di una delle parti contraenti. 
-Infatti spetta all'Impero Osmanico, e no» ai singoli Stati 












19 


che la compongono, la decisione in materia di competenza 
territoriale. Invece nei rapporti con Stati di civiltà neri 
europea, gU Stati europei, nella aspirazione di espansione 
coloniale $ di conquista apprezzano secondo concetti propri 
e non secondo ì concetti di diritto pubblico la importanza 
dì queste convenzioni. Per esempio nel 1876 la Mancitiria fu 
ceduta in ima delle sue provincìe costiere, quella del porto 
russo di Wladivostoclc fino alle sponda 'settentrionali del= 
l'Amur, da un vice=re cinese alla Russia. 

Questo vicessre era soltanto un rappresentante del go¬ 
verno cinese per quel che si riferivo all f anaci ni et razione e 
non poteva certo disporre dei territori. Però la Russia, 
volendo fare atto mascherato di occupazione, Impose alla Cina 
di riconoscere il trattato stipulato dal vice—re. 

Ugualmente una gran parte dalle occupazioni territoriali 
compiute in Africa e in Oceania, che ebbero per espressione 
un trattate di cessione dei ri o capi indigeni a Stati -euro= 
pei, avevano quasi tutti questo Carattere di invalidità. Ad 
esempio l'occupazione delle isole Samoa ebbe il principio di 
questa nullità radicale di essere pattuita da uno dei capi 
indigeni che si trovava in stato di rivolta verso il vero re 
delibarci pelago. Chi esamina la storia ài questa occupazione 
vede un ro simulato che stipula un trattato ,e un re legitti® 
mo che non vuol stipulare e che non viene riconosciuto per 
dare una parvenza di legittimità alla cessione. 















20 


la ceasiana resta quindi un sodo di acquisto dì terri# 
tori tanto nei rapporti fra Stati dì civiltà europea, quatr= 
to fra questi » Stati di civiltà non europea, ma in questo 
ultimo caso si prescìnde dargli Stati europei di applicare 
le regole che seno necessarie perchè un trattato eia rit*nu= 
to valido, cioè le regole che si riferiscono alla validità 
dei contraenti ed alla pressione del consenso. 

Un altro modo di acquisto della sovranità territoriale 

* ’* • v 

è .lo sgggìbip dei territori, come esiste in proporzioni di* 
verse nei rapporti fra Stati europei e in quelli fra quest: 
e Stati non europei. 

Esiste anche nei rapporti fra Stati di civiltà europea 
appunto perchè il concetto patrimoniale dello Stato è venuto 
a cessare, e perchè ne11*aggiudicare il territorio non si 
pu& prescindere dalla popolazione che lo abita e dal carat® 
tere di nazionalità della popolazione. 

lo «cambio dei territori rispetto a quanto si riferì* 
cce a Stati propriamente détti è scomparso quasi del tutto 
da* 'modi di acquisto della sovranità territoriale. Esisti? 
soltanto nel caso di rettìfiche di frontiere come avviene 
adesso fra l’Italia e l'Austria nell’Isonzo e nella lombsr* 
dia, e ciò non sole per ritornare agli antichi confini, ma 
anche per meglio corrispondere la divisione dello lingue. 

Si hanno alcuno parti di territorio clic passano da uno 
Siaw all-altro, come avvenne alcuni anni or sono per off et- 

















31 


to di rettifica di frontiera fra Italia e Svizzera, Tjta altro 
esempio si eh'oe nel 189? con la rettifica della frontiera 
fra Grecia e Turchia, 

Invece lo scambio *ì verifica anche fra Stati europei ^ 
**lafei-«unente ai loro territori coloniali perchè,questi ter* 
^ano un possedimento e non una parte integrante del territo¬ 
rio nazionale. I territori coloniali sono dipendenze quali¬ 
ficate dai tedeschi Schutggehiete* e considerati some Aeigland 
ir. rapporto colla madre patria, ma -Tuland in rapporto coi 
ter&i Stati- 

le dipendenze coloniali appartengono ai popoli europei 
nello stee&o modo in cui, quando si aveva, il concetto patri- 
montale dello Stato, gli Stati europei appartenevano &i lo¬ 
ro sovrano. 

p^r questo che quando i vari Stati coloniali sono 
venuti a transazione, si. è avuta, per esempio, aii 1904 * ~ a 


' rinunci a da parte de ir Inghilterre. sul IK&rocco e della “ran¬ 
cia su21’Egitto, l’anno scorso la rinuncia della trancia sui 
territori del Congo a favore della Germania e di questa nel 


Carnami a favore della prima,, Hai 289S si ebbe una conven¬ 
zione fra la Germania e l’Inghilterra per cui quella t inun- 


eiè ad ogni pretesa nelle isole Tenga e questa rinunci* a 
quella delle isole Basca che le appartenevano par effetto di 
altro accordo antecedente colla Germania e c&gli- Stati Uniti 
Evidentemente Si ha un’applicazione assoluta dal carat¬ 
tere patrimoni»le delle State, a favore dog- i ■.ur--,? 

















22 


a cui i territori appartengono. Le popolazioni di questi 
territori sono in una condizione di assoluta destituzione di 
autonomia rispetto alla «celta della loro pertinenza. 

Possiamo per ci A concludere che lo scambio estete coma 
sodo di acquieto della sovranità territoriale, ma ih modo 
aolto diTerso nei rapporti coloniali che non fra Stati di ci 
viltà europea.. _ .> ' - • j — 

Oltre a questi modi» dei quali alcuni esistono con di= 
verse proporzioni e con diverse modalità, altri in proporr 
zìoni diverse fra gli Stati de Ila ^prima e quelli delle al¬ 
tre categorie, altri modi non esistono più se non nei rap- 
porti coloniali fra Stati europei e Stati di civiltà diver¬ 
sa. Uno di questi modi è la. vendita . p,uosto moda si applica* 
va anche in Europa quando vi esisteva il concetto della so¬ 
vranità patrimoniale: per questo concetto fu possibile l'ac* 
quisto, da parte del papa, di Avignone, comperata per ottan* 

ta milioni di fiorini dalla regina-di Napoli. L^ultimo esem= 

* 

pio di vendita nei rapporti-fra Stati europei si ebbe da 
parte del principato di Monaco che nel 1861 cedette alla 
Sgancia i distretti di Mentono e RDecabfuha. 

Questo istituto della vendita vànne molto adoperato nei. 
rapporti fra Stati di civiltà europea e Stati di civiltà di* 
versa. Per esemplo, nel 1865 l'Alascka fu venduta dalla Rue» 
sia agli Stati Uniti per 35 milioni di franchi. Nel 1899 
venne compensata alla Spagna la vendita della isole Pilippi* 

















23 


4 


ne, Mariane è Guàne agli Stati imiti conia somma di 25 mi¬ 
lioni di franchi. 

Altri due nodi di acquieto della sovranità che sono e— 
eclueivi specialmente fra Stati europei e Stati di civiltà 
diversa, sono le affit tanze, e rapini strabi one, tj^goranea o 
indef i nita . Questi modi, invece di differire dai modi nor- 
siali di diritto internazionale europeo soltanto per la l'orma 
nella quale ei esplicano, per le condizioni di validità che 
si ritengono necessarie, e per le epecialità dei territori 
al quali possono venire applicati, si distìnguono anche — 
c^e sono modi larvati di acquisto e di cessione della sovra¬ 
nità. Con gli altri modi si ha la cessione in modo pieno del 
la sovranità da Stato a Stato, mentre con questi due modi si. 
ha un-acquisto della sovranità nascosto sotto la forma di 4 
affitto temporaneo o sotto la forma dì concessione, tempora^ 
nea o indefinita in amministrazione. 

Per esemplo il 13 luglio 1878 per effetto dell*articolo 
25 del trattato di Berlino venne dichiarato che 1‘Austria 
avrebbe assunto 1‘amministrazione della Bosnia e dell Erze¬ 
govina. Il 21 aprile 1879 venne, stipulato un trattato fra la 
Turchia e 1‘Austria che regolava l’amministrazione dì questo 
due provinole le quali fino al 1808, in cui fu proclamata la 
loro annessione all'impero austroungarico, furono armai ni str¬ 
ie dall'Austria in nome e per conto dell'impero ottomano. 

















24 


A questo restava la sovranità; non era stabilito un pe= 
rlodo 41 tempo durante il quale questa caministrazione doves= 
se durare e non era avvenuto il passaggio completo della so» 

Vranltà, tanto più che tale amministrazione era stata affida* 

; . 

ta all'Austria dalle potenze le quali avrebbero potuto rito» 
gliere alla medesima il mandato che le avevano assegnato, 

Un altro esempio di quésta amministrazione si ha nella 
«onverni©ne stipulata il 4 giugno 1878 fra l'Inghilterra e 
la Turchia a proposito dell'isola di Cipro. Questa restava 
nominalmente sotto l'impero ottomano, il quale conservava pe= 
tà qualche cosa di più della nuda sovranità perchè nei pro= 
cessi religiosi continuava ad essere competente la Corte Su= 
prema di Costantinopoli. Di più, l'avanzo consuntivo dell'i* 
sala doveva essere versato alla tesoreria ottomana, avanzo, 
che fu poi consolidato sulla base degli ultimi dieci anni 
dall'occupazione. Anche in questo caso non si tratta di ces = 

• 7 •• 

sione, ma si ha l*afiqv.isto di tutti i" poteri di fatto con la 
riserva di qualche diritto allo' Stato cedente. Nel caso del* 
l'isola di Cipro, non ai è preveduto un termine alla occupa* 
«ione e amministrazione inglese, ma si è posta una condizione 
risolutiva © cioè: sino a quando la Russia continuerà ad oc= 
cupare le città e regioni prese durante l'ultima guerra con 
.la Turchia, l’Inghilterra, in garanzia dei territori turchi, 


continuerà ad occupare l’isola, di Cipro. Basta il caso della 
possibilità che questa condizione risolutiva si verifichi per 





















25 


diversificar* Ut ccr.,d?. i-. - r-man» ■ li Ci.$ró t 

dalla «ondi?ione U „ "tsi'.v. ù v« territorio varamente asa$a 

so. 

V 

ifol 1887 tv» la G*rst:.n.-a. * : * t»gM iterr* iu patini»* la 
gaettone dal sultanato lì Zane'bar •■ ■ assonato il tersine 

di tre-- : t*anai par questa amministrai ore ., 

Abbiamo coai veduti tri? esempi di eonce-gsidhì d* arami ni* 
stra.-.i oie: quest'ultima a tempo iateraina* >, il eee&ndo a 
ie.apo ir. do terminato. ;na con. una condì a tose tivù; « il 

rim-. ••>.. " e-apo ledeter-;P tt* + . > a sansa condiziono risolutiva. 

Abbiamo detto che un altro caso di cessione larvata e 3 * 

• >rr:e ijX'WA \9 af fitt o. Onesta è stata praticata da lungo 
tempo nei rapporti eoi ni-U.- Ad . 3 aempio nel 1557 il porto di 
,K*ca- fu eoncegeo in . fitto dalla Ci sa al Portogallo, porta 
cùe i» ,.:ni*o :ol di ver. ..re un possa divento portoghese. Si trats 
t.- -a però di affitti • opr - '.'itti perchè a ratto coanpen- 

Seti col pagamento di un annuo corone. 

Gli affi.~ ti più rewftqtJ invece, t» identificane con la 
conce velane in ammlni s t re/. 1 one per; "uè non ai Su* una de temi* 
nazione dì cartone, oppure questo r. . e determinato in una som; 
m. Per esempio in tutte le conceseioiii ai affitte fatte dal¬ 
la Ci-, negli ulUmi tempi, eclt.*nt- q- ei-4 fatta nel 1888 

storia mlu - -ot-p/r? k Dinmo coiofriAis: jm*»’ 4 
















20 


&R8SÌA 41 Pori Arthur e Talienwan per 25 anni, era sii= 
inalata mediante la sor responsione di un canon®, che doveva 
P« r * «sacre data min aio Mediante una ulteriore stipular ione 
Siccome però tale canone non fu mai determinato e pagato, 
sala affitte corrispondeva perfettamente alla conceeolone 
di ammiri «trae iòne di. cui abbiamo parlato. ìlei 1905 l'affit¬ 
to di Pori Arthur » Talienwan fu trasferito al Giappone. 

ile 11* concessioni di Wei*h*i=wei e dell’Isola di Kao= 
i.yng alla Gran Bretagna fu stipulato che la prima sarebbe du¬ 
rata per tutto il tempo che Fort Arthur sarebbe stato e© cu® 
pato dalla Russia o da altra nazione, e la seconda per -4 an 
ni. Ilei 1S99 Kuang®Tesn«Wav fu concesso in affitto alia Frac 
eia per 99 anni 

ciono, tutte forme larvate di coesione di territori oh* 
non si distinguono- dalla concessione in amminlstrasiene e 
Cl ""’ insieme eoa questa, differiscono poco da una cessione 
vera e propria e a questa si vanno avvicinando poco a poco 
ne*, proceder® del tempo, per dimostrare quanto eia diverso 
il sfa toma di diritto pubblico ohe i popoli europei pratica® 
no fra di loro in confronto a Stati di civiltà diversa, ba= 
sta conaidsrare questa concessione in affitto. Uei rapporti 
fra Stati europei, un esemplo di affitto nel ver© senso dei* 
la parola s sena» passaggio di sovranità, si ha nella con» 
c® S 0icne fatta nel 1909 dall‘Inghilterra *u* .Francia, nel 
territorio inglese dèi Xiger, per facilitare alla Francia 





























la relazioni col «are e perché potesse ia*4#nt*r« dei staga«- 
aini attraverso le regioni inglesi "«fri» connessioni tì* 
sono stipulate in fora» analoga a ^uri-li «sai» P nr J -® Cua ® 
sessioni della Cina, dello Zansil»**/écc., sono pratica»*«t« 
nii puro affitto, con la conserrssiono delia sovranità iagle~ 
se s con l'applicasiotìe dello leggi Inglesi. to2s dii»-*rsn- 
sa. dinansi a una forma di contratto che è por.f «ttaasnTe i “ : 
dentice, è causata soltanto dalla dlftereasiftlit* Ui diritte 
fondamentale che esiste fra 3.V.0 e l’altro dei due ******* 
f*j* 1 1 a asconda cììs si tratti ai popoli di ctXVxivb. e ' J * - ,v 
c di ^ popoli di sì viltà diversa. 


















ss 


8 . 


Condii ioni «coesi ostali dei servitori americani ? n •:• •= 
po: so colla conquista e colla colortissu-i «ve =.vr , dori*= 
tanti asllit dot-teina c.1 Sfonroe. Sviluppo -v-' « . rlna.. So..' 

prjjse asm festa* ioni dopo la indipendenza *.;*{'li : Uniti 

ì*re para <; lese diplomatica della sua proci*:..-.; ione fu*, or tu; 
diasi ose ufficiale'nel paragr. 7, 48 e 43 del Messaggio del 
Presidente Mnnrce del 2 dicembre 1823, Suo ©vilup; ■ fino a» 
la- risoluzione Lodge del. 2 agosto 1912. Sue conseguendo; i 
territori &ae> .ieanì sottratti ad ulteriori conquiste o ceie- 
Rjasasieai europee} limite alla disponibilità dei territori 
posseduti in America da Stati europèi; limiti di disponici* 
de*, torri ; ori degli Stati americani nei '.oro rapporti 
e©?/ otti-, i r..»} omeri ceni; limiti imposti alle concessioni ter- 
* 1*erteli oi carattere privato ed econa&ìco da parte di Stat ' 
sericarii a sudditi di Stati non anerie&ni. 


Po? «oapietare la trattasi One di quanto »i riferisce al* 
l’acquvsto fella sovranità territoriale nei rapporti fella 
espansione coloniale. è necessarie tenere conto dì una dottri 
“ °® 3 ***** * w*«» «ap*+.to non ««, * i(!M rap!>0I . to C0B 
3 wsawmto e «U» «<**« si -»«tirii 1.1 n»pert« dopo «* 


















£0 


•wrp.e esposio il contenuto e le vieend», ®*°* 1® ^ 

Kcnr/m, Di tu-..et» e opportuno considerare prima la proporsi®- 
B , d *j vari elementi, poi le trattatile dlplea»tt«9w ®& s 
l ■+&. emetterc la' sua- proclamazione e per la sua- e«pea*i<me e 
< I ?vr . vril';.,;’po successivo e le sue **onsa*«enae. rin da <T>ai 
■ coetit iirouo, g l Stati traiti di America «emine!areno 
^OMià-^ri 1*colamento dalla loro politica opterà e del 
.^«unente in cui erano costituiti, cose uno dei priittiSfcU 
bwrtjU delle loro difesa. Si ha una dMbUMlff» a yvf* 
^osito del segretario di Stato J#ffe **-.31 Ar - 

i?S3 ivondo a Comiehael e Short, .ministri degli Stati TI* 
MU t Madrid, rifiutava ài entrare in qualsia»! r&ppoi ;o co?? 
ringhiami e con la Spagna per garantire l'indi pendenza di 
una p&rt? della colonie settentrionali Spagna®!? à’Amrida* 
jmr uvenàv in compenso l'arme e sione di *»na parte di Questi 
ter : i WUionciin» a lunati vantaggi par di non legarsi 
ie rapporti, nella àiatri bustone di territori- americani, con 
Sitati esopei. HO» voleva, per 1» stessa ragiono, entrare 
in. rapporti eoi l’Inghilterra, «he desiderava garantir© con¬ 
tro li*. Beasela una parte dei territori «pagnuoli, pur aden¬ 
done «ffiapenai 

* ITel 17 est tombro 1796 si ha il fluttuo %3$à£X*m $k &M* 
yod,c ii Washington *ai popoli americani. Questo fra le 

altre «ose; *Voi dovete se sere giusti ed e&uì con tutto il 

' - 1 ■ 

gìgaro umano» ma dovete evitai 1 Ugami faliti©* con S«*l* 










30 


sia.®! popolo non africano*. ? nel 1801 13 segretario di 
Stato Rrib declinava ugualmente ogni proposta d* il'Xnghilìe 
ra per accordi circa la protesicele dei territori de 11‘Atteri® 
ca 4sl Nord e del Sud appartenenti alia Spagna Tutte quest- 
ripugnanze agri va vano in gran pari*-dal desiderio di a«picu= 
rare la propria si tua» ione nel contraente 2 lai s- r ii -t-;to 
c^a il territorio americano s veesc essere riservato ■ v''o 
esclusivamente alla futura organista?-ione dei popoli &..*■' - 
c*mì, e specialmente al primato degli miti. 

Questa polìtica contimi-* ad applicarsi in jboùo, per >- 
ai dire, sporadico, per i primi venti anni del secolo d;c.i : -.n 
nevesiao, fino a die, dopo la restaurazione in Europa, e ' 
po la stipulasi ose del trattato de ! la Santa a.» J.eanz» s pe 
spi ragione di Alessandro 1° di Russia, le poi»*** «marcii? -- 
che europee pensarono di ricostituire 1 • ordine a ■ ' 1 ? A» 
:a s come era stato ricostituito in Europa, cioè di eiu* 
tare la Spagna nel ricupero delle .sue coloni? americane e 
u.> dividere poi «queste fra lo potenze che avrebbero prestato 
il loro aiuto. 

Guesto progetto minacciava di essere condotto a compì”' 
~ ft ' v “ ,i0 P0 3ns nal 182S le potenze di Europa avevano ristar* 
n-lAto in Spagna il governo asso luto, di re Ferdinando. .Visi® 
paratore di dn».iz pensava a un intervento europeo in Atteri* 
- ; è: r *afìarmare dominio dell'Europa su tutti % torri® 



























tori ohe avevano appartenuto alla Spagna, 

Il 27 ncreatore 1623 il barone Tuyll faceva una scanni» 
esazione al Segretario di Stato Aòasi per sentire cosi© avr*b* 
T 5 ff ro giudicato gli Stali Uniti un intervento della Russia 
e di altri Stati europei per metter* in ordine l'America- 

, , v * * 1 ,a , \ r -> 

latina. Il gabinetto americano fece un progetto di rispo= 
sta che ebbe due risultati, uno immediato e uno successivo: 
■il primo fu una nota diplomatica che il governo americano 
consegnava al (sinistro russo, il secondo fu il messaggio 
lai presidente Mcnroe. Usila nota diplomatica erano conte» 
cuti in germe tutti gli elementi che poi furono sviluppati, 
nella dottrina di Monroe, Vi ai diceva che il governo amari- 
caco sentiva V obbligo di dichiarare al governo russo ohe 
nerico te va vedere con indifferensa l'acquisto di territori 
americani da parte di Stati europei, o l'intervento di qu,e« 
sti negli Stati americani, o la cessione di territori «meri-" 
©ani ad uno Stato che non fosse gli Stati Uniti d s America. 

Contemporaneamente fra il governo americano $ quello 
inglese, che aveva interessa economico a impedire che Stati 
europei si infiltrassero ne 11* America del Sud, avveniva un 
accordo, in seguito al quale uscirono i tèrmini della cosi» 
detta " dichiarasi ione del presidente Monroe*. Ma i termini 

di questa dichiarasi©ae, sebbene fatti dagli Stati Uniti con 

* 

1 "appoggio dei l'Inghilterra., formarono poi oggetto di una 

» 

di «Marma lo» » indi Ti duale amo r 1 ean a, poiché, volen&o si e 1 i* 









32 


binare ogni intervento europeo nelle cose a»«riea*i*, si mì?*' 
da parte anche il governi ' inglese cha in quel momento »e.~ 
c ondava gli Stat ì Uni - 1 .. 

Si ebbe, dunque, la dichiarazione del presidente *on-- 
rs@, che va conosciuta sottp -il nome di "dottrina ài M.nr . -” 
Questa, dichiarazione non è «tata proni’, •?:' a dal prus' ien * 
Stonroe con la forma categorica con cui ? conosciuta, ir* è 
contenuta in vari punti del discorso letto dal pr«eid« t- r 
lEonroe alla Camera dei rappresentanti, nel congresso a*. ' " 
no del due dicembre 1323. Questo discorso, ohe oorri«po-.i: 
al discorso della Corona nei paesi monarchici. al paragra 
7, al p&r&gr. 43 ed a quello 49 contiene i tre punti ohe ri¬ 
guardano la politica degli Stati Uniti, punti che poi verme» 
ro citati insieme come se il discorso avesse avuto «come u;*.c< 
fine questa, dichiarazione, 

II.paragrafo ? riferisce le trattative fra gli. Stati u» 
niti &’America e la Pussia. r,Dopo avere riferito le parolì ri* 
volte dal ministro russo al. segretario dì. Stato amarf©ano» i" 
minietro aggiunge sha il territorio americano, ormai resesi 
iadip«ndante« non poteva pift essere oggetto dì opera colo* ‘ 
siali- da parte degli Stati .europei,, 

Il paragrafo 43 dice che gli stati Uniti considerano co* 
ma contrario agli interessi americani 1 “'estensione dagli Sta 
ti europei le territori americani. 

Il paragrafo 49 dice che gli Stati Uniti non poecono 













T 


3 


■ ? t, 1 ’ ini e rrent - «n ••• *>>. > * f 't &?> i 'Aziz-vi.c ai*?. 

oc Sanai a qua sta de* ♦ r. : n«, e»m* o «axne A * && « 2. sr r ? « ; « 
piiosta létterlosxsn'e. « poi X essere estese ttóslia sv - 
pT j.fm. i i wu ?*'.■'• - &LL intere? à "'r’ i Stati HJftlti, 

J/Aaicrica., c ■■■riti noni* tanto f- grande dall'Kur v* : m 
c • eelianto il territorio degli 3t-:vti Uniti è ài pone i"- 
i-rr? ore all’intera Jfuro/a, in C’i .12 salo Brinila ha tarla ~ 
st«nsl<v>« ugnale ®ll*mu*opa meno l'Impero -U໩, :entinentr 
•re al principio del se orlo se or 20 non **m .-una pepo'®::; *.». 
n* uguale & qua la ©dir-na dagli Stati uniti, awfe*** potute 
la-e 'fio erogo ? 5 wte-'.iato e profìcuo alla «5 f gr. ion i-i 
P$.o: * <«r*Opel rii - '•-» - -mfl. rinvigorita, 1 - vita dsi v#a$Mo 

1 

c 'ìtinnnte. 

. or. -o tìBtaù •“ aeepo, cure avrete» poi ". 4 0 dare taat? la.©» 
a risultati-, in" or -•*:.■ ‘.1. veto degli Stati ussiti ©&© prò* 

-•.v?;«io «t? %r ao prirv.-'pio; la non suscettiMlità dei ter» 
rii ori ' -.'."ri-t ...' lì i-y~ - ■ ■ oggetto di colonisaar ionv 
j.-.r -jii;^il Ste' 5 . 1 - effetto di occupaione . Pro* 

elamv«no quinti: un • - : ' nuovo, duello cioè olia gli Sta» 

ti europei non ..rotoe^ro 5 ~n®ifiorar* a-aie res aullius, e 
Quindi eouupat»?. ’ ì, U»rrito**i as»ricàai ancàe pesti in eaaple* 
tà *SMv- io*- 0 

Taci* *•*- or - vietato ». stati europei ài «©-^listare ter» 


«tosta mi? ■c-'U'TO e araxw colorai® 


-Lll i'i -5 












34 


rii tifi «meri ©ani» 


Silils applicazioni immediate della dottrina di Sonroe, 
questi princìpi furono fatti valere a più riprese, Per «eem= 
pio^ nel 1923MI8S4 la Buccia dovette, per effetto dell*aiuto 


diplomatico che 1''Inghilterra dava agli Stati Uniti, subire 
la condia ione da questi impostale di limitare la sua occupa» 
sione alla Àlasefca propriamente detta, anziché estenderla, 
come era sua intensione, fino alla California. 

® s *« 8 «®e col tempo gli Stati Uniti si estesero fino al 
Pacifico, deriva dalla dottrine di Konroe un altro prinoi* 
Pio, e dice; l'effetto della occupazione estesa anche a ter» 


riiori non effetti vanente occupati, a» continui gli uni agli 
«Utri, proclamato a beneficio degli Stati Uniti, mentre ì’ef- 
fetto della co cupolone ristretta ai territori effetti vaste»»,, 
occupati imposto e^ae ima restrizione agli altri Stati. 

Co» l'applicazione dello stesso principio si vietò C’^ 
potenza asse ricama cedesse una parte di territorio e che 


-isa territorio americano venisse annesso, sia p?re per effet» 
to di volontaria «lesione degli abitanti, a ano Stato euro» 
P*o. Questo fu il caso del Jucstan in cui nel X8S8 la popò» 


iasione insorga av@v& chiesto all'Inghilterra di essere soti< 
posto al suo dominio, un Sfiati Uniti intervennero in base 
ai prisalpl® 44 Koores elsa rSeeitoscere J daslai europei gii 
poweten prì» *»«. rnrnm*»* «ewana, «a 

w «te « Wmwu aurica» n9BUB0 per rf „ ]c= 





















35 


n* spenta»*» della popola»ione t annetterei ad uno Stato e«re» 

peo. 

Quindi dallo sviluppo di questa dottrina derida un al¬ 
tro principio in baso al quale ai diminuiscono le prerogati¬ 
ve costituzionali degli Stati americani non asiE?<r:tendo che 
cosi possano annettersi a Stati europei, 

Successivamente nel 1833 quando si iniziarono m tratta» 
ti ve fra 1» Spagna e il governo frane a se di Luigi Si lippe per 
la ce a Siene di Cuba alla Francia, gli Stati Uniti fecero va® 
lere un altro principio in base al quale no» era permesso 

Ir 

che uno Stato europeo cedesse a xsp altro Stato europeo u» 
territorio aaterloano. 

Stati Uniti j proclamate qu^i»*© ^unseguense della 
dottrina di Honroe, limitavano la sovranità degli Stati eur* wS 
pei in America non meno della sovranità degli Stati nazione 
li. Agli Stati europei era concesso di privarsi dagli Stati 
eie possedevano o formando uno Stato indipenAents, o cede»® 
dolo agli Stati Vaiti, con che ai diminuiva effetti vernante la 
sovranità degli Stati europei in «»»anto si riferiva al con» 
tinante americano. 

ri principio che era stato fatto valere *©r l'isola dì 
Suba^ lo iu anche a danna nostro quando erano avviate la 
trattative fra Italia e Svezia per la. cessione dsli*i»cia 
S “ Su-UlMM, di cui pot, in n » d>co„i«., fu cono . Ma 
is. e e «si sue alla Frane? . 






36 


Quando ai tratta di ordinar® t arri tori ce Ionia li in »«-• 
s-i le cui il dominlo «f-fett-lvo « l’espiorazione stessa nel- 
l’interno non. e e eap legata. tute usarlo molta volte una va vi* 

«ione di ooaflrv’ fra 1 tari Stati che ti trcn-a.no ir. contatto 


insediato con questi territori, e qui odi trattative di. oli.'- ~ 
tiri» per la delimitasi <m» t ad eventualmente «c bU di terri¬ 
tori per .far* combinare i territori ron gli interassi dagli 
Stati «316 Mi posseggono ® con la divisione naturale dei ter ri 
tori «setesimi, Siccome gli Stati Uniti volvya.no ' ar v- '»r& 


il principio che gii Stati europei non'potesse? - ' et ter- ■ ter 


ri tori cesasene p 8 r effetto ai contiguità di ter iter- a* de* 
riv& una prete»* dagli Stati Uniti ài introniti«rei per 1» 


dei erminas tona dei confini dei rispettivi pò se* disienti por 
verificare che. nella determinai ione di questi confini si 
stabilissero X confini medesimi .del possedimento eolsmi*l |! 
Antico e che non avvenisse nessuna *ttri bustone agii Stai; 
europei di territori già prima non appartenessero loro, 
esempla nall^Jtajuri©#, del Sud si hanno le tre Cfuyane 






ir, quanto si riferiva ài confini fra l'una e l'alt»* 
stions Interessava poco gli Stati Uniti, ma in quanto si ri* 
~ SI confini fra le Guyane e il Brasile e il Venosuala 

® rs interesse degli Stati Uniti che territori di questi due 
Stati contigui alte Cfuyan®, non passassero, col pretesto di 
rerlfdch# di .confini, sette U dominio — Stati europei 
CnA *» medesime., f* per ^ @to fihe @i ^ 





















«37 


tr:*-:v-*an<» desìi Stati Uniti nella determinazione dai con» 

. ; : tÈ Iff Uw. •■•••*■, intervento ohe fu fatto is una forisi 

p : ^ ■■ ;.-■ per *.«;•';« rte non solo 1 *Inghilterra„ ma *r?shw 

SI— - ;. ...i'uris non l’avrebbero subito senza la granati peten» 
a„ iegU Stati Uniti. 

Segretario di Stato Bl&ins fece subire al; ’Xnghi 1~ 
tv- * Untar.'erto degli SU ti Uniti, « la rari afone dì 
q««aM confi; i in base all’antica. diri rione fu fatta da un 
>, i > ■ • : * ar ' : ' ; - le. J* quin di ri « en « aeittt* fate ta aut ori¬ 
li £*g.U Stati T riti di intervenire nelle revisioni dei con¬ 
fini. 

q.. *r dc si trattò da 11 * intervento franco** nel Ueaaien, 
g ’ stati uniti, che tri trova rane indegna ti nella * guerra dì 
eucoft•;'■• non poterono imporsi, ma terminata questa guer¬ 

ra dietrverero 1*opera della 'Francia chs vi aveva 
t- un. impa 1 'o e vi sostituirono uà. repubblica. 

Oli SWti Uniti modificarono poi. il significato di *in~ 
terrenio”, interpretando che e»K*o non serve per imporre la 
volontà di chi interviene, ma chiamaroso intervento l’aaiCF 
n® di qualunque Stato per far valere interesai assoluti e 
ine onte» tabi li. Per esempio razione di vari Stati europei 
contro il Venezuela per obbligarlo a pagare danni .pausati a 
cittadini europei, fu calcolata dagli Stati tfruti o-srse un 
intervento che poteva ««cere dal medesimi vietato o limita?? 
J.. 0 . Quindi inazione delle potenze europee che ora un ♦arie* 














38 


a» diplomatici* per la tutela dei loro legittimi interassi , 
come si può fare norma imeni e fra Stati indipendenti, non ha 
potuto esplicarsi se non con un limite minimo di. sanzioni 
consentite dagli Stati Uniti, e cioè l'occupazione oomenta= 
nea di un porto e la riscossione delle gabelle. 

Rispetta «11*intervento, lo; sviluppo ultimo della dot= 
trina di Konnae fu guai# la proclamava ad Omaha il presi= 
dente Roosvelt, e "ci«è che gli Stati Uniti debbono curare a 
elle gli Stati di America o user vino le norme del diritto in» 
ternazionale, e a# essi infrangono queste norme debbono es* 
sere puniti, ma soltanto eoi consenso e ne? limiti voluti 
dagli Stati Uniti. 

* Recentemente la dottrina di Monroe ha avuto una esten¬ 
sione per effetto della risoluzione Lodge proposta al Senato 
il 2 aprile 1912, La risoluzione era stata provocata dal * 
fatto che una società era in-trattative per acquieti di ter- 
rit ori a titolo di proprietà e di efrutlamento nella vicinar 
Ze della baia della Magda lena nella repubblica del Messico, 

3! elee<sae-pare che 'in questa-società fossero anche soci 
giapponesi, la gelosia degli Stati Uniti verso il Giappone 
fu la caute* che provocò una nota con la quale gli Stati. Uni¬ 
ti dichiarano di non potere tollerare che nel continente 
coricano ci acquistino terreni, porti o punti importanti 
per la difesa di un territòrio quando i privati acquirenti 
potessero essere in rapporto diretto con Stati stranieri la 
























3S 


cui azione poto8tó't in avvenire render* militarmente perico¬ 
losa I» pertinenti, di quel territorio. 

Approvate questa mozione senza che fosse fatta alcuna 
«coesione dallo Stato del Jfessìeo nè dallo Stato giapponese , 
nè da parte degli altri Stati, ne derivè come-riconosciuta 
questa estensione della dottrina dì Monroe: eh» non solo uno 
Stato americano, quantunque indipendente politicamente dagli 
Stati usuiti, non pud alienare una parte dai suoi territori, 
aa anche l'alienazione etessa a tìtolo di diritto privato 
dorrà essere limitata nell'esercizio della sua sovranità in¬ 
terna a seconda di quanto gli Stati Uniti riterranno in ri= 
guardo alla limitazione di questo diritto. Da ciè si radè 
cono la dottrina della sovranità terr 'orlale, perchè a tutt' 
i modi di acquisto della sovranità, come esistono nel dirits 
to internazionale normale e coloniale possiamo unire tutte 
quest* eccezioni che gli Stati imiti hanno imposto <=> che gli 
altri Stati hanno subito. 













9 


la colonizzazione britannica, inizi dalla colonista»' c® 
ne inglese. Cause economiche. Cause politiche e religiose.. 
Carattere economico delle sue prime manifesta»!on*. Specie 
di colonie; diversità di regime e di ordinamenti; loro con¬ 
vergenza verso una comune condizione di autonomi*- Hcaninistr^va 
t i va.. Se girne sconciai co dopo l’Atto di If&v i gas 1 one ^olo catena 
to v erosesi One delle eolcn^ * a-merJr^n'-. .. '>r&p.si c».. de • *■* o 
imparo fra la guerra d* Amerio * i" + eroine d«l‘c ■*r»-r** na- 
Poleonici». Sviluppo dalla politi c 

*»ti del secolo 5tIX’ al ISSO. Sviluppo della politi» 
ca della Maggior Britanni* dopo il le spi rito 

le contemporaneo. 


r-op- avere accennato mi vari modi di acquisto del aat.-.« 
ri ale prime necessarie per le Colonia, che . *u sovranità 
•■vrrltorcale, dobbiamo vedere Vev-usente li glene nelle 
loro condizioni naturali e no" i*rn sviluppo 1 imperi 

ccIoéeiìrÌÌ. Il pr.:m.o di arsisti Paper*. di cui dobbiamo tonar 
conto, e non parche sia il primo i ordine di tempo. ia» per® 
chò il prime in ordine di imporV-mua per la vastità ani ter* 












41 



1 


r!tori a per il caraterò completo dello $■viluppo delle i» 


etifttciori, è 1 *impero coloniale inglese. 


ali inglesi vennero dopo gli altri. Stati nel 'periodo 
primo della colonizzasione, ma di trovarono più preparati f 
specialmente par Inattitudine loro a organisi»are e per le 
condizioni economiche in cui si trovava il loro paese nel 
«omento in cui questo movimento di, colonizzazione sì è per 
la prima volta fra loro manifestato. 

Quando il nuovo mondo venne ©coperte e aperto alla iis- 

j ► :<>' 

prese degli Spagnuoli e dei portoghesi (e più tardi eueei- 
t6 la rivalità degli Olandesi e dei Francesi» 1*In gM.lt erra 
si trovava in un momento di grande trasformasieme economi® 
ca. l'industria della lana, ohe aveva 'bisogno di una quandi 
tità sempre maggiore di materia prima,, faceva trasformare 
in pascoli le terre arative, ridicendo meno produttive e 
mono bisognose di lavoro le terre inglesi. Questa traufor» 
magone, quantunque poi non sia risultata dannosa, da prin* 
clpio fece «1 ohe le terre non corrispondevano più ai biso= 
gni della prelazione, per modo che ei verificò in IngMl» 
terra per oltre mezzo secolo quello che si è poi, nella se» 
conia parte del secolo passato, trincato in Islanda, cioè 
tuia dim. : mestone della popolazione per l’imposBibìlità dì 


sftìftiA imm eoLosij; a diritto coiosrr^i® 


M«p, $ 














trova*# lavoro, por tutta 1# braccia e per la scarsità dei 
aiezal di sussistenza. 

In quel periodo, cerne diceva uno scrittore del tempo 
deplorando il fenomeno, dove prima sì vedevano parecchie ca¬ 
se e numerosi lavoratori, non si incontravano più che peco¬ 
re e pastori tn compagnia dei loro cani. Il popolo inglese 
senti la nostalgia di terre nuove e coninei6 a pensare alla 
sai grassi one . 

• Contemporaneamente si verificava una spinta di sarattfi- 
re poli ti oo e religioso. Bopo Elisabetta, durante il regno 
del primo degli Stuart e dal secondo di qua età dinastia, 
l’Inghilterra attraversò un periodo di pace, * tutti, gli Blu¬ 
santi'di avventura che avevano trovato cimenti nelle lotte 
intestine del paese, sentirono quindi la nostalgia di altre 
terra per sfogarvi 1 loro istinti avventurieri. 

Il fattore religioso ebbe una grande influenza. In quel 
periodo, in cui si avvicendarono le influenze delle reli* 
gleni più diverse e contrarie, dal cattolici sino sotto Maria 
la Sanguinaria, all'anglicani scio sotto Elisabetta, all' °* 
sci Ilare fra i due sotto gli Stuart e alla parentesi r«pub= 
blicaaa fra il 1* è il g* Carlo, i perseguitati cercarono 
la. littóri! trasferendosi in altri paesi. Cosi fu fondata in 
©nere 41 Elisabetta, nel 1584 la Virginia; quando furono per 
seguitati i cattolici, Lord Baltimore, nel 1832, fondò il 
Ka.ryls.od in «nere della regina Maria; Guglielmo Bonn nel 









43 


16^1 fondò la Pensylvania affinché i Quacqueri potessero 
professare la loro fede senza persecuzioni. 

Tutti questi elementi emigrati» ber» diversi per. la- 
r o origine, erano uguali per le loro attitudini, sia che si 
trattasse di contadini emigrati per trovare di che nutrir¬ 
si, sia di cattolici, di quacqueri o di purità'4 che sfug¬ 
givano le persecuzioni, eia di avventurieri che cercassero 
una vita più rispondente ai loro bisogni. Tutti questi e- 
1 emeriti intendevano di veramente stabilirti nei tenitori 
. 4n e3ttì pi trasportavano e intendevano sfruttarli per sé e 

per i discendenti. 

Gli Spagnuoli e i Portoghesi avevano occupato territo¬ 
ri americani, sebbene la popolasione dei loro paesi non fos 
se stata esuberante, allo scopo di cercarvi i tesori e di 
farvi lavorare gli indigeni a profitto della mòre patrra. 

I coloni inglesi, invece, spinti da un diverso obbiet¬ 
tivo economico, avevano l'intenzione di ±&re fruttare i - 

ro territori col proprio lavori. 

parva <Ù& la parte al Sud in Cui si diresse prima 
l'emigrazione anglo^saesone fossero state disposi» P fer 1» 
aspirazioni dei due popoli! latino e anglo-sassone. X f Ame= 
risa che fu occupata dalla Spagna e dal Portogallo era ab¬ 
bastanza pepo lat a e rie ce. di mi ni e re di meta- Ili prez 1 o si, 
specialmente no’ Messico e nei Perù T.« popolazione *r* ab" 
bastanza civile, mentre ne il* America occupata dagli inni®-- 












u 


si, la popolasi one era scarsissima e quasi, allo stato pri¬ 
mitivo, Ouindi il primo ambiente era più atto allo sfruttar 
JB8n,jQ popolazione a boti gena e il secondo ambiente era 

più atto allo sfruttamento diretto da parte dei nuovi veru~ 

tx-, come e or ri spendeva agli interessi e obbiettivi dagli 
anglo*aa*Boni, 


Così furono formate la prime colonie nell 4 America del 
3 ° r ^* °°3- e ui@ <ìi proprietari, colonie di compagnie a carta 
e colonie della Corona. Queste che furono direttamente 
fondate dal governo inglese furono da principio le meno r.u r - 


aig. ose s méntre quelle di proprietari, erano le più numerosa, 
la concessione che era stata fatta a Sir Humphrey Gii" 


l»rt e fcfcé pei fu applicata * condotta in atto da Sir \?al= 
te. Saleigh èra diretta a creare una colonia di proprietari, 
come la fatta da Giacomo li « a Guglielmo Perni 

ch& gli era creditore di 10.00G sterline e che. acquistò i 
territori dagli indigeni, e come la colonia del Maryland 
fondata da lord Baltimore che vft ascoltava le attribuzioni 


di vero sovrano. 

1 

24 se ne ebbero (Sue: \ ma costituita da 

capitalisti della parte Orientale e una da capitalisti del 
parte occidentale da 1^'Inghilterra, dedicate a sfruttare 
le colonie eaerieane che aveefeéro potuto acquistare eoa di^ 

ri ..ti ugual* & que.j.li die i proprietari esercitavano nelle 
e-cScaie loro .spettanti. 











45 


JTon appena si fermarono dei anele i di p «pelaci sa e » i 
seleni fusero valere il principio che il cittadino ingoffise 
ros può essere obbligato a pagare tasse eh© esco non abbia 
contribuito &. -notare, o coi nei areno a resistere, alle prepe» 
tsnae delle Compagnie e dei proprietari, a & dare alle loro 
colonie un ordinamento politico e amministrativo per effetto 
del quale alle Compagnie © ai proprie tari a poso a poso non 
restava olio la potestà di sovrani costi tua ì onalf. s rr-n i 
poteri politici dei sovrani assoluti, nè quelli dei proprio* 
+i#y 4 rispetto all* vièta economie® delle singole celORie- 

’fel 1850, quasi contempo rane amante al primo acquisto 
far’-, iall*Inghilterra con V occupasione della Gìwpaiea 
(1655), incominciò una politica ««elusi Vi ata dal punto di vi?* 
sta coa».« retale ' nei rapporti de ir Inghilterra con lé «uè «ó« 
Ionie. • K©3 '1661 CroBwell, per nóRftattsrè 'V influeaaa, degli 
Chiana*»! .che - erano padroni di tuifo il ««amerei® M 

X * Mtr i ca « 1 *3Bur epa, emanò l'Atto "• di ■ ’&&v igeatene «he, e Mé* 
pletato in. alcune delle su® al sposisi ossi nel 1663 doétitul- 
un. vero asservimento damerei ala delle tìsicai@ alla Oftér» 
patria- In fora a di questo Atte, il commercio fra .le seleni© 
e la madre patria- non poteva essere esercita*® «he *« 
inglesi, e per evitare «he mvi’■■«tmniere battessero “basidio 
ra inglese . si protendo va e»a ■ le navi por oltre tr® quarti 
appartenessero a taglisi e c-M arsero oltre ir* «sartiii 
equipaggio inglese. ... • 

Inoltre et aveva un* ««rie di merci, tS» v&nl'-'- ■ a*** 















ae&tate di amerà Ai la quando e ©3» erano definite 

*eaa»erat*4 geode*, per ricetto alle quali noe polo non 
# 1 . poteva fare il coma ere io ohe su navi inglesi, aia non si 
poterà -fare ciie tra. le colonie e la madre patria. SI tratta» 
▼a di prodotti csclusivaasHte coloniali, e di prodotti ene, 
pur non essendo coloniali, costituivano materia primr?. r— 
industria della madre patria. le altre merci non poterano 
essere trasportate dalle coloni* in Europa sa non a bordo 
delle nari inglesi, ma poteremo es aere.commerciate ancne cor 
altri paesi, purché situati al sud del capo Fimisterre per 
non fornire merci di concorrenza co» 1* Inghilterra. 

£e marci poi elle ondavano alle colonie erano merci in» 
gissi, oppure, per quelle ohe 1*Inghilterra non predacevs , 
potevano .anche essere merci di altri paesi, pflfcliè fos-e* 0 
sempre trasportate da navi inglesi* 

9utto queste fu poco gravoso nel primo periodo del jo 
sviluppo delle colente, sviluppo quasi esclusivamente «.gr ¬ 
ado, ansi contribuì allo sviluppo delle colonie perchè es^ 
se trovavano un,mercato abbastanza vasto nella metropoli e 
avevano nella medesima un fornitore non caro delle mani fat¬ 
ture da loro consumate. ì£a quando nelle colonie cominciò a 
svilupparsi la vita industriale, esse Cominciarono a issi 
sopportare queste imposizioni della madre patria, e si g* ne " 

.i#. 

rò un malcontento «he fu il primo movente della secessione 
delle colonie americane. Il tentativo di far© che queste co* 





47- 


1 orile contribuissero con le loro t&s&e al tesoro della madra 
patria fu piuttosto la causa occasionale e non la causa 
terminante della secessione medesima. Nel 1783 con la pace 
di Versaille, che definì le ultimo controversie della seces- 
ore delle colonie americane ,■ incominciò il secondo perios= 
de dello sviluppo coloniale inglese che va dal 3785 al 1315.. 
In questo periodo l’Inghilterra estese i-1 suo dominio In 
India, a Ceylon, e nell’Africa del sudi e nel 1788 aveva 
posto mediante uno f tabi lineato di condannati la. base del 
gran dominio australi ano che si -estende ora a * r: * - ’ *• ’•>»« o 

i o usti- vasto li tutta l’Suropa, In questo periodo di e= 
stensione coloniale, l'impero coloniale inglese assunse una 
estensione molto più grande di quella che aveva prima dèi 
1776 nel territorio americano, tanto da far dire; "1,’Zn.ghìl" 

V 

terra domina i flutti” {Rule Britannia rule thè navea}, 

Dopo il 1815 l'Inghilterra divenne, come potenza solo* 

niale, molto più potente di quel che non fosse mai stata. 

Infatti, mentre Napoleone ed i suoi alleati non avevano 

quasi affatto flotta, 1 ^Inghilterra aveva invece una. flotta 

potentissima e quindi con tutti i mezzi necessari per potare 

attendere al suo sviluppo economica sicura che nessun*altro 

potenza avrebbe potuto contrastarla. '•,%' 

■ >' 

Durante questo periodo di tempo cominciò lo sviluppo 
delle autonomie coloniali specialmente nello colonie abitai 
te da popola»i one «uropea, 1 * laghi1erra si trovò »ott o 
l’influenza dì alcune condizioni d«. itali di quel periu&< 











storico, che parevano all*Inghilterra condi®ioni nomali e 
necessarie, e che portarono al disgusto delle colonie e aie* 
la tendenza che fu conosciuta col noce di "tendenza della 
Piccola Inghilterra", la guaio dominò il secolo fino al 
1 ^ 70 » 

IjCnghiltsrra aveva un gran dominio coloniale, ma 
fruttava molto più le antiche colonia do11*America latina 
che non le proprie, e aveva sviluppato con gli Stati Uniti 
un commercio molto più attivo di quel che non ave se? quando 
da lei dipendevano» 

I«e condizioni particolari di quel tempo, cioè i torbidi 
politici che travagliavano il reato d'Europa per* la conqul» 
sta delle libertà politiche, la scarsezza delle forza-navali 
delle altre potenze europee, e le condizioni economiche fa» 
vorevoli ia cui si trovava l'Inghilterra, produssero nello 
Spirito pubblico inglese l'opinione ohe tali fatti accidente 
li costituissero il comune denominatore di una legge di 
consume coloniale « mondiale. Si cominciò a pensare che ba» 
Svaserò i rapporti economici, l'influenza intellettuale, là 
P^ eduzione a buon mercato per la vittoria di un paese sugli 
altri, sì cominciò a considerare l'abbandono delle colonie 
inglesi di America come un fatto nomale, e si pensava che 
le stesso si sarebbe verificato per altre colonie. Queste, 

•A' 

^ ice ^ a Quasnay in Erano ia, non sono che frutta le 
aì cadono dall'albero non appena sono mature. 












40 


(§ue»to «pi'-' pitolclse 3©jidu£35-, eoa _■-. ©erta vedv-ta 

dei p-rtìvi più avanzati e ha no» ~ adono m non la paliti#: 
anni cipale 0 tarpano le ali alle impre^*- del proprio p&«-.r?. 
a.l punto <sfca l'Inghilterra e oasi dorò r.-asi «r- aittptfi^ * ' 
dieta©00 dalie colonie dalla Madre patri» © fu allora 
lord Derby disse alà se il Canadà e l'Australiaavessero 
voluto eeaere liberi, nasetto© lo avrebbe impedito. Ite allo» 

w 

ra che *\ riconwbe la libertà delio Stato libero «?'Grange 
e del Transva&l, c-ororattende un errore che, nel 190 S > l*Xn» 
giti'terra dovett : pagar* con un stilla*'do a ffiez&n. 

m questo periodo cantre.le ©elenie hanno 1*ebbi et» 
ti v ', appena dissiaroiat«, di preparar <• ^li- «loménti per la 
propria indipendenza, *1 ha. re? surre et '< quasi assòluto sulle, 
estensione coloniai. Se dopo il X8?Q cominciarono a «ani/»» 
starsi yltri f«nou c i «ho avvertirono l'Inghilterra eo&a essa, 
avesse t r opp 0 - •: r -ìli?, *at 0 le ©endi* 1 <m i «he eie rane y @r i~ 
fieate tra il in! 11 * e il 13 ò 0 . Dopo il \*'0 cominciarono a ** 
svilupparsi avo- ; -arino; la era* tu a degl’! 8**+i Uniti era di* 
venuta compre più po+unt-- - e-ev» ecstinciot© a estender.» 41 • 
proprio domini0 verso il contro dal Pacifico con la conqui® 
sta delle isole Sandwich; in Europa si erano sviluppate le 
xaarir.o tedesca, francese e italiana. Specialmente quella te® 
losca, c on so op i Imperi ali» t ic i, ©ornine iò verso il isao a 

STORIA BELLI? COLOBI® P BTRITlè COI OSTA» 


3>ì&p, ? 











50 


a fare m «encorrensa temibile a quella inglese, e t « asta 
concorrenza cominciò a passar» aneli» nel campo di acquisto 
de tìe ssuvoni*, Eu allora che in ogni campo di espansione oo- 

loni&le i l’Inghilterra trovò : accanto ai suoi territori 
territori tedeschi* 

In questo periodo cominciò la eeloulssasiane dall* A? 
■«■ri,..,. 4ilora 2 ln>^hìlterra rivenne indietro dal suo coricete 
t o à<: ila Pioeols Inghilterra e dal disgusto, quasi, delle 
occ,.ii.aaioae colonia!.©, perchè la concorrenza aaatpre più 
▼Itterica» da'iX? marina tedesca 1 avvertiva che è del tu" » o 
inutile <** p'Orj^e isjaen' 1 '■ di territori per perirvi sviluppa® 
rs il proprio c cesarci c, perchè il protesionisjnc dell’imerl 
ea del Eord che sue cedeva al! antica politica do 1 Ubar •> 
scambio, lo sviluppo dello colonie nord»aaeriean* che ce- 
«inaiavano a fare coirà orrenda al cessinerei ó inglese. 2*fe/« 
Partivano eh.® quei fatti accidentali sui quali si. era cui» 

***** mn9 ********* à*lU condizioni particolari di quel 

oaeni > e non da leggi stabili sulle quali. si potasse far 

conto. 


Xn parte **»*% ragioni, e in parte per 


a^tse potenze ne 11-acquisto di territori, 3'Inghilterra per 
sè ohe *« ® t*r & x »di*tra nell 'a©qui sto di territori, veleva 

lignificare l’espansione dell® altre potane* a svantaggio 

proprio. 

Si IttUiò quindi la politica della più grande Britan- 

















nifi c cti il mantenimento delie colonie «he già 1*Inghilterra 
possedè *a ( eoa l’acquisto di colonia miov* « «on la tendsasa 
all *affrfcte diamente di tutte le parti del àoainio inglese 
in «a solo organismo confederato. 

Le caratteristica di questo ultimo periodo è un mag¬ 
gior riguardo della metropoli per i diritti delle colonie, 
una maggiore sensibilità delle colonie verso la madre pa¬ 
tria, e la costiense che tutte h&nn di appartenere a un so¬ 


lo grande organismo. 









$s 


lift. 

XX gatsra* delie Gols&ia britanniche, li governa dsiie 
1 &é ^ a ^ **IU aadre patria. X,* iterato e emotivo; la «^tn* 
^s£Ti3«t. èfri mv-i dttt&sierì^ le diri aloni òsi Ministero dflile 
«ilei**; Irmelo centrale dsgli agenti de - in morosa per 
’ 4 ^ ^©Xo.ì»s . ^ elencnij»s legislative; 14 potere legislativo 
d#4 re * <SeXXs due escare brltaaniebe; U rs in oossigUo; 
«^pstensa legai» e Haiti effetti-ri del potere legislativo 
«•trapalitaso. l‘elemento giudiziario; n editato giudi** 
«tarlo daX Consiglio privata; varie condizioni deXX’&ppello; 
efficacia s.o4ifieatrice od unificatrice del diritto della 
giurisprudenza del Consiglio Privato. 


Beli'’Sapere ©aloniale inglese ai è riassunto sella le» 
«ione e©ora© la sviluppo storio* fina al suo sviluppo e 
proporzione attuale, Ora do'ohìaao vedere i punti fosti»©»»:** 
&d4 d®2. snd ordinioantOf d» Gal a opportuno ài 3 tinguars 
X*®rdia*»*Kto *»trapolitano da giallo i Ma x e § trattando 
pri^aa digli eleaerrti cfce et riferì se oro *a governo e all’or^ 
«inarate $©«© aalesfe, © pai X"^dà«»te della colonia 
****** *•***•• lft ««*««*« e la loro e ostiti imi» «t» 

B*ìr irtlnat. a*tne»ut«» u pme sl « 5Bt0 eise 

















63 


ss.i, pressata è anello dato dalia eoatuianza dal sovrano s del 
poterà eeeoutivo 

li rs d p Inghilterra, pria» di assumere il titolo di 
"imperatore dalle Indie e Be dei domini inglesi al di là 
dei asari % è stato sempre il sovrano oltre del Segno Unito 
anche delle varie parti ohe acne seggette « questo impero 
la sua attitudine di sovrano non muta ir guaste varie parti, 
dei. domi sii inglesi perchè ano!» nelle colonia eSs-; i<fn sego 
dotate ài automa!* aastitmionala il re d'IngMltferra non 
regna coma sovrano assoluto, ma è il sovrano castitustonale 
4 1 Inghilterra che oon il potere legislativo della Gran Sri» 
tornita- rogna in via assolata nelle colonie . cosi che in que« 
sta non e il re sovrano assolute, ma è 11 popolo Inglese con 
tutte la sue garosa** e osti tua tonali eh» aglse* così® sovrano- 
assoluto. Questo potere coati tue iemale Inglese in gualche 
colonia t temperato da istituzioni rappresentative, e in 
falche altra b rappresentato da tre organi supremi 4el pò* 
ter» «sedativo 

11 telai stara i5&13a fiaìssist» il fc«»le, cosa che potrà 

sorprendere In un paese che ha un Sapere coloni al® essi va® 
sto e «ho data da molto tempo, è di isti tua ione relativa»* «» 
te recente. 

jp&e.-.A mi 1768 fu istituito un Miniare delle Colonie 
ohs noi 1??*, dopo la seca a» ione dell® colonie affioricene ve»; 
«iva abolito., e il serrisi* relativo alle colemie che resta** 









54 


vano vaniva accentrato nel Ministero della Guerra fucato or-, 
dtnsiaènt o. durò fino al 1854 in cui fu rieostitulio questo di« 

: t ’ ... * 

cantaro ©pecidell# colonie, dal qual? dipendono i© co- 

4 ■ V._ 

Ioni® propriaaent■? dette, cioè tanto quelle che hanno, quanto 
que Ile che non hsnno aut onosai a c oat it uk t orta ' ci ©è t ut t ? qu? j.~ 
Ir che per il dominio diretto del territorio e per 1 1 ordio ader¬ 
to particolare del medesimo possono èssere classificate come 
colonie. 

Invece quei territori in eni l 4 Inghilterra «.« ••reità una r- a 
prasasla indiretta, come nei protettorati„ dipendono da ima a ■ 
visione speciale del Mini stero degli 3?? ‘Tri. r prot-iterati r “ 
lamenta detti sono internassi ona li , po'che ore la ceàèeguer)* 
z-- dei rapporti fra Stato e Stato, per quante lo Stato pretef 
v0 *■*“* Ainato ali© Stato protettore„ quindi è meglio c/w 
dipendano dal Ministero degli Esteri che non da quello dello 
tiralo. Sei jrotettorati Indirà l’ape» coloniale 81 trova 
>-uv *bi#Io e pMf venir# a questa itUaltuliu vooerre «n-- 

tr * r * in ri *tnrU con Stati che Mah# lnt.r,.,l nella «tessa 
«fera 4’tnf mensa e in #*,„ Vianmmi « 0lll0 , , ulntl , #w 

portante il Ministero degli Affari Esteri. 

la parte »«, «pia del dentai* coloniale inglese non . ,e*. 

«otta ne «1 Minuterò dalle Colonie, né «1 Ministero degli Ew 

sieri 

l-topero indiano, e la évo dipendevo, è soggetto a un 
Otìnutero, detto Miniatore delle Indie, ohe fcrm verte da! a.» 










55 




binet to. 

Quest Ministero, piuttosto ohe una di etinaiena della 
importanza da'. Ministro delle Colonie e di quelle degli 
Misteri può considerare’ cono un dee entrale iato del Ministero 
delle Colonie, deceatrsme.’it o roso necessario dalla estensio¬ 
ne e importense de 11 'Impero Indiano e dai caratteri speciali 
della sua popolazione 

U dipendenza che osiate fra le Indie e il Ministero del» 
le Indie, è perfettraente identi oa a quella che esiste- fra le 
altre colon - e e il Ministero delle Colonie, 

Alcune colonie haii'" continuato a dipendere dal Ministe¬ 
ro delia cuar= * t ci è t «tte quelle colonie ancora in stato di 
cesate stazi ori e e di ; e lini It azione • 

Il Ministero rielle Colonie propriamente latto si sudai” 
r. lingue in otto divisioni: tre di carattere generale ? e in* 
que di carattere geografico Quelle di, . irat • •re.generaip si 
riferiscono ai lavori pubblici, alla materia finanziaria e alla 
c or r l spondenza. Xe divi si oni ge ografich* » or? - quel le dei* *"6 • 
et remo oriente asiatico e dei territori asiatici non dipende i* 
t i dal l * laper o d-31 r e Indi e, que 1 le de il ’ Afr io a del Sud, de l~ 
l'Africa del Kord, quelle d'America » 1* altre colonie minori, 
fra le ---ili i vari posti «he hanno una importanza piuttosto 

s- * « A 

militare che colorfi&ltf. (1) Ciascuna ài queste divisioni costi» 

(2) Divi aloni dei Mini stero &•• s -4. Polonie: 1) Gorr '• apondsnaa 
2*} Affari generali ... finanziar. f ?*> Rese di conio * 4 » ì Xì.i - * 








tutece una Ai visione usi senso tari ratico dal Ministero dei* 
le Colonie, dal che sì vede che il Ministero delle India n~n 
è che una divisione dì carattere geografico di cui, per la 
sua importanza, è stato formato un ministero. 

Oltre a queste dipendenze, *ut*e le colonie dipendono 
dal Ministero del Tesoro, presso il quale è costituita una di¬ 
visione, ®.a.e si potrebbe paragonar* all* nostra Cori? del 
Conti., alla quale debbono essere inviati tutti 1 conti riae= 

«untivi delle colonie per le revisioni di carattere contabl= 
le, 

questo é, presso a poso, l'elementò e se ut ivo nell ' ordi= 
n&^s nt o ae tropoiltano de 1 le colonie, A quest : s■aggiunge,ne ì® 
la metropoli, 1'elemento legislativo che pot* nasalmente e 
teoridaaente è costituito rispetto ® tutte le colonie del pò» 
tene legislativo della Gran Brettagna,. Il Se e le due Camere 
possono legiferare per' tutte le colonie, pedono dare una co¬ 
se*, tua ione a una colonia e possono revocarla o mutarla. Perè 
la legiferai ione per le colonie è una manifestazione del tutto 
r * u * occasionale, perché in quan + o si riferire* alle coloni.* 
autonome, la costituitone viene data dalla 'legislaturs colo» 
filale stessa e viene approvai quasi sempre dalla legislatura 
della metropoli Mai, dopo e&e una colonia ha raggiunto la 


S^StS ?»*"!*^?* 130 \* U ^K al:Ujaa; 5 *> tndi * ossi dentali * 

7«.j m« X«n+*StaMcimenti della penisola di Malacca; 

u uXT 5 ’ ! Mi? * r ‘ wo •**•*»*• 
















s»v* awtflBS»*» costltraion-. 3«, ... jaetroi’ol-l >r lfct& pw 
C ..r- leg.v.i all*, ce.’m^- •■•:■ di A «cut* re le 'aggi 

« OS : A * tt£ 1 5fi .11 “ ho ••. t SS : • Ir tt* Ut' 1 i<? 

,.r> df? • :'. .'.i,o.:t ‘ Re iti geli f so 5 va i 

i"clu «:• ;.Mio <fi rei" y ■■LXmt*' ir. 1© ti Sri 

c ior.' : o+ato • 3i*t- ita* Pr-ri*. a/nto d£i Regge ite 

dwlAi «a tó „ r rf.ì del v .xtt;‘, trans,! ; . 

. t ». ‘ir.', f .v i "• e ?" ’ olt ai r '. ■ -1 y^nt- a 


-; C . • 1 = < A :■ 1 ..ili. ■ '•' f.l 

;?• r... ì' ■-. ,ia parf j*. 9 . ■■■ : ' , 'V 't t< 

iti t tir diri', lo oserei ; 4 c ' ’• ■: i 1; ■: -■■ 


'>• lo 

' 


Vamala** *•■••. ’■ t-:rc lo .lai vi si c&z. ..-. ‘ < •-•: «“ 

.:■., In ..i» col: ...a di recente acori .io. Ir ©ui ., a .vis. cvr- — 

tv: te potWt -a la* STO 1 •. le. 1 i e ' .. • r 4 c=; .-ig..! • 

■j L'Otto la. ri or? ‘ Hit-. * -ti M ', paS nasiì* 

.'■ r:s • :. .. ' v' ■ t: :.'Tì, 2 volerli#. :p. 

io liiVett • è-. : . : .! r .o un pelare a*sigiair 

. al.-, ■ v ras a s • . 

ctndaeata del o 1 ■ • t : L»; - : . .-. ~e evo 

rafia, Isfggj. col f tur- « *• ir ■ - .ra, o può io * 

P ? ìi*rs ■* a- ' ' il • '• <: i r eet ses*. al pv-- 

ter© Viti*'© " r’ v *1 d. • ìi 1 di 1 f r ,r$ 

ir ls col ©rie $t. : c! ? ;4 tr ■ v noi Ini":'-iy 

04 I - ... ' . ■» 













i 3 


***<, m ò dar la prima *. ;* «àinawento *- l * tV7 ° 

1 c-é&le a se^/ri; soi 4 opo^' r> 

; r nin*!*, 

«r - ., - -1 IVO 6 lV- 

Bitr« a qt:<-ati -.vi*- « Sature ti ■•'■ • ■• 

«•■> *in .atro e~ 

vioJ-iyi^o, ni ha, t-ru la as- ;■ i- ; ,. -»-• 

l afl i y ta li t, o-trarno c«-:ùr:ì fcr * r.: 

re èpearUvo. - "• vi- V ' - 38 *..- - F'~ i,; ; 

,-...■ ' 

5>: ;t’JÌ f O d' ' 4 -.:■ 


. om 


; ri-.,' (l'-' ^r:? 1 * • • e 


li ri i .. ‘t ' 


•scvru» nel ■ .rri . . * à ' -■£ « * li ' • •■.■•- 

- 4 " * 

._■ ■. - ta Si? I 1« :■? -■ . • -7 r .I à «;• ■ <• 

sovrana : * - o - riut % 

g* „ t# orciai" 3 'tiftO cri -ci sbanda -v 

: . in ■■ r c odi a ^ sì- i ■' a 

9<SM <px*l-lo 8 dall* T*><rr Zolanr-,^ c r-iF’.* * • "' ‘ 

easag quftXla. ,'Adirali'., : * :*U**r~ : • 0l -' 3 V- 

de '. l'Africa éel - -•« ->o -•- n «i •> j’rtr.u *•«*■*• 

verno «© 2 ©»in. 

T&r&lHto a questo a:'V.l. sk-1 ggv. .tor»‘o 

tossi* st to& ms*-ltuto -I • R*jpsr«»*rì®a*i colini-- 

•’, errito-1 a d#Il* Mt «foli. 

C«e®ti rapfr«s»n’Mnti ( in qaarit. r«.?£/«»e n t ,,a0 1* e °" 
^ ;a&SQn.CfeìU£'j 'r.'=0 ' ■• • *tttwrs cr • sì ^ott®■ - 


■v* 




















■ì ' 


oloaatiee, in goeiito i3nv*,i son* i raf|ftf«...én+h&?ì £* % '■■ "f’■' 
■i-!i non toroidi li &và - ce»? «. cost - ' *’i« osa .< s*. tio inv--^* or» 
.',,y centràli i: ' : .•:. no ~. '’ goal* t :..°fidata 

la T' . .j»r«i»fintan; h i«ll« escomia,, 

: v ; -.X..-r«£*' r .»'.•• i o ■ : -va dì af'^rs ^ a "2'' 1 » 

st-itu* 1 naia, «ìi« prendo» .• o il ncua.-, # ago-iti 

generali* o da. *al*ì -toatRu. ifteri 1 *, a ano dai v*rl rappree-eatan- 
:i ano?» di carattere polit' e dftl'e collie pr«a? la mètf 

| l?JLÌ * 

I.ivas* nelle coì-wst -?‘..e .:o T - • --nf, .*.vt indili a * ossi Itasi f- 
^ 1 *, «a. che dipendo»'- dal governa «setr©polita---' finn a 
zìa?, inno fa, ai nesina.* v:a incaricato che rappreseci -*$ * 

governo co Ioni a le presso il . t> ve s n ■ * dalla me tropo?. -* : n* 
tratta»se gli affari della.coloni . 

vira* venti armi >r y oro de legati,cne fw uv<'£»$a 

a sé dal governo .centrale metropolitano, eh* f ■ -mà una isti-" 
tuff ione alte viene designata col noma di "Agenti dell* Sprona 
p-."** le colonie" ri- -u^ perché ri/estone ì. “uffici c li riapre* 
■untanti delle coioaie, ma sono ufficiali della Corona la 
fiutato che la loro nomina deriva dal governo metropolitano. 
Oaeeta isti tosi «ma de v * irf ■»■■•? gli affari che si ri feri ac e-- 
no alla a .-sanaione dì lav cri pubblici e di forniture aa. f** o 

■ 4 

a©Ile colonie, debbono provvedere al trattati di aste e ltci« 
iasioni private, aso., » f iti» basate, fungosa per le cPitale 
«cu auteiiCatt» come il nostro Ccmmf asariaie delV’stai gr,.'•• f .em* 















*30 







pci'Sìsà ìu 5 iRferc.- 1 !v ..r . , 1» «••:• • ’• . ' 1 - : - 

n-v s dell* «*.: .cr-a**.iora twì.. 4 •al-" l v ' -■ 3 » s> 

1?, selcio pubblica, cioè iì’T'-v tu* * ' ci - ■':■■.• * * r 1 ■ f».r •>, •■• 
.*^15 intera e" ena 

?■$' ausato M f’ivfrì&ee si ; ac - 1 . - l- ■ 

sii: a aL z.+iriri. Viatici9 «te;:,vi , •.ri*. «l-.»* - "'■ i 

tier. 4>«r «è 1/4 5 dei prodotta ài *n-.»le .. ■'■■•• 

si&c >;. ©<s»ì ii.» » aie à 4 - arnie un ' r • • ■•ve^ia^nto prev.-~:r. • *. - 
gleè« , *,i et ti a;:- eia» i'1 fi t .r Isè.li A '. i ■• - ‘ • ■ 

isaat«al predetto àslìv o.■■■-:■' i '* • 


vie per «jont - «.te'l■» >•■' onì•? 

lessto tJf p ie5o , • . v r , 

posto a studi per in. «va ri -ars»*, s *•.'*«! !r-: ,tr p~ ■ • oh "'■' 
ne più «peliti 1 lavori • :;or renc^re ri • « ‘r-y- « 

•seglianas» di quella cv * isf or-.* ùrl gì ni et > ■ ' Tv - *'* 


cerrisp©sd@ &I2& nostre, fio.' te dei Cast; 

2* mia o&rsetturisti ;*-2. 4 ? ovetto 'J' i, ■ ". * vo. ' ‘.usi -* 
»*• del carattere igealec >,i vvtv -' 1 ; 0 ; A ' ^. ; r., ' Àgev 


5K'-®teoao appartenere dll ,; ..ii--» : alVuitr-: yar*.' : ■„ iso Q r 
io si rifarli-,:‘v J- 4 Ì» al.:;. • : olOT. '. -li .à»fi ;•*• US "«vBfiolttti*. J ■• 

deità 9 «ulSc-ì o vv 1 «4; variti», «eiministm-si<>«• 
&;ì JMSÌ v:- p-f ■' : tea*. .••„.. ,i;.is " ... - ì ;• ;oi ;•»’. fcoOipvo' • 

Stende ddetia* - ì'?»r Irta vbbidì.*- ,< r i*> i j« v.-r-A .-. >v 
rifusi ,jì : oro \X;■ a ©i et d&i 1» 1'■ - ; vaàps aderii a peli’ ;.-*• • 
rselìé ioti» di 




















21 Ki-iisto; > ielle Indie ha accanto si Segretarie ai 
3t io un Conci g- ■ del^e indie oh osno « n & &P*£ie di ^ ass * 
si .*ì! --■ '..•.ri ' - '"itro, e che h* eot-** oeitìMIltivo .ai «.Oli* 

a , : ;-f ! ;.- poiché è, costituite de personalità tecniche ài yri . ■ 

... t , : ._ ; . Or ;; ?.gI;iO ~.C ; >5 fiSS«r>.' 0 .,-5ÌtUÌtC d& ** Rt 

4 ì c *• da nei più ù 15 s J oasp-ws -da. enrr-p#* 

z d?i in ditali. 

Questi tane in numero ainere e appartengano alla f 
, 1 ■ :. ; ■;•»;>••- '• •■ * ' urope f debbine avere eterei tat v 

» .dis-. ' •. veiv fii&or&io IO ‘u e 

j .fvj *.<■. . •; • i' ili r c ut A^aena . 0 aunt d& appart^siu i e **■■ 
fer . = , - ij. . -io r .y'- H , ia queeto Consiglio ri a 

Ids il v^::U^ggi<* cr vn'ro insieme intorno al Segretario di 
• flou specie d • •-.- .-< «a > tesante aristocratico $»>. 

P^jito di -cinta iella coapetene* e u-.oscene» dei panne. Il 
Ss^rotario ;ii Si st o è obbii gat o ;à attera! ai pareri della 
orari^a di questo CfUiàìgllo o vuola e-tópre P* 

rsrt diverti a questi, nave, farli ria-r'-tare ne *, protooolxc 
de 13*. seduta. 

03.tr e a ©io .1 dicasteri &0jg&uiji hanno «n el«aent-' ?^ìk. - 
ni st rat ivo «he da noi e stato introdotto soltanto nel JÉteiwto» 
r. degli Esteri? e cioè quel a ot t ««segrotari e ucn paflasumt-re 
quel «a;vi strato «he da net ai ebSLsm Segretario del 

». 

digit Potori è capo de 11 • wsoinis t rasi una « lupi* gate dallo 
State e non seguo le iri»emio«4id minio-.ari. Stento «apwto^à» 







giilterr&, accanto ad ogni mintoti- esista un segreti 
•va p&r lamentare che r*i pre*-*nt.A r * traente ter- * j, ueeaa* 
to all'elemento politico, r, ha roderà .le .vii: ti • 

di ..egli uomini politi -i., ehi afflati a .; un airi» t o, 

qt ali esito spesso noft hanno t ; t* 1 competenza nece&. i • 
ifcs altro elemento ui , v« n*. 3 «saune si Ila tr la ma' 

.oli e le colonie, ©i©e 1*elemento giudiziario, 

Ciascuna oologìa Ita - ,n silo or dirigente giudi?,!*: ' 
oltre a wl triturali .. vm C-rte Suprema *1 Goniìg-' 
privato del re, dal quale si è st-aecato il Gahir.eti r , e '* ìr > 
r-ane Consiglio Privato non ì;n- eb* un?, funsi ©ne decorati-»v.. 
si e venuta costituendo unii eealone tpeciale ch& è dett- 
altato Ciudistario del Scasigli© Privata, e che viene or 
sìtituire la Corte Supremi di tutte le Corti Supreme di ■•utt.! 
le colonie e dipendense dell’impero Britannie 0 

Quando una sentenza è stata pronunziata, e *1 è fatto ìj 
ricorso in appello e alla Corte Suprema © il giudizio dive-: 
tu dei initi vo nella col finii» in taluni - cast per iniziativa 
«ella parte ohe si ritiene lesa nei «noi diritti, in altri 
tìssi ptìr speciale permesso dì appellare ottenuto dalla Corte 
Suprema s in altri casi ancora per aver ottenuto il. pernio ss' 1 
di appello dallo «tesso Gomitato giudiziàri© de* Consiglio 
Privato, al quale l'appello deve essere presentata., in questo 
dass il Comitato Giudiziari0 del Consiglio Privato, agende co* 
sm Corte superi ore a Ile. Certi Supreme de I le c e d© ve ap» 























f;5 


fUe .r, «1 torma « 1 » WU«M 1 . in ,».l* 

tot» «ioni», » et»» li «• i« » *"* »*U*lA«**. 

„ ol««*M o rcanna »»U-Atrio* »' fr* » «*M* 
r „, too diritto tra» » " • i" 1 * 4 " 1 ** 0 « ,u * 

'?poV '/ne o Maurizi, ecc 

n Comitato Giudiziari* del Consiglio tirato 
.,. - ;<s r<* leggi ai natiti 4 arritori mx ya»U *U*ri- 

sor 4 suo giudizio - è assoluta®»*!® definiti ve. ^ 3iIia ' 3r 
^ r . n^a.-rr. 18 Ugge 41 v-«. de temi a» w eelonld, 1» » 
r *.« per aetlrl di equità In una dallo «Upopùi^ - 

r0 eccaealw od «nel» per ^ ••=- 

U.»^ ; la eppUoaaio--, dottrinalo diventerei» log» ?»•«*• 
retti va e costituirete precederà - par i giudi*) Iccm “ l 
deW-no giudicar* casi ari leghi 

Cori queste Cerai Vito Giudicar io »etrcolile** ha ®«c^' 
unzione modificata i* % e unificatrice *wl3e leggi ® olpB1& ’ 
lXls . R 4 u»Ua »!» ■ T ■ rai " 1 ' : • 




giuriMpru«et«a dei r*o' or- , '' riC 










'■ f 

64 


11. 


Il governo delle t eloni* 'brit.-miete Vvr! «té di - 
?- di eràinasìento nelle colonie. Te st. -i :,rì*tir?« i r - 
tettoratl. Le colonie risila ,* yar. _ : - ' ■■ '>■ 

r <* PI>r eoe nt srtire e su ;i governo r ■ ?po*: .. » ' • ' - > 

i - 

8W. Bop-pio carpii'-re e»etUv. 2 i 1- -:-ri -tr-re. SvUt; ,>> 

d«l diritto coati tuoi cium' d< K ' - * n - - 1 - 

«en*i *• scansia-li del?.-: £-. 

s'anifestasio.:.! di -, ,-u- -r- 

dell* impero britannico . J. 1 * ' - 

Il ciis «enea di quello K-ir *- -r 1":.. ; 




La lesione scorge 's iti-se ca; 
loalale inglese ^elemento a**.- 'poli o 

sai inaiali ehé e^t'nnioea^i . ; r g • • - • - ; 1 ' 

della madre patria. Or à<- ...* ? -. vi 


definir e l'elemento t, lo- 


P-. 


~ O i- .«4M 


:it 


locale, cioè il divora; or4J.net»- irt-• -■ vi : -col -tì 1 - r « 

In questa opaci»imeni•; ri d" - 1 . o . -> poi .tic» britanni • 

ca da quella delle altre r:-.^ 1 .• :©rcliè in .•:«••' • <" * 

cane in tut-to lo arri Ivppo dei.',; i t ' ì - .-;*•■ 1 v. ** f è 

# 

veduto alle eccessionf dei aingo.;" et \ J ■ s . qu- ?t.-> ci : 































r aa eia» lista- La potestà legislativa 4«>- i ù ^ - * y - w e ** cu “ 

tiv& && trogoliisìno, ohv consìste nell’ caiatìare o ■*ò.'' &’'*.<-<■ o 
eosieigjf.o a ®bs‘ ? ocap^ < -hit? in questo notU ft ’egi**»* w * ’<*..}■: 

asl priia© p-: ■ del loro or din sete nt . .os ± m* 

non gì* Costituita i poter» legislativo locr. le-, è resta’'* 
nell’isola di S&nt'Klena qual* siete*» perwuientes il ■' J n 
consiglio ©orseerra il sesso dì legiferv- » por xer^o di aneti- 
/* ©la« cèsti vai se Crsr 1« legirlaai ->no oa -• 'i~ ■ -• * 

-ma categorìa a parte si •io'b'boii- col Ite a* e x £. 
rati . Sella lista dei possedimenti coloniali inglesi. e 
distli mi■■:•>i de^li scrittori* epeeialjaeute inglesi • 
i protettorati sono collocete in una sola categ-* v, 
fettivwnentft séno di due .«pnet hIcubì sono d.Ull-i’V. v ■ 

" nazi onal i (cm-s sar- tte il Sultanato di Zana iter eia* è òol s 
locato «sotto il protetto atft del re ài Inghilterra), ■- 

xrotfettorati e oicalali » «eoe è «tata la Algeria, deve 12 e c " 8 
hai ore ingessa esercita il potere sovrano assolato come ne • 
pria© groppo ài odiosi», da l'vs questo potere è esercitelo 
ni apatto a un pìccole gruppo di rapporti perché tutto il re^t 
dalla vita degli indigena ó r , c?..vt© dai capi indigeni i qua ■ 
cm 2& ripartisi©ne cella l©r<* «capetene:*, presalenfe ,« taso un 
capo sulla propri* trihS, anche aie bile., vengono a esercì tar«- 
tutte le .funsi or. •. 1.1 govern • 

Bei prnlettorati ■ la sQBifcW.. ■■:. di,ritti c ; -• r\rv.% ci&et ■ 1 ' 


















m 


%\ potere coloniale britannico è eMeati* a;ottratta a *g -ì 
eontroll© e limitasi «ne ai potere t;?ocuti^o <? legislativo la» 
cale, co»» nel caso della si. Sfiorii ****** a-ofeiafcS r " 


.j or dato nella pria& categoria. 

la tersa categoria te* pOwBOdi ?. a n':\ ItuvUiXc-’ è «.ceti* 

tuita dalle cosi dette calc ale da 1-& A92.PM- '■ì u ^ É,t ^ * ^ sui 

,n tipo sarebbe il gruppo dello isole ?ónga > 1% parte, om?i 
ordinata a aditala,dall» 3ft#r ■* Settari ©«ale, al 'ha una u* 
gua i* privazione dàlia popolazione dello feloni* jfei eotc-ri se» 
srrani. Il potare assoluto che è e e croi tato dal popolo «ss 


*-isite è delegato al governate-, e d- Ila o^Vnto, a a?-sere 

asoreitato in parte, per dia di delegasione, tìt ur, 
flf fpi itiro' #. i&gvr locale - "col» anca ci fruiste •sona 85 

gito, nominate dal governatore, cosiitvdaeè un dec.ertramante 


di governo e di potere le, sÀ&tfvo ioissa costituirà una auto» 
acati* a £&Tore della oc ionio perché tanto 4 membri dal cencio 


gito esecutiva, cito enn-rì tu irebbero il Oddiaetta del g«r«fi»d 
t«'«, «juant-o ì membri Sri ofriutf i? c i=»p l alative, «lag- ceetitut” 
rabbsro il poter?: lejr/ latlv© de «eleni* awbc-r dilato al 
potare Scg? a3ft*iYo dei 2*, aetrcpoi.' , «osso essSueiv&mente di 
regia, ««ec- ^fattivamente ufficiali dello Stati ai 
quali è daeahdata fusaitecnica di legiferare por 

le colonie. 


