Skip to main content

Full text of "Lettere di M.T. Cicerone disposte secondo l'ordine de' tempi"

See other formats


'%m.^^i8wr.-,'*%^- : ìg'^'t.'^v .'. 




mBàh^r-c^x„ 










ITALIA-ESPANA 




EX-LIBRI S 
M. A. BUCHANAN 



/" 




LETTERE 



DI 



M. T. CICERONE 



VOL. IX. 



-t ■ - ^ 



M. T V L L 1 1 

CICERONI S 

EPISTOLAE 
QVAE EXSTANT OMNES 

1 TE M 

QVAE VVLGO CICERONIS ET M. BRVTI FERVNTVR 
MVTVAE EPISTOLAE 

TEMPORVM ORDINE DISPOSITAE 
C r RA N T E 

FRANCISCO BENTIVOGLIO 

AMBBOSIAKI COLL£GII DOCTOBK 

. :•:. VoL. IX. 






MEDIOLANl 

APVD A. F. STELLA ET FILI OS 
31. D. ecc. XXX 






LETTERE 

DI 

M. T. CICERONE 

DISPOSTE 

SECONDO L' ORDINE DE' TEMPI 
TRADUZIONE 

D I 

ANTONIO CESARI 

P. o. 
CON NOTE 



VOL. IX. 




M 1 L A N O 

PRESSO A. F. STELLA £ BIGLI 
yi, D. ecc. XXX 




E.\rt»<!cb«l So«iclas ljpogra|)liir;i Cl.fsiroriim Itali.ic Srriptoiiirii. 



i ■■^. 



^? 



'^ 







V' ^ 



LETTERE 



DI 



M. T. CICERONE 



M. TYLLII GICERONIS 

EPISTOL AE 



DCLIII. 



(Ad Div. VII, 3o) 



Argiuìieìituin. i Narrai de Caninio ad aliqiiot horas con- 
side creato, et in locum Fabii Maxinii nioitui sufTeclo. 
2 Scribit se Curium Acilio Graeciae procos. diligentcì- 
commendasse. 

, (i 

Sor. P.omae A. V. C. DCCIX, M. lun. imi. 

C. lui. Caesare V, M._ Antonio Coss. 

'Inde ab Id. Wailiis 

M. Anlonio , Cri. Coin. Dolubclla Co>s, 

CICERO CVllIO ' S. D. 

1 J-^go \ero iam te nec liortor^ nec rogo , 
ut doiiium redeasj quin bine ipse evolare ^ cu- 
pio ^ et aliqiio pervenire , uhi nec Pelopidarum 
noiueiij lice facta aucUam'^. Incredibile est, quam 
turpiter niilii facere videar^ qui bis rebus intersim. 
Nac tu vidcris multo ante providisse 4^ quid im- 
penderet tuni, quum bine profugisti. Quamquam 
liaec ctlam -'' auditu acerlja sunt, tamen audire 
tolerabilius est, quam videre ^. In campo 7 certe 
non fiiistij quum H. ]Jj comitiis (juaestoriis insti- 



LETTERE 

D I 

M. TULLIO CICERONE 



DGLIIl. 



A Div. VII, 3o) 



Argomento, i INarra di Caniiiio creato console per qualche ora 
in luogo di Fabio Massimo defunto; 2 e di Curio racco- 
mandato premurosamente ad Acilio proconsole di Grecia. 



Scritta da Roiua l'anno DCCIX sul cominciar del mese di Gennaio, 
essendo consoli C. Giulio Cosare per la quinta volta o M. Antonio; 
indi dalle idi di Marzo sotto il consolato di JI. Antonio e Gnco 
Cornelio Dolabclla. 



CICERONE A CUilIO S. 

;imai non ti esorto, né prego no, che tu vuo- 
gli tornartene a casa: sappi, io medesimo vorrei volar 
^ia eli qua, e condurmi dove che sia, dove di questi 
Pelopidi ^ né i fatti possa sentire né il nome. Egli 
non è da credere cjuanta vergogna porti io dello starmi 
a vedere le siffatte cose che io veggo. Affò sì, tu mi 
pari aver provveduto assai prima quello che ci stava 
sopra la testa, quando tu se' fuggito di qua: impe- 
rocché, quantunque queste cose sieno acerbe eziandio 
a sentirle, egli è però troppo pii^i tollerabile a sentirle, 
che a vederle. Almeno tu non fosti nel campo ^, ([uando 
alle due (ordinati i comizii questorii) fu posta la se- 



8 EPISTOLA DCLIII. A. V. C 709 

lutis, sella Q. Maximi, quem illi consulem esse 
dicebant^ posita esset 8; quo mortilo nuntiato ^ 
sella sublata est. Ille 9 autem , qui comitiis tri- 
bulis esset auspicatus, centuriata habuit '°' cos. 
H. YII " renuntiavitj qui usque ad Kalendas lan. 
esset j quae erant futurae mane postridie. Ila, Ca- 
ninio consule , scito neminem prandisse ^^. Nihil 
tamen eo consule mali factum est. Fuit enim mi- 
rifica vigilantia, qui suo toto consulatu somnum 
non viderit *^. Haec tibi ridicula videntur: non 
enim ades. Quae si videres, lacrimas non tene- 
res. Quid, si cetera scribam? Sunt enim innume- 
rabilia generis eiusdeni : quae quidem ego non 
ferrem^ nisi me in philosophiae portum contulis- 
sem, et nisi haberem sociuni studiorum meorum^ 
Atticum nostrum : cuius quando '4 proprium te 
esse scribis mancipio et nexu ^^^ meum autem usu 
et fructu, iontenlus isto sum. Id enim est cuius- 
que proprium »^, quo quisque fruitur atque utitur. 
Sed haec alias pluribus. 

2 Acilius *7, qui in Graeciam cum legionibus 
missus est, maximo meo beneficio est affectus **. 
Bis enim est a me iudicio capitis ^9, rebus salvis, 
defensus: et est homo non ingratus, meque ve- 
hementer observat. Ad eum de te diligentissime 
scripsi, eamque epistolam cum hac coniunxi : quam 
ille quomodo acceperit, et quid tibi pollicitus sif, 
velim ad me siribas. 



Ab. di R. jog LETTERA DCLIll. C) 

dia di Q. Massimo ^, il quale e" uominavano console; 
e venuta la novella della sua morte, la sedia fu tolta 
via. Or quel cotale che avea preso gli augurii per i co- 
mizii tributi 4^ li mutò in centuriati, e alle sette ^ no- 
minò console uno che dovea essere fino alle calende 
di gennaio, cioè alla mattina del dì seguente. Cosi tu 
dei sapere che nel consolato di Caninio nessuno pran- 
zò ^: tuttavia sotto tal console nulla fu fatto di malfi- 
da che egli fu di sì mirabile vigilanza, che in tutto 
suo consolato non chiuse occhio. Queste cose ti paion 
da ridere: che non sei qui: veggendole, non potresti 
tener le lagrime. Or che faresti sapendo le rimanenti.' 
da che senza numero sono avvenute delle simili a que- 
ste* le quali io non potrei comportarmi, se non mi 
fossi ricolto nel porto della filosofia , ne avessi com- 
pagno de' miei studi Attico nostro: del quale, poscia 
che tu mi scrivi d'essere in proprietà di possesso e di 
tenuta, e mio d'usufrutto, io sono contento così: im- 
perocché quello è di ciascuno in proprio , il quale egli 
si gode e usufrutta. Ma di ciò più a lungo altra volta. 



2 Acilio 7, quegli che fu mandato in Grecia colle 
legioni ^, m'è obbligato quanto egli può, da che io 
l'ho ben due volte in causa capitale difeso e salvato ^^ 
ed è uomo non ingrato, e che mi onora senza misura. 
Gli ho scritto per lo ben tuo colla maggior instanza, 
e la lettera t'ho chiusa qui nella tua. Letta che l'ab- 
bia, mi scriverai quello che ti abbia promesso. 



IO EPISTOLyV DCLiV. A. V. C. 709 

DCLIV. (^Ad Div. Xfll, 5o) 

/IrgnmcnUiin. M.' Cur'mm Patris negotinntein commendat. 

Scr. A. V. C. DGCIX, ut videtur. 

M. T. CICERO ACILIO ^ PROC. S. 1). 

Sumsi ^ hoc mihij prò tua in me observantia, 
quam penitus perspexij qiiamdiu Bruiidisii fui- 
niuSj ut ad te familiariter et quasi prò meo iure 
scriberem, si quae ^ res esset, de qua valde la- 
bora rem. M.' Curi US 4j qui Patris nego li a tur, ita 
uiihi familiaris est, ut iiiliil possit esse coniuii- 
ctius. Multa illius in me officia, multa in illum 
mea ^; quodque maximum est, summus inter nos 
amor et mutuus. Quae quum ita sint , si ullam 
in amicitia mea spem habes • si ea , quae in me 
officia et studia Erundisii contulisti , vis mihi 
etiam graliora officere, quamquam sunt gratissi- 
ma* si me a tuis omnibus amari vides: hoc mihi 
da atque largire, ut IVI.' Gurium sartum et te- 
ctum, ut aiunt, ab omnique incommodo, detri- 
mento, molestia sinceium integrumque '^ conser- 
yes. Et ipse spondeo, et omnes hoc tibi tui prò 
me recipient, ex mea 7 amicitia, et ex tuo in me 
officio maximum te fructum , summamque volu- 
ptalrm esse capturum. 



An. ai R. 709 LETTERA DCLIV, l l 

DCLIV. (A Div. xni, 5o) 

Argoìnento. Raccnmanda M. Curio che negozia a Patrasso. 
Scritta ncir anno DCCIX , come pare. 

M. T. CICERONE AD ACILIO ^ PROCONSOLO S. 

Sopra l'osservanza tua. da me appien conosciuta nel 
tempo che fui a Brindisi -, io a sicurtà ti scrivo do- 
mesticaraente ogni volta clic m' intravvien cosa che 
forte mi prema. M. Curio, che è mercante in Patras- 
so, mi è sì stretto amico, che non puote esser più: 
di gran servigi ha fatto egli a me , e di grandi io me- 
desimo a lui: e quello che è sopra tutto, noi ci vo- 
gliamo insieme il maggior bene del mondo. Stando le 
cose così, se nulla tu ti prometti della mia amicizia: 
se i servigi e le amorevolezze che tu in Brindisi mi 
facesli, mi vuoi rendere tuttavia più grati (e sì che 
mi sono gratissimi)^ se tu vedi me ben voluto da tutti 
i tuoi: concedimi e siimi largo di questo, che tu mi 
conservi esso M. Curio salvo e prosperoso -^, e libero 
e sciolto d'ogni noia, danno e molestia. Ecco, io me- 
desimo mi ti obbligo, e tutti i tuoi me ne staranno 
a te pagatori, che della mia amicizia e di questo ser- 
vigio che mi farai , tu ne avrai a ritrarre grandissimo 
frutto e somma consolazione. 



12 KPISTOLA DCLV. A. V. C. 709 

iJ^iLiy . (Ad Div. V, 10, prima) 

Argionentum. i Agit de servo fugitivo Dion vsio : 1 de 
C. Atilio pirata captivo: 3 de rebus a se gestis, et de-» 
cernendis sibi supplicationibus. 

Scr. Mitylenis A. V. C. DCGVIII ex. , vel DCCIX in. 

P. VATINIVS IMP. ' CICERONI SVO S. 

1 S. V. B. E. E. Q. V. De Dionysio tuo '"■ adhuc 
nihil extricoj et eo minus, quod me frigus Dal- 
maticunij quod illinc eiecit^ etiani liic refrigera- 
vit. Sed tamen non desistam^ quin illum aliquando 
eruam. 

2 Sed tu 3 omnia mihi dura imperas. De G. Ati- 
lio 4 nescio quid ad me scripsisti deprecationis di- 
ligentissimae. Apage te ^ cum nostro Sexto Ser- 
\ilio: nam meliercule ego illum quoque amo. Sed 
huiusmodi vos clientes, huiusmodi causas recipi- 
tis? hominem unum omnium crudelissimum, qui 
tot ingenuos ^^ matresfamiìias, cives Romanos oc- 
ciditj arripuitj disperdi dit, regiones vastavit? Si- 
miuSj non semissis 7 homo, contra me arma tulit^ 
et eum bello cepi ^. Sed tamen , mi Cicero , quid 
facere possum? Omnia mehercule 9 cupio, quae 
tu mi imperas. Meam animadversionem et sup- 
plicium, quo usurus eram in eum , quem cepis- 
sem y remitto libi et condono. Quid illis respon- 



An. .U R. 7*9 LETTERA DCLV. 1 3 



DCLV. 



1^ A DiT. V, IO {«arte 1) 



Avgonienlo. i Parla dello schiavo fuggiasco Dionisio: 2 di C. At- 
tilio corsale fatto prigioniere: 3 delle sue gesta e della euji- 
plicazioue che domanda. 

Scritta da Mitilene sul finir dell'anno DCCVIIL, 
o sul cominciar del DCCIX. 

\\ VATINIO IMPER. A CICERONE SUO S. 

1 Se sei sano, uè godo; io sono altresì. Del tuo Dio- 
nisio fino ad ora nulla affatto: e ciò tanto meno, per- 
cliè il freddo della Dalmazia che mi cavò di là, anche 
qui mi tiene al fuoco: tuttavia non resterò, si io noi 
cavi dondechessia. 

2 II vero è che tu mi dai sempre commissioni assai 
dure. Tu mi scrivesti non so che di C. Attilio di assai 
calda raccomandazione ^ Va via, tu. e teco il nostro 
Sesto Servilio: che in mia coscienza anche lui amo. Ma 
di cosi fatta clienti prendete voi a difendere? il più cru- 
del uomo che viva, che tanti nobili personaggi, madri 
di famiglia, cittadini romani catturò, disperse, ammaz- 
zò , e mise al guasto paesi ? Questo scimiotto , que- 
st'uomo da nulla ^^ nii mosse la guerra, nella quale 
l'ho preso. Tuttavia che ho io a fare, o mio Cicero- 
ne l lo vorrei ben poter fare ogni cosa che mi coman- 
di: la punizione e '1 supplizio che a me s'appartiene 
di dargli, avendohi preso, lo rinunzio donandolo a te. 



l /[ EPISTOLA DGLV. A. V. C. 709 

deve possuin. qui sua bona clirepta, iiaves expu- 
giiatas, fratreSj liberos, parentes occisos actione 
expostulant? ^° Si mehercules Appii os " habe- 
rein, in cuius locam suffectus suni ^^^ tamen hoc 
susLinere non possera. Quid ergo est? faciam 
omnia sedulo j quae te sciam velie. Defenditur a 
Q. Volusio, tuo discipulo: si forte ea res poterit 
adversarios fugare. In eo maxima spes est. 

3 NoSy si quid erit istic opus, defendes. Cae- 
sar adhuc mihi iniuriam facit* de meis supplica- 
tionibus , et rebus gestis Dalmaticis adhuc non 
refertj quasi vero non iustissimi triumphi ^^ in 
Dalmatia res gesserim. Nani si hoc exspectandum 
est ^^y dum totura bellum conficiam : viginti op- 
pida sunt Dahnatiae antiqua , quae ipsa ^^ sibi ad- 
sciverunt amplius sexaginta: haec nisi omnia ex- 
pugno , si mihi supphcationes non decernuntur^ 
longc alia conditionc ego sum, uc ceteri impe- 
ratores. 



DCLVL f Ad Dm. xii, iv) 

Arguiucidum. Giatulatur Coruificio provincinni Synaiu a 
Cacsare liibutam. 



.\u. Ji !l. 7"i) LtiTl'iìilA DCLV. 1Ì) 

Ma che risponderò io a coloro I quali mi pongono ri- 
chiamo ili giudizio de' loro beai diruhati, delle liavi 
espugnate, de' fratelli j de' figliuoli, de' genitori uccisi 
da lai.^ in verità se io m'avessi la faccia di pallottola 
che ha Appio ^ mio antecessore, tuttavia non potrei 
comportarlo. Clie farò dunque .' mi darò attorno per 
compiacerti d'ogni cosa che tu vorrai. Esso è difeso 
da Volusio tuo anievo4: se ciò por caso potessene scom- 
pigliare gli accusatori, il perno delia speranza sta qui. 
3 Quanto a me, se costi mi bisogni, tu sarai mio 
avvocato. Cesare segue tuttavia a farmi torto ^ tino ad 
ora egli non portò anche la cosa del ringraziamento 
per me, e dell'operato in Dalmazia, come se io non 
avessi più fatto cose da essermi giustamente dovuto il 
trionfo ^. Coaciossiachè se io ho aspettare fino a finita 
tutta la guerra:^ in Dalmazia ci sou delle vecchie venti 
città , di quelle che essi trassero a se più di sessanta. 
Or se il ringraziamento non m' è decretato, se non 
dopo espugnatele tutte, a troppo peggior partilo sono 
io di tutti altri iinperadori. 



DCLVl. rx D,v. Xll, li)) 

Argumcnlo. Si congialiila con Coniillcio clic siagli da Cesare 
siala assegnala la ]>rovincia delia Sina. 



l6 EPJ5T0LA DCLVr. A. V. C. jojj 

Sor. Romae A. V. C. DCCIX, M. F«b. 

CICERO CORNIFICIO S. D. 

Libentissinie legi tuas literasj in qiiibus iucun- 
dissimum niihi fuit, quod cognovi meas Ubi red- 
ditas esse. Non enim dubitabam, quin eas lubenter 
lecturus esses: verebar^ ut redderentur. Bellum *, 
quod est in Syria , Syriatnque provinciam tibi tri- 
butani esse a Caesare ^, ex tuis literis cognovi. 
Eam rem ^ tibi volo bene et feliciter evenire. 
Quod ita fore confido, fretus et industria et pru- 
dentia tua. Sed de Parthici belli suspicione quod 
scribisj sane me cornino vit. Quantum 4 copiarum 
haberes, quum ipse coniectura consequi poteram, 
tum ex tuis literis cognovi. Itaque opto, ne se 
illa gens moveat hoc tempore, dum ad te legio- 
ncs eae perducantur, quas audio duci. Quod si 
pares copias ad confligendum non liabebis, non 
te fiigiet uti Consilio M. Bibuli, qui se oppido niu- 
nitissimo et copiosissimo tamdiu tenuit ^, quam- 
diu in provincia Parthi fuerunt. Sed haec me- 
lius ex re et ex tempore constitues. Mihi quidem 
usque curae erit, quid agas, dum ^, quid egeris, 
sciero. Literas ad te numquam habui cui darem, 
quin dederim. A te, ut idem facias, peto; in pri- 
misque, ut ita ad tuos scribas, ut me tuum sciant 
esse 7. 



Ah. di R. 709 LETTERA DCLVI, IJ 

Scritta da Roma ranno DCCIX, nel n»e»e di Febbraio. 

CICERONE A CORNIFICIO S. 

Influito piacere ebbi di leggere le tue lettere, nelle 
quali soprattutto mi piacque di seutire come ti furono 
cousegnate le mie: perchè io già non temeva che tu non 
le avessi a leggere volentieri^ sì dubitava non forse non 
ti fossero consegnate. Veggo che la guerra che si fa 
nella Siria ^, e '1 governo della stessa provincia ti fu as- 
segnato da Cesare ^ e ti desidero dell' una e dell' altra un 
felice successo e glorioso^ di che mi dà sicurtà la tua 
industria e l'accorgimento. Tuttavia quello che mi scrivi 
circa il sospetto della guerra Partica , mi commosse : 
avendo io sì dalla propria mia congettura e dalle tue 
lettere conosciuto il quanto delle tue truppe. Il per- 
chè io prego gli Dei che quel popolo non si muova 
per al presente, fino a tanto che ti sieno condotte le 
legioni che io odo essere in via. Ma se tu al combat- 
tere non fossi di pari forze, non ti scoi'derai di get- 
tarti al partito di ÌM. Bibulo 2, il quale, tutto ì\ tempo 
che i Parti furono nella provincia, non cavò piede dalla 
sua città, fortissima di munizioni e di viveri. Ma tu pi- 
gherai il più util partito, secondo i casi ed i tempi. 
Io certo sarò sempre in pensiero del fatto tuo ^ tinche 
non sappia deU' avvenuto. Del mandarti mie lettere io 
non ebbi mai il destro, che mei lasciassi fuggire: e ti 
prego che tu ne faccia altrettanto: e soprattutto, che 
a' tuoi tu scriva per forma , che e' s' accorgano te es- 
sere cosa mia. 

dei: li. A. — Lea. f. JA. n. 



l8 EPISTOLA DCLVII. A. V. C. 709 



DCLVII. 



(A.l Div. VII, 3i) 



Argiimentuin. Invitai ad niutua officia, et, ut in iirbet 
revertatiir veteris urbanitatis tuendae causa, rogat. 



Scr. Romae A. V. G. DCCIX , M. Feb. 

CICERO CVRIO S. D. 

Facile perspexi ex tuis literisj (jiiod semper stu- 
duij et ine a te plurimi fieri, et te intelligerej 
quam mihi carus esses. Quod quando ^ uterque 
nostrum consecutus est: reliquum est, ut ofHciis 
certemus inter nosj quibus aequo animo vel vin- 
cam tCj vel vincar abs te. Acilio * non fuisse ne- 
cesse meas dari literas, facile patior. Sulpicii tibi 
opera ^, intelligo ex tuis literis, non multum opus 
Ulisse, propter tuas res ita contractas 4, ut, quem- 
admodura scribis, nec caput, nec pedes -''. Equi- 
dem vellemj uti pedes haberent ^^ ut aliquando 
redires, Vides cnim exaruisse iam veterem urba- 
nitatem 7- ut Pomponius noster suo iure possit 
dicere: nisl nos panel retineamus gloriam anti- 
quam Atticam ^. Ergo is tibi , nos ci succedi- 
inus 9. Veni igitur, quaeso, ne tantum ^° scmen 
urbanitatis una cum re pu])lica intereat. 



Ali. di U. 709 LETTERA DCLVH. Ig 



DGLVII. 



(A Div. VII, 3i) 



Argomento. Lo invila a corrispondenza di cortesia, e pregalo 
die ritorni in città per mantenervi l'antica lepidezza. 

Scritta (la Roma ratino DCCIX, nel mese di Febbraio, 

CICEROiNE A CURIO S. 

Leggermente ho conosciuto dalle tue lettere (ed è 
sempre stato il mio maggior desiderio ) e che tu fai 
di me sommo conto, e che tu intendi quanto tu mi 
sii caro. Essendo dunque l'uno e l'altro di noi in pos- 
sessione di ciò, resta ora che noi facciamo tra noi a 
chi sarà più cortese^ nel che volentieri o io vincerò 
te, o da te sarò vinto. Che non fosse bisogno di con- 
segnar la mia lettera ad Acilio, io di leggeri mi pas- 
so *. Intendo dalle tue lettere, come non ti fece biso- 
gno gran fatto l'opera di Sulpicio, a cagion delle tue 
faccende imbrogliate per forma, che (come tu di') né 
capo né pie. Affé io vorrei che elle avessero piedi ^^ 
sicché tu una volta o l'altra venissi qua^ imperocché 
tu vedi esser già diseccata l' antica lepidezza ^ : cotal- 
chè il nostro l'onipouio ha una propria ragion di dire: 
Sah'o se noi pochi non mantegnamo queW antica At- 
tica gloria. Adunque egli vien dietro a te, ed io a lui. 
Il perchè vieni, di grazia, e questa semenza di lepi- 
dezza non lasciar morire insieme colla Repubblica. 



20 EPISTOLA DCL^ in. A. V. C. 706-709 

DCLVIII. (Ad Div. IX, 21) 

Argumenium. i Fulmina Verborum Paelus Ciceroni tiibue- 
rat, quae imitari non posset; quod hic ridens confutat: 
2 etiam qupd Papirios viUos negaverat nisi plebeios 
fuisse. 

Scr. , ut et seqq. anno incerto , sed tanien intra DCCVI et DCCIX, 

CICERO PAETO S, 

I Ain' tandem? ' insanire tibi videiis^ quod imi-' 
tere verborum meortim, ut scribis^ fulmina? Tuin 
insanireSj si consequi non posses. Qiuim vero etiain 
viiicas, me prius irrideas, quam te^ oportet. Quaie 
niliil tibi opus est illud a Trabea ^, sed potius aTrc- 
TsvyiJ.a meum ^. Verumtamen quid tibi ego in epi- 
stolis videor? nonne plebeio sermone agere te- 
cum? nec enim semper eodem modo 4. (^uid enim 
simile habet epistola aut iudicio, aut concioni?^ 
Quin ^ ipsa iudicia non solemus omnia trac-tare 
uno modo. Privatas caiisas^ et eas tenues, agi- 
mus subtilius; capitis, aut famae, scilicet orna- 
tius: epistolas vero quotidianis verbis texere so- 
lemus. 

2 Sed tamen, mi Paete^ qui 7 tibi venit in men- 
tem negare, Papirium quemqiiam umquam, nisi 
plebeium fuisse? Fuerunt enim patricii minorum 
gentium ^j quorum princeps L. Papirius Mugilla- 



An. di R. 7"6-709 LETTERA DCLVIII. 21 

DCLVIII. (AD.v.ix,.) 

Argomenio. i Aveva Peto attribuito a Cicerone che adoperasse 
fulmini invece di parole, nel che non era possibile d'imitarlo; 
Cicerone ridendo lo confuta; i ed ancora, che avesse affer- 
malo non aver mal esistito famiglia Papiria, se non plebea. 

Di dala incerta, siccome le scgg., ma però tra T anno DCCVI e DCCIX. 

CICERONE A PETO S. 

ì DP tu vero, neli? a te sembra essere uscito del 
senno, ad imitar come fai, i fulmini, come li chiami, 
delle mie parole? Io dico che tu ne saresti fuori, se 
e' non ti venisse fatto ora: posciachè tu eziandìo mi 
entri innanzi, tu dei anzi voler la baia di me, che di 
te. Per la qua! cosa non fa per te il luogo di Tra- 
bea * : io sono piutlosto io che riinnngoini addietro. 
Tuttavia di', qual ti paio io nelle lettere? non forse 
affratellarmi teco alla buona? da che non vuoisi parlar 
sempre ad un modo. Che ha la lettera di somigliante 
ad una causa, o ad una dicena? Anzi eziandio le cause 
Ulede^ime non sogliam noi trattare nella stessa forma: 
le private, massime se di poco rilievo, noi trattiara 
anzi alla leggera clie no:, le altre, dove ci va la vita 
o la fama, con più di lavoro, s'intende: ma le lettere 
siam soliti abborracciarle con parole alla mano. 

2 ]\Ia dimmi, come diavolo ti venne in mente, o 
mio Peto , di dire , non esserci stato mai alcun di casa 
Papiria, altro che di plebe? Imperocché ben ci furono 
de' patrizi delle minori famiglie ^^ de' quali L. Papirio 



22 EPISTOLA DCLVHI. A. V. C. 706-709 

nus^ qui censor ciim L. Sempronio Atratino fuit^ 
quum antea consul 9 cum eodem fuisset^ annis 
post Romani conditam CCCXII. Sed tuni Papisli 
dicebamini. Post hunc XIII {lierunt sella curuli ^"^ 
ante L. Papirium Crassum, qui primum Papisius 
est vocari desitus. Is dictator cum L. Papirio Cur- 
sore , inagistro equitum , factus est ^ annis post 
Romam conditam CCCCXV, et quadriennio post 
consul cum 1\. Duillio ^^ liunc secutus est Cur- 
sor, homo valde honoralus '^5 deinde L. Masso, 
aedilitius ^3- inde multi Massones '4: quorum qui- 
dem tu omnium patriciorum imagines habeas , 
volo. Deinde Carbones et Turdi insequuntur ^^. 
Hi plebeii fuerunt: quos contemnas, censeo. Nani 
praeter hunc C. Carbonem, quem Damasippus 
occidit^ civis e re publica '^ Carbonum nenio 
fuit. Cognovimus Cn. *7 Carbonem , et eius fra- 
trem scurram. Quid his improbius? De hoc amico 
meo, Rubriae filio, nihil dico. Tres illi fratres 
fuere, P., M., C. Carbones. Publius, Fiacco accu- 
sante , condemnalus ; fugit Marcus ex Sicilia ^^ 5 
Caius, accusante L. Crasso^ cantharidas sumsisse 
dicitur. Is et tribunus plebis '9 seditiosus^ et P. 
Africano vini attutisse existimatus est. Hoc vero ^°^ 
qui Lilybaei a Pompeio nostro interfectus est^ 
improbior nemo , meo iudicio , fuit. lam pater 
eius ^', accusatus a M. Antonio, sulorio atramento 
absolutus putaUu'^^. Quare ad patres ^^ censeo re- 
vertare. Plebei! quaui fueriut importuni -4^ vides. 



An, di R. 706-709 LETTERA DCLVIII. 23 

Mugillano fu il primo, stato console con L. Sempro- 
nio Atratino: e prima era stato con lui Censore l'anno 
di Roma CCCXII: ma allora si cliiamavan Paplsii. Dopo 
costui, ne furono tredici altri di sedia curule ^ prima 
di L. Papirio Crasso, nel quale da prima finì il nome 
•di Papisio. Egli fu fatto dittatore con L. Papirio Cur- 
sore maestro de' cavalieri, l'anno di Roma CCCCXV, e 
tre anni appresso console con C. Duilllo 4. Appresso a 
questo fu Cursore ^ di gran voce: quindi L. ^Massone 
edilizio ^5 e dopo lui altri Massoni: di tutti i quali 
patrizi io vorrei in fatti che tu avessi le imagini 7. 
Vengono poi i Carboni ed i Turdi. Cotesti furon ple- 
blei, de' quali io crederei ben fatto che tu ti vergo- 
gnassi: imperocché, oltre a questo Gn. Carbone che 
fu ammazzato da Daraasippo ^, non fu niun de' Car- 
boni cittadino utile alla Repubblica. Conobbi un Gn. 
Carbone, e '1 mariuol suo fratello, de' quali non fu mai 
maggior peste. Nulla dico di questo mio amico , fìgliuol 
di Rubria. Anche furono que' tre fratelli, Publio, Mar- 
co, Caio Cai'boni. Publio fu condannato, sopra le ac- 
cuse di Fiacco:^ IMarco fuggì dalla Sicilia: Caio, ac- 
cusato da L. Crasso , dicono che pi-ese le cantaridi 9. 
Questi e fu turbulento tribuno della plebe, e fu cre- 
duto aver ucciso P. Africano ^'^. Di cotesto poi, che in 
Lilibeo " fu morto da Pompeo nostro, io non credo 
essere stato al mondo uomo piìi tristo: e prima il pa- 
dre di lui, accusato da M. Antonio, si crede essere stato 
assoluto col vltriolo ^^. Il perchè io ti consiglio di rag- 
giugnerli a' patrizi: i plebei tu vedi schiuma che furono. 



24 EPISTOLA DGLIX. A. V. C. 706-709 

DCLIX. ( Ad Div. IX, ?.«) 

jirgumrntum. Qiium Paetus in epistola sua verbiim obscoe- 
num usLirpasset, Cicero Stoicorum sententiam explicat, 
quibus placiiit nihil esse obscoeniim, nihil turpe dictu , 
ideoque suo quamque rem nomine appellandam. Se ta- 
nien verocundiam potius loquendi, quam istam Stoico- 
rum iicentiam, amare ostendit. 

Anno ilcm incerto , sed intra DCCVI et DCCIX, 

CICERO PAETO 

Amo yerecuntliam j tu potius ^ libertatem lo- 
quendi. Atque 2 hoc Zenoni placuit, homini rae- 
hercule acuto: etsi Academiae nostrae cum eo ma- 
gna rixa est. Sed^ ut dicOj placet Stoicis, suo 
quamque rem nomine appellare. Sic enim disse- 
runt: nihil esse obscoenum^ nihil turpe dictu ^. 
Nam^ si quod sit in obscoenitate fiagitium^ id 
aut in re esse, aut in verbo: nihil esse tertium- 
In re non est. Itaque non modo in comoediis res 
ipsa narratur, ut iile in Demiurgo 4 modo (forte 
nosti canticum- meministi Roscium): ita me de- 
stituit nudum ^' : totus est sermo verbis tectus, 
re impudentior : sed etiam in tragoediis. Quid est 
enim illud: Qiiae inulier una? ^ quid, inquam , 
est: V^surpat ea duplex cubile? "j quid: Huius 
Pheraei ^ liic cubile inire est ausus? quid est: 



Ali. Ji R. 706-709 LETTERA DCI.IX. 2:> 

DCLIX. ^A Div. IX, 23) 

argomento. Essendosi Peto nella sua lettera servito di una pa- 
rola oscena, Cicerone spiega la dottrina degli Stoici, secondo 
i quali niente ci ha di osceno o di turpe nelle parole, e che 
quindi ogni cosa doveasi chiamare col suo proprio nome. 
Tuttavia sostiene di preferire a cotesta licenza stoica il pu- 
dore nelle parole. 

Di data pur incerta, ma tra l'anno DCCVI e DCCIX. 

CICEROJXE A PETO 

Io amo la verecondia, tu anzi la libertà di parlare ^ 
Ora questa piacque a Zenone 2, veramente di grande 
ingegno : quantunque la nostra Accademia si abbaruffa 
con lui fortemente. Ma, come ho detto, gli Stoici amano 
di nominare ciascuna cosa pel nome suo ^: ed ecco le 
loro ragioni: Non esserci cosa oscena, non parola tur- 
pe. Imperocché se nella oscenità è qualche peccato, o 
egli dimora nella cosa, o nella parola: non si può 
uscire di questi due. Ora e' non dimora nella cosa 4. 
Conciossiachè le cose non pure si contano nelle com- 
medie, come colui testé nel Demiurgo^ (forse tu sai 
la canzone^, e ti ricorda di Roscio): ita me clestitiiit 
jiudum 1 : tutto il parlare è coperto nelle parole:^ nel 
fatto, svergognato un po' troppo: ma e nelle tragedie. 
Imperocché che di' tu di quello: Quae mulier una? che 
di' tu? dico io: Psurpat ea duplex cubile? e di que- 
st'altro: Huius Pheraei hic cubile inire est ausus? e 
c|uesto; P^irginem ine quondam invitam per vim sia- 



26 EPISTOLA DCLIX. A. V. C. 706-709 

J^irginem ine quondam iiwitam per ^nm snolat 
Jupiter? Bene 9^ violai. Atqui idem significata sed 
alterimi nemo tulissel ^°. Vides igitur^ quum ea- 
dem res sit, quia verba non sint^ niliil videri tur- 
pe ". Ergo in re non est* inulto minus in verl^is. 
Si enim quod verbo significatur, id turpe non estj 
verbum^ quod signifìcat, turpe esse non potest. 
Animi appellas alieno nomine ^^ : cur non suo 
potius? Si turpe est^ ne alieno qiiidem : si non 
estj suo potius. Caudam antiqui yj(^/ze/;i vocabant: 
ex quo est propter similitudinem penicillits '^. At 
liodie penis est in obscoenis. At vero Fiso ille 
Frugi in Annalibus suis queritur^ adolescentes 
peni deditos esse ^4. Quod tu in epistola appellas 
suo nomine ^^^ ille tectius penem. Sed iam mul- 
tis ^^ factum est tam obscoenum ^ quani id ver- 
bum j quo tu usus es. Quid, quod vulgo dicitur: 
Qiiuni ìios te ^1 voluinius convenire, nuni obscoe- 
num est? Memini, in senatu disertum consularem 
ita eloqui: liane pidpani ^^ maioreni , an Ulani 
dicam? potuit obscoenius? — • Non, inquis : non 
enim ita sensit, — Non ergo in verbo est. Docui 
autem in re non esse. Nusquam igitur est. Lihe- 
ris dare operani , quam boneste dicitur. Etiam 
patres rogant filios: eius '9 operae nomen non 
audent dicere. Socratem fidibus docuit nobibssi- 
mus fidicen. Is Connus vocitalus est : num id 
obscoenum putas? ^° Quum loquimur icrni, nibil 



An. di R. 706-70^ LETTERA DCLIX. nn 

lat. Jupiier? bea detto i'iolat. Pure vuol dire il mede- 
simo f, e nouJimeno l'altre parole nessuno le avrebbe 
tollerate. Tu vedi adunque die la cosa medesima, per 
essere detta con parole non turpi, non mostra turpe. 
Riman dunque provato che il male non dimora nella 
cosa, e molto meno nelle parole: imperoccliè se non 
è turpe la cosa significata per la parola, non può la 
parola che la significa essere turpe. Tu nomini il dere- 
tano con vocabolo non suo: perchè non anzi col suo? 
Se la cosa è turpe, non era da nominare eziandio con 
nome non suo^ se non è, era meglio col suo. La coda 
gli antichi nominavano penem^ donde, per la somi- 
glianza, venne penicillus: ma oggi la voce pe/iiV è tra 
le oscene. Oltre a ciò , quel Pisoue Frugi ^ si duole ne' 
suoi Annali che i giovani sleno dediti al pene: che è 
quello che tu nella tua lettera nomini del nome pro- 
prio, ed egli copertamente con quello di pene. Ora, 
poiché questo fu adoperato da molti , è diventato al- 
tresì osceno , che siasi la parola adoperata da te. Dim- 
mi: questo: Cam nos te voluinnis convenire, che va 
per le bocche, il fai tu osceno? E' jni si ricorda che 
da un eloquente uom consolare, parlando in senato, 
vennero dette queste parole: Hanc pulpam niaiorem. 
an illam dicarn? potea egli con più disonestà? — ■ Non 
punto così, tu rispondi: da che egli non intcndea a 
questo modo. — Ahi dunque non istà il male nelle pa- 
role. Or io ho mostrato non dimorar nelle cose: dun- 
que in niun luogo del mondo. Liberis dare operam , 
come è egli onesto ! i padri medesimi ci confortano i 
loro figli ^ e tuttavia il vocabolo della detta opera non 
si ardiscono di nominare. Socrate ebbe maestro di chi- 
tarra un chiarissimo sonatore che avea nome Con- 
nus: crediltu osceno.' A diie t-crni , nessuna disonc- 



\ 



28 EPISTOLA DCLIX. A. V. C. 706-709 

fiagltii dicimus* at qmim hinL obscoenum est ^^ 
Graecis quidem^ inquies. Nihil est ergo in verbo, 
quando =^ et ego graece scio 3 et tamen tibi dico 
bini; idque tu facis, quasi ego graece ^ non la- 
line dixerini. Ruta, et menta, recte utrumque. 
Volo nientam pusillam ita appellare, ut rutulam: 
non licet ^^. Bella tectoriola : die ergo etiam pa- 
vimenta isto modo 5 non jjotes H, Viden' ^^ igitur 
nihil esse, nisi ineptias* turpitudinem nec in verbo 
esse, nec in rej itaque nusquam esse? Igitur ^^ in 
verbis honestis obscoena ponimus. Quid enini? 
non lionestum verbuin est di^fiòio? At inest ob- 
scoenum 27j cui respondet intercapedo. Nuni haec 
ergo obscoena sunt? Nos auteni ridiciile. Si dici- 
mus: ille patreui strangulavit -^, honorem non prae- 
famur. Sin de Aureha aliquid, aul Lollia ^9, honos 
praefandus est. Et quideui iam etiam ^° non ob- 
scoena verba prò obscoenis sunt. Batitit, inquit, 
impudente!': depsit, multo impudentius ^K Atqui 
neutrum est obscoenum. [Stultorum piena sunt 
omnia 33] Tcstes , verbuni lionestissimum in iu- 
dicio: alio loco, non nimis ^^. At honesti colei 
Laiimnni^^; CUtcrnini non honesti ^^. Quid? ipsa 
res modo honesta, modo turpis? Suppedit , flagi- 
tium est 2^. latii erit nudus in balneo, non repre- 
hendes. Habes scliolam Stoicam: 6 ao^pòg tvB^vpp-/;- 
(xcv/ì'jct ^7. Quam multa ex uno verbo tuo!^^ Te 
adyersus me omnia audere, gratum est. Ego servo 



An. di R. 706-70C, LETTERA DCLIX. 2C) 

sta- ma bini è turpe .9. A' Greci però, dirai tu. Diiu- 
que nulla ha la parola di sconcio , sapendo anche io 
di greco*, e nondimeno a te scrivo bini^ e il medesimo 
fai tu, come se io avessi non in latino parlato, ma 
in greco. Ruta e menta ambedue son voci oneste. Se 
volendo io nominare una piccioletta menta, le do la 
medesima uscita che nitida, cessi Dio!- Bella tecto- 
riola: aTinmo' tu a questo modo medesimo pavimen- 
ta^'^: non si può. Vedi tu adunque , tutto ciò non al- 
tro essere che bagattelle? e turpitudine non essere né 
in parole nò in cose , e però in niun luogo del mon- 
do? E pertanto noi esprimiamo con parole oneste di 
cose turpi. E che? non è egli parola onesta divisioì '' 
pure ha senso osceno; e così la sua i-ispondente inter- 
capedo. Ma. sono elle oscene per questo? Or noi scioc- 
camente, se vogliain dire: Colui strangolò suo padre , 
non ci pognamo innanzi: Sia detto con riverenza^ se 
parliam di Aurella o di Lollia i^, si vuol mandar in- 
nanzi: Con buon rispetto. j\Ia ed io dico che noi pi- 
gliamo eziandio per oscene le non oscene parole. Se 
altri dice batuit, è sconcio |, depsit, troppo più: e tut- 
tavia osceno non è nò l'uno né l'altro. Il mondo è 
pieno di sciocchi. Testes è ne' giudizi parola onestissi- 
ma: in altro luogo non troppo. Ma i colei Lanugini ^^ 
son parole oneste^ i Cliternini , disoneste. Come que- 
sto? sarebbe dunque la cosa medesima quando onesta 
e quando turpe? Suppedit è un'infamia. Di'mo: E' 
sarà nudo nel bagno, non ci avrai nulla che apporre. 
Tu hai udito i precetti degli Stoici: Sii saggio, e par- 
lerai dirittamente. Togli! che lunga diceria mi ca\ò 
sola una tua parolai 4 ma e' m' è caro che tu faccia 
meco a sicurtà in ogni cosa, lo mantengo, e mankrrò 



3o EPISTOLA DCLIX. A. V. C. 706-709 

et servabo (sic eniin assuevi) Platonis vereouii- 
dian), itaque tectis veibis ea ad te scripsi, quae 
apertissiiuis ^y agunt Stoici. Sed illi etiarii crepi- 
tu.s aiiiiit acque libcios, ac ructus esse oportere. 
Honorem 4° igitur Kaleiidis Mart. Tu niediliges, 
et valebis. . 



DGLX. 



(Ad Dm. XVI, a2) 



Argumentuin. Valitudiiiis curaiidae admouet aegrotautem : 
libraiios lumen legeie iubet: addit de variis. 

Sci., ut \\dv\w, in villa A. V. C. DCCVJl. ' " 

TVLLIVS TIRONI S. 

Spero ex tuis literis, libi melius esse: cupio 
certe. Cui quidem rei omni ratione cura ut iii- 
servias: et cave suspiceris, coutra lueum volun- 
latem te facere, quod non sis mecum. Mecuni es , 
si te curas ^ Quare malo te valitudini tuae ser- 
vire, quam meis oculis et auribus. Etsi enim et 
audio te et video libenterj tameu hoc multo erit, 
si valebis, iucundius. Ego hic cesso, quia ipse 
nihil scribo: lego autem libentissime. Tu i.stic, 
si quid librarii mea manu non intelligejit, mon- 
strabis. Vna omnino interpositio ^ diffìcilior est, 
quam ne ipse quidem facile legere solco, de qua- 
drimo Catone ^. De triclinio cura, ut facis. Ter- 
tia 4 aderii j modo ne Publius rogatus sit. Deme- 



Ali. di K. 7o6-7"9 LETTEKA DCLIX. 3l 

(avendoci preso usanza) la verecondia di Platone: onde 
io t' ho scritto con parole coperte quello che dicono gli 
Stoici con apertissime. Ma essi vogliono che altri dehba 
così liberamente far vento di sotto, come ruttare. Noi 
dau(iue t'iueino onore al primo di marzo ^^. Tu mi 
aiiierai, e farai d'esser sano. 



DGLX. 



A Dìt. XVI , 23) 



argomento. Suggerisce a Tirone ammalalo d'aver cura delia 
salute, e gli comanda di assistere i menanti : aggiiigiie qual- 
che altra cosuccia. 

Scritta in villa, Tanno DCCVII, come parr. 

TULLIO A TIRONE S. 

Le tue lettere mi fanno sperare del tuo migliora- 
mento: certo io ne ho il maggior desiderio^ il che 
(vedi) tu dei eoa ogni studio procurar che abbia ef- 
fetto. E guarda che tu non avessi paura di far con- 
tro al piacer mio, standomi così lontano: tu mi sarai 
vicino, se ti avrai cura. Il perchè io amo meglio che 
tu serva meglio alla tua sanità, che a' miei occhi ed 
orecchi. Imperocché , quantunque gran piacer prenda 
io del vederti e ascoltarti^ tuttavia io n'avrò troppo 
più dal vederti riavuto. Io mi sto qui indarno , non 
iscrivendo una riga ^ ma leggo con infinito piacere. 
Se costì i copisti ^ troveranno nel mio manoscritto 
qualcosa che non intendano, tu ne sarai loro inter- 
prete. C'è pure un brano da me tramezzato, che è 
alquanto difficile , dove tocco di Catone di (lualtru 
anni -, che peno io medesimo a cavarne il costrutto- 
Segui ad allestir II tinello, sì come fai. Vi óaia Icr- 



32 EFISTOLA DCLX. A. V. C. 707 

Irius iste numquaiii omnino Phalereus tuit ^: seci 
«une piane Bilienus est ^. Itaque te do vieariuni 7, 
Tu eum observabis. Etsi: verumtamen de illis: no- 
titi cetera ^. Sed tanien, si quem cum eo sermo- 
«em babueris, seribes ad me^ ut mibi nasca tur 
epistolae argumentum, et ut tuas quani longissi- 
mas Hteras legam. Cura, mi Tiro, ut yaleas. Hoc 
mibi gratius tacere nibil potes. Vale. 



DGLXI. (Ad Div. XVI, 17) 

/ìrgumentuni. Reprehendlt vocabuluai jiV/e/?Ver a Tirone in 
epistola alieno loco positum, eique valitudinis curam 
comnieiidat- 

Scr. , ut videliir, A. V. C. DCGVIl. 

M. T. CICERO TIRONI S. P. D. 

Video j quid agas: tuas quoque epistolas vis re- 
ferri in volumina '. Sed beus tu, qui /.av^jv esse 
meoruni scriptoruni soles ^, unde illud tam òì^ad- 
/:c:/, valiliidiìii fuleUtcr inseìvìenJo? ^ unde in 
istum ìocnm Jldeliter venit? cui verbo domicibum 
est propriuni in officio, migrationes in alienuni 
multae. Nani et doctrina, et domus, et ars, et 
ager etiam, fidelis dici potest: ut sit, quomodo 
Tbeopbrasto placet, verecunda tralatio 1 Sed baec 
coram. Demetrius venit ad me: quo (juidem co- 



Aa. diR. 707 LETTERA DCLX. 33 

zia 3, si veramente che a Publio tu tiou abbi fatto l'in- 
vito. Cotesto tuo Demetrio, senza dubbio, non fu mai 
il Falereo 4: anzi per al presente non alti'O può essere 
che il Bilieno ^. Adunque ti fo mio vicario. Tu pongli 
ben mente. Quantunque: Nondimeno, quanto a quel- 
li^ il resto aggiugnilo tu. Tuttavia, se con lui tu en- 
trerai in pai-ole, dammene il ragguaglio: così mi na- 
scerà cagione di una mia lettera, e d'averne da te una 
ben lunga lunga. Ta, mio Tiroue, di governarti: più 
grato servigio non mi potresti fare. A Dio. 



DCLXI. (A D.v. XVI, 17) 

Argomento. Censura il vocabolo fideliter, che Tirone aveva 
adoperato fuori di luogo, e gli raccomanda che abbia cura 
di conservarsi. 



Scritta l'anno DCCV'II , come pare, 

CICERONE A TIRONE S. 

Veggo il tuo Intendimento : tu vuoi che io faccia 
conserva eziandio delle tue lettere '. Ma ehi! frate: tu 
che suoli essere la norma de' miei scritti , donde diavol 
cavastu quel cosi improprio, valetudini fideliter inser- 
%'iendo? e come ben allogato in cotesto luogo il fide- 
liter? questa parola sta bene a casa negli uffizi, e può 
bene mutarla ne' fondi altrui; exempligrazia, la dottri- 
na, la casa. Torto, il podere può nominarsi /éc/e/ey 
m modo che, come dice Teofi-asto, il traslato riesca 
modesto. Ma ne parleremo a bocca. Fu da me Deinc- 



CicEn. X. — Uu. T. IX. 



34 EPISTOLA DCLXI, DCLXIl. A. V. C. 707 

mi tatù à4>oji;.t'.v/;cra ^^ satls scis. Tu eum videlicet 
non potulsti videre. Cras aderit. Videbis igitur. 
Nani ego hinc perendie mane cogito. Valitudo 
tua me valde solicitat: sed inseivi ^, et fac omnia. 
Tum te mecum esse, tum mihi cumulatissime sa- 
tisfacere putato 7. Cuspio 8 quod operam dedisti, 
mihi gratum est. Valde enim eius causa volo. 
Vale. 

DCLXIl. (-Ad Div. XVI, ao) 

^rgumciihttn. Tironein iubet valitudinem curare , libros 
in TuscLiIano componere , eique Ralendis gladiatores 
spectandi veniam dat. 

Scr., ut videtur, in villa, A. V. G. DCCVII. 

M. T. CICERO TIRONl S. P. D. 

Solicitatj ita vivanij me tua , mi Tiio, valitu- 
do: sed confido j si diligentiam, quam instituisti, 
adhibuerisj cito te firmum fore. Libros compone ^: 
indicenij quum Metrodoro lubebit ^^ quando eius 
arbitratu vivendum est. Gum olitore ^j ut videtur. 
Tu potes Kalendis spectare gladiatores, postridie 
redire: et ita censeo. Veruni, ut videbitur. Cura 
te, si me amas, diligenter. Vale. 



An. diK. 7°7 LETTERA DCLXI ;, DCLXII. 35 

trio =*: con quali compagni lo mi sono cessalo, ben 
sai. Intendo clie tu noi potesti vedere^ ma diman sarà 
costi . e vedra'lo : cliè io posdomani penso mutarmi di 
(ina. La tua salute mi tieu forte in pena: ma tu ab- 
biti cura, al possibile: e per questo modo fa tua ra- 
gione di esser in casa mia, e di farmi un piacere che 
mai il maggiore. Ben facesti di servir Cuspio ^: poiché 
io l'amo quanto possa. A Dio. 



DCLXII. 



(ADiv.XVI, 20) 



Argomento. Gli dice di curare la salute, e di ordinare i libri , 
e gli dà liceaza di assistere alio spettacolo de' gladiatori il 
primo del mese. 

Scritta dalla villa, come pare, l'anno DCCV'il. 

M. T. CICEROiNE AL SUO TIRONE S. 

Mi tien in pena (tei giuro), o mio Tirone, l'indi- 
sposizion tua; ma continuando tu di ben governarti, 
mi confido di riaverti sano di corto. Metti a ordine i 
libri: quanto all'iiidice, farai il piacere dlMetrodoro, 
da che a modo suo tu dèi vivere. Coli"" ortolano fa tu. 
Tu puoi pel primo del mese essere a veder i gladia- 
tori . e tornartene il dì seguente. Cosi penso io: ma 
come ti parrà meglio. Se mi ami, vi\i a riguardo bene. 
A Dio. 



36 EPISTOLA DCLXIII. A. V. C. 709 

DCLXIII. (^Aj Diy XVI, i3) 

Argumenlum.. Cohortatm- Tironem ad valitudinem cu- 
randam. 

Scr. , ut vidclur, in Ciimano A. V. C. DCXCIX. 

M. T. CICERO TIRONI S. P. D. 

Omnia a te data mihi putabo^ si te valentein 
videro. Suinma cura exspectabam adventum Me- 
iiandri^ quem ad te miserarli. Cura, si me diligis^ 
ut valeas: et^ quum te bene confirmarisj ad nos 
venias. Vale. IIII Idiis Aprii. 



DGLXIV. 



(A.l DIv. XVi, 14) 



Argumciituiii. Solicitiidinem suani oh iDorbnm Tiroiìis 
significat, et valitiidmein ut ciiret, hortatiir. 

Scr., »it \iilelur, in Cuuiana A. V. G. DCCIX, ì\ U\. Ap. 

M. !'. CICERO TIKOM S. P. ì). 

Menandrus " postridie ad me venit^ quam ex- 
spectaram. Itaqiie habiii nocteni plenam timoris 
ac miseriae ^. Tuis literis nihilo suiii factus cer- 
tior^ quornodo te liaberes : sed tamen sum recrea- 
tiis. Ego omni delcctatione , literisque omnibus 
careoj quas ante, quam te videro , attingere non 



Ali. di R. 709 LETTERA DCLXIII. Bt 

DCLXIII. (A Dir. XVI, .3) 

Argomento. Conforta Tirone a curarsi. 

Scritta nel Cumano , come pare, l'anno DCXCIX. 

M. T. CICERONE A TIRONE S. 

Tu m'avrai fatto il maggior piacere del mondo, a 
vederti ben sano. Io aspettava con sommo desiderio 
il ritorno di Menandro ^, che ti mandai. Per lo ben 
che mi vuoi, ti governa^ e come tu sii ben in forze, 
viemmi a vedere. A Dio. A' io di aprile. 

DCLXIV. (A Dir. XVI, 14) 

Argomento. Gli palesa la sua angustia per la salute di lui, e 
lo esorta a curarsi. 

Scritta nel Cumano , come pare , V anno DCCIX , il io di Aprile. 

M. T. CICERONE A TIRONE S. 

Menandro ^ fu qui il giorno dopo che io l'aspetta- 
va: onde passai una notte piena di sospetti e d'angu- 
stie. Anche che la tua lettera nulla mi dicea del come 
tu stessi', tuttavia mi son riavuto. Io son qui senza un 
piacere , né punto di studi ^ che prima di rivederti non 



38 EPISTOLA DetXlV. A. V, e. 709 

possum. Medico^ mercedis qnaiiLum poscet^ pro- 
mitti iubeto. Id scripsi ad Vmmium 4. Audio , te 
animo augi, et medicum dicere, ex eo ^ te labo- 
rare. Si me diligis, excita ex somno tuas liteias^ 
humanitatemque^ propter quam mihi es carissi- 
mus. Nunc opus est te animo valere ^ ut corpore 
possis. Id quum tua^ tum mea causa facias^ a te 
peto. Acastura retine, quo commodius tibi mini- 
stretur. Conserva te milii : dies promissorum ^ 
adest: quem etiam repraesentabo 7^ si advencris. 
Etiam atque ctiam vale. UH Idus, bora VI ^. 



DCLXV. (Ad Div. XVI, i5) 

ì. Suam de Tironis valilnrli 
significat 



j4rgumentnin. Suam de Tironis valilndine solicitiidincm 



Scr. ut duae snperiores , sed pr. Id. Ap. 

M. T. CICERO TlROrsI S. P. D. 

1 Aegypta » ad me venit pridie Idus Apriles. 
Is etsi mibi nuntiavit , te piane febri carere ^ et 
belle habere: tamen , quod negavit, te potuisse 
ad me scribere, curam mibi attulit, et eo magis, 
quod Hermia, quem eodem die venire oportue- 
rat 'j non venerai. Incredibili sum solicitudine de 
tua valitudine: qua si me liberaris, ego te omni 
cura liberabo 3. Fluì a scriberem, si iam putarem. 



An. (li R. 709 LETTERA DCLXIV. 3q 

potrei toccare. Al medico fa dire che avrà la mercede 
che egli vorrà: e già ne ho scritto ad Ummio ^. Odo 
che tu hai dolor d'animo^ e che il medico dice, que- 
sto essere la tua malattia. Per quanto di ben tu rai 
porti , sveglia dal sonno la tua filosofia e la dottrina 
per la quale tu mi se** tanto caro. Al presente è biso- 
gno che tu guarisca dell' animo, per potere del corpo : 
la qual cosa io ti prego che tu voglia fare, sì per tuo 
amore , come per mio. Ritieni Acasto , per poterne ca- 
vare miglior servigio. Conservamiti: egli è qui il giorno 
della promessa ^^ la quale, anche venendo tu, ti osser- 
verò di presente. Starami bene cento e mille volte. 
A' IO. alle sei. 



DCLXV. (A D.v. XVI, .5) 

argomento. Gli fa intendere la sua angustia per la salute di lui. 



Scritta dallo stesso luogo delle due precedenti , ma il 12 di Aprile. 

M. T. CICERONE A pRONE S. 

Egitta ^ fu qui a' 12 d'aprile. Bea mi disse egli che 
tu eri senza febbre, e ti sentivi in tempra^ tuttavia 
avendomi aggiunto che non avevi potuto scrivermi , 
mi die d'un coltello: massime che Ermia, il quale do- 
veva esser qui il giorno medesimo, non era venuto, lo 
sento della tua indisposizione un dolcir da non crede- 
re^ del quale liberandomi tu, ed io te caverò di ogni 
altra pena ^. Io scriverei più, se io ti credessi già in 



4o EPISTOLA DCLXV. A. V. C 709 

libefiter te legere posse. Ingenium tuum , quod 
ego maximi facio^ coiifer ad te mihi tibique con- 
servandum 4, Cura te etiam atque etiam diligen- 
ter. Vale. 

Scripta iam epistola , Hermia venit. Accepi tuam 
epistolaiUj vacillantibus literulis: iiec mirum, tani 
gravi morbo. Ego ad te Aegyptam misi ^^ quod 
nec iiihumamis est^ et te visus est mihi diligere, 
ut is tecum essetj et cum eo cocumj quo utere- 
re 6. Vale. 



DCLXVI. 



(A<] Div. XVI, io) 



Àrgumcnlwn. Tironem ad se venire ciipit, S'CA viain ti- 
inet, ne valitudini noceat. 

Scr. ut proximac superiorcs , soci mense inceilo, 

M. T. CICERO TIRONl S. P. D. 

• 
Ego vero cupio te ad me venire- sed viam ti- 
meo. Gravissime aegrotastij inedia ^ et purgationi- 
])us^ et vi ipsius morbi consumtus es. Graves so- 
lent offensiones esse ex gravibus morbis, si qua ' 
culpa commissa est. Iam ad id biduum^ quod 
fueris in via, dum in Cumanum venis, accedent 
continuo ad reditum dies quinque =. Ego in For- 
miano a. d. Ili Kalend. ^ esse volo. Ibi te ut fir- 
mum offendam, mi Tiro, effice. Literulae meae. 



Ali. di R. 709 LETTERA DCLXV. jl 

tal termine da poter leggere volentieri. Cotesto tuo in- 
gegno, che io pregio senza fine, adoperalo per con- 
servar te a me ed a te medesimo. Governati colla mas;- 
gior possibile diligenza. A Dio. 

Scritta la lettera , ceco Ermia. Ebbi la tua lettera 
con un cai-atteruzzo barcollante : nò maraviglia , al 
male che tu hai passato. Ti mando Egitta, perchè e 
non è una bestia, e pei'chè mi è paruto volerti be- 
ne^ rltienlo teco, e con esso il cuoco pe' tuoi bisogni. 
A Dio. 



DCLXVI. 



(A Div. XVI , 10 ) 



jdrgomenio. Desidera che venga a lui Tirone, ma leme cbe il 
cammino non gli nuoca. 



Scritta (Inllo stesso luogo delie prossime antcced., ma ignorasi il mese. 

M. T. CICERONE A TIRONE S. 

Quanto a me, io ben desidero che tu a me ne ve- 
nissi- ma temo assai del viaggio. Tu hai passato un 
male assai forte: del digiuno, de' purgamenti e della 
violenza del mal medesimo se' rifinito. Dopo le malattie 
gravi ogni fallo porta effetti assai tristi. Senza questi 
due giorni che dovrai logorare viaggiando fino ad es- 
sere nel Cumano , ci bisognano al ritorno altri cinque 
giorni alla fila. Io fo ragione di essere nel Eormlano 
a' 29. Fa eh' io ti trovi là bene in forze, o mio Ti- 
rone. Quel po' delle mie, o meglio delle nostre lettere. 



42 EPISTOLA DCLXVI. A. V. C. 709 

si ve nostrae, tui desiderio oblanguerunt. Hac ta- 
men epistola, quam Acaslus attulit, oculos paul- 
lum sustulerunt4, Pompeius ^ erat apud me, quum 
liaec scribebanij hilare et libenter. Ei ciipienti au- 
dire nostra j dixi, sine te omnia mea muta esse. 
Tu Musis nostris para ut operas ^ reddas. Nostra 
ad diem dictam fìent i. Docui enim te, fides è'ru- 
[j.cv quod haberet ^. Fac piane ut yaleas. Nos ad 
fìummum 9. Vale. XIIII Kal. 



DGLXVIL (Ad Div. XVI, 1 



8) 



Àrgiimentum. De valitudine Tironis diligeiiter cnranda, 
et quibusdam domestìcis. 

Scr. in villa A. V. C. DGGVIIl. 

TVLLIVS TIRONI S. P. D. 

Quid igitur? non sic oportet? ' Equidem cen- 
seo sic: addendum etiam, òlio. Sed, si placet , in- 
vidia vitetur: quam quidem ego saepe contemsi. 
Tibi §Lc/.(pófy/;7L)/ gaudeo profuisse. Si vero etiam Tu- 
sculanum, dii boni! quanto mihi illud erit ama- 
bilius! Sed, si me amas (quod quidem aut facis, 
aut perbelle simulasj quod tamcn in modum pro- 
cediti), sed, ut est ^, indulge valitudini tuae: cui 
quidem tu adhuc, dum luihi deservis, servisti non 
salis. Ea quid postulet, jion ignoras: r.vhrj . d/.c- 



An. di R. 709 LETTERA DCLXVi. ^3 

soQ venute in languore del desiderio di rivederti: tut- 
tavia questa lettera che mi portò Acasto , mi fece tirar 
su le palpebre. Pompeo ^ m' era allato , scrivendo io 
questa. Che scrivi tu? mi disse: mostralonii. Io eoa 
bocca da ridere gli risposi : Senza Tirone ogni mia 
cosa è muta. Tu dunque sollecita di mettere in fac- 
cenda le nostre Muse. La mia promessa è ferma al 
posto dì^ che ben t'ho io insegnato l' etimologia della 
parola fides ^. Al tutto, vedi di starmi bene. Io crepo 
di sanità. A Dio. A' 18. 



DCLXVII. 



(A Div. XVI, 18) 



Argomento. Della cura che Tirone dee avere della sua .salute, 
e di qualche altro negozio domestico. 

Scritta d.dla vi'.la Tanno DCCVIIJ. 

TULLIO A TIROXE S. 

Che vuo' tu dunque? ' non credi da far così ? Io in 
contrario penso di aggiugnervi eziandio un suo. Tut- 
tavia, se cosi ti aggrada, leviam cagione all' invidia- 
delia qual però io sono usato di non far caso. Godo 
che la traspirazione 2 ti abbia giovato; ma se eziandio 
il Tusculano, oh bontà degli Dei! quanto mi si farà 
egli più amabile! Ma se tu mi ami (la qual cosa o tu 
fai, o ne dai molto bella vista e con felice successo), 
sia come vuole, governati al largo: da che pel servigio 
che tu rendesti a me, fino al presente poco servisti a 
te stesso. Ora quello che il buon governo dimandi, tu 
non lo ignori^: buona digestione, risparmiarsi nelle 



44 EPISTOLA DCLXVII. A, V. e. 708 

TTiav 4. T.irjir.y'ov iviJ.iJ.z'pcv , rip'^iv ^ vSkvilav y.òCkiai. 
Fac bellus revertare. Non modo te^ sed etiam Tu- 
sculanum nostrum plus ameni. Parhedrum excita ^ 
ut hortum ipse conducat ^: sic olitorem ipsum 
commovebis. Salaco ^ nequissimus H-S ciò dabat, 
nullo aprico liorto 7, nullo emissario ^ nulla mace- 
ria ^ nulla casa. Iste nos tanta impensa derideat? 
Calface hominem, ut ego Mothonem ^. Itaque abu- 
tor coronis 9. De Crabra ^"^ quid agatur, etsi nunc 
quidem etiam nimium est aquae, tamen velim sci- 
re. Horologiuni raittam, et Hbros, si erit sudum. 
Sed tu nullosne tecum libellos? an pangis ali- 
quid Sophocleum? " fac opus appareat. A. Ligu- 
liuSj Caesaris familiarisj mortuus est, bonus ho- 
mo, et nobis amicus. Te quando exspectemus, fae 
ut sciam. Cura te dìligenter. Vale, 



DCLXVIIL 



(Ad Dlv. XVI, .9) 



y^rgiimciiliiin. Literas se exspectare scribit; et de Demetrio 
et Auiidiaiio nomine ut curet, petit. 

Scr. A. V. C. DCCVii. 

Ivi. T. CICERO TIRONI S. P. D. 

Exspecto tuas literas de multis rebus: te ipsum 
multo magis. Dcmetrium redde nostrum ^, et aliud, 
si quid potesl ^ boni. De Aufidiano nomine ^ nihil 



An. di R. 7o8 LETTERA DCLXVH. /p 

Jìntìche , discreto esercizio, sollazzi, lubricità di corpo. 
Fammi di tornare belloccio: e non pure a te, ma 
eziandio al Tusculano vorrò meglio. Punzecchia Pare- 
dro, che pigli in affitto l'orto egli stesso: questo è il 
modo da scuotere l' ortolano 4. Schiuma di ghiotto- 
ne! ^ volle dare sesterzi mille per un orto niente so- 
latio , senza uno scolatoio , ninna muriccia , niente di 
casa. E in un podere di tanto costo, ci farà le fiche 
colui? Riscaldalo, come ho fatto io con ]Motone ^: ten- 
gasi pure i suoi fiori 7. Quanto alla Crahra ^, cpiantun- 
que al presente abbia acqua d'avanzo, voglio tuttavia 
sapere come adoperarla. Ti mandei'ò , facendo bel tem- 
po, l'orologio ed i libri. Ma non hai tu costi un li- 
briccino? o stai lavorando qualche opera da Sofocle? 
lascialci vedere. A. Ligurio 9, amico di Cesare, è morto ^ 
persona dabbene e mio amico. Fammi sapere quando 
io t'abbia aspettare. Governati con diligenza. A Dio. 



DGLXVIII. 



( A Div. XVi, 19) 



Argomento. Scrive di stare aspetlaiido lettere, e gii ccnniiiclte 
la cura di Demetrio e del debito di Aufidio. 



Scritta r anno DCCVII. 

M. TLLLIO CICERONE A TIRONE S. 

Aspetto tua risposta a molti punti ^ ma troppo più 
le medesimo. Rimandami qua Demetrio, e qiialehe al- 
tra cosa di bene, se n'hai. Quanto al debito di Au(i- 
dio ' non t' aggiiuigo parola : so pensiero clic le ne 



^6 EPISTOLA DCLXVIMj DCLXIX. A, V. C. 707-709 

te hortor. Scio, libi curae esse: sed conllce 4, Et^ 
si ob eani rem moraris^ accipio causam. Si id 
te non tenet^ advola. Literas tuas valde cxspecto. 
Vale. 



DGLXIX. 



(Ad Div. XVI, .6) 



Argwìientuin. Qnintus fratri de Tirone inanumisso et gra- 
tias agit et gratiilatnr. 

Scr. , ut vidclur, in Eritannia A. V. C. DGCIX. 

Q. CICERO M. CICERONI ' FRATRI S. W D. 

De Tirone 'j mi Marce, ita te, meiimqiie Cice- 
ronein , et meam Tuìliolam, tuunique filiurn vi- 
deam, ut mihi gratissimimi fecisti, ({imin ciim , 
indignuni illa fortuna ^, nobis aniicuin, quam ser- 
viim esse maluisti. Mihi crede, tuis et illiiis lite- 
ris perlectis, exsilui gaudio, et tibi 4 ago gratias 
et gratulor. Si enira mihi Statii ^ fidelitas est tan- 
tae voluptati* quanti esse in ìsto ^ liaec eadem 
bona debcnt, additis literis, sermonibus, humani- 
tate, quae sunt bis ipsis commodis potiora? Amo 
te omnibus equidem maximis de causis, verum 
etiam propter hanc, vel quod mihi sic, ut de- 
buisti 7j nuntiasti. Te totum in bteris vidi. Sabini 
pueris ^ et promisi omnia, et faciam. 



An. di R. 707-709 LETTERA DCLX7UIj DCLXIX, ^J 

dài^ ma cavane le mani. Che se questo affare dlmauda 
più tempo, io ti fo buona la scusa ^ ma se ciò non ti 
ritiene, metti le penne. Aspetto tue lettere ardente- 
mente. A Dio. 



DCLXIX. f^A Dir. XVI, 16) 

uéigomento. Quinto ringrazia e si congratula eoi fratello della 
libertà data a Tirone. 



Scritta, come pare, nella Brettagna Tanno DCCIX. 

Q. CICERONE A MARCO CICERONE FRATELLO S. 

In quello che di Tirone tu hai fatto , tanta fu la 
consolazione che io ne provai dell'aver tu voluto ren- 
derloci anzi amico che servo (che certo egli non era 
uotrio da quello stato ) , che del veder te , o mio Mar- 
co, e la mia Tullietta, e '1 fìgliuol tuo medesimo, non 
l'ho maggiore. Lette le tue lettere mi balzò il cuore 
(credimi) dell'allegrezza^ e te ne rendo grazie, anzi 
mi congratulo teco. Conciossiachè se tanto gaudio ap- 
porta a me la fedeltà di Stazio ^, quanto più non dei 
tu pregiare siffatti beni in uomo di questa fatta! per 
la giunta delle lettere, del parlare e della gentilezza:^ 
cose che troppo più vagliono de"* servigi che se ne ca- 
vano. Io ti amo per tutti i grandissimi rispetti^ ma 
non meno per questo:, e oltre a ciò, per avermelo tu, 
com' era il dover tuo , fatto assapere nel modo che io 
m'aspettava. Io t'ho nella tua lettera raffigurato quanto 
tu sei lungo. A' servi di Sabino ho promesso * e liuò 
ogni cosa. 



48 EPISTOLA DCLXX. A. V. C, 709 

DGLXX. ( Aa Dir. xiii , ^3 ) 

Aigumeiitnìu. Oppium Gallo conimeiidal, Eynatii negolia 
[)iocLiraiitem 

An. ine, aule A. V. C. DCC(X. 

M. T. CICERO QVINTIO GALLO > S. i\ D. 

Etsi plurimis rebus spero fore, ut perspiciara, 
quod tamen iampridem perspicio, me a te ama- 
ri: tamen nunc ea ^ causa tibi datur, in qua fa- 
cile declarare possis tuam erga me benivolentiara. 
L. Oppius, M. F., Philomeli negotiaturj homo 
milii familiaris. Eum tibi unice commendo 3 co- 
que magis, quod quum ^ ipsura diligo^ tum quod 
negotia procurat L. Egnatii Rufi: quo ego uno 
equite Romano familiarissime utor, et qui con- 
suetudine quotidiana, tum officiis plurimis maxi- 
misque mihi coniunctus est. Oppium igitur prae- 
sentem ut diligas, Egnatii absentis rem ut tueare, 
aeque a te peto, ac si mea negotia essenL Velim , 
memoriae tuae causa , des literarum aliquid, quae 
tibi in provincia reddantur4: sed ita conscribas, 
ut tunij quuui eas leges, facile rec^rdari possis 
huius meae commendationis diligentiatn. Hoc te 
velicmentcr etiam atque etiam rogo. 



Au. di n. 707-709 LETTERA. DCLXX. 49 

DCLXX. (A DiT. xiii, 43) 

argomento. Raccomanda a Gallo Oppio, il quale faceva gli 
affari di Eguaziu. 

Di data incerta, prima però del DCCIX. 

M. T. ClCEROiNE A Q. GALLO ' S. 

Quantunque io speri dovere per molti rispetti cono- 
scere ( e lo conosco già è un pezzo ) d' essere da te 
amato ^ tuttavia ora ti si dà innanzi bella opportunità 
da mostrarmi la tua benevoglienza. L. Oppio di Marco 
è mercante in Filomelo ^, ed è mio amico. Tel racco- 
mando col cuore in bocca ^ e via più, perchè non sola- 
mente io lo amo, ma perchè è procuratoi'e di L. Egna- 
zio Rufo, solo cavaher romano mio intrinseco, e col 
<|uale io sono congiunto^ si per lo usar di ogni dì, e 
si per servigi grandissimi fattimi non una volta , ma 
mille. Ti prego adunque che tu voglia bene ad Oppio, 
che tu hai costi presso, e che dia mano alle bisogne di 
Egnazio che è fuori: e te ne pvego col medesimo studio 
che farei essendo mie. Io vorrei che, per servire alla 
tua memoria , tu mi scriva qualcosa di lettera la quale 
ti sia presentata nella provincia^ ma scritta per forma, 
che, leggendola poi tu, ti debba leggermente tornare 
nella memoria l'ardore di questa mia raccomandazio- 
ne. Di che ti prego io senza fine. 



Oc, fi, X — Lci\ T. IX. 



5o EPISTOLA DCLX^I. A. V. C. 706-709 

DCLXXI. (Aj Div. xiii, ^4) 

Argutnentum. Eunuìera Oppium eidem Gallo comincndat, 
una cum Egnatii negotiis. 

Scr. anno incerto, seti intra DCCVI et DCCIX. 

CICERO GALLO S, 

Etsi ex tiiì.Sj et ex L. Oppii, familiarìsslmi mei, 
literis cognovij te memorem commenJationis mene 
fiiissej idque^ prò tua stimma erga me benivoleii- 
tia, proque nostra necessitiidine, minime siim at!- 
miratus: tamen etiam atque etiam tibi L. Oppium 
praesentenij et L. Egnatii , mei familiarissimi, ab- 
sentis negotia commendo. Tanta mihi cum eo ne- 
cessi tu do est familiaritasque, ut, si mea res esset, 
non magis ìaborarem. Quapropter gratissimum n)i!ù 
feceris, si curat^is, ut is inteJligat, me a Le taiiluin 
amari j quantum ipse existimo. Hoc mihi gratius 
facete nihil potes. Idque ut facias, vehementer 
te rogo. 

DGLXXIL ^ ^\,i Div. xiii, ^5; 

Argumentiun. Egnatii servum et negotia eoinmendat. 



An, di U. 7°6-709 LETTIillA DCLXXl. Si 

DCLXXI. (,A Div, xm, 4,) 

Aigoniento. Raccoinaiida ancora a Gallo Io slesso Oppio e gli 
afniri di Eytiazio. 

IJi data incerta, ma però tra l^aiiuo DCGV'l e DCCIX. 

ClCEROiNE A GALLO S. 

Io ho ben coaosciuto dalle tue lettere e da quelle 
di L. Oppio, mio amicissimo, che tu ti se' ben i-icor- 
dato della mia raccomaudazioue ( di che avendo ri- 
guardo alla tua somma benevolenza ed alla nostra 
intrinsichezza, non ho punto preso di maraviglia): 
nondimeno da capo ti raccomando cento e mille volte 
L. Oppio che tu hai costì, e le faccende di L. £gna- 
zio , mio grande amico, che è fuori. Io ho con lui 
r amicizia e la dimestichezza sì grande, che non potrei 
(andandone il mio) aver la cosa più a cuore. Laonde 
tu mi farai cosa gratissima , se farai in modo che egli 
comprenda me essere tanto da te amato , quanto credo 
io medesimo. Non è cosa al mondo che tu potessi farmi 
più cara di questa^ e che tu voglia farlo, ti prego con 
quanto ne ho in cuore. 

DCLXXIl. ( A D,v. XIII, 45) 

Aii^omentn. Riucoinamla lo schia\o e g'i affari di Egnazio. 



5j. epistola ncLXXll. A. 'V. e. 706-709 

Scr. P.onuic an. in.-. . «,.(<; A. \\ G. DCCIX. 

M. T. C. APPVLEIO PJlOQVAESTOPiI ^ S. P. D. 

L. Egnatio uno equite Romano vel familiaris- 
sime utor. Eius Ancliialum servum^ negotlaque, 
quae habet in Asia , tibi commendo non minore 
stadio j qiiam si rem mcam commendarem. Sic 
enini existime^s velim^ mihi cum eo non modo 
quotidianam consuetudinem siimmam intercedere ^ 
sed etiam officia magna et mutua [ nostra =*] inter 
nos esse. Quamobrem etiam atque etiam a te pe- 
to, ut ciueSj ut ^ intelligat, me ad te satis dili- 
genter scripsisse: nam de tua erga me voluntate 
non dubitat 4. Id ut facias^. te etiam atque etiam 
rogo. 

DCLAXIII. Ad Din. Xtil, .»(« , 

^Ir^dnieiiliim. _%osliiim colieredejii comtnendat. 
Sci', c'<)(lcm 5 quo ftiipcrior. anno. 

M. T. C. APPVLEIO PROQVAESTORÌ S. P. D. 

L. Nostius Zoilus ' est coheres meus : heres au- 
tem patroni sui. Ea re utrumque scripsi , ut et 
luibi cum ilio cau.-jam amicitiae scires esse, et 
boiiiinem piobum existimares-, qui patroni iudi- 



An. di R. 7o6-70y LETTERA DCLXXII. 53 

Scritta da Roma in anno incntn , prima del DCCIX. 

M. T. CICERONE AD APPULEIO PROQUESTORE S. 

Lucio Egnazio è il solo cavaliere romano che io 
m'abbia per de' più intrinsechi. Egli ha un servo An- 
chiaio: e questo e le faccende che egli ha nelPAsia ti 
raccomando colPardor medesimo che farei delle cose 
mie. Imperocché io vo' che tu sappia che non sola- 
mente io soglio strettamente praticar con lui ogni gior- 
no, ma averci eziandio fatti insieme de' grandi servigi. 
Onde, quanto so e posso, ti prego che tu facci in 
modo eh' egli s'accorga me averti scritto ben calda- 
mente: da che dell'animo tuo verso di me egli non 
ebbe mai alcun dubbio. Di ciò ti prego colla maggior 
calca del mondo. 



DCLXXIII. (A Div. XIII, 46) 

Argomento. Raccomanda Nnslio coerede. 

Scritta ncir islcss' anno della precedente. 

M. T. CICERONE AD APPULEIO PROQUESTORE S. 

Lucio Nostio Zoilo è mio coerede, ed altresì erede 
del suo patrono. Le quali due cose ti volli notare, ac- 
ciocché tu sapessi e che io ho con esso lui ragion 
d'amicizia, e perchè tu lo avessi per una dabben per- 
sona, avendolo il patrono suo giudicato da dovergli la- 



54 r, PISTOLA DCLXXIll^ DCLXXIV. A. V. C. 706-709 

ciò ornatus esset ^. Eum libi igiliir sic comnjcn- 
do, ut unum ex nostra domo, Valdo milii gratum 
eritj si curaris, ut intelligat, liane commcndatio- 
nem sibi apud le magno adiumento fuisse. 

DCLXXIV. ( Ad Div. XIII, 47 ; 

yérgimientuni. F.gnDtiiuTi, commiinem amìcum. commenchil. 
Ali. ine, srd ante DCCIX. 

M. T. CICERO SILIO ' S. P. D. 

Quid ego libi commendem eum, quem lii ipse 
diligis? Sed tanien, ut scires, eum a me non di- 
ligi solum, verum etiam amari , ob eam rem libi 
haec scribo. Omnium tuorum officiorum , quae et 
multa et magna sunt, mibi gratissimum fuerit, si 
ita tractaris Egnatium, ut sentiat, et se a me, et 
me a te amari. Hoc te vehementer etiam atque 
etiam rogo. Illa nostra scilicet ceciderunt ^. Vta- 
mur igitur bulgari consolatione : quid y si melius 
hoc? ^ Sed baec coram. Tu fac, quod facis, ut 
me ames, teque amari a me scias. 

DCLXXV. (A,i Div. XIII, 4$) 

/ìrgìimriìlum. Cvprios et in primis l'aphios comnicndat. 



Andi. K. 7°6-;o9 LETTERA DCLXXIII^ DCLXXIV. 55 

sciare. Adunque io tei raccomando come uno della mia 
famiglia. Avrò assai caro che tu operi per forma che 
egli senta, la mia raccomandazione avei'gli fruttato del 
bene assai. 

DCLXXIV. ( A Div. XIII , 47 ) 

Aigomento. Raccomanda il comune amico Egnazio. 

Di data incerta , prima però del DCCIX. 

M. T. -CICERONE A SILIO » S. 

Qual proposito! raccomandarti io uno che tu stesso 
ami! Tuttavia, acciocché tu sapessi che io non sola- 
mente gli voglio bene, ma lo amo, per questo ti scri- 
vo ^. De' servigi, che molti e grandi ho avuto da te, 
questo mi sarà di tutti gratissimo , se tu tenga con 
Egnazio siffatti modi, che egli debba sperimentare che 
ed io amo lui, e che tu me. Di ciò ti prego con tutto 
l'ardore che io posso. Lo stato nostro di quel tempo 
n'è andato; pigliamci adunque la consolazione che suole 
il volgo: chi sa che meglio non avvenga? Ma queste 
sou cose da dire fra te e me. Tu amami , come fai , 
e stanimi certo d' essere da me amato. 

DGLXXV, ( A. Div. XIII, 4») 

Aii^oinento. llaccouianda i Cipriolli, e più ancora i Pafiotli. 



56 r,P [STOLA DCLXXV. A. V. ( . -j^tì'-o^ 

Sor., ut vifJet.ir, A. V. C. DCCVJ. 

M. T, C. C. SEXTlLiO RVFO QvAE.^T. S. P. I). 

Omnes tibi commendo Cyprios, sed magis Pa- 
pliios^: quibus lu quaecumque commodaris , erunt 
mihi gratissima. Eoque facio libentius, ut eos tibi 
commendemj quod =* et tuae laudi, cuius ego fau- 
tor sunij conducere arbitror, quum primus in 
eam insulam quaestor veneris ^, ea te instituere , 
quae sequantur alii: quae, ut spero, facilius con- 
sequerCj si et P. Lentuli 4, necessarii tui, legem, 
et ea, quae a me constituta sunt ^, sequi volue- 
ris. Quam rem tibi confido magnae laudi fore. 



DCLXXVI. - Ad Div. XIII, 5i . 

/Irpimentuiv. P. Messienum commeiulat Caesio. 

An. ine, follasse V. C. DCCVH. 

M. T. CICERO r. CAESIO S. D. 

P. Messienum ^, equitem Romanum, omnibus re- 
bus ornatura, meumque perfamiliarem ^, tibi com- 
mendo ea commendatione, quae potest esse di- 
ligentìssima. Peto a te et prò nostra , et prò 
paterna amicitia , ut eum in tuara fidem recipias , 



Jvii. Ji R. :-6-7o9 LETTERA DCLMXV" .j- 

Scrilla , come pare , 1' anno Di'^CVI. 

M. T. CICERONE A C. SESTILIO RUFO QUEST. S. 

Ti sieno raccomandali tulli que' di Cipri , ma me- 
glio que' di Pafo: a' quali checché di bene tu avrai 
fatto, io r avrò ben carissimo. Or io te li raccomando 
tanto pili volentieri, quanto io son di credere, dover 
eziandio tornar utile alla tua i^loria (alla quale io iti- 
tendo di darti mano), che essendo tu il primo questoi'e 
in quell'isola ^, metta mano a tali opere che gli altri 
debbano continuare; il che mi confido che più facil- 
mente debbati venir fatto, se tu voglia seguir la legge 
di P. Lentulo "^ tuo amico, e quegli ordinamenti che 
ci ho posto io; il che voglio credere che ti farà molto 
onore. 

DCLXA VI. f f^ Hiv. xiri, Sr^ 

argomento. Raccomanda P. Mpssicno ;i Cesio. 

Di fiata inrrria, f(>^^r rir! DCCVfl. 

M. T. CICERONE A P. CESIO S. 

Colla più calda raccomandazione che per me si possa 
ti raccomando Pub. Messieno , cavalier romano di tutte 
parti compito-. Per la nostra amicizia e del padre tuo 
ti prego, piglialo per cosa tua da favorb'e e proteg- 



58 EPISTOLA DCLXXVlj DCLXXVII. A. V. C. 707-709 

ciusque rem famamque tueare. Virum bonum, tua- 
<jue amicitia digauiii libi adiunxcrisj niibique gra- 
tissiraum feceris. 

DCLXXVII. (Ad Dir. XIII, ÙÈ ) 

yJrgumentum. Hospitem siiutn, Licinium Aristotelem , com- 
ineudat. 

An. ine. furiasse V. C. DGGVIII. 

CICERO REGI ^ S. D. 

A. Licinius AristoLeles , Melitensis , antiquissi- 
iiius est hospes meus, et praeterea coniunctus ^ 
magno usu familiaritatis. Haec quum ita sint, non 
dubito, quiii libi satis commendatus sit. Etenini 
ex iimltis cogiioscOj meam commendalionem più- 
iliimm apud te valere, Hunc ego a Caesare libe- 
ravi ^. Frequens enim fuerat nobiscumj atque etiam 
diuliijs in causa 4 est, quani nos, comnioratus: quo 
luelius le de eo existimaturum arbitror ^. Fac igi- 
lur, mi Uex, ut intelligat, has sibi literas pluri- 
muui })rofuisse. 

DCLXXvIlI. (^ AJ Div. VI, ib) 

Jf^uinr/ìti(//i. Illesi gratnlcihoiiis et benivolentiae significatio. 



Au. «li n. 707-709 LETTERA DCLXXVI. DCLXXVU. 5g 

gere lai, le cose sue e l'onore. Tu li sarai obMigato 
\m dabbeu uomo, e degno che tu gli sia amico, ed 
a me avrai fatto un piacere else mi starà per mille. 

DCLXXVIL cAD...x..i,5.) 

yirponìCfiUì. Rnrromanda Ijicinio Aristotile suo ospite. 
Di data incerta, furie nel DCGVIII. 

CICERONE A REGE ' S. 

Aulo Licinio Aristotele di Malta ^ è mio osj)ite da 
grandissimi tempi innanzi^ ed oltre a questo, ci pra- 
ticliiarno con somma dimestichezza. Queste ragioni non 
dubito che assai non te lo abbiano raccomandato: co- 
noscendo io a molte prove che alle mie raccomanda- 
zioni tu dai un peso grandissimo. Cotest'uomo io l'ho 
cavato dalle niaui di Cesare: poiché egli avea tenuto 
forte dalla parte nostra: ed anzi tenne sodo più lun- 
gamente che non ho fatto io: il che tei metterà, credo 
io, ia migliore opinione. Ea dunque, o mio Rege , che 
fgli da questa mia lettera ne cavi ben multo di bene. 



DCLXXVllL 



(A Div. VI, i5) 



Argomento. Coiitieiic dimostra/ione di gratulaziouf e l)ci»vo- 
ulieiua. 



6o EPISTOLA DCLXXVllI, DCLXXIX. A. V. C 70J 

Scr. A. V. C. DCCIX , post M. Mart. 

CICERO BASILO » S. 

Tibi gratulorj mihl gaudeo: te amo* tua tueor. 
A te amari*, et quid agas, quidque ^ agatur, cer- 
tior fieri volo. 

DCLXXIX. (Ad Div. VI, i6) 

Ar^umenluni. Ciceronis amicitiam inire cupit. 

Scr. in Sicilia A. V. C. DCCIX , mense ine. 

BITHYJNICVS I CICEROiNI S. 

Si mihi tecum non et multae, et iustae causae 
amicitiae privatim essentj repeterem initia amici- 
tiae ex parentibus nostris: quod faciendum iis exi- 
stimo, qui paternam amicitiam nullis ipsi officiis 
prosecuti sunt. Itaque contentus ero nostra ipso- 
rum amicitia *: cuius fiducia peto a te, ut absen- 
tem me , quibuscumque in rebus opus fìaerit , 
tueare, si nullum officium tuura apud me inter- 
moriturum existimas ^. Vale. 



DCLXXX. 



(Aa Alt. XIV, O 



ArgurnenUiuì. Reflit qu.ip Maliii'», ad qncm tleverterat 
dixerit. 



Au. di R. 709 LETTERA DCLXXVIIlj DCLXXIX. 6c 

Scritta Tanno DCCIX , dopo il i5 di Marzo. 

CICERONE A BASILO ' S. 

Mi congratulo teco, e meco rallegromi: ti amo^ pro- 
curo i tuoi negozi: e voglio essere da te amato e cer- 
tificato di quello die tu faccia e si faccia costì. 

DGLXXIX, (A Div. VI, 16) 

Argomento. Chiede l'amicizia di Cicerone. 

Scritta dalla Sicilia 1* anno DCCIX , in mese incerto. 

BITINICO ' A CICERONE S. 

Se fra noi due non fossero in proprio e molti e 
giusti titoli di amicizia, io vorrei rifarmi a' principi! 
dell' amicizia che fu già tra' padi'i nostri ^ ma ciò la- 
scio io a coloro che le amicizie paterne non continua- 
rono essi con ufizi lor personali. Io mi starò dunque 
contento alla amicizia propria nostra: a fidanza della 
quale io ti prego che nella mia lontananza tu voglia, 
in ogni cosa che mi bisognasse, darmi favore '■: se però 
tu credi che nessun tuo servigio mi uscirà mai della 
mente. 



DCLXXX. 



(Ad Alt. XIV, .) 



Argomento. Riferisce ciò che avea dello Mazio, al quale era 
divertito. 



62 EPISTOLA DCLXXX. A. V. C. 709 

Sor. ili subinba;!*) A. V. C. DCCIX, circa Non. A|)r. 

CICERO ATTICO S. 

Deveill ad illuni », de quo tecurn mane. Nihil 
pei-diLlus ^: cxplicari reni non posse. Etenini si ille* 
lali ingenio exitum non repcriebat, quis nunc re- 
periet/ Quid quaeris? periisse omnia aiebatj quod 
haud scio an ita sit: veram ille gaudens 4^ alHr- 
mabatque minus diebus XX tumultum Gullioum : 
in sermonem se post Idus Mart. , praeterquam Le- 
pidi ^, venisse neminis: ad summam, non posse 
isthaec sic abire ^. O prudentem 7 Oppium, qui 
nihilo minus illuni desiderai, sed loquitur nihil, 
quod quemquam bonum offendat! Sed Iiaec liac- 
lenus. Tuj quaesOj quicquid novi (multa auteni 
exspecto )j scribere ne pigrere. In bis, de Sexto ^ 
satisne certuni- (naxime autem de Bruto nostro 95 
de quo quideni ille, ad queni deveiti, Caesarem 
solitum dicere: " Magni refert, liic quid velit- 
" .sed quicquid vult, valde vult *", " idque eum 
animadveitisse, quum prò Deiotaro Niceae *^ di- 
ceret; valde vehementer eum visum et libere di- 
cere: atque etiam (ut enini quicque succurrit, 
bbet scribere) proxime, quum Sextii rogatu apud 
eum fuissem '2, exspectaremcjue sedens, (juoad vo- 
carer, dixisse eum: ;< Ego diibitem, quin suaimo 
" m odio siui. quum .M. Cicero sfe'deal, nec suo 



Ari. di 11.709 LETTER-V DCLXXX, Gf) 

Scritta tlalla villa siiburbana Panno DCCIX , cirra il ^ di Apri''. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Sono scavalcato a casa del Sere, del quale parlai 
teco stamane ^ Siamo allo stremo: non c'è via da 
nscirne ad onore. Conciossiachè , se quell'ingegno di 
nomo non ne potè trovare l'uscita, chi trovarla? In 
somma egli dicea, il mondo essere subissato. Se e' dica 
vero, noi so: tuttavia egli è in paradiso, e scommetto 
che infra venti giorni i Galli leveranno il capo ^•, sé 
dopo i i5 di marzo ^ non avere, da Lepido in fuo- 
ri 4, parlato con anima viva. Per recarlati ad oro, di 
questo modo non poter durare le cose ^. Oh bravo 
Oppio! che quantunque sia trafitto del caso, tuttavia 
non fa motto di cosa che possa offendere alcun uomo 
dabbene! Ma basti di ciò. Tu intanto non ti lasciar 
gravare di scrivermi checché abbi di nuovo ( e no 
aspetto a carra). Fra l'altre cose, se la nuova di Se- 
sto abbia piede ^* ed in ispezìeltà di Bruto nostro- 
del quale vo' dirti, avermi contato il Sere dal quale 
scavalcai, come Cesare era solito dire: « Checcliè 
u costui voglia, non vuol per nulla^ ma, checrliè egli 
« voglia, lo vuole di forza^ « e che egli lo uvea ben 
notato in Nizza , parlando lui in favor di Dtitita- 
ro 7- ed aggiunse altresì (ti scrivo ogni cosa, secondo 
che mi si dà innanzi), essendo io poco fa, a peti- 
zione di Sestio , veiuito in casa sua, e standomi a se- 
dere aspettando udienza, lui aver detto: ■<■ Or dubiter") 
'< io di non essere odiato al possibile ? (juaado un 
<■" M. Tullio sta qui a sedere, e gli è tenuto 1 eulraie 



64 EPISTOLA DCLXXX. A. V. C. 709 

u commodo me convenire possiti Atqui si quis- 
« quam est facilis, iiic est: tamen non dubito , 
« quin me male oderit. » Haec et eiusmodi mul- 
ta. Sed ad propositum. Quicquid erit, non modo 
magnuiijj sed etiam parvum, scribes. Equidein 
iiihil intermittam. 

DGLXXXl. (Ad Alt. XIV, s) 

j4rgui ne ninni. Duabus Attici epistolis respondet. 

Scr. in Suhiiibano A. V. C. DCCIX , Vi Id. Apr. 

CICERO ATTICO S. 

Duas a te accepi epistolas beri. Ex piioie thea- 
Iruai ' Publiumque cognovij bona signa consen- 
tientis nmltitudinis : plausus vero L. Cassio ^ da- 
Ins, eliam facetus mibi quidem visus est. Altera 
epistola de Madaro ^ scripta* apud quem nullum 
GaJ.xyMyii[).c/A^ ut putas. Processi eniai. sed minus^: 
diutius sermone enim sum retentus. Quod autem 
ad te scripseramj obscure fortasse^ id eiusmodi 
est: aiebatj Caesarem secum, quo tempore Sextii 
rogatu veni ad eum. quum exspectarem sedens, 
dixisse: « Ego nunc Laai sim stultus, ut liunc 
" ipsum facilem bomincui pntem mibi esse aini- 
" cum, quum taindiu sedens meum coiumodum 
'<■ exspectet? -■< Habes igitur ;- .'.Aa/.c^jy.y. ^. iniìiii- 



Ab. di R. 709 LETTERA DCLXXX. 65 

« a sua posta? £ s\ se c'ù persona alla mano, egli è 
u desso ^ e tuttavia uoa dubito che egli non mi voglia 
« il peggio del mondo. " Questo disse , e plìi altro di 
somigliante. Ma torno a bomba. Checché avvenga, non 
pur di grande, ma e di picciolo, me lo scriverai. Certo 
di tutto ti terrò io ragguagliato. 



DGLXXXI. (Ad Alt. XIV, o 

Argofuento. Risponde a due lettere di Auico. 

.Strilla dalla villa suburbana Tanno DCCIX , il 7 d'Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Ebbi le due tue lettere^ la prima, che mi dice del 
li eatro e di Publio ': buoni segni di popolo ben con- 
corde. Ma il battimano fatto a L. Cassio, ti prometto, 
m' è paruto eziandio cosa da commedia. L' altra let- 
tera è intorno a Madaro ^ : nella cui casa , come tu 
pensi ^, io non trovai punto di lautezza 4: imperocché 
io non sono proceduto innanzi, avendomi egli tenuto 
addietro colle sue parole. Quella giunta che feci alla 
lettera ( che forse avea dell' oscuro ) è così fatta : Dir 
ceva il Sere che allora quando io venni a Cesare , per 
fare servigio a Sestlo, e mi stava seduto aspettando, 
lui avergli detto: « Sarei io mai tanto dolce da cre- 
« derc cotesto uomo ( sebben moderato) dovermi es- 
« sere amico , quando egli si sta tanto tempo seduto 
h aspettando il comodo mio? " Tu sai ora come pensa 

CicEPi. X. — Leu. T. IX. 5 



66 EPISTOLA DCLXXXr. A. V. C. 709 

cissimum otii, id est, Bruti 7. In Tusculanuni 
liodie 5 Lanuvii cras j inde Asturae ^ cogitabam. 
Piliae paratum est hospitium : sed vellem Atti- 
cam 9 ( verum tibi ignosco ) : quamm utrique sa- 
lutem. 

DCLXXXIL (Ad Alt. XIV, 3) 

Argumentuin. Breviter de publicis quibusdam et privatis 
uegotiis. 

Scr. in Tusculano A. V. C. DCCIX, V Id. Apr. 

CICERO ATTICO S. 

Tranquillae tuae quideni literaej quod utinam 
diutius! nani Matius posse negabat. Ecce autem 
structores nostri ^ ad frumentmn profecti, qnum 
inanes rediissent, rumorem afTerunt magnum, Ro- 
mae domum ad Antonium frumentum orane por- 
tari : rravr/.ov certe • scripsisses enim. Corumbus 
]3albi nuUus adhuc^;et mihi notum nomen: bel- 
lus enim esse dicitur architectus. Ad obsignan- 
dum ^ tu adhibitus non sine causa videris. Vo- 
lunt enim nos ita putare 4. Nescio cur non animo 
quoque sentiant ^. Sed quid haec ad nos? Odo- 
rare tamen Antonii did^eiiv : quem quidem ego 
epularum magis arbitror rationem habere, quaoi 
quicquam mali cogitare. Tu, si quid pragraati- 



Ali. di R. 709 LETTERA DCLXXXl. 67 

il CaU'O, ininiicissimo della pace, cioè di Bruto. Penso 
oggi essere nel Tusculaiio^ domani a Laauvio:, di là 
ad Astura. A Pilia è apparecchiato l'albergo: ma vor- 
rei eziandio Attica (ma tei perdono)^ delle quali sa- 
luterai I' una e 1' altra. 



DGLXXXIL ( Ad Alt. xiv, 3 ) 

Argomcnlo. Di alcuni pubblici e privali alTari di fretta. 
Scritta nel Tusculano Tanno DCCIX, il 9 di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Veramente di pace soii le tue lettere: e possano pur 
essere un buon pezzo! che Mazio dice di no. Ecco qua: 
i muratori nostri, che per frumento n' erano andati , 
tornati a sacca vote raenau gran remore: tutto il fru- 
mento essere in Roma portato a casa d'xVntonio. Vane 
paure! che tu me l'avresti scritto per fermo. Corombo 
di Balbo uou si vede anche. Ben m'è noto questo nome, 
che ha voce di elegante architetto. Tu chiamato a se- 
gnare il testamento? * non debbe essere stato senza uu 
perchè: dacché e' voglia darci ad intendere questa co- 
sa, perchè non la crederò io venuta dall'animo? Ma 
che mi fa questo a me? Tuttavia stanimi esplorando 
V animo di Antonio^ il quale, se t'ho a dire che io 
senta , io credo meglio tirare a' pasticci , che mulinar 
punto di male. Se tu hai nulla di affar pubblico , seri- 



68 EPISTOLA DCLXXXII, DCLXXXIII. A. V. C. 709 

con ^ habeSj scribe: sin minus , populi krunr^ixc/.- 
aiav ^ et mimorum dieta perscribito. Piliae et At- 
ticae salutera. 

DCLXXXIII. (Ad Att. XIV, 4) 

Àrgumenttun. Dolet non una cum liberiate rem piiblicam 
recuperatara. 

Sci. Lanuvii A. V. C. DCCIX , IV Id. Apr. 

CICERO ATTICO S. 

Nune quid putas me Lanuvii? ^ at ego te istic 
quotidie aliquid novi suspicor. Tument negotia. 
Nain quum Matius *, quid censes ceteros? Equi- 
dem doleO;, quod numquam in ulla civitate ac- 
ciditj non una cum libertate rem publicam re- 
cuperalam. Honibile est, quae loquantur, quae 
minitentur. Ac vereor Gallica etiam bella : ipse 
Sextus 3 quo evadat. Sed omnia licet concurrant, 
Idus Martiae consolantur 4, Nostri autem vi/swc; ^^ 
quod per ipsos confici potuit , gloriosissime et 
magnificentissime confecerunt. Reliquae res opes 
et copias desiderante quas nuUas habemus. Haec 
ego ad tCj ut, si quid novi ( nam quotidie ali- 
quid exspecto ), confestim ad me: et, si novi ni- 
lìil, nostro more tamen ne paliamur intermitli 
lìLerulas. Equidem non commitlam ^. 



An. di R. 709 LETTERA DtìLXXXIIj DCLXXXIII. 69 

vllo : se no , che dimostrazion faccia il popolo , e i 
motti de' commedianti. A Pilia e ad Attica mille saluti. 



DCLXXXIII. (Ad Ali. XIV, 



4) 



Argomento. Ducisi che colla libertà non siasi insieme riavuta 
la Repubblica, 

Scritta da Lanavio Y anno DCCIX , il io di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Or clie vuo' tu che da Lauuvio ti scrìva di nuovo? 
Costì sì indovino io che ogni dì ne dia fuori qualcosa. 
Gli affari levano il bollore : imperocché . se ■Mazio , che 
vuo' tu creder degli altri? Ben mi duol, ti prometto 
(cosa che in ninna città è mai intravvenuta), che colla 
libertà la Repubblica non siasi ricovrata. Egli è ori'ibil 
cosa a sentire ciò che dicano e che vanno minaccian- 
do^ e temo eziandio della guerra di Gallia^ e dove 
voglia riuscire esso Sesto. jMa , si capovolga anche il 
mondo , benedette idi di marzo ! Ma i nostri eroi) 
quello che per lor si potea , gloriosissimamente e ma- 
gnificamente hanno fornito. Quello che resta dimanda 
ricchezze e legioni, delle quali siam senza. Questo t ho 
io scritto, acciocché accadendo nulla di nuovo (e ne 
aspetto ogni di), tu di presente a me^ e se nulla, noi 
non ci lasciamo per questo interrompere la nostra usan- 
za , de' nostri pistolotti. Certo da me non mancherà. 



•JO EPISTOLA DCLXXXIV. A. V. C..709 



DCLXXXIV. 



(Ad Ali. XIV, r,) 



yJrgumcìituni. Exponit quae sibi de repul)lica inetuciifla 
esse videantur. 

Sor. Astmap A. V. C. DCCIX , III Id. Apr. 

CICERO ATTICO S. 

Spero libi iam esse ut volumus, quoniam qui- 
dem y;7fr>j7a:, quiHii leviter commotus esses: seti 
lamen velini scire, quid agas. Signa bella ^ qnod 
Calvcna * moleste fert, se suspectum esse Bruto. 
Illa signa non bona, si cum signis legiones vo- 
niunt e Gallia ^. Quid tu illas putas , quae fuc- 
runt in Hispania? nonne idem postulaturas? quid; 
quas Annius transportavit? ^ Ganinium volui 4, sed 

fjLvyjucytxòy ap.apryjp.a. Ab aleatore ^ (pvpuòq t:cAi>;. Nam 
ista quidem Caesaris Ilbertorum coniuratio facile 
opprimeretur , si recta saperet Antonius. Meaui 
stultam verccundiam, qui legari ^ noluerim ante 
res prolatas 7^ ne desercre viderer hunc rerum tu- 
morem ^5 cui certe si possem mederij deesse non 
deberem. Sed vides magistratus* si quidem illi ma- 
gistratus 0: vides tamen ty ranni satelliles in im- 
periisj vides ciusdem exercitus* vides in latere 
veteranos '°* quae sunt vjplr.iiz-j. omnia: eos au- 
icnij qui orbis terrae custodiis non modo septi ^ 
verum etiam magni '' esse debebant, tanlummodo 



Ali. di U. 709 LETTKllA DCLXXXIV. «7 1 

DCLXXXIV. (Ad Ati. xiv, 5) 

Argomenlo. Dimostra quali sieno i suoi timori sul conto della 
Repubblica. 

Scritta da Astura l'anno DCGIX, T ii di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Oggimai spero che tu stil nel modo eh' io ti volea , 
avendo tu usato un po' di dieta per piccola indispo- 
sizione: tuttavia vorrei sapere quel che tu faccia. Buon 
segno che Calvena sia scontento di essere a Bruto in 
sospetto ^. Ma non buono è quell'altro segno, se colle 
insegne vengono le legioni di Gallia ^. Or che pensi tu 
di quelle che furono nella Spagna? certo eh? che elle 
faranno le stesse dimande? E che di quelle che Annio 
trasportò? ^ (fallo di memoria: io volea dire Caninio). 
Dal biscazziere 4 grande è il roniore: impei'occhè co- 
testa congiura de' liberti di Cesare ^ sarebbe legger- 
mente affogata, se Antonio arasse dritto. Pazzi ri- 
guardi ho avuto io, che non accettai di esser legato ^ 
prima delle ferie 7, per non mostrar di abbandonar 
questo borboglio che s'è mosso ^ al quale in fatti se 
io potessi porre riparo, non dovrei cessarmi. Ma tu 
vedi magistrati che abbiamo, se perù egli son magi- 
strati^ vedi i cagnotti del tiranno che hanno il co- 
mando ^^ vedi i costui eserciti e i veterani da lato 9: 
le quali cose tutte sono infiammabili. Coloro poi che 
dalle guardie di tutto il mondo dovrebbero non pure 
essere accerchiati, ma reputati tanto oro, sono a uu 



■ya EPISTOLA DCLXXXIV. A. V. e. 709 

laudari atque amari, sed parietibus contiiieri *^. 
Atqui illi quoquo modo beati- civitas misera. Sed 
velim scire, quid adveiitus Octavii *^- num qui 
concursus ad eum, num quae vewrspijfjiov suspicio. 
Non puto equidem : sed tamen quicquid est ^ 
scire cupio. Haec scripsi ad te proficiscens Astura 
III Idus. 



DCLXXXV. 



(Ad Alt. XIV, (.) 



/Irgumentum. Queritur Caesaris quidem interfectores lau- 
dari, tj ranni tamen facta dofc^idi. 

Sor. Fundis ,\. V. C. DCCIX , pr. I<1. Apr. 

CICERO ATTICO S. 

Pridie Idus Fundis accepi tuas literas cenans^, 
Primum igitur melius esse ^ : deinde meliora te 
nuntiare. Odiosa illa enim fuerant, legiones ve- 
nire. Nam de Octavio susque deque ^. Exspecto 
quid de Mario ^" quem quidem ego sublatum re- 
bar a Caesare. Antonii colloquium ciim heroibus 
nostris prò re nata 4 non incommodum. Sed ta- 
men adhuc me nihil delectat praeter Idus Mart. 
NaiUj quoniam Fundis sum cuni Ligure nostro, 
discrucior, Sextilii fundum ^ a verberone Curtilio 
possideri: quod quum dico^ de toto genere ^ di- 
co. Quid enim miserius , quam ea nos tueri 7, 
propter quae illuni oderamus? Etiamne consule.s 



Ad. di R. 7^9 LETTERA DCLXXXiV. ^j 

pf lo di non essere commendati ed amati , ina tenersi 
riparati in casa '". Se non che, sia die vuole, essi sono 
beati; misera è la città. Ma io vorrei sapere die sia 
della venuta di Otta\io ''|, se nulla di concorso a lui 
siasi fatto , se niun sospetto di novità. Veramente noi 
credo: ma tuttavia checché siavi, bramerei saperlo. Ho 
scritto , partendo da Astura , agli undici. 



DCLXXXV. 



f Ad Ali. \'IV\ 6) 



Argonieiilo. Lamcnla c\\c si lotllno gli uccisori di Cesare, e 
si guarentiscano nel tempo iiiedesiino gli atti del tiranno. 

Scritta (la Fondi ranno DCCIX, il la di Aprile. 

CICEROrvE AD ATTICO S. 

A' dodici ricevetti a Fondi ^ tue lettere, che cenava. 
Innanzi tratto, che tu stai meglio^ l'altra, che ci dai 
migliori novelle. Che mal abbiano quelle altre del ve- 
nire delle legioni : imperocché la cosa di Ottavio non 
mi fa nulla. Aspetto sentir di Mario ^^ il qual vera- 
mente io credea levato del mondo da Cesare. Il col- 
loquio che ebbe Antonio coi nostri eroi, secondo cose 
di oggidì, non fu una mala cosa: tuttavia fino al pre- 
sente nulla ho che mi rallegri, se non le idi di marzo. 
Imperocché trovandomi io qui in Fondi col nostro Li- 
gure , mi pare essere sulla colla, veggendo il fondo di 
Sestilio in mano di questo frustato di Curtilio 3; e di- 
cendo questo, intendo dire di tutta l'altra genia. Con- 
ciossiaché qual miseria è maggiore di questa, dell'es- 
sere da noi nianlcnute quelle cose medesime per lo 
quali noi odiaxamo il cotale? t Avrcin noi duiKjue 



74 p:pistola dclxxxv. a. v. c. 709 

et tribunos plebis in bieiiiiiuiii ^^ quos ille vo- 
liiit? Nullo modo reperio, quemadmodum possim 
7::hzcCs7.'^cj.. Nilill eiiim tarn 7Ólcucv, quam rjpa.v- 
vcy.TÓycvg 9 in coeio esse ^ tyraniii facta defendi. 
Sed vides consulesj \'ides reliquos magistratus^ si 
isti magistralusj vides languorem bonorum. Exsul- 
tant laetitia in municipiis ^°. Dici enim non pot- 
este quanto opere gaudeant, ut ad me concur- 
rantj ut audire cupiant verba mea ea de re ": 
lieo ulla interea decreta. Sic enim Tic-nc'/dreviJ.e^a^ 
ut victos metueremus ^^. Haec ad te scripsi ap- 
posita secunda mensa ^^- plura et T.cìdxiyjrì-zpa po- 
stea : et tu^ quid agas , quidque agatur. 



DGLXXXVI. ,-A,i Div. XI, .) 

^'ìrgumcnlum. Decimus Eialus Albinus iiabitum ciun Ilir- 
tio, designato consule, sermoiiem exponit: postulatam 
a se legationem liberam s'ignifìcat : suuin coiisiliiim 
osteiidit , vel migiandum ex Italia esse, vel postulan- 
dum publiciim in urbe praesidium 

Scr. A. V. C. UCCIX, mense Apr. 

D. BRVTVS I BRVTO SVO ET C. CASSIO S. 

Quo in statu simus, cognoscite. Heri vesperi 
apud me Hirtius fuit- qua mente esset Antonius^ 
demonstravit 5 pessima scilicet et infidelissima. 



Afi. Jin.7":J LETTERA DCLXXXV. -") 

eziandio consoli e tribuni della plebe que" medesimi 
che egli ha voluto? ^ Io al tutto non trovo verso da 
poter bene avviar la Repubblica; nulla essendo tanto 
spropositato , quanto essere messi in cielo ^li ucciditor 
del tiranno, e i decreti del tiranno ten.uti in vigore. 
Ma tu vedi consoli che abbiamo; vedi gli altri magi- 
strati, se magistrali sono costoro^ vedi il languore de' 
buoni. I municipii non capiscono in se medesimi del- 
l'allegrezza^ da che uon può contarsi quanto focosa- 
mente si godano, come traggano a me, e voglia che 
mostrano di essere informati per punto di ogni parti- 
colarità:^ e intanto non si veggon decreti: ed abbiamo 
i^iiidati i^tti pubblici in modo, come se avessimo paura 
de' vinti. Queste cose ho scritto alle frutte: un' altra 
volta dirò più. e più da Repubblica; e tu altresì quello 
che tu li facci e si faccia. 



DCLXXXVI. 



( A Div. XI , r ) 



Argomeiìtn. Spone il colloquio di Decimo Bruto Albino con 
Irzio proclamato console; gli dice la domanda fatta di una 
libera ambasceria, r la sua determinazione o di abbando- 
nare lltaba, o di chiedere in città una guardia del pubblico. 



Scritta 1" anno DCCIX , nel mese di Aprile. 

DEC. BRUTO 1 A BRUTO SUO E C. CiSSIO S. 

Abbiale\i il fermo del come noi ci troviamo^. Ieri 
sera fu da me IjzIo , e mi mostrò di che animo fosse 
-'Vntonio: pessimo cioè e quanto polca fellonesco. Egli 



•jO EPISTOLA DCLXXXVI. A. V. C. 709 

Nam se neque milii provinciam ^ dare posse aie- 
batj neque arbitrari , luto in urbe esse quem- 
quam nostrum: adeo esse militum concitatos ani- 
mos et plebis. Quod utrumque ^ esse falsum, puto 
vos animadvertere- atque illud esse verum, quod 
Hirtius demonstrabat: timere eum 4^ ne, si me- 
diocre auxilium dignitatis nostrae habuissemus ^, 
nullae partes iis ^ in re publica relinquerentur. 
Quum in bis angustiis versarer, placitum est mibi, 
ut postularem legationem bberam 7 mibi rebquis- 
que nostris, ut abqua causa proficiscendi bonesta 
quaereretur. Hoc 8 se impetraturum pollicitus est; 
nec tamen impetraturum confido: tanta est bo- 
minum insolentia et nostri insectatio. Ac o si de- 
derint quoti petimus, tamen paullo post futurum 
puto, ut bostes iudiceraur, aut aqua et igni no- 
bis interdicatur ^°. Quid ergo est, inquis, tui ccn- 
sibi? — • Dandus est locus fortunae 5 cedendum ex 
Itaba; migrandum Pibodum, aut abquo *^ terra- 
rum arbitror. Si raebor casus fuerit, revertemur 
Romani; si mediocris, in exsibo vivemus; si pes- 
simus , ad novissima auxiba descendemus ". Suc- 
curret ^3 fortasse boc loco alieni vestrum: Cur 
novissiuium tcmpus exspectemus 4 potius, quam 
nunc aliquid moliamur? - — Quia ubi consistamus, 
non babenuis, pracLer Sex. Pompeium et Bassum 
Caecilium '^; qui mibi videntur, boc nuntio de 
Cassare allato , firmiores futuri. Satis tempore ^^ 



Ali. di R. 709 LETTERA DCLXXXVI. ny 

(licea di non potermi dar la provincia ^j e che non 
credea che in tanto accenditnento d'animo de' soldati 
e della plebe potesse alcuno di noi rimanersi in Roma 
sicuro. Delle quali cose l' una e l'altra esser falsa, credo 
bene che voi veggiate 4^ sì quello esser vero che dice 
Irzio, Antonio temere che per ogni poco di credito che 
noi avessimo nella città, essi rimarrebbono deserti di 
tutto. Essendo io dunque in tale distretta, ho creduto 
bene dimandare una libera legazione per me ^ e pe' 
rimanenti de' nostri, procacciando una onesta cagione 
d'andarcene. Egli mi promise di accattarmela^ uè però 
mi confido che gli debba venir fatto : tanta è la costoro 
temerità e la persecuzion fattaci addosso. Ma eziandio 
che ne fosse conceduta la petizione, io m'aspetto però 
che noi siamo giudicati i-ibelli , e interdetti d' acqua e 
di fuoco. — Che pensi dunque di fare? direte voi. — 
Dar luogo alla fortuna; uscire d'Italia, passai'e a Ro- 
di ^, o dove altro che sia del mondo. Se la cosa pigli 
stato migliore, torneremo a Roma^ se di mezzo, sta- 
remo in esiglio^ se rovinato ogni cosa, ci getteremo 
al partito de' desperati ". ÌMa qui replicherà alcuno di 
voi: Or che aspettar il fin dell'affare? e non anzi te- 
sté tentar qualche colpo? — Egli è perchè io non ho 
dove pigliar posta, da Sesto Pompeo ^ e da Basso Ce- 
cilio in fuori; i quali a questa novella di Cesare pian- 
teranno (credo io) il chiodo più addentro j ed io sarò 



'J'S EPlSi'OLA DCLXXXVI. A. V. C. 709 

ad eos accedemus, ubi^ quid valcaut , scieriinus. 
Pro Cassio et te, si quid me velitis recipere^ re- 
cipiam. Postulat eniin hoc Hirtius, ut faciarn. 
Piogo voSj quani primuin mihi rescribatis ( nani 
non dubito, quia bis de rebus ante horam quar- 
tam »7 Hirtius me certiorem ^^ sit facturus), queni 
in locum convenire possinius. [Quo me velitis 
venire, rescribite ] '9. Post novissinmm Ilirtii ser- 
nioneni placituni est mihi postuhu'e , ut bceret 
nobis esse Romae pubUco praesidio- quod illos *<> 
nobis concessuros non puto. Magnani enini invi- 
diam iis faciemus ^^. Nihil tamen non postulan- 
duiii putavi, quod aequum esse statuerem. 



DGLXXXVII. 



(Ad Ail.XiV,7) 



yligiinientuin. Qiiaerit, ubi Bintus tutui'us sit; ac de li- 
tciis filli sui, suoque in Graeciam proficisccudi Consilio 
bcribit. 

Scr. in Formiauo A. V. C. DCCIX, WU Kal. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

Postridie Idus Paullum ^ in Gaieta vidi. Is mihi 
de Mario j et de re publica alia quaedam sane 
pessima ^. A te scilicet nihil- nemo enim meo- 
rum ^. Sed Brutum nostrum audio visum sub La- 
imvio. Vbi tandem est futurus? Nam quum reli- 
(jua, tum de hoc scire aveo omnia. Ego ''^ e For- 



An. di R. 709 LETTERA DCLXXXVI. nCf 

sempre a tempo di accostarmi con loro, dopo aver sa- 
puto quanto ben sieno in forze. Se voi vorrete che io 
eatri per Cassio e per te mallevadore di qualche cosa , 
ed io lo farò: perchè Irzio mi conforta di farlo. Io vi 
prego che al più presto mi rispondiate, perchè son 
certo che Irzio prima delle quattro ore verrà a rag- 
guagliarmi. Rispondetemi adunque, là dove noi pos- 
siamo essere insieme, dove vogliate che io venga. Dopo 
l' ultimo abboccamento avuto con Irzio , m' è paruto 
bene dimandare di poter essere in Roma sotto pub- 
blica guardia; ma io non credo che i colali mei debban 
concedere: imperocché noi accattei'emmo loro grande 
odievolezza. Tuttavia non ho creduto lasciarmi tratto 
a dimandare di quelle cose che mi parevano ragionevoli. 



DCLXXXVII. 



e Ad Au. XIV, 7) 



Argomento. Chiede di Bruto dove sarà per ristarsi, e scrive 
delle lettere di suo figliuolo , e del suo intendimento di por- 
tarsi ia Grecia. 



Scritta nel Foriniano l'anno DCCIX, il i5 di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

A' quattordici ho veduto Paolo in Gaeta. Eyii di 
Mario e della Repubblica mi contò certe altre cose ben 
scellerate. Or da te nulla; che non trovasti persona de' 
miei. Ma odo, il nostro Bruto sia stato visto sotto La- 
uuvio. Or dove diavolo vorrà essere.^ imperocché, come 
le altre cose, cosi di questa mi consumo di sapere ogni 
particolare. Questo t'ho scritto io a' iS sull' uscir dei 



So EPISTOLA DCLXXXVll. A. V. C. 709 

ijuano exiens XVII Kal. , ut inde altero die in 
Puteolanum, scripsi haec. A Cicerone inihi literae 
sane TT£-(vo)p.ì'yat ^^ et bene longae. Getera auteiii 
vel fingi possunt ^: tilvcì literarum significat do- 
ctloreii). Nnnc magnopere a te peto, de quo suni 
niipei- tecuin locutus, ut videas ne quid ei desit- 
ìd quum ad officium nostrum pertinet, tum ad 
existimationem et dignitatem- quod idem intellexi 
libi videri 7 omnino. Si ergo est ^, volo mense 
Quintili in Graeciam. Sint omnia faciliora 9. Sed 
quum sint ea tempora, ut certi nibil esse possit, 
quid honestum mihi sit, quid liceat, quid expe- 
diatj quaeso, da operam, ut illura quam hone- 
stissime copiosissimeque tueamur. Haec et cetera, 
quae ad nos pertinebunt, ut soles, cogiLabis* ad 
iiieque aut quod ad rem pertineat^ aut, si nihil 
crit, quod in buccam venerit, scribes. 

DCLXXXVIII. (AJ Alt. XI V, 8) 

j4rgumenlum. Respondet Attici literis, de iis potissimum, 
(juae nuper de re pubi. lesciverat ; petitqiie , ut de 
ouiiiibus dilij^entei" scriuiit. 

Scr, in Sinuessano A. V. C. DCCIX, XVI Rai. Mai. 

CICEUO ATTICO S. 