3i«eh$ là co: ../» àauia corona far. dd'^ar*®» 


tigie eofe j.+«s*«BWnli rcàsO là stazioni. e!s* abbiamo riocrdìfcfc* * 













*® 8 ® nSA P r ‘‘-«-etterati Britannici,, • n j& sili, sì ; : ; -..- 

$$*enàe «ore»* si 5 i& un deesutruessnia A‘. goitr* i«2.-* 

u*aà, x* pater» leglslatt t- A coloniale c!y meli- t« 
loììie ia periodo Iniziale 41 Corna* 3 viene afndato *1 

I ì aT$ =2£cut 1 so tts *la metropoli, *; •••»•.* • rpc-je e>-t»**c ; ;o j > 

quest© altro rane del potar» legiale-ti--;- . ìir è il cr.il-.-.> • à: : 
qv,*„ . «3 uiiìai&ii pubblici i %uuli noi',* .-«-.• \c2iia f r.r g-.v;:** 

* tr ***« t&l© potare subordine* ai _f*a? t i cu* 

abbi»»© ricordati„ 

JJ& t l** r $* categoria è costituita dalli- coloni -sii £ 

rappre se ra&,tj. >^ c. c '-a 

*^ niìr6 g^'-erno respossAMle. oneste coloni» seno gc-vwrr- ti- coi 
sistema del consiglio, 

Tri 4* 1 ®*** «©ionia, di cui ricordiamo 1*Isola ài Seylon, 
******* Indiano e la colonia del Sai h*n prima .le Ha 
x orbasi osa àslla Confederasse!» «eia* Africa del Sud, ai ha il 
g-^rn^toi® eli® è di nozaina regià » elio è il delegato dei pò* 

"*** ®****«** ***** *K**»*U. inoltre ri-ha il origlio «* 
*‘ , ®* tSW *** è •«•«tatto 4* impiega** à»tt•****♦ tritai* 
"** ««-*8*^1 cd esarci-ture nell» e©leni» i*tsf¥iei© di 

...O.Èf.brJ 4MHÉPtttiÌYÌ SS i l ccssisj^ io 3 O ±ri «Stii ... , 

a»g4 1 sls.,txT<j ri/e invece di ee-- 

**”* to *»•*»«« « »<«■«* «gl», «me nelle eoio» 

®‘ a * lta •*"■*• 4 **"»“« *» *»*♦ 1 ia 5>«t* 4 » per»™»}, 
©letti va-, 

&um** eftlai*» *1 pisene caratisrii^ar» tutte *m& colo» 



















; - i: U ione rappresentati'•u* e scasa |p7tmo rr^ a 

fc, J. pare ite sw? il a verno r&j presentai ; ve aia cotti 

■'.' w-n.'bri. i.- •. '. ti ? « ; v-Àr.tc S6 .if. ii.v.’feri al no^iriv , 

•. . •; ■ rr.o non « a&i responsabile à mntl a Qyeets 

,,v ti :;:._rd omsqìì asm/ilee »• isa uà* parie*/-=-• - 

zi -Mie dei pòpe?’..* nell - preparasi or* i:. .■ :. leggi, stria r. . : -, • 

£*9 in un rtaonaeciaieato di sovranità» »•;•'«&$ aneli:::- i- ..- 
ve me destituito nella colonia, cioè i : •-soaei^ito «3: ; cu . 

..: . ; repoij c del governatore ■:• è : '«gf noataer..- ri 

: Udrebbe obbligato di r-iaette: ;u. « y -atiattefeb's* 1„ 
vi finir-. Si tratta, quindi ai «n ,, ;-*?»> . ... 

alcuna tracci* di governo p&rlsa-,; -*re.s * a dott -ina .>. ,r -v 
08 i' ! •**'-» ssanw&nlcs applicata ai sistema olendole.. 

jT^nalaten c v i/uivina v.-tsg^r . - vi# Ile colonie bri’ ..-r .t- ... 
ituita dalle coaldette e,alo :ii< wktraoai% s.icè d$ 
eh® hanno e» potere iegielative e«*U£n&ta asilo coloni*, r r 
se s *she hanno di fronte a «feesfce potere legislative mi goe- 
verno Fe&ptneabile. In gneéte colonie ai h& enteaiantt uft 

ordinamento identico & quelle dalla eo-lcai* e «tempre te -,-• .: • 
quarta «etageri*, yerefcè le *»g$K tramare esecutive e legials*i 
ti va «5 «so rappresentate dalla e:v,us&m- oettpgorlai ai! ha- wj 
g evocatore che è nominato vgu&lswnie dal potare esecuti ao 
della awtrope.ll; accento, a questo si ha » n - soa»ìgi;U eeeee.Uw 
eia è il gabinetto della «aloni*, e «n cenai gito i : . gl stativo 
uh' àssecrblea rappresentanti eh* costituì na-v i,« a-.w- 









par Lassato selciala „ 

In alcune sù aveste colorile % *e*br.t dal csaniglio legi¬ 
slativo sane nas:! nati a vlt*- 41 gover .mi-ore «2» è 3 1 deX*ga*= 
to fisi potére «gasati. atropo Aita.*. • . istmi i\ io'i CMt&d&i..- ;:i 
r J.Itr« invece e di nomina eletti /a. *&*:• •:• v . ;j seconda, catterà 
quanto il consiglio legislativo tprin.a cs.-^ra? , òli® urente*.o 
talune colonie la fieno»!nasio*w di dei rappresentar." 

ti la,se®onda e <i5 c+égn&tb la p riaia 

Prescindendo <fe* questa di ■■<••■: sità :-.*_• ila. -• ti tur ione fi* 

ì* seconda cauera, la pria» c^t^vra s esc busivestente di notti., •= 
"•etti' da pari» della pop "-■«£'' -’n-- dell è* Caiani.» 5,n ,.i> 

^ 'n diciate coloni® eletti te. » ir altre di neaina av 

eolcaie autonome il gabinetto s di diritto re-speasidoit 1 -' 
•lavasti il par lamento, di fatto la su» vita dipende dalla 
Geuis&r& elettive, 

S’eeJaè» se l*Msutt&«a legislativa dall’isola di Malta 
respinge «n» legge importante proposta del Consiglio SseeutSvo 
'■ vota una soriane di sfidai» al potere ©reo-aiIre, quieto ®m 
bì «vove perchè è tm& derivazione del potere »s»e«tivo astro* 
toiitane, Invece i& quest® «oleate autonome -sitec-cn» il gabinet¬ 
to è una derivazione del potere legislativo eoicalale, ss 11 
povera© deasssss» di avere la .fiducia della nasi orto coloniale, 
tovsrebbs ritirarsi, ftuinfil il governatore ha delegata,, asm co-- 
nelle altre colonie la ftsssione di rappresentante figlia so- 








71 


•Tini ‘ à ìoìu ... dèi opolo brit c . co, aia la fun z ior- ••? ài f . 
prevs-eatanta della sovranità co: t jt \a : ">::ule àeì popolo britar 
.ileo. 

Il governatore, ranto in questa colonie, quanto in quelle 
.delle altre categorie, esercita quindi una duplice funzione 5 
rappresentante il una sovranità limitata nelle are e illimitata 
nelle altre Wa oltre a ciò nell*eserei*io del dritto .ài t,f 7 
per le leggi rotata dal parlamento delle coionio esso azere.» L& 
anche nel..? colente autonone dai punto di vista costituzionale 
tuia doppia funzione- il diritto di veto che coape* 8 al s0 ’ r ! * c 
:-oti jc tonala per ragioni difendenti dai ben-- delta oo^onia 
e dal rispetto delle leggi t or.dament ali dolly, colonia, e un 
diritte di voi o che può ispirerei ar?oh* a co?, -Lt’ di.vere- ài» 
quelli relat vi 1 anf>viiert* o lei !-«. colo». », !■-•* * scr.cs : 
relativi all*ordinajaento deiV im* . Cesie il re d*Xnghi tei 
può, v or o ...a .ts , rifiutarsi di fintare tuia iegge qtu - : 
da lii ritenuta esizi «le al bene del suo regn , cobi i* ,.u - • 
imi e del Canada può rifiutarsi di firmare una legge che egli 
ritenga in contraete col diritto costituzionale del Canade ■ 
col bene iella : Ionia. Oltre a queste il governatore del Ca~ 
r.adà p i porre il veto « una legge ohe aia in ccr? •■as*- eoa 
gii obblighi generali verso l’impero. Ad esempio, un-» legge .1 
scale :-he fosse più favororoló agli Stati Uniti ohe all*Inghil- 
terra, sarebbe una legga contraria ai vìncoli che leg il Caca 
dà &1I* lamere. * il governai r». potrebbe corre il v«t o. 0' 4 














"2 


<?gii conserva, il diritto di roto sdì solo cfitte- delegato di un* 
*; rvranità eout iitiic Iosmìs » «a incile sor* a di un t ìt- v >’ 

superiore imperiale ohs àsv* Uaitare e auoràiaare ..11 imi- o 
.a sita delle eolonie, 

Queste coloai* -.vutoxifì&e , ih* ’n parte sono oraJ. -a' ? 
tì» {*• 3& ^ 

Qanadà, m confederazioni »«a vincoli fra i tea i Stati cfcc 
forata^ ai avvicinano al condotto di St./t-i, v.u._ -‘ 'ii* 

**• ■ ' ,jr; coptituaittsa per off - ?o aell* qua?. la sov*« tè 







* riconosciuta nella popolazione della e cicala p*r ideilo ,, •_ 

'■•**** w»«Afewti elettiti, quanà- a Riessi- è ." ' -'.ci . • 

v«aae-ia di Sfgielasione ohe zi • ' Igs ae :u •-;* c.f - ■. ~ 

;,la acquisti;. \m& ©sìsisniEfc i 'C *'•'••-■ aiate-.' .. da ;-. ’ ' 

-^drs patria, g quando la sol,, -■ o^.r 6 ^ n tc . . :ut.^ : 
•£*if:st* % colonie autonome, acquici .i.nsììfc Is. propria ir.àipeniati- 
fi «cale ' deganaife i pii* ne»; dipende dall Stai, • pc.àro, P'*' : - er - - 
do svilv.pprjre t®a pofitlea doganale propria, a. -re .. 

di •--'!spettarr- le dpttaraiie dei. liì»r ,?c„ . : a....-,/.-tno par 

1# iterai elle prove a gena dalla ,aadr.- patria., uùior^ ; sta el¬ 
ioni a, ohe uno scrittore inglees non rorr:bbo più eh:) .aa-.-^re eoa 
questo nwat aa. eoa quello ài ai^ter country, «outa la e&rst-irrSr- 
«tiea il «Oleata in quella ii Sts.f •' s€=-ii~evtr>-u., r £•■• fatti il gc ■ 
sweater* «oltri roite, oej&e a» 11*Australia, dove ?sk?t 

una perso»* gradita alla popolazione e u,l : - . ^ . . * -in-,:.- 





_ 


. 











73 


alesai Da que**.» *:»**> legi#X»ti ’i d« •■ 

«Ome, 9 &4 guftffta loro r«to. ift " inetto «11* t,- ' ri ' : ls t * ?g& 

n&li, -.'.ari n- «ec >ari^ i' vna zyeM di perennali té ^ 

*i<ma*«s *n&i/ - xU. : 4 - ' dietin cJ-TJa ■.«'.«• opòli 8 * ~ l * ~.*" 

autonome Danno ..ma : ojajeten^.i doganale di. •tinta da quella 
la metropoli, è natura* 13 ah* non possa eB89r!S 9Ìflwta * A “ 
la metropoli la stipulartene di trattati di eoww» •- i w 
a? applica *11 anche p«r 1* saloni e è naturale «he 1« ;, ' t “ 

da b* .'.no negoziar • r ' p.-? •vtaaiS'V •* •.VjTjrbWJO a c > 
v amente hanr. , pr >pri delegati ;. :c»nt o a V #~ 

21 quando pì stipulano tratta** ' he l' 1 '**' 1 •- =• • • e> 

Si. tede dunque come dali ’uutorìomi** 1 » d* quc.••••'? j. - 
gerirà *n gran par'-e dalla costit»-ione «ittica de * 5 « 

stese®, derivi alla sua-- volta una re latina personal - ' * 
nasi osai* delle nodosi»* e come dalla eo ..lafcoraiiorv r *. .^ ■ 
ria di quest» colonie, dipendenti perche 30 yjtte s -■- 
•Bltà dell'impero «he n è rappresentato- tal gaw’’fl»< «*«, ir 
dipendenti perche in possesso di un potere legislativo « di un. 
competenza doganale dia *. + ’ da quella de. a metropoli, u- ut» 
evi lappar si ». 1 vino alo Sssr st J. v 0 .. 

Per pesta colonie au* onoms 3 'awe-' l 1 e si deline» re * v - 
me: ri. ■ • togliendo quell*»-- 1 i«o Vinicio ." e 1» uni sue al 1 » me- 


&2&i£ifc :BfcJ,T* COOTi? H DISITI C-. : I.3S£tó» 


Diap 


















V4 

trapeli nomineranno 11 proprio presidente invece eh» rìcev'-'a 
Wk s ® '* : n *^ or * metropoli © <Hv*rr'im?v uno Stato ind*pen« 

d©ate f o finiranno eoi «ostruir©, insigne con la Gran Bretta® 
un grande impero oh© aWa, facondo 11 concetto di Ohamber= 
Ajtli-. 1 tuia Tìta comune rappresentata da un ■:<*r! uia consiglio fo¬ 
derale, 33slla possibile futura Or genia* «Mone de 11* imparo bri- 
tannico, ci hanno fino ad ora disunì indi»! nelle periodiche 
confa rena© coloniali, treaintatesi ormai in conferente iape: la» 
li la quali sono rappresa*" rìse ufficiali per il ;• iter* >iei- 
le persone che ■’ ^ .rtceipm • ma soìtan 1, o uffici oc • *- o 

une trattano argcruenti e formulano risoluzioni m »v- .-me 
pò* in modo definitive l'impegno che queste rìeo • : ' 1 <«’• 
no fora» di legge, Ti!*se sostituiscono come una. apso'*? d‘ 
consultivo ., e de ralt e he quando * i muta» se in deliberativo e : r 
periodico © permanente costituirebbero un consiglio fed©"^® 
^ero e proprio. 

In rsIasione agli accordi presi eon le coloni*, estetor© 
istituti di carattere educativo, scientifico e tecnico che 
diffondano mia specie di cultura imperiale in tutte le coloni* 
inglesij 1'Istitute mouico per lo studio delle malattie tro¬ 
picali, fondato a Londra, enra il rissnameato e la facilitaste* - 
ne dei a*r\ 1 di suesiet*ns* nelle colonie, l'Istituto imperia» 
1© ®fca ha lo re ., ■» di studiare le condì*ioni della coloni* e 
di stimolarvi la vita economica, «irebbe che, mentre ora le 







lati Ile hanno i>r. commercio cori 1 Inghilterra di 5 mi lisi. 
Sierlin*' e tutta il reet"' dell'impero di 20 milioni ài ster¬ 
line, si potesse* portare a, ' sto secondo commercio alle pro= 
porzioni del primo la istituzioni e le fonda?-ioni di earat-. 
tere eociaèrcìale nel centro dell'Impero, cose lTaperial In= 
et 1 tute , e il giardino botanico di Kermigton dove Tengono 
studiati i prodotti della flora d-.ìle varie -colonia per vede-; 
re quali di questi, prodotti possono avere una applicazione in 
fiustriale, e per affidarli a qualche ditta manifatturiera 
per eh?* li «labori, sono pure man;, festa® ioni sporadiche del 
tentativo di vita federale che si va facendo nell’impero e 
che è il risultato della condizioni ineluttabili eiiiattìnt* 
tanto nelle colonie che nella metropoli, eioè che l'impero 
coloni* iq inglese ei trasformi in 'in impero federala o cose" 
di esistere, Per questa trasforma®Aoso, che ha avuto uh apo*= 
stolo nel Chamberlain, ora malato vari anni, e testé riti- 
ratosd anah® dal Parisuaent o, che è stato il rappresentante 
Ai una scuola avente per scopo quest-* politica, occorrerebbe* 
to alcuni requisiti, e cioè la subordinazione degli i»teres= 
si Imperiali agli interessi locali della metropoli, la sop¬ 
pressione degli antagonismi locali delle singole colonie, e 

1 

degli antagonismi, di classa che @i vanno formando tanto nella 
metropoli che nelle colonie, Queste tendenze nella politica 
della, ceiosia e -iella metropoli «oro in antitesi perfetta 



















eoa gii ist arenai reputi, *> qv - ■ ■-. 

gii ini-..- . si 1 • . 

una fi-sloBS rio.lt p r Io-tana e -;-■ .<• ~::c p Attcsto p ' 

ori dai partiti canr-er - i :hs non dot -radi'-:-!: i 

quali 2 Or;o utili in ' -r;11 • i S-. *i per .<:• ..*’•* di ou. - io 

4U-* kìo le Htsrià pditioh- a* eh* sono in antitee:! do» 3 

•w osaiià deli, pr ir * io* . 

Un altro osi •■ c. o d*;r i -'a de i ; ■ 

Ioni** 1:.- -juali psr nor; voler; subordinar? 1*1 pr r-r<-v. 
ea alle ss .'gante de ì. ^impero, delle quali -or- j r 1 .■"’ im - •< 

t «mente l'utilità, corrano il rischio di t :.-•?»:•*-v i <>.-'■ 
pfim- di provvedere alla propri*» di..**»- 

Uh terso ostacolo è quello della p itiea dalle t'j#?': «• 
del colore. 

In un i&pcvo :hs ha 40 milioni di abitanti nella Madre 
patria, con ? o 8 milióni di bianchi nell» colon»* * con 40'.' 

mi li osi di n osi bianchi , la politica a «a olut a e bigotta av r 
colore derivante dall'antico concetto dal popolo eletto ohe 
ogni pepo Iasione europea ha -voluto di recante applicare a 0 ® 
stessa, e eh® quella sm esagerai ione genera 1* Inimici;*°* 
dominati per i dominatori„ 

Ultimo elemento 4i àarboles** e l^avvsr sione a- e osi dettò 
militari ssì® ohe esisti» in Inghilterra 7->--aere ito britannico 
reelatAt.o tra.-. j*»rrcnart a or. pu5 resiste 1 -* a una guerra con 










nr ion .0 europea La del pcpoio britannico 

n< ' .. e utoiiaa di -Marciti fondati sulla preserie lo» 

uè q re a tri ^ntInernia si fisso lf e sta asse he nello e al ostie, Da ci à 

U’’ va pr _ iclpi o li debs*leena oh® potrebbe far tersiliìlare 
1 • impero .w.-mtoo coste è teraiinato l*lcipero rasaano. 

--tt quieti r.r,:'on«ae; ti ner. cono fatti per trarre una 
* 'li*rt? * r •. l-'t-re la iu«orisiose sintet ' sa 

• - -c ii fora* e ' do boiacca che presenta o^gl l'ia 

pero britannico. 














12 


La colonizzasi me francese I primi tentatici dall* lai?, 1 *j? 
tÌTa privala, Le prime imprese 51 Sta* o. ?>-a a»o I ed Peri¬ 
co UT. La grande politica dal 1624 al 17.. , sue cause politi"' 
che ed esondi che; suoi risultati. Sviluppo e decadenza del 
dominio francese in America e in Ind.‘. a, Politica dì difesa -» 
di- sviluppo dei possedimenti conservati t durante il regno di 
Luigi XVI. Perdita delle colonie durante la Rivoluzione e ì'Ib* 
pero, Rleostituaioae di un dominio coloniale francese dopo il 
1815. Cause del maggior sviluppo dopo il 1870. Importanza del 
dominio del mare nella storia coloniale francese. Valore del- 
1*acsordo anglo*francese de11*8 aprile 1304 


t?n giudizio che è compromesso molto stesso dalle acciden¬ 
talità del successo è quello corso in generale in tutto il 
mondo! presso quelli che sì seno occupati di cose coloniali, 
eir«*a la non attitudine celonisaatrica della Trancia. Questo 
giudizio è sorto dal fatte che la Trancia perdette fino al 
principio del secolo scorso tutti gli imperi coloniali che 
era venuta costituendo. Però essa nella preparazione di questi 
'..■eri dette prova di attitudine non piccola dì acquisto, di 











"*9 


organizzazione e di colon)esazione. Sii potrebbe ritorcere 
1* arguiti 1 *:f c oai. • i '■ . •* se: ri -e Ila Francia deduce lido 
un giudi,.;-n . v/t resole i f.condìtè e di disposizione colonia» 
i* dal i.f '• a-':) nc'-at i 1 usi •ano di vn impero coloniale a-la 
fin-- dei l:’- 0 e- un i:.;* 1 Che la Francia aveva perduto. U= 
gnilaente al . et’ r dar re dal fatto che il popolo trance 

se è ufio di q*i; p jìx ■■ "‘poli die abbiano lascia r -- ur. gr.rms 

il i ’n a> • -oli:icato da aè , come le colonia francesi 
del Canain re ^a; k , ..otto il o-ominio di un’altra, nazione, 
e j no . a.-t • .* • "n recolo, nemiche della metropoli inglese. 

Un alt - c eia ne :H fa'or*voi* si potrebbe dedurre dal fatto 
della «aeia 1» ..ire wir 'e. in ellettuale, di cultura e co- 
oiale, che a» saputo ■••sere 4 '-a- e anche presso tutte le pop’/.' » 
*ior J sul';- 1 ili il -tab-'.’tt o J. suo dominio Per questa *- 
tit ..uin -r ti «tiroe8al indipendenti e trascendenti ..à 

*.ocid«nt '. p 4 che dal- ^quieto e del mantenimento di > 
la sovrani t. a "e i territori, per la r ..nascane a o-'st ■, te di que¬ 
sto impero, sorgente come per una epecie di resurrezione calle 
sue stesse rovine, l’impero coloniale francese e il suo evi= 
luppo storico ?r e tonf ane un ini rvsse particolare. 2 per una 
poteva giovine come la nostre presenta poi un interesse par- 
t isolare '1 vedére da j. r » e s o «n popolo e ; e ha dime* t rat o un» 
naie costanza e un* tale facilita ci riuscita nelle imprese 
coloniali, e quale sia stata la manchevolezza che lui de ter min 
to di. questa costi turione color isie il carattere no;; dura irò 










*0 


Perciò a«d è sensa isteresi . I ' -e -v:-*i.» 
co de 11*imparo franceS8 allo studio dei' s.-: isti 
cremini strattone e di governo. 

Ìa politica coloniale francese cornin...io nel 13do , 
naviganti e commercianti di Dieppe ve*' 1 ;-:" le loro imi:.- ;a/;o“ 
ni verso la costa occidentale d\~.fr ;a e f caì-nr •••r*: alcvr. a‘ 
bl Unenti sulla costa della. G ■ • i: . qva-.~i : * ia: • 1118ei 

to ose ha conservato il n-uè &. ..t ri. ^ -•« i 

primi tentativi di. colori- . i or . * :r- H'h: J» • 

Betfcencourt muove alla o . L .e :t-nar;r-oel 

1504 Pattinier de Oéfjarr svilir - si 


possesso, e altri si. sping-u ù il . i il; 

Guinea. Ma queste iiapr-.*-e li -no indivi.-,... . ■ 

poiché erano dovute più alla ini :r -e ■■'tu. 

dividui che non allo Stato. 

le prime imprese veramente coloni sii m 1 - hnc:; 
imprese di Stato furono quello ohi nelle ir-tu- u@. v te d ■’ 
vennero tentai: e pe r in lari ',t i va di Franco se ■ Iqu and' -la ' ■ ■ a 
Giovanni di Ve raspino (ISSO'-1527) ì* inceri;. <*• il ;'ì ; ' - 

Ioni scare territori nella parte jeett entri osuCe dall " Jteer; ■.•:•.*. 
quando fu occupata la -osta tìr*. isola di Te'" r:ora. Ar- ' .p ‘ r 


sta impresa tentata per 'lati — a; Francesco i* ha iapcr- 
t ansa perchè fu la prima a or t a - «n t-o ' ■- r i bus i or. s d* ' t e r ■ 


ri tori del nuovo moni- fatin s.*l pontefice. Ouande Gir-vanni 
% *"“ M * nm WS**** ai ytrni «• -5 twi «.•lee,. 0 P< 














*1 


g _,j, * il Tó-tes .Ilo proto st a roso .1 legando dia, per effetto 
della bolla -di Ue» «andrò YI°, orano di loro pertinensa » m- 
3 ?» :: ■ o I «n! :-:-vó la rriaa ot-biesione ufficiale centro qua* 

sta l. r+i'Ji no -■ 1 t-.rri t ori, ? riapra? eh?; quando gli aves¬ 
sero presoti 1 &' il testane-.o di Acruao ohe attribuiva qu*i 
territori allo. SJa-gaa e :-.l Portogallo, £.vrebba rìtxr&to la 
prese di pose-ano. ntri.nc.1 av nsavs il concetto della oppoel" 
siene alla djvìalcne di territori per opera de l potef » •'* 

Questa pr-rca di yoeseepo sul '.•ispiri <12 **err»noYa ' jull- 
piirte pld orbatale .‘“I *.. rritor ' •* ont• dei Cvn&dà 

(quért'u.- iiRtt ••' t’ v -v-i-ae *S':v : ■ lls Zr .non'" , sbguit . .Jsr 
quo Carfclìr (1 '.4*164$), fu non’ Ini ’. + ; itila fino delio a 

zar r * iairl»* iv-" d* . ;r JV o cu: - : il ragno di 
stc covrano S rano : •’ ati utt.f.* ' *1 - -.a r>: Car,c..là c co» 

aitioiè * col lagnai cne de 11: ' rr . ; - -, V'jll 'inter 1 '■ 

fra 5-1 rr. ■ dT : >.r;: s? t r tv* «'• i:' I tentativi di 

'•rgan’ ' or no ?' ' ' ■' : V- - ■ j. r eri di ona* 

le (re .. \ or del ' <* •. 1 %r\& dot* • - - - v - ■* w p- ■' & et interi alo ) 

e in .nel territori o e He ^-renna pife tardi la parte più ri 

diett&lc- d .*• St'-ti imiti ii Am-rr'j p>r opera de2 2 *spira¬ 
glio Hi C- li p.ny i 2355 ) . 

c ionie aori? in par**- per ivi . ;..: ’ .. dell * «ami- 
r--gl- Di D'-. ■- ' p.-.-tv per il. desideri e dei calvinisti 


s-?'$ u» r ■ u s'V'mF y. uzKrrpo coicmiai» 


lìicp 











82 


frane'si sii trovare un territorio in cui potassero adorar Dio 
secando le loro eoìicesi r, r.ì, non riuscirono per i di scénsi che 
esistevano ira questi fuorusciti. Ito’epoca come la nostra non 
arri.-a , casprendare l’O'ìiaa di un’epoca ’ri cui gente clic a. 
va &a._ . rei lontano dal proprio paese per non essere persegui* 
t.it», si frasi anav» e di scuter do sulla u*s* t»'.' one o seno dui» 
x& trasmutasion» , condannandoci vicenda, finiva per per^eg’-^* 
tarsi, cosi da rendere sseolutamante lapoc-r' bi'e lo sviluppo 
del territorio in cui si era stabilita « da. opporre una resi* 
stessa r. irla» alle conquiste degli anf ?-”!, 

P r effetto di questo Turor* ' eologieo dei fuorusciti 
francesi, la loro coloniss-b. * r- un insuccesso, e di quest- 
tentativo nulla reetft dopo p< ...i anni che era stato ini.'-iato. 
Quindi della- coloniazazinne francese non rimaneva che lo sta* 
bìlimeatd ohe era e-tato fatto per in1»ie + iva dello Stato nella 
Nuòva Scotìi., l’isola di Terranova e la parte orientale del 
Canadd. 

Hoc molti erano gli emigranti diretti a queste regioni, 
perchè" anehs in que 1 tempo il popolo franca co non presentava 
una tenàeiKEtt emigrai cria come quello Inglese. Per è i francasi 
dimostrarono la qualità di riconoscere l’uguagli ansa umana 
acche nelle altre resse da 3oro dominate, ài ammettere l’ugua* 
gìiasiza di diritti fra queste e i colonissatori, e poterono 
costituir» cesi, anche in colente dove la rassa francese pur» 













8 ? 


non poteva acclimatarci, una razza aiata al» sviluppava la 
civiltà europea in un territorio dove altrimenti non. avrei** 
potuto attecchire. 81 ebbero vari esempi di questa dispaialo* 
ne alla uguaglianza del popolo francese dalla quale doveva 
■poi derivare la proclamasiona dei diritti dell'uomo e àei 
cittadino. 

Per eeeapio, uso di q«*i primi collimatori franceel 
cbe ei recarono *1 Brasile, terne in lancia col figlio di un 
capo brasiliana, 1 » intoni ione di ricondurlo poi nella sua 

patria. X* eteoome non gli possibile mantenere la &<*•*»* 

U ricondurlo al cu» pa**«» * dotté 5 gli ^ eàe ift *° gU ' 

w sua nipote, lasciandolo erede del suo nome e della sua 

ricchezza- 

l primi oeleni francesi ohfi recarono nel @a«adà, pe¬ 
netrarono- nell'interno e ei unirono con le donne del paese, 
creando una razza aiata detta dii &S8&U P efché ** «** e0l0= 
re eh® età a metà fra i pellirosse ed i bianchi. 

0,ueeta fruttificazione » civiltà europea e questa forma¬ 
zione di nuclei «he in parta partecipano alla civiltà europea 
e&retterSzzanS te primo periodo che va 6»1 regno di 

eeaee 1 alla fine *1 ragno di lirico IT. 

Ka il periodo della grande ceiosia* azione francese ce* 
mincià nel primo quarto del secolo «tt, sotto il ministero 
di Bicheli«m • di «tesar ine cioè durante l'ultima parte del 
regno di I»**i ini* « durante la prima parte del regno di 





















84 


luigi XIV*, peroitè si ini*Ad la e aloni.,/.®. 7i 
delle Indie Occidentali ( 16 - 35 - 1855 ) e si fondò w A . st;. 
blliaente francese «elle Indie Orientali dal quale derivò poi 
il tentativo ai un grande impero francese in queste regioni. 
11 e£ ' r '~ lr ' ale di Ri chelieu ® Basar ino ebbero, fra i vari 
di imperialismo francese, la ri Rione del còlle gamento 
politica in ^ornasi onale europea còn la politica cclo= 
8ct^o ministri il dominio francese ai estone 

5.5 olti esimo nell 'America del Nord, furono occupate tutte le 
r * ’’ CnÌ ir:torn0 MiBissipi e presso la foce di questo fiume 
ondata la Iaisiana. Si ebbe ©osi un dominio francesi» aae^ 
1 “ an ° CAe era 11 pifi grande dominio dopo quello della Spa» 
ìna 6 she ’ «smelando dalla Nuova Secala, e scendendo fino 
territori© della Jlorida, tagliava ai possedimenti inglesi 
■vBibilitò della penetrasione verso l’interno e aveva col 
dominio dei Granài Laghi la sovranità. su quella grande massa 

-or. che è costituita dal Gana-dè e dalla parte con® 
trale degli Stati Uniti. 

Sotto Luigi *IT° questo sviluppo imperialista ebbe la 
i - so ossa. Dopo la. guerra di successioné di Spagna, e 
$ ■> il tiattsaasato ài Utrecht Luigi XI? 3 doveva rinunciar' al 
possedimento- dell’isola di Terranova conservando soltanto un 

diritte ti pe SCa C fe® fu eliminato soltanto con la oamnsiowi 
é aprii® X*04. 

** rà ****** ********** ** dmnto francese dell» .Indie 














85 

v. ::bi \cn.: delle fattorie e da queste estendendo nel territo». 
rio 1*Influenza del commercio francese e I’sìsìo« e politica. 

Ciò avveniva durante i.l regno di luigi XV® a durante la rag* 
gen^a dei Due» d'Oricene-. M i perioda it virilità di luigi XV 
si tentò <ti rafforzare ’ t ir ">#», -• ■ in ciò che restava 
alla Tra.T.:i(t nell’Aaieri'ìe de 1 . ' - « dt estender’•' nelle In* 
die Allora «i. quella rr 3 - ' ... " •.■fi di Duple ix clic , »» 

gente della c<e .g-agni* ir . •. '• Indie e*! r prie? l'i* 

dee, che fu poi utiliza»* : d* Lor . Clivo prò fi ir del Via» 

ghilterra, di i itrvir» mì i ' ■ :. fug.«n* • gli 4'... *r : ù: quei ter¬ 
ritori, in cui la popolavi. or.fi <• ?;i ?.▼*".•» ■ ii&zionals, « 

dì cervirj.-ene per la colonisso ' r.- franca:•>» lw sì 2 tinta 
copiate dall 'ipisivtmime lr:gif • , ri ve-. -i»r* all Ir • 

p.MiÀterr» quo* l'impero indiane do Duple *5 5 .ve • s^rwto a 

profitto della broncia. 

2Jella seconda metà del ragrr di luigi XV*. par-*** cìie la 
Frano?» rieostruìesc un grande impero parete colorissava J 
territori lungo la «penda del Ki*ispipì, evi lappava : ■ Cana- 
dà « si affermavo nell’impero indiano» Va no. i?48, in segui» 
to alle guerra per la successione austrìaca dm cui la Francia 
®ra uscita a oc e csm tenta, dovette rinunciare n gran parta delle 
sue conquiste indiane e limitare la sua as-ìcne soltanto '-Ile 
stazioni sommerei** li. 

¥xi> tardi, durante la guerra dei ? anni,, in cui !.. 3r»JV» 
eia e 1 * laghi 1 terra sì aaa* lattee ori! o tan+o in Europa. i». a~ 












86 




narici* t la ìfc- ioia verdetta tutti i territori del Canada, con* 
servendo soltanto i territori della Ini e lana. Tn «Beato perle* 

do. quindi,, i rapporti trai possedimenti francesi e ì illesi 
Vennaro i rto t t iti . 

Cont@®poraneamen te la franala perdeva, per effetto di una 
guerra Sortir ita combattura in quelle regioni, tutti i suoi 
^OBfitfdiiaenti aell^ndia e , per ijuanoo nel primio periodo del 
re suo ài luigi XVZ t prendesse una rivincita sull'Inghilterra 
Asiaieane ««ila Spagna aìutanao xe colonie d'AnorIca nel u gutr* 
“' a h'indipendenza, si affacciava, alla rivoluzione non avendo 
che la luiaiana, le Antilìe francesi. l*isolu di Borbone e di 

furiai o, il pOi«»odiiaei*^o dei btn^gal e dalla costa oceidenta* 
le 4 4 Africa. 

a/u„ ante la rivoluzione e durante'l'impero si ebbero prò» 
*eUi grandiosi di dominio coloniale, ana* il gran disegno di 
Àsap a *,e one fu diretto ru« meno ali costi tua ione ni un grande 
impero coloniale ohe alla costituzione di u* grande impero 
europeo. Se egli tentò di . ^ le arai con la Turchia o poi con 
la nusaìo, fu par minare il d ominio ■ inglése de3're *ndi® e sosti 
». qtfj11.., francese, e dopo la pace ai Amien®. ruppe c®3 
j..-si ,, a, fu pcrcne nui* xa potè annui re a cedere IJalta, 

*s si mdusau a proclamare il blocco continentale fu por 
combattere la potente'coloniale inglese e per costringerla 

* V3nire a V^tx son la trancia nella divisione dell'impero co 
Idniale. Ma poiché Napoleone non ha avuto mai i2 d0(ai;U2 d# j 








e? 


guaste, il suo regno segna la rovina compieta dell'impero ■•' 
ni «.le '.rance se, e nel 1310 questo sovrano che era al fluir;. : 
della sua p otè usa aveva perduto, dopo la battaglia di 
gar, le sue ultime colonie. 

Ju soltanto per effetto del trattato di Parigi del 1314 
e di Vienna dei 1315 clic i * Inghilterra restituì alla Frane 
le colonie che cosa ponseueva nel 1?&3 con la condizione cì’.c 
le cinque fattorie delie indie, che le venivano restituite, 
non dovessero essere xortxiicats. 

Dopo quesu periodo, lw. ricostituzione dell'impero col'.» 
itale francese e^be due moventi. Il jqrlgjc..Js!U^SJS=L£ffii&il e 
j.o sviluppo grande delia produzione industriale francese ere 

zi ebbe nel primo decennio della restaurasione !t epomerci■ 

* 

estero della Francia aumentò grandemente; fra il 1S25 e il 
1835 si ebbe un aumento progressivo del commercio estero, e 
sopratutto della esportazione di manufatti. L& Francia .quindi 
si sentì attratta alla ricoetituaione di un dominio coloniale 
per assicurarsi la padronanza di alcuni mercati. 'Ma prima ancf 
ra di questo, senti lo stimolo alla .e a tatù fidine dei su» 

m 

impero coloniale p«r un impulso ai carattere pollilec r ave^a 
bisogna di rimirarsi moralmente dopo le ultime sconfitta r.a» 
pol=.!oniche, sentiva il bisogno d: acclimatare, per dir eoa;., 
il nuovo regime nelle, coscienza del popolo francese ohe senti» 
va la nostalgia delle guerre napoleoniche e che tanto meno 
sopportava il governo della restaurazione quanto meno questr 












aa 


ie dava ài prestigio in confronto al governo napoleoni~o 
Queste canee determinarono la cornista deil'Algeria e i» «, 
scansione, non riuscita, in America col progetto di acquisto 
di Cuba e quella riuscita in Oceania coll’acquisto cU Tahiti. 

lo sviluppo maggiore ctei dominio francese si cotoe 
sotto Napoleone XXI* quando la spedizione nel ìFz?»ioo riattar 
aè per qua io ne anno la potenza francese in America e quando 
la spedizione in Cina e nell'Indocina, prima d’accordo con la 
Spagna, poi da sola, diedero alla Srancia la base deli'impero 
iraneo=indiano ena, per importala economica, pud rivai#***, 
on quello angio^inàiano. Sotto la tersa repubblica poi si 

la occupazione dei Sudan, cioè la estensione dell'impero 
francese nel centro dell'Africa. 

Quando Sapoleone III- fu sconfìtto, la Francia fu sul 
punto ai perdere le sue colonie poiché essa offri alla Prussia 
tutte le sue colonie pur di conservare l'integrità della ma= 
dre patria. Però la Prussia non volle accettare. 

Bai 18/1 ai 1879 ai ebbe un periocio di necfeRr?-»: io racou= 

glimenuo da parte della Francia, ma dal ISSO in poi cominciò 

l'ultimo periodo di rinata coloniale francese. In questo 

periodo la Francia f u mossa dagli stèssi due fattori che la 

Spinsero nel periodo delia restaurazione, cioè U assideri* 

di rivendicare le sconfitte del 1871 « „■> 

e di assicurarsi mercati. 

in un momento in cui un fi»™ , 

Jl@rj *^«ieni S mo industriale imper* 
versava anche nelle colonie wmn-inaì* , 

indipendenti inglesi delfAu* 










89 


«traila. 

C5o»l si sviluppò il quarto impero coloniale fiancane che 
ai. ai stingue in gran parte dall*impero coloniale inglese per ¬ 
ento, mentre in questo la parte più importante i costituita da 
coloni « è-' pope.iasione europea, questa manca quasi completa» 
aerrte nei dominio coloniale francese, perchè tanto nella co» 
stitueione etnica delie colonis quanto nei sistemi del loro 
governo s quanto nel-modo di trattare le colonie popolate da 
abitanti di razza non europea, il governo coloniale francese 
si distingue per' certe caratteristiche calie: quali si possono 
trarre utili insegnamenti, inoltre, perché «elio svi lui - y 
delle t orse militari e marittime delia «‘rancia si vede p* i* 
prima volta in queste nazione i& consapevolezza del fatto che 
dei naufragio dei suo impero coi on i a i.e la causa r.or fu una 
mancanza ai attitudine da parte delia Francia a fondare colo» 
nle, ma lu un difetto nello sviluppo dèi'e forze militari e 
marittime, senza il qual* è inutile la fondazione dalie colo» 
nie. 




storia mì.i& eoxora g marco cor,orni® 


Diap. l 'Z 











so 


13 . 

Il declinio coloniale della Repubblica francese. Sua e- 
stensione e sua importanza politica ed economica mondiale. Il 
■ governo centrale delle colonie, le rappresentante dell*sut ori* 
uh suprema della madre patria nelle colonie. Il potere le gl* 
slativo. Stins i orse legislativa esercitata cbt.Ha madre patria, 
funaieae legislativa delegata da questa ad autorità centrali 
o ad autorità costituì*» nelle singolo colonie 

XI sistema dell cedimi Iasione e Quello de li'autori ernia. 

*appreSijTitatus;? coloniali nei corpi deliberativi delia metro* 
poli; « sostituaione di particolari corpi deliberativi tosali 
n©A.*.w colonie, Coesistenza di &ue sistemi; inconvenienti del 
pì iis o ; ì iie onve : ■ < ent i de 1 escori do nel le colonie dove il pop o la* 
menu non sia b non sia ode‘in part»e europeo. 

I- impero c&dfiiiiale francese ha assunto specialmeat» nel 
corso del secolo XIZ C una estensione che permei,ce di collocar* 
lo secondo in tutto il mondo dopo l'impero c vienisi* inglese. 

il territorio dell'impery coloniale francese eccede 
la superficie di 9 milioni di chilometri quadrati e la pope» 
Iasione di od milioni di abitanti, quindi, dopo l'Inghilterra, 
la trancia e il solo paese ili Europa che abbia unS'-popolasic«s 









coloniale superi ore notevolmente * quella i«U» ***** 

Questi poeeeài«ent: hanno un carattere impalale - ^..di 
an0 ne perchè sono difi usi in tutti 1 F*®»* ael QOritX!J e ^ 
punto ai vista della politica internaianale e cberciale 
fanno sentire l'influenza della Francia dovunque. 

In America la Francia non conserva ene pochi fcOB@iai«en* 
ti insulari e quel terzo delle Guyane cne le è s.*.» 
to in forza di un articolo del trattato ài Vienna ù&x IBI- 
Ka que st e piccole colonie amer io **ne hanno i®P 01 u “ ,li 1 
nH avuta sopra tutto in passate,, speciale -u e ó J « 

della Martinica e della Guadalupa e le altre Piccole Anime 
appartenenti allp Erancià, per la coltivazione uello zucchero. 

In Amsrrioa. continua a svilupparsi sotto altra sudditanza 
il dominio del Canada clic, avendo circa la metà dei suoi ter¬ 
ritori popolata da francési, che si moltiplicano con un rad¬ 
doppiamento quasi normale di ou in 50 anni, dà la piova d^-lia 
attitudine della rft 3 »s francese alla colonizzazione e dsl]a 
prosperità della rozza e fa comprendere come la tendenza alla, 
diminuzione della popolazione francese non sia dipendante da 
decadenza fisica, ma da decadenza morale, causata dalla dottri 
na del MalthusianismO cne in Francia praticano, quasi per 1» 
stinto, anche le persone cho dì malthuaianismo non hanno mai 
sentito parlare. Anzi la Francia ha dato prova della sua in» 
traprernienza coloniale in quanto che accanto ai demini della 
India che essa aveva ore auto di fare suoi verso i& metà del se 

















52 


coio 18 », hd ocs-.lt.vito scalai . j deinadocin*,, lerriUr-o 

diretta&ente. governate, cella Cocincina- a dui Condii?: c. che 
costi lui so c«c pur *_*«« tendone, per i f importa risa poi* tic» u ±i 

cultura uno dei possedimenti più notevoli posse dui:' or- Stati 
europei. 

In Oceania la trancia, che po»psi e de cU &<•?: vp,. j' a r= 

cjp«i*go di Tahiti e la 3dcva Caieàoni* ha p •• • o negli ul» 
toaypl allo sviluppo coloniale di queeii «t:&tìedi.!aei::.i e«ì ha 
estese col cistoma o@3. condoainic, che non ha dai, tuoni ri sul* 
tati, la fiua sovranità, con 1 ’ Ioghi Iterra, ano i*e r. « il * -, ipe la» 
g'3 delle nuove Sbridi. 

Ka dove la espansione coloniale della trancia a* è ride* 

Idtii e stato in Africa perchè dopo avervi nei primo periodo 
delia sua- «tori* coloniale occupato il gènegai (1682=16205 e 
Glliatì& s » d0 P° 2* caduta di Napoleone, stabilito il dcmi~ 
i.eii A*gcria ( è venuta penetrando ne li‘interno ed ha co® 

^.uei tr@ grandi domini che sono il possedimento del" 
Algeria con io dipendente, il protettorato della Sunisia* al 
<L-^tì ai o aggiunto recentemente il protettorato del Marocco, 
s 1’ Africa francese occidentale. Le appartiene poi il turrito* j 
rio detto (fango Mancese che, per guanto -diminuito in qualche 
tratto dall'accordo delibo scorso tra lancia e Germania 
per a.1 JC» rocco, ha proporzioni grandiose. | 

** lanuta ha avuto in questa e spensi «ne coloniale afri- 

_ _ J 



< ^ i or': ■ -;.he , ari 1 vanno contexapcr«neuaente con le gr*.i~ 

*4 V'-'Wrtiif; •- oluniuiS che erano con caca in guerra, ha potuto 
éii ■ ,e parti c u a * interno così da dare conti» 
r.ultè ai rapporti. Ti territorio o« 11* Algeria si unisce 

ti Aù ci ■ ,cteti ale Erario «sa e questa per il suo hin,erlaud 
m unisce c -i territorio equatoriale francese e ccstituioce 
- v t* i ... - sa enorme di ter ritiri ■ ©fe© ha la continuità ter ri» 

■ oriciic: c. - ir i*. in un punto anche ài ter* Iter io inglese airi» 
i«n . k > ; avei'ac il quale l’Inghilterra si propone di lancia» 

?o -o. •>;rande i*»*'» ria traneafrlcana. 

O.v.ì'k ; ter ri ri sono goreratt*, in via occasionale dal 
«iniétti-- c. dog..: Esteri, da, 1 , quale dipende il protettorato del» 
1» Tunisia »? da! Ministero delle Colonie dal quale dipendono 
gii ai or: * che, anche in jfrancia come, in Inghilterra, -è di 
fon^i-nicnte re iati temente recente. 

Venero i‘Italia contemporaneamente alle colonie faceva 
■■?:* ix ministero delle .medesime , questo s venuto in Inghil 
terzo o ;ju© coronamento delle - donquiete coloniali. Lo stesso è 
«©caduto in Emacia dove soltanto nei 1648 si era creato un 
Ministero de le Colonia e un Ministero cieli*Algeria che furono 
due anni dopo aboliti per portare Xe colonie sotto la dipenden. 
za dei Ministero della Marina. 

Quando poi lo sviluppo coloniale francese divenne ve ramen 

te. grandioso, si creò un set tose gre tariti alia, dipendenza del 

* 

Ministero della Marina, e in seguito ri «enti il %n<. di 







@4 


dar: a questo sottosegretario un seggit &ncx.e nel consiglio 
dei ministri come riconoscimento delie, sua .Importanza. 

Crescendo questa importanza, il Ministero delle Colonie 
si trovò nato come per generazione spontanea, e no»> si fece 
ciré trasformare il sottosegretariato in un vero mini ster :■ 


delle colonie a partire dai 1880. Da questo Ministero dell. 
Colonie, eccetto il protettorato nominato, tutte le colonie 
trance si sene governate, L'art. 109 della Costituzione usi 
1848 assimila le colonie a territorio francese sottoposto a 

leggi speciali» 

i Senatoreonsulti del 185& o del 18o4 hanno esclusa la 
schiaviti dalle Colonie. 

Secondo questo ordinamento le colonie debbono essere 
re+ ’ ve con 1® 'leggi generali francesi in quanto queste, per 
mezzo di una disposizione del legislatore, si sono prolungate 
anemie nelle colonie, oppure con decreti o ordinanze del Mi¬ 
nistero delle Colonie; oppure dai governatori delle colonie 
meda a*; te do li Aerazione collegiale presa dal loro Consiglio 
Privat o. 1’ordinamento legislativo delle colonie francesi 
pu.. dunque paragonarsi all 1 or dir, amento legislativo delle co¬ 


lonie inglesi. In queste si hanno le leggi comuni d'Ingiù 1= 
e?» a, j.e leggi coloniali speciali e le leggi emanate median— 
te ordinanze del consiglio del re o mediante deliberazione 


pres„, d»l gc * e rna •« ore dei.le colonie. Ite categorie corrispon= 















96 


denti si trovano noli» colonie francesi. Soltanto in queste- 
manca la categoria di quei possedimenti che corrispondono al= 
le colonie autonome nel sistema britannico, e ciò non dipan® 
de dal fatto che la Francia abbia seguito meditatamente un 
sistema diverso dall’Inghilterra respingendo l'idea di colo» 
nie autonome, cioè di colonie che si governano da aè ma fer 
chè manca nell’impero coloniale francese la categoria di co¬ 
lonie che nell'impero coloniale inglese hanno avuto la con» 
cessione dì autonomìa. Ne 11* impero coloniale inglese le con» 
cessioni dì autonomia coincidono dappertutto con la costi* .- 
itone etnografica europea delle colonie: la concessione è 
stata oats all’ÀustraV • ai Canad* « alle coloni'. ' i ’ At*r< - 
ca del Sud in quanto hanno una pop*.iasione use irìvanent 
prevalentemente ew *. -v.. 

Nelle colcnie frar.cee-. queste categoria di possedimenti 
manca Usi tut'-o dopo a perdita del Canada, quindi se la Pran 
eia non ha concesso l’autonomia ad alcuna delle sue colonie, 
ciò r.on dipende da un sistema diverso da ess 1 * volu ! .o &^p*ica= 
re, ma dal fatto che le sue colcnie e dipendente sono *.imili 
o a quelle che dall'Inghilterra sono governate sens» governo 
responsabile, o alle colonie della corona. 

Considerata questa costituzione delle colcnie francesi, 
si trova che la disposizione della Francia a concedere quei» 
che autonomìa locale si e rivelata maggiore che na 11 'Inghil¬ 
terra nelle colonia dei due imtper' che sì pop mettere nel® 



96 


la atessa categoria¬ 
le colonie francesi, dal punte di vista di queste ac¬ 
cessioni di autonomia si distinguono in colonie assim iati? 

<*emplatamente ai territori europei e colonie che sono nella 
condisione di vere e proprie dipanasse coloniali. As-ici-a" 
ti ai territori europei sono, in eukx-ì completo-, i re capare 
timenti -dell'Algeria, i quali sono costi*.,. i c-ua tre di¬ 
partimenti francesi. Si ha poi una parte dell'Algeria co& : .~ 
tutta come territorio civile e la parte più meridionale cesti» 
tutta come territorio militare. 

Questi dipartimenti, sono assimilati ufficialmente a; di¬ 
partimenti della madre patria, e i sudditi francesi e gli a ri» 
tanti algerini che hanno ■i'ro.to’la conce sei one de D .1 nasi '■■■... 1 - 
tè. ì. rance se hanno la loro autonomi, a r&p ore sen tata .. ai et* t ■ 
di eleggere per ogni dipartimento due deputati e un gt-iai’-re 
al parlamento di Parigi,. Inoltre per delegasi or • da parte del 
governo si ha un ufficio rapprese- nativo di d«-x ri n tata ' 
in.cu.geni, di nomina governatoriale , che co©- - • cono ; 1 Con» 
sigilo Generale dell'Algeria li quale non ha vita de li idrati* 

?a, ma semplicemente consultiva e provvede alla c«^pilicione 
del hilancio dell'Algeria. 

Per eifetto della coati turione etnografica dell'Algeria, 
dove contro una popolasi one di circa 5 milioni ài abitanti in* 
aigeni si ha una popolasiOne ài "00-000 europea che harno di* 




















97 


ritto di Toto ( si è dovuto ottemperare questo oserei*io deli* 

1* sovranità. nel parlamento metropolitane ohe spetta al edita» 
disi francesi dell'Algeria, con questa rapprese niansa che 
provvede a seconda il governatore e a consigliarlo in quanto 
si riferisce all’andamento locale, 

Sino al 1884 si procedette alla concessione di rappreseli» 
tane© elettive nel parlamento metropolitane anche ad altre 
colonie oltre a quelle ohe la avevano avuta attribuita dal go= 
Teme rivela*lanario della prima rivoluzione francese e alle 
quali era stata restituita nel 1871. Cosi 1 piccoli poseedi* 
menti dell'India nominano un deputato, e un senatore, mentre i 
possedimenti dell'Indocina e gli altri dèli'estremò oriente , 
nominano ciascuno un deputato, ma non,un senatore. 

Quando si è prose diito a queste cosce a si «ni di garanzie 
elettorali delle colonie francesi si I per* fatta una distia* 
siane fra la popolasi «me francese s quella indigena e in que* 
sta fra quella assimilata alla pop a la* ione francese oppure 
raccolta, nel l'Africa occidentale, in comuni regolarmente Or» 
genizzati ai quali venne dato'diritto di voto, e tutto il r*“ 
Sto della popola»ione che venne privata di questo diritto, 

A partire dal 1884 non si tolse la rappresentanza parla» 
mestare alle colemie che. gii la avevano, ma non la si estese 
«13» «lira coltrale, e ciò per la cattiva prova che aveva dato 

STORTA URLI® OOtQNIK £ DIRITTO GOLOSI ATS 


Btsp, 13 












questo sistema: infatti o non veniva esteso il diritto di vo* 
to ohe ai cittadini francesi, e si aveva una piccola rappresene 
;ansa che effetti vanente non tutelava gli interessi della po= 
polazione della colonia nel parlamento della metropoli, o veni= 
va esteso anche agli indigeni e allora.si ebbe una prova di 
organiszazione del sindacato degli elettori perchè i capi in= 
digeni o i capi dei comuni vendevano il voto degli indigeni, 
così che poche centinaia di elettori francesi potevano distri» 
buire anticipatamente voti degli elettori indigeni, voti che 
venivano anche falsati secondo le falsità e 1 soprusi che furo= 
no portati in campo anohe nell'ultima campagna elettorale i= 
taliana. 

E per queste ragioni che a partire dal 1884 senza to= 
gliere queste guarentigie elettorali a quelle colonie che 
gi4 le possedevano, non furono però estese ad altre. Invece si 
procedette a una riforma secondo un altro sistema a partire 
dal 1884, cioè si raggrupparono le colonie sotto governatora» 
ti (l Indocina, l’Algeria, esc.) ed in ognuno di questi gb» 
vern<*torati si è costituito un consiglio generale che è in par- 
te elettivo e che ha una parte dei poteri legislativi che e» 
ramo attribuiti al potere legislativo centrale e al governato» 
re delle singole colonie per tutte quello che si riferiva al» 
la distribuzione dei subaffitti delle terre pubbliche e della 
«Ministrasioni locali e tutto quello che si riferiva all'oc» 
troi de mer, cioè a una specie di sovrimposta demaniale loca» 
























&9 


le che serve ad amatóri tare le risorse della coloni Questo 
consiglio generale ò composto da delegati dei colon.^ europi 
e da delegati di indigeni. 

• In questo «.odo per la parte di amasia!strazione di carat* 
tere locale e .per l*allenj«ioae delle terre pubbliche, eoo 
questo consiglio generale si creò un subordinato potere legi* 
elativo coloniale che, essendo piti in contatto con la popola¬ 
zione, costituisce un elemento di autonomia piò pratico che 
non sia la rappresentanza delle colonie ne a parlamento metro 
poiitano. Però, siccome questi tentativi di vari sistemi non 
si sono succeduti ma sovrapposti, cosi si ha nelle ve-rie co¬ 
lonie francesi non un .sistema ben determinato, ma un sistema 
inconcludente e confuso. Tanto nelle colonie che hanno avuto 
un maggiore riconoscimento dei diritti dei cittadini e la loro 
rappresesi ansa nel parlamento della metropoli che in quelle 
In cui 1 diritti politici sono riconosciuti soltanto alla pò» 
palasione europea e alla popolazione indigena a quella assimi¬ 
lata, si ha la possibilità di legislazione da parte del gover* 
no della metropoli e da parte del governatore, ma per la legi* 
slazi One delegata al consiglio generale, tale possibilità, è 
limitata a-?la. proporzione in cui il potere legislativo di quea 
sto consiglio ò riconosciuto. 

tra avvocato indocinese educato in -trancia, metteva in e» 
vi densa in un libro i motivi de^la proteste del suoi concita 











ladini: le funsi(mt del cenotglio generale sono eserci¬ 

tate da un piccolo gruppo di elettori europei, eletti da un 
altro piccolo gruppo, i quali In parte perché non concacano 
le condizioni del paese e in parte perchè Beatone i bisogni 
propri piuttosto che quelli della popolazione, non potendo 
dimesticare la loro qualità di speculatori, rapidesentano una 
forma di subaffitto ohe, eotto la parvens» 41 autonomia loca» 
le, della quale si sono fatti tanti tentativi, genera un mal» 
sostento che;■ n m «1 verifica nelle colonie inglesi. 

Sèlle colonie inglesi di questo genere si ha una legi» 
slazione fatta esclusivamente dalla metropoli, poi me**- 0 di 
suoi, delegati eoa criteri obbiettivi e con equa misura nella 
preporsione degli interessi Sella metropoli e di quelli'delle 
ceiosie, mentre nel sia tema, francese si pud dire che le rapa 
sresentaaae delle colonie nel'parlamento della metropoli, sì 
trovino carne goccia d’acqua-nel mare % che col sistema delle 
&*atonomie si'è creata uàa eiiuaaìósas apparentemente da»ocra=> 
tiea* la quale la realtà non è> ohe vta organo oligarchico crea» 
£o in bene fiele-di piccoli gruppi europei. Sicché si puè - dire 
Ohe; per quanto si riferisce all*ordinamento politico e colo* 
Siale delle colonie francesi, la fr&ncia non abbia ancora 
trovato la propria via; sì deve riconoscere che questa via è 
molto pià difficile di quella delle colonie inglesi non dota» 
te di autonomia costituzionale, ma che in queste si ha una 




















101 


a'ftggìcre garanaia degli intere»»! delle colonie, una maggiore 
tutela degli intere»»! indigeni e un «aggior freno agli &p= 
peti ti della popolazione europea.. 





















La colonizzazione tedesca. Slamanti della attitudine cip 
loniale del popolo tedesco; loro efficacia dopo la rieostitu» 
alone dell f Impero. Prime aspirasioni e primi tentativi* Svi* 

l 

luppo della espansione coloniale germanioa, iniziative dello 
Stato e iniziative private protette dallo Stato. Le norme di 
diritto costituzionale germanico circa il diritto di acqui* 
stare dipendenze coloniali e di disporne. Il dominio attuale, 
estensione ed importanza politica ed economica. Ordinamento 
del governo centrale e locale. Carattere costituzionale delle 

4* 

colonie; autorità assoluta delegata in quelle all'Imperatore, 
suoi limiti nel diritto attuale e tendenza a limiti maggiori. 


la storia della colonizzazione tedesca dimostra, con un 
esempio a noi contemporaneo* la necessità della cooperasione 
di vari elementi per potere svolgere una politica coloniale, 
cioè; esuberanza di popolazione* di vita economica* prestigio 
politico dello Stato e potenza militare e marittima. La <fer= 
Man*« già da molto tempo una grande fecondità di pò** 

palasi One s, specialmente nel secolo passato, un grande svi» 
leppo economico e commerciale e un dispiegamento di attitudi* 
ui fortunate specialmente nella imitazione delle industrie 




















103 


inglesi e nel commercio di esportazione, ma fino all'ultimo 
quarte del secolo scorso no» potè effettuare nemmeno un ten= 
tatlTO serio di politica coloniale, la popolazione che era di 
circa 26 milioni nel 1820 ave tra potuto arrivare a circa 50 
milioni verso il 1885 per salire poi a 65 milioni nel 1910. H 
commuto io sstero della Germania aveva un'ascesa continua ed 
era notevole l'aumento delle esportazioni e l'aumento dalla 
ulgrazioae nel nuovo mondo e nel nuovissimo (tale ohe nel 
Abrasile ai costituirono gruppi di popola*ione che conserva® 
rono per parecchie generazioni la lingua, la cultura o il sen¬ 
timento della madre patria). Ila la politica coloniale non po« 
te va essere nè concepita nè effettuata perchè la Germania non 
aveva che da poco tempo una potenza politica in Europa s non 
aveva «sa potenza militare e marittima che potesse mantenere 
il collegamento tra la metropoli e le colonia. Per qua sto mo&- 
tivo i tentativi fatti anche in altri tempi, di esercitare 
un'azione coloniale, non erano stati fortunati, nè quando i 
famosi banchieri Fugger avevano meditato l'acquisto del Vene® 
Suela, nè quando* la tempi piè recenti, il Grande Elettore li 
Brandeburgo aveva progettato la fondazione di alcune fattorie 
lungo la costa della Guinea. £ nemmeno quando si formarono dei 
gruppi di pepo Iasione tedesca in Amerio* si potè pensare a 
fare una certa organizzazione politica perchè a questa si op¬ 
poneva da parte della Germania il nessuno sviluppo di forza 













104 




mi lì taire • marittima « perché ai sarebbero opporti gli Stati 
Uniti, x quali appunto qualche anno più tardi impedirono alla 

Germania di stabilir* nella repubblica delì*SqB&1s.oref una co» 

’ '■ : * 

Ionia tedesca. 

Quando la Germania sì fu costituita a impero « dopo la 
guerra del 1070 pensò ad aumentar® la sua forca militare. 11 
primo pensiero dì Bismarck fix. quello di costituire usa grande 
marina per dare alla Germania il terso elemento ohe le manca* 
va per costituire un dominio coloniale: la popolasiOne era 
pronta per affluire nei territori ohe la Germania avesse oc= 
capati, la forca economica cresceva di amo in anso « le e= 
sporta»ioni orano sempre più-fiorenti. Bastava quindi costi* 
tuìre una forte marina per evitare il pericolo sic voa non 
vcbls che la Francia aveva sperimentato quando vide con qui* 
stato da altre potesse il suo"dominio coloniale. Perciò Bi* 
«marck, dopo il 1880, quandovide che il prestigio politico 
della Germania in Europa, dopo la guerra del 1870, era aumen* 
tato, incominciò a cercare,di sviluppar» un programma colo* 
niale. S siccome alcuni piantatori tedeschi ex erano stabili* 
*1 nelle isole Samoa, nel 188Q presentò un progetto al Eeich» 
stag per potere stipulare un trattato con i capi delle isole 
Samoa, molto importanti perchè destinate a divenire uno dei 
punti di approdo dal. commercio «al Pacifico, Ma il Reichstag 
respinse il progetto e Bissarci: per alcun tempo abbandonò o* 


. 









Oó 


gni idea cu polita** j-olonlal* S. :. H&3, w t -.laser ui L jre» 

ah. ì: „ che acwlstato - * poasedimoh :2 n i Angr*. 

Pequ ... * c »ei*..iiate • .ria «peouias* ••-..a. dccv^ndr •-•- protsisia* 
n* ■■!. ' •« 3uv patri'. . Ale ne navi inviasi fcéatarrav ài impcdir-- 
gla il svilii par? le «v- speonlwÀsni « U aumentare i ®y 
acquisti e lord tlev> 7 r non una nota al coverr-*- inglese espose 
una speci ii dv .;rin-\ d. 'touro» a-i; *cana, che non ebbe fori;*» 
uh, secondo la qual.® vivi, i isrrii. -* «or» occujdti fra 1* V- 
S'rica inglese de 1 sui ' ' ' rio.* porijhese dovevani e ■ 3trutr : 

■•. r serva dell'impero britann..-: .j Ha il principe di M$a*r b 
che tri le altre qualità, aveva quella di antiveggano* rispetto 
a: lsogni nel proprio p-a<. sé, capì »c quello era un moment * 
deoisiTó » Ila «» i>-, ; vie ■ vie vs. e che bisognavi, resi-*- 

et.or* alla in' imasl ; •»* uri:»**, quindi .rispose a ques ini’ 

«fusione con una (Uehis- -uit . asilo qiv*ls.pari«rigava all'In- 
gMlterra che il tedo-.vo I - 4 .f’V.- n - nw.-x possedimenti e-ano 
scoto la protezione fermanr-,-... Si' '• »«.t. *■ perché l'Inghilterra 
moderasse lame di*t> «erti 3 sue intima* ioni e si ac con te ri t&g- 
se della riser della Baia riells Balena. 

Così si st c ri primo stabiliménto germanico in Africa. 

Paco dopi v) caso «r. : -go ri /erifieò per gli stabiiimen» 
ti cl>? il Vjcf.r.-ja’i di .vn>-. re-’ . a'-"*vsi «tabi li t n nel territorio 
dittante poi la co'uni ■ t Odessa del Cane rum. Arsa*»' il a 


STORIA BBLLTì uQSO'tftH E C-T ''"All 


,'JÌSp li 









1-3 

no inglese voluto interinetare i staci. ìOcì.ii ue ..la Sfi veri--. » 
tìella Cesta a Oro ir in osi' da co&p bendarvi ar.c'ie‘ il L-uasrtv t 
il governo 'tedesco asnd A il viaggiatore alili gal! e • :Qtn-z s- 
saric iKja• iale e dopo «**?■« -vu* o i? r-u, 'eiporiso elle- die r 
-.■ara coma cuti t«fri6omo ron apparienerr« .,11‘Ia ' ..Ite ra. 

'**■ astese la pr^te 'ne delì*iflipg-r- '.- de.»**e. 

^<©11 A^rie/l ■* ‘'ueo-f A .'; i éaa soCciOal'.• .:?> " ' t. 

*-> ■ • «in la datava fin dal lb4$, tanto che nel 1080 SI e osane ri.» 
eaeseoj in tutte le regioni dell'Africa ^rient.•,;>.• oh* 
ansvrt.no al Sultanato ai Zana 1 bar, superava la proporrone .e, 
commercio inglese, «s non aveva dato luogo a nessun rvilupj ' 
iiOAitieo. Su solcante nel 1384 --.he a giovane li anni ^cue 

— a stato aoito tempo in Inghilterra s che ai * .'•..- uaprj* icn 
nei isetOdi britannici) il quale poi divenne il isaac* 
già*ore c conquista*ore ài colonie, il sr. Retare, si ree* in 
4 ue i territorio e in p oclù me *?.; io :• .■« „. us. <\ * * rat ta ti eoi 

® a i - indir in modo da acquistare -con pochi sacrifici econo® 
mici un territorio vastissino, che poco dopo assumeva la pro= 

P ora ione d* ©00,00® chilometri quadrati al quale fu, estesa la 
protea ione deli 5 impero germanico, 

l’ino alla Conferenza di Berlino i domini tedeschi de Ill¬ 
irica furono avversati dagli citati ohe avrebbero voluto to« 
«lierli alla Germania, e soltanto fra U S&g© e il Ih ai si 
stipularono della convenzioni par la riparti2ione della sfera 
d in - j dt i?ia iteli Airi ©a» in seguito a tali convenzioni l’Afri— 












'•« ori untale e occidentale tede eoa si spingevano u cito Terso 
V interno e la c-lon.i del C^o.rus. ! m al s* •pone-» *d« jnal: 
del Iago Tsaa. ..n modo olia queste colonie acquistavatv un 
interianà »'"?5Ui.w vasto da potere essere »irutt*bila e da 
ua importa- .. - continentale al dominio .«desco. 

la Gsnaanla ripreso i buoi pr oge1 1 'i relativi al)e isole 
S^-oa e nel 1883 riusciva ... dividerle con l'Inghilterra, e gli 
S'aM Un: _ , conservandone poi una sola. Sci 13*35 aco . ■>*»Tu 
t itta lu parve settentrionale della Suora Guinea in**urne con 
i territòri della Nuova Britanni* e della Nuova IrlansU che di» 
vennero la Nuova Pomerania 0 l’arcipelago di Biadarck. I ? ac= 
vaiato di questi territori iv latto con lo stesso sì etisia: *c~ 
quieto dei ter rit. da parte dei privati, protezione data dal 

governo, e serenità da questo opposta alle inibizioni dell'In* 
ghilterra. 

Nel 1889 la Germania acquistava acquistava anche il gruppo 
delle isole Caroline e ariane-, eccettuata l'isola cu Guano ; 
esulta diti la S, ugna agli Stati Uniti. Nel 1385 la Germania ave* 
va occupato quest* ùgole o.. d: ■.0 non appartenessero ad alcuno 
e le aveva ritornato alla Spagna, cui appartenevano, in segui» 
to alla aedi azione di leone XIII. Dopo la sconfitta de Dii, Spa¬ 
ssa contro gii Stati Uniti, acquistò quelle isole per la sera» 

- di 25 milioni di pesét-a», eccettuata quella che era stata 
ceduta agli Stati Uniti. 

queste furono le proporzioni che assunse il dosai ni 0 colo* 









103 


ni. le tedesco. il qvul» 
j, ne i <.<**•*''iteri che 
p&rtenere so? taut •> * ":. i .-, 
r& ura ^superficie dì ci 


tu *r<-ot ntìsì-n cn ; ' ’ et ■ j.uk, "■'. eiYe'i* 
ac -^rido 1 pria»! trattati, à-ve vano ap« 
sfera dMnf leena* tedésca e - a» na né 
rea chilometri qua* • &i.i J " V . . .i* 


a più ai sei volt? la superile 4 .-:- de 1 1* impelo tedesco : 


u-'-.-■ - ;polazi one ài 15 reiiioni ài a>it:i.n + . ; 


•està è il terKO degli imperi eci.r.ialu perchr . .\ide- 
rensa -ie>. àemialò coloniale inglese e ir ..■.■■•: ose ha :e \ -ia* 
a .ione totale inferiore a quella deli» madre -patri-' 

Questi territori hanno avuto uno sviluppo e" m orni co no= 
tavole, eia perche la -lemania ha trovato saercto por * i 
prodotti, specialmente manifatturieri, g opratalo nell 
dell'’ Afri sa, sia p# r 1., e\ a lupp c che ha '--unto il c e ■ ’• » 

locale.. Con la predizione wsl caffè, e sopra tutto del eotc-.ie, 
la Germania ha cercato di rendere il mero o tedesca indipet* 
dente j*&gXi altri mercati per avere la materia, prime de" ’? ay« 
inàuvtrie. 

Hi acquisti ài cui o. ohi amo parlai- furono fatti tutti 
®*h£& la coopera*!io?-e del parlamento germanico perché si ri*®®" 
a# «&« ì* imperata re avesse, come -appr-.-feu-. -.nte ò« ll^imps 
la facolt* di acquistare &lie?u--*“e territori coloniali. Se* 
a ondo il diritto c ceri tua i orlale- -.adesco, non scorre una legge 
del parlamento de il " impero ss non quando ai vogliono creare 
rapporti eh# importino speso « carichi per 1“impero germani* 


co. 





















XC9 


ero che qualunque acquisto ni territori 


import? un 


• • ma questo si verilic.* 

kl re «sta i ’■ 


tfUOceesivaiMttta all * acquieto e 
diritto di negare i fondi 


- u.sto fu il principio necessario che permise & 
e e -a cancelliere di negoziare acquici ^ co: ‘ on; 
■<.*. interrogare mai il par lame ' ‘ o germanico. 


'• 

se 


j-u soltanto duo r.n?« 


eonr. quando si addivenne ^ra la 


Gì riami a s la jfraùoi-ì al ta traila»» l0n ** 
co. per cui la Germania rinunci v allo 


■■ la*.ivamente ai Marce 5 

sue protese s ii barocco 


in cambio eli una parte notevole del Congo francese, che ^ 
que una di aoùssione top ortanti9 »nr. - nel ReU-hstag. in .eg.*it 
alia quale Si pose una modi! ifcaaiwe note soli saia* airarti&plc 
primo della legg> sulu colonie da' MW. Tale modificatile 


,t,>.U,n Ohe per l'acquisto 0 la perdita di territori colo* 
'.iali , indicendont «mené :* -all* onere renana lario, si de -b*. 
re U coopera®ione del corpo legisiat lyo germanico. Pi ha 


quindi un campamento radicale del diritto costituaionale 
germanico relativamente ai territori coloniali. 

'X^ carattere costituii iena re e gi^uridico 11 questa vS 
tori ha dato luogo a molti errori da. parte di scrittori, ape* 
Palmento italiani. U nome di Soimtsge-biete, protettorato, 
trasse in inganno molti scrittori i quali credono che X* Ger¬ 
mania governi i suoi territori col sistema del protettorato, 
mentre esso agiste solo «c«aai<ma2m*iite "orne a Samoa dove un 







Lgsao, sotto la sovrani t h governatore* «sereità 
• ‘ fi; «oriti' sui sudditi, 

-.arritori tedeschi sotto governati ceni coloni®, cioè 
• t'jri do.e non e costituito un governo con costi" x~ 

' iiì®!' ; sono anami.;i strati c osati dipender.:;, 

par i sitamente anale : ai n ostri pog.-'a dimenìi co* 
A ‘ U * li b di tori della corona inglese. 

‘ ' mc - ;T ' .t-igebict-s fc'v. conservato a questi ter .-.iter- 

A " 43USt ”- - ? : : principe di Bism&rck usò gucrt.a 
renderà pi accettabili alla, opinione pubblica gers 
espansioni coloniali. la effettiva essenza di colo- 
8-a '* ' ^ ene spiegata, con la wo^.a di docume *ì e 
36410 * V41t; 0 «'«««©«sivo della legge germanica, dal prole#» 
“ 0 '* w “' i<5 S«l che, a co®in dare da uno dai pria! lavori 
Pibòli^ai.,i nei 1835 sulle cause giuridiche dai pr'tetterà 1 ; 
germanici lino agli ultimi suoi lavori, Jie , r pv dire, dato 
tutta una costituzione del diritto coloniale tedesco. 

; glnai iadente queste colonie dovevano essere governa" 

- tì edae una specie di territorio dato ia amministrazione a eoa 
Pagaie a carta evi sistema delle antiche compagnie delle Indi.® 
occidentali sci orientali e delle recenti compagni* che ancor., 
e sia'■orto. Va questo sistema o non potè nemmeno essere inizia¬ 
to, come nelle colonie del Nicaragua, o durò poco tempo, come 
no^ia Nuova Guinea; iniziato nel 1883 non durò eha fino al 
1891 a in questi anni il governo fu assunto dall’autorità im* 











•ariate manica. Attua la® nt» , eccettuata 2’ito-ia di 

qualche i irce interna, dei territori tedeschi dell'Alrs.ca -c^n 

t*lé e oeciden ile., le colonie tedesche sono governate per 


aeazo di governatori. 

PTJaìa ie lift era ist - ^ite. una sezione presso u car,-- 
esiliar lei Videro uopo , alunno si ha un segretariato 


tìel'e • aloni»- ohe corrisponde al nostro uti-.ir’ sr ' 1 • <■*•* e "" 


dipendono tutte le coloni- -»eletto il +er r itoiio cinese a 
«Ciar tfcn oh® fu dato dalla Cina al a Germani a rer 05 anni, il 


ouale è governato da un ni’iiciaie di marina e dipe.de a<*l u . 

stero della macina II se «ri - ariate delle colonie hn atuan o 
sé un " .osigli,’ Cole rialo composto di elementi tecnici, c •- 
ha funsi >ni consultive. 

2 punto di'Vista dui regime costituiionale e l3gi• 
vo questi poasedimenti non hanno un* eeistensa pi opiiu 
noumeno hanno un’autonomia costAtuaionale case a-tatl dell im¬ 


pero, e... oà essi fanno parta dall* impero, ma politicarne. -<* * e ‘ r " 
landò sono considerati cono una pertinenza e dipendenza e noi 
eoe® p-.jrte integrante dell*impero. Si pud di.e che a questo 
appartengano obbiettivamente e non subbiatiimamente, ir quanto 
che non hanno alcuna parte nella compagine dolio Stato al qua¬ 


le appariengono. 

T & lun o ha par ag onat o queste e ol oni e al 1 * As; » ” i ?-"L or e na 
perchè questa appartiene all'impero, ma non è Stato deli"impe¬ 
ro e non contribuisce a costituire la sovranità dell'impero 









stesso. Ma il confronto non regge perchè i suoi &:U>-nM sono 
cittadini dell'impero e sono rappresentati nel corpo 
ro mentre n»i territori eoioniuui. g - abitanti ajopar - ■ -- 
all'impero come sudditi e non cose cittadini. Sec ' v.. la 
ge costitutiva del desini - coloniale tedesco nel 1 modi--- 
eata nel 1 « 98 , la rappresene ansa delle c-‘ ■'« • tedes< he - • 
regime dalle medesime sono stati ai'fi caci, P er * c0nt ' '~^ L '■ 1,51-1 
pero, all* japsrat ore. l’imperatore è :<ut or issato a legi %T-- 
re per le colonie con la fora» delle ordin nse con*rap-egra 
dai cancelliere dell*impero. Oneste ordinanze, qti^ndi, 
tunque siano concepite nella t orma del decreto, nanne i ^rza u- 
legge s i gOTernatori delle singole colonie hanno la d*. 


sion^ di questo potere d; parte de li’imperatore a chi questo 
diritto Tiene accentrai por d le&«s - ose dal potere legi**a* 
to dell'impero. Dunque le ordinanze dell'imperatore hanno va* 
lore di leggi costituzionali, civili e portali nello eoi ."i--*. 


'sebbene però il Keichstag e il Bundesrat possano con una leg fe e 
propria modificare le ordinanze che sono state emanate dal‘ im¬ 


peratore per le colonie. 

Le colonie tedoerbe sono quindi in certo modo analoghe a 
quelle francesi 5 l'imperatore e 1 governatori hanno un assolu* 
to potere legislativo per 1 « ' co.-onte e il Keichstag e il 3un* 
desrat possono modificare * decreti dall'imperatore. Inoltre 
nel principio de11 'ordinarnent- coloniale tedesco, la legista* 
clone civile r penale e ooomersiale dell'impero, è stata con un 












113 


legge «smessa la bieche alle colonie, specialmente per 1 resi- 
tónti tedeschi ed europei nelle colonie, specialmente per i 
residenti tedeschi ed europei nelle colonie avesse, con la fa¬ 
coltà dell'imperatore di codificare il tenore di queste leggi 
iti quanto sia necessario per le condì stoni particolari delle 
colonie e degli indigeni delle medesime. 

Quindi possiamo riassumere così: tutto il sistema della 
legislazione civile, penale e eoasnercis.ie è esteso alle colo» 
n i e con facoltà de 1 .1 ’ iaperat or e ài faro m o d lileastoni a tutto 
vantaggio delle colonie; questa facoltà è affidata, per dele* 
gazi ori® dell*imperatore, ai governato! con la riserva che 
il Reichstag e il Bondearat possono modificare le ordinanze 
dall’imperatore. Inoltre si deve tenor presento la di epe siziede 
rad leale e ree® nt la alma ohe ha diminuito l'arbìtrio del 3 * imp«^ 
rat ore in quanto il bilancio delle coloni® tedesche deve esasro 
presentato ai potere legislativo normale dell'impero. 

Di autonomia coloniale 3?on è il e&eo di parlare perchè 
le colonie tedesche non sono colonie di popolamenti, m& sono 
quasi tutte abitate da popolazione non europea. Però nell**» 
fj*lca orientai* e occidentale 1* furono già istituite dalie 
dcalamità, formate col eistesia della municipalità europea, dove 
agli abitanti sono ©tate date alesate fuasiani rappresentative. 

Si ara-.x di approfittare* però, delle sviluppa iatellettual* e 

mxj& catasta ss marno colojsiais 


Sdep. 3.3 




. 

«eoa «ai co per iniziar» atteh.8 la popolasi da 6 indigena a guai* 
cixe elesoanio rappresentativo e a qua Irò» autogeni» asmi ni etra* 
tlva* 

T 

■yj * 1 » ■ ■ 11 * 

. . 




















ns 


ia. 

Sèlla formasi om dello Stato russo si ri 79 laraso le at* 
ti tediai etnici», militari ed esonerici» dei popolo russo al¬ 
la coltoti* scalette. Sri leppo atorieo dell* é spassi ose asiatica 
della Russia dal 1553 al secolo XX* Import ansa attuai® dèi do» 
minio asiatico dalla Russia, la Siberia; sue partisio^ 4erri= 
tortali e di governo; sondisi one economica;. sviluppo recente 
del popolamento europeo e dello ©iruttamento del suolo e col 
sottosuolo. I tenitori deli?Asia Centrale,: dorala! diretti; 
alta sovranità; interessi ad autorità di fatto ael£*oceÌden= 
te cinese a nell*impero persiano. la politica rossa nell*®* 
stremo Orienta prima e dopo la guerra ool Giappone. Il popola- 
sento russo in àsla e gli elementi di superiorità delibazione 
asiatioa russa su quella "britannica. 


Era tutte le nani osi di Europa, quella ®ixe raccoglie gli 
e lamenti di una attività coloniale in grado pià eminente è 
sansa dubbio la naslonc russa, la quale, sìa perchè possiede 
grande abbondala»» del materiale umano, sìa perché va sviìup* 
panda una potei»* militare sopratutto efficace per difendere 
i possedimenti, c&e sono posti in assoluta continuità di ter* 













116 

ritorio eoe quali! della, tundre patria, e sia par la esuberar** 
za economica dello Stato, se non delia nazione, e (iella na» 
zinne piuttosto potenzialmente eli© coiae sviluppo ©xfettivo 
delle risorse Gceneìaicbe e industriali, raccoglie ì tre ele¬ 
menti neeeseari per sviluppare uniattività coloniale. 

Poro dopo la metà del secalo XVIII 0 , Voltaire parlando 
della Russia. nella sua storia di Cario XII® ai Slesia, diceva 
ciie quel paese era poco popolato. Infatti dal primo censimento 
dal 1732 la Russia risultava con una popolazione .il 14 milioni 
di alitanti, neon tra ia quello stesso periodo di tempo la Frau* 
eia rs» aveva 20, Rei 1796 la popolarsiona sai© a $$ milioni, 
nsl 1315 a 45, nel 1339 e nel 1312 a 173 milioni di abitanti, 
(di Chi 35 milioni appartengono all’Asta), avendo avuto, du¬ 
rante l’ultJjfia generazione, un aumento medio annuo da 1 mi3io* 
ne e mezze a 2 stilimi di abitanti.. Bei 173 milioni di abitari* 
4i f 133 appartengono alla Russia europea, » &© da questi si 
tolgono i circa 12 milioni della Polonia, i ?, milioni e meav.o 
della Finlandia e delle provi ne te baltiche, resta una popolaste- 
ne di 123 milioni che apànar tergono alla Russia proprie/aerte 
detta, contro 12 milioni nel Caucaso * ne 11 "Asia Centrale. 3 
stili ©ni n©i..j.a Siberia, 6 3 milioni e i&sjasso nella provi nei? tei* 
t« alia Cina, alla Mane iurta, e re 11* r* evinci# da 11* estremo 
oriente. Si ha dunque una popolazione *i. )20 milioni che Attual¬ 
mente popola il territorio che era abitate verso il 1750 da me-* 












11 ? 


■ • & 

n0 20 salii orti di aitanti, il site mostre una vitalità ri prò» 

:. ut ti va che è imo dei primi elementi della attività coloniale. 
Dii plinto di vista economi co la Sfussi* fino agii citimi 
tempi era una nazione esclusi vomente agricola, alla quale però 
lon io avario risorse notevoli di attività industriale : special» 
t;ente metalli preziosi, petrolio, carbone e ferro. Inoltre la 
.tussia, paese emine ut «mente agricolo, avendo occupata, nella 
/arte meridionale della Siberia « nell “Art ia centrale, territori 
luscfettibili di sviluppo agricolo, ha una fonte di ricchezza pift 
fetente e pià costante di quella dei paesi prevalenieaeate ine 1 *» 
striali. Se il Belgio avesse una guerra sfortunata cosa® quella 
aondotta dalla Bulgaria nel passato anno, probabilmente ae ri* 
?»ntirebbe le conseguenze per oltre «esso secolo, mentre le. Bui* 
gnria, essendo e ac Insitamente agricola, stupisca quelli chs la 
risii;.-ino perché sembra ohe la guerra recente non vi abbia la* 
«siate alcuna traccia. lei Russia è una Bulgaria ingrandita: essa' 
ha potuto continuare lo sviluppo della sua ricchezza e delle sue 
«bioaie anche dopo la guerra di Crimea e dopo quella disastrosi* 
col Giappone, 

" n qtwmto poi alle risorse militari cha costituiscono il ■ 
W«G elemento par io sviluppo dì una grande attività coloniale, 

" ha una rAtf-Orsa quasi sansa fir.s nello sviluppo e ,andie« 

siao de..la cwi popolasione, del sua esercita e nella militarista» 

siono da essa fatta dei coloni mi si»t®s* doi eh* è èf» 







US 

Sic afte a difendere ì territori e ad ai largar li a spasa (Sei poe 
poli eoa cui essi Tengono a contatto, 

la Russia, avendo sviluppai o il suo impero con con tinnii 
tà di territorio,, non ha avuto bisogno dal dominio dal «are 
ad ha potuto avara nessuna potenza marittima od tuia potenza 
marittima sbaragliata, come nel caso dalla guerra eoi Stappo* 

ne, sansa ohe la sua potenza ne risentisse. Sai punto di vi= 

■> 

sta della superficie, essa ha il primato su tatti gli imperi: 
su quello degli Stati leniti, su quello cinese ed anche su 
quello britannico. 

li conte Witte, fino dalla sua prima assunzione al potè» 
re, cercò ài dare alla Russia una vita industriale, affinchè, 
potesse adoperare i prodotti minerali del suolo e le materie 
primo delle colonici 

Studioso dell» opere di-Sedérlo a la si, bacò. ha politica 
della Russia sul principio della politica di pretesiuniano 
ducative, cioè sulla creazione quadrartiflciale delle indù* 
strie protette da una tariffa ohe desse il modo di sviluppar* 
le fino al momento in cui tale protezione divenisse inutile, 
cioè fino a quando potessero sostenere sul mereato libero la 
concorrenza delle industrie straniere. Cosi si sviluppò in al* 
cune parti della Russia europea una discreta vita industriale 
che cominciò ad utilizzare 1$ risorse del sottosuolo della 
Russia europea e le materie prime dalla Russia asiatica,. In 
aodo tale da dare all'impero russo la caratteristioa di un 








119 


fecero ooloniale il «o#l* vare dilli w propri* risorse 
«»ndo girar* Xa spole dalla riechosaa fra la madre patria * 
le colonie. 

Molti non hanno considerato la Russia eoa* una potenza 

, t * * 

■coloniale perchè hanno definito 1* coloni* coma territori 
staccati dalla aadr» patria, ai quali *1 dorè e sé giungere et* 

A • 

traverso il mare. Xa questo è *b «apode*to e «plet attente erro** 

4 J r 

neo, perchè colonie, rispetto,a tuo territorio, sono tutti quei 
territori di diversa civiltà che, «Ottone e si politicamente al 
primo, tengono a questo subordinati nello sviluppo 4*11* lo** 
ro Tita etnica ed ecenosLica.. Sotto questo rispetto, i terri» 
tori occupati dalla Russia inèdia, non seno meno colonia di 
quello dell'Inghilterra o della JìHtswie o della Oermsttia. 

la continuità dei territori ha dato alla Russia una gr*n= 
de forai- ttiftusiva, ansi ne è 1 derivate eh* esse non ha soffer*- 
to tu*t.e 1? consegue*** dell* «confitte patite • talvolta ha 
tratto dalle medesime qualche vantaggio. Infatti la Russi*, 
la cri vita nazionale è stata tutta una grande opera di celo** 
nis&jijrione fino dalia farsa*ione dei'primi nuclei di stato, 
ad ogni ìnsuecea?* dilla sua politica estera raccoglieva le 
forse nella parte in cui era costretta a indietreggiare « le 
spingeva dove ^trovava minore resistenza. Cosi durante le guer¬ 
re napoleoniche estendeva le sue colonie in Siberia, dorpo la 
guerra di Crimea ini slava 1* su* conquiste ne 11'data Centrale 























IRÒ 


e nella. Kanciuria a dopo la. sconfitta dal 1GC ricevuta dal 
Giappone penetrar» ancor più nell'Asia Centrale e arrivava 
nel ISO? alla ripartizione della, sfera d*Influenza, fatta 
d’accordo con 1’Inghilterra, che le dava il dominio di tutta 
la Persia settentrionale. 

Così la Russia ha seguito, dai prìncipi della .ma storia 
e0ja ® Stato europeo fino al nostri giorni, una politica terri= 
torlale e coloniale che è stata, si può dire, sempre costante. 
Tale politica ha consistito nel cercare ói aprirsi il varco 
verso il mare da tutti i punti cardinali, e cioè ad occidente 
a spese della Polonia, a nord e a nord=ovest a spese della 
Svesta, a sud a spese dalla Turchia, all’àet a speso della 
Persia e della Cina. Questa politica ha fatto sì che la Russia, 
c& grande nazione continentale si sia trasformata in un inpero 
di carattere mondiale toccante le sponde di quattro mari, 

I,. IC&chindar, che è forse il più filosofo fra tutti i geo= 
p. «fi . ngj.es i moderni .nel parlare della determinasione dei 
fautori geografici r.ei.Lo sviluppo dei popoli, adduce va, come 
esempio di questi fattori, n caso dalla Russia la anale sen¬ 
tendo , per dire così, il bisogno ai completare la respirazio= 
ne dei. propri polmoni col giungere al mare da tutte le parti 
in cui si trovava circondata, i& diretto la su» politica verso 
i. Baltico, verso il !£ar ffero vero il Caspio e verso il K»r 
stallo ed ha creato, con le sviluppo del suo territorio, una 














— 

121 

trasform&z ione nella tocasa diot, emione continentale an¬ 

tico mondo. Questo è distinto ancora in Europa ed Asia* &&. 
probabilmente si tornerò al concetto antichissimo di Eurasia 
allorquando diverrà centro della grande vita internazionale 

10 stesso altipiano dell'Asia Centrale donde partii ono c t *gi*- 
nariamente i popoli che coloniss&ronc l'Europa. 

lo sviluppo coloniale russo è cominciato nel 1500, quando 
cioè lo Stato russo si rese' indipendente dai canati cartai! 
che erano il residuo politico della invasione mongolica. Sotto 

11 regno di Ivano il Terribile, un avventuriero russo, Gregorio 
"Strogonoff ebbe nel 1558 la concessione di 146 verste di terri» 

torio all'edtremitè del dominio dell't?ral ( pose la base del do¬ 
minio russo in Asia. 

Un altro avventuriero, Iermak Tla.ofcewitch, che fondu il 
primo stabilimento di cosacchi, cominciò, insieme con 300 av= 
venturieri che lo seguirono, la conquista e la colonizz&aione 
della Siberia e, trovandosi di ironie a popoli male organisi 
za ti e male armati, estese talmente le sue conquiste che nel 
1584 aveva occupata la Siberia fino ai corso dello Jenisaei. 

Nel 16 99 Pietro il Grande si impossessa di Asoff. A que¬ 
sta conquista segui nel IV00 quella del Caucaso e nel secolo 

suor - ’salvo quella dell'Asia Centrale. 

w * 

£k t 1803 la Russia si annetteva la Georgia, Le occupasi o* 
STORIA DELLE COLONIE E DIRITTO COLONIALE ihsp, j.6 





















122 


ne del Caucaso e di parte dell'Asia centrala da parte della 
Russia era già oompresa nei patti che nel 1301 si erano stret* 
ti fra Napoleone I® e Paolo 1® di Russia, patti rinnovati fra 
napoleone e Alessandro I® con. un articolo segreto di Eri'urt 
nel 1803, Cessata l’alleanza con la trancia, la Russia segui* 
tè la sua politica estera e con guerre successive contro la 
Persia e la Turchia conquistava tutto il Caucaso e la Iranscau« 
casia. Col trattato di Turkmancì&i, stipulato nel 1828 con la 
Persia, si faceva concedere da questa oltre che 11 dOttiui'S su 
vasti territori, anche il dominio totale del Har Caspio, oioè 
anche sulla parte ohe continuava ad essere marè territori! 1» 
persiano. Cosi la Russia veniva» contatto con l’Armenia e, 
conquistata gran parte del territorio armeno, ne faceva un pun* 
to di partenza per la sua penetrazione nell’Asia Minore nella 
quale fa sentire la sua supremai» specialmente perchè tra i 
territori da essa acquistati è compreso Etcewiadsin dove riaie* 
Ss il catfcolicos degli armeni, cioè il loro Primate religi oso. 

3?el 1844 la Russia cominciava ad estendere il suo domini 0 
anche nelle regioni deil*Asia centrale ® del Turche stan, aove 
in parte assoggettava il territorio e- in parte lo metteva, co* 
me nei canati di Kh£va e Sochàra, sotto la sua alta sovranità, 
cioè la una condizione analoga a quella in cui si trovano gli 
Stati vassalli dell'India rispetto all'Inghilterra {180? * Tw* 
shfcent ; * 1868 Bochàra; * 1870 Samarcanda; * 1873 * Khiira). 




















123 




Goal diveniva sovrana di un territori© vastissimo » minac¬ 
ciando il dominio inglese dell'India e le provinole occidentali 


cinesi. 

Bel 18&4 la Russia, costretta a rinunciare dinansi alla 
volontà dell'Europa alle sue aspira* ioni sull* impero ott cane no, 
spingeva le sue energie nell'estremo oriente ed otteneva da un 
governatore cinese la cessione di vaia parte dalla lancieri*., 
cioè la cessione delle provinole dsll'Aiaur e dell'tlssurì con il 
porto di Wl&divostcck. la Russia poteva cosi venire a contatto 
con la Corea e poteva cominciare ad accampare pretensioni, se 
non sull'occupasione , certo eul^o sfruttamento della parte set» 
tentrionaìe della Cina, con la quale appunto quest'anno ha pre* 


so degli accordi circa lo sfruttamento della Mongolia. 

l'impero coloniale russo, in quanto ai riferisce alla Cau= 
cesia, ha un ordinamento ohe poca si distingue da quello della 
metropoli {la Caucasia è distinta in 14 governi). 

l'Asia Centrale russa è formata da IO governi distinti in 
tre gruppi: 

a) Steppe; T?) Turkestan, governato direttamente; c) Khiwa 
e Bochàra, Stati vassalli. 

Bell® colonie russe ai hanno quindi tre sistemi di ordi¬ 
namento: il governo diretto rispetto al Caucaso, il governo 
Per mesa e del ©rote1 1 or ato a Khiwa e Bochàra e il governa d i 

c onci aerati, c_gme_colon ie da Ila Sprona . il cui gover= 
natore generale ha una posizione analoga a quella del viceré " 





























m 


<iej.lt! Indie, cioè col potere di presiedere al governo ùi quei 
t irri tori, coi potere di lare i trattati e dichiarare le. guerra 
agli Stati vicini. 

li duello fra la Russia e I''Inghilterra sì è compiuto ùun= 
cue in gran parte per delegazione delle metropoli rispettive, 
lai la diplomazia del viceré inglese delle Indie e del viceré 
-, 5**0 deli’Asife centrale. 

Altro grande territorio russo è la Siberia, la quale è at= 
tualmente molto diversa da quella che era alla metà del secolo 
scorso, in cui Siberia era sinonimo di paese gelato e paese li 
deportazione dei condannati. Le.conquiste fatte dalla Russia 
nelle regi cui meridionali le hanno dato una vastissima 
estensione di territorio con temperatura mite e molto ricco 
tanto per i prodotti minerali quanto per la sua fertilità 
(specialmente nella produzione del grano). 

•la emigrazione libera elle è cominciata prima timidamente 
e poi molto abbondantemente, dopo la costruzione della ferrovia 
transiberiana, ha dato uno sviluppo grandissimo alla popolasio» 
ne della Siberia, tanto che oggi i condannati ed i discendenti 
dì condannati sono divenuti, la minoranza. la emigrazione che 
nel ÌS&O era di 200.000 individui, salì poi nel 1897 a 250.000 
<s in ssguito a 500.000, a 700.000 e a 750.000 per rldiscendere 
dopo intorno ai 300.000. 

Questi emigranti, passando dalle regioni agricole della 















12 $ 


Bresìe a quelle (iella Siberia hanno reso queste terre anche 
pi* produttive di quelle della madre patria. la popola»ione 
che è ora di 9 milioni di abitanti è dovuta in piccola parte 
alla, eccedenaa delle nascite sulle morti e per la maggior par« 
U alla emigrasione. 

Quando ei cesserà col eistarna attuale per effetto del qua» 
le le conce e sioni vengono fatte a tempo determinato e quindi 
o me at tri bustoni di diritto di possesso e di tsfrut lamento tea- 
Straneo, e si procederà invece alla ©ressio»e anche in Siberia 
dal sistema della proprietà Ubera individuale, la emigrasi ione 
crescerà molti salmo, specialmente perchè il contadino russe 
emigra volentieri verso la Siberia, approfittando della fer« 
rovU. irgli, abituato piuttosto alla agricoltura estensiva 
ohe non a quella intensiva, è attratto dalla immensità di quei 
territori in cui, col suo sistema di agricoltura estensiva, 
s«naa depauperamento, la sua famiglia può vivere agiatamente 
per un più lungo periodo di tempo. 

l'impero russo ha spaso circa 26 milioni di franchi 1’an= 
no per migliorare le sue colonie, ha creato 0000 chilometri di 
strade e una quantità di scuole e ospedali cosi da rendere quei 
territori più facilmente abitabili e sfruttabili dalle popow 
iasioni che vi ei stabiliscono, le quali infatti li trovano* 
sotto certi aspetti, migliori di quelli che hanno abbandonato. 

Il territorio della Siberia si distingue in io governi, 
distinti in quattro gruppi: 










126 


J Siberia Occidentale; 2®) la Siberia Orientale; 3 *) n 

i-arritorio deli*Amur, di cui è stata ottenuta la cessione 
uì»lia Gina nel 1854=1868; 4 ®) le Provincie marittime, cioè il 
territorio «ettolitriosale T il qual* &à oo«a«tto ira» 

^aaéìì&le ài Sibsrla, in cui si. sono venute ritirando le po¬ 
polazioni indigene. 

Si può dire ornai che la Siberia in due almeno delle sue 
grandi divialeni territoriali sia divenuta una colonia di po= 
t <>jlamento simile al Canada e all'Australia e possa èssere as» 
stellata alla metropoli poiché, oltre ad essere poeta in eon= 
v„m,i t .4 con -la madre patria, gode anche delle guarentigie po= 
litiche da questa possedute. 

?lno ad cr * i territori russi dell'Asia presentano un 
g.-'anoe interesse aal punto di vista della attitudine della 
"—e. emigrasione, non come manifestazione costituziona= 

° perché fino agli ultimi tempi, di fronte all'as* 

®^*Ut,*£ìao perfette della Russia nòn esisteva Za possili li ti di 

autonome per le colonie sul genere di quelle della Er ancia e 

de 11'Inghilterra, 

ttsrritori russi dell'Asia, dal punto di vista costi* 
-vicina a* 0 giuridico, non si possono considerare che dus 
tendenze* nel territorio abitato da popoli europei * ha la 
tendenza all'assimilazione del territorio alla metropoli (le 
ai questo genere si distingueranno da quelle della 












®adre patri* soltanto per la possisi ose geografia a 5 3 ae£ t erri** 
tori più lontani dalla madre patria, nei qusli la popolasiona 
russa è in minoranza ei 1» la tendensa alla creasione ài ub : * 
anicinief,razione particolare con aut riti assoluta, dal pwit,o 
di tì sta politico, conce»*» al goTeraatere e coi* larga autcw- 
n«ia locale concessa alle varie popolazioni, dal punto di 
rista amministrativo e giudiziario. 

Il dcasinio coloniale russo presenta interesse grande di 
studio non solo dal punto di rista di ciò che è divenuto fi* 
no ad ora, ma anche di ci è che può di Tentare in avvenire. Con 
tata estensione, ft*a metropoli e dipendenze, di circa Iti ad -iio- 
ni ^ chilometri quadrati e con una popolazione di 193 milio¬ 
ni di abitanti, la Russia e il suo dominio coloniale, cosi po¬ 
co densamente popolati, sono suscettibili di una sviluppo 
grandissimo di popolazione; non crediamo lontano il giorno xn 
cui la Siberia potrà avere una popolazione non inferiore a- 
SO 0 40 milioni di abitanti. 

Anche nei territori abitati da altri popoli il eontadi» 
no russo penetra in modo da far sentire la sua influenza, s 
giunge perfino a trasformarli. 

Bice il Reiusch nal suo "Colonia! Goveraeroent*, studio 
sulla popolazione coloniale sur oppa al principio dal presente 
secolo, che la differenza fra l'azione coloniale iaglesa¬ 
lvazione coloni al» russa sta in ciò, che l'elemento russo 0 





















128 


sostituisce la popolazione o ei fonde con essa, assitilandò la, 
mentre Quello inglese predomina o ei sovrappone agli altri «=■• 

lomenti. 

Questo sì vede nell© due coloniaaazioni che ormai sono 
venute a contatto: da una parte si hanno territori in cui le 
popolazioni, soggette all'Inghilterra sono governate dall’e- 
lamento inglése che è eoapietameute separato dalle prime ( 3 pe= 
cialmente perchè la natura del suolo ed il clima non attirano 
una notevole emigrazione europea) e dall’altra si hanno torri® 
tori asiatici che sono divenuti come territori russi sd altri 
àov* la popolazione indigena è avviata ai grado della popola* 
«ione russa. 

Si ha quindi nelle colonie russe una omogeneità che man* 
ca in quelle inglesi 

la fedeltà che i turcomannì. mostrano verso la Bussi» e 
le agitazioni che avvengono in India si fanno pensare alle 
conseguenze dì queste due politiche, la grande energia che 
deriva allo Stato russo dalla conquista di territori colonia* 
iì e dal sistema da esso seguito nella colonizzazione, mostra, 
piu che gli elementi legislativi, quanto sia importante lo 
studio del dominio coloniale russo. 


















16 . 


camini a coi nlai* dannose su*. *mpot l*vi* assoluta e 

i * »M va i'i . le . _, .., ¥J tue ou «^orxowieh» celle sue ora* 

1 H* JliSó . ■'.ù pF lil 4 cv \;«i ji J.J» x\4. » v x» *•* 'in *i ctnosAv ri.- 

oo?* : j* r . . iC . .. „ acij i r, t> *r<u- ux-icn^o; Il siste- 

'*» .r Ù - .• * f, V. jJOi'S' ;■*, {;. r • uie 0 VVsj'-’O ' lOOjtlu: IO T”ìdÌ? Orì« T ' 

' "f. i... z\: ,n - J jv•. t». n i vh *ie .tì-ao*-* ”1 dea. X>* 0 * 

• .'• : ■ a . ■• , '•■. {Ju. étt* o ,*© itsl- p6r«&lai. s - 

■■i i.re»; . • ae *.v. in v** n cci aeri-ali 1. *x&fr «v eco» 

nOiMiw v ^ -r r », .Is. £ ~ ? v * *i. v viti».-» « 

7 - *'• ■ .*■ , Oj, . - tu O : ..-Ivi. .e- * (itìi-v fe-va ': *' * *>**fi**' 

de. òuo i c ‘ ' +, s v i s.;-iierjui dsì's politiel ?3l-.* 3 
OÌ? ie 9 ;:UG o-.e . 


1 * a ani r.i~o cole tue» Js ol.imU'fis t »ny so,-r *tv.t- f--* 1 * 

*• 1 . •• alerò r- I&tìvo i r . "mi-'tìnto ®1 5» &otr ópoll.. piti*' oe' c 

. e; il 8 U o valore aewolnno, perchè Ha una estrusione di 
^ ' ciiiJoBttìtri tiuiìrir^ti cioè di c-irea 60 vùì%*t i-metro^- 
+■ 0 * ■' V V -fé 1 * T tà Al a , $d una $■ «p a l«ai ori» tìi 38.154.000 

■' f ‘ - ^vj. , t-.iOtj 7 ve... c >,tt oopnlazione «v» 1 >*» madre patr-ta. 

0:jr.;e à© <ii conquista» e come vigore economico il uominio 


storia ubiu, cox<os' r '’ «: diritto coi^tat 


r.'lep. 17 














coloniale o lande & e ha, quindi, un valere -fatte le debite pro= 
porzioni* analogo a quello oe'll'Tnghll erra. 

-b sviluppo dì questo impero e etato più Ciie quello degli 
ai ori imperi, forse, il p.*rto na*. vr le spontaneo di poti clizie» 
ni economiche. Gli o le r» de ai per effetto della situazione del' 
loro territorio e delie risorse ohe derivavano dalle comuni» 
casior„* i&aritcìaie, 31 aea-utw no tur it*uu«'.ria dalla navi <ra?.i 0 = 
ne II .• ero paese, dopo il matrimoni * del figlio di Wassxr.i li a» 
no w*Austria con una principesse apagnuol», faceta parte rei 
uomini 0 spaginici', tanto eh© Cario V", il quale ddYeva «are 
al 1*impero spagnuolo un co»’ grande sviluppo nasceva a Gand. 
nei Paesi Paesi, 

Sii Olandesi approfitta rene ael ”a« t c *' *r ini 0 v-s-gr*' '■ :• 
per penetrare ccr le loro na* : in tut• 1 i pori;.' :,he ne eran- 

ttj r e così furono l'organo di. commina*; . ariti Ima 
delle stesse impero e iniziarono l'industria ae' sancii rasi-or- 
t.i transoceanici tra i possedimenti gpagnuoH àerli altri con» 
t menti e 1 posse diventi spaglinoli d'Europa e la Spagna, Una 
parte dei prodotti che essi trasportavano, facevano scalo al 
loro paese per essere internati nell'Inghilterra, la cui mari» 
na era allora adolescente. Ma nel 1500, cioè durante la secon¬ 
da parte del regno di Carlo V'', le popolazioni delle Provincie 
Unite adottarono in gran numero le dottrine della Riforma, e 
furono oggetto dì oppressione forte sotto Carlo V* e fortissi» 








idi 


ìu sotto II. L , oppi*©s*ione e 1f i reazione ohe ne ss gin , 

portarono a due conseguente : una. di carattere interna, e i al¬ 
tra ai carattere internazionale. la prima lu che la oppreasio» 
no cattolica della Spagna fu vittoriosa nelle provinole meridie* 
nalì e non riuscì nelle provincia set ventri anali ; questo latito 
determinò la separazione definitiva delle provincia meridional.-, 
le quali divennero 1 Pae&i Bassi spagnuoli e pei austriaci * pi' 
tardi il Regno del Belgio, dulie provinole .settentrionali cks 
diventarono la repubblica e t-v co e ss> vomente il regno dei Raes* 
Base! od Olanda, 

Appena avvenuta questa secessione di fatto, alla quale j.a 
Spagna non volle adattare, o dalla quale derivò una serie di 
guerre tra l’Olanda e la Spagna gl: olande si si trovarono rri« 
vati del commercio di trasporto e di scalo in tutti i possedi= 
menti spagnuoli ed anche in quelli portoghesi, perchè il Porto» 
gallo sotto il reano di Filippo II era stato qmiesso alla Spa= 
gna dalia quale poi tornò a separarsi nel 1680, 

Allora gli olandesi furono costretti, per avere una bese 

per le luro fc-rae navali nei mari più lontani, per il loro do** 

* 

minio politico * per le loro speculazioni economiche, a conti*» 
nuare di contrabbando il loro commercio nelle colonie epagnuole 
e ad operare conquiste. 2osi, «entro ancora durava lo «tato di 
guerra tra Spagna ed Olanda »l ebbe nel 1608 la forma*ione del» 
U Compagnia Olandese delle Indie Orientali, alla quale parte» 












1?2 


'*ìpw oao «.« principali ©amcre «i o «usare *c 4*1 paese Us. que= 

8tW ‘ e tìi Cotesercio ai /«tarde. partaci** co: 50 

P6- cento ael capitale). 

tì?I 1Sa * iu «°®tituUa una accendi. compagnie per ih. ,grr 

*'* 3ti “* rf dsl n6rd e P°* i» Cce^ma 01*nda*e ■•:-■. . jv,^.,. 

ocdJeteli. se r acquisto di territori o w • „ y osca ma ,, 

-e tenti ione»,lì ( per diffondere il OaaiiiwFClo nsilt# Anvii.g e 
^ ae * ‘ ® ad * 5 «Ilenia <-*.vev& Conciato tmo ^tafell-u-n;. 

ri ' A Br&e;Ua * >»»« »«11*America dei ITcfs deve tu coi ti\ia?s York 
Ktì-, 1»'* dopo '..n« vittoria marit '«a dsii 1 Via. a, 

Spagna,, vi‘terra sìie e->be coneeguenze analoghe a <r - :.e der - 
Vatè d * lia oistrvaiene dell 'Invincibile Ansata spagmio » a* 
parte deWltighii-er-a, si stipuli una trema di do^cs .«... 
“ ft . " a Spagna e i’Oàisnda.. la quasi'• periodo continuA io stata 

m * a * t0 aei d’oriente ir. s : , , ; ominio bMndéze' s*er 

stabilito, fri isti Spagna ed Olanda i* reaero le ostilità, - 
quali continuarono sino alia lire dei Treni'anni, 

cioè lino al 1^, quando «n jMrtMpj» - , ; , .retalo -li 
*Wéer eie forma parte usila pace di Teatrali*, venne «cono. 

- -t*to dalla Spagna 11 $mmhéo. olandese nei territori w^ll’Cb: 
riente in oni era penetrata la Compagnia Orientale Olandese. 

' TeA 1673 81 ebbe ' tra 11 fortogauo e l’Olanda, U n trattato 
Sh * rtC9noe ** m a v»*t» u 9063,3330 delie Soiucche, già appar¬ 
tenenti al Portogallo, di cui si «ra Impadronita. 











133 


Risulte. avidente, da guanto si è detto, come l’Olanda si 
ssii*. slanciata vn una politica coloniale so-i-anto par di fends* 
r ts il proprio cenema re lo e per irò tre un impiago utile alla 
sua fiat, tu, ner cantile 

l'Olanda ara, riuscita ad impòsse&ear*’! od &• fare 

sentir K ; ^,-r.pria iniluenaa m alcuni porti prlncip*-- -t delle 
¥.■■'~\i r he ■•’.'■} iso„.o iella Sorda nci p.^sedimenti por*.ordissi 
•-■ » acce-’ rro-t, % Ge./lon e no* Capo di 

Bu- "*-l s ..... 

11 ' 1 ' ■• s ■ + i‘1 -j jrit'anè essa. faceva del suo 

■ tri • • no cv r) v er le merci oh.a : .rtendo da quello ter* 

« ‘i- ».i ‘ m„ fàlterra e per le merci inglesi che 

a*» •»«'n « *• or atrette. 

tn quo* momento costinci'- da arte dell'Inghilterra la for~ 
palone • «ma -• rande marina mercantile e, sotto i pria! Stuart 
e apeo 1 a 1 • ìo■ r ■ ? in con»«gu enza de 1 famoso Atto di tf&vigac cne d 

v 

Cr'V/iwil^., renne riservato il commercio inglese esclusivamente 
a navi di bandiera britannica. Segui, da parte di Luigi 7TV* 
tm provvedimento analogo per la marina francese. Quindi 1*0» 
landa nei suoi rapporti commerciali non potè pivi usufruire dei 
terni % or ì. appartenenti all» Shancla e all'Tnghilterra e non 
trovando più rimunera»!oue sufficiente alla sua marina mercati«■ 
ti le, si trovò nella necessità di cercare altre risorse nei 
passi di cui fino a quel momento si era servita come punti ài 















134 


poggio dal suo c cimerei o. Corninoli) allora ad affittare que= 
atì territori alla Compagnia Olandese delle Indie Orientali 
perchè vL esercitasse il commercio delle spezie, specialmen* 
te nelle isole ^ciucche, con 1 ’obbiettivo di esercitare il 
a enopolio, cerne infatti riuscì per molto tempo in Europa, dei 
iosid'fttl prodotti coloniali 

Kello stesso tempo aveva stabilito una colonia abbastan» 

: irte nel 'Brasile, uno stabilimento nella parte ssttentrio= 
.e dell'America dfil Sud, che ancora le appartiene, la Guìana, 
>-? ’ l'America del Word aveva fondato 1* Nuova Amsterdam, alla 
• ... ceduta all'Inghilterra, fu poi dato il nome di Nuova 
' ,r' Quando questa cesai ose avvenne, ai ebbe, col trattata 
Je‘. Ada una ripariizione delle etere d*influenza por e:U«vt»> 
do * ; ii quale , aven do c e du to al Pori ogal Io i posse dìm sn ó i de - 
■arasile. si faceva riconoscere da esso il poesesso de ile t.o^uc 
che, e rinunciando alla Nuova Amsterdam si faceva riconoscere 
dall'Inghilterra il dominio dell^. ouiana. 

t territori delle Indi«$ , delle isole della Sonda e de 1 - 1 ^ 
}£ciuccile furono governati fino al 1798 dalla Compagnia delle 
Indie, la quale terminò col fallire, e in seguito, fino al 
1813 , cioè sino a quando l’Olanda fu annessa da Napoleone &1- 
la. Fra oc la come provincia francese, il governo olandese ne 
assunse direttamente l'amminlstrapiene. 

l'Olanda, divenuta provincia francese, fu esposta alle 
vicende della guerra che si combatteva allora contro la 3Van« 







■ 


13 ó 


eia, e -l’Inghilterra, si impadronì di tutti i su' 

Ionia li, modificò i principi di governo dfj-i.1- 
Indie olande sa, dando maggior libertà economie 
e pose la base a quel sistema che, ignoto ai--'* a «■! 

land,, costituì fino agli ultimi-tempi. il sistem, ci ***int« 
stra-ixone delle provinole asiatiche inglesi. 

r«l IR 14 l’olanda, ridivenuta indipendente ■* tv : .n«nte 
casa Orange—Nassau ( e v e restituita dall Irighi t » »■ * • 

della sue colonie, oici le co-onle asl&f i«»e eucet.. i - 

di C • -on, le colonia africa te eccettuai» il Cat ■» di . . 

Sperarla?*, una metà del territorio delle Ctti&ne • ** 

lucche e qiielle delia ?c ó<w. 

nel mi: , *-,« un vitro fruttato di taace • • - 

shilts- «a, 1* Olanda abbandonava le fattorie 'he aveva no; ’I 
dia inglese., e nel 1905 i porti che aveva 3 /a c*-e - à t*- 

Guinea, porti oh. non la interessavano pi*: parere, a*• 
marina roso potente, non li poteva difendere e parche 
£,ni*o il tagli • dal.’letm^ di Sue», non le servivano p 1 co¬ 
perti di se a. - 0 . 

Quindi nel 1867 1 ’ Olanda aveva i p case ci mentì che .ha tut¬ 
tora, cioè le indie Mkludhh* e dell» Sonda, la Gui>n« ciane-; 
nel Va. erica -Sei Sud, e le Antilie Olandesi le quali ulti*», 
hanno una popolasione di 50,000 abitanti e sono molto impor¬ 
tanti neri tanto per la. A oro estensione quanto perché costi tu- 














ì3ò 


accao punt d. pegrvsi. Ila gronda via mar .'.i ima altra» 
varsa il Panai:* e ?»ir pr^du»lènte dj ; , c .1 celiali. 

©uesti possedimenti i&atesi r»atv pc- 1* 1 uMc^i# 

fie geogr*. ica, Quanto p„r il «.aro sistemi-: di gov.; ■-i p j sso" 

distinguer* in tre categorie: 

**' 1A -BSS.se dijBQijt 0 .asiati j, i quale abbracci - qua.-. 
t-i*vfea la tonalità della superficie e ue.U.a pò; eia.'ione de ?■ 
mi:. ■■ olandese (30 milioni di abitanti su un totale di 3 h *$.* 
li^ni e duecento mila', e che t governato qu m g r '\ ernat ?re 
generale avente accanto * se un Cunei alio c . Governo. Te ile 
c<-.Pii8ift ^atav s.a. é stabi ^1 tr* una i ■■. \ lei Cont i , la <-■ 
ba. s c>jm* la n jis v; ■ dei d ; vj..?-. - .ontabiì« e deve <»** 

eervare se ne . - - Sii#’àpp-jLieat* m legge dei bilanci 

i.. orlane a - de .* » o _ v nle ■»*. i * .cne a»? 11 * Olanda c da> 
li>03 aivvso da quello della metropoli e porta a «jnerÈa. un <'*.* 
iCo per eifet u- dei voi deficit / cl.£ sono cronic: -i -•« io 

anni, che è in peri® t<, ar itesi con ~ cns .xv-r ‘ ' '«■» ouando 1 
.-.uè bi lanci erano con ■ perchè xu a*«.ora il contributo annuo 
r-' A pò rem.- de «.le co.- . quello de Ila ^etr opoli variava a» 
a ijO milioni ai franchi. 

..e colonie , salvo quest* di et ■ v js, « •■•re ■ ■ nsr- i » sono 
wggotee ccopjLeta&snta all'esercii. v della aovr<*. tf- dii parte 
dsl potere esecutivo olandese, cioè sono governisi;; come iti co* 
Ionie della «eros* britanniche pò?.eh; il parlamento olandese 









157 


puf i’erwij In V*-; «tr*ordinarla per Io colonie, « il go* 
wernatare generale ho la potestà dà emanare ordinanze le quali, 
quando non oontruv sugano alla legge Xondamontale olandese per 
le colonie, •'Anno pi-’ria fori*a di leggo. Ma mentre per questo 
rispetto ... dominio olmi da se doTl*A«ia puf paragonar»:, r .i le 
colonie delle. 5«ron* .uv k«ì ( por i dettagli dal & »ar«o e del» 
1 aiamiRist ras ione, ei pur- dire che 3'Olanda abbia., unii ornane 
do la gran dea a» delle colonie con le risorse della metropoli , 
applicato il regime del protettorato. Felle isole ài Siaya « 
di Madera, a nei piccoli stabilimenti organizsati e coi e resi» 
danza „ ne He altra isr.-le, si ha il sistema dal governo diretto 
e -io : ; rotettor-.vt * -ui. nistr * l i.vo, mentre nelle altre isolo 
ha il eie tema -v protettorato vero a proprio. tTelle prime, 
cioè, ai ha 13 territor..o diviso in residence o provincia in 
cui un r tei dante olandese controlla il governo locale eh» è 
r.e.'i® mani degli indigeni.; quindi sotto la corteccia di gover* 
no c cloni a le col sistema delle coloni® della corona, si ha il 
si et-sua del protetti: *.'-e assai?. prativo. Invoca nelle altre 1* 
soir-i. «alvo gli stabilimenti suddetti organizsati come residen» 
*•» ai ha il si?*»»» do! protettorato sei ondale, cioè i rapp re» 
sententi del governo olandese, denominati reggenti, od i capi 
* sovrani indigeni, frana-? presso di sé ‘un resiliente che si 
comporta eoa* 1 residenti inglesi in Indie. 

STORIA ESSI.”8 GOtOSÌlS B DIRITTO COLONI AU? 


sisp. ia 



















Nelle colonie olandesi fino al 1833 por la produzione e 
per ia vendita dei prodotti coloniali al Vanunlnist rais ione co* 
Ioniale si aveva un sistema slmile a quello che aveva portato 
così cattive conseguenze sotto la compagnia delle Indi^, cioè 
determinazione e limitazione dalle coltivazioni, fissazione dei ' 
prezzi dal governo e vendita obbligatori?» alla pubblica amati* 
niatra»ione. 

•* 

Questo sistema fu modificato fino a che nel 1870 venne di* 
sciplinata soltanto la coltura dello zucchero e de 1 caffè e 
poi soltanto quella del caffè. Recentemente venne emanata una 
legge per trasformare gli usufrutti in vere proprietà indivi® 
duali, venne introdotta la coltura del caucciù mediante imp ie» 
go di grandi capitali tedeschi, olandesi,ed inglesi, e si eh» 
bs un grande sviluppo di attività economica che accenna a ri* 
sollevare la colonie dalla depressione finanziaria in cui era® 
no cadute negli ultimi anni. 

Oli altri domini olandesi sono di poco conto relativa»***® 
te ai primi. 

2°) la co lenta della Guiana avrebbe molta risorse del suo» 
lo e del sottosuolo, ma dopi la liberazione della popolazione 
di colore elle era costituita da schiavi, il lavoro vsnne ad 
essere raro e poco produttivo. 

la crisi dei lavoro, unita alla crisi della produzione 
dello zucchero, produsse un depauperamento della colonia, al 








139 

qui*. Si cerca di ottemperare con nuore culture « eoa la 
sfruttamento del sottosuolo in cui Ci trovano giacimenti &?. 
grande Importanza. 

Il governo della Guiana è così costituito* v'è un govcr* 
natore che rappresenta la corona t ed un consiglio di gever^ 
che costituisce il olio gabinetto « ì5ì hanno inoltre gli Ma ti 
Generali che sono formati da un consiglio di 15 membri di cui 
5 sono quelli del £ tìnsi gli o esecutivo e 10 sono di nomina @= 
lettiva. I membri sono rinnovati per un quarto di anno in an¬ 
no. 

Sicché , mentre le colonie delle Indie Orientali sono go* 
vernate come le (solerli® inglesi della corona, la colonia dcl« 
la Guiana olandese è governata cosi® le colonie inglesi ohe 
tarmo isti tue ione rappresentativa semsa governo responsabile. 

3 C ) Nelle Antille Olandesi* cioè nelle isola di Curalo 
è nelle altre minori si ha pure un conciglio esecutivo accanto 
al governai ore e ur» consiglio legislative che è di nomina re« 
gin e che costituisco il potere legislativo dalla colonia e 
gi rinnova per u» terse di anno in anno con un aie toma cornhi» 
nato dì coopta*inno, e J per ogni ponte che rimane vacante 
il consiglio ©tessete ne propone due, e su questa lista il re 
scogli® i. nuovi consiglieri da sostituirà per formare il mm 
mero dì dlsttl. 

Olir® «he in questi territori eh® le appartengono, 1*0» 
landa dispiega la su» attività anche a tutela dai territori 














140 


neri le appartengono più, e speaialriente nei territorio 
i: Africa del Sud, in cui la responsabilità «i*Orango s del 

• -'.sv&&i erano àus Stati olandesi ■jhse si teino rispetto alla 
■anda negli stessi rapporti a-, filiazione ^he pasfl&no tra gli 
H ■ • i Uniti e 1*InfiiiIterra. Dopo la lotta fra 1’ Inghilterra 1 
ar.òa, terminata con la vittoria dalia prima, q-neota voi» 
À? ix ' riconoscere la propria sovranità agii olande** dsll’A* 

- ( i’~ totid la sterra che ne risultò, e che terminò con la 
- * .«.quieta e • .le coloni© da parte de 11 * laghi Iterr&, parve che 
cLt * sance I».re ne li e colonie ogni carattere olandese di 
\*-,a « che dovesse inaugurerei un’epoca di lotte interne e 
’.i persecuzioni da parte dei duo destinai ori inglesi sui vinti 
olandesi, i Quali avrebbero dovuto sentirsi nelle «tesse con* 

; : c ' a * e * trovane i polacchi sotto la Russia e la Ger» 

Invase avvenne, a paca distanza dalla crisi, una di 
o^eioi transazioni che smentissecne tutte le previsioni che la 
firiHÌ stessa aveva fatto concepire, cioè due o tre anni piò 
t.»: ai ira 1 elemento olandese e quello inglese avvenne una 
riconcili azione che si manifestò cor la formazione della Con- 
federazione dell'Africa del Sud nella quale entrarono l’anti¬ 
co Transvaai e la Repubblica di Grange. 

la cooperasiona e la colonizzasituo Coll’Olanda continuò 
■*“ quelle regioni, e appunto nel gennai a di qua et 'anno ai è 
formata in Olanda una fortissimi società la qts&ie fc* acquista» 
tc parecchie centinaia di chilometri Quadrati nella W te set* - 







ui 


teatrianale della Colonia, del Capo, in cui ha e orni scia to a 
ì dirizzare gli emigranti, Le colonie olandesi dell'Africa 
s l Sud continueranno senza bandiera l'opera coloniale che 
i vi olandesi avevano cominciato 3 che dovettero interromper® 
r si 17$8 quando l'Inghilterra se ne impadroni„ 

/.Ile colonie olandesi una sola minaccia incombe sulla 
r irò sio reesa, ad è quella relativa alla loro difesa in. caso 
f i coii*lagranione europea, B' per questo che molti uomini po= 

' ' 7.-, olandesi avevano meditato un 'alleanza fra l’Olanda s la 
r-crmanift, per effetto delle, quale le forse unite delle due 
r(ferina pctt'-saro difendere le colonie olandesi. 

ilei governo di queste colonie l'Olanda ha progredito no» 

!.evoluente, santo per l’incremento dato alla cultura agricola 
alia -proprietà individuale degli indigeni quanto per il re~ 

■' -.ut amento del personal® sii governo e per la politica re li» 
giosn. 1" 

Per il reclutamento del personale di governo è' astata 
pubblicata recentemente una nuova legge la quale ha dettato 
nor-is, per il reo lutarne nt o, richiedendo con dia ioni di onestà, 
dì salute fisica e dì. e-on oscena* linguistica e determinati 
titoli dì studio. 

Quéste condiziona sono «ufficienti a dare alle eclanie 
persone che dimostrino attitùdini pratiche, senza che »i dsb= 
ba seguire 'utopia di Chi richiede troppo esuberante coltura 
accademie», mentre occorrono Attitudini di governo che non sì 







142 


tessono imparare nei banchi della scuola, ma dai risultati 
obbiettivi e personali della pratica. 

L Olanda, che ha il vanto di essere stato in Europa il 
aoio paese che non abbia mai conosciuto IrtoIleranaa religic= 
aa * ±n fatt0 ài religione è stata sempre tollerantiesima nel¬ 
le sue coloni©; ha soccorse e soccorre l'opera dai'missionari 
m quanto essa tenda a raggixmgere scopi di istruzione, dì 
-s.ieficonzs, o di salute pubblica, ma la propaganda per la prò 
pagania, che è utilissima di fronte a popoli pagani, ma per« 
niciosa di front*, a popoli monoteisti come quelli dèlie colo* 
•lJ olandesi, è stata ripudiata dall’Olanda E quandr recen¬ 
temente *1 partito liberale fu sostituito al potere da un par= 
tito conservatore, i partigiani di una attività politica dì 
pi opaganda nelle colonie furono dissuasi perchè il Ministero 
del^e -clonie si dichiarò pronto a soccorrere tutte le opere 
jais alenarle in quanto fossero opere di insegnamento e di bens^ 
incensa, ma non le opere missionarie coma tali. 








143 


1 /. 


!.. razione del Belgio dall'Olanda e i primi progetti 

di una politica coloniale belga. Oli studi di Leopoldo I e 
gli stud: e i progetti di Leopoldo 11°. Mutamento dei disegn 
di re Leopoldo dalla Conferenza Geografica del 1876 alla co= 
stituoione della associazione internasionale del Congo nel 
1882. Organizzazione e rieonosc intento dello Etato Libero d 
Congo. Il regime della unione personale. Il regime della di¬ 
pendenza coloniale. Il governo attuale della colonia eongole^ 
so. Ostacoli politici e giuridici oppostisi prima alla esi¬ 
stenza. dello Stato libero, e poi al riconoscimento del suo 
passaggio aotto la sovranità belga. Il trattamento degli in= 
digeni e l'azione britannica. 


Il movimento colonizzatore del Belgio, studiato nel suo 
inizio, costringe a fare alcune considerazioni che trascendo» 
no dal campo della storia coloniale per entrare in quello 
della filosofia della storia. 

Bei paesi a regime rappresentativo ci manifesta la ne« 
ceeeità che al governo ai alternino i partiti conservatori 













144 

- :n quo Ili radicali e liberali perchè questi ultimi cri luppa* 
no meglio i principi della politica interna e della tutela 
dei diritti degli individui, mentre gli altri sacrificano gli 
individui alla collettività. In poche parole si può dire che 
i partiti liberali e radicali servono a dare increaicnto alla 
politica interna, mentre quelli conservatori a fare progredi¬ 
re la politica estera di un paese. 

Questo fatto si è verificato tanto nella storia dei Pae= 
si Bassi, quanto in quella dei paesi scandinavi La Me regia 
er» dapprima soltanto preoccupata di proclamare la pr .>ria in» 
dipendenza dalla Sveaia. ETon appena l'indipendensa fu et terni» 
ta f gli Stati scandinavi si avvidero che di fronte alle aspi» 
razioni della Russia era necessaria quella compagine, a la ri» 
costituirono, che per troppe gelosie di politica interna, 
avevano fatto scomparire. 

Lo stesso è avvenuto nel 1830 nei Paesi' Bassi. Il Con¬ 
gresso di Vienna aveva ricostituito l’unità dei Paesi Bassi 
come era sotto il governo spagnuolo, cioè aveva creato uno 
Stato di media grandezza abbastanza forte, per difenderei s 
avente una entità completa economica. I rivoluzionari belgi, 
preoccupati della loro individualità, non videro altra cosa 
più essenziale che la loro costituzione in regno separato da 
quello dei Paesi Bassi. Ouesto, ridotto in più modesti confi» 
ni dopo la scissione, si trovò ad essere un paese esclusiva» 
mente commerciale e agricolo ■■ -incava quindi di uno degli 








145 


ale::. * iti necessari per far .3 prosperare il eqtoièrci^ delle sue 
colo..», cioè de 11 * e ieme ut 0 1 n dust r i ale. I r e g alarne n t i de Ila 
Cultura dello Stato,, e l'cbòllgo di vendita dei prodotti agi i* 
coli delle colonie, al governo, ristabiliti dal governatore 
Vandeu Roseli nel 1835, furono fatti por la necessita di iftte** 
8 rtt r« l'elemento di vita economica che all'olanda veniva a 
jsanc^r© 

Dall’altra parte il Belgio aveva tutte le risoree indu= 
striali, ma mancava di mercato proprio per dare sfogo ali:’ uè 
industrie Cuitidi, non appena il regno del Belgio fu costituii 
to, il re Leopoldo I di (Joburgo cominciò a cercare un mercato 
sicuro al di là dei mari per il suo paese, e studiò la possi** 
bilità di acquistare territori non ancora colonizzati nel Bra* 
sile, nell'America Centrale, ne Ili» Indie Orientali e nelle 
Indie Occidentali Fa in quel periodo di tempo la popolasi®** 
n® dei Belgio era troppo preoccupata delle rifrrme interne e 
la costituzione neutralizzata che era stata data allo stato 
belgp;, rendeva difficile lo sviluppo di una politica colonia*! 
le. Gxi studi fatti da Leopoldo I dimostrarono come il concai» 
to della necessìt di una politica coloniale per il Belgio, 
s* fosse sviluppato con la nascita stessa del regno 

X] duca di Bracante, che fu poi Leopoldo II, sviluppò 
questi studi, ma r.on potò da e inìzio alla sua attività poli= 

StmiA DRI.LT? COLGHIJ? E DtRIlHTO C0M*tAI3 Disp. A 2 















US 


tua 1 ' questo crampo, se non dieci anni dopa asBere Scilito al 
trono, cioè nel 1876. 

Tutt* l’Europa era piena della rinomanza degli esplorato-" 
r* africani s Leopoldo II fu attratto dalla seduzione del con* 
tinente nero che in tante parti dell’interno ancora non era 
stato occupato da popoli europei. Egli pensò che il 'Belgio 
avrei)he potuto sviluppare la su» attività coloniale neil'A= 
frisa. Il Belgio pei è non solo non aveva mar ina, ma, era co= 
stitAito nella condizione di Stato neutrali . «.to e •quindi con 
1 *obbligo di tonerai lontato dalle vicende della grande poli* 
tica e di avere l’intento soltanto della difesa, e mai quello 
dell’offesa II re Leopoldo procedette quindi, nel consegui - 
mento dei suo scopo, per tentativi successivi, e come inizia 
ti va personale sua e non come Inizia, iva dello Stato di cui 
er-> sovrano. Wel luglio del 1876 convocò una conferenza ir.ter* 
nazionale di geografi e di economisti a Bruxelles, conferen* 
zì: che ebbe la seconda sessione nel 1877 e che sì propose co=c 
me scopo io studio del continente africano e di cercare i mez* 
zi per sollevare la corte della popolazione di colore vivente 
nel medesimo. Ver l’attuazione di questo programma il re I.ec= 
pollo inviò per conto de II'aaconiazione una spedizione espio* 
rat.noe verso le coste orientali dell’Africa e questa spedi» 
ziurte, sbarcata a Bagajsoyo, sulla costa continentale di frena 
te al sultanato di 2anzibar e arrivò nel 1879 al centro d@l= 







l’Africa s dove fondò la stazione di 5Carema. Contemporaneamente, 
nel maggio del 18?9 un'altra spedizione, preparata segretamen¬ 
te f : ‘Yiata nelle costa occidentali dell'Africa* arrivò a 
saucena e occupò una prima stazione che veniva organizsata e 
fornita di presidio e di ordinamento civile. Questa seconda 
occupazione era collegato, con la prima* ma era stata provo= 
cata dal re del Belgio perché egli ai era accorto che nella 
Associazione Internazionale Africana prevalevano gli elementi 
stranieri e gli elementi scientifici anziché quelli coloni-ili 
a pensò che era meglio agire da sé 

t<@i 1878 potè trarre ai suoi serrisi il famoso espi 
tore Stanley a sagre tassante costituì cori alcuni capitalisti 
belgi un Comitato di studi per io sviluppo de 11^Alto Congo con 
un capi t ale di un mi il one, I '«est i t a sacretamente una spedi» 
alone, incaricò Stanley di stipulare trattati con i capi indi= 
geni affinchè cedessero al re del Belgio la sovranità dei ter*= 
ri tori e, abbandonata l'opera dell'Associazione Internaciona= 
le, iniziava una impresa esploratrice per effetto della quale 
passava in seconda linea l'interesse scientifico e quello de 1= 
la protezione degli indigeni, mentre veniva in prima linea la 
costituzione di una nuova entità coloniale r.ei continente afri» 
c&no il Comitato dell'alt: Congo aveva lo scopo di farsi ce« 
dftre? i diritti sovrani dai capi indigeni e di costituire una 
specie di confederazione di Stati i quali avrebbero dovuto es= 










sere poeti sotto la presidanza di un capo nominato dal ro del 
Selgio e c v .3 avrebbe dovuto risiedere nel "Belgio. 

Quarto Stanley ebbe organizzati un certo numero di stazio- 
ni, il re Leopoldo trasforma il Gomitato dal Congo in Associa» 
alone Internazionale del Congo (1832) la quale ir*, il 1332 e 
11 1884 acquista ima gran parte di quel territori che costitui¬ 
rono lo Stato ibero. 

L 

'Jcn appena questa sua impresa venne conosciuta in Europa, 
si sollevarono le obbiezioni di quasi tutti gli Stati, ed egli 
dovette giocare di abilita e di diplomazia specialmente con 
l’Inghilterra, con la iYanoia e col Portogallo 

Dal Inghilterra ottenne di potere, eì limiti che furono 
poi riconosciuti come limiti del Congo, continuare la stipu» 
lazione del trattati coi capi indigeni, dietro promessa di met= 
tere l’Inghilterra in condizione di privilegio rispetto agli 
•altri paesi nello sfruttamento di quelle regioni. 

Col Portogallo si adattò a rinunziare a certi territori 
per ottenere il riconoscimento degli altri territori sui quali 
pretendono di esercitare un diritto storico di sovranità. Con 
la lYancia, la quale contemporaneamente aveva occupato una 
p«xts del Congo lungo la riva destra del fiume con le 
esplorazioni di quel conte di "Rrozzà che, veneto, si ara f®t* 
to francese disapprovando l’Impresa di Rema, venne a una dop» 
pia transazione per effetto della quale rinunciava a tutte le 









149 


occupazioni fatte nella sponda destra del fiume Congo e al ter 
ritori, situa* i al dì là del quarto grado di latitudine nord. 
Ino.. . $ prometteva di stipulare un trattato col quale avrete 
be riconosciuto alla Francia il diritto di preferenza qualora 
1* Associazione Internai! .tona le del Congo, avesse voluto o dovuto 
vender* o cedere territori. Quindi la Francia acquistava una 
specie di diritto di riserva. 

In questo modo, ottenuto a caro prezoo il riconoscimento 
dei territori da parte degli stati interessati, l’Associazio® 
ne Internazionale, garantendo la libertà di co&mercio nei suoi 
Serrir.o-i, otteneva con più facilità il riconoscimento dagli 
a *' ri ó-taii, come l'Italia, la (Jer< anta e gli Stati Toniti. Co* 
Bi ira la, fine del 1834 e il principio del 1885 la pertinenza 
di questi territori alla Associazione Internasi ori a le era rico* 
àoeeiuta da tutti gli Stati, e si'aveva il caso molto raro di 
un 'associa*ione privata la qua3.e, per l'acquieto di diritti so* 
vrani, 3 per il riconoscimento di questi diritti da parte fie= 
gli Stati, ai trasformava in ente di diritto pubblico equiva* 
lente a uno Stato. In queste condizióni 1'Associazione inter* 
nazionale non assistette che uffici osarne site alla Confv *nza dì 
Berlino dal novembre del 1884 al febbraio Infatti il re 

Leopoldo del Belgio, vi era rappresentato da un pienipotenzia» 
rio, mentre l’Associazione Internazionale non vi era ufficiai* 
mente rappresentata. 

Cr questa Conferenza, si fttabi li una. specie di «edifica* 





;?ons circa il nuovo diritto pubblico africano, e oi r deter* 
minata la libertà -r «anserei ale, si et abili che tutti gli Stati 
possiederbi territori nel Congo s territori vicini, dovevano 
avere riaperto per la libertà degli indigeni circa le loro 
condizioni economiche, e non soltanto doveva cessare la schisi 
vito e a*, tratta dea negri, an anche sorvegliarsi e reprimer* 
ei nelle comunicai. ;.oai conti re ni ali quel commercio di uo^-ni 
e ne j otesae dare alimento alla, tratta laarittima. 

Onesta regole furono proclamate come condizioni alle c«*“ 
li avrebbero dovute sottostare tutti gii Stati possedenti ter* 
ritori nel Congo c quelli nuovi formati o da formarsi nel fca* 
cino cotv? r-A tonale del medesimo fiume Pir,.: .mente ver iva stabi* 
Ut a, una v Sa ua ola di neutralità eventuale, per la ■■, le t li 
gli Stati formati in questo territorio, e tutti gii Stati hip 
rcpai possedenti territori nel Congo, potessero spontaneamente 
■ dichiarare la perpetua neutralità di quei territori: nel caso 
di questa dichiarazione gli Stati firmatari della Conferenza 
di Berlino promettevano di rispettare la neutralità 

Questo atto generale venne firmato il 26 febbraio 1885 e 
il delegato del Belgi 0,^-caae delegato delle, ao soci azione Inter= 
nazionale del Congo ad aderire a queste condizioni, vi fu «as¬ 
me*» o anche a sottoscrivere il trattato e quindi, accanto ai 
veri riconoscimenti individuali ohe erano stati dati *12'Asso* 

. t rme Internazionale, si un. anche il riecttoscimento coi* 







151 


le* ; ivo di tutu m stati interwtwtì. co» 

T , tìtato partecipante alla Conferenza a* Se-l*no. 

un ne.e dopo ,u«eta et. olone 11 re del ««*> 
ae* al Par Unente l'autovlsr.aslone 41 aeeweere anche il U- 
tue 41 "Sovrane delle Sta» Ubere de! Cenge"; 11 Precidente 

de|l’Aeeeclae 1 One Internati osale del Cenge el dimetteva e ve» 

« - 4 h fi n ar 1 a jw feni: o ifot-<sì i *£» cucivi 
niva sostituite dal re del Pslglo. J& ?ariafa 

dèe telone, facendo perd notare che ducete «mene del Belgio eoi 
■ cenge non poteva cerere che una unione puramente Perennale e 
non portava alcuna fuetone fra l'uno e .'.'altre State. 

Coet 11 re Leopoldo SI 20 Maggio 1*86 «cuneo 11 titolo 
di "Sovrano, delio Stato libero del Congo’ . fece rullio* atte 
di oompletamento di lueet'opera coloniale che era »<■>-* 
coloniale ma e non dello Stato che egli reggeva e che lo por¬ 
tava ad cacume re le duplice condizione di «cere sovrano co» 
etituctonale del Salisi* e, personalmente, covrano WMhW 

disilo Stato Libero dei Congo. 

Parola allora che egli »««« raggiunto e» ùn* In*»*** 


costone* lo scopo che meno di 10 anni ei * r& » rc * ,u|,tw 

«mede convocar* a Bruxelles la prima conferei** geografica 
interne*ì or* le alla quale 1* Itali* er* «tate r^e'tai*** 
Cristoforo Negri, che la rappresentò anche alia conferei** 

Berlino. 

, Cominciò allora, il prime periodo dì vite delle Stai* U= 












152 


bere del Congo, periodo che si potrebbe definire una specie 
di luna di miele della sovranità del re del Congo, di questo 
terr itorio avente 2.382.000 chilometri quadrati di superfi» 
eie ed una popolazione, il cui ammontare non è ben conosciuto 

ncn essendo ancora stati fatti censimenti, che si fa variare 

A .1 \ 

dai 15 ai 20 limìbni di abitanti . (Europei 4,000 = Italiani 
nel 1911 » 215). 

In Questo periodo della politica iniziata da Stanley, 
politica repressiva per la tratta dei negri e politica di 
sviluppo delle rie fluviali e terrestri e di sfruttarne*.*• a del* 
le risorse agricole del territoiio, il re del Belgio occupò 
coloro che aveva assunto come collaboratori nello sviluppo 
dell*opera sua. 

E tanto destò entusiamo questa azione del re di un pio» 
colo Stato per la redenzione di tanti milioni di negri che 
il plauso venne inviato al re da tutte le parti del mondo e 
ohe i capi del municipio di Londra andarono fino a Bruxelles 
per presentare ai re Leopoldo l'omaggio loro e della nazione 
britannica. 

Non erano.ancora passati dieci anni, che gli stessi che 
erano andati a rendere omaggio al re del Belgio si radunare» 
n~ per protestare contro il re medesimo e per provocare un 
intervento degli Stati firmatari della Conferenza di Berlino 
onde reprimere razione nefasta che il Belgio esercitava nei 
territori sottoposti alla sovranità assoluta di re Leopoldo. 







153 


Che cosa era avvenuto c 

opera umanit-aria del re del Belgio aveva incontrati 
ostiH'Oii notevolissimi dal punto di vie' fina ristar io. Lo svi¬ 
luppo delle comunica;*ioni e la costruzione di qualche tronco 
terr sviarlo per unire i tratti navigabili del Congo interrata 
*-i •- e cateratte portavano a così grosse s^ese che queste, 

Al fronte alle rendite cu cui lo Stato Libero poteva contar** , 
producevano un vero dissesto finanziario, Durante questo pe» 
riouo furono peste le 'caci di quel bilancio dite arrivò a un 
debito pubblico di 278 milioni di franchi e che si è presenta 
to cronicamente inabilito in queste cifre: 4S milioni di fran^ 

chi all'entrata e 66 milioni di franchi all’uscita (1912). 

* 

ieorciao e i suoi consiglieri cercarono dì provvedere a; 
ssAZ ' / -- r«r far fronte alla situasaone e, per arriT&re a questo 
BC ' : l ri , st m enopoli zzarono alcune culture e alcune »peculasio= 
la raccolta dell’avorio, del caucciù e la cultura agrìe' - » 
la dei territori più fertili, che furono definiti:"declini dei.* 
la Corona 1 * cioè domini privati riservati alla Corona. 

Per potere imporre una contribuzione sulla raccolta del= 
l’avorio, per mezzo della caccia agli, elefanti, sulla raccolta 
dei cauceiò $ sullo sfruttamento delle foreste si dovette, in« 
'•e :< ai tenere i terreni, come aveva fatto l'Inghilterra, se= 
ccrùo il diritto di proprietà collettiva degli indigeni, na* 
zionaliasare questi terreni a profitto di un ente politico #*- 

STORTA ISSILE G0MM5.TS K DIRUTO GOLOSI AIE Di su 20 





154 


re e ridurre g*i indigeni a lavoranti salariati o eom« 

pendati co& i frutti del terreno. 

4 ve - v, trae!' or mas ione che privava gli indigeni una 
parte aelle loro ri coree e che li spogliava di e et ansio 

ni di terreno, generò fra gli indigeni gravi malumori e prò* 
TCt -ò anche insurrezioni che furono crude Iment* rep rese# ?er 
disciplinare la raccolta del caucciù e dell'avorio ai dovette* 

• re ridurre gli indigeni in condizione dì effe 1 "'- 1 ’’ ttr7it J 
reprimere la loro indisciplinatezza con aoui t»n? o crudeli 
generare la reazione di tutto il Rondo civile i • quale 
bello al vedere un’azione di colonizzazione africana p* 
eoe-, agli antipodi dal punto al quale si era proposta di ar¬ 
rivare e al constatare che, mentre una della parti piu impor¬ 
tar i della conferenza di -Berline era stJta qneria, di repri* 8 
re ..i tratta degli «chiavi e di abolire la servitù, effettivo* 
ttg»?te la tratta non era più esercitata col ai fuori perche i 
ne^ri erano ridotti in schiavitù nel territorio stesso 


Questa reazione fu specialmente provocata in Inghilterra 
dai rapporti che venivano dai missionari che ei trovavano nei 
territori dell’Africa Centrale e specialmente dal reverendo 
Grondeil (del quale si ha la biografia scritta dal Jolneton) 
che si può considerare come uno del più grandi filantropi clie 
ablla contribuito alla redenzione della razza nera. Fra questi 
ai aeve mettere il nostro maggiore Baco ari che, andato nello 
Stato libero del Congo per vedere se gli ufficiali italiani a= 









vrebbero potuto andare al servilo del mede aleso, aveva ©onerili;* 
so per la negativa, »! .ide minacciato nella vita, « raccont' 1 
nel 8UQ magnifico libro "IL CONGO" tutte le de generazioni di 

quella coloniKaazione. 

Ma*e agitazioni furono concitate sopratutto in lughil- 
ter e turono inspirate specialmente da uno scritto dei Morel 
intitolato : "Rea Rubber" Il More! fondo un'Associatone por la 
ri forcò, .e? Congo che durò in vita per oltre quindici anni e 
ohe fu l'azione di propulsione precipua verso la ritorma dallo 
stato Libero lei Congo. 

Mugnai a queste riprovazioni, il re Loop old o del Belgio 
a 'farle riprese ìni^i^va trattative per la oessiorte dello Sta» 
to Libero uni Congo al Belgio, al quale io aveva, lasciato in 
eredità fino dai eoo testamento dei 1839- 

13 13 ottobre del 1908 lo Stato Libero del Congo ccssA di 
esecro stato lìbero per divenire.,una colonia del Belgio ; il 
quale ne dì venne responsabile di nano i al mondo civile con una 
responsabilità non soltanto morule perche l’adesione al tirata 
tato dì Ber.3ino del 1385 ohe ora stata per gli altri Sta’2 un 
ìtlc voleata’’1,o, per lo Stato Libero del Congo era stata una 
oondi*ione per il suo stesso riconoscimento 

Dall’Inghilterra a.» invocava la decadenza del Belgio dal 
diritto di acquistare la sovranità dello Stato Libero del Con» 
&' per non essersi esso conformato a nessuna delle condizioni 
dell'atto del 1885 e specialmente non a quella do.3la liberta 






156 


del ccuamorcio perchè questo era state fati-'* in h&ce al raf'now 
prlio, e perchè del diritto privalo degli indigeni si era 
fatto scempio. 

Sicché quando il Belgio ottenne in cessione del re Ls n = 

70 do le Stato Libero del Congo trovò alcune difficoltà per- 
?... questa cessione venisse riconosciuta e dovette promette» 
ve che avrebbe mutato completamente il sistema di governo 
ae: u 3t**to Libero. Cosi il governo del Belgio ottenne il 
riconoscimcnto da quasi tutti «li Stati. 

Ultimi ad accordare il riconoscimento furono la ÌVancs*, 
gli Stati Uniti e l’Inghilterra. La Francia ritardava ■non j 
solo per ragioni ideali, ®a perchè, vola va farsi riconfermare 
la promessa del diritto di prelazione che aveva avuto dal* 
l'Associazione Interrasionale Africana: con una convenzione 
del 1511 il Belgio ci impegnava che in caso avesse dovuto oe= 
dere a titolo oneroso il territorio del Congo o parte Ai es&s ; j 
si sarebbe dovuto mettere in comunicasione con la Francia ae= 

cordandole la ^referenza. e cromettsva inoltro che non avz*eb s 

; 

Le mai co auto il territorio s. titolo gratuito. 

511 Stati Uniti d’Americc e 1 *Inghilterra non vollero ri* 
conoscere la cessione se non quando i cene oli Iella due nasici 
ni non ebbero fatta una iepeSiene della colonia dalla quale 
risultò e he l metodi di trattamento degli indigeni « di efrut* 
t amento dal suolo erano cambiati, in seguito a quest», inclite» 














15 V 


as gli Stati Uniti riconobbero la cessione nel 1911 e l’m* 

• il 30 di saggio dell'anno scorilo, dopo due memorande 

g - .e IJì Camera dei comuni nella quale si ricorobte 

ci,e 1* condiaioni dei Congo erano completamente cambiate, e 
1 <*i-.ra dei: 'Associasiont, per la Riforma del Congo la quu-e 
«ver riconosciuto il ravvedimento dalla amministra*!'- 
congolese, deliberava di scioglierei por avere raggiungo ii 
i'tno per il quale era sorta. 

Ora le Stato Libero del Congo è una colonia del Belgio 
die ' • svernata per mezzo di un Kinictr o delle Colonie «ol si- 

fc.^p dulie colonie inglesi, cioè mediante un governatore ge* 
nera. 5 -, een - autonomia locale s senza uffici rappresentativi , 
i'.- c- più abbandonata All'arbitrio disi potere esecutivo ds-= 
lu metropoli, come a» addice a una colonia di uno Stato costi» 
V-alenale 

li Canaif.Uo Coloniale elle è fornato da 14 membri, di 
.s nominati usi r 1 *, 3 dalla Camera e $ dal Senato oltre a 
preparare il bilancio che deva esacra votato dal parlamento 
belga ed oltre a potere legiferare par le colonie del Congo, 
nix anciie la qualifica di Corto Suprema per la revisione delle 
sentente «manate dalle Corti Supreme del Congo 


/ 


■ 









f.38 


".fa scio 1 911 


X». v tarlimi: i06.9?t-.425 ire. Esportelioni: 133.025.000 fra. 








F -éXj r ' ‘ ai- 1 un e da 11 * &Y P .rJLg 
1«gl per £ re 2 835.000 
1C04 rar fra. 3.839.000 


Esportazione d el c aucciù 
1391 : Sl.OOOjCg. per 326 000 fre- 

lOQt : 4.930.000** " 43 478.000 fra 






* 


■ 


gì 

■ 





■ 















3.5 S 


16. 


G^usft determinanti la decadenza dell’Iter' coloniale 

ppa^ 't. la tu-, rovi'? r.ùl coreo del set';. TI, * 

,ien l attuali Iella Spagna t*ell'Africa occidente: i. 5^1^ 
vai e ; cuoi Mài** d. sviluppo economi co alone recr-r>- 

te* UUl... .i^iaoeli nel *<*<*«> Diritti et orici dell 
c „ r « a-cpirasioui moderna- Ostacoli incentri.' dal«( 

S: -• *, i, .oc- -u del >*>04 Patti anteriori c 

fcivx rtild. Cé.r»lara*wa ài Aigeair^e. Il ®oduà viventi <.•*- Hi¬ 
ll trutt-L 0 co'.? rra.no a* dai S? roveto aro 101C- r * organi*/>• 
aio-’* -**■* r.rottjT.tu* i.*,o ne.il j. si'&rt. spagnuola 


la serti del ',«'.rro coloniale spagnuòlo corte un oee 
pio, sìoè servono a tri •: a ' o di guai convei** ; : n&lismó a qv.e 
principio del senno dai poi ohe ispira ..anta parte ;.!):• fi*•<'•“ 
.o 'i^ della et or...... Tut i .• i2‘ eh',; trvt* -no di filoso!. v 

delia stòria soro ispirati da un'idi- semi»mi et io*» dall * ;r ' 
atensa di qualche cosa di or.ge.nico nei*.» storia degli indi' 
dui e dai popoli e veglione vedervi, ■ 'fto nei risultati 

quale 'ui cosa, di giustizia e dì neea.as:'.t* Pei ciò quando ai 
presenta un ien^menc di '^cadenza o in sue cessi, , tn-tiw pi»*? c--?- 




> *' 








160 




«'oc tragico, tento più si certe li bleo;r ù* attri bu- r lo a 
colpe gravissime del popolo che lo subisce e considerare 
quiete vicende dolorare come una specie tu. eepiaaione dei pec* 
cu.i che il popolo ha commesso Cosi presso ogni popolo la fi= 
Ivoofiw della stcr’a e u-ventata un plagio di quello sviluppo 
.e'..a et (-ri a sacra no’, rju:le si ave*".';, sempre la c. ntitesi tra 
i • poiijlo j'etu c \.(i ^., 1 !. od alti! popoli conu**nuati da Dio 
a foci v ire il pvjjr. e ectisre sempre suoi inferiori. 

Cosi nella de* «neuri* da 1 ' 'impe? o coloniale *-vn* io, 

**ei secoli XVI, TVTir . vjt g nella sua liquidasi onr alla fi» 
i- u* quest’ultimo eccolo, si volle vedere u;>n meritata espia» 
.zinne delle colpe del popolo spagnuolo. , | 

Però i 1 popolo spavnuoi non aveva, avuto nella politica 
coloniale e nemmeno re -1 mi - snr#<*ir.éni ' dei prir.oit i‘ondrmen= 
tali del diritta colcn.t,je 5 ori c- Ipe degli altri popoli- 

Ir quanto al nueeonoerimcr* ~ del ù.' i*tj dei popoli il cui 
* Trr : * uri o veniva roveto la Spagna non solo non ebbe maggio" 
r* colpe dogli altri popoli colonii-zat ori, me, a differenza di 
questi, ebbe uni giustificazione nej. diritto pubblico che erti 
ancora in vigore presi» ì popoli cattolici nel momento in cui 
compieva 1*occupazione dei territori o ••lenirli * e cioè il 
vi attuto di lorde vi ile a lo, sentenza dti pontefice Aleed-uuiro 
ti del 1432 che ripar* iv.* l tt sfera d’influenza nel Nuovo Mon» 
co fra Spagna e Portogallo. 

..rs quanto al aiecor.oaciment cì dei diritti individuali de= 








131 


gli indigeni nessiina maggior colp<* ebbe la tigna degli altri 
popoli colontezatori. X’&pplicnsion* del diritto dì eopr a— 
pria-ii-^ne da parte dello Stato occupante e 1*applicasione del 
sistema di tenimento dei terreni e di proprietà propri! del® 
l'occupante unpouti alla vita economica do» popolo del ter¬ 
ritorio occupato, sono state fino ad ora colpe dì tutti i P° 
poli colonizzatori e una causa dello spostamento di condizio¬ 
ni cne in alcuni casi ha fatto scomparire del tutto *.& popo¬ 
lazione della colonia. 

W vero che in alcune isole il maltrattamento delle Spa* 
gna distrusse tutta la popolazione, come in ondila di San So» 
mingo, toa questa non è maggior colpa da quella. dfill'Ingfcil» 
terra la quale vide nella Tasmania scomparire tutta la popo= 
Iasione, così che un. donna, ohiain&ta, Truganinì, divenne ce¬ 
lebre perchè ultira-~ superstite della razza tasmaniana la q-sa» 
1® so aiaparve non potendo vivere nelle condizioni create dal 
dominio inglese. 

1*oppressione spagnuola deve la popolazione non fu di= 
strutta, fu forse minore che non quella portata dagli altri 
Stati coloniali nelle rispettive colonie. Infatti soltanto 
■ ,2, sverno spagnuolo furono concesse agli indigeni delle co= 

'■ m .c & _li« popolazioni derivate dall'incrocio della razsa 
bit:'.ce, coi primi, dell* patenti di bianchezza che costituiva» 


storia msm wimm ^ otritto coloniale 


Uisp. 22 




16 3* 


no una specie di ufficiale eguaglianza nei gouimento dei Pri¬ 
vilegi dui popoli dominatori. 

f ee introduce la tratta dei negri, lo fece sotto 1 ’in¬ 
fluenza del famoso monaco Las Casse allo scopo di diminuire 
la popolazione indigena e di salvarla dai maltrattamenti dei 
coloni. 

la trafa, dei negri tanto poco ripugnava alle altre na~ 
a ioni che nel 1713 l'Inghilterra impose alla Spagna, come 
patto necessario alla stipulazione della pace di Utrecht la 
concessione del diritto assoluto ai importare annualmente una 
determinata quantità di schiavi neri nelle colonie spagnuole 
Non fu dunque il misconoscimento del principi fondamene 
tali del diritto coloniale, nè il cattivo trattamento degli 
- indigeni, che fecero più colpevole la Spagna in confronto ax- 
le altre nazioni. "$ nemmeno la colpa si deve cercare negli 
errori della politica economica percnè l'assoluto protezio® 
ni amo, a cominciare dall'atto di navigazione di Cr omwe11 e 
da un atto analogo di Luigi XIV, fu una caratteristica della 
politica coloniale degli Stati europei. 

Quanto abbiamo detto delle colonie olandesi prova che u~ 
no degli Stati colonizzatori più fortunati ha potuto protrar¬ 
re nel tempo un sistema colpevole, molto più di quel che non 
lo avesse prolungato la Spagna la quale nel secolo XVIII ave= 
va già molta attenuato la sua politica protezionista e proi= 







163 


dizioni«ta. 

Quindi la Spagna non deve attribuire Is ultime t ovi;lS 
del buo impero coloniale alla conseguenza di sveste colpe che 
non hanno danneggiato gli altri popoli europei. 

EBBa dovette la perdita dalle 3ue colonie *opr*tutto a 
un elemento, che durante questi ultimi anni è stato anene ri. 
tenuto superfluo nella vita dei popoli, cioè l'elemento mi 11= 

tare . 

I* Spagna non Bolo non ebbe la foraa militare re. fimi- 
nane le ette colonie, ma nemmeno ebbe il dominio del maro ne- 
cessarlo onde impedire che queste colonie fosse, c silurate 
dall'Inghilterra col contrabbando e che poi il mantenimento 
della sovranità sulle medesime fosse contrastato dall Inghil¬ 
terra a dagli Stati Uniti impedendo le spedizioni di armati 
dalla metropoli. 

In quanto si riferisce alla decadenza della vita scono-- 
mica delle sue colonie, la Spagna deve attribuirne !<* colpa 
al fatto che essa non intraprese la sua politica colonia-- 
per bisogno intimo di esuberanza ài vita, cioè nè per esube¬ 
ranza di popolazione nè per esuberanza di vita industriale. 
Volle occupare ì territori che erano stati scoperti da viag= 
giatori suoi o alle sue dipendente per la ricerca dell'oro e 
degli altri tesori, per modo che dal dominio dei nuovi ter= 
ritori .iorivò un incentivo alia emigrazione spagnuol» e non 







164 


bisogno di emigrare fu là causa eh.© spina© all'occupazione 

vie J* uiedeeimi * 

ar^- mentre gli olandesi sfruttarono 3© colonie coi com= 
mer.4,0 dai generi industriali esuberanti nella metropoli e 
.aerandosi trasportatori dei prodotti delle coloni© da que= 
nìglì altri paesi a'Europa e mentre gli inglesi andarono 
" lor&iar# le colonie d'Àoerica per poter© sfuggire <*lle perse* 
cu«ò.oni religiose e politiche e par potere, con lo r?' ut t amena 
agricolo t compiere quasi una riproduzione olla metropoli, 

1«. Spagna nelle sue colonie ceree soltanto le risorse del got* 
tosuolo. 