Tu me iam rebare , quum scribebas, in actis * 
esse nostris : et ^ ego accepi XVII Kal. in de- 



Ali. di R. 709 LETTERA DCLXXXVll. 81 

Fomilaao, donde T altro di volea condurmi nel Poz- 
zuolano. Ebbi lettere da Cicerone, in vero eleganti e 
ben lunghe. Tutto il resto potè essere a un bisogno da 
lui abbellito ^, ma la eleganza del dire mei mostra più 
dotto. Qui è dove con molto studio ti prego, sccoudo 
che testé abbiam ragionato fra noi, che tu vegga che 
nulla gli manchi. Questa è cosa che si partiene sì al 
mio dovere, si al buon nome ed alla digaità^ e veggo 
che tu la senti in tutto con me. Se dunque le cose 
stanno cosi, per lo mese di luglio fo ragione di con- 
durmi in Grecia ^. Mi dicano bene tutte le altre co- 
se ^: ma per essere noi in tal tempo che non si può 
cogliere posta ferma , circa quello che a me sia orre- 
vole, convenevole od utile, fa opera, ti prego, che il 
figliuolo sia per noi colla maggior orrcvolezza e ab- 
bondev olezza trattato. Di questa e delle altre cose che 
a noi possono appartenere, tu, secondo tuo usato, ti 
prenderai pensiero , ed a me scriverai o di quello che 
tocchi il caso presente, ovvero (se nulla ti dia innanzi) 
di ogni cosa che ti verrà in bocca. 

DCLXXXVIII. ,AdAtt.XiV.8; 

Argomento. Dà risposta alle lellere di Attico, e innanzi di ciò 
che poco prima aveva inteso intorno alla Repubblica, e chiede 
lettere minute d'ogni cosa. 

Scritta dal Sinucssano ranno DCCIX., il 16 di Ajnile. 

ClGEROiNE AD AtlICO S. 

Scrivendo tu, mi facevi già pervenuto nella nostra 
maremma 1 : ed io ebbi la tua a' i5 in un alberghettQ 

Ci e AH. X — Leu. 7; /A. 6 



82 EPISTOLA DCLXXXVIII. A. V. C, 709 

versoriolo Sinuessano tuas literas. De Mario pro- 
be ^^ etsi doleo L. Crassi nepotem 4. Optime, tam 
etiam Bruto nostro probari Antoiiium. Nani quod 
luniani ^ scribis moderate et amice scriptas lite- 
ras attulisse 6, mihi Paullus dedit ad se a fratre 
missas 7- quibus in extremis erat, sibi insidias 
fieri j se id certis auctoribus comperisse. Hoc nec 
mibi placebatj et multo illi minus. Reginae fuga ^ 
mibi non molesta. Sed Clodia quid egerit, scri- 
bas ad me velim. De Byzantiis curabis j ut cete- 
ra j et Pelopem ad te arcesses 9. EgOj ut postu- 
lasj Eaiana negotia ^"j chorumque illum "j de quo 
scire visj quum perspexerOj tum scribam, ne quid 
ignores. Quid Galli ^ quid Hispani, quid Sextus 
agat ^2j vehementer exspècto. Ea scilicet tu de- 
clarabisj qui cetera. Nauseolam tibi tum causani 
otii dedisse j facile patiebar ^^. Videbare enim mibi 
legenti tuas literas requiesse pauUisper, De Bruto 
semper ad me omnia perscribito ^ ubi sit ^ quid 
cogitet : queiu quidem ego spero iam luto \el 
solum tota urbe vagari posse 4. Verumtamen ... ^^ 



DCLXXXIX. (-Ad Ali. XIV, 9) 

/Irgiunfuliiin. Brevitei' piiniuin de domesticis, delude de 
publicis rebus. 



An. di n. -09 LETTERA DCLXXXVIII. 83 

di Sinuessa '. Di Mario ben fatto: quantunque mi duole 
lÌcI nipote di L. Crasso ^. Egregiamente fatto che ezian- 
dio il nostro Bruto sia così soddisfatto di Antonio 1 
luipeiocchè, quanto a ciò che miserivi, Giunia ^ aver 
periato lettere piene di moderazione e di amorevolez- 
x.ì. .sappi, Paolo ^ mandò a me quelle che gli scrive il 
fratello^ nel cui fine era scritto, come gli era insidiato 
alla vita- e ciò saper lui di buon luogo. Ciò non pia- 
ceva a me 7, ed a lui molto meno. Che la Regina sia 
fuggita, non mi duol troppo ^^ ma tu mi scrivi quello 
che Clodia abbia fatto. De' Bisantini 9 sarà tua la cu- 
ra , come del resto , e farai venire a te Pelope '°. Io 
circa gli affari di Baia , di che mi domandi , e quel co- 
ro '' di che vuoi sapere, te ne scrivci'ò poi che ne 
abbia saputo il fermo , acciocché nulla ti resti a sape- 
re. Io mi muoio d'essere informato, quello che si fac- 
ciano i Galli, gli Spagnuoli, e che Sesto: e ben sarà 
tua cura di chiariruiene, come del resto. Che uno sde- 
guuzzo di stomaco t'abbia dato cagione di starti in- 
darno, leggermente mi son passato: avendo io veduto 
dalle tue lettere che tu ti eri ben riposato. Di Bi'uto 
scrivimi sempre ogni particolare^ dove egli sia, quello 
cbe mulini : e certo io spero , lui poter oggiuiai an- 
che solo andar aLorno per tutta lìuma. Ma non per 
questo .... 



DCLXXXrX. 



(A-l Alt. XIV, 9) 



Argomento. Di fretta primamente de' domestici, poi du' pub- 
blici affali. 



84 EPISTOLA DCLXXXIX. A. V. C. 709 

Srr. Puteolis A. V. C. DCCIX , XV Kal. Mai. 

CICERO xVnico s. 

De re pnblica ' multa cognovi ex tnis literis ^ 
quas quiclern multiiuges ^ accepi uno tempore a 
Vestorii liberto. Ad ea antem . quae requirisj bre- 
vi ^ respondebo. Primum vebementer me Giu- 
liana delectaiit. Sed quod quacris^ quid arcessie- 
rim Chrysippum 4 : tabernae mihi duae corrueruntj 
reliquae rimas aguut. Itaque non solum inqui- 
lini^ sed mures etiain migraverunt. Hanc ceteri 
ealamitateni vocant ; ego ne incommodum qui- 
dem. O Socrates , et socratici viri ! numquam 
vobis graliam referam ^. Dii immortales , quam 
inihi ista prò nìhilo! Sed tamen ea ratio aedifi- 
candi initur, consiliario quidem et auctore Vesto- 
rioj ut hoc damnum quaestuosum sit ^. Ilic turba 
magna est, eritque, ut audio, maior. Duo quidem 
quasi designati 7 consules. O Dii boni! vivit ty- 
rannisj tvrannus occidit! Eius interfecti morte lae- 
tamur, cuius facta defendimus! Itaque quam se- 
Aere nos M. Curtius ^ accusat, ut 'pudeat vivere: 
neque iniuria- nam mori millies praestitit, quam 
liaec patij quae mihi videntur habitura etiam ve- 
tustatem 9. Et Balbus hic est, multumque mecum: 
ad quem a Vetere ^° literae datae pritbe Kal. la- 
nuar., quum a se Caccili us " circumsederetiir, et 



Au. .li II. 709 LETTERA DCLXXXIX. 85 

Scritta da Pozzuolo Tanno DCCIX, il 17 di Aprile. 

GICEROiXE AD ATTICO S. 

Molte notizie della Repubblica mi diedero le tue let- 
tere di vario genere, le quali mi furono dal liberto di 
Vestorlo consegnate ad un tempo. Risponderò breve a 
quello cbe vuoi sapere. La prima cosa, i beni di elu- 
vio mi furono schietto mele. Quanto al dimandarmi 
ohe fai , perchè abbia io fatto venire Crisippo , sappi , 
due botteghe mi son rovinate, e le altre sono screpo- 
late: di che non solo i pigionali, ma eziandio ì sorci 
ne sono andati ^ La gente ci pongono nome disgra- 
zia: io nò anche uno sconcio. Socrate! o uomini 
Socratici I io non potrò mai rendervi degno cambio ^. 
Oh Dii immortali! come sono a me niente coteste co- 
se! Tuttavia si è preso a rifabbricare per forma (e ciò 
per consiglio ed autorità di Vestono) che questo danno 
ci frutterà. Qui è gran discorrimento di gente, e (a 
quel che dicono) V avremo via più. E già son dise- 
gnati quasi i due consoli ^. bontà degli Dei ! è morto 
il tiranno, e vive la tirannia! noi ci godiamo che egli 
sia morto ammazzato, e tuttavia manteguiamo le cose 
fatte da luil II perchè quanto pungenti rimproveri ci 
fa M. Curzio' 4 tanto che di vivere ci versromiamo: e 
non a torto: che mille volte era meglio morire, che 
tollerare di queste^ e. se non fallo, elle vogliono an- 
che aver lunga vita. Egli è qui Balbo, ed è in casa 
mia il più del giorno. Egh ebbe, l'ultimo di dicembre, 
lettere da \ etere, essendo Cecilio da lui asserragliato. 



86 EPISTOLA DCLXXXIX. A. V. C. 709 

iam teneretur: venisse cuni maxìmis copiis Paco- 
rum Parthum- ita sibi esse eiim ereptum^ iiiullis 
siiis amissisj in qua re accusat Volcalium ^^. iLa 
milii videlur bellum illud instare. Sed Dolabella 
et Nicias viderint '3. Idem Balbus meliora de Gal- 
lia. XXI die literas habebatj Germanos illasqne 
nationes, re audita de Caesare^ legatos misisso 
ad Aurelium j qui est praepositus ab Hirtio^ se, 
quod itnperatum esset, esse facturos. Quid (juac- 
ris? omnia piena pacis^ aliter ac mibi Calvena '4 
dixerat. 



DCXC. 



(Ali Alt. XIV, io) 



Argumenlum. Queritur, acta Caesaiis, omniaque eius pro- 
,iTiissa et cogitala post iiecem plus valere, quam si vi- 
veret. Adiicil alia de itinere suo, de Cluviano, de Q. 
fratris adver.<ius filiiini (juerelis. 

Sor. il) F'.ilrolano A. V. C. DGCIX , Xlll Kal. Alai. 

CICERO ATTICO S. 

Itane vero? boc meus et tuus Brutus egit, ut 
Lanuvii esset? ut Trebonius itineribus deviis pro- 
ficisceretur in provinciam ? ' ut omnia facta, .scri- 
pta, dieta, j)romissa, cogitata Caesaris pbis vale- 
rent, quam si ipse viveret? Meministi me ^ clamare, 
ilio ipso primo Capitolino die ^, senatum in Capi- 
tolium a praetoribus vocali? 4 Dii immortale.s ! 



An. di R. 709 LETTERA DCLXXXIX. 87 

e per poco 1' avea nelle mani ^. Scrive essere soprag- 
giunto Pacoro con gran gente di Parti ^ e così essergli 
stato cavato dalle mani, avendo perduto molti de' suoi^ 
di che egli dà colpa a Volcazio ^. A questo modo noi 
avremo già quella guerra: ma Dolabella e Nicia fac- 
cian eglino 7. Esso Balbo in ventun giorno ebbe mi- 
gliori novelle di Gallia: aver i Germani e quegli altri 
popoli ( udito il caso di Cesare ) mandato ambascia- 
dori ad Aurelio, postovi in capo da Irzio ^, proffe- 
rendosi di fare ogni cosa che fosse lor comandata. Che 
ne vuoi tu? Tutto è pace, il rovescio di quello che 
m" avea detto Calvena 9. 



DCXC. (Ad Att. XIV, io) 

Argomento. Lamenta che gli atti di Cesare, e gli impromessi e 
i pensieri abbiano piìi forza dopo la morte di lui, che pri- 
ma. Aggiugne alcun che del suo viaggio, de' beni di Gluvio, 
e dei lamenti di Quinto fratello verso del figliuolo. 



Scritta dalla villa di Pozziiolo l'anno DCCIX , il 19 di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Così, eh? così? sì bel colpo fece il mio e tuo Bruto, 
per dimorarsi a Lanuvio? pei-chè Trebonio ' per tra- 
getti di via si conducesse nella provincia? perchè tutti 
i fatti , i delti , le promesse , i divisamenti di Cesare 
avessero piìi di forza, che essendo lui vivo? ^ Or ti 
ricorda egli 11 gridare che io ho fatto: Adesso, in ({uc- 
sto primo dì Capitolino, debbono i pretori ragunar il 
Senato nel Campidoglio?^ Deh! immortali Dei! che 



88 EPISTOLA DCXC. A. V. C. 709 

qiiae tum opera efTìci potuenintj laetaiitlbus omni- 
bus ])onls , etiam sat bonis^ fraclis latronibus ? 
Liberalia ^ In accnsas. Quid fieri tum potuit? lani 
pridem perieramus. Meministine le clamare, cau- 
sam periisse, si funere elatus essot?^ At ille eliain 
in foro oombustus, laudalusque miserabiliter; ser- 
viqne et egentes in tecta nostra cum facibus im- 
mit'si. Quae deinde? ut audeant dicere: «< tune 
« contra Caesaris nutum? » Haec et alia ferro 
non possum. Itaque ynv -rA j?r~ 7 cogito. Tua ta- 
men ^'j-ycjìv.ioi^ . Nausea iamne piane abiit? milii 
quidem ex tuis literis coniectanti ita videbatur^. 
Redeo ad Tebassos , Scaevas, Frangones ^°. Hos 
tu existimas confidere se illa ^' babituros, stan- 
tibus nobis ? in quibus plus virlutis putarunt , 
quam expcrti sunt. Pacis isti scilicet amatores , 
et non latrocinii auctores ? At ego quum tibi de 
Curtilio scripsi '^^ Sextilianoque fundo, scripsi do 
Censorino , de Messala ^^, de Fianco , de Postu- 
rnio , de genere tolo. Melius fuit periisse, ilio in- 
terferlo, cjuod numquam accidisset ^4^ quam baec 
viderc. Octavius Neapolim venit XIIII Kal. : ibi eum 
Balbus mane postridie • eodeiiKjue die mecum in 
CmnanOj illum hereditateni aditurum '^. Sed , ut 
.sfril)i.s j rj:iY''j'-z'ìrj i6 magnam cum Antonio. Bu- 
ibrolia mibi tua res est ^7, ut debet, eritque cu- 
rae. Quod quaeris, iamne ad centena Cluvianum '^; 
adventare videi ur; sed primo anno LXXX detcr- 



An. lU R. ;o9 LETTERA DCKC, 89 

belle opere ci poteano venir fatte allora! che giubila- 
vano tutti i buoni , ed eziandio i non buoni del tutto , 
ed erano fiaccati i ladroni I Tu ne dai colpa alle feste 
di Bacco 4. Che potea farsi allora? che già eravamo 
buon tempo pi'ima disfatti? ^ Ti ricorda ora quando 
tu gridavi: Se gli è fatto il funerale, noi siain perdu- 
ti?^ — Ed ecco, nel foro egli è stato arso^ ebbe un 
panegirico che trasse le lagrime 7- servi e paltonieri 
cacciati nelle case nostre col fuoco. Dopo ciò, che è 
seguito? tanto, che hanno l'ardimento di dire: " Zil- 
« tirai tu contro un- cenno di Cesare ? w Siffatte ed 
altre cose non posso io patirle: e però penso mutar 
paese. Ma dimmi, quel tuo sdegno di stomaco ha egli 
preso commiato del tutto? certo le tue lettere mei te- 
cero per avviso congetturare. Torno a' TebassI , agli 
Sceva, a' Frangoni ^. Pensi tu che egli sperino dover 
possedere que' fondi, padroneggiando noi? ne" quali 
essi s' aspettavano trovare più di viriù che non ispe- 
rimentarono? cotesti amatori, dico io, della pace, e 
non autori del ladrocinio? Quanto a me. (piello ch'io 
tMio scritto di Curtilio 3, e del poder di Sestilio, tu 
intendilo pure, eziandio di Censorino '", di Messalla ", 
di Fianco, di Postumio 1^, di tutta quella genia. Me- 
glio era, lui ucciso, esser morti (e fosse pure avvenu- 
to '^ ) , che veder quello che noi veggiauìo. Ottavio 
venne a Napoli a' 18 del mese: quivi Inalbo fu con 
lui la mattina seguente", e '1 di medesimo fu da me nel 
Cumano, a dirmi che il Sere piglierebbc la possessione 
dell'eredità ^'i: ma, come tu scrivi, gran batosta con 
Antonio ^■\ L'affar tuo di hutroto m' è e sarà a cuore, 
come è il dovere. Quanto a quello che vuoi sapere, se 
al presente i beni di Cluvio oggiriiai mi i-ispondano a 
centoraila sesterzi, e' mostra che il flcbban Taw: <li 



90 EPISTOLA DCXC. A. Y. C. 709 

simus. Q. pater ad me gravia de filio , maxime 
quod mafri nunc indnlgeat . cui antea bene me- 
renli ftierit inimicns ^9. Ardentes in eum literas 
ad me misit. Illeso antem quid agat^ si scis. nc- 
que dum Roma es profeclus, scribas ad me ve- 
lini- et bercule, si quid aliud. Veheraenter dele- 
ctor Luis literis. 



DCXCI. (Ad Ali. XJV, ji) 

ÀrguììirnUim, Queritiir, interfecto Caesare, se libeios non 
esse. Addit quaedam de Cicerone filio, de Butlnotiis , 
de Cluviano, de Octavii ad veni u. 

Scr. Pulcoìis A. V. C. DCCIX , XII Kal. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

Nudius tertius dedi ad te epistolam longiorem: 
nunc ad ea, quae proxime ^ \elini meherculr 
Asturae Brutus. 'kvShoi'yiv.v isLorum ^ scribis. An 
censebas aliter? Equidem etiam maiora exspecto. 
Quum eqnidem concionem ^ lego, de taìstto viro, 
DE CLARissiMO GIVI ^ ferie non queo: etsi ista iam 
ad risum. Sed memento : sic alitur consuetudo 
perditarum concionum 4^ ut nostri illi , non he- 
roes ^j sed diij futuri quidcm in gloria sempiterna 
sint, sed non sine invidia ^. ne sine periculo qui- 
dem. Verum illis magna consolatio . conscientia 



An. di 11. 7"9 LETTERA DCXC C)i 

corto: ma pel primo anno m' è convenuto sottrarne 
ott'intamlla. Quinto il padre mi disse del figliuolo cose 
assai forti: massime che ora egli va a* versi della ma- 
dre ^^, quando prima meritando ella baci . la nimica- 
va. Mi sci'isse contro di lui lettere di fuoco. Or vorrei 
sapere da te ( se lo sai , e non se' anclie uscito di Ro- 
ma ) quello che egli faccia, e per Giove, ogn" altra 
cosa che tu ti avessi. Le tue lettere mi riescono un 
zucchero di tre cotte. 



DCXGI. 



(A,l Att. XIV, f, ) 



j4rgoinriilo. DuoIp Hip, nrriso Ccsarf, essi non si trovano rin- 
cora lilxMi. Aggiiigne qualcosa del figlinolo Cicrrone, tlcl 
negozio ili Bulrolo, di Cliivio, e dtirarrivo di Ottavio. 



Si'iilla (la Poz/iiolo Tanno DCCIX , il "ìo di Aprile. 

CICEliOxNE AD ATTICO S. 

Ti scrissi ier 1" altro una ben lunga lettera: rispondo 
ora airuUiina tua. Io amerei, tei prometto, che Bruto 
fosse in Aslura. Tu mi scrivi della costoro sfrenatezza. 
Ohi aspettavi tu altro? quanto a me, eziandio di peg- 
gio, ili fede mia, quando leggo nella diceria, DE TANTO 
ì ino. DE cu RISSIMO Ciri ^ non posso stare alle mos- 
se:^ vScbbene oggim;:i (jiieste cose fanno ridere. Ma tieni 
a niente : a ([uesla maniera si va tenendo calda V u- 
sanza di questi maladetti parlari:^ cotalchò que' nostri, 
non eroi, lua iddìi, vorranno bensì vivere con gloria 
immortale, ma uuu senza odievolexza , e uè anche senza 
pc;i'icolo: quantunque essi senza fiae saran consolali 
della coscienza d\'iver fatto un colpo maestro e d in- 



92 EPISTOLA DCXC[, A. V. C. 709 

maximi et clarissimi fa e ti : nobis quae? qui, in- 
terfecto rege, liberi non sumus. Sed baec fortuna 
videritj quoniam ratio non gubernat. De Cicero- 
ne 7, quae scribis, iucunda miJii sunt: velim^ sint 
prospera. Quod vero curae libi est, ut ei suppe- 
ditetur ad usuni et cultum copiose , per mibi gra- 
tum est ^5 idque ut facias, te etiam rogo. De Bu- 
throtiis et tu recte cogitas , et ego non dimitto 
istam curam. Suscipiam ouinem etiam actionem * 
quam video quotidie faciliorem. De Cluviano, quo- 
niam in re mea me ipsum diligentia vincis , res 
ad centena perducitur. Ruina 9 rem non fecit de- 
teriorem j haud scio an iam fructuosiorem. Hic 
mecum Balbus, Hirtius, Pausa. Modo venit Octa- 
vius , et quidem in proximam villam Pbibppi ^'o, 
mihi totus deditus. Lentulus Spinther " hodie 
apud me ; cras mane vadit. 

DCXCII. (AJ Att. X[V, 1-2) 

Arguii, e ntutn. Indignatur, multa quasi ex decrelis Caesaris 
ab Antonio fieri : sperai tamen eo magis de Butrothiis 
confici posse. Deinde de Octavio et coss. designatis. 

Scr. Puteolis A. V. C. DCCJX, X Kal. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

O mi Attice, vereor, ne nobis Idus Mart. nihii 
<]ederjiit praeler laetitiam, et odii poenam ' ao 



An. di R. 709 LETTERA DCXCl. g3 

finita rinomanza: a noi che è restato? da che, avendo 
tolto del mondo il re, non siamo però liberi. Ma que- 
ste cose se le meni pur la fortuna , da che la ragione 
non ne tiene il governo. Care mi sono le cose che tu 
mi scrivi di Cicerone: faccia Dio che riescano eziandio 
a buon fine! La cura poi che tu prendi, che a lui sia 
dato largamente per la vita e pel trattamento, mi ò 
grata quanto esser possa: e che tu voglia farlo , ti 
prego eziandio. Circa le cose di Butroto, e tu fai ec- 
cellente ragione, ed io non me ne getto dietro la cura^ 
anzi me ne piglierò tutto il carico, il quale io veggo 
venirmlsl agevolando tra mano. Quanto a' beni di elu- 
vio (da che tu nelPaffar mio tu mi vinci di diligen- 
za), essi vengono avviandosi a' centomila sesterzi. La 
rovina non ha peggiorato lo stato mio, e non so se 
eziandio vantaggiatolo. Io sono qui con Balbo, Irzlo 
e Pausa. Venne testò Ottavio , e smontò alla casa vi- 
cina di Filippo:^ egli è tutto cosa mia. Lentulo Spiu- 
tere oggi desina a casa mia: domattina se ne va. 



DCXCIL 



(Ad Alt. XIV, 13) 



Argoìnenlo. Ad outa che Antonio faccia ordinamenti e gli at- 
tribuisca a Cesare, spera tuttavolta che si possa terminare 
l'affare de' Butroti. Di Ottavio e de' consoli designati. 



Scritta da Pozzuolo Tanno DCCIX, il 22 di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Io dubito, o mio Attico, non i quindici di marzo non 
ci abbiano apportato altro bene, che T allegrezza e la 
vendetta conceduta al nostro odio ed al nostro dolore. 



94 EPISTOLA. DCXCIl, A. V. C. 709 

doloris. Quae mihi istinc ^ afferuritur ? quae hic 
video? Co TT.oaVcO)^ v.a/:n; akv ^ dreloùi <^i. Scis, quatri 
dlligam Siculos, et quain illatn clieiitelarn hoiie- 
starii iudiceiii ^. Multa illis Caesar, ne({ue me invi- 
to; etsi Latinitas4 erat non terenda; verumtanien. 
Ecce autem Antonius, accepta grandi pecunia, 11- 
xit legem ^, a dictatore cornitiis latani, qua Si- 
culi cives Romani j cuius rei, vivo ilio, mentio 
nulla. Quid? Deiotari nostri causa non similis ? 
Dignus ille quidem omni regno, sed non per Ful- 
viam ^. Sexcenta similia. Veruin illuc referor 7 : 
lani chìraiii, tamque testatam rem, tamque iu- 
stariij Bulhrotiaui, non tenebiuius aliqua ex par- 
te? et eo quidem magis, quo iste plura? ^ Nobis- 
cum hic perhonorifice et ainice Octavius; queni 
quidem sui Caesarem salutabantP, Philippus non i"; 
itaque ne nos quidem; quem '* nego posse bonum 
civem; ita multi circnmstant, qui quidem nostris '^ 
mortem minitantur. Negant liaec ferri posse *\ 
Quid censeSj quum Romam puer ''» venerifc, ubi 
nostri liberatores tuto '^ esse non possunt? Qui 
quidem semper erunt clari; conscientia vero facti 
sui etiam beati. Sed nos, nisi me fallit, iacebimus. 
Itaque exire aveo, ubi fiec Pclopidaruiii ^^, inquit. 
Haud amo vel hos desigilatos '7, qui etiam decla- 
mare me coègerunt ^S, ut ne apud aquas quidem 
acquiescere liceret. Sed hoc meae nimiae facili ta- 
tis. Nani id erat quondam quasi necesòc: nuiic , 



An.diR. 709 LtilTEKÀ DCXCll. q5 

Doh! che uovelle mi vengono di costà! che cose veggo 
io quii Oh impresa gloriosa veramente ^ ma tronca! 
Tu sai bene che io porto a' Siciliani , e quanto di tali 
clienti io mi tenga onorato. Cesare donò loro assai, né 
già conti'O la mia volontà (quantunque la Latinità noti 
era da comportai-la tuttavia^). Or ecco Antonio, avu- 
tone un ingoffo d'oro, incise la legge 2, portata ne' 
comizi dal dittatore, che faceva i Siciliani cittadini di 
Roma^ della qual cosa, lui vivo, non era stato par- 
lato mai. E che? non fu di questa fatta medesima la 
causa del nostro Deiotaro? Or egli era ben degno di 
ogni monarchia^ ma non per opera di Fulvia ^. E di 
questo genere altre senza numero. Ma io vado a finir 
qua : Non potrem noi mantenerci , almeno in parte , 
una ragione sì chiara e da tanti testimoniata e tanto 
giusta? dico quella di Butroto: e tanto più, dico io, 
quante più cose fa costui .' — Ottavia è qui con noi , 
ti'attato a sommo onore e cordialmente^ i suoi vera- 
mente lo appellano Cesare 4, non Filippo ^^ onde né 
io altresì. Io dico , lui non poter essere buon cittadi- 
no: tanti ha egli attorno, che in fatti bandiscono a' 
nostri la croce. Dicono, queste non esser cose da tol- 
lerare. E che pensi tu che vogliano fare, venendo il 
giovane a Roma ? dove i nostri liberatori non, possono 
viver sicuri? Ma egliuo saranno sempre gloriosi, e per 
la coscienza del fatto da loro, beati eziandio^ ma noi 
(se uuu m'inganno) saremo nulla. Per questo io mi 
muoio di uscire di qua , dove né de' Pelopidi ^ si fa 
cenno, come dice colui. Ma nò eziandio questi con- 
soli disegnati amo io troppo, i quali mi costrinsero 
fare il declamatore 7, per non lasciarmi un po' di ri- 
poso uè anche lungo il mare ^. 3Ia mio diuino, che 
son troppo coiidcsccndeute: imperocché fu già tempo 



g6 EPISTOLA. DCXCII. A. V. C. 709 

quoque modo se res habetj non est item. Quam- 
quam »9 dudum nihil habeo, quod ad te flcribain; 
scribo tamen, non ut delecter ^^ bis literis, sod 
ut eliciam tuas. Tu, si quid erit de ccterisj de 
Bruto utique, quicquid ^'. Haec conscripsi X Kal. 
accubans ^' apud Vestorium, bominem remotuiu 
a dialecticis; in aritbmeticis satis exercitatuni *'. 



DCXCIII. 



Ali Ah. XiV, i3) 



Argiimentum. Rogai, ut seciun dtliberet , iitniin sibi iu 
Graeciam proficiscendum sit, aii in Italia iiiaiicndum . 
addit qiiaedatn de Q. fratre ; et mitlil scri[)tae ab An- 
fouio ad se epistolae suaeque responslonis excnipluin. 

Scr. Puteolis A. V. C. DCCJX, VI Kal. Mali. 

CICERO ATTICO S. 

Septimo denique die literae mibi ledditae sunt, 
quae erant a te XIII KaL dataej quibus quaeris^ 
atque etiam me ipsum nescire arbitraris, utruni 
magis tumulis prospectuque », an ambulatione «/'- 
ToVcT delecter. Est mehercule* ut dicis , utriusque 
loci tanta anioenitas, ut dubitem, utra antepo- 
iienda sit: 

. . . 'A^X' C1J èoLiróg eTiyifiXzov efjycf. peay^XcV. 
'AÀÀà }.ir,v ^.éycc 7ri^|jt.a, ùtozpe(pègy ihopóaìvrii 
àtì'ìitxiv. év èc'.Yì oc ac/M7Ì'j-iy, vi ffXcXé^^ci '. 



An. di R. 709 LETTERA DCXCII. gn 

che m'era gluocoforza di farlo ^ al presente (sia come 
vuole essere) uou è così. Egli è uu pezzo che non ho 
cosa da scriverti |, e nondimeno ti scrivo , non per do- 
verti dar diletto delle mie lettere, ma per cavar delle 
tue. Tu di ogni cosa scrivi^ se hai nulla di Bruto, chec- 
ché siasi. Queste cose ho scritto a' 22 a tavola a casa 
di Vestorio , uomo che dalla dialettica è lontano le mille 
miglia^ quanto a ragioni è in casa sua 9. 



DCXGIII. 



(Ad Alt. XIV, i3) 



Argomento. Lo prega che dehheri seco se dehha andarsene in 
Grecia, o rimanersi in Italia; aggiugne alcun che di Quinto 
fratello, e manda la copia della lettera di Antonio a sé, e 
della sua ad Anlouio. 



Scritta ila Pozzuolo l'anno DCCIX, il aS di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Finalmente dopo sette di ho avuto le tue lettere 
de' 28 del mese^ nelle quali mi dimandi, e credi non 
sapere io medesimo , di che pigli io maggior diletto , 
se de' rialti donde è aperta la vista, o del passeggiare 
sul piano. Veramente tanta è, come tu di', l'amenità 
dell' un sito e dell' altro , che non so a cui dare la 
mano. Se non che non mi cale troppo del godermi 
de' dolci pranzi ^ anzi reggendo lo sterminio da Giove 
mandatoci, siamo in paura, e non sappiam bene se 
noi siamo vivi o morti ^. Couciosslachè sebben tu mi 



Cic. A'. — Uà. 1. /A. 



gS EPISTOLA DGXCIII. A. V. C. 709 

Quamvis enim tu magna ^ et mihi iucunda scri- 
pseris de D. Bruti adventu ad suas legiones 3, in 
quo spem maximam video: tameii, si est bellum 
civile futurum, quod certe erit^ si Sextus 4 in ar- 
mis permanebit^ quem permansurum esse certo 
scio 5 quid nobis faciendum est ^j ignoro, Neque 
enim iam licebitj quod Caesaris belio licuit, ne- 
que liuCj neque illuc ^. Quemcumque enim haec 
pars perditorum laetatum morte Caesaris puta- 
bit 7 (laetitiam autem apertissime tulimus omnes), 
buno in bostium numero liabebit : quae res ad 
caedem maximam spectat. Restat^ ut in castra 
Sexti, autj si forte, Bruti nos conferamus. Res 
odiosa et aliena nostris aetatibus, et incerto exitu 
belli- et nesciOj quo pacto tibi ego possim ^j mibi 
tu dicere: 

Té/.vcv èu.òv j cu tot èé^orai Tcde^riTcc épya^ 
AXaù Qijy l^epóevra iì,zTÌpyto ipycf. \6yoio 9. 

Sed baec fors viderit, ea, quae talibus in rebus 
pluSj quam ratio , potest. Nos autem id videa- 
muSj quod in nobis ipsis esse debet, ut quicquid 
accideritj fortiter et sapienter f'eramus, et acci- 
disse iiominibus meminerimusj nosque quum mul- 
tum literaej tum non minimum ^° Idus quoque 
Martiae consolentur. Suscipe nunc meam deli- 
berationem, qua solicitor: ila multa veniunt in 
mentem in utrajuque partem. Proiiciscor. ut con- 



An. Ji R. 7°» LETTERA DCXCllI. qq 

facci sperare di cose grandi e di care sopra la veauta 
alle sue legioni di D. Bruto =*^ nel che veggo io assais- 
simo da sperare: tuttavia, se e"* debbe seguir la guerra 
civile ( che dovrà certo , se Sesto manterrà la guer- 
ra, di che mi tengo sicuro), non veggo partito da 
prendere. Imperocché noi non potremo (come si potè 
nella guerra di Cesare) voltarsi qua né là, Gonciossia- 
chè chiunque cadrà in sospetto a questa parte di scel- 
lerati, di essersi rallegrato della morte di Cesai'e (or 
questa allegrezza abbiamo tutti portata sul viso), co- 
tale sai'à da loro giudicato nemico^ il che riuscirà ad 
una orribile carnificina. Non ci resta dunque altro luogo 
che nel campo di Sesto , ovvero ( se sia possibile ) di 
Bruto: cosa odiosa e troppo disadatta alle nostre età* 
ed anche incerto è 1' esito della guerra. E non so io 
come io a te, e tu possa a me diie: O mio figliuo- 
lo, non sono per te le opere della guerra ^y anzi tu 
attendi alle pacifiche della eloquenza 4. Ma queste cose 
sono in mano alla sorte, nelle quali essa meglio vale 
che la l'agione. Ora a noi sta di provvedere (per quella 
parte che tocca a noi ) di portarci , avvenga qui o 
qua, con fortezza e sapienza, e di ricordarci ciò es- 
sere ad altri avvenuto^ e intanto sì colle lettere molto, 
e si colle idi di marzo non poco, andar consolandoci. 
Ora odi la mia deliberazione, per la quale sono an- 
gustiato. Vommene io, come aveva proposto, legato 



100 EPISTOLA DCXCIII. A. V. C. 703 

stituerarrij legatus in Graeciam? " caedis impen- 
dentis periculum nonnihil vitare videor^ sed casu- 
rus in aliquam vltuperationem, quod rei publicae 
defueiim tam gravi tempore. Sin autera mansero, 
fora me quidem ^^ video in discrimine 5 sed acci- 
dere posse suspicor, ut prodesse possim rei pu- 
blicae, lam illa Consilia privata sunt, quod sentio 
valde esse utile ad confirmationem Ciceronis , me 
illuc venire: nec alia causa profectionis milii ulla 
fuit timij quum consilium cepi legari ab Caesa- 
re ^3. Tota igitur hac de re, ut soles, si quid ad 
me pertinere putas, cogitabis. Redeo nunc ad epi- 
stolam tuam. Scribis enim esse ruraores^ me, ad 
Jacum quod babeo '4, venditurum • minusculam 
vero villaui utique Quinto traditurum, vel im- 
jìenso pretio ^^, quo introducatur, ut tibi Quintus 
fdius dixerit, dotata Aquillia. Ego vero de vendi- 
tione nibil cogito, nisi quid, quod magis me de- 
lectet, in venero. Quintus auteni de emendo nihil 
curat lioc tempore. Satis enim torquetur debitione 
dotis ^^: in qua mirificas Egnatio ^7 gratis agit. A 
ducenda autem uxore sic abliorret, ut libero le- 
ctulo neget esse quicquam iucundius. Sed baec 
quoque bactcnus. Redeo enim ad miseram , seu 
nullara potius rem publicam. M. Antonius ad me 
scripsit de restitutione Sex. Clodii ^^: quam ho- 
norifice, quod ad me attinet, ex ipsius literis co- 
gnoscesj misi enim til^i exemplum : quam disso- 



An. di R. 709 LETTERA DCXCIU. lOI 

in Grecia? ^ Veramente io darei qualche po' di vista 
di sottrarmi al pericolo della strage che è in aria- ma 
io ne acquisterei qualche biasimo , perchè in un tempo 
sì tempestoso alla Repubblica io fossi mancato. Che se 
lo rimango , ben veggo io mal passo in che mi troverò ^ 
ma e potrebbe anche avvenire (lo spero) che alla Re- 
pubblica potessi far bene. Ora egli era per privato mio 
fine quel mio viaggio : cioè perchè io intendo dover 
essere profittevole a tener Cicerone nel buon filo:^ né 
io ebbi altro perchè dell' andarne , che pur cotesto , 
quando pensai di aver da Cesare una legazione. Adun- 
que sopra tutto cotesto affare tu penserai bene, se ci 
vedi del buono per me. Torno adesso alla tua lettera. 
Mi sci'lvi della voce che è sparsa, che io sia per ven- 
dere il luogo che ho presso al lago^ e la piccola ca- 
setta porre in mano a Quinto (costasse anche un mon- 
do), dove condurre (come ti disse Quinto il figliuolo) 
la ben dotala Aqulllla. Il vero è che di vendere non 
ho un pensiero , salvo se non mi venisse trovato altro 
luogo che meglio mi dilettasse. Quinto poi non pensa 
al presente di ninna compera, avendo assai da tribolar 
per la dote che dee restituire^ nel che egli rende un 
mllioa di grazie ad Egnazlo. Tanto è poi lontano dal 
voler più donna, che dice non esser al mondo cosa 
pili dolce di uno sgombro lettuccio. Ma e di questo 
basti fin qua. Torno alla misera o piuttosto nulla Re- 
pubblica. M. Antonio mi scrisse del ribandire Sesto C'o- 
dio ^. Leggi la sua lettera (che te ne chiudo la copia), e 
vedrai quanto onorificamente verso la persona mia: ma 
e intenderai di leggeri quanto disonestamente, quanto 



102 EPISTOLA DCXCIII. A. V. C. 709 

lute^ quanti turpiter, quamque ita *9 perniciose ^ 
ut nonnumquam Caesar desiderandus esse videa- 
tuFj facile existimabis. Quae enim Caesar niim- 
qiiam ncque fecisset, ncque passus esset, ea nunc 
ex falsis eius commentariis proferuntur ^°. Ego au- 
tera Antonio facillimum me praebui. Etenim ille, 
quoniam semel induxit animum, sibi licere quod 
velletj fecisset nihilo minus me invito. Itaque mea- 
rum quoque literarum misi tibi exemplum. 



ANTONIVS CONSVL S. D. M. CICERONI 

Occupationibus est factum meis, et subita tua 
profectionCj ne tecum coram de liac re agerem. 
Quam ob causam vereor ^, ne absentia mea le- 
yior sit apud te. Quod si bonitas tua responderit 
iudicio meoj quod semper habui de te, gaudebo. 
A Caesare petii, ut Sex. Clodium restitueret : im- 
petravi. Erat mihi in animo etiam tum sic uti 
beneficio eius, si tu concessisses. Quo magis la- 
boro , ut tua voluntate id per me facere nunc 
liceat ^. Quod si duriorem te eius raiserae et af- 
flictae fortunae praebes, non contendam ego ad- 
versus te: quamquam videor debere tueri com- 
mentarium Caesaris ^. Sed mebercule, si huma- 
niter et sapienter et amabiliter in me cogitare 



An. JiR. 709 LETTERA DCXCIII. Io3 

sfrenatamente e eoa quanto danno ^ sicché talora sem- 
bra da desiderare che Cesare torni vivo: imperocché 
quelle cose che Cesare non avria mai né fatto uè tolle- 
rato , quelle medesime si cavano ora da^ falsi suoi strac- 
ciafogli 7. Quanto a me, io me gli sono lasciato menare 
pel naso, pensando che egli (avendo già seco proposto 
di poter fare ogni cosa che gli piaccia) lo avrebbe ben 
fatto, eziandio a mio dispetto: onde leggi anche la co- 
pia della mia lettera. 



A. 

AJ^TONIO CONSOLO A M. CICERONE S. 

Le mie occupazioni, e l'essere tu andatone a rotta, 
mi tolsero di poter teco trattare della presente bisogna: 
onde io non vorrei che P esser io lontano scemasse 
peso alla mia domanda nell'animo tuo. j\Ia se la tua 
cortesia risponda bene al giudizio che ho sempre fatto 
di te , avrò di che consolarmi. Io ho pregato Cesare 
che volesse ribandire Sesto Clodio: l'ottenni. E già fin 
d' allora io aveva proposto di usare di questo suo be- 
nefizio , sì veramente che tu ne fossi contento : onde 
ora via piìi mi preme di poter farlo col ripieno del- 
l'animo tuo. Che se tu mi stia duro alla misera e scia- 
gurata fortuna di lui, non piglierò io a contrastarti : 
sebbeu paia che io sia obbligato di mantenere lo scritto 
di Cesare. I\Ia sono bea certo che, volendo tu operar 
con umanità e saggezza e da farmiti amare, mi ti pre- 



I04 EPISTOLA DCXCIII, A. A. V. C. 709 

visj facilem profecto te praebebis* et voles P. 
Clodium 4j in optima spe puerum repositum ^^ 
existimarej non te insectatum esse, quum potue- 
ris, amicos paternos. Patere, obsecro te, prò re 
publica ^ videri gessisse simultatem cum patre 
eius. Non contemseris hanc familiam. Honestins 
enim et libentius deponimus inimicitias rei pii- 
blicae nomine susceptas, quam contumaciae 7. Me 
deinde sine ad hanc opinionem iam mine diri- 
gere puerum , et tenero animo eius persuadere ^ 
non esse tradendas posteris inimicitias. Quamquam 
tuam fortunam, Cicero , ab omni periculo abesse, 
certura habeo; tamen arbitror, malie te quietam 
senectutem et honorificam potius agere , quam 
solicitam. Postremo meo iure te hoc beneficium 
rogo. Nihil enim non tua causa feci. Quod si non 
impetro, per me Clodio daturus non sumjutin- 
telligas, quanti apud me auctoritas tua sit, atque 
60 te placabiHorem praebeas. 

B. 

CICERO ANTONIO COS. S. 

Quod mecum per literas agis, unam ob cau- 
sam mallem corani egisses ^ Non enim sokim ex 
oratione , sed etiam ex Tultu et oculis et fronte 
(ut aiunt-), meum erga te amorem perspicere pò- 



An.JiR. 709 LETTERA DCXCIII, A. Io5 

sterai pieghevole, e vorrai recar P. Clodio ^, fanciullo 
delle più belle speranze, a credere che tu, avendone 
il modo facile, non hai voluto tribolare gli amici del 
padre suo. DehI soffri, ti priego, che sia creduto, te 
essere stato per amor di Repubblica nemico del pa- 
dre di lui:, e non metterti sotto i piedi questa fami- 
glia, essendo noi soliti con piìi ouor'^ e soddisfazione 
porre giù le inimicizie prese a titolo di Repubblica , 
che di avvcrsion d'animo. Appresso, lasciami avviare 
fino ad ora il fanciullo a questo sentimento, e mentre 
egli è tenero, piantargli in cuore che le inimicizie non 
sono da travasare come per eredità. Or sebbene io sono 
ben certo, la tua fortuna, o Cicerone, essere fuori d'o- 
gni pericolo: tuttavia io penso che tu amerai meglio di 
passarli una quieta ed orrevol vecchiezza , che una tri- 
bolata. Da ultimo, parrai aver ragione di domandarti 
questo favo're* non essendo io mancato mai ad ogni 
tuo piacerei^. Ma se io nou l'impetro, io noi darò 
per parte mia a Clodio : sicché tu dei conoscere c]uanto 
peso abbia appo me la tua volontà: e per questa via 
ti debbo piìi leggermente volgere a' miei piaceri. 



B. 

CICERONE AD ANTONIO CONSOLO S. 

Per sola una cagione avrei io amato meglio trattar 
di presenza la bisogna presente, che per lettere: per- 
chè tu non solo dalle mie parole, ma e dal sembiante, 
dagli occhi e dalla fronte (come è il proverbio) avre- 
sti potuto conoscere il ben che ti porto. Conciossia- 



I06 EPISTOLA DCXClIlj B. A.V.C. 709 

tuis.ses. Nam quum te semper amavi, primum tuo 
studio, post etiam beneficio provocatus ^j tum 
bis temporibus res publica te mihi ita commeii- 
davit ^y ut cariorem babeam neminem. Llterae 
vero tuae , quum amantissime , tum bonorificen- 
tissime scriptae, sic me affecerunt, ut non dare 
libi beneficium viderer, sed accipere a te, ita pe- 
tente, ut inimicum meum, necessarium tuum, me 
invito servare nolles, quum id nullo negotio fa- 
cere posses. Ego vero tibi istuc^ mi Antoni, re- 
mitto* atque ita, ut me a te, quum bis verbis 
scripseris , libéralissime atque bonorifìcentissime 
traetatum existimem: idque 4 quum totum, quo- 
quo modo se res baberet , tibi dandum puta- 
remj tum do etiam bumanitati et naturae meae. 
Nibil enim umquam non modo acerbum in me 
fuit, sed ne panilo quidem tristius, aut severius, 
quam necessitas rei publicae postulavi!. Accedit, 
ut ne in ipsum quidem Clodium meum insigne 
odium fuerit umquam; semperque ita statui, non 
esse insectandos inimicorura amicos, praesertim 
bumiliores ; nec bis praesidiis nosmet ipsos esse 
spoliandos. Nam de puero Clodio tuas partes ^ 
esse arbitror, ut eius animum tenerum, quemad- 
modum scribis , bis opinionibus imbuas , ut ne 
quas inimicitias residere in familiis nostris arbi- 
tretur. Contendi cum P. Clodio, quum ego pu- 
bbcam causam, ille suam defenderet. Nostras con- 



Ab. <li T^. 7^^ - LETTERA DCXCllI. B. 1 OT 

che, ìse sempre io t' ho amato, prima dall'affetto tuo '", 
poscia provocato eziandio dal tuo benefizio^ in questo 
tempo singolarmente la Repubblica " mi ti ha per 
forma raccomandato , che io non ho al mondo per- 
sona di te più cara. Le tue lettere poi, piene di tutto 
amore e di onorificenza, m'hanno commosso per for- 
ma, che e' non mi sembra dare a te, ma da te rice- 
vere bene'fìzio^ non volendo tu, in quel medesimo che 
me ne prieghi , salvare quel mio nemico , tuo amico , 
contro mia voglia, quando tu potevi farlo senza uà 
pensiero del mondo. Io dunque, o mio Antonio, ri- 
metto la cosa nel tuo piacere , sì veramente che ( alle 
parole che tu usi nella tua lettera) io mi tengo da te 
splendidissimamente ed orrevolissimamente trattato: e 
credi, questa cosa medesima (come che ella si fosse) 
io giudicherei dover fare sì per risjietto di te, e sì 
della mia natui'a e dolcezza. Imperocché nulla è jnai 
stato in me non solo di acerbità, ma né eziandio un 
poco di rigido né severo, di là da quello che diman- 
dasse il bisogno della Repubblica. A questo s'aggiugne, 
che né anche contro esso Clodia io portai odio stra- 
ordinario , ed ho sempre fatto meco questa ragione : 
non essere da nimicare gli amici dei nemici '^, mas- 
sime gli sventurati^ né da privar noi medesimi di così 
fatti soccorsi. — E ben credo io, quanto alla pei'sona 
del fanciul Clodio , esser tuo ufizio di informare (sì 
come scrivi) l'animo suo tenerello di questi sentimen- 
ti:^ che non creda nelle nostre famiglie essere eterne le 
nimistà. Io fui alle mani con P. Clodio, quando egli 
la causa propria, io manteneva quella della Repubbli- 
ca: e le nostre gare furono terminate col giudizio della 



I08 EPISTOLA DCXCllIj B. A. V. C. 709 

certationes ^ res publica diiudicavit. Si viveret ; 
mihi cum ilio nulla contentio iam maneret. Qua- 
re, quoniam hoc a me sic petis^ ut^ quae tua po- 
testas estj ea 7 neges te me invito usurum- puero 
quoque hoc a me dabis ^, si tibi videbiturj non 
quo aut aetas nostra ab illius aetate quicquam 
debeat peiiculi suspicaii^ aut dignitas mea ullam 
contentionem extimescatj sed ut nosmet ipsi in- 
ter nos coniunctiores simus, quam adhuc fuimus. 
Interpellantibus enim his inimicitiis^ animus tuus 
mihi 9 magis patuit, quam domus. Sed haec hacte- 
nus. Illud extremum »°: ego^ quae te velle^ quae- 
que ad te peitinere arbitrabor, semper sine ulla 
dubitatlone summo studio faciam. Hoc velim tibi 
pe,niLus persuadeas. 

DCXCIV. (Ad Ali. XIV, .4) 

^rgumenliim. i Indignatur, Q. fìlium Parilibus coronatum 
fuisse : 1 expoiiit uberius quid in Caesaris nece deside- 
let ; sublato enim tvranno , tjrannida manere. 

Scr. in Putcolaiio A. V. C. DCGIX, V Kal. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

I Iteradum ^ eadem ista mihi. Coronatus Quin- 
tus noster Parilibus? ^ Parilibus? solusne? etsi 
addis Lamiamj quod demiror equidemj sed scire 
cupio j qui fuerint ^ ahi : quamquam satis scio , 



An. di R. 709 LETTERA DCXCIII, D. lOQ 

Repubblica. Se egli tuttavia vivesse, nulla mi rimar- 
rebbe di che seco combattere. Per lo che, dimandan- 
domi tu questa cosa sotto tal condizione, che centra il 
piacer mio tu non useresti del potere che hai però in 
mano , e tu ne farai al fanciullo la concessione , se 
così ti pare, anche in mio nome ^^: non già perchè 
l'età mia debba dall'età di lui temer punto di male, 
né che la mia dignità tema di qualunque opposizio- 
ne^ ma per istringere via piìi fra noi due la nostra 
amicizia, che fino a qui non è stata ^ imperocché, iu 
grazia di questi interrompimenti di inimicizie, il tuo 
animo mi fu meglio aperto, che non la casa. Ma ba- 
sti di ciò. Farò fine dicendo : Ogni cosa che io credo 
di tuo piacere o comodo, scmpremai senza dubbio al- 
cun farò io con tutto 1' ardore. — Vorrei che questa 
ci'edenza ti ribadissi bene nel cuore. 



DGXCIV. 



(Ad Att. XIV, 14) 



Argomento, i Si sdegna che il figliuolo Quinto sia stato coro- 
nalo nella festa di Pale; 2 spone più largamente quello che 
avrebbe desiderato nell'assassinio di Cesare; giacché tolto 
il tiranno, resta ancora la tirannia. 

Scritta dalla villa di Pozzuolo Fanno DCCIX, il 27 di Aprile. 

CICERONE AD ATTICO S. 

1 Dillorai un' altra volta ^ Il nostro Quinto fu co- 
ronato eh.^ per le feste Parili? per le Parili?* e fu egli 
solo? sebbene tu ci metti anche Lamia^ di che in vero 
stupisco. Ma vo' sapere se altri ve n'ebbe: qucUilun(|ue 



110 EPISTOLA DC.VCIV. A. V. C. 703 

nisi improbum, uemiiieiu. Explaiiabis 4 igitur hoc 
diligentius. 

2 Ego antem casu quum dedissem ad te lite- 
ras VI Kalend. satis multis verbis^ tribus fere 
horis post accepi tuas, et magni quidem ponde- 
ris. Itaque loca tua piena facetiarum de haeresi 
Vestoriana ^, et de Pberionum ^ more Puteolano^ 
risisse me satis , nihil est necesse rescribere 7. Ilc- 
liviyMtepa illa videamus. Ita Brutos ^ Cassiumque 
defendisj quasi eos ego reprehendara- quos satis 
laudare non possum. Rerum ego vitia collegi , 
non hominum. Sublato enim tyranno , tyrannida 
manere video. Nam quac ille facturus non fuit , 
ea fiuntj ut de Clodio 9-^ de quo milii explora- 
tum est y illuni non modo non facturum ^ sed 
etìam ^° ne passurum quidem fuisse. Sequetur Rufio 
Vestorianus "^ Victor numquam scriptus, ceteri , 
quis non? ^' Cui servire ipsi non potuimus, eius 
libellis paremus. Nam Liberalibus *^ quis potuit 
in senatum non venire? ^4 Fac id potuisse aliquo 
modo *^ : num, etiam quum venissemus, libere 
potuimus sententiam dicere? nonne omni ratione 
veterani, qui armati aderant, quum praesidii nos 
nihil haberemus, defendendi *^ fuerunt? Ulani ses- 
sionera Capitolinam '7 mihi non placuisse, tu te- 
stis es. Quid ergo? ista culpa Brutorum? Minime 
illorum quidem; sed aliorum brutorum '^, qui se 
cautos ac sapientes putant; quibus satis fuit lae- 



An. di n. 709 LETTERA DCXCIV. Ili 

SO io bene che, da' birboni in fuori, nessuno. Adun- 
que tu mi fai'ai chiaro di ciò per filo e per seguo. 

2 Ora avendoti io scritto a' 26, e non così bi-eve, 
forse tre ore dopo ricevetti la tua, ti so dire, cosa 
di peso : e non fa eh' io ti scriva quanto abbia riso 
di que' tuoi motti pieni di sapore , circa il dogma di 
Vestorio ^ e dell'usanze de' Ferii da Pozzuolo 4. Ma è 
da entrare in cose più gravi. Tu ti cavi in farsetto 
per difendere i Bruti e Cassio, come se io gli dannas- 
si: quando non ho parole che a lodarli sìeu tante. Io 
ho riandati i difetti del tempo pi*esente , non delle per- 
sone: da che, tolto di mezzo il tiranno, veggo sussi- 
stere la tirannia. Imperocché si fa ora di quelle che 
il tiranno non avrebbe mai fatto ^ come a conto di Clo- 
dio, del quale io son chiaro che egli non pure non 
avrebbe fatto quello che fu, ma ne eziandio tollerato. 
Or verrà dietro Rufione Vestoriano ^, Vittore che non fu 
mai registrato, e degli altri chi fie eccettuato? Quando 
noi non potemmo servire a lui In proprio , serviamo a' 
suoi cartafogli. Dimmi: per la festa di Bacco, chi fu 
libero di non venire in senato? Ma via, fosse anche 
stato comechessia, essendoci anche venuti, potemmo 
noi liberamente dire il nostro parere ? Or non ci fu 
gluocoforza di darla vinta a' veterani, i quali erano 
quivi in arme, e noi senza una persona che ci difen- 
desse? Quanto a me dispiacesse quello starci indarno 
nel Campidoglio, dillo tu stesso. Or che dunque? fu 
egli ciò colpa de' Bruti? no certo di que' cotali, si di 
altri veri bruti ^^ i quali si tengono per la stessa prov- 
Tedenza e saggezza: i quali non ne vollero più che di 



113 EPISTOLA DCXCIV. A. V. C. 703 

tari 5 nonnullisj etiarn gratulari- iiullis, permanere. 
Sed praeterita omittamus: istos *9 omni cura prae- 
sidioque tiieajnur- et, quemadmodum tu praecipis, 
contenti Idibus Mart. simus- quae quidem nostris 
amicis, divinis viris, adituni ad coelura dede- 
runt, libertateni populo Romano non dederurit. 
Recordare tua. Nonne meministi clamare te, omnia 
periisse, si ille funere elatus esset? ^° Sapienter 
id quidem. Itaque , ex eo quae manarint, vides. 
Quae scribis , Kalendis luniis Antonium de pro- 
\inciis relalurum, ut et ipse Gallias habeat, et 
utrisque dies prorogetur: licebitne decerni libere? 
Si iicuerit, Ijbertatcai esse recuperatam laetabor: 
si non licuerit • quid mihi attulerit ista domini 
mutatio , praeter laetitiam, quam oculis cepi in- 
sto interitu tyranni ? Rapinas scribis ad Opis ^^ 
fieri : quas nos quoque tum yidebamus. Nae nos 
fi liberati ab egregiis viris, nec liberi sumus. Ita 
laus illorum est , culpa nostra. Et liortaris me , 
ut historias scribam? ut coUigam tanta eorum 
scolerà , a quibus etiam nunc obsidemur ? Pote- 
rono eos ipsos non laudare, qui te obsignatorem ^* 
adhibuerunt? Nec mebercule me raudusculum ^^ 
movet j sed homines benivolos , qualescumque 
sunt, grave est insoqui contumelia. Sed do omni- 
bus meis consibis , ut scribis, existimo explora- 
tius nos ad fialendas lunias statuere posse* ad 
quas adero , et omni ope atque opera enitar j 



A... di R. 709 LETTERA DCXClV, H3 

rallegrarsi^ alcuni eziandio del farne congratulazioni^ 
nessuno del tener sodo. Ma lasciamo il passato dov'è, 
e badiamo a sostener costoro con ogni studio e favo- 
re: e secondo che tu mi di', stiamci contenti alle idi 
di marzo: se non che esse lastricarono agli amici no- 
stri, personaggi di\ini, la strada del cielo, senza por- 
tare al popolo romano la libertà. Tornati ora a mente 
le tue parole. Non ti ricordi tu del gridar che facesti: 
tutto essere perduto, se a colui si dava pompa di fu- 
nerale? — Pavuie di tutta saviezza! e che così fosse, 
tu lo conosci da questo medesimo che ne è seguito. 
Circa quel che mi scrivi, che Antonio dee proporre pel 
primo di giugno la cosa delle, pruvincie, cioè d'aver 
egli le Gallie, e che per ambedue il tempo gli sia pro- 
rogato ", se ne potrà egli fare libera deliberazione? Se 
SI, mi rallegrerò della libertà ricovrata^ se no, che n'a- 
vrà portato di bene questo mutar padrone, altro che 
la letizia che io ho presa con questi occhi della giusta 
morte di quel tiranno? Tu scrivi che il tempio di Opi * 
ne va a ruba: io mei vedeva anche allora io medesi- 
mo. Affé sì, die noi da que' gloriosi fummo liberati, 
e non siamo liberi: così essi ne hanno la gloria, e noi 
pure la colpa. E tu mi conforti di scriver la stoi"ia? 
di raccogliere le ribalderie di costoro , da' quali noi 
siamo anche al presente assediati : E or potrei io non 
lodare que' medesimi che ti presero al sigillare del te- 
stamento ? i' E non è già, in lede mia, che mi muova 
(juel po' di rame: ma mi duole di trafiggere di con- 
tumelie persoue, (pialunque elle sieno, che mi vollero 
bene. Ma di ogni partito da preìidere credo che (come 
tu scrivi ) più acccrtatamenlc [lotreiiiD deliberarci pel 
pruno di giii-tio; nel qiial di ci sarò io, e con ogni 

Cu La. A. — Lea. T. 7 A". 6 



Il4 EPISTOLA DCXCIV. A. V. C. 709 

adiuvante me scilicet auctorilate tua et gratia, 
et summa aeqnitate causae, ut de Biithrotiis se- 
natus consultum, quale scribis^ fiat ^4. Quod me 
cogitare iubes, cogitabo equidera: etsi tibi dede- 
ram superiore epistola cogitandum. Tu autem^ 
quasi iam recuperata re publica, vicinis tuis Mas- 
siliensibus ^^ sua reddis. Haec armis^ quae^ quani 
firma habeamus, ignoro, restitui fortasse possunt^ 
auctoritate non possunt. 



DCXGV. (^Ad Div. VI, 17) 

Argumentum. Significat, gratam sibi esse, quod Bithjni- 
cus, constituta re publica, secum victurum esse ostendit, 

Scr. Puteolis, ut yidetur, A. V. C. DCCIX, M. Apr. 

M. CICERO BITHYNICO S. 

Quum ceterarum rerum causa cupio esse ali- 
quando rem publicam consti tutam: tum velini mihi 
credas, accedere id etiam », quo magis expetara^ 
promissum tuum, quo in literis ^ uteris. Scribis 
cnim, si ita sit, te mecura esse victurum. Gra- 
tissima mihi tua voluntas est: facisque nihil alie- 
nuin necessitudine nostra , iudiciisque patris tui 
de me, summi viri. Nam sic habeto, beneficio- 
rum magnitudine eos, qui temporibus valuerunt, 
aut valent *, coniunctiores tecum esse, quam me; 



An. di R. 7"9 LETTERA DCXClV. Il5 

mia forza ed ingegao ( dandomi di spalla , s' intende , 
la tua autorità e la grazia , e la somma equità della 
causa ) farò il possibile clie circa i Butroti sia fatto 
senatoconsulto quale tu il vuoi. Tu mi induci a pen- 
sare: lo farò, tei prometto '"^ quantunque anche a te 
ho dato io nella mia ultima lettera da pensare. Ma 
tu , come in Repubblica già ricoverata , restituisci a' 
vicini tuoi Massiliesi " le cose loro. Queste cose po- 
trebbono forse colle armi (della cui forza quanto pos- 
siam noi sperare non so) essere restituite, coli' auto- 
rità certo no. 



DGXCV. 



(A Div. VI, 17) 



Argomento. Gli fa sentire il piacere che prova che Bitinico vo- 
gUa, riformala la Repubblica, seco lui vivere. 

Scritta da Pozziiolo , come pare, V anno DCGIX, nel mese d'Aprile. 

M. CICERONE A BITIJNICO S. 

Io desidero vedere una volta tornata in pie la Re- 
pubblica* come per ogui altra ragione, così (credimi) 
vorrei che ciò avesse effetto , eziandio per riscuotere 
più leggermente da te la promessa che mi facesti nella 
tua lettera, scrivendo tu che se questo avvenga* tu vuoi 
vivere con esso me '. Gratissima mi torna questa tua 
affezione* e tu non fai cosa che sia punto strana al- 
l'intrinsichezza nostra, ed al giudizio che facea tuo 
padre , gran personaggio , di me. Impei'occhè vivi pure 
sicuro, teco essere di me più congiunti per grandezza 
di benefizi coloro che , secondo i tempi , mai ebbero 
od hanno yoteir^a ^, nid di intrinsichezza nessuno. Il 



Il6 EPISTOLA DCXCVj DCXCVI- A. V. C. 709 

necessitudine, neminem. Quamobrem grata mihi 
est et memoria tua nostrae coniunctionisj et eius 



etìam augendae voluiitas. 



DCXGVl. ^A,i D.v. xvi, i?i) 

Argumentiun. Bieviter de domesticis quibusdan); de ami- 
citia Antonii conservanda, paucisque aliis. 

Scr, Puteolis, ut ridctur, A. V. C. DCCIX. 

TVLLIVS TIKONI SVO S. P. D. 

Tu vero confice professionem *, si potes: etsi 
haec pecunia ex eo genere est^ ut professione non 
egeat. Verumtamen ^ Balbus ad me scripsit^ tanta 
se epiphora oppressum, ut loqui non possit, An- 
tonius de lege quid egerit. Llceat modo rusticari. 
Ad Bithjnicum scripsi. De Servilio ^ tu vitleris^ 
qui senectutera non contemnis. Etsi Atticus no- 
ster^, quia 4 quondam me conimoveri tlc/.vxcIì intel- 
lexìt^ idem semper putatj nec videt, quibns prae- 
sidiis pbilosophiae; septus sim: et hercle, quod 
timidusHpse est, ^ccvpc~cw. Ego tamen Antonii 
in\'eteratam slne ulla ofiensione amicitiam reti- 
nero sane volo j scriì)amque ad eura, sed non an- 
te ^ (juam te videro. Nec tamen te avoco a syn- 
grapha ^ : voVj y.vr.n.r^z 6. Cras cxspecto Leptani: ad 
cuius rutam pulegio " milii lui scrmonis utenduni 
est. Vale. 



m 



An. di R. 709 LETTERA DCXCV, DCXCVI. nn 

perchè io ho cara e la memoria che tu conservi della 
coDglunzion nostra , e l' animo che tu hai di pfù 
stringerla. 



DCXCVI. (A Div. XVI, 23) 

jérgomeiifo. Corto accenna alcuni affari domestici, la conve- 
nienza di conservare l'amicizia di Antonio, e pochi altri 
negozi!. 

Scritta da Pozzuolo , come pare, Tanuo DCGIX. 

TULLIO AL SUO TIRONE S. 

Tu dunque spacciami quella dichiarazione ' se puoi. 
Sebbene questo danaro sia di tal fatta, che di dichia- 
razione non fa bisogno. Tuttavia Balbo mi scrisse di 
essere cosi oppresso da una flussione ^j che non può 
formar le parole circa quello che Antonio ha fatto 
della legge. Bastami che ci lascino villeggiare. Ilo scritto 
a Bitinico. Quanto a Servillo, pensaci tu ^, che non dis- 
prezzi la vecchiezza. Quantunque il nostro Attico 5 il 
quale tempo fa s' accorse che io mi turbava Je' casi re- 
pentini 4, seguita a creder lo stesso di rae|, e non vede 
quali ripari la fdosofia m'abbia messi attorno: e ti pro- 
metto, essendo egli pauroso, mi mette delle paure. Non- 
dimeno io vo' conservarmi, senza rompermi con Antonio, 
l'antica nostra amicizia'*: e gli scriverò, non però prima 
di averti veduto: né già per questo ti intendo spiccare 
dal riscuotermi il credito ^. Stringe piìc la camicia, del 
giubbone 7. Aspetto Lcpta domani. Pensa che io ho bi- 
sogno del palegio del tuo ragionare ^ contro la costui 
ruta. A Dio. 



Il8 EPISTOLA DCXCVH. A. V. C. 709 

DCXGVII. (Ad Ati. XIV, i5) 

Argatnentum. Laetatur Dolabellae severitate seditiosam ple- 
bem coercentis, et sperai res melius ituras, quam fiierint. 

Scr. in Puteolano A. V. C. DCCIX, Kal. Mail. 

- CICERO ATTICO S. 

Epistola breviSy quae postea a te scripta est, 
sane milii fuit iucunda. De Bruti ad Antonium »^ 
et de eiusdem ad te literis^ jjosse videntur esse 
meliora^ quam adhuc fuerunt *, Sed iiobis^ ubi 
simus, et quo iam nunc iios conferaraus, provi- 
dendum est. O niiriflcum Dolabellam nieum! iam 
enim dico meum: antea, crede mihi, subdubita- 
bam. Magnam ava^cw^jjjtv res babet: de saxo ^j in 
crucemj cohimnam tollerej locum illuni sternen- 
dum locare 4. Quid quacris? beroica ! Sustulisse 
mibi videtur simulationcm desiderii ^^ adliuc quae 
serpebat in diesj et inveterata, verebnr, ne peri- 
culosa nostris tyrannoctonis esset. Nunc prorsus 
assentior tuis llleris, speroque meliora: quamquam 
istos ^ ferre non possumj qui, dum se pacem velie 
simulantj acLa nefaria 7 defendunt. Sed non pos- 
sunt omnia siniul. Incipit res melius ire, quam 
putaram. Nec vero discedam, nisi quum lu me 
id honeste putabis facere posse. Bruto certe meo 
nullo loco deero: idque, ctiamsi mibi cum ilio 



An. di R. 709 LETTERA DCXCVII. 1I{^ 

DCXGVII. (Ad Att. XIV, ,5) 

Argomento. Gode della severità con cui Dolabella affrena la 
plebe sediziosa, e spera sempre migliore andamento delle cose. 

Scritta nella villa di Pozzuolo, I" anno DCCIX, il primo di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

caro quel pistolotto clie dopo l'altra mi hai scrit- 
to! Dalle leLlere di Bruto ad Antonio, e del medesimo 
a te, poteano, mi pare, esser migliori le cose, die fino 
ad ora non sono state. ^la noi dobbiam provvedere sì 
del dove noi abbiamo ad essere, e del dove oggiraai 
trasportar noi medesimi. miracoloso il mio Dolabel- 
la! ^ elle ornai ti posso nominar mio, da che perl'a- 
vanti, credimi, ne avea quasi sospetto. Il fatto vale un 
mondo. Dalla rupe! ^ sulle forche! gittar giù la colon- 
na! e '1 luogo far lastricare ^! Che ne vuo' tu? cose da 
eroe! Egli ha (mi pare) spento il sospetto del suo de^ 
siderlo 4, il quale veniva di di in dì serpeggiando^ e 
che pigliando stato, mi facea temere, non forse por- 
tasse pericolo a' nostri ucciditor del tiranno. Al pre- 
sente io mi sto al tutto con quel che tu scrivi , e 
spero in megho: sebbene non posso patire costoro, i 
quali sotto colore di voler pace ^, difendono li ribaldi 
statuti^ ma in due dì non fu fatta Roma. La cosa co- 
mincia andar co' suoi piedi, meglio che io non credea. 
Ma non partirò per tutto questo, se non quando tu 
giudichi che io il possa far con mio onore. Al mio 
Bruto non fallirò io al certo, in nessun caso: e que- 
sto medesimo fare' io, eziandio se non avessi avuto a 



I20 EPISTOLA DCXCVII. A. V. C. 709 

nihil fulsset, facerem propter eiiis slngularem in- 
credibilemque virtù lem. Piliae nostrae villam to- 
tani , quaeque in villa sunt, tracio^ in Porapeia- 
num ipse proficiscens Kalend. Maiis. Quam ^ 
velim Bruto persuadeas^ ut Astiirae sit. 

DCXGVIII. (Aa Ati. XIV, 16) 

Argwnenlimi. Lautlat Dolabellam: addit de itinere suo in 
Oraeciain ; Altiooqiie iiegotium Tnllii Montani com- 
inendat. 

Sri-. Pnteolis A. V. C. DCCIX, V Non. Mail. 

CICERO ATTICO S. 

Quinto Non. conscendens ab hortis Cluvianis in 
pliaselum epicopum * lias dedi literas, quum Pi- 
liae nostrae villani ad Lucrinum ^, villicos , pro- 
curatores tradidisseni. Ipse autem eo die in Paeti 
nostri tyrotarichum 3 imminebam: perpaucis die- 
bus in Pompeianum: post in haec Puteolana et 
Cumana regna renavigare 4. O loca ceteroqui ^ 
valde expetenda, interpellantium autem multitu- 
dine paene fugienda! Sed ad rem ut veniam, o 
Dolabellae nostri magnam ap^reiav.' quanta est 
àvaS-£(I}pr,m:! Equidem laudare eum et bortari non 
desisto. Recte tu omnibus epistolis significas, quid 
de re^ quid de viro sentias. Milli quidem videtur 
Brutus noster iani vel coronani auream per fo- 



An.diR. 709 LETTERA DCXCVII. 121 

far nulla con lui , per la singolare etl incredibile sua 
virtù. La nostra Pilia fo io padrona di tulta la casa, e 
d'ogni cosa che v'è, andandone io nel Pompeiano pel 
primo di maggio. Deli! quanto avrei caro clie tu re- 
cassi Bruto a trovarsi in Astura. 



DCXGVIII. 



(Ad Ah. XIV, 16) 



jirgomeiito. Encomia Dolaljella: aggiiigne un reuno drl suo 
viaggio in Grecia, e raccomanda ad Attico 1 atTare di Tullio 
Motilauo. 



Scritta da Pozzuolo Tanno DCCIX , il 3 di staggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Montando, a' due del mese, dal giardino di Clnvio in 
un barclietto a' remi ', t'ho scritto questa lettera, dopo 
aver messo in mano a Pilia la casa al lago Lucrino ^, 
•i castaidi e' procuratori ^. Or io, il di medesimo, aveva 
adocchiato il tirotarico del nostro Peto 4, per passare , 
dopo alcun dì, nel Pompeiano^ dopo di che, mi i"i- 
condurrò per mare in questo regno di Pozzuolo e dì 
Cuma ^. Ah! luoghi sommamente desiderabili! se non 
fosse r assedio de' seccatori , da doverli fuggire ^, Ma 
per tornare a bomba: gran prodezza di Dolabella 
nostro I chi può degnamente pensarla! Certo io non ri- 
tmo mai di esaltarlo, e fargliene di gran conforti: e 
ben fai tu di significarmi in ogni tua lettera l'opi- 
nione che porti sì del fatto e si dell' uomo. Oggimai 
mi pare che il nostro Bruto possa eziandio in corona 



123 EPISTOLA DCXCVIII. A. V. C. 709 

rum ferre posse. Quis enim audeat laudare 6, pro- 
posita ciuce j aut saxo? praesertim tantis plausi- 
bus, tanta approbatione infimorum? Nunc, mi 
Attice, ine fac, ut expedias. Cupio^ quuin Bruto 
nostro affatim satisfecerimj excurrere in Graeciara. 
Magni interest Ciceronis, vel mea potius, vel me- 
liercule utriusque, me intervenire discenti. Nani 
epistola Leonidae 7, quam ad me misisti, quid ha- 
betj quaeso, in quo magnopere laetemur? Num- 
quam ille ^ milii satis laudari videbitur, quum ita 
laudabitur: quomodo nunc est. Non est 9 fìdentis 
hoc testimoniunij sed potius timentis. Herodi^° au- 
tem mandaranij ut milii xarà [jazcv scriberetj a quo 
adhuc nulla litera est. Vereor, ne nihil habuerit , 
quod mihi, quum cognossem ", iucundum puta- 
ret fore. Quod ad Xenonem ^^ scripsisti, valde 
mihi gratum est. Nihil enim deesse Ciceroni, quum 
ad officium, tum ad existimationera meam perti- 
net. Fiamma ra Flaminium audio Romae esse. Ad 
eum scripsij me tibi mandasse per literas, ut de 
Montani negotio ^^ cum eo loquerere: et velim 
cures epistolam, quam ad eum misi, reddendamj 
et ipse, quod commodo tuo fiat, cum eo collo- 
quare '4. Puto, si quid in homine pudoris est, 
praestaturum eum, ne prò se quodam modo de- 
pendatur '5, De Attica pergratum mihi fecisti , 
quod curasti, ut ^^ ante scirem recte esse, quam 
non belle fuisse. 



An. iiR. 709 LETTERA DCXCVIII. 123 

croi'O andar per la piazza 7: che chi usert;hl)c toccarlo, 
niettcudo gli occhi nelle forche e nella rupe? massi- 
mamente dopo que' battimani e quelle benedizioni del 
popolazzo? Ora, o mio Attico, cavami d'ogni briga. 
Avendo io già data a Bruto nostro ogni maggiore sod- 
disfazione . desidero condurmi in Grecia ^ : troppo im- 
porta al mio Cicerone, o piuttosto a me, anzi per 
vera verità ad ambedue noi, che io gli capiti addosso 
mentre egli è a studio. Imperocché la lettera di Leo- 
nida, che tu mi mandasti, che cagione mi dà ella (ti 
prego) di troppo allegrarmi? Egli non mi parrà mai 
lodato sì che mi basti , finche sentirò lodi di questa 
fatta: yl quel che porta lo stato suo (P oggidì. Queste 
parole non dicono uomo che ben si confidi: anzi, che 
teme. Ad Erode io avea raccomandato che mi dovesse 
scrivere ogni cosa per filo e per segno: ma fino ad ora 
non ebbi da lui una riga : ciò mi dà sospetto , lui non 
aver avuto cosa che egli credesse di consolarmi facen- 
dolami assapere. Ebbi carissimo che tu abbi scritto a 
Zenone^: imperocché troppo si addice, sì al dovere e 
sì all'onor mio, che nulla manchi al figliuolo. Odo che 
Fiamma Flaminio è costì. A lui ho scritto , come io 
t' avea per lettera raccomandato, che tu seco parlassi 
dell' affar di Montano ^°: e tu faresti cortesia di dar 
ricapito alla lettera che gli scrissi, e di essere con lui^ 
senza tuo scomodo, s'intende. Io fo ragione (se egli 
non ha farcia di pallottola) che e' debba cavarci di 
dubbio , non forse abbiamo per cotal modo a pagare 
per lui ". Quanto ad Attica, ti son forte obbligato 
che tu facesti in maniera che io prima sapessi <lel suo 
ben essere , che del non essere stata troppo cosi. 



1^4 EPISTOLA DCXCIX. A. Y. C. 709 

DCXCIX. (Ad Alt. XiV, .7) 

^rgwuentnm, P».e.spondet Attici literis a Demetrio acceplis. 

Scr. in Pompeiano A. V. C. DCCIX , IV^ Non. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

In Pompeìanum veni V Nonas Mai. ^, quum 
pridiej ut antea ari te scripsi, Piliam in Cumano 
collocavisscm. Ibi mihi cenanti literae tuae sunt 
redditae, quas dederas Demetrio liberto prid, Kal.^ 
in quibus multa sapienter, sed tamen talia , quem- 
admodum tute scribebas, ut orane consiliuni in 
fortuna positura videretur. Itaque bis de rebus ex 
tempore j et coram. De Biitbrotio negotio^ utinam 
quldem Antonium conveniam ! multura profecto 
proficiam. Sed non arbltrantur eum a Capua de- 
clinaturura. Quo quidem , metuo, ne magno rei 
publicae malo ^ venerit. Quod idem L. Caesari ^ 
videbalur, quem pridie Neapoli affectum graviter 
viderani. Quamobrem ista nobis ad Kal. lun. 4 
tractanda et perficienda sunt. Sed bactenus. Q. fi- 
lius ad patrem acerhissimas literas roisit 5 quae 
sunt ei redditae , quum venissemus in Pompeia- 
num ; quarum taraen erat caput ^ AquilHara no- 
Tercam non esse laturum ^. Sed hoc tolerabile 
fortasse) ilkul vero? se ab Gaesare habuisse omnia, 



An. di R. 709 LETTERA DCXClX. 125 

DCXCIX. ( Ad Alt. XIV, .7 ) 

Argomento. Fa risposta alle lettere di Attico portategli da 
Demetrio. 

Scritta nel Pompeiano l'anno DCCIX , il 4 di Maggio. 

CICEROiXE AD ATTICO S. 

Amvai a' 3 di maggio nel Pompeiano , avendo il di 
avanti allogata Pilia nel Cumano, come ti scrissi. Qui- 
vi, cenando io, ebbi la tua lettera, da te consegnata 
l'ultimo d'aprile a Demetrio liberto: in essa tu ne di' 
molte assai saviamente^ di tal fatta però, cbe (secondo 
tuo dire) mostravano, ogni consiglio essere in mano 
della fortuna. Di queste dunque parleremo secondo il 
tempo ed a bocca. Quanto alPaffar di Butroto, fac- 
cia pur Dio cbe io possa essere con Antonio! farò certo 
del bene assai: ma non si crede cbe egli sia per dar 
la volta da Capua, dove egli è venuto, non vorrei per 
lo peggiore della Repubblica '• e questo medesimo sen- 
tiva eziandio L. Cesare, il quale io avea trovato in iXa- 
poli grave malato. Il perchè questi trattati dobbiam ri- 
servar da spacciare al priino di giugno. J\Ia basti. Quinto 
il figliuolo scrisse al padre uwa lettera acerbissima, la 
quale gli fu data, essendo noi venuti nel Pompeiano;^ 
della quale la somma era questa, che egli non tolle- 
rerebbe la matrigna Aquillia|, e tuttavia ciò era ben da 
passarsene: ma questa.* u io ebbi ogni bene tla Cesare j 



126 EPISTOLA DCXCIX. A. V. C, 703 

nihil^ a patrCj reliqua sperare ab Antonio. O per- 
ditum hominem! sed aù:n7ii. Ad Brutum nostrum^ 
ad Cassinm i^ ad Dolabellam episfcolas scripsi. Ea- 
rum exempla libi misi, non ut deliberarem, red- 
dendaene essent (piane enim indico esse redden- 
das), sed quod non dubito, quin tu idem existi- 
maturus sis. Ciceroni meo, mi Attice, suppeditabis 
quantum videbitur, meque hoc tibi onus imponere 
patiere. Quae adhuc fecisti, mihi sunt gratissima. 
Librum meum iUum àvéy.dcrcv ^ nondum , ut vo- 
lui , perpohvi. Ista vero, quae tu contexi 9 vis, 
ahud quoddam separatum volumen exspectant. 
Ego autem ( credas mihi veHm ) minore periculo 
existinio contra illas nefarias partes, vivo tiran- 
no, dici potuisse, quam mortuo. Ille enim, nescio 
quo pacto, ferebat me quidem mirabihter. Nunc, 
quacumque nos commovimus, ad Caesaris non 
modo acta , verum etiam cogitata ^° revocamur. 
De Montano , quoniam Fiamma venit , videbis. 
Puto rem meUore loco esse debere. 



•^^^- ti ad Ali. XIV, t-j ) 

Jr^ìimentiim. Laudai Dolabellam, quod columnaiu, quasi 
aratn, mortuo Caesaii , ut Deo, erectam, everterit; et 
animadversione in eos , qui coutia libertatetn tuuiiil- 
luabanlur, usus iuent. 



An. di n. 709 LETTERA DCXCIX. I 21 

« nessuno dal padre: Il resto lo spero da Antonio. 55 
Doli! schiuma di fine ribaldo! ma /accia egli. Ilo scritto 
a Bruto nostro, a Cassio ed a Dolabella:^ ti mando la 
copia delle lettere, non per deliberare, se sì o no fos- 
sero da consegnar loro ( che al tutto io giudico cosi 
esser da fare ) , ma perchè non dubito che tu non 
debba essere del medesimo sentimento. Al mio Cicero- 
ne, o mio Attico, tu verrai somministrando quanto ti 
parrà bene: e sarai contento ch'io imponga a te que- 
sto carico. Quello che hai fatto fino ad ora, m'è stato 
carissimo. Quel mio libro non -pubblicato , non ho an- 
cora polito a mio modo ^. Ma queste altre cose che tu 
vorresti tessute insieme, aspettano un altro volume da 
parte. Ma io (e vorrei che tu mi ci'edessi) son di cre- 
dere che contro quelle sette maledette con minor pe- 
ricolo si sarebbe potuto parlare vivendo il tiranno, che 
lui morto ^ imperocché egli, non so io come, a me la- 
sciava dire , che di vero era una maraviglia ^ : dove 
ora, dove che noi ci volgiamo, siam richiamati non 
pure agli statuti di Cesare, ma e a' suoi pensieiù 4, 
Circa Montano, da che Fiamma è venuto, vedrai ciò 
che sia da fare, lo credo che la cosa debba andare 
di miglior gambe. 



nnC iXD\^'. IX, 14 a., e 

^^^- ad Ali. XIV, .7) 

Argomento. Loda Dolabella che abbia atterrata la colonna 
eretta per altare a Cesare morto, come ad un dio, e g;isli- 
gnto coloro che facevano sedizione contro la libertà. 



I 38 EPISTOLA DCC. A. V. C. 709 

Scr. ìli Pompeiano A. V. C. DCCIX, IV No». M.ii, 

CICERO DOLABELLAE COS. S. 

Etsi contentus eram, mi Dolabella, tua gloria^ 
satisque ex ea magnani laetitiam voluptatemque 
caplebani' tameu non possum non confitcri, cu- 
mnlari me maxinio gaudio, quod vulgo* hominum 
opinio socium me adscribat tuis laudibus. Nemineni 
convéni (convcnio autem f[uotidie plurimos: sunt 
cnim permuUi oplinii viri, qui valitudinis causa 
in haec loca veniant ^3 praeLerca ex municipiis 
riCfjuenLes necessarii mei), quin omnes, quum te 
.siimmis laudibus ad coelum extulerunt ^, mihi con- 
linuo maximas gratias agant. Negant enim se du- 
iiitarOj (|uin tu, meis praeceplis et consiliis obteuj- 
])eranSj praestantissimum te' ci veni et singulareni 
consulem praebeas. Quibus ego quanujuam veris- 
.sime possum 4 respondere, te, quae facias, tuo iu- 
dieio, et tua sponte facere, nec cuiusquam egerc 
Consilio: tamcn ncque piane assentior, ne immi- 
nuam tuain laudem, si onmis a meis consiliis pro- 
iecta videattn- ncque valdc nego. Sum enim avi- 
«lior etiam, quam salis est, gloriae. Est- tamen 
non alienum ^ dignitate tua, quod ipsi Agamem- 
noni, regum regi, fuit bonestum, babere aliquem 
in consiliis capiundis Nestorem ^: mibi vero glo- 
riosuui, Le iuvcnem cou.sulem 7 florerc lauijibus , 



Ah. di R. 709 LETTERA DCG. 1 29 

Scritta nel Pompeiano l'anno DCCIX , il 4 •'' Ma^io, 

CICEROiXE A DOLABELLA CUASOLE vS. 

Ben era io contento 1, il mio Dolabella, della tua 
gloria^ e n'aveva quindi assai dell' allegi'ezza e del pia- 
cere che io ne prendeva: e nondimeno non posso fare 
ch'io non confessi, me riboccare di esuberante letizia, 
del sentire che gli uomini generalmente credano di ac- 
comunarmi a' tuoi onori. Io non mi sono affrontato 
con nessuno^ (che il fo ogni dì con moltissimi^ es- 
sendo ben molti gli ottimi personaggi, che per cagion 
di salute si i-accolgono in questi luoghi: ed oltre a ciò, 
da' municipii ci vengono a molti i miei amici), che 
tutti, dopo aver messo te in cielo, di tratto a me non 
facciano grandissimi ringraziamenti : conciossiachò af- 
fermano sé non aver dubbio , esser frutto de' miei pre- 
cetti e consigli d portarti che fai da preclarissimo cit- 
tadino e da console singolare 3. lo veramente potrei 
con tutta verità loro rispondere che tu ogni cosa che 
fai , la fai di tuo giudizio e volontà , non bisognando, 
del consiglio di chicchessia: e nondimeno né rispondo , 
per non iscemare della tua gloria, ricisamente del sì; 
né fo troppo forza sul no^ come quegli che della gloria 
sono più ghiotto che non bisogna. E tuttavia egli è 
cosa alla tua dignità non isconvenevole, che fu bello 
eziandio ad esso Agamennone, re de' re 4. l'avere un 
qualche Nestore, dal quale pigliar consiglio; a me poi 
di gloria T aver te giovane consoie, come cotal quasi 



CicEE. X. — Leti. T. IX. 



l30 EPISTOLA DCC. A. V. C. 709 

quasi alnmniim disciplinae meae ^. L. quidem Gae- 
sar, quum ad eum aegrotuni Neapolim venissenij 
quamquam erat oppressus iotius corporis dolo- 
ribuSj tamen ante , quam me piane salutavits: 
« O mi Cicero j inquit^ gratulor tibi^ quum tan- 
« tum vales apud Dolabellam y quantum si ego 
« apud sororis filium '° valerem^ iam salvi esse 
« possemus. Dolabellae vero tuo et gratulor , et 
« gratias ago; qucm quidem j post te eonsulem^ 
« solum possumus vere consulem dicere. « Deinde 
multa de facto ac de re gesta '^: tum nibil ma- 
gnificentiuSj nihil praeclarius actum umquam, ni- 
bil rei publicae salutarius '^. Atque liaec una vox 
omnium est. A te autem peto, ut me liane quasi 
falsam bereditatem alienae gloriae sinas cerne- 
re ^^j meque aliqua ex parte in societatem tuarum 
laudum venire patiare. Quamquam , mi Dolabella 
( baec enim iocatus sum ), libentius omnes meas, 
si modo sunt aliquac meae , laudes ad te trans- 
l'uderim , quam aliquam partem exbauserim ex 
tuis. Nam quum te semper tantum dilexerim , 
quantum tu inteUigere potuisti; tum bis tuis fa- 
ctis sic incensus sum, ut nibil umquam in amore 
fuerit ardentius '4. Nibil est enim j mibi crede , 
virtute formosius , nibil pulcbrius j nibil amabi- 
lius. Semper amavi, ut scis, M. Brutum, propter 
eius summum ingenium , suavissimos mores, sin- 
gularem probitalcu] atque constantiam : tamen 



Au. di II. 7^9 LETTERA DCG. j3i 

allievo della mia scuola. Certamente L. Cesare, essendo 
io venuto a Napoli a lui malato ^, coiuechè fosse tor- 
mentato di dolori per tutto il corpo, non m'ebbe an- 
che ben salutato, che dissemi: « mio Cicerone, beato 
te! che tanto se' creduto da Dolabella, quanto se fossi 
io dal mio nipote da lato di sorella ^, noi potremmo 
essere in porto. Col tuo Dolabella poi e mi congratulo 
e lo ringrazio: che è il solo che, dopo di te, noi pos- 
siamo con verità console nominare. » Indi aggiunse più 
cose del fatto e delP opera tua:^ e nulla essersi fatto mai 
di più splendido nò preclaro, niente di più salutevole 
per la Repubblica. Or questo è il dire di tutti a una 
bocca. Ti prego adunque che tu mi lasci appropriarmi 
questa falsa eredità di gloria non mia , e che sii con- 
tento che io entri sozio in qualche parte delle tue lodi. 
Quantunque, il mio Dolabella (da che io ho iìn qui 
parlato da beffa), io amerei meglio travasare in te 
tutte ( se già alcune ne ho ) le mie laudi , anzi che 
alcun gocciolo spillar delle tue: conciossiachè io t'ho 
sempre amato, quanto tu dei aver potuto conoscere^ 
ed in oltre per questi tuoi fatti tanto ardore d' affetto 
mi sono sentito , che nessun altro fu mai più affocato : 
non essendo (credimi) al mondo più bella cosa, più or- 
revole ed amabile della virtù. Io amai sempre M. Bru- 
to, come tu sai, per lo sommo suo ingegno, uianiere 
dolcissime, siugolar probità e costanza: tuttavia le idi 



j32 EPISTOLA I>CC. A. V. C. 709 

Idibus Martiis tantum accessit ad amorem ^ ut 
niìrarer locum fuisse a u gelidi in eo , quod mihi 
iampridem cumulatum etìam ^^ videliatur. Quis 
eratj qui putaret, ad eum amorem ^ quem erga 
te habebam, posse aliquid accedere? Tantum ac- 
cessit, ut mihi nunc denique amare videar, antea 
dilexisse ^^. Quare quid est, quod ego te horter, 
iit dignitati et gloriae servias? Proponam ^7 tibi 
claros viros , quod facere solent , qui hortantur ? 
Neminem habeo clariorem , quam te ipsum. Te 
imitere oportetj tecum ipse ccrtes. Ne licet qui- 
dem tibi iam ^^, tantis rebus gestis , non tui si- 
inilem esse. Quod quum ita sit, hortatio non est 
necessaria: gratulatione magis utendum est. Con- 
tigit enim tibi, quod haud scio an nemini , ut 
summa severitas animadversionis ^9 non modo 
non invidiosa, sed etiam popularis esset, et quuni 
bonis omnibus , tum infimo cuique gratissima. 
Hoc si tibi fortuna quadam contigisset, gratularer 
febcitati tuae: sed contigit magnitudine quum ani- 
mi, tum etiam ingenii, atque consilii. Legi enim 
concionem tuam. Nihil illu sapientins. Ita pede- 
lentim et gradatim tum accessus a te ad causarn 
facti, tum recessus ^*', ut res ipsa maturitatem 
tibi animadvertendi onmium concessu ^' daret. 
Liberasti igitur et urbem periculo, et civitatem 
metu ^^i ncque solum ad tempus ^^ maximam uti- 
ìitatem attulisti , sed etiam ad excmplum. Quo 



An. tliR. 709 LETTERA DCC. ijS 

di marzo 7 tanto rlnfocarouo più l'amore, che io mi 
maravigliai che pur rimanesse da aggiugnere ad una 
cosa la quale a me gran tempo prima parca giunta 
al suo colmo. Ed or chi avrebbe detto, all'amore che 
io ti portava , nulla poter essere aggiunto ? ma e' ne fu 
tanto, che se prima mi parca di volerti bene ^, ora mi 
par di te essere innamorato. Per le quali cose, che ho io 
ad esortarti che tu debba servire alla tua dignità ed 
alla gloria? T'ho io a metter sugli occhi delle chiare per- 
sone, secondo che i confortatori sogliono fare? Io non 
veggo più chiara persona di te: te medesimo adunque 
tu dei imitare, teco medesimo venire a prova ^ anzi tu 
non puoi, dopo fatte già tali imprese, non somigliare 
te stesso. Il perchè, stando così le cose, non ti fa bi- 
sogno esortazione: sì debbo teco congratularmi: impe- 
rocché a te è incontrato quello che non so io se a 
nessun altro, che una somma severità di penitenza non 
pure non ti acquistasse odio , ma e il popolo ti gua»» 
dagnasse^ e non meno da tutti i buoni, che dall'ul- 
timo della plebe fosse senza fine gradita. La qual cosa 
se ti fosse tocca per buona ventura , vorrei congratù* 
larmi del buon successo: ma ella è avvenuta per gran- 
dezza SI dell'animo e si dell' ingegno e del tuo consi- 
glio. Poiché io ho letto il tuo parlamento, non vidi 
mai cosa più saggia: così di grado in grado e pie in- 
jiianzi piede tu .così passi da te alla ragione del fatto, 
come ti rifai indietro, che la sposizion del fatto tirò 
tutti ad una a concederli per maturato e giusto il 
supplizio. Tu hai dunque liberato la città di pericolo, 
6 i cittadini d'ocfui timore: nò solamente hai fatto un 
bene grandissimo quanto al bisogno presente, ma ezian- 
dio quanto ad esempio. Onde tu dei comprendere, la 



l34 EPISTOLA I5CC. A. V. C. 709 

facto inlelligere debes ^4^ in te positam ^^ esse 
rem publicam , tibique non modo tuendos, sed 
etiam ornandos esse illos viros ^6^ a quibus ini- 
tiuni libertatis profectum est. Sed bis de rebus 
corani pìura propediem, ut spero. Tu ^ quando ^7 
rem publicam nosque conservas, fac , ut dibgen- 
tissirae te ipsum ^ mi Dolabella , custodias. 

DCGI. (Ad Ah. XIV, 19) 

Argumentum. Kespondet binis literis ah Attico acceptis- 

Scr. in Pompeiano A. V, C. DCCIX , Non. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

Non. Maiis quum esscm in Pompeiano ^ accepi 
binas a te literas^ alteras sexto die^ alteras quar- 
to. Ad superiorcs igitur prius. Quam mibi iucun- 
dum, opportune tibi Barnacum ^ literas reddidisse. 
Tu vero cum Cassio, ut cetera. Quam commode 
autem, quod ^ id ipsum ^ quod me mones^ qua- 
triduo ante ad eum scripseram ^ exemplumque 
mearum litcrarum ad te miseram. Sed quum Do- 
labellae à-toix ^ ( sic enim tu ad me scripseras ) 
magna desperatione affectus essemj ecce tibi et 
Bruti^ et tuae literae. Ille exsilium meditari 4. Nos 
autem abum portum propiorem buie aetati vide- 
])amus •^; in quem mallem equidem pervehi , fio- 



An. (liR. 709 LETTERA DCC, l35 

Repubblica riposare sopra di te: e che a te si conviene 
noa pur favorix'e, ma e nobilitare que' personaggi che 
il primo avviamento diedero alla libertà 9. Ma di que- 
ste cose meglio a bocca di corto, sì come spero. Tu, 
posciachè salvi la Repubblica e noi, fa di conservarci 
con ogni studio, o mio Dolabella, te stesso. 



DGCI. e Ad Alt. XIV, ,9) 

Argomento. Fa risposta a dne lettnre di Attico. 

Scritta nel Pompeiano l" anno DCCIX , il 7 di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

A' sette di maggio , essend' io nel Pompeiano , ricevetti 
ìe due tue lettere^ la prima a' due, P altra a"* quattro. 
Adunque innanzi tratto alla prima. Deh! quanto m'è 
caro che Barneo t' abbia a tempo consegnata la mia ! 
Or tu con Cassio, secondo tuo usato. Ed oh! quanto 
bene è avvenuto che io quattro di prima avessi a lui 
scritto per punto quelle cose che tu mi conforti , e 
mandatane a te la copia delle mie lettere! Ma in quella 
che io era nel dispei-ato per la misen'a di Dolabella ^ 
(che così tu me la nominasti), eccoti lettera di Bruto 
e tua. Egli pensa all'esilio "-. Quanto a noi, noi mira- 
vamo ad un porto a questa età piìi vicino ^^ nel qua- 
le, a dir vero, io vorrei meglio poter entrare, essendo 



l36 EPISTOLA DCCI. A. V. C. 709 

rente Bruto nostro ^ constitutaqiie re publica. Seti 
nunc qiiidem, ut scribis, non utrum vis. Assen- 
tirÌ3 enitii mihi, nostrani aetatem a castris^ prae- 
sértim civilibus^ abhorrere. Antonlus ad me tan- 
tum de Clodio rescripsit ^, meam lenitatem et 
clementiani et sibi esse gratam, et mihi voluptati 
niagnae fore. Sed Pansa furere videtur de Clodio, 
iteraque de Deiotaro 7- et loquitur severe^ si velis 
credere. Illud tamen non belle, ut mihi quidem 
videtur, quod factum Dolabellae ^ vehementer im- 
probat. De coronatis 9, quum sororis tuae filius 
a patre accusa tus esset, rescripsit, se coronam 
habulsse honoris Caesaris causa j posuisse luctus 
gratiaj postremo, se libenter vituperationem sub- 
ire, quod amaret etiam mortuum Gaesarem. Ad 
Dolabellam , quemadmodum libi dicis piacere , 
scripsi diligenler. Ego etiam ad Siccam ^". Tibt 
hoc oneris non impono. Nolo te illuni iratum 
habere. Servii orationem cognosco "j in qua plus 
timoris video, quam consìlii. Sed quoniam per- 
territi omnes sumus, assentior Servio. Publilius 
tecum tricatus est. Huc enim Gaerellia missa ab 
istis '=* est legata ad me; cui facile persuasi, mihi 
id, quod rogaret, ne licere quidem, non modo 
non lubere. Antoniuni si videro, accurate agam 
de Buthroto. a Venio ad recentioies literas; quam- 
quam de Servio iam rescripsi. » Me facere magnani 
tr,ca^{> »3 Dolabellae. Mihi mehercule ita videtur, 



An.diR. ;o9 LETTERA. DCCI. l3'7 

glorioso Bruto nostro, e la Repubblica rimessa in pie- 
di. Ma. per al presente, non si può (come tu scrivi) 
aspettare o qui o qua^ essendo tu del mio sentimento, 
la nostra età troppo non farsi punto colle armi , mas- 
simamente civili. !Mi rispose Antonio solamente quanto 
a Clodio, la mia benignità e mitezza ed a lui esser 
grata, e dover a me tornare di gran piacere. Ma Pausa 
fa le viste di infuriai'e per conto di Clodio , e cosi di 
Deiotaro; e parla burbero, se gli puoi credere 4: ma 
in ciò sproposita, pare a me^ che fieramente condanna 
il fatto di Dolabella. Quanto a' coronati, il figliuolo di 
tua sorella, essendo accusato dal padre, rispose, se aver 
portato la corona per onore di Cesare, e depostala a 
cagione di lutto: da ultimo, che egli avea piacere d'es- 
sere vituperato, perchè Cesare amasse anche morto. A 
Dolabella ho scritto con diligenza, secondo che tu mi 
mostrasti d'aver caro*, ed ho scritto anche a Sicca : non 
ti vo' dar questo carico; non voglio acquistarti il suo 
cruccio. Ho veduta l'orazione di Servio ^j nella cpial 
trovo più di paura che di consiglio^ ma posciachè ira- 
paui'iti siam tutti, mi sto con Servio. Publilio t'ha me- 
nato in parole: imperocché fu da costoro mandata a 
me per ambascladrice Cerellia ^, alla quale leggermente 
lio messo in capo che io non pure non amava di fare 
ciò ch'ella mi domandava 7, ma non mi era possibile. 
Se Antonio mi dia innanzi, parlerò seco accuratamente 
di Butroto. Vengo all'ultima lettera: quantunque al 
punto di Servio ho già risposto, lo aggrandisco i ini' 
presa di Dolabella? Ben è il vero che io l'ho per cos.i 



l38 EPISTOLA DCCI. A. V. C. 709 

non potuisse malor 4 tali re, taliqiie tempore. 
Secl tamenj qnicqnid ei tribuo, tribuo ex tuis li- 
teris. Tibi vero assentior, maiorem -pd'^iy eius fo- 
re, si mihi, quod debuit^ dissolverit. Brutus velira 
sit Asturae. Quod autem laudas rne, quod nihil 
ante de profectione constituam^ quam , ista quo 
evasura sint^ videroj muto sententiam. Neque quic- 
quam tamen ante, quam te videro. Atticam meam 
gratias mihi agere de matre ^^, gaudeo: cui qui- 
dem ego totam villam cellamque tradidij eamque 
cogitabam V Idus videre. Tu Atticae sahitem di- 
ces. Nos Piliam diligenter tuebimur. 



DGGIL 



(Ad Alt. XI V, i8) 



Argumentum. De Dolabella ob rem gcstam a se laudato, 
ob pecuxiiam vero non solutam odioso: de aliis rebus 
maximana partem domesticis. 

Scr. in Pompeiano A. V. C. DCCIX , Vili Id. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

Saepius me iam agitas, quod rem gestam Do- 
ìabellae nimis in coelum videar efferre. Ego au- 
tem quamquam sane probo factum , tamen ut 
tanto opere laudarem^ adductus sum tuis et unis 
€t alleris literis. Sed totum se a te ^ abalienavit 
Dolabella j ea de causa, qua me quoque sibi ini- 
micissimum reddidit, hominem pudentem! * KaL 



An. di R. 709 LETTERA DCCI. l'dg 

grande, che più in tal tempo ed in siffatta materia 
non poteva essere. Tuttavia qual ch'egli sia l'onore 
che io gli fo, gUel fo sopra le tue lettere. Ben dico 
con esso te, che più grande impresa sarebbe stata di 
pagarmi quello che mi dovea. Quanto pagherei che 
Bruto fosse in Asturai Tu mi lodi che io non voglia 
dehbcrarmi della mia andata, prima che io abbia ve- 
duto a che le cose vogliano riuscire: ma sappi, ho mu- 
tato consiglio: ben è vero che partito non pi-enderò, 
che prima io non t'abbi» veduto. Ilo caro che la mia 
Attica mi ringrazi per conto della madre ^ ia quale ho 
fatto padrona della casa e della guardaroba ^: e ere- 
dea di vederla agli undici. Tu saluterai Attica: io avi*à 
cura di Pilia, 



DCCII. 



( Ali Ati. XIV, rS) 



Jigomeiito. Parla di Dolabella già da sé encomialo per la bella 
azione di Ini, ora resogli odioso per la dote non paj^ala; e 
di altri affari per lo pii!i domestici. 

Scritta dal Pompeiano V anno DCCIX , P 8 di Map;gio. 

CICEROi\E AD ATTICO S. 

Oggimai un po'' troppo spesso mi vai pungendo per- 
chè io mostri levar troppo in alto il fatto di Dola- 
bella. Ora, sebbene veramente io ne lo lodo, sappi per 
altro che dell'averlo io fatto tanto focosamente, sono 
state cagione le tue lettere, non pur una, ma due. Il 
vero è che Dolabella ti ha scartato del tutto per la 
ragion medesima che eziandio me medesimo ha lùvolto 
ad odiarlo al possibile. uom senza faccia! Dovea pa- 



1^0 EPISTOLA DCCll. A. V. C, 703 

lan. (lebuitj adhuc non solvit, praesertim quum se 
maximo aere alieno Faberii manu liberarit ^^ et 
opem ab eo petierit Licet enim iocari, ne me 
valde conlurbatum putes. Atque ego ad eum Vili 
Idus literas dederam bene mane: eodem autem 
die tuas literas vesperi acceperam in Pompeiano^ 
sane celeriter, tertio abs te 4 die. Sed,, ut ad te 
eo ipso die scripseram, satis aculeatas ad Dola- 
bellam literas dedi: quae m. nibil profecerint, puto 
fore, ut me praesentem non sustineat. Albianum^ 
te confeqisse arbitror. De Patulciano nomine^ quod 
nìilii suppetiatus ^ esy gratissimum est^ et simile 
tuorum omnium. Sed ego Erotem, ad ista expe- 
dienda factum^ mihi videbar reliquisse- cuius non 
sine magna culpa vacillarunt. Sed eum ipso vi* 
doro. De Montano ^ ut saepe ad le scripsi^ erit 
tibi tela res curae. Servius 7 proficiscens , quod 
desperanter tccum locutus est^ minime miror • 
neque ei quicquam in desperatione concedo. Bru- 
tus noslcr, singularis vir^ si in sena tu m non est 
Kalend. luniis venturus^ quid facturus sit in forOj 
ncscio. Sed hoc ipse melius. Ego ex bis^ quae 
parari video, non multnm Idibus Martiis profe- 
ctum iudico. Itaqne de Graecia quotidie magis et 
magis cogito. Nec enim Bruto meo, exsilium, ut 
scribis 8 ipse, meditanti, video quid prodesse pos- 
sim, Leonidae me literae non satis delectarunt 9. 
De Herode libi asscnlior. Saufeii logisse vellem ^''. 
Ego ex PoHìpeiano Vi Idns Mai. cogitabani ". 



Ah. dill. jog LETTERA DCCII. i^i 

gannì al primo dell'anno, e fino ad ora nulla ne Iia 
fatto, massimamente dopo essersi sviluppato di un gra- 
vissimo debito per man di Faberio, dimandando suo 
aiuto ^; elle mi giova berteggiare , non forse tu mi cre- 
dessi troppo riversato. Or io gli avea scritto la mat- 
tina per tempo degli undici: e '1 dì medesimo ho ri- 
cevuto la sera tue lettere nel Pompeiano, ben presto, 
tre giorni dalla data ^. IMa, come lo stesso giorno avea 
scritto a te, ho punzecchiato ben Dolabella: che se 
nulla ne avrò fatto, ben credo che egli non potrà so- 
stenersi sul viso mio. L'affar di Albiano avrai couchiu- 
50, ben credo io. Quanto al debito Patulciano, che tu 
mi sii entrato debitore per lui, ini è carissimo: e que- 
sta è una delle tue. Or io avendo lasciato Erote, che 
mi spacciasse questa bisogna, e' mi pareva uomo da 
ciò:^ ed è stato sua colpa non piccola, che essi ci ten- 
)iero poca fede. Ma vedrò io, trovandomi seco. Quanto 
a ^Montano, secondo che più volte tMio scritto, mi 
Uictto tutto nelle tue mani. Nessuna maraviglia che 
Servio sul partire ti parlasse da uom disperato:, ma 
io della sua disperazione non gliene passo un minuz- 
zolo. Se il nostro Bruto, uom singolare, non è per 
venire in Senato pel calcn di giugno, non so io quello 
che egli ci voglia fare nel foro. Ma di ciò vedrà egli 
meglio. Agli apparecchi che ora ci veggo fai'e, ritraggo 
io, non molto di bene aver portato le idi di mai'zo: 
onde io ogni di più vo' facendo ragione sopra la Gre- 
cia. Imperocché, se è vero quel che mi scrivi, che li 
mio r.ruto ha in cuore P esigilo, non veggo io di clie 
potessi giovargli. Le lettere di Leonida non mi ap{)or- 
tarono troppo diletto. Quanto ad Erode, io sono con 
le. Doh! avessi tu letto la lettera di Saufeio! "' lo peii;50 
di niulainii del romj)eiano a' dieci di maggio. 



l42 EPISTOLA DCCIll. A. V. C, 709 



DGGIII. 



( Ad DiT. XVI , ^4) 



Argwnciiluni. Domestica quacdain Tiroiiis cinae luandat, 
poslulatqiie, ut de publicis rebus sciibat. 

Scr. A. V. C. DCCIX, inrnse Maio. 

TVLLIVS TiRONl S. \\ D. 

Etsi mane Harpalmn miserarli; tainen, quum 
haberem, cui recte darera liteias, etsi novi nihil 
eratj iisdem de rebus volui ad te saepius scribe- 
re: non quin confiderem diligcntiae tuaej sed rei 
me magnitudo movebat. Mihi prora et piippis *, 
ut Graecorum proverbium est^ fuit a me tui di- 
mittendij ut rationes nostras explicares. Ofillio et 
Aurelio utique satis fiat. A Fiamma 2, si non po- 
tes omne, partem aliquam velini extorqueas : in 
primisque^ ut expedita sit pensio Kalendis lan. ^ 
De attributione 4 conficies. De repraesentatione ^ 
videbis. De domesticis ^ hactenus. De publicis 
omnia mihi certa 7- quid Octavius, quid Anto- 
musj quae hominum opinioj quid futurum putes. 
Egf vix teneor , quin accurram. Sed st! ^ literas 
tuas exspecto: et scito Balbum tum fuisse Aqui- 
ni, quuni tibi est dictum , et postiidie Hirtium. 
PuLo utrumque ad aquas 9. Sed quid cgerint *°. 
Dolabellae procura tores fac admoneantur. Appel- 
labis cliam Papiam ^^ Vale, 



An. di R. 709 LETTERA DCCllI. 1^3 

DCCIII. -^A. D.v. XVI, j-i) 

yjrgonte/ito. RaccoinauJa alla diligenza di Tlrone alcuni affari 
domestici, e gli ingiunge di scrivere le notizie publiliclie. 

Scritta l'anno DCCIX, nel mese di Maggio. 

TULLIO A TIRONE S. 

Sebbene la mattina io t'avea mandato Arpalo M tut- 
tavia, avendo a chi ben dare la lettera, quantunque 
nulla avessi di nuovo, t'ho voluto ribadire il chiodo 
medesimo: non che io dubitassi della tua diligenza, 
mala gravità dell'affare ne fu cagione. Io t'ho man- 
dato da me pure per questo (che, al dire de' Greci, 
mi fu prora e poppa ), acciocché mi dovessi spacciare 
le mie ragioni ^. Ad Offilio e ad Aurelio, non ho dub- 
bio . s' ha da fare il pagamento ^. Da Fiamma , se non 
puoi tutto, cavane quello che puoi: e soprattutto, che 
pel primo dell' anno la pensione non abbia ritardo. 
Circa l'assegnamento, cavane le mani 4; e vedrai an- 
che del circa il contar il danaro alla mano. Ma delle 
cose di casa sia detto assai. Delle pubbliche fammi 
chiaro di tutto ^: che sia di Ottavio, che d'Antonio: 
quello che se ne pensi ^ che ti aspetti. A mala pena 
mi tengo di non volar costà. Ma zitto ^. Aspetto tue 
lettere^ e sappi, Balbo 7 fu in Aquino il giorno che 
ti fu detto, ed Irzio il giorno seguente. Credo T uno 
e l'altro venuti a' bagni. Ma fanuni sapere clic cosa 
avran fatto ^. Fa di avvisare i procuratori di Dolabtl- 
la ;', e citerai anche Papia i". A Dio. 



l44 EPISTOLA DCCIV. A. V. C. 709 

DCCIV. (Ali A.11. XIV, so) 

ArguinenUiin. Tribus Attici e^nstolis respondet. 

Scr. ili ^'eal.olitnno Luciilli A. V. C. DCCIX, V M. M.ii. 

CICERO ATTICO S. 

1 E Pompeiano navi advectus sum in Luculli ' 
nostri liospitium VI Idus, liora fere HI* egres- 
sns autem e navi^ acccpi luas ^ literas, quas tuiis 
tabellarius in Cimianum attulisse dicebaturj No- 
iiis Mai. datas : a LucuUo posLridic eadem fere 
Iiora, qua veni, VII Idus Lanuvio datas. Audi 
igitur ad omnes, Primum, quae de re mea gesta 
et in soliitione ^j et in Albiano negotio 4^ grata. 
De tuo avitem Buthroto ^^ quiim in Pompeiano 
essenij Miseniun venit Antonitis: inde ante disces- 
sit, quam illuni venisse audissem- a quo in Sam- 
iiium. Vide, quid speres ^. Romae igitiu' de Bu- 
throto. L. Antonii i horribilis concio, Dolabellae 
praeclara. lani vel sibi habeat nuinmos, modo nu- 
meret Idibus ^. Tertullae 9 nollem abortum. Tarn 
enim Cassii sunt iam, quam Bruti serendi. De Re- 
gina ^" velim, atque etiam de Gaesare ilio ". 

2 Persolvi primae epistolae: venio ad secun- 
dam. De Quintis '^, Buthi^oto, quum venero, ut 
scribis. Quod Ciceroni suppeditas, gratuni. Quod 



Ah. tli R. 709 LETTERA DCCIV. 1^5 

DLLÌY. ^A.i Ati. XIV, 20) 

Argomento. Risponde a Ire lettere di Al lieo. 

Scritta dalia villa di Liirullo |prr.sso Napoli 1 aiiuo DCCIX , 
1'' I i (li Mayyio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

I Dal Pompeiano mi tragittai a' dieci per nave nel- 
r ospizio tli Lucullo nostro, forse alle tre. Smontato di 
nave, mi fu consegnata la tua lettera, che si dicea 
aver ii tuo corriere portala nel Cnmano, colla data 
de' y di maggio: e '1 dì appresso ebbi da Lucullo, nel- 
l'ora medesima clie io era venuto, l'altra colla data 
degli undici. Adunrpie rispondo a tutte. Innanzi tratto , 
m' è caro quello che tu facesti per me , sì quanto al 
pagamento , e si quanto all' affare di Albiano. Per conto 
del tuo Butroto, sappi, che essend' io nel Pompeiano, 
Antonio venne a Miseno^ ma partì di là, che io non 
avea pure sentito della sua venula^ e di là in San- 
nio. Vedi cagion che hai da sperare. Adunque circa 
Butroto, in Roma. Orribile è l'aringa di L. Antonio '^ 
una perla quella di Dolabella. Oggimai ne vada pure 
col suo danaro, sì veramente che mi paghi alle idi ^. 
Mi duole che Tertulla siasi sconciata ^^ perchè così i 
Cassii, come i Bruti soao alberi da piantare. Quanto 
alla Regina, fosse pure cosìi ed eziandio di quel Ce- 
sare 4. 

2 Alla prima lettera è soddisfatto^ or alla seconda. 
Circa i Quinti e Butroto, ben di': al mio ritorno. Mille 
grazie di quello che vai mandando a Cicerone. Tu mi 

Cici,R. X. — Leu. T. IX. IO 



lAG EPISTOLA DCCIV. A. V. V. 709 

errare me putas, qui rem publicam puteni pendere 
e Bruto^ sic se res habet. Aut nulla erit, aut ab 
■JstOj istisve scrvabitur. Quod me hortaris, ut scri- 
ptam *^ concionem mittamj accipe a me, mi At- 
ticCj za.S-cXtzoy S-£Ó)p>7[j!.a earum rerum ^ in quibus 
satis exercitati sumus. Nemo timquam ncque poe- 
ta , neque orator fuit, qui quemquam meliorem , 
quam se, arbitraretur. Hoc etiam malis contingit. 
Quid tu Bruto putas, et ingenioso^ et erudito? 
de quo etiam experti sumus nuper in edicto '4. 
Scripseram rogatu tuo ^^. Meum mihi placebat, 
illi suum. Quin etiam^ quum, ipsius precibus paene 
adductus, scripsissem ad eum de optimo genere 
dicendi ^*^j non modo milii, sed etiam tibi scri- 
psitj sibi illudj quod mibi piacerete non probari. 
Quare sine, quaeso, sibi qupmque scribere. Suam 
cuique spousani^ mihi menni: suum cuiqu.e amo- 
rem, miJii meum. Non scite '7: hoc enim Attilius, 
poeta durissimus. Atque utinam liceat isti concio- 
nari! cui si esse in urbe tuto licebit, vicimus. Du- 
cem ^^ enim novi belli civilis aut nemo sequetur, 
aut ii sequentur, qui facile vineantur. 

3 Venio ad tertiam. Gratas fuisse meas literas 
Bruto et Cassio, gaudeo. Itaque iis rescripsi. Quod 
Hirtium per me meliorem fieri voluntj do equi- 
dem operam: et ille optirae loquitur; sed vivit 
habitalque cum Balbo, qui itcm bene loquitur. 
Quid credas, videris. Dolabellam valde piacere 



An. dill. 7"9 LETTERA DCCiV. l^n 

credi spropositare uel creder che io fo, la Repubblica 
dipender da Bruto- ma il fatto è pur qui: o ella an- 
drà in lasci, o da nessun altro che da cotesto e co- 
testi sarà mantenuta. Tu anche m' esorli eh' io mandi 
(a Bruto) scritta l'aringa ^. Abbiti, o mio Attico, que- 
sto cattolico canone di tal materia, nella quale noi 
siamo ben bene avanti. Non fu mai orator uè poeta 
( e credilo eziandio de' più miseri ) il quale credesse 
nessuno del mondo miglior di sé. Or che vuoi tu cre- 
der di Bruto, giovane erudito e ingegnoso? 3Ia odi 
sperieuza eh' io ne ho avuta testé in quell' editto. Io 
Pavea scritto a tua inchiesta^ a rac piaceva il mio , a 
lui il suo. Ma c'è altro: alle sue preghiere mi lasciai 
tirare a scrivergli il libro, DeW ottima guisa di scri- 
i'ere ^: ed egli non pure a me, ma eziandio scrisse a 
te, l'opera che a me ben piaceva, a lui niente. Il per- 
chè, lascia (te ne pricgo) che ciascheduno scriva pure 
per sé. J'enga ciascun la sua sposa; io la mia. Cia- 
scuno ha suo cuìiore: io il mio 7: versi non eleganti 
d'Attilio poeta di ferro ^. Ed oh fosse dato a Bruto 
di poter aringarel del quale basteria bene che in Roma 
potesse viver sicuro^ e noi avremmo vinto: imperoc- 
ché il capitano di questa nuova guerra civile o non 
avrà clii lo séguiti, o avrà pur gente da '.incere con 
una mano di noccioli. 

3 Sono alla terza. Bruto e Cassio gradirono le mie 
lettere: ne godo- ed ho loro risposto. Egli vogliono 
che io rechi Irzio a miglior coscienza ^ io ne fo bene 
il possibile, ed egli mi dà di parole bonissime; ma 
egli vive e sta a casa con Balbo, il quale altresì me 
ne dà delle buone. Pensa tu che sperarne. Veggo che 
<li Dolabeila tu se' ben caldo: io certo me ne consu- 



1^8 EI'ISTOLA DCCIV. A. V. C, 7oy 

tibi video: mihi quidem egregie. Cum Pausa vixiiii 
Pompeiano. Is piane mihi probabat, se bene sen- 
tire '9, et cupcre pacem. Causam armoruni qiiaeri 
piane video. Edictum Bruti et Cassii probo. Quae- 
ris ^°^ ut suscipiam cogitationem , quidnam istis 
agenduni putem : Consilia temporum sunt 5 quae 
in lioras commutari vides. Dolabellae et prima 
illa actioj et haec contra Antonium concio mihi 
profecisse pernmltum videtur. Prorsus ibat res. 
Nunc autem videmur habiluri ducem ^^ : quod 
mium municipia bonique desiderant. Epicuri men- 
tionem facis^ et audcs dicere: pi ~cl.i~vó=.'7^<xi? Non 
te Bruti nostri vulticulus ab ista oratione deter- 
ret? Quintus filius, ut scribis, Antonii est dextel- 
la 2=*. Per eum igitur, quod volemus, facile au- 
feremus. Exspecto ^ si ^ ut putas , L. Antonius 
produxit Octaviiun ^^^ qualis concio fuerit. Haec 
scripsi citatim ^4. Statini cnim Cassii tabellarius ^^> 
Eram continuo Piliam salutaturusj deinde ad 
epulas Vestoriij navicula 26, Atticae plurimam sa- 
lutem. 



DCCV. 



(Ad Alt.. XIV, 2 1) 



^vgumentum. llcfert quae Balbus secum locutus sit, seque 
posUidic ad Ilirtium ituruui tlcnuiitiat. 



Aji. diR. 7"9 LETTERA DCCfV. I^q 

mo. Mi passai con Pansa nel Pompeiano. Egli mi as- 
sicurò pienamente del suo netto animo, e studioso di 
pace. Io veggo aperto che e' si coglie cagion di guerra, 
L' editto di Bruto e di Cassio , nulla meglio. Tu mi 
di': Pensa un poco: che cosa vorrau fare costoro? — 
Questi sono consigli da darli il tempo ^ e questo è 
d'ora in ora sul mutarsi, come tu vedi. Come quel 
tratto di Dolabella , cosi questa diceria contro Anto- 
nio mi pare aver fatto molto di bene. La cosa al tutto 
procedea co' suoi piedi. Ora mi pare che noi avremo 
un capitano 9- che è quello che i muuicipii e' buoni 
desiderano. Tu mi tocchi Epicuro, e mi osi dire, jiori 
essere da entrare in Repubblica? Ora da questo dire 
non ti raltiene il visino del nostro Bruto? ^° Quinto il 
figliuolo è, come tu di', la mau diritta d'Antonio: be- 
ne, egli et scuserà l'uncino da cavarne spacciatamente 
quel che vorremo. Se L. Antonio rappresentò Otta- 
vio ", come tu credi, aspetto di sapere come abbia 
parlato. Queste cose ho scritto a fuggi fuggi :^ che il 
corriere di Cassio avea il pie nella staffa. Io fo ragione 
di far di tratto una visita a Pilia^ indi a pranzo con 
Ycstorio, per mare. Mille saluti ad Attica. 