Ouando la Spagna iniziò la sua politica coloniale deter* ' 

*. .na« =. dal *ai<.o della scoperta del nuovo continente, comin* 
c .am ad -ttra.ersure una crisi economica gravissima per il 
* 4tt0 della e ®P^lsione degli arabi e degli ebrei. Tanto questi 
quanto gli arati e gli ebrei convertiti e dotti ac«arabi i 
primi e moravi i secondi . furono espulsi per eliminare ogni 
pcric. ..o 1 integrità della fede. Con tali espulsioni alla 

Spagna veniva a mancare l'elemento industriale dato dagli a= 
rabi e l’elemento commerciale dato dagli ebrei. 

In queste condizioni, dunque, la Spagna iniziò la sua 
politica coloniale dedicandosi internarne**- alla ricerca del* 1 
le risorse del sottosuolo, del filoso che era il cosi* 

merci© di una popolazione che non aveva grandi industrie nè 
esuberanza di popolazione. 35 tanto fu premiente il assiderlo 

_ 











165 


dells ricerca della ricchezze del sottosuolo ohe alcune ieo= 
le, cernie Cuba e San DominEO, ebbero dapprima uno sviluppo 
fortissimo e un notevole incremento di popolazione perchè si 
sperava di trovarvi ricche miniere, .mentre furono completa^ 
Monte abbandonato quando queste miniere non furono trovate. 

Anche nei paesi come il Pert, il Cile, l'Argentina e il 
Massico, in cui una vita economica abbastansa progredita si 
s a f rL ■ 3‘ ilupp ± per opera degli indigeni, la Spagna non 
i -ppe che trasportare le arretrate Istituzioni della sua vita 
economica, i privilegi del clero e dei nobili e riprodurre 
rna società * r unta nei territori ohe occupava dove pertanto 
verniero a mancare del tutto gli elementi per svilupparvi una 
società nuova. 

Pu dunque per mancanza di elementi colonizzatori e di 
etrirnienti della vita economica eh» 1*4 Spagna non potè dare 
uno sviluppo a queste colonie d'America. 

Quando poi per effetto della emigrazione olia si *a me¬ 
dita sviluppando, i nuovi territori risultarono popolati da 
ma popolazione costituita da spagnuoll e da discendenti dal¬ 
l'incrocio fra spagnuoll e indigeni eh* parlavano pure la 
lingua spagnuola la Spagna avrebbe avuti.o la possibilità di 
sviluppare le sue colonie come altrettanta riproduzioni del 
suo territorio, ma le mancò la possibilità di resistere a 
qualunque opposizione che le fosse venuta da un altro Stato, 







•;ioè le mancò il domìnio del mare per mantenere il oollega* 
men'o delle colonie con la madre patria. 

Quando jli errori economici della politica coloniale e= 
ano già stati dimenticati, la Spagna perdette le sue colonie 
perchè avvenuta la inrurremlone dell'America sp&gnuola. cMitro 
il gcvov^o di Giuseppe Bonaparte in Spagna, questa non potè 
mantonere il collegamento con le colonie e quando noi 1014 
f-j r i et abilito il go/erno legittimo in Spagna, non le fu con= 
seo ito di riasaoggettaro una parte almeno delie colonie in» 
sorte e lo mancarono le forse per poter competere con gj-i 
Stati Uniti e con l'Inghilterra, 

Per tutte queste ragioni che non furono la sintesi di 
una nemesi storica, ma o}»s furono- la c Qn.se guenaa di un deca® 
dimento di iorse, la Spagna si trovò privata di un dominio 
di dire» 18 milioni di chilometri quadrati di superficie, 
cioè di tutto il territorio americano che va dalle regioni 
appartenenti agli Stati Uniti dal 1940, cioè Jfuovo lessico, 
Arizona., Tsxao o California., fino allo stretto di Magellano 
e al capo Korn. escluso il Brasile che apparteneva al porto» 
gallo. 

2>ì tutti questi territori non era restato alla Spagna 
ohe Cuba, i'erterica, con una popolasiona di 1.200.000, di cui 

1.200.000 e Portorico 850.000. 

questi territori furono governati da un'alterna vicenda 













167 


di equiparasion* ai territori dalia madre patria e di avtonc— 
mie lesali.. 

Oltre a queste isole, la Spagna aveva conservate alcu~ 
ni piccoli territori in Africa, in Asia e il domini 3 doile ì~ 
sole Filippine, dette coai in onore di Filippo II sotto il 
cui regno erano state scoperte e occupate , che insieme oon xe 
Caroline e le Mariane davano alla Spagna un dominio dì 4 ‘.j 0 
mila, chilometri quadrar.’ con 11 milioni di abitanti. 

La Spagna possedeva quindi un territorio coloniale con 
una popolazione di poco inferiore a quella della madre patria 
questo territorio fu perdito dalla Spagna il 10 dicem-- 
brs 1398 per effetto del trattato di Parigi, stipulato con 
la me diasi One della Francia, dopo la guerra, tra la Spagna e 
gli Stati Uniti. 

Allora la Spagna pareva caduta all’ultimo livello della 
decadenza nel campo del dominio coloniale, avendo pssrdu'-o 
tutti i suol domini d'America e d'Asia, ed esso stessa riten 
ne in quel momento di non poter fare più parto nel . -nassa 
dalle potènze coloniali tanto che abolì il "Miniatovi .* de C ■ 
tramar" che corrispondeva al Ministero del'; Colonie 

Le poche colonie che restavano «tlxa Spagna, passarono 
sotto l’amministrazione de 1 Mini etere degli affari esteri ;on 
una divisione speciale analoga alla ncetra Direzione degli 
Afiari Coloni aliche esisteva i?i Italia prima della iati, tua io-: 
ne del Ministero delle Coloni*. 
















163 

Alla Spagna non restava (eccettuate le isole Canarie 
che non cono calcolate come una colonia, benché io sieno tan= 
to per l'indole del suolo quanto per il carattere della po= 
poiaaione , misto fra lo spagnuolo e il berbero, ®a sono a# 5 
elmilate alla metropoli, appartengono alla provincia d* Ca» 
dice cd hanno un vica=governatore che dipende dalla prefetti* 
ra di Cadice) che un dominio in Africa di circa 200.00' cli= 
lametri quadrati di euperfìcie il quale ò sopratutto r .,ra¬ 
sentato dal pos se dimento del Rio dell'Oro che è in gran parte 
deserto, in poche parti coltivabile e so arsamente po j*lato 
'con appena, 12.000 abitanti circa). 

Questo territorio per gli accordi del 1900 con la Fran¬ 
cia fu diminuito della parte più notevole, all'est dell* 4 c03t 
Ionia stessa, (love esistono molte saline, per cui un valore 
economico venne compie talmente perduto. Oli **.ìtri possedimJU* 
ti della Spagna sono possedimenti insulari, oltre ad un P i0 “ 
colo possedimento continentale nella baia di Corisco vicino 
a? t la colonia francese di Gabon. 

I possedimenti insulari, che furono molto contrastati 
alla Spagna dal Portogallo, consistono nell'isola di Fernaì 5 ® 
do Po (la quale era stata battezzata col nomo di Pomosa, ^a, 
per non confonderla con quella che fu conquistata dal CiaP?® = 
ne contro la Cina, questo nome fu poi- cambiato con quello 
suo scopritore), nell'isola di Annabon ed altre minori. 

















163 


questa inoie, &l\r - tao tjgpparsenut'» KW* .-• 1 1798 al Por* 
toglilo, ia v * divisione del*. «-* 1»**^** fra dszo e 

2aSp*gaa v xx-'jii-; ..> *.<?•■ .io ’. ,;» s -iemale però a or. 

le cayui * «fi. ì-o «<• '- f - a.:. lo. .. i*fughiIterr* 

negò che la Spagna «.veseà Il dir.- . .-sodarle dopo aver* 
là per Tartto toaipo ibbAnaoiinèB „ : -■■■ ■ * ’• -•• ve-%;••, di j** *i } 

... 0 ùìil L'ÌS j.3 ÌU”v/O ’..v -..irw,. -H-r—r-i-**O • -■•> 

V r re-,;'.ile par la ia■. ; •.*: * et- ■< . -‘ ’■■- torri - 

tor,... ; - i« Africa non «i e . eha - < Pecu-x^* 5 ' 

• i . . . In qv&fctc j-. <U *■*■• ^• n ' i0 I* 0 : di ^ ‘ 

'HO consti- v*.- .* ... 11 . 8 p*g'». -- -»•» •>* 564 - - -* u 

.4 1 C ÌLm-IC» Oaùl V* ; -i *••.*.».• - ' £*v U<> -tir»., v . •••* 

1 : i r A 41? ~ . »< 

, * posse ù taen ; -.. oc- •;. inerii-.-, ir i/||K. * * • 4 •* >- '”*► di Oprisco fu 
•‘' * a : :r 2 a ,% . dal 1 - ... . . - .. v. ..a t xua ,u a quésta 

‘■;u ■ :■ una .- > stesso vi*- - ìj...u ... - di vis-Vene dalle, afe •** ài 

•.ra'lusiiu*. avi iSOC, c * c.si -- E:’ rivi» s: riservava su qu«* 
■.intf 3jiAgru;oI o -n ... . ■ o «X prclt -\ 03 s 9 nal caso sìis 
U-i a* .... ."tivst , rii veri', (lo e? 3 .0 patto ©he le 

fr „ rev-a fatto -v. c pe>- io S lì **»-<> d*. Coa» 

r; o>, ..«t.sta e ondisi ciao ;.aii ì un % fu ta I a oosi •,» e- in - 3 a* 

■'- a .vintiro anni più lar-.t con la quale questo dritto 
or-3 noi pernio oua Al patto di. cessione fu aceti v‘d* 


iSM CORSI* Jg iliatirVd- ^UOJIIaXB 


IH sa. SS 











170 


*• fi ’na r-. ciprociià . : 'ra 1 à. a Stati i*oV -Ugo 4i tìntoti** 
rio .*.♦ «;• . ài 'ifrira a11*altro ,.velln. delle ccloni* rispetti- 
va dòll’Ai: le* occidentale il -'* Avesse voluto disfarsi. 

Dimndo nel Ir* 3; . - ;f - ‘ utbi 1 * wvi 


ter ria* *i .cam. « asi >*’ 

re • --it i airi - : ,. 4—cosi . 
cva.'l ve.-rit.-n la •-■ àli cr ® es! * 
niv* • s .se.. ’ . «*. " ò co ite ocea* 


. i< 

sn»i 


1 _ ? '.t ■ -n; .. ;ne ai 

* 11 

che 'ial . ; • i ‘ ‘ ^ 


■ one • 


■*■: -,.n : 


1 » d'iì'".' 


4 ltes 1 . is de Uh i ir*. c’influen 


La Spagna &i •«; operò per »vilvpp»'*« e. •svocù »*• * a * 


*vti t.erri;ori (special'venta neiiu 
ìa ài Jernarido Po) 3"^ -tutto per 
vre tropical, cta*> are Va ottenuto 


Baia di Coristi' a naXI'is® 3 

pot» - se? ■ i^eli® sul* 
dalli colevii«3 c.°A.: Ì- A P r ‘* 


sta «iella perdita <1. quei - o sue dissenti. 

11 dcainìo epagAunlo '.ratto ai aoer®see • <• -.?* tó3< * 3 

hot*’vola lungo la costa t-ett-vi;.'..'’oi-^le d'Africa per e**® 
di 1 fr isi della questione sul barocco. I* Spagna qdande- si 

fu ger &t * dal dositi! © uc^li at ì&bi , ccn la distruas-onf; ‘.«s-. 

ragri di crenata,. insegai i s#c* ex dcsKinatori nelle loro »tr- 
ti obi? sedi 5 lo ccoupasloni di Wall ila. a ài Tinger 1 seguirono 
quasi Isanilvessente la libera»ione della Spagna e del Porto* 
gallo tol 4'. aio del istori. t*« Spagna allora par re voler ri* 
servare « 0 * •: -se sfera ài iniluensa, ohe le spettasse P® r 













motivi politici ed etnici e re ligio»!, *»tto il territorio 

del.l" parie occidentale de 11 *A-.Vie* 8 tn ÌJ - ae> ** 

p i*ictìo dopo la libera*inno . :-.,v3.l»' ..ente sotto il 
d, Ciarlo V®, si obi* una «petti*io-rie a ?-i3i*Ì., a Tripoli e ®’ ai: 
la *..•>*••;, e»rcecina, allo «capo di estenderg li dominio ip** 
gnuodo f-u tutto il territorio del Kearceco. #a 3* Spagna di® 
a trai et Ile cure gravlsaiiiw: ael ficmiwa americano, fi in 

j^ritì a e ii.-.sa de ila decadane* de'.le aio ^ c '“" 3 «ili -«ai i » n*a 

potè cL»r« '«eounione &-queste gn-nde 1 isep;i’> :^e Cario C>lu¬ 
to ...«or, co: capito e che ritta*?* nomo u-'pr ?; o*it ;.s itt tter.te 

retanti»* de « u ita* don a spagmjo la 

Per la e-; dettua*ione di o «ilsegno Ji andavano sem¬ 

pre più aecuàu Sanai» gii onta?;oli. A ...tri.Ira dal principi* '-ci 
scodo 3CX7.il p?.. .sipiile ostacolo di'«ernie 1 r Ingiù .V ei'ra 1«-- 
quaie *? si .-«iv.r. por .-è il duco Itila del Xle di terràneo R pooaaafiu* 
d ;.. di albi Iter r-A p'- r render r 'incera la -?ia ail« s'-:e 

na>/ì j. tor j i irlo -nglod •.. ai^ttialiaarte dopo il p/o-et* 

tO del C*,f: -, ~ di S s iós j ,. iì '& V» ^L--x : Spagna « alla Frano!* la ir/i" 

Melone Mt4 c.fll?t|utst4 dei Sfarot-.o Ciotta, benché ee*4pr^ 
più decadi-.} t s.. *i % t o vi pr ot et - , a a*»l la ini bis t ano lag 1« se, " a 
quale lene ' . . ; '-..pdno:n !■; •■ on potè* ■ • •. ?in.-. al ù' 

-■à a .. emulisi ì«ì 1 l’Albo ri a ■ L > » *;«. .noie «sa •■.ws.v il •?•?« 

ef *i «$*•. - : ^pn& »*i *• ■='!;«sto a-p,,:/.d inviar* una 










i cj nel Kurucuó x* r rondicara tv.. ♦offesa fatta a un sue p«» 

• v.’- «ronfcisra, e «cii^ *«>prc li pr*»* di Tstuan 1333), al 
generala vittori oso' potè» r utrts .1 titolo di àuon. di Setuart» 
dopo ò aver ritinto .. «ce ?r rvo a».'. Ztarcbcc par : -..~ 
spianerò allunghi lierra, 

X '3 aprile 1004 con quella aeri-, .ii cor.vtu. t •« ■ r 

eia e Inghilterra, che ?re3'sa ilui galena curila trip li se 

Intasa, la quale tolse di jbsszo le *;j c Ionia!. ;ra le 

due potenze a, indi rat tasse ut a , per orante si tiferi*;- a.ì ito" 
rooco, cancellò ogni opposta ione del V 5 Inghilterra all ”3 sparai ^ 
ne della Spagna in quel erritelo, si stali*.11 che la àfVsrr 
eia rinunciasse a ogni sua obbiesior.' . li-v sviluppo d': ila 
influenza inglese in Egitto, mentre ' ’.tu^hs. ìterva a ss» ; vita 
rinuncia re s. qualunque o\---•.•? .s«e al.*. viluppo della patena* 
francese nel Marocco. Contcap-oyanev-vip- • 4 pevft, 1 * paghi It-rrm 
stipulava 3oa la Mencia stessa ... l*n:«: »*-"•• -.-coli secreti » ei» 
non furono pubblicati se non noi lii;., coi, ì quali vaniva ii* 
servata alla Spagna la parta set' ny .Unsi* del K*re*«o, fra 
i vati poeeedinenti. costieri *4 Csuio a ai Mali ila e la qunU 
se t test r Un» le della costa cesitene ••' . dal ter-'iter te jnar oc¬ 
chi no. 

1 Zs gli iK«rra # dunque, c © de va •» 11 ” a ?.. p ?. r<?w- À 39 5. de 1 le 
;£V ; ' nc 1 tt * ffia l* iaP va 11 •' 1 « or. oa# 1 ►. • - v e de i di r i 11 ì & ■ *.* 

















— 


173 


/•igaa •• -escaci par quano ai rii’ariva a ila costa settentricaa* 
dal ' cì o.. Alla Spagna poi lapou '-.-a ébr la setta, che do- 

■•: ont. v,: in suo i osaselo non i'o#sr« j i.-aì •: or t i f idai#- . In 
■ •> ìv :' j •.••••>arerò stipulati accordi secreti tra il 1004 a 
:i . f/OS r.'ra Inghilterra e Spagna., & Prandi* « Spagna. 

In • jnacguena^. pel del trattato Ir**''OC»ts desco di Alga" 5 
siraa aal 1905 per cui la Germania rinunciò ogni pretesa 
sul •aroecr '.li et re compenso di Tasti territori del Cv-ngo jftran» 
cs, ci t •<.*■. c-fic di fronte all'iwpsro po'- occhino dus soli 
j. - ?•• -n: ‘ , «r-inui* a Spagna (1). Coutil'."è -illcra un duello età 
i: ; s tJ.. - , e con «ai che e di •; eajpor o ègisocnt e ir-, 
li* Sr«w i . frigna, flaohè il 27 r ove.*! r. -1 si etal’ 54 

1: le. V i ;/ie dulia rispettiva «1 -n** o": u: ;n * nel Ha- 7 

reo- -0 ? r : tatto di que sto c or do, !.. difetto ia et bbe i 1 j r 

test-, rat “ ..:!<* impero «a. • cechino «•:• tv ito il torri torio dal* 
la v«i. . . i-sll‘Atlante .il sud di q'.ssvio <*«.t***a. 

rido a questa cat :l vari postedi .cjti :.clh- Spagna 
Abraso ccX.lagati insieme * attribuii! --1U Spu t n& non epa» 

Pos53$diventi # hi., allo stesso titolo v**» rpetta .^1 ;• ranci* 

rv tvrts- li resto a» Xl'i supero «arocu.: .* :•«■•, c!»é ai vi.. parie 

(1) Assordi ci ii ttardipo: 

.'«Vaneoasiagìe »i \i $%• si» spagnoli do 1. 100 1 

JTucvo ftc-Jord.o tra-so^-opr:;p* :«■» del ir dove,„>r-r l i3 

Accorcio ùvìifitilt ivo *v^flssc*r..-'- . viìco .. 

Sodua vi vendi firma .••-apagshv o del •:• wv.v-v Il-... 

Acuer.lo Aitati ivo /rancS»? ; • ■•', .1*- ?-> r* 1 















* 

1?4 

nel protettorato '.tarocchino. 

Dunque, dopo questo accordo, il barocco è dir 'uto uno 
Stato protetto dalla arancia, i ca a questa protesione »-?£= 
tratto tutto i* territorio al nord dell'Atlante e il t 1 »■< c- 
ì*io atlantico al nord del capo Bo^feda che la Spagn- di. 
tempo reclamava. 

Su questo territorio la Spagna e-.ita lo »tra:J 
tettorato ohe la Francia esercita su tutto il e»to ...r 1 .1’ im- : 
pero marocchino, quindi questo è nella conci- ai St^-t.o u» 

aitar io protetto da due Stat; che pi trovano in 0 

oiaio di protettorato in pondi /' di condii, in » 

Per eri tare gli ine on veni e i del condominio è iat r.c 
in aodo che ognuna delle du* r. r i -n. possa e aerei tare il prò* 
tettorato per conto prop le. Tu ancia vi ha un 'os-i dente 
Arane ose che rappresenta il protettorato di fi ■?:'% &■"’ Sulta.no 
del iiarocco. 

la Spagna esercita lo steeeo protettorato nella scria sa 
•sca riservata e lo estorciti col «tessa di un reside-ri» * pi’" 
so un Eaìifai 0 vi sarto del Sultano , che rappresenta preso» 
que sto vicar io de 1 Salita o il p rotei orat 0 sp agnu olo a nei 1 c-ge ~ 

mente, ma indipendentemente, dal protet ' orai 0 franco ss 
citato in tutto il resto dell’impero aar *oehl no in .-^00 ■; ■"» 
diretto fra la franei» © l’imperatore de 




















ira 


Spagna i 04 -517 Ktxq. abitanti 19.712.000 

Possedimenti attuali Benna le Canarie e senra gli uItisi «.e* 
'Uiati al Marocco 

212.730 Ka >j.• abitanti 235 . 84 ? 


« 

Hi o de Or o 

Guinea 

Vernando ?&, Annabon 
Cori eco, Elobgr 


abitanti 12 « 000 

id 200.000 {300 europei^ 

id 23.84‘ 














15 


1 ?. 


- 1 * *'' . .. libica .-scio. . portoci sse. 1* 

lor .-'A3ione atti ir.: f Y • ? •:iiSK^nt a ecc-v «ìco •* ai ©tetro. àt.;> 

littoria. I** pot«m: .; or •’ :•£ .. .• dopo -Y “aanc. o- 

na dalla Spagr g; - ..re«.-;_~. v rat-.-* ,. . les-nc.» >rU y»Ua * 

Vicenda dal j-saser • atri-,-' . . .■-••- ■ TIX. : .* 4 .* 

lygr-ranto dal ; :rrivcr; ;■:«!•>re del aotii.nl 9 v-i.u 

li ecnUiaioni attua: l’Ajfrica ere J**s- .li c- ’J, .- .: 

tale portoghese; 11 ; sverno dirotto « indiretto : gl a .«.■ * 

1 «ubt:< --i - • viri ;? 'v. - :. i ':.ec..'.è sconciaioh.' : - ; 

gni*- l’india ■/- togl.v.jr e •. posisic.i.notiti awil’sotr^i: > v~ 
t*. t pericoli -le 1 desini a colonia:: pò* t ogheee., le dits'if 
* è Interne e a i per? ■ ' ■ ; -u- -.'na.sio.na ti, 1 progetti di parti.» 

alone. 


Il òor. r;.. v ...onialc cv i Po,* ;->?• lo m, Avuto alerone ••’l» 
rcri-.t.* o^ìie . o-iì* - -■■ i L~ «iei la *ua i’orsias^ or-.-:: •"'■■* 

non ;• ,• :.;0 i» 1 . j-, r : . •„»* • r | sveli &■.<?■ trv '1 * Ìa(p8r o co - ” 

niaj... della Svigni» •» :a v £*■..■•: osto rovinato e il euo «.orsini 3 
vt.tué.is è in sr tn p<v*t - s/* . •. * o recente t il pori esilio -'*• 


_ 

















*to. i Cile aveva oc*= 


m 

» 

v r® àtìsinp ancora, un-* gran parte del ' 
c, ■: ■ : i nel pria a jèrtwàa de Ila stia eepansionc Ciò derida nor 

t:‘. r o da maggior * attitudine coloni isatrlre o - Ei'-’.ggior ret* 
studine di governo d*l Portogallo In con fronte della Spagna 
oV'.-.G* .■ da più fortunate c ©moittiMi 1 onl dì aaihicrt’53 politico f e c. 

dall' indole dei dori ni perché, mentre quelli che già 
appartenne* o all». <7 pt , , i nna sono, abitati da popoli di origine 
europea, -uèIli che appartennero e appartengono al Portogallo 
non da una popolazione non ** non cestite son? 

no una riproduzione della, metropoli con tutte av aspii - 1 - 2 t n 
•Ai .indipeqrtansa ohe le riproduzioni di qualunque popolo hanno 
««Spire manifestato. 

Il dominio coloniale del Portogallo, cerne quello 4-*^ 
Spagna, fu pr ovato a on tanto da*una e su ber ani e vita eo cada a* 
cìì o ca una o - ibèranza di popolazione jjU**nto «ir,* fanatiesìc 
oelle crociate e dallo spirito di avventura suscitato W*lie 
esplorasi osi geografiche e dalle scoperte al di là dell* At leu» 
tioo. 

Kel 13àP salirà al trono del Portogallo, , ;ui limiti e= 
rane molto più ristretti eh* attualmente per effetto del domi a 
nio «arac-i.o "elle province meridionali, il ra Giovanni 1° ohe 


storia mim ooiosn s tohitto coiojnABs 


Uisp 2S 
















178 




cominciò a meditare un ritorno offensivo contro i desiainirtori 
nelle terre et esse dalle q %11 questi dotaina* ori erano Tenuti. 
Questo disegno fu eaainoiato ad effettuare nel 1*15 da suo 
figlio, il principe Enrico che per la sua tendenza alle arred 
ture marinaresche restò nella storia col nome di "Enrico il 
iavigatore*. Egli codinoli a stabilire un punto di partenza 
nel territorio stesse del Karocco, cioè nella città di Genia 
Che rimase al Portogallo fino al 1580 quando il Portogallo fu 
unito alla Spagna da Filippo II e che **sst& alla Spagna aruf 
«ile dopo la secessione del due regni nel 1640. Le esploralo» 
bA del Portogallo c«anelaronopr-ma lungo le coste del Maroc» 
co dove fu occupata Tangeri, che resto ai Portogallo fino al* 
2a fine del secolo XVII*, quando fu portata in doti* da una 
principessa portoghese a un prìncipe inglese, e che rimase al* 
l'Inghilterra pochi anni e dopo fu abbandonata e rioocupata 
dal IJwcscg, 

le esplorazioni portoghesi x'urono poi estese alla costa 
occidentale d*Africa, esplorazioni ohe furono condotte ardi* 
temeste specialmente perchè 1 portoghesi si son-ivano forti 
doli*autorizzazione che avevano avuta dal pontefice nel 1*32. 

* ■ \y 

Sl*|gO Cam nel 1430 esplorò ed occupò la foce dèi Congo e sta* 
W4 quei diritti storici che il Portogallo invocò poi quando 
fu costituito lo Stata libero del Congo, diritti in fersa dei 










179 


quali riuso! a farsi riservar* le provincia ai Caiinda « di 

f “ * 

Mollando che tiene tuttavia. 

Sei 1436, Bartolomeo Ma, scopri il passaggio del Capo di 
.Buona Speranza e nel 1497 Vasco de Gam* po.-c U priniO dominio 
del Portogallo nella costa del Mozambico, giungendo al~e 
ste dell'India (14991 dove fu sviluppato, specialmente fra il 
1505 e il 1515 per opera del grande governatore Àlbunqusrqus f 

il dominio portoghese delle Indie. 

Bel 1517 un altro navigatore portoghese, Pedro A1Vri - ea 
de Cai vai, approfittando della ripartizione delle due e.Scrs 
di influenza spagnuol* e portoghese, sancita da- pentti-.ee 
nel 1432 col trattato di Tordesillaa, occupò un punto del 
Brasile dal quale fu Aiffuso il ««minio portoghese che diven¬ 
ne successivomente l’impero del *jra3ile e infine la repubbli¬ 
ca degli Stati tiriti dal Brasile. 

Contemporaneamente i portoghesi spingevano il loro domi» 
nio dalle coste dell'India fino all'estremo oriente. Bel 143" 
ottenevano il diritto di stabilire una comunità, con privi-e 
gi propri, nella città di. Macao, occuparono le Molacene e una. 
parte delle isole della Sonda e riuscivano a conservare qual* 
che domìnio specialmente nell’isola di Timo ohe t*nc’jra lert 
appartiene a metà. 

’ Tutti questi doaunl furono restituiti dalia ^p*g- ìf " 
Portogal*o a?atc., uopo ùO «É » 1 ' r,r,< * $*" B ' vr -abil. ts 




180 


da Filippo II®, evento Filippo IV tentiti da incorporare il 
7'oì -gallo all*impero ap ignudo, vn principe dalla casa di 
E: agar*.;.,, prese la di Issa dalla indfvidua-i tà del Porv ,^allo 
allo scopo di far ricettar!, i patti sui o.uali si basava l’u- 
niono p-r sonale di ?.. lippo il* e di. et» ir* ;n« propria di¬ 
nastia nel Portogalli indipendente Allora questo, divenuto 
Indipendente nel 184.■, ei trovò cor un dominio troppo granós 
rispetto alla bua estensione, alla sua popolazione ed a*’a 
sua pot^naa economica e r proteggerlo appoggi4 te a,iH P°^ is 
tica a quella inglese. Sin dal, 1(140 stipulò una serie di trat 
tati di commercio t di alleanze con 1*Inghilterra dei quali 
ancora in rigore quello stipulai" nel 1703, che è detto "trai, 
tato ISethwel" dal nome del suo negoziatore inglese par <st- 
fci o del quale, stabilito un privilegio commerciale e un li* 
mite di tariffa per le merci inglesi importate dal Portogai® 
•lo e per quelle importate dalle coloni® portoghesi, l^Znghil* 
terra si obbliga, a metter: le sue forse militari e mari fette® 
s servizio del Portogallo ogni volta che l’integrità del suo 
territorio o quella dello sue colonie fosse minacciata. 

Per effetto di questi trattati il Portogallo ha potuto, 
avendo una potenza anche più decadente ài quella della 3p.-..yna s 
conservare quasi tutti i sue>. domini coloniali anche durante 
le guerre napoleoniche, Napoleoni» X° riuscì par un corto tea- 


\ 






18 ì 


* stabilire il suo dominio in Portogallo, ma la dinastia 
Portoghese , emigrata *3 Brasile, cortinsi io stesso * S c ' v ®* s * 
r.e.re tutti gli altri d-aini portoghesi, salvaguardati - 
potenza marittima inglese che, Wsr.ts in qu 1 »<wsc..-o, 

* ; nne in modo indiscutibile il dominio del mar*;. A quei;-.- «•-- 
Zeansa il Portogallo b» dovuto le coneervaziou-, lino a ■■ 
utri giorni .di quasi tutti ì suoi uomini, e 1*'- perii.» o.e* 
Brasile è stata anche attutita dal f v-t ?.9 ne non fu una le¬ 
siono cerne quella delle colonie e,agnucli .Alla Spagna, .-sa u* 


na emigrazione «lei ramo primogenito della «aza s.la porto.w 
sa che scelse la corona del Brasilo nel momento :n cui q.*-- ero 
non avrebbe potuto restare unito alla ma .tr . patria a c*.v na 
del sentimento particolari sta che cominciava a predo®ira-v-, 
Durante il periodo antecedente al .governo napoleonico i 
o.C!»i 1 rij u portoghese si divìdeva in tre categorie di posoeai” 


mn+ii T‘Cn cedime n ti feftiftLisi, pcsse/ àm^itl. airApsni ? i£M 3 &à h-'- 
ment i : ma rie a ni ■. 1 possedimenti asiatici del Portogallo, che 
divsn «ero più tardi IV -dia inglese, erano costituite s.^.r«.«- 
tutto do fattorie commerciali dalle quo. lì il Por toga 11 gov* re¬ 
nava ij, cocifasrcio di quasi tutta l’India 

Soltanto queste fattorie erano governate dai Poriogallv, 
e una volt.-; *3,3*an=>o vi giungeva una tiri a che non ; ilo 
sportava le «... *,vevs*t ano ho fnn •::» di pcv* - i 


principi che non avessero oj servai o j p-~ti di csvstrr* - •• • 




















p-ae.. . lin dal primo periodo del dominio portoghese. Goai li 
Fervalo predominava a titolo commerciale questo vasto impe* 
re in li - e, org •liszando soltanto poofas città else restano tute 

tori. - .tio li suo dominio. 

Me?-.tie nell’India la colonizzai ione portoghese aver» si» 
pratutto 1*importanza commerciale di una «arie di fati orlo, 
nel Brasile ine osai notata la eolo&iasaaictie con una serie di 
piantagioni e con la ricerca delle Miniere, avvenne coll*Ìm= 
migrazione s coll’agricoltura, trasforma*ione etnica dfij. 
paese in una riprodurtene della metropoli, in moo.o tale 
quando il Brasile nel 1816 si divise dal Portogallo avo va un 
muaero di abitanti che parlavano portoghese .maggiore ài 4 «eli= 
lo osila metropoli. 

Invece 1 possedimenti africani furono in massima parte, 

f 

ratta eccezione della parte meridionale di Angola, colonie di 

I 

piantagioni in cui lo sfruttamento di talune cult ufo tropi¬ 
cali veniva fatto dai portoghesi per messo del lavoro indlge* 8 
no. Una delle maggiori risorse di Queste ceiosie africane iu 
la cattura e il commercio degli «chiavi. 

Dopo la fine della guerra napoleonica, il Portogallo fu 
iù *igrc nello sviluppo delle sue colonie, ed ebbe a subire 
una oriti economica non lieve dopo che il divieto della tratta 
degli schiavi aveva tolto & queste colonie una gran parte 








183 


dilla loro importanza. 

l'attività coloniale dui Portogallo ai ridesti dopo il 
IsvO, cioè in seguito al ricettarsi delle .spirasi osi colo® 
hiuli degli altri paesi, e veramente il Portogallo dette pro= 
re di attività meravigliose data la sua grande.*sa. e Is sue ri¬ 
sorse . 

Attualmente il domin..o coloniale ael Portogallo è ci - 
so in tre grupp..; 

l 1 li gruppo asiatico dell’India e dell'estrouc or.-onte 

2) il gruppo africano d'occidente 

3) il gruppo africano d'àrdente. 

Il più importante ò il gruppo africano d'occidente che 
dopo gli accordi del Portogallo con la Scarda suiia (trine©, 
ha circa 37.000 Btsg. di superficie, cioè oltre un tara' del- 
la superficie tutela del Portogallo, con 880,000 abitanti, 
questo territorio, sfruttabile, ma non ancora complèta*e 
sfruttato, ha la rorturn di avere nelle vicinane l’isoxs ui 
San Thomè (1000 Kmq. • 42.000 abitanti) dc-« il Portogallo b* 
Sviluppate una notevole coltivacione di cacao e o. -e le rx® 
coree sono cosi notevoli da potere, con ava. d del fci as;- 
cio, supplire al deficit .dèlia colonia ds,»^a Guinea, vi) - Ix 


(lì Pdeordiamo anche le isole del Capo Verde Ì300 Kteq. 14? 

mila abitanti)- 



















; art ante» però, è sena e. dubbio il dominio ài Angoli con 

' ’&^iurtu vi-: C-.ngo portoghese dove •'>* rideutè l'attività, 
•portoghese dopo gii accordi cun lo Stato Libero del Congo, 
Questo territorio di 1.2CC (ÌOO Kmq. di superficie, in cui so= 
uo stabiliti più di -.O.'ìOO portoghesi è pieno ai risorse, 7* 
crisi economici* in cui e! trova attualmente è at«.ta e» ; saio 
dalle TiCfcóue ielle léggi -, dei trattati rispetto alla ''ondi* 
alone dell'Africa equatoriale e del b .c no del 0 igo. Nel ver» 
. *trrio di ango.A il Portogallo avara Imviài .ato grandi celti* 
«azioni ai w^tone che.erano state latte frustare specialmente 
per messo degli ^chiavi; l'abolizione della echi ari " v» tolst- , 
il lavare t buon mercato e rese oeiicit'n.t- il lavoro rotribù** 
to per effetto dell'odio che l'uomo di colore pr , "'a pf.r il 
lavoro a cui eru stato costretto quando veniva tenuto scMa= 
ro. Far dare ai^a colonia un rapido sviluppo ewcn >,iico, il 
Portogallo diffusa la cultura osila canna da zucchero epe* 
cialtaente per ta produzione dell’alcool. Erano appena termina* 
te le spese t.’i-pianto necessarie per questa nuova coltivasi 0 ** 
r« che il t ©gallo ai tror^ di fronte alla convenzione di 
Berlino del li. --• *. a quella di Bruxelles dei 1890 che vieta» 

m 

vano la tenui*.», dèlie bevande alcooliche nel bacino convenzio¬ 
nale del Gorgo e obbligavano tutti gli Stati ci» avevano do* 
mìni in quelle regioni a gravare di tasse, che arrivavano in 









3LS5 


carte circo® tana© ai. 3s0fc> fé. «utto il solére l o dalle bevande 

*• 

algori cn®. Per effetto di quarte fatto» le nuove culture non. 
dettar* la retribuzione che i piantatori antecedentemente s» 
ne ripromettevano e U governo portoghese i» ridetto in uno 
©tato tu. c^ifii economica » di.. deficit cronico ai qu»l* ^ercb 
ài riparare affidando le coloni* a una compagnia franeo=por= 
toghe ce , la qua le, benché fino ad ^ra non - obi a ra.ggì^nt o i_ 
suo scopo, avrei ie la ai Orione di sviluppar» le riewas egri 
aole di quei territori e di attirarvi poroli europei, 

XI territorio di Angola è diviso in sette ai tiretti £' ) ~ 
vernati da tua governatore .generale e da aaìt® vi ce-.governa-o 
ti coi» una organi®sr&sioro di noi&iiis ■ tipo europeo e Cw uiv& 
rappresentanza in parte a lattica chs parìfica qu#Bt* coloni© 
alle coloni© inglesi con istituzioni rappresentative ma sansa 
goverifp raapoiissyiaile. 

m uria importanza minoro rispetto a quella fii Angola, aa 
parto èaievolieaia» in confronto alle colonie africane degli 
altri Stati europei» è la odorila di SJcffi&stfeico .la quale ha 
circa 760.000 Kmq. h. superfìcie ed è amministrata dal Porto» 
gallo in boss a un» triplice divisione. 

3Uingo la sosta, per una estesasi©*»© dì circa cento chilo» 
msti - il 'torri! orlo è governato come una colonia diretta por* 
toghe®*, Tioè qfflws il territorio dì Angola. Il territorio in» 

4/tbv^ <L * S ^- C*&***U *- 














136 


terno è in parte governato ;-.istcsaa ac* protettorato dei 

governo portoghese sui capi indigeni t e in piirte mediante coa= 
pagnie a • *rtH svila apode di quella che ebbe la concessione 
di g. Terno della Aoodte.c. dilla Granbre* lagna. 

I* piu importante coopagnìa è quella del territorio cel 
Nyaesa la quale governa questo territorio con una delegazio¬ 
ne del governo portoghese, con l^ochligo di osservare certe 
norme di diritto pubblico. 

Così, dividendo la colonia m territorio governate d-rct* 
taaente, in territorio governato ini capi indigeni e in ter¬ 
ritorio governato da cotipagnie a carta, il Pori r.a.11' è riu= 
scito a dare uno sviluppo notevole anche a quest possesso. 

IX Portogallo per* ha dovuto rinunciare all * aspi rasi ou. 
di eoliegare attraverso il continente i suoi .domini africani 
di oriente con quelli d'occidente e se non è riuscito a qt*e* 
sto intento lo deve alla parte piò radicale del 3 uo p&riamsn» 
to la quale, troppo oculata nel vedere le necessità della po* 
litica interna, non ebbe una visione lontana per quel che si 
riferiva alle esigesse della politica estera. 

Bel 13 ?e l'Inghilterra* che cerai nel a va a meditare di ira* 
padroni rei delle due colonie del Transvaal e di Grange, aveva 
stipulato col Portogallo un trattato per effetto de} quale ee* 
so concedeva all'Inghilterra di attraversar e in franchigia i 







137 


v. & ri* it,o.ri" de-uè sue coloni* di Angola e di Ifoaambico pei »n-* 
a-r® dall* parto --Untale a3ì& parte occidentale dell’Muterà 
Una dei Va ini de- Cc.po di Buona Sperarla. Con questa con= 
.emione 1*1 nghiitsrra riécnosaeir* implicitamente ohe non oo= 
ì l'Ai.g la e Mozambico, ma anche tutta la rosone intermedia, 
^partaneva al Portogallo. Presentato al pa. lamento, «mr 
; pattato che coacerva all’Inghilterra di. ,.aessggi*re tranquil 
lamento per i pensodittanti portoghesi, iu respinto. 

Quando, tt c.p-' i l 1976, il desiderio ci possedere territo-- 
ri in Africa da partv di tutte le potenze si fece più attiro, 

1‘Inghilterra *oìì<j impetàre ìa penetrazione verso il centro 
de il* Africa u; C--r^£-ni« ne:, territori da questa acquistati 
in vicinanza de .• ri turi portoghesi o somiucìA * penetrai... 
da sud a nera uoIlo stesso territorio per il q-ia-^e «vW 
nel lfi?» acttu:.,. il permesso di passaggio al Portogallo. 

Questo protestò, ina l’Inghilterra che era armala della 
interpretazione delle regole stabilite a Berlino nel 1S95 cir« 
ca 1*occupazione T ai rifiutò di riconoscere alcun diritto de, 
Portogallo su quelle regioni , od esso dovette nel stipu¬ 

lare una convenzione con l'Inghilterra per la parti»ione hih 
sfera di influenza, con Ve natovi e che attribuiva all 'Inghii-c: 
ra quei territori che essa nel 1976 era stata di?.,. • a iì- 
c on o ■;(C (• r ■; c ciuo- appetì" t eri e ri t i d * porto ga. i lo.. 

Questo, vedendo impedito il collegamento da occidente -=*d 
















188 


oriente dei suoi possedimenti africani, »i adoperò per svìiup* 
pare economi eamento quo Ile regioni il cui possesso eiiattivo 
it era riconosciuto, quinci l’effetto pratico de i patti per 1* 
divisioni della sfora d'influenza stipulati dal Portogallo c0 ‘ 
Belgio nel 1581, con l'Inghilterra. nel ISSO, con la Germania 1 
nel 1886 e con Sgancia ='.«1 1286 o nel ISSI, fu che 1» colo* 
ni e portoghesi eri luppas sero e conciai cestente molto pì‘ ; di quel 
che non avrebber o stì lupp&to per eetenaione se i dAr'' ti ai--» 
campati dal Portogallo fossero stati ricono incinti. I.'fat i 
eifre r-i»tÌT© allo eri lappo delle colonie portoghe si son■ 
sempre ir* ^amento dopo elio i . Portogalli; fu richiamato da 
quella virisi alla realtà celle cose e alla necessità dei-- 
lappo delle sue colonie. * - 

Sei territori asiatici il Portogallo ex trovava ancora *■ 
principio di questo secolo in una condizione dì stasi, 
alcuna minaccia sotto l’usbergo de 11 * a ilo urian inglese e s-in^ & 
uno sviluppo commerciale ed economico degno di essere menzio¬ 
nato. Per esempio in India il Portogallo conserva un domì-i--' 
di circa 4.300 kllometri ouatrati con 4-00.GOO abitanti, ma 
questo dominio è c empie Lamenta asservito a Ili a politica eco* 
..amaca do ila Graubrctaghd e quantunque non sia soggetto alj.a 
servitù imposta dvii*Inghilterra allo colonie francesi del* 

1*Tiìàtift ^on c un«- ^L^r'nìg^on® militari- && 











189 


g. Iteato una gendarmeria, si puè parò a® aere e&r+* 
i;npoei*ione non è stata fatta al Portogallo p^m 

: . * m importanza militare non può destare preoccupi** 

X possedimenti portoghesi in India non ne una so» 

pravvivensa dell’antico dominio. 11 Por>0^**0 In que 
cadimenti pratica una politica indigena sopra-u-t 
rifeà imposta fra le rari*- categorie di cittadini, per la ->*■ 
Siene della cassa, che n* u-to l*°g<> i» ** tt0 11 seminio 1^- 
feoghewe a una ras»» misi», ma dal punto ai t-lsi,* 
tanaa polìtica ed economica questo dominio non •- ■ ie 

prawlvensa di un dominio passato & una appena*-a econom¬ 
ie! possedimenti eritannici. 

Una importanza notevole ha i yOrto ai JM Mtm S ^ > ;w *' 
più di un quarto del territorio della rep»eb.ilc<* di San Ma¬ 
rino (12 Kmq. con 75.000 abitanti! , ma cì» to oce*.*ió „n o * 
dio notevole &%r*»utto fino a quando nei furono ^ * 

Gina altri porti al ©emme re ih europeo e fino a e ne acr. iu 
osseo all’Inghilterra il porto di Kchg -• * ong. 

Il porto di Macao non attinse sempre la suo riso! se 
fonti degne di approvasi ne: basti ricordare che ±.± »«>■ 
fu dauL. a un giuoco diffusissimo, che Macao è un Miv* -lì I' 
•fetta» ione, di fumatori d’oppio e che vi si fa un ©«arrota 
di lavoro il quale aveva riprodotti gii orrori teli® J*" 







190 


tu ed ha w; xuof.u » riprovazioni da parte delle potenas ino 
te•• i.t.*. ud '..pegni imposti al Portogallo di garantire Xa 
tute la della libertà in udric.ua le - 

Quantunque non tutte le risorge del porto di v 'aeao aleno 
t .nfoeattili o confessate, c*rto è chs si tratta di uno dai 
puisueuiffteiiti poi to*heei più importanti &*1 punto di *i£r ■ uoo- 
nemico l'eaportu iione supera ài gran lung» * a i,.:porta*ie&» od 
- - oij-*r:cic è 3ti»'. sempre iìiìusq con un ru-, uYanao II 

deficit dei pc-eoeuiaaenti portoghesi dell'India © Timor 
(2ó. 000 fca.q,) fu colmato unicamente mediante la facoltà di P° 3 
tene attingere agli avanzi del bilancio di Macao* 

I* saggierò delle oriti thè minaccia il dominio portoghe¬ 
se etu nel fatuo che esiso non im. * 1 ra elemento di sicure*^® 
che ^uello dell'alleanza inglese e della persistenza del t* ut# 
tetv del i s3. la decadenza finanziaria, militare e marittima 
del i-rtogaiio rende impossibile il collegamento della ma-dr* 
patria eon le colonie, e per queste un ujm> politioo della «s* 
u -r nis portoghese, il D’Almeida, chs è salito al potere anche 
i; u-j • reyuj, rtVeYa, negli vitimi periodi delia stonar» 

» proìenttoto il progetto di re liere tutte le colonie porto* 
g' r oc-etto -quelle di Angola, di Guinea e di San Thomé per 
•-u-rti mb tale rendita circa ?óO milioni ài franchi che a» 
f.-berc i* .••> :> i ì bilancio portoghese dal deficit e per oon« 






194. 

. '.ùrwre tutte le forze (iella nas'-ene nelj^ btI iu.ppo dei.*- 
c cloni e restanti % affermarvi e r sedervi **là* la potena*. 
portoghese. 

Wa, non essendo stato approvato il progetto dei L Ambò-ì* 
<m t il dominio portoghese tanto perdette di intensità guanto 
non perdette in estensione c si trova di fronte a un ti-* ■* 
io per le delimitazioni africane, stipulato nel 16^5 * i&zto 
palese soltanto più tardi, tra Inghilterra t Ger. ^nia, p-r 
effetto o«l duale, quando il •loaainio coloniale portoghese r.j» 
veste dissolversi , è stabilite; la sua ripartizione fra h’->. - 
due nazioni. 


IKP0RXAZI0S1 

COMMERCIO 

SSPORT AZI OHE 

india 

frs. 

32 10.000 

5 500,000 

Macao 

n 

38.000.000 

42.. 500 000 

dttìnea 


2.250.000 

4,500 ..000 

Timor 

* 

2 .000.000 

1.600.000 

S.Thcj&ó e Principe 

n 

13.. 000.00C 

16,225.000 

Angela e Cabinda 

se 

28.125.000 

17.500,000 

Àfrica Orientale 

m 

JàOt 000,000- 

60,000.0' ,, 0 


fr».£05.976,000 frs,147.625.000 













192 


20 . 


Gli Stai! Uniti continuano intorno al loro tsrrMorio 
1* op«ra ci eoicaisaaaìon* britannica interrotta dalla indi* 
pend*nr.a. I rapporti cogli indiani; limitasione del loro di» 
risto pubblico; limitazione « spostamento dallo loro 
cerritorlali. Espansione territoriale; il Texas, la conquisa 
osila orata del Pacifico; la prima guerra del Messico: il 
trattato di Gnadalnpe Hidalgo, e la rettifica dalla fr ontie= 
ra messicana del 1853. la questione de 11 * Oregon e la parti» 
alone anglo«amerieana dai territori contestati, l'acquisto 
da 11* Alaska; la delimitazione e il giudi* io arbitrale del 
1903. lo sviluppo dello spirito imperialista nella politica 
ì=*mer icana. 


Per potere giudicare l'opera degli Stati Uniti ii Amari* 
ca nella storia moderna della e Ionizzar ione bisogna consi de* 
rare che es3i effettivamente non hanno interrotto l'opera 
che e ra stata appena iniziata dalla Gran Brettagna nel loro 
territorio, ma l'hanno continuata per conto e nell'interesse 
rroprio. infatti quando le colonie inglesi d’America, rnew» il 











103 


OfeSiaèl, proelesmrtìBO la lero indip®adei3s&* g31 Stati ®" 

rané Usi tati a casi territorio, prasec l’Mlftntico, oo creato 
^ allg anticke ea£*©l® eli® si oraiio eisansipate } e questo ' ,sr 
ritorio era, fUt» al 131® segregato toU'Mnterland fella 
iuisiana la qual® ai tenete va molte più al KTord ài $ u&i cLt 
non sia aUtysUuwsS#» It^-ge l’*We 3 °rso 451 ^iesipì. 

Ihìnque t«*t» l’opora £1 e$pfe«slOES" Wta da quanto gio= 
¥StóS Stato sai territori adiacenti al suo non fu che usa con* 
-tinuanione Saliera «3» gli inglesi invano iniziato nel 
-loro territorio* atàw «iterano continuato con la conquista àsl 
Canadà a ohe avrel^bero «®rtM»7Vfce completato in tutta 1'*»» 
rica dal Hard §® »©n avesse?® doluto int-srrcaperla a cause, 
dell» proclamata isdipaa£®RS3 cesila cassie africano allua= 
te In questa loro lotta di Ifberasioaa, con la trancia e con 
la Spagna. 

la prlig& espansione’ di questo nuovo Stato fa Adacqui sto 
della £&iaiana ftófcto dalla Eresia- ttei 13 0£, acquistai dot* 
te agli Stati IBttfti il «assiale fei territori fina all» sponda 
destra del Uislaatpi. Sfetto 11 resto all*OTeet di questo ter¬ 
ritorio era in parte pOBS@ttD&ant o ©pagatolo e la parte regien« 
non ancora esplorata e cgguprìai di questo, la plori da fu ce= 
du-igli Stati tJhlti nel 1819. 


STORIA ESLLÌS Cai-'MI3 S DIRITTO COLOBI Aita 


Sisp. 25 










lSi» 

Intanto nella stessa ragioni dirottamente governato dagli 
Stati Iftlìti Bi continuerà l’opera iniziata da li'Inghilterra, ■ 
Bpejaialesante in quanto ai riferirà alla tutela dagli indigeni 
o alla limitasione dei loro diritti privati. Specialmente nel* 
le colonie più eettentrionali fondate àall’fftgbdlterra le tri» 
bit indigsris furono trattate csae enti collettivi indipendenti, 
e tanto Guglielmo Perni in Pensilranla, quanto i fondatori del 
Maryland, e quelli della Georgia e dal Kentucky stipularono 
trattati con i capi indigeni, in modo da indurli a rinunciare, 
mediante un compasso,a una parto del loro territori^ « a rigi¬ 
rarsi in una riserva abbastanza vasta da poter continuarvi ** 
ioro vita nomade di caccia e di pesca. Questi rapporti eco gli 
Indigeni er^nq dunque rapporti inter nazionali per cioè gli indi 3 
getti sedevano una parte dai loro territorio, si ritiravano in 
altri punti e in questi continuavamo la loro vita sansa alca* 
na mescolanza con le popolazioni europee, reggendosi secondo 
le proprie leggi. I loro rapporti con gli Stati uniti non era* 
no regolati da leggi, ma da convenzioni che i capi indigeni «-* 
stipulavano sei prtfai, e nei loro rapporti ostili non erano da 
questi trattati cerne ribelli, ma c m» belligeranti. 

Sei periodo successivo all’indipendenza, dal 1^02 al 
1S5Q si alfbe una serie di preoccupasi or. i di carattere colo* 
stale da parte negli Stati Uniti per il bisogno di limitar© 








att ehs più 1 diruti di indigeni e ài trasportarli, special- 
«rtte't» oh**»*. fuori dello loro sedi erigi»»**. Allora 1 
«tftgsll Stati oomìnoiarono a votare dalie loggi d - espropria 
■ glene ohe erano in contraddizione 1 rapporti di carata . 
internasiosale che correvano fra gli Stati «aiti e gH * ndl * 
geni. 

Le tribù atesea rifi creerò alla Corte Suprema dogli Sta¬ 


ti Usiti la quale dichiarò no.Ile le àaA Stati 

ohe dicixlarava.no la espropriasi ose dei terrieri appartenenti 
agli indigeni,* sa il precidente ^Ì3a zi rifiutò se.ajprt; di 
dar coreo a questa contessa dofi^itiva, eoe! che gli 
ni *1 trovarono con 1 loro diritti glmdUiariaiMinte risono* 
reinti dagli St&tx Ssiti, aiscflawciuti dai cingoli Stati, 


senaa che le, 2® da rasioso pensasse a farli rispettare. la con* 
elisione fu «ho le riserve degli indigeni furano ri dot sa. di 
estese!oso o cambiat.s eoa territori piu lontani do.® epe* 
esci non trcmisao la sondicienf. necessarie par *-®r 
sstenaa. Molte tribù furono reiogate nel cosi detto territorio 
Indiano" che fu poi trasformato in uno Stato. Cosi gli indi gè* 
u i Tur >n o ridotti ne ZIts oudi, z i orso di & oyer§ & X* r ipre 

o&mblaro ?Ii re&idarrsa a di non poter prosperare# &nzt di non 
potare Zvs:ro saliente fepori&^o ^o 

d& nvn l&QGimr dtósbi z&Iìm ne» l'.«iU.r& aa*inaione -r - 








196 


C. *3. 

Cheetà fu una politica simile a qua Ila che altre fili»* 
74 ^: Sella oÌTillsaaeione inglese hanno praticato in altri 

paesi, ocr.a «ad aaeapio» attualmente nell*Africa del 8»d* 
politica eh» gli Stati Ubiti potevano praticare tanto più in 
quante erano gauwipftti da ogni fiàpsndenaa vtrsc la rsìrepo* 

li, 

Quest*, dunque, dello sfruttaatsato e&v iV.siv® del torri» 
torio da parte dai coloni e della eliminasi un - Oìl tóedesi 3 
ad doli*elemento indigeno, al quale n®fc si voleva aaaìattero < 
l f assimila»ione alla popolazione europea g neaiafino una vita 
parallela e non confusa con quest’ultima, fu la priisa preoc» 
©spastoia di carattere solcatale'd»gli Stati Uniti* 

la seconda prs costipasi oh®-di carattere coloniale t% 

1 : arrot<mdap#nto del territori® Ohe avevano ereditato dalle 
Gran Brettagna, 

Sei 1819 la Spagna si indiceva a cedere agli «itati U*ti“ 
ti la 71 ori da eh* ancora le apparteneva dopo la «sessione 

francese del 19Gì„ 

Ottenuta questa cessione* gli Siati Toniti prose dottoro 
d'accordo eoi plenipotenziari spaglinoli alla doliutiaaiòas 
del territorio eh» veniva loro seduto, e gresta da limitasi 
ae fa fatta al nord dalla allora colemia «paganola del Mea» 
si g o Ha e?c«ooi6f questo territorio era ancora nella parte in» 












1&7 


tifila molto iaco&pletamante aoloniasato e assoggettato a ri» 
Siavi iseografici « topografici ; avvenne nella da limi tastone 
n é&mmto incompleto di dia ser i* ione, per «tii gli Stati Uni» 
ci poterono aa&tsacre che tra i domini ceduti loro dalla Spo.= 
,;da col nome di Pierri de. fosse compre eo anche quel, tefrit or io 
ih® oggi costituisce lo Stato dal Texas ( superficie .circa 
100.000 Kmq, ) 

ali Stati Uniti -ridere per il momento la impossi àlità 
di Ter valere questa pretesa e, infatti, proclamata nel 1821 
la indicendo naa del Massico, il Texas insieme —r la provinc:.- 
di. Colutila, poeta all* ovest deliba», fu organizsato come 
Stato lolla Repubblica federala messicana. 

Questa aveva. imposto agli Stati che no "ormavano parte 
l'abolirsi oro della tratta dagli schiavi e della schiavitù, ma 
il territorio del Texas aveva ooainoiat ' ad .-fasore popolato da 
coloni nord«siììoricani che vi si erano stabiliti con i lofu 
schiavi, quindi cominciò un conflitto di carattere co-!„*tv*- 
stonala fra il Texas «he voleva inatituire il regi»* 
età k la conf©dorasione alla quale apportene**. " r '‘ v * 

la schiavitù. Qxiosto conflitto di carattere cosstitu ■-‘ ‘-nn sx 
tra Sfora* ia conflitto di carattere militare <am&" ■; 

8 «arso 1336 alla accessione del Texas dalla conto;.’ t>-- ■'.<* -1» 

Messico. 







193 


le eireostanae di questa secessione sono degne esser® 
-i 3 ord*t 3 perchè pr e sentano una atrabile analogia con quello 
•ìha è avventi o a* Inerte nei rapporti fra Stati Uniti « Hes* 
else. Gare attualmente gli Stati Uniti tanno aiutato e aiuta* 
no gli incerti me*«ridalli onde creare un alibi par Intervento, 
così allora in^Sragriarono gli schiavisti del Texas e proaos 
esro 1 *sad-g^astonte degli Stati del Sud. Quando 1 -le.-o.»t 
schiavista Tu in aaggioransa, ine ©raggiarono la secessione 
l'anno seguente, cioè nel 1837, riconobbero 11 Tc* J Citr; 
tc indipendente diviso dal Kefeleo. Fsl 1833 5 1 prò ci dante 

prepose ài sorpresa al sonato astori sano un bill *-^ 3 
netteva il Texas alla confede ras tono degli Stati Uniti. H® 15 * 
spinto dapprima questo bill non 35 favorevoli o £3 contrari., 
alcuni anni dopo o 4 teneva che fossa? approvato, per eioao eh® il 
Texas entrd il 3 iarzo 1345 a far parta della eeufeddrione 
degli Stati Uniti d'Aaerlca, Questi ottenevano o«»ì, S>'® r rie 
trav .e > qua 11’ar'©tondamente del territori© dalla Luis^ ai ‘ a 

che no cercalo invano di ottenere nel 1819• 

’ :•• politica degli Siati Uniti, ohe siram ad arrivar? 

alle •- dal faci.vii.co. non era ancora contenta. .Anche i 

cani'.' . a ora.no inasta minati e non topograficamente 

prsei .vii: gl... Stati Uniti pretesero eh® alcuni torri* 

is-i ir.. li Mesrv-iao riconosco va allo Stato del 











199 




Se*** « il fisa u Rio Sranda appartenessero al S»xaa. 11 Kse^ 
alno invece sosteneva ©he faceeaaro parte «©Ala propria © 01 ,- 
federacioae e quindi gli Stati Uniti fecero invadere i terri¬ 
tori ehe pretendevano, le truppe messisene respinse* o gli 
V&sori » li inseguirono penetrando nel Texas, Allora il pre¬ 
sidente Po Ih, quasi preannunziando il pensiero e la fraseolo¬ 
gia dal presidente Wilson» ebbe il casus belli ohe desidera*- 
ra, «d eaan* un proclama eba diceva: *U truppe messicane 
hanno invaso gli Stati Uniti, * hanno sparso sangue nostro 
nel vostro territorio; v*è dunque stato dì guerra. 

Così fu e linciata la guerra fra Stati Uniti e Messico 
che finì eoi trattato di pu«e di ®uadal«pe«Sldalgo del 2 te':y* 
brada 1843 . 

B* opportuno ricordare «he il presidente attuale degi.1 
Stati Ubiti, il quale venti ahni fa era U professor© Tiìaos 
Woodwood della Università di Princeton, scrisse un bel to1u= 
ms di storia degli Stati Ubiti ohe si riferisse affli «ami 
1 B21«1 !ì§^„ in questa storia egli «rittoa acerbamente l'ope« 
rate dal presi dante Pelle eh* aveva «arcato «ti artificioso 
casus belli per impadronirai di territori sessicani « allu= 
dando «gli aeuerdi segniti fra Stati Uniti e Inghilterra per 
la divisione dei territori acquistati, dice: *Moi dividiamo 
eoo i forti i territori «‘«©tostaiì, © strappiamo territori ai 







200 




JcbC'i • on l'uso della forza,,.-" 

Egli cerio non pensava di essere destinato alla nreeiden- 
3 a dagli Stati Uniti nè di pronunciare una condanna contro ciò 
che, coite uomo politico e cori come professore -di storia, a* 
vreVoe dovuto fare venti anni più tardi. 

Col trattato di pace di Guada lupe-Hidalgo gli Stati Uditi 
si fecero cedere dal Messico non saio il territorio olia aveva» 
no sostenuto appartenesse al Texas, ma imposero anche la ces* 
•ione del Nuovo Messico e della California ohe dava modo agli 
Stati Uniti di giungere fino al Pacifico. E poiché nel con® 
eetto degli uomini polìtici americani esiste sempre tei-serto 
misticismo, un certo omaggio ai principi pacifici e una fi® 
provasione alla conquista, gli «omini politici amerioan* di 
allora non vollero per un omaggio formale alla tradizionale 
riprovandone della conquista,, che il Massico sedasse i torri® 
tori conquistati dagli Stati Siiti a tìtolo di conquista, ma 
gli imposero di venderli per quindici milioni di dollari. 2 
questo fatto, se si può considerare Cerna un. omaggio al princi¬ 
pio della riprovazione della conquista,era però una derisione 
al Messico il quale era eestratto a vendere vasti territori 
per, passi 1‘espressione, un boccone di pane. 

Gli Stati Urtiti si accorsero ehe par costruire la ferro® 
vi* transcontinentale, ebst. avevano progettato-, il tracciai a 






SOI 


- .''concavib domito p&r. per il ter' »*. A ric ae#3Ì* 
.•g' o 3 ?*• >v»aao^: uà fronte a uri**?»©se diaorgar ■*•«•’* ; ' * ” 

eav, o per 1.» ree irti ve -ni?-, il 30 dipartir; 18i>3 iapeeero 
*1 Me;.- .'•> vi, iitre territorio al R: ‘ " ar * ifì 

de, di :U:e 100*0-00 SO •** per 10 *iÙoni di *< oar? , par ao* 
de ■;&;• i'errovife ■• r anudoptinfintale pci-aene i searè in ter- 
rii •• ?-àflsiraffl. ? e .nericano ?wi uà trace-® piu orev* e 


pià curo. 

fca par arroton>. il proprio territori 'iinQ a l oeet.no 
Pasii:*.,, li Stati Vii iti non dovevano salta to trattare sol 
Kf-Siìioo, perchè al nor , dell*Ari<&ona e delta California si 
* «v n. altri territ n che nor* avevano v appartenuto al- 

ii 4 u i t . . . ■: :)ie erano &t :- i considerati. dal - Russia cesa uru. 

■ ìry; a.v ione de 11 • Ata»5r>- . falVlngjbllterr* ukxst una dipo ìuì . 

r,a o .ih lagli ... t Uniti coso una ^iper-iena» det 

propri territori contrai n*illv.. loro par? meridionale» { ‘°™ 

po il 7848, e orno una dipo « vr “ ' * &? i torri t c r l si xe e & ' av v* - 
no acr’istat = la 11 a Spagna. Per ventre ad v*t .'iodi..» .vev >. 
con 'Inghilterra non era pensi Mie seguire i.I prcce&iaénto 
ohe fcii stu,ti Uniti avsvan- «ignito•col Meaeioo s, dopo esed¬ 
re stato ali» v. 'ilia di un» gsfdrr*, le dvt- nas ? --ni decisero 

STORTA iULLB .CiCHIB E Sismo C3i<Wl %T* Ik*P* «6 

j 


_ 














. le nere il territorio c le .v iter ; o eosc-ir. - i ino a ohe 
e foeeero poliste dei! Lw. *« le frontiere. Infatti nel 1646 

r 

le frontiere furono deli.:!; .. ; siui deano cht il territorio 
fr« u 41° e il 49 grado tu Ieri Indine venne bn bandonato agli 
Staci Uniti e dal 49 c ; '■ verme rteerv&to all* Inghilterra. 

Fu cosi formata la entità territoriale matticela degli 
Stati Uniti d’America, grane* »;adril&t«ro che va dall'Ariana 
t?.co al Pacifico, che dà a -:* Stati Uniti l'importa -.a di un 
desiale mondiale » 

Uopo questi patti fra Inghilterra Stati Uniti il coa= 
pletamento di questi era definitivo e contiti ori* àol^ 
l’opera coloniale Inizia?■* dai:.* Gran Sr tlagna era ormai, 
in po<la più li xez?o secolo, un fatto empiuto. 

Con l’acquisco deli'Alas&a daila Buseia ;138?> si ini** 
sia la serie delle espansioni verua^nte coloniali extra* 5 
territoriali degli Stati Uniti, queste acquisto, ohe tvvwÉne 
concernioraaeaaente alla trasformasio.ne in coloni i- ferrata 
delle colonie iaiiipen&c. t frigie». , ’u, tanto dal» 

la parta dell* Russi,* ah# da parta degli Stati Un;'.5 , un atto 
di politica li equilibrio per indebolire il dominio iella 
Gran Brettagna 

questo fatto dette un carattere imperialista e aggres* 
si’- ; agli Stati Uniti in quella regioni, e indebolì la posi* 














203 

sten-'- politica e ». li tare vi-. 4 »®H* osci* 

ai ita.'e del dominio (i l Sanaiè. X*la£fciìt«.r*r* > . ripesi * lial» 
•art- le pretese dagli Stati Uniti aire» le aspirazioni et» 
essi • -jr«a:.o di esclude; la dal CaQadàvpfr estendervi il yv"&* 
pria t jk .vi: . perchè i confini f; « l*A?r.o.fe » e i Brltish Co* 
cancro delimitati u* ì.ì* parte star; Jic-ual* <ìa, 'ina 
coaiax ?. n<* arbitrale anglo^-vveri caria ritmit i a lontra il 2* 
gen ilo 1^03, la quale stati il vi IO ott citar che lungo 

i aonix rii dovessero appartiene c *v.V Stati Tu. : i diesi ai glia 
di territori», a • •« comprendono.'» Vi qua sto trat , iv isole 
sparso lungo la costa* 

Così gii Stat i USitti , dopa l*a«qv.lsto dall 'ÀlfeS&a *h* 
assentò molti salmo valore con la ao ri ■ ~ta dalle miniere 
di K1 ondile, raf I or g »mn o a pr epr io fav or e 3 . 1 d&s > \ c di quel 
territorio, 

Con .1* acqui sto del territorio dtóll^Àlasfca «ssjiinei» la 
espansione degli. Stati Uniti fuori del territorio, aloè co¬ 
mi noia quel che si potrebbe dire la manifestasisue de 11 'ìmpe= 
rialiamo aor fessane ricaco ohe non ha avuto più alcun ritegno 
a comiRSisre dai successi dipi casatici degli Stati Uniti noi 
loro rapporti con gli Stati de 11'America latina e daìl'aesset® 
ta» % on p da oarte do 11 Tfcu-bgs, delia dottrina li Konroe. Kentre 
*afi esosj-ios * ;w . B ;i ss ritiene che aon ai debba. parlare di a» 
spi r«3 ione italiana su provinole che appartengono ao una na» 














04 


-io n* «13 ita, gii Stati Uni * i non hanno . w -.•toro 

chi *a I ^aspirazione è <U incorporare t + il nadà, ® / 

onesta Aspirazione è tanto din *s& shr ■ ne . ì- ''a " i='«st» a 

te p :r£l- o Iti Parlamento. Un rra>i raglia ingl. tc . o da 
un Tiag o nelle provinole oc ci .dentali ne'- 0-' ■■-h, p i levava, 
caie la ■•.migrazione di coloni nordwasioricani ir. ■ j v.sì: re/.a®. 
r.l, agendo come una specie di attrazione all* •■■dea re. . hli.ee- 
r * --neh sui coloni c u-ope i del Canada, costi-ai--:® ‘ls.; T “- 

co centrifugo non dispregevole a scapit^ de 11*1 ngìliltorr* - 
un «lomento che potrebbe facilitare 1*assorbimento del Cana» 
dà da p^rte degli Stati Uniti. 

1*imperialismo americano si è manifestato rr.^cia. tonte a 
partire dalla guerra con la Spagna in una ferina ver*, .r-a l» a 
prosaiorante, tanto per le potenza europee quanto po. St a ' 

ti indipendenti dell'America latin.-*.. In $■• 'ultima dr ini® 
zittiva di alcuni uomini emineirti, tra ©tii il professor Sf&nu® • 
Ugaste, el viene formando una spisele di dottrina di Kcnroe 

1'America del Suo., e l'offerta ùl mediazione attuai® xatts 
dalla coBidetta A, B , C aeie ri caria., (Argentina, .Brusii® » Chili)» 
nel confi !sto tra il Stati Uniti e i j Brasilo mostra ohe QU®*" 
sta dottrina ha fatte staggi r-r prot.-gr:..;. ai**-■ j'*o che a pri«~ 
ri si potrebbe pensare. 

■-■ •* lo sviluppa siagli Interassi *«•, •«» -vici degli Stafe * U* 














■:.03 


atti t de 1 smo . case; e r " i :* est*- o, de 1 1 & sua mar ina da guer ra, 
«sol >get'*arsi prl:.a ^ cor .‘elise':uars. poi de 1 sanai 
Pan v .* c "ti la visione dilli, necessita ài aver- una- P«-' r -« 
pr .periva -te nel ci.v.i-ilo f.£-; Ua-tifico, un nuovo il*-' "ote 
et è di so : ,iuao gt*. ■. Uriti. Pino al 13S? lo ovvi Ir*. 

ccicala 1 degli Stati rjn.ti non fu che il cc&ploter:®»!.- dal 
suo -«se • to tarritori-j..^ &Ì Uwta i» loro ìndipeadeiiàfc dulia 
Gri*ar Brotlagna, queut ì>\J> considerarsi piuttosto eh<» ui.0 
svi lupi-» ooloniale, nn a emp le taicS-nt a ter t in or i axe de-l-4« ---•'•'*■' 
va narione. 

Con 1*acquieto we 1 - isole Hawui in :-w?.ì,tigìc.- 
spanatone col . a queeto ddainio ai può considerare o •• 
uno dot ór, pi or»idi rei dosamio taarlttiao dell'oceano Pacifico. 
Con '.'acquieto di una dnlie isole- Sari sa,; l’isola di Attivi ea, 
ai £ ce un' tappa nella estensione dell* »ovr»w:'tà degli 

Stari Uniti nel Pacifico. Col progettò #1 canale tìi Panama p 
con que ?o deli- sua fortificaiIone ai ricollegano-le aspi* 
faaiorJ ài acquistare punti di approdo importai ir ritai nel 
«are delle liti Ile. Ho olà il pretesto di «ru* guerra i* 
Spaglia e qui adì ■ 'acquisto diretto >>ì Pori orde-* * quei, m* 
dirett-n ai Cuìà.. Oli B'teasà' -progetti ài pro^lcn'> chxo ■<->-• 
le, tifccvicieicv. « «aiutare i . u-tti i t«r.. xt ri <;-i- n» ? . . rap¬ 
porti col «autO-i» di Pam»*** si. riqoTitano so». % o,rityc- di 







«KprvAMts » " ■' «' jwk 6 territori «sii* repubblica di 

Coluitdia I* re.;, .jint'9 deli* rivri:-, nell*, provinoifr di 
P&r.uii« e i- su* c ostitueione in repufebixca, ciac è quasi osa* 
.ivi «ito .-A e prouc&inat* àstili Stati tJ.-iit* , 1* guev "a col geo» 
eicc c .’* 4 :r».vio;';s -ri. à'^aiiuo sa «.diri Sta 1 fc. - tutti 
is ti in rapporto eoa i piiiielpì ìohù^a ar ali sui quali gli 
Su,ti Uni*.i si sono B’ril-ipjfati, e ì; scia x^ntr coi lv; nuo» 
vi principi di diritto pubblico successivi xlla dottrini. di 
ifonroe. Questi, pero, sono quale ho tot di viva- e ai laabi ■* 
ed anche negli Stati Unii. , par a - enar uiu gr .aleraisi- '• 
;- e r Washington, par Hwaiitin c • * •■ -. raa&lno Pru-.; :u>j 

aaai.ni da Stato attuali «'.... • : ciò eia. cre«iv*c c; •. -vei-i jt -t 
si tarehbero p ''..008370 essere cara rievocati uali* tonlte 0 
a-; . ceguv.x .. -sdiesequame• % ...» lettera dei loro insega ^ent.j 

:_..ai verr-h un s-ncelo. 









30 ? 


ti. 


lì progetto del «anale di Panaria e lo «viluppo de li'la* 
cria,-.tomo r; or dosarne rie ano. X«a guer ra ispano=femericana, la 
■■a Baione di Portorico. Suo «viluppo e con coti co S>at condili o» 
ne gius ..aica diversa da quella di un territorio dall'Unione 
od analoga a quella di una colonia non autonoma; recenti li* 
fai tensioni delle sue franchigi» e osti tua i onali « Cui.it: ligniti 
della sua indipendenza ; «uà con «iasione effluiva dopo il 
1906, elementi ai protettorato noroMuaericane; diritti ter¬ 
ritoriali degli Stati Uniti, diritti ai supremazia da Z-^. a 
Stai o. Svi leppo dei pred «sìr i o fiuanz iar*o a San ~ùcm ng-»* 
nell'Honduras e ue~ Nicaragua. Ìa crea» ione «ella rspubbliv* 
di *'&iUdna e la conca calore dell* s ano de* Canal»; «a ss. - sl 

tira c. « siane di distretto federale degli Stati Un.t ? JK 

* 

vernata cotte dipende iuta elioni a le- 


Isella lesione a^ora» Ho aere&t o di indi care ««sanar latente 
oca® si siano venuto evi lappando le aspirasi enr colonia. .i 
gli Stata Uniti & ec&e, «cni incende i* opera co leni *1^ 









se, dopo ater da' un ooopleto sviluppo ali* del 

loro territorio, »ieno arrivati ai punto sentii tc.£0» 

gno di acquistare possedimenti anche ai di fuori or o 

territorio, siu noi contini.ito americano che in, ui:; legio¬ 
ni. 

Le aspirazioni de gii Sii. ti Uniti a nuovi dotai'*' sì wanii’? . 
stàrono specialmariVj r.3ih* vagì ani vi .ine ai coi 1 ..'iti e «ne® 
rica.no. Abbiamo già ricordato cerne gli Stati Uni. _ i:,:« ve» 
niasero parecchie volte pei impedire che le A -• -s . ipparie» 
nerbi a v*vrie patena» europee, mutue se re a- desa*-. , t. ^ P as " 
saceero dall'uria all' Itr*. di queste potente e c s a r* *po= 
«ito di Cuba noi ; i8 ai cifrar oro che nei potevano persi* .-tt'" 
re ohe cambia»se la età cenai «rione es noi divenendo indipen» 
dente o passando al loro dotiinio. Il assiderlo di acquieto 
delle isole poste vicino al continente americana da parte de¬ 
gli Stati Uniti si fece pii s a mano a mano ©he si andò 
avvi c inani . 1 manente di una-esce unione pratica dei taglio 
de-ti "Istmo di Panama, Queste isole c;is ut anno sulla via che 
dalì*Barop* conduce al ©anale ai Panv.ua, sona fornite di por® 
ti che possono servir» di scalo alle merci, di deposito di 
carbone e che pese or. o essere fortificati in modo da sorveglia 
re e proteggere il canale di Panama e la sua navigazione. la 
sollecitudine degli Stati Uhlti per la aorte delle isole epa* 












209 


gsatols de 11 ; oceano Atlantico divenne 80%re più intensa, tan* 
io alio ne derirò una. guerra con la Spegna per sui questa do*» 
vette, col trattato di Tu igi dal 1898, rinunciare alla sovra* 
nità di Cuba e di Portorico. Dopo questa rinv>»iia avocai» un 
fenomeno cho non ei sareocs certo preveduto Si deve premette¬ 
re else Itisela di Portorico aveva meno di Cuba rnaiiif stato li 
suo malcontento per il dominio spagnuolo,perché esco non vi 
era stato cosi oppressivo come in quest‘ultime, e morire. Lari 
volu^ior'! era divenuto un fenomeno cronico nei.i‘isola di Suba, 
a Portor. c• era dui tutto ecceliamele. 

Col trattato di Parigi la Spagna per l’isola di Cutsg ri¬ 
nunciava alla sovranità aonsa peri trasmetterla agli Stati 
ttaltl, mentre per quella di Portorico effettuava una vera e 
propria cessione agli Stati Uniti oh© F«r la prima volt* ae« 
capavano un territorio non loro, e appartenente a una nasini 
fte europea, a titolo di conquista, 

S‘ opportuno rilevare e-Sae mentre nel 1841 gli Stati Uni» 

y, 

ti si erano fatti ««dar* dal Ue esito il territorio di Ari sa» 
na e delia California per 15 milioni di dollari, cioè a iito» 
lo di vendita per il principio che allora predominava di ri» 
provasiene della conquista, Odi trattato di Parigi del 1898 
abbandonarono per la prJUfe* coliti questo concetto di riprova» 

fffOBIA IBia COLONIE $ LIEI ITO C0.W1IAIE! 27 










210 


aion* della cinqui et a imponendo alla Spagr ./ sdere Por* 
torneo. E tanto maggiormente appara» e . vitfrT -jiiaente la 

conversicna dagli Stati Uniti all’antico ^on>: t vi aonq*t* 
età ohe era stato eewpre la vigore nel vecchio mi; d*., in 
quanto che Portorico, sebbene di civiltà camole:;.■ euro« 
P?.v* o sebbene avesse una proporsi* ne al .^lemei a .1 u 
non serte superiore a quella di altri Stati, colo . A: «binai», 
tìu; facevano parte della Confetterai:!one, venne riti/ i 

una vara e propria condizione di colonia simile alle o:ionie | 

dalla eorona inglesi. 

Il territorio di Portorico (.1.000,ODO di abitanti) ven- 
ne organisaato con un governatore e sei ministri, ohe vengo* 
n orni nati dal. presidente degi Stati Oditi, con i * consi* 
gaio esecutivo e un consiglio legislativo. Il consiglio 
or 1 -.-te è costituito dai suddetti ssi «api di dicastero a da 
cinque portoricani netta ina ti ùì.,1 presidente dagli. Stati Unir!, 
q*ii.„^ Questo consiglio che avrebbe un’autorità analoga a 
quella del Senato negli Stati coatitosionali , è predOiairiata 
•stiuaivliwate dail’edemento americano. A Portorico ai ha i* 
noi re una camera di delegati, composta di SS delegati eletti 
dal ccrp* elettorali: pori oravano con uri si st orna molto largo 
ai eii^irag.-, o. 100 , ae leggi votate a», questa camera dei rap* 
presentanti o delegati possono essere annullato con un voto 
4*1 U-t*™.», sega stati Staiti, » quindi i. eMroiMO 










Isgicicalone di questa e&mcra as. trova subordinata al Toto 
del oorpe rappresentativo deg/^ Stati Uniti. Inoltra nell’ttl» 
timo periodo di governo dal pr te lite «te Taft la «osti, tua ione 
dell’isola di Portorico fu modificata in senso piò riavrete 
tiro per una serie ai malumori sorti fra gli Stati Uniti c 
le isti tua ioni pori orio&ne: queste volevano la tra«f omasi o= 
ne dell’isola in uno Stato faconte po.rt« dalla jonfadsr&si*' 58 
ne o almeno in un territorio, mentre & ' Stati Uniti non vo= 
levano concedere tale trustorrcasione. Im maltiera legislativa 
portoricana sì rifiutò alloca dì votare !.. bilancio 5 aia il 
presidente Taft presentò alla camera degli Stati Uniti un es 
mend&mcate, elio tu approvato, per li quale nel caco in cui, 
per una specie di sciopero de Ila camera portoricana, n >n s i 
r «tasse il hi lana i r. as l .1 ' i .*1 ola di Por t oric 0 , si ri terrebbe 
applicabile la legge 00 1 bilancio dall’anno precedente. 

Così fu tolto all"isola di Portorico il scie tr.nzc di 
resistenza che le restava contro il governatore e centro gli 
Stati Uniti. 

In quante *>., ; • 0 £e r i va a 1 *m, i ina se ita «con ostica delibi* 
sola, gii Stati Uniti introdussero non pochi perfezionamenti 
dando un grande inseiiuaent 0 fella coltura dello zucchero, del 
caffè e & quelle dei cotono mediante me tedi più razionali di 
colti vasi one. Inoltre dauicar onc circa il P.0 % della «atre te 









212 


dii b„lancio portoricano &12& pubblica Istruzione, cosi da 
arrivare, dopo dieciaasettè anni ài dominio a ridurre ad un 
t*r«o gli analfabeti da Ubicala e dettero tal® sviluppo al* 

1 igiena da riourre alla «età il numero del caci di decessi 
per malattie infettive. 

qua e il miglioramenti non diminuirono il malocnten» 
deÌ p ° rt0rlcani 3P * reJaè » CQMC ai verifica anchL sotto al» 
tri a0£lini 9he hanno a «ile fare con popolazioni di altra ras* 


j-^glca, delle rosee che ai ritengono inferiori non può 
Otti durre senza pericolo che a due sistemi, cioè al sistema 
dall'assoluta oppressione . o asservimento della popolazione, 
all altro sistema, al quale accennano le tenderne della 


eolo.i* 3 a*ione moderna, che è quello dall'avviamento econo* 
^co s intellettuale della popolamioae dominata allo e^ so 
sr do de^.a popolazione dominante ; Sfa seguendo questo * oc :-nd< 
si stoma non è possibile seguire impunemente lB parte anche 
il sistema antico rispetto all'asservimento della società 
coloniale: non si orca cosi eh* un malcontento e un sentimene 
to di rivolta, m un popolo che, dalle d*noc»signi avuto H T 

*** ® a8gÌCr ^ r * a 8 *** 1UtiU 4*21 Autonomia «agrore eu* 

MSttibilità, ' 


Ouindi la pop e Iasione di Portorico «n-. 

»02 ico Che xìOj. prima mo&en- 

to, quando s'illudeva che 1 "isola ***»*«„. A . 

* fcrew » uno Stato 












£13 


ór: Ila Coa^sóa ragiona americana, copriva lette radente di fio* 
ri le truppe suscrioane che 2jl libravano dagli spagnoli, è 
era quaei detestata dalla popolazione degli Stati Uniti per- 
ché rispetto a questi apparisce inarata di fronte ai benefici 
s ié ha ricevuto dal governo asari ceno. 

Meni.e 5 or corico .aniva ridotta nella condizione di una 
colonia tlegii Stati Uniti, 1 ''isola dì Cuba (2,500.000 abitan¬ 
ti di cu a -jn terze di colere) veniva resa indipendente «e» 
diants la rinuncia della sovranità da parte della Spagna. $ue- 
-j. oìa, is.tj.b, un ì iCuriOnc^Bento reciproco della Spagne 
* degli Stati Uniti alla indi* -endemia di Cuba, abbandonava 
lo «viluppo ai questa in dipendenza a* beneplacito degli Sta« 
ti Uniti. 1 isola di Cuba restava, quindi, con una indìpenden- 
proa^ti, ^ con una occhione militare da parte delie 
truppe e* gii Stati Uniti, per modiche la sua futura esiste»» 

« fu regolata da questi ultimi, i quali organizzarono i pota* 
ri dello Stato, tennero per circa tre anni 

4sll*iaoxa e nel 18*6 intervennero per un’inaurreaione 

che Mii Uqj* aveva divampato. Dopo queste interwnvO «odi fi.-* 
earono i loro rapporti co:, l'iaoju di Cuba in aedo tale che 
questa si trov^ nella con din ione di vno Stato &v«v , iP<A 
Hensa propria, «a che praticante sì trova, sotto usa, s-u^n^U 
** forato da parte dagli Stati Uniti, 


L 













Infatti 1 ’isola, di Cuba e iaipendanta ne 1 «viluppo dei 
suvi poteri pubblici che cono costituiti de un pi *si «tonte 
elet ivo; da una cantra di rapprese \tant i © &* ; nò camera al» 
ta o cenato che rappresenta i distratti c iac nel *11 re re» 
pubblici» americane e negli Stati Uniti, Però q •: hanno 

ottenuto in.iarui tutto il diritto di renere un Uepo« o ài 
carboni in un punto de limicola, «on immunità tevrito» i&Ie 
dovei questo deposito è costituito, poi hanno ottenuto il Ai* 
ritto ii servirsi dei porti nome rifugio e riforniiaento dei* 
le r:.vi da guerr . Inoltre l’isola di Cube» non può stipular© 
trattati cempremittenti la sua indipendenza sens& a* ’enepia» 
ci o degli Stati Uniti, son nessuno Stato, sia americano tne 
di altri continenti, nò contrarre debiti superiori alle sue 
risorse, e, dopo il 1898, ha doTuto riconoscere il diritto di 
interrente dagli Stati Uniti nel caso di torW.di intorni «bel 
ix g orarne cubano non riuscisse immediatamente a sedare. 

A 

Si può perciò dire che esista un'azione degli Stati Uni* 
ti tale da costituire un raro protettorato, sebbene nella co* 
at. uaione de. rapporti suddetti non si sia usato qxw»to no» 
me. 

Archa ne11’isola di Cut» l’intervento degii Stati Uniti 
è stato, come » £orvorxco, prorviuo dal punto di vista esano» 
aico, «a non gradito a causa del ©aiattere ari atocra- ioo con 









2x5 


cui gli e ledenti n oratane ri cani considerato lo Stata e .a 

società cubana. 

Savana, capitale dell'isola, è ai renata uni- delle più 
cane città del sondo, son.tr e curante il jaelg’verno Bpi-.rnu lo 
era una dalle più saltare. 

Anche a Cuba il ai atema c t altura a u molta migliorato 
e la ricche»*» pubblica, par 1'aua.^uto del valore iai terre* 
ni, crebbe notevolmente 

Quest‘isola ebbe poi uno svantag io note > ole in roti- 1 
i'ronto a Portorico perchè «ju. sta t. 3ionia m o ,tenuto 

una completa franchigia nei rapporti eoa.bercia.-- -ti Stati 
Uniti, mentre questa ccndi*i->nc non e»:?t* nei r : z -i ira 
Cuba h gli Stati finiti. 

Anche a Cuba enzsz s un partito ehe tana-, ail’«..;»• soà oc® 
dell'iella cene Staio -, per le Aero, cose tei " ton-n, • 

^cuisfO e osti tua iena a* americano, della. Genie dora.:- , ao 

epirit pubblico degli Stati Ohi ti è contrario a questa -'.an» 
eeesio*. specialmente perchè l r organi*»** ione ai Po*. ■ - 
ha ini* iato il ci eterna di governare nuovi territori di. «-^n* 
tl cena* eh2 questa organi»»*»!one aia una :i* di pass a&.; 
per la future cjì ganiaaaaione di Stato. 

Concludendo,, mentre nell'isola di P >r tonto si è Cv3ù s 
tttita una ve*-» sovranità da parte degli Stata Unito., .tei J.* i* 









216 


sola di Cui» esiste una sovranità larvata ©ha può ondarsi 
un effettivo protettorato, 

Kfilj. isola di San Domingo o Haiti, in quell* o„ tentale 
c.J3 « occupata dalla repubblica dominicana, si è venata svi* 
ìuppanao una condisi one di fatto che ai avvio ina ai protetto* 
ra»o larvato di Cuba, sta oca non ha assunto se non I* importane 
un protettorato finanziario. 

*i può dire che San Domingo si trovi nella condizióne di 
an debittìp * aeroso. Mentre nel 1872 il debito pubblico di 
quea., «.sola ascondeva a 15 Bilioni di dollari, attualmente ha 
raggiunto la cifra di 22 Bilioni. 

Siacceie usa gran parte dei portatori dei titoli del dsbi* 
t*^ pubblico è costituita da inglese e da americani a siccome 
m0iti rsolaai, per danni subiti dal loro sudditi, sono stati 
avanaati da Stati europei (tra i quali anche l'Italia) di cui, 
in questi ultimi tempi, alcuni hanno cercato di entrare nella- 
geo « pei- ir sviluppo della repubblica dominicana ( epe eia Ime»? <! 
te „a *«i*j*nia)gli Stati Uniti trovarono un motivo per m* 
torve »:3 allo scopo di eliminare l’ingerenza di altri Stati 
e di assumere il servizio del debito pubblico. ' 

Per effetto di un accordo tra 6 an Domingo e gli Stati U“ 
niti questi acquietarono il diritto di tenere Un deposito nel 
porto di Mansani Ilo, di esercitar» n servi aio della dogana e 











• i ass®pere 1» 4»X do hit» putobl.U'o e«t« o «e* 

di&nte il .ij&enlc degli *nte~rf- s *cS e 7 'eaanrtwienfco *'** asv" 

A .pitale «te* ersi stato fidotto <*’. SO # p« r 1 ereditari. 

Dopo ^asst+-o steqer o i :• gorerrc dominici»»*: invi *•«** ? ’ oi cr ‘ ! * 
•‘stori rie lare «•atro il divesttre ’..-j.LO : s ?- v -i.ii.eall c**>•• 

provanti il joro ertllto coit '* 'fc , -''vart.i3wnto o’;e ©hi ortro |Nte --- 
pori '.'io t«»R Si e>TtfN donvKSifcti or* considerato cw. r inusc*.»»»- 
»#%* al„t : «o or® 31.? : e corderà o;.«i dirttt "> : ' riafcorao 

c ■ o offt ho, portato la repubblica dossitrisiuna ( ; ” n ‘ 

:;,.#!«?;»• di pro$*ttor^to finansiart» di franta agl- ‘ ‘ “ - '•’ 

' 4» gli a’ 1 tri Stati a riconoscere questo $tr oiett©rat a, c«se ‘ Ap¬ 
pai «4» -' ì & u & a* uà» ooamnioasicnae ohe quattro anni or Tore 4 tv- 
T-sputs. fra 1 *andareiatt>r« italiano a Washington 0 u r.«*rr:?•. 

•>- degli Stali ©liti neX.U guaio il prie® dichiara''» che S*Tta.Ua 
•’V’H» <*r» «àie* sta a far valere c San Dosaingo i diritti dei *r'i. 
sudditi atusJv *ioo la *«»», «te cSm> se gli Stati Oiu • i *»§#'«■* 
ro trattata i creditori italiani »Ua stessa stregua dei eic#a 
tori degli Stati, X 'Italia jwurebhe stata e ostenta. I dar 

etden di gufata furono appagati* con questo fatte si ricctì:. - 
scava una ap-cci* 41 rappreeent*«*?< « di ragponsabiLità degli 
Stati Uniti ,igr la reputaitea desinioana. 

Oen la -sapubblle* di Hayti il OOTer.no degli Siati TJhiti 
te tentai 0 fi. assumere una -pr->telone ;..guaio a mudila a»»unta 


v * ffp « m 


STORIA BRIlv COir.^1,:: 1 DIRITTO COlO»|jAIi3 









21 ?> 


con la repubblica dominicana, interinando nelle sue difficoì* 
tà finanziarie, ma questa repubblica non ila voluto fare le eoa»; 
cessioni suddette. 

Ventre la repubblica dominio n* ha una pc relazione-© osti* 
iulta in gran parte da, abitanti di razza spagrmola c in picco* 
la da abitanti di colore, Xa repubblica di Haiti r >, quanto a 
razza, uno Stato esclusivamente di colore, ed - insitamente 
francese quanto a lingua e a tipo, tanto eh,? fino «gii ultiai 
tempi molti cittadini di questa repubblica aadavuno a compiere 
la loro educazione in trancia. 

la repubblica di Hay t i, quantunque si trovi in condizioni 
finanziarie non Migliori di San Domingo, si è qwitK-. preserva 
ta callo sviluppo di un protettorato da parte %é&H St t: Uni* 
ti. 

K& il protettorato finanziario, che aenz* dubbio <-arà ©a* 
gu.it o dal protettorato politico, si è venuto e et elidendo r ‘®*^ £! 
repubblica del tfic&ràgua e di Honduras e zi va affermando in 
tutti gli altri Stati dell*America centrale, cuindì non - ] 

ffello iatrtnrredere il programma imperialista degli Stati Uni* 
ti i quali, a partire de.Ila repubblica del danzata, come risulta 
dall*odierno intervento nel Messico, ••regi .*.oro asservire 


alla loro supremazia tutto il territorio citò ra da:, levo confi 1 
ni jaeridionall sino a quella repubblica compresa. 














819 


Sei territorio dal Panama che ni estenda par 10 ahi,lustri, 
cinque al nord e cinque al sud %3 «amale »2 può conci de rare 
sotto uri nuovo titolo di sovranità una manifestazione dell*ai» 
ti Vi tè coloniale degli Stati Uhi ti e aaa forma di tenìttento che 
per la sua effettività pratica può essere paragonato piuttosto 
enfi il diritto di sovranità esercitato su Portorico che non con 
la sovranità indiretta esercitata nelle altre regioni di ansi 
nominate. 

Quando gli Stati Uniti, dopo il fallimento della società 
europea per la eoetruaicne del canale di Pa jasa, ebbero eosspe=s 
s**(ti tutti i diritti di questa società per 200 milioni rii fran¬ 
chi, demandarono alia repubblica di. Colombia una oor sessione in 
affitto nella provincia di Panama, clus ns faceva parte., par ef¬ 
fettuare la coEitruaione del sanale. 

Avendo ottenuta questa concansione da un delegato dalla 
repubblica di Colombia, ma essendo stata negata dal Parlamento 
di questa repubblica la ratifica do 1 trattato, gli Stati Uniti 
provocarono una rivolta nulla provìncia di Panama col program'" 
ma della seceesione di questa dalla repubblica dì Colombia a 
della sua costiturione in repubblica autonoma e. con la acuaa 
della protezione degli interessi dei cittadini nord-americani, 
intervennero con le loro forze militari e navali e impedirono 
alla truppe del governo colombiano, che volevano ristabilire 


— 




220 


Verdino, c' entrare nella provincia ribolle. Ouindici giorni 
dopo 1* Insurrezione veniva proclamata 3s repubblica indìpen» 
ionie del Panama cLe gli Si *6* Uniti si iftìttèrene v con®* 
acire. Con le nuova repubblica ali 3*,ati ’nir*. j?r. • le• 3 

33 novembre 1903 un trattato, rotili::'* - :2 a 5.9' 

col quale e*tsi garantiscono i'ine,. , bel* ■ • • f is^. •■•• * 

la n a wa e questue once do agli Stati Uniti 1» s'-ue 

10 «sigila, cinque per sponda del lanale- 

Queato affitto òi può conciaci ftrs coma una 'tra ose. -ne 
di territorio perché nel Trattate è detto ciò© il territori* ò 
dato in affitto agli Stati Uniti par un perìoc.o di i"s * inde-* 
terminato, e che sarà governato cj&f.li Stati uniti c-v/ac- tu’ torri*' 
torio che loro appartenesse, cioè con compieta escluder-' tit?.* 

l’eaercisio di ogni diritto sovrano da parte dello. Rvpubbjj. ! 

* 


del Panama, la quale rinuncia a tempo indeterminato ùl recl&" 
raarne la restituzione„ ' 

S i può qui n di di re c he /, ■*- 1 : §rr ito. >. o ceduto - g X'ì. ,J 5t at j 
Uniti non resti alla repubblica del P.-nwea ebe la nuda sovrani* 
tà. 


Il territorio del canale, appar* eno-.re agii Stati Uniti, 
era in principio scarsamente popola* <■ • -salubre, jedntre ora 
le sue condizioni economiche song molto migliorate e la «uà 
popolazione si è molto accresciute. 












m 


Gli Stati Tfniti hanno acquistato su questo territorio una 
sovranità assoluta» eanaa alcuna gariaisi» ài istituzioni r*y 
presentati re. TI froTsmatore de 13 a zona dei canale geirsma co» 
» « eovr.no ...aaiuto, quindi gue.to territorio « pui ••»*- 
wnn osme u» seconde distretto federale degli State miti, 

0,0 U differenza oh, U distretto federale di *•»««»“* go¬ 
vernato Odi poteri federali legislativo ed esecutivo degli **- 
vl goiti, r.entre nel territorio del «naie U governatore di 
quel territorio destina a»«» «*•»* * #4 ° assoluto con cui -1 
jOV ,rnatvre SBgicea di omlterra governa questo possentemto 

iella. curar» bri tannica. 









222 


22 . 


Gli interessi * le aspirazioni degli Stati Uniti nel P&oi* 
iico. Le reoia Hfivny. loro importanza aiutare ed eeonoaiicm • 
Priai rapporti de >- isole cogli americani; mitìsioni religiose; 
imprese agricole e eoiamerciali. X progetti di conquista. I 
tra. tati ci reciprocità. L'immigrazione asiatica, e saie ri canal 
TI «utwaento nelle pr versioni del popolamento. la rivo lue;, wse; 
la repubblica; 1’annessione; 1'assimilazione ai territori, della 
^oruttàerszi ar ò . i rapporti di questa colle isole Samoa. II si» 
delia neutralità e dei a ondar ini o colla Germania e- colla 
vrHn. i etagna. Le convenzioni di partizione. 11 valere dei domi* 
nì nordamericani nel Pacifico. 


Gli Stati Uniti hanno, c tene mi è accennato nelle due ulti?* 
ae lezioni, sviluppato il loro domìnio sui territori vicini di* 
le loro sedi primitive in modo da completare l'opera colonizza® 
trio® che per conto proprio aveva iniziato la Gran Bretagna du« 
rame il suo domìnio coloniale su gran parto del VordaUtserlé». 
Sa, sviluppato si popolamento, il e arnie-rei a, 1 "industria e la 


















223 


militare e awrittia» degli Stati Uniti si v0r * ’ ì; altr ® 
al sviluppando in questi non &olo una coscienza ns*iona^., 

una coscienza di predominio per eletto d.1 «**» c ‘ r “ 
io raggio di territorio, prima in America e poi oltre i confini ^ 
di questo continente, fu giudicato da molti uomini l 
me ri cani, e in seguito questo sentimento penetro uriche nslJ ani 

ko dalle popolazione americana, "riservate- da u*. 

et ino", per usare l’espressione di quegli uomini politici, come 

retaggio degli Stati Uniti. 

Con ,««.00 sropo.lt», r.rmo Innanzi « ohl > ”* Tr *“° 

u popolo eoo.rlo.no, come glS pr.ee» «un popoli, ho 
noto ogni c<n«ol<t. e ogni otto di oiol.no., gli Stati Uniti 
hanno potuto ccneiderare con un certo tonno di moe.icumo, qu 

,1 coeso l'eft'cttuazione di un compito odo 31“ '"' #M 
r o ..e..nato 1 -effettua, ione del loro program.,a di oono»l»t. 
nel territorio americano. Que.to programma, ini.iato oon Vw 
nee.ton. del Tua. è terminato, tino ad ora, con 1 -anne.eion. 
di fatto, „ non di nome, delia zona del cenale di Panama. Vtm 
portanza di gueeVuUlma anne.eion. ata non ..lo nell-.ogui.to . 
dol territorio e noi predominio, molto più importante, «t> qu«eta 

grande eia tran,oceani», •» » •**♦» **>***'• *«* rl *" rC *“ * 
dai progetti rrano.ei ed effettuata dalla intraprendenza, dai 

danari e dalla tecnica norducer Ioana, ma anche nel latto «te 






224 


qucg.fc annessi one segna i liciti del confine neridi onale ai 
quale intendono arri rare gli Stati Uniti. 

Il giorno in cui tanno affé rasato la loro volontà centro 
quella della repubblica di Caicchi* costituenda lo Stato auto» 
notte del Panama, con quella che era «tata fino allora una prò» 
vinoia colombiana, fu il giorno nel quale fu «fognata la fine 
inolpendenza di tutto il territorio compreso tra 
la nuova repubblica di Panama e il confine politico attua.?* de- 
gli Stati Uniti, cioè di tutte le repubbliche dell'America 
Centrale » del Messico, in cui oggi gii Stati Uniti «tanno èssa= 
Piando il secondo atto- del laro procedimento di as almi Iasione, 
■sgli altri Stati de il‘America Centrale finora si è affermato 
il predominio finanziario dagli Stati uniti, predominio Cium* 
ziario al quale è destinato a seguire il predominio politico. 

Ma tutte queste conquiste posto & occidente ed a sud -ioUè/ 
prime sedi degli Stata Uniti, ne hanno allargato note volante 
^ ^ imperialista t lo nanna trasformato da progr<?'-®iP< 

imperialista continentale in programma imperialista mondale ecì 
hatfno spinto la espansione delia influenza degli Stati Uniti 
anche verso i territori dell* estremo oriente. Como avverto nel* 
lo sviluppo storico dei popoli che alcuni * eoi ni di v* ore e 
optati di antiveggenza riescono a preveder* le nettatoi* future 
di un popolo, questi principi di dàsinio in vari punti delibo» 











ZZÒ 


Pacifico furono stabiliti prisca anche che gli Stati Uniti 
eifettvaacero il loro pi'ogramzaa di espansione cello stesso con» 
finente americano. S* stato intr&vveduto giustamente ut destino 
che doveva effettuare! nel siatene- de Ile* cesimi cazion: mondiale 
e nel sistema dell'equilibrio politico. l'Antichità * ?/edio 
Evo hanno costituito un periodo storico che potrebbe chiamar Bis 
"periodo ne di ter rane o*, perché la storia e ia clvil'à si svolse 
ro intorno al bacino del Kediterraneo, sia che si trattasse di 
Influenza orientale venuta verso l'occidente con t fenici, i 
cartaginesi e gli arabi, sia che si trattasse di influenza oc ~ 
cidentale estendentesi verso oriente con i greci,,, i. romani e 
con le crociate. 

Con 1» scoperta e la occupazione del corisinmte americano 
Incominciò un secondo periodo storico che per vastità attrae*- 

7 , J * ,.1 

eia il primo c<sue un corchio elio le abbi& circoÈtitto., e la 
istoria si trasforma da "Storia del bacino del Mediterraneo t in 

*Btori& dei territori bagnati dall*Atlantico* f per modo.che 

** * 

la vita del Mediterraneo diventa un episodio di quest'azione 

piu vasta abbracciante 1 territori del più vasto bacini dall*A» 

1 

tlantico. Oggi, con la colonizzazione dell'Australia, oon lo 
sviluppo in quel territorio di una nuova società potentissima 

STORIA IBLEE COLONTR B ETRITTO COLONIALE 


Siep. 29 








di razza europee, e con l'attrattiva del tóovimento economico 
«cndialo degli Stati traiti, si posero le basi alla più Tasta 
azione eteri? t si» finora il mondo abbia, conosciuto, cioè al* 

Cta* «toria delle rivalità per il dominio'del Pacifico* 

Tutto ciò gli Siati TJniti lo hanno preveduto fino da 
quando sono arrivati, eoa k conquista della California e con 
la definizione della questiono con l 'Inghilterra, alle sponde 
dèi Pacifico e hanno visto l'urgenza dai provvedimenti corri* 
spendanti Quando,, col progatto prima e con l'effttfuasi.one poi 
dal taglio del casale di Panati», hanno Ti sto la possibilità 
di riunire le due flotte del Pacifico e da 11 'Atlantico e di 
*vvicinare gli Stati orientali con^quelli occidentali della 
Confederazione. Sentivano quindi la necessità di affermarsi 
nel Pacìfico anche come potenza politica per trovare un appog* 

gio al proprio commercio a di e de re-effettuasi one alle loro a* 

» - 

spirai ioni di predo»! ni o, cha pria» avevano lasciato intrarve* , 
dere, con 1*occupa*ione di due gruppi*di isole dell'Oceano Pa* 

ciflco; le isole Havay e le isolc-Sàmoa. 

* 

la lotta per il predominio su questi due piccoli arcipe* 
laghi del Pacifico, quello di Eavay che ha una superficie di 

l7.750 : j&lXometrì quadrati con una popolazione di 154.000 ubi* 

» * . 

tanti e quello di Samoa 'ha è appena di 3000 cfcilcttetrì quadre 
fi tjpicà poco più della metà della Ilguria) , eoa una popola» 
fcì'Cifì# di 38*000 &Mtanti, ci sorprenda pen&isuzi© alle Q&n** 








&Z7 


tinaia di Kmq., che gli Stati Uniti a velario ottenuto con le 
prò cadenti conquiste» poiché ci trasporta dal campo del gran« 
di oso al campo quasi microscopico della competizioni interna* 
ai anali. Ha non si deve dimenticare che qseati tre ipc laghi 
hanno un’importanza che non è in rapporto con la loro esten» 
eione territoriale o con la possibilità di cossiinirvi la za- 
de di una popolazione numerosa e che Napoleone, !.. quale era 
riuscito a stipulare con L 4 Inghilterra un trattate- di pace, 
lo ruppe dopo un anno perchè questa non si decideva ad abbati* 
donare l'isola. cLi, Ha Ita ohe aveva u:ia importanza di e sten sio* 
e di popolazione ben piccola rispetto alle altre colonie 
inglesi, ma notevole perchè situata?intona punto importanti b= 
•imo delle grandi vie commerciali e adattissimo ad assicura* 

re la protezione della flotta inglese attraversante il Medi¬ 
terraneo. 

per questo cho negli ultimi periodi di tempo l’aspira* 

Anse ttSi-iinio de xIq i&o^.e bavay e Samoa divenne cosi pre* 

.potente da trasformare la supremazia relativa ohe prima vi e* 

serenavano gli Stati Uniti .tu dominio diretto da parto di 

questi su tutto il gruppo e su alcune Isole del seoon* 

do. 


I rapporti fra gli Stati Uniti e le isole dei due arci* 
Pelagli, «peciaimentB quello di Kavay erano molto antichi, 

**" *4 r>* I-Usuerò j.» svi luppo ai ma 







228 


lu&ga serie eli rapporti. 

I« leale Hairay furono «coperte da ubo spagnuolo nel 1543 
e fa di questa scoperta per die resti ricordo della spedi» 
sioae* negli archivi di Madrid, sta le nate rpagru-v'O.a naufragi 
e della Tita di alcuni naufraghi che restarono prigionieri de* j 
gli isolani furono apprese notizie -lai Capitano ùcofc nel i??6, 
il quale chiosò la isolo col nome del suo protettore L^rd Sani- | 
wich ( nome che fu usato a Iternati rumente col nome indigene di 
Haray , ma che infine cedette il posto cv quest 'ultimo. 

Le iso^e Harap - e Samoa sono abitate, m quanto la popola* 
eione non è stata distrutta per l’eccesso delle morti «ville /sa® 
siite, da quella razza polineaia Che, distinta per caratteri 
i. Ili ci e intellettuali dalla vicina- razza juelanesia, diede prò® 

/s di tanta facoltè di assimilasi one alla Ciri Ita europea dalle 
itole Kavay all’isola di Madagascar. 

Quando le isole Kuray fur ano scoperte dal capitano CooV:, 
arano abitate da uno popolazione .di Ti sa M tritò, ratte ciasev* 
i» da un proprio capo, con un totale èì 2<>0,000 ahirae, 

Sol 1395 le isole furono riunito *r vna specie dì impero 
fedirà le da un primo serrano, KtisM&aàehe. i - , li qual* proda*** 
la sua sovrani ti su tutte le isole s è, x f&it$ i aosturi de IH 
sva* popolazione assidi infido j. ecotipi popoli inglesi e dei 
pescato-ri americani del Pacifico. « q»»u*« noi ISIS una 






229 


Spedizione di missionari partì da Boston per evangelizzare 
quelle ieole trovè che la popolazione «otto la guida dell'arl* 
ìtocrasia dominante aveva già abbandonate il pagane elmo sansa 
avere adottato alcun'altra religione^ quasi in attesa di quel 
M .0 ignoto ohe essi aspettavano, ^»endo già distrutto i loro 
dei tradizionali. Quindi i missionari poterono compiere una 
trseforinazione non solo religiosa, ma anche di cultura, tra» 
Barman do una popolasi ore pagana in una popolazione cristiana 
9 una popolazione che non aveva un linguaggio bc ritto in una 
popolazione che dopo venti anni sapeva leggere e scrivere. la 
cultura de I. legno di sandalo e dello zucchero e l'allevamento 
degli equini e dai bovini importati dagli americani portarono 
un mori mento dì commercio e di industrie ciac le ìsole prima non. 
ave rane conosciuto. 

Fu e cominciare dal 1794 che si ebbe una serie di doman¬ 
de di protettorato inglese da parte del governo dell'isola^ 
dcoanìe che dimostrano la sagacia dei reggitori, i quali com» 
prendevano cioè sto soli non potevano conservare la loro indipen 
densa e <:b.e quindi era meglio ECegliere la grande potenza che 
avròbbe dovut o j* r q t n gp,e rii. 

Intanto i Russi, che dall'Alaska testavano di scene?,*: rs 
verso la California, cercarono tra i.1 20 e il 25 ài affermar* 
il loro dominio nelle isole* ri fecero cedere alcune stazioni 






290 


** Recare trattati olia poi non ebbero corso. 

Dopo un tentativo di conquista nel 1843 da parte del Mu» 
nay ( comandante di una nave da guerra inglese a cui dal sovra® 
no delle ieole Sandwich era stato demandate il protettorato 
inglese, si ebbe una proteste da gli*-Stati thai ti i quali, a» 
vendo gii molti interessi nelle isole, non potevano tollera® 
re di* altri sa ne impossessasse .In seguito a questa protesta 
.l 'In^hiIterra si rifiuti di ratificare il trattato stipulato 
dai capitano Munay e firmi un trattato di disinteressamento 
con la Francia e gli Stati Uniti riconoscendo 1*indipendenza 
de I ’ e- isole e Ciascuna di queste . potenze accrediti un proprio 
C cn fi ole nella capitale dell'arcipelago. 

Intanto avveniva nell'arcipelago un fenomeno che ai ve= 
rifici anche negli altri arcipelaghi della F oline eia, cioè la 
decadensa deXla popolazione Indigena. Questa era rimasta li¬ 
bera da ogni dominio straniero, ma"al contatto della civiltà 

. 

europea parve che una specie di epidemia la. cogliesse: cerniti-- 
eli a decadere e a diminuire, tanto che la popolazione delle 
isels Havay da una popolasione di 200.000 abitanti discese 
verso la metà del secolo scorso a meno di 60.000, 

Il concetto quasi fatale dalia efficacia « limitaifico 
delie rasa» cosidstte superiori a contatto con quelle ocsid«t !!C 
te inferi or si spiega molto facilmente col mutamento del te** 







r *9 

*■* , 

nore di esistansa e oon 1*introduzione di alcuni vizi ai quali 
la popolazione non era abituata¬ 
lo quella popolazione ai introdussero 1* ale coli amo, l'uso 
óalì'oppio e certi sistemi di uso civiie-e*4i pudore consiglia 
ti dai missionari: abituati ad andare in una completa nudità 

A 

1 Cittadini cominciarono a Te et ir si uscendo da casa a a ri* 

i 

spogliarsi rientrando, quindi di Tennero suscettibili prima ai 
raffreddori, poi alla polmonite, alla tisi e alla turborcolos= 
si cfe@ prima nemmeno conoscevano. Il troppo rapido mutare del 
tenore di vita, unito dall’abitudine dell'oppio e delle be= 
vande ale coliche, produssero il decadimento della popolazio= 
ne. 

Mentre la vita economica si sviluppa va, e la. produzione 

di zucchero cresceva da due a tre, fino a 55, I lavoratori dl= 

'{ 

minuivano e fu necessaria 1 *introduzione di agricoltori giap* 
ponesi, cinesi e americani. I 4 conseguenza di questo fatto 
fu ohe nel 1693 quando una regima,' eh© era succeduta all'ul¬ 
timo re, cercò di far valere la sua autorità per limitare la 
conquista economica de 11 'arcipelago da parte dell'elemento di 
rasaa europea, questa fece una rivoluzione, e il 4 luglio I 6 S 4 
proclamò la repubblica- Così por effetto della emigrazione e 
di una rivoluzione si era trasformato il carattere e il tipo 

* 

nazionale dello Stato: da monarchia l'arcipelago di Havay dì* , 







232 


Tenne una repubblica e da State di razza polinesia si cambiò 
in Stato con razza dirigente europea« 

Nel primo momento di questa autonomia il governo provvi» 
eorio aveva invocato il protettorato degli Stati Uniti i qua» 
li lo rifiutarono tanto più che dal 1875 avevano stipulato un 
trattato di reciprocità, rinnovato nel 1884, che dava la 
iranchigia dei prodotti delle isole Havay che erano introdotte 
dagli Stati Uniti e ad alcuni dei prodotti di questo Stato 
che da quelle venivano importati, die impegnava lo Stato de'= 
le isole BaVa^ à non cedere alcuna parte di territorio aeazt 
il consenso degli Stati Uniti che concedeva a questi l'uso 
del porto di Pearl Harbom ehe è uno dei più bei porti del 
cifieo e che costituì una base per la flotta americana. 

Di fronte a questi vantaggi gli Stati Uniti non sentirò» 
no il bisogno di estendere 11 loro dominio sulle isole Havay 
le quali rimasero indipendenti, mantenendo in vigore il trat» 
tato suddetto. 

Ma dopo il 1895, in cui si ebbe nelle isole un tentativo 
di insurre*ione a favore della monarchia indigena, e special» 
mente durante la guerra con la Spagna, gli Stati Uniti senti» 
rene il bisogno di affer*arvi la loro aoTranità. 

Dopo l'acquisto delie isole Filippine si decisero a prò» 
clamarne l'annessione: nel 1398, poco tempo dopo la cessazione 










23 ” 


ositi li tà eoa la Spagn« , S'a repubblica dalle isole Eavay 

i 

iti tr&eiri.. in territorio or. ne eoo agii Piati Uni*. 

I*« .ignito a* dat;> «Ile i et. io anche il carattere coiti* 
iiu-■ onaJs> 'ài t«* ritorio . Tn gran perte^àMfcete òa norò»aaer^_ 
»<*nì fir\ dal 1RJ0 erar.o gratt invitate a i.-.rs; rappre <#n-tar* 

a' o^greeeo Internationale a. ie»*iestf»-:, e nel 1000 furono **« 

» 

•• i » te- »i territ ori a*, *»r . ? *» * ot tene r \4o % • ■■■ dir itti e ir 
* -’l di Portorico a*; .-wa p . + *..t e o* * -nere * porchè ai i »1 


■ orlo del»»- , pur non a’t-'àc .'.‘autor»al v 3 

Seat 0 «e fedi* Sto 11 uni ti fc, gli a idi* *'• ' t ratiat i e wc ; * fca* 
o-ri dall 'u?ior-e aw.er£o • na 

Pi àsvt nr.j.r enne r.» fu-tèt i -■-«r r v- ri aojjvietati. 
cagli Stati vaiti fuori del nw’tifjtento usseri©»* , qsaeèto de--- 
1 4»7.Xa jjjen%y è 1* »uohe » la gseva #«nxail»t o ai temi o- 

ri idei jeevUiftent* e ohe ycvrA» eoi» avita provabilità-, «r*«*rt: 
racOnsieciu-t..© anche ecei- State o e«sere annesso Ad ano r-- f : 

£’’tiv. * iis ì ro.-r j 0 r i , 

: ult:•.«« partii 'fare Si v«a influene* con- Treni e no]TL<g_ 


fc&vay &i fj ,r>s nei 1H6*. un t5fi<} o - -, t, la pr I*» - »? .;xon(a ae li» 

*‘i. ;• . ■.■'■i'vc» <$;«mui<*c una ••• .osai3 »* lori* tagleer- dota&ndè *■«. ?3n«-ee*- 


eimi--' in affitto di una piccola isola disabitata por posar.i 


ios MVi- liftt: ' ir»?.* e i.*d -iS r vi-v». *",« 




Scova V’eianófs . iUsr: 


governo dalie Ha^<*y eh*:• e* agii Srati Uniti il per.**»*© di 


3T‘ ?IA. ITT-TP erÓR? 


. TTr 


v> f- o- 


'■ri-. 


iy> 


lSi»l 






, . - adat o 


'34 


Quest» concessione ( permesse che doveva e«t» 
termine del trattato di reciprosit.p . Z3 r /d * •«* . *.' «no » .* 
anche 3. * obbligo„ 4» pai te del. governo <ìf* 21^ ..i da» 

re 11 cene»neo degli Stati Uniti per ogni oor-- .uè ., 
di una parte del territorio. Il governo de >? f 4 "ni •■ i ri» 
fintò il permeaso. 

« 

i commissari inglesi, avendo ve auto c v te <;n-. .e*, le i a ole 

vicine alle Kava.y non aveva mai appartenuta al;,., re u'fcM .cs», 
fecero ì preparativi per oeporvi il cavo j.a s* ,i- ■ \ f gli 
americani con una spedizione rapidis-Piiaa prt- • e., .'.ero gl>. :u» 
gleei, e fecero tr<var© nei; y.'j 02 .& un ut onmsi? a ; con lo atfc’as- 
aa degli Stati Uniti, impedendo all'lagMli>■*, t ^apads o- 
nirsene. 2?el 1912 un Isola vi ai» sa alle dacie .i y, X*ti.;0.4* 
di Paimira, fu ricercata da una società -li navi ;>£ion« ingle» 
sse per costì V-’ v; un deposito di carbone-, cu* *; c«, • occupate 
i'isola da una na-e americana. I-«'leole era gì» a^a.*tep..ta 
*-»a 1 'lag ?*i 1*« ’td. una interrogarono A Kir»ifi'ro '«rii K* 
inglese 'ispesse che effett £ >«££<*« nttf ? * l*È0J.Sfc $. a I' * -4% 

era aiata occupata dall-* Inghilterra nel U 'r' a ex- ist-tt*• 
poi abbandonata per un’isola più lontana ohe pet* *-.* weeer»' 
più utile per lo scalo delle navi inglesi recante»i nei-io Ih® 
diti Orientali. :> quindi o. 4 fl poteva essere occupata &m, 1\ Ita* 
tl Uniti, sansa tener 6«Ho delle protesto dell«unitv i«**» 







tss 

ir- da 11 ^ el& slie doveva a*soggettar»:! a subire la» sovranità 
$•••„ ! la 0 olì Sedera a 1 one nor draeericana. 

'TeU'arcipelago do Ile Isola Samoa dopo una lunga «aria 
di rivalità, gli Stuti Uniti arrivarono il 2 ©ottobre 18?9 
» un accordo con 1*Inghilterra a con la Germania, olia fi ' iV5?si 
va jolte fatto.le dalla easà Godefroy & di una società di plana 
+ ;;icnl ai Amburgo, nel senso ài mantener© la neutralità del» 

■ lo ole Samoa e ài stabilire nell*? capitale delle medesime, 

., , una municipali 1 .«étto la dii*e#lotte dei tre conaoi* dei» 

tre tre potente .rganisaata col sistema del protettorato, 

Cvieria condizione di «ose mirò fino ai 14 giugno 188& 
quando io tre potente interessate con l'accordo di Berlino 
ti’ova^ono ■ necessàrio di ofgenisa^re pii* «trettamente il loro 
rot.ett orat, o e otti tìjms "sul governi delle isole» J?e 1 1898 qu «n do 
?*i Stati Uniti si trovarono i"ntfllé. guerra con la 

Spagna e X* Inghilterra cornine ...ava a a es#er« impegnata neiìà 
.-ucrra col Transv&al, la Germania il 14 novembre 1899 arrivò 
ad urta transazione con X'Inghilterra per cui questa si ritira» 
Vai da ogni pretesa sulle isol-s iìeuaoe- perchè 1«* prima abbondo» 
nava ogni pretesa sulle isole Tenga. Con gli fatati Uniti, la 
Germania apri trattative e giunse nel 1900 ad una ripartirlo» 
ne per cui, tenendo per sè le «uè isole maggiori di Saway e di 

« 

Xpòlu, cedette agli Stati Uniti 1’isola minore di Tutu ila. e 



















isole adiacenti, dove gii dal 1873 questa nazione aveva ot= 
tenuto di poter tenere un deposito di carbone a Tago-Pago che 
si ritiene il porte migliore del Pacifico. 

Seal gli Stati Unit i non solo hanno stabili ;o il 3 oro 
dominio in due punti importantissimi del Pacifica, m:. poeseg* 
gono l due porti di Pearl Harbom e di Fago=Pago t che servono 
di approdo alla loro flotta nel viaggio, sia a tìtolo commer¬ 
ciale ohe a titolo militare, dai loro territori del Pacifico 
alle isole Filippine. 

















23? 


23. . 

Sviluppo degli interessi degli Stati Uniti ne 11’Estremo 
Oriente» la guerra ispa»o*amerIoana e i'astone concorde cogli 
insortiillippini. la pace colla Spagna e l'assunzione della 
sovranità delle Isole Filippine. la sottomissione e l'orga= 
nizzazione del governo. Azione degli americani per 1 istru® 
alone, per 1 lavori■pubblici e per lo sviluppo agricolo. Di* 
tetti della politica del lavoro e della popolazione seguita 
dagli americani. Costituzione attuale dell’arcipelago. Aspi¬ 
razioni del popolo filippino. Tendenze della politica nord*a_ 
mericana e prelibile sviluppo dell’arcipelago. Principi preva¬ 
lenti di diritto coloniale nordamericano. 

{V. Colonie spagnuole e portoghesi pag» 131 * 148). 


le conquiste degli Stati Uniti nell'Oceano Pacifico non 
furono tanto determinate oai "bisogno di colonizzare, quanto 
dal desiderio di trovare dei punti di appoggio {e tali sono 
divenute, come abbiamo visto le isole Hauay e le isole Samoa) 
per la loro flotta mercantile e militare nei rapporti con l'E* 
stremo Oriente- Questi rapporti, destinati a divenire sempre 







238 


Fi o 4 «« i apertsr» , ore imminente, ae: cene , li »»• 

«viluppi aerovigiioao dopo oh, „Ì 

* 1M *“ « «»■ 1 Imluotri.. «Ufth 

turi.rad.gU Stati "Ulti . dopo che, col tnir.eati gJU stati 

Odi.oo, 4» .infoierai tono americana aveva a .«inoiato a 
r lvolg*re l’ornigran ione e lo oepirooionl politiche vara. 1 

pae-u, de!j *3^atr<iao Oriente "s»»« B . 

r<jr R/er © un concetto d: questo 

commercio con ' rt . 

■— ìrients basti dire che aentr:» l'espora 

ttmi one £e é u stati Or,• t.i ir **<- 

•- m A@* » nei 1390 sra di 4 JBili-'fJi 

^ 8t * rline ’ nei Wfl * 9ra ®ftlita a 25 *!*«* tì sterlina che 

Giappone da Ì8&0 ai 1*05 era salita da 1.400.000 a 

*-S-ni di eteriine e che con la Cina ne-/, smesso i-triodu 

«'a nauta da £ a io sii ioni. 

i assira quindi una serie di interessi c-o&:berciali cosi 
!50tCV ° 1, ^ 8 °*triavere 'gli stati Stolti ad a**r* una parte ^ 
' ’ tlU1Ci * deil '®«ramo Oriento . do non pot.ro a»- 
Potremo Oriento suol eletta» di diolntereoeomento 

r ì" - * applicato. seconde u * - * . . 

' B ^ criac dottrina di Kenroc, nelle 

Upép». ;/ suropen. 

^ -d <6ìitì, quando n^i i«&s 

> H — i8ya il <?iapporto ebbe T /inta 

•-»«- v^eira cantre la Cina, K u «s t a*i 

6 -t»i,i Lniti aecondarono l'asBiO* 

- <«. Oorganio, donò «rarau . dau. Kueei» noi oootringo- 

• « Oiappon. ad efchendonero *,<** porte ** rrutti doli, .no 










vittori*.. ru por questo eh© nel 180-i » 13CS gli 3tu i T ?nit-i 
furor , ~&pprUwi favorevoli allusione giapponese contro la 
^uaci** in ci;anto tal® aaione tendeva ad- impedire «He il predo--- 
mini < 3< lisi Eu&sìp- ai e stende asse su tutto 1 ’ imper c » me se iti 
licci e do tac. 5 larvi JU smercio dei>,prodotti americani, e fu 

per l< • ■'■ ?aso motivo che, quando - poi il Giappone erbe consegui 
te ,'Sa . i > tarla molto superiore a quella che gii Stati rivali 
i* • i» 'rie pi aspettavano c- desidera vano, gli Stati miti 
'. '-1 r r f r. r.ti c ' o p* r o astringere il C lappone a non coglier e c? he 
una parte dei frutti della sua vittoria, allo eietepo di impe = 
dire chf ìì dominio cine era sfato tolto alla Russia non pae» 
mi» sa al Giappone con ugual danno pei rapporti commerciali e 
ter le i-.*pur fazioni americane. 

*«e*t . ctur-w.o di interessi sempre maggi ori nell'Estremo 
diente loca ai che gii stati Uniti usassero in.quei territori 
una politica di intervento ohe è in con traete con la politica 
da loro seguita in Europa. 

^asi inco ra.fcv-.iar en © l‘in»urre»ione dagli indigeni delle 
filippine ìipntr' ;:a Spagna anche prima che la guerra fra le 
àu* “baioni •- a-ine lasse per la questione di tvw Anche- in que¬ 
st o * t h no i:;.«-£ t r ai j dal desiderio di aprire » He loro imprese 

« 

ur campo *a:,t : t-simo nelle isolo filippine oltre che nel conti.® 
fientn uaiat:t«o e ne 1 0i%ppone. 


É 














240 


TTel 189? la Spagna renne a un'intesa con gli insorti 
de ile filippine per indurli a deporre le ansi, perché, 60 “ 
sendo esBi aiutati dagli Stati Uniti, nello stesso modo col 
quale questi aiutano presentemente gli insorti messicani, le 
riuscirà tmp osai bile riportare una compieta rittoria. Outeta 
intesa con gli insorti era stata fatta dalia Spagna sulla ba= 
sa di alcune concessioni pecunlarle , e di alcune guarentigia 
di carattere costituzionale e finanziario cho faceva agli in* 
digeni. Inoltre prometterà che i grandi latifondi posseduti 
dagli ordini religiosi sarebbero stati alienati per costituì* 
re la piccola proprietà. Di queste promeeoe ressuna fu mante* 
iiuta* soltanto ai capi indigeni si dette mec ( ' del'* metà dei 
compensi linanzìari che erano stati promessi loro alto 000530 
di indurli ad abbandonare il territorio Allora gli indigoni 
insorsero nucvasw ote, ed erano ancora in stato di i neutre a io* 
ne quando scoppiò la guerra tra la Spagna a gli Stati Uniti 
©conti nel primo periodo della loro campagna non pensarono 
«Ila imprudenze, -che commettevano riconoscendo ai .governi r t ;s 
voluz<cnaric delie filippine e facondo agire ì «®aandante 
detlotta az&$*'icaria d'accordo con gli insorti, c■ -m 0 da P’ 5 * 
tenza a potenza Ne derivò che, stipulata la paco il l 8 di- 
ceabre 1898 con la Spagna e dichiarata la sovranità de,; il Star* 
ti Uniti sulle :.eole filippine il i* gennaio issu 1 ' 










*., J. 


rione di vati ancora più forte. Infatti gis Stati. Uniti UV ■ 

> T*a-* feati-r-ghi ;".rao -vi popolo al ^uale ci ardilo preseiftatt 
Ca3tP lìbera' « Ai3r?ttSi. 

Que»? '- ìO'JWO generavo sali» •..oudv';ta degli uomini polì- 
ì .'«i amari ;*i nel principio della gwen portò a una In cura 
: a»lana ci»e ùurò <,■«.. 3 -.ini a e ohe fece costare agii Stati 
Uni li 1 * cortqaSBt* stelle i.sri.® Jallippine circa aue miliardi 
i- i rane. .Sa il» n* Inerte *«<. g . 1 .rr* »:i ."f-dusse a are ori,'.Via; alt¬ 
iera si pelò i la't'.tti*-. 1 programma dtgll St.-tl Urtiti 

'u -aio la 1 s ii./. liir-jiìo erufeaié e ’-i pr-» ai ha* tu la sovra- 
ì.lì; 1 .issgli SU; ; . 11 ’.i , il pire; Sì-sit-i l'i< «aiin'5 ari i*«~ 

■: iuìiS s. goc<:r»i;«ni • , . iKMtri’is*».-.* dt - U 2 aej’>ii. iu e .;ì ».«•: • '*• ri •* 

.1* govi rad 0 . 03 L!U < - ole do-.-8 va esser* tenute pr -v-riser „tìjs«'tu* 
♦tigli ùcati Oioi' 7 * V-tuì liete dft‘ì popol-d dii U.<# filippina ■ die 
quanti* u‘irvi jler o arato ?ia governo pr 3ju ;.*• swan o sfarebbero 
0t*to impaci Ai governarsi &- sé e cne J* Istituì vai «dmt i*- 
ians a ave vì.qo e a se re portate nelle iaole il i ippica per ati* 
t^arvi 13t popolo « ì program*»» degli Stati tini li- 

??ei giugno dei *9(3£, essendo prosaica la .patii ir ai? io:; e 
■uaplots delle ieo;« fu votata una• legge tisi Coii^v? *-.v> -(egli 
^ìM Uni k \iì i » "'i! la quale bì ordinava un oensimen.o 
Ai> 1 lai p tpei ** ina • <t».l5» il Sippi»*, 0 * »* * ìrt 1 1 v a che. qua no o 


:tpr£a s.ar.3? co&v.ir : : bisatta. coj siaw 


* * 




















. 


j ;neittsnto itati ; Barabba rata in vigore 

.tna nuc^a cobìi tlicione oh' *v al be dai * 11 % i^oie un a ariana 
«otteione •-*! iR‘.i4ùaioiil i-pjir«8untati' 9 , Qa♦*«*•«» avvennà aot= 
to ìa governa -ini rcppre centristi «neritatti <ch» co** * tuivano 
■~" a cosj»ie«ìcit« di otto persona presieduto de quo?- deputato 
e.: 4 . -vagrewe "alt oa? l'u poi per quattro anni precidente del» 
-v --n-on- aaeriea.rtw) , l duali governarono pt*i,*a eoa* v.r. * nanse 
.uil.lts.re aae 'luta ■ poi cc*e un‘&lte direzione di un coe^se» 
o@«tinaie t divenir* ce^pr^ pift a..,’.tlatta•. 

~~ ?i cure dv.-glV Sta-.-: 3&Ì.M rarefo rivolte alt* tV 

lw» po de *i. ri aeree uel pceer * :J &&»t «usa dei lavare. 

* 15,1 -eoo del pctne. gli stati uniti «oc f.r «arano» 

Hi-' * - •* salto doti pregavo A. xm pe* di quei difetto di j‘-r* 
-?nj, „m m va et e tutte- le vita si guasto stat - tanto n* '*.» **.• 
spetto eooiala che ne ir appetto politico. Itesi new volle? 
prenda re crearle do- tutti gli Altri pace! uh* a”i'r« 8 -j «vii« 5 ^ 
p*to a r-peee <SelÌ* propri.* ecperleaes in colonia tropical: ' 
i. ianaglnarose di wr« o un geni? peculiare u* governo 
- 44 -:. -i■■: ohe im»9 prete t tsi oc. J)a o ps re •; 4 >• «U^re e.pp .21 < *.r 

i. ì ■,o» 0 ingegn0 ali*aamlni atra** 0::■<■ te 1 1 .- iretp*2sago sai * "- 1 1 

« 

loro le*»# il priac «aperte«nto di - f - l «ad* àcci oc. e tsctt 0 ««li* 

ooioni-,t tropicali 

Hi deviv* un... «serie di r*3LH.*««U t ci acperliwntl eoct»• 








sua 

ai «U Stati Unni Jura’bhiro aitato «vi taf e se arassero 
>'viut-> -pjtrofitt.^re £ell'«*£iari«njM di Altri paesi» B questo 
non e un giu&Uic ài «risisi europei, giudi *!9 che si «are Ma 
»; w..ut^ o«spottire dettato da sentimeni! di taaleVoieàga « di 
r-:i. iti, perclvè à auto ciato da uria epe ai* li sta in questo &r* 
gtascrii -> t <ife UltjiK! Troiani, .te leguc-o eaproeseoientc dalia Uni® 
k'*T £ : t a 4.\ Chi saga ne I i$?03 per * t•: di ar « le «ecidi, il ani de He 
ìa0i<i lippine, il <juai*t «hn* iti vomente giudi dava ohe gii 
***’ Ar »vaKo easawsso una infinità di errori nell 'smaltii»» 

acrealene di quell*» isole. 

» rnmitSl tutta gli Stati Uniti iracus-giniur «io 41 rigenerare 
a., pepalo «elianto la iititusiatt* di un grande anatro ài seuo* 
lo primarie americana. Mandarono circa duemila insegnanti e=t 
leeORtari nelle isole e diffusero una reta di sunoie in tutta 
It parte cristiana della medesime. Uopo qualche anno si tanta» 
TKiìo «Ita, mentre in una della più importanti sci ositi trepida» 

1* id 11 *2 nghi iter e a 2+ apw&à d#ll ’ istrusioa* era <Ll «ir «a Vi 
t, > dei r«ddit;; totale della colonia, nelle isole Filippine, 
quando il governo era tenute dagli Stati Uniti per mou&e dei 
loro de legati, venir* speso il ZQ % del reddito esclusi ramerà 
te per .* ’iatrtiai«ne, Ma t conte ofeserrava il critico nominato, 

U eccessività della spesa non aigalfidava che la ietrualom» 

* S8,3 ' perfetta 113 . 1 .Ì 3 Filippine che nca a-si poseeàiaumti 











344 


britannici.. Quellajparte cospicua d^.1 reddito ioIle isole era 
mai spasa perchè ai inaiata usi le Filippine unu quantità di 
in-segnsnti che avevano sppana. X*attitudine noce^ la gir iw* 
partile a codoni elementari agli alunni degli Stati f Jniti, aia 
«ih» non conoscav^no una parola dei sedici o dicciasseti* dia» 
letti parlati dalla popolasi :*e dalle isole, Quindi queeti 
aaeetri o non rìuse^Twro a» soia t amen*, a a insegnare fl c insegna-* 
▼ano una lingua straniera che poi non sarrir^ agli scolari 
nei loro rapporti famiglia, seguance uu sistema ohe forse a* 
vrebbs potuto sostituire dopo qua ione gene-'sai One ^llo spagnu»* 
lo l’inglese, Ma c he l&rns diatele ute non 9 c t e v a v "" durr a alcun 
vantaggio intellettuale. Si aggiunga che Xl popola delle isoia 
Filippine è cerimonioso perchè orientale a perch 1 !iue-*to da.'- 
pl$ cerimonioso popolo d *3Sur epa s ■* da guai lo spaginici- Venuto * 
contatto con i maestri degli Stati Uh.it i ? cu*. orai di 
rozzezza veramente americana, prese a detestare quello stesso 
popolo che prima aveva accolto cosse liberatore. 

Sii Stati Uniti si adoperarono anche per svi lappare As 
risorse economiche dei territorio, ma. anche da ausato lato r.an 
mancarono di coaraettare molti errori. Cercarono da sviluppar» 
l’agricoltura e di sfruttare le ricchezze del sottosuolo > 
specialmente per l’agricoltura, non trovarono disponibili tan® 
te braccia quante occorrevano, a opratutto per la produzione del» 
lo Buschero e cella canapa. 















4 


5 ’^ ir, eli geni «creavano di >i ',.«t .;-r?i e ( educaci éu - i;.'. » >P*fc •* - 
t mz x taf,risaio. c•>.» 1 nciavwio -sua *btend■”«*?« l’« 6 ri ' <i . ' 

T. jpaiitre gli Sin ti Ceniti cerMftiiio di promuover* nu 
eultutv. il loro governo seguiva on* politica ai natura A 
*i<sa a omelia seguita dallo stesso governo nftgii ct^ti dei ?*■" 
tgi&eo della Confedera* ione: ai vietava cioè ì’anigfsms*!»» ai 
giapponesi, cinesi e indiani, seguendo un ai eterna le gi. a !»»«■▼<* 
buono si e no per li territorio degli Stati Uniti, k«* r.ott^ 
«attivo per un paese asiatico e tropi..*_•> deve il - tav,J< ^ 
ùc non poteva importato, dove t- lavoro ind*gor -- 

sui Sciente e àoa« 1* làggì esciuaend-ì e lls,tóEi1 ' ^ '** 

toro ohe avrebbe potuto sviluppare il ttu rilo* io. v v<.m>«.. 
questo fataXssnte an uro* «tassi di sviluppo* 

Accanto a quo « t « «annue volesse «su* riva»? ** 1 * •-’* <* • f 
. , «u, ile leggi nella »oloni a, b**so|»na * icurùat e ’ lCR 
disgrafia chs »l accumularano d«; *nt* l gir tot antti ~ 

dagli Stati traiti: fra le altre unii ter-^bU* pe*stiiepà« ■-■• » 
gli animali «Ite di «russe quasi tutu *U anima à dm-, 


; ì. ’■ isonne. 

Guests di agrari.®, ««giunte ella pigri* ù* <»i lavorato*, 
indigeni e ai richiamo dei mede siavi alle nuove cuitur» » r* àu- 
mi'o 1* folti vallone fot riso, pimento principale ds'.-a p*p<-> 
iasione, e, cresciuto il aceto do.lìa vita, dii faterò tuia «uè 
ri* notevole ira la popolazione delle isole, la ou« 3 e ano «ve 
















* Sr * squilibrio sconcate* desiar* ardentemente JL* ,, 

P r *» iudipendonc». 

,ìUa,,,*^^ ..« $•, .»i nericcia * r-97 creare un sle:ente 
1 5 *' M * lt ‘*' :: tecra . & conservatore eia;, .yns 

" 9t% p0liUC0s c - Vi “« * l*fel«aenta .fella piccola prona** 
***** 1 **t*r£gè «otti 'feni. che erano - 

«eaenicani * 4d aitr * ordini* religiosi « che *ù il 

•v-m r*.-.-lui: .Oliarlo a - *a acquietati. Per c chinare U fi* 

n«gvsv‘' anche c -afe Curia Romana ? di qual beni ne 

! *-vatu., p, 7: circa trenta aiUon* ripartendola pc 
m piccoli latti 

** r i'.*acs a creare «ite, piccola proprio:.». r.eA* 
/ina * 4 * ai liuriiita , a& non furono trovati acquirenti per 
esimo tvn^aento cotto *tenJmento dì g* n jrceé* che 
' ' , ,lt ' aun awenoarto fella isole poi * 2 

^ 3 *w»«ri sano faceva parte di un tr u „t dello stacci» 

♦ te 9»*ts lku~ , a , iyA w * ... |U 

..icwssiond dei terreni che, unito *,a costo eecasoiyo 

J ^ U4 ’ t ’ ' V€r " iU * r ****** «»* Piccola linea ferroviaria ni ...... 

& \ 5! " ' •»** *» »■•'« dollari „ ne venne poi 

j ** & ‘ 3?4j ** r ' n, ‘' i t lece scuotere la riduci* dei 

llmn± ml &***** àmrtnme, al *mie erano *o*ae aspre 
etiche ohe non restavano ignote alla parte intelligente del 


f 















popola t ilipplmu 

l'oyo «16 non A da ut apersi, se , pur avendo ottenuto non 
poco. t*6r»efttìi àal governo sete'-icario., l'asse» elea delle Isole 
Filippi n<i mira mia prima ri. ani ine non saltò a mandai v un in* 
*ir$**r al popolo amorican-. invocando la sua indipendenza. Il 
&* legato elettivo delle A» ;,@ *4lupine. #>1 Congresso anwrtca= 
no, eh* b.a iS diritto di prendervi parte, ebbe l "&ì>i li t*t di 
corsaro un* pagina il D, Webster nella quale è iegitt* ata la 
rirolu-: ioha aegli oppressi verso i propri dominatori 

In seguito a queste agi iasioni \l governo degli SV-:i U® 
«Aii eliettivi il progetto rna era «tato appronto r.-r ' * 80 ? e, 
zapo i lavai ■;. del canaiwsnta, isl 1907 Alee in prer.i .•& la nuc» 

’ n ’ cestii oìA> ne per effetto delia quale l’aroipcieu.r > gover- 
suto da v.n g o ve rato t uve generale americane ohe na oto* tenni*' 
r lier i, d c.ui <iuot • - • Americani e quattro filippini, tutti o 
r.-mlm, del pi e ridetti ? degli «tati Uniti. Il governatore gen<*« 
l’ale e gli 'ti© consiglieri eo«litui se ©no la Camera Alta, *m»»k 
t e la Citerà Basse « elettiva è costituita da filippini elet¬ 
ti dalia popoiau ieri' eoo un si sterna di votazione che dà il vo* 

■ o sull-, base della cultura e del senso) al 12 $ ói coii-r^ 
che per età, m un «iste»* di suffragio uni" or saie avrehhrr. 

3 4 r ì. ù >; o di v otar e. 

t« leggi possono megere sottoposte $, • del faagresu 

degli stati Uriti d*A»>cr tèa.. luolòr» s« .... ite dell' 














3J. r;f:u vota., « i J. bilancio, o a: 1J. f. 

fo»*,;* è^iolwC 1 o non ancora convoca.* u t r« Starr boa auto» 

...a.*.osj*:- <* in v.'!? * : . Àoggs del >ilanci» do IX‘«rato prece* 

drnrte-. 

3? ' a ' f> -ats, P^ll ClC o, dunque, 1 * atre. on watà delle 

■* s ’""* *iè * - c ^ppa.j etjsta Phe rea j ■o percJr.i il g&* 

va. jAt or* y.tnaraXa è caia.- icaoo e anali® 3 -api cu d„ carcero a«* 
aa^rieani 

«-n &•■>.. v/j progetta ;i .iSg^c jjè s^eerr respinte» 

d&Us ‘ » •***«•*»«• ••*■•■!.«**»* aelia Casacci Alta filippina, a* 

6aVh * WMl 19 *** «^Wn* P* ausare i*p*<u .a «1 « «3 

nongras-o -i£?U Stati rni:-. 

.-.ut ofccai* lesali sene aa.it0 |>ì« 004? le-re del* 

* ri ' sa "' tl«a par«3ir ornai in tutte A a p^r i Agl araci* 

* L ,/? a * * > rc,, iS-«Ac i or@&«iiArato il g&vsrào pry» 

”“ l '-onsigiso e praei&m&e eletti *4. «t *1 *<»v*xn-o co*! 

* Wiasaa 105 *****#$** ? «»*a<U«o « tt! la SÀIA 1 àj»*a* 

^ ; ‘ w nci pe e. m «**1 m. «» entrici o- 

**' ••‘■‘iTO «i 3 «ft urie politicanti li «artiere conlVJnda» 

-« iti prosinola o dei Comune bca j. icdJL^Ì pe?** 

» anali «U ,’,£u li K ejt;. 3 - ft 

C£ ’^ , ' ao5a *‘ X ' H 'tanaaix* laoaS* ò Hai tata lai .atto erw 
‘■ 4ltu ,iA,ita tt ' 6 «onagriO di danari entra un l’un n .tenario à» 
, * É>,a ‘ a alia 4«t*#iÀnh» dm par*« dal carpa 








2*9 


elettorale e del fatto Che il regime elettorale non è oste»© 

» * 

alla capitale 4ove esìBte un consiglio di ntwlna governativa 
costitvito da americani e filippini. Quest'ultima precauzione 
è stata presa p* f.it^re agitazioni nella capitale dove ri*. 

siede il gover .0. 

At 1 Malmeni» m ironie al problema Celle isole filippine 
e bì stono tre tendenze. La prima dei popolo filippino, cito è 
senza eccezione ir favore della completa autonomia, 0 , per ì.o 
meno, di un’*ut attorni analoga a quella dell'isola di Cut* e 
che per invocare quest*, autonomia prende argomento callo prò* 
messe fatte dagli Stati Uniti nel momento del loro intervento, 
le altre due tendenze sono rappresentale dai due partiti che 
si contrastano il potere negli Stati Uniti. Il partito che era 
rappresentato dal presidente Taft, quando questo era al potè* 
re, aveva come fine il proposito che era stato formulato dai* 
le stesso Taft molto pre-cisemente in uno dei suoi discorsi e» 
letterali, dì aumentare l'autonomia del popolo delle isola 
filippine, man mano che aumentava la sua educacione politica, 
fino a concedergli la completa autonomia. Però non veniva sta* 
MI ito un termina par questa conce sei one di completa autono» 
aia, riservando al popolo e sfi governo degli Stati Uniti di 
de^ritì Mt del come e quando l’autonomia poteva essere scattasse- 


STORIA IB1BB COLOSIE E DIRITTO COLOSHAEB Dietp, 32 




fi precìdente Taf*, aveva il proposito ai rinviare la pra- 
masse di «*tcnoiai& f nel esneo ai affermare cha questa covasi» 
essere concessa quando ii popolo celle Filippine fosse \At* 
abbastanza educato politicamente, a* di aggi ungere, *er evi‘. a» 



re agitazioni inteapest t», che per venticinque '.ut .non si 
dovesse in- alewi sane parlare di autonomia. 

L'altra tenda na» è rappresentata dal pari. -ieraocr etico 

» 

cJd» 4 attualmente al governo col presidente Wilson Queste 


partite, in parte par ragioni storiche e costituì: sni*lì 


paTt-s par la delusicele prosata innanzi ai r: sulla'i fina.'.... • »" 
r-i dal gorarne delle Filippine, e in parte jer un concetto de-; 
socratico a damai?oefee, era favorevole alla. concesiùone ò.i ■•u- 
fondala che facesse entrare le isole Filippine nel novero ' 
gli Piati indipenleati . ©userà dottrina ìia avuto la stia -ri- 
glMi dalla dottrina che il coramir *rio delle isole Filippi'»* 
da *5i ricordato, aveva esposte al congresso di Washington p.\r 
d*****dar« l'autonomia del suo paese. Il partito desso rati L ' 
3JW(|ir*.to sopratuti» dal desiderio delle riforme Ir)terne e 
de Ida fi eri cessa economica, del popolo americano e cura ®ei»° 
del partito repubblicano quanto si riferisce alla politica s» 
rtetm «A a quella coloniale; quantimque poi talora, come nel 
conflitto messicano, la crisi di un gruppo di interessi 1° f* 41 
rhiami *lle realtà delie sose.. 















r ,on sono stati i liso ad ora molto favorercii porche la preda» 
alone non è aumentata, la ricchezza pubblica è aumentata mol* 
%o iefitajpaeni «, e siccome 1 bisogni e -^.e f rate se o,ei oitta^i* 
■'1 delie Filippine sono aumentati molto maggiormente a causa 
aei .loro contatto con gli americani, ne è risultate un scn» 
timento di miseria maggiore di quello che esisteva cotto il 
governò epagnuoio. Per questo il partito tìemooratl-co era fa¬ 
vore? ole a il ’ aut or, oaiia completa dell# isole e non mancava ài 
presentare ài quanuo in quando un emendamento per c v i<. sedare 
]'autonomia delle Filippine.. 

Già questo t>ra stato latto subito dopo la conquista, • 
fu continuato periodicamente tal partito democratico il 
■.uàie . ietera- traendo argomento dalie delusioni di baratte- 
r< ilcìk - t T jaw'.- l «o ed economico deil’eapej imecto usile asc*- 
1? Fi ■ ip, C’.'U . 

;)i ; t.i te-., dar»» però si è attenuata con la «alita al po¬ 
tere dei, prosai sante '»on, Ahefe# in questo c%tto a*, è veriii- 
c«;a eou<» ionstnz • a f la realtà de. a cose sia divenuta per 
quél p*.v. .a p r .wo> tòilshab!!# una situazione che prima 
fiL» -il -.t,.'.*s*rft .-.tì reppcnsabi .'ita dal governo pare va del. 

I J ■ t ■■ 1 ut ■" i \k-i .^bi 1@ .. 

li delie isole *%lippin* chs ora dapprima 

c "os ì oc ra -l ». 1 p a r fc i t o dea» ;• ©rat a « o carne una pari# dalla yc* 

lit.tea degli Stati Uniti che non era riuscita a eh# ara in 









contraddizione con i principi del diritto fondamentale nord* 
«•trinano, apparve pai come tota parte dei dominio imper...xi* 
et* nordamericano darri vanta da quelle condizioni di t..-poi*» 
mento, di espansione, di commercio e di interessi er.jr:ornici 
dal quali nemmeno volando gli Stati Uniti potrebbero prescin¬ 
dere, 

Qttiról è molto probabile che, anche quando il popolo li» 
lippino sarà divenuto capace di governarsi da sé, e anche 
quando $1 nwuero degli indigeni sarà andato crescendo negli 
impieghi pubblici, la massima autonomia alla quale potrà per¬ 
venire sarà quella alla quale ora è giunta l'isola, di Cuna, 
ciuè di essere un satellite nella costei Iasione della pc-i' - 
ca americana, Fd è tanto più facile che questo avvenga pe. 
chè, mentre le condizioni delle isola Filippine diventerai. ■ 
certo sempre migliori dai punto di vieta economico, la co¬ 
scienza pubblica della popolazione nordamericana a nòrd 

ìc^ limatando all'idea di un uominio coloniale degli Stati U~ 
aiti sulle Fi llppi ne senza ì * aut on ernia de il a pepo la?*; 1 one c ile 
le abita. 

Ori gir ari smette la grande resistenza che trovA X* -Acqui* 
sto di un dominio coloniale da parte dagli Stati Uniti., i‘u i 
substrato dei principi di self gouvernement che erano deriva» 
ti dalia dottrina in base alla quale gli Stati nordamericana 
avevano combattuto la loro guerra d* indipendenza, princip- 












253 


caloghi a quelli ohe orano diffusi in Italia pria* *11* no^ 
etra guerra d' Africa. è 

A uno Stato fermato, carne il nostro, sulla ìjase *1 prin= 
cippo di nazionalità pareva un sacrilegio 1 * acqui »tst> -‘44 ter ri* 
tori altrui; e uno Stato, come quello degli Stati Ubiti, fon* 
dato sulla base della volontà dèi popolo, sul principio del 
governo eletto da quelli stessi che «sveno essere governati, 
respingeva dapprima l'ictea di un domini© coloniale. Successi* 
vament© il concetto dalia ineguaglianaa delle razze, il concet¬ 
to dalia necessità di proteggere i diritti economici degli Sta* 
ti Ohi ti anciuj ai di 16. nei territori propri, e del vantaggi e 
c.as deriva a un popolo inferiore dal predominio di un popolo 
superiore, hanno acclimatato gli Stati Uniti a questa nuova 
condisicn© di cose, e 1"interesse e l'utilità hanno ric-dndot® 
to anche gli v. omini peliti ci degli Stati Uniti a trovare una 
farmela seguendo la quale pòssa giustificare! anche il dominio 
imperialista degli Stati Uniti senza che ne derivi almeno app&= 
Tantamente una contraddizione flagrante coi princìpi fondamen¬ 
tali del sud diritto pubblico a dei?» sua civiltà 
Commerci e esterno delle filippine : 

Esportasi One 150 000 000 di franchi, metà dato dal canape: il 
reste $tMi6i esclusivamente da zucchero e tabacco, 








2:4 


— 


Brevemente i possedimenti degU Sta' Un. ti 8 i» ■* 

<as», z? vz ione prlit-iw si possono ri&SKUJaMre cosi 

Alaska. Non territorio "tì senso poi.it . •■, o.à . . ■ 

;o se: a. v-seenblea rappresentaiiva e senza costituii . dover 
nate dire'. tane et e dai Congresso a Tasliìng . cu amami strato 
•uà un governatore nominato dal Presidente degli Stati Uniti 
'jutìt- c ..-mi ed assistito da segretario, ispettore generale ed 
a-tri vifioiàli. 

SMIjf. lai x’ Giugno 1300 territori* di Haway 
gisic tur . di due camere : Ber.ato di 15 marnivi e'.e t * r . r 
anni, » Cm-ise» «ex Bappresentanti di 30 eletti per da- *r ■ 

Seer oni bisuntit di so giorni. {jovernat r -re e »s(.;re 
nati pe: .ut* tre seni da preuiaente dei; .i 3 ati aaita 

Por* rico Atte del Cor r, a. ' 12 aprile :$6* 
nceci to come atte £ ìftgg® or manica» emenda', o nel i-'OO e S» 
©♦verno- rs..-prs*s*t«ti\o. elettcm* ai « .rtsdiv.i (po- f >.? 
amo -t carri '• Governatore s .oneig.: e saluti s' . atsor" -ani 
indigeni- di nrsist 4sl Presidente per 4 anni ; cantera dei d 
- 10 tati • 55 1-ft- par ogni dlstr-u ' .0 eUti -raie ’ 

8? * ,,J t •' :* r a,, li ai. , ■ Coi.dt' r» * ;... - «. 

ti Uniti - •■. tjte ;=ae no- Congresso arààh.jBit ■ • Ve » 0 

ds - . v ,-nat : r Pregi; ai aumento ai elmesti rappr^ssc*-* , 
•/; ? ;. •* ■'.•nc'.ft : . ' afe e ìiliìttiv» a® Ila oittactinansa a tutto i - 

.•* j w ?<.*• -.or o, 

4. ^Uipine. Governo eivie Governatore generai® cin 
















£56 


presidente della Commi sai erte di governo r. otte e eterni sparii 
(4 ai.ee ridoni e 4 filippini ^ Cojbmì salone eost ! tulsce la (là*** 
aera alta e la c&tsera elettiva le- casus r*> c« >aa del.: laa&sstHea 
legislativa {<ui 1907? Quattro dicasteri. Interno, Finanza 
Giustiaia e Commercio e Pollala, 3 segretari asse osili e ■*• * ia 
li-ppiio, 36 pr ovine te : ogni provincia ha un govern.it ore eief.« 
lo daj. popolo eccetto ir sei provincia 730 c0aw"i con aut 
n omi e municipali 

5 , (Juan*. Canaandante della stasione navale & anche S°" 

» 

vernaiore. 

#„ Tatuila. Governatore americano con potere Incielo'. L 
ve. Sistelea del protettorato ammisi «trai ivo. 


i 










24 . 

I * 

Il Giappone negli oVbiotti vi della espansione coloniale 
europea noi Medio XYll e nel -secolo XTX. Gii obiettivi del* 
la • scattatone coloniale del Giappone prima del 1900 e dopo il 

V 

'1S54, la tr anfora azione militare ed economica deH'i^P® 1 " 0 ! i® 
■viluppo della popolazione e l'aspiraziona al possesso dei vi* 
torritori continentali, Lw guerra con la Cina e l'acqui* 
-fliVfr di formosa, la guerra colla Russia e le cessioni a Sak&s* 
-lift e nel continenteIl protettorato sulla Corea; il suo 
>£ttoiXtippo fi*o all*annessione-. Risultati dell’azione coloniale 
,gi appone se nell'isola Formosa e a a S&khalin Carattere e svi* 
IujIjo dell'attività giapponese in Mane iurta. Difficoltà della 
folfctica internazionale giapponese: i contrasti per 1 *impero 
--del-Pacifico e per il predominio de21'Estremo oriente (T- Cor» 
,«o SU le Tre Questioni d'Oriente pag, 239 = 3?S> 


t XI Giappone nella storia delle Colonie e nella politica 

/ " 

Stasatale deve essere considerato da due punti di vista: da 

B a- j> " m * 

- fdMSto delle sue aspirazioni coloniali tenacissime e da quell® 
da* t 4 tl$ 44 lTl ette ripetutamente sètto stati fatti per renderlo 
. astori* «1 colonizzazione > favore di altri paesi, Mai si 












257 


diri! vìi' i's v rjsti.* i<; , ■ ■• -■- 1 ■ 

! 

t\n 0*et;). ■ ■ - . . * : ; 


■ de :tt-c o *c X ' 
n: ; i. ri : r. *• :*«& 




■ j-j ‘i . " ,* r. K t »"■ 


Optici’! 0>c. • *1 o 
d« i > p' 1 ' '• • i. * > 

è ai'T'.'n 'j q vi . la in evi 

torre .la i ::»«■> sìui, r v 

dava 5 : . t .* 

din:; dei pa«» ■-•.■ • - 

r.r :, »• >■ or .ve o. 

j %*. /ingoi ?Cy|jilii 

o'-J .5\i.p{xwi« um» 


. , o,., • «1 ' * ‘C-Yj'- -Vè 

u: "r.i ,u:i ^ . ?<&*•• -• ?oc > {13$S ! 


v gli . 

■ ••’ ,-•■ iwj »• nod 1 

1 

‘ in- 

£ 1 3'.’. 0 

n.vr .• ■ i •TV ' 

f* 

v ^ 

on 'ycevy,, 

n&r *■ 

s 



ìf* 

t - ’ *«J> C ! 


I» 1 f 

-A V . 

r , ' * 1 .. v. V • 



xfi£i 



li 

■•• iic*. t c 

* '1 h '■ T: i.... ,?C ■- i il - 

©r 

; *3!i0 ' v 

'.cito d:i 

- . bai ■■ , ■ r *’ i- r - 

a v- 

*■ ■< v : : a 


c 3 n u " @ i t j r eaO ój n i h 5 , ■ 


■ajjsa 


:••». i. • 




re 1 . nua swyrtì.’;w,i& 

Il libro ci Mat ■< enne iiase-n* 3 aa* 0 ye'r circa -M*t 

s*mii , aia nel 1400 vanne dìt'.:uL--< od ■’ - non poejpt par :.e nel 

■eusci iato p. 3 eni i«vic:i 3nst x dr'• -a- noi 

1 alla. epodi* ì etn - or n- l 1 À* i-drc . C- ' Ansi a*i#.vi i»“ 

e#.li iìaartàh nsil*i8‘óié. r 84» 0 : v.-vdor «raa*;t ‘.. 1* . 2 »caro 

ti Q • • ' 1 StX { 1 " iotd ik • « c. ft'Olfc <ip i d*^ - * ^ 

«radette ciac £afuse «...vu", -Ila use;ade^* «e' :? *.U 

.. -. ■ ■. ' ^ .... . ax da.. 1 '’ *? * 1 ia* di £ £ e r vi a la 1 «r j - A o-.* 

dò . j.- vi- ; i co".C' éui f..a a *•. ì ■ K6l".& avkv.,;, ■■ oiì i. al tr 0 


STw„*, d-'Z-OSlAli!: 











Allora ai $fcY*c un pfir:. r-do cii attera ri&uaràc a' • lappone 
perché al e «egire se ttiis an «ra .se ila <u .*rr& desiderata s 
che un .uovo -ci; r;i etat<« serper'.u ca Colombo. Ma 

.T:r. •;&•■ fai or . -.. "Olanda », r^anii- -.«n aiaic^ia 

ci c&srsniefci. :-n. celi r.ww par .u. viwst» via aSl4Ìa Spa=. 
gn» e ou 1 Por r oga ì li 


Verue i* aie té de J fecole JfVT* ai ’r/of- un ambasciata in¬ 
glese - Peoni jì . »vv nnc un naufragio *. aar -*i*i portogi**** 

e. ri ’ìuor. •.-• •. .„ :. a a uv a v .- ••» i> - 2t ' : ' :U46 bUO= 


•'.v-. .-.Ter ,, iti. . . eia. vie 1.5 * tc-ppfnHOi . - *** v 

■■■X potereao r, ;»r«s '**ie .ors UHBtì J.pu dare • ofc * 


-■’*■ a ul viipQii^o i: culi a ve va parlato Marco Pule 

■ 7 ti de- ì*fe- i che ditto#trono cotte 11 ...-cpoi gì poono-»- 
fessi ■ . opoi> diverso 'la quelli cito re? k , iron' c-.■.•• .per*- 

.; ,; 0 tri popoli, e quss yuanac x porto?? 

rhc-ci *. -mareoo .»« 1 1 appone per stipula'* 1 - :*•#'• •■•*- ,u 
ci< 'et tona- . 4 .. i «ilo gl analoghi a quali- tenu*. I- 
Qii . r.r cy«troaò che le irmi uà* loro regalate ai ••rane: a-3 «.»- 
plica'-- j giapp.'rioei xvevajio studiato quelle ar«3 llt *’ “'** 
• ? ano fabbricate de* le altre, ed avevano . osti tutto un» %rwv* 

uà;. pi 

ahb&stanaa torte por poter resistere agii sur 

Il Giappone si ‘rivelava cosi un popolo capata anche !,e •* 
contai'0 con popoli di civiltà diversa di uni tarli ir 
da poter ss Ivaguar dare la propria indivi «Sue. tà e in tiyen -^ù” 




- 







Il «carne relè por t <*- 

tu ■aol's; atti** !•- -aue) prò ' 

■jencaatr*v# nel por'.' ;f •.•.•- 

: • e ingranai* v- v -' ma, 

Ic-gìr ,1 u .*. ISmw'v 1 -1 eeouert 

gr- vjjiVr. joiidop ; iCif infinte 


degli «pàgnvoii nel iJìs-p * 1 
" «* • • • - tfeJì&dì't» Ri 

! iÌV>’l • .Vi ii 

. «e |\' Uitfii* tólJM, 

xm ' » Porto** 

't-i •, v ; ì#r.d©@i > perchè 


<■''»,*-r ; ; Baivi., • ip jM-t ' ..fc- • fe, 1 : ; •■' •' i•'•' * ; 

a-.i.Mì lai ìj 80 al .t-r-.O ar rv .;U’- 


a .il* •.» guaiti c^ 

«w a ?v: tcgal-U Ma 


.j 1 : neper cr»ftr"'H'i .,-a ,.i»k-'- 

ièfei ■* iTttinc *ìw on. » n«vigare p#J •■■ >?»*• c *. 
«OJ ip£gm»oìi . Ktì &.XIo:a, eli» gli 

«hic>* »•¥« J,ar ©no -•■ gii.jsp conti SS** fe -' or J - 


v SÀtittU* > • gii o !«•«•* 

p- ìì. , feremio cen¬ 
ci jLtaàt? ti . dì S - 
di tnif f \v$ !••■“ :, "~ 


ghese in mt la p&i Dì Appone si trovactscr* - delle acci»? e d. oh 
c<Kìy»rtito giapponese con xa vii mi erano svelata !■'- c-cndi, ‘ " 
ni militari ' Diappona e e ne contener* t et t*. -a .. ««aa Ua un 
cojupjo;. . . per novi*- « - SieppCm urna colonia óclla Spagna c 


d©i Por toga Ho. 