DCCV. (Ad Alt. XIV, 21) 

Argomento. Riferisce il discorso seco Kii tenuto da Balbo, e gU 
annunzia la sua andata ad Irzio per la domane. 



l5o EPISTOLA DCCV^ A. V. C. 709 

Sor. Pnicolis A. V. C. DCCTX . V Id.'l^I.u. 

CICERO ATTICO S. 

■Qunm paullo ante rlpclisseni ad le Cassii ln]>e]- 
Inrio lileras, V Idns venit nosler taLellariiis, et 
«luidrnij portenti simile^ sino tnis literis. Sed cito 
conieci, Lanuvii le fuisse. Eros autem feslinavil , 
ut ad me literae Dolabellae perferrentur, non de 
re mea (noiidum eiiim meas acceperat)^ sed re- 
scripsit ad eas, quarum exemplnm tibi miseraiii ^ 
sane Inculente. Ad me autem ^ quum Cassii tal^el- 
larium dimisissem ^ statim Balbus. O dii boni ! 
quam facile perspiceres tiraere otinm!^ et nosti 
virnm, quam tectus: sed tamen Antonii Consilia 
narrabat; illum circumire veteranos^ nt acta Cae- 
saris sancirentj idque se facturos esse iiirarent, ut 
rata omnes haberont- eaque duumviri ^ omnibus 
mensibus inspicerent. Questus est etiam de sua 
invidia 4: eaque omnis eius oratio fuit, ut amare 
videretur Antonium. Quid quaeris? nibil sinceri. 
Mibi autem non est dubium^ quin res spectet ad 
castra. Acta cnim illa res ^ est animo virili ^ Con- 
silio puerili. Quis enim boc non vidit, regni be- 
redem relictum? quid autem absurdius, Hoc me- 
tucre, (dtcriun in meta non ponere? ^ Quin etiam 
lioc ipso tempore multa vr.cioì.ciy.a. Pontii Neapo- 
ìitanum : a matre tyrannoctoni ^ possideri? Le- 



A«. di R. 709 LETTERA DGCV. i5t 

Scriita da Pozzuolo Tanno DGCIX, 1" ii di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Io avea teste cousegiiato per te una lettera al eor- 
riere di Cassio, ed ecco agli ii il corrier nostro (ma- 
ravigliai) senza tue lettere; se non che di tratto io 
dissi meco: Egli dovette essere a Lanuvio. — Ora Erote 
sollecitò, volendo che io avessi le lettere di Dolabella: 
non già dell' affar mio ( che non ancora avea ricevute 
le mie), ma era la risposta (bene magnifica) a quella 
mia di che t'avea mandato la copia. Intanto, avendo 
io accommiatato il corrier di Cassio di presente , ecco 
Balbo. Misericordia! come avrestu alla prima veduto 
che egli temeva la pace! E sì, tu sai uomo che egli 
è, che volpone! Tuttavia mi contava i consigli d'An- 
tonio ^ come egli assediava i veterani , che ratificassero 
gli atti di Cesare, e giurassero di indurre tutti a do- 
verli passare^ e i duumviri ^ mese per mese gli aves- 
sero da farne la veduta. Mi si dolse eziandio del ve- 
dersi odiare : e in osfni suo dire mostrava fradicio 
innamorato di Antonio. Che vno' tu? nulla da creder- 
gli. Quanto a me, io non ho uu dubbio che il fine 
non sia la guerra: imperocché la bisogna fa ben me- 
nata con cuor virile, ma con senno puerile. Imperoc- 
ché clii non vide il tratto , che egli era lasciato 1' e- 
rede del regno? ^ Ed or, che è più a sproposito, temer 
l'uno, deW altro non farsi paura? 3Ia e di questi mezzi 
scerpelloni non manca eziandio anche oggidì: la ma- 
die dell' uccisor del tiranno possedere il podere napo- 



l52 EPISTOLA DCCV. A. V. C. 709 

genilus mihi saepius est Calo inaior 9^ ad te mis- 
sus. Amaiiorem enim me senectus facit. Stomaclior 
omnia. Seti mihi quidem (òifjiM-ai i°. Viderint iu- 
veiies. Tu mea curabis, ut curas. Haec scripsi 
seu dictavij apposita secunda mensa, apud Ve- 
storium. Postiidie apud Hirtium cogitabam : et 
quidem nzv-iloi-r.c'j ^^. Sic hominem tradueere ad 
optimates paro. Ay~p;^ ttcÀJ;. Nemo est istorum , 
qui otium non timeat. Quare talaria videamus '-'. 
Quidvis enim potius , quam castra. Atticac salu- 
lem phnimam veHm dicas. Exspecto Octavii con- 
cionem, et si quid aliud* maxime autem, eequid 
Dolabella tinniat ^^) an in meo nomine tabulas 
novas fecerit ^4, 



DCGVI. 



(Ad Alt. XIV, 25 



Argumcntnni. Scribit se mox Arpinum discessariim, sigiii- 
iìcal(|ue Caesarianos otium timcre et ad bellutn spe- 
dare. 

Srr. in Putrolano A. V. C. DCCIX , Iclib. Mai. 

CICERO ATTICO S. 

Cerlior a Pilia factus^ mitti ad te Idibus ta- 
bellarios, statini hoc nescio quid exaravi. Primum 
igitur scile te volui, me hinc Arpinum XVI Ka- 
lend. lun. Eo igitur mittes, si quid erit posthac: 
quamquam ipse iam iamque adero. Cupio enim 



An. JiR. 709 LETTERA DCCV. 1 53 

Ulano fli Ponzio? ^ E' mi bisogna di sempre piìi spesso 
leggei'e il Calo maior die ti mandai , j)eicliò la vec- 
chiezza mi rende ogni di più fastidioso 'i : lutto mi 
muove lo stomaco. ì\Ia quanto a me, son già al Jlne 
del mio corso ^': ci pensino i giovani. Tu avrai cnra 
de** fatti miei, come hai. Queste cose ho io scritte, o 
dettate, essendo alle frutte in casa Veslorio. Per do- 
mani fo ragion d'essere con Irzio: che è appunto // 
(jiiinto che resta ^. Per questa via ordino io di recarlo 
a Repubblica 7. Ma folla di ciance! non è alcun di 
costoro che non tema della pace. Il perchè a metterci 
I talari: da che anzi il fistolo che la guerra. Salutami 
Attica mille volte. Aspetto l'aringa di Otlavio, e chec- 
ché altro, se l'hai* ma soprattutto se Dolabella faccia 
contar nulla ^: o se in quella vece, sopra il credito 
mio, abbia fatto luiovo libro de' conti 0. 



DCGVI. 



(Ad Ati. XIV, 22) 



Argomcìitn. Scrive che quanto prima partirà per Arpiiio, e 
che i Cesariani temono la pace e mirano alla guerra. 



Scritta nella villa di Pozziiolo l'anno DCCIX , il i5 <li Maj;gin. 

CICEROi>E AD ATTICO S. 

Saputo da Pilia che pe' 1 5 si manderebbe lettere a 
te, di tratto ho scarabocchiato questo non so io che. 
La prima cosa, lu dei sapere che a' l'j di' maggio io 
mi muterò di qua in Arplno: manderai dunque là, se 
quinci innanzi avrai che (>ebbene poco può stare, e 
sarò cosli io medesimo), imperocché prima di venire a 



l54 EPISTOLA DCCVI. A. V. C. 709 

ante, qnam Romani vcnio^ odorari diligentius j 
quid fuLurnm sit. Quamquam vereor^ ne nihil 
coniectura aberrem. Minime enim obscurum est , 
quid isti ^ moliantur (meus vero discipulus ^^ qui 
hodie apud me cenat^ valde amat illum^ quem 
Bmlus noster sauciavit)j et^ si quaeris (perspexi 
enim piane) ^ timent otium: vnóSre'jLy autem liane 
habent, eamque prae se ferunt, virum clarissi- 
nium interfectunij totani rem publicam illius in- 
teritu perturbatami irrita fore, quae ille egisset^ 
simul ac desistemus ^ tiraerej clementiam illi ma- 
lo 4 fuisse; qua si usus non esset ^^ nihil ei tale 
accidere potuisse. Milli aulem venit in mentem^ 
si Pompeius ^ cum exercitu firmo veniat, quod 
est Ej/c'/cy, certo fore bellum. Haec me species co- 
gitatioque perturbat. Neque enim iam^ quod tibi 
tum licuit 7j iiobis nunc licebit. Nam aperte lae- 
tati sumus. Deinde liabent in ore^ nos ingratos. 
Nullo modo licebit, quod tum et tibi licuit, et 
multis. ^^aiyor.pcjw-rjTiov ergo, et iricy in castra? 
Millies mori melius, buie praesertim aetati. Ita- 
que me Idus Mart. non tam consolantur, quam 
antea. Magnum enim mendum continent ^. Etsi 
illi iuvenes 

"A'/.).ci.i c-j è7^).cl.; rovo'' à7TW.S"cO>Ta£ '^^'jycv 9, 

Sed, si tu melius quippiam speras, qnod et plura 
audis. et interes consiliis '"; scribas ad me velim, 



Ali. «li Tv. jog LETTERA DCCVI. l55 

lìoina, vo' spillar un po' più sottilmente eli quello clic 
potrà essere: quantunque io temo di imberciar troppo 
eolie mie congetture : cliè certo Io vedrebbe un cieco 
quello clic costoro mulinino (e il mio scolare, che oggi 
pranza con me. spasima di colui che fu ferito dal no- 
stro Idrato ^): ed a dirtela (che ho tocco la cosa con 
mano), temono della pace. Ora egli fanno giucare que- 
sta cagione, e la portano in palma di mano: essere 
stato ucciso una perla di uomo : tutta la Repubblica 
barattata per la sua morte; restando noi di temere, 
tutto il ben da lui fatto doverne tornare a nulla: la 
sua clemenza averlo rovinato ^ ^ tenendo lui altri mo- 
di, non gli accadeva quello che accadde. Ora a me 
viene iu mente: se Pompeo venga con buone truppe 
(che è da aspettare)^ abbiti per certa la guerra. Que- 
sta immaginazione o pensiero mi tiene agitato: impe- 
rocché quello che tu allora potesti, non potrò oggi- 
mai far io al presente, avendo io apertamente mostrata 
allegrezza: ed anche non rlfinauo di dare a me del- 
l' ingrato. Al tutto non e' è più via da poter fare quello 
che tu e molti altri potevano allora. Adunque è da ca- 
varsi la maschera, e da mettersi a oste? Più tosto mo- 
lir mille volte, massime in questa età. Il perchè le idi 
di marzo non mi consolano, come per l' innanzi: che 
e' c'è un gran tossico ^. Al contrario in que' giovani, 
per altri be^ Jhtti, non cade cotesto biasimo 4. Ma se 
tu hai sopra che meglio sperare (che e odi più cose 
di me. e sei alle deliberazioni), fammel sapere^ e pensa 



l56 EPISTOLA DCCVr. A. V. C. 709 

simulque cogites, quid agenduiii nobis sit super 
legatione votiva ". Equidem in liis locis moneor 
a multis, ne in senatu Kalendis ^^. Dicuntur eniiii 
occuUe milites ad eam diem comparati, et qui- 
dem in istos ^^j qui mihi videntur ubi vis tutius, 
quara in senatu j fore. 

DCCVII. (A,| Alt. XV, ,) 

Argiinienlum. i Alexionis medici mortem dolet : 2 exponit, 
quid ciim Hirtio egerit, et quid sibi de Antonio et de 
Bruto vidcatur: 3 denique addit quaedam domestica, 
4 et iudicium de Bruti oratione Capitolina. 

Srr. in Putrolano A. V. C. DCCIX , a. d. XVI Kal. Imi. 

CICERO ATTICO S. 
I factum male de Alexione! incredibile est. 



quanta me molestia affecerit ] nec mehercule ex 
ea parte maxime, quod plerique mecum: u Ad 
« quem igitur te medicum conferes? » Quid mihi 
iam medico?^ aul si opus est, tanta inopia est? 
Amorem erga me, humanitatem, suavitatemque 
desidero. Etiani illud : quid est , quod non per- 
timescendum sit- quum hominem temperantem, 
summum medicum, tantus improviso morbus op- 
presserit? Sed ad haec omnia una consolatio est, 
quod ea conditione nati sumus , ut nihii, quod 
homini acciderc possit, rccusare debeamus. 



Ali. di II. 7<'9 LETTERA DCCVl. iSj 

anche, se sopra la legazione votiva tu creda da fare 
per me assegnamento ^. A dir vero, qui ho molti che 
mi sconfortano da venire in senato pel primo ^ hucinan- 
dosi che pel tal di debbano essere appostati soldati in 
proprio contra cotestoro: i quali in ogni altro peggior 
luogo sarebbono (pare a me) più sicuri, che non in 
senato. 



DCCVII. 



(Ad Alt. XV, O 



Argomento, i Lamcula la morte del fisico Alessione; u narra 
le pratiche tenute con Irzio, e ciò che gliene pare di An- 
tonio e Bruto; 5 soggiugne qualche notizia domestica, 4 ^ 
il parere sopra la diceria di Bruto in Campidoglio, 



Scritta nella villa di Pozzuolo Panno DCCIX , il 17 di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

I Doli ! cattivel eli Alessione ! egli non si può cre- 
dere quanto io ne sia addolorato^ e non mica da quel 
lato precipuamente che i più un vanno dicendo: « Or 
'.' qual medico vorrai pigliar tu? ;> Che mi fa ora di 
medico?^ o mi bisognasse anche, mancano medici? 
L'amor suo verso di me, la cortesia, T umanità, que- 
ste piango perdute. Ma e v' aggiugni : che cosa non 
dobbiam noi temere, quando un uomo temperante, 
medico valorosissimo, un sì fiero male ha improvvisa- 
samente toko del mondo? In somma, solo questo con- 
forto ci resta in tutti questi pensieri : tale esser la con- 
dizione del nascer nostro , che nessuna cosa dobbiam 
ricusare, alla quale soggiace la nostra natura. 



l58' EPISTOLA DCCVII. A. V. C. 709 

1 De Antonio iani aiilea Libi scripsi^ non esso 
euni a me conventuni. VeniL LMiim Misenuin^ (jiiinn 
ego esseni in Pompeiano ^: inde ante protectus est, 
quam ego eum venisse cognovi. Sed casu, qiunn 
legerem tuas literas, Hirtius erat apud me in Pii- 
teolano: ei legi;, et egi: primum quod attinet, ni- 
hil milii concedebat: deinde ad suiiimaiu i, arbi- 
trum me statuebat non modo huiiis rei ^^ scd totiiis 
consnlatiis sui. Cmu Antonio auteuj sic agemus, 
ut perspiciatj si in eo iiegotio nobis satisfecerit, 
totum me fiituium suum. Dolabellaui spero domi 
esse ^. Redeamus ad nostios7- de quibus tu bo- 
iiam spem te significas habere propLer edictoruni 
humanitatem ^. Ego autem perspexi, quuni a me 
XVn Kal. de Puteolano Neapolim, Pansae con- 
Teniendi causa, proficisceretur ^i^lius, omnem 
eius sensum. Seduxi enim 9, et ad pacem suni 
cohortatus. Non poterat scilicet negare, se velie 
pacem- sed non minus se nostroruni arma time- 
re, quam Antonii: et tamen utiOS(fue non sine 
causa praesidium habere ^"-^ se autem utraque 
arma metuere. Quid quaeris? cvoh iyizi. 

3 De Q. filio tibi assentior: patri quidcm certe 
gtatissimae et bellae " tuae literae fuerunt. Cae- 
relliae vero tacile satisfeci ^^^ nec valde laborare 
milii visa est; et, si illa, ego certe non labora- 
reuj. Istani '^ vero, quam tibi molestam scribis 
esse, auditam a te esse, omnino demiror. Nam 



An. din. 709 LETTERA DCCVII. 1 5g 

2 Quanto ad Antonio, t'ho scritto già, come non 
gli ho parlato^ perchè egli venne a Miseno quando 
io era nel Pompeiano, e ne parti prima che io sapessi 
del suo venire. Ma incontrò , che leggendo io la tua 
lettera nel Pompeiano , Irzio era quivi in casa mia • 
gliela lessi j e gli feci calca. Quanto al primo punto, 
egli non ne era raeu caldo di me^ poi, recandomi iu 
poco le molte parole, egli mi faceva arbitro, non pure 
di questa bisogna, ma di tutto il suo consolato. Con 
Antonio poi io teri'ò tali modi , che egli intenderà > 
facendomi questo piacere, me dover essere tutto suo. 
Spero, Dolabella essere in Ruma ^. ]\Ia torniamo a' no- 
stri, de' quali tu mi mostri di bene sperare, sopra la 
dolcezza degli editti ^. Or io (partendo Irzio, a' i6 del 
mese, d'appresso a me nel Pozzuolano, per condursi 
a Napoli a visitar Pausa) ne ho cavato ogni suo senti- 
mento*, perchè, trattolo in disparte, lo confortai della 
pace. Veramente egli non potè negar di desiderarla^ 
ma non temere perù meno dell'armi d'Antonio che 
dei nostri: certo non senza un perchè sì gli uni come 
gli altri si tenevano in guardia^ ma egli temeva di tutti 
e due. Che ne vuoi tu? nulla da cuoie. 



ò Quanto al figliuol Quinto, sono con te: gravis- 
sime e tutte il caso furono le tue lettere al padre. Or 
a Cercllia ho io dato di leggeri soddisfazione 4: e noii 
m'è paruto che ella se ne desse gran pena', e se an- 
che ella , certo io nessuna. A costei poi ^, la qual tu 
mi scrivi esserti fastidiosa , al tutto non so intendere 
come tu aljbia prestato le orecchie. Imperocché se io, 



l6o EPISTOLA DCCVll. A. V. C. 709 

quO(! eam collaudavi apud auiicos ^ audieiitibiis 
tribus liìiis cius et lìlia- cv ra:j-ò h. zcij aiircO ^4. 
Quid est hoc? Quid est autem^ cur ego persona- 
tus auìbuleni? ^^ parumne foeda persona est ipsius 
scnectutis? Quod Brutus rogatj ut ante Kalen- 
das ^^j ad me quoque scripsit: et fortassc faciani. 
Sed piane, ([uid velit, nescio. Quid ciiim illi af- 
ferre consilii possum, quuni ipsc egeani Consilio? 
et quuni ille suac iuiniortalitali nielius, quam no- 
stro otio, consuluerit? De Regina ^7, rumor exstin- 
guetur. De Fiamma j obsecro te^ si quid potes. 

4 Heri 'S dedcram ad te literas exiens e Pu- 
leolanoj dcverteramque in Cumanum. Ibi bene '9 
\alentem videram Piliara, Quin etiam panilo post 
Cumis ^° eam vidi. Venerai enim in funus: cui 
iuneri ego quoque operam dedi. Cn. Lucullus, fa- 
miliaris nostcr, matrem efferebat. Mansi igitur eo 
die in Sinuessanoj atque inde mane postridie Ar- 
pinum proilciscens, liane epistoiaiu cxaravi. Erat 
autem nibil novi, quod aut .scril)ercm, aut ex te 
qnaererem^ nisi forte hoc ad rem putas pertine- 
re: Brutus noster misit ad me orationem suam, 
babitam in concione Capitolina^'' petivitque a 
me, ut eam nec arabitiose ^= corrigerem ante, 
quam ederet. Est autem oratio scripLa elegantis- 
sime sententiis, verbis, ut nihil possit ni Ira. Ego 
tamen, si illam causam babuissem , scripsissem 
ardentius. 'Ittc^stì^, vides, quae sit "^, quae per- 



An. Ji U. :"3 LETTERA DCCVII. l6l 

presenti gli amici, uè ho detto bene, sappi che, udenti 
i tre suoi (IghuoU e la figliuola , ìio/i il medesimo dal 
medesimo ^. Or che è questo ? che è ? tu dimandi : o 
non posso io andar mascherato? o è ella poco laida 
maschera essa vecchiezza? " Quello di che Bruto ti 
prega (e lo scrisse anche a me), che per l'ultimo del 
mese io sia a Roma: forse il farò* ma quello che egli 
ne aspetti , uon so veder punto : da che qual consi- 
glio posso io dare a lui, che ne ho bisogno per me? 
e quando egli troppo megho ha provveduto all'immor- 
talila del suo nome, che al nostro aver pace? Quello 
che si bucina della Regina, tornerà a nulla ^. Per conto 
di Fiamma, mi ti raccomando: fanne il possibile 9. 

4 Ieri, uscendo del Pozzuolano, t'avca scritto '", e ri- 
dottomi nel Cumano, dove trovai Pilia in ottimo stato;, 
anzi l'ho veduta poco dopo a Cuma ", venutaci per es- 
sere ad un funerale che il nostro amico Gneo LucuUo 
faceva alla madre ^ al ([ual servigio diedi una mano io 
medesimo. Soprastetti dunque nel Sinuessano quel di "• 
e di là movendomi la mattina seguente per Arpino, t*ho 
scritto questa lettera. Or io nulla avea di nuovo né 
da scriverti , né da domandarti ; se già non fosse quel 
che ti dirò per cosa di Repubblica. Il nostro Bruto 
mi mandò la sua orazione, da lui recitata nella ragu- 
nanza del Campidoglio^ e mi pregava che io, senza 
porvi su uè sai né olio, gliela correggessi prima di pub- 
blicarla '-'. Essa è scritta a sentenze e parole di tutta 
eleganza, si che non si potea meglio. Tuttavia, se io 
avessi avuto a mano quella causa, avrei sposto gli ar- 
gomenti con più d'ardore H, Tu vedi, oratore che 



Ci e £ lì. X — Leu. T. JÀ. 



Il 



162 EPISTOLA DCCVil. A. V. C. 709 

sona dicentis ^^. Itaque cara corrigere non potui. 
Quo enlni in genere Brutus noster esse vult^ et 
quod iudiciuni habet de optimo genere dicendi ^ 
id ita consecutus est in ea oratione, ut elegan- 
tius esse nihil possit. Sed ego solus alius ^i sum 5 
sive hoc recte, sive non recte. Tu tamen velim 
orationem legas^ nisi forte iam legisti, certi orem- 
que me facias, quid iudices ipse: quamquam ve- 
reor, ne, cognomine tuo lapsus , vTtepcaxiv.òi sis in 
indicando ^^. Sed si recordabere È^-riii-o7^ivou;, fid- 
mina, tum intelliges posse et àrTtxwrara gravissi- 
me ^^ dici. Sed haec corara. Nunc nec sine epistola , 
nec cum inani epistola volai ad te Metrodorum 
venire. 



DCGVIII. 



(Ad Alt. XV, 2) 



Argumentwn. De Butlirotiorum negotio, ac L. Antotiii et 
Octavii concioiiibus, breviterque de aliis rebus. 

Srr. in Vcsciano A. V. C. DCCIX, XV Kal. Imi. 

CICERO ATTICO S. 

Quinto decimo Kalend. e Sinuessano profici- 
scensj quum dedissem ad te literas, devertissem- 
que a Gumis, in Vescino ^ accepi a tabellario 
tuas litterasj in quibus nimis multa de Buthro- 
to. Non enim tibi ea res maiori curae aut est, 
aut erit, quam mihi. Sic enim decet, te iiiea cu- 



Au. di 11. 709 LETTKllA DCCVll. l63 

parla ^ il perchè io non Tho potuta toccare. Concios- 
siacliè, per la maniera che egli vuol seguitare, e pel 
giudizio fatto tleir ottimo modo di dire, egli m' è in 
quella orazione riuscito per forma, che d'eleganza nan 
vi può ire più là. Se non che io tengo altra via^ sia 
in bene, o sia in male *^. Tuttavia io vorrei che tu la 
leggessi (se già non l'hai letta), e mi facessi sentire 
del tuo giudizio: sebbene io temo, non forse alluci- 
nato dal tuo cognome, tu non tenessi troppo dell'at- 
tico nel giudicare '*'. Ma recati a mente i fulmini di 
Demostene, e tu comprenderai che eziandio le cose 
più attiche si possono dire gravissimamente. !\Ia di ciò 
a bocca. Non ho voluto che nò senza lettera, uè con 
lettera senza costrutto, Metrodoro venisse a te. 



DCCVIII. 



(Ad Alt. XV, a) 



Argomento. Dell'affare de'Butroti, e dellnringu di L, Antonio 
ed Ouavio, e di riciso di qualche altra co»a. 

Scritta ilul Vcìciano l'anno DCCIX , il 18 di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

A' i5 del mese, partito dal Sinuessano, do\e ti scrissi, 
e ridottomi da Cuma nel Vescino ', quivi ebbi dal cor- 
riere la tua lettera, troppo calda per conto di Butro- 
to: perchè questa bisogna non preme più a te, uè pre- 
merà, che ella si faccia a me, essendo ragionevole che 
nella ciu-a, tu de' fatti miei, io de' tuoi, siamo pari- 



l64 EPISTOLA DCCVIII. A. V. C. 709 

i^are, tua me. Qiiamobrem id quidem sic susce- 
ptum est milii, ut nihil sim habiturus autiquius, 
L. Antonium concionatum esse, cognovi tnis = li- 
teris et aliis , sordide* sed, id quale fueritj ne- 
SCÌ05 nihil enitn scripsisti. De Menedomo ^^ probe. 
Quintus certe ea dictitat, quae scribis 4. Consi- 
lium meum a te probari, quod ea non scribam, 
quae tu a me postularis ^^ facile patior: multo- 
que magis id probabis, si orationem eam ^j de 
qua hodie ad te scripsi, legeris. Quae de legioni- 
bus 7 scribis, ea vera sunt. Sed non satis hoc 
mihi videris tibi persuasisse, qui de Buthrotiis 
nostris per senatum speres confici posse: quod 
puto ( tantum enim video ), non videmur esse 
victuri ^. Sed, si etiam nos hoc fallat, de Bu- 
throto te non fallet. De Octavii conciono idem 
sentio, quod tu: ludorumque eius apparatus 9, et 
Matius ac Postumius mihi procuratores non pia- 
cent. Saserna collega dignus ^°. Sed isti omnes , 
quemadmodum scntis, non minus otium timent, 
quam nos arma. Balbum levari invidia" per nos 
velim : sed ne ipse quidem id fieri posse confi- 
dit. Itaque alia cogitat. Quod prima disputalio 
Tusculana te confirmat ^^, sane gaudeo. Ncque 
enim ullum est perfugium aut melius , aut para- 
tius. Fiamma quod bene loquitur '^, non moleste 
fero. Tyndaritanorum causa, de qua tam laboras'4j 
quae sit, ignoro. Hos tamen '^, Iljvri^.cjTrcv movere 



An. di R. 709 LETTERA DCCVIII. l65 

Il pei-chè, ti prometto, io lio preso sopra di me que- 
sta cosa per forma, cbe nulla mi potrebbe esser più 
a cuore. Dalle lettere tue e d'altri ho saputo, L. An- 
tonio aver fatto una sconcia aringa |, ma non ne so il 
netto, che tu noi m'hai scritto. Quanto aMenedemo, 
va bene 2. Certo Quinto ne va dicendo secondo che 
tu mi scrivi ^. Mi piace che tu approvi il mio divisa- 
iiiento , di non iscriver le cose di che tu m' avevi ri- 
chiesto* il che tu approverai anche più, come tu abbi 
letta l'orazione della quale oggi t'ho scritto. Vero quello 
che tu mi scrivi delle legioni 4 : se non che tu non mi 
sembri troppo esserne persuaso, quando tu speri poter 
il senato dare spaccio all'affar de' Butroti:^ il che io 
non credo. Per quello che io veggo, noi non vogliam 
vincere: ma se anche io di questo m'inganno, tanto 
meglio pe' tuoi Butroti. Circa l'orazione di Ottavio, io 
la penso con te: ma l'apparecchio de' suoi giuochi, e 
Mazio e Postumio che ne hanno la cura, non mi gar- 
bano ^. Saserna è un collega che loro sta bene ^. iMa 
tutti costoro (secondo che tu la senti) non temono meno 
la pace , che noi la guerra. Vorrei che ci venisse fatto 
di hberar Balbo dall'odio che ha addosso 7: ma nò 
egli medesimo ne può prender fidanza^ e pertanto s'è 
vòlto ad altro. Mi rallegro in verità che la prima di- 
sputa mia Tusculana ti faccia forte ^ che certo noi non 
abbiam riparo migliore, nò più manesco. Che Fiamma 
parli bene, non mi rincresce. La causa de' Tindarita- 
ni ^, della qual sei tanto in pena, non so che sia. 
Tuttavia sarò per loro 9. Il sere che resta de' cinque ^^ 



ì66 EPISTOLA DCCYIII. A. Y. C. 709 

ista vlclenturj in primis erognllo peouniae »^. Dr* 
Alexione doleoj sed^ qnonkiin iiiciderat in tnm '7 
gravem morbum^ bene actum cum ilio arbitror. 
Quos tamen secundos heredes '^^ scire yellem. el 
diem testamenti. 

DCCIX. (Ali Ali. XV, 3) 

^4rgui)icnlitìn. Respòiulet duabus Atlici epistolis. 

Sci-, in Alinali A. V. C. DCCIX, XI Kal. Imi. 

CICERO ATTICO S. 

1 Vndecimo Kalend. accrpi in Alinati ' drias 
epistolas tuas j qnlbus duabus meis respondisli. 
Vna erat XV Kal., altera XII data. Ad siipeiio- 
rem igitur piius. Accurres in Tusculanum, ut scri- 
bisj quo me VI Kal. venturum aibitrabar. Quod 
scribis, parendum victoribusj non mihi quidein, 
cui sunt multa potiora ^. Nam illa. quae recorda- 
ris, Lentulo et Marcello consulibus, acta ^ in aede 
Apollinis; nec causa cadem est j nec simile tem- 
pusj praesertim quum Marccllum 4 scribas aliosque 
discedere. Erit igitur nobis coram odoranduni ^ et 
constituendum, tutone Roniae esse possiums. Novi 
conventus babitatores sane movent ^. In nutgnis 
enim icrsamur angustiis. Sed sint : isla parvi. 
Quin et niaiora contcnminius. Calvae Icslamcn- 



Ali. <lil\.709 LETTERA DCCVIII. 167 

mi par commosso delle cose presenti, ed in ispezieltà a 
cagione dello spendere il denaro. D' Alessione porto ben 
dolore : tuttavia , essendo lui caduto in malattia cosi 
grave, penso che e' fu meglio per lui. Ben vorrei sa- 
pere quali abbia scritto secondi eredi , e '1 giorno del 
testamento. 

DGCIX. ( AJ Aa. S.V, 3) 

Argomento. Risponde a due lettere di Attico. 

Scritta neir Alinate l'anno DCCIX , il in di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

1 A"* r^i del mese ebbi nell'Atlnate ^ due tue lettere 
di risposta alle due mie;, Tuna era de"* 21, T altra de' 18. 
Adunque prima alla piìi vecchia. Tu verrai dunque a 
corsa nel Tusculano, dove io credo essere a' ay. Tu 
mi scrivi, essere da andare a' versi de' vincitori: non 
io, tei prometto, che ho troppo altro di meglio. Im- 
perocché , quanto al ricordarmi che fai quel che s' è 
fatto , sotto i consoli Lentulo e Marcello , nel tempio 
dWpolline ^^ la cosa è tutt' altro ^\ ed il tempo non 
ha che fare con questo, massime scrivendomi che ì\Iar- 
cello ed altri già se ne vanno. Adunque noi abbiamo 
a frugare (l'uno sul viso dell'altro), e da prender par- 
tito se in Roma noi possiamo starvi sicuri. Ti dico il 
vero : i nuovi abitatori testé raccolti mi dan da pen- 
sare 4- e certo mi trovo forte allo stretto. Se non che 
poco di ciò m'importa- e' c'è anche di peggio, che 
non lo curo. Ilo veduto il testamento di Calva , mi- 



l68 EPISTOLA DCCIX. A. V. C 7.-9 

tuui cognovij hominis turpis ac sortlidi. Tabula 
Demonici ^ quod libi ciirae est^ gratiim. De Ma- 
rio 9 scripsi iam pridem ad Dolabellam accuratis- 
sime- modo redditae literae sint. Eius causa et 
cupio j et debeo. 

2 Venio ad propioreni, Cogiiovi de Alexiouc , 
quae desiderabam ^•'. Hirtius est tuus. Antonio , 
quam est ", volo peins esse. De Q. filio^ ut seri- 
bis '^5 de patre coram agemus. Brutum onini re , 
qua possunij cupio iuvare: cuius de oratiuncula 
idem le, quod me^ sentire video: sed parum in- 
telligo, quid me velis scribere^ quasi a Bruto lìa- 
bita orationc ^^^ qunm ille ediderit. Qui tandem 
convenit? an sic, ut in tjrannum iure optimo 
caesum? Multa dicentur, multa scribentur a no- 
bis- sed alio modo et tempore. De sella Caesa- 
TÌSj bene tribuni '4. Praeclaros etiam XIIII ordi- 
nes ^^. Brutum apud me fuisse, gaudeo; modo et 
libenter fuerit, et sat diu. 

DCGX. ( Ad Ali. xv, /,) 

^rguineiiUiiii. Duabus A Ilici cpislolis respondet. 
Sri-, in Minali A. V. C. DCCIX, X Kal. Tnn. 

CICEUO ATTICO S. 

1 Decimo Kalend. , bora Vili fere, a Q. Fu- 
fìo ' venit labellarius j nescio quid ab eo liteiu- 



An. .li R. 709 LETTERA DCCIX. IÌkj 

sero e sporco uomo. Va bene che tu ti dia pensiero 
dell'incanto de"* beni di Demonico. Di Mario ho scrit- 
to ^, è un pezzo, a Dolabella con ogni studio^ basta 
che la lettera gli sia pervenuta. Io ne ho tutto il zelo , 
come il dovere. 

u Vengo air ultima lettera. Ho inteso di Alessionc 
quel che voleva. Irzio è tuo. Il male d'Antonio è poco 
a quello che io gli auguro ^. (^)iuanto a Quinto il figliuo- 
lo, SI come scrivi, un' iliade 7. Quanto al padre, ve- 
drem di presenza. A Bruto voglio tutto il bene che io 
possa mai^ della sua orazioncella veggo che tu la senti 
con me: ma io non attingo bene quello che tu voglia 
eh' io scriva una orazione in persona di Bruto, quando 
egli la pubblicò. Come diavolo! ci vedi tu il verso* 
forse provando assai ben morto il tiranno ! Io direi , 
io scriverei delle cose ben molte: ma in forma e tempo 
diverso. Quanto alla sedia di Cesare^, bravi i tribuni ! 
e bravissimi eziandio i quattordici oi'dini! 9 Ben fece 
Bruto ad essere stato in casa mia ^° : cosi ci fosse stato 
di grado ed un coiiveaevole tempo! 



DCCX. (Ad Alt. XV, 4) 

Argomento. Risponde a due allre lettere di Attico. 

Scrina ucirAtiiiate l'anno DCCIX, il a3 di Maggio. 

CICEROiNE AD ATTICO S. 

I A' 23 del mese, intorno alle otto, mi trovò il 
corriere di Q. Fufio ^t mi pose in mano non so <hc 



I-JO EPISTOLA DCCX. A. V. C. 709 

larum. utl me sibi restituerem : sane insulse, ut 
solet- nisi forte ^ quae ^ non ames, omnia viden- 
tur insulse fieri. Scripsi ita , ut te probaturum 
existimem. Mihi duas a te epistolas reddidit j 
imam XI, alteram X. Ad recentiorem prius. De 
legione j laudo 3. Si vero etiam Carfulenus , àVj 
7:cray/7}v4. Antonii Consilia ngrras turbulenta: atque 
ntinam potius per populum agat j quam per se- 
natumj quod qnidem ita credo. Sed mihi toturn 
eius consilium ad bellum spectare videtur, si qui- 
dem D. Bruto provincia eripitur. Quoquo modo 
ego de illius ^ nervis existimo , non videlur fieri 
posse sine bello. Sed non cupio j quoniam cave- 
tur Buthrotiis ^. Rides? ast condoleo , non mea 
potius assiduitatCj diligentia, gratia perfici. Quod 
scribis te nescire, quid nostris faciundum sit j 
iam pridem me illa xzcpia solicitat, Itaque stulta 
iam Iduum Martlarum est consolatio. Animis enim 
nsi sumus virilibus 5 consiliis, mihi crede , pueri- 
libus 7. Excisa enim est arbor, non evulsa: ita- 
(jUCj quam fiuticetur, vides. Redeamus igitur , 
quoniam saepe usurpas , ad Tusculanas disputa- 
tiones. Saufeium per te celemus ^: ego numquam 
indicabo. Quod te a Bruto 9 scribis, ut certior 
fieret, quo die in Tusculanum essem futurus '": 
ut ad te ante scripsi, VI Kal.j et qiiidem ibi te 
quam primum per videre velim. Puto enim 110- 
bis Lanuvium eunduni, et quidem non sine multo 
sermone ". Sed 'j.ùy,7zi. 



An. dir.. 709 LKTTF.nV DCCX. I"! 

pislololto che VAI ricliicJcva di voli-rnii seco nconcilla- 
re. scioccamente (li so dice) secondo suo usato: se 
i;ià non fosse che ogni cosa che tu non ami, ti par 
fatta co"' piedi. GH risposi per forma, che (mi per- 
suado) lu medesimo ne saresti contento. Mi diede an- 
che due lue lettere, 1' una de' 22, l'altra de' 23. Co- 
juincio dall' ultima. Anche la legione? ^ ottimamente. 
Se poi è vero che eziandio Carfalcno, i fiumi suso alla 
fonte. Sento del torbido mulinare d'Antonio : cosi pure 
lavorasse egli col popolo, non col senato ■^, come credo 
che egli farà. Ma tutto il suo intento è alla guerra , 
SI come pare, se è vero che a D. Bruto togliesi la 
provincia. Sia (pianto esser possa la sua potenza, non 
posso credere che senza guerra possa seguire: ma io 
noi vorrei, per lo ben de' Brutroti 4. Ridi tu:' ben duole 
a me che la cosa piuttosto per la instanza mia, per li 
diligenza e favore, non abbia effetto. Tu mi scrivi à\ 
)ion vedere partito da prendere i nostri: questa è una 
spina che mi punge da un pezzo. Ed ecco oggimai 
bel consolarci delle idi di marzo ! imperocché s' è ado- 
jjerato con cuor virile: ma il senno (credimi) fu da 
ragazzi. S'è tagliato l'albero, non ischiantato; e però 
tu vedi germogli che gitta. Torniamo adunque (come 
tu se^ solito dire) alle Tusculane disputazioni ''. Noi la- 
sciam per tuo amore sap -re a Saufeio ^: io noi sco- 
prirò mai. Mi scrivi che Bruto volea sapere da te il 
giorno che io sarei venuto nel Tusculano- sappi a' 2^, 
come t'ho scritto già: e (vedi) io mi consumo di ti'o- 
varti colà al più presto: imperocché io mi credo do- 
ver condurmi a Lanuvio^ e, ti prometto, non senza 
un gran dire 7: ma ci porrò cura. 



1^2 EPISTOLA DCCX. A. Y. C. 709 

2 Redeo ad superiorem: ex qua praetereo illa 
prima de Buthrotiisj qiiae mihi suiit inclusa me- 
dullis : sii modo, ut scribis , locus agendi. De 
oratione Bruti, prorsus contendisi quum '^ ite- 
rum tam multis verljis agis. Egone ut eam cau- 
sara , quam is scripsit ? ego scribam non rogatus 
ab eo ? Nulla napzyy/i'ry/^^tg fieri potest contume- 
liosior. At, inquis, 'Upx/lsrjicv aliquod ^^. Non re- 
cuso id quidem; sed et componendum argumentum 
est, et scribendi exspectandum tempus maturius. 
Licet enim de me, ut libet, existimes (velini qui- 
dem quam optime)j sì haec ita manant *4, ut 
videntur , ( feres quod dicam ) me Idus Martiac 
non delectant. Ille enira numquam revertisset ^^ • 
nos timor confirmare eius acta non coégisset: aut * 
( ut in Sauffìii eam ^^, relinquamque Tusculanas 
disputationes, ad quas tu etiam Vestorium ^7 hor- 
taris ) ita gratiosi eramus apud illuni ( quem dii 
inortuum perduint! ^^^), ut nostrae aetati, quoniam, 
interfecto domino, liberi non sumus, non fiierit 
dominus ille fugiendus. Rubeo, mihi crede: sed 
iam scripseram ; delere nolui. De. Menedemo ^9, 
Yellem veruni fiiisset : de Regina , velim verum 
sit. Celerà corani, et maxime, quid nostris fa- 
ciendum sit 3 quid etiam nobis, si Antonius mili- 
libus obsessurus est senatum. Hanc epistolam si 
illius tabellario dcdissem , veritus sum, ne solve- 
rei. Itaque misi dedita opera : erat enim rescri- 



An. di n. 7°9 LETTHRA DCCX. 1 '^3 

1 Mi ricouduco alla prima lettera, della quale mi 
passo di quel primo ceuno intoi'no a' Butroti, il quale 
m"è incarnato nelle midolle; solamente me ne sia dato, 
siccome scrivi, luogo di fare qualcosa^. Circa l'ora- 
zione di Bruto, tu ci se' dentro da vero, facendomene 
tuttavia tanta pressa. Vuo' tu dunque eli'' io scriva una 
causa che egli ha già scritta? e lo farò io non pre- 
gato da lui? non si può mettere, altrui la mano da- 
suinti con più villania 9. Ma tu dirai: Un qualcosa sul 
far d'Eraclide '°. Non mi sottraggo, no: ma egli è da 
accozzar la materia, e da aspettare allo scrivere più 
acconcio tempo. Imperocché, pensa pure di me a tuo 
senno (che certo vorrei il meglio che si possa), se le 
cose rimangono nello stato che mostrano ( perdonal- 
mi), addio idi di marzo. Imperocché colui non sarebbe 
tornato mai ", né noi il timore avrebbe fatto soscri- 
vere i colui atti^ ovvero (per venire con Saufeio, e ri- 
nunziare alle questioni Tusculane, alle quali eziandio 
Vestono tu conforti ^2) noi eravamo in tanta grazia 
di lui (al quale gli Dei, cosi morto, facciano il peg- 
gio ) , che nella età che siamo , da che , ucciso il si- 
gnore , noi non siam liberi , d' un tal signore non do- 
vevam scontentarci. Arrossisco, mi credi: Pho scritto^ 
noi vo' cancellare. Quanto a Menedemo, deh I perchè 
non fu il vero? quanto alla Regina, quanto pagherei 
che fosse I '^ Il resto fra noi due; ed in ispezieltà in- 
torno al partito che abbiano a prendere i nostri; ed 
anche quello che noi, caso che Antonio sia per asser- 
ragliar di soldati il senato. Questa lettera non conse- 
gnai al suo corriere, non forse l'aprisse: però mandai 
uno a posta, dovendo io rispondere alle tue. Doli! 



l '-,4 EPISTOLA DCCX. A. V. C. 7. 9 

bciiduiii Luis. Quani velletu ^^^ Bruto slucliuin tuiuii 
iiavare poluisses! Ego igitur ad eum literas. Ad 
Dolabellaiii Tironein misi cuin manda tis et lite- 
ris. Eum ad te vocabis* et, si quid habebis, quod 
pìaceat, sciibes. Ecce auLem de trans verso L. Cae- 
sar, ut veiiiam ad se, rogat , in Nenius **j aut 
scribam, quo se venire velini: Bruto enim pia- 
cere, se a me conveniri. O rem odiosam et inex- 
j)!ical)ilem! PuLo me ergo ilnrum , et inde Ru- 
mam- nisi quid mutaro. Summatim adbuc ad te; 
niiiildum enim a Balbo. Tuas igitur exspccto, nec 
actoium solum, sed etiam futuroruni. 



DGCXI. 



(Ad Div. Xil, i ) 



Atgumeìitnm. Factum Dolabellae, quo aram Caesaris evei- 
tt'iatj laudai: sublato rcge, reguum supeiesse questui, 
C. Cassiuni hortatur, ut cuui Bruto rem publicam otiiui 
perlurbatioue li ber et. 

Scr. A. V. C. DCCfX, mense Maio ex. 

. AL T. CICERO C. CASSIO S. P. D. 

Fincm nuUam ^ faeio , mlhi crede. Cassi, de 
te et de Bruto nostro ^, id est , de tota re pu- 
lisca cogitandi, cuius onmis spes in vobis est, 
et in D. Bruto. Quam quideni iam liabeo ipse 
meliorem , re publica a Dolabella meo praecla- 
rjssime gc^ta ^. Alanabat enim illud malum urba- 



Ali. di 11. 7"9 LETTERA DCGX. 1^5 

quanto avrei lo amato che tu avessi potuto dar di 
spalla tu a Bruto I 4 adunque gli scrivo io. A Dolabella 
mandai Tiroue con ordini e lettere : tu falloti venire i^ 
e se nulla ne cavi di buono , sci-ivera'melo. Ma eccoti 
L. Cesare per fianco che mi prega d'andar a lui nel 
Bosco ^^'^ ovvero che gli dia la posta qui o qua: per- 
chè Bruto avea caro che io gli faccia una visita. af- 
fare odioso e senza capo! '^ Fo dunque ragione d'andar- 
ci, e di là a Roma^ se già non muto proposto. Fino 
ad ora ti scrivo in iscorcio , non avendo io anche nulla 
da Balbo : di che aspetto che tu mi scriva : e non già 
solamente delle cose avvenute, ma eziandio delle a ve- 
nire. 



DGCXL 



(A Div. XU, 1 ) 



.argomento. Pregia l' atto di Dolabella d' avere atterrata 1' ara 
di Cesare; e mentre sì lagua che tolto di mezzo il re, ri- 
mane il regno, infuoca C. Cassio, che congiuntamente a 
Bruto liberi la Repubblica da ogni turbolenza. 



Scrina l'anno DCCIX, iul fiuir di .Maggio. 

M. T. CICERONE A C. CASSIO S. 

Io non riflno mai ^ { credimi ) , o Cassio , di pensare 
di te e di Bruto nostro, che viene a dire di tutta la 
Repubblica , della quale tutta la speranza siete pur 
voi e D. Bruto. Or questa speranza mi s' è ogginiai 
ravvivata per lo tratto nobilissimo del mio Dulabclla. 
Conciossiachè quel trasordinc cittadinesco si vcuia dii- 



IjG EPISTOLA DCCXI. A. V. C. 709 

mwii4j et ita corroborabatur quotidie, ut ego qui- 
flem vi urbi et otio diffideiein urbano. Sed ita 
conipressum ^ est, ut niihi videamur omiie iatii 
ad tenipus ab ilio dutntaxat sordidissimo ^ peri- 
culo tuti futuri. Reliqua magna sunt ac multa* 
sed posila omnia 7 in vobis. Quamquam primum 
quidque explicemus ^. Nani, ut adirne quidem 
actum cstj non regno, sed rege liberati videmur. 
Interfecto enim rege, rcgios omnes nutus tuenuu.'^. 
Ncque vero id solum, sed etiam, quae ipse ille, 
si viveret, non faceret, ca nos, ({uasi cogitata ab 
ilio, probamus. Nec eius quidem rei fincm video. 
Tal)ulae figuntur'"; immunitates danturj pecuniac 
Diaximae describuntur "5 exsules reducuntur* se- 
natus consulta falsa referuntur: ut tantummodo 
odium illud bominis impuri ^^, et servitutis dolor 
depulsus esse videaturj res publica iaceat in iis 
perturbationibus, in qu:is eam ille coniecit. Hacc 
omnia vobis sunt expedienda. Nec boc cogltan- 
dum , satis iam babere rem publicam a vobis. 
lìabet illa quidem tantum , quantum nuraquam 
mibi in mentem vcnit optare- sed contenta non 
est, et, prò magnitudine et animi et beneficii 
Testri, a vobis magna desiderat. Adbuc ulta suas 
iniurias est per vos, iuteritu tyranni : nibil am- 
plius. Ornamenta vero sua quae recupera vit? An 
quod ei mortuo paret , quem vivum l'erre non 
poterai? cuius aeia refigcre '^ debebamus , eius 



An. lUR. 7'>9 LETTERA DCGXC. l-yy 

leu Jciido e pigliando ogni di forze maggiori , per modo 
che io per eouto di Roma e della pace urbana mi sen- 
tiva sfidalo. Ma egli fu attutito [)er forma , che già mi 
pare noi dover essere per sempremai ( certo da quel 
vituperoso pericolo) ben sicuri. Restauo però di gran 
cose e di molte:, e cjueste dimorano tutte in voi: quan- 
Uuujue da ciò che più monta e vale, è da cavare le 
mani. Imperocché, se guardi a ciò che fino a qui è 
stato fatto , noi fummo liberati dal re , non dal re- 
gno. Imperocché, dopo Mcciso il re, noi mantegtjamo 
iìno accenni di esso re: ed è poeo;^ ma e quelle cose 
che egli, vivendo, non farebbe, noi le approviamo 
come divisate da lui: la ([ual cosa quando debba fini- 
re, non veggo. Si piantano tavole, si danno franchi- 
gie, si asseguaiio somme grossissime, si richiamano gli 
esiliati , si mettono in campo falsi senalicousulti : co- 
talchè non pare che noi ci siamo riscossi altro che 
dalPodio di quel ribaldo, e dal dolor del servaggio^ 
del resto la Repubblica tuttavia giace in quegli scom- 
buiamcnti ne"' quali egli l'ha traboccata. Tutte le quali 
cose aspettano d' essere da voi ristorate ^ i quali non 
dovete credere d' aver ogni vostro dovere farnito colla 
Repubblica: ben ha ella tuttavia tanto, quanto a me 
non sarebbe caduto in mente di eziandio desiderare ^ 
n(jndiuieno non è contenta, e sopra la grandezza del- 
l'animo e benefizio vostro desidera grandi cose da voi. 
Voi r avete fino a qui vendicata dello strazio del ti- 
ranno, per la sua morte ^ nulla più: ma dell' orrevole 
slato suo che ha ella ricoverato .^ se già non fosse co- 
testi), che elhi obbedisce a lui morto, che non poteva 
toller.ir vivo^ e che doveiulo noi sconlìceare i suoi dc- 

CicLii. X. — Ljt:U: T. JX n 



ir-S EPISTOLA DCCXI. A, V. C. 709 

etiani cliirograpba defendimus? — • At enim ita de- 
crevimus '4. — Fecimus id quidem^ temporibus 
cedeiites '^j quae valcnt in re publica pkirimum: 
sed imraoderate quidam et ingrate nostra facili- 
tate abiituntur ^'^. Verum baec propediem, et multa 
alia corara. Interim velim *7 sic tibi persuadeas j 
iriibi quum rei publicae^ quam semper liabui ca- 
rissimam, tum amoris nostri causa, maxìmae cu- 
rae esse tuam dignitatem. Da operam, ut valeas. 



DCCXII. 



( Ad Div. XV, yo ) 



^rgumenlum. Oratoris sui exemplum Trebonio mittit: cre- 
briores literas postulai. 

-Scr. A. V. C. DCCIX , meuse Maio. 

M. T. CICERO TREBONIO « S. P. D. 

Oratorem * meum { sic enim inscripsi ) Sabina 
tuo commendavi. Natio ^ me bominis impulit ^ 
ut ei recte putarem 4: nisi forte, candidatorum 
licentia ^ bic quoque usus, boc subito cognomeii 
arripuit. Etsi modestus eius vultus, sermoque con- 
stans, babere quiddam a Guribus^ videbatur. Sed 
de Sabino satis. Tu , mi Treboni , quando ad 
amorem meum aliquantum olim 7 discedens ad- 
didisti , quo tolerabilius feramus igniculum desi- 
derii tuij crebris nos literis appellato: atque ita. 



>Vn.cUIl. 709 LETTERA DCCXI. I -(^ 

Cleti nel rame, ora difeadiaino eziaudio i suoi straccia- 
iogli. — Egli è vero: questo abbiam decretato noi. — 
Ma r abbiali! fatto per servirci a' tempi, i quali nella 
Repubblica possono assaissimo: ma egli è una ingrati- 
tudine di taluni, che di là dalla ragione abusano della 
nostra condescendenza. Ma di ciò e di più altre cose 
piU'Ierem infra pochi di di presenza. Intanto vivi si- 
curo, te ne prego, che per amore della Repubblica, 
che io ebbi sempre cai'issima, e dell'affetto nostro, io 
avrò a cuor senza fine la tua dignità. T' adopera di 
st.fr sano. 



DCGXII. ,/A Div. XV, to) 

Aigomenlo. Muiida a Trebonio la copia del suo Oratore, e 
chiede più spesso lettere. 



Scritta 1" anno DCCIX , nel mese di Maggio. 

M. T. CICERONE A TREBOMO ^ S. 

Ho messo in mano il mio Oratore ^ (così Tho intito- 
lato) a Sabino tuo. La costui nazione mi fece credere 
che e' sarebbe ben dato^ se già anch'' egli, secondo che 
si arrogano i candidati, per avventura non si appro- 
priò di colpo siffjitto cognome: quantunque l'aria sua 
modesta e '1 suo risoluto parlare mostra che egli senta 
qualcosa di Curiano ■^. i\Ia di Sabino fin qui. Ora tu, 
o mio Trebonio . da che !a tua lontananza ha fatto al 
mio amore una non piccola giunta, per vendermi più 
tollerabile questo bruciorelto del dover rivederti, man- 
dami spesso tue lettere: a patto però, ch'io faccia con 



l8o EPISTOLA nCCXII. A. V. C. 709 

si idem fiet a nobis. Quamquam duae causae sunt , 
cur tu frequentior in isto officio esse debeas, quam 
nos : primum , quod olim solebant , qui Roraae 
erantj ad pvovinciales amicos de re publica ^ seri- 
bere 5 nunc tu nobis scribas oportetj res cnim 
publica istic est 9: deinde, quod nos abis offìciis 
libi absenti satisfacere possumus 5 tu nobis , nisi 
literis, non video, qua re alia satisfacere possis. 
Sed cetera scribes ad nos postea. Nunc haec primo 
cupio cognoscere : iter tuum cuiusmodi sit ^°j ubi 
Brutum nostrum viderisj quam diu simul fueris: 
deinde, quum processerìs longius, de bellicis re- 
bus, de toto negotio, ut existiraax-e possiraus, quo 
statu simus. Ego tantum me scire putabo, quan- 
tum ex tuis literis habebo cognitum. Cura , ut 
valeas, meque ames amore ilio tuo singulari. 



DCCXIII. 



(Ad Div. XI, a) 



Argumentnm. Petuat Brulus et Cassius ab Antonio, ut se 
ceitiores faciat, lUrum putel ipsos in urbe, magna ve- 
teranorum militum frequentia, tutos fore^ 

Scr, Lanuvii A. V. C. DCCIX , mense Maio, 

BRVTVS ET CASSIVS PRAETT. M. ANTONIO COS. 

De tua fide et benivolentia in nos nisi persua- 
6um esset nobis, non conscripsìssemus ^ haec tibi: 
quae profecto, quando ^ istum animum habes, in 



An. di R. 709 LETTERA DCCXII. l8l 

te lo stesso. Sebbene per due ragioni tu dei in questo 
ufizio spesseggiar più di me: prima, perchè ab antico 
solcano quelli eh' erano in Roma scrivere agli amici 
de' fatti pubblici:^ e così lo scrivere tocca a te, da che 
costì è la Repubblica 4: l'altra, che noi possiamo con 
altri ufizi, essendo tu fuori, a te soddisfare^ laddove 
tu non veggo io con che altra cosa che pur con let- 
tere a me possa farlo. ÌMa d' altre cose mi scriverai per 
agio: al presente quello che innanzi tratto io voglio 
sapere , si è , come fatto il tuo viaggio , dove veduto 
Bruto nostro , e quanto sii stato con lui. Appresso , 
dopo un lungo dire di ciò, verrai anche alle cose della 
guerra e di tutto l'affare, acciocché io possa far mia 
ragione dello stato nostro. Io non mi crederò saper 
nulla più, che mi faranno saper le tue lettere. Fa di 
star sauo , e di amarmi con quello specchiato amor tuo. 



DCCXIII. 



(A Div. XI, a) 



Argomento. Bruto e Cassio pregano Antonio, lor sappia dire 
s' egli crede eh' ei possano sicuramente fermarsi in Roma 
piena zeppa di soldati veterani. 



Scritta da Lanurio Tanno DCCIX, nel mese di Maggio. 

BRUTO E CASSIO PRET. AL CONS. M. ANTONIO 



Se della tua lealtà e benevolenza noi non ci tenes- 
simo ben sicuri ^, noi non ti avremmo scritto quello 
che segue :^ e tu (siamo certi) avendo tu cotesto ani- 



j82 epistola DCCXIII. a. V. C. 709 

optiinaiii partem accipies. Scribitur nobis ^ ma- 
gnani veteranorura multitudinem Romam conve- 
nisse ianij et ad Kalendas lunias futuram miillo 
maiorem. De te si dubitemuSj aut vereamur, si- 
nnis nostri dissimiles. Sed certe^ quuni ipsi in 
tua potestate ^ fuerimus, tuoque adducti Consilio 
dimiserimus ex municipiis nostros necessarios 4? 
ncque solum edicto ^, sed etiam literis id feceri- 
mus: digni sumus^ quos habeas tui consilii par- 
ticlpeSj in ea praesertim re^ quae ad nos per- 
tinet. Quare petlmus a te , facias nos certiores 
tuae voluntalis in nos: putesne, nos tutos fore 
in tanta frequentia militum ^ veteranorum, quos 
ctiara de reponenda ara 7 cogitare audimus: quod 
Telle et ^ probare vix quisquam posse videtur^ qui 
nos salvos et honestos velit. Nos ab initio spe- 
dasse otium, nec quicquam aliud liberta te 9 com- 
muni quaesissCy exitus declarat. Fallere nemo nos 
polestj nisi tu 3 quod certe abest a tua ^irtute et 
fide: sed alius nemo facultatem habet decipiendi 
nos, Tibi enim uni credidimus, et credituri sumus. 
Maximo timore de nobis ^° afficiuntur amici nostri- 
quibuSj etsi tua fides explorata est^ tamen illud 
in mentem venitj multitudinem veteranorum fa- 
cilius impelli ab alio ^' quolibet, quam a te re- 
tineri posse. Rescribas nobis ad omnia , rogamus. 
Nam illud yalde leve est ac nugatorium^ ea ré 
denuntiatum esse veteranis ^^^ quod de commo- 



An. dìR, 709 LETTERA DCCXIII. l83 

mo. lo piglierai iu ottima parte. Ci fu scritto, un gran 
popolo di veterani essere già convenuto in Pioma, e 
che per lo primo di giugno vorrà essere di molto cre- 
sciuto 2. Se noi pigliassimo sospetto o paura di te, noi 
usciremmo di nostra natura: tuttavia, essendo noi stati 
in tua mano ^, ed avendo, di tuo consiglio, rimandati 
da' muuicipll gli amici nostri 4: e senza aspettar editto 
avendolo fatto per sole lettere^ ogni dover volea che 
tu ci chiamassi a parte de' tuoi consigli, massime in 
cosa clie noi toccava. Per la qual cosa noi ti preghiamo 
che tu ci faccia sapere di che animo tu sii verso di 
noi, e se ne faccia sicuri in tanta folla di veterani^ 
de' quali ci venne anche voce che e' pensino a rimet- 
ter l'altare^: or se questa cosa tu approvi, non cre- 
diamo che alcuno te ne possa lodare, dico di quelli 
che son teneri della vita nostra ed onore. Aver noi 
dal principio mirato alla pace, né punto altro cercato 
che la comuu libertà, è chiarito dall'esito ^. Ingannati 
non possiam essere che da te: il che troppo è lontano 
dalla tua virtù e leallà : ma di ingannarci nessuno al- 
tro ha il destro, se non tu solo, del quale ci siam 
fidati, e ci fideremo. I nostri sono in pena grandissima 
del fatto nostro: ben è vero che della tua fede sono 
sicuri: ma tuttavia non possono cacciar quest'ombra, 
che una folla di veterani potrebbe chicchessia più age- 
volmente sospingerla o qui o qua, che tu raffrenarla. 
Di grazia, rispondici ad ogni cosa. Che certo è cosa 
ridicola e sciocca, i veterani per ciò essere stati chia- 



l84 EPISTOLA DCCXIII. A. V. C. 709 

(lis ooiuiii mense luiiio laturns esses. Quoni eiiim 
impctUiiicnto ftiLuruiii piilas, qiiiini de iiobis ccr- 
tiim sitj nos quieturos? Non dcbeiniis cuiqnain 
yitleri niniium cupidi vitae, qiiiim accidere nobis 
iiihil possit sine pernicic et confusione oniniuiìi 
rerum. 



DCCXIV. 



(AJ Div. Xll, 16) 



Argitmentunt. i Ciceroni patri gratulatur de filio, qiiem 
optimis stiuliis dedilum Alheuis odenderat. 2 \ ersicu- 
los mitlit in Aiiloniinn, quibiis arKjuod Ciccrouis di- 
ctnm incluseral. 3 Pelit , ut Cicero sibi lociun del in 
dialogts , qiios scriptunis esset. 

Sor. Alhcnis A. V. C. DCCIX , a. d. Vili Kal. I.m. 

TREBONIVS CICERONI S. 

I S. V. B. E. Athenas veni a. d, XI Kal. lun. 

. . . " 
atque ibi, quod maxime optabam, vidi fiHum 

ttium ^ deditum optimis studiis , summaque mo- 
desliae fama. Qua ex re quantam voluptatcm ce- 
perim, scire potes etiam me tacente. Non enim 
nescis j quanti te faciam , et quam , prò nostro 
veterrimo verissimoque amore , omnibus tuis etiam 
minimis commodis, non modo tanto bono^ gan- 
deam. Noli putare , mi Cicero , me lioc auribus 
tuis dare ^: niliil adolescente tuo^ atque adco no- 
stro (nihil enim nubi a te potcst esse seiunclum)j 



An. ai R. 7<'y LETTFRA DCCXIII. 18,') 

mati, perchè tu volevi nel giugno trattare de' loro pre- 
mii 7: imperoccliè, sapendo tu che noi non avrenuiio 
fintato, di quale sconcio potevi tu temere da noi; Or 
se noi mostriamo teneri della nostra vita, ciò non dee 
a nessuno parer troppo-, da che niente di male po- 
trehhe a noi incorrere, senza rovina e sconcertamento 
della Repubblica. 

DCCXIV. (A Dir. XII, ,r.) 

jdrpomcnto. 1 Allegrasi col padre Cicerone de^ porlamcnli del 
figliuolo, die aveva incontrato in Atene attento a' buoni stii- 
dii; a trasmette de' versi centra di Antonio, ne' quali aveva 
inchiuso qualche motto di Cicerone; 5 lo prega che gli dia 
un posto ne' dialoghi che sta per iscrivere. 



Scritta da Alane V anno DCCIX , a' a5 di Magsjio. 

TREBONIO ' A CICERONE S. 

I Se tu sci sano, lodato Dio! Fui ad Atene a' 22 di 
rtiagglc, e quivi (che era il' mio maggior desiderio) ho 
veduto il tuo figliuolo occupato in ottimi studi, e con 
.somma fama di modestia^ di che quanto piacere ab- 
bia provato, tu puoi, senza dirloti io, indovinarlo. Inir 
perocché tu sai bene quanto tu mi sii caro, e quanto 
(per lo antichissimo e leallssinio amor nostro) io mi 
consoli eziandio del piti piccolo de' taioi beni , non che 
imo di questa fatta. K non voler credere, o mio Ci- 
cerone, ch'io ti dica ciò per piaggiarti: che veramente 
di tutti i giovani che sono in Atene, non n'c uno piìi 
amabile del tuOj anzi nostro (da che tu non hai cosa 



l86 EPISTOLA DCCXIV. A. V. C. 709 

aut ainabilius omnibus iis^, qui Athenis sunt, est, 
aut studiosius earuin artium^ quas tu maxime amas, 
lioc est j optimarum. Itaque tibi , quod vere fa- 
cere possum, libenter quoque gratulor^ nec mi- 
nus etiam nobis 5 quod eum ^ quem necesse eiat 
diligere, qnaliscumque esset, talem habemus, ut 
libenter quoque diligamus. Qui quum mihi in ser- 
mone iniecisset4^ se velie Asiam viserej non modo 
invitatus, sed etiam rogatus est a me^ ut id po- 
tissimum nobis obtinentibus provinciam faceret. 
Cui nos et caritate et amore tuum officium ^ 
praestaturos ^ non debes dubitare. Illud quoque 
erit nobis curae, ut Cratippus ^ una eum eo sitj 
ne puteSj in Asia feriatum 7 illum ab iis studiis ;, 
in quae tua eohortatione incitatur, futurum. Nam 
jllum paratum, ut video, et ingressum pieno gra- 
du 8, cohortari non intermittemus, quo in dies lon- 
gius, discendo exercendoque se, procedat. 

2 Vos quid ageretis 9 in re publica, quum has 
literas dabam, non sciebam. Audiebam quaedam 
lurbulenta, quae scilicet cupio esse falsa, ut ali- 
quando otiosa '" libertate fruamur: quod vel mi- 
nime " adhuc mihi contigit. Ego tamen nactus 
in navigatione nostra pusillum laxamenti, concin- 
navi tibi munusculum ex instituto meo ^^j et di- 
<:tum, eum magno nostro lionore a te dictum ^3, 
conclusi, et tibi infra subscripsi »4. In quibus versi- 
culis sì tibi quibusdam verbis sCB-i)pfiy!iievé<7-£pci ^^ vi- 



An. di R. 709 LETTERA DCCXIV. l8^ 

che non sia mia), o piìi infervorato di quelle arli che 
tu hai di tutte carissime, cioè delle ottime. Pertanto 
io mi congratulo teco: e posso farlo con verità, ezian- 
dio con piacere, e niente meno anche meco medesi- 
mo, avendo io un giovane che io dovrei amare quale 
clie egli si fosse, fatto per forma che lo amo eziandio 
con piacere. Or avendomi egli gittate un motto della 
voglia che ha di veder l'Asia, io non pure invitato, 
ma l'ho pregato che dell'andarci pigliasse il destro del 
mio passarvi al governo: e tu non dt;i aver dubbio 
che io per pietà ed amoi'e non gli debba essere un 
altro te. Ed avrò cura altx'esì di menar seco'^Cratip- 
po ', che tu non credessi lui nelP Asia dover dimenticar 
quegli studi a' quali colle tue esortazioni tu lo riscaldi: 
conciossìachè veggendolo io così acceso ed entratoci a 
gran passi, io non resterò di frugarlo^ sì che egli di 
giorno in giorno, imparando ed esercitandosi , acquisti 
.sempre più del cammino. 



2 Scrivendo io questa lettera, non so io quello che 
tu ti faccia nella Repubblica: sì sento di qualche som- 
mossa^ e così sia pur falso, per dover noi una volta 
goderci una tranquilla libertà^ il che fino al presente 
né punto nò poco a me fu dato. ISondimeno avend'io 
«el navigare trovato qualcosa di ozio, t'ho raccon- 
cio da" miei principii un regaluzzo , raccogliendovi •' 
i motti tuoi a me assai onorifichi, ponendovi sotto il 
tuo nome 4: ne' quali versetti se io ti sembrer.'» al- 
quanto liìero nel <hre , mi ti scusi la scon< ia vita di 



l88 EPISTOLA DCCXIV. A. V. C. 709 

deboF" lurpitudo personae eius ^^^ in quain libe- 
rius invchimnr, nos vintlicaLit ^:, Ignosces etiam 
iracundiae nostrae- qtiae iusta est in eiusmodi et 
homines et cives. Deinde, qui ^^ magis hoc Luci- 
lio licuerit assumere libertatis^ quam nobis? quum^ 
etiamsi odio pari *9 fuerit in eos, quos laesit; ta- 
nien certe non magis dignos habuerit, in quos 
tanta liberiate verborum incurreret. 

3 Tuj sicut mihi poUicitus es, adiunges me quam 
primum ad tuos serraones ^°. Namque illud non du- 
hitOj quiuj si quid de interitu Caesaris scribas, non 
patiaris me minimam partem et rei et amoris tui 
forre ^'. Vale; et matrem meosque libi commen- 
datos habe. D. Vili Kalendas lunias, Atbenis. 

DCCXV. (AdDiv. XI, 27) 

Argumenlum. Questus crat Matius, accusari se a Cicero- 
ne, tum quod in lege quadam Caesaris suffragiiim tii- 
lisset, tum etiam quod ludos, Caesari mortuo ab Octa- 
viano datos, curasset. Cicero se ita purgat, ut alterum 
negar! a se dicat, alterum defendi. 

Scr. in villa A. V. C. DCCiX, mense Maio ex. 

M. CICERO MATIO » S. 

Nondum satis constitui, molesliaene plus, an 
voluptatis attulerit mihi Trebatius noster, homo 
quum plenus ofllcii; tum utriusque nostrum aman- 



Ali. Ji II. 709 LETTERA DCCXIV. 189 

colui che ho preso sboltoneggiare alla libera. Anche 
mi vorrai perdonare lo sdegno, che non è troppo con- 
tro sì fatti o uomini o cittadini : ed anche , perchè fu 
lecito pili a Lucilio ^ che a me il prendersi tanta li- 
cenza? quando, avesse anche egli portalo eguale odio 
a coloro che trafisse, certo essi non meritavano di es- 
sere più di costoro con tanto libero pai-lare da lui 
trassinati. 

3 Or tu , secondo che m' hai promesso , aggiugnerai 
al più presto anche il mio nome a' tuoi dialoghi. Im- 
perocché sono ben certo che scrivendo tu qualcosa della 
morte di Cesare, non sosterrai che io abbia la minima 
parte di questo fatto e dell'amor tuo. Sta sano:^ cfì 
abbi per a te raccomandata la madre ed i miei. Di 
Atene, a' 2 5 di maggio. 

DGGXV. (ADiT.xi,33) 

Argomento. Erasi Mazio querelato d'essere stato accusato da 
Cieerone e per avere votato in una certa qual legge di Ce- 
sare , e ancora per avere soprainteso a' giuoclii che a Ce- 
sare già morto dava Ottaviano. Cicerone se ne scolpa di- 
cendo che l'uno è falso, e l'altro lo approva. 



Scritta in villa l'anno DCCIX, sul!' uscir di Maggio. 

M. CICERONE A MAZIO » S. 

Io non seppi anche bene deliberarmi se più mi por- 
lasse di dolore ovver di piacere Trebazio nostro , nonio 
51 tutto gentilezza , e si teuerissiuio di andjcdue noi 



190 EPISTOLA DCCXV. K. V. C. 709 

lissiiJius. INaiii quum in Tusculaimiii vesperi ve- 
iiissein, postridie ille ad me , nonduai satis fuiiio 
oorpore quurn esset 2, mane venit. Quem quum 
obiurgarem^ quod parum valitudini parceiet; tum 
ille , iiihil sibi ioiigius luisse ^ quam ut me vidc- 
ret. Num quidnaui, inquam, novi? — Detulit ad 
me querelam tuam; de qua prius, quam lespondeo, 
pauca praeponam ^. Quantum memoria repetero 
praeterita possum , nemo est milii te amicus an- 
tiquior. Sed vetustas habet aliquid coramune cum 
multisj amor non habet. Dilexi te, quo die co- 
gnovi j meque a te diligi indicavi. Tuus deinde 
discessus 4^ isque diuturnus, ambitio nostra ^, et 
vitae dissimilitudo non est passa voluntates no- 
.stras consuetudine conglutinari. Tuum tamen erga 
me animum agnovi multis annis ante bellum ci- 
vile j quum Caesar esset in Gallia. Quod enim 
vehementer milii utile esse putabas , nec inutile 
ipsi Caesarij perfecisti , ut ille me diligeret , co- 
lerete haberet in suis. Multa praetereo, quae tem- 
poribus illis inter nos familiaiissiiDe dieta, script^, 
communicata sunt ^. Graviora cnim consecuta 
sunt. Et initio belli civilis, quum Brundisium ver- 
sus ires ad Caesarem, venisti ad me in Formia- 
iium 7. Primum hoc ipsum quanti ^, praesertini 
temporibus illis? Deinde oblitum me putas con- 
silii , sermonis . humanitatis tuae ? quibus rebus 
interesse memitii Trebatium. INec vero suni obli- 



An. Jill. 709 LETTiillA DCCXV. IQI 

Itiijjeroccliè essendo io Vijiiuto a notte nel Tusculano, 
egli fu a me (e non era anche bea rimesso di forze) 
la mattina dell'altro di^ ed avendolo io rimorchiato 
che egli s'avesse così poco riguardo, mi rispose, come 
egli consumavasi di vedermi. £d io: Ce egli novità? — 
Ed e' mi recitò la tua querela |, cii'ca la quale, prima 
ch'io ti risponda, mando innanzi due parole. Per quanto 
mi può rassegnar la memoria delle cose passate, io noa 
ho amico più vecchio di te. Tuttavia la vecchiezza ha 
qualcosa di comune eoa molti: non cosi l'amore: aven- 
doti io amato il di medesimo che conosciuto, ed ac- 
cortomi di essere amato da te. Appresso , l' essere tu 
stato lontano 2 (e ciò lungo tempo), l' ambizion nostra 
e la dissomiglianza della vita non lasciò modo agli 
animi nostri di far presa per lo vivere insieme. Tut- 
tavia io ho ben conosciuto verso di me l'animo tuo, 
molt' anni prima della guerra civile , quando Cesare era 
nelle Gallie: imperocché (credendolo tu utile a me, e 
non inutile a Cesare) tu hai adoperato che egli mi vo- 
lesse bene, mi osservasse, e tenesse per uno de' suoi. 
Lascio indietro molte cose in quel tempo, dette, scritte 
e comunicate fra noi con tutta dimestichezza^ impe- 
rocché ne sono conseguitate delle più gravi. Sul co- 
minciare della guerra civile, andandone tu verso Brin- 
disi a Cesare, tu se' venuto a trovarmi^ nel Formiano 4. 
Oj-a , la prima cosa, quanto fu da apprezzar questo 
tiatto medesimo in tal congiuntura! Oltre a ciò, pensi 
tu ch'io abbia dimenticato del consiglio datomi, di 
quello che mi dicesti, e della tua benignità? E mi ri- 
corda che esso Trebazio a queste cose fu ben presente. 



l():i EPISTOLA DCCW. A. V. C. 7..^ 

liis lilerarurn Luarum, quus ad me misisLi j quum 
Cassali obviani venisses 'J in agro , ut arbilror , 
Trebulano. Secutiim illiul tempus est, quum me 
ad Pompelum proficisci, sive pudor aieus "" coe- 
gitj sive officiiim, sive fortuna. Quod officiuui 
Umm, quod studium vcl in absenleni nie,Yel in 
pracsentcs meos " defuit ? Quem porro omnes 
mei et mihi et sibi te araiciorem iudicaverunt ? 
Veni Brundisium '^r oblitunnie me putas, (pia 
celeritate, ut primum audieris, ad me Tarento 
advolaris? quae tua fiierit assessio '^^ oratio, con- 
firmatio animi mei fracti communium miseriarum 
metu? Tandem aliquando Romae esse coepimus *4. 
Quid defuit nostrae familiaritati? In maximis re- 
bus quonam modo me gererem adversus '^ Cae- 
saretn, usus tuo Consilio sum. In reliquis ofilciis, 
cui tu tribuisti, excepto Caesare, praeter me, ut 
domuni ventitares , horasque multas saepe sua- 
vissinio sermone consumeres? tum, quum otioni, 
si meministi , ut haec (pào7c(pcvu.sycf. ^^ scribcrem , 
tu me impulisti. Post Caesaris reditum ^7, quid 
libi maiori curae fuit, quam ut essem ego illi 
quam familiarissimus? quod effeceras. Quorgum 
jgitur haec oratio longior, quam putaram? Quia 
suui admiratus, te, qui haec nosse deberes, quic- 
quain a me commissum , quod esset alienum no- 
stra amicitia ^^, crcdidisse. Nam praeter haec , 
quae commemoravi, quac testata sunt et illustria, 



An. di R. 709 LETTERA DCCXV. j q3 

E noa sono anche scoiJato delle lettere clie tu mi scri- 
vesti ^, esseucr io venuto iacouLro a Cesare ^ nel Tre- 
Ijulano, come mi pare ". Egli è seguito quel teuipo , 
quando un mio o riguardo o dovere o fortuna mi 
sforzò di condurmi a Pompeo. Ed ora qual fu Tufi- 
zio, quale l'affetto di che tu mancassi o a me lon- 
tano.^ o a' miei qui presenti, i quali tutti eziandio quale 
altro conobbero di me e di loro medesimi più svisee- 
rato di te? Venni a Brindisi^: e pensi tu, me avere 
dimenticato con quale rapidità tu (saputa appena la 
cosa) se' volato a me da Taranto.' di che fatta lo starna 
attorno , il ragionarmi , il rinforzar F animo mio ab- 
battuto dal timore delle comuni miserie ì Da ultimo , 
quando Dio volle, prendemmo posta in Roma, Che 
potea desiderarsi della nostra dimestichezza:^ JXegli af- 
fari più duri io prendea consiglio da te ciixa il come 
portarmi verso di Cesare. In ogni altra officiosità <Tual 
|)crsona ( da Cesare in fuori ) hai tu messo a me in- 
nanzi, quanto al frequente venirmi a trovare, e passar 
meco molle ore in dolcissimi ragionamenti? E fu an- 
che allora (se l'hai in memoria) che tu mi hai per- 
suaso di .scrivere queste cose mie filosofiche. E dopo 
il ritorno di Cesare •^', che cosa avesti più a cuore del 
luettermi nella più intima dimestichezza con lui? ova 
questo medesimo ti venne ottenuto. Ma or dove vuol 
liuscirc questo discorso menato più a lungo che io 
inyn credea? A ciò, che io mi sono maravigliato come 
inni tu (il quale tutte queste cose dovevi saj)ere) ab- 
bia jKìlulo credere, me aver nulla fatto che alla amici- 
zia nostra disconvenisse. Imperocché, sopra queste cose 
the ho dette (e buuu aperte e slulgurate), io ne hj 

Ci e. X — Leu. 1. IX. i3 



ig^ EPISTOLA DCCXV. A. V. C. 709 

liabeo multa '9 occultiora^ quae vix verbis exsequi 
possuin. Omnia me tua delectant- sed maxime 
maxima 2° quum fides in amicitia, consilium, gra- 
yitaSj constantia 5 tum lepos^ humanitas, literae. 
Quapropter redeo nunc ad querelam. Ego^ te suf- 
fragium tulisse in illa lege ^'j primum non credi- 
di : deinde j si credidissem, numquam id sine ali- 
qna insta causa existimaretn te fecisse. Dignitas 
tua facit^ ut animadvertatur quicquid facias ^^: 
malivolentia autem hominum^ ut nonnulla duiius, 
quam a te facta sint, proferantur. Ea tu si ^^ non 
audis j quid dicam j nescio. Equidem, si quando 
audio , tam defendo ^ quam me scio a te centra 
iniquos 4 meos solere defendi. Defensio autem 
est duplex. Alia sunt, quae liquido ^^ negare so- 
leam 5 ut de isto ipso suffragio: alia, quae de- 
fendam a te pie fieri et humanej ut de curatione 
ludorum ^^. Sed te, hominem doctissimum, non 
fugit ^ si Caesar rex fuerit ^7, quod mihi quidem 
\'idetur , in utramque partem de tuo officio dis- 
putai posse : vel in eam , qua ego uti solco j 
laudandam esse fidem et humanitatem tuam^ qui 
amicum etiam mortuum diligas; vel in eam, qua 
nonnulli utuntur, libertatem patriae vitae amici 
anteponendam. Ex liis sermonibus utinam essent 
delatae ad te disputationes meae!^^ Illa vero duo, 
quae maxima sunt laudum tuarum , quis aut li- 
bentius , quam ego , commemorat , aut saepius : 



An. diR. ;09 LETTER\ DGCXV, j q5 

altre molte più segrete, clie io penerei a recare iti pa- 
role. Ogni cosa tua mi diletta^ ma soprattutto come la 
somma tua fede neir amicizia , il consiglio , la gi-avità 
la costanza , cosi la lepidezza , la benignità , le lette- 
re *". Adunque io mi rifò alla tua querela. La prima 
cosa, io non ho mai creduto clie in quella cotal legge 
avessi tu dato il tuo voto ''^ ma e avendolo eziandio 
creduto, io non istimerei mai del mondo, te averlo fatto 
senza qualche giusta ragione. La tua dignità porta che 
ad ogni cosa che tu ti faccia sia posto mente: la ma- 
lignità poi della gente, che alcune sieno contate più 
sinistramente, che tu non le hai fatte. Se tu non in- 
tendi la cosa pel verso, io non ho più che dire. Certo, 
laddove m' accada sentirne qualcosa, io ti difendo con 
quel calore che so di essere io diteso da te da' miei mal- 
voglientl. Ora questa difesa è di due sorte: alcune cose 
le nego io alla ricisa, come ho fatto di questo mede- 
simo voto^ altre, io mantengo averle tu fatte di buona 
fede e per bene , coni' è stato il soprantendere a' giuo- 
chi ^2. Ora essendo tu uom dottissimo, non puoi non 
vedere che se Cesare è stato re ( e così pare a me ) , 
quel tuo servigio potea essere inteso prò e contra^ o 
certo prendersi la cosa da questo lato, come fo io: 
meritar lode la tua fedeltà e buon animo, che il tuo 
amico amassi anche morto ^ ovvero da questo altro 
(come la prendono alcuni), essere da anteporre alla 
vita dell' amico la libertà della patria. Or in queste 
dispute che si faceano avrei io amato che ti fossero 
riferiti i dibattimenti fatti da me. Ma questi due punti , 
che sono il perno della tua lode , chi li tocca o più 
volentieri o ['iù spesso di me? cioè, te essere stato 



1q5 epistola DCCXV. a. V. e. 7oy 

te et non suscipiendi belli civilis gravissimum au- 
ctorem fuisse ^9, et moclerandae vìctorìae? in quo, 
qui mihi non assentiretur, inveni neminem. Qiiare 
habeo gratiam Trebatio, familiari nostro , qui mihi 
dedit causam harum literarum: quibus nisi credi- 
deris, me omnis officii et humanitatis expertem 
iudicarisj quo nec mihi gravius quicquam potest 
esse, nec a te alienius ^^. 



pccxvi. 



(Ad Div. XI, 18) 



^drgunicnluin. i, i Respondet Matliis hac epistola proxitne 
superiori, in eaque generosuin spiritum , ingenium libe- 
rale animumque ingenuuin et liurnaniim verjssimis iii^ 
di ci i 8 prodi t, 

"Ber. Roinae A. V. C. DGCIX, mense Maio ex, 

MATIVS CICERONI S. 

I Magnani voluptatem ex tuis literis cepi ^, quod, 
quam speraram atque optarara^ habere te de me 
opinionem, cognovi. De qua etsi non dubitabam, 
lamcn, quia maximi aestimabara , ut incorrupta 
inaneretj laborabam. Gonscius autem mihi eram, 
nihil a me comraissum esse, quod boni cuiusquam 
offenderet animum, Eo minus credebam, plurimis 
alque optimis artibus ornato tibi temere quicquam 
persuaderi potuissc, praesertim in quem mea pro- 
pensa et perpetua fuisset atque esset benivolen^ 



An. di R. 709 LETTERA DCCXV. tg'J 

uno de' più caldi sconfortatori della guerra civile ^3. 
e l'altro, della moderazione della vittoria- nella qual 
cosa io non lio trovato persona che non fosse del mio 
sentimento. ìl percliè io mi tengo obbligato a Treba- 
zìo *^ nostro , il quale mi diede cagione di scriverti 
questa lettera, alla quale se tu non aggiusti fede, tu 
mi dei credere uomo affatto privo di ogni gentilezza 
ed umanità^ di che nulla può essere a me più ingiù* 
rioso. né più lont-ano dalla tua natura. 



DCCXVI. 



(A Div. XI, 38) 



■Argomento, i, 2 Risponde Mazio alla lettera antecedente, e 
spiega in questa sentimenti generosi, indole liberale e animo 
candido e umano. 



Scì-itta ila Roma l'anno ÌDCCIX, sul Gnir di alaggio. 

MAZIO A CICERONE S. 

ì Grau piacere mi portò la tua lettera, avendomi 
mostrato come tu avevi di me quella opinione che io 
ilo sempre desiderato o sperato- di che sebbene io non 
aveVa alcun dubbio, tuttavia (tanta è la stima che io 
ne facea) io era in pena che inviolata perseverasse. Oc 
la coscienza mi rassicurava di non aver commesso mai 
cosa della quale alcun uomo dabbene s'avesse a ere 
dere offeso^ e per questo vie meno io credeva che ad 
un tuo pari, fornito di tutte ed ottime arti, nulla fosse 
fatto credere senza ragione; massimamente essendo stata 
verso di te la benvoglienza mia , e tuttavia essendo af- 



Iq8 epistola DCCXVI. a. V. e. 709 

lia. Qaod quando ^^ ut volui, scio esse* respon- 
debo crimlnibus^ quibus tu prò me^ ut par erat; 
tua singulari bonitate et amicitia nostra ^^ saepe 
resti tisti. Nota enim mibi sunt, quae in me post 
Caesaris mortem contulerint 4. Vitio mibi dant, 
quod mortem hominis necessarii ^ graviter (ero, 
atque eum, quem dilexi^ periisse indignor, Aiunt 
enim, patriam amicitiae ^ praeponendam essej per- 
inde 7 ac si iam vicerint, obitum eius rei pnlib- 
cae fuisse utilem. Sed non agam astute. Fatoor, 
me ad islum gradum sapientiae non pervenisse, 
Neque enim Caesarem in dissensione civili sum 
secutus 5 sed amicum, quamquam re offendebar^ 
tamen non deserui: neque bellum umquam civi- 
Icj aut etiam causam dissensionis probavij quani 
etiam nascentem extingui summe studui. Itaque 
in Victoria bominis necessarii, neque bonoris, nc- 
que pecuniae dulcedine sum captus: quibus prae- 
miis reHquij minus apud cum, quani ego, quum 
possent ^j immoderate sunt abusi. Atque 9 eliam 
res faraibaris mea , lege Caesaris deminuta est'°: 
cuius beneficio plerique , qui Caesaris morte lae- 
tantur", remanserunt in civitate. Civibus '^ victis 
ut parceretur, aeque ac prò mea salute, hiboravi. 
Possum igitur , qui omnes vokierim iucolumes , 
eum, a quo id impetratum estj periisse non indi- 
gnai j quum pracsertim iidem homines illi et invi- 
diac et exitio fuerint?'"^ — Plecteris ergo, inquinnt. 



An. di R. 709 LETTERA DCCXVI. igg 

ftzìonata, e non mutata giammai. Sapendo adunque la 
<^osa essere come io volca, risponderò alle querele le 
quali tu, com'era conveniente, secondo la singolnr tua 
bontà e la nostra amicizia, spesso hai confutate^ cliè 
ben so io quello che dopo la morte di Cesare mi fu 
apposto. Mi reputano a colpa il dolore che io porto 
della morte d' un mio intrinseco , e dell' indegnarmi 
ch'io fo dell'essere un uomo che io amai, stato tolto 
del mondo. Dicon costoro, la patria essere da aver piii 
cara dell'amicizia, quasi come egli avessero già dimo- 
strato la morte di lui alla Repubblica essere stata utile. 
Or io non mi terrò coperto. Confesso di non essere a 
tanta cima di sapienza per anche arrivato: conciossia- 
che io non tenni da Cesare nel rovescio civile^ sola- 
mente, quantunque la cosa mi dispiacesse, non ho ab- 
bandonato 1 amico, ne la guerra civile e né eziandio le 
cagioni del rompersi insieme ho mai approvato." anzi, 
essendo essa sul nascere, ho fatto ogni maggior opera 
di ammorzarla. Il perchè, nella vittoria dell'amico, Io 
non mi lasciai vincere alla dolcezza dell'onore né del 
danaro I, de' quali vantaggi però gli altri (che appo di 
lui non aveano lo stato che io) abusarono senza mi- 
sura. S'aggiugne anche, che per la legge di Cesare io 
ho scemato lo stato di casa mia ^, quando pel bene- 
fizio di lui i più di quelli che si rallegrano della sua 
morte, rimasero nella città. Acciocché a' vinti^ cittadini 
fosse dato il perdono, ho io dato opera altresì come 
per lo bene mio proprio. Stando adunque così le cose, 
posso io, che ho procurato di salvar tutti, non isde- 
gnarrai di veder morto colui dal quale ne ho impe- 
trato la grazia? massimamente che que' medesimi ap- 
punto gli acquistarono Todio e la morte. — Tu dunque 



20O TìPrsTOLA Drcwr. A. V. e. v-op 

quando facliim nostnim iniprobarp aiulos. — O 
siinorlìinn) iiiaiiditani I alios in fncinorc gloriari ; 
aliis no (ìolpre qnldem impunite ^4 licere! At liaen 
rtiam scrvis semper libera fueriiiitj timerent, gan- 
derentj dolerent suo potins, qnaiu nltoriiis arlii- 
trio: qhae mine, ut quidem isti dictitanl^** lihor- 
tatis auctores ^ metu nobis extorquere conantur. 
Sed nihil agunt. Nullius '^ umquani periouli ter- 
roribus ab officio ^ ant ab buinanitate desciscani. 
Numquam ouim bonestam mortern fugiendam , 
saepe etiani oppetcndam '7 putavi. Sed quid inibi 
succensent , si id opto ^ ut poeniteat eos sui fìt- 
cti ? Cupio enim ^ Cacsaris mortern omnibus esse 
acerbam. At debeo prò civili parte rem publicam 
Tclie salvam '^. Id quidem me cupere, nisi et 
ante acta vita, et reliqua mea spes, tacente me, 
probat • dicendo vincere non postulo ^9. Ouare 
maiorem in modum te rogo , ut rem potioreni 
oratione ducas ^^o- mibique, si sentis expedire re- 
cte tìeri, credas nullam commuiiionem cura im- 
probis esse posse. An, quod adolescens praestili, 
<{num etiam errare cum excusatione possem, id 
iiunc, aetate praecipitata, commutem, ac me ipso 
rctexam? 21 JVon faciam j ncque, quod displiceat, 
committam, praeterquam quod bominis mibi con- 
iunctissimi ac viri amplissimi doleo gravem ca- 
siuu. Quod si aliter essem animatus, numquam, 
quod facerem, ncgarem; ne et in peccando im- 



An. din. 709 Lr;TTF,RA DCCXVT. 20 1 

(tlirono) hai aJ essnr punito, die osi biasimare l'o- 
perato da noi. — inaudita superbia! sarà ad altri 
lecito gloriarsi d'un misfatto, ad altri nò eziandio il 
dxìlersene a man salva. Pur questa cosa poteron sem- 
pre liberamcnle fare anche i servi: temci'e, rallei^rarsi, 
dolersi a sua posta, non all'altrui* la cpial libertà que- 
sti autori della libertà (a loro detto) si sforzano di 
mbai-ei con gli spaventi: ina essi non ne fan niente^ 
rliè io per paura di qualunque pericolo non verrò mai 
meno al debito mio ed alla umanità, non avendo cre- 
duto mai essere da fuggire una morte onorata, anzi 
assai volte da farsele incontro. Ma e che si sdegnano 
meco costoro, perchè io desideri di vcflei"li pentiti del 
fatto da loro? che certo io desidero che a tutti sì.i 
acerba la morte di Cesare. Ma io debbo, da buon cit- 
tadino, voler la salute della Repubblica. Or se questa 
mio desiderio non è provato, tacente me, dalla pas- 
sata mia vita, e dalla speranza che m' è restata, io 
non pretendo che mi sia creduto a parole. Il perchè 
io ti prego quanto più posso che tu voglia, meglio 
che alle parole, dar fede a' fatti ^ e ti persuada (se il 
ben fare credi utile ) , tra me e gli scellerati non 
poter essere comunanza nessuna: o vorrò io il tenor 
di mia vita, mantenuto da me fin da giovane (quando 
il fallo poteva anche aver qualche scusa), mutare al 
presente in questa età stracollata? e ritenere me me- 
desimo.* noi farò mai: uè fai'ò cosa da dover altrui 
dispiacere, salvo il dolermi del doloroso caso di un 
uomo amicissimo e di nobilissimo nome. Il fjual do- 
lore se io non sentissi, non vorrei negar mai me me- 



202 EPISTOLA DCCXVI. A. V. C, 709 

probus j et in dissimulando ^^ timidus ac vanus 
existirnarer. 

2 At ludos ^', quos Caesaris victoriae ^4 Caesar 
adolesoens fecit, curavi ^5, ^t id ad privatum of-= 
ficiunij non ad statura rei publicae pertinet ^^. 
Quod tamen munus et hominis amicissimi memo- 
riae atque honoiibus praestare, etiam mortui ^7^ 
debuij et optimae spei adolescenti j ac dignissimo 
Gaesare^ petenti ^^ negare non potui. Veni etiam 
consulis Antonii domum saepe ^9^ salutandi cau- 
sa : ad quem , qui me parum patriae amantem 
esse existiraantj rogandi quidem aliquid^ aut aufe- 
rendi causa j frequentes ventitare reperies. Sed 
quae haec est arrogantia, quod Caesar numquam 
interpellavit ^°j quin, quibus veliera, atque etiam, 
quos ipse non diligebat, tamen iis uterer : eos , 
qui raihi amicum eripuerunt , carpendo me , effi- 
cere^^ conari, ne, quos velim , diligam? Sed non 
vereor, ne aut meae vitae modestia parum vali- 
tura sit in posterum contra falsos rumores j aut 
ne 2^ etiam ii, qui me non araant, propter meam 
in Caesarem constantiam, non malint mei, quam 
sui similes amicos habere. Milli quidem si optata 
contingente-^, quod reliquum est vitae, in otio ^4 
Rhodi degara: sin casus aliquis interpellarit , ita 
ero Romae , ut recte fieri semper cupiam. Tre- 
batio nostro magnas ago gratias e^, quod tuum 
erga me animum simplieem atque amicum ape- 



An.diR. 709 LETTF.UA DCCXVI. 2o3 

desirao, per non mostrnrnii malvagio nel fatto, uè ti- 
mido e leggero col simulare. 

1 Ma io ho dato opera a' giuochi che il giovinetto 
Cesare fece per la vittoria di Cesare ^: ma questo fu 
ufizio di uora privato, né avea che fare colla Repub- 
l)lica: e d'altro lato, di questo servigio era io de- 
bitore alla memoria dell' uom tutto mio, ed all'onore 
eziandio del morto;, e ad un giovane di somma espet- 
tazione e degnissimo di tal Cesare , dimandandolmi , 
non ho potuto negare. !Ma io son anche venuto assai 
volte a casa del consolo Antonio per salutarlo:, ed a 
lui altresì que' medesimi che mi vogliono poco tenero 
della patria, tu ti'overai esser ad ogni poco o per di- 
mandargli , o per cavarne qualcosa. Or che arroganza 
è cotesta? Cesare non avermi vietato mai che io usassi 
con chi mi piacesse , eziandio con quelli a cui egli non 
volea bene: e coloro che a me tolsero l'amico, fare 
ogni sforzo, per forza di trafitture, acciocché io non 
voglia bene a cui voglio l Ma io già non temo che o 
la moderazione della mia condotta sia per essermi per 
l'avvenire debole scudo contro i falsi romori, ovvero 
eziandio che coloro i quali per la mia lealtà verso Ce- 
sare non mi amano, non amino meglio d'aver amici 
anzi a me che a sé somiglianti. Quanto a me . se mi 
Venga fatto quel che desidero , mi passerò quel che mi 
resta di vita in Rodi paciticamente: che se qualche caso 
mi guasti, mi rimarrò in Roma, desiderando chi: lutto 
proceda sempremai con giustizia. Ringrazio senza fine 
il nostro Trebazio. perchè mi fece vedere l'animo tuo 
verso di me scliiclto e cordiale: operando per que«;la 



104 EPISTOLA DCCXVr. A, V. C. 709 

ruitj et quod eum, quem scraper lubenLer dilexi ^^^ 
quo inagis iure colere atque observare deberem j 
fecit. Bene vale , et me dilige» 

DCCXVIL (A.,A...xv,;i) 

Àrgumentum> De literls a Bruto et Cassio acceptis referti 
sibitjue certuni esse periculi vitandi causa ad urbeni 
non venire, scribit. 

Scr. in Atinati A. V. C. DCCIX, Vili Kal. Inti. 

CICERO ATTICO S. 

A Bruto tabellarius rediit; attulit et ab eo, et 
Cassio *. Consilium meum niagnopere exquirunt : 
Brutus quidem j utrum de duobus ='. O reoi mi- 
serami piane non liabeo, quid scriba m ^. Itaquc 
silentio puto me usurum- nisi quid aliud tibi vi* 
detur. Sin tibi quid venit in mentem , scriba, 
quaeso. Cassius vero veliementer orat ac petit 4) 
ut Hirtium quam optimum faciam. Sanum putas? 
6 yvcf.'^ziii ày^^ay.z-'ji ^. Epistolam tibi misi. Vt tu 
de provincia Bruti et Gassii per senatus consul- 
tum ^, ita scribit et Balbus, et Rirtius. Qui qui- 
dem, se actutum!?. Etenim iam in Tusculano estj 
mihique, ut absim, vehementer auctor est: et ille 
quidem periculi causa, quod sibi etiam fuìsse di- 
cit : ego autem, etiam ut ^ nullum periculum sit, 
tantum abestjUt Antoni! suspicionem fugcre nunc 



Ah. R. .li 709 LETTERA DCCXVI. 2o5 

via, che quella persona che ho di mia volontà sempre 
amato, io dovessi ora per debito vie più aver caro e 
osservare. Stammi sano . e vuoglinii del buon bene. 



DCCXVII. 



(Ad Alt. XV, 5) 



Argomento. Rileva le lettere scrittegli da Bruto e Cassio, e 
scrive avere deliberato di non venire a Roma onde cessare 
ogni pericolo. 

Scritta dairAtinate l'anno DCCIX, il a5 di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Il corriere di Bruto tornò con lettere di lui <• di 
Cassio. Focosamente mi pregano ch'io li consigli, certo 
Bruto, qual delle due? Deh! miseria! al tutto non trovo 
che rispondere: onde fo ragion di tacere: se già tu noti 
mi mostri altro. Ora se nulla ti occorre all'animo, scri- 
vllomi, te ne prego. Cassio poi mi prega quanto sa e 
può, che io gli renda Irzio via piìi che ottimo. Ti 
par egli in cervello? ^ il purgator carbonaio. Leggi la 
sua lettera. Circa la provincia di Bruto e di Cassio per 
senatoconsulto , quel medesimo mi scrive Balbo ed Ir- 
zio che tu. Il qual Irzio dice che issofatto ^: da che 
egli è tuttavia nel Tusculano^ e mi fa la maggior calca 
del mondo che io mi tenga fuori: or, quanto a lui, 
egli il fa per timor di pericolo , il qual dice di aver 
corso egli medesimo. Ma io , quando bene pericolo non 
ci fosse, tanto sono ora lontano dal curarmi di cessare 
di dar sospetto ad Antonio , si che egli abbia a ere- 



306 EPISTOLA DCCXVIl. A. V. C. 703 

curcii) , ne videar eius secuiidis rebus non dele- 
ctari, ut niihi causa sitj cur Romani venire no- 
liui, ne illum videam. Varrò autem noster ad me 
epistolam misit , sibi a nescio quo missam ( no- 
men enim delerat), in qua scriptum erat, vete- 
ranos eos , qui reiiciantur 9 ( nam partem esse 
diraissam ), improbissime loqui j ut magno peri- 
culo Romae sint futuri , qui ab eorum partibus 
dissentire videantur. Qui porro noster itus, redi- 
tusj Yultus, incessus inter istos? Quod si, ut seri- 
bis, L. Antonius in Decimum, reliqui in nostros*"; 
ego quid facìam? aut quo me pacto geram? Mibi 
vero delibera tum est, ut nunc quidem est, abesse 
ex ea urbe, in qua non modo florui cum summa^ 
veruni etiam servivi cum aliqua dignitate. Nec 
tam statui ex Italia exire, de quo tecum dclibe- 
rabo, quam istuc non venire. 



DGCXVIII. 



(Ad Ati. XV, 8) 



Argumentum. De literis ad Antonium inissis, et de periculo 
agri TuscLilani ìu Graeceii epistola memorato. 

Srr. in Tusculano A. V. C. DCCIX, VI Kal. Iim. 

CICERO ATTICO S. 

Post tuum discessum ' binas a Balbo : nihil 
novi: iteraque ab Hirtio- qui se scribit vebemen- 
ler offensiim esse veteranis. Exspectat aniums , 



Ali. di R. 7'^9 LETTERA DCCXVII. 2O7 

dere che io non abbia cara la sua fortuna , che anzi 
ciò m'è cagione di non venire a Roma, per non ve- 
derlo. Or Yarron nostro mi mandò una lettera scrit- 
tagli non so da chi (egli area cancellato il nome), la 
qual dicea , i veterani che rimanevano schiusi ( una 
parte ne era già licenziata 3) parlavano cose da fuo- 
co^ cotalchè in Roma non vogliono aver buono stare 
quelli che si mostrano alieni dalla lor parte. Ora in 
mezzo a siffatta gente come avrei io a portarmi nel- 
r andar, nel tornare, nell'aspetto, nel camminare? Se 
poi, come scrivi, L. Antonio si move contro Decimo, 
e gli altri contro de** nostri, che resta da fare a me? 
o quali modi tenei'e? Or quanto a me, io sono deli- 
berato (durando le cose come stanno) di tenermi fuori 
di quella città, nella quale non solo io ho primeggiato 
con somma, ma e con qualche dignità ho servito; nò 
però sono cosi fermo d'uscire d'Italia (della qual cosa 
piglierò teco partito), come sono di non venire costà. 



DCCXVIII. 



^ Ad Alt. XV, 8 ) 



j4rgomento. Della lettera mandata ad Antonio, e del danno 
cbe secondo la lettera di Greceio sovrastava alla campa- 
gna Tiisculana. 

Sciilta dal Tuacuhno Tanno DGCIX, il 25 di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Dopo la tua partenza ebbi da Balbo due lettere, 
senza nessuna novità: e cosi da Irzio , il quale mi 
scrive d'essere malvedutissimo da' veterani. .Mi sto so- 



2o8 EPISTOLA DCCXVIII. A. V. C. 709 

quidiiaui agam de Kalendis^. Misi igitur Tironem^ 
t't ciiin Tiioiie ])lure.Sj quibus singulis^ ut quid-, 
qiie accidissel , dares liLeras: atque etiain scripsl 
ad Antoniuiii de legaLione- ne^ si ad Dolabellani 
soluni scripsissciiij iracuiidus homo cominovereliir. 
Quod auleiii aditus ad cuni difficilior esse dicitiirj 
scripsi ad EuLrapelum^^ ut is ei nieas litcras led- 
deretj legatione inilii opus esse. Hoiiestior est 
vuliva 4- sed licct uLi utraque. De te, quaeso, 
etiam atque ctiaui vide ^. Velim possis corani • 
si luinus possis , literis idem consequemur. Grae- 
ceius ad me scii[)sitj G. Gassiuin sibi scripsissej 
homiiics comparali j qui araiati in Tusculaiium 
mitterentur. Id quidem niihi non videbatur j sed 
cavendum tamen, villaeque phues videndae. Scd 
aliquid crastinus dies ad cogitandum iiobis da'jit^. 

DGGXIX. (Ad Alt. XV, (,) 

/^fgurntntnm. Narrai, se ad Hirtiiim scripsisse, epistolae- 
que ab co acccptae exempluin niittit, et quid ei re- 
spoiiderit , ^igiiificat. 

Scr. in Tuscnlano A. V. C. DGCIX , IV Non. Iiin. 

CICERO ATTICO S. 

Quum ad me Brutus noster scripsissct, et Cas- 
sius, ut Hirtiuuij quem adbuc boiium luisse scie- 
bant, iiC(jLie eum confidebant ibrC; luea auctoii- 



.\n. <li n. 7"f) LKTTERA DCCXVIH, 20y 

speso (li rio clic vo^lianx i'arc nelle calciulc », Oiianm; 
Ilo mandalo Tirouc, e più altri eoa liii^ ad ognun de;' 
quali, avvenga ([ui o qua, tu possa dare tue Jellere :, 
td lio aiiclic scritto ad Antonio circa la legazione , non 
lorse, avendo io scritto senza più a Dolabella, Tuoni 
risentito montasse sulla bica. E peroccliè si dire mal 
potersi aver copia di lui, io lio scritto ad Eutrapelo ^ 
(che gli consegnasse egli mcdesiino la mia lettera) come 
a me iacea bisogno di una legazione. La più orrevole 
è la votiva 3; ma per me runa e l'altra è lutt' uno. 
l'er la tua persona, te ne prego (juanto posso, stamini 
air erta 4. ileii vorrei che tu potessi farlo con me: se 
no, sopperiranno le lettere. Greceio ^ mi scrisse aver- 
gli scritto C. Cassio, come sì meltea ad ordine uo- 
mini da mandare armati nel Tusculano. Veramente 
ciò non mi cape bene: tuttavia è da prender guardia, 
e da aveie a mano diverse case ^. Ma il domani ci 
darà materia da far le nostre ragioui. 



DCGXIX. ^ (Ad Ah. XV, 6) 

Argomento. Dice d'avere scritto ad Irzio, e innuda la co|^)ia 
della lettera ricevuta dalla parte di lui, inoltre riferisco 
quello che gli ha risposto. 



bjciitla dal Tusculauo l'anno DCCIX, il ay di Maggio. 

CICEROiNE AD ATTICO S. 

Avendomi scritto bruto nostro e Cassio , che io do- 
vessi colla mia autorità render loro migliore Irzio, cui 
ben sapevano essere verso di iure stato buono Un qui, 

CicER. X, — Leu. T. IX. i4 



aio EPISTOLA DCCXIX. A. V. C. 709 

tate meliorem facerem * ( Antonio est enim for- 
tasse iratior, causae vero amicissimus ) j tamen 
ad eum scripsi, eique dignitatem Bruti et Cassii 
commendavi. Ille quid mihi rescripslssetj scire te 
volai j si forte idem tu , quod ego j existimares , 
istos * etiam nunc vereri , ne forte ipsi nostri ^ 
plus animi habeant, quam habent. 

IIIRTirS CICERONI SFO S. 

Rure iam redierim, cjuaeris. An ego, quutn 
omnes caleant , ig?iaviter aliquìd faciam? Etiam 
ex urbe sum profectus •'(. Ftilius cnim statili 
ahesse. Has tihi litevas eociens in Tusculanum 
scripsi. Noli aiitem me tam strenuwn piitare , 
ut ad Nonas recurrani. Niliil e/iiin iam mleo 
opus esse nostra cura, (juoniam praesidia sunt 
in tot annos provisa ^. Brutus et Cassius uti- 
nam , quam Jacilc a te de me ^ impetrare pos- 
sunt , ita per te exorentur , ne quod calidius 7 
ineant consilium! Cedentcs ^ enim Jiaec ais scri- 
psisse : quo? aut quare? Retine, obsecro te, Ci- 
cero, illos ; et noli sinere Jiaec omnia perire , 
qiiae Junditus mediusjidius rapinis , incendiis , 
caedibus pervertuntur. Tantum, si quid timent, 
caveant: niliil praeterea moliantur. Non medius- 
fidius acerrimis consiliis plus, quam etiam iner- 
tissimis , dummodo diligentibus , consequentur. 



Ab. di R. 709 LETTERA DCCX»X. 2 1 I 

ma dubitavano per T innanzi (che Corso egli è alquanto 
rrucciato con Antonio, ma (juanto alla causa nostris- 
sinio):^ io ;;Ii ho scritto, raccomandandogli l'onore di 
Cassio e di Bruto. Ti chiudo qui la sua risposta: e mi 
dirai se tu , come fo io , creda costoro temere che in 
essi nostri sia piìi di ardire che egli non hanno. 



IRZIO A CICERONE SUO S. 

Tu \uoi sapere se io sia già tornato di iilla, o se , 
trafelando tutti, io mi stia balocca/ido. JYon pur di 
l'il/n , ina e di città sono uscito 'y che ho giudicato 
meglio starmi dalla lunga. Sull' uscire pel Tusculano 
ti scrivo questa j e guardati di credermi sì coraggioso, 
da volerci risolare per le rione: veggendo io bene non 
far punto bisogno di mio provvedere , essendo già per 
tanti anni provveduti i presidii 2. Quanto a Bruto ed 
a Cassio, volesse pur Dio che come leggermente pos- 
sono per tua opera aver da me quel che vogliono, 
così a te si lascino persuadere di noti prendere troppo 
arrischiato consiglio, secondo che tu mi di' loro averti 
scritto, in sul partire^ e ora per dove? e per qual ra- 
gione? Deh! rattieidi , o Cicerone, ti prego ^ e non la- 
sciar andarsene in precipizio tutte queste cose, le quali 
{in Jede mia) sono in rapine, incenda, stragi, rime- 
scolate dal fóndo, limono essi? si contentino dello 
stal^ suir avi'iso, e non si scaglino piìt là. Sopra l'a- 
nima mia, co' piii disperali consigli non conseguireh- 
bono pili, che co' piii molli del mondo, purché sieno 



212 EPISTOLA DCCXIX, DCCXX. A. V. C. 709 

Haec cniniy quae Jluunt, per se dìutunia non 
sunt; in contentione praesentes ad nocendum ha- 
hent vires. Quid speres de illis , in Tasculanum 
ad me scrihe, 

Habes Hirtii epistolam: cui rescripsi, nil illos 
calidius cogitare j idque confirmavi. Hoc qualecuin- 
que esset, te scire volui. Obsignata iam epistola, 
Balbus ad me 9^ Serviliam rediisse, confirmare non 
discessuros, Nunc exspecto a te literas. 



DCCXX. 



(Ad Au. XV, 7} 



^Jrgiirncntiun. Gi-atas sibi fuisse epistolas ab Attico missas, 
in primis Sex. Peducaei, scribit, et Servii sedulitatcm 
in paciflcatione tangit, 

ber. ili Ttisculano A. V. C. DCGIX, V Kal. I.in, 

CICERO ATTICO S. 

Gratunij quod mibi epistolas 5 quae quidem me 
delectaruntj in primis Sexti nostri *. Dices: quia 
te laudata. — > Puto mebercule id quoque esse cau- 
saej sed taraen etiam ante, quam ad eum locum 
veni, valde mibi placebat quum sensus eius de 
re publica, tum scribendi cura ^. Servius vero pa- 
cifìcator 4 cum librariolo suo videtur obiisse lega- 
tionem, et omnes captiunculas pertimescerc. De- 
buerat autem ?ion ex iure manu conscrlum ^, 
sed quae sequuntur. Tu quoque scribes. 



Ali. di R. 789 LETTERA DCCXIX, DCCXX. 21 3 

(lili'ieiiti. Iniperoccliò queste cose scorrevoli non hanno 
per loro natura lunga durata; laddove adoperandoci 
la veemenza, pigliano al nuocere forza due tanti. Scri- 
mmi nel Tusculano , che cosa e' ti facciano sperare. 

Ecco la lettera di Irzio. Io gli risposi , che essi nulla 
mulinano di avventato^ e gliel raffermai. Sia che vuole, 
era bene fartel sapere. Suggellata la lettera, Balbo mi 
scrive, Servilia essere ritornata, ed assicuratolo che 
non partirebbono. Or tocca a te lo scrivermi. 



DCCXX. 



(Ad Alt. XV, 7) 



argomento. Della consolazione che gU diedero le lettere di At- 
tico, e ancor più quella di Ses. Peduceo; ed acceuria la pena 
di Servio per ottenere la pace. 

Scritta dal Tusculano Tanno DGGIX, il 28 di Maggio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Ben facesti a mandarmi le lettere , le quali , ti pro- 
metto, m'apportarono gran piacere, in ispezieltà quella 
di Sesto nostro *. Tu dirai, lo credo: ella ti loda. — - 
Anche per questo credo io davvero^ ma, e prima che io 
arrivassi a quel liiogo, mi piacque forte si T animo dì 
lui circa la Repubblica, e sì la pena datasi di scrivere. 
Ma Servio pacificatore mi pare enti'ato legato col suo 
picciol copista ^, ed aver paura di tutte le gliermintlle ^. 
Ma egli avi'ebbe dovuto non già venir alle mani colle 
leggi, ma con quello che seguita 4. Rispondi ora tu ^. 



2l4 EPISTOLA DCGXXI. A. V. C. 709 

DCGXXI. rA.l Alt. XV, 9) 

Ar^imicntuin. 1 Coinmemorat quid e luilbi literis couipeie- 
ril, de Icgatione frumentaria Bruto et Cassio; 2 itemque 
de provinciis iis decernendis, animiquc sui perturbatio- 
iiem significai. 

Sci-, in Tusculano A. V. C. DCCIX, III Non. Inn. 

CICERO ATTICO S. 

1 Tertio ' Nonas vesperi a Balbo redditae niilii 
literae, fore Nonis senatiim, ut Brutus in Asia ^ 
Cassius in Sicilia fiumcntuni emendum ^^ et ad ur- 
bem mittendum curareiit. rem miserami primum 
ullam ab istis^j dein, si aliquam, liane legata- 
liam provinciam? Atque band scio, an melius 
sit, quam ad Eurotam 4 sedere. Sed iiaec casus 
gubernabit. Ait aulem^ eodera tempore decretum 
iri, ut et iis et reliquis praetoriis ^ provinciae de- 
cernantur. Hoc certe melius, quam illa Persico 
Porticus ^. Nolo enim Lacedaemonem longinquo, 
quum Lannvium exi.stimavit 7. Rides, inquies, in ta- 
libus re])us? — Quid faciam ? plorando fessus sum. 

2 Dii immortales! quam me conturbatum tenuit 
epistolae tuae prior pagina? quid autem iste in 
domo tua casus armorum? ^ Sed liunc quidem 
nimjjum cito transiisse lactor. Tu quid egeris tua 
quum tristi, tum etiam difficili ad consiliandum 



An. Ji R. 709 LETTERA DCCXXI. ai5 

DCCXXI. cAdAti. XV, 9) 

Argomento, i Ricorda quanto avea compreso (lalla lettera di 
Balbo, come a dire della legazione in causa di Tormento, 
che dovea essere addossata a Bruto e Cassio; i e delle pro- 
vincie che loro doveano essere decretate, e fa palese la sua 
perturbazione. 

Snllta dal Tnsculano ranno DCCIX, il 3 di Giugno. 

CICEROiNE AD ATTICO S. 

La sera de' 3 ebbi lettera da Balbo, die a' 5 sa- 
rebbe senato, per ordinare che Bruto nell'Asia e Cas- 
sio nella Sicilia fossero mandati a comperar frumento. 
miseria! prima, da così fatte persone averne alcu- 
na '^ l'altra, posto eziandio che alcuna, questa lega- 
toria commissione ^^ della quale non so io se non sia 
mi^^lior l'altra, dello starsi accosciato lungo l'Eurota'. 
■\Ia di ciò vegga la fortuna. E mi scrive anche, che 
nel tempo medesimo saranno assegnate si loro, sì agli 
altri già pretori le provincie. Il che sarà ben troppo 
meglio che quella Loggia Persica 4: così dico, accioc- 
ché tu non pigliassi Lanuvio per Lacedemone. Ridi tu, 
mi dirai, in tale stato di cose? — ■ Che farò io? del pia- 
gnere son già allassato. 

2 Dei immortali ! che stretta di affanno mi diede la 
prima faccia della tua lettei^al ed or che è stato cote- 
sto cacciar mano che avvenne in tua casa? se non che 
mi consolo che questo nembo passò via presto. Io 
muoio di sapere come ti sii tu portato in cotesta tua 



aif) EPISTOLA DCCXXl. A. V. C. 709 

lega Lione '-^j veliemeiiLcr cxspocto. Est enim inexpli- 
cabllis", ila clrciimsedemur copiis omnibus. Me qui- 
(leni Bruti literae, qnas ostendis a te lectas^ ita 
pertiirbaruntj ut, quamquam ante cgebam Consi- 
lio, tamen animi dolore sim tardior. Sed plura, 
quum ista cognoro. Hoc autem tempore, (juod scri- 
berem, nibil erat- coque minus, quod dubitabam, 
tu lias ipsas lìteras essesne accepturus. Erat enim 
incertum, visurusne te csset tabellarius. Ego tuas 
literas vehementer exspecto. 



DCCXXII. 



(Ad Ali. XV , IO ) 



Argnmenlum. Incertum se esse fatctur, qiiidnarn Bruto 
coiisilii det. 

Sor. in Tiisriilano A. V. C. DCCIX , ciic Non. Imi. 

CICERO ATTICO S. 

O Bruti amanter scriptas literas! » o iniquuni 
tuum tenq^us , qui ad eum ire non possisi Ego 
autem quid scribain? ut benefìcio ìstorum utan- 
tiH? =* Quid turpius? Vt moliantur aliquid? Nec 
audent, nec iam possunt. Age, quiescant auctori- 
bus nobis: quis incolumitatem praestat? ^ Si vero 
aliquid de Decimo gravius 4^ fjuae nostris vita, 
etiamsi nemo molestus sit? Ludos vero non face- 
re, quid foedius? ^ Frumenlum imponere , quae 
est alia Dionis legalio ? ^ aut quod munus in re 



An. di R. 7"9 LETTERA DCGXXI. 2 in 

misera legazione, e da deliberar tanto dura ^, clic certo 
ella è uu laberinto: così siamo da ogni parte asserra- 
gliati da truppe. Le lettere di Bruto, che tu mi mo- 
stri aver lette , mi riversarono per forma che , sebbene 
prima io avea bisogno di consiglio, ora per la stretta 
del dolore vie peggio mi so risolvere. ì\Ia mi riservo 
a cosa chiarita. Per al presente non ho che scrivere^ 
e tanto meno, perchè io era in dubbio se tu avessi a 
ricevere questa medesima lettera: non potendo certifi- 
carmi che il messo ti avesse a vedere. Io aspetto tue 
lettere quanto so e posso. 



DCCXXII. 



(A.l Alt. XV, io) 



Ar^omeìtlo. Gli" egli è dubbioso intorno el consiglio che dee 
dare a Bruto. 



Scrina dal Tiisculano l'anno DCClX, circa il 5 di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

lettera tutta amore di Bruto! o storpio clie tu 
hai avuto di non poterti condurre a lui! Or io che 
scrivergli l che egli tolga di bel patto la costoro prof- 
ferta? qual vergogna maggiore? che e' mulinino qual- 
che bel tratto? non dà loro il cuore: ma né oggìmal 
potrebbono. Che dunque? li conforterò io di star quat* 
ti? chi ci sta mallevadore della salute? Ma se per conto 
di Decimo si prendano duri partiti, che vita sarebbe 
quella de' nostri? dato anche che nessuno li tocchi? 
E i giuochi? non darli sarebbe il maggior vitupero ': 
1 ufizio del provveder grano è egli altro che la lega- 
zion di Dione?* o che altro servigio piti misero può 



2l8 EPISTOLA DaCXXJI. A, V. C. 709 

publica sortlidius? Prorsus quidem Consilia tali in 
re ne iis quidem tuta sunt ^ qui dant. Sed pos- 
sim id negligere proficiens7: frustra vero qui iu- 
grediar? Matris Consilio quum utatur^, velct iam 
precibus , quid me interponam? Sed tamen cogi- 
tabo, quo genere utar literarum: nam silere non 
possum. Statini igitur mittam vel Antium , vel 
Circeios. 

DCCXXIIL (A.i Alt. XV, M ) 

Àrguvìcntinn. i Narrai siuuii cum Bruto et Cassio coUo- 
quìnm ; a ac Dolabellam se sibi legasse mintial. 

Scr. in Antiati A. V. C. DCCIX , V lei. Iiin. 

CICERO ATTICO S. 

1 Antium veni ante VI Idus '. Bruto iucundus 
iioster adventus. Deinde, multis audientil^us, Ser- 
vilia, Tertulla, Porcia ^j quaerere , quid placeret. 
Aderat etìam Favonius. Ego, quod eram medi- 
latus in via, suadere, ut uteretur Asiatica cura- 
lione frumenti* nibil esse iam reliqui, quod age- 
remus, nisi ut salvus esset ^r in eo etiam ipsi rei 
publicae esse praesidium. Quam orationem quum 
ingressus essem, Cassius intervenir Ego eadem 
illa repetivi. Hoc loco, fortibus sane oculis, Cas- 
sius (Martem spirare diceres), se in Siciliani non 
iturum 4. — Egonc, ut beneficium, accepissem 



An. di n. 7"9 LETTERA DCCXXII. 2ig 

(Lu- la Repubblica? Al tutto il consigliare di simili casi 
non è sicuro eziandio al consigliatore. Sperando io qual- 
cosa di bene, non potrei gittarnii dietro la cosa: ma 
nulla sperandone, che mi trametterò io? Egli si con- 
duce secondo i consigli o le preghiere della madre ^. 
Che farei io? Tuttavia penserò di che fatta lettera gli 
abbia a scrivere: j)ereliè tacere è impossibile. Adunque 
di presente manderò o ad Anzio o a Circei, 



DCCXXIII. 