Ot-f" &ì;; u 1 or 2 glre d. j la. tic vteeia*.-e d«,o • .«. 3 » .... usi «5 
dei . <y" »*- de i ito »vtkUs .«■?» di % '■ gli a.ì;,u, ;■ 

• par c..A ìi Si appone -u oleU.ttO dal lei ..vi . : ^ .-l§ 

s ,.l paesi»Aggi 0 degli strana eri. La *-,•.•»ni«.*. a o\»s;< . àe».. a 
»|ì«i.gnuoli * a©i p-v •. a&ii&m ha creato i« jM 8 .it c a ; v .» ;»cii'-geti 15 * 





tur ÀI* 


— o Oriente, o * se a oìii-udt. - ^ t-V i i * ,r - 

< 3 ia eccetto Canteo., tr<. .-■'. jra<.v» in uac 3t& w t.' •••«•'* 
^.. .= cììs prima aveva #■>' t > icn tutte le **ra/us i= ai 


i * SiJkP** 
■dgua» 


liana* i e armerei an ti ut *m e r 

r<o©-! u Giappone de ’«• una sMotiU *i*« ¥* **•' 


;i colonizsivtrici ù-gii Scali 

Sei 1354 una. «quadra degli Stati Onit . ' )bi gava il Gias¬ 
one a riaprire i suoi po»’ti agli stranier ?®* rye a,i ui& 
la resisterla dei Giappone non avesse tfutto ,;i -~ proroga.® 
due secoli e nesso la sua attrasl -vie n-r r sita de il c0 -"“ 
nizzasione e or open, xa con una dut t, .viltà lessi e d*. <*▼* ■ 

niaenti esso riuscì per altra guisa a di tv. morsi e a -^jescr* 
varai dalla c eleni zzasi one europea, Di fronte tu d- oi 

fesa degli europei del la 00 il Giappone 'si • accoglie *a in — 
attitudine difensiva, ai fronte xll* Imperi» sismo del seedi’ 
XIX” si preparo eoa un grande sviluppo militare e conuner siale 
e fare punto di appoggio della sua i et razione negli Stati li¬ 
ni ti e nell*laghi Iter r&, a invece <it dedicarsi agli studi di 
carattere letterario, diede» la propria opera a rifare tut-o 
1*organismo militare e uarit«imo e i.i viabilità, a innestare 
nodi» sua vi .a intellettuale tutti i frutti $3 1 -a .-e* e ricusa 
e della scienza europea l. ' quanto aveva di tecnico e di *tto. 

Q os la r -api diti di qua sta trae!' oraoasi i a so , nei 1 * Q * 0 e n “ 










z&x 


trava il rii accento delle sue forse militari, U 

riuBci a pi snervarsi dalla coloaiszasio»* eureka. 

«a -neh* primo dei primo tentativo di *u«ta colemia 
.iene europea aveva incominciato ad affermarsi un procedimene 
ti di colonia -6 a»ione attiva da parte dei OiattP®»® nei terri 
tori vicini', i cui primi tentativi si riscontrano wll* 

ria leggendaria e nei litri sacri del * * cui 

tua* .caie si 3m nell'ultima parte del secolo e nei primi 

armi delusecelo XX 0 . 

le aspirazioni del Giappone ai territori insulari e pe¬ 
ninsulari vicini al auo territorio, datano dall otta*-. secoio 
dell’era volgare e anche in quelle allusioni eie ei 
nelle cronache che datano da questa epoca si paria de.le ab¬ 
rasioni antiche ohe invocano la sanzione del tempo come dimo* 

strepa* della propri, legittimità. U * V *** 

ricevute la propria civiltà attraverso la Corea dal Uvit 
cinese, ebbe l'aspirassi ©ne di estendere su quella regione il 
proprio dominio, tentò di estendere ii suo dominio neU- 
vicine„ tanto che l'iaoia di Bakhalin. le ito*» 9ili0Ì9* « 
tutta quella specie di cortina insulare che arriva lino all'i- 
niaió della Polinesia, hanno costituito una i ertissima as¬ 
trattiva per il Giappone, 

f. rendere più attive le aspirai uni coj ->n ali *tappoo« 








contribuì sioltiastfco il grande avilupyo -iella popolazione 
Il Grifi'in, olie forse tra gli astsr icande nord conosce me= 
gito il Giappone, riepilog' 1 ' tutti gli stucu che eeno stati 
fatti nu queila (iasione dimostri eoe la t'r inòe energia del 
popolo giapponese dipende aa* cerai oompos~ ■ delia sua 
na: • n a li tè lo si dice un popolo mongol > c o, tua - un popolo 
c i elementi. si sono fasi con glj. e lamenti autoctoni e con 
gli elementi caucasici e salasi, elementi, dei mieli il pepo® 

10 giapponese è un risultato siate'le— Restano ruttori dei>U 

aborigeni trovati dai giapponesi negli ainoc? di 'fi Saa 

inaliti e che hanno tutta la caratteristica ooi popoli cito a* 
bit ano la parte occidentale della Russia. Il fatte delia so «a 
parsa della popolazione che un tempo occupava tutta la parte 
settentrionale del Giappone e della cui esistenza ruotano 
traode nei nomi dei fiutai e delle valli del Giappone, ì quar 

11 hanno tutti un significato quando sono latsrprsiati nella 
radice ariana dei loro noate e non ne hanno alcuno quando pone 
interpretati col linguaggio cinese t prova eh© .il popolo 
ponese ha trasi ormato la popolazione primitiva o meglio che 
il popolo giapponese t risultato dalia fusione de I la popola* 
stimi e primitiva con quella immigrata. 

we s derivata una raasa composta la quale 4 cerne sempre 
**OV nella compostoione del to ha potuto riunire lo 











qualità e gli elementi delle raasse da oui è risultata. 

Risultato esse medesimo di una colonizzasi one, ^on - » 

tinua * ut tarla nella, parte sei t*»r ri onalé ■dell'isola ét T *«*. 
U popolo giapponese ha petu* 1 sviluppale non * oXo etfltudi» 
ni diverse dalle sue con una certa adattabili*à Intel letica 
Je iaa anche attitudini coloniali ielle quali, ma in aj.>ri 
sensi e per altre ragioni, il popolo nordamericano piè tardi 
aveva dovuto fare esercizio n«: popolamento del suo terrìto» 


ri», ouoeto spiega perchè il Giappone xosoe tanto a>.i. j aw as 
similare gli elementi della civiltà dei p^po*! -on . . r .u' 
trava in rapporto e come riuscisse benissimo «•! la colobi * 26 
aic-no dei paesi che venivano sotto il suo inaiato. 

Soli*opera coloniale del Giappone non è tanto da studiare 
gli ordinamento politici e amministrativi , quanto le attituài* 
ni Èira conquista, all '***?» 1 Iasione e, aopratutte, alla = 
lupp economico dei ter ri t or eorujuiatat/.. 

La prima -ielle conquiste fu quella de 11’in ola di Por» osa 
che aveva appartenuto più nominalmente che effettivamente alla 
Gina, la qual» 1 -aveva popolata con «migranti cintesi. ?»»' A * 
vola, così chiamata dagli Spago voli per la >ellea*a de* suo «*■ 
spetto e por la fertilità del *u»I : ** •» s-ata popolata da ci® 

rumi apeoialrs.cn te in quel peri ode io oui la ditia-c *'=ance *e 
non era ancor* in possesso ìncon toc tato cisius viti* 



























SH4 


Molti fautori dei leing si riparavano in quell*isola'al* 
lo scopo di organizsar»: uno stato indipendeftte dal 1 * impero. 

è 

Quest*isola è un campo . c r ».*zidne perchè la p »p ciazio» 
ne indigena ira restata ne 1 li più assoluta Viaria.■ le e ir» -ina 
condizione di indoli* o stato selvaggio senza obbedì-’"e al o* 
Terno cinese. j$u *er 1 anarchia eoe regalava tra la pepo.iasione 
Che la Cina si adatti di buon grutio, nel 18?;> a cedere ai 
Giappone l'isola l'isola dei Sesootor.. 

In questo periono circa, Tenti anni il sm. c~ so de t« 

1 ’ esani n 1 strazi one c ol on ia le gìapp ose se è si ai o c tr.p iti f . o o on 
solo dal punto di vieta economico, perchè 1*isola sta ~ , 

pur avendo sostenuto la spesa di una quantità di lavori pub* 
bliei, ma anche perchè la condizione de 11* isola con la t r 'a»£or 
«azione ecte» amica della popola»ione cinese e con l'aesoggetta-: 
mento della popolazione indigena, è stata del tut* o mutata. Il 
reddito dell'isola, di due 'milioni di yen nel 1396 è salito 
a 130» e il govsrno giapponese esercitato a Vorace* da n gs» 
rematore generale, il quale governa l'isola cose una iipen® 
dense. che ha una analogia con le colonie della ao? -n& inglesi, 
ha potuto ridurre da 160,000 a HO 000 i fumatori di op io, 
ha potuto svilupparvi la cultura della canfora, della quale 
l'isola di Formosa ha quasi il monopolio nel mondo, ed ha pos 
tuto ridurre quest'isola, una dell® io ole piti pacifiche del 
Giappone. 














tfr* 3 


C' b* n«1 JMsoh di Foralo** . u -tt wl»? «i prò* *pd vicario 
alU cesta de.’ - . .ori :< eia*-.*;-., .tepido al Giasone 'ina «'ondi 

«ioni ul ùomr.ic »«. «una p-utr 'Stremo Orante, *1 

r ; . pò -i* ;, n a» ' J, ', if*». ...Il a*. . il * X ? Jflinf COlOTSxS»!» i 1 e. f. 

tt . . ,-t Kì a r i v,». • n*±v i' ’■ di CJO'V'., r.e la e" ueir itela 
i- j.j.kha 1 - • ne. ^ Kanr-i.•■-•la. „ ri. il; ^nàie ul.^aa esercita 
la sov *4ni* > ?* con yr ai*.-.' it jv, « .uot coi tiito e*. t ; ~ 

f0Flo it ••••- ■ l N*eH r ***** ■' 

Ir t'wirr*,. - ai ' i’t '. ro»*. .ri ne.. r»$t 1 t- .la U rr * r 'a set 

dlonal'. 

ffsiT2?»oìa ai Cor** *o)'i.-a«Soni furono vii oonquist* 
sin dal pria 3 X irrorai i i'o S►.«*,«• e »e ■ ‘ J ir 

io "; •»* h ■- crisi che trsr< i-tiè il »n una (.'prede •** 

n> inring*- * che u «otiti tuit; ^ei e ove me effettive ial 
ói appone S--hogun, .. vai <iv rar^no v ino al ISSy, tanto 
Yd.ih.; sili <p».nt s ja,t»nn 2 he ruro.no 1 ti" j.otanti 5 '* questi 
S‘‘'f'-in doli.. rèe*'- d Solv-na^a t epinfler » io lor o eor^-nist 4 
la C ' -'C'-i, -v :«> intendo oli* il dss- in del Giacomi <-r< n-tòi-' 
i ■ >1 ; gs i -, tu- è &t t, r a v orso a 4 uè I là v « g 1 >**e an pente tra * 1 su 0 

V -c fi •;. t : 10 v qù*1 ■ » C :nor • ■ 

Dopo i.1 ratino di Ye^un*., il Giftj;- :ne, al:'.u»oe.. 'n un - 
4 pnn \ «* •„, r «co o$» 1 i*e nto fin da ! IftS 4 , *ar v e aser dì .r.v n - c ■• n 


Sfi RIA TS2MÌ; COtOSPIJ t DIRITTO C0XONI KtE 


TV: s 














quefa Rapirà' t^ne, fja invada la ’onssrTu? j con-? de ■<$ far»; 
qualunque popolo f orto 1 a quale devo * anere in cuore quello 
che vuole per lar io, senza dir io, noi moderi* o in cui gli è 
possibile. Quanta occasiono presenti a ! Giapponi'? ne - 139; 
quando. dopo ,na specie di or ,ìo*r ■ ni * colla Cf*"a ne : 1- paniBc- 
la di Corea, riuscì tiri elimonar.■ l'influenza cinese, Molla Co¬ 
rea il Giappone av»va esercitai la stessa aai ne e-sercitata 
degli Stari Uniti nei Giappone medesime nei 1954, quando co¬ 
strinse nel 1376 la Corea ad apr : si al coiamorc ;. e ir -!■ S'-ra» 
n ^* r ^f stipulando un primo trac t ; ..t-5 che fu seguito à-< quelli 
delie &-Ve nwiw t ‘r : ie quali anche dal!‘Italia del 1976. 

La Co^ea ■»»•* nte*r. sotto 1J predctainLo dalle Oinu. e 
u«3to predominio ?■* i Tostò n-^lle sue pretese non appena li 
Cor« t *’J schiusa ij c lamerei, o degli stranieri per ope** -, de' 
^lappone. Se nacou» una r}v»i** & *ra la Cina e il Giappone ? 
questa fu una delle cause del ’a guerra cino^riapponcse ohe e Ir 
a L ‘ ^ lRe di "J conoscer e la Corea come uno Stato in dipende n- 
te in cui il Giappone continuava ad esercitare una notevole 

influenza che era col legata alla sua emigrazione e alla sua 
i n flue rm & eo on i # a. 

Eliminata l'influenza ci none, ai manifestava sempre piò 
t. tento 1 inf ■ yen za russa, scpratntt o dopo che .le. Russie* srv* 
va potuto ottenere che una striscia del 3ll0 territorio della 









26 ? 


r vinoia costiera del territorio doll’Amur venisse a toccare 
:.* Corea. Quindi il Giap one, quando nel 1696 volle, «viluppa* 

"« da «ciò qu« 11 • In f Ine n a a ' a quale a >. *.■ vu t oli o di me7.sc 
l'Influenza Cinese, sì trovò di fronte alla influenza russa.. 

fu questa la caua* ^ ila guerra russoargiapponess : fu quàj - 
,io la Rus.-ia volle spingere le sue ferrovie nel territorio 
iti; 1 la Cerea per trovarvi un porto ver tutto l'inverno libero 
a*i ghiacci, fu quando l*inliu«n/t russa prevalse alla corte 
ii Seul e quando la. ausai a tentò di ‘arai dare lavori e con* 
flessioni in Corea che ia crisi dei apporti rusao=giapponesi 
vntu -allo stesso punto culminante in -■ ■ «asci anni prima ti 
orano t s ovati i rapporti fra il 0‘. appone e la Cina. 

B-‘ l gennaio del Ì904 l'amba sciatore giapponese a Pietro*: 

.'■ cria: ^va ode non intendeva piò trattar® questa questi o~ 

■ per vìa diplomatica dal «omento che la diplomazia non aveva 
piò nulla a che fare. 

Ciò e ù ui v a le vh ad u»%, di c hiarea i cnc di gue rra, 

Li- n: v* _ ■ine.;i aggredirono quelle russo e fu icìiaiR-* 

- ìAta ; ,ucr fi. i :\■ iol •; on l'esclusione della Russi.* « '- 

- A Cw. r ... 

d- a ' Vira un periodò ni tempo in cui il ciaf per. * 

’•»© nel’U Corea e .dà nei 1900 veniva imposto alla Ccr a 
1 ? pr.■ t»?1tor«-to giapponese. La Corea oontincava ad essere li- 


















dipendente, ma era subordinata al Gìapuone, tanto è ve o che 
ne* 1906 vt iu una specie di conflitto fra la Russia e il 
Giappone perchè 1- prima pretendala che il su*' rena5lo a Seul 
chiedesse l'exequatur al gov' ; r;i coreano un z 1 ih# al rerìdente 
giapponese 


Dopo un lungo periodo il tentativi diplomatici In Russia 
si adattò a ri con macere eh? I * exeqiu-tur venisse dato dal rap~ 
presentante giapponese. Vm perché la resìstanza della nobil¬ 
tà coreana er», per quanto larvata, molto attiva, e perchè 
il Gl appone trovava quale/la cui liceità nt13'esercitare ì kuoì 
diritti ir. Corea, il £0 agosto 3 910 questa veniva trasformata 
in una provincia giapponese. 

Quindi la Corea nella su» conaidione attuale non può con¬ 
siderarsi come una colonia da* pun. u; visto ~el suo governa, 
mrl soltanto dal punto ai vista d-.i pr v ve disienti economici 
presi dal governo giapponese por a Beimi 3 are la Corea al ‘ •• c-m* 
a idi ani del Giappone , i o bì ' eh -- nor itile «iw-e -d» 

punta di vìst.. etnogr*.. -co pet ,tó .. . . h*. una tv* *>ndu 

...apóiaaionc ’u qu»le , tr »•*.%. ad-/ i-*ped , t.. .-a «uà e**- grasi oh* 
n« il America del Sua, de i Sera, e nè il ‘ Australi a r le ve ri r«;"- 


S'-.tai flvgl* '.Iti 1 p. .est ai oriente. Q:. ìndi 

uà** superbiei 3 »; 000 Kr , ^.o <., 

13 000 00.0 c ,;.bt tanti, può -d.-r* radd v ri . 


a e io la Cere.- 
-* * oc»' di v • 

-> u*.. C. O ; 














r À r >.) 


/ione .da un'abbondante .ni.-.'.riva Ione giapponese. 

t * n It r o territori' de 11 ’K » t r «ai o or i e ni e p on 03 du »• a ■ i 
telo ,» rio luto .41 sovrani':.» lisi Giappone e >i-ve »juamr vr«.-.? 
r J ,fluitai 1 eoon calci s di pop 0 lammc n • n a.* -no> iaeXtori- r- 
vanti , è anche apparsa ì *at i feudi n.. color/.'.«a".r i.se dal i óp 
lo #>'..•* £ì; osi »-•** , 6 la parte ««ridi '**,*!« de ! i ‘ ì.r ala dì S-V/n. 1 ! 
Oua»t a appari iena u Giappone fino al V»7& « fu al ri . 13 . 1 - 1 : 
alle* Risaia, ansi* 3 # con le isole KurIH, pe: un ì '-si nno . 
fiumani o. ìlei 110- i . <5i*j. pena pre*»st 1« ocs-ii za* .. 

I 4 isola ut Safcrhàlin sia ;, per '■ in: »r ven- - de pii «'. 
il, 5 v«... M £il iB**nife' s >ta vano la ; or r i ».a ini Co !.. 

i i i’.rPpiUO 4ì 1 .•.■■■ on \e nt ir -s.' 0 .. _ ì. •. ri ■ ,-ìc-. . ■ 

A*t ; il Gì'.■« pponn ir* i.jue«ta parte te-. 'la :« a- * 

it ; ■ o.-s-ti ; -in addito -il ?0$.»000 yen ne spanda in i 

»• 'tei * di mi pii or««erti3 *• m 1 .1. ■. «, *». . .««-.••■• n 
rs-*ripa a carico dei d ,'Mvni o # impone t»« 

In «>U~ ' ì i? 0 ,et •' . .**•» ■, .« 0) '■■• 4 3 lr-5. •• ■ • • * ■*: . ■ J<ii • 

•i ■*, .trine dal pop.»io s-.-.-p y mecs orrav ; /' ;-u 

tr-n- - ■ -.sii..’ . ■•m,:; ... - . Si , 

» ’■)' * f*U3'^ i - ’ ijfl, tiù ,. : : >-■ ' ’V * L ■ , 

ni «f V.I M :• a A * 4 . : v . . ‘X\ 4 £ 

* * . i"- •"* " ù £ ■- 


Ki’v A ■ 













£0 


ab e ; vi - 6 tu, a.- sotto» ;o.\c t nei riguardi de. ra= 
a jou li* ese-'C . ;o di Ila pesca, quanto era poebiMle di t ire 
in cordizioni di clima così svantaggiose. 

«r:por*B-.-a-aente il Gìt-pì'/one acqui vt»va ur.a «ari.- d. 
it i ne >. & M«tn«iaria, dirla ; m j. arte economie s in par* 

oriaii cu. destituiti da'* la so/r&nltà, perchè eretii = 

i diritti de la. R> j .4 » . 

*** s,£«*. su Port Arti-ur e sui ter r. ori vi- 

un* 8u i'- ici; vi 4000 ftuiq. t^opclazi ne .*>00 000 ah. 1 

-i.1 uiìi ì vano vu ut i t ■ . ... , 0 . , 

M.-.V, -J.UX »r t lino «i 13-3, 

4 ° P ° U ,U “ 2 “«* 11 '«r itorio ■„ tornar a 

Al.jr, »i veriritherà MUttitt i mlif.t ir. : 0i«#* 

Porr a U C.n,. ,-«rahé »*,; c „ rn ^ rtRr . wl „, „! 1 V 

quest* non . c: à cunuó,ier la ir qutH*o territorio ul 

ii one epe i- u’.ritto, fin* a i 13 : 3 , 3 1 ,j< costruire e dì 

filare le ferrovie con ur, diritto di guerci f* u„ iiwjiuni- 

ti ; imgo le linee rerrovlar'* ; 

- -if i -, i crie porta. y:w iy. t nitida» 

0 -j 4 fi Oji : c % q T) r j 

1,4 1 genti di un ahro conflitto ■: or* 3a 

RV>?Ìl 1 '** U ° 3n '* «“*»* quest*. ri de et ut,, si a .ita .6 


en * r S** -• rà U, u . Bè 


e non • rà ee .e": ;» -. ^ o di »i; ivi 


i-entc ai ,. trA popoI . 

: il ne Ju un . • ■ 

ifc '*Pufcbìipk degli SU • Vi : • U à.u»Ie 
**- 1w I ‘ i ‘ * 'soie 3 1 !lippinm e qualiì -neil* 












271 







Haw&i, deve circa un quarto della popolazione totale è giap¬ 
ponese . 

Questa rivalità fatale degl. Stari Uni'. , a oprati! te do¬ 
po die l'alleanza, del Giappone con ì- Gran Brattagli* i di ven¬ 
tata ineseguito e contro ài q :. li. e per la rtifiieoltà della 
esecuzione di questa aileanaa caua. -oli- simpatie ou cuf go¬ 
dono gli Stati Un:.'’ nei le c. oni : illesi . * pei a-'« dì fica-zi ; 
ne di un trattate Hi a il cam-. st « ss nel sona ±1 ogliere 
l'obbligo della co operazione b ‘ .annic oc, Giappone e vetro 
un ietti'. .. d- questo cue abbi stipulate ur. tratte arb. • 

trevo permanente coll Ingbii • rr*, sono tutti eiem«*r ;. di co* 


, Ideazione no» solo nel n peli. Ica futura dei l *22 et rat - Orienta. 
«*■ in quell* politica cne * \-r uccidere dei.: » aupre;B*r.i* uè! 
PacUi e. 




ili 


; Giappone aup. Kmq. 417.61? 
Corea * " 212.000 


abitan t ì 53♦000.000 sanai ’* 

Corea 

id 13.000.000 


SStMA " Commerci o attuale per C ,i ir manr dei. giappon- si . 

10 ^ dagli inglesi, 10 % dajpt» sàtri «ani de* sor . j.o vT. fra 

tutti gli altri passi 


























Mane! i * = Territori? «omini atrat ') d«‘! Giappone - 400C ffa^., 

;>0C 000 vanti 

Coaa*3réio: I<H*or one ®U ia;.”l-3« 4:. yen 'yen I *.50 


Ebu 'i.-'t-,..- i :ne 2 'ù 


lei 












, 

Diflicolta di ordine interno e di ordini interna tonala 
incanirai;* nello sviluppo d’unu politica coloniale italiana. 
L'acquieto di Asoaò. I rapporto colio Bcioa e tolX'Abj-sei- 
nià prima e dopo 1* assunzione di Ite nei ile al ti ono a. Ftiopia. 
lo avilupp t del dominio eritreo prima usila guerra -t&i'-=@ti o 
pica. Sviluppo dopo la pace di Addis Abeba. la Convenzione ai 
Icnàcu dei là dicembre 1906 1 

Li* Somalia: acquisi./ s carattere ttella sovranità nelle 
regioni settentrionali; nella costa meridionale! nei porti; 
la panetrazione nell’interno, il ti?oat v> de; p orti• Il con* 
fine coll’Àfrica orientale britannica e la «p.aat idn»* ou 
eoe ael Giuba, li coni ine della Somalia coll’BtiOpia » la 
Convenzione del l;j uaggio iàOb • ' 


Ili politica coloniale *•• a4.i<*n» incontrò, nei suoi inizi, 
vai’ ostacoli ode potrebbe > u et lagnerei in intrinseci ed 


storia mtm coiohih s hi ritto coloniale 


Idsp. lo 


1 






















- *' t ttlBÈCi. 

''li ob tao oli Intrinseci -,u un* r^vgiwiu» e 

iape. .usabilità morii* r iutoliai tuale «iti;.* nuova T a 
pe» 1 i.i- . Coion ialo, Oi t disposta ione* di spirito ae« 
riviva ... * 0 £* Cause ai ora. ne m or a le, politico ed econ e. .co 
C ‘ U ‘ tì “ i ' rUirle aioraìe erann dipendenti dal la vi tv. a-.. 1 t a 
nd*ione , ìtuenBeuiente posseduta dai fxdeA ««!,-!,.:/• 

faj - ... che vutt. e ’ * àiom del ma«ao , dt qualunque c fc * 
**“' *'6ttió T aVf-Siiiro io stesso diritto di .ssere 
i <mdent«. t »*. i* .. ss -v r « a if . .rc»te nel 1 or*> svi luppo e , 

.onos-on»* *®p* : »•;•„.«, de li* coati tondone dei vari u ,-t ; 
dì c* »*ità utra^u 4 , ., pars va che ogni Sta o ori«nt.*l 
j eppres cntuese una n«*laà* « che, quindi, tosse ,;n deilt.w 
* .*t.irb*re o..ectj Sta* nei iu sviluppo sut an^s F" >*t» 

* ^ uiu£ % z ì, ± fi i i. , * , - \ £4 

" w 1 * ■-■ u « aytVanu uno i viluppo n«*LO~ 

. Tcie il nostro predò io vano sulla via della, polii \&+ c o- 
ivas, ma questo non c.,* noi, villini nati w!a 

' 1 ^ i ss .a ' imperioso il bispam f *: 

’** 1 * ìeac 11 e. questi, ) aea 

A ruiidr * ar ^ <*«* « *«•*« , di carature a or* la *n rfc* 

/fenj C ' tmp ° i Cm * abbiaffi0 «etto, COvaider^iagi di cw.rtee 
~ V ci: ieo tu èv an vaixc o . 

punì :*» ai ^ oiit iuy in ^t - , v * . t 

i # j Xv-a i*^io p-ra notjr 










276 


11 nella sua. e ai ;t«nza, nell* sue i or* e ai Ute-i e «ari* t ime 
e la comi-agiti* dello Stato non eru e ornpii;ta perché tino ai 
ltìtìtì mancai:., il Veneto, lino ai li70 mancava lo Stato rodino 
0 dopo il popolo italiano «.ontinuava a iansare alle altre tro¬ 
vane "■ e italiane che non orano unite al Regno. Pareva un alto 
ug1ìt‘> di lesa nazionalità il pensar* • . i 'espansione in ter» 
n: non italiane, quando terre italiane erano ancora sottratte 
il dominio del noe’re Stato. 

Una politica coloniale pnò tarsi anche da in popolo ohe 
non .ibbia l'immediato bs.sogno icnografico ed economico per 
farla, il popolo portoghese e quello spagnuolc non hanno aru= 
to ni una granae esuberane * ..opoiasi o*w né ai capitali, e 
j.nche nel momento piò l io i do JU; . !a, pot ii-sn apagnuola il *om« 
•' p * '■* o i de ’ f -, Spagna cn ì ’ r i e -re era c or» d a i to in *r an parte 
’■** naviganvi o lamia ai. 1 .^iu. 1*. ola ideai sa sottrassero a. 

1 1 * ■ *n ita «pagano la , ne derivò una orisi nella potenza e = 
oonomiLi e coloniale delia Spagna la quale ricava di urto de = 
k «•* degni ne cessar L alla Bua costituzione coloniale. 

da i i popolo portoghese inolia apsagnuilo fecero un*.. po>w 
1 i * i c. coloniale sansa * ver ne i tu a ogn o ionie u.. -*t 9 , eia e ne 
n.-i *iOfi,o a-’u, fii’.e pi vedesse o au qui et *fi-.ì.. ì:. un bisogno luto 

. s a cd i questo sviluppo di attività co.- on‘ aj* si tir.-" 
jOj ■* 1. torri • -r ; r «iiaieate acquistati, per ap*,.r ofit tare 
ielle r ■***■« di u)a * oaii " io «** costituito, Cofil guanto ih re;i 


/ 


















775 


pubblica di Venezia estesa il suo dominio su gran parte dei- 
1* Orienta, o quando un sovrano di grande ^cuine eoa* Luigi XiV 
t come Cromwell trassero il p polo ad impresa ooxQfiiaii 'fu* 
3t^ non er*xn, il risultato di in bisogno univer saxmante sen¬ 
tito, cioè di uno di quel bisogni latfitdiati che soltanto poa= 
sono muovere l'ardore della moltitudine, 

Ta nuova Italia el trovava in un periodo sviluppo d€- 
mogr^lioo quando le classi mèdie, che avevano in man. il 
tcre dello Stato, non avevano li. facoltà di antivedere il hì~ 
sogno coloniale e non potevano sentirlo perche non coetltut- 
vat un bisogna immediato- Perciò lasciava passare il primo pa* 
r« odo aeìia autt esietenza senz<. pensare * svolgere la sua at ■■ 
tifiti colon:-è le , * quandi tré* il 5330 - i rinvigorì * 

- ’ tra le ' varie nazjoni per io sviluppo ^ * n***t;, ivi té co¬ 

loniale già iM*iata o da iniziarsi, l’Italia ?egui - ** 
nazioni piò per una specie di Mime ti emù che p«r « 1 H ì sogn o si 
òarr4 ad unn politica di «spanatone e uomini come Va*'*' ^ J 
Camp e rie, che alcuni ham \ o ae f i n 1 t o c ome * 1 Ce c 11 fth - o e * 
jv-ae eia mancata Ih B ode èia, 1 # Ite r a e VAìriv* ut- i 

Sua, c uomini come Cri spi ia cui megalomania era dei inita co- 
ei soltanto per effetto iella micoomanla dei Buoi circonvici¬ 
ni non poter ono che dolersi di non easare seguiti. 

Quindi i primi tentativi di « spari stona coloniale it&’xa- 
rnà, si possono quasi dire sporadici ed é quasi da stupirsi -Sas 

















277 


un qualche buon r *sultato ne sìa derivato. 

In quest e cenai* ion.. di spirito e di attitudini della co= 
sCj.eri/!tì, p.eiz i Orlale si inìaiava nel 1060 il primo poissadimeri* e 
c5lonji»ie italiano cne aveva lo scopo di avere un deposito dì 
carbone lungo i* gran via del mar Rosso che stava per aprirsi 
al commercio intern-usioriaXs per ausalo asl canale di Suez, La 
casa Kucattino, incaricata di acquistare un deposito di carbo= 
ne, ai rivolse al Sultano ai Arse ab. Da questo ebbe origine il 
posseuiiaent s di Ase&b e di Beilul, che fu il nostro pruno poo= 
sedimento coloniale. 

Tu. .ir no a questo acquisto si aprì la espansione colonia^ 

J ‘ ! ' ‘-aLi'i’na quanav, ■% par 1 , i . iO awirao 1802, il gove no 

i aliano ne asetuaeva 1’«nasi ni strabi ohe mediante un conscie a: 
sur riera, 

Ne i lfifto veniva occupata quei/'altra estremi, fcà -iella co= 
ava ael -aar Rosso che non «ra stata ancora occupata, o* alcuna 
poterua europea, cica il porte di Nassau* 0usata occupasi nv 
** «‘«pinta contro ogni regola del diritto internasi otaie , per 
che l ì peri • di Mas rutta apparteneva alt *P.gi.ttn f sntt •» l'aìta 
sovranità della Turchia. Anche quando l’Egitto a?.-va ritirato 
le sue guarnigioni al nord di Tabi Ka*l o e aveva p. s + •> ix lì-~s 
alte della su' 1 "niqp$$$#ae *fi attiva lungo le < .ste del mor 
Rosso nella tfttóktjB, Maaeaua era tenuta 4*tlI? truppe 







275 


.zuma. ; e protette de la Ture lue e dal*'Egitto furino tran= 
1 li late c ir l*in» ~>s: are aocant j « s ia bandiera j Aliane quei 


!• ffg.tia'’.; « ' ■> * - _ . 3 .” * •' un anno pii -ardi 'he, tacendo. l« 


•••o- de alt; Turchia e quindi a ohe quelle -le il*Bglt t.o, Mas- 
•uoa dive*..» un territòrio tenuto dall'Italia sotto la propria 
sovranità, 

di quell», line-* cdoti**"a che v,< da As**h *> Beilo), 
c.ue dai confini : eclafiia.i jaiL* tfranci*. « uua, unc 
streiii tà del dietista da K&estua al nord verso £ »*.*•. ur , le uue 
estr rai-à eranv occupate dall'Italia, 

* a ,litica italiana succo rsi vaman!.e al X-iSS fu que . le 
tii r idur .e BOttt lì. pr 'pi* sovranità il ter io rii fra le due 
estrefliita indicate e di ìar penati 1 are tl ìù possibile nel= 



ii ^rith 


. ntu-itc, avveniva un •• ì volaiaent o nelle cose de \ 1 * t ; opi* 1 


A. , a., i>- i ti per surra la vita m un« battaglia contro i Be r v i - 


-, ed e sor*.. t ; ;t ci # \ ? a dello Sci oa eh", era appunta 


v cui akorte non è stata ancora fiì- 












cialmeiUe cam-uruo.»*.* » ■ Corti de sari Start d‘Europa. 

Keneiijc , re dello Scio», che era r.v. in rappori.. epi¬ 
stola i con Vittorio Emanuele II e cor. ita »<*■ • u ; ' »'.<.>■ la.« 

nel lù83 «sa Anteober un trattato col con r Ani sili, in- -na¬ 
te del re u'Xtalia, con il quale non uo."«i e tabi va ...i.rv- 
condizioni relative al commercio e .t.3 d-, *• m 

sudditi, ma accordava all'Italia . t .>. i.- -i de''- .c «AH - * t;0le¬ 
sioni nei suoi te - ri-.ori . cioè comode • agli i .aliam r : 

Sei oè la giuri sd. . .. an-. con colare . 

Onesto trattato formò la base del k r--.ta o ai 
stipulato il t «aggi o 1B®;5 dal conte Ant :cn lo 
Vene li K, divenuto iaper-v. ..re ai 'Abts-. *<v.a 2.1 > c 

ridili estendeva all'Abie ■ inle cmv n. n„ ho e .no sta' 

emanate per lo Scia» col tr*t »*■ o di auk , c: .»* sa u <*• 
che gli italiani in Etiopia dive vari- «assre . ;i-ucat • cu: « •- 
-ole italiano e che gli e .iopl ir. Verrii.o»*c ; • . 1 r 
no essere giudicati dai tiudici etiopi 

Poco dopo con ina Oonvensione suv= le-.senr.ar 
art ili »i stabiliva ohe se in territori . s,* li 
o emme t te va u n de li i t o v dove va e b vere gu a > h . o da : 1 - ■ v - uà 
italiana inoltre rarticolo ■ ’? della Obn'* • nz •. :-nv sù 4 -, ,*. 
tare stabiliva che l' imperatore deli'f’tiop .% «ce.« > *,j. ■ 

senta, e ra-1 is cose di'-Kuro<JU» i He a*' tal , c terrena i ... 














^0 


s.ei th% era già sta 1 a stipai ai» > y»r*.a rial tr&t tat- - » li Ah* 
ko-vr. Jfu questa disposi/, "»ne l'origine 3 ,? i» gr.er a ;»hìos 
“ .-«-rehè jaentre 1 * Abitai aiti la intensiva se* . un c«aj 

urta t aooi à, - Italia li. .-oncepi va come assoluta eu -fan* 
te V 1 f -et t orilo italiano nell'Etiopia 

>on appena ;u stipulate' il trattat a di Uccisili, * 'Ila* 
lia io comunicò u' : : . a *ent«« adi altri Stati, ai 'e -mini de¬ 
gl- -ledi •- i e «iM osi Ir&t ato di 'Berlino ae i l.?*;;> Si ebbe 
a i i or a una -isp osta evasiva aa parte degli Stati Uni:;, X 
q " l * c hi ararono eie quel lato non in tersene va alla loro 

à d* -i - a 3 cne quindi non ne prendevano atto, e una disposi» 
aune di ecoezi jn t - da parta della Rimala, di ace-rdo con la 
* ■“ 3P e.ione cne tu il primo atto che pre'cxdette il 
at *ranco-rusao e che Ju la pruua causa della nostra 
a-siat.* «aiutare e delia puue di Adua del 1898. 

ri trattato d; UcdalLi che, a qu^-.to pare, a ve v*. si* 
•cn-ione, nel '.sarò Asu-trica, data «Udì*impera- «er.é xik 
-il-Ila usta dall Italia, f a piuttosto la causa ducasi »•« 

ed,, guerra ita. '«a Si esina perché 1 * imperatore VtneliK, 
era irt^to co d iprtj't i ^ 

nel peri oda precedente *ì.i# 

sua feifidsurti;iOne a,ì trun i tp 1?+ t -*• - 

a " uà ve uctc imperiture f er^ 

etato acquistato da altr« influente. 

fra. j 1 trattato k .i T’ocìàì - é il tr-at*ó+ n 

* "*>v».st« di pace ai 






Zi 


1 


Xddie I ■ fa? i -■ 1 ' v - ' » ■ • vaimi gr 

• -10.1 Ì- « H"& -'.i \’J. .* tvi!': :■ ■ '• I t ‘ filili ?r>’*à 

?'■ tìcio - ' f» ? v tu sivp 2 *<si i t. iu ' '.vài ■ • f<‘ ni' <■; "ìli fu 

♦ rx b • ■? s ' * ! •.' ;ri di iriV. ì - r - 1 - J !t; 

e l 'iw.nt.sr la.n 4 .vino ai nostri sonfiui '.aeri. li de.lì.» 

ii«. .ii «>05io :1 V: ^Xc-‘j, . 

upo u li li A£tfx, cais©wdo i airtgìmU l:.«>n . 

dell’ ij-.-ntone d: •.*.<.* r.v-i>' .'ì *: li 'd'atkK .n..v ri* 


•vini! ’ •• »., dìv?nv v 
dis AMI* f?.i «nm. 


•>’. >«li*I to 1 'in;cr‘.ìr»È*o ( etti la r - 1 di 
*•'..♦• ' * t*- ' ..■* .3 lì "so; .. ' r rt«c TO^iu^ 


t*. 3 indi.pt •■ una* vL>i.->/'in&. 

Si reto , ne-ceutui.-i«. -irta n..« ie ’.i'ai' • -idn? de . la 
j; insrii nsa t-, «, i'Ital ■• •«. a ; r* ••• .. •»«■■•! 

' ' .'>< m x ■" “> i r evo ut *■ '.»•• . \ Si-asini * ‘'ài 


' - ■. : . fiX- 1^! i 1 <4 ? .'• rd. « 

j-Y’- ^ u t s;noma la. k .n"a ji Adw>< cui 

i -tue non di ^rsorio ioonir£.;<«.ti ^cesava»- ì ■ 1 - 

# 

^ov/s i j.j I/It-Jlsi .»• *i era- fattt-i ; ì .usm^'h 

verii.-f.-f.no a <j telare , e r -, z. c j rv v ^ 11 t. <x ts*v • r?c:t 
alone pift l,àVor*•**.«. iinen- svesto -non vanito valiti irò col *,r*er 
<3 ow».;* r « ì o :.* 1 ? • a b x »*i«o de 1 1 e : •». 

•osa la $ura«? v." Acva laide-» la p.•*!«& x«t.ee dell- àvilui-p; 


mwi*- W- T5i> Cùio^xy. t r.T 


x-i. 


•ro U^lliSflALS; 


Dif? 33 






















coloniale italiano, fané che ebbe ne) '-uo sviluppo un " rar! 
segno inpc*'. aliata per opera- ài Transenne Oriupi, 1*■ 0 lW * e 
cercava il couegare dietro l'impero * o- ie«ao 1 ì-joì ni * 1 ** a 
liani lei Mar Beano z on quelli deli * impero indì^'-'i in m- ao 
che la Somalia inglese e quella i'r&nce»'- r.c-n '■ • s ‘ ner 3 n r ;UK 
enclave e in questo 1 territorio italiano. 5 siccome i.:i li anca- 
eco Crisii meditava di rifarei dall’onta di Tunifi, q*** 
torà non erano state stipulate le convenzioni per iU : ' ì t- 
alone delle sfere di influenza ira la. Germani*, 1 ristu.u<J**a 
e la Trancia, con l'acquisto delia Tripol .'.K.ni- e Ci - eoe^'^t 
pensava di collegare qwsto imper o medi tei raTit ° co.i - * 

italiano del Mar Rosso dell’Oceano Indiano mo&o - 13 costi¬ 
tuire nella parte orientale dell’Africa ìcl ’-ioru un domini, 
ani-lego nelle proporzioni & qveljo francese occidentale, il 
, discéndendo da Tunisi fino al u-jsu r. ■■ <t« • Senegai f 
eaepr «r.dev ... n>* lascia larghis?^u*a di terni io 

Puesto brande disegno fu ridotto al nulìa con lo- pace di 
Adua del 169Q e l’Italia dovette rifare la fila di questo su- 
disegno di dominio ridotto in più modeste proporzioni. A quest- 
arrivi nel 1906 con un trattato stipulato con la Trancia e 
l’Inghilterra per il coordinamento dei rispettivi interessi 
per la partizione della rispettiva siera di influenza nei !e_ 
gno di Etiopia, Occasione di queste trattato tu appunto la 









-SS 3 

clausola delie «.iti ' cori• ---neieni stipulate nei 1990, n de 
vietar e il cosaRere: o c« 1 le armi e delie oc va tid*ì alcooiicl^e 
in tutti i torr l*.orx >fricanl t e colisgo-re le furie imprer« 
ferroviarie e ma? mare ohe le tre nè*ioni avevano vn varie 
parti deil'Etiopia. 

Per effetto delia convenzione del 1 05 lt tre nazioni et 
impongono di non dìeturb-are lo gt.at-u quo . si impongono cito per 
ogni nuova c once orsi cne ottenuta da uno dei tre filati de il* A* 
hi se ima, questo si impegna a farne usufruire anche i suddi« 
xi delle altre auo poterne, e che se si dovesfé», ter effetti 
di una in sur reai arie o per dì sei di „ diitBOiv.er t •'■ 'impero di A« 
biasima, il territorio dovrà e scere diviso in tre sfere di 
influenaa, attribuendo la p»rte più vicina ai : 'r’gitto e ai 
Sudan alia et «re. ài influenza inglese* la parte pi 1 ** vicina a 
Obok e la parte posta tra 1* si'e* *t ai in ri-., e n.-.. a attuale fran¬ 
cese e la capitale dell'Abissinia alla Francia, e il resto 
alla sfere dì ■influenza italiana. 

Il territorio a*- a:. butto all'Italia, assicurava cosi un*al 
tra volta il coi legame nto tra i territori de 11 'Eritrea & i 
territori italiani della Scapiteli-.*, quindi mparava in gualche 
modo »1 disastro di Adua e rendeva possibile i'esparatone dei 
nostri domini. 

Questa è la. e ondisi one attuale Ai* i nostri territori dei” 


s 




















2 4 


!" ' * f‘««i e '** T.'SM r'ap» o? 'I ’? o. r ■ 

pj; ' Oi 


1 ‘ ira* 


'»*•’»« i»* tei no&tpl r ^ p . • ■ * '* *s. •:.*sì» 


\ 


. i. v nòa.va sv; I 


!>{' - J , Sir.il in <:n^ pei * >■ >J 


•■ 1 


j ar** <k r ^ny^^nìì " ’«**&' ?ii~ 


rìT a& 1 in 


\m i wtig- -:r:? t v -, 

•’ *-* - «r t ai A*ir*b e li». fv<;o ;■ • 

m«r. > .? ìì .. mv **• 


Cit tà Qi •” •xftfci 1 *, i ver. ; >:wvjv il pr o p.'f 

spa.nsii.rie t te ir !■ na nella ■ i^iu. 

ili bmI finir e del ÌS84, Quando Criotvi !' •.■ gr che è 

state !; , ondai ore e il prita* preside t • ^ hr.:.-'*. - 

I t»liana , sr* Bt-ata inviata ir.-*- «rao c ' Paolo , <ar.• <*- 
ga.t^a uosa* delegate tecnico ai.-- C gì Bai irnv da?.* 

la- quale usci t* nuovo dir; ..va «uroii-i • .j :*. j, oa« ou«»*o 
progetto ai e»p»i.ai-,n e iuiraiu *rt S e ■-. a+uii-*r.~- >..- 

yi.itor i M«gri ai *»«»• d<n»e a. ev* ..j w y ««aere a* '- '■■'• j 

ecifeientc ti i.tter- eri per l’eepans»;, .;i ■. . te c«» »i s ,/ v- 

tu pepava in tutto i pvpoix ai Euvwu ; si supere -quanto si yen- 
suva in (Jet laanii. per l>ououpfc*i«ae .14 w r»toi i africani 
se: .-.veva a Pasquale f»‘.e .-«2 »i*o Hauai'.i , ini n . *>£r 1 f 

esorta idolv ^ mandare i: c^cxv^fì caschi , dv^e vt 

e il -n^ci? nel é a*- 1 Ci*- fce?-* jm&* r.^d^i’e tjfr* 

* A * * 0 aa ca ^ 1 «* t , fc* - 3 ! *< i *<* ifi , * ^ 1 Otw- 

n ' a vUv u-.t ì. 04n , iIìh S'arvi» 



















aliii e: u- .uli> cci m.£s*zion • ; - ■ 1 1 ‘ Manoi"': 

rifilo* t&vorev c.i•, hm te» ca& ^-vi per ei ♦ « ' v *• — * fe *coap -i~ 
ca- . .,i .'•: -.ine di piccaci -jo «, ir par 1 " «. p-.- 1 

(;a tf ■ Cile a l i»V>t la SUA J-Oliti. Ci '«•*!» -ÌC il Cafit-i^w 

C»c: .li i.*ora;.ne ai una espi .rasiere «enzi* 

cupfcr*-:: ae » futura condotta de. gòre ri' * capitano Oc- 
p: eia • -&se a Zanai a.• * ivuió un trattato di coeme* ci 

Sudane-, t... 'u.to Ci*»- ut tri bule» ? e «U.3*lt- il* ai r in. io c& 

cai i tolta* >n* non scio n«i suo *,er ritorto annuari, -r.a aao^c 
noi juo ta: ritorto continentale nella op* ■ ''•sta nell /.* 
Irida. 

lontre il* ocoupagione itoiian*- n «uon»*» si rlSi ' :; 
invece mi': :. ó?ì 8 infisse e te cu? oc* io ■ ■■ 4 <*• 

.» "sentii- « . f ? a piartene v^no, in t - * ~o o in p«J te , ®- s 

cu. Zanai bar, c;.oè v„ <;u. . ■un-f-' cr.e va dai com •ns *? 
tentrien, 4 à«. :« e leni* poriorto-so a; K -• ; >»f>ico 11 0 al * ,u ' 
tana te a :;2si *-*!*;■<: vtt-jfp.:- ai •"> i ^ .*• ;S ’ - r ’ v -' l -'' A ' • ,J ' ^ cw 

ts-i-Sfi •’ * ■ . ;v ià ftoir« 1 i-ni. mi * 1 ° e -ano invocato P-- 

ticic diri.', O';* .ricf ooia. e-i‘ un t '■ • ~ v ‘ 8 '-' : ' 

*is a quà-r. le s* e » a-.* ;*.tì- "&t* a ' 5 -' ! • 1 Cv 

<*.. 3,cra i ode oc ■: r ■ |«r« ^ ; ' ,rr ■-■■-•' 

Sultano c i ....•■• «. j%*. • ‘ - : c» e~', • v?: " ,r ' f Mft - '• 

temi posti a a wj •■ a* • V V 4.!. ■* * '« 


cole*' 


f.tr Vi • .. . tìsia.t f ' ■•■ 






















'.o cieei itigli*, veaivano riconosciti' * .5, la *ovranl*£ sanala 


Rfar^se chs j dcpo poeta sani, venivano et ìut< alla Ge-wanla 

Uen vì'c t»ì .,’utt, * t& iug. ^et j 1 „ acivà, ad 

fermarsi ir- ovel terrine e ehn divenne : 'Afri a orientale 
britannica, par due volta il sultane <u Tanaibar aveva offers 
to a* :appret>f-« «nti i ‘aliani \ a cessi .ne lei port c -i Xlsi- 
e r«kJ e che poi il Sultano di Zani.?. bar »•«. • 1 * ese q-. eBta 
offerta r 'ne il governo italiano on a>en. volato .eoettare. 

Così, Aliando nel 1999 il govern - italiano si decise ad 
esplicare con energia la sua attività iunro- u. cobu. -sta* 
it dell Àirica. non *©le non ± approfittarf delle ci y ‘i k ‘»= 
Stanze favore-ve *i eue priaa le ai erano prese* » e, ma ir ^ 
coaprdfcvac» za questione dei possesso ai 'li.'.rs.yn t e dovette 
<ùvià*:9 -'©a l’Inghil.erra il-Giub& ebe avrebbe - iute es»e= 
re territorio c.oapietamenti ita"‘ano. 

I.f r viluppo cucce » e- ■? de 1 la Somalia Aioli*», ri può 
diBtingu*re ?» vr« fasi: 

1- Trattati coi Satani del Kord, Dfcjta. Ki gì urti ni , 

zz 1 ; 

-- Occupaaione siti territorio .seno 1 porti »fc»àibar^' 
**'*'■'> d«n po-'t a pei • i acs.t ■ *t 1 - 





eroe coi Sultani ai Obi a » dei 


c i J. cn t le de 3.1?. 






glurt-in;derivò «.ii’rta‘i.. un dira-te rii protet*. 5rato nel 
*- '.bo t*?: •• o i* steò ' *»rì*t u im >1 nas onaia, profiie.-'tew e 
e--aviti ca • • i A * *io varie potesse i’i*materie esile'eoa 

venutoti;.' di "v;; 

• p - . a. ■■■•' .e, Vesce, y r gac. mie- *■ IF&rpGìteik f 1 ? 3 

$-*i ; iffi: (15-9) ut.dritte i «-Accesi me da 

•ìtu t * S > ' j a 1 . : '4irV • . -* -.vale ii ave» 

v. sv'u : li; ic.ee *1 un*: 'u ’ ttu-lt&iv t* attet’ba. -ooe&ol v»« 

«ente♦ ru) .; r ’. Uv.*<ti porti ve 1 -n, -scattati 
^Sffln.Ofì! . M,-ithe etue il diritte eompj tu ai sovr ar.tà die* 

; iven" da «h: piarte ók lettitelo <>* *. 

'i ette qua- il protst V-ra :■ i ' . n..r » -•«*•. i* nei ter a. 

“•I Oì * 0 'il l -;r; - e lei Sii* ; tini , .*•. i ■ "O-lor . aie 

5!' -a» i;uwT.p ^(.Ittai i ctuo trn porti sui qu* -m 60 

vrani tà dire t.-. con -,-, rac«io di ..-. ri ." .el 1 — • n« i ?f i 
<•' ■ T : ■**' rus: • j.i cincue mi, i;= ttùfcrltio. 8#Ofl8 ; * 

*-*-> «»* la-, w dalla, società inglesi , ter faj c.iair. 

^opo i*&c ■ if .ii» la ovrani * 4 s-ilie Scusali^ ti -h ero 
ancor® tre reia* ~. •aente ui sode i <rv*e* no. - •'cs.t : v. 

tsnutt. con* rapporto di protetl iraio e oditi ài à, 1 tut* rr ; 
dar et «o lino agii . '•., *»>. *ewtr.i ne li* ■“-‘Uie... i ^ a. i He ì ‘ * 

S li* de 1 Sud i governo . or ganxa^ar c pri*.4 »n ■ . 0 ; - 

to r\iciaenta.ie dallo Stato *.t«.liwv*ci con una -m ■ i* 


























233 

n, di tr<* anni ai « i\\ lonardi, p;i c v „n Q di- 

* J ' olia vle*\ ó" i Menadi e finale 

« t ‘* * 

* — v , c ‘ I ’; * c* che ' - fi fat \rtr j vi 1 ‘nl^ 

1:1 * nc- lai r Vm .. . poas ila - t- 

T l *2 ip^ggio . ; ìeuìc n d r j i 

cori i ni tra iz iicna.2 f y ■ > v; * 









la concessione di Tienisi-, titolo d* 1 ^aslnio, c4.r*:-. 
te re coloniale dui godimento. Il governo munitale; svily$= 
po del suo ordinamento. 

* 

I» Tripolitania e la Cirenaica; titolo e carattere da3 = 
la sovranità italiana: caratteri e tendenze del suo ordina* 
mento. 

TI governo oei possedia-ei* i ita'.ani. Crgaiu ài governo 
in Italia, prima e dopa la formazione del Ministero dei.;o Co¬ 
lonie I 1 or din amento politico; caratteri comuni, il go.«rn>.> 
locale; caratte**! oii rerenziali • l’ammiri strazi cne linanr.ia-, 
ria; a. .-">?* givaiziario; le leggi personali; lo sviluppa 
economi! o e il regime delle terre. 


K.B. 


V. Corso 1907,8 = 

l’Africa : 

pag. 

328 

- 

328- 

td 

1909=10 

id 

i 

tt 

463 

= 

499 

ì& 

1911=12 

io 

i* 

459 


507 

id 

1912=13 

id 


505 

E 

570. 


Consultare gli atti riferiti o ricordati nella Rivista 


STORIA LI* COLORIR F! DIRITTO COLONIALE 


Dii?p. 37 






















rt 30 

Coloniale; il Mannaie dalla Somalia Italiana (Koma, ; 

il Ballettino Ufficiale della Somalia Italiana (Kogadi*sc*.o - 
Tipografia dal governo = dal 1910), la leggi sull* ordì riamente 
e Bui 1* cullili ni strazi one de li’Britre.i o l’Indice cronologico e 
analitico pubblicato dalla Dire-sione Cen.r»le d 3 gli affari 
coloniali, delle Leggi, Decreti ed Atti relativi *i poseediv 
.denti italiani dal 1882 al 1C05. 


Nella lesione acorea abbiano inttirrorto il nostro di¬ 
scorso quando si accennava alle varie mutazioni di governo 
della Somalia, governo che è stato prima organizsato oallc 
Stato italiano, poi tenuto per tre anni dal Console suonar¬ 
ti, poi affidato alla Società del Benadir e ai nuovo ridotto 
in potere diretto dello Stato nella forma di una coloni* ae l- 

' 

1* corona. Dal 1909 in poi si continua in questo regime, ma 
in una forma meglio definita essendosi approvata una logge 
per organizsare la Somalia, per effetto della quale la di ; 
stillatone dei territori che abbiamo ricordati resta ferma, 

v 

cioè territori governali dirattamente e territori di prò 1 
torato. I primi nel Benadir o Somalia Meridionale che va ai 
sud dal Sultanato di Obbia e dall’Oceano Indiano fino ai con¬ 
fini della British. Africa alia parte meridional.® deli 'Etiopia 















291 


e alla Somalia settentrionale La Somalia atfttantrionale, di¬ 
stinta nel sultanato di Obbia, dei Mig'.*-.rt*ni nel terrilo 
rio ài Uogal è governata come protettorato lntemasionaxe, ma 
V esercislo di questo protettorato è affidata al gove oatore 
delia Somalia italiana. Siocns i potfc i »ì sono asce • ,J 
non solo nello Stato italiano dal punto di vista dell eee? - 
eìaio della sovranità, aia anche nell'unico r^ppreaen.ant , 
d'Italia ohe è il governatore del Benadìr il quale esercita 

questo protettorato. 

Oltre a questo dominio della Somalia « dell'Eritrea, 
l'Italia ha il piccolo dominio della con iasione di r*entsii* 
e il dominio della Tripolitania e Cirenaica 

Il comune italiano di Tientsin fu una mSS***'4™ iti *» 
nata il IO giugno 1902 dopo finit o - ' lutei vent o de uè V 0 - ,n “ 
ze, il quale partecipò anche l'Italia, ne il'impero «u \**9. 
Secondo la sua definizione. cioè secondo i termini della Con= 
vena ione, non dovrebbe considerarsi come un ferri.cito ..sei 
mi la »ona colonia, ma come una concessi c n v mani c .• <uu.. 

Per'’ queste concessioni municipali remwra jaoaai»-*and~si ,i- 
Cine , di carattere e ai valore, sicché mentre ori ^.r ■■ 

te, come e avvenuto per le varie concessioni illesi u 
Shanhat eco.,, tratta vasi di una concessione munteinaie fer¬ 
ri. -i iale fatta dal governo locale a un gruppo omogeneo 
internazionale di residenti stranieri, secondo 1- su-, ui* .... 













29it 


ma, manifestazione divenne una vera e propria concessione 
temporanea di territorio fatta dall’uno all’altro State, 
quindi con 1’«aereiaio la via di possesso, e non in attribu* 
alone definitiva, di tate! gli attributi della sovranità. 

Ecco perché mentre Tientsin prende il nome di conoes» 
alone municipale e viene definita un Settlement cerne gii al= 
tri dei porti di Shmnshal, Hcn ICong, eco., trattasi effetti* 
vernaste di una cessione larvata di territorio fatta dalla 
Ina alle Stato italiano. 

81 tratta di un territorio piccolissimo di 50 chilame** 
tri qsadrati con appena l’.OOh abitanti, ma essendo in un 
punto Importanti animo per il commercio della Cina, iierofeè d<^ : 
mina una delle vie che c ongiungono 'Pechino ai «sa., e, assume 
una importanza del tutto sproporsi osata eia ai la sua entità 
territoriale che alla entità della mia popolazione. 

Sella Tripolitania e sella Cir^na^ca l'Italia esercita 
la piena sovranità non tanto per il decreto di sovrani té ' 
per la legge che lo ha approvato durante la guerra, che non 
avrebbero avuto un valore definitivo finché lo Stato »i quale 
gli altri Stati riconoscevano quel dominio non lo avesse ri* 

a 

uonoffoiutOj darira daI trattato di p^cs, dopo il quale il 
r iconOBCiment o degli altri Stati, non era io perciò 

l’Italia potere esercitare il diritto di piena aowanità 









293 


In rapporto alla Tripoli tarila e Cirenaica ai c -atti 
un grave errore da parte di molti nel ritene e cne „■ ift * ‘ 
delia pace at Losanna "bastasse e che dopo la pace cecor^e^-se 
la denuncia de li'acqui-e 0 ^ qtieeoi territori agli a*".-"; 


ti e il Mconoociment o da parli* m questi. "B questo e'/re ? 


de "ivate da un equivoco cir- a il vaio articoli 34 & 

35 dell'Atto di Berlino del 2» febbraio 1«H5. ... art looi 

li, all» stipulatone del «udii P«'-.elp» »■>«>“ ' 

riterlecono all'acqul.to di territori Senna padrone lungo le 

coste dell'Africa oe.nl qualvolta calate'* «n fun.i 

. j 0 n Uivica 6 uno Si ^ 

coru occupata lungo le coete del 

deva possesso, dopo il IW era obbligato * denuncia. ■ ». 

■quieto agli altri Stati per .«tt.ru ir m* W 
1 loro diritti. Se non facevano ottitatool si riteneva .ne 

il riconoscimento fosse avvenuto. 

Però questi .Articoli si riferivano a ♦* ! *■ 

padrone e non a territori che appartenuti.. . 
ropeo, Cioè, nel nostro caso, alla Turchia, che p • 
contribuito alla atlpulaaiona de’.’, «w «.«U * » ‘ 
l.rena* di Berlino. Quindi non potendo ', api f.t'.r 

polita. » e la'ct <•«.■«» 1= : 

Uno relativi .il'acquuato di ter-; tori seno* ?-*•«.. 
aurt valore dal pulito 51 «lata * '• ? 


a. 











zu 


nostro decreto di, oov:' *fiìtà anche se riconosciuto dagli al* 
tri Stati. Cu&ndo poi per la line («Ila guerra o per stipular 
alone del • rat tato di. jv4.ce , come infatti è avvenuto, lo Sta» 
to ohe possedava q iti ter"i eri li cadeva all'Italia aia 
eh* la cessione avvenisse vaplicit amenti. , sia per abbandono 
tacito all'Italia, come è avvenuto, ei completava il passag* 
gio della sovranità - non era pivi n«cesvario nè ;a dentina la 
agli altri Stati né li ricomeciir-ento da parte loro che non 
era applicabile in qua»■ caro perche non aveva effetto fin* 
chè durava la guerra e e'Chè la sovranità era passata al* 
l'Italia con un trattato di pace. 

Per l'acquisto della sovranità’sull* Tripolitania e Ci* 
renaica vale escluoivamenie dal punto di vieta internar ronah 
la pace ui Losanna e per effetto di questa è passato 
’Ovrenltà ottomana alla *or-«,u \ b ita_itna terrà t . n *°ie 
r appartenuto alla edvrrar: -1 ù ottoni -> i*. '• ■ '•* c> da 

conquista di Se ì am X, .ove 3 - . i .1 ■ r- z& nei 
V\^Atto, sì erw vsn.f • . nuh-s nel refcw 

set * an * r 1 orlale dell'Africa I -• que a a > un d.r s 1 '-n e 
; ipe iOgr-te im.'iiediatajaier.ie fallii porta Ottomana 
"a*"’ . e Cirenaica fino ai. 17i? quan.iv , come 
’■ acqui sv. i. per effetto di una 







295 


conquista militare non Mgulta. da uno «viluppo e da una tra*» 
sformacione cirile, un governatore, antenato dell’attuale 
sindaco di Tripoli, ai proclami governatore ereditario nel 
momento in Cui cominciava a decadere l’impero ottomano e a 
divenire quaai nulla la sua potenea militare. Sicché 6 a P Uu 
dire che la relativa autonomia della T ripa litania e Cirenai¬ 
ca dalla Turchia fa resa possi Mie dalla fine del dominio 
del mare. Dal 1 7 1? fino al ^ Tripoiitasia © la Cire¬ 

naica re star on a uno Stato vassallo della Porta ottomana, m,a 
praticamente sempre pift indipendenti, tanto che ir* i tratta 
ti conclusi., per riscattare o liberare gli europei, tra i 
ri Stari d'Europa e i pirati .barbareechi non si ha nessuna 
differenza tra i trattati stipulati col Bey di Algeri o il 
Bey di Tunisi e quelli stipulati col Pascià di Tripoli. Inol¬ 
tre nel 1825 ai ebbe una epe 54 clone del Piemonte per una 
stione relativa ai privilegi consolari che non &Oj.o sj. pò 
svolgere cene un rapporto constino Stato indipendente, ma medi¬ 
mene coinvolse il Piemonte in un conflitto con la Tur citi a. 

?U nel 1^35, quando la conquista francese di Algeri fece ve-, 
dsre alla Porta ottomana 1 pericoli che correvano i suoi da- 
miai dell’Africa, che la Porta si indusse ad approfittare 
della dscadenaa in cui si trovava il vali di Tripoli per ri¬ 
prendere la sua piena sovranità sulla Trip oli t*ania e Cirenai* 


ca. 









£96 


Anoha per rispetto al valore di questo fatto si cornai = 
sero non pochi errori nel primo periodo <hlU nostra spedi* 
ione in Trlpclltaaia poiché al disse cì.a si volerà liberar»; 
un paese che era stato conquistato nel ISSo dalla Turchia ( 
mentre da parte di questa noe era stata una conquisti-, sa 
soltanto 11 ristabilimento della sovranità ottomana su un 
territorio in sui dal 1717 si era costituito uno Stato v»s= 
tallo che riconosceva ad ogni investitura di principe la 
persistenza dell'alta sovranità ottemana, questa sovranità, 
ripartita ira il vassallo e l'alto sovrano nel 17i? s riunita 
nell'alto sovrano nel l$ào, passò, per effetto del trattato 
di Losanna, ecmpletamsnte nel dominio d'Italia e per effetto 
di questo passaggio il territorio si venne a trovere nei 
rapporti internasi o-na li nelle stesse con disioni in cui si 
trovane tutti gli altri paesi già soggetti- a uno Stato orien¬ 
tale, ottesati per cessione da uno Stato europeo, ciò» 4 eoo 
una completa immanità del regime delle capi tolaa ioni * Si cobo 
quando si sia fatto valere cotte un grande favore da parte il 
un altro Stato, che richiedeva all*Italia un compenso, l'a* 
vere consentito all 'ab oli z ione del r elisia delle capitolar toni 
in Tripolitani% e Cirenaica si è detto ut. grandissimo errore, 
perchè un. compenso si sarebbe dovuto prendere quanto 2'Ita ti •> 
avesse assunto un protettorato su un territorio dove fosse vi 
inasto un principato indigeno come è & Tunisi o al Marocco, ma 









zm 


stendo y«r cessione del lsgittìoo sovrano, 1 » pieaa 

■■serrani tt u -, vèrr >A '.rio per affetto di un principi® costante 
'••'li ^fritto. • cadevano i privilegi dell® capitolaste»! 

‘«nchu e« lo si-a In votivo non vi avesse rinunciato, in quan 
to ode -> con •*reut, iU ut serio di precedenti «&• 1*»»»«»* 
'•siane is Ha *avvini té di uno staio occidentale in unu Stai* 

< »r: A.nt «de ; si f :; i<' 3 adsre -otti i privilegi deile capitola» 
naentre la «cdilldiuslene di quell» sovranità dà luogo 
1 solo -• un titolo per dnaandare l’afeolislone dal regia# delle 
•capi*, ola* leni " •: se ea-p© sorretto ai desini e di ahi di qt*»« 
■sto privilegio «rs Prestito. 

Da* > 7 evss* v -r v forassi use territoriale del nostra de» 

. aiuta co ioni a le e He cara'-' • ."à etiche di diritto interna» 
glori* .c che hann .oc •-spegnar ! ‘ o iaoiediataaente seguito qm* 
et» forami «ne. 1 r : sta •*, aooenrore quali sono i principi 
fóncìaaentali ■ re-, ginento •’;. questi nostri gossedinenti. 

Triaa d* 9J.: tutt. t possedimenti italiani erano set» 
te la lisa et!- t% del Ministero degli Esteri, cioè della Dire» 

i f 

ciane ver.tr* le gl? . f ? Coloniali eristente presso il Mi» 
nftfdrc-dei .1 .••«tori. le. ; nea*a Direzione si è formato il Mi» 
flirterà, de. i* Colonie, .... questi speciali»*»*ione non ha la» 
portar..... «tr non nei rapporti del nostra diritto interno, 

Bfctftik m:. « csm *** diritto ccmmxm dìsj >. 38 










293 


rum «ai rapporti del governo e delle dipendesse della coloni», 
governo e dìpendenae che reetano identiche ano he ss il Piea= 
fiero dal quale dipendono è il. Ministero delle Colonie invece 
della Direzione Generale e se a capo di queste colonie c'é 
un sinistro proprio invece del Ministero degli Affari steri. 

La caratteri etica di tutti questi possedimenti è q-^llfc 
di potersi assimilare a ciò che sono nel dominio ooloniaie 
inglese le colonie della corona e ciò perché» cane nel dc«i 3 i 
aio coloniale inglese, ohe può servire di tipo» cosi in l; ~ 
ti gli altri domini coloniali a dare il determinismo di un- 
certa- for.aasione e di un cer:o tipo di governo delle eo o*-- , 
no1 diritto moderno* contribuisce non tanto la volontà dai: 
Stato dal -quale dipendono quanto 1 "indole della colonie e 
{l'Indole del popolamento.. 

Siccome tutti i nostri posse disienti sono costituiti da 
dipendente che hanno attualmente una pop olii* ione quasi esci 151 
si vanente indigena che in parte non sono «aecettiMli di un 
grande popolamento europeo e in parte non è prevedibile ehs 
lo abbiano in un breve periodo di tempo, cosi del loro governo 
è importante il tipo di governo paterno, da parte dello Stato : 
che le possiede e sena* autonomia delle colonie, tipo che in¬ 
forma tutte le colonie abitata da un popolo di civiltà ■** 

***** 4*1 tutto differente la quello ** Ha r;* trapeli. 




Il gorernat ore di queste colonie rum, hs „ ©tóse 1® coinal-®- 

i, <■ 

autonome dal tipo Infilate pia sviluppato, u del e gas ione d&i 
poteri di un sovrano eoetìtusìonal», ma, ha la delegandone dei 
poteri di trn sovrano assoluto e lo Stato italiano, nella for* 
R» di w>5 Stato costiti»!anale legifera eon 'i poteri di un 
icerano assoluto rispetto alle colonie, cioè tutta la asteria 
relativa all* or di nasuto delle «efesine, alla quale ei deve 
procedere per legge, è asteria rispetto alla quale «i legife¬ 
ra dfr- poteri legielativi italiani senst-, veruna partecipasi ogs« 
à«13a rappresentar** coloniale, Picchè la fora» nella quale 
questa leglslatar-. ai svolge, è la forma esterna ài un* legls 
klASi'^re di Stato eoctit usi anale o psrla»ent*r«, m.a il rapper» 
to tra il potere •SgtvtitiTO di questo fiato e le colonie è 
Un rapitori ’-ì gover no assolute : ri quanto eh® le digsnfenge 


alle quali queste lag*.: debbono venire applicete le rieevq.ua 
s«ns* aver contribuìta «ila loro fcr*ukai.cne„ 


Da ciò deriva, ^oae giè abbiado veduto nel diritto eoi** 


liale francese, che al governatore può essere delegata tuta 
'■**** fll depilatiti searlfer*«oli per la $* 3 * 

P Kf * srn ‘' < ' 1 ór i la colonia reraasnte sesie m sovrano 
■asolili in pròpri; 1 --ai adito ristrette per I sudditi Italia 


1 ^ f «intere ne > ls solcai te, e in propensioni «cito 

argfee, so l vento dal U regole legislative della « et re- 








polì, rispetto popola «lori e ia3ì pena 

Tale è la carsi ter*etto» tornino delle colonie italiane. 
Si può ritener» ci.e queeti poteri del governatore tinnì 
definiti più ocwplet&r.ents con la legge del 1903 per l’or di® 
naaentc della Scattila italiana, dalla quale appariva eh.* a 
governatore, il quale ha accanto a s un Consiglio di aov*sr= 
no, inaio®» don eaeo non forsa il potar» legislativo delega® 
to della colonia, perché questo Consiglio non è eh» un con»*» 
gli® esecutivo e un corpo consultivo rispetto allesse*-*;.*i*- 

4411» funzioni legislative ohe sono esercitate dal governa® 

» 

torà stesso. Questo ha la facoltà -il emanare nei liaiti * 
le leggi dello Stato italiano dlepcslalea?. legislative per 
1* colonia is quanto ei riferisce agli indigeni 3 al suddita 
italiani Ivi residenti s di estendere lo leggi dello Stato i» 
tallatto alla colonie con tutte le «edificasi«ai che ritiene 
opportune t eccetto ausile che ei riferì set..-* «.Ilo statuì • 
per sene 1* e a* rapporti di tettigli** dei Eruditi Italia**'. 

Uh altro principio foadMtentale è quello dal* " ' 

^ione cella legge personale B cioè da 17.**p>*.itelone la ' 
legge italiana aodi fio *•«* - sudditi Italiani e dalle I*v 

del gruppo rispettivo su sudditi indigeni . ? ri •* ■ -*ù.v 'ri 

vrea si applicano due corpi di >,gge egli indigeni': 3a i*g;r* 
aussulaaaa ai .sussulfc&n;. e U \« m9 per gli etiopi. 









301 

J!.'Ila Somalia t», v.pglic* ag'ì indigeni il diritto primato 
*tu* aulsan»,, 

Di ?r< «t- a ■ eets applicar.ioni 'Stilla leggo personal® 
devo «errispr:etere la coesistenza di rari* autorità giudisi&= 
ri* di due oroirti nell-,, gemila e dì tre ordini nella eote^ 
Di* eritree. Sei territori non orgsniwatl eeceai Osala en-fe® 

V 

Sn t^?rf gutrri analogo ui territori dello Stato, **m li sa» 
ni dpi r di Paesana „ Si diritto viene applicato dal residente 
italiane per le conte attieni di minore import*»®*, dal tri» 
bunale o dalla C-.rt» di Aeei*e italiana .- 1* contesi;aaìonl 
clTiU o penali maggiore inportaria*., a tratti consultando 
11 Caaì w,;re. • - : pv K eoi; testaste»! interessanti sussufc* 
mM, • • -iorr.- • et ,. t<-. per la Somali*-, e al Tribunale 
di ->ar a p--" -rU-oa 1 nel case di. conte stasi ioni fra t* 

talian .; • ^lur:. le d‘ M**ean* per rsritrsm e di Mog»<tt««io 

per la i illuni casi spedali, all® Corte di Appnlv 

lo * di Assise di Scaia. 

Un altro p-ì-.^ipio comune nell Ordinamento del diritto 
delle colonie *• • re'- dividere la giuri «di* ione e n^lP&ppll» 
care la logge penala lo «sodo che ne risulti il «ano $ ossi Mìe 

on avvilimento *Ua dignità del *i+tutine s >% fttwfMVPto V- 

11 aio diari* e J.a -■ aooì\ à dì applicar^ il processa a pariti 

oMuse «nelle ?jand* non ©vietano delie cagioni di «arsii*-, per 












302 




i il processo i porte chiuse vi(“ ts« ao-v-.-eoo irt Italia, e naia 
^ isti tBetona dai Ir i venali MS li • ,ri oh servono soltantc per 
1 graduati lrh.U«ni. Contro un ufficiale ■ '«.Piano, invece, il 
processò dava esser* st: I i o <.n Italia per .• :’t trarre l’ufficia» 
e afluna aaodenaa di presti, io di fronte indf **ni. 

Niila. Somalia vi 4 inoltre Istituito un Tribunelo «eoe» 
stonale da 11 ">nàigenaio ohe .ano c cetitutto vioino »3 g. orerà 
nators od ai residenti <sh« governano, se to .t» responsabilità 
del governatore, le provincia dalla colonia a he ha lo scopo 
ar appA.i-'ars la legge politica agli indigeni in argomenti in* 
ieressànti la salute dello Stato e delle colon'"». 

Ognj irelta sitò un gruppo di indigeni o un indigeno co&mst' 
tessero atti dannosi alla sieursrs» della colonia o dal domi» 
aio italiano, o "jnmast tessero qualsia si reato di ordine poli* 
>iCo s ve rrebbero giudicati dal Tribunale dall‘Indigenato al 
quale partecipa esclusi vagente l’elemento italiano che deve 
applicar* la legge particolare della colonia, 

X.-!.') altra principio particolare d*3 diritto coloniale no« 
atro è quello eh* riguarda U possibilità to U‘estradi* i o««, 
rispetto *U~ qual» sì ammette una «aggior larghe»»» ohe non 
* W fra Stati europei, cioè non si fa di stia* Ua*- rl= 

Spetta * 1U «»*■*#&*>• togli indigeni fra il delitto camme e 
f-^itUo., «a si applica quel «principio deU*» 3 »i* 













f' , 






*W 


sten»» coloniale^ per effetto de! quale tra Stati europei sì 
prescinde nello colonie da questa eccezione per reati politi¬ 
ci. ieri questa eacesione è attuata nel nostro ordinamento 
imponendo che non si conceda ì/e sì radiatone se non quando sì 
sla f'• .1 curato che noi paese a sui l*estradato deve essere 
€0B«3g?- -.•:. ;. principi le’ diritt-- pubblico non siano in con* 
traddlslonc, quanto alle pene, cor i principi fondamentali 
del diritto pubblico italiano. 

iin :ite un altro principio di diritto pubblico è 

quello ùhr- si rii'--risse *11'»£^ gnaulone delle terre, fante 
aeìl'Brtt»*»-. . rt;-r nella Somalia -love si ammettono canoe «sto* 
ni di pria* ;*< * scria dt 8.000 «-ari e canee esitati di s««on¬ 
da oategorle M 250 la prima a individui e società-, 

la seconda so’ fratto a indi idul , ritiene «I» queste so»** 
coesioni sì po« .nc far? coltanta -'ili# torre dello Stato « 

4 * / 

che per queste • ir -sedane .... u ; • « eh» non appartenevano m= 
gli indigeni nel «r-^en-'C della oc capasi afte della colonia. 

Ma in molti casi, In colate vis altri Stati europei, 
questa regola uà is-o.qc * fcp;jv-ità la quanto 

* 

«he applicando il : noe ito dell'uso e della proprietà degli 
indigeni oca conce-, ì.-ì s 1 hk£*.ì europei, ei sane ridotte le 
popolasi t-rf tettlgeuv: - aditi casi, r.slla iapossibtlita di 
procurar si 1 - •»? i in-istensés 










304 







A cuasto pericolo ha oeviat : 5 ’cr^in^va^nto jta' l >iRo 
dall'Srlt/ee e dalla Somalia, poi chi -> etabl litri -oc nran= 
no conceeae soltanto vuoile terre» ohe non siano pct -td te o 
sfruttate in modo re dare dalla popolazione doli, coIm ia ( 
aauftsttendo elw non si postano ritenerli co te disponìbili ■.-•uei 
territori in cui si troua -.ma popolazione aoeade fine a eoe 
non si sia prorreduto al mo o :r : ò^r-a .* quest » popolazione 
i assai per potersi procurare il sos*: sntaaenU 

Onesti sono % punti fan dama atali tU nostro di. t 
coloniale? regime assoluta dai punto i: *ta y ' 13 * lc*». au* 

t or» osi a di diritti del punto di Ti * ? s«tt J, pr.>’?*-«*dÌM«n* 
ti se or «alci per mantenere le condir • or* .. tot t”,;:. Ila 
popolazione indigena fino a ,«br idilJo d'-l*' non 
abbia a Beimi lato il suo modo di e-ii«t?rssa a cucilo d«l topo* 
lo dominatore. 







SRXfKSA. 

T. 

Giurisdizione per i cittadini italiani? 
a '! Hater-i* eirlle. 

C.-caspelenza come nel Regno;. mappe 1 labile. 


le ■'ause fr* itali-ri *•.; ■■» 

alla aut *ri n gi ■•dia lari* stabilita «er ctf x tal-Uni e defofi 
te ai residenti e ««anisaarii ed ai tribunali di .J ossei «sari» 

%o. 

b) fon esiste nell’Sritrea la fa* oli* di sgptofrrar* per i* 
giurisdizioni stabilite per gli italiani. 













305 


giudice , Pino a lire duemila, Inappellabile fino a lire 
mi Ile.. 

Appello, psr valor* superiore alle lire alila, alla Cor¬ 
te d'Appello do 5®. 

Tri bana le Oltre le lire duemila, Appello alla Corte di 
Appello di Rosa. 

bj Materia penale, 

giud ice. Competente per le eontr»ttreaal«nÌ. 

Icib^aéj-i Per tutte le cause ohe non sono di coeapet-onzs 
de Ila Corte d’Asa J »e„ Appello alla Corte d 11 Appai lo do Roma, 

Corte d'Ae slse. Competenza come in Italia. Ricorso olla 
Corte di Cassazione ài Roma. 


ir. 


Giurisdizione per i sudditi coloniali; 

a) .£&' *r la civile,. 

Pajna capo Indigeno' 1 . C aatp stante per qual siasi vai o re , 
appello ai c carsi saar li * resilienti italiani. 

Commin ai.r i e reaidéntl » rampotenti per gli appelli dai 

o) la composizione delia Corte d'Assi se esclude il voto 
dei e®; ' indiani; mentre invece ir, Somalia essi hanno voto 
de Ulte), al ivo e cosi si v stabilito per la ^ripolitania e la 
Cirenaica, 


storia 2KXZM cor/m? ì? oi ritto c cicuta la 


li sp 33 







giudi si dei Aagn lt. 

vii. §tosai (eon ito eonauìiiTo dei notabili indigeni) 
competenti per tutte le «*u«e fra indireni di d!.ye-*a re ligie 
ne, o trtlft p provinei* Béri stanai dal g■■•*r«rna+>rs entro Pei 

mesi. 

bi Materia penale, 

£3BBÌ.g.ì%gil.ja. -aalesa nti - , .nyvetenti per tutte le «aure 

penali, tranne quella d. ecapate»*a delle Corti» d".'.esi“ i% n j 
questi giudizi rota consultive dei notabili indigeni, fantette 
*« soggette a recisione del Goya matura, 

fiillwftìl di Coa aal spa rlato.o SAQ%&TÌ3At. Tutta 1* crr.se 
eiie nel Bagno sono di &oa»peteri«a dalla Corte d’Assise. 

Il tribunale è presiedute dal Comta issar io * oawpnc^o 

oon lui de. due giudici onorarli Assistono i capi indigeni 
ohe hanno roto aonsultliro Ricorso alla Cassazione di Bori* 

SOKA11A. 

; 

Giurisàiaione per i cittadini italiani, 
aì dateria civile. 

*>4dliÌAnii> Compatente l’ino & lira e insù* o*»nt ad inap ■ 
pai labi le. 

Da lira 500 a 5.000 sentpe ente con àppéiit; ai par 










307 




2% Sociali*, 

£JL&4iCejpfji la Som alia, ccuapetonte oltre alle lire oln* 
queaila Appello alia corte d'Appello di Koaa. 

b) liuteria penale. 

Figgi dente empei rute • er le ccr.tr:- regnai oni* Centenae 

inappgl labili. 

■JiapeterHe per reati pumi- : ; fino a tre »eei di -detersa 
glorie ■ di r*ol*j"tod ,r! *n~ \i ;on?ir> r appello al giu® 
dine jinr la rottali*. 

fijj idtae - Conpetente per tutti, i delitti sto in rialia 
«ore di eoapeteiw* ì»3 Tribunale n* i”jr. eri srl nei .ti» uso 
a 3 anni * ne] ■■aaasJ'no a dieci xrui'K, 

Hi coreo alla la «sue ione di Re-da. 

I S2.C&* jft *48 li. «a. 1 ut ti i delitti punì siili era» pena supe» 
fior- nel hìiUjbo u 5 anni e nel . .gelalo a JLeci anni. Mccr* 
bo all* Cassai!ione di Rana. 

*T 

m a * 

duri* dia ione per i sudati coloniali, 
a' ?{p.te»-ia & n'in . 

Cadì . Ci.npefsrte r^r ♦ntt» 1* contro aerai# di qualataai 










308 


entità* Appello al tribunale Reri*1oa# de) goffrè 

astore. 

b) Materia penai? 

££&• Ccapeianta per tati. 1 delitti ncu di eoupatenea 
(Selle Corte d'Aeelen Appello al tribuna-e ir*direno 5 \e”i=i 
al del govam-'tore 

fer :.g e entra ^renisi or. i : «indirlo Inaj pel lese 
■fcile t Per tutti i delitti ro- di ^capetene* da * Corte di 
Assise e eh? siano casujipesi in iann vi ■?» ropfi c di indi''?» 
nj al ae*’visto dell aasti*istrapiena r> di Militari di truppa 
indigena, e alano 00»^®^si 4?, sest ora, ancorché in danno di 
altri indigeni Appai’o al Oiuoice per Ju r'-alalia. 

Corte d‘Àselee. Competente por tutti 1 l’vlitti )t 

pena superi,or? nel Minime a cinque e tu*‘X aa-eria/ - i< cieci 
armi ai reclusione 


ni. 

e 

Sturi» di. 2 1 ai* 0 de 11* indigena* 0 [ari ? 6 « se g*% ) 
Tutti 1 reati eh« • 1 ?„»stono carattere politico, ve*-* 
.inviati dal gìm lice a) giudleio -del Tribunale •lell*ii.*igr»*-- 
to, a trilwffla> regionale « preci e ditto dal 'inwi «cario e eoi* 
poBv*- del i end dente e de : oomandtirte d -: 1 presidio. Re ri* ione 










309 




















27 . 


Il gontr o àflift colonie. (: ratiere comune della dipenss 
dsjì 2 n c'• >-ani* le i.?gius politico, argani cantraM di c fr»io 
n«lla Bs.dr« ;• Organi di governo nell-* ro2Mi *. ncnn 

contee,' •. '-Ut loasi-;- . ';**adti&eiao? dello ac* orosi~. Loro rajpor 
to col ’.ar&tto‘tì apeeifteo lei popolamento, Va»*!®© «. il-ppo 
de . ~o t» .'♦‘■'•io* le ìc condisti uno di pepo* ruBoii* o osioffeneo «* c ,*< :■= 
lo do Ila ra^t-opol- Varia eepresalone del * * -t^.o r.ie Sfori* 
oa. a .li a-,t givate nelle edotti -i di popola.^-, "r e etere*/ ree . *t 
, ® #1!To ^ lu «Crepoli.. Sviluppo del diritto prlra’ -, 
to territoriale nelle colonie etitonofce diritti perno* 1: 
neJie colonie di popolamento eterogeneo. 


Sue linee generali i ’ o:rgfv ó i quest'anno et cor a 
at te porti.; la pr oca contiene alcune nericci e alcuni 

,t, ‘'• In-ornaai *u-sle oc leniti* » la se= 
•. rif*n*0* * un >nto storico -«lati ve alle cernii*^ 

' B ' ' ' ' '^° coloniali delle; te* 

" !ì U * " *» tersa per**, che avrete 







dovuto sesere molto p‘ù estesa tanto da dovere occnpare 1# le 
aloni dì un Intero an^o accademico, ai riferisca ad alcuni 
«anni di diritto colorì il*- sowpereto, cioè diritto ooleniale 
intorno dei fcing'li 'vati, a differenza delle prime iasioni 
del coree che si riferiscono ai principi1 del diritto co le» 
niaie internazionale. 

•''ueato ^IguarcU i rapporti fra gli Stati in materia coto¬ 
nila», cu® no i rapporti fra i singoli Stati e le colonie ri* 
epe tu \ .•, 

!"? frisilo punto che debbiamo ora considerare è il sarei » 
tare <?.<•• Ila colonia per ri «ve t- alla metropoli. Il carattere 
differì 'siale di un territorio coloniale da xm altro ferrite 
r ‘« ; duto o anneauo da un detmainato tato è flwP.c d? 
non entrare a fondar parte intet■'ante e omogenea de“ terni t^» 
rio di t*le Stato, ài resiterà * otte la» sovranità li <v o~ 
ita eefvettòa al pop o op ..re ilio eiruto ^ ur*e 

del primo Ogni volta efee uno -tato si impossessa di ;n "er^ 

ritorio non per int»-*#;-rc la « * ?.■; tà di *fc.ito, n per così* 

* 

pie tare 4 suoi -'oitfini «a -.f i nè pe* staili re punti di 
approdo par Ir &>? n, -i n iepoiti dì carbone, o f or tea?, e ha» 
ritti»*, »a \- -r aver? r* li :=uó .: ■ j"eccedenza della prò* 
pri>' po; al. ■ ■ n* - vr. ixesr.o dì sfru;lamento agricolo, mine» 
rario v in wf •■Ir o ■ *• rotale a pr ofitto della propria en* 










312 


tità di Stato, allora n» i'aa^o&j?©- J • to di una j opc” m Ir-» 
ne al' ‘altra T vi ha una dipendenza di ‘.«ratiere CO» ©ni--'- 4 

Que» a dtp eh densa dm dunque, per il principio oh© la in» 
spira e per i fi* t che si propone ’o fato che ±a irtituli'Ce, 
ur. carattere fiirsrec dalle altre arine»- on‘ ài tcrrtl ri©, in 
alcune altre connessioni avviano la fusione espleta, c.al pun 
to ài fiata della entità li Citato e da7. yv"‘ ( > di vieta del 
territorio, fra la su* crii eie annessa o *a -iperficie ohe ava 
va le Stato che 3 ha acqui otatu„ le ~ -*r en- »•< rare le parola 
dello scrittore tedesco iyarhurger, qr-nndo * .*1 oasi a » 1 cren# 
fu annessa alla jeraania, «asa dif rt inlana ri..petto alle 
-ferssanìa e i.sland rispetto ag"i alt* * Stati n>:-. .' o co tenie 
si ha. invece un* dipendenza che pvr e et traente il loro ter* 
ritorio a ogni altra sovranità e r- • *< nvcnendc*■ -.ila sovra* 

nità delle Stat ohe lo acquista, non lo »sRifai la ccsnplete= 
sente al territorio di tale Stato, quindi nei rapporti con 
g.i altri Stati il territorio delle colonie"diventa terrete* 
Tj .0 de ;.io StfvO ohe le acquista, oio‘- diveut*» una parte dello 
ì&X&Sji di quest© Stato i&a per il carattere particolare del--* 
dlpendensa e p r il principi o ohe la. ispira, che è la utili»" 
«astone a scopo dì pope tallone ? di afruttaajento, 17- suo ter* 
ritorto contiti' a ad essere distinto dal territorio dèlio State 
che la predestina e s-*l avere una sei et enea particolare distia*» 












319 


*.5 ftH quello,, 

“‘ 4cehs QUes '° territòrio, nei *■sporti delle Stato che 
0,1 yArt*, d.1 Tenta 1 Marte in osr.f-•'>»*♦<. cor» i tergi Stati, 
■.a continua ad esser-' «i.. stand in confronto a! pria-» 

--esto carati ere particolare <tt dlpendèna* «h» nerette 
** <i ‘ vno dei ■«; '■• torri* i* 5 . ci v terHt ori o le i » : 

5 t*tc dorainatoro d* quelle dei d 5 per, a . sì j-^ee-^tus. o 
-i attenua » a-»c- "da oh» <*■ > !<••-» © «inorr le. dS5.-si1d.enea 

1 u*. territorio a l’aJ*rt- e delia popo lastrine teloni--. ir 

5 2 i C li' v& 1 0 ù y ^ * ; Cip 0 i J f 0 


*'- l ° pvlltt PP G d «* donini coloniali si p«*cor.c dirti»» 

«uere : re sistemi: 

> # q «« 1'0 è* 11 " ae 0 . 4 * t j . isen 4 o : 

2 *i quelle «li «utaa.«ttl*.. 

’ •' ; don"assialiIasione, 


orts» 


lnis*-.,v do 1 1 soggettano. fv; ? quello nel quale si 
* x ‘ ’ - a ‘ ■"•■•*.-.‘iedae questa subordir *aiene dell e» 


del ^riVnic. coloniale ano stato cito lo possi-.-de 
4>! ' * ' ' ' * " r "''‘ 10 sviluppo del territori© odoriate acne * u » 

ordinati e esitar; ^ ;en té all - sviluppò -»M, > «W. 1.» 

J> * *'** * Mt . li ivi interessi e.e©n omini e p.»pj + 5 1 « 

fta- ?. 


stoni a jejs k diritto codosux» 


J>i «p. 4- 












-, -, «. iyt© J.r»ch« n'«i rati? V* i * 

... ; a pop elisione f * 

C«v I- enti ti-S. 4 ìv- ' 1 tat $ 

4 * f « a t* -11: *c fìtlìe prise 
a* rt -e ri"fritto* o il oopo'ferito a*?*'* , 

3 * >i r ! c> Ó£ * -’OC &, £ ^ . 

he -e di «n» pe~h** tei'; America del Hoc de 
’el nerica del ii. 

Xnreca 11 si.?-* m . ài Autonomi- -i ha quando, J?v. !'• * j 

tendo ".- non ■ iene ni terr torio coloniale con «nelle 
deli s » -* tropo 1! , ri •*<riltpt *ne r nel territorio, autonomi « 
Tjani ... * ; analoghi a quelli dallo $t«*o 

zo\ QTì\* :*irn- 

V S 

.1 «le tessa dell‘a.» -ir Alasi ne • un ai et «ria nel «?'• 
prendono le meeee dal ci— <*•• -1 '*•'*- oggettarnento e 

oa la popolazione indi re * » delia ■ oppure le i- 0 .. 

ne mista che risalta dalla fueìone dei vari* e lenenti 
colonia, prima alle sviluppo dulie i«Utveleni e mj- er>uit 
locali, o poi a un grado maggiore o ainore d? avi «no.-, 
nietrativa e politica- » questo «tatwca di assistIasione •■ 
così chiamate per eh* avviene una assimilazione degli ift ■*' 
delle Stato metropolitano a Uà popolazione che in tal gui*o- 
diTenta e poco a poso omogenee a quella di tele Stato per 










SIS 


forma de 3 rag gi «cento e t>&r la ooltvra ch p ? :c- re r >■« prat *<*»'• 
®ent t possibile. 

ìT« Ma stori* coloni !» is di t; r «M ■. *# r ' ~ ; «* P® r 1 è ® 
oocoe^it© allo, fcopapte -, st fca il ai■**«a* ds ;.! ’a»;«ogg*tt»»#R 
t o, nella suso «eoi va et or Ja de 1 ’ e c ■ ': io *»*— ' ne. d <V ’ f- ft 
distruzione degli l’idi geni, « ir. #‘>4 n -ru* anitra 

liane, si ha un e rompio di distoma d? autonomia; nella col’" 
nizaazione attuale di «tolte coloni ' fi - tnoae' « il stolti 
eedimenìi Ir,.lesi .fra 1 quali ar.iia» Mfffipe! • delle Indie- si 
hanno variar ente graduati esec.pl del sistec.3 .il a a Bici ìazio-i- 
ne. con X‘introduzione, a poco a poco, di i*utu*i<mi rappre* 
aeri;, tire, a''reno di carattere locale che tendono ad educare 
la popolazione 1* ' .^na *11 e «ergiti o dell 'autori ostia. 

Ma -iel c' !-«.* der. re compara* itwaerttt. aueeot tra eie**®! , 
dei quali per 1* nei .-'ente dei principi fondamentali della so» 
sietà nostra ej. tue ritenere del tutto * oppresso il sistema 
puro dell•&»& or;-s*, tamento « sussistenti soltanto gli altr* 
due, bisogna gwrdc r »t •;» v ■ egs.j - .-«o sfc» n ■■-, 1 wiea in sar-3 ti 
•oriti ori: ne.* c sturi sue ?. 1 viri t' • dtolesie-le *? separato non 
é po sei Vi le o or ^ i cerare i due si t»t a® i de 15 * au t or oasi a « r. e M & 
a se imi la? iou,- tou<- due ri eterni dei quali ri po«sa In modo ae» 

m 

soluto •celliere l uno e. eoe migli oro dell " >l?.r . . i*- t>tt#X3a 
gu# -* ohe gli arti«ia.1 scrittori di e conciti a sceglievano la 


_ 









316 


alg-iore forma di gwrno; 

questi me a.i *»*••. fccrn e- t ’; * 1 ; ‘ di d. t-rj ' o 

che si ricollegar-' c ■ ; •■■ „ * «•-. » •; »< : 

*ì :s » ^li watics *1 t»;r ri io & «va tr *«no t.pr' 1 oa 4 ’ !2 

fci«toi-a d»3 2 aut-.' r -non rie* :* •; r '. 4 vo -•{■.«ente <* • t nei 

territori che han' .i t.n *--miesanic 3*0gene -, qu*’ v j* '■> 

»•; .rc >5 Cai, Tnvee? in tutti <j •< altri terni . • e ape-ri.-Imeni 
te ir cuciti ir s«.i la popolazione del’.?; me ■■•c- -’i par 
ftondizioni elicati^» n n pu* costituir-* la »■>:+..%i -.«-•.£:•* tal 
popolamento il si*te<- , de 13 'aytonomia non he «*»tc mai t imi 
risaltati e deve cedere '1 posto si sistema tìe21**?»ladl'-*ia* 
ne 

?« verità di. questa sentenza deriva dai: Indagine cgss~ 
parata del"!»- colonie contemporanee. 

L’Australia ha sviluppato un sistema di autonomia porci.? 
è occupata da pepo Ita ione augi eterne e erte e il lanadf perche •■* 
popolato da europei ciò** da francasi « *vng :•»*<%£ e mi* v«*U “Ar 
frlca d -1 Sud l*a«tonOEia. ha po i-l <> statili-t » 4 ~uanto Ve \r* 
sento europeo ha ingiunto una assoluta preponderanza in -c*?« 
franto con l ‘elemento indigeno. 

invece. o-oae ai è fati o dopo la pri «a ri.ru ri r*n * frar" 
cere e dopo la seconda rfe tluzicne frames- del SfW9, dove si 
e voluto applicare un anatema tu autonomi» h territori abita» 













31 » 


ti <*.» i.-digerti. nsll*Afrio* e nsirAtla, oppure « territori 

i.- .a popolazioni trasportate Ktotll -Africa »i ’ " *««riea r 
oove nel *»«<■• de n% Morti ni oa e fieli.? 'juada' dpa « *1 sono ot¬ 
tenuti effetti disastrosi 

t-ttittdi il siatasa 4*11'autOROssi* por t >? Italiani, ^ 
posse <1*ateo oc'onie 1# oosIJ non nono susce 1 ;*itili di popola¬ 
mento nostro, non presenta un Interesse* notevole.. 

V&ntonos-nei paesi in cui e stata applicata ita avuto 
due mani fiati'.: ioni diversi» fecondo il » intesta inglese ha &” 
t«to per .airi ; ect*.’! * cne le «viluppo delle istituzioni feppre* 
Mutati re ed 11 povera’ r«sj on «abile nel territorio delle co* 
Ionie. Invece ne tentativi di autorio*** esperirenttti nel 
governo dalie col ,nie francesi, in quelle perdute do;;a Spa¬ 
gna e nelle colmi» portoghesi, si e tentato 4i arsii!;ilare ì 
territorio delle colonie a quelle della «atropail dando una 
rappr«s»ntsnsa ali* colonie nel par' 1 esento della ae tropo li , 
rappreeentanaa che tuttora le colonie port ogive vi nel parlaseli 
to portoghese e in parte le col eòi.# francasi hanno no^ parla» 
«ente della metropoli. 

Ma questa farsa di autieri» «.*i raggi* » < seop’o »•»* 
pieno quando corrispondano quell* « «n V • : - : ii p. oh*' olì* 
rendono possibile un si stesa di aptonosia* p*r<--:-. la rappresati 

t»naa. oc leni a le noi parlamento della «sadr* ^ -f. 











un saggi or Intralci a per la trutta*ione di affari enorelJ 
Inoltre la rappresa riama coloniale ron ri seri-e ■: a-- - ? 
generi ali ohe «1 riferì ?ce««- al territorio cella metropoli » 
quindi motte volte avvi*-■‘e- olle, per la .iivereVt di cootuni 
-.'uando ei allarga me Ho questa re-.pt*-- sAntens* verifica 
tutto quello ohe Vt:ter ebbe per iteci aumiliittenf 1 il ■ - 

binili da parte di un parlamento c .'M tutto con alstvEu-- r 
peo, perchè la rappresentanza -re’ 1 e coierie ’-er‘'tonte* - 5 '• ■ 

proprio voto a favore di un de te ra f osto riviste." o e fr-.vora 
di un interesse metropolitano per avere nel parlamento Pietro» 
pontano il favore dì vn gruppo o dì un partito a v*.n v -•• ■ : -.’- 
degli interessi col niali che ' c fanno più spiar*:, -r jueeto 
modo la rapprese tt . coloniale o non serve ad $ voce 
efficace nel parlamento stess-o se si limita al^a *ute?a de,,, ‘i 
interessi generali, oppure è un* rappresentanza che si adope* 
n< pei far -valere gli ititi-ressi di certi gruppi politici j*e» 
tropo titani e al? era serve e far cedere sempre- più le istitu¬ 
zioni rappresentative della metropoli, 

Sic ..ho, dall'esperimento ccaparat Ito deli'una e dell 'al* 
tra fori;; di autonomia coloniale, si posso»-:- derivare questi 
àua principi ì che l*-&utonamla da applicarsi alle colonie 
nari si può fare bu una. specie di riconoscimento dei diritti 
dell‘uomo che possono essere garantiti in diverso modo Mena» 












319 



•? .'.e eiViit ( ca ? •* i ' va tona»* a non |u6 essere Isr-* 

rit% m- r,.-.- i' e jf-fjv la^ j r<ni coloniali c®og*nae sor» la pope» 
Ir. rione della aetrop;ìi 

3' ‘•lo l’auV.*-cp>tsr- de v avara ««apre, per essere £rut= 
tuosa *» forma di ietìttus: f ne rapprar ntstiva di organi di 
gcverr* i x: -, *. linai ero di governo responsabile 

. non air.:. la i'orma V rr.-'l*. Ione dei rapire? ostanti della sa* 
; fMi j ^ nr i ? &e fi ac t e a r&pp rasentati?» de 1 le aetr op oli « 

Quando e.', efc'ùa ••'«..’» da f ore a. di »uton®iie itili® 

ca t poc ; i p f oo "tei •- - .. c 'ite J''ìu-, t .sauté un& qualcbi 

personalità il '•■•'•! s cj't : . rì ari iva a uaa o dupli nna ione 
cella «si • .• coloni» « dello Stato a cui le emoni;, 

appdi •“ or. ■ Lpo- -re le verte fcroe dell- v • 

*® - tt&i». ■ .• :v;~ v *t ■ •>• i • ;. *•»•:•* -, a; -. ■.ee^.js ^ ■ -rrlì• «tee* 

•■' ' * r l<?; ' J * **••*- ' i *•'■.?.£ #<®f. ito "-ìl governo de Ile col • .• 
ani anace inglesi. 


’ * ; ^ tuie, ir ■•? * o feaRBo ietìtuai; - ej rappr- 


ti ve « in quanto Pernio gevr- no .espvmsa'biie, «osso nelle cor- 




rA * s ^ P**t* de. par tester . se .Ha - ."Propoli Rese s?^n. fv ■ 
















320 


vopipoet o„ in « vanite dirit fi -■opr i cjc- ntaent* 

óaJ. punto di et *tm cessar—ci* le e dU -a * f ie* ir.3- •= «-no iella 
j&a4<re patri** tutelano que**? di»t*.* ? - •• :* nei <ro *• no- r~ * 
«setter* - 2 se i tre* *««*i '<Mf ". sti <1- ì ft.n-'re pa* ■ f t* l**r* 
rr- •■*■•* o^-r esse. 

iC-vr&Uao ?- - ri .*»' ne --a s ne 1• Anatre Ji*. 

*>:•' a .*» esiifc r •■.?* colore * U" •; op " *.i rii rsjtzn già? ' 

eh £3 : rI •* crebbero not*-.-; o i/r c- tre o U®ita* * 

ae i eepe foee-**- - ?. *npj.. ■ *--i •'• ai tratteti 45 

• ceserei© e dt e* :,.. * **'■$■■ :* ' niu petria 

1* «cto-v - :« .-t *>•.. e li a- on ^eia. tutelano d * 

5 :pt*©S- : 1 in •- ■<«; 1 - ’ r 1 ,. ir ■ ,l'indi 'rav s e■’*«■ 

pulirti ri- ile ' ni* inglesi eoa tersi stt - si ' 

gcvwrn* a»*-ppolitun ? .-. ' i-„n< • iella r&vjw • -or ter?:* 

ri- ì*r f •. '■"i ; ' ? >e?.' a iella .-ad' 4 vati a Secar • il ce 

6 i" a ? '} , 

tre a clà <hh>p : * evieni*, che ramno s*«-i ;* ? r: c Sor ■. 
s T.. ; 1 rtansa eli Stati «ubo óirat i t c «linci > t\ *t tare "< 
t-? &• t r • -pò g li int «ree si e «*m?« ire Ut tei , ?* di fe ** „ « li 
troiane con cappreeenten»* ohe * tanna e»»';» ,.>■<■ > iella 

**trcpoli per conto del gevern ì» '? ■‘-lo:- « che sono i 
pr * denti di un a fapjHftr ent an a a lin •- a-t* ’■ qua u *iwi« 
K * forp®- eoa gli Agenti *e aloni incuoi e I.on* 















3fcS2 


arft„ Ci» oì possono amaro Piagati* dell® Catanie a 
avviene nei rapporti ir» : rtorico « le isole filippine col 
governo degli Stati t»slt* 

Va siccome alet»l 4i questi interessi ?«*0 permanenti *4 
altri, ricorrenti 9 a-^ntve nei rapporti reciproci si lia qua* 
»tt rappre contali*» ée.«ì*di|amati*», per altri rapporti che 
yigi Lardano intere 'suini la sci osi© bri tanniche sono rap* 

pre;., untato alla Covi .'enea imperiale che «i raduna a Londra 
tutti :t quattro o ■: que anni. In questa Imtferensa seno mp« 
prese-:.-te tutte ir olente tri tanniche le quali ri partaci* 
pano \r y* p&rv : :nz> Stati indipendenti n 

f «> "to ptait. de 11’autor ostia si vedono i primi albori 
del caabi osante dt .1*impero colonia!* in un impero federati» 
vo e delie svilupparsi di tutti gli organi ohe debbono dars 
ori gin* uno Stai *5» composto. 

le autonomie coloniali, dunque, non possono fruttìfica* 
re ohe fra popoli aaogenei; asse si debbono esplicare medi®®* 
te autonomi?* sosti tua iena!! nell© colonie e non mediante 1®* 
confusione della rappresentanza delle coloni* con quella de-a ” 
la madre patrie,. LO sviluppo di queste autonomi» pe^ à&r Xuo* 
go wb separartene espleta delle colonie dftjla metropoli, 
come ò avvenuto degli Stati Uniti di front» al 1*Inghilterra, 


SHOBIÀ 3SLIB COLOSIB E BIBITTO GOLOSI AIE 


Diap. 4l 












o può dare luogo, eorae è' probabile Evenga del i’iiBpér 
tannico, a una forsaa federativa oh» mantenga 1"unità *r 
varietà e che» cascato io «viluppo rrlcnlale delle au 

tenesse, ne aiuti l'indole e la natura ir. alereitanti t- ' •=» 

darai1. 

on ci ha la possibilità di uno «viluppi eoa- sto dt : 
tonsilla fuori di questo si sterne. a si ha il «isti del 
alni Iasione por effetto del qwls sì passa *1 compì. o asioog* 
gatta®® irto delle co'; ,i al '.'a ; :>tropoli. c gotta* v- 
to .Viapero del quale ... - r&ppr tentanti* ,t ; : «etrop l) 1 

colonia vi esercita ,in potere 5ompleto r- il v«ro seri i?- 
soluto. Si passa a poso * paco a una vur ni erra di t. n f >- 

sla e «tomaie « loc e ù • la popolasi ne o una a»t. 
aia di e&taln latra* ' a .• 4» di proto tarato ». intendo. i 

potere ai capì locali, c o a?=a a un; rappresentanza de * 

popolazione delia «cloni . e';-, he. c.;.rj ere consultivo. pr; 

eo il governatore. 

Selle colonie In evi ls popolazione sia di civiltà dive* 
aa da quella del popo.. aietropontano, si può facilmente difij 
«trare corni per la tuteli stessa della popolazione indigena 
«la inopportuna, snob.» se foce® possibile, la concessione 
dell’autonofflia nella stessa for.ua in cui questa viene senese 
«a nelle colonie di identico pop©lamento. Infatti, o si 9» 










323 


stenderò le guarentigie elettorali a tutta la popolasion# e 
i;ora la popolasione indigena o di «angue non europeo fea 

_.a forza di reagire contro la popolazione europea, e questo 
significa la a?Iminasi'«e dell'elemento colonizzatore (acme è 
,-x venuto H&.yti ), o io guarentigie elettorali sono date eoi» 

tanto alle popolazione '.lanca od anche alla popolazione di 
colore Mnse. che questa poeea approfittarne, e al3era si ar» 
-,Ta Ila ,’tonlisione della colonia inglese del Tatal, in cui 
ì bianchi M adoperano per escludere dal diritte elettorale 
la popolazione di colore, o a quella del Senegai, in cui i 
capi fanno si chs 350 eiettori bianchi possano ottenere- i 
roti di 3000 elettori neri. L'apparenza della autonomia della 
pppol-"ione e; ^ quindi, a ridurla all'ultimo fondo dell'as 
aerviaanto, 

• s in s>t ; ? colonie dì popol >z iose mista ai concede 
invece 1'autonomia amminietratira locale agli elementi bian¬ 
chi o acoi tlatì t 1 "autonomia aamin 1 etrat i va a protettorato 
esimiliIstr -, ,ìv v * per gli elementi non assimilati., ® se si costi 
talee e. come - r - ttaaeaua, qualche comune modello che serva di 
esemplo all.-» .popolazione indigena, allora si provvede alla 
tutela dell'., popolazione bianca e di quella indigena, alla ma 
der&zione dalla prima nei riguardi della seconda e ai evita 
di creare un* di quelle forme di autocrazia poco numerosa e 






















324 


tiranna per crai va riproducendosi ne.’ tu d=Africa lo sta eoo 
srapporto ohe esìsteva anticamente fra gli spartani e gli ilo¬ 
ti. 

litei paesi coloniali in cui 1*autonomia non è concessa 
dal punto di vista politico, il cista»* ìell^s stallai ione 
porta la possibilità di una graduazione ohe va secondo il eri 
tarlo dei governo metropolitano, accenda lo sviluppo dalla 
popolasione Manca e della popolazione di coloro, e va dal 
governo delle colonie inglesi di tipo più assoluto, dove il 
governo metropolitano può legiferare con ordini in consiglio 
e il governatore per mezzo di ordinanza „ fino a quelle colo¬ 
nie, come la Oiaesaica e Ceylon, in cu! e si stende un consìglio 
legislativo locale, per quanto in tutto o in parte di nomi* 
«a governativa, 11 governatore non pur più legiferare per 
mezzo di ordinanze. 

Si ha quindi tutta una serie di garanzie che vanno dal 
governo assolutamente arbitrario de? governatore fino a isti* 
Iasioni ohe, quando la popolazione iella colonia si «la a? 
sfilata alla metropoli, rappreseti!.-.rio un sistema di asnìisl la” 
zinne. 

lino a che questa sì stesa non 'ai possa praticare, non 

la 




** * governo della colon;'a $ condotto «etica le guar fnt’gia 
' dalla mftrcpcl i ( m anche la lfegìciaciene e il 













325 


«irttto priva•••• > e panala dal 1 a colonia, tonno r *tt*0P 1 st*•* 

eto incelali In confronto « anelli dalla coloni* au*«Ito*« 
©.west* barn:•■» un. diritto. prjy.*to ito è ©usilo dall* *>« tremali , 
ovvero un diritto prlvàto part 1 1 alar« da ila ©01 w* * •■*♦ 

che e il diritto frano «sa per i 1 11 pria» codio* 

frati co e $*■' l’iaola ai ' : '*uri*.l » v oto ? il diritto cessano 
cl&jsd<«ee 1 a colonia lei Setoli dal 5ssj>o di . .uoua Spera#*.» 
a& 11 diritto positivo elabora - » o ptA tardi, e v-nx o per tutta 
la popolasi!on*,' europea dalla cvlonla* 

In ve ; 40va ai .Cbbia un?» * ■ op o la» i ano a 1 la mi a n on ai 
pasca applicar* il s<i stana daU*iasimiliuiOÉio. si to noncash» 
riunente t co»*» tu" territori.;- della Irli-olitati*, il •?tassa 
delle leggi personali, cioè ogni groppo di. pv,-,iasione **«»* 
r--tto nel rapporti personali » fastili >~l ■ nd ’ 1» oua 

l^ggtì perèsala, s pdnH -l ha urna p£r*on- ti la 4 1 "-*“e fa 
«l ohe rientra dal punto di vieta Sana »ov*’*dM& i" r^-rito* 

t 

rio ecMttitaisoa un tutt ; unico, ioi pipt» w - *.«pò le©** 

gl vt aleno tanti ©ruppi di leggi mt $ sono .1 ©rupyi shila 
popo’,-i*lon« che lo abitano, à poc ' 11 su «ruppi 

di -• (ugni personali vi »oer*pp •'**e un » d| «. •- •'••■!-*orlalità 

al»Ile i»r/!>f. pria® ecce»londis;- j>er avanti .■ poi a 

pocr * poco ©anorais » tutto i’ t r*itoci. "••s??-'. .?■ state 
1*eroìnaIone del diritto w.;'v ts° -. *«*.■*«* p*£W* •% •*•• m '• 









ì. *nff&-;anÀ Yi AITersa, 

■- 

Ìtì quer- 1o li storne di personali delia leggi al ha aa~ 
oila «5 dovpi© letama di giuri a dii isso 9 nei riguardi famiglia 
’ ai Ha uh a giri edizione di Ter sa a seconda dei vari! grup= 


.,i &, pepo: eslege. decanto % quest grt*ppi di Ter ai di le gl* 
»***!«» si Hanno due elementi dì untile*;: ione che agi scene 
sai caayc dì dritta primato e<ias un alesante di assimilasi*» 
ns 'ente *«ri a quella, ohe rappresentarne le pregressi™ *u= 
- oa F o del diritte puWltco, n primo di questi due 
n ---‘ -.Mi. a relatlTO alla proprietà che é una 2egisla« 

? '" m * ** M * * tntU U P^olftaioni .tal territorio e che e or» 


***** 4 ^Wielw che eniTano promulgate 

^ Slitta quante la pepo la* iena „ 

ol poi un altro * lamento ai uni ? le astone nella giu» 
V.-utauin in tutu questi territori ohe «pnuono da uno 
*° T ' anà ***** « 41 *Mri a«l territori (teeel, oi ha la 
‘ ” iBUnt *** 11 U * l * ut ' ,r » «Mi I»M1 *«|>r..i M . n t« obblt 

* 6 ' * .troppi di popolazione ohe u aMtano. *s 

* ”"* te ** *«*«lbmtà eh* 1“ autor Uà p« alta dello su, 
U fls certe di Caea«lw. in mila) appiloht «erte dedalo* 
ni .he, interpretando le le**» patibolari ,* u tl 

■ ’»ne le .Ingoia pepo Inai ani w „ oolenie, modificano la 
^ 4 ‘ ,H * 8 * 9 15881 • “* *•«» « eanoetto *1 ordine pub* 






b -ìflo fusela si eh- jy t4 alt*,«elusa autor-:. U. • m ùmmn%* a 
quarte ggi di aver piti viger* in quante urterai he» i prin* 
•:ij>li fvn» ■waentali de? tiriti del’» Stato d-m. itet or*, aia 
*n©ha perehi erranoo >* " '.'applicar 

l’errare ài *swte .>8 *'■:. Uìto ec aqt vale giu4ls;l*wri«iadnte ad tì» 
na verità eivs el ••latiolae* «eh# %ai rapporti di $ 0911 * pò» 

• o* ; v* i o ii I ? questo 'ido, .neutre -seIle col vni- do =-' ; - a weende 
filiera »i ha una ^sp^raeloac me»- ,uta in «par- «1. povera» 

*d -IH unvi.-, .4 c ; tone-.^ . r i quanti ìli* poè&iMliià 

■ »Xirar*.- «e-.. «»ggì pe:-tle lari d^ diri.‘-te private, 

t»v r '.n!- • i -.«aìri • ì .5? dal pwr •'. * vi *♦.*. poli» 

t* - - uv. ir- - ) ine*.- -* e* Ila legista- ' eac starane di 

ì ■ :. TI Stet( .rsxla *.cre 8 r, • ' «PC'**?; 

:’,i' - ^u..<ìr‘-.. eh* a noce t eéd rvia alle r- lappo aueoee» 

*J.*e • pepo».' d r . ito aio? gene di urie eft ««apre 

®acgi'-'; a i de dirige.' ecse*-- iq de IH- i.:";- «pa..:. 





















3 88 


23 . 

X-? p.^olaaiani ielle Mlonlfl e la loro giuri» 

dies t viluppo nomale del diritto Duplico e del diritto 
prlvat 3 nelle colonie di oepalowient o europeo. Sviluppo e eco» 
zi ora le e differenziale del diritto pubblioo e del diritto 
primato nella «olente .il popolamento non europeo o ©• to, 

Ec<s m accesi ornali quanto ai diritti politici e al loro *ser* 
<51:510, e quanto alle garanzie della libertà per e orlala, della 
proprietà; ei Untiti àe*Xl'attività economica; all'esercizio 
delle funai oni di polizia, al1"«mainiotragiono della gl-tetlzla 
penale, ad alle regole a ai limiti della estradialonc 


Cià che riguarda i 9 or Aio-vieni o legislativo dello colonie 
* % 
tanto dal punto di vista del r evinse peJtftfbo quanto da quello 

del diritto privata, del ossuto penale © dell'iagainlstraslo» 

ne della giusti aia, Éeve desiderarsi in una indagine del di* 

ritto comparato del tutto distinta secondo tre gruppi ài eo* 

lenir, 'SoIle aoloaiq in cui la popolazione indigena* viene 

Umlnata sia porche risosi iuta in sedi «verse, come nell’Au» 












ss: 


strali* c net"' 'iati Jftitl ft'Afflerà«.a, aia mediante la 4i« 
strilwst v:<t hit uno «TiIqjsp* «alto normale s qtQn» 

tane erteti t "-•: a enfilo ridila aatrdpisM , t«t# par *iè che 

ai rifari •• 1 -il ri ti- pubblio^ e polfUeo, quando per eii 

eh» ri ■':•• «% lat'.xusiert <•}. panale, locai* a prive* 

tO. 

; -: - . i oa«o. ••.n-’ o se la pop-- ? vaiane aaso&ets*^ **4» 
c' ; ' - -a sfolla «atropo . : , aia q»qg-?r •-* nel sansa nasi «ss-la , «està 
ns v '’ « ''Ionia di papolMtanto inglese, quanto «e sia «me.n«rtei* 
nel (e.-anao generico <3,. rnsìsa.,, sies* nei rapporti tra M * 0 *® 
r-'Xa.: '.ora frano ose del Ci&nadà * 1"Inghilterra « tra la p cm ol»- 
itien-a di raesa olandese di una parte da 11 "Afri®? 4al &■ e 
I'Inghilterra, si ha -m prmediaent ? nonsai* perché »i ~Wl lup- 
pa un solo diritto nella popolasioas ossigena *, una *»ln ferma 
■ ; dipendono politica e una sola iasione 4i diritte», 

o <. !• ■> c-'-'-o i» Istituzioni di dritta si sviluppano in «.q» 

' lo iT **l0(5» » aue' i della ’-rtrppoH, ? allora pifc epe*tanca» 

M l*a«t meìm U sistema, del tfirit» 

r ri <r*,..o •» vìa 1 :, .•:. iji sgee «sei diritto franse#* nel s«« 
i-f3ó f abitato A- wti- '■.«.. tyundeoe^ «ulta itane del i'rit* 
to renano oUvù.V nei te - :r. ■ «iste dell "Afri «a mi Sud, 

*»** u t ro diritto per si*, m ile*» 


'&' 7.1/1 V V; ■■ ■;'■'■'!' /,, r.= -■ ’ j; 


-v- 4« 


/ 








330 


riBprutìtt-iaA i'(te Ubatosiosala. e, dopo ot tornita 1* autonomi a, 
j‘ST via v*ì a» sihistyaa1 ono aut ©scoia „ 

tto*altra fora* eaapXiOe d£ aviltjppo del diritto delle 
colCRle ni ha. nel caso in cui si tratti di colonie che per 11 
loro clima non U*no sutwe tubili da popolamento europeo, oloè 
di e«.kO.-.ìie il owl popolamento resti quale era antfcedont«Ji»aote 
in questo ceno si ha ubo svi lappo di ordinamenti politici -sea* 
aa auton oaiia o ««*»*. attribuì iene di diritti colitici igli 
indigeni, e «ne svilupp* di diritto privato che è -‘atto sella 
*® a * del diritto Vigente pria» dalla conquista, ritratto in 
*"**'* * deviato in altri, per rag!otti di ordine pv" * 

L ~'' ~ g < ^ ar * de li 1 autorità la gl «lati ira ohe .n ..jicnt 

< 

■fello fiate dominante. 

5ov-g . o sUluppo *ie ’ diritto politico, penala e privato 
compio oso a in. quelle colonie ohe, dopo un certo 
*cr # -*o di dom:. uo 9 ri mutano Si popolazione milita. In riposte 
rì*M S piò difficile .li coordinare li (mnM fl, 4 fli Te r»l e» 

U ““* S 41 ^ 1'«!««*» ab. cosi ititi r,oe lael> 

ncrartsa è 5»» europeo , „ r t. MS ad caro 11 oc 

presto, cuora procede ail-aa»r T i Mn to «1 n»OTi tatara»* 

fll .itvi la .^erta. essi -aeoe della popolazione caatltai* 

et,,., »adofl»nt. in pacala «alaeta ,*i» i*a j.*è ditti» 

oli, il ««arac «Scoialo . „ « *««„**,, pii 
















331 


•'•ir.'iSC'' * t ■ ì*r« e • 1*6.1 ^ 

■.,. iti del -ir > ■ g‘,bblice riesca pene ©loco ciò «1» 4 P rii0 
»b* rito pare nu *t -lai. buon.cene». «iaè l’#largi*5 «rta de.; le 
air, %1 gruppo europeo stabilito ir pacate ioìoai** •■■■" 

eapBrìena» iella stori» coloniale e lo studio dal diritto i«*&* 
tl '» comparato osila colemie » persuade Cb* è ragionatole 
nel) i -ma giusti fica;: tono il conferiménto dell"»utoa*at» »U» 
colmile popolate la elauantl eureka!, che è »itr«tt*ato e«» 
fionda la gluwtlfieasi-ae dal diniego di «uèsta atit -®oaiÀ o un 
i -r (eldie ento di protettorato d«*« le p op ola* ione in di. gena r « ■■ 
età l’elemento esclusivo ài pop - 1 lesiono e duo nell;'!! ©cloni-e 
4i pepo lai! ione mieta» d'ore la pop opzione indìgena uostUu' • 
aoe un» nuter jb* minorano» o la grande «aggiarena» deli» p ; 
pelmsioiie f rieoo e dannerò alla celasti» e danneti*ai3?n alla 
giusti sìa l'elargizione lolla »ui ancata alla popolasi Ione -a» 
rape». 

Infatti, nell'impero coloniale britannico,, nella ©optale 

«T 

in cui, cose ne 11'Africa del S«d v dorè la pepo Iasione è sa® 
sia 0 dora non sì a potuta eliminare una par té notevole di 
pope Iasione indigena o anc&ie dì popolassi otte di colore ijspor® 
tata con caratteri diversi da quelli do ila, popola» lene «uro* 5 
pea» il conferimento dell'autonomia e di ir-t itasi oai rappre* 
sentati*» all "a lamento europee è stato di grave danno al 

r 


— 








tessere nóléte *„ r£U gin*tl*la t élla popeiasione indi* 

g9&4 lai genera, j.Usr.u s di quei j, a-. -afiti. 

,‘ìss^ *.yas - di ■■ *:?4 dell ». coeiifttKf poli 'a delle pò* 
>olanioni ìurojx-u eh- seno statuite in un '«-ri ieri a pope* 
.laV5 qm-.-i «•#!«•-n «:.snte 4a indigeni *ea% . »1 via illusici 
ne che si poasa verificar» in tutte le ictts iìIasao e in 
\'ì ■ ^tte di ra&sa che 1 8 intsr?s - oapli ■■? .capei eia i* 
tt v•• c o -* .sveli.a iella giusti*la. Quindi e-•■ : - n hanno pii 
e(«ss quelle solcale ci» haws^c ricevuto ; aut-' iàia f un arht-; 
t* 9 flej.ia 2 «aus ione della ««tropo ì, tr*^- mudano verse 
1 e epprAffieno la popoj-v,- * in:-S.,*vna. Si veri fi- 

a . a wr f«Banano diverso in p*rt« da quell-} che ha in antico 
m~ riimi t« élla tersasi ono dalle arist cerasi e 

A-9 arif*o«rn«tc thè prevengano .un» polii ice <*? urta po* 

pa2&ei -me saogenea, nella quale 2 » famiglie 3 gii indi ri dui 
. iapet»..vSisante si difierlwone oen fan**, uu gruppo as-eolu* 
tarante «Muso perchè reato, ««apre poesiMX» la «affilasion* in 

< ‘ iSj ‘ “- hi! o rt e cernenti, invece Bolle autcanale 3 a t ■■•j, 

origina è la diversità della r*»**, «is* 1 » j .£**, * 

3ità fr * Enotere a teUtt*, sì veri ma la differì «XP* 
tà lì * rlit,elì,ils ri €i due duranti della popolinone- cor* fra 
; qU 9 lenenti della pop «Iasione di aperta, ©asse fra. i n-Hli 
rle%#i delia rcpu'bhlina renana ohe hanno dice* « 0 n ai-itto 









o" ••di forte '- j .. oqb.iì nei vari «lamenti iella popo» 

dall'ir :iM«r» fine a Ohe non avvenne la fueì*fce 
ir*, i normanni s gli anglo « «as$cni„ 

' % ot^y'-' O vi vari fi ea In qpoate colonia quando il gover¬ 
no sia abbandonato al gruppo europeo sul più numeroso gruppo 
di indigeni „ 

Allora : ■ uri fica li tentat ivi: H privare gli indigeni , 
v.;i una graduaz tona delle loro atti tu'.’ni tutelisi tuiaXi & 

7 l.orpotrà/ : 42t economica, del diritti politisi per 
♦•* r fc*t*» : * • n sto di fare nella Polonia del Sfatai non 

«•.•pena * rt-.*. oonooeec ' ansala o, cosa© avviene negli 
' del Sud degli stati Vaiti, ohe continuano l * opera di 
• olonj r.z olone inglecfr » « or..? avvenne, dopo la costiti» iosa 
■..la -«sdii r*,zl one dot Su ’-Africa-, nel Tran svasi, si «olii»* 
Pilo ano le attitudini dì eguali fica per gli indi geni, oppure 
£'- elettori non possono diventar* elettori federali «#e«jw 
te la legge della fader-wr t •?»>•» e af procede cosi a il fibre*!» 
"lare, trasformando inoliar» ten ternani a dalla potenaUlità e* 
sonanice raggifuftN$w*tefòs attitudini int* Ila tinsi!, gli 
indigeni e gli imi ni di col-re in per acne non auree tt ibi 11 
di diritti politici. 

* 1& etsssa differenzia ione nelle colonie in -ui noa 
abbia un assoluto poter© legislative il gruppo europeo in *$*■ 







334 


do aia ere a dov* questo grappe abbia raggi n-c* v ,:; i 
giors di importanza « di potere, si ha da' punto di i t*. 
del diritto privato perchè introducendo 3© saiegerle del di ¬ 
ritto privato proprio in un paese nel qual la popola: m~ 
indigena preesistente ara abituata a vi vere oe condo e si gens" 
economiche proprie e categorie di diritto privato diverse, ei 
perturba non solo la abitudini giuriiiche di quest* popola* 
alone, ma anodo la esiste*»» economica. 

Quando un popolo europeo et ispesse so.? di un territorio 
abitato da una popolazione indigena, ccalnela a considerare 
lo sfruttamento di questo territorio dal punto ài vieta delle 
proprie esigente econcaiche e Ceninola a cono!derare la di* 
uponibilità della terre e gli elementi neoeasari per poter 

i 

dichiarare queste terre vacanti, occupabili, suscettìbili di 
sfruttamento da parto della nuove popolazione secondo i cri" 
teri della propria economia pubblica e non seconde i cri ter ' 
della popolasi òro preesistente * Quando questo territorio re* 
sta sotto il dominio politico dalla metropoli, il legislato= 
re dell* metropoli, non direttamente interessato alla espro* 
prlaslùae e alla distribuzione delle terre, si trova in con* 
dizione di essere più equo verso la popolasione indigena © 
ss eccede talora nel considerare secondo i propri criteri e« 
GOraMlci la disponibilità di queste terre, (come è avvenuto 











335 

anci» nel nostre ordinamento per l\;'ritre-* v '. Somalia, do» 
Te il governatore ai e attribuita la facoltà di ceno*iers 
cobo pubbliche le terre ohe non Siene aaase in mlers s sfrut 
tate een^a definir* se con questi termini si debba intende» 
re lo «fruttraente eoo ondo 1* economia nostra o non assaìie ®ss® 
ecnde le eolgonae eeonflaalohe ci una poptìt&siond nomade, &bi* 
tuata al »istarna «iella caccia) la considera sempre ©on uno 
spirito più equo. 

S ae connette gualche errore» lo ©osteite per aver er¬ 
rato d%l punì * U vista ee atonico per tm '«wf« pnvtomxmU 

* ^ ' < 
appressate 1< eelyanse della popola*ione indigena « non por 

voler .a esprtn-riare o eliminare, invece devo si grappo euro» 
peo arriva ad «v?are il sopravvento, allora kob gelo si err* 
ntll*»ppro SEferP , favore?olnente le ssiganse del gra^ppe eu» 
repeo Sa confrr:*^ a quelle dal grappo indigene, ai erra 
di proposito ocp "< scopo ài y|j|MfaKasi t'alenante Sfidicene 

del raggio di territorio nel cnsale trova n*-lì* di statilir» 

si il gruppo e tu-opto. 

l?el primo c#.r>•? , i i' t '.vi,uno .gli errori pltot tòste di appree* 

fetuaento giunlóioo ed ««•■annate© '(riparto $.ila distribuatona 
dot torri vc-ri fa rostri d«'? * A3 gerla e "Ispòtto iraelor* 
fivsrions de ' ìp ■. ? i-s. -■• ■ ■■■tr-i in terre attribuite all? proprio* 

* T\ >■>';' , i'V V V ?!* ' 5 S^t 4%|t TOtiPi 0.8fSr OpTÌ &* 

-pi, f • ,;i ' s ■»'*•'■■ .nnlgenà, -iim sjie 5® oapr®'"'*'*1 a*^t 






Bl *»e col preteste .'«Ila pubblico utilità, ««a® è . 

venutjj 41 recente neT 1 e colonia lnglee® di lago®, i? nìy» 
eian# fa*tte par at4ri>• ire la propriet t dell* terre •■.ii■. *»t« 

Ih talune regi ori delia ««ionia al solo elemento europi' , no--- 
®* è »- v ''Ottu*o nella colonia inglese fio! Tr'.rrsvaal. 

« 

Q,ti*;*td ti», iella, espropri azione- degli indigeni che 

porssiedenc dO-le terre commi, eopropr?urlone fatta priaio eh'* 
muoiati Indigeni ^bhìi.rc potuto e odi fi caro il proprio tenere 

e 

fii vita, il rleoitO'cisaento del diritto di j.rr : irti indi gena 
fette generi canento definendo quaete propri et; non secondo 
1 criteri ♦ radiai anali del diritto indigeno, m& e® con c 1 
criteri d»> diritte europeo, questa elia-fn*.=. '-uj-e e-j --■ ^propri*- 
alcao, «t»e-1* fornata introduci oro delia «. oj:-rf. -t- r-ti* « 

"** 1 ‘ 3 ** < ** &i ^ «Hà di iapugner* 11 di rii 1 li pr r * ■. « , ? c : 
lettiti della, terra contro una popola?« or e lungone- che non 
oenooo© ■** ori gens* del credito e che può venire e ^prop» lata 
legalmente anche delle terre ohe io tono ri© or-ose iute „ f«o 1 
difetti, «onere, u dall * ardi &*»*?>♦a de • 3* terre i.v'H oc?, 
dove eoi»!* un* popolalo*» indigene nftité •wnersjs*, ->vt.ti 
e&« «1 Torlft^ono *all« pii! &r*,n ■ - top*re** ri. .« ìm-, ^ 

R9fi i-®«n*ii©lon«a di - : -bì>i., v, tiri ,, .>-a por - v inre 

e Zini nero 2'elee **»0 indi, gene t-qu» n, «ruppe # U r >j-so fee 
o«*«nrto di «tot ©nenie. e di logi»iat*vi -si* et^tò 

difetti *i rii.iói ir» tutte lo Ofcg«s»i*a«ri«tt| •"*< '. •-.««.♦■e 













337 


««Ioni» dov$ coesi, afono m piccole gruppo 4i elementi europei 
dominatore 9 Vslemento indigeno dominato, e si verificano 
àal punto di vieta dell'Istruzione, «ella polizia, della asa« 
miai et razione e ivi le e penale della estradisi one. 

Dal punto di vista dell'istruzione„ uno dei difetti di 
queste colonie, che più grave apparisce dove il governo è al** 
handonato a 11'elemento europeo, è la imposizione del caraffe» 
re europeo all*inaeguarnente, e la sosti turione dei fondamenti 
df. Coltura europea a quelli tradizionali indigeni. Si perde 
di vieta che il vantaggio di un sistema di istruzione & quel* 
1.0 di affare la mente dell indivi duo o nsl senso di miglio* 
r-”"e la sua esistenza è. or al e e sociale o nel senso di affina* 
re la sue «ttituàini alla vita economica e .alla letta per Ve» 
eistenza. Dove gli inglesi Iranno la potestà di regolare ocn ì 
poteri della metropoli la vita delia colonia, case avviene 
Bell'Impero dalle Indie, dopo un breve periodo di deviazione 
ael senso di voler ridurre tutta l'istruzione al dominatore 
intellettuale europeo, coro ritornati al sietama stabilito 
da Warren attinga, cioè di dare agl# indigeni di ogni. cate= 
goria uno sviluppo di istruzione nel «eneo' tradizionale della 
Ioì o vita morale e religiosa. In India la istruzione superiore 
è divenuta molto proficua, come è divenuta proficua nel Oiap« 

STORIA SSSIdJ; COLONIE K DIRITTO COLONIALI xsian d* 












338 


pone quando ai è cenlnelato a copiar» duil’Uuropa tutta 1*1= 
stimaione nella parte tecnica, lasciando alla tradizione le» 
cale e alla tradizione dei singoli gruppi lucani tu ito quel¬ 
lo elle ai riferisce all'alta cultura intellettuale e notale, 
Cosi si è raggiunto lo scopo di date agli indigeni le atti* 
tudini tecniche neceBoarie a «ignorare la loro vita intei* 
lettufcìe e «orale con gli elementi di cult or che alta loro 
tradizione rispondevano, senza volere imporre una tradizione 
classica e una istruzione letteraria che alle, loro menta i'> 
denn essere compie temente indifferente. 

Inoltre questa istruzione tecnici *eni v ?a -ìat.* m un 
grand» larghezza, in modo da far ui «•»» i chinai- ■ -ia *.- . ( 
SU breve- tempo gareggiare- di abilita tecnica 'F. 1 c i-ns . 
ri. 

Invece deve prevale l'elemento europeo si cerca, come 
u. il'Àfrica dal Sud, negli Stati do Su', degli Stati Vr i 
dì tenera specializzati» la cultura de 11 "elomento .-,nd pt -- 

purché non possa gareggiare con l'elomento europi >. 

Per esempio nell'Africa del Sud, pur settemettendoli a 
tutte 1© gravezze europee, gli ima geni sono e sciiti disile 
scuole e dalle chiese frequentata dagli europei a-lo scopo ^ 
organizzare il loro abbassamento anche nel dominio della- cts2 


tura. 

















I 1 

359 

La introduciona da3J& tradì»!one letteraria europi a por¬ 
ta una divinimi m* Ai «, fieenaos nella euJ.-tur* stessa » X& dif* 

„ . t enzìa/i one' ne il'e leTrento di cultura de .rii indigeni in 
ecntronte a quella degli europei, nei territori in cui il 
gruppo europeo prenda il sopravvento, co® e attua Issante in 
parecchie-colonie autonome britanni eh», -sostituisce una nuo¬ 
va i orsa di asservimento intellettuale degli indigeni e del= 
la organizzacione di quella inferiorità che deve servire a 
privare gli indigeni della eguaglianza sociale e del conferì* 
meato dei diritti politici. 

la a tessa differenziazione si verifica nel canapo del man* 
teaisiento dell'ordine pubblico, nel campo de 11 "amministrasia* 
ne della giusti--ia civile e penale e anche in quello dello 
sviluppo dei diritti privati e della possibilità di approfit* 

| tare dall* coneeguenze della proprietà privata, dove questa 
proprietà agii indigeni è garantita. Per esempio, ih tutti i 
territori dall'àfrica, sia territori coloniali inglesi, tede» 
èchi o trance si, sia territori delle Stato Libero del Congo, 
era riconosciuta la proprietà degli indigeni o privata o col¬ 
lettive in un raggio maggiore & minore <U territorio seconda 
j i criteri accennati, ma nei territori in cui queste diritta 
„s era riconosciuto, la definizione di queste diritto era 

renziale per gli indigeni in confronto di quel «he non fesse 


















540 


par gli europei, a deve ai è voluto, per esempio, introdurre 
cultura del caucciù, al sono obbligati gli indigeni ad adi» 
birvi la loro forse, trascurando anche quelle coltiva*ioni 
che avrebbero fornito 1 prodotti per loro di prima necessità. 

Il carattere di questo prodotto utile al gruppo euro» 
peo o allo Stato che governa il territorio, a la punì*ione 
inflitta, agli indigeni se non conservano o non producono una 
determinata quantità di quel prodotto, sono tali da diminuì» 
re quei diritti di proprietà che si erano riconosciuti e da 
fare poi riflettere una diminuzione di riconoscimento anche 
nel diritto di proprietà individuale. 

Io stesso si faceva rispetto alla diminuzione della li» 
bertà dei lavoratori e alla limitata applicasioue delle nttr = 

• T 4 

me che la libertà umana deve essere rispettata e che non si 
pué riconoscere nessuna ferma di schiavitù, anche se questa 
risulto dalla alienazione spontanea della libertà fatta dagli 

individui. 

In questo colonie si è applicato il principio del con» 
tratto di lavoro a termine rendendo il lavoratore obbligato 
non a una indennità verso ohi lo impegnava se avesse mancato 
di lavorare ili cdistratto durava per un termine è f s 7 -n*= 
ni) É uj, Dbbii gondole a eseguire questo contratto di lavoro, 
il che equivaleva a ridurre U lavoratore in una schiavitù 




$41 


temporanei* .» punendolo mal campo dal diritto penale noi ca¬ 
go che avease mancato agli obblighi assunti. 

i 

gl è fatto de 11'abbandono del lavoro individuala m rsa« 
te, e dello eoi opero tw reato ancor più grave. Come è avve» 
nato r eoe ut tì sconta nell'Africa del sud, lo sciopero dai lavo» 
rotori di colore è -vtato calcolato un reato e sì sono depor-~ 
tati i capi del "Partito del la*orc% non per la loro propa¬ 
ganda, ma perché aro vano sobillato i lavoratori di colore & i 
quali non si ricoaoaceva dal governo il diritto di libertà 
del lavoro riconosciuto ai lavoratori bianchi» 

Questo stesso carattere diffcrenaiale nell'amieinietr** 
.«ione della giustizia ci riflette in queste colonie in tu-tu¬ 
li eletama del diritto penale* 

Bove uno Stato europeo donava una numerosa popolasi duo 
dì rasa» diversa il governo coloniale non è tastano tac¬ 

cia di questa giustizia differenziale.. Basti ricordare la So¬ 
lasi la italiana dove esiste puro ii giudisio speciale mi3 
digenato » estensione *«• '■ corr ette di reato* politico e 
l'Algeria in cui uno legge he «ettratto alia givrft«ixi» adir 
Corte dì Assise un reato c oc. ^ dagli indigena ne .e ‘ter * i 

io »:ivi** deli. 'A/.gè t . . 5i». ■- à u"? rei to o Qssf&* e<■- da ? y o* « 

> giudicato dailt^ Corte 'li A- • t -*' t le atctefco reato ecasi*?'--■>■• ■■* 
da indigeni e giudicato da »sì • • .■•-••*• osa* 








g&raeaisj dal ttrlao,, K «gnfc&Mitfei non »i bnno rs" «**« der>i 
^ig«ai # i rio orsi ai tribunali «avariai c<*s ai h*„v* :•,*« 
45 ® 4 trat -' fe « **r*V*l . 5*1 ai tanno perch ; se©* rt^suj 

’ rfWS ’” n ”** &QBIfl r! ®^ diritto franca»e, o perché praticamene 
non vi ai ricorre o non ai saette il ricorso da ohi. nolo 
PUÒ &Ut3ris ** rl °» »el diritto ingleeo. in alcuni 

avvenuti durante la ribellione dei zulù agli inglesi ai 
*^rc del ricorei ohe Baratterò stati inoppugnabili nel caso 
W coad * nrìtiti « ****** europea e ohe inreo e furono respinti 
dal :tóitat0 «Odiatale del Consiglio Privato unicamente per* 
3i traUftVR « i^S*ni 0 e nella colonia inglese del T«** 
tal et è voluto che il legislatore della colonia votasse- un 

Mxl 44 lndsnnltà 2 er giustificare eucceerlraaente una ingiù» 
stilla giudiziaria «w«e»à a danno di certi indigeni i qua^ 

11 ’ aTend0 r *®lstito a una invasione delle loro terre e averi» 
do u^sieo una guardia dopo che uno dei loro era «tato ucciso, 
ebbero devastati i Uro campì. gasi resistettero a questa in» 
e furono -gge^ti alla legge marziale. Ricorsero con» 
** g * e *fcbsr» il loro ricorso respinto dal Corsi» 

l!itv éiVCUla ^ Ml «<w*i«Uo Fri me soltanto perchè il ge* 
W "° iSi * 1 *** ***** «t.gvstara a spinger *u* autonomia 

C ^ ta ^ : * 0l0ni * <**> ««*> l’autonomia legislativa,, e» 

*“* decisa ad abusarne à danno degli indigeni e a favore dal 









343 


gruppo euroj.ao, 

Da tutto ciò risulta uà ir. Begn&raente del ^sje i* si dovrei 
U lare tesoro ne 11 * «asini r*tr as J «ne de Ile noatre eoi s-»i « * ** 
in quest? si davosae formare un gruppo abaaetsiisa notevole di 
popolattanto ita li inno, il nate ime errore sarebbe dì dare a qui 
sto le responsabilità di governo perché è dimostrato ©he 
ohe apparisce senati garanzia di libertà si riduca a v.’.ste» 
na di asservimento verse la popolazione indigena* a un reato 
verso il principio iella giustizia e » un «itentrt» allo svi* 
Iv.i'j o de li « •; ionia In quei oasi in sui è »»*=' tufcwaente ia» 

! ‘•siti le, nei caso delle nostre 60 lcnin> r Qh# il pope® 

).»-.-.ont ■> iR&: no possa essere sostituito con un popolane»tu 
europ? j. 









544 


Io sviluppo economico delle colonie. Identità di oontìi* 
alone e di subordina*ione degli ordinamenti agli interessi 
della madre patria nel primo stadi a. Di Tersità, negli stadi 
successivi, fra le colonie di popolamento europeo e quelle dì 
popolamento non europeo o miste. Mani f e stasi ose di tale di* 
sformitè nel regime tributario e negli ordinamenti del cam* 
meroio interno ed esterno. Edsforaitè nel regime doganale « 
nell'ammettere od escludere misure ohe possono favorire lo 
sviluppo industriele delle colonie. Eisformiti circa il el« 
stema delle comunicasiuni interne ed internazionali terrestri 
e marittime. 


Dopo aver rivolto uno sguardo alle linee generali dello 
sviluppo del regime polìtico e del regime amministrativo 
delle colonie, dobbiamo fare un cenno sommarie di oi& che si 
riferisce allo sviluppo ocGnomico dalle colonie. Questo si 
disse considerare sotto tra stadi diversi: 1«» lo sviluppa 
d|A2.e risorse naturali dal gal sottesuolm; *•) io evi* 







34 & 


lappo 6 la trasformatone dalle industrie «ani fatturi ere* 

3*) 1*Industria del trasporti per portare nelle colonie 1 
prodotti della metropoli, per portare in questa i prodotti 
di quelle e per mettere le colonie in relazione commerciale 

ccl resto del aonde» 

la tersa forma di sviluppo economico, quella relais ** 
trasporti ( specialmente ai trasporti marittimi, si verifica 
tanto in re Iasione al primo, quanto in re Iasione al secondo 
stadio dello sviluppo dello colonie, tanto cioè per traspor¬ 
tare dalle colonie in altri paesi i prodotti del snolo e del 
sottosuolo questo per trasportare altrove 1 prodotti deila 
industria manifatturiera delle colonie, fi succederai di 
questi tre stadi avviane in modo diverso nelle colonie 
si potrebbero definire della prima e In q««Ue dii® si potrete 
baro definire della seconda categoria s cioè ueXle colonie di 
popolamento europeo e dotate di autonomia politica e nelle 
colonie di un popolamento europeo e non dotate d’autonomia 
politica. 

Sei primo stadio, quello cioè nel quale mi devono svi» 
Poppare le risorse del suolo e del sottornado, tanto nelle 
colonie dell* prima efce In quelle dm Ha seconda categoria, 
v sviluppo avviene ugualmente con ima armeria di interessi 


STORCA MLLB COLONIE 3S DIRITTO COLONI AIE 


Di sp. 44 







ir» la metrspeli e le telasi*! perché nói primo svi loppe d@l= 
le colonie, eieno «ncho qu#»t« « 0 » popoiajnsnto eeclu8ivamen= 
te europeo, come fu dalla popolazione dall’Australia a par* 
tira oal 17?,0 a cose è do Ila St; ova Zelanda, esiste una essi 
espleta eoinci dense di interessi fi a metropoli e colonie ohe 
no» Ti è alcun dissidio fra il gruppo europeo che sì forma 
nelle colonie e la metropoli* Quindi procede nello stesso 
aedo *c sviluppo delle colonie destinate ad arerò un popola* 
senta europea e quello delle colonie arcati popolamento ìndi 
gens e non destinate ad arerò un popolamento europeo. 

lo sviluppo òsile risorse minerarie e agricole metto in 
valere le co^ctiie e le rende suscettivi li di comperare 1 
prodotti eanifiitt -«rieri della, metropoli, arriccili eoe l’un* o 
le altre fornendo a ila metropoli le materie primo necessarie 
alle sue industrie e costituendo nelle colonie la ricchezza 
necessaria per l’acquisto di queste materie prl^e trasformate 
cioè dei prodotti de11 'industri* manifatturiera. 

Per indicare quanta sìa la ricchezza che deriva da qua* 
^to fatto, casta citare due iì^le cifre relative al commercio 
e all*industria dal cotone in Inghilterra, questa importa , in 
gran parte dagli St&ti OFniti e in piccola parte dalle sue 
ccicnie dell’india e per dO milioni di sterline 

di materia prima di cotone ed esperte manufatti cotonieri per 









24,7 




60 Alliosil d± sterliru». Sicc-cme ci tiattu ui materie prim* 
laverete, si d«, per 1*Inghilterra, un guadagno di 500 «ilio» 
ni di franchi. 

Il giorno la cui l'Xngiiilterra potesse, ad ha già fatto 
alcuni tentativi usila Nigeria, nel Sudan angle-egiziano e 
in altre ccicale in cui la coltivazione del oettne è poa&l- 
Wle, produrre nel proprio inpero coloniale il cotone noces» 
sarie alle sue industrie, questi 60 aliioni di sterline aa* 
dr e boero a intero profitto deli * impero britannico.. Nel primo 
parlotto dello sviluppo delle colonie ®i ha dunque un& coin^ 
ci de osa di I&tereeei fra metropoli e colonie per intensifi¬ 
care il rsadlmentc dell* minierò e le sviluppo delle risroae 
agricole delle colonie. Da ciò deriva un vantaggio per 1# co* 
Ionie e por 1 "tarperò da cui queste dipendono a ìot si ha un 
dissidio economico che differì naia l‘una economi*.. òfrìì "altra. 
In questo pariodo si ha pura nn vantaggi e csaune alla metro^ 
poli • alle coloni© noi trasporto più pronto di r-ue-ti prò* 
dotti © quindi aexla Istituii ne ài linee di traspiro- ìli© 
rendono al piè presto accessi!»;.li ali® colonie i prcdctt, 
metropoli e a quest. .r dotti, di quelle 

dlfiersnalaaiuiie net raipcrti *<$onradei culla metro— 
a^oli e -aclj.e o eleni*. si guarnite «a* nei ** ?«< .e <u 

quiete, t'du&c ’ '■>•: &-• »• • c* certo grane 1 c evidel- 
« Ag; àsC ; vur•> a c. ■ . 1. inau -* i* u;r 5'tvri »., gl formi que 11» ri» 







348 


sarva di capitale oh© reni!» possibile 1‘ inizio dell'industria 
àj&ni»a11uri t; r*. . Allora *i verifica una divergenza di intere»» 
si fra la raetropeii e le colonie e una divergenza di risai» 
tati •-/&& mettano in diverso rapporto di coesione «orale e di 
affezione le ««Ionie e la metropoli. 

Sfel c&tìo delle colonie autonome che hanno identità di 
pop dame» ta eoi» la metropoli e ohe sanno la libertà di m- 
luppare la loro legislazione nella forma e nella entità di 
Stato, a questa divergenza di interessi «acceda anche una di» 
verger»» di le gl s Iasione. le colonie diventano padrone delia 
propria costituzione nel campo politico e padrone delle oro»; 
prie tariffe doganali nel campo economico e la metropoli v '*" 
ne considerata dalle colonie che cominciano ad avere uno * lai 
lappo industriale rispetto alle industrie che est* possono 
sviluppare, cose territorio straniero, e la politica*de - 
protea ioni amo vale anch* conti o ài essa. 

dcaianv qui.;» do la metropoli è, come i'Inghilterra 

paese grandettente indugtK i ■.re . que*-.*. diff»r«wiwtJ ."®8 dr.-i* 
i-sli-vida a.Otìaiu.ìs e questa gu • f* tu.? ;; - n-.-n lincea ì". &° x 

4- SSBv.; - ■ v st * ÌU& l 4«!£«de ali f iiXem g,.;ti:.j jrì^cg,. fi" *-1 + > tO v£* 

- 

tic 1,1^ x X\ àu 0 t, i „r. o *ir c , .. i >t» r - .* • 

ili •.■ìijjih- $ && ì?r : *g- a k i ^ cj/^c'C^li*Àrtr ? ** • r - *»$ 

’’iÌ a 









349 


Cosi nei Ctiaacli e neil’Australia la prete stona ha fatto 
si ohe la. Gran brettagna ha inteneiflcat n nalla e epe. tuzl one 
di macchine quella «causa di esporta»' oni che Se. .*• pria* 

in Sorata, di aanifatture : la ritoheaaa dn Ut co; n;-- ha re* 

m 

pi* attiro quel conettoo di prodotti che pr vre» ..wna pote=* 
va esecra introdotto., la metropoli non arr : òe no?» la poe-^ 
albi 11 tà 'li impedire questo fatto se le rit *Oie»e dannoso. 

la di f fareste lazione ccetituaJ«naie ioli ficaie dalla 
««tropoli renda le colonie, autonome nelle loro tariffe e >.e 
costituisce ecortciaioumente cobo altrettanti Stati. 

1 rapporti commerciali e la cliente 1?. delle col.eie »r- 
so i* loro metropoli sono unicamente in relazione al ps„ ai *te= 
re dell'abitudine, de 11'all’Orione, dell. , simpatia per i pro= 
dotti delia metropoli e all* sr-ssea tradizione ma non hanuc 
più i» imperaiirò economico cerne nel caso dell’unità di t*rif- 
o delle tar>fi'*s coordinate. 

Allora la s;, \iar J.**tà economica cella colonia per la me** 

• rtq>M* non ri attendere ae non con la rea libraci •-•ne di 


’ m ì•••' -g* ti, c '«■ qti ilo ; v.A.r,3 .t.: Chamber àin di una le* 
d»r»a ;*oste politi e*. «n**. dcr«e«é pi e? * un im- 

w?:i ' A.at ;. a una oar.Msra cu va.- m 


r. 


• r. ,‘j. 


* ae" fbc*.e ohe ajv dalia «.<* • \. cu •. 


* "■ ‘' ,0 '-*?« -v rea*ufcc«ndo la polii 










5^0 

di divisione ecotia»: i < i.*v:i*o che aver* effettuato la Ci* 

na primi ai secare obbli r c •* ad .prirs i suoi territori ai 

- 1 

prodotti «eteri. \ 

N«i campo dei rapporti a la metropoli e le colonie au* 
tenerne popolata da abitanti osogonsi con gli abitanti della 
metropoli si ha una «poolali*razione agricola e commerciale 
da una parte e industriale dall’Altra nel primo sviluppo co* 
1-oa.iUle. Si ha poi una coneorrensa coloniale eh© isola la co* 
Ionia prima ohe cesa pensi a dividersi politicamente dalla 
:aet opolij e si ha la istituzione di una solidarietà sulla 
baso di una federazione doganale fra la metropoli « le colo* 
nie che preludono a una nuova formi* federativa. 

t 

Invece nei rapporti fra 3a metropoli * le colonie con 
popolamento divereCj il fatto che il diverse popolamento i an= 
de j.q colonie non suscettibili della autonomia politica £fc ai 
che la metropoli continui ad avere m mano la sorte econo^-ca 
da le colonie • il regolamento della loro vita economica ancia 
dopo che il loro «viluppo abbia passato il periodo iniziale. 
Allora ai arriva ad ordinamenti che non sono più adottati da 
una legislatura di colonia autonoma avente in vi sia la vita e 
i? ‘. ; interessi «sencaici darla colonia o ad ordinamenti ohe non 
sono adottati con criteri specificatamente applica ì alla colo 
aii “ a «“ ooneiglic iagialatiTo di „c aite M 











351 


yssidaat# Ila colonia e operaa a per il vantaggio della cy» 
Ionia, sa ai ha 1’esser vimen to d: questa intero mi \ *r,u* 

nomici della metropoli in tutto lo sviluppo «conta*. -0 e?e= f 

* t 

olalaente nello sviluppo della politica doganale. Ih g >e»it* 

* •* / 
otodialonl di rapporti deriva oh* la aatrop*- r ■nae ^u.'.r 

do occorrs la passibilità di regolare, seconde ,1 proprio .ri- 

teros8a r la vita economica daI la colonia, e,d ha l'interesse 

di mantener* la colonia in pii possibile nel 'susrtc de ilo ^vi 

lappo agricolo, specializzandolo non in roiaalono alle est 35 

gena* dalla sita «conoatida della co?, onta. -i in re In.iauj a.'. 

le saigtmaa della vita economica propri». 

Cosi si spiegano alcuni aoesrviraenti doganali t aioune 

aaoaalie di politica oosesercials che foratane n r m poca parte 

del «alesato di alcuno coloni-» ' m dot ata di aut nemla pc »> • ■ 

e», lo sviluppo esclusivo di corto culture che nono -3. 

. 

agli abitanti della colerne impediste lo s' iluppo ia<k'.o*rl?>l.- 
di queste allo scopo di mantener» lo ' viluppo induci. ; v; de v¬ 
ia ««trapeli, Per «tempio; una delle cause per cui >.' ‘ e 

t 

il partite Hftalonoll età Indiano olivati i «nggioi", lamenti ,cq 

* 

tre l'Ingbi|t4r:'A sta nel «otto del o «o or aggi sub* rito che 
questa h» effettuato nello sviluppo industriale a* 11"india. 

l'IngMlt-srr* iva latto gì «sdì opera d*irrigaci .ne par 
foBwntarns lo stilur-c.- agricolo, ma ha sempre cpaoattut lo 














sviluppo ondulir tale de li*India ed ha prodotto due fenomeni 
danno».. per questo paese con l’introduzione delle manifatture 
e dei,le industrie europee che hanno limitato e in gran parte 
distrutto la pr«eBistento industria indiana e con 1*equi li® 
ino rìsila tariffe che ha scoraggiato questa industria conce* 
dande condizioni vantaggiose alla importazione dei prodotti 

in .la ai. l’India è imi paesi largamente produttore di cotone, 

* 

« la «via industria che si si è potuta sviluppare è l'indù* 
t,s 1* cotoniera. Ma i cotonieri del Lanoashire hanno ottenuto 
da 11 * Inghilterra una tassò, di produzione che grava i prodot* 
i cotonieri indiani » li grava in modo che i prodotti coto* 
ti« 1 Inglesi possono fòro concorrenza in India ai prodotti 
-Ot inìsri Indiani. Quest o è un assurdo doganale che non si 
potrebbe verificare fra metropoli e coloni*- di popolamento 
ózogeau o che abbiano autonomia . tica ed economica, e che 
ih vece zi verifica fra metropoli e colonia io quali 9 non avsn 
do una autonomia politica e avendo il potere iegizlaUro co* 
atituitc da emanazione del pc-tors le gì. a lai„ vo metropolitano, 
vedono subordinata, la loro sai «lenza, alla a si stanza a o anemi¬ 
ca delia metropoli, e quindi si vedono confinate nei primo 
stadio dello sviluppo economico, cioè a quello minerario e 
agricolo, senza poter passare allo stadio dello «viluppo in« 
dustrialf« 

Questo è uno dagli elementi piti forti di malcontento del 






3.,4 


l'india verao l'Inghilterra , o«, * stato m0 toglt , l4Mntl 
PM forti dal «aleontanto d ag u indigeni del Congo verso » 
Belgio quando questo li ha obbligati a sp.olallesar, nel cane. 
0.4 le loro Mutar» invooa di attendere alla proda»!oa» dei 
"“ 1 “ ,M8leUa “- * 1 noeta, ta..Uta.nt, presso i p.p ffll 

P1Ù pr ° Br * iiu °«* V»llo deli-india, genera un malcontento 
«Olto Pia profondo peroni della mancane» dalla autonoma poli* 
tlo, potrà risentirsi una classo intelligente, «entro i'aererò 
tUento econ ostico oh, «astringe gli indiani * p „ ga . rs pi( . 3arl 

1 01 “ 41 '«ri. invece di pagare a el , . 