(Ad Alt. XV, n) 



^Irgoi/icntn. i Espone il discorso tenuto con Bruto e Cassio^ 
'i e 1' iiiil).isciata ingiuntagli da Dulahella. 

Scrina nclP Anziate Tanno DCCIX, il 9 di Giugno. 

CICEROINE AD ATTICO S. 

I Fui in Anzio a' 2^ ', con gran piacere di Bruto, 
indi, udenti parecchi, Servilia, Tertulla, Torcia =*, mi 
dimandò: Che ti sembra da fare? • — C era altresì Fa- 
vonio ^. Io, secondo le ragioni fatte meco pervia, Io 
confortai che accettasse pure la provvigione del grano 
nell'Asia^ oggimai non restarci altro, che vedere come 
salvai'c la vita. Ma e cpiesto medesimo era un provvedere 
alla Repubblica. Avendo io messo mano alle cose dette, 
e(x-o Cassio. Io da capo le cose medesime. In questo, 
esso Cassio con un paio d'occhi da leone (avresti detto, 
esso Marte vivo, maniato): Io in Sicilia? non mai: rice- 
veiei io un'ingiuria in nome di benefìzio? — Ed io: Che 



320 EPISTOLA DCCXXlil. A. V. C. 709 

coiitumeliam? ^ — • Quid ergo agis?^ inquam. — • 
At ilio, in Achaiam se iturum. — Quid tu, in- 
quam , Brute? — Romam, inquit, si tibi vide- 
tur. — Milli vero minime: tubo enim non eris. — ■ 
Quid, si possem esse? placeretne? — • Atque ut 
omnino 7j ncque nuncj ueque ex praetura in pro- 
Tinciam ires. Sed auctor non sum, ut te urbi com- 
mittas. — Dicebam ea, quae tibi profecto in men- 
tem veniuntj cur non esset tuto futurus. Multo 
inde sermone querebantur, atque id quidem Cas- 
sius maxime j amissas occasiones ^j Decimumque 
graviter accusabat. Ego negabam oportere praeter- 
ita 9: assentiebar tamen. Quumque ingressus es- 
sem dicere j quid oportuissct (nec vero quicquam 
novij sed ea, quae quolidie omnes)j nec tamen 
illuni locum atlingerem ^°j quemquam praeterea 
oportuisse tangi ", sed senatum vocari, populuni 
ardentem studio vehementius incitarij totani susci- 
pere *2 rem publicam: exclamat tua familiaris *^: 
« hoc vero neminem umquam audivi '4. n Ego 
repressi *^. Sed et Cassius raihi videbatur iturus 
(etenim Servilia polliccbatur se curaLuram, ut ilia 
frumenti curatio de senatus consulto tolleretur)^ 
et noster ^^ cito deiectus est de ilio inani sermo- 
ne: velie enim se dixcrat. ConstiLuit igitur, ut 
ludij absente se, fierent suo nomine. Proficisci 
autem mihi in Asiam videbatur ab Antio velie. 
Ne multa^ niliil me in ilio iLincre '7, practcr con- 



An. di R, 709 LETTERA DCCXXIII. 221 

pensi dunque.^ — Ed egli, di voler andare in Acaia i. — 
E tu, diss'io, Bruto? — In Roma, se ti par bene. — 
A mei non punto: perchè non ci potresti viver sicu- 
ro. — E se io potessi? rispose: ti piacerebbe? — Senza 
manco nessuno: anzi non pure al presente, ma né uscito 
di pretore, non ti lascere' ire né qui né qua: ina del- 
l'arrischiarti in Roma non ti consiglio. — E del risico 
che ci correrebbe , gli mostrava quelle ragioni che tu 
medesimo, sono certo, ne vedi. I lamenti ne furon me- 
nati in lungo (e Cassio soprattutto), che si fosscr la- 
sciate scappare le occasioni^ e il maggior carico ne dava 
a Decimo ■''. Io soggiunsi: Tu hai ragione: — ma non 
son da rimestare le cose passate. Ed avendo messo mano 
a dire quello che saria stato da fare (e nulla dissi di nuo- 
vo, ma quello che era menato per bocca da tutti), nò 
però toccato quel punto, che in altra persona fosse stato 
da metter mano, sì doversi convocare il senato, e rinfo- 
colare con più forza il popolo quando era bene in bol- 
lore, e dar di spalla a! corpo della Repubblica: quivi 
slcamò la tua amica: a Togli! questo non ho sentito 
mai da nessuno, n Io le diedi sulla voce ^. .Ma e mi pa- 
rca che Cassio stesse sull'ali: da che Servilia promettea 
di far opere che quella missione pel grano dal sena- 
toconsulto fosse levata: e il nostro fu leggermente tolto 
giù da quel vano suo dire: imperocché avea detto d'es- 
sere presto. Deliberò adunque che i giuochi, in sua as- 
senza, fossero falli a suo nome: ed a me pareva che 
egli da Anzio volesse muoversi per l'Asia. Per finirla, 
ili quel mio viaggio di nulP altro mi son dilettato , che 



222 EPISTOLA DCCXXllI. A. V. C. 709 

scientiam, delectavit. Non eniiii fuit coniali tten- 
dum, ut ille ex Italia prius, quani a me conven- 
tus esset, discederet. Hoc deinto niunerc anioris 
atcjue officii, sequebatur, ut niecum ipse: 

'H $evp ó'Jó; nei zi oùyy.rc/.i vOv . ^-iciz^^nt' *8 

Prorsus dissoluturu offendi navigium '9, vel polius 
dissipatum. Nihil Consilio , nihil ratione^ nihil or- 
dine. Itaque etsi ne antea quidem dubitavi ^"^ ta- 
men nunc co minus, evolaie bine; idque quani- 
p ri ni uni, ubi 

JNec Pclopidariiiii facla, iitMjne tìiinam aiidiarn "• 

2 Sed beus tu, ne forte sis nescius, Dolabclla 
me sibi legavit a. d. IIII Nonas 2^, Id niibi beri 
vesperi nuntiatum est. Votiva ne tibi quidem pla- 
cebat. Etenim erat absurdum, quae, si stetisset 
res pubHca, Yovissem, ea me, eversa illa, vota 
dissolvere "^: et babent, opinor, liberae legatio- 
nes tlefinitum tempus ^4 lege Lilia j nec facile addi 
potest. Avco genus legationis ^^, ut, quum velis, 
introire, cxire liceat: quod nunc mibi addituni 
est ^^. J3ella est autem Imius juris quinquennii li- 
centia. Quamquam quid de quinquennio cogitem? 
contrabi mibi negotiuin videtur ^7. Sed ft}.y.7(p-/]u.y. 
miltaiuus. 



An.diR. 709 LETTERA DCCXXllI. 323 

della mia coscienza: imperocché io non dovea patire 
clie egli uscisse d^talia senza essermi seco abboccato. 
Da questo ufizio del mio amore e dovere in fuori, a 
me resta da dir meco medesimo: Qual prò ti è se- 
guito da questo tuo viaggio, o uomo provveduto? T lo 
trovai al tutto la nave disciolta, o piuttosto smembra- 
ta^ niente fatto consigliatamente, nulla con ragione nò 
aggiustato. Per lo che, sebbene anche prima io non ne 
avessi un dubbio al mondo, vie peggio al presente son 
fernio di volarmene (e ciò al più presto) di qua, dove 
nulla mi venga delie opere, e né eziandio della fama 
de^ Pelopidi^. 



2 Ma odimi questa (che tu non mi dica: Noi sa- 
pca): Dolabella mi elesse per suo legato a' due d'a- 
prile 0: mi fu fatto assapere iersera. La votiva non 
piaceva eziandio a te: imperocché egli era cosa stramba 
che, avend' io fatto voto, Sì veramente che la Repub- 
blica mantenesse suo stato, volessi adempierlo quando 
ella è già distrutta '°: ed anche le libere legazioni hanno 
(mi pare) un termine fermo, per legge Giulia '^^ né a 
questa fatta legazioni si può leggermente fare la giun- 
ta, che tu possa entrare ed uscire a tua posta ^'-^ la 
quai giunta m' è fatta al presente. Or (juesta licenza 
di cinque anni non potea venirmi più a proposito: 
sebbene, che ragion fo io di cinque anni? e' mi pare 
che la bisogna mi vada alle corte. iMa lasciamo i cat- 
tivi augurii. 



324 EPISTOLA DCCXXIV. A. V. C. 7^9 



DGCXXIV. 



( Ail Ali. X\' 



y4 fallii w ni u/ìi. Kcpelit brcviter qnac de Hnito ci Cassia 
.sciipsei'at, addilc|ue pauca de L. Auluiiii litcris ci do 
(^claviani iiigcnio et aiiiino. 

Scr. ìli Antiali A. V. C. DCCIX , IV II. Inu. 

CICERO ATTICO S. 

Bene niehercule de Butbroto ^ At ego Tironeiu 
ad Dolabellam cum literis, quia iusscias, niiseiam. 
Quid iiocct? De nostris autem Aiitiatibus ^ satis 
vidcbar piane scripsisse, ut non dubitares, quia es- 
sent otiosi futuri, usurique benefìcio Antonii con- 
tumeboso. Cassius fruanentariatn reni aspernaba- 
tur: eani ServiHa sublaturam ex senatus consulto 
se esse diccbat. Noster vero ^, ■/..e.', [j.y'i.a. 'jiy.yj:^ in 
Asiani j postea quam niibi est assensus, luto se 
Rouiae esse non posse. Ludos 4 cnini absens fa- 
cere nialebat. Statini auteni se iturum, sirnul ac 
ludorum apparatuni iis, qui curaturi essent, tra- 
didisset. Navigia colllgebat. Erat animus in cur- 
5U. Interea in eisdeni locis erant futuri. Brutus 
quidam se aiebat Asturae ^. L. quidcm Antonius 
liberaliter literis, sine cura me esse iubet. Habeo 
unum beneficiunij alteruni ^fortasse, si in Tuscu- 
lanuni venerit ^. O negotia non ferenda! quae fe- 
runlur laraen. Tàv o x'-zuy rJJv Bpcjroiv n; et/cv! 7 



Aii.^. R.. 7'^» LETTERA DCCXXlV., , , . 223 

DGCXXI\ . Ad Alt. XV, .2) 

Argomento. Riassume brevemente quanto ha scritto di Bruto 
e Cassio, ed arroge poche cose della lettera di L. Antonio, 
,« deli" indole e coraggio di Ottaviano. 

Scritta ilair Anziate Tanno DCCIX , il io rii Giugno. 

CIGEROiNE AD ATTICO S. 

Quaato a Butvoto, egregiamente. Io però avea maa- 
^àto a Dolabella Tiroue colla lettera , secondo T ordint; 
tuo: che danno fa? Circa i nostri di Anzio, io cre- 
deva aver parlato chiaro ablja.^tanza, da non lasciarti 
più un dubbio che egli sarebbono stati queti, ed usato 
il vituperoso benefizio d' Antonio ^ Cassio sdegnavasi 
deirufizio del gratio: ma Servilia dicea che lo farebbe 
levare dal senatoc(jii.saho. Il nostro poi (che uom gra- 
ve/^), dopo esser venuto dalla mia. che Roma non gli 
era luogo da starvi, era presto per l'Asia: da che to- 
gliea per lo migliore far i giuochi in sua assenza: rac- 
cogliea legni, e stava sulPali. In questo mezzo stareb- 
bono ne' luoghi medesimi: certo Bruto diceva in Astura. 
L. Antonio mi scrive una cortesissima lettera, che io 
non mi dia un pensiero al mondo ^: questo è il primo 
benefizio che egli mi fa^ il secondo sarà il non venire 
nel Tusculauo. O cose, intollerabili I le quali si tol- 
lerano tuttavia. Jla la costar colpa a quale de' Bruti 



CicER. X. — Leu. T. IX. 



2 26 EPISTOLA DCCXXiVj DCCXXV. A. V. C. 709 

Octaviano, ut perspexi^ satis ingeniij satis ani- 
mi: videbaturque erga iiostros /^pwa; ita fore, ut 
nos vellemus , animatus. Se J quid aetati ^ creden- 
dum sitj quid nomini, quid hereditati, quid xa- 
T^yric^i^ magni consilii est. Vitricus quidem nihil 
censebat 9j quem Asturae vidimus. Sed tamen alen- 
dus est* etj ut nihil aliud, ab Antonio sciungendus. 
Marcellus praeclarej si praecipit nostro nostri *°j 
cui quidem ille deditus mihì videbatur. Pansae au- 
tem et Hirtio non nimis credebat. Bona indoles, 

DCCXXV. (_XA Alt. XV, lO prima) 

yfrgiimcnUtm. De lileris a filio acceptis, Leonidtteque eì 
Herodis de tcstimoniis. < 

Scr. in villa ad lanim Liicrinutn A. V. C. DCCIX, 
IV M. liin. 

CICERO ATTICO S. 

. ! > ■ • 

Tandem a Cicerone tabellariusj et mehercule 
literae TtìTìtvuaévMq scriptaej quod ipsum 7:^ff/.c7ry;v 
aliquam significaret » : iteraque ceteri praeclara scri- 
bunt. Leonidas tamen retinet suum illud adhuc ^: 
sunimis vero laudibus Herodes. Quid quaeris? vel 
Acerba miiii dari facile patior in liocj meque li- 
beiiter praebeo credulum. Tuj velini, si ([uid tibi 
est a Statio ^ scriptum, quod pertineat ad me, 
ccrtiorem me f'acias. 



An. din. 7^9 LETTERA DCCXXlVj DCCXXT. 12'J 

è da reputare? ^ Ottaviano^, per quello che ne ho com- 
preso , ha bene ingegno e bene coraggio ^ e mostrava 
dover essere verso gli eroi nostri di queir animo che 
noi volessimo: ma quanto sia da fidarsi dell'età sua, 
quanto del nome, quanto dell'eredità, quanto dell'e- 
ducazione avuta y è cosa da ben maturare. Il padri- 
gno ^ al certo credeva un bel nulla: io Tho veduto in 
Astura. Tuttavia egli è da fargli vezzi, se non per nul- 
r altro, per ispiccarlo da Antonio. Marcello ci serve a 
maraviglia , se è precettore del figliuol del fratello ^ : 
certo costui mi pareva a lui affezionato^^ dove a Pausa 
e ad Irzio non aggiustava troppa fede. Buona indole! 
ma dammelo morto. 

DGCXXV. (Ad Alt. XV, i6 p. i) 

Argomento. Delle lettere scriltegli dal figlio, e delle leslifica- 
zioni di Leonida ed Erode. 



Scritta dalla vitla presso al lago Lucrino Fauno DCCIX, 
il 10 di Giusno. 



CICEROiNE AD ATTICO S. 

Finalmente un corriere da Cicerone :, e in buona fede ' 
lettere scritte elegantemente} il che dà a vedere qual- 
che profitto : gli altri pure ne scrivono un gran bene. 
Leonida tuttavia sta fermo in quel suo per ora »^ ma 
Erode il mette in cielo. Che vuoi? io soffro anche d'es- 
sere ni CIÒ gabbato , e mi porgo volentieri corrivo. Dc- 
sid(;ro che tu mi facci assapcrc se nulla t'ha scritto 
.Stazio, che a me appartenga. 



228 EPISTOLA DCCXXVI. A. V. C. 709 



DCCXXVI. (AdAtt. XV, i6rxir.) 

Ar^uincntani. Ainoenitatem loci dt-scriblt; magis taincn se 
Tusculano delectai'i. 



Scr. in villa ad lacum Liicririum &. V. C. DCCIX, 
111 Id. luii. 

CICERO ATTICO S. 

Narro libi ^: haec loca venusta sunt^ abdita 
certe j et, si quid scribere velis, ab arbitris libe- 
ra *. Sed nescio quo modo ch.ci (pdcc, 3, Itaque me 
referunt pedes in Tusculanum. Et tamen haec pw- 
Txoypa.(pia 4 rìpulae videtur habitura celerem satie- 
tatem. Equidem etiam pluvias metuo^ si progno- 
stica nostra vera sunt. Ranae enini pr-cpevcvjiv ^, 
Tu, quaeso, fac sciam, ubi Brutum nostrum, et 
quo die videre possira. 



DGGXXVII. 



(Ad Alt. XV, i3) 



Argfimentum. De L. Antonio Buthroliis molesto. De num- 
mis Arpinatuiii depositis Fadio reddendis: de Cleopatrae 
reginae iniquitate et de Sarae insolentia : de nominibus 
s^iiii expediendis, et de pecunia filio Atheiias permutanda. 



An. diR. 709 LETTERA DCCXXVI. 229 

DCCXXVI. (Ad Ali. XV, 16, p. II) 

Argomento. Descrive la sua villa, preferendo però il Tusculano. 



'Scritta dalla villa presso al lago Lucrino l'anno DCCIX, 
il IO di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Questi luoghi, ti so dir io, son belli e romiti^ che 
se vuoi scriver qualcosa, nou vi hai sindacatori ^ Ma 
non so come casa sua è il meglio ^. Cosi le gambe 
mi portano in Tusculano. Tuttavia ho paura che que- 
sto paesaggio della ripetta venga presto a noia 3. E di 
più temo le piogge, se pur io almanacco bene 4:^ per- 
chè le rane fanno un gracidar grande. Sappimi dire 
rfiove e quando potrò vedere il nostro Bruto. 



DCCXXVII. (Ad Alt. XV, ,5) 

Argomento. Di L. Antonio gravoso a' Butrozii; della restitu- 
zione a Fadio della pecunia depositata dagli Arpinati; della 
malvagità della regina Cleopatra, e dell'insolenza di Sara; 
del disbrigo de' suoi debili, e delle lettere di canjbio pel 
fi^rliuolo ad Alene. 



a3o EPISTOLA DCCXXVn. A. V. e. 709 

Scr. in villa ad laniin Liirriiuiin A. V. C. DCCIX , 
pr. ì(ì. lun. 

CICERO ATTICO S. 

L. Antonio male sit, siquidcm Biilliroliis luo- 
lesliis csl '. Ego testimoniuni ^ coniposui^ quod , 
quLini voles, obsignabis ^. Tu numraos Arpinalum , 
si L. Fadius aedilis pelei, vel oranes reddilo 4. 
Ego ad te alia epistola scripsi de H-S ex, quae 
Stalio cniarenlur. Si ergo petet Fadius, ci volo 
reddij praeter Fadium, nemini. Apud me iletn 
pulo dcpositum^. Id, scripsi ad Erolem, ut led- 
deret. Rcginam odi ^. Me iure facere scil. Sjìon- 
sor promissorum eius Ammonius 7- quae quidcm 
erant (pO.óAcya^^ et dignitatis meae, ut vcl in con- 
cione dicere auderem. Saram autem practcrquam 
quod nefarium hominem cognovi, praelerca in me 
conlumacem. Semel eum omnino domi mcae vi- 
di. Quum (f tXrcp^oVw; ex eo quaererem, quid oj)us 9 
essetj Atticum se dixit quaerere. Supcrbiam autem 
ipsius l^eginae, quum csset trans Tiberini in lior- 
lis y commemorare sine magno dolore non pos- 
sum. Nihil igitur cum istis: nec tam animum me, 
quam stomachum non habere ^" arbitrantur. Profe- 
ctionem meam , ut video , Erotis dispensatio im- 
j)edit". Nam quum ex reliquis^^, quae Nonis Aprii, 
lecit, vel abundare dcbeani; cogor muluari: quod- 



An. din. 709 LETTERA DrxXXVII. 23 1 

Scritta tliilla villa presso al lac;o Lucrino Tanno DCCIX, 
il 12 di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Che mal s** abbia Lucio Antonio se dà noia ai Bu' 
troti. Io scrissi il mio attestato ^, che tu suggellerai * 
quando ben ti parrà. Se Fadio V edile li domandi , sbor- 
sagli pure i denari degli Arpinati, anche tutti. Io t'ho 
scritto in altra mia dei cento diecimila sesterzi da far 
avere a Stazio. Se dunque li chiede Fadio, sì, gli si 
dieuo: ma a nessun altro. Da me credo pure che vi 
sia deposito. Scrissi a Erote che il restituisse. Io odio 
la Regina: sa che n'ho ragione. Ammonio ^ mallevò 
per le sue promesse, ch'erano in \erìtk da letterato ^^ 
e dicevoli a me, si che ardirei parlarne a pien popolo. 
Sara poi, oltre che lo conobbi per uno scellerato, è 
altresì villano contro di me. Me l'ho veduto in casa 
mia solo una volta ^ e domandatogli garbatamente che 
gli bisognasse , disse che cercava d' Attico ^. Non saprei 
poi ricordare senza gran cruccio la superbia della stessa 
Regina , quand' era negli orti oltre Tevere ^. Con co- 
storo dunque non voglio aver che fare^ che si credono 
ch'io non abbia, non che animo, ma pure lo stoma- 
co. La mia andata, a quanto veggo, mi si sconcia 
dall' amministrazione di Erote, Perchè mentre dovrei 
aver dell'avanzo, secondo le ragioni fatte il cinque di 
aprile , m' è forza torre a prestito -, e quel eh' io m' ave» 



232 EPISTOLA DCCXXVII. A. V. C. 7o(> 

que ex istis fructuosis rebus receptum est, id ego 
ad illud faiium '^ sepositum putabam. Sed haec 
Tironi mandavi , quem ob eani causam Romam 
misi. Te nolui impeditum impedire. Cicero noster 
quo modestior est^ eo me magis commovet. Ad 
me enim de hac re nihil scripsit, ad quem ni- 
mirum potissimum debuit. Scripsit hoc autem ad 
Tironem, sibi posi Kal. Aprii, (sic enim annuum 
tempus confici '4) nihil dalum esse. Tibi prò tua 
natura semper placuisse ^^^ leque existimasse id 
etiam ad dignitatem meam pertinere ^ eum non 
modo Hberahler ^^ a nobis, sed etiam ornate cu- 
mulateque tractari. Quare velim cures ( nec libi 
essem molestus, si per alium hoc agere possem), 
ut permutetur Athenas^ quod sii in annuum sum- 
lum: ei scilicet '7 Eros numerabit. Eius rei causa 
Tironem misi. Curabis igitur, et ad me, si quid 
tibi de €0 yidebituFj scribes. 

DCGXXVIII. (Ad AH. XV, ,; 

Argumeiiinm. Diiribus Attici epislolis respontlet. 

Scr. in villa ad l.icum Lucriniira A. V. C. DCCIX , 
XV'II K.il. Qnint. 

CICERO ATTICO S. 

Duas * accepi postridie Idus j alleram eo die 
datanij alleram Idibus. Prius igitur superiori. De 



An. di R. 709 LETTERA DCCXWII. 233 

avvantaggiato da questo pò* di i-eiulite 7, mei pensava 
adopj'are pei- quel tempio ^. Ma ciò lio io accomman- 
dato a Tirone, che a questo mandai a Roma. A te 
impacciato non ho voluto dare impacci. Il nostro Ci- 
cerone quanto piìi è ritenuto, piìi mi sa caro: che di 
ciò non mi scrisse flato, e a niuno dovea più che a 
me. Pure scrisse a Tirone che dal calen d'aprile (vale 
a dire un anno belP e compiuto) non gli fu dato nulla. 
T' è sempre piaciuto naturalmente, ed bai giudicato;) 
avvenirsi alla mia dignità, che noi lo trattassimo non 
solo abbondantemente . ma si anco slbggiatamente. 
Laonde vorrei che tu dessi opera ( nò se per altrui 
mezzo il potessi, ti darei questa briga) onde quanto 
gli basti alle spese d' un anno gli si dia a cambio in 
Atene;; e sarà Erote che sborserà. A'^questo fatto man- 
dai Tirone. Fa chmque un tal servigio , e scrivimi che 
te ne sembri. 



DCGXXVIII. cAdAM.xv,.,) ' 

Argomento. Fa risposta a due lettere di Attico. 

Scritta dalla villa presso al lago Lucrino ranno DCCIX, 
il i5 (li Giugno. 

CICEROiNE AD ATTICO^ S. 

A' quHttoi'dici ebbi due lettere: l'una di quel di me- 
desimo, l'altra dei tredici. In prima dunque alla prima. 



334 EPISTOLA DCCXXVIII. A. V. C, 709 

Bruto ^, qnum scies. De consulum fleto timore ' 
rognoveram. Slcca enìriij (ptXojropyo); ille qnidem, 
scd tiimultuosius ad me etiam illam susplclonem 
peitulit. Quid tu autem? rà pv (Jic5'o//eva : Nullum 
enim verbum a Slregio 4. Non placet. De Plaeto- 
rio vicino tuo permoleste tuli ^^ quemquam prius 
audisse, quam me. De Syro prudenter ^. L. An- 
tonium per M. fratrem, ut arbitror, faclllime de- 
terrebis 7. Antroni vetui 8* sed nondum acceperas 
literas: nec cuiquam , nisi L. Fadio aedili: aliter 
enim nec caute, nec iure fieri potest. Quod seri- 
bis libi deesse H-S e, quae Ciceroni curata sintj 
"velim ab Erote quaeras , ubi sit merces insula- 
rum 0. Arabioni de Sitio niliil irascor. Ego de iti- 
nere, nisi explicato A ^°, nibil cogito: quod idem 
libi videri puto. Habes ad superiorem. Nunc audi 
ad alterara. Tu vero facis , ut omnia, quod Ser- 
TÌliae non dees *^, id est. Bruto. De Regina gau- 
deo te non laborare* certe etiam tibi probari ^^. 
Erotis rationes et ex Tirone cognovi, et vocavi 
ipsum. Gratissimum, quod poUiceris, Ciceroni ni- 
liil defuturum : de quo mirabilia Messala ^^; qui 
Lanuvio, rediens ab illis ^4, venit ad me: et me- 
liercule ipsius liLerae sic et (ptXc^rooyw^ et ev-iv^i^ 
scriptae, ut eas vel in acroasi ^^ audeam legere : 
quo magis illi indulgendum puto. De Buciliano ^^ 
Sextium puto non moleste ferre. Ego, si Tiro ad 
me, cogito in Tusculanum. Tu vero, quicquid 
erit, quod me scire par sit, statini '7. 



An. di n. 709 LETTERA. DCCXXVIII. ^35 

Di Bruto, quando saprai alcun che. Ben mei sapea della 
infinta paura dei consoli ': perchè Sica, da buon amico 
com'è, ma all'imbrogliata, mi narrò di quel sospetto. 
E tu? prenderla come Dìo la manda. ^ Che da Sara, 
tutta cosa della Regina, né manco una parola che mi 
quadrasse^. Di Pletorio, vieta tuo, mi increbbe assai 
che tu abbi udito altri pria di me 4. Quanto a Siro, 
prudentemente. Penso che per via di ]\I. fratello stor- 
nerai facilmente Lucio Antonio. Ad Antrone proibii^ 
ma tu non avei per anco ricevuta lettera: nò a ve- 
run altro, vedi, fuor che a Lucio Fadio edile: altri- 
menti non sarebbe né senno né giusto. Dello scrivermi 
ohe fai , mancarti centomila sesterzi contati a Cicero- 
ne, fanne inchiesta ad Erote, ove diavol sia la rendila 
dell'isole ^. Non mi cruccio con Arabione circa a Si- 
zio. Io non fo un disegno sul viaggio, se nou a conti 
sbrigati ^: su di che tu sarai dalla mia. Questo alla 
prima^ ora alla seconda. Ben fai, come tutto, a non 
venir meno a Servilia, cioè a Bruto. Che non ti bri- 
ghi per la Regina, n'ho piacere^ e piuttosto che la 
cosa t'entri. Riseppi da Tirone i conti d' Erote, e ho 
chiamato lui stesso. Gran mercè che mi prometti assi- 
ster Cicerone, del quale Messala, venuto da Lauuvio, 
tornando da loro, a trovarmi, conta miracoli: e in fede 
mia le sue lettere sono amorevoli e leggiadre per gui- 
sa, ch'io ardirei leggerle jierfino in una dotta briga- 
ta 7 : donde io credo doverlo tanto meglio trallare. 
Circa a Buciliano, non credo che Sestio l'abbia a ma- 
le ^. Se Tirone vien da me, io fo conto andarmene nel 
Tusculano. Dammi proutc novelle di ciò che m'occorre 
sapere. 



236 EPISTOLA DCCXXIX. A. V. C. 709 

DCGXXIX. ^Aj Alt. XV, 18) 

jérgumentum. Nuntiat, se ad Dolabellam scripsisse de niulis 
vecturae itineris, in coque ut sibi paullulum operue tri- 
buat Atticus, petit. 

Scr. in itinere a villa ad lacum Lucrimim A. V. C. D(-CIX , 
XVI Kal. Quint. 

CICERO ATTICO S. 

Septiiuodeciaio Kal. etsi saLis videbar scripsisse 
ad tCj quid mihi opus sit ", et quid te facere 
vellem j si libi coinnioduni esset' tameii^ quum 
profectus essem^ et in lacu iiavigarein ^j Tironem 
statui ad te esse niittenduiiij ut iis negotiisj quae 
agerentur^ interesset: atque etiain sciipsi ad Do- 
labellam ^^ me^ si ei videretur, velie proficlsci j 
petiique ab eo de mulis vecturae itineris 4, Et in 
eis (quoniam^ intelligo te distentissimum esse qua 
de Buthrotiis , qua de Bruto • cuius etiam ludo- 
rum suorum ^ curam, etiam administrationeni sii- 
spicor ex magna parte ad te pertinere)^ ut ergo 
in eiusmodi re, tribues nobis pauUum operaej nec 
enim multum opus est. Milli res ad caedem, et 
eam quidem propinquam, spectare videtur. Vides 
homines; vides arma. Prorsus non mihi videor 
esse tutus. Sin tu ali ter sentis, velini ad me scri- 
bas. Domi enim manere, si recle possum, multo 
malo. 



An. diR. 709 LETTERA DCCXXIX. 

DCCXXIX. 



(Ad Ali. XV, it) 



Argomento. Significa d'avere scritto a Dolabella per i muli di 
trasporto nel suo viaggio, e prega Attico gli presti in esso 
l'opera sua. 



Scritta in viaggio dalla villa presso al Ingo Lucrino V anno DCCIX , 
il 16 di Giugno. 



CICEROiNE AD ATTICO S. 

: Comechè mi paresse averti scritto abbastanza il quin- 
dici circa a quanto m' è bisogno, e che vorrei, a tuo 
agio, mi facessi^ pure, essendo partito e navigando in 
sul lago ^, credei bene di mandarti Tiroue che desse 
una mano alle faccende: e scrissi pure a Dolabella che 
ib vorrei andarmene, se gli era a grado, e il richiesi 
dèlie mule pel viaggio ^. Dacché ti veggo ingolfato ne- 
gli affari tra per conto de' Butroti ^, e per conto (U 
Bruto, de' cui giuochi, oltre al provvedimento, sospetto 
che ti tocchi in buona parte anche l' amministrazione ^ 
ti prego in questo fatto dare anche a me un pocolia 
d'opera, che di molto non è mestièri. La cosa mi par 
vada a parare in una strage, e anco vicina. Vedi uo- 
mini, vedi armi: alla fé non mi par essere sicuj'O. Se 
tu credi altro, scrivi^ che quando io a man salva il 
potessi, amerei meglio starmi a casa. 



a38 EPISTOLA DCCXXX. A. V. e. 709 

DCGXXX. (A.1 Ah. XV, .0) 

/Ir^iimrnlHiìi. Do Cuthiotiorum negolio, de Theoplianis 
literis, de Q. filii Consilio ad Brutum et Cashiuin traiis- 
eiindi; deiiicjiic de aliis bievitcr. 

Scr. in Tusculano A. V. C. DGCIX , a. d. XV Kal. Quint. 

CICERO ATTICO S. 

Quidnain est^ quod audeiiJuin » ainplius de Bu- 
throtiis? stetisse ^ eniiii te frustra scribis. Quid 
auteni se refert Brutus? ^ Doleo mehercule ^ te 
tari! esse deteiitum4j quod decein liominibus ^ re- 
ferendum est acceptum. Est illud quidem ècyòji^ei, 
sed ài^e/.roV, mihique gratissimum. De artnis, iiiliil 
vidi apertius. Fugiamus igitur. At, ut ais^ coram ^• 
Theophanes quid velit, nescio: scripserat enini 
ad me: cui rescripsi^ ut potui. Mihi autem seri- 
bit, venire ad me se velie, ut et de suis rebus, 
et quaedam, quae ad me pertinerent 7. Tuas li- 
teras exspecto. Vide, quaeso, ne quid temere fiat. 
Statius scripsit ad me , locutum secum esse (). 
Ciceronem ^ valde asseveranter, se haec ferre non 
posse j certuni sibi esse, ad Brutum et Cassium 
transire. Hoc enimvero nunc discere aveo : hoc 
ego, quid sit, intcrp retari non possum. Potest ali- 
quid iratus Antonio j potest gloriam novam quae- 
rercj potest totum esse j/eo {'a^aa : et nimirum ita 



Ab. diR. yog LETTERA DCCXXX. 289 



DCGXXX. 



(Ad Alt. XV, 19) 



Argomento. Della faccenda de'Butrozii, della lettera di Teo- 
fane, della determinazione di Quinto figliuolo di passare alle 
parli di Bruto e Cassio; e brevemente di altre cose. 

Scritta nel Tusculano Tanno DCCIX , il i« di Giugno. 

CICEROISE AD ATTICO S. 

Nella cosa de' Buti'Oti che tliaciiie abbiam più a ten- 
tare? elle tu scrivi essere stato alla posta inclaruo ^ E 
Bruto che mai promette di fare? Davvero m' in cresce 
che tu sii occupato. Dover saper grado del benefizio 
a que' dieci omicciuoli è dura ^^ ma la ìnghiotto: e 
in fatto m' è caro assai. Circa alla guerra la cosa è 
spiattellata: dunque via^ ma, come dici, a quattr'oc-* 
chi. Non so che si voglia Teofane ^, perchè m'avea scrit- 
to , ed io risposi come potei. Scrissemi voler venire da 
me per le sue faccende, e per cose che a me pcrten- 
gouo. Aspetto tue lettere. Vedi di grazia che nulla si 
faccia a caso 4. Scrissemi Stazio che Q. Cicerone gli 
parlò molto fcruianiciite che a queste cose non potea 
durare^ e aver deliberato di passare da Bruto e Cassio. 
Mi consumo di saper cotesto , e non so indovinare che 
mai sia. Può essere in rotta con Antonio: può ire alla 
busca di nuova gloria^ può essere un grillo da svcìi' 
luto: e al certo vuol esser cobi. .Ala intanto io temo j 



24*^ EPISTOLA DCCXXX. A. V.C. 709 

est. Sed tanien et ego vereor, et pater coiiturba- 
tu.s est. Scit ciiiiri, quae ille de hoc 9: mecum 
quidem appara olim. Piane, quid velit, nescio. A 
Dolabella mandata Iiabebo, quae mihi Yidebuntur, 
id estj nihil '«. Die mihi, C. Antonius voluitne 
fieri septemvir? f'uit certe dignus". De Menedemo 
est, ut scribis. Facies omnia mihi nota. 

DGGXXaI. (-a.! Alt. XV, so) 

y^rgiimentum. De periculis rei pubi, ab Antonio imminen- 
tibus; et eie suis latioiiibiis cxpedieiulis. 

Scr. in Tiisctilaiio A. V. C. DCCIX , XI Kal. Qninl. 

CICERO ATTICO S. 

Egi gralias Vecteno » ; nihil enim potuit hu- 
»iianins. Dolabellae mandata sint quaehbet; mihi 
aliquid, vel quod Niciae nuntiem ^. Quis enim 
haec, ut scribis, ante? ^ ne nane dubitare quem- 
quam prudentem, quin meus discessus dcspera- 
tionis sit, non legalionis? Quod ais , extrema 
quaedaen iam homines de re publica loqui , et 
eos quidem viros bonosj ego, quo die audivi il- 
hmi tyrannum in concione clarissimum viriini 4 
appellari, subdiffidere coepi. Postea vero, quam 
tecum Lanuvii vidi^, nostros tantum spei habere 
ad vivendum , quantum accepissent ab Antonio, 
despcravi. llaquc . mi Attice , forti lei bue vehni 



An. dill. 7"9 LETTERA DCCXXX. 34 1 

e il padre è aagustialo :, che sa quanto egli disse di 
ciò ^, e a me una volta disse cose da tacersi. Al tutto , 
non so che si voglia. Da Dolabella avrò tutte le com- 
missioni clie io vorrò ^, cioè un bel nulla. Dimmi un 
no"': C. Antonio volle forse esser mio dei sette? 7 iNV-ra 
degno affò. Di Menedemo la cosa è come scrivi. Dammi 
conto di tutto. 



DCGXXXI. ( Ad Ati. XV, »o) 

Argomento. De' pericoli che sovrusfano alla Repubblica dalli* 
'parte di Antonio, e dello spaccio de' suoi affari domestici. 



Sciitra nel Tuscnlaiio Panno DCCI.\ , il 21 di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Ilo rese grazie a Vecteno:, che davvero non potea es- 
ser più cortese. Gli ordini di Dolabella sien quali esser 
si vogha: u cp^ialcosa per me, o qualche ambasciata eh' io 
debba fare a ìNicia '. E chi su di ciò, come scrivi, farà 
conti prima? ^ EvvI uom di senno che possa dubitare 
che la mia parlenz.a sia anzi da disperato , che per la 
legazione? Quanto al tuo dirmi che già le genti par- 
lano come di finimondo circa alla Repubblica, e uo- 
mini anche dabbene, io ne cominciava ad aver sospet- 
ticelo dal giorno che udii venir chiamato qu«'l tiranno 
chiarissimo pcrsoiiagt^io. Ma dapixji che ho veduto a 
Lanuvio, insiem con le, che i nostri aveano tanta spe- 
ranza della vita, quanta avea lor data Antonio ^, u'i 
tfuni .spacriatu. Dunque, mio Attico, voglio che tu n- 

CiC£R. A'. — Lea. T. IX. 16 



^■2^-2 EPISTOLA DECXXXl. A. V. C. 709 

accipias, ut ego scribo. Genus illud interituSj quo 
casurus est ^^ foedum tlucès^ et qUcIsi denuntiatum 
nobis ab Antonio, Ex hac iiaxa 7 exire constitui, 
non ad fugam, sed ad spera mortis melioris. Haec 
omnis culpa Bruti 8. PomjDcium Garteiae .9 rece- 
ptum sci'ibis: iam igitur contra hun,c exercitum '°. 
Vtra ergo castra? '' media enim tollit Antonius. 
Illa infirma, haec nefaria. Properemus igitur. Sed 
iuva me Consilio, BruniKsiòn^ an Puteolis? '^ Bru- 
tus quidem subito ^^ : sed sapienter,. Udi/^ n. 
Quando enim illum? 4 sed huniana f'erenda. Tu 
ipse eum videre non potes. Dii illi mortuo '^, qui 
umquam Butbrotum ! Sed acta missa, videamusj 
quae agenda sint. Piationes Etotis '^^ etsi ipsum 
nondimi vidi, tamen et ex literis eiiis, et ex eo, 
quod T-iro cognovit, propemodum cognitas ha- 
beo. Versuram scribis esse faciendam ^7 mensium 
quihqué, id est ad Kal. Novemb., H-S ce: in eam 
diem cadere hummos , qui a Quinto clebentur. 
Yelim igitur ( quoniam Tiro negat tibi piacere , 
me eius rei causa Romani venire ), si te ea res 
nihil offendet, yideas , unde nummi sintj mihi 
feras expeilsum ^^. Hoc video in praesentia opus 
esse. Reliqua diiigentius ex hoc ipso *9 exquiramj 
in bis, de mercedibus dotalium pracdiorum ^o; 
quae si fideliter Ciceroni curabuntur, quamquam 
volo laxius ^', tamen ci propemodum niliil deerit. 
Equidem video mihi (|uoque opus esse viaticum. 



An. <ll 11. 709 LETTERA DCCXXXI. 243 

cova codesto, così viijovósanienlc , come io lo ti scrivo. 
Quella loggia di luoite ond'ha a cadere, reputala dis- 
dicevole t, e come mlnaccialacl da Antonio. Ilo l'ermo 
di spastoiarmi da (juesta ragna, non a Tuga, ma a spe- 
ranza di miglior morte ^. Tutta colj)a di Bruto. Scrivi 
c'he Pompcio è ricettato a Cartcla ^: duiif[ue un oste 
gli è éontro. Ora a qual campo i! Antonio non vuol 
mezzo ^ quel fiacco, questo scellerato. Affrettlamci dun- 
que. Ma consigliami un po': da Brindisi, o da Poz- 
zuoli? Bruto di botto:, ma da saggio. Duolinene alcun 
che; perchè quando il vedrò? ma cose umane voglion pa- 
zienza. Tu stesso uol puoi vedere. Che tristo Dio faccia 
quel morto il quale a Butroto! . . 7 Ma il fatto ò fatto ^ ve- 
diamo che rimanga a farsi. I conti d' Erote, benché lui 
non abbia veduto, pure e dalle sue lettere e da quanto 
Tironc ne riseppe, li conosco a un bel circa. Scrivi 
doversi torre a censo per chique mesi dugentomila se- 
sterzi ^, cioè sino al primo di novembre^ in quel di 
scadere i denari dovuti da Quinto. Vorrei dunque (giac- 
ché Tirone dice che non ti garba eh' io venga a Roma 
per questo) che tu procurassi, ove non te ne venga 
sconcio, di sapere d'onde cavar rjuesto denaro, e me 
lo addebita.ssi. Ciò fa d" uopcj di presente: il resto do- 
manderò più particolarmente da lui stesso, e a un 
tempo delle rendite de' poderi dotali 9: che se verranno 
sborsale a Cicerone fedelmente, non gli potrà mancar 
nulla, bench'io voglia che stia ben agiato. Davvero m'ac- 
corgo aver anch'io bisogno danaro pel viaggio: ma (jucl 



:j4 i EPISTOLA nCCXXXf. A. V. e. 709 

Sed id ex praediis, ut cadet^ ita solvetur^^; milii 
aiitem opus est universo quidem. Etsi mihi vide- 
tur iste, qui umbras timet'-^j ad. caedem spectarej 
tameiij nisi explicata solutione^j^ non sum disccs- 
surus. Sitne autem extricata ^'^j necnc, tecum co- 
gnoscam. Haec putavi mea nianu scribenda ^^: 
itaque feci. De Fadio ^7, ut scribis : utique alii 
nemini. Rescribas velim hodie. 

DCGXXXII. ^Ad Alt., xv, fti) 

y4rgumenlum. De laetitia Q. patris ex fllii literis percepta ; 
bieviterque de aliis, in primis de navigalione sua. 

Scr. in Tusculano A. V. C. DCCIX , X Kal. Quint. 

CICERO ATTICO S. 

Narro tibi : Q. pater exsultat laetitia. Scripsit 
enim fdiuSj se iccirco profugere ad Brutuni vo- 
luisse, quod, quum sibi negotium daret Antonius, 
ut euni dictatorem efflceret', praesidium occupa- 
retj id recusasset: recusasse autem se, ne patris 
animum oflenderet: ex eo sibi illura hostera. « Tum 
n me, inquit^, collegi, verens, ne quid mibi ille 
« iratus tibi noceret. Itaque eum placavi. Et qui- 
« dem ecce certa: reliqua in spe. » Scribit autem 
Statiu/s, illuni cum patre habitare velie. Hoc vero 
mirum: et id gaudet 3. Ecquem tu ilio certioreni 
nebulonem?4 'Kttc/tjv vestram de re Cani delibe- 



An. Ji R. 709 LETTERA DCCXXXI. 2/\ì) 

del pocleii mi si pagherà come scadrà ^ eppure m" è 
duopo averlo tutto a un tratto. Quantunque mi sem- 
bri costui, che aombra de' ragnateli, tirare alla stra- 
ge^ pure, se non a ragioni finite, non partirò. Vedrò 
poi teco se sleno o no sbrogliate. Pensai doverti scriver 
questa di mio pugno, e il feci. Di Fadio, come scrivi^ 
in tutto e per tutto a nessun altro. Rispondimi oggi. 



DCCXXXII. 



(Ad Att. XV, at ) 



Argomento. Della gioia eh* ebbe Quinto padre per le lettere 
del figliuolo; e d'altre cose di corto, e principalmente del 
suo viaggio di mare. 

Scritta nel Tusculano Panno DCCIX, il 22 di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Quinto padre, ti so dire, gongola^ pei'ciocchè scrisse 
il figliuolo medesimo ch'egli avea voluto rifuggire da 
Bruto per questo, che avendogli Antonio imposto di 
farlo dittatore ', e d'occupare la rocca 2, egli ricusò^ 
e che ricusò per non crucciare il padre, di che s'ini- 
micò lui. « Allora (disse) entrai in me, temendo che 
« colui adirato meco non facesse qualche mal giuoco 
« a te 3 : perciò lo ammansai ^ e a buon conto quat- 
w trocentomila sesterzi^ i rimanenti li spero 4. n Scrive 
poi Stazio ch'egli vuol abitare col padre ^^ e ne go- 
de: miracolo! ^ V è al mondo mariuolo piìi di colui? 7 
Dello esser voi aiidaU rattenuti a deliberare circa a 



2^6 EPISTOLA DCCXXXII. A. V. C. 709 

rationis^ probo. Niliil crani suspicalus de tabiiìis^: 
à/.tf^aiMi rcstitiitam arhitralDar. Qiiae dlftbrs^ ut me- 
cuni corani, cxspccLabo. TaJjcllarioSj qiioad volcs 
tenebis: es enim occnpaUis. Qiiod ad Xenoneni 7, 
probe. Quod scribo , qiiinii absolvero ^. Quinto 
scripsisti, le ad eum bteras: ncnio attulerat. Tiro 
lìcgnt iani til>i piacere Brundisium 9^ et quidem 
diccre abquid de niilitibus ^". At ego iani desti- 
narani, Ilydnintem quidem ". Movebant me tuae 
quinque Iioiae ^^. Hic aulera quanlus rlc'j;} »3 
sed vide])imus. Nullas a te XI Kal. ^4 : quippe , 
quid enim iam novi? Quuni priraum igitur pole- 
risj venies. Ego propcro, ne ante Sextus ^^j queni 
advenlare aiunt. 

DGCXXXIll. (A.l Aii.XV, 23) 

Àrgiimc Illuni. Se de itinere eliainnum tlnl)itare sriil>it, et 
de Brilli itinere, si quid Alticus scierit, cognoscere velie. 

Sci-, in Tiiscnlano A. V. C. DCCIX , IX Kal. Qnint. 

CICERO ATTICO S. 

Mirifice torqucor, sine dolore tamen: sed per- 
mulla niibi de nostio itinere in utramque parteni 
occurrunl. Qnousque? inquies. Quoad erit intc*- 
grum ^: ciit aiiteni usc|ue duni ad nàvem. Pansa 
si rescripscrit, et mcam tibi, et illius epistolam 
uiiltam. Silium exsjìcclabam. cui ù-nóuvyju.cf. ^ coni- 



An. «lin. 7*^9 LETTERA DCGXXXII. 2^rj 

Canòi ^, vi lodo. vNoa: m'ci)a venuto sospetto di debiti; 
crédeala restituita « buona, fidan;:a ^. Aspetto quanto 
riserbi per dirmi a bocca. Ritieni i corrieri a tuo agio, 
elle sei occupato. Quanto a Zenone, bene. Il mio scrit- 
to, quando l'avrò compiuto. Scrivesti a Quinto aver- 
gli spedite lettere: niuuo le recò. Tirone dice che Brin- 
disi non ti quadra; e che fai qualche motto di soldati. 
Io avea fermo a Idrunte *°. M' aizzavano quelle tue cin- 
que ore. Di qui poi che lungaggine di navigazione? 
ma vedremo. Il ventuno ninna tua: e in fatti che nuove 
sonvi? Verrai dunque il più presto potrai. Io m'affretto, 
onde Sesto non m' entri innanzi , che dicono arrivare. 



DGGXXIII. cAà'iAVt'. i5^, i¥>-' 

Argomento. Scrive d'essere ancora tra due intórno alsuò viag^' 
gio, e domanda se del viaggio di Bruto sa alcun che Auico. 

Scritta nel Tusculauo Tanno DCCIX, il aS di Giugno. 

CICEROiN'E AD ATTICO S. 

Sono in gran forse; pur senza duolo: ma del mio 
viaggio ho mille pensieri da tutte bande. E fin quan- 
do ? dirai. Sin che la cosa sarà in sodo , cioè sino alla 
nave. Se Pansa risponderò, manderotti e la mia e la 
sua lettera. Io aspettava Silio se avesse novità; a cui 
darò la cronaca che ho fatta '. Ho scritto a Bruto; 



248 EPISTOLA DCCXXXIIIj DCCXXXIV. A. V. C. 709 

positum. Si quid novi ^. Ego literas misi ad Bru- 
tum: cnius de itinere eliam ex te velim, si quid 
scies, cognoscere. 



DCCXXXIV. 



( A,I Alt. XV, i\) 



Argniìtenlum. Significai Brutum profoctum esse, liljruiixjiie 
in causa Silii coinposituni mitlit. 

Srr. Ili Tuscnlano A. V. C. DCCIX , VII Kal. Quiiit. 

'CICERO ATTICO S. 

Tabellarius, quem ad Brutum niiseram ^, ex iti- 
nere rediit VII Kal. Ei Servilia dixit, eo die Bru- 
tum II. IIII profectum *. Sane dolui, meas lite- 
ras redditas non esse. Silius ad me non venerat. 
Causam coraposui: eum libellum tibi misi. Te quo 
die exspectem, velim scire. 



DCCXXXV. 



(Ad Alt. XV, 22) 



Argunientum. Q. filiuni urbe exisse laetatur: Pansam bene 
loqui credit ; an ex animi sententia , dubitai : de Sex. 
Porapeii adventu , quid sential , cxponit. 

Sei-, in Tiisculano A. V. C. DCGIX, VII Kal. Quint. 

CICERO ATTICO S. 

Gratidor nobis ^ Q. filium exiisse ' : molestus 
non erit. Pansam bene loqui credo. Semper enim 



An. «li R. 709 LETTERA DCCXXXIH. DCCXXXLV. 2.^9 

tifi cui viaggio vorrei da te saper qua! cosa, se bai 
nulla a dirmene. 



DCGXXXIV. 



(Ad Att. XV, 14) 



Arenamento. Dice che Bruto è partito, e inandngli il libro coni-' 
posto per la causn di Silio. 

Scrina nel Tusctilano Tanno DCCIX , il 25 di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Il corriere che avea mandato a Bruto tornio di viag- 
gio li ventisei. Servilia dissegli che Bruto parti qiul 
giorno air ora quarta ^ Ducimi in vero che non gli 
arrecò la mia lettera. Silio non era stato da me. Ho 
fatto il commentario ': tei mando. Sappimi dire a che 
dì t'aspetto. 



DCCXXXV. 



(Ad Att. XV, sj) 



Argomento. Piaccgli che Quinto ligliuolo sia uscito di Roma: 
crede che Pausa ben parli, ma, se di cuore, ne dubita: 
spone il suo avviso sull'arrivo di Ses. Pompeo. 

Scritta nel Tusculano Tanno DCCIX, il 27 di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

W allegro assai che Quinto figliuolo sia uscito; non 
darà noia ». Credo che Pausa la discorra hcnc. poiché 



2:)0 EPISTOLA DCCXXXV. A. V. C. 709 

coniuncliim esse cuni HirLio scio. Amicissimum 
Bruto et Cassio puto =*, si cxpediet : sed quando 
illos videbit? 3 inimicum Antonio: quando, aut 
cur? quousque ludemur?4 Ego autem scripsi Sex- 
tum adventarCj non quo ^ iam adesset, sed quia 
certe id ageret, ab armisque nuUus discederet. 
Certe j si pergit, bellum paratura est. Hic autem 
iioster Cytberius ^, nisi victorem, neminem vi- 
cturura. Quid ad haec Pansa? Vtro erit 7^ si 
bellum erit? quod videtur fore. Sed et baec , et 
alia coram : liodie quidem , ut scribis, aut cras. 

DCCXXXVI. (■ A,i Ali. XV, 14) 

j4rgumentum. Attico mittit exemplum epistolae ad Dola- 
bellani scriptae; seque, etsi animo sit suspenso, tainea 
ad libros scribendos rediisse significai. 

Scr. in Tusculano A. V. C. DCCIX , V Ka!. Quint. 

CICERO ATTICO S. 

Sexto Kal. ^ accepi a Dolabella literasj quarum 
exemplum libi misi : in quibus erat , omnia se 
fecisse , quae tu velles. Statini ^ ci rescripsi , et 
multis verbis gratias egi. Sed tamen, ne niirare- 
tur, cur idem iterum facerem,lioc causae sumsi, 
quod ex te ipso coram antea nlbil potuissem co- 
gnoscere. Sed quid multa? literas lioc exemplo 
dedi : 



An. Ji R. 7"9 LETTERA DCCXXXV. a5l 

SO clic sia .sempre alle rosUile ad Irzio. Sarà, mi pen- 
so, intrinseco di Bruto e Cassio, 50 gli metta conto ^ 
ma quando li vedrà? inimico d'Antonio; quando mai, 
e perchè mai? Fino a quando sarem noi lo zimbello? 
Io poi scrissi clie Sestio ne veniva di corto: non per- 
chè già fosse vicino, ma perchè sicuramente il procu- 
rava, e non punto si scostava dall' ai-mi. Affé, se con- 
tinua, la guerra è in pronto: e qui il nostro Citerio * 
afferma ninno aver a vivere fuori il vincitore. In que- 
sto fatto che farà Pausa? Se la guerra si rompe (e già 
la si intravede ), per quale dei due starà? Ma di ciò e 
d'aJlro a bocca: o oggi, come scrivi, o domani. 



DCCXXXVI. 



(Ari Alt. XV, t4) 



Argomento. Inforinaudo Attico rravcre scritto a Dolabella, i^Ii 
manda copia della lellera ; e gli soggiunge clie, quantunciue 
colla niente perplessa, si mette di nuovo al comporre le sne 
opere. 

Scritta nel Tusculano l'anno DCCIX , il 37 ili Giugno. 

CICEROi\E AD ATTICO S. 

IC vfj ricevei una da Dolabella, di cui ti mando co- 
pia , ove dice aver egli fatto tutto che vuoi. Rispo- 
sigli di colpo, e a lungo il ringraziai. Ma pure, onde 
non si desse meraviglia perchè io facessi due volte il 
medesimo, gliene assegnai il motivo del non aver po- 
tuto raccapezzar nulla da te stesso a bocca. Ma a 
che parole? Eccoli la copia della mia. 



25a EPISTOLA DCGXXXVI. A. V. C. 709 

CICERO DOLABELLAE COS. SFO 

Aniea quiim per literas ^ Attici nostri de tua 
sumina liberali tate , summoque erga se beneficio 
certior factus essem; quumque tu ipse etiam ad 
me scripsisses , te fecisse ea, quae nos voluisse- 
miis : egi tibi gratias per literas iis verbis , ut 
ìntelligereSi nihil te mihi gratius facere potuisse. 
Postea {>cro quam ipse Atticus ad me venit in 
Tusculanum huius unius rei causa, tibi ut apud 
me gratias ageref, ut cuius^ eximiam quamdam 
et admirabilem in causa Buthrotia ^^o Imitate m , 
et singularem erga se amorem perspexisset ; te- 
neri non potiti, quin tibi apertius illud idem his 
ìiteris declararem. Ex omnibus enini , mi Dola- 
bella, studiis in me et officiis, quae swnma sunt, 
hoc scito, mihi et amplissimum videri , et gratis- 
simum esse, quod perfeceris , ut Atticus intellige- 
ret, quantum ego te , quantum ^ tu me amares, 
Quod reliquum est, Buthrotiam et causam , et 
civitatem , quamquam a te constituta est (bene- 
ficia auteni nostra tueri solenius), tamen velim, 
receptani in fidcm tuam , a meque etiam atquc 
etiam ^ tibi commendatam, auctoritafe et anxilio 
tuo tectani 7 ^^elis esse. Safis erit in pcrpetuuni 
Buthrotiis praesidii , magnaque cura et solicilii- 
dine Atticum et me libcraris , òi hoc luvioris ^ 



An. di n. 709 LETTERA DCCXXXVI. ^53 

CICERONE AL SUO DOLABELLA CONSOLE 

Già fui d' innanzi y quando per lettera del nostro 
Attico mi fu conta la tua grandissima cortesia ^ e'I 
grandissimo benefizio che tu gli facesti j e quando tu 
medesimo scrii^'estimi che avevi adoperato tutto ciò che 
noi avevamo voluto; ti ho reso grazie con sì fatte pa- 
iole , che ti dessero a vedere non aver tu potuto farmi 
cosa pili cara. Ma allorché poi esso Attico fu da me 
nel Tusculano a questo solo fine appunto di renderli 
grazie presso me, per lo aver in te ravvisato una certa 
esimia e ammirabile benvoglienza nella causa de' Bu- 
troti, ed un peculiar amore inverso lui, non potetti 
fare che io non ti manifestassi pia aperto quel me- 
desimo con questa mia lettera. Perciocché vivi sicur-o ^ 
o mio Dolahella , tm tutte le tue amor'evolezze e i ser- 
vigi a mio riguardo y che son tragrandi y questo aver 
io per rilevatissinio e carissimo , che tu abbi fatto sì 
che Attico conobbe quanto amor'e io ti porto, e quanto 
tu a me. Del rimanente la causa e la città de' Bu- 
tr'oti , comedi' ella sia in buon punto per tuo mezzo 
(e siamo usati di conservar'c i nostri bcncficii) , jnue 
vorr'ci che y avendola tu pr'esa a petto, e raccoman- 
d at alati da me caldamente , la tenessi difesa colla tua 
autorità e coW aiuto tuo. Ben s' avranno i Butroti un, 
presidio valevole, e tu avrai scarico me ed uittico d'una 



2.54 EPISTOLA DCCXXXVIj DCCXXXVII. A. V. C, 709 

juei causa susceperà , ut- eos seinper a te dcfen- 
sos velis. Quod ut Jdcias , te vehementer etiam 
atque etinni rogo. 

His literis scri[)tisj me ad cruvzd-^etqd tlecli: quae 
quideiTij veieor, ne miniata cerula »** tua pluiibus 
locis notandae sint : ita suni ^crewpc;, et niagnis 
cogitationibus impedilus. 

DCCXXXVII, ^A.l Alt. XVI, .6) 

yingttmentiint. E[»islolije suae ad Platicmn scii[)tae exein- 
pluni iiiittit. 

Scr. in Tusciilano A. V. C. UCCÌX , inciisc luiwo ex. 

CICERO ATTICO S. 

lucundissimas tuas legi literas. Ad Plancurn scri- 
psi: habes exemplum. Cum Tirone quid sit locu- 
tus *, cognoscani ex ipso. Cuiu sorore ^ ages al- 
tentius, si te occupatione ista ^ relaxaris. 



DCCXXXVIII. (Ad Alt. XVI, ,0 A; 

Argumcnluin. Cu. Plaiicu causain Bulliiolioiuin dili^jentis- 
biuie couiineudat. 



An. di R. 709 LIÌTTEHA DCCXXXVI, DCCXXXVII. 255 

gran briga, se tu ti prenderai a mio riguardo il pen- 
siero di volerli sempre da te difesi. Al che fare ti fo 
un niilion di preghiere. 

Compiuta questa lettera, ho messo mauo AV opera; 
la quale ho paiu'a che tu la debba segnare colia tua 
ceretta miniata in più luoghi : tanto son io in pendente 
e 'pieno di grattacapi. 



DCCXXXVII. (^A,i Ali. XVI, 16) 

Argomento. Manda copia della sua lettera scriUa a Fianco. 
ScriUa dal Tiisciilano l'anno DCCIX, all'uscire di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

: Lessi la graditissima tua. Scrissi a Planco^ eccotcne 
la copia ^. Saprò da esso Tirone che cosa tu gU hai 
parlato. Se caverai le mani da questa occupazione , po- 
trai adoperarti con meglio attenzione rispetto a tua so- 
rella. 



DCCXXXVIII. 



( AJ Alt. XVI, 16 A; 



Arf^omeiilo. Lettela a Gii. Plaiico, al quale raccoiuauda con 
inolt.i premura la causa de' Bulroli. , ,, 



256 EPISTOLA DGCXXXVIII. A. V. C. 709 

Scr. in TiibCtilaiio A. V. G. DCCIX, mense lunio e\. 

M. CICERO Ci\. ' PLANCO PRA.ET. DES. S. 

Attici nostri te valde studiosurn esse cognovi, 
mei vero ita cupidiiiii , ut nieherciile paucos ae- 
que observautes atque amantes me habere existi- 
mem. Ad paternas eiiim magnas, et veteres, et 
iustas necessitudines maguam attulit accessionem 
tua voluntas erga me, meaque erga te par atque 
mutua. Buthrotia tibi causa ignota non est: egi 
enim saepe [de ea re tecum^j, tibique totam rem 
«lemonstravij qiiae est acta hoc modo. Vt ^ pri- 
mum Buthrotium agrum proscriptura vidimus , 
commotus Atticus libellum composuit. Eum mibi 
Hedit, ut darem Cacsari : eram epim cenaturns 
apud eum ilio die. Euni libellum Gaesari dedi: 
probavit causarne rescripsit Attico, aequa eum 
postulare: adiuonuit tamen , ut pccuuiaui reli- 
quaui Buthrotii ad dicm solverent i Atticus, qui 
civitatcui conservalam cuperet, pccuuiam niiuie- 
ravit de suo. Quod quum esset factum, adivi- 
nuis ^ ad Caesarem, vcrba fecinms prò Buthrotiis, 
iiberalissimum decretum abstulimusj quod est ob- 
-siguatum ab amplissimis viris. Quae quum es- 
sent acta, mirari quidem solebam, pati Caesarem 
convenire cos ^, qui agrum Buthrotium concupis- 
scnl- nc(|ue solum pati, seti etiam ei negolio te 



An. di U. 7"9 LETTERA DCCXXXVIII. 231 

Scritta nel Tuscnlano l'anno DCCIX, all'uscire di Giugno. 

M. CICEROiME A GiNEO PLANGO PRET. DESIGN. S. 

Sonmi accorto che tu se' molto affezionalo al no- 
stro Attico , e di me così tenero , che in vera verità io 
non fo ragione che rerun altro mi porti piìi amore. 
Imperciocché la tua benevolenza verso di me, e la mia 
di contraccamhio verso di te fecero crescere in gran 
doppii la stretta e vecchia e giusta intrinsichezza mia 
con tuo padre. Tu non se' al buio della causa dei Bu- 
troti^ che te n'ho ragionato spesso, ed bollati tutta 
snocciolata: la quale andò così. Sì tosto che vedemmo 
proscritte le terre de' liutroti, Attico, tocco da ciò, 
scrisse un memoriale, e dielio a me, che '1 dessi a Ce- 
sare , col quale il dì medesimo io dovea cenare. Glielo 
diedi: la cosa gli entrò ^ rispose ad Attico ch'egli chie- 
deva il diritto^ ma P avvertì che i Butroti pagassero 
il resto del denaro al dì posto. Attico , per amore che 
fosse salva la città, sborsò del suo. Detto fatto, fummo 
da Cesare, parlammo a favore de' Butroti^ ne buscammo 
un decreto sfoggiato, firmato da persone di primo con- 
to. Per tutto questo successo io mi faceva in vero le 
meraviglie che Cesare soffrisse che facesser convegno 
gP inuzzoliti dei fondi de' Butroti^ e non tanto soffrir- 
lo, ma sì scieglier te per esser sopra a quel negozio. 



CicjsR. X. — Leti. T. IX, 



u5S EPISTOLA DCCXXXVIII. A. V. C. 709 

praeficere. Itaque et ego cum ilio locutus sum^ et 
saepius quulenij ut etiain accusarer ab eOj quod 
parum constantiae suae couficlerem* et M. Mes- 
salaCj et ipsi Attico dixit, ut sine cura essent; 
aperteque ostendebat, se praesentium 7 aniiiios 
(eral eniiii popularis^ ut noras) offendere nolle- 
quum mare transissent ^^ curaturuni se^ ut in alluni 
;:gru!n deduceientur. Haec ilio yÌvo. Post inteii- 
tum autem Cacsaiis, ut primuni ex senatus con- 
sulto causas consules cognoscere instituerunt , 
haecj quae supra scripsi, ad eos delata sunt. Pro- 
baverunt causam sine ulla dubitatione, seque ad 
te literas daturos esse dixerunt. Ego autein^ mi 
Plance j etsi non dubitabam, quin et senatus con- 
sLiltum, et lex, et consulum dacretum 9 ac liteiae 
apud te pluriniuni auctoritatis haberent ^ teque 
ipsius Attici causa velie iutellexeram: tamen hoc 
prò coniunctione et benivolentia nostra mihi sum- 
si, ut id a te pctcreni^ quod tua singularis hu- 
manitas suavissimique mores a te essent impetra- 
luii. Id autem est, ut hoc, quod te tua sponte 
facturum esse certo scio, honoris nostri causa li- 
benter, prolixe ^°, celeriter facias. Mihi nenio est 
amicior, iiec iucundior, nec carior Attico: cuius 
antea res solum familiaris agebatur, eaque magna; 
nunc accessit etiam existimatio, ut, quod conse- 
cutus est magna et industria et gratia, et vivo 
Caesare et mortuo. id, te adiuvante. obtineat. 



An. di R. 7"9 LETTERA. DCCXXXVlil. 23g 

Laonde io gliene ho parlato, e, iu verità, così spesso, 
clic mi liiuprocciù eli"' io poco riposassi sulla sua pa- 
rola:, e disse a M. Messala e ad Attico, nou se ne des- 
ser pensiero^ e mostrava chiaro di non voler adontare i 
presenti (giacché, bea sai, era popolare): quando aves- 
ser varcato il mare, farebbeli traportare in altra cam- 
pagna. Questo a sua vita. Ma dopo morto Cesare, si 
tosto che i consoli per un senatoconsulto vollero aver 
contezza delle cause, fu lor rapportato (pianto qui ad- 
dietro scrissi. Di botto ap^jrovarono, e promisero scri- 
verne a te. Ed io comechè non dubitassi che e il se- 
natoconsulto, e la legge, e 'l decreto dei consoli , e le 
lettere a te dovessero potere un gran fatto presso di 
te, e avendo altresì Intoo che hi il volevi [Cr rispetto 
di esso .\ttico^ tuttavia per la nostra amicizia e bene- 
volenza sono entrato a chiederti quello che già da te 
otterranno la tua somma cortesia e i tuoi dolcissimi 
costumi. La cosa è che tu faccia per onor mio di buona 
voglia largamente e prestamente quello che già io so 
dover tu fare di per te. Io non mi ho al mondo per- 
sona più amica, piìi graziosa, più cara di Attico: del 
quale trattavasi prima una bisogna domestica e di gran 
rilievo^ ma ora s'arroge la riputazione, sicché egli ot- 
tenga col tuo aiuto ciò ch'egli s"è procacciato a gran 
studio e per la sua graziosita, e a vita di Cesare, e lui 



26o EPISTOLA DCCXXXVIII. A. V. C. 709 

QuoJ si a te erit impetratum ^ sic velim existi- 
ines, me de tua liberalitate ita interpreta turum, 
ut tuo siiiiirno beneficio me affectnm iudicera. 
Ego, quae te velie, quaeque ad te pertinere ar- 
bitrabor, studiose diligenteique curabo. Da ope- 
ram, ut valeas. 

DCGXXXIX. rAd Att. XV!, ifj 

Argianenturn. Capitonem rogat, ut sibi et Attico iii causa 
Buthrotiorutn operam praestet, 

Scr. in Tusculano A. V. C. DCCIX , mense lun. ex. 

CICERO CAPITOiM ^ SVO S. 

Numquam putavi fore, ut supplex ad te ve- 
nirem: sed hercule facile patior datimi terapus, 
in quo amorem experirer tuum. Atticum quanti 
faciam, scis. Amabo te, da niibi et hoc: oblivi- 
scere mea causa, illuni aliquando suo familiari, 
adversario tuo, voluisse consultum, quum illius 
existimatio ageretur. Hoc primum ignoscere est 
huraanitatis tuaej suos enim quisque debet tueri: 
deinde, si me amas ( omitte Atticum), Ciceroni 
tuo, quem quanti facias, prae te soles ferre, to- 
tum hoc da, ut, quod semper existimavi, nunc 
piane intelligam, me a te multum amari. Buthro- 
tios quum Caesar decreto suo, quod ego obsi- 
gnavi cum multis amplissimis viris, libera visset. 



An. Ji R. 7°9 LETTERA DCCXXXVIII. 26 1 

morto. Il che se ci verrà fatto d'impetrare da te, abbi 
per fermo cb' io farò ragione della tua liberalità per 
modo , eli' lo mi terrò verso te obbligato per un be- 
neficio tragrande. Io starò ben bene sull'avviso onde 
saper che cosa tu vogli , e ciò che mi sembrei'à ap- 
partenerti. Attendi a star sano. 



DCCXXXIX. (-Ad Ali. XVI, 16 c) 

jérgomeiito. Domanda a Cnpilone la mediazione di lui per sé 
ed Auico uella causa de' Butroti. 



Srrilla nel Tusculano Tanno DCCIX, all'uscire di Giugno, 

CICERONE AL SUO CAPITONE ^ S. 

Non ho mai immaginalo eh" io ti dovessi venir in- 
nanzi supplichevole: ma in vero non mi sa male che 
mi si dia l'acconcio di provare il tuo amore. Sai, conto 
eh' io fo d'Attico. Fainmi, per Dio, anche questo bene: 
sdiménticati a mio riguardo eh' egh una volta volle far 
prò ad un amico suo, tuo nemico, in opera della colui 
riputazione. Perdonar questo in prima è della tua cor- 
tesia* poiché ognuno debbe difendere i suoi: la secon- 
da, se me ami (lascia ire Attico), concedi cotesto al 
tuo Cicerone, di cui ti vanti estimatore, ond' io sia 
chiarito adesso dello amarmi tu molto, com' io sem- 
pre credei. Avendo Cesare sciolti i Butroti con suo de- 
creto , eh' io feci firmare a molti gran personaggi , ed 



202 rPISTOLA DCCXXXIX. A. V. C. 709 

osten(lis,selr|iio nobis^ se^ qiium ngrarii runre trans- 
issonlj literas inissurum, quem in agnini derìn- 
rprpnlur^ accidit, nt subito ille interiret. Deinde , 
quemadmodiim lu scis ( interfuisli cninì , qiinm 
consides oporlorot c\ senaUis consulto de artis 
Caesaris cognosccre)^ rrs al) iis in Kalend. Imi. 
dilata est. Accessit ad senatiis consultum lex^ qiine 
lata est a. d. IIII Non. lun.: qiiae lex, earum re- i 
rum, quas ('aesar statuissot^ decrevisset, egisset , 
consulibus cognitionem dedit. Causa Bnthrotiorum 
delata est ad consules. Decretum Caesaris recita- 
tum estj et multi praeterea libelli Caesaris pro- 
lati. Consules de consilii sententia decreverunt se- 
cundum Butbrotiosj Plancuni dederunt ^. Nunc, 
mi Capito (scio enim, (juantum semper apud eos^ 
quibuscum sis, posse soleas, eo plus apud homi- 
nera facillimum atque humanissimum Plancum ) . 
eniterCj elabora, vel potius eblandire, eftice, ut 
Plancus, que'.n speio optimum esse, sit etiam me- 
lior opera tua. Omnino res huiusmodi videtur es- 
se ^, nt sine cuiusquam gralia Plancus ipse, prò 
ingenio et prudentia sua, non sit dubitaturus , 
quin decretum consulum, quorum et lege et s'e- 
natus consultò cognitio et iudicium fuit. conser- 
Tet" praesertim quum, hoc genere cognitionum 
labefactato 4^ acta Caesaris in dubium ventura vi- 
deantur: quae non modo ii, quorum interest, sed 
etiam ii, qui illa non probant, otii causa cenfir- 



An.<liR. 709 LETTERA DCCXXXIX. 263 

avendoci dato a divedere ch'egli, quando i soldati cara- 
paiuoli avesser valico il mare, avrebbe scritto in quali 
altre terre trasferirli, addivenne ch'egli mori improv- 
viso. Poi, come ben tu sai (dacché fosti al fatto quando 
dovettero i consoli per scnatoconsulto prender contezza 
dell'operato da Cesare), la cosa fu allungata da loro 
sino al primo di giugno. Al senatoconsulto tenne die- 
tro la legge data il due giugno^ la quale ordina che 
i consoli risappiano tutto ciò che Cesare avea ordinato, 
decretato e messo in fatto. La faccenda de' Butroti fu 
rapportata ai consoli. Si recitò il decreto di Cesare, e 
misersl fuori molti altri libretti di Cesare. I consoli , 
fatto il partito, diedcr sentenza a favore de' Butroti ^ 
scrisserne a Fianco. Or dunque, mio Capitone ( che so 
bene quanto tu valga sempre presso coloro coi quali 
stai , e tanto piìi presso quella bonissima pasta di 
Planco), mettiti coi piedi e colle mani, ed anzi fa 
ogni carezza a Planco, acciocché da ottimo ch'egli è 
a mio avviso , tu lo renda migliore. Al postutto la cosa 
è sì fatta, che senz'altro sollucheramento Planco stes- 
so, secondo suo ingegno e senno, vedrà non doversi 
lasciar cader per terra il decreto de' consoli, a' quali 
per la legge e pel senatoconsulto toccò la cognizione 
e '1 giudizio^ massime che, se venisse al niente questa 
sorta di cognizione, le opere tutte di Cesare stareb- 
bero in puntelli ^ le qnali non solo coloro ai quali 
stringono, ma quelli altresì che non le approvano, vo- 



264 EPISTOLA DCCXXXIX. DCGXL. A. V. C. 709 

mari ^ veliiit. Quod quum ita sit, laineu interest 
nostra, Plancum hoc animo libenti prolixoquc fa- 
cere. Quod certe faciet, si tu nervulos tuos, raihi 
saepe cognitos, suavitatemque, qua nemo tibi par 
est; adhibueris ^. Quod ut facias, te vehementer 
rogo. 

DCCXL. (A,l Ali. XM, i(. D) 

Àri^uìiìcnluìn. (liipiemiio caiibum eivitatis Bdthrotioium 
eommcmiat. 

Srr. in Tinculano A. V. C. DCCIX, meiisf Iiinio r-\. 

CICERO C. CVPiENNIO S. 

Patrem tuum plurimi feci • nieque ille mirifice 
et coluitj et amavit: nec mehercule umquam mihi 
dubium fuitj quin a te diligerer. Ego quidem id 
facere non destiti. Quamobrem pelo a te in ma- 
iorem modum^ ut civitatem Buthrotiam sublevcs, 
decretumque consulum, quod ii secundum Buthro- 
tios feceruntj quum et lege, et senatus consulto 
statuendi potestatem haberent, des operam, ut 
Plancus noster quam primuni confirmet et com- 
probet. Hoc te vehementer, mi Cupienni, etiam 
atque etiam rogo. 



DCCXLI. 



(Ad Alt. XV, 2F. ) 



^ri^uiiutìlum. Varias de itinere suo sentenfin»; es-^p. et se- 
ipsiiiu etiamninn dubitare significai. 



An. di R. 709 LETTERA DCCXXXIX, DCCXL. sGS 

gliono stieno in sodo per amor dì pare. Il che così stan- 
do, pur ci è d''nopo che Planco vi s'adopri della buona 
voglia ed a larga mano: e farallo certamente, se tu 
v' aguzzerai i tuoi ferruzzi . eli" lo spesso conobbi , e 
quella finezza in che niuno t'agguaglia. Al che fare ti 
fo un mllloii di preghiere. 

DCCXL. (Ad Alt. XVI, .6 Dì 

argomento. Raccomanda a Cupicnnio la causa (lolla nttadiiianjia 
de' Buti'oti. 

Scritta noi Tusculano 1"' anno DCCIX , all' usi ire di Giugno. 

CICERONE A C. CUPIENNIO ' S. 

Io ho sempre tenuto molto a capitale tuo padre, ed 
egli altresì m'ebbe sempre la Istlma ed amore: e in 
buona fede non ho avuto mal dubbio al mondo che 
tu mi volessi bene , siccome io non venni mai meno 
di volerlo a te. Stante questo, lo ti fo gran ressa che 
tu consoli la città del Bulrotl, ed adoperi a far sì che 
Planco rimetta In sodo ed appro\i 11 decreto de' con- 
soli, che e' fecero a prò de* Butroti, avendo avuta fa- 
coltà di statuire per una legge e per un senatocousnlto. 
Di ciò. o mio Cupiennio, ti prego il piti strettamente e 
taldamentc eh' io sappia. 



DCCXLI. 



f Ad Ali. XV, a."; ) 



Jre^omentn. Scrive che diversi sono i pareri inforno al siit» 
viaggio; e ch"«glj non ha ancora dcliherato. 



nQG EPISTOLA DCCXLI. A. V. C. 709 

Scr. in Tiisnilano A. V. C. DCCIX , V Kal. Quitit. 

CICERO ATTICO S. 

De meo itinere variae senteiiLiae. Multi enim 
ad me ^ Sed tu incumbey quaeso, in eam curam. 
Magna res est. An probas^ si ad Kal. lan. cogita- 
nius? ^ Meus animus est aequus, sic tamen, ut ni- 
hil offensionis sit ': et tu etiam scite: « quo die 
olim piacluui 4^ » mysteria scilicct. Vt ut sit res ^; 
casus consilium nostri itineris iudicabit. Dubite- 
mus igitur ^. Est enim hiberna ? naviga tio odio- 
sa 5 coque ex te quaesieram mysteriorum diem ^. 
Brutum, ut scribis ^ visum iri a me puto. Ego 
hiiic volo prid. Kal. 



DCCXLIL 



(Ad Alt. XA', i6> 



Argumentum. De variis negotiis domesticis, et de literis a 
Bruto acceplis. 

Sci-, in Aipinati A. V. C. DCCIX, VI Non. Quint. 

CICERO ATTICO S. 

De Quinti negotio * video a te omnia facta. lUe 
tamen dolet^ dubitans^ utrum morem gerat Le- 
ptae, an fidem infirmet filio ^. Inaudivi L. Piso- 
nem velie exire legatura ^ ^zvdzy/cdip'j) senatus con- 
sulto. Velini scire^ quid sit. Tabellarius ille, quem 



An. di R. 7^9 LETTERA DCCXLI. 26y 

Scritta nel Tusrnlano Tanno DCCIX . il o- di Giugno. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Del mio viaggio uti subisso di pareri: tanti me ne 
scrivono. Ma tu, per Dio. mettiviti colParco flelTosso^ 
che la cosa è un gran fatto. Parti bene, se io facessi 
ragione pel primo di gennaio? Il mio animo è tran- 
quillo, sì veramente che nulla il rimescoli '; e tu al- 
tresì fai senno a dirmi il di che si fece l'espiazione, 
cioè i misteri'. Checché sia, ventura darà consiglio: 
stiam dunque ancora in bilico, perchè il navigar d'in- 
verno è rangoloso: e per questo t' avea domandato il 
dì dei misteri •^. Come scrivi, ben vedrò Bruto, mi pen- 
so. lo di qui mi spicco 1* ultimo del mese. 



DCCXLII. 



(Ad Alt. XV, ii^) 



argomento, tuiorno a varie faccende domestiche, e della let- 
tera che Bruto gli ha scritto. 



Snilln dall' Arpiniti' 1" anno DCCFX , il 2 di Luglio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Veggo che tu hai fatta ogni cosa dell" affare di Quin- 
to: pure egli sta in travaglio, perchè dubita se debba 
andar a" versi a Lcpta . o dare ima mentita al iìgliuolo. 
Lbbi sentore «he Lucio Pisone vuol uscire legato per 
un senatoconsidto Jlilsato '. Vorrei vederne il chiaro. 



263 EPISTOLA DCCXLIf. A. V. C. 709 

tibi (llxcram a me ad Brutuni esse missum in 
Anagninum. ad me venil ea iiocLej qiine pro- 
xima ante Kal. fuit, literasque ad me altulit- in 
quibiis unum alienum summa sua prudentia [ id- 
est illud4]j ut speclem ludos suos. Resciipsi sci- 
licetj primum me iam profectum^ ut non integrum 
sit ^: dcin, arcTT'órarov esse^ me^ qui Romam om~ 
nino post haec arma non accesserim, neque id 
tam periculi mei causa fecerim, quam dlgnitatis, 
subito ad ludos venire. Tali enim tempore ludos 
Tacere illi honeslum cst^ cui necesse est: spectare^ 
mihi ut non est necesse, sic ne honestum quidem 
est ^. Equidpm illos celebrari, et esse quam gra- 
tissimos, mirabiliter cupioj idque ita futurum esse 
confido: et tecum ago, ut iam ab ipsa commissio- 
ne 7 ad me, quemadmodum accipianlurj deinde 
omnino reliquornm dies singulos persequare. Sed 
de ludis hactenus. Reliqua pars epistolae ^ est illa 
quidem in utramque partemS: sed tamen nonnul- 
los interdum iacit igniculos Airiles ^° : quod quale 
tibi viderettir, ut posses interpretari *^, misi ad 
te exemplum epistolae. Quamquam mihi tabella- 
rius noster dixerat, tibi quoque se attulisse lite- 
ras a Bruto, easque ad te ^^ e Tusculano esse 
delatas. Ego itinera sic composueram, ut Nonis 
Quint. Puteolis essem ^^. Valde enim festino j ita 
tamen , ut , quantum homo possit , quam cau- 
tissime navigem. M. Aelium cura libera: is me 



An.diR.709 LETTERA DCCXLII. 369 

Quel corriere eh' io t' avevo detto aver io niaritUito da 
Bruto ia Aaagni, mi venne !a notte innanzi alle ca- 
lende, e l'ecommi lettera, ove questo solo trovai di 
disdiccvole alla sua prudenza , eh' io stia a vedere i 
suoi giuochi. La prima cosa, risposi eh' io era partito^ 
quindi la cosa è spacciata: poi ch'ella sarebbe mar- 
chiana che io, il quale non mi sono accostato mai a 
Roma dopo queste zuffe ( e ciò non tanto per iscan- 
sare il risico della mia vita, quanto per mio decoro) , 
or me ne scappassi li a veder giuochi. Che di questi 
tempi s'avviene far giuochi a cui bisogna farli ^ ve- 
derli, a me che non m' è bisogno, sarebbe sconcio. In 
vero desidero che si facciano, e riescan trabelli, e n'ho 
speranza che così sarà: e t' impongo farmi sapere, dal 
primo lor cominciarsi, come riescano accetti , e d' indi 
innrmzi dì per di appuntino. Ma de' giuochi basta. Il 
resto della lettera si tien tia due: pure tratto tratto 
ne sprizzano faville niasrhie: ed acciocché tu ne cavi 
alcun costrutto, te ne mando copia, quantunque il no- 
slvo corriere m' abbia detto che recò anco a te lettera 
da Bruto, e che la ti era stata trasmessa dal Tuscu- 
lano. Io facea miei conti sul viaggio da essere a Poz- 
zuolo ai sette. Perchè ho i razzi alla coda; ma tutta- 
via co' calzari di piombo. Cava quella spina dall' animo 



2~0 KPlsrOLA DCCXm. A. V. G. 709 

paucos specus *4 in extremo fundo^ eL eos qui- 
dem subterraneosj servitutis putat allquid liabitu- 
ros: id me iani iiolle, iieque milii quicqiiam esse 
tanti j sed, ut mihi dicebas, quani lenissime, po- 
tius ut cura libeietur, quaui ut me succcnsere ali- 
quid suspicetur. Ilem de ilio Tulliano capite '^ li- 
bere cum Gascelio loquare. Parva res est* sed tu 
bene attendisti: niniis callide agebatur. Ego au- 
tem, si mihi iraposuisset aliquid, quod paene fe- 
citj nisi tua malitia affuisset ^^^ juiiuio inicjuo tu- 
lissem. Itaque, ut ut erit '7^ rem impediri malo. 
Octavam partem tolli luminariuni in aedibus ad 
Streniae »^ memineris. Quod Caerellia^ videris man- 
cipio dari '9 ad cam summam, quae sub praecone 
fuit maxima : id opinor esse eco lxxx. Novi si 
quid erit, aLque etiam si quid prospicies, quod 
futurum putes, scribas ad me quam saepissime 
velini. Varroni, quemadmoduiii libi mandavi, nic- 
uiineris excusaie tarditatem literarum mearum. 
Mundus istum ^''. M. Ennius quid egerit de te- 
stamento (curiosus enim^^), facias me velini cei- 
tiorem. Ex Arpinali, VI Non. 



DGCXLllI. (Ad Alt. XV, 23, 

jé rgumentum. Scnbit sg Noms in ['uleolaiium Tenue, ibi- 
que Allici liteias txspectaje. 



An. di R. 709 LETTERA DCCXLII. 2^ I 

d'i M. Ello^ egli teme ch'io in fondo al mio podere 
voglia scavare delle doccie sotterra, che darebbero a 
lui qualche servitici ^. Or digli eh' io me ne sono stòlto 
(ma diglielo, sai, con molto garbo), e che non me 
n'importa gran fatto ^ stia pur di buon animo, anzi che 
mi creda volerm' io crucciar seco. Così parla pure alla 
libera con Cascelio di quel mio capitale Tulliano : è una 
bazzecola^ ma ben v'avesti l'occhio e vi vedesti della 
bindoleria^ ed io, se me n' avesse appiccai' una, che 
per poco il fece , se non fosse stata la tua accortez- 
za •^, me ne sarei ben adontato. Dunque, sia che vuole, 
tronehiam la cosa. Abbi a mente di levar via l'ottava 
parte delle fenestre nella casa presso lo Strenia 4. Quel 
che Cerellia, procura che si venda al prezzo che nel- 
l'asta fu il massimo^ cioè, mi pare, trecento ottanta 
mila sesterzi. Se niente c'è di nuovo j e se qualcosa 
indovini dover succedere, me lo scrivi di frequentissi- 
mo. Ricordati, come t'ho raccomandato, di far mie 
scuse con Varrone della mia tardanza a scrivergli. Co- 
testo Mondo ^. Dammi contezza di quanto fece M. En- 
nio circa al testamento, dacché sei pur curioso. Dal- 
l' .irpinate , ai due. 



DCCXLIÌI. 



A.l Alt. XV, s8) 



Argomento. Scrive che a' j sarà alla villa di Pozziiolo. che 
ivi allLuJc lettere da Auico. 



272 EPISTOLA DCCXLIU. A. Y. C. 709 

Srr. in Arginati A. V. C. DCCIX, VI "Soli. Qrimt. 

CICEIÌO ATTICO S. 

Ego, ul ad te pridie scripseram, Nonis coii- 
stituerani venire in Puteolanutn '. Ibi igitur quo- 
tidie tuas lileras exspectabo, et maxime de ludii»; 
de quibiis etiaui ad Briitum tibi scribenduni est. 
Cuius epistolae, qnam interpretari ipse vix potc- 
ram, exemplum pridie tibi niisLMani Atticae nieae 
velim me ita excuses, ut omncni culpani in te 
transferas ^; et ei tamen confirmes, me minime to- 
tum amorem eo mecnm abstulisse ■''. 



DCCXLIV. (Ad Ad. XV, a;) 

Jrgunìentuni. Re'^poiiilet ad ea qiiae .\tticiis pioxime scii- 
p<;erat. 

Scr. Ili Arpinali A. V. C. DCCl.X, V Non. Quii.t. 

ClCKl'vO ATTICO S. 

sponte pridie feceram. Nam quum ad te VI Non. 
darem, eidem tabellario dedi etiam ad Sextiiim ', 
.scriptas r.dvu (pù.oiróoyu:. lìle autem, quod Puteo- 
los prosequitur ', Immane* quod queritur, iniuste. 
Non enim ego tam illum exspecture. quum de Co- 



An. diR. :o9 LETTERA DCCXLTII. 2^3 

Scrina dairArpinalc 1" nnno DCCIX, il i di T.uglio. 

CICEROiNE AD ATTICO S, 

Avca fatto disegno, secondo ti sci-issi ieri, d' essei'e 
il sette a Pozzuolo K Quivi aspetterò dunfjue tue let- 
tere oj^ni di, spezialmente sui giuochi, de' quali tu devi 
anco scrivere a Bruto , la cui lettera copiata ti mandai 
ieri, non saputala io raccapezzare. Scusami con Attica 
mia 2, e prendili in dosso tutta la mia colpa , e pro- 
mettile cir io woii mi ho recato via di là ogni amore. 



DCGXLIV. 



( Ad Alt. XV, 57 ) 



argomento. Risponde a ciò che poco avanti Attico gli avea 
scritto. 

Scrina dall' Arpiuatc l'anno DCCIX, il 3 di Lui^lio. 

CICEROiNE AD ATTICO S. 

Mi è caro che tu mi coulorti a quello che già di per 
me ho fatto ieri^ che in quella eh" io dava lettere 
per te, diedi allo stesso corriere per Sestio altresì, e 
tali ch'eran zucchero di tre cotte. Che poi e' m"' accom- 
pagni a Pozzuolo, è una finezza^ che si lamenti , è un 
lorto. Perchè io non dovea tanto aspettar lui ili ri- 

r.T/:/?. A". — Lea. r. IX. i8 



jy4 EPISTOLA DCCXLIV. A. V. C. 709 

sano rediretj debui, quam ille aut non ire ante 
fjuam me vidissetj aut citius reveiti. Sciebat enim 
me celeriter velie proficisci, ses^que ad me in Tu- 
sculannm scripserat esse venturum. Te. ut a me 
discesseris, lacrymassCj moleste ferebam. Quod si 
me praesente fecisses, consilium totius itiiieris for- 
tasse mutassem. Sed illud praeclare^ quod te con- 
solata est spes brevi tempore congrediendi: quae 
quidem exspectatio me maxime sustentat. Meae 
libi literae non deerunt. De Bruto , scribam ad 
te omnia. Librum libi celeriter mittam De Glo^ 
ria 3. Excudam aliquid 'llpay.lsiùic'j 4^ quod lateat 
in thesauris tuis. De PlancOj memini ^. Attica iure 
queritur. Quod me de Bacchide ^^ de statuaruni 
coronis certiorem fecisti, valde gratum: nec quic- 
quam postbac^ non modo tantum ^ sed ne tantu- 
lum quidem praeterieris. Et de Herode 7 et Mettio 
meminerOj et de omnibus, quae te velie suspi- 
cor. Modo turpeni sororis tuae filium! ^ quum 
liaec scriberem. Adventabat autem ^cS/cj-jn. 9 ce- 
nantibus nobis. 



DCCXLV. 

de variis 
subito Pluiici Hulhiulii leclitu. 



(,Ad Ali. W , 2') j 
^rgumetilutn. Breviter de variis rebus domestici^, et d« 



An. diR. jog LETTERA DCGXLIV. 2']5 

torno dal Cosano ', quanto egli non andarsene prima 
di vedermi, o tornarsene cortissimo^ che sapeva eh' io 
volea andarmene di buon trotto, e ni' avea scritto sa- 
rebbe venuto egli da me nel Tusculauo. Duolsemi all'a- 
nimo che tu abbi pianto appena spiccatoti da me^ che 
se me lo avesti fatto sul viso , avrei forse cangiato il di- 
segno del viaggio. Ma affò questo ci fu di buono, che ti 
coasolò la speranza di rivederci fra poco ^^ la quale spe- 
ranza mi tlen tuttavia in piedi. Mie lettere non ti ver- 
ran meno : tutto ti scriverò di Bruto ^ ti manderò ia 
fretta il libro della Gloria ^-^ comporrò un nonnulla 
alla Eraclidiana , da star chiusa ne' tuoi scaffali 4. Ho 
memoria di Plauco. Attica si lamenta a dritto. Gram- 
mercè dell' avermi avvisato di Dacchide ^, e delle co- 
rone statuarie ^: e quindi innanzi non lasciar fuoi*i , 
non dirò poco , ma né un pocolino di nulla. Avrò 
a mente e di Erode, e di Mezzio, e di tutti su quali 
indovinerò la tua voglia. Or v' è quel diavol del figlio 
di tua sorella, mentre sto scrivendoti. E già imbruni- 
sce ^ e siamo a cena. 



DGGXLV. 



(Ad Ati. XV, ao) 



Argomento. Di varie faccende domestiche di fretta , e dell" iin- 
provviso ritorno di Fianco Butrozio. 



'^"jG EPISTOLA DCCXLV. A. V. C. 709 

Srr. in Foiiiiiaiio A. V. C. UCCIX , a. J, IH N.iii. Qniiif. 

CICEIIO ATTICO S. 

Bruii ad Le cplslolam iiilsi. Dil boni! (jiiJiiiLa 
dyyr/yy'yl cognosceSj quuni legcris. De celebralioiu! 
ludoruin Bruti ^^ lil^i assenlior. Ad M. Aclltim iiid- 
lus Ui qiiideiu domuiiij scd sicuhi incidcrit. Do 
Tulliano seuiisse ^ M. Axianum adhibcbis, ut seri- 
bis. Quod cuni Cosiano ^ egisli^ opliiiie. Quod non 
soluni nica, voruiii cliaui tua expedis, gratmji. Le- 
ga tioncni 4 piobari meani, gaudeo. Quod proniiL- 
tisj Dii faxiiit ^. Quid eiinii inilii iiiels iucuudius ? 
sed istaiiij quam tu exeipis ^, metuo. Bmtum quuni 
con venero j perseribam omnia. De Planeo et De- 
cimo 7j sane Aelim. Sextum seutum abiicere no- 
lebam ^. De Mundo^ si quid scies. Bescripsi ad 
omnia 9. Nunc nostra accipe. Quintus filius us- 
que Puteolos ^" ( mirus civis , ut tu Favonium, 
Asinium dicas!)^ et quidem duas ob causas, et ut 
niecum ", et ^-ih-j.-i^-jx vult eum Bruto et Cas- 
sio. Sed tu quid ais? scio enim te famiìiarem esso 
Olhonura. Ait bic sibi ìuliam forre ^^: consLitu- 
tiuii enim esse discidium. Quaesivit ex me j)ater, 
qualis ossei fama. Dixi, iiibil sane me andisse (no- 
soiebam enim^ cur quaciorol), nisi de oro, et j)a- 
Ire ^^ Sed quorsus? inquam. Al ilio, iilium vol- 
le ^4. Tum egOj olsi ì;^Qii^~-jìj:f;'j ^ taracn negavi 



An. di R. 7oy LETTERA DCCXLV. 2"]'] 

Scritta noi Fonuiuno l'anno DCCIX , il 5 di Liii^'io. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Ti mautlo la lettera di Rruto. Poffar Dio! quanta 
balordaggine.' Lei^gila, e vetli-ai. Circa ai giuochi di 
Bruto, io SOM dalla tua ^ Non ir punto a casa 31. Elio:, 
ma quando tu darai di cozzo in lui. Ucl sci per cento 
sul capitale Tulliano ^ nietli in opera, come scrivi, ?»I. 
Assiano. Quanto facesti con Coslano, va a meraviglia. 
M' è caro che tu sbrighi i falli miei, non meno che 
i tuoi; e godo anche del piacerti la mia legazione. La 
tua impromessa voglianla gli Dei! Che ho io nulla piii 
caro de' miei al mondo? ma ho paura per conto di 
questa che tu cavi dal mazzo ^. Abboccatomi eh' io 
5Ìa con Bruto, d'ogni cosa ti scriverò. Di Planco e 
Decimo, magari 14 Mi sa male che Sestio cacci via lo 
scudo ^. Di ]Mundo, se niente saprai. Ti risposi su tutto ^ 
ora abbiti del mio. Quinto iìgliuolo sino a Pozzuolo 
(un fior di citladlno, che tu chiesti un Favonio, un 
Asinio^)^ e per due motivi: per star meco insieme, e 
perchè vuole st/ingersi con Bruto e Cassio 7. E tu che 
dici? perchè io ti so amicissimo degli Ottoni ^. Costui 
dice che Giulia gli si profferisce -9, dacché il divorzio 
si è fermo. Suo padre mi chiese qual riputazione aves- 
se. Risposi eh' io non ne avea sentito nulla ( né sapea 
a che men chiedesse) fuor che del suo aspetto, e del 
padre. Ma perchè cotesto? dissi: ed egli, volerla il 
figliuolo. Allora io, benché lo avessi a schifo, tutta- 



278 EPISTOLA. DCCXLY. A. V. C. 709 

pillare me illa esse vera: rjyxv.ò; (hoc est enim ) 
lìiiic nostro iiiliil praebere ^^. Illa aiitem cv -y.^y. 
rov-c '6. Ego tamen suspicor, 1)iiiìCj ut solet, alln- 
cinari. Seti velim quaeras (facile autem potes), 
et ine certiorem. Obsecro te, quid est hoc? Si- 
gnata ^7 iam epistola, Forniianij qui apiid me ce- 
nabant, Plancnm se aiebant, hunc Buthrotium , 
pridle, quam hoc scribebam , id est IJI Nonas, 
vidisse demissum, sine phaleris '^j servnlos aiitom 
dicere, eiim et agripetas eiectos a Buthrotiis 'p- 
Macte! Scd, amabo te, perscribe mihi totnm ne- 
gotium. 

DCCXLVI. (Ad D.v. XI, ^9) 

Jrgwnentuni. Profecturus in Giaeciam res suas Oppio 
conimendat. 

Srr. A. V. C. DCCIX, initio raensis Q.iint, 

CICERO OPPIO ' S. 

Dubitanti mihi, quod scit Atticus noster, de 
hoc toto Consilio profectionis ^, quod in utram- 
que partem in mentem multa \'eniebant, magnum 
pondiis accessit ad toUendain dubitationem, iudi- 
cium et consilium tuum. Nam et scripsisti aper- 
te, quid tibi videretur 3, et Atticus ad me sermo- 
nem tuum pertuht. Semper indicavi , in te et in 
eapiendo consiho prudentiam summam esse , et 



An. di 11.709 LETTERA. DCGXLV. 279 

via dissi di non creder che quelle cose fosser vere ^°: 
la miraj in fatti, è di non sborsare un piccolo a que- 
sto uosti'o ^'. Ma ella di tanto non adombra '^^ pure 
io sto a vedere che al solito gli gettin la polvere negli 
occhi '3^ ma tu vienne in chiaro (che t^è facile), e dam- 
mene conto. Or di': che sarà cotesto? Suggellata già la 
lettera, certi Formiani, che ceuaron da me, affermano 
d'aver veduto Fianco, quel di Butroto ^4^ il dì innanzi 
eh*' io ti scrivessi , cioè ai quattro , male in arnese ^^, 
senza guernimenti^ e clie i servigiali dicevano che i 
Butroti aveano sfrattato lui ed i buscatori dell' altrui 
terreno. Benone! ma deh! scrivimi per fdo e per se- 
guo la faccenda. 



DCCXLVI. (A Div. XI, 29) 

argomento. Raccomanda i suoi affari ad Oppio partendo per 
la Grecia. 



Scritta l'anno DCCIX, ali" entrare di Luglio. 

CICEROiNE AD OPPIO ^ S. ' 

Standomi io in pendente ( il che sa bene Attico no- 
stro) sul disegno della mia andata, perchè d'ambe le 
parli mi venivano molti pensieri, venne a dar il tra- 
collo alla bilancia il tuo avviso e consliilio; avendomi 
tu scritto chiaro il tuo parere, ed Attico rifertomi per 
lo appuuto il tuo discorso. Credei sempre che tu sii 
nel pigliar partito assennatlssimo , e nel consigliarlo al- 



aSo EPISTOLA DCCXLVI. A. V. C. 7.3 

in dando lldeni- niaxhneqiie siim cxperUus^ quuni 
injllo clvilis belli per liLcras le consuliiissenij quid 
mihi facienduni esse censeres, cundunine ad Pom- 
peium, an inanenduni in Jlalia. Suasisli, ut con- 
snlereni dignilaLì meae. Ex quo, (|uid senlires 4, 
intellexi: et sum adiniiatus fideni tuam^ et in Con- 
silio dando religionem; quod^ quuni aliud niallc 
aniicissimum tuuni ^ putares, antiquius libi oFfi- 
cium meum, quam illius voluntas fuit ^. Kquidem 
et ante hoc tempus te dilexij et semper me a le 
diligi sensi. Et quum abessem^ atque in niagnis 
periculis esscm 7- et me absentem, et nieos prae- 
sentes a te cultos et defensos esse, menùni. Et 
post nieum rcditum 8, quam familiari ter mecuni 
vixeris, «juaeque ego de te et senserim et prae- 
dicarim^ omnes, qui solent haec animadvertere^ 
testes habemus. Gravissimum vero iudicium de 
mea fide et constantia feclsti 'J^ quum post mortcm 
Caesaris totum *** te ad amiciliam mcam contuli- 
sti. Quod tuum iudicium nisi mea summa beni- 
Tolentia erga te, omnibusque meritis comproba- 
ro, ipse me hominem non putabo. Tu, mi Oppi, 
conservabis amorcm tuum ( etsi more magis hoc 
quidem scribo, quam quo " te admonendum pu- 
tem), meaque omnia tuebere; quae tibi ne igno- 
ta '=» essentj Attico mandavi: a me autem, quum 
paullum otii nacti erinuis^ uberiores literas ex- 
spectato. Da operam, ut valcas. Hoc niibi gra^ 
tius faccre nihil potes. 



An. di R. 709 LETTERA DCCXI.Vl, 28 1 

trui fedele: e u' ebbi gran prova quando in sulle piiimi 
della clvil guerra chiestoli per lettere il tuo avviso cirea 
a quello mi dovessi fare, o girmene a Pompeo, o ri- 
manermi in Italia, tu m'bai confortato ch'io provve- 
dessi alla mìa degnila. D'end' io ritrassi netto il tuo 
sentimento , e ho ammirata la tua fedeltà e religione 
nel consigliare: perchè tu ben vedendo che il tuo amico 
avrebbe desideralo altro, tenesti più in conto l'officio 
mio, che la voglia sua. In verità d'indi addietro t'amai 
sempre, e tenni per fermo senipie che tu ni' amavi:, anco 
mi sovviene che essendo Io lontano e in mezzo a gran 
rischi , me lontano e I miei presenti tu hai favoi'iti e 
difesi. Poi tornatomi, quanto dimestico mi ti sii pòrto, 
e quanti obblighi verso di te io m'avessi e confessassi, 
n' abbiam testimoni coloro lutti che a di colali cos« 
pongon niente. Della mia fede e costanza hai fatto poi 
un sok'niìe giudizio, quando appresso la morte di Ce- 
sare scimi stretto ad amicizia in anima e in corpo. Al 
<{ual giudieio se io non farò di dar peso e nome di 
vero coir amarti e col rendeiniene meritevole, mi terrò 
per da men che uomo. Tu, Oppio mio. serbami l'a- 
more (e questo scrivo d'usanza, non ch'Io creda do- 
vertene far ressa), e prendi a petlo le cose mie ch'io 
raccomandai ad Attico di chiarirti: e attendi da me, 
•quando un po' d'agio ci si dia, leltcre più pingui. Fa 
di star sano: che maggior favore non puoi farmi. 



202 EPISTOLA DCCXLVII. A. V. C. 709 

DCCXLVII. ( A.1 Ali. xvi , I ) 

Argiunentum. i Indignatur in pioscriptione ludorufn Bruti 
inolisi Quintili nornen lulii datum : 9. quaerit quid sii 
quod agripetae Butliroti concisi dicantur : 3 se ima 
cnm Bruto, si fieri possit, navigaturum ostendit: ^ {\e 
bello civili quid exspectet : 5, 6 de explicandis fìlii sui 
rationibus. 

Sor, in Piiteolano A. V, C. DCCIX, Vili hi. (^nint. 

CICERO ATTICO S. 

1 Nonis Quint. veni in Puteolanura. Postridie 
iens ad Brutum in Nesidem ^ haec sciipsi. Sed 
co dioj quo voneram, cenanti Eros tuas literas. 
Itane? Nonis Iidiis? ^ Dii hercule istis! Sed sto- 
machari totum diem licet. Quicquanine turpiiis, 
quani Bruto Inliis? ^ V^eàeo ad meum igltur: Ir? 
E'IuxvA nihil vidi 4. 

2 Sed quid est^ quaeso, quod agripetas Bu- 
tliroti concisos audio? Quid autem Plancus tam 
cursim (ita enim audiebam^) diem et noctem? 
Sane cupio scire, quid sit. 

3 Mcam profectionem laudari gaudeo. DymaeoSj 
agro pulsoSj mare infestum liabere, nil mirum. 
Vidcndum est, ut mansio laudetur ^. Kv iac-n/.cix 
Bruti videtur aliquid praesidii esse: sedj opinor, 
minuta navigia. Sed iam sciani. et ad te cras. 



Ad. di R. 709 LETTERA DCCXLVII. ^83 



DCGXLVII. 



(AJ Ali. XVI, I ) 



jirgomento. i Mostra il suo sdegno die iielT avviso pnlthlicato 
pei giuorhi di Bruto siasi dato il nome di Giulio al mese 
Quintile; 2 chiede che cosa vuol dire la notizia che gli in- 
teressati nella divisione delle terre sono stati tagliati a hra- 
ni; 3 spiega la sua intenzione di partirsi per mare, se è pos- 
sibile, con Bruto; 4 quali sicno le sue speranze intorno alla 
querra civile; 5, 6 della liquidazione de' couli e di altre no- 
tizie di suo figliuolo. 

Scritta nella villa di Pdzxiiolo 1' anno DCCIX , 1" 8 di Luglio. 

CICEROiNE AD ATTICO S. 

1 II dì sette venni a Pozzuuio: questa ti scrivo aii- 
danrlo da Bruto a Neside '. ^la il di appunto eh' io 
venni, Erote diemini una tua, eh" ero a eena. Cosi eh ' 
a' cinque del mese Giulio? ^ Domin falH?...-^ Ma c'è 
tutto il dì di che stomacarsi. E fjual maggior vitiipcnì 
per Bruto, che del mese Giulio? Dunque torniamo al no- 
stro fatto. Fin quando pazie?iza? Io non vi(H altro 4. 

1 Ma che vuol dire che i chieditori di terra a' Bn- 
Iroto odo essere stati taghati a pezzi ! E percliè mai 
Planco fa, come odo. tante scorrerie giorno e notte? 
Davvero ne son curioso. 

3 Godo che la mia andata si lotli. I Dimei, sfrat- 
tati di terra, non meraviglia che tengano in briga il ma- 
re ^. Or è da far si che la fermata pure si lodi. // na- 
\>ignre con Bruto può essere di salvaguardia: ma credo 
sieno brigantini. Saprollo, e domani ten darò conto. 



'jH^ epistola DCCKLVII. a. V. e, 709 

4 D(i Vcnlldio, ~c/.-^r/.ì,y puto '. Do Sexto ^j prò 
t'iulo liabebaturj liaud arma 9. Quod si veruni est, 
sine bello civili video serviendum. Quid ergo? Kal. 
laii. in Pausa spes? ).//0c; "c/.-Jg^ in vino et in sonino 
istoruni ^°. 

5 De ccx optime Ciceronis rationes explicen- 
tur ". Ovius enini recens *^- is multa, quae vel- 
lem ^^: in bis ne lioc cfuidem nialuni, in niandatis 
sit abunde ^4- II-S lxxu satis esse, alTatini prorsus: 
sed Xenoneni perexigue, et -p.hyyùc, praebcre ^5. 
Quo plus permutasti, quam ad IrucLimi insula- 
rum, id ille annus babeat, in qucni ilincris suni- 
ttis accessit ^^\ Jlinc ex Kal. Aprii, ad II-S lxxx 
acconuiiodctur '7: nunc enlni insulae tantum. Vi- 
denduni enini est, quid ^^, quuni Roniae erit. Non 
enini puto socrum illani ferendani ^9. Pindaro de 
Cuniano ~° negarani. 

6 Nunc, cuius rei causa tabellarium miserini, 
accipe. Q. filius niibi poUicetur se Catoneni ^'. 
Egit autem et pater, et filius, ut tibi spondereni ; 
sed ita, ut tuin crederes, quuni ipse cognosses ^^. 
Huic ego literas ipsius arbitralu dabo: eae te ne 
nioverint. Ilas scripsi in eam partem, ne me mo- 
tum putares ^^. Dii faxint, ut faciat ea, quae pro- 
mittit! conimune enini gaudium. Sed ego =i nibil 
dico aniplius. Is bine VII Idus =■''. Ait cnini at- 
tributionein in Idus ^^3 se autem urgcri acriter. 
Tu ex meis litcìis, quo modo respondcas, nio- 



An. dlR. 7"9 LETTERA D CXLVU. 285 

4 Di Ventidlo cn-doU) un bau bau ^. I>i S'Cstlo avea.si 
per formo non volesse anni: il clic se è vero, senza 
guerra civile veggo clie bisognerà servire 7. E che .^ ai 
j)riini di gennaio jìorremo speranza in Pausa? Baie , 
biiì\' in cotesti brilli e dormiglioni ^. 

5 Per que' dugendiecimila sesterzi spaccerem benis- 
simo i conti di Cicerone: che di fresco Ovio ne vcmit; 
con molte buone nuove: tra queste non è cattiva P a>- 
ver eì^li ordine di dirmi che i settantaduenrila sesterzi 
])as'ano a gran vantaggio: ma che Zenone gli dà- a 
sjii/ìnzzico. Quanto gli prestasti oltre il frutto- delle iso- 
le, vada a conto deHainio in cui fu per soprassello U. 
spesa del viaggio. Quindi dal calen d'' aprile stia agli 
ottantamila sesterzi, che tanto or rendono l'isole: per- 
«•he staremo a vedere quando sarà in Roma: che quella 
suocera non penso si possa patire 9. A Pindaro circa» 
a Cumano dissi che no '". 



6 Or tieni perchè ti mandai il corriere. Quinto lì- 
gliuolo mi si promette un Catone: e il padre e il Iil^Iìì» 
mi fecero calca a entrarti mallevadore per lui: ma m 
veramente che tu presti fede quando il conoscerai; gli 
darò lettere a modo suo: tu non ne l'ai- conto. Ti scrissi 
questa ad oggetto che tu non mi credessi già bello e 
persuaso. Dio voglia ch'egli attenga le promesse! Sa- 
rebbe una gioia per tutti: ma io non ci metto più 
ma/,/.a. Egli di .qui ai nove : perchè dice avere pei 
quindici uno sborso che mollo lo stringe. Tu dalle 
mie lellere caverai il modo di rispondergli. Di più, 



280 EPISTOLA DCCXLVU. A. V. C. 709 

derabere =7. Plura, quura et Brututn videro, et 
Erotem remitlarn. Atticae meae excusationem ac- 
cipio. eamque amo pliiriinum- cui, et Piliae sa- 
lti te iii. 



DCCXLVllI. 



( Aiì Ali. XVI, 5j 



yìì'ii^iinu ittuiii. 1 l'iaeiiiissis <]uibusdain de Biuti liitlis, 2 O. 
Cictjioiieui (ìIìliii» coliaiidat: 3 de navigatione sua se du- 
bitare; 4 ^tipotis epislolaiii se ex.sptxtaic ; ~> puliremo 
de epi'^ltilis siii.s edeadis sciibit. 

Sci. ìli l'iileolaiio A. V. C. DCCIX , VII M. Qniiil. 

CICERO ATTICO S. 

I Tuas iam literas Brutus exspectabat : cui qui- 
dein ego [non] no v uni atluleram de Tereo ' Attii. 
llle Brittiun ^ putabat. Sed tamen rumoris nescio 
quid afflaverat, commissione Graecoruni ^^ frequen- 
liam non fuisse: quod quidem me minime fetellit. 
Scis enim , quid ego de Graecis ludis existimem. 

'2 Nunc audi. quod pluris est, quam omnia. 
Quintus 4 fuit mecum dies compluresj et, si ego 
cuperem, ilie vel plures fuisset: sed, quantum ^ 
fuit, incredibile est. quaui me in omni genere 
delectarit- in coque maxiuic, in quo minime sa- 
tisfaciebat ^. Sic enim commutatus est totus et 
scriptis meis quibusdam , quae in manibus ha- 
bebam, et assiduitate orationis, et praeceptis, ut 



Ari. di U. 7"9 LETTERA DCCXLVIl. 287 

visto eli' io abbia Bruto e rimandato Erote. Accetto la 
scusa della nostra Attica, e gliene vo' bene due cotan- 
ti; a lei e a l*ilia salute. 



DCGXLVIII. 



(Ad Ah. XVI, 5) 



Al '^omento, i In prima, qualche notizia ile' giuochi di Brulo; 
•j. loda il lighiioio Cicerone; 5 scrive d'essere ancora sospeso 
se farà viaggio per mare; 4 d'aspettare lettera da Nipote; 
5 e per ultimo della edizione delle sue lettere. 

Scritta dalla villa di Pozzuolo Tanno DCCIX , il 9 di Lui^liu. 

GICEROiNE AD ATTICO S. 

I Già Bruto aspettava tue lettere, a cui io avea già 
recata la nuova del Tereo di Azzio ^, egli si teneva per 
Bruto ^. I\Ia pure si bucinava che ai greci spettacoli 
non vi fu gran popolo:^ nel che io m'era apposto be- 
ne ; che sai conto eh' io fo de' giuochi greci ■*. 



•2 Or odi ciò che è più gran fatto d' ogni altro. 
Ouiiito stette meco parecclii di^ e s'io avessi voluto, 
aucbe più a lungo: ma in tutto il tempo non è a cre- 
dere piacer d'ogni sorta che mi fece:^ e spezialmente 
in quello appunto in che poco ci quadrava. Cosi egli 
j>i è vòlto in tutt' altro e per certi miei scritti che bo 
tra mani, e per lo continuo stargli addosso coi pre- 



:283 EPUSTOLA DCCXLVIII. A. Y. C. 703 

tali iuiliiio in letn publicain, quali nos volutiuis . 
futurus sit. Hoc quurn mihi non modo confirinas- 
set, sed etiam persuasissct; egit mecum accurate 
niuUis vcrbis, tibi ut sponderem 7^ se dignuni et 
te« et nobis futuium; neque se postulare^ ut sta- 
tìm credercsj sc.d^ quum ipse perspexisses^ tuin 
ut se atDares. Quod iiisi fidem mihi fecissetj iu- 
dicassemque hoc, quod dico, flrmum fore; non 
fecissem id, quod diclurus sum, Duxi enim me- 
cum adolescenlem ad Brutum. Sic ei probatuui 
estj quod ad te scriboj ut ipso' credidcrit, me 
sponsorem accipere noluerit, cumque laudans, ami- 
cissime mcntionem tui feceritj complexus oscula- 
lusque dimiseri t. Quamobrem etsi magis est, quod 
gratuler tibi ^, quam quod te rogem- tamen etiam 
rogOj ut, si quae niiuus antea, propter infirmi- 

tateuj aetatis, constantcr ab eo fieri videl)antur 

... . . ' 

pa iudices illuni abiecisscj mihique credas j mul- 

lutn allaturam. vel plurimum potius, ad illius iu- 
diciuni confirmandum, auctoritatem tuam. 

3 Bruto quum saepe P iniecissem de óu.zrj.ch. , 
non perindcj atque ego putaram, arripere visus 
est. Existimabam [j.t-i<,)'/-ir.c'j esse: et liercule erat, 
et maxime de ludis. At mihi, quum ad villani re- 
«iissem, Cn. Lucceius, qui multum utitur Bruto 
iiaiiavit; illuni valde morari, non tergi ver.santem 
sed exspectante?T]j si qui forte casus. Itaque du- 
bito, an Veiiusiam tcndam . et ibi exspectem de 



An. Ji R. -09 LETTERA DCCXLVIII. 389 

etiti, di sorte che egli sarà di tale animo verso la Re- 
pubblica quale il bramiamo 4. E di ciò non solo aven- 
domi egli fatta fede, ma persuasomi, mi fece un mondci 
di pregili eh' io ti promettessi lui dover essere degno 
e di te e di noi; nò voler lui che tu creda di primo 
colpo, ma sì che tu lo abbi ad amare tosto che tu 
n'abbi piena riprova. Al che s'io non aggiustassi fede, 
e non tenessi per fermo quello ch'or dico, non avrei 
fatto quello eh' ora ti dirò. Menai meco il giovinetto 
da Bruto ^ al quale sì fattamente entrò quello eh' io ti 
scrivo, che da sé si lasciò ire a credere, né accettò 
me per mallevadore* e lui commendando fece amore-^ 
vole menzione di te :, e baciato e abbracciatolo , nel 
mandò. Di che benché più abbia a congratularmi teco 
che a pregarti, pure io ti prego che tu creda aver egli 
dismesse quelle sventataggini che prima forse facea per 
debolezza d'età^ e fa stima che a rassodarlo nel giu- 
dizio moltO; anzi moltissimo gioverà l'autorità tua. , 



^ Avendo gettato spesso qualche motto a Bruto del 
navigar di conserva, non mi parve che l' afferrasse giu- 
sta il mio avviso. Credetti avesse un po' il capo al- 
l' aria: e affé che l'avea, massime circa ai giuochi. Ma 
Gneo Lucceio, che molto usa con Bruto, mi disse, tor- 
nando io di villa, che egli molto temporeggia, non 
già si scantona, stando a vedere che mai porti il caso. 
Perciò sono in forse se io vada alla volta di Venosa 5, 
ed IVI aspettare circa le legioni^ e se e' n' andranno 

C:c. X. — Leu. T. IX. ,cj 



2g0 EPISTOLA DCCXLVIH. A. V. C. 709 

legionibus '°: si aberunl^ ut quidam aibitrantui-j 
Hydruntemj si neutrum erit àcjcpaXe'g. eodem re- 
vertar. locari me putas? moriar^ si quisquam me 
tenetj praeter te ". Etenim circumspice* sed an- 
te, erubesco ". O dies in auspiciis Lepidi lepide 
descriptos *^j et apte ad consilium reditus nostri! 
Magna fcK-h ad proficiscendum tuis literis '4. At- 
que utinam te illic! sed ut conducere putabis. 

4 Nepotis ^^ epistolam exspecto. Cupidus ille 
meorura? qui ea, quibus maxime yavpirZ^ legenda 
non putet? »^ Et ais, jue-' duv^j-oyal '7 Tu vero 
afjiiypLOj:/ : ille quidem ap.|5pcro5. 

5 Mearum epistolarura nulla est <^Dva-^w^i : sed 
habet Tiro instar septuaginta. Et quidem sunt a 
te quaedam sumendae, Eas ego, oportet, perspi- 
ciamj corrigam: tum denique edentur ^^. 



DCCXLIX. 



(Ad Al». XVI, .-,) 



Argumentum. i JNarrat, quid apud Brutuni de Sex. Pom- 
peio audiverit: 2 de Buthrotiis se niliil certi reperisse 
Ncribit: 3 denique de navigatione sua quae cogitet ex- 
ponit. 

8cr. in Pntpoìano A. V. C DCCIX , VI U. Quiiit. 

CICERO ATTICO S. 



1 Ita ut beri tibi narravi, vel fortasse hodie 
(Quintus enim altero die se aiebat'), in Nesida 



An. di R. X"» LETTERA DCCXLVIII, 29I 

con Dio, come avvisano alenili, a Otranto, se il ri- 
sico vi sarà da entrambi le parti, tornerò pur quivi. 
Pensi eli' io dica da baia? eli" io muoia se nulla mi ri- 
tiene da te in fuori ^: e in vero guardati attorno^ ma 
in sugli occhi io arrossisco 7, giorni stabiliti molto 
bellamente negli auspici! di Lepido , e all' uopo al di- 
segno del mio ritorno ! ^ All' andarmene mi desti una 
buona spronata con la tua lettera. Faccia Dio che colà 
io ti vegga I ma come ti parrà convenire. 

4 Aspetto la lettera di Nepote. Egli bramoso di mie 
cose' che schifa di leggere quello ond' io meno sì gran 
%>anlo? 9 E di' tu al di sotto del senza nei? Tu sì 
senza neo ^"^ ed egli immortale. 

5 JN'on v'ha nessuna raccolta di mie lettere *'* ma Ti- 
rone ne ha settanta a un bel circa^ da te pure se u' ha 
a prendere alcuna. Fa d'uopo ch'io rivegga loro il 
pelo; e poi diensi fuori. 



DCCXLIX. 



(Ad Alt. XVI, 4) 



Argomento, i Narra le notizie di Sesto Pompeo udite ia cas.i 
di Bruto. 2 dichiara che non ha nessuna certezza intorno 
H Bulroti; 5 e die peuòi sul suo viaggio per mare. 



Srnlta djlla villa di Pozsuolo Panno DCCIX, il io di Ltiglia. 

CICERONE AD ATTICO S. 