: Buon «reato i prodotti dati dall■ induetria interna, genera 
un Bàicontento ohe è aooo.eibUe alla «ente di ogni oontria 
bnente indiano, tanto più ohe questo sistema dà «odo di m U a . 
• Tare 1. cause dsll'aggr„a«e«b del siete»* tributario oh, 
non graia la popolatone ielle coloni, non autono», soltanto 
rapportt con l bisogni delia loro sita .coiai, . dei lw , 
territorio, «a in rapporto dei bisogni dell'i„p. r . .1 

1« ocionie appartengono. Por «.«pi», uno dei grava»! del bia 

1 “‘ 6U ltoU ' IMi “ 4 U ««*« dell’india stessa.' oltre 

d * U,r ”“*' peri ' ^ « bilancio della «dosi, 
■neh. la diloeu, la guarnigione e la fortifloaslone di tuta 
tt 1 P«ti che da Aden fino a Hon*.-*ong fors.no 1. rete «1 


mx.^a coìohi.15 & diritto golosia&e 


Di Sp4S 















•rtlupp® industriale dell'India ed ha prodotto due fenderli 
dannosa per questo paese oon l’introduaione delle manifatture 
e de ile industrie europee che hanno limitato e in gran parte 
■distrutto la preesistente industria indiana e con 1*equili* 
brìo della tariffe che ha scoraggiato questa industria concai 
desidc cer.s dizioni vantaggiose alla importazione dei prodotti 

in .lesi, L'India è un paes* largamente produttore di cotone, 

* 

la industria che vi si è potuta sviluppare è l'indù* 

@tria cotoni»**». Ma i cotonieri del lanca ahi re hanno ottenuto 
dall’Inghilterra una tassa di produzione che grava i prodot* 
i cotonieri indiani 6 il grava in modo che i prodotti coto= 
»:!»’• i Inglesi possono f,*rs c vacar ronza in India ai prodotti 
;ot interi indiani, Oueeta è un »».mrdo doganale che non si 
potrebbe verificare fra metropoli e «cloni* di popolamento 
Ottagono» ohe abbiano autonomia . :tioa ed economica, e ohe 
i«'*m si verifica fra metropoli « colonia le quali, non ave» 
de una autonomi» politica e avendo il patire legislativo oo* 
etitutto da «sanasioste del potere legislature. metropolitano, 
vedono subordinata la loro osi stenda alla asistana» economi* 
«a deli» raetropoli, e quindi si vedono confinate nei primo 
stadio delle sviluppo economico, cioè a quello minerario e 
agricolo, «enea poter passare allo stadio dello sviluppo in¬ 
durr ial«„ 

Onesto è uno dagli elementi più forti di malcontento del 





l 'India verno l-Inghllterra, come * stato uno degli e^nti 
i - 01.., dal malcontento dagli Indigeni del Congo Terno il 

B»l S lo quando guanto li he obbligati . epecialieear, nel enuc, 
«14 le loro culture invooa di attendere alla produrne#* del 

y “" l “ cpeoialmente pregno i popoli 

P 14 progrediti, cerne quello deli-india, genera un malcontento 

“° it ° m Pr0f ° nd ° mancane» della autonomia poli* 

8 P° trs risentirei un» olaeee intelligente, mentre 1-annera 
Timsn, , economie pie costringo gli indiani a pagar, più o ar i 

M ““ 0h * "»*«» « « '«Ti. invece di pagare a .in - 
b-oon mercato i prodotti dati dall- indu.trla interna, genera 
«C malcontento che « McocclMXe alla mente di ogni contri» 
buon*,e indiano, tanto pi 4 ohe questo sistema dà modo di U3u= . 
strare 1. cause de U -aggravamento dei «.,« tributario oh. 

f m 8raTO " **•*•*«» delle colonie non autonome indiamo 
i« rapporto oom l bieogni delia loro vita .colai, . 4.1 t „, 

ter. ma 1» rapporto del bt.ogni dell-lmp.ro al guaio 

1* ««ionie appartengono. Per «empie, „,i gravai ul #1 „ 
laneio paaelTO dell'India 0 la difesa dell-indU stessa.' oltre 

*‘ 1 * ° lUm ' UU ‘* aat *> * 8rf - fae» «l bilancio delia mednelm 
» ***. te difesa, la guar»i*«, . * fortmc.sion. di tuta 
ti 1 poeti ohe da Aden lino a Hong-otong rène.no la rete dei 


e?(HIA coi cime s iasmo coloni aie 


Di8p . 45 


















* 

S84 

■i 

poeti for«Ìfie»ti « marittimi siringai Iter va. per difendere 
l’impero indiano s par operare il collegamento della metropoli 
eoa questo i«pere. Inoltre »ui bilancio dell'India gravano la 
pensi Olii di tutti gii inglesi che sono stati nel cervi /. io cì= 
? ila & sili tara do 1 governo delle Indie c ohe , siocoìgg sono 
obbligati « risieder* all’estero in territori ai quali non eo= 
no ahi telati per ragioni «limuUehs, sono retribuiti atraordi- 
*»r lamenta in conir unto ali* retribuzioni olia potrebbero rice* 
vere gli Indigeni. Questo xVto f dunque-, e il pagare delle al* 
tizzi»',. pensioni dopo un servi» io minor® di quello che p otre a* 
ì«ro prestare gii indigeni, il pagare 1» difesa del serrisi* 
inglese dalle In;ile mediante il mantenimento di tutta una r&~ 
te di fortezze per la sicurezze, di questo domìnio, determinano 
.una inversione di tariffe doganali che gli indiani risentono 
tanto più gravemente in quanto violenta la loro vita economi* 
c* e ac sviluppo della loro esistenza economica per il vantag* 
gìo di una vita economica inglese od imperiale britannica e~ 
strinseca alla vita de 11 11 India, e sempre distinta e talora c oti* 1 
traria ai quoi interessi, 

Questo caso de 11® India illustra la differenziazione ohe 
avviene, quando arriviamo ai secondo stadio dello sviluppo t- 
eonoaico della colonie, tra. quelle di popolamento omogeneo al= 
la metropoli e dotate ài auto»ernie polìtica * doganale $ quel- 






35- 1 ;. 


X# di popoia^oue «•*■«» ogertm non dotata nè <teU*«n* nè dolim 
tra autonomia 


Ad ese ■■; j, 
a* 1 * via ’fe } ^4 i,. 


* * . : •■.• • „ ■ T- » 


•*• &w 'Altèri:* © 'V»*; v w 

-*« >■ /.ramoso ■; p 


X&sìot.ì dì qual territòri parsili , speoialaant • nei territori 
«ariAionftli dall’Algeria, viene percepita una soffia notevalis= 
aiiiwit tL. Imposta dal governa coloniale cìie sono spese a bene 38 
fido c,ìe* dominio della colonia da parte duX.l&. Pràndi a per 
gli interenei del gruppo francese abitante le provincia co- 
eUese e nan per l'interesse della colonia n del territorio 
in cui otneste tassa vangane prelevate. 


Par aitare un altro esempio, nei territorio francese di 
Saigon venne elevate una aeri® di tasse comunali,, molta gravo¬ 
se, sulla popolazione indigena.. Queste tasse dovevano servi» 


r« p-. 0 la viabilità» m. invéce di per lesionare la viabilità 
di tutta la pf evinci», venne perseaibuata soltanto quella dei 
dintorni di Saigon dove risieda moli» parte della popolazione 
francese» «entre tutto il resto dalla provimi* restava con 
sentieri adito wl costruiti e con sentieri x & mi esistenza 
era soltanto dovuta alla pressione dei piede dell ‘uomo. 

De. quest epeapi-c saia tuo, all 'esempio grandi ss imo dalla 
vita di 300 ai li osi di indiani subordinati, alle e ai gens • d»|l* 
la vita eooaoMiea dell Ussero d*x quale dipendono si ]*& una 
























graduaz 1 one ìfciraener vlaanto -tconowico da Uè coloni* che non 
poesieucno I* loro autonomi* in confronto alia metropoli. 

B 10 * tv ‘ : si ********* ne: riguardi de Ut ^...ans « 

A ** 9 ^■'■ n **« <** va? < *hirx a Atar IH, 

I popoli *ndilani, «paeialnanta àgi territori asiatici a 
africani, ohe hanno dato tino sviluppo agricolo al loro ter ri--, 
torio, aTreobaro un g«, »nda interasse alio sviluppo della pie- 
cola riabilita che aeawe la sleuress* delle elaunleaaioni e 
U tm ilitè dallo apostaaenth economo alla loro perenne « 
ai loro prodotti Saligno all'altro territorio, intese gll 
Stan europei ohe possiedono questi territori asiatici o «* 
bienni, tendono allo «viluppo delie grandi linee ferrar U 
e t-ran.4 oceani che per «etterr i propri prodotti «anUettu, ie 
ri alla portata de ila pop *Ua £ óne delie colonie e per potei 
Asportare i prodotti dalle colini** nm apolli che m mo 
Per Ir e munsi* fra le popolassi delie colonie e quelle 
delle regioni vicine, ma. quelli che serpono per il coaaeroio 
internazionale che riesce a tutto vantaggio della **«trapeli. 

Ad «««apio gli abitanti ti* ir Algeri» e della fonisi» 8 q* 
n stati tassati per la &éji«t rullane dei Tari tronchi della 
«erravi» ohe ■?.» fl&i Suo •■.>•* all* àv-* •«:>&.* Atlantica e Ha dii et** 
rane», e ne fina ad ora la. dato il «92? risultato di poter 
por .«re a buco «e rea se in Jhr^.oUi i foefat.: deliberi* a 






_ 








So? 


dsiia Toni#!», e quindi di eayert*r« un prodotto che invece 
petrehtv *a*»re utiliaaato nel paca* per lo Filippo d«5.k 
atta agri-ni.sur* otta snìo v<* u » eggjr v ... t* ec >ltor~ fran¬ 
cete e pe- * «apitali*ti franerei che hanno in vastit il oro 
capitale delle fiorii di questa produci«a*. Con li contro* !*•> 
.ie d.. queste ferrovie che non sor* > intaglioee per le popola-» 
2Ìj... al.--ina « tunitine, qua>•• ••-r.io dovuto ngsuaere dei 
datu.i ulte ei risolvono, por quait. indirettamente, in un 
tr ). -*• V par*., per l'a.Apet*- eonvioo, a quello che era la ta 
élla che una tolta la popolarono doainatriee imponeva alla 
poi r utene ««Minata. A questo sì aggiunga c.he per tutelare 
que .i *01 o interessi delle colonie di pope),amento non euro¬ 


pi «.v :»ar t « nasi «ni europee hanno sentito e praticato una 
u pf l» di solidarietà che r • nu« dimoile alla popola*ione 
•ù" i.alf», pri.ata dalla iac <• 1': v di far valere i reclami coi 
tU l*gielatÌT«, di farli valere magari con U 

porcili noi rapport, fra Stati europei, «oche rivali, si 
è Aupip.it o il sistema de f’*B«i 9terwta Interfuuiomae pax 
metto della quale la sor egiiansa dell** jU pola*i«n* della 

?°** Jtl * ^ una Sta* nelle cofani* vicine pertinenti ad fci vi 
Sta va «str.«« ce « condannati u**i@ 

Ioni.3 tii un.c St.*to alie colo la dv un vitro nana» u. k rtinsi JV 
* r- ' ".• 1» iiti; ** -site 














359 

litiche, assimilate alle in frazioni ai airitto Saune, >-en& - 
ne praticete nei rapporti internazionali eo&e non <- ober 
praticate nel rapporti v rropsi Per esempio aore « 
oosaai'^cio e il conir stto di c* *•• appi ir- ««. la» . e-, e 

di colore che sfugge al ma impegna non rogo. ■ di diritto •'..«» 
vile, «a dì diritto panale. Il reato politico, aia di stampa, 
v-ia dì parola, aia di l'atto, viene trattato come un reato eoa 
iauae, ma mentre nei rapporti internaci ©nuli fra Stati europei 
il reato politico anche se trattato eoa,e reato comune nel» 

1®interno di uno Stato, non riens riconosciuto tale negli al¬ 
tri Sìat i <i non dà luogo al.l’estradiaione, questo carattere 
differenzi»le prevale n*i rapporti internazionali. coer in 
quelli nazionali, Quindi sa un tede ac c nelle colon;, rj : .0 e ac he 
commette un reato polìtico e fu&ge in una delle colonie in* 
gleni non è estradato, mentre >:-e un suddito indigeno, per lo 
stesso reato 5 ri rene a fuggire nelle colonie inglori viene 

i 

a stradato. Ibi caso di insurrezione sì permette, carne sì ò 
p« -«;■ --■ durante i'ult. .... ■ n^urresione dall*Africa :coidenta* 
1* * *da «da, all# truppe di se -nfin.tr *. per inseguire 1 riho' 

1; « di far centro nel territorio di un’altra potenza dolio 
ioni militari intraprese por sedare la ribellione. 

0, usate semai dar azioni ci portano & compii taro lì, quadro 
* 0 à la anormalità ,ioi rapporti che ai verifica fra una metro?. 








353 


lì europea che destina una colonia di popolazione non «W'-v* 1 
e de 11"anormalità eli? el verifica quando una coloni» ba 1' >u 




una differanziaziono di diritti polìtici e privati e, u - io 


la colonia non eia autonoma, aneli# di »ei alena* economica c 

di rapporti doganali. 


Tutti questi elementi generano il malcontento a#Ila Po¬ 
polazione coloniale. Gli ordinamenti eccezionali rispetto 








380 


30 . 


041 r W° rtl - dolio stato iU 

dui fondono.. Criteri «vero! « «elueiono delle colonu 

“* U di ««"««‘Mi. dall» metropoli por 

‘Olona e dona madre patri» „ 0l „„ dllU8 

C °*°" U 11 **»«**•»»« non ouropeo . „ r eolontà e neU'inte» 
russ ama moni a nel cibo di colonie autonome di popola. 

"' ! :PS °- 511 •«—« » U differenziazione . 

nifi a. A o.ne esimerà a duratura dar e civiltà. Supporti fra 
Oria delle «Ionie e lo .viluppo «Ha politica «ondi», 
lo. delie Soaietà degli Stati e del diritto internazionale. 


U ai ‘ rer4 >‘“ *» a «aloni» ni popolamento europeo che 
>-'no au.oettinii di autonomia e , a( i„ che ,ono in gran par» 

o d el tutto ui popolamento non euro, io ohe, nelle condii 
“ imi * Uaai mi ‘-*n»rti fra la ol.u-g europea e le ai, rB 
»►. Ita. ei ritengono non eusoett.mil di autonomia 8 i fa 

" " Ur * Sn * UU1 1 ***-»* 1* metropoli e * còllii , 

ai riflette nella potenzialità stese* dello stato ohe le 







possiede e n« la .a ■ 1 « - ì suoi rapporti inter (lesionali,. 

Lo Stato elle possiede colonie, a oli® volte, basta conci-* 
derare : trattati, più recenti per rimarcarne l'applicazione, 
eeulood i propri possedimenti coloniali dalla applicarsi one 


della sue stipulazioni internazionali e molto volte stipula 
convenzioni esclusi variente in rapporto alle proprie colonie,. 

Sla il principio uif ter saziale, che ei manifesta anche in >,uea 

♦! - : 

sto sviluppo del rapporti iute munizionali aeila metropoli 
Sta in ciò che nei rapporti della metropoli colle colonie non 
suscettibili ai autonomia « di popolamento non europeo i la 


Ciri -e 3;.;: * r va che le esc ludo dall'operare delle sua converrà.. 0-- 
ui generali, e le esclude nell'interesse proprio.. 

Invece nei rapporti delia metropoli con 1® colasi® di 
popolamento europeo e dotate di istituzioni autonome, sono 
queste colonie ohe impongono nell 'intero*, e proprio la dif= 
ferens lazi one loro noi rapporti int e mozione, li. Ooei, par 
ctempio, nelle stipulasioni recenti relative ai diritto a®$i= 
hi strati a internazionale 0 all'applicazione dei diritta di 
. guerra terrestre e marittima c all'applicazione delle eonveiu* 
rioni circa •: rapporti pò; tali e telegrafici e circa la tu= 
tela del'- proprietà itt-tu et ria le, molto fr eque «temente ei tro 
. unu avvertenza pertico lare che «.. elude .. p oseedimant ; oc» 


ET »«!/ i~ Idi? COLOKT* * 7MK7TTO COLONIALE 


Di vp 4<3 











Icniall delle vari© pctettae dall'c,:-orare di queste ecavensie* 
ai e riserva alle singole potenze di aderire a queste eoaven* 
*ionÌ relativamente ai loro po or diapenti coloniali. Questa 
adesione o non si fa del tutto cesie in talune delle conven¬ 
zioni relative al diritto aramini?’arative internazionale o si 
fa tardi per .na alls. volta ài queste dipendenze coloniali 
ia quanto si tratta ai colonie non ut oncia* e di popolamento 
ntn europee. Cioè la metropoli ■■ ur -,r.è& o non estende queste 
convenzioni, che modificane i suoi rapporti economici con gli 
altri Striti, secondo olle questo ara e non sfa' •" -^evois ai 
suo*, interessi generali o allo sviluppo de; suo predomini e 
o-Ioniale 

I;: /«ce nei rapi * -ella as -ro«, -li cor. le coloni* av r 
nomo {e questo ci r seentra fra 1 'impero tritannico e le eue 
cinque colonie dotate di aut onesti a) sene queste che tendono a 
far valere, o col stesso dalli, aetropol c ind.’.pender.temente 
da questa, i propri inter eoe; « e tutelarsi mediante nera* 
convenzionala particolari indipendenti da quelle generali del» 
1*impera al quale appartengono, Si ita, quindi, differenziasio® 
ne nel.- * interesse della madre patria e' differenziasi«té nel» 

a 

1 ” ia i« r e s es dei le colonie: tali sono- le due mani f c e t i oni di » 
etintiv© delle colonie non autonoma e di popolamento non eu® 
rape.o e di quelle autonome e ài pepi-lamento europeo, ne; i: 









^viluppo ittti rapporti idei aaator vi!. 

ITeXl'Impero coloniale tritane. c onesta differenai s-z io- 
aa deXle coloni* aut3n02i<s h cdoiroiats &&% 1&9»> quando 11 <* 0*2 
ulnU o.l Ca-iftù'- ì . ut»! ‘-<t 0*» vn ex* dai- ft ' 

R agll interessi d* Oan^cA 1 -gal nego, iato ai trattati di 

canterai 0 eh» l^iieperc britannico bvu» a® avviato con altri 
Siati. Sucoesoivasifinte questa autonomia dei Gaaadd si è venu = 
ta sviluppando tanto due attualmente è il Canadà c^s negozia 
1 suoi trattati di can/aeroic; questi sono formalmente eanci- 
tl dall 0 impero nel quale il dominio del Canada è ccmpress, 

^mhi4 recentemente nel trattato di arbitrato ira l’impero 
britannico e gli Stati Uniti, è stata riservata questa aée* 
aioae ai rapporti cfinv*«*J. osali della Granbretagna da darai 

1 

spontaneamente dalle varie colonie autonome dell’impero bri* 

tannicc 

Se a clè ai aggiunge che 1'Australia ha domandale nella 

Conferma Imperiale del 1911 ohe tutti i trattati ài ìnte* 

rosee generale de11*impero britannico alano comunicati prima 

della ratifica alle colonie autori cere f e siane dopo la ratili* 

ca applicabili soltanto relativamente a quelle colonie auto» 

nome che abbiano dato voti favorevoli alla ratifica stessa, 

e che nel 5&13 il governo britannico ha sottoposto ella Confo» 

wi 

ansa Imperiale la. dichiarai ione di Londra, il trattato di al» 







ioanaa col Giappone « li trattato generale di arbitrato con 
gli Stati Uniti (cne del reste non iu poi ratilieato dal Par* 
lamento di questo Statuì e che questi tre trattati furono • p» 
vi ti uei.:& corife re naia imperi** tee » si ha una rsanifeata--. .v-:-r- •} 

• tei grado nel quale è riuscii* a importi questi autorità di 
Stato seai»sovrano delle eingole colonie chs hanno,' nell'io 
pero britannico, governo eoatitualenale proprio. B questo 
sviluppo ài autonomìa ha accennata j. conseguenze ^nchfi più ?=* 
stremo nel 1901 ds parta dal Presidente del Consiglio del Gas ; 
po di Buona Speranza e da parte del Presidente dei Consiglia ;> 
del Desinio del (janadà, quando si è espressa da .oro i'opi= 
nione ciao le colonie autonome pos/iano mantenere la proprie 
neutralità nel caso di un*, guerra fra la Granbrelagna « un 
.»ltro Stato nel io. quale le colonie non oi sentano intere* 
o di una. guerra che essa disapprovane. Infetti le colonie 
del Ganadà e de11*Australia, quando non era stato negoziato 
il trattato permanente fra, gli Stati Uniti e l’Inghilterra 
{per la cui applicazione l'Inghilterra aspetta xa ratifica d^= 
gli Stati Uniti) hanno dichiarato ohe non &i sarebbero uniti 
con la Granteretagna in una guerra a date».t tura da questa, al. ;a» 


ta col Giappone, contro gli Stati Uniti. 

Da ciò deriva che, mentre le colonie non autonome eono 
subordinate di, diritto e di fatto alla vita politica interno* 






viom-.lt: a«Ai*i«poro tì» cui dipendono, quelle autonome wn 
subordinate di diritto, ma »*a»r* ae^o lo nono di lutto. 
Quinci, attualmente, considerando la eoe*, dal pun>. 

4*1 diritto lato: rionale, nel rapporti internatali tm 
el ha altra persona che lo Stato cbs poneiede U coloni® e c 
*u*le le varie dipenderla* coloniali cono parti àietinte nel 
diritto interno e» non ir. quo Ilo internassi orale. Ma i4 

e .cdir.ioni ci ietto oorrwpon ,c a quelle di diritto rl*K*** 


to ulte «olcs'.c ncn autonoma » invece le colonie ave 
no camolato ad r arcuar* unzione particolare di inttv *■ 
^av;no sviluppandola anche da- punte- di vista dal diritto, a 
da tale anione va germogliando in quelle colonie óuton^ lu¬ 
pare ottante li*- irta d» quel#- della aetr epe li. 

SiccU la coati tu* ione dftl.a Conferenza imperi# le, «*» 

Si cove convocar e di qii&t-. » in qwr.ttrc *• -ii e *11# 
bauno t;c&xnc*at ^ ai ettiere stott.opoatl i trattati d> “*■' '' uè 

generale, tenda alla ;ra«forataione dell'tapiro britannico iu 
un impero lederai^ alla i^coi orsine. ®ne d**r * ! '••* u« 


i’iapero la Stati *u3.ràinati i ovali verrà ^iJ’^ado **®rc 


piò una iniluanaa a alcuni elementi di ■$&§<* - u propria 

r&jpport X àé I a ir * t o trite : ^> - *■ • c r »$ ^ • 

j= * l?w& ^ fo • '.si ^ 2 .^* & 00*1 










’63 




1 • &■ tviluppo dall* oc: v.«le t «arca, 1 * iaflusn** che è 

•4 eri coleaiuit hanno sull». diffusione delle rózze © 

, •. *-«« a ? ••-. mrio civiltà.. P?.ì imperi coloniali in : gai 

-■ ■' : •■* 3 ; va,- Sf • ,- v ' '/t » ' - 1 ' 191 {CI' ì ' ì ’ fi &i 0 t.i 

; - o ■ •j. -a.'.i li ir-.. - due * -uini di difficoltà, flaconi 


’hs ai tratti di colonie di c«rattoro europee o di colonie 
“* ji'-.t^assr o europeo* Lo sviluppo degli imperi svieniti 
••- fax punto di vista de3.1e loro diffusione, del loro ordì» 


ixuavsnt o e od rogarne nt o in un de* eraine-to usossento storico è 
cavertuto uno sviluppo più facile nella età moderna di quel 


'■~ iJ non tosse in gassato, tanto è vero che certe rimeabranze 

fiA grandezza storie» appariscono piccole quando ei riferisca 
iio ài paragoni ai grandezza effettiva. Ad scempio noi parli*- 


«.o dell*Impero retano come del più grande impei c chy sìa, a,i- 
-■ giustito, sebbene esso sria arrivato nel suo massime btììuu- 


P fì appena alla metà della superficie del Canadà «he è un 
Vi.ur.rt o de 3 impe ro o oloniale br i tanni c o il qua le n on è c ose 
-t/lss-gero ronaano l'uuì&ó impero sui è soltanto uno dei grandi 
lai ri celomi%11 attualmente esistesti* 

Questo dimostra che non boxo la scoperta del nuovo e del 
mende hanno aperte maggior territorio alla coloni* 
3 ».-. iurta e xga anche che la scienza ha date modo di argani*zero 
q; -■-■viterie cose un tempo non si poteva far» e che l»«* 






3 tt 7 





posa, nostra è la più S aver e* ola »r 1 u coati tua o * é.t ;,raa*i 
|fcperi , aneto e* ai erutti di imperi scarsi nelle rarie por * - 

Hel mondo, 

{Quando si consideri che miracoli di co or diniman 1 : . d vis 
leseva far* Cantica impero par ai ano & .impero russ.no por 
tffettuare una rete di comuni oasi oh© imperlale else non are» 

"a, esondo calcoli ©spoeti dal Stockinder in usa evnferenzs 
uliMJniveraità Imperiale di Londra, la lusgtozofe ©to ©siste 
fra la punta orientale de ila Kuova Secala © la test •<■ di li» 
lea della ferrovia da' Pacifico t si yvdé m ant - pro^rv^as »'»•= 
ti., tatto li acinosa con l'applicasiOne del *«,_ --.re <? dèli*©» 
lètti .'.citi al‘;e : omini e.» js ioni * ai trasporti, appi! a*,’, osa 
ife U--i tvb- -:. ti-Ic rap? .r„è agii ordini e aia* ««no.'.-- .cameni 
'®hó le popolazioni appartenenti »13« rari© provincia di usi 
laperc sentono di appartenere a Questo impero nn» *al© la 
ìi penda» za politica, «a anche par lo sviluppo di una p«? • -lo* 
pa collettiva aorta fra le & ssae popolazioni „ 

B* QP©sto punto di rista si pad dir?* olia &mX sì sia .■.*.«= 
la un "epoca coni favorevole per ì’aeeentf uaant© lei grandi 
feper'. coloniali e per !*■ diri siane del laser© coro© n© 1’?:~- 
ptae& nostra» 

ito secante a guasti vaneggi sz nani fasta ,ut fsnQMHid 
jjto tenue alla disgregasi oì da Questi tenari collìdali , in 
















333 

quanto esnc costi lui ’ i C« j ;lvrtls autonome sempre più ause s \ ■ 
Ubili » particolari «api rasione -r«mpr« più Intolleranti di 
.'«jnc.ra.-ll subordinasionl dalla loro personalità. 

I-’epoca nostra, essendo va‘epoca nei et cime.. del re comu¬ 
nicazioni e dei trasporti e dello influeiu' -s con orni ebe e ir: v 
•• Ilei tua li , che potrebbe a*siinir«i sintetica pere Uè ac .>.•«.-• •., 
K'Olto facilmente territori cito va tempo dovevano vivere cù- 
fegregsti* è anche un’epoce, pet la dlffusiont della cultura 
■ per le condizioni economiche, di grande individualismc. 5 - 
singoli Stati nostri a', veda quali oi.Vilcoltà -.rovino i gover 
ai a frenare i singoli indi vi anali ani ciie si coalizzano in 
a .sedazioni di classe e cào * ttono in g«ur. pericolo in coi 
ti momenti l’esistenza al uno Stato e talora penino il con 
catto di patria. Questo stesse fenomeno di indi viduali sme :i 
produce nelle varie parti del più caspi*asi imperi coloniali. 
In guanto quest* parti sono costituite da dipendenze al popo= 
Iasione non «uropea s non dotate di autonomia colitica zubl- 
ssono l'aBBftrvimento e la subordinazione agli interessi do 1= 
lo Stato da cui dipendono e, fino a e ho non venga 11 memento 
di una violenta reazione, non hanno modo di far (sentire la 
loro volontà, sa nelle parti aytonorae dei singoli imperi cc» 
lcniaii t la identità degli interessi venendo a mancare, la 
subordinasiene alla volontà politica legalmente eepreosa sa*- 





















ccn&o 1* coatituaififafe «bs« ado cessata, ed essendosi 

ti nuclei di sommità indipendenti te quelli dell* «etr«foli» 

gli Interessi differensiat* tremulio il #»dt di farsi vnWre. 

quando il Canai*, l'Australia « l'Africa tei sud dieMa* 
rano di voler essere neutrali in una guerra dalla Granar»ta* 
g»a, fanno l'ipotesi di essere staccate dall'imparo inglese • 
di altere proclamate la propria indipendenza* Quando propsago* 
no di proteggere i loro prodotti inéastriali «estro i predan¬ 
ti esteri, e adcJte contro quelli della metropoli, e Qsan&s, 
cane are va progettato 11 Canada tre anni or sono a favor» te* 
gli Stati Uni' ' ‘.za poter effettuar* questo progotto, ci 
propongono di fare una condizione di tariffe più favorevole 
a un altro Stato in confronto della metropoli, testane di 
proclamale la loro assoluta indipendenza economie». 3 sicco* 
ms la dipendenza politica è rssa poasiTsil* nell* inizio e a»^ 
la durata sopratutto dalle tradizioni a dagli interessi, si 
puè Tostare in tutto ciò i primi sintomi delle «sembrarsi dal* 
l'imparo ìjritannico in altrettanti Stati ìndip*ste«ti, che f*r 
sq passeranno in una condizione federativa, ma e&9 armarne im* 
tsretsi particolari e un particolare spirito di «astieaalità. 
Queste dipendenze nen esiteranno a proclamare, caffi® hasrn* fat* 
to gli Stati Uniti, l'assoluta separasi me te Ila a® t repelle 

STORIA HCOii? COLONI* » DIRITTO COLONIALE »i»p. 4? 







370 


Quindi in quella stesa» omogeneità e uguaglianza di di» 
ritti ohe rende possitila nelle colonie autonome il Blatera 
dell ‘ a* Risii lazi ont alla metropoli, non c-^n la rappresentanza 
delle colonie nel parlamento delle, metropoli, ma con le «vi* 
zuppo di autonomie particolari, stanno i germi dello smembra? 
mento dalle colonie dalla metropoli quando siano giunte ad 
un determinato grado di maturità 

Ka per quanto sia vera la sentenza dello Scelùy che il 
•interna moderno delle comuni razioni e dei trasporti, rendami 
pesai bill i contatti ira i territori pia lontani, ha reso 
posaibil* la lunga durata ài grandi imperi coloniali, resta 
pur sempre rara la più antica sentenza del Quesnay secondo 
la quale le colonie sono frutti che si staccano dall'albero 
spontaneamente non appena sono maturi. 

Selle colonie non autonome sì arrida all*autonomìa per 
vi* perfettamente diverse. Halle colonie autonome si arriv» 
anche a11*autonomia costìtuoienale • alla piena indipendenza 
politica per via dell’esercizio continuato, a traverso meIte 
generazioni, di que11'esistènza separata, nel sen* de 11 * impe¬ 
ro da cui dipendono, che fu consentita a queste colonie. la® 
vece nelle calcale non autonome ei arriva alla finale separa- 
sì one per effetto della mancanza assoluta dì eoe «ione morale 
fra le dipendenze e la ^«tropoli „ Sol sistema coloni a le enti* 








371 


« quando furano occupati «citi territori de liberi e* del 
Tford e dal Sud* ne Ha massima parte di quear.i t«r ritori fu / 
^.trutta la p*po^^* Indi**»* e rsepia*» nell'Arno o t 
M1 pieci, «•* U *•** « * «**•»•> ^ WCCtUtoili di «i^ 
Tlltà, fu tra* formati» in una essimi lazi*» 5 dai governo eh* 1* 
regga™. lei governo moderno questi sistemi non sem> P ia *®** 4 
ti pereto* 1 * sanità impone di non distruggere la pop ciazi tì**e 
indigena delle colonie; non sono arguiti nemmeno RCx concetto 
della Spagna e dal Portogallo perchè il pregiudizio del ««*° s 
fe impedisce una assimilasi ose e una fusione fra la popola* 
ziotkp non europea e la popolazione dello State ctoa la dami* 


ìì-A n 


Restando, dunque. la popolazione dalle colonie in ideiti 
casi, » opra tutto nelle regioni tropicali, coapletimeste dl#iin 
ta da quella europea, da tale separazione dei due elementi 
dipende la Torna di dipendenza ©he non censente un» elargì* 
a ione di autonomia alle colonie, che non wwette il ai sterna 


dell'assimilazione e che fa pi ohe M colonie eieac governa¬ 
te a beneficio dell» colonie stesse, *a per volontà doi-la èfe¬ 
dre patria. 


Ih questo sistema di subordinazione si sono portati nel* 
l'epoca nostra molti perfezionamenti perchè quantunque ad ©" 
semaio, l'Impero Indiano) queste colonie Siene governate dalla 







3?£ 


metropoli senza che al gerirne partecipi la volontà de* pops 
lo delle colonie, ai puè dire, a differenza di quanto avvenir 
va sino al , XVI17 che le 3«.. aie séno governate a prò* 

fitte dalla popolazione delle colonie stesse e, par quanto 
sia possibile, nel loro stesso interesse. Infatti quello che 
hanno fatto i popoli colonizzatori moderni per vincere le 
lattìe epidermiche, per riparare i danni causati dalle care* 
Stls, per sviluppare l’agricoltura e quindi rendere più abbon= 
danti i mezzi di sussletenaa, per la creazione di mezzi di 
trasporto onde trasportare 1 mezzi di sussistenza da una parte 
■aH’altra del territorio delle colonie, torna a onore dei pò* 
poli colonizzai ori moderni, come pure torna a loro onore l’a¬ 
vere Sviluppato, come gli inglesi in India e 1 francesi in Al¬ 
geri* e *ell ,f Xndocina l la cultura dei popoli indigeni, aggiun¬ 
gendo la euitura tecnica all’antica cultura propria dei paesi 
che governano. 

Ma sei rapporti fra le collettività valgono ancha itane 
che nei rapporti fra gli indivi sui le distinzioni Inspirai-* 
*41* gratitudine. Oli individui perfezionati nella cultura * 
nei mezzi di sussistenza sentono più intollerabilmente quell* 
privazioni che, quando ai trovavano in uria condizione inferii* 
re, appena avvertivano « non avvertivano affatto. 

per questo che l’operaio australiano ai aceto in scie» 





373 


ptira per ottenere miglioramenti che 1 * operaio europeo non o 3 * 
sarebbe ancora sperare e che l'operaio inaiane lotta invano 
n@r ottenere «Igli«ramanti equi valenti ad una c ondisi one nel» 
tc inferiore a quella attuale dell'epuraio «uropeo. 

In alt re la cultura intellettuale del popolo dosai statore 
anche se non valuta in questa direzione dal popolo stesso, 
straripa nelle S'ila del popolo dominato secondo il tipo a 1& 
categoria del popolo dominatore, le elsa.»! più colis dal po« 
polo dominato studiano in Europe non scio la tecnica dell “a* 
gricoìtura « 1& medicina, ma anche la filosofia èsile Spencer 
a 1‘economia di Carlo Marx e tornane ai loro paesi imbetfeti 
dì tutto lo spirito di cui è dominata la coecienaa pubblica 
europea. Trasformata quindi la coscieuaa dei popolo 4o»iw*';o 
nel senso europeo, quel popolo oaminola ad aspirare ad una a» 
t«ionia completa o ad una completa «estnilasiine col popolo 
dominatore, perchè a questo il popolo dominate ai sante ugna¬ 
lo per i lunghi fasori eh© ne ha ricevuto a perchè ormai «a» 
te come m'1 oi.latrata io la condii ione Ai dipandeosm ohe, #Sel* 
tra p*rt«, p«»*e invari «hHjt ri popolo damis&tòro ed ai su ci 
cVfteai colon idi , flm ctè deriva il senso Xi rivolta zm- si 
a vi lappa in queste dipendente colonia)ì _ senso di- ri etò;«c eh# 
e tanto pift forte qtusnio stagli c le .. asrio gevermt* ♦.- 
quanto più %% è perfeeiohat- : jet c .-*?« ae 









374 


pols&ióàe 67 l.oaS.ale,. S©n «1 ha alcuna coesione inorala ed et* 
tjìcs- fra si jfcniC'i 1 à^inat oro e SI popolo dominato: il pregiui 
.■izls, a* 4 , **; o »i«f- .ontani gli inglesi ladino) 

tanto che perirlo gii auraeiani ohe sono poco :~>lù ai 180 mi* 

la sono calcolati inferiori agli europei. Esisto quindi un 
Tiaeolo politico cha appunto per le qualità di giustizia eoa 
lo quali bì è esercitato ha prodotto una antinomia fra i do* 
minati e i dominatori senza ohe si ala formato nessuno di 
quei nessi sociali e di Sangue Che rendono possibili le rapa 
paci fi dazioni nei momenti di lottA. Da tutto ciò deriva ohe, 
in un momento di indebolimento dal popolo dominatore, il po* 
polo dominato aspira e riesce ad effettuare la sua incipen 3 
Ganza, e che, in una vicenda di guerra per effetto della qua 
le il popolo Seminatore resta vinto, il popolo dominato pae« 
sa da un dominio all'altro (come il popolo filippino è pas¬ 
sato dal governo spagmielo & quello nordamericano"). 

3 il dominio antico, salvo qualche istituto economie» ® 
qualche regola ì?gielativa, rnù a piò resta, mentre molto re= 
et&ir&e dopo la nua dl^soluziono 9 dell'antica doainio 

restano perchè ora fondato delie F^" 

polari 03 1 del territorio dominato al popolo dominatore. Casi 
arrida alla e ®nn tataliene ohe la dipendenza colonia* 

li* non può essere una dipendenza duratura: essa tenda a dis* 

- - ■■• ■ A 




37v> 


salvarsi nel caso dell® colonie erogene e pr«ducendo Siati nu-y™ 
vl che continuano 1» vita teli» State dal quale ii •«*« *^ eGA 
ti» e tenda pure a diattolversi nel caso di dìpeadense ncs* au 
*«<*« perchè queste e cadano in petere di un &ltro Stato piè 
potente durante le grandi vicenda della gara eh* »** oggi, 
dal principio dalla civiltà, ha destituite una epacie ài e*m* 
segna da parta di chi era a chi è, eppure perchè U P^ olé 
amate non potendo tollerare la dipender SU J** 61 * 
ter» rie»c« in uh ato®ento di deboleaaa di qu&ate, a dichiara* 

re ìj & projiria. 

Ciò cu* Ujorta notare è che il tvnmmo della colonia® 
autiste è force il piè importante di tutti 1 feaeteni della 
vita sociale perchè è per effetto di questo fermano, che si 
è aani ,'eetatft la volontà » l'attitudine o ne alia diffusione 
imperialietica delle varie rasa*, è per effetto dx questo 

• V i ‘ 

feneaeuo che si è venuta allargando 1"influenza di tìefi^raìi 1 ® 
nate russe e si è venuta aut-.-nd* la politica inUmaatonal» 
del Mediterraneo in politica interosaiertale europea e ques'-a» 
in politica interasa tonale mondiale che è tutta pervasa da 
ima. stessa corrente di idee. Ec ciò deriva .la convinsi-sua 
che uno Stato, il quale voglia cesare uno Stato ài primo or® 
dsus., noii può prescindere dall® esigesse dnlla politica eoi.',?® 
ni*le e non può non risentire Bell® sviluppo dal ano dirii* 






37S 


te'«interna le conseguenze di questa feaamsno di carattere in- 
temasi «anale. Saeo quindi deve coordinare le proprie istituì 
&iàn£ econo-aniche e militari non sala alle esigenze ristrette 
© %sm etAiate della propria vita interna, ma an*3w a quelle più 
vaste dalla, sua vita internasi «nula concepita ascondo la più 
vasta idea di internasianalità che l’epoca nostra abbia cono= 
seluto. 

lo sviluppo coloniale ha inoltre servito a dettare in 
rapporto i popoli piu lontani, ad esercitare fra g.*,i unì e 
gli altri le scambio delle idee e della civiltà. Molti popo¬ 
li ehe sono stati a vicenda dominati e dominatori hanno potu= 
to creare '-ina universalità del pensiero e delle dottrine lila 
sofiche, hanno potuto creare una vera cooperativa di lavoro 
intellettuale, spirituale ed economico fra tutti i popoli del 
sondo. 

Xj6 anticne £dz rusioni imperialisti eh® della (jrecia e di 
fi aaa hanno portato il pagante e imo occidentale in contatto coi 
paganesimo più ©piritualizzato delle regioni orientali ed han 
ne preparato 1 "'elemento che doveva poi essere favorevole al¬ 
le sviluppo del cri stianoBimo. I popoli europei dominati nel« 
la ragioni orientali hanno potute conoscere i primi fondarne»» 
ti delle lore dottrine, e riconoscere le origini della loro 
religione. Inoltre hanno imparato la tolierana» imparando a 






377 


vono«6e.re ì* fci.*' 4 a-etU » » sono arri.*- -;. %v dalla eoo ose gru..- ili» 
ìt* vita» dottrine dagli uomini al concetto 4eil*ìaa*i*s.tà 8»a~ 
uo travato una *«.ii ;»^taa non inferiore ali* loro fidila 4':stri- 
nà ài Buatìa « £ ojì aleuti di politica non inferi ori ai loro 
nel.'a dottrina >• i Confucio Co ai i popoli piti listasi, lanut 
potuto comprendirei « completerai 0 ae ««osto n -a te.* iapod-l to 
■he gli urti aomiooaaer.. rii altri» pur* attraverso ut te ^p»e« 
•.te lo», te * *. 4 -‘-nuta formando una ooeoion;;.. umana e<?. una ooo» 
pera* .: -tee ut,; 1 :• 'oman ■'- c'm t dovuta . queste aueeadar¬ 
ai do’ . -i cea'-n c«inaiai# c •*-.: la nostr : «*»;;a & : ;<iuio, ai. 
nostri fc ;u's‘rii, coKipletartì e avi lappare 

?H3 


STtfR** Jfc-IB C0MWX2, ii I«mO OOltmiCAD; 


m&p. 4© 


1 





378 


ERRATA » 

SERATA 

Pag. 14 (1 parte) 

Sei- libri si trovano sottili 
disti imi ioni fra e a se, «a or e* 
di ac. tao la digli ere e più 
s.. ip vis* aia qu«> 12»* data dai. ; 

j 

?*.g 14 {Il parta) riga 1-1 

.,. ,tr*tnat stipulai i da uno 
o più Siali europei ... 

, lèj.1 

% territori c.oXcniali sono di» 
peadozue qualificate dai tede» 

citi 'Soìmtgfeg-.. i -.ie a considera» 

» 

si come Aeialodid in rapporto 
eolia madre pavr-sa, -m l ui a nd 
in rapporto eoi parai Stati. 
S&g 39 : 

A «iè ai vede cerne la dot tri» 
»» oc Ila sovrani*,è ter i a,torla» 


CORE!a? 

SORRISI 

Sol libri si trovano sottili 
disti .. i ni Ira esse, ma ere» 
diamo efeo la ai eli ore e più 
semplice eia quella data dal 
P Eeineoh. .. 

trattati stipulati da uno o 
più Sta. i della 1 categoria... 

7 , territori coloniali sono di* 
pendente quali dica te dal tede* 
scili Sehutsgebie''.e e considera 
ti Cdme Ausland ,.n rapporto 
celle, madre patria, sa tnlaad 
in rapporto coi tersi Stati 

Da eiè si vede come la dottri* 

na di Sìonroe nella am erigi* 

! '* 












3V9 


ESRATA 

X© viti 

Parve che la par t® al Suà in 
cui si dirseli© P' ima 1 'emigra- 
anione anglo-Baeoone tof*&are. 


Pag 48 ■ rig* ? 
eruttava,molto più , » 

Pag 50 riga IO 
.. l'avveri iva ohe à del iut 35 
t c> ir ut. le il p osaediment o. « , 
Pug 50 « riga SO 
In parte «usete ragioni. 

Pag 53 

" ; )fi n i b t e; • < » uè -1 * 3 > ■ loa il 
quale, ooea . 

Pag 54 = riga 3 
■. v apee;.alBW*t© -t»i ,.* colemie 


G0BBXGB 

! 

jne © nel ano sviluppo intere»* 
i &a la dottrini» delizi sovrani- 
' tà territoriale ...... 

Parve else la parte al Sud in 
«ìxii ei diresse prima l’eiaigs 
■ ione latina e la parte al 

Word in «.ai a- dirai©# 

l ' u*igì*a»i om aagewno 
\ 

loaesrai . 

sfruttava «alto più », . 

l‘avvertiva*'ola» non 4 del 
tutte inutile il poasediaen...o - 

in parte per queste ragioni .. 

I* Minìitat e delie Solo»,-•, av 

i 

? - .d& J.JkM C QX$'Zki.& . - - 












3-60 


• IRSUTA 

Pag a& - riga 14 

• è costi .ulo rispètto * 
tutt# 1* colon*- dal potè.- 6. . . 

Pag 5 i 

Quasi c *•*$•■•$. ■ . c- #*rc.«an«nte 
esistè . 

$*g 63 a riga 4 

1 C0ÓÌ44 UpOÌK •• ras 

Mauri s o t ccr ; 

P«à 70 « riga .. 

« si segna *0 1» p la» 

?Sg> ■'!? » riga £@ 

• a tfa * HW 1 « « »'i*v esag& " »" . 
>■ i «m 

Pag., 34 - riga- ,U 

dO^,. 0 ■■ -L X/r. .% 11 §Lu£ 5 a i 0 d* 

&tr«eìxt 

Pa- *Ad * riga 12 
a** ì®5'ft i n«i k,vi* a 
amiceli di ab -^v. 


OOHR 2 G 38 

■ -è costituirlo rispetto * 
tv,, v le colonie dai potere,,, 

'-‘“'■ato segretario permanente 
i--raane ri te eoi sto ia tutti i 
::.irr;St#.-i inglesi « 

t Codi* napoleonica u 
y«wr U-i •*•, ;iC 

* &J {jwtiw . .f *a, > riata 

■ e site tisi!,.* eus esagera" 
a i eoe 

csapo il tra' ato di yfr 
tr«aht 

*■ ..tìoA ,■!!?;•.< a v e rei k SAÌÈ a 
1/3 milioni di *M< ntt» » 










BRKÀ1 k 


C0K/-r<s8 


à~l 


BRKÀTA 


pag, 13* « rie,» 6 


. ...Indie *• ali p . ■■* sesjui- 

. ..Inditi Offlo«&*&&«li pai as« 

i o ai ter ri, u; ; & per ’ la- pa» 

' 4 t .. .-• =... >.-: ’. •■ it or. * per dii : 

*»«*> nei ®dr ' «ntr i ornili f 

i onde re 

per itili'onetói 


Sag. 140 -i rig,. 


.iti cui ivt roaponsifcbì .. • 

>." il r#p<afrtdi«» 

d’Gr«*ng. * del irata» r ... j,... 

•>• 'C- - v.., i.nt. Iran»va».. 

?ag 143 « riga. i& 

- 

pretendane di e»«rd.\ '-are 

, -■>■ «-tuì.. vai ea-di’&i vari? «. 

Pdg lei = rig.^ 4 


•■. «*ii© scopo di dipinti :,re* 

§•=■ •>■ »•» non <u<c iau.- - 

i - \ > -- 2 1 ga ci 

re. 

con un* popola*- ìo&# di 

• ‘v.-ì- pc„- ìaaioiM». di /. 

1 >. 00 000 . . 

®1 li t*H dì ... ■ À :ti 

A?v •• ge 14 


< J • -a. ì» ., ':.&!! •• 

.. ' ì. - tC t a 

Pàli (t ■■ ' 

« 

• di A- ■ -. *!. **.. K8.Ì. 

• *•’ ^ ^ ^ ^ * a- - ; ■ 0es> vi ’ • . . t 


- ¥ : 0u* „•! T\ > . e 














ERBA & 4 , 


COHRìCEg 


F*è- 5è ~ - 14 

f coivi Aito rispetto & 
tutto i» 0-oIot.j.p 4SJ. pet*. é lt , 
Pù-g a ji. 

Shiesio »e;g,r .-t~- > . > «.neate 

«siete . 

It*à :>5 ~ i". gL 4 

t Codice '•. «.y f>ie ■ ne 
Menar*» 0^ *c« 

70 « r*gj* .. 
e sii ; jgnfc- .-.* la i ^ 

, '3 » r:;g@. 0 

■ 3 kìIs ^Wlie Sr'-iiV «BttgtC e 1 

« 3 om 

Rag, 84 * riga Ai 

te 4; att»sC3t di 

t't resti.*. . 

ì*&: -io * riga 15. 

fi*5 » j 9 j ritti i ,v ìk a 
i^w ai li 4»... i Vii 4 ti ; ^ 


■ -è costituto rispetto * 

tuv v le i -..ionie tei potere . 

- *to segretario perrsanentu 
i.rraaaeRle esiste iti tutti 
,■;. t s i et « r i inglesi t 

t a 0 Odi? ria#«i«caieu * 

IfcstW ì J* } O , ,j£ ■ 

' a. gate. v a >-r iau* 

• ■ * efcse ne li- «uà «augura» 

a i ©ne 

oapo il tra etto di gito 
tr^aht 

. -nei itjóa *, •* a jjifc tó 

iv'3 ffliiloni ài abi< oti. 


« ti 








BHKÀ1A 


mmiG& 


frtag. A 3 ,. » riga 6 
.Indie «là j, ■•* 

,v o ui ter ri, tu ^ e yar la j>e* 
nei sur ^ntri'-'ìiì'-ii t 

, e< aiiionctói 

Pag- 3 40 •- rig- 
• ììJ ewl la i f-, -■ 

«i’0r<vr»t;v •; à«?ì iraasi-i.* 

Pag Ì 43 ■■• riga iy 
ì-rrnsnasno di eserr . 'are 
P-ag léSi riga •: 

- • »fcCi/& ài d^ainuire. 

Pf-fe. *v8 - riga *'.2 
Cdl.i ufi» jj>'£>Oà<b lOlìd ài 
1 •00 000 « . 

S &«. 4 / ^ ..4 

' « • •» r . • ”."i ■ ■ 

Pag A •>■;•- 

* a. ; A ■■ 1 . ■ . ai . *.-&•. ì 


. t . .Tftàiir (ter ,.;.a^U pei' «=«« 
„ jV .. : ,. iu-r, e dii'* 

fonderti 

ù .» rdpytofiiièu- 

*ì ' . j • 1 tfc&fclèf V'ifk'i* * « r « 

, ■ • zk, a ' eaàs’à- tare, „ 

j ■ . j. y, r i vii avvi 1 - '■ na." ■■ 

? *«. 

i -iiisa £ày--là»aW*« di £ 

»?ii- r-ì dì • ■ 

' ^ •• * ' :ì .’ t ■ 4 > 

JNp; , Cv. .•< : 













Pag 1©£ - riga 4 
di goveriìs dalia A'bodeai&. 


-, Uj 


tì a- 


di govard« dalia Hhódt,8ia* 


fcCC . 














— 

363 


SOMMASI 0 EfttXS OTIOH, 


1 . 

la c0Ipnisz aa ione. Costanza deli* sua maninestagione e 
valore do Ila «tu* fune ione storica, come fattore costante del¬ 
io avi lupi o della espansione dallo » 3..-3tà uaians. Cav.ee 

della oo onta aaione: etnici* t economici*, polit%ol*„ reli¬ 
giose e aliali. Specie e forme di colonie guanto adì*erigi» 
ne e guanto alio sviluppo successivo» Caratteri prevalenti 
nelle colonie *nUcha o in quello moderne '/arii punti di vi¬ 
sta dai quali pu& considerarsi la storia dell* colon ia-saz* ci¬ 
ne . 



%> 

La colonisz ssione addarne Periodi autoAMirrì s caratte¬ 
ri rispetti vaste nU prevalenti Gar at t eri pee >.> x. far i de 1 la e 
* 

ionizzasione contemporanea progressi » srat amenti nelle «*»* 
di»ioni delia vita materiale loro -««aseguane* stilla penai* 







ai acquistare vaetx do&ùnii; sulla faci liti di gorer» 
turili * su? <r-v rt.'iB^aeiud delia ©ai stanza delle colonie an~ 
Ciii »utoncrne colia metropoli 1 fattoi etnico economico e 
politico dalia coidai&zazio»© c<Biteaporaoaa, Il teiere sto* 
ìcu delia colonizza® ì.oiv,j in rapporto collo sviluppo dei 
Z.h,-.'bì colon ideati e dei pop- -ì coleai«saturi. 


3, 

I «aedi, di acquisto dei territori i .il., conquista, la 
cessione, tA de di a ione ai uno Stato a-i un altro "Slùai, nasica 
«addiiioaaioae di quest’, modi dai rapporti t'r% gli stati 
di utTlAt ' à europea. Xoro suzeietenza con qualche modino**\o* 
ne del contenuto, nel rapporti fra Stati cristiani e pifr r ©= 
contamente in quelli tra Stati di cimu europea e stati <ju. 

“- ?-11& diversa la dottrofia dell*autorità suprema del pon- 

t s fi «a & della sua c-vapet-jnz* esclusi?* d*at tri in» lesse dei 
territori!. Valer® pratico incompleto di tal© dottrina e suo 
successivo abbandono, la occupazione e la dedizione, ftseiqpli 
di dedizioni Mio he nel diritto contemporanee, 

4. 

6iu»r. ; i'i.«Aaioae delie- annessioni, dei nuovi ter morii .se- 




• 3 doit.-inn eU .la i» < 4 U»aS& • Siri» ci ; to 

«• Vit-or.- ?ftv av ertiappo <k \1 ,j*la -.-eeuj- 

<v«, 'hir.o-, 3-v.. ìi * * ... . r 1 -'uS-l* lì ©Or etto 

. v. a uàà. ‘Sri i-v •' a:> tori .■ •• ' -striati & po.- >11 ao* 

or ga-iii «a• s>c-' a 1.3. ■ • taa--* d .... t dsl pf- lì aropei 

3 -- -.i « v. ♦. .ì oc v *» 1 fri 11 ’■ «t«ar*o* 

'<■> • •• l - gi ; C ìi .5*8 V9 «SQ3»6« P«T 

■> ■: r ■ •„<•*■... So- Ulti prò*» 

✓ .r • ■■ * ; *go?.*trt= 

■-* r- i m»Ì# £« 13 , * bOeUp&s» 

s ■ t- - >■ .. c> i a ino » ‘. i- lìstL 


f •" r aio ■ >: i ( iglsario della 

<K: " 5r ‘ M - ... -.ni. • -r. © « i* «1 

. ì •- ». i or fi -i ogni &0&Ì . -wae o.-«i va- o « 

u i ' '*♦ f ; - -■- -* •• t ■ ii iii.j :ct ,r i»;..'. iaJ-i nòjoaa ìe> 

*4 -f. ?.- : > 3 vu 05,!•<; :i prot-&itoi' ...•-> 

l*» f irosa* ... . •*.; i -■ ■• xpvrti *.■ -.* ,%3: stail eurcpAi e 

,;ti .ii «L. -il,vii., a . profetfitotfOfl;>> ©oX«»nt -lo* «uh a» 

ili. «ai* • •«• • J - Oca'.’. '* dadì-sìona ^ ■ -’Oiapa^B-Ata da 




* V ■♦«-* r> * . 




?isp. 4Ì 









3S6 


ta. ■ « -,i* ?overau ,i.n. v*oo a» tei ore L'qccus 

j?as oae' a tit■;• lo ii pr u.. -tmorato: » i aar& tteri « ?-uo 1 eis* 

saisrì' X site ... ì •.,*. • » positi , : ri ".ics. * ■; > '■ . «o*ì 

-&.t pr oc*- t, ,r ■ « -la » regeln ci-., so fOTerr.-mo 


SU 


+ . i. 

j coaai-,sì*-!. 

,,0„ 


* " ^hì’ „ 

«o»e He 

S 9 

c 

= 

- Ì1. ■ ? 

ai 

i- V 

■•% dai!-. ■ t-r 

*C(? 

-I 

: . ■/ 

■ j;4 t C , 


.dottrina 5 - ilo -• hi .iteri it i a ,j de ’h ói 

• '■*’ ';.p4 f.iìf ; i i . 0?'«& f . ? 'ew. I« an 1 ?!'-; r se di 

ft <'‘- : r- -ìfii ' t -j. , • . - • :-%i a; ;;n Ci ili. OC ; 

.-.«r*. . tati. eri J* 0 i «..da f " 

è ra c -All» •■-*. *n»ior .• i . n o dei 

h t , ;v a .ngìi Altri Stati di 

■ ■j 5 ' a se -■-■ Tion auseectihi* à dalla 
* 1 f 1 de -. c i cpet ..■••. territori** 

*' 7 » t de 11 5 ri spt .3 errarli* 

v-4 terrà t >rì«Al. Bot i,m .dolio chiaterlanda e della sfera di 
Li 1 / Stesti ♦>:. K ìuj., .profitto del 

** n - Bta sdirti no ’opsa. ty» 

-i .a:-: v di *: • : flutB»s4 ai p«tU i: gli Stati 

ls =• «,.>•,». «-• Ltòri .:•• Ilo a. ’-e dalie :oj‘. ture a* 

r : li a^r npr e e . s. analoghi 

8 ( - ; ■ ■ - , | ;i tl'QTi Ott* 


_ 








'•Sv'-i, ovvero a pu.tr.- <m« -mo tìi $u«vt. ultiffii Storti par ìk- 
j. -gn&rlo '■ non- .-«Jj- ■ aó all ew« ■■ ole. arrto a un daterai* 

nato Stat • e*-apeo »rs ao torri verio 

7. 

; «odi <isr i.-%t : >". '. •■-«ifisi a ao -j„ìt de 1 Ja scorar '.ti 
' sr •*.*»!»;« io. cìì’iSMMianl ne' . appo/«i ooXotuali, 

X>* a«- e.<- i t*. aa aesa •. i o : •* ài ri. to coloni Alt quanto ai la capa» 

C tè 4f; J •• -tllC74* ‘ a ~1 - ■ ! 1,: li-tè COtti i. '.'UM 0»ft2'* 0>,?SÌ0* 

n > ' t * . •• HXib rt .J prop • /- » i -)5ai de .; o 

feupli" -i-. ob! a. : tir.:;- o -.•■ rtìauji■■-’si'Ulsj sur .p«o s<t a ;*!•. 
>,:< ' '- v ■ . tu :os't: « dai diritto eur .>. 

e su* sussi ateo a --., i . u ,; Xs cossi . di ter» 

« .■! o fai, .? <*- h, h-j crws.i sd ionofeifiai tesog-' orwsi.ee Xa 

c-6ao»Pn . ! '-:j'. iti '<:•• • r i .:i ono y . .'. . «5..i.Or> *> quali fiotta; gii 
À-JTti ;tì x ua< U’.. t ni. u >- .i o «tpiu&rtenente ad un altro; 

Xs iMUicipaìitì 9 .if •.,,!*<■'. ■ .4 -vi- ’■ eri*ite ;o ai uno Stato 

orientai* 


"«coiai <wi3 «weaiKSmati dei «tvi-ftarU «aprieani, in rap¬ 
porto colla conquista e eoi la ooitaa..s*a»i«r.e eurej&ea, d» -1 van» 








y* t 


*i dfildj* j■ j'i • i e v - .nr <o Sviluppo ófll.’ •• ss •■ 

3 risa sani *«*>, i 1 *' itìàip@ada!i*sÀ ttfiU Stai * lisltia 
Preparassi .sr. 1 '’ d p-' 3 ì óò 1 i& tuia proclamarime» :'tre enon» 

alasene , *.c r isar.4pra.fi ?. 43 # 49 d 3 ■» 

iel Press •■'■ 1 ? 'leenaSre lf£S Su <3 - iuppo - r .no 

alla *l® a ; -nv ~c Hi 2 agoet .> 191? Sue omb* uenae; 
i ter i. 4 of ; . .eettr» <.i ad u'-t fiori conquiste e «o= 

lealista:-ini te Ila disponi. Siiti è dai torri ? •"•«■ 
ri jpefsedu . .r ;<* da St • europei; linai : l ài disponi»? 

bllità de i teff-li r 4f & 11 S*- i ausar i c ani ne i 1 or o r«pp o* t i 
eoa Stati *- m .*■ ;■?•■ %■. . *.t, li sii t alle canoe «ioni territoi 
cte. «araiter» : s:-t - a eooaotsiro, da parti' di Stai \ utevf.- 

oaììI & "additi -vi St. l non americani. 


I* coloni. ,<* ione bri tarmi or., lai*il della oeloni3«a= 
alone '.ngloa© ••.:©« e eoa «a ielle , politiche, e religione. Ca» 
rat ter-? ;?ea»dis« c.Hle aue prima maalfostasioad. Specie di 
’• olenti.; div-i *ntà di regia » 6 u loro convergerla;* ci latto 

ver&o sì ..■ ■■•.!■!■,(•=.£ o<a*diAi«wie di sutoaernia 8e girne oeoaoaiee 

o opo 1 * • di s& vigR» i on è. Falò oat ent e e accessione de He 
Sciane ««srisaae, forma*ione bai nuovo impero fra la guerra 














3 j9 




«t'Anuiric* « i •’ Ile o r pale sniffi ha Svi lappo 


, «Ài*, polltiv- .*11« ir .‘la. ih. iites ** «e.iii «si »«oo* 





Il g verno dulia «Mursia br j. i.inxr»i<s:,\e 
») ‘Vger'i ** virali dal u- «a**-- * , v ^ria «<»leaetsn ;.• ^gecutivo;, 
al .■ . li. gasinele -va (ir 7. li ai-; - . <?o2aBi*.H 

nei -»arii dicasteri^ de «et*. <. del & Ina;.? d; 11* Coi.»»» 
ni* £e divisioni del nisler m delle Geloni*; - uffici* #»» 
t, ni l«g}.3 «igeati dell -*-n* per I; Colo':.le * «iure*-- ■ le- 

. i siit ;. va : il re « il v •-•••: ••« i. • « •■ -t.T 4 •’. i . . • Sri noi" 


{(Tiio e le ordinante co j,.a '"«s di 1 ;; - icg.*4* a 


’ liuti.f effettivi del p e le.visi.v » •? » • >. -iten .‘.•‘ele¬ 


mento giudi «lari o» li ; ««aitato giu> ia i d«-i ^ «nei rii e pri* 
vato; varie «ondici eoi; sui e «ubar u *.*t c impelici iiieac: .- 

i”; ;>(sr % iOttriOS od il’e.'. i •■ 4 ■ • ' : "5 . v.'.ì'■ '.. * 










3®e 


lì 


Il governo d* 1 coloni** v * tanniche 
bS V*r Ut* Ai gP M i di ord ì urenti a*Ut colera- -. X« -;t •* 
si col Marittime Le -ìO.oait de ;i, «oro**. 1« cloni- ? >« i-- 
étitusiesi reppr<*«erata>. i y« « - govc ■»«* r* a*. 1 aati ».* 
colonie «-«ta&Ott* Doppi «arai tes •• ecet ita; «.era*:;* ée'J ■ vor- 
a&iore Sviluppo dui diritte co?'. .i^sarale d« 2 ? caldaio *u* 

tonoKe « de^li elwumti tS8en3.ia.li dallo 3t*to Mattile*i* a ic« 

ni di vn& tender usa e3 • or ditta it «jtì*>r ti^o . r-n*i 

'britannico 3 ii vieeltè o- sai*? ’^o « parie .i ofc* 71 •* 

di quello* ttis»ao«irf libero l «si a la il tappar 

12 * 


I*. coler., usasiono 1 . *»©•:• «e 1 privai- t- mat .vi dt .2 ‘ini* 
*xar,iT* i >rl : prime lapre**» Ai Stato. KrettÀeeca I* ed 

• *• .t-dft politica da.-. ; Ó24 ai ,.'.?ì&j sue canee 
politici» eu ona*i«hc, sua? rimatati 8*1lappo $ daoaden* 


sa del dossi!»; o»e in Atteri.?* « in india- Politica d& 

11 Cei: * 11 * •»! lappo dei possedimenti « enervai -. , dorante iX 


• * '■ li Xuiài TYJ* 


P<f- ’iita de ile co<,è'. A- ■«•nt * la Klvolu» 










3-1 


iione e l’Impero. Bioostit di un doa «ilo coloniale oopo 

'1 1315. Cause del m-.ggior -•■K'uppo dopo . 1 1370. Importane 
zì dei de.-.inio del rare n 1 :• ratinare le vicende della eto= 

,'xa coloniale franai . Valoi w il*accorti *aglo»france#* 

-i 11*9 aprile 1904 


13. 


I- dot .ni c ; Hi, le • .neese. Sua estensione; suo pepo* 
IjUE <a i-'-upert a i tiea ed ©conca:oa mondiale, ZI 

o-, :o ; -ile d. . ■ « os e frane*#ì, le rappresentante 

; ia - . . autori; madre ratria n ile .-sclonie II 

pot are *©. isiat ivo .r.:. ..oue agi sia. iva ee-.s, retata nella 
:uadre patria, undioae gislati ,v a lelegata da questa ad a«= 
tor.vi- ,tra. : i o ac. & t eoo» uit? ne.- e singole colo» 

tu . li sistema deii*a ? .slae i-ne 3 quello de 11 'aat'dnamia; 
rapo- :s..n . * scdoai>ii nei cor»., deliberativi della madre 

pati ia, così; .«ione i por ti celar- corpi deliberatisi nelle 
colonie. Coesi-terse .si due si ; inecnvenienti del primo,, 

iti con veni e.a- i del secondo nelle coi-mie dorè il pop a lamento 
ort sì-ì ■ si. oìxe in parte europeo. 

H 

; : ■■ ■ >ne t- -:u.. .. tu i. 11 . *voiics ©.:» 








? r-u .àtì'i $ p- • ' ’«swa; le' ^ «f anaci»* Oopo l'unità g er~ 

;r- j: 6 » ri. .*. -i ' «a* àex .'fapmro. Tir :« aspirazioni e 

, rimi i- tv ■» -r. - sviluppo «» -1* a#*.'*.’ ^ iw e i inaiale 

««‘.-nana =a. ini. tati r, Asilo tao e A iniz .*.« i •-* privi « prò- 
% d&U It&fc • le iO.iiiM di diritto eo»t a- clonale garmani- 
oc ira* a rat * oU -fiatare dipendenza c ^onial’ e dì 
di. i- - tm X 1 aaiv. . o a la; est «natoti* «d a a-. ■ o -t an « a > il ** 

tao - • «»r ant.\ c& rii- .*.nt o del go*e: ne oe ‘a’# e : t* 

la. ■:« • i«- « „• ile vi ;i» secondo il d. Ut- >eti* »* naie 
£3 , st -i - iuta delegata ir -uè 11’Trai.t --ito 

r« i-; '' Afe. ti a !.. , ,■/ vigenti « t -rio? a- ■■ . SA.u;ui- - , 


•:• ■Audi-:; 5 . cJ ,< , mi lì tv, ri sd «conto iene %. pope» 

lo «:• o . 0,1 •«il •• r -ri .rie ai rinelA'. •• nell* iorii »on* 
do . Sta v ig &!% strippo, del** a»p<- . . OH et asiai-i d ;.4A 
Bue. ;..i ua * esodo lentesias. i%% irtansa at' .: <iel 
do©;.mc asolai.: a rfella- ■ i- la,. la Sì ; U; bu* ^ar . 
tssr- aio» .«.V, ,i --•#«>'/ . rondi;. . .... , :i p y o re» 

'Vlt-3 4-: , ■: «V- H>*Cf « -' ri - .or - ; . 1 

* «*■! • •'• -«'U ■■...■ I de i , f / . A-.r-t,.- l< : : ..„ìniu 

"■ - - t -ir #-?'• ì- r a .•-! '■ •• t-Uv ■!<,;■ ■ ■ Xi te., 












-ii Bokhaj predominio di ai j ne'.'.i + ooei ;ente cì«k-*•* e nel» 

•■0 regioni aeti-entriona <!<».■<* Sdraia.. to' d 8 lÌ* 2 »tro 

.t> Oriente e . politi- r*.-.iibt vn v. e •. a oli * pri" 

t«;i e uopo . * guerra c Grappe XI p-. ; po *.-je::.t -.so in A— 

® Sil eJ'fi-'tentl di superi :.-i ;i dell «.- ■ ne . v* tea rusiut 

au quella b* a t .oi ... 


id. 


4,u dottilo colori.'.*, le* ■ _..aau- su*. iap-: - : tanaa assolvi. 
e re ut iva ‘ìhìs » Cuue* ro-iitle ed tc-t .ustieh* le2le o .- 

wri 6-'. s ‘ «viluppo prim do Ila ivolu;-,on i; noose, sua, 

ricocittu • ono parsi ala ci». - '. 1? Cv • ordinamento. li si* 

sterga politico; * sverno centrale. -ver . .oeaJ^s le indie o» 

ri ertali * X * acoi.-’ iuistr a -1 -. -re direte-. e \ Ari e gr Atuu i cn i 
del i'v tettorato ae,--!: -;t rat ivo» I--. f>v. ; ..an& c le isti tua 1 -ioni 

pars •• jzattfite rapp:’e»*»'• •;uti ye « Le li escile .tali., tl siete* 
«‘tffiscÉlwj; sua : v durante .1 ,mo tZ2. * sue ». endsnsc 

•attuali. T territc* ;i perauti; i pi *s* .a 1 po.poiataanto 

olandese e della «uh irs.fiuen.sa sui;tv’rle tei sud. I oriratte* 

" i salienti de 1 la politica r o 1 on i s b. c- ; unde se ■ 


3J0RIA XfóLXS COLONI» E ÓTRITtO COLOHIALE 


Lisp. 50 






3 54 


19, 

separazione del Belgio teli*Olanda e i primi progei 
ti di utt* politica coloniale >»lga* OU di Leopoldo I 

« gli studi e i progetti di '- opoldo »ì ‘ Mut sfiatili o dei di¬ 
segni li re- Leopoldo dalla Co», -irerisa i.@ ,ra:ica di Bruxelles 
de' lE 'òj, alla costi vuaioae della Associ-'.zi. ne interna*ionala 
del Congo nel 1392» Organizza*iene e riconoscimento deilo 
Stato Ulcero del Congo* Il rs^ir ìell unione personale- il 
regime della dipendenza colonia. > £1 /-o verno attuale dej..-.a 

colonia congolese» Il regime scovi -.buco; il trattamento & e &l* 
indigeni e l’azione britannica. Ostacoli politici e giuridi¬ 
ci opposti prima alla esistenza dello Staffi libo* o. t e poi al 
riconosoiaento del suo passaggio sotto la sovranità do » - ej,_ 
gìOo 

18 . 


Cause determinanti la decadenza dell'impero coloniale 
©pagnuolo e la sua rovina nel corso del secolo XIX™ I posse» 
dimenti attuali delia Spagna nell’Africa ideata le, Be girne s_ 
valore e possibilità di sviluppo economico ; ?}pan sione recen¬ 
te del domini? sp^nuolo aal s:'aroc;. utr it»i àteaioi dalia 





Spagnai suoi tentativi aà conquista e ostacoli incontrati 
fino agii accordi ael 1904. Patti relativi al Marocco ante» 
riori e successivi v. ila Conferenza di Algesiras li iaoàus»vi_ 
vendi franoo-iipagn... Io del 1911, II ito frano' «spagnuolo 

de 1 lì 7 Novembre 191 Z . 1- c or gan i z z az i oae dn3 pirotetto rat© ne Ila 
sfera riservata alla Spagna. 


19 . 


Cause e vicende dulia politica coloniale portoghese. la 
formazione del dominio;, il carattere del desialo; sfruttameli» 
t o e c or orni eoe 3 nt asi a fé ile fattorie. La r 'senza col oa i a le 
porto?; io a e dopo 1 ’ &. an <; ipss ione dal la Sp ugna. Sicure z za der i~ 
vata dall'alleanza britannica. Vicende del possesso africano 
durante il secolo XXX. Il mancato collegamento dei territorli 
e la successiva estensione del dominio effettivo. 

Le condizioni attuai.; . L'Africa portcgheso; il governo 
diretto ed indiretto; le Compagnie; gli elementi d’autonomia; 
le condizioni e le difficoltà economiche. L'India portoghese 
e i possedimenti dall Estremo Oliente, t pericoli del dcaii« 
nio coloniale portoghese; le difficoltà interne e i pe<.icol* 
internazionali; i progetti ài partizione. 





GSsì 

20 

Gli '~att Uniti continuano, intorno al loro territorio 
.. -in^ri o, A" opera di c cloni esazione britannica interrotta 
loro *„ndipèndonaa. I rapporti cogli indiani: liaitasto» 
r.a dal Xor>,' diritto pubblico; liaitazion--. e s;. ^tomento de-'-- 
loro riserve territoriali» Espunzione ter ri tori *le: al Texa-". 
la conquista della costa del Pacifico; la primi guerra coi 
ffesuicOf il trattato di Guada lupa Hidalgo e la rettifica 
disila frontiera messicana :?i 1853, la questiona deìl'Oregr. 
s la partizione anglo=azaor -cana dei te? ritorii contestati 
l’acquisto do 11'Alaska; la .& delia! tallone tacendo il gì' 
tizio arbitrale del 1903. L sviluppo dello spirito imperiò - 
-.sta nella politica degli Stati Uniti d'America, 


21 . 

li progetto del canale di Panala e lo sviluppo de 11* im¬ 
pari a li amo nerd^americano. La guerra i$pano»americona; la 
cessione ci Portorico,. Sviluppo eceone&ieo dell'isola sotto il 
dominio degli Stati Uniti» Sua condircene giuridica diversa 
da quella di un Territorio dell'Unione ed analoga a quella 











,i una 8 aloni a non autonoma; recenti limita* ioni delle sue 
• i anchigie cest; tu? i anali„ Cnbs-; limiti della sua i n dipende n- 
sua c «n di 2 % <me effettiva dopo il 1906 ; e 1 era e n ti di prò» 
t torat,< nord«aaericfeno, diritti territoriali degli Stati 
r■ -ti a Cuba i ti upresattaia noi rapporti cu Stato a. Stato. Svi*® 
Ivi'cpo del predominio finanziario a San Dcmingc., nel ìficara» 
g..-i e nei ’Honduras. la creazione delia Repubblica di Panama 
e ... cene-salone de 1 li zona, del canale., giretti va con di* ione 
di dif.vrevt«.• i ed©rae degli Stati Or it, gt^ernato coae dipen» 
densa coloniale. 

* 2 *. 

Gli interessi e le aspirazioni degli Stati Uniti nel 
Paci.'ics, te la ole iiaway; loro importanza economica e mi li» 
tare. Primi rapporti delle isole cogli americani, missioni 
re ligi ose t imprese agricole e commercia;.!. I progetti di con» 
quv.©tu. i trattati di reciprocità- t'immigra*ione asiatica 
e amo ri cane.. TI «ut ari© nto nelle p r op ori-, i * n i del pop olamen t o . 
L;ì riv dazione; la rapobblical’annse«ione; l’essimilazio* 
ne ai Serritorli della Coafedorazione» I rapporti fra questa 
e la isole Samoa. TI sistema della neutralità e del con domi» 
nio colla Germania e colla Gran br filagna.. Le convenzioni di 








r* no TI valore dei ialini nord®a«ftriciMfti nei Pacifico» 

23. 

Sviluppo degli intarlasi degli Stati Uniti nell'Estremo 
Oriente, la guerra i ep&n osat. - ricatta .■ l'azione cono or de degli 
americani cogli insorti filippini L. pace cella Spagna e la 
sovranità siagli Stati Uniti riile la ' Filippino, La sotto® 
uìsbìOes e 1’organizzazione de goverjv Incremento dato da» 
gli americani all'istruzione , -i l&vor:- pubblici e tall’agri® 
coltura. Difetti della politica nel lavoro e della popolarlo" 
Costituzione attuale; governa oentr* la ; governo locale, 
prevalenza della sovranità affiori -ana. Aspirazioni del popolo 
filippino. Tendenze della politica n‘ord«a«sricanft e profeabi® 
le sviluppo della costituzione dell'arcipelago. Princìpi! in= 
formatori del diritto coloaiale nord-asaeriosttìo. 


24. 


Il ai.ajfp m--- negl*, obbiettivi «teli» e spenti ene coloniale 
europea nel i ?.cc a XVll 0 e nel sacci* XI X° . Sii-obbiettivi 
della espansione c©Ioni-ale giapponese prisia tìsl 1600 ® dopo 
il 18M. 1* trasformazione militare ed economica èsl Chiappo* 
nei X'auifeodt o della popolazione, ® 1 8 aspi razione al possesso 







399 


di vicini territorii continentali - la guerra colla Sina e 
l’acquisto di Pomosa, La guerra colla Rueeia e gli acquieti 
& Sakbalin e in Kanciuria. Il protettorato nella Coreu, il 
o sviluppo fino all’annessione. Risultati dell*asieoe colo» 
niale giapponese nell'isola Pomosa ed a Sakhaline, Caratte» 
r* e sviluppo c.ell'attività giapponese in Kanciuria. Biffi® 
eoltà della politica internazionale giapponese: i contrasti 
per l'imper dei Pacifico e per il predominio nell'estremo 
Oriente. 

25. 


Difficoltà d'ordire interno e d'ordine internasiejtale 
incontrare dallo sviluppo ci una politica coloniale italiana. 

L*acquie u od Aeaab„ I rapporti odio Scioa e coll 'Abissini» 
prima e opo l'aaettnzi ritte di Henelik al trono ci 'Etiopia. Lo 
©viluppo del dominio eritreo prima delia guerra, italo»© -, ; epica. 
Sviluppo successi ve alla pece di Addii.' A'seba. la Convenzione 
df Londra de. 1 35 et cambre 1905. La Somali et acquisto e carata 
ture delle, sovranità nelle regioni eettent- cottali; nella re» 
gitine costiere meridionale; nei porti. La per.#?trazione nel» 
l'interno; il riscatto de:, porti. Il confine e Oli* Africa o* 
r lenta le britannica e la questione de ila. foce del Si uba. Il 


_ 















400 


confine della Sosia Ila it$-liana -coll'Etiopia * la Convenziono 
del 16 maggio 1£08 

26 , 

La concessone di Tientsir, titolo del dominio, caratte¬ 
re coloniale del godimento II governo municipale a viluppo 
del suo ordinamento* la fripolitania e la Cirenaica; t-itole 
e carattere delia sovranità italiana; carati eri e ’endenae 
coi suo ordinamento, XI governo iai poster .senti italian: s)r 
è ani di governo in Italia prima a dopo ' .ati tua ione <■.*■ V\~ 
Ristarò de 1 le Colonie XI govern® dei si. ; oli poesodi» • S 
taluni; or di n *mnt c politico;. caratteri comuni km i • ■ raw 
Siene locale; caratteri differenziali. Sistema giudi; .-siot 
leggi personali..; sviluppo economico e regime delle terre. 

2 ?, 

'T 

Il governo delle colonie.. Caratteri comuni del la dipen= 
densa óólcBiala» Regime politico, Organi centrali di governo 
«ella madre patria. Organi di governa nelle coloni* Gover¬ 
no centrale delle singole colonie, Autonomie. -Graduazione 
delle autonomie. Loro rapporto col carattere specifico- del 







401 


popolamento. Massimo sviluppo di autonomie in e''.» di* ioni di 
popolamento omogeneo a quello della metropoli. Vari* fora» di 
mani te stazi oste (felle autonomie Mancanza di autonomie in OQ~ 
Ionie di popolamento eterogeneo da quello della, madre patri*. 
Sviluppo del diritto privato; diritto territoriale «alla, co* 
lenir* autonome i sistema de Die leggi personali nelle colonie 
di popolamento eterogeneo. Azione unificatrice esercitata in 
queste ultime dalle leggi e dalla giurisprudenza. 


26 .. 


Le popolazioni delle colonie e la loro condizione giuri* 
dica. Sviluppo normale del diritto pubblico e dei diritte 
privato nelle colonie di popolamento europeo. Sviluppo ecce* 
stonale e differenziale del diritto pubblico e dei diritto 
primato nelle colonie di popolamento non europeo o misto. Nor¬ 
me eccezionali quanto ai diritti politici degli abitanti, e 
quanto alle garanzie della libertà personale e della proprie* 
ià privata; ai limiti della attività economica dagli indivi* 
dui » dei gruppi; agli ordinamenti di polizia; alla ammisi* 
aerazione della giustizia penale, ed alle regole e ai limiti 
della estradizione. 


SCORIA mtm COLONIE E DIRITTO COLONI AIE 


Disp» 51 







402 


29. 

Lo sviluppo economico delie colonie. Identità di e ondi*- 

stomi e di subordinai o»e degli ordinamenti coloni ili ar ' 
interessi della madre patrie, nel grimo stadio di «viluppo 
dalle colonie Diversità, negli stSt&L successivi, fra le ec 
ionie di popolamento europeo e quello di popolamento non • » 
ropeo o misto» Manifestazione di tali disformità nel regime 
tributario e negli ordinamenti del commercio., M ! ; ormità nel 
regime doganale e nella ammissione od delusione di misure 
dirette a favorire lo evi lupi ' industriale celle coloni? i' : 
sformiti nel sistema delle caaunic&sìonl interne ed i-. . r. 

rionali terrestri e marittime 


30. 


Le colonie nei rapporti interna»ienali dello Stato da 
cui dipendono» Criteri; diversi di esclusione delle coloni? 
dagli effetti di Convenzioni stipulate dalla metropoli, per 
volontà e nell*interesse della madre patria nei case delle 
colonie non autonome e di popolamento non europeo, e per - ; 
lontà e ne 11* inter e ese della colonia nel caso di coloni* au» 





403 


t on ,a it di 1 <u&e*U o «ur ape o. 

0-3i elementi etnici e Xa, differenziasione storica <teli* 
colonie; la diffusione delle rasa* e 1» diffusi Urta effimera 
c duratura de;' dossi ni 2 e de Ile oifiità» ftappcr? tra la sto» 
ria delle ed ' ut;, la politica «ondi»le., la forala* 01 » della 
società de^li Stati, « lo sviluppo dei diritto internasien~» 
le.