I Come ti dissi ieri, o forse oggi (che Quinto di- 
ceva la domane), fui a IS'esida gli otto '. Quivi Bruto. 



292 t.PlSl'OLA liCCXLìX. A. V. C. 709 

Vili Idiis. Ibi Brutiis. Quain ille doluit de No- 
7iis luliis!^ mirifìce est contnrbatus. Itaqiie sese 
scripturuiji aiebat, ut venationem etlam ^^ quae 
postridie ludos Apollinares futura est^ proscribe- 
reiit III Id. Qulntiles Libo inteiveiiit. la I^hilo- 
nem, Pompeii libertum^ et Ililarum, suuiii 4^ ve- 
nisse a Sexto ^ culli literis ad con.sules, sive quo 
alio nouiiiie sunt ^. Earuui exemplum nobis Icgit. 
si qiiid 7 videretur. Pauca -y.oà lény **: cetero- 
qui et satls graviter, et non contumaciter. Tan- 
tum addi placuitj quod erat Coss. solum, ut es- 
set Praeti'. TiiiBB. PLEB., Senatvi 9^ ne iUi non 
proferrent eas, quae ad ipsos missae esscnt. Sex- 
tnm autern nuntiant ^° cum una solum legione 
fuisse Carlhagine- eique eo ipso die^ quo oppidum 
Boream " cepisset, nuntiatum esse de Caesare '^j 
capto oppidoj miiam laetitiam^ conimutationem- 
([ue animorum, concursunique undique: sed illum 
ad sex legiones, quas in ulteriore reliquisset^ re- 
\'ertisse. Ad ipsum autem Libonem scripsit, niliii 
esse, nisi ad larem suum liceret ^^. Summa postu- 
latorunij ut omnes exercitus dimittantur '4^ qui 
ubique sint. Ilaec fere de Sexto. 

2 De Butbrotiis undique quaerens, niliil repe- 
riebam. Alii . concisos agiipetasj alii , PiancuiUj 
acceptis iiunnuis, reliclis illis, aufugisse. Itaque 
non video '^ sciturum me, quid eius sit. ni sLa- 
ijni /diquid literarum. 



An. di R. 709 LETTERA DCCXLIX. 2^3 

Quanto gli son dolute quelle Aone Giulie! ^ se ne av~ 
rovello; e disse che avrebbe scritto che anco la cac- 
cia ^5 da farsi il di dopo i giochi Apollinari , segnas- 
sero /// Id. Quint. Libonc sopravvenne, e disse che 
Filone, liberto di Pompeo, e il suo Ilaro venne da 
Sesto con lettere a' consoli , a checché altro si chia- 
mino 4. Ce ne lesse la copia; gliene diedi il mio pa-^ 
rere : poche cose a sproposito; del resto con abbastanza 
gravità e senza burhanza. Solo volli aggiungere ( non 
v' essendo che .^' Consoli) vi fosse anche y^i Preto^ 
RI, Al Tribuni della plebe, al Senato; acciocchò 
non si ristessero dal metterle fuori , come a loro soli 
mandate. È voce che Sestio fu a Cartagine con sola 
ima legione, e il dì medesimo che prese il castello 
Borea ^, aver avuto la nuova di Cesare: occupato il 
forte, baldoria, mutamento d*' animi, e da tutte parli 
mi affollare: ma. egli se ne tornò alle spi legioni la^ 
sciate neir Ulteriore. Scrisse poi allo stesso Libpue, che 
niente fia del tornare se non può aver la sua casa ^. 
La somma delle domande, che si dimettano tutti gli 
eserciti j ovunque sieno 7. Tutto ciò da Sesto. 



2 De' Bulroti rifrustai da tutte parti indarno: chi dice 
tagliati a pezzi i cercatori di terra:, chi, che Fianco, 
beccatosi i denari , piantò coloro e se la battè : laonde 
io veggo che non ne verrò in chiaro se di botto non 
ho qualche lettera. 



294 ^EPISTOLA DCCXLiX. A. Y. C. 709 

3 Iter ilìud BriincUsium , de quo dubitabam 
sublatiini videtur: legiones enlni adventare dicun- 
tur. Ilacc autein navigatio ^^ liabet quasdam su- 
spiciones periculi *7. Itaque constituebani uti óy-c- 
rJ.oh.. Paratiorem ofTcndi Brutum^ quam audiebam. 
Nam et ipse Domitius bona piane habet dicrota • 
suntque navigia praeterea luculenta Sestii , Buci- 
lianij ceterorum. Nam Cassi! classem^ quae piane 
bella estj non numero ultra fretum. Illud est mibi 
submolestunij quod parum Brutus properare vi- 
detur. Primum confectorum ludorum nuntios ex- 
spectat* deinde j quantum intelligo, tarde est na- 
vigaturus , consistens in locis pluribus. Tamen 
arbitror esse commodius tarde navigare , quam 
Granino non navigare- et si, quum processerimus^ 
exploratiora videbuntur, Etesiis '^ utemur. 



DCCL. 



(Ad Alt. XVI, a) 



/4rgumenlnm. i De Buthrotiis: 2 de nominibus sui^ ex- 
pediendis : 3 de .suo cum Bruto cougressu : 4 de itinere 
suo: 5 breviter de aliis. 

Scr. in Puteolano A. V. C. DCCIX, IV Id. Quiiit. 

CICERO ATTICO S. 

I Sexto Idus duas epistolas accepi, unam a 
meo tabellario , alteram a Bruti. D€ Butbrotiis 
longe alia fama in bis locis fuerat: saà cum abis 
wiultis boc ferendum. 



An. di R. 709 LETTERA DCCXLIX. agS 

3 Quel viaggio a Brindisi, di cui avea dubbi, parrai 
ito in fumo: perciocché dicono venir le legioni: e 
questa navigazione non è netta da pericoli: perciò ho 
fermo navigar di brigata. Trovai Bruto in buon as- 
setto, più che non udiva ^ perchè lo stesso Domizio ha 
delle galere molto acconce:^ e sonvi anco de' navigli ec- 
cellenti di Sestio, Buciliano, e d'altri 8. Che la flotta 
di Cassio, la quale è pur bella, di là dello stretto non 
ne fo conto 9. Mi dà un po' noia che Bruto se la prenda 
A bell'agio. Prima aspetta nuove de' spettacoli fatti^ poi, 
a quel che sento, navigherà a rilento, soffermandosi in 
pili luoghi. Pure è meglio tardi che mai: e se, col- 
P andar innanzi, le cose piglieran più chiai*ezza, ap- 
profitterò degli Etesii ^°. 



DCCL. (Ad Alt. XVI, 2) 

Argomento. 1 De' Butrofi; 2 del pagamento de' suoi debiti; 
3 del suo convegno con Bruto; 4 del suo viaggio; 5 e di 
ahro brevemente. 



Scritta dalla villa di Pozzuolo Tanno DCCIX, il 12 di Luglio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

I Agli otto ebbi due lettere, una dal mio corriere, 
P altra da quel di Bruto. De' Butroti diceasene qui ben 
tutt' altro ^ ma con tante altre bisogna succiarci anche 
questa. 



agG EPISTOLA DCCL. A. X. C. 70J, 

2 Erolem remisi citiiiSj quain constitueraii), ut 
essetj {|ni Horlensio ^5 et quia equitlbus * quidern 
ait se Llibus coiistiluisse. Hortensiiis vero inipii- 
denter. Nihil enim debelur ei^ nisi ex lertia pen- 
sione^ qune est Kal. Soxt.j ex qua pensione ipsa 
niaior pars est ei soluta allquanto ante diem. Sed 
liaec Eros videbit Idibus. De Pubblio aulein, quod 
perseribi oportet '^ moram non puto esse facien- 
dani. Sed quum \ideaSj quantum de iure nostro 
decesserimusj.qui de residuis ecce II-Sj ce prae- 
sentia solverìmus, reliqua rescribamus 4 : loqui cum 
cOj si libi videbitur, poteris- eum commodum no- 
strum exspectare debere , quum tanta sit a nobis 
iactura facta iuris. Sed, amabo te, mi Attice (vi- 
desne quam blande? ), omnia nostra, quoad eris 
Romae, ita gerito, regito, gubernato, ut nibil a 
me exspectes. Quamquam enim reliqua salis apta 
sunt ad solvendum- tamen fit saepe, ut ii, qui 
debent, non respondeant ad tempus. Si quid eius- 
modi acciderit, ne quid tibi sit fama mea potius. 
Non modo versura, verum etiam venditione, si 
ita res coget, nos vindicabis. 

3 Bruto tuae literae gratae erant. Fui enim 
apud illuni multas boras in Neside, quum panilo 
ante tuas literas accepissem. Delectari mibi 7>- 
reo videbatur, et habere maiorem Attio , quam 
Antonio, gratiam ^. Mihi autem quo laetiora sunt, 
eo plus stomachi et molestiae est. populum Ro- 



A... <].' R, 709 LETTERA DCCL. 2gj 

1 Riinaiulai Erote prima <lcl Icnipo che avea stabi- 
lito, oiitlc fosse chi rispoiiilcsse a Orlcnsio^ e perchè 
dice che ai cavalieri fermò il dì quindici. Ortensio , da 
sfrontato^ che egli non ha avere se non della terza 
rata, che cade il primo d'agosto^ della qual rata gli 
è stata sborsa la magi';inr porzione innanzi al dì. Ma 
di ciò Erote ai quindici si darà pensiero. Quanto a 
Publilio, rassegnamento che gli si debbe fare, non 
credo s'abbia a condiir per le lunghe. Ma come vedi, 
quanto io cedo di mio diritto, avendogli già conti su- 
gli oct:hi, de' rimanenti quattrocentomila sesterzi , due- 
cento, e facendogli per gli altri un assegnamento, potrai 
accontarti seco, e dirgli che gli è dovere aspettare ini 
po' il comodo di noi, che tanto getto facemmo di di- 
ritto. Ma di grazia, o mio Attico (vedi che parlare 
inzuccherato!*), quando sarai a Roma, datti briga 
delle cose mie:^ governale, maneggiale per guisa, chti 
nulla da me aspetti. Perchè quantunque il restante sia 
più che sufficiente a pagare, pure incontra spesso che 
i debitori non rispondono il dì appuntato. Se nulla 
avvien di simile, nulla ti stia più a cuore dell' onor 
mio: sbrigami non solo con prendere a usura, ma, su 
vi ti stringe la cosa, altresì con vendere. 



3 La tua lettera fu cara a Bruto: perchè stetti seco 
delle buone ore in Aesìda , avendo di freschissimo avute 
le; tue. l'arvcna prendesse piacei'e del Terco , e sapesse 
più grado ad Accio, che ad Antonio *. Per me, quanto 
più vi si fa allegria, tanto più me ne viene schifo e 
dispetto, clic il popolo roman(j non a difendere il co- 



398 EPISTOLA DCCL. A. V. C. 709 

jiianiim nianus suas non in defendenda re publi- 
c.H , sed in plaudendo ^ consumere. Mihi quidem 
yidentur istorum animi 7 incendi etiam ad reprae- 
senlandam ^ improbitatem suam. Sed tamen^ dum- 
modo doleat aliquid , doleat qiiod lubet 9. 

4 Gonsilium meum quod ais quotidie magis lau- 
dari ^ non moleste fero* exspectabamque, si quid 
de eo ad me scriberes. Ego enim in varios ser- 
mones incidebam. Quin etiara iccirco trahebam ^ 
ìit quam diutissime integrum esset. Sed quoniam 
furcilla extrudimur '°j Brundisium cogito: facilior 
enim et exploratior devita tio legionum " fore vi- 
detur, quam piratarum, qui apparere dicuntur. 
Sextius VI Idus exspectabaturj sed non venerai , 
quod sciam. Cassius cum classicula sua venerat. 
EgOj quura eum vidissem, V Id. " in Pompeia- 
num cogitabam, inde Aeculanum ^^. Nosti reliqua. 

5 De Tulia *4 ita putaram. De Aebutio ^^ non 
credo: nec tamen curo plus, quam tu. Fianco et 
Oppio scripsi equidem, quoniam rogaras: sed, si 
tibi videbitur, ne necesse habueris reddere. Quum 
enim tua causa fecerint omnia j vereor, ne meas 
literas supervacaneas arbitrentur. Oppio quidem 
utique* quem tibi amicissimum cognovi. Verum , 
ut voles. Tuj quoniam scribis hiematurum te in 
Epiro j feceris mihi gratum, si ante eo veneris ^ 
quam mihi in Italiam , te auctore , veniendum 
est ^^. Literas ad me qua»n saepissime, sed '7 de 



Ali. R. ai 709 LETTERA DCCL. 2gi^ 

mune, ma ad applaudire si logori le mani ^. E a me 
sembra anco clic i costoro animi s'infocolino a metter 
in mostra la loro malvagità 4. Tuttavia, purché qual- 
che cosa lor dia martello , sia che diavol si vuole. 

4 Mi sa buono che il mio disegno ogni dì più sì 
lodi^ ed io m'aspettava che tu me ne scrivessi qual- 
cosa, perchè ne sentii discorsi variati: che anzi io tem- 
poreggiava per tener la cosa in saldo piìi che potessi. 
Ma poiché mi dan lo sfratto a sassate ^, penso irmene 
a Brindisi, sembrandomi più agevole e più sicuro lo 
scantonarsi dalle legioni che dai pirati , che già com- 
paiono ^. Sestio aspettavasi agli otto 7- ma non venne, 
a quanto ne so: bensì Cassio colla sua flottiglia. Io, 
veduto che l'abbia, penso andarmi nel Pompeiano*, 
quindi nell'Aculano 9. Sai il rimanente. 



5 Di Tutia, mi v' apponea. Di Ebuzio, non credo; 
né più me ne cale che faccia a te. Bene scrissi a Fianco 
e ad Oppio, dacché mei chiedesti^ ma, se ti paia, 
non è mestieri che tu gliele dia: perché avendo essi 
fatto ogni cosa per riguardo tuo , temo che le mie let- 
tere vi abbiano a stare per borra ^ e certo ad Oppio, 
che so esserti intrinseco. Pure a tuo senno. Giacché 
scrivi di volere svernar nell'Epii'o, mi farai piacere, se 
tu vi arriverai, prima che a me convenga, per tua 
spinta, venire in Italia. Tempestami con lettere, se di 



3oO EPISTOLA DCCL. A. V. C. 7a9 

rebus minus necessariis^ aliqnem nactus* sin au- 
teni erit quid maius, domo mittito ^^. Hpcf:/J.£L^)Lov^9^ 
si Brundisium salvi , adoriemur. De Gloria misi 
libi. Custodies igitur, ut soles: sed notentur eclo- 
garii ^"j quos Salvius, bonos auditores nactus, in 
convivio dunitaxat legat. Mihi valde placentj mal- 
lem libi. Etiam atque etiara vale. 

DCCLL (A.i Alt. XVI, 16 B) 

^rgurnentum. Causain Biithrolioruni iterum Plaiioo coni- 
mendat. 

Scr. in Piìteolano A. V. C. DCCIX, a. d. IV Id. Quint. 

CICERO PLANCO PRAET. DES. S. 

lam aiitea petivi abs te per liteias ^^ ut, quum 
causa Buthrotiorum probata a consulibus esset^ 
quibus et lege et senatus consulto permissum erat. 
ut de Caesaris actis cognoscerentj statuerent. iu- 
dicarent, eam rem tu adiuvaresj Atticumque no- 
strum ^ cuius te studiosum cognovi, et me^ qui 
non minus laboro, molestia liberares. Omnibus 
enim rebus magna cura, multa opera et labore 
confectisj in te positura est, ut nostrae solicitu- 
dinis finem qnam primum facere possimus. Quam- 
quam intelligimuSj ea te esse prudentia, ut vi- 
dea», si ea decreta consulumj qnae de Caesaris 
actis interposita sint ^ non serventiir. magnam 



Ali. di R. 7"9 LETTERA DCCL. 3o I 

bagattelle, quando alcuno ti si dia innanzi: se di cose di 
rilievo, spediscimi da casa. Porrò mano aìV Eracliclio , 
se verrò in salvo a Brindisi. T' inviai della Giona; 
ticulo in guardia come suoli: ma vi si notino i passi 
migliori *": e Salvio, venutigli a mano buoni uditori, 
leggali solo a tavola ". Mi piacciono molto a nie^ vor- 
rei più a te. Addio mille volte. 



DCCLI. 



(Ad Ah. XVI, i6 B> 



Alzamento. Nuovamente raccomanda a Fianco la causa de' Bu- 
Iroti. 

Sciitla dalla villa di Pozzuolo l'anno DCCIX , il la di Luglio. 

CICERONE A PLANCO PRETORE DESIGNATO S. 

Già pezza ti bo scritto pregandoti che tu dessi di 
spiUla alla cosa dei Butroti, essendo ella stata appio- 
^ata dai consoli, cui fu fatta licenza per legge e per 
uu seuatoconsulto di esaminare le operazioni di Cesa- 
re, e porle a sindacato, e giudicarne^ e così tu trar- 
l'esli una spina ad Attico nostro, che so esserti in gi'a- 
zia, e a me che non ne porto minor cruccio. Che 
avendo sbrigate tutte le bisogne a gran rangola e fa- 
tica, per te sta che al nostro trafelarci possiam porre 
un termine. Comechè ci è ben chiaro che tu hai senno 
bastante da vedere quanto sgominio nascerebbe se quei 
decreti de' consoli, che toccano le opere di Cesare, nou 



302 EPISTOLA DCCH. A. V. C. 709 

perturbatioiiera rerum foie. Equidem^ quuni multa 
(quod necesse erat in tanta occupatione) non pro- 
bcntuFj quae Caesar statuerit; tamen olii pacls- 
que causa acerrime illa solco defendere : quod 
libi idem magnopere faciendum censeo* quam- 
quam haec epistola non suasoris est, sed roga- 
toris. Igitur, mi Plance, rogo te et etiarn oro, 
sic medius fidius, ut maiore studio, magisque ex 
animo agere non possim, ut totum hoc negotium 
ita agas, ita tractes, ita conficias, ut, quod sine 
ulla dubitatione apud consules obtinuimus, pro- 
pter summam bonitatem et aequitatem causae, id 
tu nos obtinuisse non modo facile patiare, sed 
etiam gaudeas. Qua quidem voluntate ^ esse erga 
Atticum, saepe praesens et illi ostendisti, et vero 
etiam mihi. Quod si feceris, me, quem volunta- 
te, et 4 paterna necessitudine coniunctum semper 
habuisti , maximo beneficio devinctum habebis : 
idque ut facias, te vebementer etiara atque etiam 
rogo. 

DCCLII. ( Ad Alt. XVI, 16 E ) 

yJrgiimcntuni. BullHotiornm causam Planco denuo com- 
iHcndaf. 

Srr. A. V. C. DCCIX, circa Id. Quint. 

CICERO PLANCO PRAET. DES. S. 

Ignosce mihi, quod quum antea accuratissime 
de Buthrotiis ad te scripserim, eadem de re sae- 



An. di R. 7''9 LETTERA DCCLI. 3o3 

si tenessero ia piedi. lu verità, pogniamo che molti di- 
segai di Cesare non quadrino (come dovea avvenire in 
tanta usm'pazione ) , tuttavia io li soglio difendere a 
spada tratta per conto della tranquillità e della paoe:; 
il che, mi penso, tu pure devi fare di forza, sebberi 
questa lettera non ti vien consigliando, ma pregando. 
Adunque, o mio Fianco, io ti fo un mondo di pre- 
ghiei'e, e, se Dio mi aiuti, con tanta ressa e sì svi- 
sceratamente che mai più , acciocché tratti e metta ad 
effetto questa bisogna, sicché tu non solo porti di buona 
voglia, ma ti sia caro eziandio quello che noi abbiamo 
ottenuto dai consoli, senza alcuna dubitanza, per la 
somma giustizia della causa. E che tu abbia questa 
buona intenzione a riguardo d'Attico, spesso l'hai tu 
mostra a lui in sul viso, ed a me altresì. Che se ciò fa- 
rai, n'avrai obbligato con uno sfolgorato benefizio me, 
che e di tuo talento e per la paterna intrinsichezza ti 
sei tenuto sempre per amico ^ ed a farlo ti prego ol- 
tremodo. 



DCCLII. rAd Att. XVI, 16 E) 

Argomento. Ancora raccomanda a Fianco la causa de' BiUrofi. 

Scritta dalla villa di Pozzuolo r.inno DCCIX, il i5 di Luglio. 

CICERONE A PLANCO PRETORE DESIGNATO S. 

Abbimi per iscusalo se, avendoti per T addietro scritto 
dei Butroti coir gran ressa, ti scrivo pur del medesimo» 



?)0\ KFISTOLA DUCLU. A. V. C. 709 

pius scribani. Non riielieicule, mi Plance , faciu, 
quod ' panim conlldam aut iiberalitali tuae, aut 
iiostrae aiiiicìbae; sed quum tanta ics agatiir At- 
tici nostiij nunc vero etiain cxistimaLio^ ut id, 
quod pvobavit Caesar *, nobis testibus et obsigna- 
toribus, qui et decretis et responsi» Gaesaris in- 
lerfueratnus. videatur obtinere potuisse* praeser- 
liiu quum tota potestas eius rei tua sit^ ut ea, 
quae consules decreverunt secundum Gaesaris de- 
creta et responsa, non dicam comprobes, sed stu- 
diose libenterque comprobcs. Id mibi sic erit gra- 
tunij ut nulla res gratior esse possit. Etsi iam 
spetabam, quum has literas accepisses, fore, ut 
ea, quae superioribus literis a te petiissemus, im- 
petrata essent; tamen non faciam finem rogandi, 
quoad nobis nuntiatum erit, te id fecisse- quod 
magna cum spe exspectanms. Deinde enim ^ con- 
fido fore, ut alio genere literarum utamur, tibi- 
que prò tuo summo beneficio gratias agamus. 
Quod si acciderit, velim sic existimes, non tibi 
tam Atticuni, cuius permagna res agitar, quam 
me, qui non minus laboro, quam ille, obligatum 
forc. 

DCCLIII. Ad Alt. XVI, 16 F) 

y^rgumenlum. Iterum rogat Capilotiem, ut Biithrotiorum 
causani apml Flanciim iiivet. 



Ah. di R. 709 LETTERA DCCLll. 3o5 

ad ogni tratto. Noi fo, o Fianco, in buona fede, per- 
chè io poco mi prometta dalla tua cortesia, o dalla no- 
stra amicizia^ ma perchè la è cosa di tanto rilievo per 
Attico nostro, ed ora ne va anche della sua riputazione^ 
sì ch'egli mostri aver potuto ottenere quello che Ce- 
sare approvò, con testimonianza e segnatura di me, 
che fui presente ai decreti e alle risposte di Cesare^ 
massimamente che la cosa sta in tuo pugno, che cioè 
quello che i consoli stabilirono giusta i decreti e le ri- 
sposte di Cesare, tu non solo lo approvi, ma di tutta 
la buona voglia e di forza lo approvi. Ciò mi riuscirà 
così caro, che nulla, più. Quantunque già io mi avessi 
speranza che al tuo ricever questa mia, quello di che 
con lettere antecedenti ti ho chiesto, sarebbe bello e 
ottenuto^ pure io non farò fine al pregare, sin che 
non ci si dia la nuova che tu hai eseguito ciò che 
aspettiamo a gloria^ che quindi spero entreremo in 
altra foggia di lettere , e ti faremo grazie pel tuo smi- 
surato beneficio. Il che se fia, abbi per fermo d'averti 
obbligato non solo Attico, di cui trattasi una bisogna 
di rilievo grandissimo , ma altresì me che niente manco 
me ne travaglio di lui. 



DCCLIII. (Ad Att. XVI, i6f) 

Argomento. Prega ancora Capitone, che con Fianco dia di 
spalla alla causa de' Biilroti. 



ClCER. X. — Leu. T. IX, 



20 



3'd(5 EPISTOLA DCCLin. A. V. C, 709 

Srr. in Puteolano A. V. C, DGCIX, circa ìd. Qiiiiit. 

CICERO CAPITONI S. 

Non dubito j quin mirere, atque etiam stoma- 
cherCj quod tecum de eadem re agam saepius ^ 
Homiiiis familiarissimi ^ et niihi omnibus rebus 
coniunctissimi^ permagna res agitur. Attici. Go- 
gnovi ego tua studia in amicos, etiam in te ami- 
corum. Multum potes nos apud Plancum iuvare. 
Novi Immanitatem tuam. Scio, quara sis amicis 
iucundus. Nemo nos in bac causa plus iuvare 
potestj quam tu. Et res ita ^ est firma, ut debet 
essCj quam Consules de consilii sententia decre- 
veruntj quum et lege, et senatus consulto cogno- 
scerent. Tamen omnia posita putamus in Planci 
tui liberalitate : quem quidem arbitramur quum 
officii sui ^y et rei publicae causa decretum con- 
sulum comprobaturum^ tum libenter nostra causa 
esse facturum. Adiuvabis igitur, mi Capito: quod 
ut faciasj te vehementer4 etiam atque etiam rogo. 

DCCLIV, (Ad Alt. X vi, 3) 

ylrgnnìt ntum. i Roscribit Attici literis; 2 et quae se in di- 
scessu vel inovciint, vel consolcnlur, exponil. 



An. diR. 7"9 LETTERA DCCLIII. 307 

Scritta dalla villa di Pozzuolo ranno DCCIX, circa il i5 di Luglio- 

CICERONE A CAPITOlNE S. 

Ho per certo che tu farai le meraviglie e saraine 
infracidato di cotesto mio ribadirti pure lo stesso chio- 
do. Trattasi una gran bisogna di Attico, con cui io mi 
son carne ed ugna. So bene la tua amorevolezza verso 
gli amici, e di costoro verso te. Appresso Fianco molto 
aiuto ci puoi fare^ conosco la tua gentilezza, m'è noto 
in quanta gi^azia sii degli amici: nessuno al mondo in 
questo fatto ci può giovar più di te. E la cosa è tanto 
soda , quanto debb' essere , avendola decretata i consoli 
per sentenza di consiglio, presone notizia per legge e 
per un senatoconsulto. Pure io veggo star tutto nella 
cortesia del tuo Fianco^ di cui speriamo " che vorrà 
far buono il decreto de' consoli per rispetto alla cosa 
pubblica =*, e che volentieri favorirà il fatto mio. Dun- 
que , o Capitone , a spalleggiarmi ^ di che ti prego 
quanto più svisceratamente io sappia.^ 



DCCLIV. (Ad Alt. XVI, 3) 

Argomento, i Risponde alla lettera di Attico, 2 e spoae qual 
cosa Io spinga e qual lo consoli nella sua parlila. 



3o8 EPISTOLA DCCLIV. A. V. €. 709 

Scr. ili Fompciaiu) A. V. C. DCCIX, M. Quiiit. 

CICERO ATTICO S. 

I Tu vero sapienter (nunc demiiin enim re- 
scribo his literisj quas mihi misisti, convento An- 
tonio Tiburi)j sapienter igituf^ quocl manus de- 
disti 'j quodque etiam nitro gratias egisti. Certe 
eninij ut scribisj deseremur potius ^ a re publi- 
ca, quam a re familiari. Quod vero scribis te ma- 
gis et magis delectari O The, si quid ego ^' ad- 
dis mihi scribendi alacritatem. Quod Erotem non 
sine munusculo 4 exspectare dicisj gaudeo non fe~ 
, fellisse eam rern opinionem tuam: sed tamen idem 
Giivray^ia ^ misi ad te retractatius- et quidem àc- 
yivjr^cv ipsum, crebris locis inculcatum et refectum- 
Hunc tu tralatum in macrocollum ^^ lege arcano 
convivis tuisj sedj si me amas^ hilaris et bene ac- 
ceptis, ne in me stomaclium erumpantj quum sint 
tibi irati. De Cicerone 7^ velim ita sit^ ut audi- 
mus. De Xenone^ coram cognoscamj quamquam 
nihil ab eo arbitror ncque indiligenter, ncque il- 
libcraliter. De Herode ^^ faciam, ut mandasj et ea^ 
quae scribis j ex Saufeio et e Xenone cognoscam. 
De Q. fìlio, gaudeo tibi meas literas prius a tabel- 
lario meo, quam ab ipso, redditas 9: quamquam 
te nibil refellisset "". Verumtamen. Sed exspecto, 
quid ille tecum ^*, quid tu vicissimj nec dubito, 



An. dìR. 709 LETTERA DCCLfV. 809 

Scritta nel Pompeiano Tanno DGCIX , il i5 di Luglio. 

CICERONE AD ATTICO S. 

I Hai fatto gran senno (che alla fin fine rispondo 
alle lettere speditemi da che t'accozzasti con Antonio 
a Tivoli )j hai dunque fatto gran senno a porvi una 
mano, e i-ingraziarnelo anche di per te: perchè, come 
scrivi, ci fallirà più presto il comune che il fatto do- 
mestico. Lo scrivermi che ti va a sangue oltremodo 
queir O TitOj se io nulla ^^ mi rinfocola a scrivere. Pia- 
cemi che ben ti sei apposto coli' aspettare Erote non 
senza un regaluccio^: ma pure la stessa opera ti mando 
più ritocca: ed auzi P originale medesimo con mille 
sgorbii e rabberciature:, copiatolo in carta grande ^, leg- 
gilo in credenza a' tuoi commensali^ ma, se ben mi 
vuoi , che sieno allegroccl e eh' abbian tirato il corpo 
di gi'inze alla tua mensa , onde non mi facciano una 
solenne scardassata, avendo teco la stizza. Dio faccia 
di Ciceroae quel che odo dire. Circa a Zenone 4, ve- 
drò di presenza , benché da lui non m' aspetto bam- 
bocciate, o grettezze. D'Erode farò il tuo avviso^ e 
quello che scrivi saprò da Saufeio e Zenone. Sul conto 
di Quinto figliuolo, m' è caro che la mia lettera ti sia 
stata pòrta prima dal corriere, che da lui: comechè tu 
non vi saresti gabbato ^. Tuttavia ... ma sto un po' a 
vedere che cosa egli t'abbia detto, e tu rispostogli: e son 



3lO EPISTOLA DCCLIV. A,. V, C. 709 

quin suo more uterque. Sed eas literas " Ciirium 
mihi spero redditurum: qui quidem^ etsi per se 
est amabilis, a meque diligiturj tamen accedit 
magnus cumulus cornmeiidationis tuae. 

2 Literis tuis satis responsum est: nunc audi, 
quod, etsi intelligo scribi necesse non esse, scribo 
tamen. Multa me movent in discessu, in primis 
mehercule, quod diiungor *^ a te. Movet etiam na- 
vigationis labor, alienus non ab aetate solum no- 
stra^ veruni etiam a dignitatej tempusque discessus 
subabsurdum. Relinquimus enira pacem, ut ad bel- 
lum revertamurj quodque temporis in praedioHs 
nostris, et belle aedificatis, et satis amoenis, con- 
sumi potuit, in peregrinatone consumimus. Gon- 
solantur haec: aut proderimus aliquid Ciceroni; 
autj quantum profici possit, iudicabimus. Deinde 
tu iam, ut spero, et ut promittis, aderis. Quod 
quidem si acciderit, omnia nobis erunt meliora. 
Maxime antera me angit ratio reliquorum meo- 
rum »4: quae quamquam explicata suntj tamen, 
quod et Dolabellae nomen in iis est, et attribu- 
tione mibi nomina ignota ^^j conturbor: nec me 
ulla res magis angit ex omnibus. Itaque non mihi 
"videor errasse , quod ad Balbum scripsi apertius, 
ut, si quid tale accidisset, ut non concurrerent 
nomina '^, subveniret; meque tibi etiam mandas- 
se, ut, si quid eiusmodi accidisset, cum eo com- 
municares: quod facies, si tibi videbitur, coque 



Ali. di R. 709 LETTERA DCCLIV. 3ll 

certo, Ognuno a vostra foggia. Quella lettera spero mi 
sarà recata da Curio |, il quale benché per se medesimo 
sia un amabil uomo, ed io gli voglia bene, pure è un 
gran soprassello la tua raccomandazione. 

2 Tanto sia in risposta alla tua^ or odi quel che vo' 
scriverti, benché poco monti. Sul partire mi ho mille 
pensieri, e in prima prima, l'allontanarmi da te. Ed anco 
mi dà pena il fastidio del navigare, che non solo non è 
da questa mia età, ma disdice altresì alla mia digni- 
tà ^^ e il tempo del partire pizzica dello sciocco. Per- 
ciocché lascio la pace per tornare alla guerra, e pelu- 
che logoro in andare a zonzo quel tempo che potrei 
passare ne' miei poderucci ben in assetto e ben deli- 
ziosi. Queste son le consolazioni: o farò qualche van- 
taggio a Cicerone, o saprò netto quanto glien possa 
fare: poi, come spero e prometti, tu vi verrai^ il che 
se fia, tutto sarà vólto in meglio. Quello che più mi 
cuoce , sono i conti de' rimanenti creditori ^ i quali ben- 
ché sieno chiariti, pur l'esservi il nome anco di Do- 
labella, e il non conoscere i nomi dell'assegnamento, 
mi dà un cruccio che nulla piìi. Per tanto non parmi 
aver fatto una minchioneria scrivendo chiaro a Balbo , 
che mi desse aiuto, caso che i conti non gissero di 
qua e di là del paii^ e avendoti ordinato che tu t'ap- 
puntassi seco in tal caso:^ e tu il farai, se ti parrà 



3l2 EPISTOLA DCOLIV. A. V. C. 709 

mngis^ si pi'oficisceris in Epirum. Haec ego con- 
sceiidens e Pompeiano tribus acluariolis, decem 
scalmis '7. Brutus erat in Neside etiam nunc, Nea- 
poli Cassius. Ecquid amas Deiotarum, et non amas 
Hieram? »8 qui, ut Blesamius venit ad me, quum 
ei praescriptum esset, ne quid sine Sexti '9 no- 
stri sententla ageretj ncque ad illuni, neque ad 
quemquam nostrum retulit. Atticam nostram cu- 
pio suaviari ^"r ita mihi dulcis salus visa est, per 
te missa ab illa. Referes igitur ei plurimam, itera- 
que Piliae dicas velira. 



DCCLV. 



(Ad Div. VII, 20) 



Argumenlwn. De Vdiensium in Trebatium amore signifi- 
cai: et ne paternas possessiones vendat, perfugium tem- 
poribus futuras, admonet. 

Sor. Velia A. V. C. DCCIX, XIJI Ival. SfixL 

, , CICEPxO TREBATIO S. D. 

Amabilior mihi Velia fuit, quod te ab ea sensi 
amari ^ Sed quid ego dicam te? ^ quem quis non 
amat? Rufio ^, medius fidius, tuiis ita desidera- 
batur, ut si essct unus e nobis 4. Sed ego te non 
reprehendo, qui illum ad aedificationera tuam ^ 
traduxeris. Quamquam enim Velia non est vilior, 
quam Lupercal, tamen istuc malo, quam haec 
omnia ^. Tn, si me audieSj quem soles, has pa- 



An. .HR. ;o9 LETTERA DCCLIV. 3l3 

bene, e vie più se ti porti nelP Epiro. Questo scrivoti 
salpando dal Pompeiano in tre feluche 7 a dieci scar- 
mi 8. Bruto è tuttavia a Nesida, e Cassio a Napoli. 
Come diavol ami Deiotaro, e non lera? 9 il quale, 
dopo venuto da me Blesamio, essendogli stato impo- 
sto di non far nulla se non a detta del nostro Sestio "", 
non ne fiatò punto né a lui, né ad alcun de' miei. 
Deh! baciami, benché lontana, l'Attica mia! »' tanto 
mi toccò l'ugola il suo saluto per te mandatomi. Con- 
traccambiala dunque a ribocco, e fa il medesimo con 
Pilia. 



DGCLV. 



( A Div. VII , 20 ) 



ÀrgOììteiito. Scrive dell" affezione dei Veliesi verso Trebazio, e 
lo distoglie dal vendere le possessioni paterne, siccome ri- 
covero pel tempo avvenire. 

Scritta da Velia l'anno DCCIX, il ao di Luglio, 

CICERONE A TREBAZIO S. 

Velia mi sembrò più cara dacché veggo che tu se' 
caro a lei. Tu, dico io? or a chi del mondo non sei 
tu caro? Il tuo Rufionc era aspettato ^, in vera verità, 
né più né meno che se fosse uno de^ miei. Ma io non 
ti rampogno dello averlo trasportato alla tua fabbrica. 
Che sebben Velia non è al di sotto del Lupercale ^, 
pure a me dà nelPumor questo più che altro qualsia. 
Tien fermo, se vuoi dar retta a me, come suoli, qnc- 



3l4 EPISTOLA DCCLV. A. V. C. 709 

tenias possessiones tenebis (nescio quid enim Ve- 
lienses verebantur)- neque Haleteni ij nobilem am- 
neni, lelinqueSj nec Papirianam domum ^ deseres. 
Quamquam illa quideni habet lotum 9, a quo etiam 
advenae teneri solent: quem tamen si exciderisj 
multum prospexeris. Sed in primis opportunum 
videtur, bis praesertim temporibus, babere per- 
fugium, primum eorum urbem, quibus carus sis* 
deinde tuam domum tuosque agros, eaque remo- 
to *°, salubri, amoeno loco: idque etiam mea in- 
teresse, mi Trebati, arbitror. Sed valebis, meaque 
negotia videbis, meque, diis iuvantibus, ante bru- 
niam exspectabis. Ego a Sex. Fadio ", Niconis di- 
scipulo, librum abstuli, ISv/mvc^ r.sfji ~olv(paytcx.g ^^. 
O medicum suavem, meque docilem ad liane di- 
sciplinami Sed Bassus noster ^^ me de hoc libro 
celuvit: te quidem non videtur ^4. Ventus incre- 
brescit '5. Cura, ut valeas. XIII »6 Kal. Sext. Velia. 

DCGLVL (^ Ad Div. VII, ig) 

Argumentiim. Antonio post Caesaris necem rem pubi, tur- 
bante. Cicero desperans libertatem, in Graeciam abire 
constiluit. In quo itinere Topicorum librum scripsit, 
eunique Trebatio misit ab P«.hegio, ubi et bae literae 
sunt datae de tisu et interpretationc eius libri docentes. 



An.diR.yog LETTERA DCCLV. 3l5 

ste paterne possessioni (perdio i Veiicsi aveaii non so 
qual sospetto), né voler abbandonar Alete ^, bel fiume, 
né la casa di Papiiio^ comechè quelP altra ha eziandio 
un boschetto 4 di cui van presi anco i foi'estierl^ che ♦ 
però se il tagli, faraiti un gran spiazzo. Ma par il più 
bel concio, a di questi tempi, l'avere un rifugio si nella 
città de' tuoi cari , e sì nella casa tua , in tuoi fondi , 
e in luogo remoto, salubre, delizioso: e cotesto, o mio 
Trebazio , mette conto anche a me. Ma sta sano , e fa 
i fatti miei, e aspettami, se Dio m'aiuta, prima di 
verno ■^. Io da Sestio Fadio, discepolo di Nicone ^, ho 
scroccato il libro: Delle cose da mangiar di Nicone. 
Oh il grazioso medico ! oh quant' io gli sono schiavo 
in questa dottrina! Ma il nostro Basso non mi fé' motto 
di tale libro : a te però non pare. Il vento piglia pie- 
de. Fa di star sano. Da Velia, ai 20 di luglio. 



DCCLVI. 



(A Div. VII, 19) 



Argomento. Sconvolgendo Antonio la Repubblica dopo la \\c- 
cision di Cesare, Cicerone, disperando delia libertà, risolse 
di migrare in Grecia. Nel qunl viaggio scrisse l'opera dei 
Topici, clic mandò a Trebazio da Reggio, d" onde fu scritta 
pure questa lettera indicante l'uso e T interpretazione di esso 
libro. 



3l6 EPISTOLA DCCLVI. A. V. C 705} 

Srr. Rliegio A. V. C. DCCIX , V Ival. Soxf. 

CICERO TREBATIO S. 

Vide^ quanti apiul me sisj etsi iure ìd qui- 
deni : non enini te amore ^ vinco. Verumtamen 
quod praesenti tibi prope subnegaram ^^ non tri- 
bueram certe, id absenti debere non potai. Ita- 
que j ut primum Velia navigare coepi , institui 
Topica Aristotelea ^ conscribere , ab ipsa urbe 
coinmonituSj amantissima tui 4. Eum librum tibi 
misi Rbegio, scriptum, quam pianissime ^ res illa 
scribi potuit. Sin tibi quaedam videbuntur obscu- 
rioraj cogitare debebis, nuUam artem literis ^, sine 
interprete, et sine aliqua exercitatione percipi pos- 
se. Non longe abieris 7. Num ius civile vestrum ^ 
ex libris cognosci potest? qui quamquam plurimi 
sunt9, doctorem tamen nonnunquam ^° desiderant. 
Quamquam tu si attente leges, si saepius, per te 
omnia consequere, ut certe " intelligas, Vt vero 
etiam ipsi tibi loci, proposi ta quaestione, occur- 
rant, exercitatione consequere. In qua quidera nos 
te continebimus ^^^ si et salvi redierimus, et salva 
ista offenderimus. V Kal. Sext. Rhegio. 



DGCLVII. 



CA.l Div. XI, 3) 



y^rf^itfììr>,tfi//i. ('onluuieliosis et miiitirilm'; Aiilonii lileri'i 
Biiifii', et (';i«.KÌu'- acriter respondeii! 



A«.«li 11.709 LETTKRA DCCL\I. 3 1 ^ 

Scritta cl;i Rcii'^io ranno DCCJX, il -28 ili Luglio. 

CICERONE A TREBAZIO S. 

Vedi conto ch'Io fo Ji 'ic: e In vero a buon drit- 
to^ che in fatto d'amore tu mi st.ii sopra. Or quello 
che di presenza ti ho mezzo negato . o certo non con- 
ceduto , lontano non posso fare eh"' io non lo ti dia. 
Quindi, appena salpato da ^elia^. ho delibero di scri- 
vere la Topica d' Aristotele 2, a istanza altresì della 
stessa città che ti vuole tutto il suo bene. Ti mando 
questo libro da Reggio, dettato nel modo il più chiaro 
che la cosa patisse. Che se qualche po' di buio tu vi 
scorgessi in checchessia, devi por mente, niuna arte 
potersi dai libri apprendere senza interprete e senza 
alquanto di pratica. Verbigrazia, per non ir lontano, 
il vostro, diritto civile si può egli ap[)arare da' libri? i 
quali benché ve n'abbia un subisso, pure bau biso- 
gno d'un maestro e dell^uso. Sebbene, quando tu legga 
attentamente e spesso, tu apprenderai nettamente ogni 
cosa. Ed a far sì che i luoghi medesimi , messa in campo 
una questione, ti balzino alla mente, varratti l'eserci- 
zio: nel quale io ti intratterrò, se mi fia dato tornar 
salvo, e trovar ju salvo queste cose. Da Reggio, ai 28 
di luglio. 



DCCLVII. 



\ n.v. XI, .1) 



Argomento. All'adonlosa e minaccevoi Iel(er;i di Aiilonit» n- 
spondoiiu con altretlanf;t bravura Bruto e Ciu^sio. 



3l8 KPI.STOLA DCCLVll. A. V. C. 709 

Scr. lurl.usM- e\ Ne.ide A. V. C. DCCIX , pr. Non. Sext, 

BRV TVS ET CASSIVS PRAET T. S. D. ANTOiNIO COS. » 

S. V. B. E. ^ Literas tuas legimus, simillimas 
eclicti tiii 3, coiitumeliosaSj minaces, minime cli- 
giiaSj quae a te nobis 4 mitterentur. Nos, Antoni, 
te nulla lacessiimus ^ iniuria^ neque miraturum ® 
credidimuSj si praetores, et ea dignità te homines, 
aliquid edicto postulassemus a consule 7. Quod si 
indignaris, ausos esse id facerej concede nobis, 
ut doleanms ^, ne hoc quidem abs te Bruto et 
Cassio tribui 9. Nani de delectibus »° habitis, et 
pecuniis imperatis, exercitibus solicitatis, et nun- 
tiis trans mare missis ", quod te questura esse 
negasj nos quidem tibi credimus, optimo animo 
te fecisse ": sed tanien neque agnoscimus quic- 
quam eorum '^^ et te '4^ miramur^ quum liaec re- 
ticueris, non potuisse continere iracundiam tuam, 
quin nobis de morte Gaesaris obiiceres. lUud vero 
quemadmodum ferendum ^^ sit, tute cogita: non 
licere praetoribus, concordiae ac libeitatis cau- 
sa ^^y per edictum de suo iure decedere ^7^ quin 
consul arma minetur. Quorum fiducia nihil est, 
quod nos terreas. Neque enim decet, aut conve- 
nit nobis '^^ periculo ulli submittere animum no- 
strum: neque est Antonio postulandum '9, ut iis 
imperet, quorum opera liber est. Nos sì alia hor- 



An. .ii U. ;o9 LKTTER.V DiJCLVII. SlQ 

Scritta torse ila Neside Panno DCCIX, li \ óì Ayualo. 

BRUTO E CASSIO PRET. AD ANTOiNIO COiNS. S. 

Se tu stai sano, bene sta. Abbiani letta la tua, d'una 
medesima taglia appunto delP editto ^, oltraggiosa, mi- 
naccevole, e tale quale tu non dovevi mai scrivere a 
noi. iVoi, o Antonio, non t' abbiain fatto ingiuria al- 
cuna, uè ci pensammo che tu ti saresti lasciato ire a 
minacciare, pei'cbè noi pretori e personaggi di conto 
abbiam chiesto con editto il console di qualcosa ^. Che 
se prendi a sdegno l'aver noi osato di farlo, lasciaci uà 
po' rammaricare che tu non permetta a Bruto e Cassio 
nemmanco questo. Perciocché quanto al tuo negare d'es- 
serti doluto degli assoldamenti , de' balzelli , degli eser- 
citi sollecitati e delle ambascerie oltre mare, noi vo- 
gliam credere che tu l'abbi fatto a buona coscienza ^^ 
tuttavia né nulla ci sappiamo di coleste cose, e parci 
gran fatto che tu , non avendo mosso bocca su ciò , 
non ti sei potuto poi frenare , che tu non ci gettassi 
in sul viso la morte di Cesare. Or tu pensa come ab- 
biasi questo a patire: non potere i pretoi'I, a fin di 
pace e libertà , con un editto torsi giù dal suo di- 
ritto 4, senza che il console dia all'armi. Colle quali 
tu ci bravi a credenza^ perchè a noi non s'affa né 
mette conto lo smagarci per alcun pericolo , né ad 
Antonio il cercar la padronanza su di coloro per cui 
opera egli è libero. Se altro ci spingesse a voler mo- 



320 EPISTOLA DCCLVII. A. V. C. 709 

tarentur, ut belliim civile suscitare vellemus, li- 
terae tuae ^° nihil proficerent. Nulla enim minan- 
tis ^* auctoritas apud liberos est. Secl pulchre iii- 
telligis , non posse nos quoquani ^^ impelli : et 
fortassis ea re minaciter agis^ ut iudicium no- 
strum ^^ metus videatur. Nos in hac sententia su- 
musj ut te cupiamus in libera ^4 re publica ma- 
gnum atque honestuQi esse ^^j vocemus te ad 
nullas inimicitiasj sed tamen pluris nostram li- 
bertatem. quam tuam amici tiam aestimemus. Tu 
etiam atque etiam vide, quid suscipias, quid su- 
stinere possisi ncque, quam diu vixerit Caesar, 
sed quam non diu regnarit ^^^ fac cogites. Deos 
quaesumus ^7, Consilia tua rei publicae salutaria 
sint, ac tibi ^^: si minusj ut, salva atque hone- 
sta re publica, tibi quam minimum noceant *9, 
optamus. Pridie Nonas Sext. 



DCGLVIIl. 



(Ad Alt. XVI, 6j 



Argumentum. Scribit de itinere suo; petitque ut nomina 
sua expediat: denique aliud libri de gloria prooeiniuni 
niittit. 

Scr. Vibone A. V. C. DCCIX , Vili Kal. Scxl. 

CICERO ATTICO S. 

Ego adhuc (perveni enim Vibonem ' ad Siccam ^ 
magis commode , quam strenue navigavi : remis 



An. di U. Jf^y LETTERA DCCLVII. 3 J I 

vere guerra civile, la tua lettera non varrebbe un ])e- 
o : perchè niuna forza lia uno che minacci appresso i 
liberi. Ma ben capisci che noi non siam uomini da 
giocarseli^ e forse te ne stai sulle bravate per dar fac- 
cia di paura alla deliberazion nostra. Noi siam fermi 
al tutto ili questo pensiero , die ti vogliam grande e 
onorato in libera Repubblica; né ti aizziamo a verun 
ciuccio: ma tuttavia più ci sta a cuore la libertà no- 
stra, che r amicizia tua. Tu farai senno a masticar bene 
quel che far tu intenda, e quello a che tu possa aver 
vaglia: e prendi un po' a pensare non quanto di vit;i 
si ebbe di Cesare, ma quanto di non signoria ^. Pre- 
ghiam Dio che i tuoi divisi facciano a prò del co- 
mune, e a te^ se altiimcuti, desideriamo che, tenuto 
in salvo e in onore il comune, facciano a te il meu 
danno possibile. A' 4 d'agosto. 



DGCLVIII. (AdAu XVI.6) 

Argomento. Accenna il suo viaggio, e gli chiede ingrazia clic 
dia asscUo a' suoi debili; e per ultimo gli manda un ahro 
proemio al hbro de Gloriti. 



Scritta da Viboiic l'anno DCCIX, li a5 di Luglio. 

CICKKOiNE AD AllTCO S. 

Io fino ad ora (dacché soii giunto a Vibonc in casa 
Sica) ho f.itto un navigare piuttosto agiato che bravo i 

C/c£i;. A — Leu. T JX. 21 



322 EPISTOLA DCCLVllI. A. V. C. 709 

enim niagnam partemj prodromi nulli ^ lllud satis 
opportune: duo sinus fuerunt^ quos tramitli opor- 
tet 3, et Paestanus et Vibonensisj utrumque pe- 
dibus aequis 4 transmisimus. Veni igitur ad Siccam 
octavo die e Pompeiano, quum unum diem Ve- 
liae constitissem : ubi quidem fui sane libenter 
apud Thalnam ^ nostrum: nec potui accipi, ilio 
absente praesertim, liberalius. IX Kal. igitur ad 
Siccam. Ibi tamquam domi meae scilicet. Itaque 
obduxi ^ posterum diem. Sed putabam, quum Rlie- 
gium venissenij fore, ut illic, dcì.r/òv 7r/ocy ópij.zi- 
:/cvr£s 7^ cogitaremusj corbitane ^ PatraSj an actua- 
riobs ad Leucopetram Tarentinorum, atque inde 9 
Corcjram: et, si oneraria, statimne freto *", an Sj- 
racusis. Hac super re scribam ad te Rliegio. Me- 
hercule, mi Attice, saepe mecum: yj dvùp ó^óc, ici 
::' a. 'ara- " cur ego tecum non sum? cur occUos 
Ilaliae, villulas meas non video? Sed id satis su- 
perquCj tecum me non esse. Quid fugientem? pe- 
riculumne? '^ Id nunc quidem, nisi fallor, nullum 
est. Ad ipsum enim *^ revocat me auctoritas tua. 
Scribis enim in coelum ferri profectionem meam , 
sed ita, si ante Kal. lan. redeamj quod quidem 
certe enitar. Malo enim vel cum timore domi es- 
se, quain sine timore Athenis tuis. Sed tamen pro- 
spice »4^ quo ista vergant ; mihique aut scribe , aut , 
quod multo malim, affer ipse, Haec hactenus. ll- 
lud velim in bonam partem accipias, me agere 



An. .Il n. 709 LETTERA DCCLVIII, [323 

{terchù il più a remi, e nou punto di venti forieri '. 
(,)ueslo ci fu di buono, che i due seni da traghettar- 
si *, quel di Pesto ^ e di Vibone 4, gli abhiam valichi 
a gonfie vele. Fui dunque da Sicca, partitomi da otto 
di dal Pompeiano^ e soffermatomi un sol giorno a Ve- 
lia, dove pure mi stetti a pie pari presso il nostro Tal- 
na, e v'ebbi un mondo di finezze che mai più, mas- 
sime lui lontano. Dunque ai ventiquattro da Sicca, né 
])iù uè meno che in casa mia^ per tanto v' aggiunsi 
anco r indomani. Ma stimo, venuto ch'io sia a Reg- 
gio, di far ivi le ragioni, mettendoci ad un lungo na- 
vicare , se debba ire a Patrasso sur una corvetta ^. ov- 
\ ero a Leucopetra ^ de' Tarentini su piccole fuste , e 
di là a Corfù^ o se invece su vascelli da carico di botto 
allo Stretto , o meglio a Siracusa. Intorno a cotesto ti 
scriverò da Reggio. In fede mia, o Attico, io vo spesso 
pensando : n che prò cotesto impreso viaggio ? 7 perchè 
non son io leco? perchè non veggo io quegli occhiuzzi 
d'Italia, le ville mie? ^ Ma ciò passa ogni cosa, ch'io 
non son teco : e che diamin vo' fuggendo ? il pericolo ? 
questo al presente, se non m'appongo male, non v'è", 
poiché P autorità tua mi vi caccia incontro , scriven- 
domi tu che la mia partita si mette in cielo, purché 
io torni innanzi alP entrar di gennaio:, al che io mi ci 
porrò a tutt'uomo: che m' è più caro lo starmene a 
casa mia in paura, che senza paura nella tua Atene. 
Ma pur tu bada ove parin le rose^ e me lo scrivi, o 
mei reca tu medesimo, clic mi piacerebbe mille rotanti. 
Di ciò basti. Ricevi in buona pirtc ch'io ti faccia ressa 



324 EPISTOLA nCCl.VlII. A. V. C. 709 

tecunij qiiod libi maiori ciinie sciam esse, quaiii 
ipsi mihi. Nomina mea, per deos^ expecli^ exsolve. 
Bella reliqua reliqui ^^: secl opus est dlligentia , 
coheredibus prò Cluviano Kal. Sext. persolutum 
ut sit. Cum Pubblio quo modo agendum sit, vi- 
debis. Non debet urgere, quoniam iure non uti- 
mur '^5 sed tamen ei quoque satisfieri piane volo. 
Terentiae vero, quid ego dicam? etiam ante diem, 
si potes. Quiuj sij ut spero, celeriter in Epirum, 
hoc, quod satisdato debeo "7, peto a te, ut ante 
provideas, planeque expedias. et solutum relin- 
quas. Sed de bis satisj metuoque, ne tu nimium 
putes. Nunc negbgentiam meam cognosce. De Glo- 
ria librum ad te misi: et ^^ in eo prooeminm id 
est, quod in Àcademìco tertio. Id evenit ob eam 
rem, quod habeo volumen prooemiorum. Ex eo 
ebgere solco, quum aliquod Ti^yypaaua institui. Ita- 
que iarn in Tusculano, qui non meminissem me 
abusum isto prooemio, conieci id in eum librum, 
quem tibi misi. Quum autem in navi legerem Aca- 
dcìiiicos , agnovi erratum meum. Itaque statim no- 
vum prooemium exaravi: tibi misi ^9. Tu illud de- 
sccabis, hoc agglutinabis. Pihae salutem dices, et 
Atticae, deliciis atque amoribus meis. 



DCCLIX. 



(AJ Ali. XVI, 7) 



Jrgumentmn. Rcvcrsionis suae causas exponit, et coiisilium 
in Gracciani pioficiscciuli cxcusat. 



Aa. Ji R. 709 LETTERA DCCLVill. 32*) 

di ciò che so essere più a cuore a le, che a me me- 
desimo. Spastoiami, per Dio, i miei conti, cavane ic 
mani. Il resto Io lasciai in bell'acconcio-, ma è mestieri 
gran premura affin che si soddisfaccia ai coeredi del- 
l'asse Cluviano pel primo d'agosto. Vedrai modo da 
tenersi con Publilio^ non deve stringerci, perchè non 
istiam sul tirato^ ma pure voglio che gli si dia tutto 
tutto il suo conto. Che dirò poi a Terenzia? anche 
prima del dì posto, se ti vien fatto. Che se, come 
spero, vai ratto nell'Epiro, pregoti a trattare innanzi 
e spacciare al postutto .9, e lasciarmi bello e netto ciò 
eh' io debbo per sicurtà. Ma di cotesto basti, e già du- 
bito che ti sembri anche troppo. Or vedi mia balor- 
daggine. Ti mandai il libro della Gloria; ma v' è in 
esso il medesimo proemio che nel terzo degli accade- 
mici; e ne fu cagione l'aver io uno zibaldone di proe- 
mii *°, d'onde ne soglio cavare quando pongo mano a 
qualche opera. Laonde in Tusculano, uscitomi di mente 
d'essermi già servito di quel proemio, tei ficcai in quel 
libro mandatoti^ e leggendo poi in nave gli accade- 
mici , m'addiedi dello sbaglio: quindi di colpo scris- 
sine mi nuovo, e tei mando. Tu stralcia quello, e ap- 
piccavi questo." Salutami Pilia ed Attica, mie delizie e 
miei amori. 



DCGLIX. 



(Ad Ali. XVI, 7) 



Argomcnlo. Spone i motivi del suo ritorno, e cerca scuse alla 
sua delcrniinaziouc di |)arlire per la Grecia. 



3^6 EPISTOLA DCCLIX. A. V. C. 7(;y 

Sci: navigans in Poinpeianum A. V. C, DCCIX, XIV '\>il. Sc;/t. 

CICERO ATTICO S. 

Octavo Id. Sext. quum a Leucopetra profeclus 
(inde enim tramiltebaai) stadia circiter ccc * pru- 
cessJssem, reiectus suiii austro \'ehementi ad eam- 
dem Leucopetram. Ibi quum veiituiii exspectareiii 
(erat enim villa Valerli noslri, uL familiariter es- 
sem, et libenter), Rlieginl quidam, iliustres hu- 
mines, eo veneruntj Roma sane recentesj in iis 
Bruti nostri liospes, qui Brulum Neapoli reliquis- 
set. Haec afferebant: edictum ^ Bruti et Gassiij et 
fere frequentem senatum Kalendis ^j a Bruto et 
Cassio literas missas ad consulares et praetoriosj 
ut adessent, rogare. Summam spem nuntiabant, 
fore, ut Antonius cederet, res conveniret, nostri 
Romam redirent. Addebant etiam, me desiderari, 
subaccusari 4. Quae quum audissem, sine uUa du- 
bitatione abieci consilium profectionis, quo me- 
hercule ne antea quidem delectabar. Lectis vero 
tuis literisj admiratus equidem sum, te tam ve- 
liementer sententiam commutasse j sed, non sine 
eausa, arbitrabar. Etsi ^, quamvis non fueris sua- 
sor et impulsor profectionis meae , approbator 
certe fuisti, dummodo Kal. lan. Romae essem. 
ita fiebat, ut, dum minus periculi videretur, ab- 
essem; in flammam ipsani venirem. Sed haec, 



Ad, di R. 7^9 LETTERV DCCLIX. ^2'] 

Scr. navigando verso il Pompeiano l'anno DCCIX, il \g d'Agosto. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Il 6 agosto spiccatomi da Leucopetra ( che di là 
presi V abbrivo ) , avendo scorsi trecento stadli » a im 
bel circa, fui ribalzato da un ostro gagliardo pure a 
Leucopetra. Quivi aspettando buon vento, nella villa 
del nostro Valerio, ove stavami alla dimestica e di 
buona voglia, capitarono certi Reggiani, uomini di 
conto, venuti da Roma di fresco; e tra essi T ospite 
del nostro Bruto, che il lasciò a Napoli. Narravano 
r editto di Bruto e Cassio ^^ affollerebbesi il senato alle 
calende- Bruto e Cassio avere scritto ai consolari e ai 
preterii, pregandoli venisservi. Davano grande speranza 
che Antonio abbia a cedere , il fatto ad acconciarsi , e 
i nostri tornare a Roma. Aggiungevano che io sono de- 
siderato e mezzo rampognato. Le quali cose udite, get- 
tai via di botto e fermamente il pensiero di partire, 
«he in verità non m' avea mai garbato. Letta poi la 
tua, mi son fatte le meraviglie dell'aver tu così a rotta 
mutato parere : ma pensava , non senza quare. Che , 
quantunque tu non mi abbi consigliato e aizzato alla 
partita, pure me l'approvasti sì veramente, ch'io fossi a 
Roma pel primo di gennaio. Così ne veniva, che quando 
poco di pericolo si vedea, me ne stava lungi, e nel 
bello del rovinio me ne veniva. Pur codesto, se non 



328 EPISTOLA DCCLIX. A. V. C. 709 

etiaìiisi non pnulciitcr, lainen àviiiiaYirx snnt: pri- 
mum, qiiod de mea sententia acta suntj deinde, 
etiamsi te auctore, quid debet, qui consilium datj 
praestare praeter fidem? Illud admirari satis non 
poUii, quod scripsisti bis verbis : « Bene igitiir, 
« lUj qui t^jZ-y.va^i&.v ^: ])ene' rclinque patriam. « 
Ali ef;o relinquebam, aut tibi tum rebnquerc vi- 
dei )ai ? Tu id non modo non probibebas, A^eruui 
elinni appiobabas. Graviora, quae restant: « Ve- 
ti litri fjyf^.icv aliquod ebuies ad me 7, oporluisse 
« le isluc Tacere. » Itane , mi Altice^ defensionc 
eget menni factum , praesertim apud te, qui id 
niirabiiiler approbasli? Ego vero istum y.r.cl:yi-7[j.iv 
o-Dvra'^cp.at , sed ad eorum abquem , quibus invilis 
et dissuadentibus profectus vsum. Etsi quid iam 
opus est fyyckl'A si persevcrassem, opus fuisset. — 
At boc ipsum non constanter ^. — Nemo doctns 
uniquam (multa autem de boc genere scripta sunt) 
mutationem consilii, inconstanliam dixitesse. Dein- 
ceps igitur baec: « Nam si a Pbaedro nostro 9, 
■-<■ cxpedila exciisatio esset. Nunc quid responde- 
« mus/ » Eigo id erat meum factum ^ quod Ca- 
toni probare non possem *°5 flagitii scibcet plenum 
et dedecoris. Vtinam a primo ita tibi esset vi- 
sum! tu mibi, sicut esse soles, fuisses Cato. Ex- 
Iremum illud vel molestissimum : « nam Brutus 
« noster silet: •>•> boc est, non audet bominem id 
aetatis " monere. Aliud nibil babco. quod ex iis '* 



An. di R. 709 LETTERA DCCLIX. 32Q 

fu nrudcnz.i . certo ìwìi se ne può dartene colpa: in 
prima percljè il feci eli mio capo: e in secondo, se 
anclie tu m'avessi consigliato, a clic altro è tenuto il 
consigliere che alla fedeltà? ]\Ia bene uscii fuor del se- 
colo per quelle tue parole: « Vieni dunque tu clic prc- 
« diclii il bel morire^; e che? abbandoni la patria? » 
Or abbandonavala io? o sembrava a te ch'io l'abban- 
donassi? Tu già noi vietavi, ma ben anco approvavi. 
Più marchiane son le seguenti: « Vorrei mi mandassi 
« qualche bella -chiosa "che mi provi averlo tu fatto 
« di giocoforza. ?; Così, o mio Attico, io ho bisogno 
ili fatto mio di difesa presso di te che me Thai solen- 
nemente approvalo? IJen io farò questa di/Isa, ma a 
talun di coloro a cui marcio dispetto io partii. Ben- 
ché qual bisogno di chiose? se fossi stato forte, allora 
sì. — ]\Ia anche in questo fatto barcollai. — Niun sa- 
vk) mai (e su di questo ci ha molti scritti) chiamò 
incostanza il cangiar consiglio. Séguiti: « Se l'avessimo 
« dal nostro Fedro 4, la scusa sarebbe bella e fatta ^ 
« ma ora che rispondere? v Era dunque l'opera mia 
sì fatta, che a Catone ^ non avrei potuto farla passar 
buona , piena di scelleraggine e disdoro ? Fosse piaciuto 
n Dio che tale la ti fosse parsa a primo tratto: tu 
m'avresti fatto, come suoli, da Catone. Quelle da ul- 
timo poi mi passan fuor fuori: «« Poiché il nostro Bruto 
" sta zitto: n come a dire che non s'arrischia di fai* 
il maestro in capo ad uomo dell'età mia^ che questo 



33o EPISTOLA DCCLIX. A. V. C. 709 

a te verbis significali puteni: et hercule ita est- 
Nam XVi Kal. Sept. qiium venisseni Veliain^ Bru- 
tiis autlivit: erat enim cum suis navibus apud Ha- 
letem ^^ fluvium, citra Veliain iiiillia passimi in. 
Pedibus ad me statini. Dii immortales! quam valde 
ille reditUj vel potius reversione 4 mea laetatus! 
efFiidit illa omnia j quae tacuerat, ut recordarer 
ijlud tiuim: « Nam Brutus noster silet. " Maxime 
autem dolebat, me Kal. Sext. in sena tu non fuis- 
se. Pisonem ^^ feiebat in coelum: se autera lae- 
tari, quod efrugisseni duas maximas vituperatio- 
nes: unam, quam itinere faciendo me intelligebam 
suscipere, despera tionis, ac relictionis »^ rei pu- 
blicae (flentes mecum vulgo querebantur^ quibus 
de meo celeri reditu non piobabam'? )j alteram, 
de qua Brutus, et qui una erant (multi autem 
erant), laetabantur [quod eam vituperationem ef- 
fugissem], me existimari ad Olympia ^^. Hoc vero 
iiiliil turpius, quovis rei publicae tempore j sed 
hoc àvrj.r.c\rfiT-cv '9, Ego vero austro gratias mi- 
ras 2°, qui me a tanta infuinia averterit. Reversio- 
nis has speciosas ^' causas liabes, iustas illas qui- 
dem et magnas; sed nulla iustior, quam quod tu 
idem aliis literis: « Provide, si cui quid ^^ debe- 
« tur, ut sit unde par pari respondeatur ^^. Mi- 
'< rifica enim ^^jTi^uixia, *4 est propter aietum ar- 
«' morum. » In freto medio liane eplstolam legi, 
ut, quid pos:àcin prò videro, in meatcm mihi non 



i 



An. Jl U. 709 LETTERA DCCLIX. 33 1 

mi par vogliano inferire quelle parole, e certo è così, 
l'crchò ai 1 7 ti' agosto essendo io venuto a Velia ^, 
llrulo il riseppe, che slava con sue ua>i presso il fiume 
Alete 7, di qua da Velia intorno a tre miglia^ e di brocco 
a piedi da me. Poter del mondo! come gongolava egli 
del mio ritorno, o piuttosto risvolgimento! Sborrò tutti 
i segreti suoi, onde mi si parò alla mente quel tuo: 
« Poiché il nostro Bruto sta zitto. « E fucea un gran 
dolersi eh' io non fossi stato a senato il calea d" ago- 
sto. Metteva Pisene in cielo ^^ e eh' egli seulia un' al- 
legrezza la maggior del mondo perch'io due gran bia- 
simi avea scansati: Puno, che al mettermi a viaggio 
capivo venirmi addosso, del disperare e delP abbando- 
nare il comune, d'onde mi faceaa piagnistero quelli 
cui non poteva capacitare del mio subilo ritorno^ P al- 
tro biasimo (che l'averlo io schifato dava allegrezza a 
Druto, e a quelli molli eh' eran seco), dell'aver data 
vista d' andare ai giuochi olimpici 9. Gran vitupero in 
falli, in qualunque temporale della Repubblica:, ma in 
cotesto incscusahilc. Granmercè alP ostro che mi levò di 
cajO infamia così badiale! del ritorno eccoti le cagioni 
apparenti^ e le son pure giuste e grandi '"^ ma niuua 
più giusta di quanto tu mi dicevi in altra tua: « Fa 
« opera, se nulla tu devi ad alcuno, che si possa ren- 
w der il conlracc.imbio a capello^ perchè l' nvei danari 
« è come aver delle stelle del cielo in coleste battisof- 
« Gole d' armi. >» In mezzo lo Stretto lessi questa lette- 
ra, onde non mi si desse iimanzi altra stiva da provve- 



33^ EPISTOLA DCCLIX. A. V. C. 709 

Teniret, nisi ut ^^ piacseiis me ipso defciiderem. 
Scd liaec haclenus : reliqua corani. Antoiiii edi- 
cLuin legi a Bruto ^6, et liorum contra, scriptum 
praeclare. Sed quid ista edicta valcaut, aut quo 
specteiitj piane non video: nec ego nunc, ut Bru- 
tus censebat, istuc ad rem publicam capessendam 
venio. Quid cnim fieri potest? num quis Pisoni 
est assensusi num rediit ipse postridie? Sed ab- 
esse hanc aetatem longe a sepulcro negant opor- 
tere ^7, Sed obsecro te, quid est quod audivi de 
Bruto? Pibam T.iibd-Qi'jBc/.L Tra^saÀi^jct ^^^ te scripsisse 
aiebat. Valde suni commotus: etsi idem, te seri- 
bere , sperare melius. Ita piane vebm. Ei dicas 
plurimam sahitem, et suavissimae Atticae. Haec 
scripsi navigans, quum Pompeianum accederem, 
XIIII Kal. 



DCCLX. 



(Ad Div. X , 1 ) 



Jrg;iimentiim. i Invchitur in Antonii insolentiam : Planro 
rem pubi, commendai; 2 ac de Furnio benigne susce- 
[)lo gratias agii. 

Scr. Romae A. V. C. DCCIX, mense Scpt. rx. 

CICERO PLANCO » 

I Et afui ^ proficiscens in Graeciamj et po- 
steaquam de meo ^ cursu rei publicac sum voce rc- 
vocatus4j numquam per M. Antonium quietus fui^ 



Al». <ii n. 709 lettkha dcclix. 333 

tlere a questo, se non il venir a difendermi io stesso 
in persona. Di ciò basti: il resto a bocca. Bruto mi 
die leggere l'editto di Antonio, e il costoro di rim- 
becco, scritto a meraviglia. Ma non so ben vedere a 
cbe prò questi editti, e dove battano^ né io vengo al- 
trimenti costà, come Bruto si dava a credere, a imba- 
razzai'mi nella Repubblica. In fatti che può farsi? S'ac- 
cordò nessuno con Pisone? tornò egli forse l'indoma- 
ni.^'' Ma dicono che la mia età non vuol esser troppo 
lontana dalla fossa ^^. Ma di grazia che cosa ho io udito 
di Bruto? diceva che tu avci scritto che Pilia c/'ucc/a- 
\'(isi di paralisia. Molto mi angosciò, benché dicea pu- 
re, che tu scrivevi sperar meglio. Dio il voglia. Mille 
saluti a lei ed alla carissima Attica. Scrissi questa na- 
vigando alla volta del Pompeiano li diciannove. 



DCCLX. (A. Dir. X, 1) 

Jrgonicnto. i Si scaglia contra l'insolenza di Antonio, mentre 
raccomanda la llcpubl)lica a Planco; i e ringrazia questo per 
Ih cortese accoL'liciiza falla a Furnio. 



Scritta ria Roma l'anno DCCIX, air uscir di Settembre. 

CiCEPiONE A PLANCO » 

I Partitomi per la Grecia, trovavami lontano '^ e 
dacché la Hepubblica a voce ini richiamò dal mio corso, 
-Marco Anlonio moji mi lasciò mai un po' di rescpiilto- 



334 EPISTOLA DCCLX. A. V. C. 709 

cuius lauta est, non insolentia (nain iti quidein 
vulgnrc vilium est), sed immanitas, non modo 
ut vocem, sed ne vultum quidem liberuai possit 
ferie cuiusquam. Itaque mihi maximae curae est, 
non de mea ^ quidem vita, cui satisfeci vel aeta- 
te, vel factis, vel (si quid etiam hoc ad rem per- 
tinet) gloria^ sed me patria solicitat, in primis- 
que, mi Plance, exspectatio consulatus tui: quae 
ita longa est, ut optandum sit ^, ut possimus ad 
id tempus, rei publicae spiritum ducere 7. Quae 
potest enim spes esse in ea re publica, in qua 
liominis impotentissimi ^ atque intemperantissimi 
armis oppressa sunt omnia? et in qua nec scna- 
tus, nec populiis vim habet ullam? nec leges ul- 
lae sunt, nec iudicia, nec omnino simulacrum ali- 
quod ac 9 vestigium civitatis? Sed quando ^° acta 
omnia mitti ad te arbitrabar, nihii erat, quod sin- 
gulis de rebus scrii >erem. Ilhid autem erat amoris 
mei, qnem a tua puerilia susceptum non servavi 
solum, sed etiara ^u\\, monere te atqne hortari, 
ut in rem publicam omni cogitatione curaque in- 
cumbcres. Quae si ad tuum tempus perducitur, 
facilis gubernatio est: ut perducatur autem, ma- 
gnec quum " diligentiac est, tum etiam fortunae. 
Sed et te aiiquanto ante '^, ut spero, habebimus' 
et, praeterquam quod rei publicae consulere debe- 
mus, tamen '^ tuae dignitnii ita favrninSj ut omne 
nostrum consilium, studiuni, offìciu.'ii, operam, la- 



An. ili n. 709 LETTERA DCCLX. 335 

il (|uale è di lai fatta, non cìirù insolente (che questa 
è pecca volgare), ma barbaro, che non può sofferire 
non tanto il parlare, ma nò meno il sembiante libero 
di chicchessia. Perciò io me ne do gran travaglio, non, 
vedi , per conto della mia vita ^, alla quale ho già sod- 
disfatto, vuoi cogli anni, vuoi colle geste, vuoi (se pur 
questo v'ha cheffar nulla) colla gloria^ ma tienmi in 
pensiero la patria, e soprattutto, o mio Fianco, lo 
aspettare il tuo consolato , il quale tanto si va allungan- 
do, che è ben da desiderare si possa fino a quel tempo 
tirar innanzi la vita del comune 4. Perocché quale spe- 
ranza si può egli mai avere in Repubblica di tal fat- 
ta, ove ogni cosa è messa coli' armi a soqquadro per 
uomini sfacciati e smoderati al maggior segno? e dove 
nò il Senato né il popolo ha un pelo di forza? ove 
non son leggi di sorla, né giudizii, nò al postutto 
qualche ombra o indizio di città? Ma pensandomi che 
tutto che segue ti si riferisca, nulla ho che scriverti 
particolarmente. Ria questo ben vuole l'amor mio, che 
presoti dalla tua fanciullezza non solo serbai , si bene 
accrebbi , eh' io t' ammonisca e ti conforti a mettere 
ogni pensiero ed ogni studio ne' fatti della Repubblica , 
il quale se fino al tuo tempo si piolanga, agevole ne 
sarà il governo^ e a far che si prolunghi vuoi esser 
diligenza e fortuna. i\Ia un qualche poco prima noi, 
come spero, t'avremo^ e ollie al dover mio di aver 
cura della Repubblica, tanto altresì mi sta a petto il 
tuo onore, ohe io ad aggrandirti metterò ogni mio 
consiglio, e premura e servigio e opera e fatica e di- 



336 EPISTOLA DCCLX. A. V. C. 709 

jjorem, diligenliamj ad amplitiidiiieiii tuam con- 
feramns. Ita facillime et rei piiblicac^ quae iiiilii 
carissima est, et amicitiae nostrae, quain saiictis- 
siinc nobis colendam puto, me intelligo satisfa- 
clurum. 

2 Furnium nostrum tanti a te fieri ^ quantum 
ipsius humanitas ''t et dignitas postulai, nec mi- 
ror, et gaudeo: teque hoc existimare volo, quic- 
quid in eum iudicii *^ oflìciique contuleris, id ita 
me accipere, ut in me ipsum te putem contulisse. 



DGCLXI. 



( Al» Div. XI , 4 > 



Argumcntum. Res a se gestas exponit, et ut Cicero suu se 
seutentia in suppIicalioiiiI>iis Jcceiucndis adiuvct, rogai. 

Scr. in Gallh citcr. A. V. C. DCCIX , mrnsr Sept. ex. 

1). BRVTVS. IMP. COS. DES. S. D. CICERONI 

Si de tua in me voluntate dubitarem, multis 
i\ te verbis peterem, ut dignitatem meam tuere- 
IT. Sed profecto est ita, ut mihi persuasi: me 
tibi esse curae. Progressus sum ad Inalpinos * cum 
exercitu, non tam nomen imperatorium captans , 
qnam cupiens militibus satisfacere, firmosque eos 
ad tucndas nostras res efficere: quod mihi videor 
consecutns: nam et hberahtatem ^ nostrani, et ani- 
nium sunt experti. Cum omnium belhcosissimis 
bellum gessi j multa castella ccpi, multa vastavi. 



Au. di 11. 7"9 LETTERA DCCLX. SSy 

lij^enza: cosi veggo clic bea di leggeri potrò soddisfiu-e 
in uiio e alla Repubblica, che ni" è cai-a oltremodo, ed 
alla nostra amicizia, che io penso dover coltivare con 
tutta santità. 



2 ÌNon mi meraviglio, e piaceml che tu tenga il no- 
.stro Furnio ^ in quel conto che vuole la sua cortesia 
e dignità^ e tieni per fermo che quanto in verso lui 
userai di stima e di servigio , io te ne sarò tenuto 
come latto a me medesimo. 



DCCLXI. ( j^ D.T. x/, .,) 

Argomento. Spotie le sue operazioni, e prega Cicerone lo aiuti 
tol suo voto per largii decretare la supplicazione. 

Scrina dalla Gallia citiiioip Tanno DCCIX, alT luiir ili Scllrnibic. 

D. BRUTO HIP. E CONS. DESIO. ' A CiCEROiNE S. 

Se avessi punto di dubbio della tua affezione per 
me, ti richiederei a lungo di prenderti a petto Tonor 
mio: ma in vero ella sta pur come io me la credeva, 
che tu n'hai cura. Andai a oste negli Inalpini, non 
tanto per averne nome di capitano, quanto per an- 
dare a' versi de' soldati, e rafforzarli ^ie meglio alla 
difesa deM'atti nostri; il che veggo d'aver ottenuto, 
avendo eglino avuto prova della mia liberalità e del- 
l'amor mio. Guerreggiai con uomini i più guerrieri del 
mondo: presi molte castella j molte ne disertai. Non 

ClCLli. X. — Le II. T. / V. 22 



338 EPISTOLA DGCLXI. A. V. C, 709 

Non sine causa ad Spiialum literas misi 4. Adiuva 
nos tua scntentia: quod quum facies ^^ ex magna 
parte communi commodo inservieris. 



DGCLXII. 



( A.l lìiv. XU , a) 



yìrgunieiitiun. Invehitur in Antonii iiiiinaiiitMlcin , reiqne 
jmblicae sialuir» desci'ibit. 

Scr. Roinae A. V C. DCCIX, mense Sept. ex. 

M. T. CICERO C. CASSIO S. P. D. 

Vehementer laetor, tibi prohari sententiam et 
orationem meam ': qua si saepius uti licerot, ni~ 
hil esset negotii, libertatem et rem pubiicam re- 
ciperare ^. Sed homo amens et perditus, multo- 
que nequior, quam ilie ipse^ quem tu ncquissimum 
occisum esse dixisti, caedis inilium quaerit^ nul- 
lamque aliam oh causam, me auctorem fuisse Cae- 
saris interficiendi j criminaturj nisi ut in me ^ 
veterani incitentur. Quod ego periculum non ex- 
timescOj modo vestri facti gloriam cum mea laudo 
communicet 4. Ita nec Pisoni, qui in eum priraus 
invectus est, nullo assentientej nec milii, qui idem 
tricesimo post die fecij nec P. Servilio 5, qui me 
est consecutus, tulo in sonatura venire licet. Cae- 
dcm enim gladiator quaerit ^, eiusque initium a. 
d. XIII Kalend. Octoh. 7 a me se factunim pu- 
tavitj ad quem ^ paiatiis venerai, quum in villa 



Au. di R. 709 LETTERA DCCLXr. 339 

scn/a il purché scrissi al Senalo. Dammi spalla colla 
tua sentenza: il die farà assai buon giuoco al conìune 
partito. 



DCCLXII. (A niv. XII, 1) 

j4ri^ifmeìilo. Adirasi contra la bestialità di Antonio, e dipigoe 
Io stato della Repubblica. 



Scritta <].ì Roma l'anno DCCIX , alP uscir di Settembre 

M T. CICERONE A CAIO CASSIO S. 

Ilo un piacer senza line che la mia sentenza e il 
mio discorso ti gradisca *^ che se avessi facoltà d" u- 
sarne più di frerpieute, tornerebbe agevole il ricupe- 
rare la liberlà e la Repubblica. Ma un uomo dicervel- 
lato e un rompicollo e molto piìi ribaldo di colui 
medesimo «he tu diri ribaldo in superlativo modo, 
stato ucciso , va buscando appicchi di strage -.^ e per 
nessun altro motivo mi va gridando incitatore dell' uc- 
lision di Cesare, se non per aizzarmi addosso i vete- 
rani. Di che io non mi sbigottisco, quando mi mette 
così a comuue colla mia lode la gloria del fatto vo- 
stro. Quindi è che Pisone ^, il quale primo si scagliò 
contro lui, niuno approvante^ uè io, che feci il mede- 
simo dipoi trenta giorni* né P. Servilio ^, che mi tenne 
dietro , possiam por piede sicuro in senato. Cotesto 
roltellante Mtol macello, e pensò darvi principio a' -ao 
di settembre da me:, e veinie acconcio di tutto pimlo, 



34o EPISTOLA nCCLXlI. A. V. C. 709 

Metelli complures dies commentatus esset. Qiiae 
autem in lustris 9 et in vino commentatio potuit 
esse? Itaque omnibus est visus, ut ad te antea 
sciipsi, vomere suo more ^°, non dicere. Quare 
quod scribis te confidere, auctoritate et eloquen- 
tia nostra aliquid profici posse* nonnihil, ut in 
tantis malisj est profectum. Intelligit enim popu- 
lus Romanus, tres esse consulares "^ qui, quia ^ 
quae ^^ de re publica bene senserint, libere Io- 
cuti sunt, tuto in senatum venire non possint. 
Nec est praeterea '^, quod quicquam exspectes. 
Tuus eniin necessarius '4 afllnitate nova delecta- 
tur. Itaque iani non est sludiosus ludorum, infi- 
nitoque fratris tui ^^ plausu dirumpitur. Alter iteni 
affinis ^6 novis commentariis Caesaris *7 deJinitus 
est. Sed haec tolerabilia: illud non ferendum, quod 
est '^, qui vestro anno filium suum consulem futu- 
rum putelj ob eamque causani se buie latroni 
deservire prae se ferat. Nani L. Cotta ^9, faniilia- 
ris meus, fatali quadam desperatione, ut ait, mi- 
nus in senatum venit. L. Caesar 2°, optimus et 
fortissimus civis, vabtudine impeditur. Ser. Sul- 
picius et sunima auctoritate, et optime sentiens, 
non adest. Reliquos, exceptis designatis ^i^ igno- 
sre mibi, si non numero consulares 2^. Habes au- 
ctores consilii publici: qui numerus etiam bonis 
rebus exiguus esset- quid censes perditis? Quare 
spes est omnis in vobis: qui si iccirco abestis , 



Aa. diR. 709 LETTERA DCCLXII. 3/\l 

quaudo statosi alla villa di Metello più giorni mulinò 4. 
Ma che diarain di mulinare in nascondigli e gozzoviglie? 
Cosi parve egli a tutto il mondo, come già ti scrissi, vo- 
mitare, com'è sua usanza, non parlare ^. Per lo che, sic- 
come scrivi aver tu qualche speranza che l'autorità ed 
eloquenza mia faccian qualche prò, un alcunché di van- 
taggio , pel subisso de' malanni che e' è , lian pur fatto. 
Poiché il popol romano or è certificato esservi tre con- 
solari ^ i quali perchè han detto fuor de' denti il loro 
sentimento nel fatto della Repubblica, non possono en- 
trar più in senato a man salva. Né aspettarti d'avvantag- 
gio^ perchè a quel tuo congiunto va a sangue la nuova 
parentela 7- e però già gli è passata la ii'ega de' giuo- 
chi ^, e crepa di stizza per gli applausi del tuo fra- 
tello. Ed anco l' altro affine 9 s' è rammorbidito pei 
nuovi Commentarii di Cesare. Ma pur passi questo : 
quello è ben insoffribile, ch'egli pensa che il suo fi- 
gliuolo debba esser consolo nel vostro anno ^°, e per 
(juesto meni vanto di farsi ligio a questo ladrone. Peroc- 
ché Lucio Cotta ^% mio amico, per una cotal dispera- 
zione fatale, a dir suo, non viene a senato. L. Cesare, 
ottimo e assai prò cittadino , n' é ritenuto da malore. 
Servio Sulpicio, e di grande autorità e di otlime in- 
tenzioni, non v' è. Gli alti'I, tranne gli eletti ", perdo- 
nami s' io non appello consolari. Eccoti i pubblici con- 
siglieri^ il qual novero, anche se le cose fossero in buono 
stato, sarebbe poco^ che poi in si cattivi partiti? Sicché 
tutto sta in voi; e se ve ne state lungi, per tenervi in 



342 EPISTOLA DCCLXII. A. V. C. 709 

ut sitis ili luto, ne in vobis quideiii ^3, Sin ali- 
(jiiid (lignum vostra gloria cogitalis, vcllm saivis 
nobis. Sin id minus, res tamen publica per vos 
brevi tempore ius suuni reciperabit. Ego tuis ne- 
quc desunij ncque deero. Qui sive ad me reie- 
reiitj sive non ^i^ mea tibi taaien ^^ benivolcnliu 
lidesque praeslabitur. 

DCCLXIII. (A.l Div. X:l, 3) 

Argiin;en(uriì. Queritur, Antonium tnrorem in dies aii- 

Sci-. l\oii;ae A. V. C. DCCIX, cir. Non. Octoh. 

M. T. CICERO C. CASSIO S. P. D. 

Auget luus aniicus ^ fuiorcm in dies: primurii 
in statua^ quam posuit in Piostris, inscripsit pa- 
renti OPTIME MERITO ^j ut non iHodo sicariij sed 
iam etiani parricidae ^ iudiceniini: quid dico, iu- 
dicemini? iudiceniur potius. Vestri enini puloher- 
rimi facti 4 ille furiosus me principem dicit fuisse. 
Vtinam quideni fuissem! molestus nobis non es- 
set ^. Sed hoc vestrum est ^: quod quando prueter- 
iitj utinam haberem, quid 7 vobis darem consibi! 
Sed ne niihi quidem ipsi ^ reperio, quid facien- 
dum sit. Quid enini est, (juod contra vini sine 
vi fieri possit? Consilium oniiie autem hoc est il- 
lorunjj ut niortem Gaesaris persequantur 9. Itaque 



An. «liR. 7"9 LETTERA DCCLXII. 343 

salvo, neppure iu voi. Se fate qualche disegno con- 
forme alla gloria vostra, deh sia con nostra salvezza;, 
se no, almeno per poco tempo la Repubblica riavrà il 
dritto suo. Per questo io non verrò meno nò vengo a' 
tuoi^ i quali o a me si riportino o no, tuttavia il mio 
amore e la mia fede ti terrò ferma. 



DCCLXIII. (A Div. Xll, 3) 

Argomento. Ducisi che il furore di Antonio vada ogni giorno 
più aumentando. 



Scritta da Roma Tanno DCCIX . intorno ai ;; d' Ottobre. 

M. T. CICERONE A CASSIO S. 

L' amico tuo ognindi s' imbestia * : la prima cosa , 
nella statua che pose ne' Rostri scolpì: al padre som- 
mamente MERITEVOLE ^ acciocchè non tanto di sicn- 
rii, ma eziandio di parricidi v' abbiate il nome =*. V'ab- 
biate dissi? anzi abbiamo, perchè della vostra bellissima 
azione quel pazzo chiama me principe ^. Deh! fessilo 
stato! non mi darebbe bi-iga. Ma questo è fatto vo- 
stro: e dacché passò, avess' io almeno qualche con- 
siglio a darvi ! Ma neppur io medesimo so rinvergare 
che far si debba. Perchè che mai al mondo si può con- 
tro la forza senza forza? Essi hau fitto il capo iu que- 
sto di far le vendette della morte di Cesare. Quindi 



344 EPISTOLA DCCLXIII. A. V. C. 709 

a. fi. VI Non. Octob. prodiiclns in concioncm "> 
a Canutioj turpissime ille qnidem discessit* ssd 
lamen ea dixit de conservaloribus patriae^ qnac 
dici deberent de proditoribus. De me qnidem non 
dubitantcr ", quia omnia de meo consibo et vos 
fecissetis ^ et Canutius faceret. Cetera cuiusmodi 
sintj ex boc indica, quod legato tuo '^ viaticum 
eripuerunt. Quid eos inlerpretari ^^ putas, qnnm 
boc faciunt? Ad bostem scilicet portari '1 O rem 
iniseram! dominum ^^ ferre non potuimus^ con- 
servo servimus. Et tamen, me quidem favente 
magis, quam sperante, etiam nunc residet spes 
in virtute tua. Sed ubi sunt copiae? De reliquo, 
malo te ipsum tecum loqui '^^ quam nostra dieta 
cognoscere. Vale. 



DCCLXIV. 



( AJ Dn. Xll, 2i) 



^rgitmeittum. Reipoudct ad ea, quae Tratohus nuutia^e- 
lal de Africa provincia; deinde rei puLl. forniam dc- 
scribil, et philosophiarn laudai. 

Scr. Bomac A. V. C. DCCIX, medio Oclob. 

CICERO CORiMFlCIO » S. D. 

Omnem conditionem imperii tui, statumque prò- 
\inciae mibi demonstravit Tratorius ^. multa in- 
tolerabilia locis omnibus! Sed quo tua maior di- 
gnitas ^, co, quae tibi acciderunt, minus ferenda. 



Ali. di 11. 709 LETTERA DCCLXIIf. 345 

ai 1 cF ottobre tratto iu bigoncia da Caiiuzio -i. Leu uè 
discese smaccato di santa ragione^ ma tuttavia dei ser- 
liatori della patria disse cose che andavau dette de' 
traditori. Circa a me poi, senza barbazzale, è iu sul 
fermo che di mio consiglio abbiate fatta ogni cosa e 
voi e Canuzio. Di che sorta sia il resto, abbitel da 
questo, che al tuo messo l'apirono il viatico ^. E qual 
sospetto credi tu sia il loro così trattando? Che al ne- 
mico lo si recasse. sciagura! Non sapemmo patire 
uu padrone , e serviamo ad un conservo. Pure , sic- 
come io anzi bramo che spero, sta tuttora la spe- 
ranza nel valor vostro. Ma le truppe dove sono? Del 
rimanente araio meglio che tu te la discorra con te 
medesimo, anzi che sentire i miei detti. A Dio. 



^ DCCLXIV. (A niv. x[i, 23) 

Argnìnento. Fa risposta alle notizie che Tralorio avea date 
dell'Africa; di poi dà il disegno della Repubblica, e loda la 
lilosoiia. 



Scritta da Roma ranno DCCIX, alla icetà d'Ottobre. 

CICERONE A CORNIFICIO S. 

Tratorio mi mostrò per filo e per segno lo stato 
del tuo comando e delia provincia. gran cose intol- 
lerabili dappertutto! .Ma quanto più hai di onoratezza, 
tanto meno devi soffrire T accaduto '. Né quelle cose 



346 EPISTOLA DCCLXIV. A. V. C. 709 

Neque enim, quae tu propter magnitudinem et 
animi et iiigenii moderate feis, a te non ulci- 
scenda sunt^ etiamsi non sunt 4 dolenda. Sed haec 
posterius. Rerum urbanarum acta tibi mitti certo 
scio. Quod ni ita putarem^ ipse perscriberem, in 
primisque Caesaris Octaviani conatum : de quo 
multitudini fictum ab Antonio crimen ^ videtur, ut 
in pecuniam adolescentis ^ impetum faceret: pru- 
dentes autem et boni viri et credunt factum 7 et 
probant. Quid quaeris? Magna spes est in eo. Nihil 
est, quod non existimetur laudis et gloriae causa 
facturus. Antonius autem, noster familiaris ^, tanto 
se odio esse intelligit, ut, quum interfectores suos 
domi comprenderit 9, rem proferre non audeat. 
A. d. VII Idus Octobr. Brundisium erat profe- 
ctus '° obviani legionibus Macedonicis un ", quas 
sibi conciliare pecunia cogitabat ^^, easque ad ur- 
bera adducere, et in cervicibus nostris ^^ colloca- 
re. Habes fonnam rei publicae, si in castris po- 
test esse res publica: in qua ^4 tuam vicem saepe 
dolco, quod nullam partem, per aetatem, sanae 
et salvae rei publicae gustare potuisti. Atque an- 
tehac quidem sperare saltem licebat: nunc etiam 
id ereptum est ^^. Quae enim est spes, quum in 
concione dicere ausus sit Antonius , Ganutium 
apud eos siLi locum quaerere i^, quibus, se sal- 
vo, locus in civitate esse non posscL? Equideni 
et haec, et omnia, quae homini accidere possunt, 



An. .li R. 709 LETTERA DCCLXIV. 347 

die lu per ycncrosllà d'animo e iiigcgno sopporti cu.i 
moderatezza, comecliè non te ne debba porre in cruc- 
cio, tuttavia devi farne vendetta. JMa cotesto dipoi. So 
per fermo cbe i successi cittadinescbi ti si mandano^ 
cLè se noi credessi, io stesso te ne scriverei, e innanzi 
tutto gli sforzi di Cesare Ottaviano, intorno al quale i 
più credono inventalo quel delitto da Antonio ^ per ar- 
raffarsi il denaro del giovinetto^ ma gli uomini assen- 
nati e dabbene il tengon per fatto ^, e Tìiau per buo- 
no. Che ne vuoi? Da costui vuoisi sperar molto: non 
v'è cosa ch'ei non s'avvisi poter fare a cagione di 
lode e di gloria. Antonio poi, nostro amico, ben sa 
d* essere sì malveduto cbe avendo trovi in casa sua i 
suoi uccisori, non s'arrischia di palesarlo. Ai 9 d'otto- 
bre erasi ito ad incontrare le quattro legioni Macedo- 
niche 4 ch'ei si pensava trar dalla sua coli' unger loro 
le mani, e condurle nella città e ficcarcele in collo. 
Eccoti foggia della Repubblica, se nel campo la vi può 
essere^ ove mi dolgo in tuo servigio che per T età noa 
hai potuto gustar briciolo di sano e salvo comune. E 
prima d'ora potevasi almeno sperare: or c'è tolto an- 
che questo. Perchè cjuale speranza averci, dacché An- 
tonio fu oso dire in arringa che Canuzio •' cercava es- 
sere in istato presso tali che, a vita sua, non potranno 
avere stato alcuno in città? Invero coteste cose, e tutto 
quelle eh' ad uomo possono intervenire, io me le sof- 



348 EPISTOLA DCCLXIY. A. V. C. 709 

sic fero , ut pliilosophiae mygnam habeam gra- 
tiam, quae me non modo ab solicitudine abdu- 
cit ^7y sed etiam contra omnes fortunae impetus 
arraat: libique idem censeo faciundum '^^ nec^ a 
quo culpa absit y quicquam in malis numeran- 
dura. Sed haec Ui melius. Tratorium nostrum 
quum semper probassemj tum maxime in tuis 
rebus summam eius fidem diligentiam pruden- 
tiamque cognovi. Da operam, ut valeas: hoc mihi 
gratius facere nihil potes. 



DCCLXV. (AdDiv. x,2) 

Jvgiimentimi. Excnsat quod in sena tum ad agendam Piatici 
causam non venerit, et officia sua in aliis rebus pol- 
ii celur. 



Sci-. RouKie A. V. C. DCCIX , medio Octobr. 

CICERO PLANCO S. 

Meum studium honori tuo prò necessitudine 
nostra non defuisset, si aut luto in senatum, aut 
lioneste venire potuissem. Sed nec sine periculo 
quisquam bbere de re publica sentiens versar! 
potest in summa impunita te gladiorum ^j nec no- 
strae dignità tis \idetur esse, ibi sententiam ^ de 
re publica dicere, ubi me et melius et propius 
audiant armati ^^ quam senatores. Quapropter in 
privatis rebus nullum ncque 4 offìcium, ncque stu- 



An. di R. 709 LETTERA DCCLXIV. 349 

fro ia guisa da saper grado e grazia alla filosofia^ la 
quale non solo mi scansa dalle angoscic, ma eziandio 
mi arma contro tutti gli empiti della fortuna^ e mi av- 
viso , stia bene a te far lo stesso , né ninna cosa scevra 
di colpa può noverarsi tra i mali. Ma ciò tu vedrai 
meglio. Di Tratorio, che sempre ho stimato, ora co- 
nobbi vieppiù ne' fatti tuoi la fedeltà, l'esattezza e la 
prudenza. Fa di star sano , che l' avrò a sommo favore. 



DCCLXV. (-4^ Di,,, X, 2) 

argomento. SI discolpa di non essere andato in senato a trat- 
tare la causa di Fianco, ed esibisce i suoi uficii in altra oc- 
casione. 



Scritta da Roma Panno DCCIX, a mezzo Ottobre. 

. CICERONE A PLANCO S. 

A riguardo dell' onor tuo non ti sarei venuto meno 
di premura, secondo stretti amici che siamo, se a man 
salva e onoratamente ^ potessi venire a senato. Ma uè 
senza rischio può aggirarsi iu cotanta impunità di spade 
chiuuque ha liberi seutirnenti sul conto della Repubbli- 
ca , uè par dicevole all'onor uiio il dire l'opinion mia 
colà dove e meglio e più vicino m'ascoltano gli armali 
che i senatori. Perlocchè in affari pri\ati tu non avrai 
a desiderare mai il mio servigio e la mia prenuira^ e uè 



35o EPISTOLA DCCLXV. A. V. G. 709 

flium mcuin desiderabis. Ne in puhlicis quidem^ 
si quid eritj in quo me interesse necesse sit^ um- 
quam dcero j ne cum periculo quideni meo^ di- 
gnitali tuae. In iis autem rebus, quae nibilonii- 
nus, ut ego absini ^, confici possunt, peto a te, 
ut me rationem habere velis et salutis et digni- 
latis meae. 

DCCLXVI. (/^j Alt. XV, i3) 

Argiimentum. Daabiis Attici episloiis hreviter lespondct. 
Scr. in Putpolano A. V. C. DGCIX, Vili Kal. Nov. 

CiCERO- ATTICO S. 

Octavo Kal. duas a le aocepi epistoìas. Re- 
spondebo igilur priori prius. Assentior libi, ut 
nec duces simus, nec agmen cogamusj favcamus 
tamen. Orationem ^ tibi misi. Eius custodiendae 
et proferendae ar])itrium tuum. Sod quando illuni 
diem 2j quum tu edendam putes? Inducias 3, quas 
scribis, non inlelìigo fieri posse. Melior est àv.'- 
Tt'fwvyjj/a 4- qua me usurum arbitror. Qaod seri- 
bis, legiones duas ^ Brundisium venisse^ vos omnia 
prius ^. Scribes igitur, quicquid audieris. Varroiiis 
v'.ylcycv exspecto. lam probo 7 'Wùxrlt'.ù'.cv^ praeser- 
lim quum tu tantopere delectere: sed quale ve- 
ìis, velini scire. Qnod ad te n?itea , atque adeo 
jyrius scripsi ( sic enim mavis^ ), tu vero ad seri- 



An.diR. 709 LETTERA DCCLXV. 35 [ 

manco ne' pubblici, ove faccia d'uopo il mio intei-- 
vento, verrò mai raeuo all'onor tuo, coraechè io cor- 
i-essi qualche rischio. Ma in quelle cose che anco me 
assente si posson trarre a fine, pregoti che mi lasci 
aver riguardo alla salute e dignità mia. 



DGCLXVI. (Ad Alt. XV, is) 

Jigameìito. Risponde laconico a due letlere di Attico. 
Scritta da Pezzuole ranno DCCIX , il 25 d'Ottobre. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Il ventiquattro ricevetti due tue: dunque in prima 
alla prima. San dalla tua di non esser né lesta né 
coda dell'esercito^ ma pur dar un po' mano ^ Man- 
doti l'orazione 2, tienla sotto guardia o dalla fuura a. 
lua posta. Ma quando fie il dì che tu pensi pubblicar- 
la? Non veggo bene come possa farsi quella tregua che 
scrivi. Il meglio, e a questo ni" atterrò, sì è Jar il sor- 
do. Quanto .scrivi, che due legioni sou capitate a Brin- 
disi ^, davvero, voi v'avete le nuove di prima giunta: 
dunque checché tu oda, scrivilo. Aspetto il dialogo di 
Varrone. Già mi va a grado Y Eraclidio p massime che 
a te dà tanto gusto :^ ma bramo sapere di che fatta il 
vuoi. (]orae per 1" avanti, od anzi dapprima (che cosi 
più ti piace), ti ho scritto, tu m'hai aguzzato i ferri 



353 EPISTOLA DCGLXVI. A. V. C. yoy 

bendum fecisti me acriorem. Ad tuiirii Piiini indi- 
cium j quod mihi erat iiotiim, addidisti Peducaei 
auctoritatem, magnam quidem apud me, et in pri- 
mis gravem. Enitar igitur, ne desideres aut indu- 
striam meam, aut diligentiam. Vectenum, ut seri- 
bis, et Faberium foveo. Clodium 9 nihil arbitror 
nialitiose: quamquam . . . Sed quid egerit '°. De 
liberiate retinenda , qua certe nihil est dulcius, 
libi assentior. Itane Gallo Caninio? " o hominem 
nequam! quid enim dicam aliud? Caulum Mar- 
cellum^^:me sic, sed ^^ non tamen cautissimum. 
Longiori epistolae superiorique respondi. Nunc 
breviori propiorique quid respondeam, nisi eam 
fuisse dulcissimam? Res Hispanienses valde bo- 
iiae: modo Balbilium '4 incolumem videam, sub- 
sidium nostrae senectutis. De Anniano item '^, 
quod me valde observat Visellia. Sed baco qui- 
dem humana. De Bruto, te nihil scire dicis: sed 
Selicia ^^, venisse M. Scaplium^7- eumque non 
qua pompa '8, ad se tamen clam venturum, sci- 
tuiumque me omnia: quae ego statini ^o. Interea 
narrat eadcm, Bassi ^"^ servum venisse, qui nun- 
tiaret, legiones Alexandrinas ^^ in armis esse, Bas- 
sum arcessi, Cassium exspeetari. Quid quaeris? 
videtur res pubhca ius suum reciperatura. Sed 
ne quid ante ^^. Nosti horum exercitationem in 
latrocinio, et amentiam. Dolabella, vir optinjus. 
Elsi, quum scribebam, secunda mensa apposita, 



\n. Ai n. 709 LETTERA DCCLXVI. 353 

a scrivere 4- perchè alla opinione tua, che lo già co- 
nosceva, aggiungesti l'autorità di Peduceo, che presso 
di me ha un peso grandissimo. Dunque farò a tut- 
t' uomo che tu non desideri la mia industria o la di- 
ligenza. Secondo mi scrivi, fo carezze a Vetteno e Fa- 
berio. Non credo che Clodio ^ pensi ora a trauellerie: 
benché già abbia fatte delle scelleraggini. Son d'ac- 
cordo teco di serbare la libertà, di cui nulla affò v'è 
di più dolce. Or così a Gallo Caninio ? ^ Oh feccia 
d'uomo! e che altro dirò? ^Marcello è guardingo 7; io 
pure , ma non affatto affatto. Ho risposto alla lettera 
pritna e più lunga. ]\Ia alla più corta {e seconda) che 
li. ponderò, se non ch'ella mi fu uno zucchero? Le 
cose di Spagna son molto buone ^, purché io rivegga 
salvo Balbilio 9^ bastone della mia vecchiezza. Di Annia- 
no ^° anch'io, perchè Visellia mi fa gran finezze: ma, 
miserie del mondo. Non sai, dici, nulla di Bruto; ma 
Selicia '* afferma che venne Marco Scapzio^ e non 
col solito sfoggio, ma di soppiatto scapperà a lei ": 
ed io saprò tutto, e di botto io tei scriverò. Frattanto 
essa conta pure '^ che venne '4 il servo di Basso a dire 
che le legioni Alessandrine ^^ stan sull'armi^ si fa ve- 
nir Basso ^^:, s'aspetta Cassio '7. Che vuoi? La Repub- 
blica m'ha aria di, dover vincere la prova. Ma non 
facciam conti senza l'oste: sai come son pratici in la- 
dronecci e in cervellaggini. Dolabella una coppa d'oro '^. 
Quantunque, in sidlo scriverti ora che son poste le se- 



Or^/;. X. — Ufi. '!, /X. 73 



354 EPISTOLA DCCLXVl. A. V. C. 709 

venisse euiii ad Baias audiebam: tanien ad me 
ex Formiano scripsit (qiias literas^ quiim e bali- 
neo exissem 2^j accepi), sese de attribiitione omnia 
summa fecisse ^4: Vectcnum accusai ^^* tricatur sci- 
licetj ut homo talis ^^. Sed ait totum negotium 
Sextium nostrum suscepisse^ optimum quidem il- 
ìum virum, nostrique amantissimum. Quaero au- 
tem , quid tandem Sextius in hac re facere pos- 
siti quod non qui vis ^7 nostrum? Sed, si quid 
praeter spem erit, facies, ut sciam. Sin est, ut 
arbitror, negotium perditum, scribes tameng ne- 
que ista res coramovebit. Nos hic (pr.'XcaoCpoùiJ.sv ^8 
(quid enim aliud?), et rà r.zrji tqù y.aBriy.cvroq ìxìtk- 
gnifice expbcamus, Trjt^c^^wvoùp.svque Ciceroni. Qua 
de re enim potius pater filio? Deinde alia. Quid 
quaeris? exstabit opera peregrinationis hnius. Var- 
ronem hodie^ aut cras venturum putabant. Ego 
autem in Pompeianum properabamj non quo hoc 
loco quicquam pulchriusj sed interpellatores illic 
ntinus molesti. Sed perscribe, quaeso, quae causa 
sit Myrtilo ^9 ( poenas quidem illum pependissc 
audivi), et satisne pateat ^", unde corruptus. Haec 
quum scriberem , tantum quod ^^ existimalìam ad 
te orationem esse perlatam. Hui, quam tinieo, 
quid existimes! Etsi quid ad me, quae ^^ non sit 
foras proditura, nisi re publica recuperala? de 
quo quid spcrcm, non audco scribere. 



An. di R. 709 LETTERA DCCLXVI. 355 

ronde mense , oda dire eh" egli venne a Baia , pure mi 
scrisse dal Formiauo (ed ebbi la lettera uscendo di ba- 
gno) ch'egli quanto all'assegno fece ogni cosa intra- 
flnefatto. Accusa Vetteno ^ la va infrascando da par 
suo *9. Ma dice che il nostro Sestio prese sopra di se 
tutto il negozio^ ottima persona davvero, e che ci vuole 
un gran bene. Ma di grazia, che potrà poi far Sestio 
in tal bisogna, più che si possa qualunque de' nostri? 
Fammi assapere se cjualcosa avverrà fuor di speranza , 
e scrivimi pure se la faccenda ^<', come credo , è spac- 
ciata^ che non mi darà poi un gran martorio. Io qui 
filosofeggio (e che altro farmi?), e sciorino di gran 
cose sopra gli uffizi, e le intìtolo a Cicerone. Perchè 
v'ha egli nicnt' altro di nieglio per un padre al figliuo- 
lo? Il resto poi. Che vuoi? di questo mio pellegrinag- 
gio saravvi pure un monumento. Si crede che'^:Var- 
rone sia qua oggi o domani. Io nr avvaccio al Pom- 
peiano^ non che v'abbia silo più bei di questo, ma 
colà i seccatori danno minor noia. Spiattellami un po' 
la causa di Mirlilo ^^ (che odo essere stato condanna- 
lo), e se è ben chiaro ehi l' ha corrotto. Mentre scrl- 
\oti pur penso che la mia ovazione ti sia stata arre- 
cala. Donùn che battisoffia mi ho del tuo giudizio! 
Sebbene che monta , se non dee uscir fuora che rimessa 
in salvo la Repubblica? su di che non ardisco dirli 
quali speranze mi abbia. 



056 EPlSiOLA DCCLXVII. A. V. C. 709 

DCCLXVII. (^Ad Alt. XVI, 8) 

j4rgitme,ntiiin. Quid Octaviaiius a se postnUt, iianat. 

;Scr. in Puleoiano A. V. C. DCCIX , [joil Kal. Nov. 

CICERO ATTICO S. 

Quiim scianij quo die venturus sitii '^ faciariiy 
ut scias. Impediiiieiita exspectanda sunt^ qiiae 
Anagnia veniuiit ^: et faniilia aegra est. Kal. ve- 
speii literae Qiilii ab Ottaviano ^. Magna molitur, 
Veteraiiosj quic[ui Casiiini et Calatiae suiit^ per- 
duxit ad SLiain sefiteiitiam. Nec mirum: quinge- 
nos denarios dat 4. Gogitat reliquas colunias obi- 
re. Piane hoc spectat, ut se duce bellum geratur 
cum Antonio. Itaque video paucis diebus nos in 
armis fore. Quem autem seqqamur? Vide nomen; 
vide aetatem ^. Atque a me postulata priiiiurn ut 
cUiiu colloquatur mecum, vel Capuae^ vel nou 
luijge a Capua ^. Puerile hoc quidem^ si id pu- 
tat clam fieri posse. Docui per liteias 7, id nec 
opus esse, nec fieri posse. Misit ad me Caecinani 
quemdam Volaterranura j familiarem suum , qui 
haec '^ pertulit: Antonium cum legione Alauda- 
rum ad urbem pergere, pecunias municipiis im- 
perare, legionem sub signis 9 ducere. Consultabat^ 
utrum Romam cum cirj ciò cu veteranorum pro- 
iicisceretur, an Capuani teneret^ et Antonium ve- 



An. di R. 709 LETTERA D'XLXVH. 35" 

DGCLXVII. (Ad Att. xv'i, 8) 

Argomento. Riferisce quello che Ottaviano chiede da sé. 
Scritta dalla villa di Pozziiolo Panno DCCIX, dopo il i di Novembre. 

CICEROiNE AD ATTICO S. 

Quand' io mei saprò % t' avviserò il dì della mia ve- 
nuta. SMianno ad aspettare i bagagli che vengoa da 
Anagnia ^i e la famiglia è ammalata. Il primo di sulla 
sera ^ ebbi lettere da Ottaviano. Macchina di gran cose. 
Tirò dalla sua i veterani, quanti ve n'ha a Casilino 4 
e a Calazia. Glie meraviglia? Snocciola cinquecento de- 
n:u'i ^. Pensa dar una revista alle altre colonie. Egli 
tira per certo ad esser capitano della guerra contro 
Antonio, e per tanto noi sareni sulTarmi (mei veggo) 
tra pochi dì. Ma a cui terrem dietro? Guarda il nome, 
giarda l'età. E da me chiede in prima un abbocca- 
mento a quattr'occhi, o a Capua, o lì presso. Bam- 
bocciata, se crede potersi far di soppiatto^ e gliel dissi 
per lettera che ciò non era duopo, né possibile. Maa- 
dommi certo Cecina di Volterra ^, suo dimestico, a 
dirmi che Antonio colla legione di Alautli 7 movea verso 
Roma, che impone accatti ai terrazzani, mena le le- 
gioni sotto bandiera. Iva mulinando o d' andarsene a 
Roma con tremila veterani, o di tener Capua e ser- 



358 EPISTOLA DCCLXVII. A. V, C. 709 

iiieiitem excluderelj aii iiet ad trcs legioiies Ma- 
cedonicas , quae iter secundum mare superimi 
faciunt- quas sperai suas esse. Eae congiarium '" 
ab Antonio accipere nolaerunt, ut hic quidem 
narratj et ei convicium grave " fecerunt, concio- 
nantemque reliquerunt. Quid quaeris? ducem se 
profiletur^ nec nos sibi putat deesse oportcrc 
Equidcm suasi^ ut Romam pergeret. Videlur enim 
mihi et plebcculam urbanam , et, si fidem fecerit, 
etiam bonos viros secum babiturus. O Brute , ubi 
es? quantam sv/.airAa.v amittis! '^ Non equidem boc 
divinavi, sed abquid tale ^^ putavi fore. Nunc tuum 
consibum exquiro. Romamne venio, an bic ma- 
neo? an Arpinum (àT^alciav babet is locus ) fu- 
giam? '4 Romani, ne desideremur, si quid actum '^ 
videbitur. Hoc igitur expHca. Numquam in maiore 
ànc^icf. fui. 

DCCLXVIU. (Ad Alt. xvi, 9) 

Argumenturiì. De literis ab Octaviano acceptis. 

Sci-, il) Piilpolano A. V. C. DCCIX , cii\ Non. Nov. 

CICERO ATTICO S. 

Binae uno die ^ mibi bterae ab Octavio: nunc 
quidem, ut Romani statini veniam- velie se rem 
agere per senatum. Cui ego : non posse senatum ^ 
ante Kal. lan.: quod quidem ita credo. Ille autem 



An. di R. 7^9 LETTERA DCCLXVII. 35l^ 

rarla in viso ad Antonio, o recaisi alle tre legioni Ma- 
cedoniche, che fan cammino lungo l'Adriatico, e le 
quali spera debbau esser sue ^. Elle ricusarono da An- 
tonio 9 il congiario (secondo dice costui)^ fecergli una 
gran villania e piantaronlo che ari-ingava. Che vuoi? 
Spaccia d' esser capitano , né crede che noi gli dob- 
biam venir meno. Io ben l'aizzai a Roma^ perchè mi 
sembra eh' egli avrà dalla sua e la plebaglia cittadina , 
ed anco i dabben uomini , se accatterà fede. Oh ! dove 
sei Ih'uto? '° Che bel destro ti scappa di mano! Già 
uon l' ho indovinata al tutto , ma pure mi figui'ai qual- 
cosa su questo torno. Or dimmi il parer tuo: vo a Ro- 
da, o me ne sto? o fuggo ad Arpino, dove è salva- 
guardia? A Roma, per non mancare, se nulla avvenga. 
Cavami di questo ginepraio , che non fui mai in si 
gi-ande incertezza. 



DCGLXVIII. (Ad Ah. XVI, 9) 

argomento. Delle lettere scrittegli da Ottaviano. 

Scr. dalla villa di Pozzuolo Panno DCCIX, intorno ai 5 di Novembri'. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Due lettere pure in un dì ebbi da Ottavio: che io 
corra a'Roma^ lui voler trattar la cosa per senato: ed 
io risposi che senato non può esservi innanzi le ca- 
lende di gennaio *, e così ho per fermo. Egli agglun- 



3jO epistola DCCLXVIII. A, V. C. 709 

aJdiL: " Consilio tuo ^. w Quid iiuilta? llle urget- 
ego auLem 7y.r~.-:c'j.ai. Non confido aetaù: ignoro, 
quo animo: nil sine Pausa tuo volo. Vereor, ne 
Taleat Anlonius: nec a mari discedeie libetj et 
metuOj ne quae a,o£C7Tcj'a 4 me absente. Varroni qui- 
dem dìsplicet consiiium puerij mihi non. Firmas ^ 
copias habet: BruLum ^ habere potestj et rem ge- 
rii palaraj centuriat? Capuae- dinumerat. lam iaui- 
que video bellum. Ad haec lescribe. Tabellarium 
nieum Kalendis Roma profeclum sine tuis literia, 
miror. 



DCGLXIX. 



(Ad Ali. XVI, I. ) 



Argumenium. i Duabus Attici epistolis respondet, et priori 
quidem potissimum de iis, quae A.tticus in Philippi- 
ca II animadverterat : 2, 7 posteriori de libris dt Of- 
fìcìis y de Octaviani progressibus et aliis rebus. 

Scr. in Puleolano A. V. C. DCCIX, Non. Not. 

CICERO ATTICO S. 

I Nonis accepi a te duas epistolasj quarum al- 
teram Kal. dederas, alteram pridie. Igitur prius 
ad superiorem. Nostrum opus * libi probari lae- 
lor: ex quo dv^n * ipsa posuisti, quae mibi flo- 
rentiora sunt visa tuo iudicio: cerulas enim tuas 
miniatulas illas extimescebam ^. De Sicca ita est, 
ut scribis 4. Ast aegre me tenui. Itaque peratrin- 



Ali. di R. 7^9 LETTERA DCCLXVllI. 36l 

Sf : « per consiglio tuo. y. Che piu-olc ? E^li incalza ^ 
il) vo nicchiando. L'età non mi dà fidanza: che cosa 
s'abbia in capo, non so^ niente vo' fare senza il tuo 
Tansa. Ilo paura che Antonio stia sopra, nò mi garba 
partirmi dal mare ^ e temo , me lontano , un qualche 
hel colpo. A Yarrone non quadra il consiglio d'un ra- 
gazzo; a me sì. Ha truppe in punto f, può far suo 
Bruto ^: fa il fatto suo a veggeut' occhi ^ in Capua fa 
leva ^^ snocciola 4. Veggo guerra a momenti. Rispondi 
su tutto questo. M' è strano che il mio corriere sia 
partito di Roma alle calende senza tue lettere. 



DCCLXIX. 



(Ad Au. XTI, II) 



jirgomento. i Fa risposta a due lettere di Attico; alla prima 
soprattutto intorno alle osservazioni che Attico avea fatto su 
la seconda Filippica; 'i, j alla seconda intorno a' libri de- 
gli Uficii , a' projjressi di Ottaviano, e ad altro. 



Scritta dalla villa di Pezzuole Tanno DCCIX , ai 5 di Novembre 

CICERONE AD ATTICO S. 

I Ebbi da te il di cinque due lettere; T una scritta 
al primo, l'altra il giorno innanzi. Dunque dappria 
alla prima. Che la mia opera ti piaccia, m'è caro^ tu 
n'hai segnati i fiori , che mi riuscirono dopo il giudi- 
zio tuo tre cotimti più belli: perchè quelle tue minia- 
turine mi faceano una pazza paura '. Di Sicca la è tal 
quale scrivi: ma sonmi ritenuto di centra stomaco: io 



36-2 EPISTOLA DCCLXIX. A. V. C. 709 

gam sine lilla contumelia Siccae aut Septimiae; 
Iniitum, ut sciaut TiarJc^ T.a.iòfùv ^ sine vallo Luci- 
liano 6, euni ex C. Fadii filia liberos habuisse 7. 
Atque utinam eum diem videam^ quum ista ora- 
lio ita libere vagelur, ut etiam in Siccae domum 
introeat! ^ Sed ilio tempore opus est, quod fuit 
illis triumviris 9. Moriar, nisi facete. Tu vero le- 
ges Sexto ^"^ eiusque iudicium niilii perscribes. Eì; 
èlici [j/j^ioi ". Caleni interventum, et Calvenae ^^ 
cavebis. Quod vereris, ne ù^ìólzayci i3. mihi tu? 
quis minus? cui, ut Aristopliani ^4 Arcbilochi iam- 
bus, sic epistola longissima quaeque optima vi- 
detur. Quod me admones- tu vero etiamsi repre- 
lienderes , non modo facile paterer , sed etiam 
laetarer) quippe quum in reprebensione est pru- 
dentia cum vj[xvjzia. Ita libenter ea corrigam, quae 
a te animadversa sunt ^^: eodem iure, quo Ru- 
hriiiìia potius, quam quo Scipionis ^^* et de lau- 
dibus Dolabellae deruam cumulum ^7. Attamen est 
iste loco bella, ut mibi videtur, il(.(>rjzty. ^ quod 
eum ter contra cives in acie ^^. Illud etiam malo , 
iiidignìssimum est lume ^'were '9, quam quid iii- 
digjiius? ric-Acypa^j'av 20 Varronis tibi probari, non^ 
moleste fero: a quo adhuc 'HpayJksi^icy illud non 
abstuli. Quod me liortaris ad scribendumj amice 
tu quidenij sed me scito agere nibil abud. Gra- 
vedo tua mibi molesta est. Quaeso, adbibe, quam 
soles, diligentiam. O Tite ^^ libi prodesse, laelor. 



Au. Ji R. 709 LETTERA DCCLXIX. 363 

sferzerò dunque perdonandola a 5icca e a Settimia ^:, 
dì sorta però che i nepoti sappiano ( scnz.a la bar- 
riera di Lucilio ) eh' egli ebbe figliuoli dalla figliuola 
di C. Fadio ^; e Dio mi faccia una volta veder quel 
giorno che questa orazione vada attorno alla libera , 
sicché la possa anco entrare in casa di Sicca 4. Ma v'è 
duopo di quel tempo che fu raentr' essi eran triumvi- 
ri ^. Malanno io m' abbia se non hai scritto facetamen- 
te. Leggila a Sestio, e dammine il suo parere. A ino 
uno sta per tnille. Guarda che Galeno e Cab ena ^ non 
ti dien tra i piedi. Tu hai paura d'esser meco uu baio- 
ne^ domin chi è meno? al quale la lettera che è più 
lunga par la migliore, come ad Aristofane il giambo 
dWrchiloco '. Quanto all'ammonirmi che fai, sappi che 
se anco mi rampognassi, non tanto il soffrirei in pa- 
ce, ma SI ne avrei gusto |, che cosi va quando nelle 
correzioni alla prudenza s" accoppia r aiiiore. Perciò 
della buona voglia correggerò dove tu hai appuntato^ 
porrò: codcni iure, quo Rahriana, anzi che quo Sci- 
pionis ^; e ammorzerò un poco le lodi a Dolabella. 
Pur qui cade ^ a mio avviso, una graziosa ironia, in 
queir esser lui stato in oste tre volte contro i cittadi- 
ni 9. Anche mi piace più (^x^^^"" indignissiinwn est hunc 
s'ivcre, che il quid indi^nius? ^'^ M'è caro che la Pcplo- 
gra^a di Varrone " ti vada a genio, donde fino ad ora 
non le\ai (^atiW Eraclidio ^^. Tu da amico m' incalzi a 
scrivere^ ma sappi ch'io non attendo ad altro. Duolmi 
della tua malsan'ia: dehi abbivi quella cura che suoli. 
]\r allegro che quelP O Tito '^ ti faccia prò. Quei d'A- 



364 EPISTOLA DCCLXIX. A. V. C. 709 

Anagnini sunt Mustela -o'/p.xfy/t^ ^ et Laco^ qui plu- 
rinuim bibit =*^. Libruni, quem rogas ^^^ perpoliam, 
et mittam. 

2 Haec ad posteriorem. Tà -eoi rcv ■/.y.Sr.y.cv-c: ^ 
quatenus Panaetius 4, absolvi duobus: illius tres 
sunt. Sed quum initio divisisset ita^ tria genera 
exquirendi offlcii esse: unum, quum deUberemus, 
lionestum, an turpe sitj alterum , utile, an inu- 
tile- tertium, quum haec inter se pugnare videan- 
tur, quo modo iudicandum sit* qualis causa Re- 
guli 25^ redire bonestum, manere utile: de duobus 
primis praeclare disseruit* de tertio pollicetur se 
deinceps ^^- sed nibil scripsit. Eum locum Posi- 
donius ^7 persecutus. Ego autem et eius librura 
arcessivi, et ad Atbenodorum Calvum scripsi, ut 
ad me rà xeCpcilata mitteretj quae exspecto ^^: 
quem velim cobortere, et roges, ut quamprimum. 
In eo est ns^l zov zara Tic^rjTa.'jiv v.a^riy^cvzoz. Quod de 
inscriptione quaeris* non dubito, quin y-x^rr/xv of- 

ficium sit, nisi quid tu aliud: sed inscriptio ple- 
iiior, De OJjlcus. n^c7|rov-iJ autem Ciceroni filio. 
Vififum est non ò.vziaiIcv. 

3 De Mjatilo dilucide =9. quales tu semper 
istos! 3o Itane in D. Brutum? ^i Dii istis.'^a 

4 Ego me, ut scripseram, in Pompeianum non 
abdidi, primo tempestatibus ^^, quibus nil tetriusj 
deJnde ab Octaviano quotidie lilcrae, ut negotium 



Aq. (li R. 709 LETTERA DCCLXiX, 365 

nagui sono Mustela, capitano de' gladiatori , e Lacone 
tracanuaiore ^4. Darò una ripulita al libro che cer- 
chi ^^, e tei mandei'ò. 

2 Alla seconda. Circa agli Offizi restrinsi in due li- 
bri quanto Panezio *^ scrisse: i suoi sono tre. Ma avendo 
egli in sulle prime cosi diviso , essere tre i modi di cer- 
care l'uffizio: Puno quando si cerca se una cosa 3Ì;i 
onesta o cattiva^ P altro se utile o inutile; T ultima 
come s' abbia a giudicare , caso che tra queste costs 
v'abbia disaccordo; siccome, per esempio, nella fac- 
cenda di Regolo il tornare era onesto, il ristare utile ^ 
delle due prime trattò molto bene, della terza pro- 
mette di dire in appresso, e nulla poi ne scrive. Pos- 
sidonio vi sopperì '7. Io feci venire il suo libro, e scrissi 
a Atenodoro Calvo '^ che mi mandi ì capitoli, eh' io 
aspetto; e tu fagli ressa a mandarmeli quanto prima. 
V è in esso: deW uffizio quando siavi qualche circo- 
stanza. Quanto al titolo, non dubito che ofjiciuni stia 
appunto per v-x^-^xov, se pur tu non credi altro; ma il 
titolo più pieno si è de Officiis. Lo indirizzo al mio 
figliuolo Cicerone- non parmi fuor di proposito. 



3 Ben mi chiarisci circa a Mirtilo '9. come ap- 
paion costoro que' tali che tu m'hai sempre dipinti! 
Così eh! contro Decimo Bruto? 2° Facciali Dio tristi 1 

4 Io, come già ti scrissi, non mi acquattai nel Pom- 
peiano, in prima per le burrasche indiavolate ^^, poi 
per le lettere giornaliere d'Ottaviano, perch'io m'ad- 



366 EPISTOLA DCCLXIX. A. V. C. 70.0 

susciperem, Capiiam venirem^ iterum rem publi- 
cani servarem- Romam utiqiie statini ^4. 

Is tamen egit sano strenue, et agit. Romam ve- 
niet cum manii magna: secl est piane piier. Pii- 
tat senatum statini''^. Qiiis veniet? si veneriti 
quisj incertis rebus ^7, otTendet Antonium? Kal. 
lan. erit fortasse praesidio ^^•. aut qnidem ante 
dopngnabitur. Puero nninicipia mire favent. Iter 
enim faciens in Samnium venit Gales, mansit Ten- 
ni. Mirifica àTravr/jTJc , et cohortatio. Hoc tu puta- 
ros? Ob hoc ego citius Romam, quam constitue- 
lam. Simul ac % constituero, scribam. 

5 Etsi nonduni stipulationes 4'> legeram ( nec 
enim Eros vencrat), tamen rem pridie Idus ve- 
lini conficias. 

6 Epistolas Catinam, Tauromenium 4», Syracu- 
sas commodius mittere poterò, si Valerius in- 
terpres 4^ ad me nomina gratiosorum scripserit. 
Alii enim sunt alias; nostrique familiares fere de- 
mortui. Publice tamen scripsi 4^^ si uti vellet cis 
Valerius 5 aut mihi nomina mitteret. 

7 De Lepidanis feriis 44 Balbus ad me usque 
ad III Kalend. Exspectabo tuas literas ; deque 
Torquati negotiolo sciturum puto 4^. Quinti lite- 
ras ad te misi, ut sciies, quam valde eum ama- 
rci 46^ quem doJct a le minus amari. Allicae, quo- 



An. di R. 709 LETTERA DCCLXIX. 36^ 

ilossi r affare, me ne venga a Capua, salvi la Repubblica 
un'' altra volta. Di botto a Roma. Ilari i'ergogna di rì^ 
ciisarc e timore di accettare ^^. Pure egli operò ed opera 
da valente, Veri'à a Roma con grand' oste^ ma è un 
ragazzino. Pensa raccoglier il senato di sbalzo. Chi 
verrà? e se alcuno verrà, chi, a cose in bilico, vorrà 
offender Antonio? Ai primi di gennaio forse sarà a 
guardia^ o si farà innanzi una zuffa. I municipii fa- 
voreggiano a meraviglia il ragazzo, perchè facendo egli 
cammino a Sannio, venne a Cale, e fermossi a Tea- 
no 2^. Stupendi incontri e conforti. Tel pensavi tu? 
Quindi io andrò a Roma pria del divisato:^ e scrive- 
rolti quando avrò stabilito. 



5 Benché non per anco abbia lette le stipulazioni 
(perchè Erote non venne ancora), pui'c voglio che tu 
mi sbrighi la cosa innanzi ai dodici. 

6 A Catania ^4, a Tauromenio 2^, a Siracusa polio 
mandar lettere a miglior agio, quando Valerio inter- 
prete ^^ mi dia contezza de' nomi più accreditati; per- 
chè alcuni sono via, e i nostri dimestici quasi tulli 
belli e morti. Pure, caso che Valerio volesse servirse- 
ne, ho scritto pubblicamente- se no, mandi i nomi. 

7 Quanto alle ferie Lepidaue ^7^ scrissemi Balbo siuo 
al ventinove ^8, Aspetterò tue lettere: e di quella fac- 
ccnduola di Torquato mi penso avrai notizia. Ti ho 
mandata la lettera di Quinto, che tu vegga quanto 
gran bene egli porta a colui cui si lamenta che tu non 



368 KPISTOLA DCCI.XIX, DCCLXX. A. V. C. ;.»<) 

niain (qnod optimum in pueiis est) liilariila est. 
liieis vci'bis sLidvium des. Vale. 



DGGLXX. (Ad Att. XVI, ,o 

Àrgumenluih. Scribit se aibitraii se prid. Id. Romae fu- 

tUl'Udl. 



Scr. A. V. C. DCCIX, VII! Id. Nov. 

CICERO ATTICO S. 

Oppii epistolae, quia perhumana erat, libi misi 
exesiiplum. De Ocella », tiuui tu raiiginaris^ nec 
luiiii quicquam lescrihis, cepi consilium domesti- 
cum 2. Itaque me pridie Idus arbitror Romae futu- 
luiii. Gomiiiodius est visum, frustra me istic esse, 
quum id non necesse esset, quam si opus esset^ 
nun adesse: et siraul, ne intercluderer ^j metue- 
bam. Ille i eniiii iam adventare potest: etsi varii 
iuìiiuresj multique, quos cupereni veros. Nihil ta- 
nien certi. Eg.o verOj quicquid est, tecum potius ^7 
quam animi pendeam, quum a te absim, et de 
te, et de me. Sed quid tibi dicam? Bonum ani- 
mum ^. De Tljca/.ÀctJci'aj Varronis, negotia salsa?: 
me quidem nihil unquam sic delectavit. Sed haec^ 
et alia maiora coram. 



Ad. di R. 709 LETTERA DCCLXIXj DCCLXX. 36g 

ami. Dammi un bacio ad Attica, dacché ella è gio- 
vialuzza: il che nei ragazzi è ottima cosa. A Dio. 

DCCLXX. (Ad Ali. XVI, t2) 

Argomento. NoUfica il suo parere d'essere a Roma a' lu di 
Novembre. 

Sfritta r anno DGCIX , il G di NoTcmbrc. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Ti mando copia della lettera d'Oppio, perchè la ò 
tutta cortesia. Quanto ad Ocella, mentre tu la don- 
doli senza scrivermi nulla, presi partito di mio capo *. 
Quindi fo miei conti d'essere a Roma il dodici. Emuli 
parso meglio d' esser costì indarno quando non me ne 
sia duopo, che di non trovarmlvi quando fosse me- 
stieri^ ed anco avca paura che mi tagliasser la stra- 
da: poiché colui già ci può essere alle spalle; benché 
si bucini molto quello ch'io vorrei fosse vero. Di certo 
però niente. Ma checchessia, voglio anzi esser teco, che 
starmi cosi sulla fune, lontano, circa a te e circa a 
me. Or che t'ho a dire? Facciam cuore ^. SuW Era- 
clidio di Varroue mi fai le belle giullerie^ io n'ebbi 
nn piacer Iragrande. Ma questo ed altro di maggior 
conto a bocca. 



Cictr.. X. — Leu. T. L\. 



H 



3'JO EPISTOLA DCCLXXI. A. V. C. 709 

DGCLXXI. (Ad Alt. XVI, .0) 

Argiimentum. De itinere suo scribit , et quid Atticus de 
accessu ad urbem censeat, quaerit. 

Sci-, in Sinucssano A. V. C. DCCIX, VI Id. Nov. 

CICERO ATTICO S. 

Scptimo Id. • veni ad me in Sinuessanum, Eo- 
dem die vulgo loquebantur, Antonium mansuiuin 
esse Casilini. Itaqiie mutavi consilium: statuerani 
enim recta Appia Romam. Facile me ille esset 
assecutus: aiunt enim eum Gaesarina ^ uti celeri- 
tate. Verti igitur me a Minturnis Arpinum ver- 
sus ^. Constitueram, ut V Idus 4 aut Aquini ma- 
iierem, aut in Arcano. Nunc, mi Attice ^ tota 
mente incumlje in liane curam. Magna eniia res 
est. Tria sunt autem ^: maneamne Alpini ^ an prò- 
j)iiis accedanij an veniam Romam. Quod censue- 
lis^ faciam. Sed quamprimum: avide exspecto tuas 
literas. VI Idus mane in Sinuessano. 



DCCLXXII. {-Ad Alt. XVI, 1 j l'iu.u ) 

y4ia;iinieiituni. Diiabns Attici epistolis l'espondet, et quo iti- 
neie Arpiuuin peircxcrit , nanat. 



An.JiR. ;o9 LETTERA DCCLXXf. 87 1 

DGCLXXI. (AJAtf. XVI, IO) 

Ai'^oinciiLo. Scrive del suo viaggio, e chiede da Attico che gU 
pare del suo riavviciuanienlo a Roma. 



Sellila dalla rilla di Sioucssa P atiiio DCCJX , PS ili Xovcmbic, 

CICERONE AD ATTICO S. 

\i sette venni la casa mia nel Sinuessano ^. Lo stesso 
(Il correa voce che Antonio si fermerebbe in Casilino : 
p.r questo mutai partito, perch«i avea deliberato d'an- 
d. irne a Roma difilato per l'Appia: egli m'avrebbe rag- 
giunto di leggeri* cliè dicono ch'egli vola a mo' di 
(tesare ^. Da Miuturno dunque diedi una volta ad Ar- 
pino ^. col disegno di fermarmi il dì nove o iu. Aquino 
o nell'Arcano. Ora, mio Attico, mettiti ia anima e i;i 
C(jrpo iu questa faccenda, che è d'un gran rilievo. V'ha 
tre partiti: starmi in Arpino, o accostarmi, o venire a 
Roma. Fai'ò a tuo senno ^ ma deh! quanto puoi pri- 
ma: mi struggo d'aver tue lettere. Addì otto mattina- 
nel Sinuessano. 



DCGLXXIl. 



(AJ Alt. XVI, i3 i>. I) 



.'il gui;ic/ilL>. Jiiij^jcude a due IcLteic di Attico, e spous per 
tjual^ ilra'.ia 5ia iiitùalo ad Arpitiu. 



0'72 epìstola DCCLXXII. a. V. e, 709 

^r^ Scr. A(juini A. V. C. DCCIX , IV Id. Nov. 

CICERO ATTICO S. 

O casum rnirifìcum! VI Idus ^ quum ante lu- 
cem de Siiiuessano surrexissem ,, vebissemque di- 
luculo ad pontem Tiretiiim ^^ qui est Mintuniis , 
in quo flexus est ad iter AjpinaSj ohviam mihi 
fit tabeUariuSj qui me ofl'endit ùohvòv rAo'ev ópixai- 
vcì^ra 3. Ego statini : cedo^ iuquam^ si quid ab i\.t- 
tico. Nondum legere poteramus: nam et lumina 
diiniseramusj nec satis lucebat. Quum autem lu- 
cerete ante scripta epistola ex duabus tuis prior 
inihi legi coepta est. Illa omnium quidem elegan- 
tissima. Ne sim salvus, si aliter scribo, ac sen- 
tioj nihil legi humauius. Itaque veniam, quo vocas, 
modo adiutore te. Sed nibil tam à-npo^dtó-jvicv 4 
mihi primo videbatur^ quam ad bas literaSj quibus 
ego a te coiisilium petieram, te mihi ista rescri- 
bere. Ecce tibi altera , qua liortaris T:ap r.ysu.rkvrcc 
Mì^.a.vrcf.y Nyjaoy €7:1 Mypt'yj^j Appiam èn^ àptirsp è'y^cy- 
ra *. Itaque eo die mansi Aquini ^. Longulum sane 
iter, et via inepta 7. Inde postridie mane proflci- 
scens has literas dcdi. 



DCGLXXIII. . (Ad Alt. XVI, .3 eil, 



Arguincntum. Quaeiit niim propiiis accedere possit: Attico 
consulenti, quid sibi censeat faciendum, respondet : de hi- 
storia scril)cnda se corani cum Attico coilaturum scribit. 



Ali. di R. 709 LETTERA DCCLXXII. 3-^3 

Scritta da Aquino Fanno DCCIX , il io di Novembre. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Ve'* miracolo! Essendomi io levato dal Sinuessano 
innanzi di gli otto, e venuto sull'albóre al ponte Ti- 
rezioj che è a Minturno », dove la strada piega verso 
Arpino , mi dà di cozzo il corriere mentre io me ne 
stava macchinando una lunga navigazione 2. Io di bot- 
to: dà qua, se nulla bai d'Attico. Non auco potevam 
leggei'e , perchè s'era dato commiato ai lumi, nò ab- 
bastanza era chiaro. Ma chiaritosi appena, do di mano 
a leggere in prima quella delle due che tu scrivesti 
innanzi. Essa passa ogni altra in eleganza^ e, se Dio 
ni' aiuti, ti parlo col cuore in bocca, non ho mai letta 
cosa più cortese. Sì , eh' io verrò dove mi chiami , pur- 
ché tu m' aluti. Ma alla bella prima niente mi parca 
più a sproposito che il tuo risponder che facesti alle 
lettere colle quali io ti richiesi di consiglio ^. Eccotene 
un' altra dove mi conforti girmene verso il ventoso Mi- 
mante air isola Psiria, che ha Appia alla sinistra 4. 
Pertanto quel di stetti in Aquino. Un viaggio invero 
lunghetto e una strada sconcia. Quindi il di appresso 
in cammino ti scrissi questa. 



DCCLXXIII. ( Ad Alt. XVI, i3 p. II) 

Jrgoine.nUì. Domanda se può avvicinarsi di più; risponde ad 
Allico, clic aveagli domandalo il suo avviso su quello che 
dovea fare, e scrive che parlerà con Ini a voce inforno alla 
storia da scriversi. 



3^4 EP [STOLA DCCLX'Xni. A. V. C. 709 

Srr. ìd Aipiniti A. V. C. DCCIK, III M. Nor. 

CICERO ATTICO S. 

* * * Et quidem ^^ ut a me dimitterem iiivilissi- 
mus, fecerunt Erotis li terno. Rem libi Tiro narra- 
bit. Tuj quid faciendimi sit, videbis. Praeterea ^ 
possimne propius accedere (malo enim esse in Tii- 
sculanOj aut uspiam in siiburbano), an etiam lon- 
gius discedendum pntes =, crebro ad me velini 
scribas. Erit autem qtiotidiCj cui des. Quod prae- 
terea consnlisj quid libi censeam faciendum ^. dif- 
ficile cstj quum absim. Verumtamenj si pares ac- 
que inter se 4^ quiescendum: sin 5 lalius manabit ''^ 
et quidem ad nos 5 deinde commnnìter. Avide 
luum consilium cxspecto. Timeo, ne absim , qunm 
adesse me sit honestius: venire^ non audeo. De 
Antonii itineribus nescio quid aliter audio, atquc 
ad te scribcbam. Omnia igitur velini explices . et 
ad me certa mittas. De reliquo quid libi ego di- 
cam? Ardeo studio bistoriae 7 (incredibiliter enim 
me commovet tua cobortatio)^ quae quidem noe 
institui, nec cffici potest sine tua ope. Coram igi- 
lur hoc quidem confercmus. In praesontia niibi 
velini scribas, quibus coss. ^ C. Fannius, M. F^ 
Irìbunus plebis fucril. A'^ideor niibi audisso^ P. Afri- 
cano, L. Mummio censoribus 9. Id igitur quaero. 
Tu mibi de iis rebus, quae novantur, omnia cor- 
ta, clara. Ili Id. Ex Arpinati. 



Ari. di 11. 709 



LETTERA DCCLXXIII. 3". 



ScritU dairArpinate 1' anuo DCCIX, l'ii di Novembre. 

CICERONE AD ATTICO S. 

* * * E davvero ad accommiatarlo * contro stomaco 
mi spinsero le lettere d' Erote. Ti dirà la cosa Tirone^ 
e tu vedrai che sia da fare. Scrivi anche spesso, se io 
posso accostarmi (dacché amo meglio essere nel Tu- 
sculano o dovechessia fuor di città ) , o se credi eh' io 
debba tuttavia recarmi più dihingi. Avrai ognidì cui 
dar lettere. Mentre io sto lontano , è difficile eh** io 
possa darti consiglio circa a quello mi sembri che tu 
debba fare. Pure se saranno pari pari, converrà star 
queti^ se no, la cosa s'allargherà prima a noi 2, poi 
a tutti. Io mi muoio d'averne il tuo consiglio^ ho 
paura di trovarmi lungi quando piìi mi s'avvenga es- 
servi;^ e venire non oso. De' viaggi d'Antonio sento dire 
tutt' altro da quel ti scrissi:, ponmi in chiaro ogni cosa, 
e scrivimi che v'ha di fermo. Del resto che t'ho a di- 
re? Ho una voglia tragi^ande della Storia 3, che il tuo 
esortarmi m'infuoca oltre ogni credere^ eppure non 
v'ho ancor posto mano, né posso compirla senz'aiuto 
tuo: dunque tratterem questo a bocca. Vorrei che per 
al presente tu mi scrivessi sotto quali censori sia stato 
tribuno della plebe Caio Fannio figliuolo di Marco 4. 
Parmi aver udito sotto P. Africano e L. Mummio^ io 
ne fo inchiesta. Fammi sapere il fermo e il netto d'o- 
gai novità. Addì undici, dall' Arpinate. 



3^6 EPISTOLA DCCLXXIV. A. V. C. 709 

DCGLXXIV. (j,a Alt XVI, .0 

Argumentum. Tribus Attici epistolis respondet. 

Sor. in Arpinati A. V. C. DCCIX, Idlb. Nov. 

CICERO ATTICO S. 

Nihil erat piane, quod scriberem. Nani quuin 
Puteolis essem, quotiJie aliquid novi de Oclavia- 
nOj multa etiara falsa de Antonio. Ad ea antera , 
quae scripsisti (tres enini acceperam III Idus a 
te epistolas)j valde tibi assentior: si niultura pos- 
sit Octavianns, multo fìrraius acta tyranni com- 
probatura iri, quam in Telluris * j atque id contra 
Brutum fore: sin autem vincitur, vides intolera- 
bilem Antoniura: ut, quera velis, nescias ='. Sex- 
tii tabellarium j hominem ncquam ! postridie Pu- 
teolis ^ Romae se dixit fore, Quod me mones, ut 
pedetentim 4^ assentior: etsi aliter cogitabam. Nec 
me PhilippuSj aut Marcellus movet. Alia enim eo- 
rum ratio ^: et, sì non est, tamen videtur. Sed 
in isto iuvene ^, quamquam animi satis, auctori- 
talis parum est. Tamen vide, si forte in Tuscu- 
lano 7 recte esse possum^ ne id melius sit (ero li- 
bentius; nihil enim ignorabo), an hoc ^, quutu 
Antonius venerit. Sed, ut aliud ex alio, mihi non 
est dubium, quin, quod Graeci /.a.3-y:,'-c> 9, nos of- 
cium, Id autem, quid dubilas. qnin etiam in 



Ao. di R. :o;j LETTERA DCCLXXIV. 37-7 

DCCLXXI\ . (Ad Att. XVI, 14) 

Argomento. Fa risposta a tre lettere di Attico. 

Snifta dair Arpinate l'anno DCCIX, il i3 di IS'overubrc. 

CICERONE AD ATTICO S. 

Non ho niente affatto da scrivere: che quand'era a 
Pozzuolo, ognidì avea novelle di Ottaviano e molte 
panzane di Antonio. Ricevetti agli undici tre tue let- 
tere^ e circa a quello mi scrivi ti sono in tutto d' ac- 
cordo. Se Ottaviano sta sopra, gli alti del tiranno ver- 
ran rassodati vie meglio che nel tempio della Tcllure ', 
e questa sarà una stoccata a Bruto ^ che se sta sotto, 
Antonio, ben vedi, farà il diavolo: quindi non sai che 
cosa volerti. Che briccone quel corriere di Sestio ! disse 
che da Pozzuolo sarebbe a Roma F indomani. Farò 
come dici , d' andarmene passo passo, benché altro 
pensavo. iSè a me fanno caso Filippo o Marcello , che 
son essi d'altra taglia: o se non sono, cerio si pare ^. 
Ma questo giovane benché abbia arditezza, ha perù 
poco autorità. Nonpertanto guarda se sia il meglio 
starmi a Tusculano , potendovi star bene ( eh' io vi 
starei più volentieri perchè non sarei al buio di nul- 
la ) , oppure andarvi quando verrà Antonio. Ma , di 
palo in frasca, non ho dubbio die quel che i Greci 
dicono xxjflxov, noi lo diciamo officio. E che dubiti 
mai che questo non venga a taglio eziandio nella Re- 



3^8 EPISTOLA DCCLX^IV. A. V. C. 709 

101)1 ])iiljllcain praeclare caderet? *° nonne dici- 
iiìus Coiisulum officìiiìu , Scnatìis ofjicìnm'^ " 
J^aecUue convenit- ani da melius. Male narras 
(le Nepotis filio '=^, Valde niehercuìe moveor, et 
moleste fero. Nescierani omnino esse istiim pue- 
lum. Caninium perdidi, hominem quod ad me 
allinei, non ingralum '^. Atlienodorunij niliil est, 
(jiiod hoilere: niisil eniin salis belluni v7roy.v/;y.a »4. 
(jravedini, quaeso, omni ratione subveni. Avi tui 
jironepos '^ scribit ad patris mei nepolem, se ex 
Konis iibj quibus nos magna gessimus, aedem Opis 
explicalurum ^^j idque ad populum. Videbis igitur, 
et scribes. Sexli iudicium exspecto *7, 



DCGLXXV. 



< KA Ah. X\I, i5) 



Av^uiììcnUim. i Queritur se a Dolabella improbissime tra- 
ctaii; 1 laudai Attici iudicium de Octaviano, seque ad 
iioiiiiua sua expcdienda mox llomam veulurum uuutiat. 

Scr. in Arpinali A. \. C. DCCIX , niciisc Nov. ex. 

CICERO ATTICO S. 

I Noli pulare, pigritia me facere, quod non 
niea manu scribam: sed mehercule pigritia. Nihll 
cnim babeo aliud, quod dicam: et tamen in tuis 
quoque cpisLolis Alexim videor agnoscere ^ Sed ad 
rem venio. Ego, si me non improbissime Dola- 
bclhi liacljsse! ', dubilassem forlasse, ulnmi re- 



An. di R. 7°9 T.F.TTERA DCCrA'XIV. 379 

])ul)li!ira .' ÌN'nn (liriain noi: Cousuìiirn offìciwìì , Scuii- 
tus officiuin? vi quadra nppiiiiliun: e se no. (1;ininii 
(li meglio. Cattiva nuova del lìgliuol di Nepott; ■'': mi 
rommo«;,sc assai, e n'ho gran dolore; non sapea per 
nidla clie ci fosse questo fanriullo. Perdei Caninio 4, 
nom grafo a mio rispetto. Non oecorre pin elie tu 
aizzi A^enodoro: cliè mi niandò già un bel commen- 
tario. Deh! cotesto tuo malore trovcrnalo ad ogni patto. 
Il pronepote del tuo avo scrive al nepote di mio pa- 
die ^ che egli dai ^ di dicembre, in cui noi facemmo 
il gran fatto ^. spianerà la cosa del tempio d'OpiT. e 
iu faccia al popolo. Vedrai , e scriverai, .^spetto il giu- 
dizio di Sesto. 



DCGLXXV. Ad Alt. XVI, ,j) 

Aigoìiìciìto. I Si lagna d'essere d;i Dolabella trattato con tutta 
\;\ ribalderia possibile; 'i loda il qiudizio che Attico porta 
di Ottaviano, e iiolifica la sua vicina venuta a Roma per 
disbrigare i suoi debili. 

Scritta dall' Arjiinale l'anno DCCIX, sulP uscir di Novembre. 

CICEUOiXE AD ATTICO S. 

1 ÌN'uii ti dar a credere che io non iscriva di mio 
pugno per iuliugardaggiuc^ ma alle affé la è iuliugar- 
daggiae: giacché uoii ho uieiit' altro da dire: e pure 
auclie nelle lue lettere m'ò avviso di scorgere Alessi '. 
Ma vengo a" l'erri. Io, se Dolabella non me n'avesse 
fatt' un:i madoi-ualc. starei in forse d'esser un pò" buo- 



3(So EPISTOLA DCCLXXV. A. V. C. 709 

iiiissior essenij an summo iure coiitendeiem. Nunc 
vero etiam gaudeo mihi causam oblatain, in qua 
et ipse sentiatj et reliqui omnes, me ab ilio ab- 
alienatum ^: idque prae me feram, et quidem me 
mea facere, et rei publicae causa ^ ut illum ode- 
rimj quod, quum eam^ me auctore, defendere coe- 
pissetj non modo deseruerit^ emtus pecunia , sed 
ctianij quantum in ipso fuit, everterli 4. Quod au- 
lem quaeris, quomodo agi placeat, quum dies ^ 
Tenerit* primum A'elim eiusmodi sit, ut non alie- 
lunn sitj me Romae esse; de quo^ ut de ceterisj 
faciam. ut tu ccnsueris. De summa autem agi pror- 
sus vehementer et severe volo. Etsi sponsores ap- 
pellare ^ videtur habere quamdam ou70)-tav 6- ta- 
men lioc^ quale sit, consideres velini. Possumus 
eninij ut sponsores appellentur, procuratores in- 
troducere 7. Ncque enim illi litem contestabuntur: 
quo facto, non sum nescins, sponsores liberar!. 
Sed et illi turpe arbitror, eo nomine, quod sa- 
tisdato debeat, procuratores eius non dissolvere j 
et nostrae gravitatis '^, ius nostrum slne summa 
illius ignominia pcrsequi. De hoc quid placeat, 
rescribas velini: nec dubito 9^ quin hoe totum le- 
nius administraturu^ sis. Redeo ad rem publicam. 
Multa mehercule a te saepe iv tcì.i-ivjj) genere pru- 
,dcnter- sed bis litcris nibil prudentius: « Quam- 
" quam enim po^tea '° in praesentia belle iste 
'•■ puer relundil Anlonium, tanien exitum cxspe- 



An. di R. 709 LETTERA DCCLXXV. 38 1 

no, o di starmi sul tii-ato. Ma ora urù gradito il buon 
punto da far sentire e a lui e agli altri tutti , che sono 
in rotta con lui^ e ne menerò rumore: perchè se io gli 
porto odio, ne ho il perchè, sì per conto mio, sì pei- 
conto della Repubblica^ che avend' egli impreso a di- 
fenderla, a mia istanza, non solo la piantò, ma, per 
quanto fu da lui ^, le diede il tracollo. Iirtoruo a quello 
mi chiedi come mi piaccia trattare al dì della sca- 
denza: prima di tutto, desidero che mi torui allora iu 
buon coucio l'essere a Roma, nel che, come nel re- 
sto, farò a tuo senno. Quanto poi al danaro, voglio 
darla pel mezzo. Reuchè il chiamare i mallevadori 
sembri un po' disdicevole , pure pou meutc al modo , 
che noi possiamo trarre in campo i procuratori che 
citino i mallevadori; e quelli nou pox'rauno in dub- 
bio la causa: così, ben lo so, i mallevadori saran libe- 
rati ^. Ma per lui sarà uua vergogna che i suoi pro- 
curatori per sé non isborsiao quello eh' egli deve per 
malleveria 4: e a noi s'avverrà bene conseguire il no- 
stro dritto senza un suo sommo disdoro. Deh! scrivimi 
su questo il piacer tuo^ e son sicuro che tu tratte- 
rai tutto questo con più pacatezza. Torno alla Re- 
pubblica. Spesso in fatto politico tu hai dimostro in 
vero gran senno ^ ma non mai maggiore che iu questa 
lettera. « Comechè al presente questo fanciullo tieu 
«' buona fronte contro Antonio , pure dobbiamo aspet- 



3o2 liPlSTULA UCCLXW. A. V. Ci. ^uj) 

u dare deljciiias: » Atj quae concio! ''^ nani est 
missa niihi. lurat^ « ila sibi parenlis lioiiores coii- 
« sequi liceat ^^r » et simul dextram iiitcndit ad 
statuaiii '^. 'Slriòè itAhiir^j vùó yz rctiCro-j '4, Sed, ut 
seiibisj ceitissimuni esse video discriuieii, Cascae 
nostri tribunatuin ^^: de quo (juidem ipso dixi 
Oppioj c[uurii me hortaretur, ut adolesceuteiu , 
totauique causam^ iiianumquc veterauoruui coui- 
plecterei'j me nullo modo lacere posso, ni mihi 
cxploratum esset, eum non modo non inimicum 
tyrannoctonis , veruni ellam amicuiu iure. Quum 
ille diceret, ita tuturuui- — quid igitur iestinamus? 
impiam. lUi ^^ enini mea opera ante Kalend. la- 
nuar. '7 nihii opus est. Nos autem eius volunta- 
tcm ante Idus Deeemb. perspiciemus in Casca ^^. 
Milli valde assensus est. Quamobrem liaec (jui- 
deui liactenus. Quod reliquum est, quotidie tii- 
bcllarios habcbisj et^ ut e^o arbitror^ etiam ([uod 
scrJbaSj liabcbis '9 quotidie. Lcptae lileiaiuni exein- 
pluni tibi misij ex quo milii videlur 7:;ar/,ÀJ- ille 
deiectus de gradu ^''. Seti tu^ (juum legeiis, exi- 
slimabis. 

2 Obsignata iam epistola , iiteras a le , et a 
Sexto acccpi. Niliil iucundius literis Sexti, niliil 
amabiiius: nani tuae, breves: priores erant ubei- 
limae. Tu <|uidem et prudenter et amice suades, 
ut ui hi.'i locis potissimuiii sim, (juoad audianius, 
liaec, quue commota auni, ([uorsum cvadant. Sed 



A», di R. 709 LETTERA. DCCLXXV. 38.) 

u tar la fine ^. '? Ma che fatta (V arringai ^ perdio lii 
mi fu mandata. Il suo giuro è questo: u Così m' av- 
u venga d' ottener gli onori del padre ^:^ r> e ad un 
tempo sporge la destra verso la statua. jYon ^'orrci 
ìjunto essere salvato da costui j ma, come scrivi, il tri- 
bunato del nostro Casca farà venire a galla la verità ^-^ 
di che ho già detto al medesimo Oppio, quando mi 
confortava a prendere il partito del giovine e a fa- 
vorire tutta la causa e la banda dei veterani, che io 
noi posso fare a nessun patto, se non veggo ben chiaro 
ch'egli non solo non sia nemico dei tirannicidi, masi 
hcnc amico. E dicendomi egli: così sarà: — or a che 
darci fretta? risposi: perchè innanzi ai primi di gennaio 
egli non ha mestieri dell'opera mia. -Ma noi verremo 
in chiaro della sua intenzione prima dei i3 dicembro 
in Casca. Fu meco afiatto d'accordo. Quindi per ora 
basti di ciò. Del rimanente avrai ogni dì corrieri, e 
avrai anco, a mio avviso, ogni dì che scrivere. Ti 
mando copia della lettera di Lepta, donde m'è parso 
che quel capitanuccio 9 abbia avuto uno sgambetto. 
Ma tu ne farai ragione leggendo. 



2 Sigillata già (juesta, eecuini tue lettere e di Se- 
sto. Quelle di costui son la cosa più dolce e cara del 
juondo: perchè le tue son brevi- le prime erano più 
abbondevoli. Ben mi esorti da prudente e da amico 
eh' io stia piuttosto in questi luoghi sinché si oda ove 
vadano a battere questi subbugli. Ma, o mio Attico, 



384 EPISTOLA DCCLXXV. A. V. C. 70^) 

Die, mi Anice, non sane hoc quitleiii tempore mo- 
vet res publica* non quo aiit sit ^* mihi quicquan» 
cariusj aut esse debeat ^ sed desperatis etiam Hip- 
pocrates vetat adhibere medicinam ^^. Quare ista 
valeant: me res familiaris movet; rem dico? immo 
vero existimatio. Quum enim tanta reliqiia sint^^; 
ne Terentiae qiiidem adirne, quod solvam, expe- 
di tiim est. Terentiam dico? scis nos pridem iani 
constituisse Montani nomine H-S xxv dissolve- 
re 24. Pndentissime hoc Cicero petierat, ut fide 
sua 2^. Libéralissime, ut tibi quoque placiierat , 
promiseram- Erotique dixeram, ut sepositum ha- 
beret -^. Non modo* sed iniquissimo fenore ver- 
suram facere Aurelius ^7 coactus est. Nam de Te- 
rentiae nomine Tiro ad me scripsit, te dicere, 
nunimos a Dulabella fore. Male eum credo intel- 
lexisse, si qnisquam male intelhgit ^^j potius nihil 
intellexisse. Tu caini ad me scripsisti Cocceii re- 
sponsum ^o- et iisdem pacnu verbis Eros. Venien- 
duni est igitur vel in ipsam flammam ■'''. Tiirpius 
est enim privatim cadere, quam publice. Itaque 
ceteris de rebus quas ad me saavissime scripsi- 
sti, pertuibato animo, non potui, ut consueram ^'; 
lescribere. Consenti in liac cura ^^, ubi suni, ut 
me expediam: quibus autem rebus, venit quidem 
luihi in mentem 5 sed certe ^^ constituere nihil 
possum, priusquam te videro. Qui minus autein 
ego istic recte esse possim . quam est Marcel- 



An. Ji 11. 709 LKTTERV DCCLXXV. 385 

ogglinai la Repabljlica nou mi dà più pensiero:^ non 
perchè io m' abbia cosa più cara di lei , ma anco Ip- 
pocrate proibisce il dai* medicina agli spacciati. Una- 
que queste cose a Dio le accomando: io mi dò briga 
del fatto mio: fatto mio, dissi? anzi della ripntaziou 
mia. Che rimanendoci ancor tanti crediti, pure non 
s' è potuto ancora riscuoter tanto da pagare Terenzia. 
Terenzia, dissi? sai che già da pezza io aveva impro- 
messo di sborsare per conto di Montano venticinque- 
mila sesterzi. Cicerone avea chiesto con tutta mode- 
stia che in ciò si slesse a sua fidanza^ e io, giusta il 
parer tuo, avea promesso sbraciatamente, e detto a 
Erote che tenesse in disparte il denaro. Le furon no- 
velle :, che anzi Aurelio dovette torre a sci'occhio. Per- 
chè a nome di Terenzia mi scrisse Tirone che tu di- 
cevi che i denari gli avrebbe dati Dolabella. Se mai 
nessuno la intese a rovescio, certo sì credo egli^ od 
anzi non ne intese straccio. Perchè tu mi scrivesti la 
risposta di Coccejo, ed anco Erote colle parole stesse 
appuntino. Fa dunque mestieri eh' io venga nel bel 
mezzo del falò^ perché gli è più vergogna cader pri- 
vatamente che pubblicamente. Pertanto alle altre cose 
di cui mi scrivesti col miele in bocca non potei ri- 
spondere a posta mia , per essere d' animo l'iversato. 
Lascia che mi spastoi di dove sono^ ben mi passa pel 
capo la maniera: ma prima di vederti non posso sta- 
bilir nulla. E come non istarò io costi altrettanto bene 



C/c. X. — Leu. T. IX. i5 



386 EPISTOLA DCCLXXV. A. V. C. 709 

lus? 34 Sed non id agiturj neque id maxime cu- 
ro. Quid curem, vides. Adsum igitur. 



DGGLXXVI. 



(Ad Div. XI, 5) 



Argumetilimi. Excusat se, quod Bruti literis non respon- 
derit; hortatur ad libertatem recuperandam ; et suuni 
studium ac ofdcia pollicetur. 

Scr. Romae A. V. C. DCCIX , cii ta kl. Dee. 

M. CICEIiO S. D. D. BRVTO IMP. COS. DES. 

Lupus ^j familiaris noster, quum a te venisset, 
quumque Romae quosdam dies commoraretur, ego 
eram in iis locis , in quibus maxime me tuto esse 
arbitrabar ^. Eo factum est, ut ad te Lupus sine 
meis literis rediret, quum tamen curasset tuas ad 
me perferenda^. Piomam autem veni a. d. quinlum 
Idus Decembres, nec habui quicquam antiquius, 
quam ut Pansam statini convenirem : ex quo ea 
de te cognovij quae maxime optabam ^. Quare 
hortatione tu quidem non eges, si ne illa quidem 
in re ^^ quae a te gesta est post hominum me- 
raoriam maxima, liortatorem desiderasti. Illud ta- 
men ^ breviter significandum videtur , populum 
Romanum omnia a te exspectare, atque in te ali- 
quando recuperandae libertatis omnem spem po- 
nere. Tu, si dies noctesque memineris (quod te 
lacere certo scio), quantam rem gesseris ^; non 



An. di R. 709 LETTERA DCCLXXV. 387 

che Marcello? '° Ma di ciò non si tratta, né troppo 

ini cale^ tu Leu vedi quel die mi stringe. Dunque io 
veasfo. 



DCCLXXVI. 



(A D.v. Xi, i) 



yJrgoine/Uo. Si scusa rii non avere fatto risposta alla IcUera di 
Bruto; lo anima a riguadagnare la libertà, e prometterli i suoi 
ufficii e la sua benevolenza. 



Scritta da Roma Tanno DCCIX , circa il i3 di Dicoiubrc. 

M. CICERONE A D. BRUTO IMP. E CONS. DESIG. S. 

Allorché il nostro amico Lupo ' venne via da te , e 
si soffermò alquanti giorni a Roma, io era in sì fatti 
luoghi ove mi pensava starmene più che altrove al si- 
curo ^. Per questo Lupo tornò a te senza mie lettere , 
benché, si fosse dato briga di recare a me le tue. Io 
poi venni a Roma il di 9 di decembrc^ nò altra cosa 
ebbi più a cuore che d' accontarmi con Pausa , da cui 
riseppi intorno a te quello che io sopra ogni cosa del 
mondo desiderava. Per lo che tu non hai duopo d'e- 
sortazioni , dacché nò anco in quel fatto che tu ope- 
rasti, e che sta sopra a tutti gli altri dacché mondo 
è mondo, non hai voluto esortatori. Ma questo voglio 
significarti in breve , che il popolo romano tutto aspetta 
da te, e che in te ripone tutta la sua fidanza di riac- 
quistare quandochessia la hbertà. Se tu ricorderaiti 
giorno e notte ( del che mi sto sicuro ) quanto gran 



388 EPISTOLA DCCLXXVI. A. V. C. 709 

obliviscere protecto^ quantae tiÌ3Ì etiaiii nunc ge- 
reiidae sint. Si eiiiiii iste 7 provinciatn nactus erit. 
cui quiclem ego semper araicus fui aiitequam il- 
luni iiitellexij non modo aperte^ sed etiam liben- 
ter cum re publica bellum gcrere^ spem leliquam 
iiullam video salutis. Quaiiiobrem te obsecro iis- 
dem precibus^ quibus S. P. Q. ì\.^ ut in perpe- 
tuum rem publicam dominata regio liberes^ ut 
principiis consentiant exitus. Tuum est lioc mu- 
nuSj tuae partes: a te lioc civitas, vel omnes pò- 
tius gentes non exspectant solum^ sed etiam po- 
stulant. Quamquam ^j quum hortalione non egeas, 
ut supra scripsi, non utar ea pluribus verbis: fa- 
ciani illudj quod meum est^ ut tibi omnia mea 
officiaj studia^ curas^ cogitationes polìicear^ quae i> 
ad tuam laudem et gloriam pertinebunt. Quam- 
obrem velini tibi ita persuadeas ^° , me quum rei 
publicae causa j quae mihi vita mea est carior^ 
tum nuod tibi ipsi " faveam, tuamque dignita- 
tem amplificari velini ^ tuis ^^ optiniis consihis, 
amplitudini, gloriae nullo loco defuturum. Vale. 



DCCLXXVII. 



(Ad Div. XI, (;; 



Argumcntnin. Bruto digiiitatem siiaui comraeudanti Cicero 
respoiidet sibi eain curae fòrc, idque u se iani la se- 
jiatu declora tuia esse. 



An. JJ R. 709 LETTERA DCCLXKVI. 38g 

cosa hai eseguiUi, non potrai certo sdimenticarti quante 
altre ancora ti restino a far di presente, Percliè se si 
arraffa una volta la tua provincia costui, del quale io 
fui in vero sempre amico pria d'aver compreso ch'e- 
gli movea guerra alla Repubhlica non solo a viso aperto 
ma di buona lena, io non veggo altra speranza di sa- 
lute. Laonde io ti scongiuro con quelle preghiere né 
più né meno che ti fa il Senato e il popolo romano, 
a smorbare la Piepubblica dal l'egio dominio, sì che a' 
principii risponda la fine. Questo è desso il tuo offi- 
cio e r impegno tuo^ codesto la città, od anzi tutto il 
mondo da te aspetta non solo, ma domanda eziandio. 
Ma non essendoti bisogno, come sopra scrissi, di con- 
forti , non farò più parole, e mi terrò a quel tanto 
che a me spetta, prometterli cioè tutti gli uffìzi, stu- 
di, premure e pensieri miei che possano far prò alla 
tua lode ed alla gloria. Per lo che vivi sicuro che io, 
tra per amore della Piepubblica , che m' è più cara 
della vita, e perchè mi son posto dalla tua, e voglio 
che l'onor tuo s'aggrandisca, io non verrò mai meno 
in cosa del mondo a' tuoi ottimi consigli , alla gran- 
dezza ed. alla gloria tua. A Dio. 



DCCLXXVIi. (An,v.xi,6) 

Argomento. A Brulo, che aveagli raccomandata la sua dignità, 
risponde che n'ha avuta tulla la premura, e che lo ha già 
manifestato in senato. 



3^0 EPISTOLA DCCLXXVII. A. V. C, 709 

Sci. Rumse A. V. C. DCCIX , cir. X Kal. Dee. 

M. CICERO S. D. 1). CRVTO IMP. COS. DES. 

Lupus noster quum Romani sexto die Mulina 
venisset, postridie me mane convenit, tua ^ mihi 
mandata diligentissime exposuit, et literas reddi- 
dit. Quod railii tuam dignitatem commeudas^ eo- 
dem tempore existimo te mihi meam dignita- 
tem ^ commendare^ quam meherculc non habeo 
tua cariorem. Quare mihi gratissiraum fiìcies, si 
exploratum habebis, tuis laudibus nullo loco nec 
consiliunij nec studium raeum defuturum. Quum 
tribuni plebis edixissentj senatus adesset ^ a. d. 
XIII Kal. lan.j haberentque in animo de praesi- 
dio consulum designatorum referre 4 : quamquam 
statueram in senatum ante Kal. lan. non venire: 
tamen, quum eo, die ipso edictum tuum ^ propo- 
situm esset^ nefas esse duxi^ aut ita haberi sena- 
tum ^ ut de tuis divinis in rem publicam mentis 
sileretur (quod factum esset, nisi ego venissem)^ 
aut, etiam si quid de te honorifice ^ diceretur, 
me non adesse. Itaque in senatum veni mane. 
Quod quum esset aniraadversum , frequentissimi 
senatores convenerunt. Quae de te in senatu ege- 
rim 7, quae in concione maxima ^ dixerim, alio- 
rum te literis malo cognoscere. Illud tibi persua- 
deas velinìj me omnia , quae ad luam dignitatem 



An. diR. 709 LETTERA DCCLXXVII. SqI 

Scritta da Pioma l'anno DCC(X, circa il 22 di Dicembre. 

M. CICERONE A D. BRUTO DIP. E CONS. DESIG. S. 

Il nostro Lupo %'eiiuto a Roma il dì sesto da Mode- 
na, la dioiaue di buon'ora s'accontò meco, mi spose 
per filo e por segno i tuoi orduii , e diemmi la tua 
lettera. Col raccomandarmi l'onor tuo, io tengo che 
tu mi raccomandi ad un'ora il mio, che in buona ve- 
rità non mi ho piiJ caro del tuo. Laonde mi fai'ai cosa 
grata oltremodo, se tu crederai fermamente ch'io aiu- 
terò in ogni cosa la riputazion tua, sia col consiglio, 
sia coli' opera. Giusta l'editto dei Iribimi della plebe ^ 
il Senato ragunossi a' 20 di dicembre 2, coli' intenzione 
di proporre nna guardia ai consoli designati ^:^ ed io 
comechè avessi fermo di non venirvi prima delle ca- 
lende di gennaro , tuttavolta essendovi stato proposto 
il dì medesimo V editto tuo , stimai disdicevole al tutto 
che il Senato si raccogliesse per forma che non vi s' u- 
disse un zitto de' tuoi sommi benefizi fatti alla Repub- 
blica ( e questo avveniva se io non vi fossi stato ) , o 
che io non fossi presente 4, se mai nulla di onorevole 
vi si fosse detto di te. Pertanto la mattina fui in sena- 
to^ e ciò osservatosi, i senatori vi piovvero. Quel ch'io 
vi abbia fatto intorno a te, e detto nella maggior ra- 
gunata, amo meglio che tu il j'isappi da lettere al- 
trui ^. Questo voglio ben io che ti si fermi nell' ani- 



392 EPISTOLA DCCLXXVII. A. V. C, 709 

augendam pertinebunt; quae est per se amplissi- 
ma ^ summo semper studio suscepturum et defen- 
surum: quod quamquam iiitelligo me cum multis 
esse facturum , tamen appetam huius rei prin- 
cipatum 0. 



DCCLXXVIII. ,A,.Di.x.,,) 

Argumenliim. Suadet ne in salute populi Rom. tuenda se- 
iiatiis auc'tOritalem exspectet, sed, quid sibi recluni vi- 
d(?atiir , faciat. 



Sor. Piomap A. V. C. DGCIX, inrnse Doc. e.v. 

M. CICERO S. D. D. ERYIO IMP. COS. DES. 

Quum adhibuisset ^ domi raeae Lupus me et 
Libonem et Servium ^^ consobrinura tuum, quae 
ìnea fuerit sententia^ cognosse ^ te ex M. Scio 
arbitror, qui nostro sermoni interfuit. Reliqua , 
quamquam statim Seium Graeceius est subsecu- 
tuSj tamen ex Graeceio potcris cognoscere. Ca- 
put autem est hoc^ quod te diligentissime perci- 
pere et meminisse velim 4: ut ne in liberiate et 
salute populi Romani conservanda auctoritatem ^ 
senatus exspectes, nondum liberi ^^ ne et tuum 
factum 7 condemnes (nullo enim publico Consilio 
rem publicam liberasti ^5 quo etiam est res illa 
niaior et clarior), et adolescentem p. ycI puerum 
potiuSj Caesarem, iudices temere fecisse, qui tan- 



An. diR. 709 LETTERA DCCLXXVII. 3g5 

ino. clie io prenderò sopra di me e difenderò sempre a 
tult' uomo tutte quelle cose che faranno ad accrescere 
Tonor tuOj il quale si è tuttavia grandissimo; nel che 
bendi' io sappia d' aver molti compagni , tuttafiata ne 
})ramo io il principato. 



DCCLXXVIII. 



(A Div. X!, 7) 



jlrgomenio. Lo consiglia a non aspettare i decreti del Senato 
per la salvezza del popolo lomano; bensì operi secondo che 
gli pnre ben fallo. 

Scrina da Roma V anno DCCIX , sul finir di Dicrnibrc. 

M. CICERONE A D. BRUTO IMP. E CONS. DESIG. S. 

Avendo Lupo in casa mia fatto un convegno con 
ine e Libone e Servio tuo cugino, tu avrai, mi pen- 
so, risaputa l'opinion mia da ?>L Scio che fu presente 
al nostro discoi'so. Del rimanente potrai accertarti da 
Grcceio , comechè questi abbia seguito Scio di botto. 
La somma è qui , che io vorrei ti ponessi in capo e 
vi li stesse fitto di non aspettare T autorità del Senato, 
non per anco libero, per conservare la libertà e la sal- 
vezza del popolo romano, acciocché tu non danni l'o- 
pera tua ( non avendo tu liberato la Repubblica per 
nessun pubblico consiglio^ di che quel fatto cresce due 
cotanti in gloria): ed acciocché tu non giudichi che 
quel giovine od anzi fanciullo di Cesare ^ abbia ope- 
rato a caso, coir addossarsi di suo capo una causa pub- 



394 EPISTOLA DCCLXXVIH. A. C. V. 709 

tam causarli publicam privato Consilio susceperitj 
cìcnique homines rusticos ^", sed fortissimos viros^ 
civesque optimos^ dementes fuisse iudicesj primum 
milites veteranos, commilitones tiios ", deinde le- 
gionem Marliam, legionem quartana, quae suum 
consulem ^^ hostem iudicaverunt, seque ad salu- 
tem rei publicae defendendani contulerunt. Vo- 
luntas senatus prò auctoritate liaberi debet, quum 
auctoritas impeditur raetu. Postremo suscepta tibi 
causa iani bis est, ut non sit integrum ^^: pri- 
mum Idibus Martiis 5 deinde proxime , exercitu 
novo et copiis comparatis. Quamobreni ad omnia 
ita paratus atque animatus 4 debes esse, non ut 
nihil faciaSj nisi iussus- sed ut ea geras, quae ab 
omnibus summa cum admiratione laudentur. 

DCGLXXIX. ( Aj Div. XII , 22 ) 

Argiunenlum, Narrai se cum Antonio centra arma verbis 
pugnare; et ne Corniflcius provinciam sine senalus con- 
sulto tradat, borlatur. 

Scr. Roiiiac A. V. C. DCCIX, mense Dee. ex. 

CICERO CORiNlFICIO S. 

Nos hic cum homine gladiatore , omnium ne- 
quissimo^ collega nostro ^j Antonio j bellum geri- 
nius: sed non pari conditione ^j contra arma ver- 
bis. At etiam de te concionatur ^: nec impune. 



An. di R. 709 LETTERA DCCLXXVIII. SqS 

bllca si grauclc : e iufiac accioccliù tu non dii dello 
sciocco a quelli uomini grossolani sì ^-, ma robustissimi 
ed ottimi cittadini: vo' dire inprima i veterani tuoi 
commilitoni ^, e poi la legione Marzia, e la quarta, che 
presero per lor nimico il console . e tutto si diedero 
alla difesa della pubblica salute. Egli si dee tenere 
per autorevole la volontà del Senato, quando P au- 
torità sua è impedita da spauracchi. In fine tu hai 
messo mano alla cosa già due volte, sicché cosa fatta 
capo ha: prima ai i5 di marzo 4, e subito appresso 
col far nuove leve. Laonde tu debbi esser presto e vo- 
lonteroso non già a nulla fare se non comandato , ma 
a far di quelle cose che vengau poi lodate da tnlti 
con sommo stupore. 



DCCLXXIX. 



(A Div. Xll , se) 



Argomento. Scrive di l)atter,si con Anlouio, ma con parole con- 
tro arme; e fa animo a Cornificio che non consegni il suo 
governo se non per decrelo del Senato- 

Srritla da Roma 1" niino DCCIX , alP uscire di Dicemlup. 

CICERONE A CORNIFICIO S. 

Noi qui guerreggiamo con Antonio nostro sozio, col- 
tellante ^, il piii impiccato uomo del mondo; ma non 
siamo al paro , perchè egli spade e noi parole. Scar- 
dassa nelle arringhe anche te; ma non a man salva: 



396 EPISTOLA DCCLXXIX. A. V. C. 709 

Nani seiitiet, (juos lacessierit. Ego autem acta ad 
te omnia arl)iLror 4 perscribi ab aliis: a me futura 
dcbes coguoscere; quorum quidem non est diffi- 
cilis coniectura. Oppressa omnia suntj nec ha- 
])ent ducem bonij nostrique rupaiDc-Krónci longe gen- 
tium absunt. Pansa et sentit bene ^^ et loquitur 
fortitcr: Hirtlus noster tardius convalescit ^. Quid 
futurum sit, piane nescio. Spes tamen mia est 7, 
aliquando populum Romanum maiorum siinilem 
fere. Ego eerte rei publicae non deero: et quic- 
quid accideiitj a quo mea culpa absit, animo forti 
feram. IHud profecto, quoad poterò , tuam famam 
et dignitatem luebor. A. d. XIII ^ Kalendas la- 
nuar, senatus frequens mibi est assensus^ quuni 
de ceteris rebus magnis et necessariis^ tum de 
provinciisj ab iis, qui obtinerentj retinendis^ nc- 
que cuiquam tradendis^ nisi qui ex senatus con- 
sulto successisset 9. Hoc ego quum rei publicae 
causa censuij tum mebercule inprimis retinendae 
dignitatis tuae ^°. Quamobrem te amoris nostri 
causa rogOj rei publicae causa bortor, ut ne cui 
quicquam iuris in tua provincia esse patiarej at- 
que ut omnia referas ad dignitatem, qua nihil pot- 
est esse praestantius. Vere tecura agam, ut ne- 
cessitudo nostra postulai: in Sempronio ", si meis 
literis obtemperasses, maximam ab omnibus lau- 
dem adeptus esses. Sed iìlud et praeteriit, et le- 
vius e-it. Haec magna res est: fac ut provinciam 



An. tli II. 709 LETTERA DCCLXXIX. 3g'J 

perchè s' accorgerà a cui dia di morso. Le cose latte 
credo che tutte le risaprai per altri ^ da lue hai ad ap- 
prender le future, che già ben traspaiono innanzi trat- 
to. Tutto è per la spacciata^ i buoni senza un capo, 
e i nostri tirannicidi stanno iu capo al mondo. Pausa 
ben la intende, e parla di forza ^ il nostro Irzio si ri- 
sana a rilento -. Non so affatto che diamine avverrà^ 
ma pur si spera che il popol romano debba una volta 
o l'altra far ritratto da' suoi maggiori. Io certamente 
non verrò meno al comune , e sopporterò con fermo 
animo checché accada, ove io non abbia colpa. E per 
mia fede, sin ch'io avrò fiato da tanto, difenderò la 
tua fama e dignità. Ai 20 di dicembre il pien Senato 
m' accordò , oltre alle altre cose di gran rilievo e ne- 
cessarie, questo altresì, che le proviucie si ritengano 
da coloro che l'hanno avute, nò si clieno a verun al- 
tro, da quelli infuori a cui decreti il Senato la succes- 
sione. Questo pensai sì per conto della Repubblica, e sì 
principalmente in fede mia per conservare a te la di^ 
gnità ^. Perloccliè io ti prego per lo amor mio, e ti 
esorto per rispetto del comune, a non cedere un pelo 
di diritto a chicchessia nella tua provincia, e che iu 
tutto abbi riguardo alla dignità , di cui si dee far ca- 
pitale più che di qualunque altra cosa. Dirò teco alla 
libera secondo intrinsici che ijpi siamo: se intorno a 
Sempronio 4 tu avessi fatto giusta la mia lettera , tutti 
t' avrebbon lodato a cielo. Ma il fatto è fatto, ed è 
ima bazzecola. Questo è gran che^ ritieni la provia» 



'ÒgS EPISTOLA DCCLXXIX. DCCLXXX. A. V. C. 709 

retiìieas in potestate rei publicae. Pinra scripsis- 
sem, nisi tui festinarent. Itaqiu; Chaerippo no- 
slro ^^ me velini excnses. 

DCCLXXX. r;„i u„._ xvi, 27) 

Jii^uiìiciuuin. in\chitur in coiisuies designatos lìirtiurn et 
Paiisam. 

Scr. Koiiiao A. V- C. DCCIX, mense ituierto. 

Q. CICERO TÌROM S\0 S. P. D. 

Mirilìcam mihi vcrbcrationeni ccssationis epi- 
stola cledisti ^ NaiTij quae parcius frater perscri- 
pserat ^, veieeundia videlicet et propera tione, ea 
tu sino assentatione, ut erant, ad me scripsisti^ 
et maxime de consulibus designatis ^j quos ego 
penitus novi libidinum et languoris effeminatis- 
simi animi pleiios 4- qni nisi a gubernaciilis re- 
cesserint, maximum ab universo naufragio peri- 
culum est ^. Incredibile est, quae ego illos scio, 
oppositis Gallorum castris ^, in aestivis fecisse 5 
quos ille latro 7, nisi aliquid firmius fuerit, so- 
cietate vitiorum deliniet. Res est aut tribuniciis, 
aut privatis consiliis munienda. Nam isti duo vix 
sunt digni, quibus alteri Caesenam, alteri Cossu- 
lianaruni tabernarum fundamenla credas ^. Te, ut 
dixi, fero oculis. Ego vos a. d. Ili Kalend. vide- 
bo, tuosquc oculos, etiam si te veniens in medio 
foro videro, dissuaviabor 9. Me ama. Vale. 



Aa. di R. 709 LETTERA DCCLXXIX^ DCCLXXX. 899 

eia in balia della Repubblica. Scriverei più, se i tuoi 
lioii avesser fretta: per questo scusami presso il no- 
stro Cherippo. 



DCCLXXX. 



(A Civ. XVI, 27) 



Jr-gomento. Fa inveiti ve confra Irzio e Pausa consoli desi- 
gnali. 

Scritta da Roma Y anno DCCIX , di mese incerto. 

QUINTO CICERONE AL SUO TIR ONE S. 

Dob! (li cbe sauta ragione m'bai tu bolzonato pel 
mio intraraetter di scrìverti! ^ Perchè quel cbe mio fra- 
tello avea tocco di volo, per peritanza o per fretta, tu 
me l'hai senza lezii spiattellato come sta e giace, mas- 
simamente il fatto de' consoli designati ^, i quali io co- 
nosco a fondo pieni di matte voglie, e d'animo llacco 
e infemminito^ talcliè se non si scostano dal timone, 
c'è gran rischio cbe tutto vada a soqquadro. Le cose 
che io so aver fatte costoro stando a quartiere d' e- 
state in sul viso del campo dei Galli ^, non son da cre- 
dere : i quali certo quel ladrone 4 mettendoli a mezzo 
de' vizi li sollucherà, se non vi avesse nulla di più vi- 
goroso. Fa bisogno d'afforzar la cosa o coi consigli tri- 
buniziì o coi privati. Perchè costor due sono appena 
meritevoli che tu affidi alPuno Cesena-'', e alP altro gli 
sfasciami delle bettole Cossuziane. Io ti voglio, come 
dissi, tutto il mio bene. Vedrovvi ai ventinove, e ti 
laro un bacio negli occhi, se anco al mio venire li 
scontrassi in mezzo al foro. Amami, e sta sano. 



400 KPISTOLA DCCLXXXI. A, V. C. 709 

LCCLXXXI. /,j Uiv. XVI, 21) 

Argumentui-i. Suiuii viilutis amoreiii et stiidioi-uin ratio- 
neiii Ciceiu fiiius declarat, Tirouii|iie de praedio etnie» 
gratuialiu-. 

St r. Alhciiis A. V. C. DCCIX , mense incerto. 

CiC. FIL. TIRONI SVO DVLCISS. S. V. D. 

Quum veliementer tabellaiios exspectarem quo- 
tidie^ aliquando veiierunt post dieni XL et VI '^ 
quam a vobis discesseiant; quorum mihi fuit ad- 
ventus optatissimus. Nam quum luaxiraam ce- 
pissein laetitiam ex humanissimi et caiissirai pa- 
tris epistola- tum vero iucundissimae tuae literae 
cuniuluni milii gaudii attulerunt. Itaque me iam 
non poenitebatj iutercapedinem scribeiidi fecisse- 
sed potius laetabai'. Fructum enuii magiium hu- 
manltatls tuae capiebam ex sileiitio mearuiii litc- 
raruni. Vehemcnler igitur gandeo^ te meani sine 
dubitatione accepisse excusatioiienj. Gratos tibi, 
cptatosque esse^ qui de me rumores afferuntur. non 
dubito, mi dulcissime Tiro: praestaboque et enitar^ 
ut in dies magis magisque haec iiascens de me 
duplicetur opiiiio. Quare quod poUiceris, te buc- 
cinalorem fere existimatioiiis meae, firmo id con- 
slantique Mìnimo facias bcet. Tantum enira mihi 
doloiem cruciatumque attulerunt errata aetatis 



An. di R. 7"9 LETTERA DCCLXXXI. /[O l 



DCGLXXXI. (ADiv. xvi,3i) 

Argomento. Il figliuolo Cicerone notifica il suo amore alla vir- 
tù, e il metodo de' suoi studi; e s'allegra eoa Tiroae della 
compera del podere. 



Scritta da Atene T anuo DCCIX , di mese incerto. 

CICEROi\E FIGL. AL SUO DOLCISSIMO TIRONE » S. 

Consumaudortii io iti aspettare i vostri corrieri ogui 
dì, fiualmeute vennero dopo quarantasei giorni dachè 
ftu'ou partiti da voi^ la cui venuta mi fu cara oltre 
misura. Che avendomi rallegrato assai la lettera del 
cortesissimo e carissimo padre , pose il colmo alla mia 
contentezza la tua graziosissima. Per lo che non tauto 
eh' io non mi pentissi d' aver intralasciato di scriverti j 
anzi me ne rallegrava, vedendo che dal silenzio delle mie 
lettere me ne veniva gran frutto di tua cortesia. Dunque 
nr è d' un piacer smisurato che tu abbi accetta senza 
dubitanze la mia scusa. Tengo per fermo , o dolcissimo 
Tirone, che ti riescano grate e care le voci che corrono 
sul mio conto ^ ed io farò ogni maggior sforzo accioc- 
ché questa mia nascente reputazione vada raddoppian- 
dosi ogni giorno più. E però ben puoi con baldanza 
e di sodo far dell'opinion mia, come prometti, il ban- 
ditore:^ perchè tauto duolo e cruccio mi ho preso delle 
malefatte di mia giovinezza, che non solo mi si rivolta 



Ui. X. — UiL. T. IX. 26 



402 EPISTOLA DCCLXXKI. A. V. C. 709 

meae, ut non soìuin animus a factis, sed aures 
quoque a coraraemoratione abhorreaiit. Guius te 
solicitudiiiis et doloris paiticipem fuissej notum 
exploratumque est mihi: nec id iiiiruni. Nam quuin 
omnia mea causa velles mihi successa ^ 5 tum etiam 
tua. Socium eiiim te meorum comraodorum sem- 
per esse volui. Quod ^ igitur tum ex me dolui- 
stij iiunc, ut duplicetur tuuui ex me gaudium , 
praestabo. Cratippo me, scito, non ut discipu- 
lura^ sed ut filium, esse coniunctissimum. Nam 
quum et 4 audio illum libenter^ tum etiam pro- 
priam eius suavitatem vehementer anjplector. Sum 
totos dics cum eo, noctisque saepenumero par- 
tem. Exoro enim^ ut mecum quam saepissime ce- 
net. Hac introducta consuetudine ^ saepe inscien- 
tibus iiobis et cenantibus ^ obrepit , sublataque 
severitate phiìosophiae , huraanissimc nobiscum 
iocatur. Qnare da operan:^ ut hunc talem, tam 
iucundunij tam excellenlem virum videas quam 
piimum. Nam quid ego de Biuttio ^ dicam? quem 
nullo tempore a me patior discedeie: cuius quuuì 
frugi, severaque est vita, tum etiam iucundissima 
convictio 7. Non est enim seiunctus iocus ^ a phi- 
lologia et quotidiana 'jvrn^n'yì-^- Huic ego locum i' 
in proximo conduxi, et, ut possunij ex meis an- 
gustiis iilius sustento tenuitatem. Praeterea de- 
i'Iamitrlre graece apud Gassium " institui: latine 
autem apud Brutliuiu cxeiceii volo. Vtor fami- 



Ali. di R. 709 LETTERA DCCLXXXl. ^OÒ 

l'animo a quelle cose, ma eziandio le orecchie al ri- 
cordarle: e che tu sii stalo partecipe di questo mio 
travaglio, ben mei so appieno, né me ne maraviglio;^ 
poiché tu mi hai sempre desiderato ogni bene e per 
riilo e per tuo conto, ed io ti ho voluto sempre a so- 
zio delle mie buou' avventure. Pertanto essendoti tu ad- 
dolorato a mio riguardo, ora darò opera che a mio 
riguardo li si raddoppii 1' allegrezza. Sappi eh'' io sono 
anima e corpo con Cratippo ^, non siccome scolaro , 
ma qual figliuolo^ perchè e con piacere da lui appren- 
do, ed anco mi tocca il cuore ([nella sua propria dol- 
cezza. Io me gli sto appiccato i eh interi, e spesso parte 
della notte: perchè io gli fo calca di venire a cenar 
meco il più sovente. Con quest'usanza, spesso, mentre 
ceniamo, d'improvviso ci si dà innanzi, e lasciata in 
disparte la seveiùtà della filosofia, tutto alla cortese 
scherza coh noi. Perlochè fa di veder quanto prima 
un uom SI fatto, cos'i gioviale e cosi eccellente. Poi- 
ché che dirò di Bruzzio' ^ cui non soffro che si spic- 
chi da me uu momento, e che quanto mena una vita 
savia e severa, tanto è compagnevole e lieto ^ percioc- 
ché dalla filosofia e giornaliera cUsputazione non è poi 
scompagnato lo scherzo. Io gli ho preso a fitto un 
luogo (jui presso, e quanto le mie ristrettezze rad dan- 
no, vo aiutando la sua uieschinilà. Ilo preso inoltre a 
declauiai' greco presso Cassio 4:^ e voglio esercitarmi nel 
latino presso Bruzzio. Uso con dimestici e giornalieri 



4o4 EPISTOLA DCCLXXXl. A. V. C. 709 

liaribiis et qaotidianis convictoribus, quos secum 
Mityleiiis Gratippus adduxit, hominibus et doctis, 
et illi probatissimis. MultuQi etiam mecum est Epi- 
crates, princeps Atbeiiiensiunij et LeoiiideSj et ho- 
rum ceteri similes. là piv cvv y.a.^" r,[j.dq^ rdoz. De 
Gorgia " aiitem qiiod mihi scribis, erat quidem 
ille in quotidiana declamatione utilis: sed omnia 
postposuij duramodo praeceptis patris parereni. 
ò^ic/.^jpr,^-/]v enim scripserat, ut eum dimitterem sta- 
tini ^'^. Tergiversari nolui, ne mea nimia 7~oijdr, *^ 
suspicionem ei aliquam importaret. Deinde illud 
etiam mibi succurrebat, grave esse me de iudicio 
patris iudicare. Tuum tamen studium et consilium 
gratum acceptumque est mibi. Excusationem an- 
gustiarum lui temporis accipio: scio enim, quam 
soleas esse occupatus. Emisse te praedium, vehe- 
menter gaudeoj feliciterque tibi rem istam evenire 
cupio. Hoc loco '4 me tibi gratularij noli mirari. 
Eodem enim fere loco, tu quoque, emisse te, fe- 
cisti me certiorem. Habes '^. Deponendae tibi sunt 
urbanitates: rusticus Romanus factus es ^^. Quo- 
modo ego mihi nunc ante oculos tuum iucundissi- 
mum conspectum propone! Videor enim videre ^7 
cmentem te rusticas res, cum villico loquentem, 
in lacinia ^^ servantem ex mensa secunda semi- 
na ^9. Sed, quod ad rem pertinet, me tum tibi 
dcfuisse 2*^, aeque ac tu, dolco. Sed noli dubita- 
le, mi Tiro, quia te sublevaturus siui, si modo 



An. n. di 709 LETTERA DCCLXXXI. 4^^ 

commensali , che Cratippo condusse seco da Mitilene , 
uomini dotti, e tenuti da lui in molta stima. Sono 
spesso anche con Epicrate, un de' primi d'Atene, e 
Leonide ^, ed altri di questo taglio. Tutto ciò intorno 
a me. Quanto poi a Gorgia^ di coi mi scrivi, egli gio- 
vava pure ne! declamar quotidiano: ma tutto mi get- 
tai dietro per ubbidire ai voleri del padre: perchè mi 
scrisse chiaro e tondo ch'io lo lasciassi ire di botto ^ 
non ho voluto nicchiare , per non gli dar qualche so- 
spetto colla mia troppa affezione^ e inoltre mi cor- 
l'eva all'animo ch'era una sconcìezza voler io giudi- 
care il giudicio del padre. Tuttavia la tua ì)remura 
e '1 tuo avviso mi sa caro assai- ti meno buona la 
scusa delle tue strettezze di tempo, ben sapendo di- 
luvio di occupazioni che hai. Ch'abbi compro un po- 
dere, ne godo fuormisura, e desidero che questa fac- 
cenda ti riesca a bene. E che a questo punto io mi 
congratuli teco , non far meraviglie , perchè a questo 
punto medesimo m' avvertisti della compra. Or eccoti 
con qualcosa del tuo al sole^ t' è duopo cacciar via la 
civiltà 7: sei divenuto un contadin romano ^. Oh! com'io 
mi figuro adesso in sugli occhi quel tuo viso giovialone. 
Parmiti vedere comperar cose villanesche, parlar col 
contadiuo, e far serbo nel grembiale delle semenze 
quando il pranzo è alle frutte. Ma, quel che monta, 
che io ti sia allora mancato, duolmene né piìi né meno 
che a te. Non dubitar però, o mio Tirone, ch'io ti 
solleverò , se la ventura mi dirà buono, massime sa- 



4o6 EPISTOLA DCCLXXXl, DCCLXXXii. A. V. C. 70*) 

fortuna me ^'^ : praesertim quum sciam, commu- 
nem nobis emtum esse istum fundum. De man- 
datis quod tibi curae fuit ^^^ esl mihi gratiim. Sed 
peto a te, ut quam celerrime mihi librarius mit- 
tatur, maxime quidem Graecus: multum mihi enim 
eripitur operae in exscribendis hypomnematis ^^. 
Tu vehm inprimis cures. ut valeas, ut una c-jy- 
(piW.:y:~y ^4 possimus. Antherura tibi commendo, 
Vale. 

DCCLXXXII. (Ad oiv. XVI, 25) 

/^rgumeiìfum. Literas a Tirone quam crebcrrimas reqnirif, 
Scr. Athcnis A. V. C. DCCIX, mense incerto. 

CICERO FILIVS TIRONl S. P. D. 

Etsi iusta et idonea usus es excusatione de in- 
termissione ' Hterarum tuarumj tamen id ne sae- 
pius facias, rogo. Nam etsi de re publica rumori- 
bus et nuntiis certior fio, et de sua in me voluntale 
sempcr ad me perscribit pater: tamen de qua vis 
minima re scripta a te ad me epistola semper 
fuit gratissima. Quare, quum in primis tuas de- 
siderem liteias, noH committere, ut excusatione 
potius oxpleas officium scribendi, quam assidui- 
tate epislolajuni ^. Vale. 



An. di R. 709 LETTERA DCCLXXXI, DCCLXXXII. 4^7 

pendo che questo podere fu compro a mezzo eoa me. 
Granmercò della tua premura nelle mie commissioni: 
ma ti prego che mi sia mandato il più tosto che sia 
possibile un libraio . massime greco . perchè mi va 
molto di fatica nel trascrivere i Commentarii 9. In- 
nanzi tutto poi voglio che tu faccia di star sano , 
onde possiamo discorrer di lettere insieme. Ti racco- 
mando Antero. A Dio. 



DCCLXXXII. (A dìt. XVI, 25) 

Argomento. Chiede lettere da Tirone quante più può. 
Scritta da Atene l'anno DCCiX, di mese incerto. 

CICERONE FIGLIUOLO A TIRONE S. 

Deh ! noi far di sovente , d' intralasciare lo scriver- 
mi '', benché tu me n'adduca una buona e valevol ra- 
gione. Perchè quantunque intorno alla Repubblica io 
abbia contezza e per lo bucinarsi che sen fa , e pei 
messaggi , e della sua benevolenza verso di me sempre 
il padre me ne scriva: tuttavia una lettera che tu mi 
mandi su qualunque bagattella mi è sempre cara ol- 
tremodo. Sicché . avend' io desiderio di tue lettere ol- 
tre ogni altra cosa del mondo, non voler compiere 
V uftlzio di scrivermi con delle scuse , anzi che colla 
continuità delle lettere. A Dio. 



4o8 epìstola DCCLXXXIII. A. V. C. 709 

DCCLXXXIII. (A^.i Div. XII, :m ) 

y4rf;iimenlum. Aniciiini senatorem, eiusque ncgolia et tJi- 
gnitatem coinmendat. 

Sci. a. V^. C. DCCIX, mense incriio. 

CICEPxO CORNIFICIO S. 

C. Aniciiis ^, familiaris mcus^ vir omnibus re- 
bus oinaluSj negotiorum suorum causa legatus est 
in Africani legatione bbera ^. Eum velini rebus 
omnibus adiuves, operamque des^ ut quaiii coiii- 
modissnne sua negotia conficiat. In primisque j 
quod ei carissimum est, dignitaleni eius tibi com- 
mendo: idque a te peto, quod ipse in provincia 
facere sum solitus non rogatus, ut omnibus se- 
natoribus lictores daremj quod idem acceperam et 
cognoveram ^ a summis viris factitatum. Hoc igi- 
tur, mi Cornifici, facies: ceterisque rebus omnibus 
eius dignitati i-eique^ si me amas, consules. Erit id4 
mihi gratissimum. Da operam, ut valeas. 



DCCLXXXIV. 



(Ad Div. XI, 26 ) 



Aì-gumenlwn. llerecles Q. Tuiii de bonis in Africa leliclis 
commendat. 



An. tli lì. 7"9 LETTERA DCCLXXXHI. /^OQ 

DCCLXXXm. (ADiv.x,.,.,) 

Argomento. Raccomauda il senatore Anitio , gli afiari e la 
dignità di Ini. 

Scritta 1' anno DCCIX , di mese incerto. 

CICERONE A CORiMFICIO S. 

Caio Anlcio, mio intrinseco, adorno d'ogni bel fre- 
gio, va come legato di legazion libera in Africa per 
conto di sue bisogne ^. Vorrei che tu gli facessi servi- 
gio in ogni cosa , e dessi opera eh' egli sbrigasse con 
ogni buon acconcio i suoi affari. E innanzi tutto ti 
raccomando la dignità sua, il che gli tornerà caro ol- 
tremisura: e pregoti di quello eh' io son solito fare in 
provincia senza altrui inchiesta, di dar cioè guardie a 
tutti i senatori^ il che ho sentito e coiìoscluto essersi 
praticato da sommi personaggi. Fallo dunque, o mio 
Cornificio, e, se mi vuoi bene, in tutte l'altre cose 
dagh mano e rispetto alla degnila e rispetto al fatto 
suo. Faraimi un sommo favore. Procura di star sano. 



DCCLXXXIV. .vDiv. xn,.M 

Jrgonicnlo. Raccomanda gli eredi di Q. Turio rit^uardo ai 
luiuìi lasciati da lui in Africa. 



/^lO EPISTOLA DCCLXXXIV. A. V. C. 709 

Sri-, A. V. C. DCCIX, mense incerto. 

CICERO CORNIFICIO S. D. 

Q. Turius ^, qui in Africa negotiatus est^ vir 
bonus et honestus, heredes fecit similes sui, Gn. 
Salai niiium ^^ Sex. Aufidium, G. Aiineium, Q. Gon- 
sidium Gfdlunij L. Servilium Postumurrij G. Ru- 
bellium. Ex eorum ^ oralione intellexij gratiarum 
aclione eos magis egere, quam commendatione. 
Tanta enim liberalità te se tua usos praedica- 
bant 4, ut iis plus a te tributum intelligerem , 
quam ego te auderein rogare. Audebo tamen. Scio 
eninij quantum ponderis mea commendatio sit lia- 
bitura. Quare a te peto, ut ad eam liberalitatem, 
qua sine meis literis usus es, quam maximus bis 
literis ^ cumulus accedat. Gaput autem est meae 
commendationis, ne patiare, Erotem Turium ^, Q. 
Turii libertum, ut adhuc fecit, bereditatem Tu- 
rianam avertere 7- ceterisque omnibus rebus ba- 
beas eos a me commendatissimos ^. Magnani ex 
eorum splendore et observantia capies volupta- 
lem. Quod ut vebs, te vehementer etiam atque 



etiam rogo. 



DGGLXXXV. 



(Ad Div. Xil, s;) 



/Irgiiìiìcnlum. Aufidii, equitis Romani, Africana negotia 
conimendat. 



\n, ai R. 7"9 LETTERA DCCLXXXIV /\ l ì 

Scritta Tanno DCCIX, di iìi^hp incerto 

CICERONE A CORiMFIClO S. 

Quinto Turio ^ clic in Africa negoziò, dabbene e 
gabìutuomo, fece eredi pari snoi Gneo Saturnino, Se- 
sto Aulidio, C. Anneo, Q. Considio Gallo, L. Servilio 
Postumo , C. llnbellio. Dal discorso loro ho ricavalo 
ch'eglino han piuttosto mestieri ch'io ti ringrazi, anyi 
che te li racconiaiidi. Un si gran dire facevano delia 
tua cortesia verso di loro, che io intesi aver tu fatto 
a lor servigio più di c|uel]o eh' io non sarei stato oso 
di chiederli. Pure ardirò; perchè so quanto ti dee va- 
lere la mia raccomandazione : laonde pregoti che tu 
ponga il maggior colmo a (pjella cortesia che usash 
pur senza mia lettera. E ia somma delle cos;; eh" io 
t" accomando, si è che tu non patisca che Erote Tu- 
rio ^, liberto di Q. Turio , mandi in niente V eredità 
Turiana, e in tutte le altre cose tu gli prenda forte 
a petto. Recheratti gi^an piacere la loro splendidezza 
e la loro riverenza; ed a voleilo io ti fo tutte le più 
calde preghiere che posso. 



DCCLXXXV. 



(A Div. x:i, ■.■:) 



Argomento. Rarcoiiianda gli affini di Aufidio cavalieri romano 
in Africa. 



4l2 EPISTOLA DCCLXXXV, A. V. C. 709 

Sor. A. V. C. DCCIX , mense incerto. 

CICERO CORNIFICIO » S. P. D. 

Sex. Aufidius et observantia , qua me colit , 
accedìt ad proximos, et splendore eqiiiti Ro. ^ 
nemini cedit. Est autern ita temperatis modera- 
tisque moribusj ut suiiiina severitas summa cum 
humanitate iungatur. Cuius tibi negotia, quae sunt 
in Africa j ita commendo, ut maiore studio ma- 
gisve ex animo j commendare non possim. Per- 
gratum mihi feceris, si dederis operam, ut is in- 
telligatj meas apud te literas maximum pondus 
habuisse. Hoc te vehementer, mi Gornificì, rogo. 

DGCLXXXVI. (Ad Div. XI, 16) 

^rgnmenlum. Conimendat Lamiam in petitione praeturae. 
Sor. A. V. C. DCCIX, mense incerto. 

M. T. CICERO D. BRVTO IMP. COS. DES. S. P. D. 

Permagni interest, quo tibi haec tempore epi- 
stola reddita sit: utrum quum solicitudinis aliquid 
haberes, an quum ab omni molestia vacuus esses. 
Itaque ei praecepi, quem ad te misi, ut tempus 
observaret epistolae tibi reddendae. Nam quem- 
admodum corani, qui ad nos intempestive adeunt, 



i 



An. di R. 709 LETTERA. DCCLXXXV. 4'^ 

Scritta Tanno DCCIX, di mese incerto. 

CICERONE A CORNIFICIO S. 

Sesto Aufidio va coi primi nel portarmi reverenza, 
e per i splendidezza non istà disotto a niun cavaliere 
romano. Desso è poi di così retti e aramodati costumi, 
che accoppia ad una somma severità una garbatezza 
somma. Ora i costui affari nell'Africa ti raccomando 
per forma, che noi saprei fare con più di premura e 
più di cuore. Avrò a sommo favore se tu farai sì ch'e- 
gli conosca che delle mie lettere tu facesti un grandis- 
simo caso. Di ciò, mio Corniflcio, pregoti senza fine. 



DGCLXXXVI. (A Dir. XI, lo) 

Af^omento. Raccoinauda Lamia nella domanda della pretura. 

Scritta l'anno DCCIX, di mese incerto. 

M. T. CICERONE A D. BRUTO DIP. E CONS. DES. S. 

Rileva assai in (|ual tempo ti sia recata questa let- 
tera: o quando tu sii in qualche briga , oppur quando 
sii qucto da ogni disturbo. Pertanto ho imposto a co- 
lui che ti spedii , spiasse bene il buon punto da con- 
segnartela. Perchè siccome anco di presenza ci fanno 
spesso una seccaggine coloro clic ti abbucciuiu in ora 



4l4 EPISTOLA DCCLXXXVl. A. V. C. 709 

molesti t;ae[)e suiil* sic epistolae oficiKluaL non lo- 
co ^ re(l<litac. Si autem, ut spero, iiihil Le per- 
liirbat, aihil impedii j et ille, cui mandavi , satis 
scile et commode tempiis ad te cepit adeimdi: 
confido, me, quod velini, tacila a le ^ impetratu- 
vum. L. Lamia praelurani petit. Hoc ego utor 
uno omnium pluiinjum. Magna vetustas, magna 
consuetudo intercediti quodque pkirimum valet, 
nihil milii eius est familiaiitate iucundius. Magno 
praelerea beneficio eius , magnoque merito sum 
obligatus. Nam Clodianis temporibus, quum eque- 
slris ordiuis pi'inceps esset, proque mea salute 
aceniiìic propugnarel 3, a Gabinio consule relega- 
tus est quud ante id lempus civi Romano Uomae 
contigifc 4 nemini. Hoc quuin populus Romanus 
merainil ^, nm ipsum non meujinisse, Lurpissimuni 
est. Quapropter persuade libi, mi Brulé, me pe- 
tere praeturam. Quamquam enim Lamia summo 
splendore, summa gratta est *^, magnilìcentissimo 
immere aedilicio: tamen, quasi ea ila non essenl . 
ego suscepi lolum negotium. Nunc, si me tanti 
facis, quanti certe i'acis, quando equilum ceniu- 
rias tenes 7, in queis regnas, mille ad Lupum no- 
strum ^, ut is nobis eas centurias conliciat 9. Non 
lenebo te pluribus. Ponam in exlremo , quod sen- 
lio. Nihil est, Brulé, ì^uuuj omnia ^" a le exspe- 
cleijj, quoti mihi graliiis lacere possis. 



An. diR. 709 LETTKIIA DCGLXXXVl 4'-^ 

sconcia, così ìe lettere danno noia recate in mal pun- 
to ^ Che se, come spero, nulla ti conucoia o tienli 
in briga, e il messo ha saputo bellamente carpii-e il 
destro di abboccarti, ho speranza d'impetrare da te 
leggermente quello eh' io voglio. Lucio Lamia ^ do- 
manda la pretura; io pratico con lui piìi che eoa al- 
tri del mondo: abbiamo insieme vecchia e molto stretta 
intrinsichezza, e quel che più è, la sua amicizia mi 
riesce oltre modo gradita. Senza che io me gli tengo 
obbligato j)er un suo gran beneficio e servigio; che 
ai tempi Clodiani, essendo egli principe dell'ordine 
equestre ^, mentre combattea a pie e a cavallo per la 
mia salvezza 4, fu messo al bando pel console Gabi- 
nio: il che prima d'allora non era avvenuto a nessun 
romano cittadino. Or mentre il popol romano di co- 
testo si sovviene , sarebbe disdlcevole al massimo segno 
ch'io non mcn sovvenissi io. Laonde, o mio Bruto, 
d.Jti pur a credere clie io domando la pretura. Per- 
chè quantunque Lamia per lo sfoggiatissimo uffizio di 
edile ^ abbia sommo splendore , e sia molto tenuto a ca- 
pitale* pure, facendo ragione che tutto ciò non fosse, 
io mi son preso addosso tutto l' affare. Ora se tu fai 
di me quel conto che fai del sicuro , avendo tu in 
mano le centurie de' cavalieri ^, su' quali hai regno , 
orcliua al nostro Lupo 7 che quelle centurie ci guada- 
gni. ?»on più ti ttiiiò a parole:' e porrò suggello col 
dirti l'animo mio: non v'ha cosa, o mio Bruto (ed 
ogni cosa io m'aspetto da te), che tu mi possa tare 
più gradita di questa. 



4l6 EPISTOLA DCCLXXXVK. A. V. C. 7.9 

DCCLXXXVII. (.an. XI,.,) 

yliguniciilniìi. Iterimi Lainiain in petitionc practurae coiu- 
mcndat. 

Scr. A, V. C. DGCIX, mense incorto. 

M. T. C[CEKU D. BRVTO IMP. S. D. 

Lamia imo omnium familiarissime utor. Magna 
eius in me, non dico officia, sed merita , eaque 
sunt ^ popolo Romano notissima. Is magnificen- 
tìssimo munere aedilitatis perfunctus, petit prae- 
turam: omnesque intelligunt^ nec dignitatem ei 
deesse j nec graliam. Sed is ambitus exstare vi- 
detiir^, ut ego omnia pertimescamj totamque pe- 
titionem Lamiae milii sustinendam putem. In ea 
re quantum me possis adiuvare, facile perspicio : 
nec vero, quantum mea causa velis, dubito. Ve- 
lini igitur, mi Brute j tibi persuadeas, nihil me 
maiore studio a te petere, nihil te mihi gratius 
faccre posse, quam si omnibus tuis opibus, omni 
studio, Lamiam in petitione iuverisj quod ut fa- 
cias, vehementer te rogo ^. 



DCCLXXXVIII. 



(Ad Div. X, :;) 



A libali wntuiii. lluitatui ., ut rem pubi, bene gcral, ex eius- 
<pìe opliuio .«>latu yloiiam quaeiat. liane e[)istolaa) (^i 
cero Fuiuio lej;alu ad i'iaiieum redeunli peillieiKlam 
dedit. 



Ali. di K. 709 LETTERA DCCLXXXVlI. 4*7 

DCGLXXXVII. (A D.v. XI, 17) 

Argomento. Raccomanda ancora Lamia nella domanda della 
pretura. 



Scritta r anno DCCIX , di mese incerto. 

M. T. CICERONE A D. BRUTO IMPERAT. S. 

Io sono anima e corpo con Lanaia ^ Egli m'ha ob- 
bligato , non dirò con uffìzi , ma con servigi di gran 
conto, che sono notissimi al popolo romano. Questi 
avendo esercitata la splendidissima carica di edile , 
chiede ora pretura^ e tutti sanno che non gli manca 
né merito né favore. ]\Ia veggo certi brogli che mi fan 
temere di tutto, ed homml preso il carico di proteg- 
gere a spada tratta la dimanda di Lamia. Quanto qui 
tu mi possa darmi di spalla, veggolo di leggeri* non 
ho poi alcun dubbio del tuo buon talento a mio ri- 
spetto. x\bbi dunque per fermo , o mio Bruto , eh' io 
non ti posso fare maggior ressa, e tu fare a me ser- 
vigio maggiore, del metterti a far prò alla domanda 
di Lamia con tutte tue forze e con tutto l'animo^ del 
che ti fo un mondo di preghiere. 



DGGLXXXVIIL 



(A D.v. X, 3) 



Argomcnlo. Gli la animo a bene amministrare la Repubblica, 
e a cercar gloria dal lasciarla in fiore. Diede Cicerone que- 
sta lettera a Furnio leqato di Plauco che a lui ritornava. 



CiCLii. X. ~ Leu. T. IX. 



37 



41 8 EPISTOLA DCCLXXXVIII. A. V. C. 709 

Sor. Romae A. V. C. DCCIX, mense Nov. aut Dee. 

CICERO PLANCO S. D. 

Quum ipsura Furnium » per se vidi libentìs- 
sime, tum hoc libentius, quod illum audiens, te 
videbar audire. Nam et in re militari virtiitem , 
et in administranda provincia iustitiam, et in omni 
genere prudentiam mihi tuam exposuit, et prae- 
terea ^ mihi non ignotam in consuetudine et fa- 
miliaritate suavitatem tuam adiunxit 5 praeterea 
summam erga se hberahtatem ^. Quae omnia mihi 
iucundaj hoc extremum etiam gratum fuit 4. EgOj 
Plance j necessitudinem constitutam habui cum 
domo vestra ^ ante abquanto^ cjuam tu natus 
es ^j amorem autem erga te ab ineunte pueritia 
tua- confirmata iara aetate, famiharitatem 7 quum 
studio meOj tum iudicio tuo constitutam. His de 
causis mirabihter faveo dignitati tuae^ quam mihi 
tecum statuo habere ^ communem. Omnia summa 
consecutus es, virtute duce, comite fortuna: ea- 
qiie es adeptus adolescens, multis invidentibus, 
quos iugenio industriaque fregisti, Nunc me aman- 
tissimnm tui, nemini concedentem, qui tibi vetus- 
tate necessitudinis potior possit esse, si audiesj 
omnem tibi rehquae vitae dignitatem ex optiuio 
rei pubhcae statu 9 acquires. Scis profeclo ( nihil 
enim te fugere potuit), fuisse quoddam t(?mpus '°, 



An.diR. 709 LETTERA DCCLXXXVIII. /^ig 

Scritta da Roma 1' anno DCCIX , il mese di Novcmb. o Dicennb. 

CICEROISE A PLANCO S. 

Mi fu carissimo il veder Furiiio ^ per esso medesimo , 
e anco piìi caro perchè nclP udirlo pai'eami di udire te 
stesso. Perciocché egli mi venne sponendo ed il tuo 
valor militare, e la giustizia uel governo della provin- 
cia, e la prudenza in tutte cose^ aggiunscvi anco quella 
tua graziosita nel trattare dimestico , eh' io già conosco , 
e infine la somma tua cortesia inverso di lui. Tutto mi 
rallegrò , ed anche V ultima cosa mi fu gradita ^. Io 
sono entrato, o mio Planco, in amistà stretta colla 
tua famiglia ^ fin di prima che tu nascessi : a te poi ho 
posto amore sin dalla fanciullezza^ e cresciuto in età sì 
per mio talento , sì per tuo avviso stringemmo insieme 
dimestichezza. Per queste ragioni io porto in palma di 
mano la dignità tua, cui penso di fermo aver teco co- 
mune. Tu se' giunto alla somma altezza, con per guida 
la virtù, e per compagna la ventura^ e giovine ti se' 
guadagnato quello che a molti fa invidia: ahbattutili 
coir ingegno e colP industria. Ora se tu darai retta a me, 
che li porto amore smisurato, e non la cedo a niuno 
che teco possa vantare una intrinsichezza più antica , 
ti partorirai la degnila per tutto il restante della tua 
vita dal migliore ben essere del comune. Ben tei sai 
(che sdimenticartelo non puoi) esservi stato un tempo 



420 EPISTOLA DCCLXXXVIII. A. V. C. 709 

quum homines existimarent^ te iiimis servire tem- 
poribus: quod ego quoque existimarem , te si ea 
quae patiebare, probare etiam arbitrarer ". Sed 
quum intelligerem, quid sentires, te arbitrabar vi- 
dere ^^^ quid posses. Nunc alia ratio est ^^. Omnium 
rerum tuum iudicium estj idque liberum. Consul 
es designatus ^4^ optima aetate , summa eloquen- 
lia, maxima ^^ orbitate rei publicae virorum ta- 
lium. Incumbe^ per deos iramortales, in eam cu- 
ram et cogitationem, quae tibi summam dignitatem 
et gloriam afferat. Vnus autem est, hoc praeser- 
tim tempore, per tot annos re publica devexata ^^j 
rei publicae bene gerendae ^7 cursus ad gloriam. 
Haec amore magis impulsus scribenda ad te pu- 
ta\i, quam quo ^^ arbitrarer te monitis et prae- 
ceptis egere. Sciebam enim, ex iisdem te liaec 
haurire fontibus '9, ex quibus ipse hauseram. Quare 
modum faciam ^o. Nunc tantum significandum pu- 
tavij ut potius amorem tibi ostenderem meum, 
quam ostentarem prudentiam. Interea, quae ad 
dignitatem tuam pertinere arbitrabor, studiose di- 
ligenterque curabo. 



DCCLXXXIX. 



(Ad Div. X, 4) 



Argamenlimi. Respondens epistolae prox. super, gratlas agit 
Ciceroni, quod se ad veiissimae gloriae sladiuui sit ad- 
lìoitatus, seque rei pubi, praeslo fore poUicclur. 



An. JiR. 709 LETTERA DCCLXXXVIH. /[2I 

in cui la gente era d'avviso che tu andassi troppo a' 
versi del temporale 4 • il che avrei anch' io tenuto per 
fermo se avessi creduto che tu quelle cose approvassi, le 
quali sofferivi. Ma nel mentre ch'io m'apponeva bene 
circa all' animo- tuo, stimava anco che tu vedessi quel 
che fare potevi. Or la bisogna va diversamente. Tu 
puoi giudicar di tutto, e liberamente. Sei nominato 
console nel fior dell'età, parlatore bellissimo^, e di 
cotante forze , mentre il comune è allo estremo tapi- 
no. Deh! per gl'Iddii immortali datti a tutt' uomo a 
quell'opera ed a que' pensieri che ti hanno a fruttare 
una dignità e gloria oltre ogni termine grande. Peroc- 
ché una sola via havvi alla gloria, massime oggidì, fat- 
tosi della Repubblica uno strazio per tanti anni ^, il 
ben governare essa Repubblica. Queste cose m' avvisai 
di scriverti a spinta piuttosto dell'amore, che perch'io 
credessi che ammonimenti e precetti ti facesser mestie- 
ri : perocché ben mi sapeva che tu ccjtesto attignevi a 
quelle medesime fonti, che io. Laonde io farò fine: 
avendoti anzi voluto dimostrare l'amor mio, che il 
mio senno. Intanto io farò ogni opera e diligenza ri- 
spetto a quello che stimerò metter couto all'ouor tuo. 



DCCLXXXIX. (A Div. X, 4) 

argomento. Rispondendo alla lellera prossima precedente, rin- 
grazia Cicerone d'averlo animato all'acquisto della vera glo- 
ria, e promette di essere lutto della Repubblica. 



422 epìstola DCCLXXXIX, A. V. C. 709 

Scr. in Gallia Tiansalp. A. V. G. DCCIX, monse Dee. ex. 

PLANGVS CICERONI 

Gratissimae mihi tuae literae » fueniiit, qiias ex 
Furnii sermone te scripsisse animadverti *. Ego 
autem praeteriti temporis excusatioiiem afferò , 
quod te profectum ^ audierain: nec multo ante 
redisse 4 scivi, quam ex epistola tua cognovi. Nul- 
ìum enim in te officium, ne minimum quidem , 
sine maxima culpa videor posse praeterire. In quo 
tuendo habeo causas plurimas vel paternae ne- 
cessitudinis, vel meae ^ a pueritia observantiae , 
vel tui erga me mutui amoris. Quare, mi Cicero, 
quod mea tuaque patitur aetas ^, persuade tibi , 
te unuoì esse, in quo ego colendo patriam mihi 
constitucrim sanctitatem 7. Omnia igitur tua Consi- 
lia mihi non magis prudentiae piena, quae summa 
est, videntur, quam fidelitatis, quam ego ex mea 
conscientia metior ^. Quare si aut aliter sentirem^ 
certe admonitio tua me reprimere j aut, si dubi- 
tarem, liortafcio impellere posset, ut id sequerer, 
quod tu optimuui putares. Nunc vero quid est, 
quod me in aliam partem trahere possit? 9 Quae- 
cumque in me bona sunt , aut fortunae beneficio 
tributa, aut meo labore parta, etsi a te propter 
amorem carius sunt aestimata 5 tamen vel inimi- 
cissimi »o iudicio tauta sunt, ut pvaeter bonam 



An. ii R. 709 LETTERA DCCLXXXIX. 4^3 

Scritta dalla Gallia Transalpina Fanno DCCIX, di mese incerto. 

PLANCO A CICERONE 

La tua lettera mi fu cara oltremodo , scritta ', a 
quanto compresi, secondo il discorso che Furnio ti fe- 
ce. Addurrò per iscusa del tempo trascorso l'aver io 
inteso che tu eri partito ^^ né seppi del tuo ritorno 
prima che dalla tua. Perciocché non mi sembra di po- 
ter ommcttere il più piccolissimo uffìzio verso di te 
senza gran mia colpa. E del servirti ho mille cagioni , 
sia r intrinsichezza paterna , sia la mia riverenza da 
fanciullo , sia 1' amor vicendevole che passa tra noi. 
Pertanto, mio Cicerone, tieni pure per fermo che, se- 
condo porta l'età mia e tua, tu sei il solo nelP ono- 
rare il quale mi sta fìsso nell' animo la santità di un 
genitore. Adunque tutti i tuoi consigli non mi sem- 
brano pieni di prudenza, che è tragraude, più che di 
fedeltà, della quale io fo misura dalla mia coscienza. 
Laonde se altrimenti io la sentissi , di certo la tua am- 
monizione saprebbe ammoderarmi, o se me ne stessi in 
pendente, aizzarmi a seguir quello che tu per ottimo 
giudicassi. Bla che è mai al presente che mi possa stra- 
scinar in altro lato ? Tutti i beni che io m' abbia , o 
donatimi dalla ventura, o guadagnatimi colla fatica 
mia, benché tu per amore li tenga in gran pregio, 
tuttavia eglino sono sì fatti , standoci anco al più ini- 
mico parere, che nulla vi manca dalla buona nomi- 



424 EPISTOLA DCCLXXXIX. A. V. C. 709 

famam ", nihil desiderare videantur. Quare hoc 
unum libi persuade: quantum viribus eniti, Con- 
silio providere, auctoritate moncre poterò *^j hoc 
omne rei publicae scraper futurum »^. Non est 
ignotus mihi sensus tuus ^4: neque, si facultas, 
optabilis mihi quidem, tui praesentis esset '^^ ura- 
quam a tuis consihis discreparemj nec nunc com- 
mittanij ut ullum meum factum reprehendere iure 
possis. Sum in exspectatione omnium rerum: quid 
itìi Gallia citeriore ^^^ quid in urbe mense lanua- 
rio geratur *7 [ ut sciam ]. Interim maximam hic 
sohcitudinem curamque sustineo, ne inter aliena 
vitia *3 hae gentes nostra mala suam putent oc- 
casionera ^9. Quod si proinde ^"^ ut ipse .mereor, 
mihi successeritj certe et libi, cui maxime cupio, 
et omnibus viris bonis satisfaciam. Fac valeas, 
meque mutuo dihgas ^^ 



Àn. (li R. 709 LETTERA DCCLXXXIX. ^25 

uanza ia fuori. PerlocLò di questo al tutto ti persua- 
di, che tutto quello clic io potrò guadagnar colla forza, 
provvedere col consiglio, e coli' autorità imporre, sarà 
sempre a prò del comune. Bene scorgo l'animo tuo ^^ 
e se potessi averti presente, come desidero, non di- 
scorderei un pelo da' tuoi avvisi^ ma pure nemmeu ora 
farò che tu possa a dritto alcuna mia opera rimpro- 
verare. Di tutto sto ora aspettando: clie si faccia nella 
Gallia citeriore 4* che in città nel gennaio ^. Frattanto 
ho una spina ed un martorio grandissimo, non forse 
tra i vizi altrui queste geuti credano che le sciagure 
nostre dien loro il buon destro. Che se, secondo mi 
merito, mi dirà bene la fortuna, avrò certo fatto pago 
e te, cui bramo soprattutti, ed ogni dabbene. Stasa- 
no, e m'ama di ricambio. 



ANNOTATIONES 

IN EPISTOLAS 

QVAK IX HOC VOLVMINE CONTIIVE?iTVP 



DCLIII. 



I Jlip. seq. et cdl:^xii. 

3 Oli Cacsaris tyrannidein. Qiiart. Amli. 6 evadere, ex in- 
tcrpi'ctationc magistri. Mox prò pervenire Ernestius vo- 
lebat venire. 

3 Ep. CDLXXII, not. 4. 

4 Scilicet proviJcndo cavisse. Aliqiii ex mss. Ncc — prae- 
vidisse. 

5 Sic vulgo et omnes nostri. Ed. Rom. cura Lambino quam- 
quam enini liaec; non ita male 5 Amb, 6 quamq. haec 
cnini. 

6 Id ipsuni Cicero Torquato ep. DXVII , i init. : ocnli au- 
gent dolorem etc. 

7 Martio, ubi comitia niagisti'atibus creandis habebanliu". 
Mox Ree. et Zel, B hora seeunda; se. post ortuni solis. 
Institulis , incoeptis. 

8 Q. Fabiani Maximum in Ires ultimos superioris anni mcn- 
ses consulem sibi sufFecerat Caesar* qui consul quum per 
ea tempora morbo impedirclur, sella civis vacua in campo 
posila fuit, et postremo consulatus sui die, quum mor- 
luus esset, sublata. Vide Dion. lib. XLIII, 46- HH , scil. 
Caesariani. Cons. esse dicebaul , nempe, inquii Ernest., 
nou creatus crat legitimc, nec prò vero consule a niul- 
lis habebatur. Vide Svetonium in lui. Caesarc, e. 80, 
Posila esscl. se. ut comitiis intcresset. 



428 ANNOTATIONES 

9 Caesar. 

10 Comitils tributis plebei! et minores magistratus creaban- 
tur^ centuriatis vero (ep. LXXXVII) maiorcs, ut prae- 
tores, consules, censores, Caesar quum auspieatus essct 
super comitiis ti'ibutis, habuit centra fas ccnturiata, ut 
in locum Fabii alluni consulcm suffìccrct. Nostri plures 
alilque et edd. vett. comitiis trihunidis. 

1 1 Nostra computandi ratione, bora prima a meridie. Re- 
nuntiavit, nimirum C. Caninium Rebilum , olinx Caesaris 
legatum in Gallia. 

12 Quia a meridie, h. e. post prandiuiu creatus, postridie 
mane magistralu abiturus erat, ut Celiar, explanat. Non 
dicit cenasse; nam semel quidem eo consule cenatum est. 
Ernest. Hinc apparet, meridianis boris solitos Romanos 
prandere. De prandio in Phil. II, e. 3g. Amb. 6 pran- 
didisse. 

i3 Posteriores enim sex borae noctis, habita civilis dici ratio- 
ne, pertinent ad Rai. lan., idest ad sequentis anni consu- 
les 5 priores vero, quae pertinent ad pridie Kal. , qui con- 
sulatus ultimus dics est, insomnes ab occupato praeser- 
tim consule ducuntur. Itaque perbelle Cicero , iocum 
quaerens, brevitatem consulatus ad vigilantiae laudem 
convertit. Vide Macrob. Saturn. II, 3 * Plutarcb. in Cae- 
sare p. 735*, Dion. XLIII, e. 46; Tacitum Hist. XIX, 37; 
Sveton. in lui, 76. Manut. 

14 Eadem est ratio ep. CLXXXI, i, aliarumqe^ cui le- 
ctioni favent sex nostri, R.cc. aliique codd. et edd. vett. 
cum ipso Lamb. Vulgo qmun — scrihis. 

i5 Vid. ep. DCXLVIII. Etiamsi Cicero iungat plerumque 
mancipium et nexum, tamen ea distinguit Har. Resp. 7^ 
quam distiuctionem esplicai Gronovius ( ep. ad Salraas. 
in Syll. Burnì, t. II, p. 549), et brevi ter Gcsnerus: Quae 
habeo iure mancipii, eorwii sum dominus ; quae iure 



IN EPISTOLAS 429 

nexi , in ea liaheo ohligalionem. Si qiiocl inihi pignori 
datimi est, habeo iure nexi , non mancipii. Ceteriim haec 
distinctio non satis constai, et jManilius ICtus illani ne- 
gabat conila Scaevolain, Vide Top. 5. Aliqui maliint nexo. 
Mox codd. nounulli meo aatem usu^ vel nicum iisii, Zel. B 
meuni fnictii. 

16 Ernestius emendabat maxime propriwn , ut in Brut. g3 
et Nat. Deor. II, 11. Larab. cuiusqiie est p. 

17 Sulpicii in Graeciae adininistratione successor: ep. seq. 
Idem videtur esse, qui proconsul Siciliae fuit A. V. C. 
DCCVIIj epp. CDXCIX seqq. Corradus T^atinius legi vo- 
lebat. Nosti'i nonnulli Atilius et Attilius. 

18 Nostri omnes aliique codd. et edd. vett. ita habcnt, vcl 
affectus est. Victorius ceterique eum secuti omittunt af~ 
feclus , quia in antiquioribus , ut ille ait, illa vox. desidera- 
tiu" ^ et maxima meo benefìcio est idem valet ac maximo 
meo benefìcio iwit, idest, quod sit et vivat^ laudatque il- 
lud ep. CLII, 4^ sitmmo stadio est Paeonii. Sed nec m- 
diciimi capitis est, in quo vita liominis agitur (Top. 4)j 
nec illius ep. locus explicari potest prò vivit. Est Phil. 
VIII, e. 6 alius locus, ad quem provocai jManutius, 
quem vide. 

ig Scilicet iudicium, in quo agitur vel de liberiate, vel 
de ci vitate, vel de utraque : Top. 4- ^^ seq. membro 
uuilli codd. eamque epistolam cu/ii hac epistola. 



DCLIV. 

I Varie in codd. mss. legitur hoc nomen, vel Aneto, vel 
Aristo, vel Achico, vel Areto. Equidem niihi persuasi 
legcndum Acilio. Is enim Siciliae procos. fuerat an. 
DCCVII : deiiide a Caesare cum legionibus niissus in 



43o ANNOTATIONES 

Graeciam. Itaque ([uiiin Cicero ad Curiiiin cp. super, 
scripscrit, se cuin Acilio commendasse, eainqac episto- 
ìixìia cuìfl Ulti coniims.isse , liaec ipsa epistola, qiiae nunc 
(vulgo) Aneto inscribitur, videtur ad Acilinm scripta esse. 
Schiitz. Zel. B Caecilìo Aedili curali. In omnibus fere 
Ambb. desidcratur procos. 

2 Idem Zel. B sitasi. Infra quamdiu Brundisii fuiinus , vide 
épp. CCCXCV seqq. 

3 Ambb. plures aliique codd. et edd. vett. si qua, quod 
iisitatius est. 

4 Vid. ep. CDLXXXV. Vitiose codd. M. Curius. 

5 Ambb. duo aliique libri vett. mea quoque: max. est; 
quod Vcrburg. recepit. In ed. Piom. vero et cod. Zel. B 
mea amicida; inepte. Alii autem vett. mca^ et quod m. est. 

G Manutius, quem imitatur Schiltzius, verba sincencm iii- 
tegrumque eiecit, Ernestius vero tantum seclusit: etpaullo 
ante recipiunt omni prò omniquc, ut equidem est in Ambb. 
plerisque cum Ree. et Zel. B; rati verba iWixab omni ctc. 
pendere a sartum et tectum. 

1 Graevio placebat eorrectio H. Stephani ex ea amicitia , 
quod bene refellit Ernestius. 



DCLV. 

I Addidi Imperator ex duobus Ambb, , quod confirmalui 

etiam § 3. 
3 Epp. DXCIX, 2 et DXLVII, n. 5. In seq. sentenlia Lamb. 

et tamen. 

3 Sic Ernestius ex ed. Med. , cui accedit cod. Ree. Vulgo 
sed tamen.) quod nunc non improbo. In tribus Ambb 
haec desunt, ut et in ed. Mart.-Lag. 

4 Pyrata Dalmatiae. Sic Schiitzius ex cod. Dresd. sec. , 



IN EPISTOLAS 4^1 

nempc ut coniecerat Vi'siuus. Vulgo Catìlio. Fingit se 
procul rciicere Ciceronis et Servili! prò Atilio depreca- 
tionem. Quarter. 

5 Graev. primus ea peragite; nescio quatn apte. Mox Schiit. 
ego quoque illuni , cui sufFragantur coti. Ree. et eckl. Rom. 
et lensj rectius, puto. Illuni, scilicet Atilium^ ironice. 

6 Codd. Ambb. aliique et cdd. pr. ingenuas, ut ad matresf. 
referatur. Graev. prim. tamen patresf. Tum Ree. tot ci- 
ves; Lamb. vero tot regiones. Sententiam exponit Quart. : 
Qui fieri potest, ut tam sceleratos clientes, qualis est C. 
Atilius, et huiusmodi causas defendatis .? 

7 MartjTii-Laguna edidit sìinul non sanus. Mss. Corb., Torg. 
Saei'ìssimuSf non saevus. Benedictus coniecit Sinnìs non 
semissis. Schiitz. Ree. Siniul non semissis , ed. Rom. 
inepte si mìnus non sennis sii. C. Atilius turpis homo , 
et minimi pretii. 

8 Schiitzius tacite edidit ego euni b. e. Sed furiasse corri- 
gendum at ego etc. 

9 Omnes Ambb. aliique mehercule quidem; et infra mìhi 
imperas. 

10 Martyni-Laguna ante Schiitzium correxit qui oh bo- 
na — actiones exposcit, ut sensus constaret cum vul- 
gato actiones f quod Victor, et Graevius defendunt. At 
quum alii probati codd., ut Vatic. et noster i5, habeant 
aetìone , cur liane lectionem non retineamus, non video, 
quam Ernestius defendit, ut sit idem, quod lege repete- 
rc. Pro expostulant vero idem Schiitzius ex coniectura 
Graevii dedit postulant; sed expostulare^ ut ait Em., 
est etlam prò postulare; Rose. Com. 17. Ceterum fa- 
teor, me ncque expoitularc , aut postulare arlione , nc- 
que expostulare aelione/n reperisse apud bonos scriptorcs. 

11 Appii audaciam, impudentiam. Corraci. Cf cp. DCXVIl, 
not. 5. 



l^Zl ANNOTATIONES 

12 In auguratu, nisi me couicctura fallit. Nam provinciain 
qui significare possit, non video. Idem. Cui successi in 
provincia Illyrico. Non est autem liic Appius, ad qucm 
Cicero scribit A. V. C. DCCII et DCCIII, quippe qui 
bello civili periisset (Val. Max. lib. I, 8, io)" sed alius, 
qui rexit Illyricum A. V. C, DCCVI, Caesare Diclat. II. 
/. F. Gronov. Mox prò suffcclas Ambb. fere omnes cum 
ed. Rom. effcctus. 

i3 Ob numerum caesorutn hostiuni. Qui autem is fucril. 
innult Val. Max. II, 8, i: a Ob levia proelia quidiim im- 
peratores triumphos sibi decerni desiderabant. Quibus ut 
occurreretur, lege cautum est, ne quis triumpharet, nisi 
quinque niillia hostiuni una acie occidisset. » Vide ibi 
alia multa de triumphis. Sic ep. CCXXVI, n. io. 

i4 Ajnbb. duo et edd. Rom. et Icns. cum Lamb. sit. 

i5 Sic Ernestius ex suo msto, et iamdudum De Franci- 
scis in ed. lens. Vulgo ipsi , quod Weiskius defendit. 
Mart.-Lag. , qucm sequitur Schiitz', quae socia sibi. 



DCLVI. 

I A Caecilio Basso commotum. Conrad. 

1 Attributam Q. Cornificio Africae propraetori Syriam , 
imus Cicero nobis oggerit. Quum vero nulla alia apud 
veti, scriptores exstet de hac re mentio, dicendum est, 
attributam quidem Syriam cum administratione belli con- 
tra Bassum Cornificio, sed numquam traditam, 

3 Sic cum Lambino , et de sententia Manutii edidi post 
Schiitzium. Vulgo eaiidem rem; parum apte. 

4 Inlellige, quam parum copiarum. liittorp. Stewech. et 
Pai. Sex. Quid enim copiarum. Extrema sent. Ambb. 
aliquot ita ex tuis. 



IN EPISTOLAS * 433 

) Anliochiae; epp. CCLXXXI , 4 et CCXCIII, 5. 

6 Coniungc usqiie duni; hoc est. donec sciero. 

7 IVIsti quidam tuum sentianl esse. 



DCLVII. 

1 Sic uostri fere omnes cum Zel. B, Ree. Vulgo (jiium. 

2 Ep. DCLIII, 2. Plcrique nostrorum cum Zel. A et Ree. 
Atilio , vel Attilio; ut ibid. ]Mox prò dari Kmh. i5 ^<zre. 

3 Sic Ernest, ex, msto Gu. 2 et ed. Rom. , quibus adda 
nostrorum quatuor, etsi duo a 2 manu, et Zel. B. Vulgo 
operam; cuius tamen constructio ex ep. CLXXVIII , 3 
non est iniprobanda. De Sulpicii opera, ep. GDLXXXV. 

4 ^ alde implicatas, quia illi cum triconibus et hominibus 
non solrendo (imparibus solvendo) res est. /. F. Gronov. 
Scilicet ita implicatas, ut ncque proconsulis opera expe- 
diri possint. Lamb. res tiias ita e. 

5 Nec initium , uec finis appareat : quin sic turbatae sunt , 
ut nescias unde incipias, ubi finias. /. F. Grono\mis. 
Amb. i5 pedes liaheant: in aliis exemplis verbum non 
dcest. Plaut. Asin. Ili , 3 , i Sg : Quin nec caput , nec pes 
sennonum apparet. Epit. Li vii L, io: Legationem — 
cjuae nec caput, nec pedes, nec cor Jmberet. Sic et Ilorat. 
Art. poet. V, 7 : 

Vauac 

Fingentur species, ut nec pes, nec caput um 
Fieddatur forinac. 

(j Hoc est , uti ciituni carum reperire posses. /. F. Grò- 

novius. Amb. i5 ut p. h. 
7 Quid sit vetus urbanitas, vide ad ep. CDLXXIII, i. 

Cic. X. -_ Lelt. T. IX. 28 



/^34 ANN0TATI0NE8 

B IMagiiifica vcM-ha sunt , nec lamcu laiidalur ijuicquain , 
praeter sales. Blanditur igitvxr Cicero, dum humilem rem 
extollit, Ciu'io' simili et Attico, qui salibus mire cìelecta-' 
bautur. Portasse ctiam ipsa Attici vcrba rcfert. Quod si 
ita est, hoc ipso iocatur, c]i\asì Athcus gloì'iam antìquam 
Atlicam in ridiculis ponerct, et eam crederet per tres 
honiines posse retineri. Sales autem Attici omnibus prae- 
stabanf, quamquam Cicero, ut assentarctur Paeto, Ro- 
manos praefert^ ep. CDLXXIII, i. Manut. 

q Curio primas. Attico secuudas, sibi tertias urbanitatis 
partes attribuii. Erat enini in Curio avzóy^S-Mv (indigena, 
nativa) urbanitas: ep. CCXCIII, 3. Celiar. Ambb. 6 et i4 
succedemus , sed alter a 1 marni. 

\o Ita cum Manutio et cod. Ree. nostri, praeter duos. 
Vulgo ne tamen^ quod male sonat, nisi accipias tamen 
prò cerLe, ut prò Caec. 3, vcl prò tandem, ut Ter. 
Heaut. IV, 2 fin.', quod tamen non placet. Immo locus 
Terentii, ad quem provocat Gebhardus, ut tamen defen- 
dat, non tamen legit, seà tandem: Vt hacream in parte 
alìqua tandem apiid Thaideni? Eun. V, 9, 25. Tantum, 
quod scil. in bisce tribus supererai. 



DCLVIII. 

1 Ad ep. CDLIII, 2, not. 5. 

2 Non opus est, ut verba Trabeae poetae (Gellius XV, 24) 
in te convenire dicas^ in me enim potius conveniunt. 
Manut. Tu enim potius habes verborum fulmina. Osten- 
dere conabatur Paetus, posilo Trabeae ipsius versu, se 
non posse exprimere, aut assequi fulmina Ciceronis. 

3 AheiTatìo mea est; quia scilicet non assequor ego , quod 
cupio. Nostri plures aliique mss. «óró^^syfxa, quod Canter. 



IN EPISTOLAS 435 

defendit, refutatus a Gracvio. Mox Amb. 12 cum Lamb. 
K'ideor in epistolis. 

4 Non enim semper eodem modo agenduni est, atque a me 
agitnr, scil. in iudiciis et concionibus; aliter agenduni, 
ac in epistolis. 

5 ludicio , orationi apud iudicem habilae^ concioni , ora- 
tioni apud popubmi. 

6 Ambb. 6 et 7 Quid? 

7 Mss. et edd. vett. plures quid. Qui est hic prò quo/no- 
do. Max Amb. 7 quempiam unquam. 

8 Qui post Romulum in patricioriun numerum adsciti fue- 
runt, ii patres seu patricii minorum gentium sunt ap- 
pellati, quasi secundae dignitatis patres. At, quiini post 
Romnlum plures reges legeriut, maxime Tarquinius Pris- 
cus A. V. C. CXXXVIII (Liv. I, 35), immo et Brutus, 
ille Romanae lil^ertatis viudex , an. CCXLI V ( Tacit. An- 
ual. XI, 23 )j omnesne patricii dicendi.'' Id quidem pu- 
to^ etiamsi aliqui ex Livii loco II, i perpcram intellecto, 
eos, qui a Bruto adlecti sunt, patres conscriptos dicant. 
Alii etiam ex loco Taciti allato omnes a regibus lectos 
patricios maiorum gentium fuisse affirmant. 

9 Ita scribendum esse monucrunt (ex Livio et historiae ra- 
tione) Manutius et Pighius ad A. V. C. CCCX. Vulgo qui 
consul — quuin anlea censor. Schiitz. Errorem natuni 
ex librariorum imperitia , qui vetustas notaudi formulas 
COJVS. et CENS. pcrneram interpretantes inverterunt, 
non dubilat cum Pigliio Lallemandus. Secundum Livium 
cons. fuit an. CCCIX, cens. CCCX. 

10 Fuerunt Papirii sella curuli usi in magistratibus. Ambb. 3 
et 7 XIIII; tum quartusdec, in sella curuli. Sella curuli 
utebantur magislratus maiorcs, ut consul, praetor, aedi- 
lis cur. etc. Mox Lamb. qui prinius. 

1 1 Nostri cum Ree. C. Duillio , 1 3 C. Ducllio , ed. JMed. 



436 ANNOTATIONES 

diserte Caio D. Per K scribi vohmt \ rsinus et Ernestius , 
ut Kaesone ^ quod est praenomcn Duillii, non Caio le- 
gatur. 

12 Quinqiiics enim consul fuit A. V. C. CDXXIX, CDXXXIII, 
CDXXXIV, CDXXXVIII, CDXL. Idem dictator factus 
A. CDXXIX. Schiitz. Quater tantum consulem eum re- 
perio in Ann. Pighii, ita ut prlmus annus a Schiìtzio iu- 
dicatus vacet. 

i3 Acdilis ( curul. ) fuit an. CDXXX. Idem. 

j4 Inter quos C. Papirius , L. F. Masso cos. fuit A. V. C. 
DXXII. Idem. 

i5 Amb. i4 insediti siint; alii trcs cum edd. Rem, et 
lens. corruptc insequentiir. 

i6 Idest utilis rei pubi. Graev. 

17 Aliquot libri Ilio scribunt C; contra alii supra cum 
Lamb. hunc Cn. Carhonem. 

18 Hanc veterem lectionem a Cort. Lamb. et Manut. etiam 
receptam restituit Scbiitzius. Recentiores et libri Arabb. 
omnes C. Cn. M. Carbones. Marcus P. Fiacco accu- 
sante condcmnalus , far magnus ex Sicilia; in qua le- 
ctione res est tantum de Marco et Caioj de Cnaeo om- 
nino siletur. Atqui et de eo, ut de aliis, senno esse de- 
bebat. Cnaeus autem ille, qui a Pompeio M. interfectus 
nominatur, horum frater per aetatem esse non poterai. 
Lamb. condemnatus est. 

19 A. V. C. DCXXII. Seditiosus, Leg. III, 16; Val. Max. VI, 
2, 3. P. Africano vini altulisse; de Orat. II, 4^5 ^t 
ep. XCIX, 4- Lamb. is trib. pi. 

20 Sciiicet Cn. Carbone, qui ter consulatum adeptus A. 
V. C. DCLXVIII, DCLXIX, DCLXXI, acerrime contra 
Sullam pugnavit; posiremo victus et Italia pulsus, in Si- 
cilia a Pompeio occisus est ( in magistratu A. V. C. 
DCLXXI)^ Più tardi, in vita SuUae et Pompcii, p. 623; 



IN EPISTOLAS 4^7 

Àpplan. Bell. Civ. I, 9G; Val. Max. VI, 2, 8. Blanut. 
Mox interfectus est dedimus cum Lamb. prò "vulg. est 
ìnterf.^ quod illud habent omnes Ambb. et edd. vett. 

21 Cn. Garbo, cons. an. DCXL. 

22 Verbo ahsolutus metaphorice -videtur Cicero loqui, ut 
signiflcet Carbonem sumto hoc veneno silii mortem 
conscivisse, alque hoc modo se iudicio subtraxisse. Ali- 
ter Erasmus in Adag. , Ch. Ili, Cen, V, pr. 'j\^ quem 
vide. Codd^ nonnulli Ambb. et aliorum sutorio a tor~ 
mento. 

23 Patricios Papirios, e quibus Paetus. Lamb. ad patrìcios. 

24 Idest improbi , molesti. Ep. DCCCXVI importunissimos 
lati^ones. 

DCLIX. 

I Ita necessario legendum, quod iam Bernh. Rutilius et 
Lambinus monuerunt 5 vulgo absurde vel potius. Schiitz. 
Facciolatus legebat potius quam, Rutgersius velut por- 
ticus. 

1 Cum Lamb. et Schiitz melius , quam vulgo atquì. Vtrum- 
que e mss. Hoc Zen. placuit, scilicet libere loqui , et 
suo quamque rem nomine appellare. Mox cod. Zel. B 
Zenoni vestro plac. 

3 Hoc ipsum fusius de Off. 1 , 35 : Nec vero audicndi siint 
Cynici^ — qui reprehendunt et irridente quod ea, quae tur- 
pia re non sunt, noininibus ac verhis flagitìosa ducanius : 
illa autem ^ quae turpia sunt, noniiidhus appcUenius suis, 
Latrocinari , fraudare , adulterare , re turpe est: sed di-^ 
cìtur non ohscoene: liberis dare operani, re honestum est, 
nomine ohscoenuni: pluraque in eam senlentiant ah iisdem 
cantra verecundiam disputantur. 

4 Turpilii Comici fabula. Codd. aliqui in Trinunio ; falso : 



438 ANNOTATIONES 

nain hic locus in 'Vviu. Planli non invcnitur. Ille , scii, 
Turpilius poeta, vcl actor, ut Bosiiis exponit: nisl legcu- 
dum sit illa^ ut suspicatur Ernest., scil. verba. Schiitzius 
duas, quac sequuntur, voces, mudo et forte ddexìt^ pu- 
tans modo invcctuia esse a corriiptis libb. vett. nonnul- 
lis Icgcniibus in Trinuino farle, vel Trimuno virgo, vcl 
inde tu virgo, ut Ree. et od. Med. Sed modo exponitur 
miper, panilo ante. 

5 Obscurus locus. Amb. 6 cum ed. lens. Icgit: destiiuif. 
midum Bacclius et sermo; alii locum habent a manu 
secunda cmendalum : sed ex aliis codd. bene Graevius 
suspicatur legendiim: destituii nudam Bacclius. Est ser- 
mo; et tectam cbscoenitatem putat in vei'bo deslituere , 
quod interpretatur defìgere, comprimere. Vide Cuiac. Obs. 
et emend. Xj 24. 

6 Ex Atlii versiculo, qui plenius laudatur Orat. 4^: Mu- 
lier una dnu/n virum. Schiitz. 

7 Est pars versiculi ex eadem kVin fabula, de eadem mu- 
liere cluuni virimi, idem. Sic cdidit idem Schiitz, quem 
sequimur, quod usnirpat habent mss. tres apud Grae- 
vium et noster i5, et ita legi voiebat Vrsinus. Vulgo 
usurpata duplex e. Mss. etiam usurpato d. e. Canterus 
corrigebat usurpai a etc. prò ah ; Graevius coniiciebat 
usurparat d. e. 

8 Intelligunt Alexandruni Fheraeum, quem eius uxor Thebe 
adiuvantibus fralribus ob suspicionem pellicatus occidit 
(Vide Off. Il, 7). Sed ut nunc legitur vcrsiculus, haud 
satis ei argumento convenit. Aptus esset si legeretur: Re- 
gia Pheraei liaec cubile i/iire est ausa. Schiitzius. Lamb. 
Quid illiid Pheraei. 

9 Sic ante Schiitzium Benedictus e codd. Dresd. i , 2 , 3. 
Vulgo violat. lupiter bone, violat? Et bene prò bone alii 
quoque mss, habent. Non convenire violat tw quondam , 



IN EPISTOLAS 4^9 

sed rescribencliini violavil , \q.\ violarat , anitnadvei'tit 
Ernest. 

10 Quale sit, non dixit. Quiscjue fìngat, qiiod vult. Ilaec 
verba sic paulliilum transposita edidit Schutzius: Bene^ 
violai: sed alterum neino tidlsset. Alqui idem sìgnj/jcal. 

1 1 Non sint turpia , nihil videri turpe. Loquitur Cicero 
semper e schola Stoicorum , quod innuit pauUo ante fin. 
Coniecit Schiitz. : Qiaiin verba non sint, nihil in re esse 
turpe. Et mox Ergo si in re. Inferius Amb. i5 quod si- 
gnificai id: lego quod id significat. 

12 Propri um nomen, podex; alienum, anns: a vetula, quod 
utrique similis deforniitas et foeditas. 3Ianut. Edd. vett. 
alio nomine. 

i3 Ambb. tres, Ree. ed. Med. et Lamb. peniculus. 

i4 Libidini. Manut. Sed, ut sensus constet, prò at vero vi- 
dit esse scribendum et vero. 

i5 Scilicet nientulae verbo usus erat. Schiitz. 

i6 Hanc veterem apcrtam lec-tionem omnium fere msto- 
rum primus immutavit Victorius in liane abruptam: Sed 
quia multi; illumque sediti sunt omnes posterr. praeter 
àcutissiraum Lanibinum eiusque asseclam : abruptam, in- 
quam, quia subaudiendum est hoc vocahulum usurpant. 
Amb. i4 Sed quid? Blultis , a ni. sec. Ed, Roai. sed 
quia multis notum est, factum est etc. 

17 Literae m et n obscoenius concurruut, et prima tran- 
sit in n ita, ut sonus fiat similis cunno; Orat. ^5. Sic 
Quintil. 1. Vili, e. 3, /p. Mox codd. Ambb. cuai edd. 
INIed. et Lamb. volumus. 

18 Hoc Politianus in mss. et Ernestius in ed. Rom. inve-- 
nerunt. Quia pulpa et pulpamentum clunium est. Dein 
Ciiam Donatus in obscocnum traxit illud Terentii Emi. Ili, 
I, 36: Lepus tute es y et pulpamentum quaeris. Gruterus. 
Vulgo culpam. Consularis vero iste scilicet L. Crassiis 



44o ANNOTATIONES 

crat, qiiem narrant facctiis adeo abiindassc duni oiuret, 
ut senatorcs risu prope disrumpcrontur, quin tamcn ipse 
ridcrct , nani cutrapeli plerumque sunt àyskarrrot.. 

19 Ili nostro i5 a m. sec. et eius operae: corrigcndum rt^ 

20 Quod nomcn una tantum litera distai a cunnus , nec 
tamen obscoenum est. Dlanut. 

Il Bivèt cnim apud Graccos a jStvsw coco. Graev. 

22 Ila cum mss. et edd. veti. Lami). Ernest, et recenlio- 
l'es. Alii quum — scio. Debcrcl esse sciam. Infra Zel. B 
id quod tu f. 

23 Quia meiitula dicerem \ quod obscenum est. Manut. Mox 
legercni Belle, tecloviola, ut supra hene^j violat. Lamb. 
Bella tecloviola dicis. 

24 Quia diccres pavimentala.) in quo vcrbum mentala i\0' 
minatur. Manut. 

25 Sic Vicloi'ius e cod. Vatic. et posterr. Alii veti., for- 
tassc melius, vides igitur. Omnino viden interrogationem 
requirit ; quam Lamb. ^o^ì. ineptias , post in verbo esse ^ 
et post numquani esse admisit. 

26 Anibb. y, i3, edd. Rom. lens. et Lamb. Ergo. 

27 Nempe incst obscoenum visio ( flatum vcnti-is emilto); 
ut in intercapedo obscoenum pedo (eiusdem significatio- 
nis). Vide Quintilian. Vili, 3, 4^, 47- Schiitz. Mss, ali- 
quot diviso r.'^ At etc. 

28 Verbum hoc quum de femina dicitur, obscoenum est , 
quia refertur ad vulvam. Plinius XX, i5 et 18 stran- 
gulatio vulvae. Tum honorem praefannir .^ hoc est, tur- 
pitudinem dicendorum excusamus, et honorem depre- 
cando habemus pudori audientium. Vulgo Ilal. con ri' 
verenza parlando. 

29 Scortis nobilibus. Manut. Coniecit Schiitz Icgendum ali- 
quid ciusmodi, vel aliquis idem, scil, dicit. 

30 Sic bene Lambinus, Ernest, et posterr. Vulgo iam non 



IN EPISTOLAS 44^ 

vliam ohscocna; qaod si verum est, interrogative est 
cnuntiandum. 

3i Batucre et dcpscrc, qimui non obscocna piopi-ie sint 
verba: nani illud est verberare^ \e\ pugnare: hoc suhi- 
genclo tenenini redderc ; ad obscoenam tamen siguifìca- 
tionem transferuntur. Blaniit. Cod, Zel. A Battuit — dc" 
presit ; ed. Rom. iacidt — denupsit; inepte. 

3a Ilaec verba H. Steplianus et Canterus ut spuria rcii- 
cicnda eensucrunt auctoritate veteris cod. 5 vide illius 
Schediasm. I, &&: ideoque Schiltzius e te:s.tu omnino ex.- 
Irusit : ego cum Ernest, et I, V. Cler. sechisi. Videtur 
esse efTalum, ut ilhid vìdes — nihil esse nisi ìneptias. 

33 Alio loco^ nimirum quum loquiniur de testibus virili- 
bus, ut exponit Manutius. Ree. et ed. IMed. cdio in loco. 

34 Sacci de corio facti , qui et cidlei^ qui optime Lanuvii 
fìebant, et inde portabantur Romani. /. F. Gronow 

35 Propter ambiguitateni, quae latet in voce colei ^ quae 
pariter testes obscoeno sensu signiflcat: et sonum vocis 
Cliterni/d , in quo est similitudo Graeci vocabuh xlztzo- 
pì-z ■) quod et vulvae partem et populos in ora Aequiculano- 
runi signiflcat. Placet quomodo in ahquo ex codd. Ambb., 
et apud PJiodiginum (Lect. ant. IV, 7) legitur Clitorini, 
et CU ferini, quod pariter et populos ex urbe Gli tori si- 
gnificai. Mox Lamb. aliique inepte ?ion modo honesta. 

36 Quia, quum deducatur a pedo^ obscocniim est, quod 
significai crepitum ventris emittere. Mox Schiltzius lam 
si erity coniecitque scripsisse Ciceronem : ide/n si fuerit 
niidus in halneo. 

37 Habes doctrlnam Stoicorum super illa verba: ó o-oaòj 
£Ù3-jòÓYiao-j-n'jzt ( Sapiens recta sine circuitione reni loqui- 
tur). A erbum postremum ita correxit Ernestius e suo 
nisto, ut est in Hittorp. Nam antea sv^vpp-/ìyMv eo-vj. Ed. 
lens. habet èttì. ìVon male ratiocinabantur Stoici, philo- 
sophuni decere libere loqui. 



44^ ANNOTATIONES 

38 Vcrbum, quoti protulisti in epistola tua obscoenum , 
locum buie longiori disputationi dedit. 

3g Amb. 6 apertissime. 

4o Subaudi haheamus: nos, scilicet, qui vcrccundiam lo- 
qiiendi amamus. Kal. Martiis ^ qui dies crat matroiiis so- 
Icmiiis propter sacra lunouia ab ipsis cclebi-ata. Vide Man. 
Honorem est in uno dumtaxat cod. Amb. , in ceteris 
aliisque et edd. pr. lionor est. Distinxit Lamb, Hono- 
rem igìtur, Kal. 31., ut signilìcet, datam banc ep. Kal. 
Martiis. 

DCLX 

I Allqui cures; Amb. i5 curas; quia malo. Supra^ Lamb. 

cupio qnideni certe; et statim, cantra voluntatem meam. 
1 Verba interposita, lioc est, reccntiori marni scrlpta, de 

quadrimo Catone , id est, de puero Catone quatuor an- 

nos nato, ne ipse quldem legerc solco. 

3 Non dubito, inquit Manutius, quod aliis quoque visum 
est, librum significari, quem scripsit de laudibus Cato- 
nis Vticensis. Porro locum bunc intelligunt de constantia 
Catonls, quum in domo M. Brusi, avunculi, tribuni pi. , 
Latinis petentibus civitatem, et se px'aecipitem illum da- 
turos ioco minantibus, ni promitteret quod vellent, qua- 
drimus constantissime negavit. Ambb. aliquot cum Ree. 
quadrino Catone ; alii cum Hittorp. et lens. de qua primo 
Catone; alii etiam ex coniect. de qua primo caveto. Fere 
omnes vero codd. sic interpungunt solco. De quadrimo 
Catone y de etc. 

4 Mulier post duas sorores nata, unde nomen : soror M. 
Bruti, uxor C. Cassii, Te/t/tì; vocata et Tertulla. Aderit , 
in cena, quae dabitur illi in triclinio. Manut. Corradus 
dicit intelligi etiam posse tertiam pensionem a genero 



IN EPISTOLAS 44^' 

Dolabella Ciceroni debitam. Tum Puhliiis , fortasse vir 
eius. Noster 12 modo ut Pubi. ^ quod vcrisimilius videtur. 
Rogatus sit, ad cenani. 

5 Demctrius iste, de quo ad me scribis , numquaìn fuit 
Demetrio Phalereo similisj idest, numquam fuit elegans, 
urbanus etc. Ludit in Demetrìi nomine. Qtiarter. 

6 Dignus suo nomine* vitio laborat eius, cuius nomen ge- 
rit. Videtur enim graius homo Demctrius cognomen suni- 
sisse Billieni, quod per Billienum quemdam libertateni 
et civitatem accepisset. /. F. Gronov. Zel. B Bellicnus : 
alii cum Lanib. Billicinis. Demetrii verna, et homo ne- 
quam*, ep. CCCXXXV, n. i4- 

7 Te vicarium constituo, ut eum observes, ab coque ca- 
veas , ut ego. Amb. 6 libi do w. et mox. cum i5 tu 
enini obs. 

8 Sensus hos, licet abruptos, facile Tiro percipere potuit, 
utpote qui conscius csset cogitationum Cicei'onis, patroni 
sui. Manutius tamen putat, illius Demetrii concisum per- 
plexumque sermoneni repraesentari. Infra Amb. 12 scribc. 
ad me. 

DCLXI. 

1 Vid. ad ep. DCCCXXII init. Amb. i5 \ùde q. a. Taas 
enim ep. etc. Tum edd. R.om. lens. et Lam.b. aliique vis 
referam in i'.,- Ambb. duo ^'ix referam: Zel. B tuasqne 
ep. vix referam in v. Tum prò video , Amb. i4 videto: i5 
cimi Amstel. vide quid a. 

2 Qui soles scripta mea ad trutinam revocare. 

3 \crba Tironis ex quadarn epistola, in ([im fide li ter im- 
proprie usurpavit. Nani verbi illius signifìcatio propria 
est in rebus debitis, et de hominibus dici tur. Qiiaproptor 
Cicero cum reprehendit. 



444 annotationes 

4 Ambb. omnes aliiquc mss, et cckl, vett. tmnslatìo. Ve* 
rccunda, quae scìl. aliquam analogiam cum signiflcatione 
propria servet. 

5 Si veruni est àfaixl.'X-rìtTa. , videtur transponendum post sa- 
tìs scis. Atque sic àyw^aA-rto-a vertendum esset me ah eìiis 
colloquio separavi. Gronovius tamcn legendum putaljat 
àvo/!/.Ay)(ra?, iìistnictus. Manut. conieccrat icfwixilrìcro'.i; ca-* 
dcm significationc. Sclii'Uz. Mox. Ambb. aliique libri vett. 
et tu eum. Pai. pr. Tu euin scilicet. 

6 Lamb. sed ei inservi. 

7 Hittorp. et Pai. sext. tum et mecum esse, tum et mila etc. 
Ree. limi te m. esse^ te mila ctc; et mox Amb. i5 sa- 
tisfacere piitabo. 

8 Ep. CXIV. Corrad. 

DCLXII. 

I Ordinate dispone in Bibliotheca Tusculani. Ed. Rem. 

lihvonmi compone indicem. 
1 Quuni Metrodorus medicus pei'miserit, catalogum etiam 

dispones. Mox prò quando alii quum.^ vel quoniam. 
3 Fac, quod tibi videtur^ ep. DCLXVII. 



DCLXIV. 

1 Ita recte scriptum in imo Manutii codice. In aliis nomen 
varie corruptum. Schiitz. Amb. 6 Mlenandrius^ i5 3Ie- 
nander; ep. sup. perspicue Menandrus. Vulgo Aìidricus. 
Mox Ambb. plures et edd. vett. exspectarem. 

2 Ambb. duo aliique libri vett. bene multi pi. timovihus ac 
misenis. Victor, et Lamb. plenani timoris: ae miserius 
tuis; errore, puto, operarum. Plenam timoris ac mise- 



IN EPISTOLAS 44^ 

rìae^ quia ignorabat, quid de Tirone esset, propter Me- 
nandri moram. 

3 Asclaponi; ep. CCXCII med. et CDLXXXVIII. Maniit. 

4 Ambb. plures aliique vett. libri Mumium ; unde jManu- 
tius coniecit Manium^ quod erat praenomen Curii, de 
quo ep. CDLXXX^'. ^'ict. Vnimium^ Lallem. Vmmi- 
diwn. 

5 Hoc est, ex. ea animi solicitudiiie : quod nimirum a me 
absis. 

6 JMauumissionem significari puto , ut etiam ep. seq. : Ego 
le omni cura Uherabo ; et cp. DCLXVI extr. : Nostra ad 
eliem dictam fient etc. Manin. Pro adest, cod. Amb. i5 
prope est; ex iuterpretatioae. 

7 Non exspectabo, sed antevertam. Xisi legas guae (quae 
promissa). Statica rpraestabo, nec opperlar diem. /. F. 
Gronov. Simpliciter, statim solvam promissa* uam re- 
praesentare pecwdam^ est praesentem pecuniam solvere. 

8 \' ariani bic mss. et edd. omncs. Ambb. aliquot /// Id. 
lun. h. VI; alii /// Id. Apr. liora III; cum Lami). 



DCLXV. 

1 Nomen servi: ep. CCCXXXIX init. INIisit ad Tironein 
Cicero quinque servos suos, ut et benivolentiam in eum 
ostenderet , et de eius valitudine certior fieri posset. ÌNIa- 
rionem primum, ep. CCLXXXVj deinde jMenandrum , 
ep. sup. 5 postremo Hermiani et coquum, ep. liac ipsa. 
Acastum autem non misit • sed cum eo reliquit , ep. 
CCLXXXIX. jManiit. De Acasto ep. seq. 

2 Amb. i5 oportchat: pauUo post idem cod. soUciludine 
affectus .^ ex inepta glossa^ et mox si me liberahis. 

3 Vide ad ep. sup, not. 6. 



^/J6 ANNOTATIONES 

4 Al. confìrniandum. 

5 Lamb, remici; scile qiiidein • nam patet Aegyptaui iarn 
;)pud Tironcm fuisse. Ep. CCLXXXIX Marloncin rv- 
ìiììltere. 

6 Sic Benedictus et Schiitzius post Oli v.,auctori tate aliquot 
codd. , quil^Lis accedunt Ainbb. plures cum Ree. et ed. 
Med. Vulgo uiere. Mox Lainb. ìterum vale. 



DCLXVI. 

1 Sic multi codd. cum LauiJj. Eru. et Sclùitz. At Groev. 
Si quae. In seq, membro x\mb. 3 quo fiieris ^ i5 quod 

Jliistì, et statim dum in Cuniamun veneris. 

2 Quia arbitrabatur Tiro, se solum usque in Cumaniuii 
navigaturum. Verum quinque dies oportuit euni ulterius 
navigare, ut Ciceronem in Formianum conveniret. 

3 Amb. i4 addit Feb. a see. manu. 

4 Hoc est, oculos erexerunt a languore, quo depressi erant, 
delectarunt. Duo Ambb. aliique vett. libri paidhdum s. 

5 Ragazzonius (Sigonius), quia hanc epistolam ad an. 
DCCVIII referendam putabat, quo axmo Pompeius iam 
iiiortuus erat, iegendum censebat Po;;?/;o7iz«^. Verum de 
Attico nihil opus ei'at dicere , eum libeuter apud se fuis- 
se. Praeterea quum mauumissionis mox futurae mentio- 
neni iuiiciat, sequitur, hanc epistolam A. \ . C. DCXCIX 
scriptam esse. Schiilz. Mox edd. IMed. et lens. quuni hoc 
SCI'.; Ambb, 12 et i5 scriberein. 

6 Eaaidem operam praestes, quam praebere in literis et 
studiis nostris consuesti, antequaai aegrotares. Amb. i3 
operas addas ; Ree. et Zel. B opevain r. : Hiltorp. et Pai. 
sext. operas nostras r. 

7 Perliuet ad libertatem promissam. Ernest. Vid. epp. 



IN EPISTOLAS . 44? 

DCLXIV, n. 6 et DCLXIX. Nosti'i plures cum Ree. 
dieta f. 

8 Idcst, quae sit origo (vulgo etimologia) vocabuli Fides. 
Inde dieta fuit, ait Manutius, quia fìat id, quod pro- 
mittitur, 

9 Supple K'alemus. Edd. Ro. Lamb. et I. V. Cler, alioi'um- 
que adsumus ; quod verum puto, et eommoduni hic ha- 
bet sensum , et ederem , mutata opinione , si modo pos- 
sem. Mox libi-i plures Kal. lan. 



DCLXVII. 

I Scilicet, inscribi epistolas ad te meas? Quum Tirotii 
manumisso literas Cicero dedissct, inscriptionem hanc 
apposuerat Tidlius Tironi, sine praeuomine 31.. quod 
familiaritatis est ( ep. CCXXIX init. ). Invidiaui veritus 
Tiro, respondisse videtur, addendum praenomen esse. 
Id negat Tullius; immo scribendum Tironi suo. Libri 
aliquot nostri et edd. R.o. lens. Quid agitur? 

1 Hoc est, quae simulatio belle, h. e. satisex sententia suc- 
eedit. Lamb. mirum in moduni, Guilielm. talcm in m. 
Porro locutionem hanc Ernest, et Scaiitz corruptam, 
aut spuriam , aut saltera perturbatani existimabant , 
quorum posterior coniicit legendum aut sìmulas; quod 
tanien perbellum in modurn procedit, Nihil opus. In mo- 
duni absolute positura esse puto prò belle, probe, ut 
apud Graecos xarà rpÒTrov §iofAìiv , b. e. recte adininistra- 
re , ad literam, in raodura administrare. locare Cicero- 
nera notat Quartei'ius. 

3 Larab, ut ut. Scd ut prò ut ul_, quomodocumque , vide 
cpp. XLI, u. 6 et XLII, n. 3, 

4 Sic emendavit Victor, ex aiitiquis exemplaribus cor- 



448 ANNOTATIONES 

iLiptum àlijTtiy.v. Supra cod. Zel. B cuin edcl. Med, llu. 
et lens, ca, quae posiulcs. 

5 Est, iiisi fallor, huiiis loci sensus : Olitor nostrum 
hortum facit minimi, minimumque pio eo pretium of- 
ferì, ralus affulurum nemincm, qui vclit eum condu- 
cere, At quaerc inter vicinos aliquem, qui hortum lume 
vel ad tempus couducat, aut fingat velie se conducere; 
sic olitorem excitabis et adduces, ut summam pecuniae 
maioreuì mihi solvat. Vel sic explica: cominovehis ,'\. e. 
aiixietate et molestia illum afficics. Quarter. liitlorp. 
Parhedum excitavi etc, male. Varie autein corruptum 
hoc nomen cernitur in aliquibus nostris mss. 

6 Ita legendum esse vidit Victorius auctoritate unius cod. 
ins. Vulgatum Ilelico nihili est. Salacoiiem vocat illum 
olitorem, quod hortum uondum, sicut nuuc erat, excul- 
tum et ornatum H-S ci3 conduxerit: nunc vero, quum 
tot ornamenta accesserint, augere locationis pretium 
nolit. Ergo Salaco hoc loco est' AaTravwv ó'ctou [j.ri Sd. 
Schiiiz. Cod. Zel. B aliique mss. et impressi libx-i Hel- 
luo necjuiss. CC; alii sestertia ducenta. 

7 Haec vitiosa putat Schiitzius, et coniicit legendum nullo 
apiario, nulla cohorte , vel simpliciter nulla aviwn co- 
horle. Panilo post Ambb. quatt. cum edd. Med. Rom. 
et lens. Is ne nos etc. Alio modo dixisset istwnne nos 
derìdere, ut Virg. Aen, I, f\i : Mene ìncepto desistere? 

8 Lamb., queui sequitur Oliv., 31. Othonem. Vt ego ca- 
lefeci, excitavi Mothonem. 

g Nihil admodum floreas eius coronas , aut dona eiusmodi 
moror: malim, ut maius prò horto pretium constituat 
Quai'ler. 

IO Agri Tusculani aqua; in Rullum (de Leg. agr. ) III, 2 
extr., et Frontinus de Aquaeduct. lib. I ante med. ManuL 

lì Simile Sophoclis versibus, qui apud antiquos in ma- 



IN EPl STOLA S 44'J 

xima crani lauclf. \ ida Scivimn ad ilja Virg. Eclou 
Vili, IO. 

Sola Soplioclco lua cariuiua tligna colluinio? 

Cort. Moxfac opus apparente k\ est, in pul)licuui [ìrodeut. 

DCLXVIII. 

1 Fac, Dcuietrius, servus nosler, rescilatiir. 

2 Ambi), pluics aliiqiie et cclcl. pr. cutn Lamb. polcs. 

3 De pecunia, quani Aiiddiiis railii debet. 

4 Hoc est, expedi. Infra edd. pr. cani Lamb. Si le id. 

DCLXIX. 

I iMallcm noininis repetitio abesset , ut abest revera iu 
Ambb, pluribus sic; Q. Cicero 31. Fralri; vel etiam , 
ut alii Ambb. liabeut, Q. M. Fralri. 

1 Manumisso; ep, DLXIV, n. 6. Ila le — videain , for- 
mula iurantis et affìrmaiitis, ut ilavìvani; ep, DCLXIi, 
et alia sexccnta. 

3 Quae eum mancipiiuu fccit. Mox vulgo ac iiobis ani., ubi 
copulam incptam ac iam delevit Ernest, post Manutiuni 
et Lamb., quaefjuc nimirum desideratur iu nostro 1 5. 
Benedictus e codd. Dresd. 4 t^t Lips. , cui nostcr i4 abi- 
quc vett. libri accedunt, recepii hac ìioIh^ a in. ipiod 
non intclligo, nisi deleas illa. 

4 Sic Ambb, omnes, Amstel. Ree. etld. pr. et novissime 
Scliiitz. Alii, et inter recentiores Ernest., et libi et ago. 
Alii, ut Graev. , Oliv. et \. V, Cler,, gaudio. Tibi et ago. 

5 A O. Cicerone manumissi; epp. XLIV, 4i XLV^, i et 
CicEu. X. — Leu. T. IX. 29 



/^5o ANNOTATIONES 

LII, I. Mox Lamh. fìdvUUts et frngnlitas , nescio (|uo 
auctore. Sane solum fklelitas non bene, quoti ad formam 
attlnet, respondct seqq, cadem haec bona, sed tantum 
sensu; nam in fìdelitate multa sunt bona, ut notavit 
Ernestius. 
Ci Tirone. Corrad. Tum ed. R.om. quanlae esse; quod bene 
respondet taiitae. Infra Amb, i5 et sermonihus , Jiuma- 
nitateque; et quidem copulam et alii ctiam codd. babent. 

7 Hoc etiam nomine, quod sic, idest aperte, ut fratrcm 
decet, nuntiasti; quod explicat sequens le tolurii eie. Sic 
fere Corlius. 

8 Id- est servis. Faciarn ^ nirairum tua causa. 



DCLXX. 

1 Manut. Victor. Verburg. aliique ex mss. dcderunt Gal- 
lio hic et in ep. seq. , quibus favent quatuor Ambb. Dis- 
crepantibus Hbris, dum unum recipio, alterum non im- 
probo, nec moior Ernestium affirmantem non dici latine 
Gallius , sed potius Gallio, ouis; quoniam conlrarium 
evincit idem Manatius , quem vide. Libri plures vel 
Quinto^ vel simplicitcr Q. 

1 Abest ea in nostris 12 et i5; tert. vero eadem causa; 
Vict. tamen ea causa. Nimirum, ca occasio. 

3 Lamb. quod eum cu/n per se ipsum. Codd. multi et no- 
stri et alior. quod tutu. Infra idem Lamb. qui tum con- 
suetudine; malim qui qmun etc. 

4 Velini, ut eorum memineris, quae libi commendantur , 
des epistolam nunc aliquam, quae postea tibi ab ipso 
Oppio in provincia reddatur, li. e. quum in pj-ovinciani 
veneris. Vid, ep. seq. Ambb. 14 et i5 in provinciam. 



IN EPISTOLAS 45; 



DCLXXII. 

i O. Philippi procos. in Asia A. V. C. DCCVllf , ut pu- 
tat Pighius. \ eriuntamcii Philippi, ad (jiiom siiut epp. 
CXXVII et CLXI, proconsulatiis in aii. DCXCVIII in- 
citìisse videtur Schiitzio. Nescio autem quare vox pio- 
qiiaesl. absit ab omnibus libb. anti<[uis in ep. se({. Ali- 
c{ui /Jpalcio unica 1 itera /;. 

' Nostra., Ernestio auctoie, delevit Scliiitzius, et abest re- 
vera a nostro 12. 

J Edd. Ptom. et lens. cum Lamb. ul is iiilelL; recfe sane. 

4 Et hoc aucloritate Ambb. fere omnium, Zel. A, Ree, 
aliorumque, nec non edd. pr. reccpiaius ; quod multo 
aptius videtur, quam vulgatum duhilahat. 



DCLXXIII. 

I Barbaruni nomcn, in Ambb. aliisque liblj. varie vitia- 
lum , Noscius Zoiìns , Nostius , Loyciis etc. De Zoilo 
Ovid. Tiem. Amor. 3{»") et Martial. iV, 7". Mox ea ;e, 
11. e. propterea. 

; Quia eum patronus suus dignuni existimavit, queui la 
parte hcredem instilueret. Vide I. Fr. Gronovium. 



DCLXXIV. 

I Ep. CCXXXIIT, scqq. Et hanc ep. Appuleio Proq, iu- 

^.cribit liber llec. 
j. Abierunt illa tempora, quuni et dignitate et houoribus 



452 ANNOTATIONES 

et liomlimm nmplissimorum amicitiis in re pnljl. florc- 
bamus. JDIamU. 
3 Vici. ep. CCXCIV, not. 6. Amb. i4 et Ree. cum cdcl. 
pr. Vict. et Lamb. hoc meliiis, ut loc. cit. ; rectius. 



DCLXXV. 

1 Qui sunt itidcm Cjprii, nempe ex Paplio cius insnlac 
Tube. 

2 Aliqui mss., ut Amb. G et Stew., quo-, ed. Lamb. quod 
tiiae laudi; bene mehercule. 

3 Scilicet in eam a Caesare missus. Ante Lcgem Clodiam 
A. V. C. DCXCV Cypras insula eum provincia Cilicia 
coninncta eiat, al) eiusque procoss. l'egebatur (ep. CXIII, 
3). BcnediciLis tamen e codd. mss. corapluribus recepit 
leclionem qniaii primiun. Schiilz. lis accedunt Ambb. fere 
oranes cum edd. pr. 

4 Spintheris, qui primus Cyprum cum Cilicia A. V. C. 
DCXCVII proconsul rcxit, ep. XCII et seqq., fìlius. Le- 
gejn, b. e. edictum, de quo ad ep. CCXXII, n. i3; cf. 
in Verr. II, i. 

5 Sci!, quum proconsul ciat Ciliciac A. V. C. DCCII et 
DCCIII, atque ideo et Cypri. liittorp. instiliUa suiit. 



DCLXXVI. 

1 Variant mss. et edd. Alii Messcniiim, alii Mcaccmim , 
vel Mcscenium. Ilo. Essenium. Lamb. vero D. jlJessie- 
niim, et D natum putant vv. dd. ex sup. epigr. S. D. 

2 Ambb. plures faimlìarcui. 



IN EPISTOLAS - . 4^3 



DCLXXVII. 

I Cognomen gentis Marciae, ut e Sallustio, Valerio, Sve- 
tonio constai, addito etiam testimonio Ciceronis, ep. 
XXI, n. St, et Plutarclii in Cicerone. Absurde nonnulli 
putant, lume esse Deiotarum regein; quum tamen Z)eio- 
iaro regi non sit in titulo, sed tantum Regi. Praeterea 
inepta familiaritas illa esset in iis verbis, quae infra : 
Fac igitur , mi Rcx etc. 3Iamit. Adde Ilorat. lib, I, 
serm. 7. 

2 Lamb. iniìii coniunclus. 

3 Idest veniam a Caesare ci impetravi. ]N"am Pompeianas 
partes secutus fuerat. Schiltz. Itaque nobiscum intellige 
cum Pompeianis centra Caesarem. 

j Pompeii scilicet. Schiilz. IMox Amb. i5 cum Hittorp. 

Pai. sext. et Stew. qua nos: quasi in cadevi causa, qua 

nos ; sed minus recte. Sensus: diutius, quam me; h. e. 

post praelium Pharsalicum. 
5 His verbis adducor, ut suspicer, in causa Pompeii Re- 

geni fuisse. Manut. Hoc est, propterea ineliorem opi- 

iiionem de eo babebis. 



DCLXXVIII. 

I \ idetur esse Basilus, qui cum ceteris in Caesarem con- 
iuraverat ( Appian. Bell. Civ. Ili;, extr. ). Itaque assentior 
Glandorpio, Strothio et Martvni-Lagunae existiman- 
tibus, liane gratulationcm ad Caesaris cacdem pertine- 
re. Schiltz. Nostri omnes Basilio, quos edd. vctt. cum 
A ict. sequuntur : sed Basilus scribunt Caesar Bell. Gali. 



43/| ANNOTATIONES 

VII, cxlr, ci Appianus. Miruicioriim cognomen est Ba 

.sjlit.s , ut inni v'ulil Gracvius. 
7, Amljb. 0. et i4 iiìiari cupio, srd a •?, manti. 
3 Idem Amb. ?. f/itidve ; Zel. A f/uìd(fuì(l: Lami). alii([n' 

veli, edd, fjuichjiu- htìc. 



DCLXXIX. 

1 Ani. Pompeius lìithyniciis, Caesarianns, hoc anno prao 
ter Siciliac (App. Bell. Civ. IV, 84). Schiìtz. De Tii 
tlivnico hnius patio vid. BrisL G8. 

2 Ambb. fere omnes aliique et edd. veli, nostra in ipso- 
rìiiìi aniicilia. 

3 Si bcncficioruin luoriun nicmoreai me foro existimas 
Quarl. 

DCLXXX. 

I Sine dubio Matinm intelligit, quem aperte nominai dua- 
Jjus epp. DCLXXXìI et seq. , et, si loca conferas inler 
se, Matinm hic significar! non obscnre vidctur: quem 
quidem et Calvcnam et Rladaruni ficto nomine appel- 
lai epp. seq., DCLXXXIV et DCLXXXIX extr. Marmi. 
Vide ep. DCCXVI. Edit. lens. reverli ad i. 

3 Aiebat; subintelligitur esse, ut sii sensns: Re pub!, niiìi! 
aiebat esse perditius eie. BJauid. 

3 Caesar interfectus Idib. Martiis. 

/{. Isla dicebat, scilicel gaudeus, ut qui dolebat Caesaris 
eaede, et cupiebat poenilere percussores lacli sui, om- 
ninoqiie Pompeianos. Ernest. Matius tamen ante hoc tem- 
pus tcmpcratus ci prude ns eoàstiniatus est et auctor olii : 
t'p. CCCLII. Lanib. gaudet affirmatcpLe ^ edd. Icnj. < • 



IN EPISTOLAS 455 

Aldi gaudem af firmati Amb. i6 gaudens affirmatque. 
Mox tumuUiim Gallicum , futuriim ; cpp. DCLXXXIIF, 
et seq. 
T M. Aernilii Lepidi, eins qui A. V. C. DCC^ If consid , 
an. DCCVIII magistcr equitum, hoc anno autem in De- 
cisi Caesaris lociun pontifex max., quiqiie deinde cum 
M. Antonio et Caesare Octaviano triumvir rei pubi, 
conslituendae factus est. Dieebat Matius, se post mor- 
tem Caesaris cum nemine Caesarianorum locutum de 
le pubi. Cod. Faiirni Lepido — neminì ; Lamb. cum 
Lepido — Clini ncinine. 

6 E Terentii And. i, 2, 4- 

7 Refertur ad seqq. loquitur nìhil, quod quemquam honiim 
offendat. Schiitzius ex ingenio Ernestii pudentem, Illian, 
intellige Caesarem. 

8 Pompeio, Cnaei fratre minore, qui Ilispanicam cladem 
a Caesare quum latitans evasisset (App, Bell. Civ. II, io5 
et 122; ep. DLXII, 5), in armis nunc esse dicitur; epp. 
DCLXXXVI et DCCXLIX, r. Edd. Ro. et Aid. Sexùo. 
IMox Ball, satìs ìncerlian. 

9 Vbi sit, quid agat, Ernest. M. Brutus enim (alter e 
percussoribus Caesaris ) Antonium timens et populum 
ab eo concitatum, urbe excesserat, Antiique morabatur, 
ut, quum primum plcbis iracundia deferbuisset, recur- 
reret. Plutarch. in M. Bruto, p. 993, et alii. Manut. 

10 Alii utrobique i'olt — volt, forma obsoleta prò vidt. ; 
quod ahcrum novissime recepit I. V. Cler. ex multis 
mss. Ernest, auctoritate edd. Rom. lens. et Aldi et mss. 
Reg. teste Lallem. et Balliol. volct — volct. Sed primum 
aptius. ^ 

11 Quo Caesari obviam profectus vid.etur; ep. DCXXI, 2. 
Quae civitas in Liguribus pouitiu- a Plin. Ili, 5 (hodie 
Nizza marilinia). Corrad. Dicerei Longolii liber, quod 
\ rsiuo iam placebat. Fere omnes edd. dixeril. 



45G ANNOTATIONES 

12 Quum ad Caesai'em venissein , ut agcrcm ciim co Jc 
P. Sextio resti tiietido. Marini. Idem Manutiiis enni pii- 
tat esse, ad quein scripta est cp. CLXX^'l. 



DCLXXXl. 

1 Intelliyc de plaiisu DolaI)e!lae dato , quuin in tliea- 
Imni venisset, eversa coluiiina Cacsaris in faro etc. -, de 
qua aliis locis Cicero, ut Pliil. I, I2 ( ^pp- DCXCVII 
et DCXCVllI, et Svetou. in lui. e. 8')). Puhlim/ìquc , 
cum Miiaium, qui ep. DCXLVl, u. I2, mcnioralur. lii- 
telligendum autcm est Publii versus quosdaui ita esse 
pronunciatos, intellectos, ut ad Caesarem et praesen- 
tem rei pubi, statura a populo applieaieiitur, et inde 
plausus fieret, Confer, ep. seq. extr. Res optime inlelli- 
getur ex Or. prò Sext. e. 54- Ernest. 

2 Tribuno pi., C. Cassii, qui Caesarem occiderat, fratri. 
Vide cp. DCCLXII, u. i5. Quare, inquit Eni., ille plau- 
sus visus sit Ciceroni facetus, non constai. 

3 Sic tecte appellai Matiuui (ad ep. snp. init. ); ixócòxpov 
{(lepilem) , a calvitie. SchìUz. Ed. lens. de viandato. 

4 liane lectionem recte Gronovius e vestigiis eodd. ernil. 
Sensus est; apud quem non opipare et laute cenavi. 
Vulgo inepte fa.là-npu>iAX l^tranquilUtas). Schiitz. Alii o-a- 
}.àxwpta; Lamb. aa)iax.wva. Tuni ut pidas restituit Grac- 
\ius, et rccipiunt recentiores; Bosius tu pitta, 

5 Idest, statini a Matio , ad quem deverteram , ep. sup. 
init., ulterius progressus sum post collocjuium; minus 
tamen, qnam veliera , in itinere processi , quia sermo 
eius me ad multum tempus detinuerat. Victor, scd mi- 
nus din: sermone enìni sudi relentus, 

G Calvìiium ; scilicet Matiuiii. 



IN EPISTOLAS 4^7 

7 Brutus enim et Cassius concordine stiulebant ( epistola 

DCCXIII niecL), et electi suut, qui legatione prò eis 

fungerentur ad Lepidum et Antoni uni de concordia et 

de pace inter faulores Caesaris et cius interlcctores; App. 

Bell. Civ. II, 123. 

S Lamb. Lanm'iuiii — Astarain ; vide ep. CLXXX\ I extr. 

q Filiani una secuin adduccret; libi ignosco , quod doaii 

tecum eam esse niavis. Ernest. 



DCLXXXII. 

I li, quorum lue utor opera ad villam acdificandam. Et 
panilo post Corumbum arcliitectum exspectat. Dlaiuit. 
Tuni ad fnmieiituin , ut ex lege frumentaria Clodii ac- 
cipereut de publico; Sveton. in lui. e. ^i. 1. F. Gro- 
no%'. Inilio ep. Lamb. Tranquillae quidern tane Ut. 

"?. Nondum ad me venit Corumbus, servus Balbi, Edd. Ro. 
et Aldi Torumhiis. Mox Schiitzius ex ingenio Eruestii 
sed mihi. 

3 Testamenta: adldhìtus a quibusdam Caesarianis. Corrad. 
Hi porro, ut opinor, rerum praesentium timoie adducti , 
rebus suis testamento cautum volebant; vel etiam , ut 
putat Mongallius, aliquid Ciceroni legare volebant, ut 
eius benivolentiam captarent, adeoque Atticum ad te- 
stamentum obsignandum vocabant, ut inde id Ciceroni 
indicaret. Ideo addit non sìne causa. Aliam tameu af- 
fert causam Orellius in not. seq. 

4 jNisi magna, ut pulo, subest corruptela (volunt cnini 
nos £<7a 'joy.iiji'j putari amici erat suspicio ) , significai: 
\ olimi Caesariani nos pulare , se nobiscum esse con- 

. iunctos. Orell. 

5 Quum isti me bcredem faciaut. et liac re se mihi ami- 



458 ANNOTATIONES 

cos esse ostendant, iicscio ciir iion animo quoque idcnt 
sentiant. Corraci. 

6 Hoc graecis literis dedit Scliiitz, ut est ep. CXLI; non 
necessario; nani et cp. XLVI , 2 habetur lat. literis 
pragmatici ; et alia pariter graeca vocabula inlcrdinn 
latinis literis scripta reperiuntur, ut lyraìinoclonis prò 
ijraiiiìicidis , epp. DCXCVII, DCCLXXV, et alibi. 



DCLXXXIII. 

r Novi liabcre. Illanul. Lamb, Nimujuid pidas. eie. Mox 
isliCj h. e. Ptoniae. 

2 Tumullus praedicet, et res diutius esse posse tranquil- 
las neget; vid. ad ep. DCLXXX init. et cp. sup. init. 

3 Pouipeius. Ed. Aldi Sexlius. 

4 Quod in bis interfectus sit tyrannus. Corrati. Sic saepe 
infra eacdem Caesaris significat. 

5 Brutus et Cassius, aliique Caesaris percussores; e^ist. 
DCXCI, n. 5. Mox Ball, et edd. veft. quod per se ìpsos. 

6 Scilicet, ut literulae nostrae inlermittaiitur. Ball, aliique 
mss. et edd. vett. si quidein non coiiwiiiiain ; njalini ego 
quidem etc.j sed contra ep. DCLXXX extr. 



DCLXXXIV. 

I Scilicet Matius; ep. DCLXXX, n. i et DCCLXXI, n. 3 
et DCLXXXIX extr. iSuspectuui, quasi Caesarianuni, et 
rei pubi., idest libertati , non amicum. Cur ixuienì sigila 
Leila dicit esse, quod Matius moleste ferret, se suspe- 
ctum esse Bruto? Quia quuni de Bruti gratia IMalius la- 
boraret, apparebat, eum Caesarianoruni partibus difii- 



IN KPISTOLAS 4^9 

dere, ut infirmis. Manut. Signum bclliim otii est, qiiod 
Calvena eie. Mox ed. Ro. suspectnm se esse. 
•?. Rumor enini crat, legiones, quae in Galiia fuerant prae- 
sidii causa, Romam venii'e, postulaturas, ut piomissiim 
sibi a Caesare solvcretur. Addidit ciini signis , ut quasi io- 
caretur ambiguo signorwn nomine. Manut. 

3 In Graeciam ad bellum centra Parthos. Ei'ncsl. Piurcs 
Anaios nominai alibi Cicero, inter quos quis sit bic iii- 
telligendus, iguoramus. Fortasso legendum Acilius., qui 
in Graeciam cum legioniluis a Caesare missus dicitur 
ep. DCLIV, 2. Edd. Ro. Aldi cum Lamb. quid eas , 
cjuas Annìus ir. 

4 Scil. dicere. Scbùtz. Caninium Rebilum (ep. DCLÌII, i ) 
intelligil Mongaltius; aitque, fieri potuisse, ut Acilio pri- 
raum a Caesare, deinde Aunio, tandem Caninio datae 
ab Antonio fuerint legiones; et acerbe Ciceronem loqui 
in Antonium, qui tam saepe legionum praefectos mutaret. 

5 Antonio, quem aleae deditum dicil Cicero in Pbil. II, 
23, 27. Bosius et Grut. ex quibnsdam mss. a baliiealo- 
rc , quod pariter Antonio convenire posse ostendit idem 
Eosius. Sed vide Graevium. 

G Legalionem ìiberam (ep. DCLXXXVI, noi. 7) petere. 

7 Hoc est ante iustiliutn et discessura senatus, ut in cp. 
CCCV ante mcd. 

8 Sic vocat rem pubi., in qua maguae turbae suut, quae 
eruplionem minantur. Sic, monente jNIanutio, in ep. sup. 
init. tument tiegotia; sumta Iranslatione a corporibus male 
affectis. Ideoque inferi uicdcri. Exspectabat Cicero anni 
tempus, (|uo nihil neque publice, ncque privatim age- 
retur, ut vacatione omnibus concessa bonestius disce- 
deret. 

9 Sic cp. seq. Edd. Ro. lens. Lamb. Si quidam mc/gistra' 
lus illi suut. 



^fìO ANNOTATIONES 

IO li. 0. in cervicilius nostrls esse collocatos vcteranos? 
ut alibi loquitiir {ai nostri fìancln). Veterani partem , 
agri campani incolebant a Caesare assignatam, ut ait 
jManutius. IIos quingenis denariis Octavianus in suas 
poslca paites traduxit. Edd. Graevii et Oliv. cxercilus 
in laU'i'c \>ct. ]Mox alii quac su/il svplTzKjTce. ; eos uutcìn, 

li Eosius et Giiit. Manutii coniecturani secuti e vesligiis 
coiTuptoriun niss. dedcrunt elicmi va^i; nescio, quatn 
apte, quamquam seqq. parielibus conlineri opponi iposse 
videatui-. Celerum magni ncque mihi satisfacil , etsi est 
in pluribiis mss. Sic mss. et edd, vett. cum Lamb. et 
nupcninie Orellio. 

12 Schutzius rescripsit non tantum laudari,' — se parielibus 
continere, Ernestius malebat non tantum non laudari, sed 
parielibus conlineri. At hoc, inqnit idem Schiilz, repu- 
gnat verbis epistolae proximae, quibus tjrannicidae di- 
cuntur in cacio esse , idcst laudibus ad caelum efferri. 
Sensus est: laudari quidcm — sed tamen parietibus con- 
tineri. Signilìcat autem Brutuni et Cassium, ut cp. seq. 
JMox alii mss. et edd. alque illi. 

i3 Suppic pariat. Octavius, Caesaris ex sorore pronepos, 
Apolloniae degebat, ut literas simul et rem militarem 
disceret , expeditionum Caesari comes futurus. Quum 
sexto mense, postqnam eo venit, nuntialum fuerit pro- 
avunculum suura in seuatu occisum , et se heredem 
factum, ad urbem venit hereditalcm aditurus. Tunc ad 
eum confluxerunt undique veterani Caesaris; App. Bell. 

Civ. Ili, 12. 

DCLXXXV. 

1 Accepi, te rectius valere. Infra Lamb. odiosa eiii/n illa. 

2 Supple haheo; hoc est, non magni pendo. Sic restituii 



IN EPISTOLAS 4^1 

Victorius et suis mss.; nani anlca vulgo logebaliir ,«iv, 
qiiac cxapecto. 

3 Hoc est, de Pseudo INIario fiat; de quo iam ep. DLXXIX, 
I et infra epp. DCLXXXVII init. et seq. 

4 Vt quidem se res habent. Eodem modo lòcutiis est cp, 
CCXCIX, 2. 

5 Quem Caesar ademtum Sextilio, qui Pompeianas par- 
tcs secutus erat, Curlilio tradiderat. lìlanul. Supia ed. 
Aldi Clini Ligure nostro structore. 

6 Caesarianoi'um ; ep. DCXC post med. Corrad. 

7 Alludit ad acta Caesaris , de quilius post orationcm 
Antonii in senatu factum est SCtum in hanc senten- 
tiam: DE CAEDE CAESARIS QVAERI IN IVDI- 
CIO NON PLACERE: ACTA VERO EIVS DECRE- 
TAQVE RATA ESSE. App. Bell. Civ. II, i35; ep. 
DCXC init. 

8 Habebimus? Appianus, loc. cit. e. i38, narrat, Caesa- 
rem expeditionem longinquam contra Cretas et Parthos 
molientem cos magistratus in quinquennium designasse, 
et urbanas annuasque dignitates, et provinciarum exerci- 
tuumve praefecturas ; Dio vero in triennium, XLIII extr., 
Svetonius in plures annos, in lui. e. 76. 

9 \ ide ad ep. sup. n. 12. Ed. Aldi co\oiv.o-jrt Tuoavvoxróvov;. 

10 De Caesaris nece; quod ipsum infra signifìcat ea de 
re. I\Iox cdd. vett. cum Lamb. qiiantopere. 

11 Edd. sorr. cum Lambino i-erba mea de re; Ro. men 
verha de re. 

13 Scilicet Caesarianos, et Antonium praescrtim. Jlclue- 
remus , ironice. 

i3 Appositis sccundis epulis, ut bellariis, pomis etc. Vulgo 
il secondo servilo. Alias quoque Cicero se scripsissc di- 
cit mcusac accuinbens , ut ep. CDLXXIV init. 



/\CS2 ANNOTATIONES 



DCLXXXVI. 



( Dcciinus Bniliis Alhimis Caesaris magislcr cquiliini liie- 
rat, et ilio vivo velcri Galliac praefuerat. Dcsignatus ab 
«oilem consiil in an. proxiniLim, et Galliae Cisalpinae 
praefectus , cnm magno exorcitu iu hanc profocttis osi 
panilo post occisum Caesarcm, App. Bell. Civ; II, 124 ; 
III, 2 et 98. C. Cassius Decimi Bruti sorori nupserat. 
Sinc pracnomine scribitur in nostris quatt. et quibus- 
dam aliis, hoc modo: Brutus Bruto suo el Cassio; nani 
ad familiares familiarius scribc])atnr; cp. CCXXIX inil. 

1 Galliam Cisalpinam a senatu ei conflrmatam. Quum cani 
tamen suis consiliis utilcm vidcret Antonius, eripere, ut 
consLil , Bnito conabatnr. Codd. Ree. et Amb, i4 nec 
viihi pr. 

3 Nostri fere omnes et aliorum aliqui, tam edd. R^oin. et 
Icns. quorum utrumquc , qnod praetulit Graevius. Sed 
l>ene Ernest! iis utrumquc a glossatore profectum esse 
subdubita vi t. 

4 Antonium. Cormd. 

5 Erant enim practores D. Brutus et Cassius (ep. DCCXUI 
et DCCLVII), et praesidium in urbe R.oma publicum 
postulabant ( ep. DCLXXXVI circa fin.) contra vini 
magnani veteranorum Caesaris, quos Antonius in urbe 
congesserat. Nulli autera licebat praesidium sibi Romae 
liabere. Vnus Amb. i5 clignitatìs nomine. 

() Lamb, et Ernest, malebant partes sibi: nibil opus; ?7v 
est Antonianis scu Caesarianis, et dictum ut infra illos 
roìicessuros. 

■j Briltus eo redactus loci, ut assignalani sibi provinciam 
oblincre non possct, nec Romae luto versari, huiusmodi 



IN EPISTOLAS 4^3 

liberam legationcm sibi expetendam censebat. Qiiart. Vt 
honorificc abessc a sua provincia vidcrctixr. 

8 Sic maini cura Lanib. et tribus nostris ; nani unum a 
Bruto quaerebatur, scil. Icgatio libera. Vulgo Ilacc. 

g Nostri quatuor cura Ree. Al. 

10 Ita nostri fere omnes cum Victorio, Lallem. Benedi- 
cto et Schiitz. At Gebliardus aut aqua et igni ìntcrdica- 
mur , ex tribus mss. Hunc secuti sunt Graev. Oliv. et 
I. V. Cler. Attamen vereor, ut haec sit legitiina loquendi 
forma. Alias enim impersonaliter semper adbil^etur, ut 
edidimus. Sic prò domo e. i8: Kelilìs , iiibead^ , ni M. 
Tullio aqua et igni interdìcalur. Eadem forma e. 3i ; 
Phil. I, g; Plin, Epist. IV, ir init. et Caes. Bell. Gali. 
VI extr. 

11 Hoc est, alio quo terrarum. Vid. ep. CDXXVI, not. G 
et CDXX\ li, not. 2. Tum duo nostri graeca terniina- 
tione Rhodon. Aliqui codd. locuni sic distinguunt: dan- 
dw! est ìoeus: forlanae cedendum. Ex Italia migrandum 
Rlioduni e te, 

12 Quid hoc sit, explicat Pollio in ep. DCCCXXXIII sub 
{in. loquens de Antonio: Si nildl in Lepido "pei sit , de- 
scensuruni ad e x trema , et non modo natione.'; , sed etiani 
sen'itia concilaturwn; nisi raavis cum Funcio inlcHigere 
de morte voluntaria, quam sibi consciscere in animo lia- 
berct ; sed primum rectius. Ambr. 7 cum Zel. B discc- 
demus; sed discedere , descendere et decedere saepe a li- 
brariis permiscentur. Pi'o novissima vero, aliqui extrema 
aux. 

i3 Hoc est, occurret^ veniet in mentem. 

\\ Mostri ad unum cum Ree. et edd. Ro. lens. exspeclamus. 

i5 Sextuni Pompeium , in Ilispania, ep. DCXXX, n. 8; 

Bussuni Caeciliuni, in Syria; ep. DCCXCVII. Ambi). 

omnes, Zel. B cum Ree. et edd. lens, et Rom. Caclium; 

communi nominum .siiiiiliuui permutatione. 



^G4 ANNOTATIONES 

if) Sic inss. pleriqiic, et sic a!il)i Cicero ipsc aliiquc o[)- 

liiui auctores. Sed Lami), aliiijue ex aliis codd. in tcr/i- 

pnrc. Ed. Rom. et de Fraiiclscis tempori; (juod niale- 

bat Vrsinus. 
17 Hoc est, ante quatuor lioras. Sic ep. DCCLXXVIt : 

Lupus — quwn Romani sexto die — venisset, hoc est 

sex diebus. Tiim Ambb. quatt. aliique codd. et edd. lens. 

Clini Lamb. de his rebus. 
i8 Ila coiicinniiis nostror. aliquol, Pai. tert. edd. Rom. 

et Lamb. Vulgo ceriìorem me. 
jf) Vncis inclusa superflue inculcata olim niihi visa sunt. 

20 Antonium, Lepidum ceterosquc Caesaris asseclas. 

21 Hoc est, odium crearemus iis. Indignaretur enim po- 
pulus videns libertatis assertores cgcre praesidio, ut tufo 
sint. Hoc sensi! dixit Quintil. Inst. IX, :?., Hj; Ovid. 
IMetam. IV, 547; Senec. in Herc. Oet. V, i8Gt. Ernest. 
faeercmus, \e\ feeerimus corrigli : Jjcnc; forma nannjiie 
mod(Lim coniunctivum postulat. Lamb. ronfiare iiius : inc- 
lius, scd nihil opus. Faeeremas est in Pai. prim. 



DCLXXXVH. 

1 L. Aemiliuiii Paullum A. V. C, DCCIII consulem. Mox 
Lamb. Caietae ; Vict. in postrema ed. in Caie lana ; sed 
vide ep. CCCXXVI, 3. 

2 Quia hic Marius de interficieodis senatii et coniuratis 
cogitabat. Hoc autem cogitabat, quia simulatione effì- 
cere volebat, ut videretur Caesari coguatione coniunctus , 
c{uemadmodum iam diximus ad ep. DLXXIX, i. Ed. 
Aldi De Malia; tum cdd. veli, cum Amb. 16 alif/iui 
(juaedani s. p., se. retulit. 

3 A le piofcclus est, cui literas dare [)Osscs, 



IN EPISTOLAS 4^5 

4 Lainbinus Nane ego. 

5 Redditac suiil. Codd. aliquota teste Orellio, CT;CTu/.vwfijvat ^ 
dense, prudenter scriptae. 

6 De vita eius et moribus sua sponte iutelliguntur: na;n 
quia doctior factus est, credibile est, etiam mores rae- 
liorcs factos. Ernest. 

7 Ed. lens, te ridere; haud male. 

8 Scilicet, unde utar, in Graeciara proficiscar. Si argeii- 
tum milii suppetierit in sunitns itineris , in Graeciani 
contendam. Gracv. Aliter Lamb. libi videìi. Oinnino ego 
volo; sed coniiciebat: K'iderì. Oinnino Icgatus volo; Bosius : 
Sideri omnino. Si àyòìv est, voto; Orell. Videii oìnnino. 
Sic ergo est: volo. 

() Hoc est, cetera eriint de meo Cicerone faciliora; vel 
sint mca negotia utinam expeditiora. Vtrumque Mon- 
gallius ; sed alterura rectius. Amb. 6 et edd, pr, cum 
Orell. suiit omnia fac. , Lamb. si sint etc. 



DCLXXXVIII. 

1 In litoralibiis , h. e. in agris sive praediis mari finiti- 
mis, ut eraut v. e. Puteolanus, Pompeianus, Cumanus. 
Acta prò litore in Verr, V, 25, 3i et Virgilii Aneie- 
de V, 6i3. Post Muratura Lambinus in agris esse no- 
stris; et Herv. in liorlìs e. n. , ex ep. DCXCVIII init, 

2 ^Schiitzius post Vict. et Lamb. at ego. 

3 Pseudo Mario (ep. sup. n. i) inlclligit, qui ab Antonio 
jnterfectus est. Bosius, Edd, Pio. et Aldi probo. 

\ Quem se ferebat Marius; ad ep. DLXXIX. Doleo , iro- 

nice dictum. 
~ Bruti sororem , coniugem M. Lepidi. Maniit. Edd. Ro. 

CicEh. X. — Leu. T. IX. 3o 



/\66 ANNOTATIONES 

et Aldi Cluviam. Mox moderale et amice , de ic pu])K 
interfectoribus Caesaris. 

6 A M. Lepido marito ad fratrem siium M. Brutum, 

7 Ab eodem M. Lepido missas ex Gallia Transalpina, ubi 
cura exercitu erat; ep. DCCLXXXVIII; ut viditPopma. 
Superiora cum seqq. sic coniungo : Anlonium , amicum 
Caesaris, probari Bruto nostro, Caesaris interfectori , 
gaudeo. Sed boa solum me de re pubi, consolatur. Nam , 
quod ais , a Lepido amice scriptas de re pubi, litcras 
ad Brutum esse , non est ita. Nam aliae sunt literae ab 
ipsomet Lepido missae, in quibus queritur sibi fieri in- 
sidias, ac proinde sibi a re pubi, cavendum esse, 

8 Cleopatrae ex urbe, interfecto Caesare. Ernest. RJihi non 
molesta; nani illam oderat; ep, DCCXXVII. Ainb. i6 
cum aliis molesta est. Recte. Puto enim scriptum dpX7.t.- 
t.C)c, fuisse molesta st. , et librairum miscuisse st et sed 
quod sequitur. 

g De bis tribus obscura omnia et incerta. Lamb. reterà. 
Pelopem ad te arcesse , et arcesse quidem babent etiam 
edd. sorr. 

10 Haec dicit Tullius per ironiam. Nulla ibi negotia; sed 
est àirpayÒTTo'kii;^ civitas otiosorum; Svet. in Aug, e. 98. 
Hinc Statius IV, Syl. 7 desides Baine, quia \h\ liomi- 
nes otiantur, /. F. Gronov. 

11 Hoc est, turbam, quae illic versatur voluptatis causa. 
Nam chorus proprie sympboniacoriim aut saltantium in 
sacris. Idem. 

12 Vide ad ep. DCLXXX, not. 8. 

i3 Sententia totius loci baec est: Te fastidio ciborum et 
propensione ad vomitum leviter tentatum abslinuisse 
propterea a negotiis, et corpori curando vacasse, non 
aegre ferebam. Videbar enim milii agnoscere in tuis ii- 
teris, te novo quodarn impetu post receptas vires ad 






IN EPISTOLA» 4^7 

scribemliim venisse. Stat. IV, Syl. 4' ^'v. 33, 34- /• /^. 
GronoK'. Schiilzius Naiis. libi luam etc. Mox v'uhharc Ic- 
gebatiir ctiani ante Corradum. Nescio quare Vict. Grae- 
viiis et Eni. dederint incielar. 

\:\ Vìì'wUxs et Cassius statini post Caesarcni occisum, ve- 
liti plcbcni , vetcranos Cacsaris alioscjuc Caesarianos, qui 
erant in urbe, Capitolio ciun gladiatoribus occupato, ibi 
din lutueiunt-, cp. DCLXXXIV, n. 12; App. Belb Civ. II, 
120 et seqq. 

l'i Manutius subaudit scriòilo ad me; l. Fr. Grouovius , 
ne niinia fidai. Primum praefero. 



DCLXXXIX. 

1 Verba De re pubL in vett. edd. fiuem constituunt piox. 
praeced. epistolac. Alii vero novam epistolam inchoant 
inde ab illis verbis De Bruto etc. 

2 Pkires epistolas , ut INIanut. exponit. Scilicet praeler 
Attici, aliorum quoque siniul acceperat. 

3 Lambinus hreviler , ut alibi. Infra Cluvìana , quac scili- 
cet Cluvius inihi legavlt; quae erant in Puteolano; ep. 
DCXXIX, 2. 

4 Arcbitectura; ep. DLXXXIX, 2 et CCCLXXXVII. Mox 
reliquae praetuli cum edd. Ro. Vict. Lamb. et Orell. 
Vulgo reliquaeque. 

5 E quorum libris et praeccptis didici res islas coulemne- 
re. Aut excidit, aut subaudiendum .stìttó,- nam aliter es- 
set absurdum. Aliqui olim O Socrales , o Socratici viri. 

(') Hoc est, dainnum lucrum adferens. Infra ep. DCXCI di- 
cit: Ruiiia reni non facìt detcriorem : liaud scio an iani 
fructuosìorcni. Mox hic , h. e. Puteolis. 

7 Quasi, sed non revera designati sunt; quia a Caesare 



468 ANNOTATIONES 

centra leges, non comitiis, designati. Senno est de Hirtio 

et Pansa. 
8 Supra, epp. DLXXIX, i ■ CCCXLVI, n. 6 et CCCXLVII, 

3. Lamb. 31. Cnrius. 
g Din duratura. El Balbus, etiam Balbus Puteolis est. 

10 Antistio Vctere; ep. XC, 2. Literae redditae sunt, in 
quibus erat scriptum : quum a se — teneretur, venis- 
se etc. 

11 Bassus, de quo supra ep. DCLXXXVl, not. i5. Cir- 
cumscdcrelur, Apaineae in Sjria ; obsidione tamen libe- 
ratus est Parthis auxiliantibus , maxinicque Alcbandonio 
Arabe; Dio lib. XLVII, e. 27. Codd. et edd. pr. cum 
Aldo Catìlhif;. Mutavit Victorius. Tum edd. Ro. et Lamb. 
circwnsideretur. 

12 Portasse possis Icgere Lu. Stalhim (Murcum), qui tane 
ibi erat procos, Philip. XI, 12 et Dio lib. XLVII, e. 27, 
seqq. Corraci. 

i3 Dolabellae enim Syria provincia et Parlhicum bellum 
erat decretum (Dio XLVII, 29), ad quod Curtium Ni- 
ciam gramnialicum ( ep. DXIX ) familiarcm suum se- 
cum duxit. Confcr cp. DLXXXVIII, 3. Popma. 

i4 Malius. Ad ep. DCLXXX, n. i. 



DCXC. 

1 Haec cum indignatione sunt scripta: Ideoue , inquit, 
Brutus Caesarem occidit, ut deinde Lanuvii csset (otio- 
sus), ut in urbe tuto esse non posset? ut Trebonius 
quasi fugiens occulte proficisceretur ( in provinciam 
suam Asiam)? Mamit. 

2 Mss. et edd. lens. Aldi, Mcministìne ; Al. cum Lamb. me- 
inini.>lìne me; ed. Ro., ut infra, meìiiiiiislìnc te. Vulga- 
iutn coniecit Faernus, 



I 



IN EPISTOLAS ^6g 

3 Quo statim a Caesaris nece in Capitoliiun se receperunt 
coniiuati; epp. DCXCIV, not. 17 et DCCVII, n. 21. 

4 Mamitius hoc dictum esse putat prò vocari debere , sive 
vocanduni esse. At hoc est insolens : omissum arbitror a 
librariis oportere. Haec Schiitz, cui non assentior. Prae- 
'cipitat enini per èXKu-\i-u oratio, quasi et nunc res aga- 
tur. /. 1^. Cler. Vocatus autem fuit seiiatus proximo a 
Caesaris nece die, ante kicem , ab Antonio in aedem 
Telluris, absentibus coniuratis, qui ideo raagnara oc- 
casionem liberandae rei pubi, omiserunt. 

5 XVI Kal. Apriles (ep. CCLII, 9), quo die, ait Man., 
factum est SC. de praemiis veteranorum (ep. DCXCIV, 
2), multaque alia in aede Telluris decreta; Phil. I, i3. 

6 Causam coniuratorum sive rei pubi, si Caesar elatus es- 
set. Legibus cautum erat, ne tvrannoruni corpora ex- 
sequiis cohonestarentur; immo trahebantur unco per ur- 
bem , et inliumata in Tvberim proiiciebantur (App. Bell. 
Civ. ir, i34). At Antonius in forum deferri corpus Caesa- 
ris iussit, et magnifico apparatu prò rostris deponi, quoJ 
funebri oratione prosecutus est (ep. DCXCI, n. 3), Cae- 
sarique taniquam Deo hymnum cecinit; insuper et unus- 
quisque ceream Caesaris imaginem (nam cadaver supi- 
iium ([uideni in lectulo conspicuura non erat) sustulit. 
Quo facto plebis, nnseratae casuui Caesaris, furor in 
coniuratos coucitatus (Idem e. 146 et seq. ) adeo est, ut 
Curiara incenderit, et vix ab aedibus coniuratorum absti- 
tiuerit. Itaque prognosticum Attici comprobavit eventus, 
causam scilicct coniuratorum illisque adhaerentium pc- 
ritnram esse. Infra miserabìliter, h. e. lugubrem in mù- 
dum. In teda iiosti-a , h. e. optimatium; sed hyperbolicc 
dictum. Qiiae deìnde , sccuta sunt; talia scilicet, ut di- 
cant nihil faciendum contra Caesaris nulum. 

7 Respicit Aesclijli Prometh, v. 682. Schiiiz. H. e. lerrani 
cum terra mutare ; cf, cum ep. DCLXXXVII , n. 8- 



J^nO ANNOTATIONES 

8 Inanìs est terra, hoc est, tua praedia Epirotica milw 
lutuni hospitiuni dare non valcnt, vel qiiod vicina ni- 
mis urbi siint, vel proccUis bellorum exposita. Sic qiii- 
dem post Ernestiiim Schiitzius; recte. Alii sic iiitcrpiin 
ginit: Tua tamen u7r/jv£//to? nausea etc, et explanant: tua 
tamen levis nausea (ep. DCLXXXVIU sub fin.) iannic 
piane abiit? 

q Ed. Ro. ex t. l'ilerìs tiiin ìcctìtanti ita v. 

10 Nomina veteranorum, qui ex Caesaris largitionc Pom- 
peianorum bona possidebant, Dlanul. Tehassiini nenio 
novit, Cassìum Scaevam centurionem noniinaiit Plutar- 
chus in Caes. p. yi^, App. Bell. Civ. I, 60, et Fior. IV, 
e. IT, 4O9 C. Fuficiuni Phangouem veio Dio XLVIII, 
e. 22, ut iam Manut. njonuit. Villose libri ante Vict, 
Redeo ad le Bassos, vel Tlieohassos, Suevos, Francoiies. 

11 Scilicet bona. Standbus nobis , idest, ([uousque valebi- 
mus; nobis , scil. optiniatibus, qui tales agrorum assi- 
gnatioiies ferre non possumus. , 

12 Ad ep. DCLXXXV. Mox scn'psi de Censorino etc, id- 
est scribere et significare volui , quamvis eos minus no- 
minarim ; ut Corrad. cxplanat. 

i3 Opinalur legendum esse Mustela, cpii inter Antoni! 

sodaics (Phil. II, 4i ^» 6) invenitur, Manutius. Id prae- 

tulit Schiitz et Orell. Mox de i^cuere loto, scil. Caesa- 

rianorum, sive Antonianorum. 
14 I- V. Clcricus iinprobat coniccturam Gronovii : f/uod 

utìnani accidissel! Milli tamen coniecturam suam Grò- 

novius probat; edidit Orellius. 
i5 Ad ep. DCLXXXIV extr. Balbus mane postridie con- 

venit; eodemque die mecum in Cumano fuit, dixitque 

illum, se. Octavium, heredilatem avunculi aditurum. 
iG Contentioneuj magnam Octavii de Caesaris hercditatc, 

sive de imperio cum Antonio futuram video. Edd. pr. 



IN EPISTOLAS 471 

pt^ó3:a£v , vcl pt^o^éiMtv^ Lamb. pvj^ó^c^tv, statutn vio- 
lentum. 

17 Ep. DCXCIV, 11. 24. 

18 An redditus Cluviani praedii ad centena (millia sester- 
tium ) perveneriut; cf. cp. sup. init. Ocloginla detersi- 
mus , opinor ex illa centenoruni sumraa. Ernest. Sede-' 
traximus , et restaurandis, pula, aedibus posuimus. 

rg Epp. DCXXV, DCLII, i. 
20 Quintus Cicero lilius. 



DCXCI. 

I Proxime scripsisti, respoudeo; et xa^va. Asturae Brulus ^ 

nimirum esset; ep. DCXCVII extr. 
1 Caesananorum. 

3 Antoni! scilicet de laudibus Caesaris in eius funere lia- 
bitam; cf. ep. DCXC, n. 6. Schiìtz. De clarìssimo civì , 
vcrba sunt, quibus Antonius in concione usus est; ep. 
DCCVI ante med. et Phil. XIII, io. Corrai. Edd. Ro. 
Aldi eh' e. 

4 Hoc est, sic solent defendi et extoUi causac deteriores, 
Alt qui illas susceperint, etsi digni maxima gloria , ta- 
mcn iuvidiae, malivolentiae, insidiis obnoxii fìant. 

5 Ep. DCLXXXIII, n. 5. 

6 Sic Lamb. et Bosius restituerunt ex volt. codd. Anlea 
edebatur sed non sine periculo quìdem. 

7 Ep. DCLXXXVII. 

8 Omisit est Lambinus. 

9 Vide ep. DCLXXXIX. Sic bene correxit Victorius; nain 
in DQss. est corrupte una, vel mvn. Infra Lamb. an 
etiani frnctuosiorcm. 

»o Qui erat Octavii vitricus. 



J^h2 ANNOTATIONSS 

li Filius cius, ad quem sunl opp. XCIl et st'q<j. Vadil 
proquaeslor iu Afiicam, 



DCXCII. 

1 Idest expiationem odii, et quasi ultioneni, ttoivvìv. Fru- 
stra Victor, corrigit plenain e lectione cod, scr. pcnam^ 
quod est more scribarum plurium prò poenam. Ernest. 

2 Roma. Jffcruniur, de Antonio et aliis. Corrati. Mss. ali- 
quot cum Lanib, ialini. 

3 In qua est perpetua memaria et lau^ quaeslurae meae. 
Ernest. Vid. ep. XXVì;,n. 28. Caesar, concessit. Corrai!. 

4 Aliud est habere ius Latii, aliud civitatem Romanam. 
Caesar Siculos non civitate Rom., sed Latinitatc dona- 
vit. Manut. Latinitas est ius Latii, quod ex foedeie eum 
Latinis ortum est, et est iure civitatis deterius, iuio 
Italiae autem melius. Ex eo iure poterant Latini primo 
iu coniitiis leguin ferendarum causa, si vocali essent 
a magistrata Rom., suffragium ferre; deinde civcs Rom. 
fieri, si in civilatibus suis magistratibus functi essent, 
atque ita civitale Rom. accepta, hosìores Romae pote- 
re, Vid. Sigon. Ant. \. Latii I, 4i Spanliem. Orb. Rom. 
lib. I, e. 8; Ilotoman. ad Orat. prò B.ab. Perd. 5- 
Ernest, in Lexico. Quum tam dilexerit Siculos, non sa- 
tis cohaeret sibi Cicero , dum ei videtur nimium esse 
beneficium a Caesare iliis concessum. Quapropter quo- 
dammodo seipsum corrigit verbo verumlamen. Ante Vi- 
ctorium legebatur veruml. autem ecce A. 

5 Quia ex SC. rata erant acta Caesaris (ep. DCLXXXV, 
n. 7), Antonius, in cuius manibus erant de coiisiliis eius 
cornmentarii, et qui scribam Caesaris, Faberiuui, obse- 
quentissimum sibi habebat, multa io multorum gratiaui 



IN EriSTOLAS 4;*^ 

aclìccit, ci^itatibus gratificans, dynastisquc; A[)p. Dell. 
Civ, HI, 5. Cives Ro., nimirum facti sunt. 

[') Antouii uxorem , qnae acceptis H-S centies ( riiil. II, 
37), egeiat a[)ud inaiitum, ut Deiotaro ereptam a Cac- 
sare Arnieaiatti resti tiieret. Indignatili- scilicet, illam tan- 
tum valere , ut tara niaguiun beneflcium , quamquam 
ime acceptum, conferre potuerit. 

- Ilaec ideo dico, ut ostendam, quum ista obtineantur, 
licet iniqua; rem foie non ferendam, si causam tam 
iuslam, scil. Buthrotiorum, tueri non poterimus, Haec 
fere Manut. Mss. et edd. vett. refero. 

8 Facit et facta fingit, 

9 In testamento suo luliiis Caesar Octavium pronepoLeai 
sibi in fìHum adoptaverat. Mos erat autem Romanis as- 
sumere nomen patris adepti vi. Itaque Octavius nomeu 
Caesar'is assumsit, et ad eum, tamquam ad alterum Cae- 
sarem niaximus concursus factus est; App. Bell. Civ. II, 
143 et III, 11; Dio XLV, 3; Veli. Pat. H, Go. 

10 Quia, lege curiata de eius adoptiouc noudain lata, 
quam postea tulit Octavianus ipse consul, cognomeu 
Caesaris iure sibi adsciscere non poterai; Dio XLV, 5. 
Mamil. 

1 1 Octavium. ]Mox Lamb. posse esse hoiium cwem. Reclc. 
Circumstant enim ipsum Octavium multi iniqui , qui 
optimatibus mortem minitantur. Verissima vaticinatio. 
ìunius tamen micv^vxns^thal nego posse h. cive/ti ila; scil. 
salutare. 

12 Amb, 16 et edd. pr. cui (/uidt/ii nostri; perverse. 

i3 Scil., Caesarem inultum esse. Vict. negai haec ferri 
posse; Lamb. negai liaec fieri posse. Ei consoiiat cod. 
Amb, iG. 

14 Octavius, qui decimum octavum amium agcbat. Sic 
cum vocat sue;, e in i'[)p. secpj. 



4^4 ANNOTATIONES 

i5 Sic ed, Ro. cum Lamb. et Oiell.; vide cpp. LXXXI, 

2 init.; CCCXXIV, n. 6; DCCIX , i -, DCCXXIII ; 

DCLXXXVIII extr. Vulgo luti 
i6 Epp. DCLIIl, I et CDLXXII, n. 4- l'ìqiiit mallem 

cum Ernestio abesset ; nani alibi baec verba sempei' 

unde ponuntur, eaque ad se accommodat Cicei'O. 

17 Ne Ilirtium quidem et Pansam, consules designatos , 
amo; quamquam ipsi me amare videantur; ep. sup. 
circa fin. Mnnut. 

18 Vtebantur enim Cicerone eloquentiae magistro. Schiltz. 
Confer epp. CDLXXI et CDLI, n. i. Aquas , Caianas, 
vel, si mavis, Puteolanas. Nani Puteolanum Ciceronis 
quam proxime Baiis erat. 

ig Sic conimode Schiitzius, auctore I. Fr. Gronovio, prò 
vulgato Quam dudum. Lamb. habe.l, non est icun ^ quam 
dudum. A Ili corrigunt Item inni dudum. 

20 Sic edd. vett cum Aldo; vulgo deleclem; Lamb. non 
quod delecler meis l. 

21 Edd. vett, addunt crii ; idque edidit Lambinus, et mihi 
placet. 

22 Cenans; ep. CDLXXI V init. Jpud f^estorium, qui erat 
Puteolanus. 

23 Nam res pecuniarias tractabat Puteolis. Ernest. 



DCXCIIl. 

! Cicero erat in hortis Cluvianis prope Puteolos in ora 
maritima. Quaesierat ergo Atticus ,, utruni in Arpino 
magis delectaretur tumulis et collibus, et ex iis ut spc- 
culis prospectii; an in Cluviano ambidatione circa mare 
plana et explicata(à^iT£Vct). Cui (Cicero) respondet, utri- 
usque loci tantam esse amoenitatem , ut ipse dubitet 5 



IN EPISTOLAS 4/5 

uh'a antoponcncla sit: sed hanc qiiaestionem non esse 
ciiis tempoiis, <]mim rei pubi, saliis agatiir, ut Vljs- 
ses (ad Acliilicm) apud Ilomerum , Iliad. IX, 228 di- 
cit, se tunc aninium ad splendidas epulas applicare non 
[>osse, quum ingens exitium classi iniminciet. Popina. 

I A erba Vljssis ad Achillcm apud Hoiu. 1. e. 

3 In Galliam Cisalpinam. 

4 Pompeius; ad ep. DCLXXX , n. 8. 

5 Sit corrigi volunt Corradus et alii: hacret I\Ia!aspina. 
Puto est additum a glossatore; idque delenduni , aiit 
scribenduui quid nohis facieìidarn est? Ignoro: aut ignora 
est a glossatore. Ernest. Lamb. utique dedit sit. Scliiitz 
est tacite omisit ; 1. V. Cler. coniecturam Ernestii ad- 
niisit. 

6 Hoc est, ncque Caesaris, neqne Pompeii partem sequi. 

7 Edd. pr. piitm'il. Ilaec pars pcrdiloruni , scilicet Antoniani. 

8 Graevius nosswn. 

9 Verba lovis Venerem alloquenlis apud Homer. Iliad. X, 
4^8; quae sibi accommodat Cicero, supponens zp-/o!. lo- 
yoio {eloquenliae opera) tw Homerico 'épyv. '/aaoto. 

10 Codd. Cali, et Anjb. 16 cum ed. Ho. non iniiius. 

II Libera legatione; ep. DCCXXIII, 2. Corrad. Sic ne- 
cessario cum interrogatioiie legendum esse, iam nionuit 
Bosius; antea indistincte legebatur. Similibus tamen for- 
inis alias est si vel sin, ut paullo infra. Mox edd. sorr. 
credis? impcndentis pencidi n. r. v. 

12 Amb. 16, aliique et edd. vett. manscro., equidem ti- 
dea; Lamb. ex suis codd. fore rem equidem video. Vulga- 
tiim dederunt postea Lamb., Bosius ex Tornaes. aliis(jue. 

i3 IVaui etiam vivo Caesare liberam legationem (petere) 
ab eo cogitaverat, liane unam ob causam, ut in Grae- 
ciani, niii causa, [irofieisceretur. Manut. Amb. r6 et ed. 
lloin. (i Caesare. 



/^nQ ANNOTATiONES 

i4 Praeclium in agro Cumano ad lacum Lucriniiin , de 
quo meminit ep. DCXCVIII. Popma. Ed. lens. quenl 
habeo; in quo, inquit Ernest., intelligenduui esuel fuii- 
diim; puto esse a glossatore, qui rcferebat ad lacum. 
Mox iitique deleri malebat Graevius, (juod aberat ab 
eius rnss., abost et ab Anib. i6, aliisque apud Orell. 
et ed. Ro. Vncis inclusit Orell, 

i5 Ingenti pretio profuso. Sic iinpensa libido Lucrct. V, 
962, est vebemens: iinpensis prccibiis Apul. Apol. p. 55'j^ 
ed. Fior. Par. 1688, 4'*'ì et ìmpensissimis precibus Sve- 
ton. Tib. e. i3, sunt pertinaces et instantes. flaec panilo 
fusius Popma. Quo introducatur , in quam ducalur lo- 
cuples et dotata Aquillia-, de cuius nnptiis Q. pater co- 
gitat, dimissa Pomponia; ep. DCXCIX. Idem. Mox edd. 
pr. quod intr. Tuni Amb, 17 filius dixit. 

16 Quam reddei'e debebat Pomponiae uxori dimissae a 
se. Ernest. 

17 Trapezitae. Gradas agit ob pecuniani ab co oblatam. 
Edd. vett. quaedam Q. Egnatio. In seq. senteutia eàà. 
sorr. cum. Lanib. ut r/uicf/uam l. l. ucgct esse ìucitndiiis. 

18 Qui P. Clodii, Ciceronis inimici, liberlus et minisler 
furoris fuit. Exsilio autem mulctalus fuerat, quod P. Clo- 
dii corpus in curiam intulisset creniassetque cum ipsa 
Curia. 

19 Abest ita ab edd. Ro. Aldi et Lamb. 

20 Vid. ep. sup. n. 5. Amb. iG et edd. velt. uw/iquaiìi 
ncque fecit , ncque fecisset , ca — profcrunlur. 



i Ilenricus Stcphanus, probante Weiske, arbitrabatur k;- 
geudum non vereor. Sensus est: Quia tecum coram non 



IN EPISTOLAS 477 

cgi, ideo vcreor, ne et absentia mea minus auctoritatis 
apud te liabeat. 
'?. Edd, lens. Aldi f. facere llceal. Libri sci'ipti aliquot prò 
ut habent et. Lamb. id mìhi per me facere n. lìceat. 

3 Quasi scilicet ille (Caesar) Sex. Clodium reduci voluis- 
set, idque in commentario suo scripsissct. Scìiiitz. 

4 P. Clodii filium et Fulviae , quae nunc uxor Antonii 
erat. Panilo ante, Lamb. cnm edd. sorr. f. le profecto 
pr. Mo.v in optima spe , falsum; vide Val. INIax. Ili, 5, 3. 

5 Ernestio suspectum est reposituin; sed si deleas, legen- 
dum sit optima spe. Nihii vero suspectum debet esse in 
epistola Antonii, quem ob scribendi genus exagitat Ci- 
cero in Philippic. Ili, 9; XIII, 19. /. V. Cler. Mox 
Lamb. te non. Nec sines P. Clodium existimare, te in- 
sectatum esse, quum potueris, inimicos paternos. 

6 Non prò te privato, scil. quod tibi inimicus fuerit; sed 
prò re pubi., quod eum nimirum civem rei pubi, per- 
niciosura existimaveris, gessisse te simultatem. 

7 Privati odii. Maniit. 

B 

I Revocavi lectionem antiquam utroque Amb. firmatam, 
et edd. pr. Man. Lamb. et Orell. Vulgo egisse. De hac 

. ep. consule Pbil. II, 4 ì qnem locum iam Schiitz in- 
dicavit. 

■2 Quod Antonius olim contra Clodium Ciceronis inimi- 
cum restitisset; Pliil, II, 20, 2^. Mongalt. 

3 Pacem iu urbe conciliando, amnestia proposita, legem- 
que de dictatura abolenda ferendo (App. Bell. Civ. Ili, 
24)- Vltra quam fas esse videtur urget hic Cicero ur- 
banitatem suam. Conf. Phil. Il, 4- Haec et plura jMon- 
galtius. Mox ed. Roni. habeat. 



4-^8 ANNOTATIONES 

.\ Alirjiii iUiquc. 

5 Qui vitricus illi es. Manui. 

Ci Edd. vett. cum Lamh. conteiilioncs. 

7 Velt. edd. omiltunt ea. 

8 Elegante!', tamqiiam beneficium inciim. E lu pecunia- 
ria ductum est, in qua diciinus ah aliquo dare , solve- 
re. Ernest. Si tihì vidchiliir, ni anununi eius eoncilìntiini 
vìilii reddas , corrìgcbat infra lunius ex mss. Pai. Tum 
Lamh. non quod. 

») Omiserunt mihi Amb. i6 et ed. Ro. 

IO Varr. mss. Aid. extr. sii; et infra ed. Ro. ad te ati'incre. 



DCXCIV. 

ì Hoc est, repete, quaeso, et rursus die, quae dixisti. Sunt 
cnim talia, ut vix credam me audisse. Formula difen- 
di, qua utebantur in rebus necopinatis, ex lliona En- 
nii, Cic. Acad. IV, 9.7. S\c memora dum , Plaut. Poen. IV, 
1, 44- ^- ^^- Gronov. Male igitur mss. nonnulli et cdd. 
vett. iterandum; quod Corradus defendere conatur, pro- 
vocans ad II, ig Tusc, ubi iam correctum est. Nec mc- 
lius Ernest. Iter Adum. , quod quid sibi velit, niliil ex- 
plicavit. 

1 Quintus (Cicero) fllius, qui Parilia (ep. XXXIV, n. 6, 
XI Kal. Maii acta) coronatus celebraverat (ep. DCCI 
med. ), ut amorem suum erga Cacsarem, etiam mor- 
tuum , ostenderel. Manut. lis hoc anno Octavius ludos 
dedit suo sumtu , ut populum muncribus caperei, ut 
tradii Dio XLV, 6. In aliquibus codd. non ileralur 
Parilihus. Lamb. vero Parilibas? Parilibus, Soliisne? So- 
tus ; ut sit quasi responsio. 

3 Sic ed. Ro. cum recentioribus, latinitate po.stulaute. Li- 
Ipvi paullo antiquiores fucnint. 



IN EPISTOLAS 479 

4 Aliqui explorahis. 

5 Quia, quum ego ad te scripsissem , Vestorium a dìa- 
leciicis reinotian, in aritlwietìcis salis cxercitaluni (epist. 
DCXCIl extr. ) ; ipse eos, qui pecuniae sludiosiores es- 
sent, quani doctrinae, haeresini Vestorianatn appellasti. 
Mania. 

6 Sic mss. et edd. vett. pluies. Aliqui ut Amb, 17, Pha- 
rioniim, vei Pliacrionum , prò Phaerionuni , vel Phatrio- 
num. Haerent in re tam obscura interpretes, praeter 
lac. Gionovium et Olivetum, quorum hic Plielrionum^ 
vel Phetrioram legendum putat, et de Phatriis et Phe- 
triis explicat, quae erant hominum sodalitia ex eadem 
tribù ad sacra et epulas per omnem Campaiiiani et Pu- 
teolis celebratissima, quacque Frcrias etiamnum Franci 
dicunt ; hic vero Pharìonum^ ut intelligantur fariones pi- 
sces. Graevii coniectura Veslorianoram nimis longe di- 
stai a mss. adhuc notis : sed ipsius iiiterpretatio de more 
Puteolano verisimilior videtur; scilicet, Atticum, ambi- 
guitale vocis allusisse ad Piiteal Romae locum celebrem, 
ubi feneratores et nummularii conveniebant; quod bene 
congruit Vestono, qui erat Puteolanus, et rem nummu- 
lariam exercebat. Vide, sis, apud ipsum Graevium plu- 
res intcrpretum coniecturas. 

7 Sic edd. pr. cura utroque cod. Amb. Lamb. Vict. et 
Orell. Vulgo scribere; lens. , Aid. me rescribere. 

8 Marcum et Decimum. Mox edd. sorr. perperam Cas- 
siosqiie. 

9 Ep, sup. A, not. 4- 

10 Delet TÒ cùam Beierus ad Offic. III^ 18, verbb. sai 
ctìam adi uva t. 

1 1 Sic dictus ob eius controversias cum Vestorio ; epp. 
CCXXIll, I ; CLXXXV, I. Numquam scriptus, queui 
Caesar, ut cxponit Manutius, nuraquam in Commenta- 



48o ANNOTATIONES 

liis ( ep. DCXCIH) scrinsit, se velie restitiii. Victor ^^ 
ignotus Iiomo. 

12 Sequentur celeri. Q:tis non ab Antonio l'cstituetur ? 

13 Fp. DCXC, n. 3. 

j4 Venimus enim coacli ab Anlonio consnlc. Illanut. Sci- 
licei, edicto proposito minaci et excusationem omnctn 
tollcnte. De re ipsa supra. Ernest. 

i5 Etici, sorr. aliiq-je adcUint fieri. 

16 lis, quod se habituros confldcbant, concedendo. 

17 Capitolinam nioram, et ignaviam Cassii et Bruti in 
Capitolio. Confer ep. DCXC, n. 3. 

18 Non M. Bruti, non D. Bruti, sed aliorum , qui vere 
siuit Bruti, idest insulsi et stupidi. Bosius. 

if) Brutos et socios. Ernest. 

20 Ep. DCXC, not. 6. 

21 Subintellige aedem. Antonius Caesaris pecunias in 0[)is 
tempio positas ad se transtulit-, Phil. I, y; et li, 14, "ij- 
MaiiiU. Velleius Patere. Il, 60. 

22 Ad ep. DCLXXXII. 

23 Idest, donum, pecunia. 

24 Quuni scilicet iJutlirotii pecuniam a I. Caesare inipe- 
ratam non solvissent, ille eorum agrum proscripsit. At- 
licus pecuniam numeravit de suo, et a Caesare decre- 
tum abstulit, qiu> Buthrotii liberabantur. Illud decretum 
Atticus, interfecto Caesare, a consulibus confirmari vo- 
lebat; epp. DCXC, DCXCI, DCXCIl , DCXCIX et 
DCCIV. Schillz in Lexico. 

i5 Massilienses vicini dicuntur Attici , vel quod Atticus 
praedium aliquod in Allobrogibus aut Gallia propter 
Massiliensium fines possideret; vel, quod magis puto, 
«piod Massiliensium legati in vicinia acdium Attici in 
urbe versarentur, et douiuui coudu( ;am haberent. Sua 
recidi s , ita de iis scribis, quasi propediem futurum sit. 



IN EPISTOLAS 4^f 

al illis ailcmta a Caesare SCto rcdchiiitur. Pliil. Xlll, i 7, 
7. F. Grono^'. 

DCXCV. 

1 Sensus est: Tarn ctiam cupio accedere («ino niagis illud 
iiieiun desiderium augetur) ad res ceteras proraissiim 
timni inecum vivendi. Manut. Lamb. et Giacvius aici- 
(Icrc id cliam. Ernestius et Scliiitz distinctionem Dukeri 
reccpcruiit: accedere, id etìani c/uo magis exp.; insu- 
per Schiitzius delevit ctiam; in quo Anibb. 6 et i5 sibi 
faventes liabet. Ms. Meutcl. quo m. exspectcm pr. t. 

2 Edd. Ro. et lens. lileris tuis. 

3 Sic est in edit. Medici. , probante Graevio. \ ulgo value- 
runt aiit valeant. Schiitz. Amb. 7 valiierint aut i'aleant, 
ut volebat Ernestius, qui aut valeant oniisit auctoritate 
nisti sui. Aaii), inquit, hoc latet in valucrunt. Manutius 
]»utat indicari Caesai'em et Antoniunij a ((uoruni primo 
administratiouem Siciliae accepit Bithynicus. 



DCXCVI. 

I Antonius legeni tulisse vidctur, qua lege quisque edere 
upud magistratum deberet pecuniae , qiiam haberet in 
Ijonis, summam, ut apud censores ante ( ep. DXCIII, 
n. 2 ). Tiro dubitabat de parte pecuniarum Cicei'onis an 
profltenda essct; quod ipsi non videbatui-. Cicero consu- 
luerat Balbum super ea re. Is quum facere nollet, quod 
Antouium posset offendere, scripsit, se non posse dicere, 
quid rei esset , et simul de" morbo oculorum- (juod Ci- 
cero ad iocuni conferì, undc intelligat Tiro, Balbum gra- 
vatum esse, sibi de ea re respoudere. Schiitz. 
CicLR, X. — Leti. T. IX. 3t 



483 ANNOTATIONES 

2 Distingue cimi Man. Lamb. et Graevio : f^'vumtamcn. 
Balhus etc. , ut alias semper Cicero 5 et explana: Verum- 
tamen confice^ hanc ipsam pecuniam niliilominus profl- 
tci'e. Male ed. Med. Vcriimtamen est. Balhus etc, Mox 
epipìwva, verbum omnino graecum, et inter graeca quae- 
renduin. 

3 Isaurico, quem hoc anno obiisse testatur Dio lib. XLV, 
16, quem felicem videtur scripsisse Tix'O, qui effugcrit 
Antonii minas et gladios. Id ad me, inquit Cicero, non 
pertinet, qui caedem non timeo, et ^itae obsaturatus 
sum, sed ad te. /. F. Gronov. 

4 Anib. i3, Ree. et edd. pr. qui. 

5 Licet videndi tui desiderio teneor, nolo tamen te Roma 
proficisci priusquam pecuniam mihi per syngrapham de-» 
bitam exegei'is. Quart. 

6 Supple é'yytov ; scilicet, genu tibia propius est. Proverbium 
Gx'aecorum, prò quo Latini dicunt: tunica pallio pro~ 
piar, et quo signifìcatur , curanda magis esse, quae ad 
nos pertineut. 

7 Amarus, ut ruta, Leptae sermo ^ suavis, ut pulegium , 
Tironis. Lepida similitudo. Amaritudo, inquit, sermonis 
Leptae, sermonis tui suavitate, quasi l'uta pulegio , con- 
dietur. Notissima est utraque herba. Manut. Vulgo etenint 
ad cuius nitani pulegio ; sed parlicula cteniin rectc abest 
a codd. nonnullis. Schiilz. Ambb. omnes puleio ; et sext. 
Lcptani et N. ad cuius rutarn puleio, quod, quid sit, 
divinare non queo. 

DCXCVU. 

1 Ernest, et Schiitz ita interpungunt: iucunda, de Bruii — 
lileris. Posse etc. 

2 iVmb. 6, edd. sorr. et Lamb. fuerint; et mox Aid. et 
Lamb. iam nos confcramus. 



IN EPISTOLAS 4^^ 

i Siihaudi, praecipitare^ in cruccni , sii[)ple, tollcre. Scil. , 
explanat Man. , ex illa se JitiosoiLim niaiiu , qui liberi ho- 
rnincs lucriuit, eos Dolabella de saxo Capitolino, si ve 
de rupe Tarpeia deiecitj qui servi, eos in crucem eglt^ 
Phil. I, a, 12^ et II, 42. Perperam Anton. Augustinus 
atque Vrsinus emendant de criice , contra mss. Colum- 
nant tollere, quaai prope xx peduni lapidis Numidici , 
ut Svetonius tradit (iu lui. Caes. 85), plebs in foro, eo 
ipso loco, in quo fuci'at ciematus, statuerat inscriptam : 
PARENTI PxVTRIAE. Eam Dolabella evertit, vide Ciò. 
loc. cit. 

\ Vbi columna posita luerat. Graeci non coliiinnani, seil 
arani Gaesari positam dicunt", quos Latinis facies consen- 
tientes, si dicas, arac coluranam impositain fuissej vide 
interpp. ad loc. Svetonii. Cf. etiam epist. DCCLXIII init. 

") Scilicet, quod plebs illa seditiosa simula vera t, se Caesa- 
ris desiderio agi, Sclù'Uz. Quae siniulatio inveterata vc- 
rel)ar, ne etc. Male edd. Ro. et Aldi inveterata videha- 
tiir. P'erehar etc. 

(j Antoniuni et reliquos Caesarianos. 

7 Caesnris^ ep. DCLXKXV. Non pussuid omnia, se. uno 
ictu explicari, et ad exituni IL'Iiceni penluci. 

^> Edd. sorr. Quampriniwn vcli/n. 



DCXCVIII. 

I Genus navigli, ut ep. CXCViiI, 4? quod vide in indice. 

Fortasse est literis graecis scribeuda vox oninino graeca, 

ut cpijjhora^ ep. DCXCVI. 
->. Scilicet villani Cuinauam^ ep. seq. init.. Mox Idillico s , 

proc. sic Ernest. Schiitz et I. V. Clcr. ediderunt recte; 

et sic est iu mss. Graevii, in nostro 17 et iu edd. Rom. 



484 ANNOTATIONES 

et Icns. 5 vulgo vUlicosquc proc. Alii, ut Oliv. ex ehis-^. 
dem Graevii sententia, villicosque et procuratores. 

3 Vid. ep. CDL, 2. Ernestius falso accipit prò villam Paeti, 
et ìmmincham prò cogkaham, unde scquentia putat pen- 
dere. Sed immineham dixit, prò avide vorabam, quod 
edullium inter praecipua erat epularum Paeti. 

4 Lamb. renavigaluvus ; edd. pr, renavigare , quod iani Er- 
nestius restituit, subaudito cogitabam* Bosius ex suis sci- 
dis renavi garo , cum Graevio et Schiitzio. 

5 Edd. pr. cum mss. aliquot /. celerà quam v. exp.; quod 
Ernestius et Schiitzius l'eceperunt. 

6 Sic Bos. et Grut. cum codd. antiquis, quibus noster sex- 
tusdec. acccdit, et intelligunt Caesarem. Vict. Lamb. 
Graev. et recent, praeter Orell. violare. Gronovius utrum- 
que delebat. Quis enim audeat? scil. morari Brutum , 
aut ei molestus esse etc. Mox edd. sorr. et Lamb. cruce 
vel saxo. Infra vero eaedem edd. cum utroque Amb. 
infìrmorum. 

7 Alterius e principibus Athenarum • ep. DCCLXXXI a med. 

8 Cicero filius ; epp. DCXCI et DCLXXXVH. 

9 Vulgo omittitur est; errore, pulo, operarum: nam omncs 
vett. babent. Revocavit etiam Orell. 

10 Attici, ut videtur, liberto. 

11 Cod. Amb. 16 et ed. Uom. cognoscerem, quod recepii 
Ernestius et scqq., excepto Orcllio. 

12 Epp. DCCXLVII, 5 et DCCLIV, i. 

i3 Quid significet, ipse declarat ep. DLXXXII, i. Manut. 
14 Edd. Rom. et sorr. colloqucre. 

i5 Ne Montanus praes prò Flaminio factus cogatur solve- 
re, (juod ipse Fianco dcbet. 
16 Abest ut ab edd. vett. et Victorii. 



IN EPISTOLAS 4^^ 



DCXCIX. 

i Scillcet in Pompeianum pervenei'at eo ipso die, quo ah 
hortis Cluviaiiis discesserat (ep. sup. init. ), quum ca loca 
vicina sint. Pridie igitur^ quam has literas dedisset. 

3 Nam Capuam venerat Autonius , ut Caesai'is veteranos 
ad suas partes pertraheret. Moiigalt. 

3 Qui consul fuerat A. V. C. DCLXXXIX. Eius sororis 
filius erat M. Autonius. Schiitz. Mox edd. sorr. queiii 
qiddeni Neapolì. 

4 In senatu scilicet, qui onmibus Kalendis convenire so- 
lebat. 

5 Quam falso rumore audierat, Q. patrem uxorem ducere 
velie. Cf. ep. DCXCIII a med, Schiitz. 

6 Sic vett. libri usque ad Bosium, et sic Orell. Vulgo nil. 

7 Edd. sorr. cum Lamb. B. nostrum, et Cassium, etadDol. 

8 De temporibus suis j qucm filius demum, mortuo patre, 
edidit. Ernest. Confer, quae diximus ad ep. CXLVIII^ 8. 

9 Edd. pr. connecti vis. 

10 Vid. ep. DCXCII, sub. init. 



DCC. 

1 Scilicet communis hominum opinio, plerique hominuni- 
id enim vulgo significatur. 

2 In altero huius epistolae exemplo ( nam et inter episto- 
las ad Att. XIV, 17 vulgo haec epistola editur ) est in 
his locis conveniant. 

3 Duo nostri in exemplo ad Div. et unus ad Att. ", item ed. 
Mcd. et De Franciscis cxtulcrint. Tuni Graevius secutus 



486 ANN0TAT[ONFS 

Victor, et Gebhard. ex aliquibus codcl. qui omnes — 
gratias agunl. 

4 Lami), in excmplari, quod est inter epp. ad Att,, possim. 

5 Jn altero exemplari. El lamcn non alicnwn est. Tres 
Ambb. cum Lamb. et lens. e eorrect. alienum a digni- 
tate tua; unus i5 alienum dignitatis tuae. Omnes recte- 
Ep. X, i: Non aliena rationi nostrae — prensatio ; in 
Verr. II, 26; Homo non alienus a lileris ; de Divin, I, 38: 
alienum — maieslate sua. ; ep. DCCLIV, 9, : alienus non 
ab aetate solum nostra, veruni etiant a dignitate. Vulgo 
tamen in exemplo ad Diversos olim omilte])atar est. 

6 Quo potissimum consiliario utebatur Agamemnon: Ho- 
nier. Iliad. I, 247- Anib. 16 ad Att. aliquem in e. e. 
Nestorem habere. 

7 Vix enim XXV annimi agebat, ideoque consulatum cc- 
pit XVI annis, antcquam per leges concessmn erat* ad 
ep. DXClI, not. 11. Noslrorum plei'ique cum Ree. et etl. 
Med. eonsulem iuvenem. 

8 Ad ep. CDLXXI, not. i3. 

9 Nostri omnes cum Ree. aiiis([ue mss, et edd. vett. sa' 
lutaverìt. 

10 Scilicet M. Anlonium* ep. sup. not. 3. Mox in nostris 
qnatt. aliisque nonnulHs mss. abest inni : Palat. pr. tani 
salvi; alii tuni salvi. Supra vero Amst. aliique quod tan- 
tum vales. 

11 De columna et ara subiota, et de servis cruci aftìxis; 
ep. DCXCVII. Factum respondet graeco Trpa^jv, actio- 
ncm et maniuun opus; res gesta, Tzotofftì;. Vide Victorium. 

12 Amb. i5, Zel. A aliique salutarius teslalus est; scilicet 
e glossa. 

i3 Proprie de bereditate (ad ep, CCCLXXXVII, n. i ) . 

ut translatio continuetur bucusque', prò adire. 
14 Nostror. tres, item alii apud alios et edd. Rom. et lens- 



À 



IN EPISTOLAS 4^7 

in amore mihi ( aliqui etiam ini) fuerit ardcnt. ; imdc 
Gulielm. coniiciebat in amore me fuerit arci. Supra Lamb. 
in excuiplo ad Div. tum titis his factls. 

i5 Lamb. ad Div., cui noster i4 et ed. lens. favent, cu- 
mulatuin esse. 

i6 Ex origine utriiisfp.ie vocis discrimeu optime appax-et. 
Nam diligere manifesto est quasi ex miiUis eligere , et 
egregium habere; amare autem est amplecti. Corti us. 
Diligere ergo est l'ationis, et soli homines diligunt: am- 
plecti est appetitus, et ammalia cetera quoqvie amplecti 
sive amare dicuntur. Illud ergo lene, utpote ex ratione^ 
hoc vehemens, quippe ex ipsa natura. Idem iisdem ver- 
bis dicitur in ep. DCLXXIV, et ad Brut. ep. I init. 

17 Nostrorum multi aliique proponas. 

18 Edd. pr. non licei etc. ^ tum Rom. iam tìbi. 

19 Quum in audaces sceleratosque servos, tum in impuros 
et nefarios liberos, qui columnam erexerantj Pliil. I, 2. 
Corradus. Popularis , idest populo grata. 

20 Accessisti ad rem narrandara ita pedetentim et gi'ada- 
tim, indeque ita recessisti, non ut impetu quodam et te- 
meritate raptus ad animadvertendum vidererisj sed ut 
ipsa res a te prudenter explicata hortaretur te ad cele- 
rem animadversionem, omnium concessu. flianut. Mox 
maturitatem , se. opportunitatem. Al. auctoritatem. 

21 Sic prò Caelio 12 et ep. DLXV extr. Ambb. i4 et i5 
ex emend. aliique consensu. 

11 V^rbem, scillcct aedificia periculo incendii^ civitatem. 
hoc est, societatem civium metu sedilionis liberasti. 

23 Ncque solum actio tua aliquandiu nobis proderit, sed 
exemplo tuo ct-teri ad rem pubi, defendeudam excita- 
buntur. Qiiar!. 

24 Sic in exemplo ad Alticum, cum Lamb. et Schiitzio; 
concinnius, quam vulgCNad Div. ad exemplwn facti. In- 
tcllisere debes. 



488 ANNOTATIONES 

25 Msti aliquot et edd. vctt. cuin Lamb. repositam. 

26 Brutos et Cassium^ ep. DCXCIV, -2. 

27 Ita nostri fere omnes cum Lamb. Erncstio el Scbiitzio, 
Graevius quum; ed. Med. quoniam. 



DCCI. 

1 Sic niss. et vulgo olim. Bosius et seqq. Barnanim , qiiod 
Orellius etiam repudiavit. 

2 Ernestio suspectuni est quod, tam brevi intervallo rcpe- 
titum, cuius loco malebat ut. Edd. Roni. et Aid. Celerà 
qufim commodc. Opportune autcm quod; ubi opportune 
omniiio habendum est prò glosseraate toO coimnode. 

3 Laborant interpretes in hoc vocabulo cxplicando, quod 
insolens ipsi Ciceroni fuisse videtur ex sequentibus, quod- 
que fortasse ab Attico conflatum erat ad significandam 
diftjcultatem Dolabellae in solvendo, ut vv. dd. interpre- 
tantur. Aliqui vett. cum Lamb. avaritìa ; quae correclio 
est e corrupta scriptura plurium librorum arida, vel 
aritia, vel atisia. Orell. ex vitiosa lectione aritia coniicit 
legenduni «TrtcTta, quam coniecturam sequentia utique 
confirmant. 

4 Hoc est, de Italia relinquenda ob Caesaiianarum partium 
crescentem in dies violentiam, cogitare incipit Brutus. 

5 Mors portus proximus senectuti. Bene Cato Maior e. 19; 
Mors mihi quidcni tam iucunda est, ut., quo propius ad 
viortem accedam, quasi terrani viderc videar, aliquan- 
doque in portuni ex longa navigatione esse ventunis; quem 
locum iam Popma laudavit 

6 Ep. DCXCIII, A. Edd. pr. cum Amb, 16 et Lamb. 
M. Antonius — rescripsit. 

7 Ep. DCXClI, not. a 



IN EPISTOLAS 4^^9 

8 Ep. DCXCVII, nott. 3 et 4. 

q Hoc est, quod inter coronatos ausus esset incedere Q. Ci- 
cero filius^ cp. DCXCIV, I. Lucius gratia, propter Cae^ 
saris ncccin" ut exponit Manut. 

10 Vt Dolabellam de debito moneret. 

11 Intelligendum de sermone, qiiem Serviiis Siilpicius ha- 
buit apud Atticum de Dolabellae facto: ep. scq. n. 7. 
Schiitzius de sententia Ernestii coiTcxit agnosco : cuiiis 
mutationis nullam quidem necessitateni video. 

12 Pubblio, matre, et sorore. Missa, ut agcrct cum eo de 
reducenda Publilia; epp. DCXXX et DCCVII, 3. Ma- 
mit. Mox Lamb. est allegata. 

i3 Me magnificare verbis factum Dolabellae. Subaudicn- 
dum quod ais ; nisi malis cura Bosio legere cum inter- 
rogationé. 

14 lunius et seqq. , praeter Orelliuin, potuisset. Tm potuisse. 
arbitror subaudiri esse^ vel fieri: nempc Tr^à^tg illa nnn 
videtur ni ibi maior esse potuisse. I. V. Cler. coniicit po- 
tuisse niaiora , scil. fieri a Dolabclla. Infra quod dchuit, 
nimirum ipse Dolabella solvere Kal. lan. 5 ep. seq. sub in. 
Lamb. quod debet. 

i5 Pilia in Cumano collocata^ ep. DCXCIX. Connd. A. 
codd. aliquot et ed. Piom. abest de matre. Eadem ed* 
Rom. supra scd tainen ncque quicquam anLequain. 



DCCIL 

i Schiitzius, quod iam coniecit Ernestius, transposnit tea 
se: commodius quidem^ nam consentii melius seqq. me 
quoque sibi; sed ncque vulgatum absurdum. Quoniodo 
uutcni consentire potcst hic locus cum loco ep. DCCIV, 3: 
DolabclUim valile pUucrc libi video? Si dicas, in hac epi- 



^QO ANNOTATIONES 

stola agi de iniquitate Dolabellae non solvcntis dcbituni* 
in ilio de praeclaro cius facto in rem pubi. (ep. DCXCVII)^ 
et concionc in Antonimi) • ep. DCCIV, 3. 

2 Ironice. Edd. sorr. cum Lamb. impiidcntcm; quod simile 
vero videtur: et procul dubio litcram m toO hominem ab- 
sorbuit seq. syllaba toù impud. Mox debidt, se. solvere 5 
vid. ep. sup. n. 14. 

3 Nempe ab Antonio Dolabella aliquam partem pecuniae, 
qviae erat in Opis aede reposita ( ep. DCXCIV, n. 21 ), ac- 
cepcrat, quasi Id esset in Caesaris commentariis scriptum, 
quos Antonius prò lubitu Faberii scribae manu vitiare et 
interpolare (ad ep. DCXCII, n. 5) solebat. Schiltz. Mox 
vpem putaiìt iocum esse ex amphibolia, quum petere 
opem dupliciter accipi possit, nempe quod auxilium ab 
Antonio petierit Dolabella , et Opis pecunias , scilicet 
in aede Opis depositas. Suspicatur tamen Schiitz. , Ci- 
ceronem scripsisse: et Opis opem ah eo petierit. Cfcr 
Phil. II. i4 et 37. 

4 Tertio, postquara a te datae erant, die. 

5 Negotium^ ep. DCCIV, n. 4- 

6 Sic, Manutio teste, Montagnanus legendum esse conie- 
cit, prò vulgato siippcditatus es ; in quo etiamsi feren- 
dam putemus insolitam deponentis fórmam ( prò si/ppc- 
ditasti f subvenisti), ne sic quidem aptus inest sensus. 
SeJnitz. Vocabulum ab uno Appuleio, si verum vidit For- 
cellinius, adhibitunij quod quum librarii et magistri non 
intelligereut, falsum putarunt, eiquc substitviei'unt sup~ 
peditaius. 

7 Ep. sup. not. 1 1. 

b Scrihit ipse , malo legere ex ep. sup. not. 4- Corirul. 

E.ecle poto. 
9 Ep. DCXCVIII med. 
co Subaudi litei'as, vel potius librum, qui nimirum San- 



IN F.PISTOLA.S-. 49^ 

/<'»/.? inscribitur. Vid. ep. DCCX , i. ì\\\\ icvcivi, ut Alci, 
et Lamb. , Saufciam. 
jt Supple In Putcolanum rcdire • cp. DCXCVIII .sul» init. 
Ab bis verbis: Ego ex Ponip. ole, edd. pr. cuin Lami), 
cpistolam incboabanl, quac in ed'it. nostra hanc antoce- 
dit' et Lanib. «juidem boc modo: Ego cx' Powpehuìo 
acrcpi. 

DCCIII. 

I Summa consilii. Corraci. Upóipoc /.xì ^pviivn. Erasmuni , 
rpii Cbil, I, Cent. I, Prov. 8. comparavit cum simili- 
bus: alpha et omega: primus . iiltìnnis. ac ììicdiux: Fai" 
lum et fossa, laudat Cortius. Mox Arab. i5 est., consiliiini 
fuit: e glossa. Infra idem cod. explicares Off. et A. utri- 
que salisf. 

•3. C. Flaminio Fiamma, qui Planco dcbebat, pracde I\ lon- 
tano, et forte etiam Ciceroni attributus crat. Vide c^V- 
DCXCVIII et DLXXXII, i. Cori. 0„me, iuleliige (juod 
mibi debet. 

3 Vidctur legeudum Kal. lun. 

4 Supple nominum^ h. e. de debitorum assignatione. Cohfer 
ep. DCCLXVI, n. 24, et Alex. Symm. Mazocbinni Ta:>ì). 
Heracl. p. 34?, Ncapoli 1754 fol. 

5 De pecunia mibi in praesens numeranda ; conf opp. 
DXLIX, n. 6 et DLXXXIX, n. 17. 

C Pai. sext. ed. Ro. cum Lamb. domesticis rebus: Ambb, 
fere omnes aliiriue cloinesticis enis. 

7 'Aro!7tcÌ7r/!(rfJ bic , ut sacpe ad Att. , vv. dd. agnoscuiitj 
subaudi scrihe , voi redcle^ vel effice. Ed. Ro. incerta ,, 
piane ut suspicabatur legendum Victorius. IMox quid 
Octavius , quid Antonius , supple egerint. 

8 Ilae litcrae silentii noia sunt. Lamhiii. Edidit tanon jiri- 



J^gi ANNOTATIONES 

mum sed scilirct , ex quibusdam cod<l. legentibus scil.i, 
vcl se. Veteres libri fei'c aut omittunt, et simpliciter sed 
Ut. exp. , aut si Ut. habcnt ^ ex quo Manutius aliique scite 
correxei'unt, ut editur. 

9 Baianas venisse^ a quibus parum distabat Aquinuin, urbs 
novi Latii. 

10 Scilicet, nondum scio, vel fac, ut sciam. Practulimus 
lectioném Graevii ex variis, quas hoc loco libii exhibent, 
quam nempe habent nostri i3 et i5, nisi quod hic eg-e- 
nint. Manutius, quem sequi tur Schtltz, correxit ad aquas. 
ScieDuis quid e. ex pluribus vett. eodd. legentibus seu quo 
egeriìit, vel legevint. Olim edebatur ad aquas Se/Jias quid 
egeriiit; Lamb. ad aquas. Emas , quid egerinl. Nunc vulgo 
a Victorio ad a. Sed quod egerìnt. 

11 Mulierem Papiae gentis, Manut. Appellahis, ad solven- 
dum milii. 

DCCIV. 

1 Est Cn. Lucullus, L. LucuUi filius. Ilospitium ^ Neapo- 
lilanum^ Acad. IV, 3 extr. SelùUz. 

2 Schiitzius de Rubenii sententia aceepi duas. Mcas aures 
offendit potius iteratum infra verburn datas , in literis 
praesertim ad Atticum. 

3 Portasse noniinis Patulciani* cp. DCCII, not. 6j vel quod 
suppeditabat Cic. filio^ infra § 2. 

4 Nempe auctione hereditatis cum Sabino Albio:^ epist. 
DCVII, I. 

5 De tuo negotio Bulhrotio (cp. DCXCIV, n. 24), de quo 
cum Antonio cos. agendum cratj ep. DCXCIX. Lamb, 
omisit Butìiroto. 

6 Hoc non ad Bulhrotum, sed ad rem pubi, referlur. Nam 
Antonius cursabat bue illuc, ut agros veteranis divido-^ 



IR EPISTOLAS 49^ 

l'Ct, quibus beneficio devinctis uteretur adiutoribiis ad 
omnia. 

n Qui Iribunus erat plebis, INIarci fl'ater. Manut. Eius con- 
cio fuerat de agi'O Pomtino plebi dividendo, ut popiw 
lum consuli fratri conciliaret; cui concioni obsistebat Do- 
labella. ]Mox Amb. i6 et edd. vett. hor. contendo. 

8, Intellige usui'as: quae Idibus solvebantur. 

9 luniae Tertiae vixoris Cassii, sororis Bruii. Macrob. Sa- 
turn. II , 2 ; Svct. in lui. 5o. Popnia. 

10 Cleopatra 5 ep. DCLXXXVIII. Velini, quid actum sit, 
scire. 

11 Quem Regina a lui. Caesare habuisse dicebat, quem- 
que Caesarionem vocabat* Dio XL\II, 3i. 

12 Ciceronibus. De Qulntis et negotio Buthrotio, ut seri- 
bis, videbo quum venero. 

i3 A me, sed tamquam a Bruto in Capitolio habitam (epp. 

DCCVII, 4 et DCCIX, 2), \el habendam paullo post. 

Corraci. 
i4 Quo Brutus postulabat ab Antonio, ut sibi et Cassio 

abesse ab urbe liceret^ vide ad ep. DCCLVII. 
i5 Intelligo cum INIongaltio edictum, quo Brutus uteretur. 

16 Librum, quem Oratorem inscripsit. Schiitz. 

17 Si vera est lectio, Cicero reprehendit asperitatem, ne- 
scio quam, in his Attilii versibus. Haud scio tamen an 
ita potius legendum sit : Scìte sic enim Attilius poèta du- 
rissirnus. Schiitz. Vel, ut coniecit Orell., Non inscitc hoc 
f/uideni A. Haec enim cougruunt et confirmant propriam 
scntentiam. lunius versus hos ita constitucndos putabat, 
ut sint iambici senarii: 

Suam cuique siaas sponsam, milii mcam; 
Suum cui({ue siuas niorcin, milii lucura. 

Et quidem niorcm est in ed. Kom. 



4<j4 ANNOTATIO^fES 

i(S Aiiloiiiuiii. jìlmail. in tcrtia sciiit. § iO*]. cdd. Ilo. et 

Liijìi!). itaquc. iis .srri/ìsi. 
it) Elici. soiT. se assenlire. 
c>o Lambinus ex forma solita Ciceroniana coniiciohat le- 

gcndum Quod rogas , vel quoil liorlaris. Mox istis . ni- 

mirum Bruto et Cassio, ut explanat Corradus. 
21 Non Octavium, ut Manutius^ sed Dolabellam, ut ex- 

plicant Corradus et Mongalt. , et quidem rei pubi, ducern. 

Etsi spes Tullium nostrum felellit. 
2?, Idest, quasi dextera, qua utcmur ad obtincnduin, qiiod 

volumus. Sermo est de Buthrotio negotio^ cp. DCXCIV, 

n. 24. Edd, Aldi et Lamb. Qui iitiis finta' etc. , eaedemq. 

cum edd. pr. et Amb. 16 omiserunt Antonii. 

23 In concionem^ quum privato non liceret concionem lia- 
bere, nisi a magistratu aliquo productus esset. 

24 Multifarie hie discrcpant libri vett. quum mss., tum im- 
pressi. Codd. Palati. Qualis eni/n concio!' farlwe hacc 
scrìpsi; edd. vett. Qualis concio fucrit hacc, scripsi. Sia- 
lini enini; Ball, cum ed. Rem. Qualis enini haec con- 
cio fucrit , scripsi. Statiin cnim. Lamb. Q. e. f. Hacc 
scripsi properc. Statini etc. ,• scilicet ut vitarctar xauTO'pwvta , 
vel laclius, ut vocem Ciceroni alienani repudiarci. Orel- 
iius: Hacc scripsi **. Statini; sic et Amb. 165 sine la- 
cuna tamen. Vulgatum dedil e Crus. Bosius. 

35 Supple, erat discessurus. 

26 Scilicet iturusj ad ep. DCXCII cxtr., et seq. aule Un. 



DCCV. 

1 Scilicet ep. DCC. 

2 Ergo Ihvebat Aulonio ceterisque Cacsarianis, qui belluui 
civile cupicbuat. Sic pauilo post, qui otium non timeai; 



IN EPISTOLAS 49^ 

ep. scq. et DCCVIII a med. Mox codd, Reg. , teste Lai- 
lem, et ìiostì vultuin. 

3 Nempe sicut oliin Tarquinius Superbus duuniviros erea- 
vei-at libris Sibyllinis iuspiciendis ^ sic Antonium Calbus 
uarrabat, duiimviros creai'e velie, qui Caesaris actorum 
comnientarios omnibus mensibus inspicerent. Schiitz. Ed. 
Rom. eaque divini viri. 

4 Qua ipse, ut Caesariaaus premitur; ep. DCCVIII, «. ii. 

5 Scilicet Caesaris caedes. Animo virili, Consilio puerili.. 
quod simili cum Caesare Antonium quoque non sustu- 
lerunt. Heredcni relictuni , Antonium. 

6 Vide ad ep. DLXXXI, 4- Hic significai, regem metucrc, 
heredem regni non metuere. 

7 Fundum Pontii Aquilae apud NeapoHm. Schiitz. Fuit 
Aquila Inter coniuratos centra Caesarem, et postea bello 
Mutinensi cecidit^ ep. DCCCXXXIII a med., ut iam mo- 
nuit Vict. 

8 Servilia, M. Bruti inatre. Schiitz. Subabsurdum videliu- 
Ciceroni, Bruti matrem praedia eius possidere, quem 
filius praeclari illius facinoris socium habuerit. Victor. 
Pontii Pompeiani praedium hastae subiectum, inter illa 
fuit fortasse , quae Serviliae amatae Caesar addixit ( Sve- 
ton. in lui. 5o), ut idem Vict. censet. 

9 De senectutej in quo libro nuilta praeclara ad lev^nda 
senectutis incommoda adduxit TuUius. 

10 Annum LXII tunc agebat Marcus. 

11 Ita vocare Hirtium videtur, qui de quinqiie Caesai'ia- 
nis restabat unus, quem ad optimates traducere posset 
( ep. DCCVII , 2 ) • quamquam alii aliter. Ernest, in Lex. 
Gr. Edd. vett. TravreXcxòv, seu Tràv rù.t'AÒ)i. Celeri quatuor, 
Balbus, Pansa, Octavius, Philippus • vel secundum alios 
Lepidus, Antonius, DolabcUa et Pansa. Mox Oliv. Scd 
hoinineni. 



^lj3 ANNOTATIOKTES 

12 Codd, nonnulli et ed. Aid. induamus , quoti magis (jiia-r 
(irare videtur: sed alterum dclcndit Victoruis, et exeraplif, 
confirmat^ id est prò parcjmis. Hoc vull Cic(!io: fiigiamus 
velociter: quidvis cuim potius, quain castra ingrcdi, et 
hello civili interesse j ep. DCXCIII ante nìed., et se(j. 
a med, 

13 An pecuniam mihi dcbitani annumeret, (juae tinnire ac 
sonare solet. /. Fr. Gronov. 

\l\ An propter pecuniam, quam mihi dehet, legcni tulerit 
de tahulis novis, qua creditae pecuniae dehitorihus eon- 
donahantur. Manut. 

DCCVI. 

1 Caesariani. Corrad. Supra ed. Rom. Qnanujuaiii iniiiiinc 
i'creoi', ne nonnildl e. a. Sensus est: Puto, me aliquid 
eoniectando assequi. 

2 Hirtiusj epp. DCXCII, n. i8 et CDL, i. 

3 Faiirnus, pi'obante Vrsino, covrì^f^aX. desisteremus ; Er- 
nest, proposuit etiam desislamus , quod Schiitzius reee[)il. 

4 Damno^ clementiam illi perniciosam fuisse. 

5 Oiim cum Lamh. juissct. 

6 Sextus Pompeius, de quo ad ep. DCLXXX, n. 8. Mux 
cdd. vett. certe fore, quod Orellius praetulit. 

ij Quod tihi Caesaris hello licuit, ut neutram partem seque- 
reris, id uohis nunc non licebit, quos haec pcrditorum 
pars in hostium numero hahehit. Quia non ohscure Cae- 
saris morte laetati sumus^ ep. PCXCIII, n. 6. Manut. 
Edd. vett. corrupte Ne gemam quod etc. \ ex quo Vi- 
ctorius emendavit Ncque cnini iani. Sed quum sequatur 
ìuuic , ideo iani delevit Ernest, et seqip, praeter Orellium. 

H Herede regni relieto ^ ep. sup. not. 5. Corrad. 

i) Aids in honis liane cffugiunt viliiperaùoneiii ; hoc est, alii^i. 



IN EPISTOLAS 497 

praeclaris factis iuvenes illi tyrannicidae mendum suum 
(quod non cum Caesare vege, etiam Antonium regni hc- 
redein occiderint) compensant. Versiculus autem Sopho- 
cleus videtur Walckenaei-io , Diatrib. ad Eurip, p. 192. 

10 Quod cum Caesai'ianis assidue colloquaris. Maniit. 

1 1 Legatio voti causa data : epp. DCXCIII , not. 1 1 et 
DCCXXIII, 2. 

12 Kal. luniis adsini^ cp. DCXCIV. 
i3 Brutum et Cassium. Manut. 



DCCVII. 

1 Medico, quiperierat; epp. CCXCIIl , 3 et seq, circa fin. 

2 Quid medico milii opus est, cui parum vitae superest? 

3 Ep. DCCIV, I. Amb. 16 cum ed. Rom. in Pompeia- 
num; male. 

4 Ad extremum, ad conclusionem sermonis. 

5 Nempe Buthrotiae; ep. DCXCIV, n. 24. 

6 Idem sonat ac solvendo esse, ut conlva foris esse , idem 
ac solvendo non esse: ducta metapliora ab iis, qui im- 
pares solvendo creditoribus significare iubent, se domi 
non esse. Mongalt. Sic et Lamb. interpretabatur : sed 
nimis acute. Espiano cum Ernestio , Romae esse. 

7 Brutum et Cassium. 

8 Ep. DCCIV, n. 14. Corrad. 

9 Propi'ie , seorsum ab aliis dus^i j ep. CCL , 8 a nied. Est e 
correct. Vict. Libri ante eum scd vix enini. 

10 Quum utrique alteros timeant. Corrad. 

1 1 Sic codd. et edd. vett. cum Lamb. et Orell. ki Bosius 
et seqq. bellissi/nac. 

12 Agenti, ut videtur, prò Publilia in matrimonium re-, 
cipienda; ep. DCCI a med. Ernest. 

Cicefu X. — Leu. T. IX. 32 



498 ANNOjrATIONES 

i3 Alia certe femina innuitur, sed an Piibliliac inatei', vel 
ipsa Publilia, viderint acutiores. 

i4 Non idem ex eodem , supple, ore efjlnvi ; hoc est, si 
cam semel laudavi, et coram filiis^ non tamen semper 
corani omnibus laudavi. Videtur autem allusum, inquit 
Bosius, hoc proverbio, ad fabulam Aesopicam de Sa- 
lyro, qui mirabatur, rusticum ex eodem ore calidum et 
frigidum efTlare. Quia in vett. libxns uscjue ad Vict. erat 
TOEGTOtOY , recte suspicatus est Corradus facile fieri 
potuisse, ut quis legeret ti isrì roùroy , atque ideo, quod 
sequitur, sit interpretatio quaedani adiccla • scil. quid 
est hoc? Et quamvis alii arbitrentur haec esse adficta 
ex persona Attici quasi obiicientis inconstantiam in lau- 
dando et vituperando 5 mihi tamen suspecta sunt, et si ab- 
essent, nemo ea desideraret. Wct /dia {ina) TOECTOTOY- 
Quid est hoc? quam lectionem Orellius revocavit. Lamb. 
et filia tò ex toO «ùtóu. Quid est autem. Schiitz et fìlia. 
Quid est hoc? Où rauTÒ sx toO aùroù. 

i5 Quod est comicorum, qui personam lictitiam larva et 
aliis indumentis repraesentant. Sed nescio quomodo con- 
sentiat antecedentibus , quae si, ut diximus, ut sana sint, 
vei'endum est, ita obscuritatem augent: ncque mihi sa- 
tisfaciunt virorum dd. interpretationes. Si niulier illa obie- 
cerat Ciceroni, eum fuco, ut vitia et detbrmitatem se- 
nectutis tegeret, tamquam personatum incedere, ut volunt 
Popma et Bosius : deberet esse cur ego non pcrsonatus 
ambulein; aut signifìcat Attico, se non semper posse si- 
mulare, ut vult Manutius^ quid sibi vult, quod sequi- 
tur: parum ne foeda etc. ? Ita persona non corrigit, 
sed auget deformitatem senectutis. 
iC) lunias, ep. DCXCIV 2, veniam Romam: vel potius 

eam Lanuvium; ep. DCCX, i extr. Corrad. 
17 Ep. DCCIV, I. De Fiamma, Flaminio Ci ceronis debi- 
tore; epp. DCXCIX et DCCIII, n. 2. 



IN EPISTOLAS 499 

i8 Hic osse initium alius epistolae videriint iam viri docii , 

et Schiitzius revera novam hic exorditiis est in ed. Epi- 

stolarum, et nuper Orell. Olim vulgo Herc ; utriimque 

ex inss, Amb. i6 hercle. 

19 Hoc est e correctione j nam antea vulgo pacnc. Vetus 
liber Vrsini, fortasse verius, piane. 

20 In Amb. 16 et edd. pr. etia/n panilo ciani iis eam 
vidi. Inde varie locus tentatus est. Corradus edam panilo 
clarius Ciiniis vidi; Bosius etiani Baulos Cumis eam 
vidi; se. Cumis eunteni Baulos. Popma eliam pullatam 
Cumis eam. vidi; non male , quia in lunei'e mulieres 
pullis pallis erant amictae, ut idem exponit. Quod editur 
est ex. ed. Lambini. 

21 Quum scilicet Brutus et Cassius , Capitolio occupato 
( epp. DCXC, n. 3, DCXCIV, n. 17), ibi plebem ad se 
vocarunt, eique de pace et concordia locuti sunt. Vide 
Appian. B. Civ. II , iSy. Panilo supra Lamb. Brutus 
misit. 

22 Idest, non ad captandam eius gratiani , sed libere^ ad 
ep. CCXLIV, n. 18. Amb. 16 et edd. Ro. et Lamb. iw. 
amhitiose. 

23 Locum sic constituit Schdtzius : quem et severus \.\. 
Clericus admisit^ vulgo scripsissein ardentius ■ònoBimiz- 
Fides (fune sii persona dicenlis. In quo Oro^^so-st? ^veruza 
esse non potesl* nam est una tantum orationis hypothe- 
sis, ut iam notavit Ernestius; U7ró5c(n; autem, non iiTro^iait? 
legitur in mss. et edd. Ro. Vict. et Manut. Edd. lens. 
et Aldi xiTzo^iaiv. Fortasse rescribendum 'Yvso^taL-j vides, 
vides quae sii persona dicentis. 

24 Solus manifeste vitiosum est , aut saltem alias : prò 
quo OreUius àTTtxòc scriptum fuisse putat. Malaspina cor- 
rigit totus alias, Tuustallus òloc alias, Ernestius scil. 
alius. Supra dixit Cicero, Bruto Oratojcm suum non 



5oo annotationes 

piacere, ep. DCCIV, n. i6, ut animadvcrtit itlem Er- 
nestius. 

25 Hoc est, vereor , ne, quia cognotnen libi est Attico^ 
valde propensus sis ad ea probanda, quae sunt Atticc 
scripta. Nani Brutus eam rationem scribendi in oralione 
sua secutvis erat, quam Attici pleriquc oratores adama- 
verant, idest puram , aptam ad docendum potius, quam 
ad movendum, qualis agnoscitur in oralionibus Lysiae. 
Manut. Quam tameu ref'ellit Cicero pkuibus locis, v. e 
Orat. i8. Ernest. 

26 Lamb. et gravissime. 



DCCVIII. 

1 Pracdio prope Vesciam urbem, non procul a Minturnis, 
Sic bene Orellius ex correctione I. Fr. Grono\ii , qui 
etiam antea legere malebat divertissemque Minturnis. Cic. 
Agr. II, 25: Ager Fundanus Vescinus.^ et Liv, X, 3i: 
Placuit, ut dune coloniae circa J^escinum et Falernum 
agrum deducerentur , altera in saltu Vescino. Vulgo ì^e~ 
sciano. 

2 Lamb. ex tais ; et revera sic alias semper, quod sciam, 
Cicero. 

3 Convenit hoc loco de eadem re ep. DCCX, 2: De Me- 
nedemo vellem veruni fuis set. Quid sit, ignoramus. Er- 
nest. Dicebatur occisus a Trebonio* Phil. XIII, 16. 

4 Se esse Antonii dextellam • ep. DCCIV, 3. Edd. vett. 
Nihil enim scripsisti de Blenedemo , probeque certe ea 
dictitat. Quod scribis , consilium /neuni a se probari. 

5 Historias sui temporis* ep. DCXCIV, 2. Ernest. 

6 Scilicet Bruti 5 ep. sup. 4- Amb. 16 et edd. vett. cum 
Lamb. orationeni nicani. Mox Amb. 16 de qua hoc die. 



IN EPISTOLAS boi 

7 Ab Antonio e Macedonia in Italiani vocatis • ep. DCCLXIV. 
Ernest. Mox Aldus omisit ea. 

8 Locum liunc certe corruptum et fortasse mancmn , varie 
conati simt viri docti ad verisimilem lectionem et sen- 
sum redigere. In primis I. F. Gronovius : sed non satis 
haec mihi videris ^ libi persiuisisse , qui de Buthr. nostr. 
per .senatuin speras confici posse. Haud puto: quantum 
enini video, non vid. esse victuri. Sed si etiam nos hoc 

f. etc • hoc sensu : At tu ipse , qui haec scribis de le- 
gionibus , videris mihi ea non credere : speras euim Bu- 
throtios periciJo agri sui amittendi Hberaii posse a se- 
natu. Id ego minime spero. Nam, quantum prospicere 
possum , nihil est propius , quam ut pereamus armis An- 
tonii. In hoc si vanus sum vates , tu rem Buthrotiam 
facile olìtinebis. Schiilzius vero : quid de Buthr. nostris 
per senatum speres , coiifici posse puto: quantum enivi 
video , nos videmur esse victuri. Miuus recte^ nam patet 
Ciceronein tristia prospicere , maxime ex apparata le- 
gionum Antonii ad beUum. Proxime Gronovio OrcUius, 
sed sine ulla conectione, explanat: At tu ipse , qui haec 
scribis, videris mihi ea non credere : speras enim Bu- 
throtios periculo agri sui amittendi liberar! posse a sena- 
tu, qui mox nullus erit. Ideo hoc dico, quod puto fore, 
ut nos pereamus armis Antonii : tantum enim, idest hoc 
ipsum, prò meo de stata rei pubi, iudicio praevideo. In 
hoc ego si vanus sum vates, tu rem Buthrotiam facile ob- 
tinebis. Qui de Buthrotiis nostris dedit Lallem. ex codd. 
reg. et Orell. prò vulgato quid de B. nostris. 

9 Ep. DCCXVI, 2. Mox Lamb. Postwnus; et infra ed. Ro. 
procuratores eius. 

io Dignus },ratii ac Postumii in procuratione ludorum. Nc- 
que ludi, ncque eorum prociu'atores Ciceroni placebant,. 
quod ea occasione periculum erat , ne plebs Octavii Cae- 



502 ANNOTATIONES 

saris largitioniljus delinita , in C, Caesaris pcrcussores s 

Cassium et Brutuni, impetum facerct. Confer App. Bell. 

Civ. Ili; 28. 
II Qua apud coniuratos laborabatj conf. ep. DCCV, n. 4- 
11 Adversus timorem mortis. Ernest. 
i3 Idest, pi'omittit, se. peeuniam soluturum^ prò quo spo- 

ponderat Montanus; de quo sup. ep. DCXCIX extr. Eni. 
i4 Libri plures eum ed. Victor, de qua causa laborat. Cod. 

Vrsini de qua Pausa laborat. 
i5 Defendemus, Corrad. 

16 Publicae, quae erat ad Opis ( ep. DCXCIV, n. 21), 
quaraquc Antonius erogavit ad arbitrium suum , Phil. 
V, 6, ut iam Manul. cxposuit. nsvTsXotTrov, scil. IJir- 
tium;^ ep. DCCV. 

17 Sic Amb. i6 et edd. vett. cujn Aldo et Lami). Vulgo 
in ita. 

i8 Fecerit Alexionj ep. sup. init. Corrad. 



DCCIX. 

I Amb. 16 et edd. pr. usque ad Bosium omittunt in Ali- 
nati. Tum Laml3. P^I Kal. accepi etc. 

1 Libertas scilicet , offìciuni et dignitas : potiora , scilicet 
quam servire victoribus. 

3 SCtuin, ut omnes boni cives Romam concun-creut, vi- 
derentque coss. , uè quid detrimenti capiat res pubi, iuitio 
belli civ. Ernest. Hoc factum A. V. C DCCIV; ep. CCCI. 
Vid, Caes. Bell. Civ. I, e. 5. Aliquot libri scripti et edd. 
acta me in aede ; unde alii acta a me in aede; alii, ut 
Lamb. acta sine me in aede fecerunt. Mox nec causa 
• cadcm , quia tunc agebatur de iure Caesaris privato , 
nuuc de rei pubi, liberiate. Nec simile tempus , tunc 



IN EPISTOLAS 5o3 

senatores omnes conlra Cacsarotn eraiit, et libere Jice- 
bat rei pubi, consulere. 

4 C. Marcelliim consularern ; epp. DCCLXXIV nied. et 
DCCLXXV extr., illiim ipsum, qui supra statini nomi- 
natus est. 

5 Amb. i6, edcl. vett. cura moderandum. 

6 Intelligit colonias proximis superioribus diebus ab Anto- 
nio in agrum Campanum deductas^ Phil. II, Sg. Manut. 
Edd. Ro. et Aid. sane me movcnt. 

7 Edd. Rom. Eni. et Scliiitz siint. Edd. lens. Aid. sed si 
ista parvi pendimus , certe et maiora e onte inni mus : ine- 
pta sententia, inquit Ernestius, nisi deleas si. 

8 Intellige de auctione alicuius obscuri hominis Demonici. 
Manutius coniecit de tabula, quod uiihi placet. Em. 

9 Oplnor eo, ad quem sunt epp. CXXVI, CLXXXI, CDLII 
et CDLVIII. Eum Dolabellae commendavit. Idem. 

10 Ep. sup. extr. Hirtius est tuus, Hirtius se omnia tibi 
pollicetur facturum in consulatu suo in cavisa hereditatis 
Alexionis, vel etiam in negotio Buthrotio. 

11 Si M. Antonium respicit, est scilicet quia ei tunc res 
non ita prospere succedebant: siquidem Dolabella multi- 
que alii ab eo defecerant et Octavio adhaerebant. Amb. 
i6 et edd. vett. Antonio quoniani est. 

13 Sic edd. pr., vel de Q. fìlio cjuod scribis; et fere addunt 
ad me, quod recte deletum est. Sed recentiores e vitiosa et 
obscura scriptura mstorum addidere prò ad me , 'liti;, 
nempc malorum * I. F. Gronovius aia;. Ernest. Ed. lens. 
de rpiaestu, ut scribis. de M. C, cui consentit Amb. i6^ 
Vict. de Q. fìlio. ut scribis , A. M. C; Lamb. de Quincio 
Jilio, ut scribis, «Ixi;. 

i3 Quare tu vclis a me scribi oralioncm sub nomine Bruti 
in Capitolio dictam, quum ipsc ediderit. I. F. Gronovius 
corrigebat Imìntanì oralioncm , bene; de eadem re moi 



5o4 ANNOTATIONES 

itervim est. Ernest. Sic nimirum Schiitzius edidit, qui 
mox infra prò an sic correxit sane sic. 

i4 Tribuni pi. fecenmt, qui vctuerunt illam poni in ludis 
ab Octavio datis (ep. sup. ). Quamquam Antonium, non 
tribunos pi. vetuisse, Appianus (Bell. Civ. HI, 28) et 
Dio XLV, 6 tradunt : sed credendum , ait Manutius , po- 
ti us Attico praesenti. 

i5 Equites in theatro studium erga rem pubi, significau- 
tcs. Hi enim in XIV ordinibus sedebant ex Icge Roscia 
theatrali; de qua Cic. ep. DCCCXLVIII sub init, Phil. II. 
18: Svet. in Aug. i5 et Plin. VII, 3i. 



DCCX. 

1 Galeno, Ciccronis inimico iam inde a temporibus Clo- 
dianis ( ep. XV, i)', Ascon. in Milon. Postea Ciceroni, 
acerbe Antonium in senatu accusanti, non minus acerba 
oratione respondit* quam recitat Dio lib. XLVI init. Ma- 
nut. Nunc vero quaerit amicitiam Ciceronis. Lamb. XP III 
Kal. Vili fere H. a. Q. Fufìo. Nescio quid, subaudi 
attulit. Mox. idem Lamb. ut me. Tum restiluerem , li. e. 
reconciliarem, 

2 Codd. et edd. sorr. cum Lamb. quem; quod si verum 
€St, subauditur ab eo ; scil. omnia videntur insulse fieri 
ab eo, quem etc. 

3 Agitur de legione Martia , quam Atticus vel iam defecisse 
ab Antonio (ad Caesarem), vel mox defecturam esse 
nunliaverat; App. Bell. Civ. Ili, ^5. Schiltz. Varie hic 
locus tentatus est: Schiitzii antem emendatio de legione 
probe nimis a codd. scriptura recedit. Edd. sorr. et Asc. 
prius et leviorem. Laudo; ut leviorem releratur ad epi- 
stolam 5 eamque indicet breviorem , et rebus minus re- 



m EPISTOLAS 5ò5 

fertam • scd laudn nimis ahrupte positiini videtiu-. Alii 
codd. Clini Lamb. de Lenio , rem laudo: alii Et tcgio , 
rem laudo , vel et longio rem laudo ; linde Bosius Et Ic- 
gio? rem laudo. Ncque hoc placet. Itaque coniecturani 
Ernestii expressi hoc sensu : de legione quod narias , lau- 
do. Vict. et leniorem. Laudo. 

4 Ex Eurip. Medaea, v. 41O5 cuius integra sententia est: 

"Avw CToraftwv UpòùV 
XoìpovfjL rayal. 
Sursum fluminum sacrorum 
Vadiiut fontes. 

Si Caifulcnus quoque, relieto Antonio, ad Octavianum 
Caesarein transit, tum vero omnia fìent, quae fieri posse 
haud putaremus. Eui'ipidem imitatus est Ovidius Trist. 
I, 8, i: 

In caput alta siiuiu labentur ab acquore retro 
Flumina. 

Nani Carfulenus amicissiimis fuerat Antonio. 

5 Decimi Bruti in Gallia Cisalpina. Nenns, prò viribus , 
robore. Lamb. Quomodo ego etc. 

6 Scilicet, nequaquam bcllum cupio, quoniam ratio haljc- 
tur BiiLhrotiorum; ep. DCXCIV, n. 24. Mox rides , ioca- 
tur Cicero, qiuim hanc unam ob causam, quod niniirum 
cavetur Buthrotiis , dicit , se non cupere bellum civile. 
At reversus dolet, quod non sua potius opera ratio Bii- 
throtiorum habeatur. Haec in lii^ris vett. varie corrupla 
sunt: Lami). Rides? at ego doleo. Vide, sis, Graevium. 
Ego sequor Victorium. Tum ed. Boni, non mea potuisse 
assiduitate. 

7 Ep, DCCV, not. 5. Ad Tusculanas disputalioncs , ep. 
DCCVIII, noi. l'i. 



5o6 ANNOTATIONES 

8 Libri vott. potè e e le mas , ex quo legcndum de te; ut di- 
cat: Saufoium Epicuroum, familiarcm luum, cclcmus, te 
vakle proharc Tusculanas tlisputationcs, ne putet, le ah 
Epicuri scota desciscerc. Erat enim Atticus ipse quo(|ue 
Epiciireus. Popma. Lamb. Saufeium de, re celemus ; Cor- 
rad. iS"., pelo, e, Schiitz iS". potè, e., Tunstallus 61 ])ro- 
pter te e. 

9 Val excidit, vel intelligendum est rogavi. Schìitz. Edd. 
Rom. et Aldi a Bruto requiri. Gracv. malebat Quod. de 
Bruto scrihìs. 

10 Graevius et Lamb. ventunis. Sed et sum prò venìo La- 
tinis dicitur, ni fallor, ut \i<ì\\?: domani sarò da te, prò 
verrò. Ep. CCCLXXXII init. : Ad me bene mane Diony- 
sius fuit; h..e, venit. At in ep. LIV, not. 2: Non ha- 
beham locum, uhi — esse possem, — quam in fundum 
Sicae. Accusativus iungitur cum esse. Infra edd. pr. 
cum Aldo equidem ibi. Tum per %'idere velini pi'o per- 
vclini i'idere. 

1 1 Dabit enim sermonem ( multis invidis ) hic meus cum 
Bruto congressus, Manut. Edd. pr. equidem non sine m. s, 

12 Amb. 16 et edd. vett. cum Lamb. e, mecwnque iterum; 
Vict. ex mss. contendis eommittere tani etc. Primum prae- 
fero. T^t eam causam , subaudi cum Corrado scribam. 

i3 Subaudi, aggredere ; scilicet opus de re pubi., quem- 
admodum scripsit Heraclidcs Ponticus. 

14 Sic edd. lens. et Lamb., cf. epp. seq. sub init., DCXCIV, 
2 med. et DCCLXXIII init.; Cat. Il, 5 extr. et Phil. I, 2. 
Ed. Ro. maneanl; vulgo manent, a Schiitz et Orellio 
pariter mutatum in niananl. 

i5 Scilicet Caesar e bello Parthico, ad quod paullo ante 
quam occideretur abire cogitarat. Sic fere viri docti, et 
quidem bene explanant. At Mongallius putat , non ita se- 
cure de futuro eventu pronuntiare voluisse CiceronenT, 



IN EPISTOLAS f)Oy 

schÌ rcspexisse Antoniiim, qui si simul cimi Cacsare Idibus 
^larl. snblatus fuissct, nunc in Antonio alium Caesarem 
non liabcreinus. Alii \cgunt nvì'xìssct, eodcm sensu. Schiitz 
ut securitalem Ciceronis modei'aret, adiecit aut, sic: illc 
enìni aut numquam revertisset. 

16 Aut, ut in Sauf'eii Epicureorumque sectam abeam, qui 
dominatum ferre et servire malunt, quam mori, relin- 
quamque Tusculanas disputationes, quae doccnt, mor- 
tem non esse malum, eainque servituti anteponendam , 
ita gratiosi eramus apud illiun , ut nostrae scnectuti, si- 
quidem domiiuun liabituri essomus, non fnerit dominus 
illc fugicndus. Popma. Vici. Man. et Lamb, cum edd. 
pr, in Saiifeiam (vel Saiifeìanam , vel Saiifelcain) . rcli- 
quasque Tuscula/ias ctc. , h. e. in Saufeianam seclain 
transf LI giani. 

17 Qui fcnori intentus philosophiam contemnebat. 

18 Mss. et edd. vett. cum Latnb. perdant. Est sermo de 
I. Caesare. 

19 Ep. DCCVIII, n. 3. De regina, ep. DCCIV, n. io. Ve- 
runi fuissct — sit . agitur de aliquo infortunio, quod de 
Menedemo falsinn videtur fuissej de Cleopatra etiam tum 
incertuni : nani utruniquc oderat Cicero: ep. DCCXXVII. 

20 Novae cpislolae initium bic faciunt Mongaltius et Lall. 

21 Locuni intclligit Dianae sacrum in agro Aricino. Eo 
loco pracdium habuit C. Caesar, quod inde Ncmovcnse 
dicebatur, cuius meminit hic auctor supra ep. CCLII . 22, 
et Svet. in lui. e. 46. Bosius. 



DCCXI. 

I Sic multi Ambi)., ut op. DCCCXLVIIl a med. ullain 
finem. Ree. ed. Lamb. aliique \c'lt. finem nuUum. 



5o8 ANNOTATIONES 

2 Omncs nostri aliique antiqui libri et Bruto nostro; seit. 
et Bruto meo et de tota. 

3 Vide ep. DCC. 

4 Tumultus a sceleratis et servis de Caesaris sepultura et 
columna excitatus. Corraci. Vide ep. DCXCVIII , Svelon. 
in lui. e. 85, et Phil. I, 2. Pro manabat unus Amb. 6 
et edd. pr. manebat; cf. ep. sup. not. i4. Mox Amb. 7 
et urbi urbanoque otio diffiderem. 

5 Sic ms. Ricci et Ment. cum de Franciscis et recentiori- 
bus. Mss. ccteri et edd. paullo vetustiores compressa est: 
Grut. compreliensa ; Zel. A comprensa; cui tamen ad- 
dendum res y ut apud Svet. in Vesp. e. 6: compressa res 
est. Mox Vatic. ut mihi videatur. In edd. Piom. et lens. 
abest mihi. Tum Amb. i5, Zel. A et Ree. vidcamur esse 
iam ad tempus , ed. Med. v. esse iam ad omne tempus. 

6 Quia ab infima plebe et servis excitatum, ut exponit 
Cortius. Mox codd. quam plurimi tute. Rescribe tuto; ut 
in epp. DCCXIir bis, et DCCLXXVI, et alibi saepius, 
quam tuti. 

7 Edd. Rom. et Lamb. cum aliis vett. sunt et multa, sed 
posita omnia sunt. 

8 Vt quidque primum est, ita primo loco expediatur. Ex- 
plicemus, uti ep. CDXCIV ante med. Cortius. 

9 Ea enim , quae ex commentariis se dicit referre Anto- 
nius, veluti acta Caesaris, probamus. Corrad. Id ipsum 
infra, et quidem venuste: ei mortuo paret. 

10 Aereas tabulas in publico figebat Antonius , decretum 
aliquod Caesaris, aut beueficium ccntinentes, quasi scri- 
ptum id reperisset in Caesaris commentariis 5 Phil. V, 4^ 
et ep. DCXCII. Manut. 

11 Idest, assignantur, quae certis hominibus distribuendae 
essent. Sic recte interpretatur Manutius. Confer Phil. V, 8, 
Schiitz. Ambb. 6 et 7 cum vulgg. vett. distribuuntur, prò- 



IN EPISTOLAS SOQ 

cui dubio ex interpvetatione. Nam describere pecunias 
est assìgnare , paruri^ distrìbuerc. Exsulcs reducuntur, 
ep. DCXCIII A. B. 

12 C. lulii Caesaris, Schiilz. 

i3 Leges antiquare, abrogare. Aera sunt leges aeneis ta- 
bulis incisaej proprie ip-iae tabulae , quibus leges insci'i- 
biintur. Refigere est, quod fixum est, auferre, ut aera 
parietibus fixa^ Phil. XII, e. 5 ex.tr. et XIII, 3 iuit. et 
Virg. Aen. VI, 622: 

fixit leges pretio atque refixit. 

Nostri duo cius aera r.; item duo refringere; Lamb. aii 
quod cuius aera ; Gulielm. ex corrupta cod. leclione era 
restringere coniiciebat ciaus aram refringere; non ita 
aptum seqq. eius edam chirographa defendimus. 

i4 Vt scilicet rata essent, senatu in aedem Telluris convo- 
cato^ ad ep. DCLXXXV. Per praeoccupationem dictum. 

i5 Plebem et M. Antonium et Lepidum timentes. Sveton. 
in lui, e. 82. Cort. 

16 Antonium pi'aecipue l'espicit. 

17 Nescio cur a Verburgio, Ernest, aliisque recentior. omit- 
tatur velini, quum sit in mss. et edd. vett. omnibus. Re- 
vocavit etiam Orell. ; cf. ep. DCCLXXVII extr. 



DCCXII. 

1 Viro consulari, alteri ex coniuratis, ad Asiam regendam 
proficiscenti :^ ep. DCCXIV. 

2 Supcriore anno scriptuuj * ep. DXXI, 4- 

3 Sabinorum nota probitas et severitas morum. 

4 Scilicet hunc libruni committi. Schi'Uz. Amb. i5 reclc 
credercm; facile ex iuterpretatioue. 



5lO ANNOTATIONES 

5 Vt qui magistratus petcbant, noincii aii<[iian(l() et vesteiu 
rnutabant, tunica deposita, tof^aiu candidam iiKlacntes : 
sic hic nostor, cui librum commeiulavi, suum uoinen 
iiiutavit, sumto Sabini cogrioiniuc. Mox duo Amblj. et 
Ree. hoc sihi coguoincn. 

6 Numae regis patria, Sabinorum oHtn urbe nobili. Manut. 

7 Waiiutius hoc ineptum putavit eo, quod Trebonius pauUo 
ante diseesserit: ideoque delevit, et ex msto suo reecpit 
aliquantulum. Illuni secuti omiserunt et Lamb: et Scbiitz, 
et abest revcra a nostro 7. Sed respicere potesl aliuni 
praeeedentem discessum. Tum alii fortasse melius ad 
aniorcìii cani. Edidi auteni quando cuui {)leri.s<Tue veli, 
et Ree. prò vulgato qmuti; Amb. i5 quoniam. Infra, 
Lamb. lolerantias , et inferius Anib. 3 fiat cum Grut. 
Ern. et Schutzio. 

8 Ambb. 3, 6, 7, i3, i4 cum Vict. ad prov. a/nicos ^ qui 
Roniac crani de re pubi. Tum nostri plures aliique multi 
le iiobis scribere op. , usitatius certe* sed quod cditur , 
facile verius, videlicet ad formae varietatem, et in altera 
Cicero omisisset repetitionem roù scribere. 

9 Idest , in iis provinciis , ubi vos estis rei pubi, libera- 
tores , Trebonius , Cassius , Marcus et Decimus Bruti. 
Qtiod in provinciis species rei publicae magis servaba- 
tur, quam in vn-be , dominantibus Antonio ceterisque 
Caesarianis. In altero primo membro nostri fere omnes 
qua re alias. 

10 Nescio, quomodo in libris pluribus scribatur cuiusniodi 
v?/ ad nos : quod est omnino ineptum. 



DCCXIII. 

l Sic bene nostri omnes aliique plures libri: nani duo bi- 
mul scribuul, qiiemadmodum in cpistnla DXXXV, 4- 



IN EPISTOLAS 5 II 

Balhus ad me cum Oppio conscripsii; ut ostendit Cor- 
tius. Attameii scripsissetìius (Icfendit Graevius ex aliqui- 
])iis mss. 

2 Sic vett. cdd. et nostri omnes, uno exccpto. Vulgo (piuin. 
Conf. cp. sup. aliasque (juam plurinias. 

3 Dicitui' hoc loco sic, ut quum dicitur in potestatc scna- 
tus esse (Phil, VI, 2), idest paratos ad obediendum sc- 
natui , vel eius auctoi'itati parere. Ernest. In potestate An- 
tonii fuerunt, quum accepta ab Antonio et Lepido fide 
de Capitolio descenderunt. 

4 Quos, ut sibi pi'aesidio esscnt, in municipiis coUegerant, 
puta circa Romam. De M. Bruto vide Phil. X, 3. 

5 Scilicet, ncque soluni mandato consulis, sed privatis duni- 
taxat eius literis. 

6 In Amstel. aliisque codd. et ed, Lamb, abest niilituni. Con- 
fer ad ep. DCCCXXXIII, n. 6; et statim infra. Anib. G 
supra nos tiios fore. 

7 Ep. DCXCVII. 

8 Sic Ernest, et Schiitz ex mss. Hitt. , Gu. i et ed. Med., 
et sic nostri fere omnes, probante Graevio. Edd. lens. 
Vict. Gebh. et nui^Gv ^eneàìci. velie te proh are ; duo no- 
stri cum ed. Rom. velie probare. Mox sex Ambb. cum 
Anist. et Graev. sec. et iisdem cdd. vix cpiisipiain ere- 
dere posse videtur , quod pariter Bened. restituit ex ed. 

. Ven. 1469. Corradus faciebat : Quod velie probare vix 
quiscpiam eredi potest, qui nos etc. 

9 Amb. i3 et Lamb. alluda liberiate: sed minime necesse. 
Phaed, III, prol. ^i: Quod si accusator alius Seiano 

foret: Ilor. cpist. II, i, 240: Fetuit , ne alius Lysippo, 
idest, (|uani Lysippus. 
IO Sic lilji'i on)ncs vett. cum Graevio* inverso ordine Lami). 
Ern. et Scliiilz max. de nobis tini. Tuin supra iluo Ambb. 
cum edd. pr. libi uni credinius. 



5l2 ANNOTATIONES 

1 1 Victor, aliique posteri', ah aliis (jua lihcl. in op. DCLVÌI 
iulem sci'ibunt quoqiiam impelli. 

12 Vt veterani in urbem ad certain dictn frcrpientes con- 
vcnircnt. Lamb. desiderabat alitpiid aliud, pula vcni- 
irnl; al denunciare est iitique prò accire. Vide Gracv. 
De cotnmodis , de praemiis. Ilio agilur spccidtim de agris 
inter veteranos dividendis. 



DCCXIV. 

1 Vid. epp. DXLIl , 2 et DL, 2. 

2 Id qiiod Caes, Bell. Civ. II, 27 aliis verbis dicit: servire 
auribiis , hoc est adulari. Aliud est dare aures suas A cu- 
ti Ho ; ep. I, 4' Mox Herv. ci Aiub. 7 ak/uc ideo. 

3 Lamb. omisit omnibus. 

4 Proposuisset, lacere , coniieere de sermonibus ita cle- 
gaiiter dicuntur. Vide ad ep. CCVI, 3 circa fin. Cori., 

5 Hoc est, paternum. Mox Amb. i5 praestituros , sed pri- 
mum est etiani in epp. CCCXLVIII, B extr. , CXXV, 2 
circa fin. et DCCCXI. Nos praestaturos iion dcbes du- 
bitare , vides non unicum esse verbi dubitare cum infi- 
nitivo exemplum apud Corn. Nep. in Proèm: Non du- 
bito fore plerosque. Etiam in ep. DCCXXIII panilo ante 
iin. dubitavi — evolare. 

6 Philosophus Peripaleticus, Divin. 1,3, 32, Ciceronis filii 
praeceplor; Off. I, i. Vide ep. DCCLXXXI. Ed. Med. 
Illud nobis quoque crii curae etc. 

7 Feriatuni — yj^^ii/'um fastidivi t Ernestius, Confer Borrich. 
Vind. p. 74. 

8 IVIagno animo in oplima studia ingrcssum. Plcnus gradus 
paruu) distai a cursu, ut videbimus ad Sallust. lug. e. 98. 
Con. 



]N EPISTOLAS 5l3 

.) iVinbl). aliiiiue pliires ciun etici, vett. cgerilix. 

ìo A l)t-llis vacua, tranquilla. 

1 1 Cuni augendi vi, prò ne minimum quidem. Acad. IV, 3: 
Statucre qui sit sapiens^ wl maxime videtur esse, sapìcn' 
tis. Mox Vict. et Oroll. milii adirne . 

12 Nempe Trebonius iam antca libro peculiari Ciceroiiis 
dieta collcgcraf, ep. CDXXX, i. Schiitz. 

ij Ernoslio non placcbat et dictiim — dicium, quamvis 
dicLiun diccre repcriri alias scicbat. Eius ms. editnm; ed. 
Med. et deinde; duo Arabb. 6 et 7 edictum. Dictiun il- 
kfd, inquit ille, quod fuerit, non licei dicere. Suspicor 
autem id pertimiisse ad illud Trebonii factum Idibus 
IMartiis, quum Antonium ante Curiam seducendo ac ino- 
rando impedisset, quominus ille caedi Caesaris interes- 
set. Nam et iu istis versi! )us Antonium perstrinxerat, ut 
e se{[(j. patet. Mox conclusi refertur ad genus orationis. 
Carmen crat. Poetae bene dicuntur res vel scntentias 
versibus concludere, sicut oratores periodis. Ernest. Si- 
gnificai ergo : inclusi in sermone , hoc est libris dialogls- 
(jue a te facLis* ut Uengelius et Cortias observarunt, col- 
lalis locis Fin. II, 32" Quinti!. IX, 4, i^S, et Corn. Nep, 
Epam. 4 <^xtr. 

i4 di. I et Amb. 7 cum Ree. et Zcl. B tibi siibscripsi. 
At Gu. 2 et Amb. 6 i.ifra scripsi. Vtrumque ex corre- 
clione, ut videtur. 

i5 Scilicct, liberior in loquendo. Ante Victor, xa^oi^o-ji^zi- 
co;, idesl defor/nior, tnrpior; quod de corpoi'c usurpari 
solet. 

16 M. Antouii. Schiitz. 

17 Nos apud te defendet. 

18 Ambb. septem aliiquc codd. c/uid — licuerit; sed quihcna 
accipitur prò r/uomodo^ car^ qua causa. Lucilio, poetae 
satyrico; vid. Horat. l, Sai. X, v. 3, et ep. CDLXXIII, i. 
Cia-ii. X. — Lcit. T. IX 33 



5i4 annotationes 

iq Hoc praetulit alteri odio par Ernestius, qui utrumque 
reperii in rass., et est in nostris; quod inclius respon- 
deat alteri ìion magis dìgnos hahuerìt. Ceterum in sen- 
tentia, pergit Ernestius, est aliquid duri. Debebat cuim 
dicere : etsi odio maiori fuerit in eos — (amen hi ìion 
magis digni odio etc. fiicre; ita responderet istis: qui 
magis hoc Lucilio licuerit, quam nohis. PauUo post no- 
sti'i 2, 7 et i3, Zel. B cum edd. Roni. et lens. dignos 
hahuit. 

20 I. e. libros tuos, quos in sermone ac dialogo scribes. 
Trebonius volebat induci a Cicerone disputans super ali- 
qua parte doctrinae. Ernest. 

21 Non patieris extremo loco me collocari inter eos, (jui 
Caesarem occiderunt, et qui a te diliguntur. Laudabis 
me ncque minimum, ncque vulgari cum iudicio benivo- 
lentiae tuae. Manut. Sic dispone : quin patiaris , Jne non 
minimani partem ferre. 



DCCXV. 

I De quo in ep. CLXXIl. Lamb. cum vetustior. edd. M. 

Cicero C. Matio. 
1 Ad Tiron. ep. CCCXIII alias adhibet Cicero formulas* 

ubi vide. In seq. scntentia ofTendor in mini quidnam; 

alias, ni fallor, nwn quid; Amb. 6 num quiddani. 

3 Multi libri scripti et edd. vett. propoiiam; (|uod ipsuin 
valet. Tum eaedem edd. quam rcspondeam. 

4 Corradus et Manutius hoc de itinere in Galliam cum 
Caesai-e acceperunt. Bene autem Strotliius monuit, hic 
aliud Matii iter multo ante factum intelligi, scilicet in 
Graeciam aut Rhodum;*, quum reliqua, quae hic com- 
memorantur, belluai Galjicnm longe antecesserint , et 



Ii\ KnSTOLAS 5l5 

commorationis Matii ia Galliu postca dcuiiun niculiu iial. 
ScJiiitz. 

5 Cupiclitas honorum, ut Tusc. II, 2G. Cf. cum ep. CCCII, 4) 
et aliati est in ep. CCXLIV, 3. 

6 Ment. Ree. et nostri sint. Mox. Ambb. Ree. Zel. B et eild. 
rett. euin Lamlj. suiit consecuta. 

I Qua de re scripsit ad Alt. ep. CCCLII, Schiitz. 

8 Milli putas esse, te venisse ad me in Formiauum ? Tc/n^ 
porihus ilUs , suspieiosissimis et gravissimis. 

9 Manut. et Lamb. venisscrn. Panilo supra Lamb, Nec vero 
ohlitus suin. Tum Caesarl , Bi'undisio Romam i-evertenti , 
Pompeio ex Italia eiecto. 

10 Vid. ad ep. CDLXX, n. 22. Offichim, ut ep. CDLII 
sub init. 

I I Perperam ollni Icgebant vel in praesentem defuk. I, 
V. Cler. 

12 Post pugnam Pharsalicam^ epp. CCCXCV et seqq. 
i3 Tua iuxta me eommovatio. Fune. Ambb. duo, 3 et 7 

eum Ree. et Zel. B asscnsio ; al. accessio. Panilo post 

Ilitt. et noster 12 communi ni. meta. 
i4 Exeunte anno DCCVI: epp. CDXXX, CD XXXI. 
i5 Pio erga, vel apucl^ ut ep. CCLXXVII, 3. 

16 Scilicet libros de Fiuibiis, Tusculanas Quaest. et ali;i, 
quac scripsit afflicta re pubi. Lamb. quiun ciiain tiun etc. 

17 Ab Hispania, fUiis Pompeii devictis. Mox Amb. 3 eoa- 
einnius ut ego illi essem. 

18 Codd. 12 et i4 cum vulgatis vett. alicnuni a nostra 
amicitia: ulrumque bene. Cont". ep. DC(^, n. j. 

IQ Id resLituit Schiitz auctorilale codd. Pai. et Vat. et ed. 

\ictorii, ut aptius, quam vulgo multo occultiora. lis ac' 

cedit cod. Recale, et ed. Lamb. 
20 Abest maxime in ed. Gracv. sinc admonitione, ilem in 

cod. Stevv. Ernestius delevit maxima, Scd utrumrjue liic 

locum liaberc potcst. 



5l6 ANNOTATIONES 

21 Opinor legem significari, quam Caesar, ut sci'ipsit ipse 
Bell. Civ. in, I, prò debitoribus tullt, ut arbitri daren- 
tur, per quos fierent aeslimationes possessionum et rerum 
quanti quaeque earum ante bellum fuissent, atque cae 
creditorilDus traderentur ( ep. CDL , i ). Hoc co magis 
esistimo, qiiod ad hanc partem respondens Malius (cp. 
seq. I, med. ): Res , inquit, inea famiUarìs legc Caesa- 
rìs deminuta est. Manut. 

11 Aaib. i5facis, et infra edd. \)i'. fiialivolerdia aulcmfa- 
cit; inculcatum a sup. 

23 Edd. pr. cum Lamb. si tu. 

24 Amst. Ment. Memm. et tres Ambb. cum Lamb. ininii- 
cos meos ; sed meos sic non addi afflrniat Ernestius. 
Pro Piane. 16 tamen defendit Garatonius: quem vide. 

i5 Sic correxit Egnatius, et est in excerptis Vaticani, te- 
ste Gebhardo. Illos secuti sunt omnes posterr. Ambb. 
codd. aliorumque quae aliq umido , sine sensu. IMox Pai. 
tert. et duo Amb. de ipso isto. 

26 Vid. ep. seq. , 2. Aliter locutus est in ep. DCCVIII 
a med. 

2y Si modo id verum est, quod mihi videtur, Caesarem 
regem fuisse. Quartcr. De tuo officio disputari posse , 
tuum officium in curatione ludorum in utramque pai'- 
tem accipi posse. 

28 Quae advcrsus malivolorum calumnias disseruerim. Fune. 

29 Ep CCCLII auctor olii dicitur Matius^ quem locum iam 
laudavit Manutius. 

30 Vulgo a te alienius. Sed cf. ep. DCC, n. 5. Alii ex vett. 
ed. abs te al. 

DCCXVI. 

i Amb. 3 accepi, ut Cicero in ep. I, i: Quantum dolo-^ 
rem acccperim. 



IN EPiSTOLAS SlJ 

■2 Sic bene Ernest., cui nostroi-um pleriqiie cum aliis codd, 
et edd. priscis consentiunt: quod etiara facere ddjcbat 
infra scribendo quando factum nostrum improbnrc au- 
des. Vtrobique vulgo quuni etc.j sed Lomb. in primo 
loco quoniam , ut Arab. i. 

3 Cicero dixisset, ut Lamb. tacite, more suo, edidit , ut 
par erat prò tua etc. Schiitz correcLionem I. F. Grono- 
vii iiiduxit ut par erat tuae singulari homtati et oìnici- 
tiae nostrae , ut Ciò. de Div. II, !j5 loquitur: ut con- 
stantibus liomìnìbus par erat. Mox Ami), i aniicitia nostri. 

4 Ainb. i4 cum Ree. contulenint. Nimirum quae crimina 
sire vitia contulerint. quot quantaque crinùni mihi dentj 
cf. de Orat. Il, 43. 

5 Ipsius I. Caesaris. 

6 Sic Guel. pr. ed. Med. et tres Ambb. Ceteri nostri et 
edd. vett. cum Vict. patriae ainicitiam , hocsensu: ami- 
citiam patriae praeponendam esse amicitiae amicorum 5 
sed, ut Graevius monuit, nemo Latinorum dixerit ami- 
citia patriae prò amor patriae. Amb. 7 patriae amici- 
tiam proponendam. Lamb. mulal^at ex ep. sup. paullo 
ante fin. patriae libertateni amicitiae praep.; Grono\ius 
vero patnae amicitiam postponendam. 

*j Sic quatt. Ambb. cum Ree. ed. Rom. et de Frane Conf. 
ad ep. DCCCLIV a med. Ceteri, ut "vulgo, proinde.. Sed 
per et prò in mss. recentioribus facillime commutantur, 
hinc videndum an per, velcro latinitas postulet, vel rectius 
quomodo legat antiquissimus ille Medicaeus a \ ict. tra- 
ctatus. 

8 Ordo est: reliqui, quum minus possent apud eum , quam 
ego, allusi sunt etc. 

9 Eadem vi, qua immo. 

10 Vid. ad ep. sup. not. 21. Sic vero Amb. i5 cum Lami» 
et Schiitz. Ceteri rum vulgatis diminula. 



!)l8 ANNOTATlorN'ES 

i I Aiit iiiconsuUop aut data opera* et Ciceronein ipsiim car- 
pii, qui, ctsi Pompeianus, gralia Cacsaris usiis est: el 
iicmo tamen huius morie maiori lactitia est elaliis. 

12 Auib. i4 qiiihiis victis. 

i3 Caesari odium conflaverint, el niortcm altuleriiit. lidcm. 
homines , qui scilicet vieti a Caesarc vitani impelrarunt. 

i4 Omnes fere Amlib. Ree. et edd. pr. impune , quod prac- 
tulerim si epistola esset Cicei'onis. Mox Amb. i5 licei. 

i5 Lani]i. prinius, deinde Schiitz t^/unr niuic isti, ut qui- 
dein clictitaiìt. otc. , concinnius «juidcm. Sed et alterum 
bene, si absolule dietimi liberlaiis auctores accipis cum 
amara ironia. 

16 Hitt. et duo nostri nulli s ; et mox plurimi cum edd. 
veti, dcsistani. 

17 Mss. multi et edd. vctt. cum Laml>. appetendani. lllud 
tanien proprimn in bac re. 

18 Ol^iectio, quam sibi ponit ex senlentia ìnimicorum. Min- 
Eli. Sic et illa § 1 : At hidos. Tum quidam apud Lamb, 
putat legenduni prò viiili parte; sed nibil opus: parler, 
enim sunt etiam cìvis , quando agitur de re pubL A nijj. 3 , 
y cum Ree. velie rem pubi, esse salvam. 

19 Si baec per se non ostendunt, cuperc me rem pubi, 
sai vani , non curo me id verbis af'firmare. 

20 Vi existimes, facta mca aliorum sermonibus prae valere. 

21 Vide ad cp. DCCCXXXVI. 

22 Abcst in a tribus Aiiibb. • et 3 in simulando , quod sen- 
tentiac aptius videtur. 

23 De quibus App. Bell. Civ. Ili, 28: Ludos Caesar ipse 
( Octavianus ) eelebravit in honorem Veneris Genelricis in- 
stitulos a. patre (C. I. Caesare), quum aedem Dcae in 

foro , et ipsu/n forum ille dedicaret. Et Sveton. in lui. 88: 
Ludis ^ quos prinios consccrato ei heres Auguslus edebal , 
stella crinita per septem dies continuo s fui sii. Vide Plin. li. 



IN EPISTOLAS 5l9 

iS: Dionem XLV, 6. Parililìus comniissi suntj ad. ep. 
DCXCIV, n. 2. 

24 Voverat enim Caesar aedem Veneri Genetrici si Pom- 
pcium proelio Pharsalico devicisset. App. B. TI, 68, 102. 
Maniit. 

25 Vid. ep. DCCVIII a med. 

26 Lamb. aliique pcrtinchat. 

l'j Amstel. cuni plurimis nostrorum aliorumque etìam mor-> 
tuo. Tum atquc ìionorìbus tlcdimus cum Ern. et scqq. 
Olim ac honoribiis ; sed ac ante vocalem non adhibctur, 

28 Sic bene Victor, ex Medie. Nostri omnes, aliorum et 
cdd. pr. Caesari. Item repetenti habent omnes tum Ambb. 
tum alior. cum Weiskio et Benedicto^ eamque lectio- 
nem servavit Schiitzius , quod repetere sit hoc loco quasi 
iure suo petere, ut de Archia dix.it Cicero e. i. 

29 Ambb. 3,6, i3 cum Lamb. saepe domum. Infra au- 
ferencli, h. e. obtinendi, impetrandi, ut ep. DXIV med. 

Tum prò frequentes alìi frequenter , Graew. frequenthis ; 
Lamb. frequentes ventitasse. 

30 Nuniquam refragatus est ^ eodem sensu quo in epp» 
DCCCXIII sub in. et DCXCIII B extr. et infra sin ca- 
sus aliquis interpellarit : h. e. impedimento fuerit. 

3i Benedictus e codd. Drcsd. i, 2 afjicere. 

32 Lamb. aid etiam, omisso ne. 

33 Ernest, sine libris contingant. 

34 Scilicet, pi'ocul negotiis rei pubi. 5 cui contrarium est il- 
lud : ita ero , ut recte fieri semper cupiam. 

35 Amb. 12 habeo gr. Edd. vett. cum Lamb. m. gr. ago. 
36. Edd. pr. cum Lamb. dilexi lub. 



J20 AlNNOTATiONES 



DCCXVII. 

t Ainb. i6, edd. priscae et Lamb. addmit ììtcras : (jiiod 
tamcn facile stibauditur. 

2 Vtrum Ptomam eaiit, ut in scnalu Kal. liiniis adsinl , 
aii in iisdem locis maneant periculi causa ^ de quo mox. 
infra. Popma. Verba Brutus (jv.iclcm respondeiit scq([. 
Cassiiis vero. 

3 Correxit Eni. ex ed. Ro. r/iiod scriham ; sed vulgatuin 
defendit Beierus ad verba iiec haheat lunquam [anlinns) 
quid scquatur . Off. II, 3, iani al) Orellio laudalus. 

4 Ordir.c inverso et rectius in cp. DLIII nied. : Pelo — 
\'cl -si pnten's j oro, leviori pelo siàbiungens, quod for- 
tius est, oro. Hinc Scliiitzius ex correctione Lambini edi- 
dit errat. Petit, ete. Sic ep. DCCLI , med. : rogo (e et 
ctiaìji oro. Mox quani optimum faciam , cf. ep. DCCVI. 

5 Hoc est., vestes dealbare studet, qui cai-bon-uius est. 
Proverbium deduclum , ut videtur, ab Aesopi fabula, 
quo significai:, Cassium petere, quod impossibile est. Ita 
recte Bosius emendavit e vestigiis codd. , quvuii vitiose 
antea legeretur in mss. et edd. vett. '0 3-/i(7a.vpo; xv^px- 
xìc, vel samim putas a.v^pa.-/.ìc.^ vcl ó '/va'^ìuc, ve! ysvju; 
av9 . vel ó Te vxu; av3-. , vcl quid simile. 

6 Supple, decrctum iri scripsistij se. ut provincia assigue- 
tur. Edd. veli, aliquac /jcr ,t( zV(7 , facile mendum ex com- 
pendio set ita. Amb. i6 perspica. 

7 Ait, se statim Romam iturum^ nempe, ut in senatu adesse 
Rai. luniis possit. Lamb. Et Balbus. Hirtius quidem actu- 
tum ; edd. pr. et B. et Hirtius quidem , se acturum ; Amb. 
i6 se facUirum. Orell. ccmiicit ^^e afuturuin , quod seqq. 
respondet. 



1:\' EPISTOLAS J2l 

H l*ro ut ut, qimmvis. Mox Lamb. non fiigcix non curem. 

Sensuni cxponit Maimtius: Seti ego, tantum abest, ut 

liane eius suspicioneni curem fugerc , ut etiam ob iti 

ipsum Romani venire nolini , ne illum videam. 

f) Excludantur a pai'ticipatione publlci agri, qucm Anto- 

nius divideudum cui'abat (ep. CCCXIII), eo quod no!i 

omnibus sufficeret. Quae causa fuit, ut indignati ab co 

dcficerent et Octavio adhacrerent. In seq. sentcrttia Am]), 

i6 et Lamb. Qids porro. 

IO Auil). 16, edd. vet. et Lamb. ut scriòit, L. Anloniiix 

in Dccvìiuui Brutani; nisi quod Lamb. omisit Bnilum. 

Ncmpe, proficiscitur, Tel quid simile, quod excidisse in- 

dicant edd. pr. scribentes L. Ant, videlicet eiirn in D. B. 



DCCXVIII 

I Ncmpe Cicero ex Atinati in Tusculanum venerai VI Ka!. 
Imi. Ibi statini Atticus ad eum accurrerat. Cf. epp. DCCIX 
init, et DCCX, i extr. Schillz. Binas a Ballo, litei'as 
accepi. 

:>. Vulgo incptissimc addebatur Blardis , quod iani Popn-a 
tollendum esse monuerat. Intelliguntur Ralendae laniae , 
quae proxime instabant, quibus senatus erat futurus j ep. 
DCCII circa (In., DCCXIIL Schiltz. Libi-i vclt. qidd;i> 
agant etc. In se({. sent. Lambinus quicquid accidisset 

3 Volumnium Eutrapelum, Antonii familiarissimum. i5c/iii/r. 

4 Epp. DCCM n. 1 1 et DCCXXIII extr. 

5 Quid facturus ipse sis. De hac Attici flcta legationc vid.ì 
ad cp. DCCXXI n. 9. Alterum possis in seq. sen lentia 
procul dubio abuudat. 

G Sic vetus liber Vrsini et ed. E.om. Vulgo nohis de ca 
re. Lamb. ex aliorum codd. vcstigiis sic totuni locum 



52 2 ANNOTATI ONES 

rctlc'git; III qu'uìciìi niilii v i deb alar ; sed cavctidum ta- 
men, ut ille QFAE PLVRES FIDENT. Dcbet aliquid 
crastimis dics — nohis dare. Tò non ante vidchatar ncque 
libri vctcì'es habcnt, et nohis dare est etiam in Amb. i6. 
Edd, sorr. nohis dare pollicelur. Tiim villncf/uc phircs vi- 
dendac cmcnàiw'xl Graevius ex Criis. , nani antca inopie 
Tulgo legebatur et illae quae plures videndae. 



DCCXIX. 

1 Vide op. DCCXVII. PauUo supra Ami). i6 ncque cniin 
confidehant; Lamb. vero ncque confidehanl. Mox. Anto- 
nio — ivatior, contra Antoniuui pauUum iratus, proplcr 
erogationem pecuniae; ep. DCCVIII extr. Tum eausae, 
scil. Caesarianae amicissimus. 

2 Caesarianos. Schiitz. 

3 Brutum et Cassium significat. Idem. 

4 Non solum, mi Cicero, rare iam redii, sed etiam, post 
quam redii , ex urbe sum profectus. Conrad. Lanib. etiam 
ego ex u. s. p. Quae statini sequuntur, dcbcntur ^ icto- 
rio. Nam ante eum libri: Pt (illius cnim statum odi) 
ahessem. Vtilius abesse, quam cum periculo adesse, ut 
Corradus exponit. 

5 Praesidia vocat niagistratus, quos Caesar, paucis diebus 
antequam occideretur, designaverat; ut diximus ad'ep. 
DCLXXXV n. 8. 

6 Scilicet, per te a me. 

7 Idest nimis violcntum , vebcmens , inconsultum. Aliqui 
ante Vict. et Lamb. callidius , idest astutius; male, 

8 Disccdentcs a Lanuvio • infra. 

9 Supple, scripsit. Sen'iliam, Bruti matrcm. 



IN EPISTOLAS 2^ 



DCCXX. 

1 Sexti Pcdiicaci: cp. CCCVII, 3. Corrad. IManutius cx- 
planabat Pompeiij nam et ilie simplicitei* Sextus ilicitur 
aliquantlo, ut epp. DCLXXX, 8 et DCLXXXIII, 3. 

2 Laudai scilicet Tusculanas disputationes a Cicerone panilo 
ante editasj ad ep. DCCX ante fin. 

3 Ed. Ro. cura scribendi; lens. scribendi causa. Rccte Orel- 
lius: Videtur, inquit, in lociun gracci voc. slicccssììsc la- 
tinum glossema. 

4 Servius Sulpicius ICtus ilio tempore privatim nuiltos con- 
veniebat, et ad pacem hortabatur, quasi legationem ea 
de re suscepisset • explanat cuni Man, Schiitzius. Libra- 
riolo ^1 idest scriba. ^ ictorius suspicabatur esse libcrìn- 
lo ^ sci), filio; quod revera legitur in Amb. i6. IMox. ed. 
Icns. i'ì'dcntur. Tum pcrtinicscerc , h. e. caute agcre, ut 
ICtus, cuius propriura est insidias, captioncs et deceplio- 
nes vitare. 

5 Respicit versiculos Ennii : 

Non ex iure manu consertum , sed magc ferro 

Kciii rcpeLunt , rcgnumque petiiut: vadunt solida ^i. 

Ep. CLXXI, et prò Murena e.' ii. Sed (juac scquiin- 
tur, scìViceì. sed mage ferro de. Significai antein Cicero', 
Scrviurn dcbiiissc vi et araiis cum Antonio decertare po- 
tius, qiiam iure. Itaqiie negatio scribenda erat charactcre, 
ut aiunt, rotando ;^ nam hoc loco pertinct ad Cic. , non 
ad Ennii versiculos. Lamb. manwn cons. In fine Amb. i6 
et ed. Ro. tuff uè scr. 



524 ANNOTATIONÉS 



DCCXXI. 

I Edd. Ro. Aldi et Lamb. HIT. 

•?. Vrsinus legcndnm putabat ernundum ex nnmmo qnodani 
vctcri argenteo : idque recepii Graevlus iuvilis libris. 

3 Primum miserum est, ullam provinciam ab istis, scilicet 
Antonio eiusque asseclis accipere etc. Edd. Ro. et Aid. 
nìlnm ah istis Icsiationem : et mox Lamb. dcinde. Timi 
liane Irgatariam provinciam; per contemtum, inquit Ma- 
nutius, est dictum, (jnod quasi legati ad curandum fru- 
mentum mitterentur * ep. seq. Brutus et Cassiiis praetores 
reliquum anni tempus praeturae suae malebant privati 
extra urbem agere, quam in urbe iurisdictiones admi- 
nistrare, ubi nec tuto essent, nec prò benedcii in pa- 
triam collati merito honorati. Quo Cassii Brutique intcl- 
lecto Consilio, senatus eos praefecit frumento undecumque 
in urbem convellendo, clonec elapsum esset praeturae 
tempus, adveniretque illud abeundi in suas pi'ovincias a 
Caesare decretas* quod ideo factum est, ne fugisse um-' 
quam Brutus Cassiusque viderentur. App. Dell. Civi III, 6. 
Edd. post Lamb., Orelliana excepta, Icgatorìani pr. Lamb. 
malebat relcgatoriam ; minus recte. 

4 Brutus in Lanuvino siio rivum , qui hoc praedium iri-i- 
gabat, Eurotae fin vii Lacedaemonem praeterlabenlis no- 
mine appellaverat. Scìditz. Mox ed. Ro* sed casus. 

5 Idest iis, qui praetui-a functi sunt^ ut consulares dicti, 
qui consulatu functi erant. Sic Amb. i6 et edd. vett. cum 
Lamb. Orell. : vulgo ut. iis, et reliquis pr. Nimirum Bruto 
et Cassio, et reliquis viris praetoriis. 

6 In eodeni Lanuvino porticuni exstructam Brutus Persi- 
celi porticum nominavcrat, ad Lacedaemoniae iliius si-' 



IN EPISTOLAS 525 

militudinem , de qua scribit Vitruvius iib. I, e. i. Schi'Uz. 
Lacones, Pausania duce, quum Plateaeo proelio exerci- 
tum Persarum superavisseut numero influituin, Porticuni 
Persicain iudicem victoriae constituerunt. 
7 Quum nihil certi sii, leclionem librorum vett. genuinam 
cxliibui, etsi corruptam, iiisi quod quom^ quo ^ vel quani 
in habent aliqui eorum, prò quum. At Amb. i6 Lace- 
daemoncm quoni Lanuvium. Bosius in ccrruptis latinis 
graeca latere censuit , coniicitque N. e. Lacedaemonem 
\y.'/^EVJ. v.oyiì-jfiv Lanuvium existima^i ; Schiitz. N. e. La- 
cedaemonem Lanuvium existimari. Prae aliis verisimilior 
est correctio Gronovii: Nolo eni/n Laced. longinquiorem 
Lanuvio existimaris , hoc sensu : iVam ut me intelligas 
obscurius loquentem, non illam, quae in Peloponneso 
est , sed illam , quae non longius abest ab urbe Pioma- 
na, quam Lanuvium, Lacedaemonem interpi'eteris volo. 
Sed quum aenigmatice ac iocose hic scribat, ut patet , 
proinde sic interpretor: Quia Brutus degebat Lanuvii, et 
iturus erat in Graeciam. loca prò personis designai Cice- 
ro: bine innuit, virtutem, strenui tatem et libertatis amo- 
rem Lacedaemonvmi ei etiam inesse, qui est Lanuvii; 
quasi dicat, Lacedaemonem in Lanuvio habemus. 

8 Rixam significai nescio quam in domo Attici ortam. Ma- 
imt. ÌNovae illis verbis Dii iniìuortales epislolac ini ti uni 
fecit acutissimus Lambin. cum aliis vett. 

9 ^st legado , ut provincia, negotii privati an publici pro- 
curatio vel aliunde commissa, vel sponte suscepta. Con- 
siliari non est dare consilium, sed consultare, delibera- 
re. Quod neglexerint haec interpretes ( non enim igno- 
rasse puto), falsam Ciceroni sententiam afilniere, quasi 
constituissct Atticus, legationis specie, ab urbe discede- 
re: qua de re dicat Cicero,- diffìcile esse, ut quis ci 
dare consilium possit. Qui sic sentiunt, intelligere non 



526 ANNOTATIONES 

vklcntiii', ulsi logationcm liJJcraiu , fjiiae scnaloiUjus da- 
batur extra Italiani abeuntibus. At scnator Atticus non 
crat. Aliena est igitur explicantli hacc ratio. Aptiorcni 
suggerit Mongaltius, quem sequor. AtticLim invitarat Bru- 
tus in suum Lanuvium ad consiliandum cimi amicis. Haec 
illa est legatio et provincia tristis difficilis iìiexpUcahilis. 
Antea quum esset rogatus, ut Brutuni eadem de causa 
convcniret: « O reni, inquit (ep. DCCX, 2 exlr.), odio- 
sam et inexplicabilcm. 35 Siue Attico dcliberarunt alii. 
Fuit enim ab coitionibus eiusmodi semper alienus, ut 
locuplcs auctor narrai in ipsius vita Coru. Ncrpos e. 8. 
Olh'. Ergo et equites ( nani equcs crat Atticus ) nactos 
esse Icgationem, inferi ex hoc loco Ernestius, Nimiuni 
fìdentcr, Cf. cum ep. DCCXVIII , n. 5, Mox Lanib. cir- 
cumsideniuv. 

DCCXXII. 

1 Oiniserunt literas Man. et Lanib. , quia ipsi cum libris 
pluriniis hanc epistolam cum sup. coniunguiit; in qua 
iam legitur: Ego tuas litcras — exspecto. 

2 Scillcct Brutus et Cassius^ beneficio^ idest frumenti pro- 
curatione^ ep. sup. Graevius aliique utatur. Infra edd. 
Icns. Aldi nec possunt^ ncc iain audent. 

3 Edd. pr. cum Graevio praestet. 

4 Supple statuatur. Ernest. \'eram hanc lectionem e cor- 
ruptis codd. mss. cruit Grouovius (vere Lainhìnus ^ ut 
vidit Orellius). Sensus est: Si Antonius gravius consulat 
in Decinium Brutum, ut ei eripiat provinciam Galliaiii 
(ep. DCCX, i)- quara aegre hoc ferent Brutus et Cas- 
sius, clianisi eos nemo adoriatur? Schiilz. Nam D. Hrulo 
maxime fide])ant, ia propiuipio habcnli tres Icgioiics ; 
App. Bell. Civ. in, 6. 



IN EPISTOLAS 5^7 

5 Quuin sint praetores, (|uorLiiii miinus est facere ludos 
Apollinares^ ep. seq. Ernest. App. Bell. Civ. Ili, 23. 

6 Proverbi! formam habct de beneficio aut honore in con- 
tumeliam collato' natuin a facto Dionysii tyianni, qui 
Dionem familiarem suum specie legationis in exsilium 
niisit, quum tamen euin non in exsilium a se missum , 
sed scccssum quaesivisse diceret, ut rcfert Plutarchus in 
Dione p. 964 et Nepos in Dio. 4- Hine Cicero, illa cu- 
l'atio frumenti mandata Bruto et Cassio, ut quasi in ex- 
silium missi proeul a re pubi, absint, non est alia quam 
Dionis legatio. Popma. 

7 Si modo quid proflcerem et iuvarem Consilio Brutum , 
ego periculum negli gerem. Frustra \'ero qui iiigrediar, 
(juum vero frustra daturus sim consilium, quomodo ag- 
grediar dare , quum etiamsi in eo dando profectui'us sira 
aliquid, possira tamen honeste abstinere? Amb. 16, ed. 
Ro. quid ingr. 

8 Brutus, Serviliac fìlius. INIox vel abest a codd. aliquot 
et edd. vett. , quae legunt utatur., ctiam p. 



DCCXXIII, 

1 Sic verissime correxit Sti-othius. Vulgo FI Kid. Schiitz. 
Feni VI Id. ed. lens., v. a. d. VI Id. Orell. 

2 Matre, sorore, coniuge M. Bruti. Manul. 

3 Sic bene liber Vrsini cum Schiitz et Orell. Vulgo ut 
salvos esse. Gronov. coniecit ut salvis esse, subaudito li- 
ceat. Hic tamen de sola Bruti salute agi monuerunt Corr. 
et Schiitzius. Ili co, se. quod salvus sit. 

4 Scilicct ad curandum frumentum (ep. DCCXXI), ut illi 
decretum fuisse videtur, sicut Bruto in Asiam. Ernest. 

5 Sic post Olivetum Orellius ex suis libb. Sensus est, ut 



528 ANKOTATIO^TS 

idem oiplaiial: Diccnliie houiincs, me conUuMcliam tiuti 
maiiifestam haliuisse beneficii loco? Ed. Ilo. (iracv. Seb. 
acccpissc ili coiiti'.mctiam; Lamb. Eni. acccpissc in coii- 
tmmlia. 

6 Sic Hbri omnes; idcst in animo habcs, quod facias. Qai- 
d;ii!i ma'int ago,-. Ernest. Alteriim sane habet ms. apud 
(ìraevium. 

7 Atfjue utiuam omnino posses tiiLo esse Pioniac, rcspoii- 
dit Cicero 5 mea quidem sententia non modo nunc, sed 
ne post praeturam quidem debes in provinciam ire, sed 
luancre Romac, quia tua opera cgct l'es pubb Sed quam- 
-vis ita scntiam , tamen auctor non sum , ut etc. Sic fere 
Graevins. 

8 Occasiones libcrandae rei pubi, et securitatis restituen- 
dae^ Dccimum accusabat, quod ille auctor fuerat Anlo- 
nii non interficiendi cum Caesare, quod suascrat Cassius. 
Ernest. Igitur de Decimo Bruto intelligendus Velleius 
Pat. II, 58: « Consul Antonius, quem quum simul in- 
Icrimcndum censuisset Cassius, — Brutus repuguaveral^ 
dictitans 53 etc. App. Bell. Civ. II, ii4 et i*lut. in M. 
Bruto p. 992. Cf. ep. seq. n. 7. 

9 Mss. divo apud lunium et cdd, sorr. ea n. op. practcrila 
rcjìcd. Assentiehar^ amissas esse occasiones. Quid opor- 
tuisset^ fieri. Nec vero quicquani^ scil. dicerem novi. Edd. 
vett. cutn Lamb, Quamquam ingressus essem. 

10 Sic Ernestius et recentiores de I. Fr. Gronovii senten- 
tia. Lib, vett. attìngere. 

1 1 Occidi praeter Caesarem. Corrad. 

12 Quum hoc verbum band secus ac superiora vocari — 
ììicitaii pendeat ab oportuisse , deberet esse suscipi , ut 
cdidit Orellius, aut saltem supcriora paritcr sumi dcbe- 
rent aclive, vacare — incitare. Melius primum- nam su- 
icipi^ lalere videtur in corrupta lectione cdd. sorr,, ubi 



IN ElUSTOLAa S-JiJ 

est suscipc. Giouov. vero et asscclae corriguut suscipc- 
reni , accipiuntque hoc scnsu : Complectcrer oratione , 
quac ad suminam rei pubi, pertincnt. Seti liic praece- 
(lorc deberet scd. Lanib. , ut coniecit Manutius, lotuiii 
locum ita consti tuit: Jicc tanien illam locum attìngere 
qucmquam praeterea o})ortaìsse^ sai serialum vacare etc. 

i3 Scrvilia, (fuam tu colis^ Ncp. in Attico e. 4- Corrati. 

i\ Dicere, h e. suadcrc, ut subaudit Ernestius. Edd. sorr. 
Hoc verbo neniinem u. a. 

i5 Supple cani. Subintelligi etiani jxìsset cum aliis me. Scil. 
me cohibui, niihi temperavi, quod cum niidiere conten- 
dere noluissem, ut interpretatur Malasp. Ctissìus — itu~ 
rusj in Achaiam, ut panilo supra. 

i6 Brutus. Inani sermone ^ quum dixit, se Romam ituruni. 
facile eniin se dLierat, omnino enim iuraverat, se ituiuni 
in urbeni. 

17 Quo Cicero Antiiun venit allocuturus Brutuni. Praeler 
conscìentiam ^ subauditur optimae mentis, vel offlcii. ut 
stalim dicitur. Edd. vett. praeter conscientìam incanì. Su- 
pra legit Lamb. viclehantur., vitio operarun), 

18 Senarius Sopliocleus, ut Valckenaerio videtur ad Eurip. 
Fragm. p. 1^1. Hoc Cicero utitur, ut signiflcet, nulli usui 
fuissc iter ad Srutum susceptuui. Sch'dtz. Aliqui vett. Sii- 
npÓTTBg , vel 5c07rpiafc;. 

19 Idest rem pubi., pertinet ad dissensionem et inconslan- 
tiam principum, apud quos niliil certi erat, ut scqq. do- 
cent. Ernest. 

20 Epp. DCCXCIII n. 4, DCCXXI, 2 et DCLXXXVII. 
Edd. Roni. et i\ldi dubitaveram. 

21 Vid. epp. CDLXXII et DCXCII n. 16. 

22 Vulgo additur /Jpnlìs, Vjuod et Malasp. et Corrad. ce- 
terique interpp., praeter Manutiurn , dcleniUun censebant, 
et omisit Ernestius. Ncque euiui Nonas Apriles futuias 
CicEii. X. — Liti. T. I.\. 34 



53o AlNÌNOìATIONES 

Cicero ex.spectaturus eiat (ut pulat MauutÌLis), (jui sla- 
tini cuperet navigare* neque ante lunium scripta est haec 
epistola* et Dolabella ante medium Aprilem certe pro- 
vinciam non obtinuit. Cf, ep. DCCXVIIl. liileUige lunias. 

23 Alii Diis solvere; quod placet. Corraci. 

24 Ad redeundum. Quantum autcm temporis fuerit, neque 
Svetonius in Tib. 3i dicit* sed ad quinquennium usquc 
concedi colligitur ex seqq. Cf. tamen de Legg. Ili, 8. 

25 Ep. DCCXXIX. Sic Ernestius. Anib. 16 et ed. lens. 
Addi potest adeo geiius Icgalio/ds ; Crus. apud Bosium 
addi potcit ad idc/iw adco ge/itis Icgatioids; edd. PiO. et 
Aldi addi pò test; idc/ue adeo g. l. Hinc alii aliter lo- 
cum constituunt ^ Lauib. et Graev. addi potest ad hoc 
genus legationis ; Orell, addi potest. Idque aveo g. l. 

26 In legatione a Dolabella delata. 

27 Quuni res ad bellum et caedem spedare vicleatur. Ma- 
nul. Oracukun Ciceronis, quod eventus comprobavit. Kon 
multo post enim iuteriit. Casauh. Mox edd. vett. Blucf^- 
jj-iav; eadem signifìcatione. 



DGCXXiV. 

i Atticus ad Ciceroneai scripseiat, consules de consilii senten- 
tia secundum Butìuolios decrevisie (epp. DCCXXXVIII 
et DCCLI). Interea ipse ad Dolabellam. sci'ipserat, vit Bu- 
throtiis faveret. Schiltz. 

2 Bruto et Cassio, qui tum Antii commorabantur* ep. sup. 
luit. Idem. Infra secuti sumus edd. B.O. et Lambini. Vulgo 
csseiit qiiin. 

3 Edd. B.O. et Aldi Noster vero Brutiis. Mox iLaKor, o-spivò; 
ironice a Cicei'one dictum affirmant Victorius et IManu- 
lius: at melius Mongaltius serio dicium opinatur. Nam 



li\ EPISTULAS 53 l 

addidil Cicero, sibi Briituin in lioc esse assensum. Lanib. 
ffsfxvwj; et Vrsinus xaì uiV a(7/itjvog. Expono: Nostcr Biii- 
tiis, post quam mihi assentiens vidit, se non tuto futa- 
rum Romae, in Asiam ire cogilabat. 

4 Apolliiiares ; ep. DCCXXU n. 5. 

5 Edd. lens. et Aldi Ailurac ajfiituruin. 

6 Si, inquit, Antouius iu Tusculauum cuui armalo mibte 
veuiet (ep. DCGXVIII), quo eum ventiu'um praedicant, 
et ine occidaf, alterum ab eo beneficium habebo. Est 
amarissima tìpaveU, inquit Orell. , qui sic hunc locum 
constituit ex suis libb. Vulgo ìd in T. vcncrit; sed tò 
ni ncque Amb, iG, ncque edd. pr. cum Aldo agaoscunl, 
estque ex falsa correctioue Bosii. 

7 Scilicet, aliquis ex duobus Brutis iu causa est, quod non 
ima cum Caesare Antouius quoque sublalus sit^ epist. 
DCXCIV, 2 : Ista culpa Brutorum ? In epist. tameu 
DCCXXXI tmum tantum in causa esse dicit: Haec oin~ 
nis culpa Bruti, quem Decimum esse arguo ex epist. 
DCCXXIII n. 8. 

8 Ad ep. DCXCII n. i4. Quid nomini ^ scil. Caesaris. We- 
l'cdiiiUì, ad ep. C. n 9. Kar/j^^^a-èt, h. e. insdiulioni , qua 
fucrat a Caesare iuibatus. Ma^ni consilii at, id est dis- 
qiiisitionis. 

c) Sciiioet Octavi^mo udeadum^ ep. DCXCII mcd. Scìiiltz. 
In seq. senlentia ut nihil tdìud, h. e. ut ut nihil aliud 
agendam, sallem ab Antonio est seiungendus. 

10 Meudose quidem* sed alii aliter corrigunt. Muretus: Si 
praccipit nostìv. IVostris quidcni die. At Octavianum num- 
quam nostrum appellai Cicero, ut monct Schiit^iiis, cui 
aptius visum est rescribere: si praccipit pucro de no- 
stris, quem puerura saepe Cicero (ep. DCXCII, n. i\ 
aliisque) Octavianum appellai. Lucutioucm parum la,U-- 
luuu notai OrcUius. 



532 ANNOTATIONES 



DCCXXV. 



1 Novissime Schiitzius signifìcat; ex conieclura. Supra edd. 
Ro. et Aldi TTSTTUxvwfivwc scrìptae; ep. DCLXXXVII n. 5; 
tum Amb. i6 quod id ipsum. Infra autem omnes vett. 
cum Lami). Leonidcs. 

2 Scilicet, quomodo nmic est^ ep. DCXCVIII a med. He- 
rodes , supple illum efFert; vide ibidem. 

3 Lamb. est a tids. 

DCCXXVI. 

1 Recte vidit Manvitius hic novae epistolae initium esse. 
Schiitz. Sic autem saepe Cicero locutus in rebus, quae tam- 
qiiam novae significantur* epp. XXXVIIl et DCCXXXII. 
Marna. Ab Orellio etiam distinguitur ; vulgo autem cum 
sup. coniungitur. 

2 Importunus adstantibus, inspectoribus. Sic in Verr. V, 3i : 
locus amoenus et ab arhitris remotus. 

3 Ex Graecorum proverbio: oTìcoc ^pAo;, olv.oc, ocpiuza;., do- 
mus amica, domus optìma, quo signifìcat, nusquam coni- 
modivis esse, quam domi propi'iae. Sic vero Tusculanum 
appellai, quod ibi, quam alibi, libentius et saepius de- 
gebat, ut Popma exponit, 

4 Idest prospeclu viridarii. Edd. Ro. et Aldi inendosc 

5 Declamitanf^ iocose, quod proprium est hominibus. Ore!- 
!ius etiam Tr/jpyvwo-Ttxà Uteris graecis dedit. 



IN EPISTOLAS 533 



DCCXXVII. 

ì L. Antonius , Marci frater , septemvir agris dividundis 
( Phil. V, 3 ) centra decretum in gratiam Buthrotiorum 
factum, eoriim agri divisionem urgebat. 

2 Quo potcris uti centra L. Antonium urgentem agri Bu- 
throtii divisionem' quera ego testor Caesarem voluisse 
liberum esse. Confer epp. DCCXXXVIII et DCCXXXIX. 
Popma. 

3 Atticiis videtur habuisse signum Ciceronis, quo uti pos- 
set, quum opus esset. Ernest. Edd, pr, et Lamb. ohsìgna- 
vi^ ohsignaho'^ qui et infra recte Arpinatiuni rescripsit. 

4 Arpinates nummos apud Ciceronem deposuerant. Manut» 
Mox Amb. i6 alias epistolas scripsi. De re cf. ep. seq. 

5 Numerum summae excidisse putabat Lambinusj recte. 
Ernest. 

6 Cieopatram (ep. DGLXXXVIII, n. 8) reginam Aegypti , 
quam appellaverat de promissis sibi muneribus, quibus 
ad consecrationem TuUiae et fani ornafcum uti volebat: 
id quod colUgitur ex verbis sequentibus. Popma.- 

7 Hammouius et Sara nomina Aegyptiis usitata, ut apud 
Hebraeos Ammon* Zara in libris Gcnescos. Et fortasse 
hic est Ilaramonius ille, qui ad scnatum legatus fuerat 
Ptolonlaei Auletae patris Cleopatrae, peteiitis in regnum 
restituij de cpio ep. XCII, i. Popma. 

8 Quac promissa, scil. promissorum causae crant hone- 
stae et admodum probabiles. Id est, aliquod beueficium 
accepcrat , aut acceptura erat a Cicerone Cleopatra^ 
Amb. i6, edd. pr. cum Aid. quac qìiidcm promissorum 
eius erant tptl. 

9 Larab. quid et opus ; edd, vett. cum Aldo quid cssct opusj 
et panilo supra Amb, i6 et ed. Ro. semel cnini oninino. 



r)34 ANNOTA TI OXF.S 

10 B(;.sias el si'fj*!., OrcUlo cxccpto, quam vix .ilomachun 
haherc\ eild. pr. quam si. haherc cum Anib. i6 el liaml), 

1 1 Quia Eros pcciiniam ex meis nominibus exactam male 
administravit. 

12 Eros Noiiis Aprii, rationes omnes confecorat', suinmn- 
que facta, quantum pecuniae Ciceroni dcberetur, quan- 
tum aliis ab ipso, apparebat Ciceroni tantum pecuniae 
superare, ut non modo non egere, scd etiam a')undarc 
deberet. Manut. Mox vel addidit scite Graevius ex nis. 
Ball., et habet Amb. i6. 

i3 Quod erigere fìliae cogitaverat* DXXXV aliisquc. LJcni. 

PauUo ante Lamb. ex ìstis f. rebus rcfectum est. 
i4 Annum enim iam Cratippum audicrat: de Off. I , i et 

ep. DCCXLYI! , 5. Corraci. 
i5 Mongaltius et Schiitzius putaut ìinte verba: Tihi prò 

tua etc. excidlsse Ego vero memini , vel quid simile. 

Sed facile subauditur, eognovi , seio , intellcxi (epist. 

UCLXXXVII a med.), ut monuit Corradus. 

16 Amb, 16 cum Graev. et Oliv. perlibchrih'ter. 

17 Edd. lens. et Lamb. sumtum: et scilieet: Schuiz ex in- 
genio sumtum: Tihi scilieet. Pro Atlienas vero nliqui 
Athenis. 

DCCXXVIll. 

I Lamb. Schiilz et I. V. Cler. Duas epiftolas. 

2 Scribes. Quum seies ^ ubi et quo die illum videre pos- 
simi ep. DCCXXVL Corraci 

3 Antonius enim barbaris stipatus proeedebat, quum sibi 
fingeret timere , aliis revera timorem incutere vellet. Ma- 
nut. Sic in ep. DCCXXXI extr. : 3Iihi vide tur iste, qui 
umhras tiniet, ad caedem speetare. 

4 Schiitzius e Gronovii coniectura Sara regio. Vitletur ali- 



IN EPISTOLAS 535 

quomodo adclictus fuisse regiiì'ìe Cleopatrae, ut Ammo- 
niiis- fle quibus ep. sup. 

5 Forte, huiic ftiisse ab cxsilio revocatum. Mongnll. 

6 Ep. DXL, 1. Corraci. 

7 Ne Buthrotiis sit molestus* ep. siip. Idem. Edd. sorr. 
per 31. AntoniuTìi fratrem; et Amb. i6 ciim ed. Ro. omit- 
tunt verba ut arhitror. 

8 Quicquam de nummis Arpinatiiiin dari; ep. siip. n. 4^ et 
infra ep. DCCXXXII extr. , qiiod iam Bosiiis vidit. irnmo 
et correxit. Nam edd. vet. cum Vict. et Lamb. detcrre- 
his vel aactoritate vel vi. Mox Lamb. ne cuiqumn: et 
lens. nec cuìcjuam dederas ; corrige ne euiqnani dederix. 

9 Redditus ex praediis Argileti et Aventini* ep, DL, 2. 

10 Hoc etiam plures interpretes explicare conati sunt, quin 
tamen extricare aliqnid potuerint ita, ut piane satisfa- 
ciat. Alii, quod in edd. vett. est A, quae sigla signifl- 
cat annuus , ideo interpretantur ^«w<o, scil. sumtu, quo 
Ciceróni filio opus erat. Bosius, more suo, prò A putat 
legcadum A, scil. 5àv££ov, idest, aes alienutn. Quod vero 
ili aliis codd. legitiir A , Gronovius explicabat Ioittm , re- 
lìfjfuo , idest, solutis debitis. Alii denique Argento, Asse, 
eodem sensu omnes*, scil. soluto aere alieno, vel ilio, 
quod ex suis redditibus et nominibus perpipei-e debebat* 
quod quidem confirmare videntur verba ep. DCCXXXI 
circa fin.: JVì'sì explicata solatìone non sum dìscessurus ; 
ut acute animadvertit Popraa. Nisi explicato Antonio? in- 
terprctatur unus ex amicis, h. e., nisi explorato animo 
Antonii. Sed liane locutionem nuspiam de personis usur- 
pari vidi, et sermo hic totus est de solutione pccuniae. 

1 1 Scrviliac pecuniam numeraverat Atticns, quatn illa Bruto 
darct in Asiani proficiscenti. IS'am ipsi Bruto cii-ca Lanu- 
vium moranti numerare Atticus non poteraf, ire autem 
ad oum , apud Antonium et Cacsarianos suspiciosum fuis- 



536 ANNOTATIONES 

set. Mitlebal igitur per Serviliam. Et opinor Intelligi II'S T, 

quac Bruto Italia cedenti ab Attico muncri iiiissa , scribit 

Nepos in eius vita , e. 8. 3Ianut. Edd. vett. Scìviliae non 

desìi ci Bruto , quod cdidit lunlus. 
12 Quod ipse non laboro. Ernest. Lanib. icstcm ctiani libi 

prohavi; ed. lens. teste etc. 
i3 Qui ipse quoque studiorum causa Athcnis fuerat. Srhiilz. 
i4 Bruto et Cassio. Corraci. 
i5 In coetu liominuni doctorum. Ernest. Edd. Ro, et Aldi 

et TTuzvw? scriptae etc. 
i6 Bucilianus et Scxtius ex pcrcussoribus Caesaris fuc- 

runtj de quibus ctiam ep. DCCL, 4- Appianus Bucolia- 

num voeat, Bell. Civ, II, ii3 et 117. Manut. In edd. 

vett. liic est novae epistolae initiuni. Amb. i6 infra puto 

iam moleste. 
17 Supple, ad me scribe: et panilo sxx^vdL ad vie , veniet^ 

cogito , ire. Edd. sorr. cum Lamb. hic addunt XVII Kal. 

ahiho ; scil. ex cp. seq. , quam porro inchoaut a vcrbis 

etsi satis. 

DCCXXIX. 

1 Ernestius, latinità te postulante, covrexit opus esset: (piod 
receperunt Schfitz et I. V. Cler. 

2 Ita bene, monente Beroaldo, Victorius: nam mss. et edd. 
vett. vitiose in lacuna vigilarem ; Crusell. et in ca cuna i'i- 
gilarem. Intelligunt lacum Lucrinum^ ep. DCXCIII, n. 14. 

3 A quo legationem acceperat;; ep. DCCXXIV, 2. 

4 Quibus mihi ad iter, ut legato, opus est, vit eos niilii 
suppeditandos publice curet. Ernest. Exponit Orellius 
mulis vecturae , itineris , mulis vecturae li. e. itineris^ 
nisi mavis cum ilio litteram s toO itineris trahere ad scq, 
et scribere sed in eis. 



IN EPISTOLAS Jò-j 

5 Manul. Lamli. Graevius ut, in ris ctc. , Gronov. ci in 
his ctc. , quod recepit Scliiitz. Tiim Bosius ex Crusel. 
quoniain, quum vulgo esset cum. Ern. coniccit qiuim- 
quam. Habent quoniam etiam cdd. pr. latinitate po- 
stvilante, 

6 Bosius e cod. Crus. dedit ludorum seorsum ciiram. Lami), 
vero ludorum curam. Non male defendit tò suorum Orell., 
et olim Tunstallus, qui cxempla similia rcccuscl png. 7.'j\, 
Sequentia confer cum ep. DCXCIII init. 



DCCXXX. 

I Amb. i6 et cdd. pr. cum Aldo audiendum. 

?. Stctisse respicit moras, quas stans exspcctando traxit ili 

aedibus consulis et alioi'um, qui erant compcllandi, ut 

recte Corradus. Graevius. 

3 Intellige acturum in hac quidcm causa. Ernest. 

4 Lamb. distentum ; cod, Ball. deteiTitnm. Mox Aldus et 
quod. 

5 Intelligtmt deccmviros rlividendis agris. Ernest. Hominem 
appellavit, non viros, per contemtum. Manut. Schiitzius 
afllrmat scptcmviros, non decemviros agris dividundis crea- 
tos fuisse, cdiditque septem hominibus : at quum in epp. 
DCCCXXXVII et DCCCXLV de decemviris sit menlin, 
vulgatam lectionem praetuli, et distinxi sic cum Graetero 
et Orellio. Alitcr Schiitz: Dctcntum. Quod septem hom. 
referendum acceptu/ìi, est illud etc. Sensum exponit Orell. 
Omnis tua molestia decemviris illis rcfcrenda est ac- 
cepta. Quae ego in hac re prò causa Bulhrotia feci, ea 
sunt mihi quidem ipyùSyt etc, 

() De fuga corani dcliberabimus. Lil)b. vett. cum Manut. 
et Lamb. et ut ais coram. Et infra Amb. i6 cum edd, 
pr. ad me se veli?. Cui reseripsi. 



538 ANNOTATIONES 

7 Intellige, ut de suis rebus mccum agcret, et quaedam 
ad me pertinentia mihi i-eferret, narraret. Pcrtincant cor- 
rigebat Corradus , et receperunt Ernest. Schtìtz et I. 
V. Cler. 

8 Filium scilicet, de quo iam ep. DCXCIX: sed vid. cp. scq. 

9 Scit enim pater, quae Qulntus Cicero fil. de Antonio olim 
senserit^ cuius etiam videbatur esse dcxtella*, ep. DCCIV, 
3, ut contra alios exponit Schiitz. Lamb. scit quae etc., et 
infra de hoc mccum: quaedam acpara nolim , cum velt. 
libris. 

10 Quum edd, vett. habeant quae mihi videhuntur où^sv, 
videntur a glossa profeeta esse vcrba id est. 

11 Antonius, homonequam, dignus est, qui in societatem 
illorum hominum improborum, qui civium agros divi- 
dent, adsciscatur. Graev. Mox nomcn Menedemi est e 
coniectura Victorii:^ edd. pr. cum Amb. i6 di', mea est, 
vcl de mea domi est. 



DCCXXXT. 

1 A quo Portasse pecuniam mutuam sumsit (ep. CDXLIV) 
modico Tenore. Haec verba Egi gratias — humaniiis Lamb. 
cum super, epist. coniungit, et hanc sic incipit: Dolahel- 
lae etc. 

2 Grammatico ilìi (ep. DXIX), quem adsciverat sibi Dola- 
bella, et in provinciam praemiserat (ep. DLXXXVIIl, 3 )• 
Idest levissimum quid , quod scilicet non pertineat ad rem 
pub!. Ernest. Manutius , Lamb. aliique prisci modo ali- 
quid etc, quod Muretus probabat. Si mihi verum est, 
expono: mihimandet.^ tamquam eius legato saltem, quod 
Niciae mmciem ; vide ep. sup. 

3 Sic Victor, proxime ms. , qui omnes liabent unteno lumc : 



IN EfISTOLAS 53s) 

rjiiani voccm non nisi menduni esse siTipicati simt vv. 
«lei., quamque ideo varie prò ingcnio corrigere conati 
sunt. Maniit. coniccit ante mr, subandito pc/y^wf, quo<l 
aliqni recepernnt, ut nupor I. V. Cler. Idem et Con-acl. 
coniiciebat, qui etiam cum Lami), ante nos. Bosius hi 
vivw, idcst frustra, inaniter, hoc sensu : quis hanc lega- 
tionem, nullis acceptis mandatis , suscipere vellt? Popma 
ante non. ^wh^ndàto fu giat, scil. haec mala. GronrsYÌrs 
rrnhìj? , >,E7rrvvi£, hoc est subtiliter disquirit: quod rc- 
ccpit Schiitz. Graevius, Ernestius et nuper Orell. Icclio- 
nem codicum retinerc mahicrnnt, quam lubricas et In- 
certas coniecturas sequi, ut ait idem Graevius: qui tamrn 
coniicit Ciceronem scripsisSv^ : quis enim haec . ut .fcì^ìhis , 
atlcndet? Quis observabit, qnae acceperim mandala a 
consnle? Glossator quidam in Tjostro exemplari ed. Aid. 
sic exponit: Quis enini sic inandasset Anfcno? Quomo- 
documque ?'r, verbiim Attici repetit Cicero, ut patet. Tm 
ne mine subaudi qufdern. 

4 Caium luhum Caesarem*, vid. epp. DCXCI et DCCvI 
ante med. 

5 Ad ep. DCCXXT nn. 4. 6. Advivendum, ep. DCCXXIU 
n. 3. 

6 Haec est fere lectio veterum edd. et mss. , inter qtins 
etiam Ambb. Sed ita quis intelligatur, nomo dixerit. IMa- 
nulius corrigebat quo cnsuri snmus. Qnia vero in codrì. 
Tornaes. et Palat. Tunius reperii quid, causa cursus cst^ 
et in Crusel. qua causa occursus est, Schiitzius dedit qvì 
causne cursus est, hoc est, ut nunc res geruntur. Manut. 
Lamb, aliique casunis es , ita ut consentiat cum praeced. 
accipias , quod placet Ernestio; melius Orell. quo cn- 
sura res est. IVfox Sclìiitz foeduni duco. Mutationis nulla 
necessitas. Ed. Roni. fordutn dices. 

7 Sic libri vctt. Ed. lon'?. no.ra, i\M. Lamb. nassa. 



54o AtVNOTATIONES 

8 D. Bruti, qui Autonium interfici cum Cacsarc noluit ^ 

ad cp. DCCXXIII, n. 8. 
g In Hispania. Sermo est de Sex. Pompeio, de quo ad 

ep. DCXCIII n. 4. Edd. vett. Cartìicla. 

10 Conlra Poinpcium exercitum parabunt Antouiani. Ernest. 

11 Sequemur, Antoniine, aii Sexti Pompeii? Media ciiìni 
tollil Anlonius : epp. DCXCIII, n. 6, et DCCVI, 11. 7. 

12 Supple, navim conscendens discedam. 

i3 Prot'ccturus est 5 ep. DCCXXXìV. Mox wào-^w tj, pa- 
tior aliquid, id est commoveor Bruti discessu. 

t4 Iterum \idebimus. 

i5 Irati sint Cacsari, quamquam mortuo, qui agriun Bu- 
throtium proscripsit (epp. DGCXXXVIII et DCCXXXIX), 
unde tibi tot molestiae suiit, ep. sup. init. , et propter 
quam causam Brutum convenire non potes. Ernest. Mox 
edd. sorr. Buthrotum venit; inepte. 

16 Ep. DCCXXVIII med. 

17 Ep. CLXXXIV, 1 et DGCL n. 46. 

18 Ep. CCVI, 3. 

19 Ex Erote. Maiiut. Mos.edd. sorr. requiranu 

20 E:?t Terentiae dote filio reservàtorum. Schiitz, 

Il Laaib. volo proli xius ; \\i ep. DCCXXXVIII n. io. 
Supple cum Corrado sup pedi tari. 

11 Ciceroni ita solvetur, ut ex pi'aediis dotalibus cadet. 
Milli autem , quod prò viatico opus est, non duabus tri- 
busve dandum est pensionibus ut Ciceroni filio, sed vmi- 
versim siraubante, quam discedam. Manut. Malasp. con- 
iecit scd ci ex praediis^ quod Lamb. edidit. 

23 Antonius, qui a Bruto et Cassio practt. sibi inauiter 
timebat* idcirco ep. DCCXXVIII n. 3 dicitur consuluni 
ficlus timor. 

24 Confer ep. DCCXXVIII not. io. 

25 Olim vulgo excitata; cum Lamb. At codd, Meinio. 
apud Lamb. explicata. 



IN EPISTOLAS 541 

a6 Sic Amb. 16, Ern. , Lall. e codd. reg. , I. Vict. Cler. et 

Sdì. Alii Hatic — scribtndam. 
37 Ep. DCCXXVII. Corraci. Tuin ncmini^ intelligo, reddas. 



Dccxxxn. 

I Nempe per legeni, sicut quondam Sulla dictator faclus 
lege Valeria. In quo intelligendum , Quintum tiibunum 
plebis futurum fuisse per Antoniuin. Praesidium , intelli- 
gendus locus urbis munitus, et Capitolium, ut in pote- 
state haberet urbem, et defendere se posset, ut quondam 
Catilinarii statuerant urbis praesidia occupare. Ernest. 
PauUo infra cod. Amb. 16, Ball, et ed. Ro. reeusasse 
autem, ne. 

1 Hoc olim cum Eniestio sic interpretabar , quasi siut 
Terba Q. fìlii ex eixis ad patrcm epistola. Sed iam aptius 
esse video, haec Q. pati'is verba fuisse, qui filium pla- 
caverat promissis CGCC H-S. et rcliquorum spe facta. 
Schiitz. De patre iam accepcrat Popma. Igitur verba ille 
iratiis iutelligenda sunt de filio in Q. patrem. Superiora 
vero ex co sihi illum hostem ex<^onQ cura Corrado: ex 
eo die sibi Antonium hostem factum fuisse. 

3 Scilicet pater, qui aégre tulerat, filium noluisse ferre 
Aquiliam novercam- ep. DCXCIX n, 5. Ernest. Cod. 
Ball, niinim in modum et id g. 

4 Potes et de Statio' ( liberto Q. patris), et de Quinto filio 
intelligere. Equidem de Quinto; nam Marcus videtur nul- 
lam habere fidcm bis Q. filii factis dictisvc. Mongalt. Libb. 
vett. cum Lamb. quem tu etc. 

5 Bene Ernestius et Schiitzius vocabunmi inliberationis e 
glossa accessisse putant, quod itsa'/v valet suspensio de- 
liherationis. At Manutius putat , liic simpliciter valere re- 



J^^ AiSNOTATiO.NES 

IciUiu. De re Cani est de luipLiis Q. filli cuin Cuui filiaj 
epp. DCXXV et DXCI u. io. EJtl. veU. vitiose de vt cuu- 
òUin ddibautioiiis. Tunstall. coriigcl-»at dt regina ( scii. 
Cleopatra ) yu/ ubo. 

6 Quautuui hiuc licei couiicei'e, haec Cani filia prius al- 
tei"i ^iiu liupla fuerat, a quo dos, .soluto uiatrimonio , 
ciigi non poìuerat, quod ciu» Loua non essent solven- 
do. Ideo scripaeral Atiicus, iiova^ tabula^ factum fuisse iu 
illius dote. Quod Cicero nuiujLiam suspicatUs fuerat \ 
ialino pulabat doteui integre restitutam fuis:>e. Bosius. 

7 Ep. DCXC\ ili n. 12. Quod ad Xcnoucni attinel, proh^ 
iocisti. 

8 Scilicet, libi mittam. Schiitz. Opus, opinor, de Ofiìciis. 
Ernest, lui'va edd. lens. et Aldi te ad euni litcras nùsisac. 

9 Scilicel proiicisci; cp. sup. n. i2. 

10 Qui Brundisium venturi viderentur e Macedonia: uude 
paiuut ibi tutus foieni. Ernest. Autonius, Macedonia pro- 
vincia loco M. Bruti impetrata non contentus, Galliam 
Cisaipinam a populo siLi decerni cui'avit. lta(|ue exei- 
citu ex Macedonia Bxamdisiuin traducto belluiu ad\ eraus 
D. Brutum Gallia cedere nolenteni paraLat; ep. DCCLX VI 
sul> init.^ -^PP- ^^^^' Civ. Ili, 8, 3o, 4o et 46. 

11 Quidem hic delenduni cuin Schiitzio videtur, e supe- 
i-ioi-e versu temere repeLitum. Destinarain Ilydi-unUm , 
quod Maaatius vidiL, est, iam consilium ceperam lly- 
orimtem eundi, iBique naviui cunscendeudi. 

12 Quod dixeras mihi aliquaudo, quinque horis in Grac- 
ciani navigar! posse. Ernest. 

i3 Schiitzios Ernestio auctore correxit Ilinc — ijoanlus 
wXoG?; sed, monente Oreiiio, legitur cp, DCCXLIX a 
ined. hatc aatem navigatió. 

44 Eiteras accepL Corrad. 

j5 i-oaipciu.=> in Italiani cutn exercitu veuiat: quod rgo una 
CUI" ''le» vcUcm: ep. DCCXXXI ante mi^<\. Manul. 



IN EPISTOLAS 543 



DCCXXXIII. 

1 Quoiisque occurreat, inquies? Quoad mihi erit integrum 
deliberancli , h. e. quoatl delibei:ai'e poterò: poterò au- 
tem usque dam ad navem perveniam; cf. duas ep. supp. 
et DCCXLII n. 5. 

2 Oratiunculuin . seu comnientariolum , quo Silius in causa 
sua uteretur. Sic recte intellexit ]\Iougaltius ex ep. seq. 
SchiUz. 

3 ]\ovi ei'it. ad me scribe. Haec verba Schiitzius transpo- 
suit, hoc ordine: Silium exspcctaham si quid 7iOi'i : cui 
■j-óu-j. compositum. Lega: cui u;ró,uv>;,!X2 corìiposui. Tu si 
quid noi'i. 

DCCXXXR". 

I In vulgg. vett. haec epist. coniungebatur praecedenti , 
hoc modo : Tahellarius , quem ad eurn miserarn. 

1 Scilicet in Anagninum: ep. DCCXLII. Sckiitz. ISIss. aliqui 
Bnitiim eis profeclum . vel his prof. , vel Baiis pr. , vel 
Puleolis pr.j scilicet ex vitiata scriptura, quac prò /j, //, 
iiteras coniungens fecit his. Lamb. revera H. IL 



DCCXXXV. 

1 Ex lube. Corrad. 
1 Futurum. Idem. 

3 Quiuii subito discedere cogitentj ep. sup. et DCCXXXI. 
Idem. 

4 Putat , Pansam ea , quae loqiiatur . non loqui ex animo , 
sed simulate; ut ab co verba dari vidcautur. Manut. 



544 ANNOTATlOiNES 

5 Lami), non t/uo<I. De Scxto in op. DCCXXXII cxlr. Nul- 
lus ulcganlcr prò non. Male ed. Icns. anniòquc nullia. 

6 Antonius, Cytliciklis amator. Ernest. Nisi victorcni ctc. 
scil. (liclitat neniinem superioi'eiu forc, nisi viiicat ; cp. 
DCCXXXI n. II. 

7 Viro loco erit. Gaaevius ex. ms. Vrsini cuvi utro erit ; 
cum Lamb. 

DCCXXXVI. 

1 Nempe Quiiitiles, non, ut vulgo interpietantiir, VI Rai. 
Imi. Totum enim negotiuni de Bulhrotiis actum est 
mense lunio, quoti intelligitur ex epp. ad L. Plancum 
et Capitonem scriptis DCCXXXVIII et DCCXXXIX. 
Schiilz. Tuni omnia se fccisse., nimirum de Buthroliis, 
ut iam Corradus exposuit. 

1 Edd. sorr. sUitiniquc. 

3 Auib. i6 et ed. Ro. quiim litcris et per abest ab cAd. 
sorr. Tuni pix) antca, alii ante. Mox liberalitate , li. e. 
benignitate. 

4 Anib. i6, codd. Regg. ?»Ian. Lamb. Lalleni. cuius cxi- 
mìani; Ern. Sch. L V. Cler. ut cuius eximiam; Grae- 
vius post edd. vett. ut tuani ex., Aldus et lun. cuius 
tiiam ex.., ex qua iectione suam coneinnavit Orell. cuius 
tum eximiam. Anib. i6 omisit quandam. 

5 Sic Amb. i6 et edd, pr. cum Lamb. et Orell. At Vict 
Graev. et seqq. quani. 

6 Sic in ms. Balliol. reperii Graevius atque edidit. Sic du- 
dum edd. Rom. lens. Asc. Aid. Excidisse casu arbitror ai- 
que etiam in recentioribus. Ernest. Eaedem edd. sorr. a 
me etiam atque etiam. Tum omnes lib]:>. velt. et aucto- 
ritale; rccte. 

"7 Edd. prior. ante Vict. tutam ; et inox edd. sorr. esse 
velis. Immo ed. Ro. ci Consilio tuo t. 



IN EPISTOLAS 545 

8 Ed. Aid. si hoc oncris; at ep. DCCXXXVI ilenun ic- 

currit honoris nostri. Supra Amb. 16 liherahis. 
g Ad libros scribendos, in primis illos de Officiis. Schiilz. 
IO Qua solitus eral ea, quae non probabat, notare. Critici 
in libris perlcgendis, dubia, suspecta, aut improliata si- 
gnare notis quibusdam solebaut, atqiie id fucei'e cera, 
eaque miniata. Confer Salmasium Exerc. Plin. p. 775, 
Politianum Misceli, e. 52 et ep. DGCLXIX iuit. Cerulas 
cniin etc. 

DCCXXXVII. 

1 Plancus. Gorradus coniecit sis locutus. 

1 An de dote^ quae a Q. Cicerone ei debebatur? 

3 De re Buthi-otia. Manut. Ed. Ro. si tu te o. i. 



DCCXXXVIII. 

i Male vulgo L. Fianco. Scliiitz. Id docuit iaui Pighius ad 
A. V. C. DCCX, provocans ad L. Planci ep. DCCCXX. 
Nam L. Plancus , Cn, huius frater , iam vivo Caesare de- 
signatus consul erat, eratque tum temporis in Galliis cum 
imperio, ut notat INIongaltius. ^ ide Borghesi Giorn. Ar- 
cad. lanuai". 1822, p. 78. 

3 Verba uncis inclusa a!)sunt ab Amb, i6, edd. priscis et 
Lamb. Ea addidit Bosius ex. suis libb. Schiitz de senten- 
tia Ernestii tantum /'e, ut spurium et abundans, delevit. 

3 Alii olim ubi. 

4 Nam imperatac pecuniae partem iam ante solverant* re- 
liquae quum soliitionem difì'errent, Caesar eorum agruni 
proscripscrat. Manut. 

5 Sic edd. Rom. Aid. Asc. cum Lamb. aliisque. Vulgo 
CiCER. X. — Lea. T. IX. 35 



546 ANNOTATIONES 

adìimus , vcl contraete adimus. Immo Aid. ndìvimiis Cae- 
sarem. 

6 Scilicet ad petendum agruiii Buthrotiorum. Ernest. Quum 
iam agrum illuni Caesar decreto libéralissimo liberasset. 
Supra ed. Lamb, equidem solebam. 

7 Qui divisionem agri Buthrotii praesentes petebant. Manut. 

8 Transissent agripetae seu agrarii* ep. scq. Cod. Ball, 
cura edd. Rom. et sorr. quum autem mare transìsset. Bu- 
throtum autem proficiscentibus mare transeundum erat, 
ut vidit Manutitis. 

9 Quod enim Caesar in causa Buthrotia nobis postulanti- 
bus decreverat, id postea consules Dolabella et Anto- 
nius decreto probaverunt. Mamit- 

10 Idest copiose. Sic ep. seq. eli. animo lihenti prolìxoque. 
Edd. sorr. non proUxe , sed celeriter f. 



DCCXXXIX. 

I Est C. Ateius Capito, de quo epp. CDXXXIV et DXCIII, 
5. Schiitz. Nihil tamcn certi. 

a Arbitrum et curatorem illius rei \ quem Caesar iam prae- 
fecerat negotio, Ernest. Non igitur necessario Manutius 
corrigendum censebat, ut revera Schiitzius fecit, literas 
ad Plancum dederunt; quamquam favere videntur verba 
epist. sup. ad Plancum : Consules probaverunt emtsam — 
seque ad te literas daturos esse dixerunt. 

3 Lamb. miìd videtur esse; lens. Oninis res eiusni. miki 
videtur, ut sine. 

4 Perturbato ab Antonio, commentariis falso Caesari ad- 
scriptis; ep. DCCXI med. Ed. Rom. lahefacto. 

5 Sic, aiictore Faèrno, rescripsit Ernest, prò vulg. con- 
jirmare. 

6 Ed. Rem. adhibeas. 



IN EPISTOLAS 547 



DCCXLI. 



Multi 



ti enim ad me scribunt, alii consilium menni de pro- 
foctione probantes, alii reprehendentes. ManuL Mox in 
eam curaiii , in eius ilineris cogitationem ; cf. cum ep. 
DCCXLVllI. 
■2 Nempe, Piomam redire. Schiitz. Novi enim coss. magi- 
gistratum Kal. lanuariis erant adituri, coque die senatus 
futurus. 

3 Neutram, iuquit, in partem propendeo, voi ad Non. Dc- 
cembr. adero, vel non ante Kal. lan., utoumquc tu pro- 
babis, si sic tamen potest res componi, ut uihil ofi'ensio- 
nis sit, hoc est, ut haec dilatio. atque absentia a re p. 
opem a me postulante, nullam pracbeat materiam ser- 
monibus. Vulgo sic tamen ^ ut si nihil o. sit. At si dek- 
vit Ernestius auctoritate edd. Rem. et lens. Olivetus vero 
si sic tamen ^ ut nihil. 

4 Supple, a Clodio commissum est. Mysteria scilicet Bonae 
Deae indicas, ut redeam. Quaesierat Cicero, an non ope- 
rae pretium esset, Romae se adesse circiter Nonas Dee., 
propterea quod IV Idus Dee, inituri essent magistratum 
novi ti'ibuni, quorum non pauci Bruto favebarit et Cassio j 
atque unus etiam particeps coniurationis adversus Cae- 
sarem fuerat. Vt designaret Nonas Decembr. , quo die 
et sacra Bonae Deae polluerat Clodius (epp. XVI, 4 ci 
XVIII, 3), et Cicero cos. iu custodiara tradiderat prin- 
cipes Catilinariae coniurationis , scripserat idem Cicero : 
mystcrioruiii die/n ; rescripserat autem Alticus : quo die 
olim piaculuni commissum est. A vera huius loci sen- 
tentia multos avertit opinio quod sacra Bonae Deae Kal. 
Maiis fierent. ut innuunt Ovidius, Fast. V, 148, et Ma- 



548 ANNOTATIONES 

crobius, Saturi!. I, 12. Sed dicenckun est, mutatam fnisse 
diem ol) religlonem. Moneo tamen, haec omnia esse ex 
eniendatione et interpretatione Bosii , Gronovii Obs. IV, 
g, Mongaltii et Oliveti. Libri enim ita sunt corrupti, ut 
nihil inde certi esse possitj ex. e. Amb. 16 et edd. pr. 
et tu etiam scirc quo die Olimpìacum mysterìa scilicet; 
pseudo-cod. apud Vrsinum Aveo etiam scire quo die 
Olympia etc. Lamb. te tu etiam scile quo die Olym^ 
pia, quo mysteria scilicet. 

5 QuocunKjue modo, inquit, se res liabeat, si ve bonum 
sit, sive periculosmxi mense lanuario navigare. Bosius. 
Sic ipse Bosius e cod, Crusel. et seqq. , sensu commodo. 
Vict. et Manut. ex libris ut tu scires; Lamb. ut tu scrì- 
his. Casus ^ idest eventus, ut res cadet. 

6 Cum Victorio vereor, ne quod mendum hic lateat^ nam 
vett. lib. habent duhitem his igitw. 

7 Edd. veti, cum Lamb. hiberna enim ma', od. At Amb. 16 
tnim hiberna; quod cum dici non posset, facilius tò enim 
post hiberna transtulerunt magistri , quam excidisse est 
ante enim suspicarentur. 

8 Duas ob causas, et ut sim Romae, quo die tribuni pi. 
inituri sunt magistratura, et ut hibernam in reditu a 
Graecia navigationera , quantum possim, efTugiam. 



DCCXLIL 

i Quale sit, ignoratur. Videtnr, inquit Ernestius, causa 
pecuniaria fuisse, nata a fìlio. 

a Vulgo olim Silio. Sed in edd. lens. et Victor, est /?//o, 
quod cum Ernestio praetuli. Schiitz. Quae sequuntur 
hausit acute Bosius ex cod. Crus. vestigiis, et receperunt 
seqq. Libb. ceteri corrupte Silio mandibili Pisonem vel- 
Um; ed, Ro. Crusellino accedens Silio inaudibili Pis. etc. 



IN EPISTOLAS 549 

3 Nimirum legatione libera. JNIox Graev. ■^. SC. 

4 Sic Aldus, Graevius, Ern. Quum alii ex. volt, libris habeant 
idem illud , explanat Orell. , idem illud, quod saepe iatn 
petivit. Cum Ernestio et I. Y. Cler. secliisimus: Lamb. 
vero et Schiitz eiecerunt. Latet in illis verbum , ut lu- 
dit, ilhcdity petit, quaerit etc. 

5 Idest, ita, ut iatn non sit in mea potestate ludis inter- 
esse. Edd. priscae ut sit integrum'^ et mox prò dc'in\m~ 
bent de me, unde Graevius corrigcbat Dein de me àr. 

6 Sic locum constituit Lamb. ex mss. ^ antea vulgo edeba- 
tur mihi ut non necesse est spectave^ sic nec honestum 
estj vel sic ncmineni ne li. est^ vel sic venire ne hone- 
stum quidcm est. 

7 Ab ipso statim ludorum initio. 3Ianut. Ad me, supple 
rescrihas , vel rcferas. Mox lib. \ett. quemadm, accipian- 
tur ìli liuli. 

8 Scilicet, Bruti. INIox illa suspectum erat I. F. Gronovio. 
Ab edd. pr. abest est. 

9 Hoc estj modo fortis animi, modo abiecti. Olim vulgo 
aberat parteni; male, conf. ep. DCCXLVI init. 

10 Idest, virilis animi et strenui facta, facinora proponit. 

11 Ei'at enim ita scripta, ut, quid signiticaret, vix. Cicero 
posset interpretari , quod et infra scribit ep. DCCXLIII, 
Et Plutarchus in Brut., p. gSS, nimiam brevitatem notat 
in epistolis Bruti. Manut. 

12 Sic Bosius e codd. Crus. et Tom. Olim vulgo easqiic 
a Tnsculano. 

i3 Vid. ep. DCCXXXI n. 12. 

14 Sic idem Bosius ex. eodem Crusell. Sed in edd. priscis 
locus hic est foede vitiatus. A. i6 liberavi sine pauco 
spe in extr. , edd. Ro. et Aid. libera vis me panca epe 
in extr. , lens. liberaris mcque panca spe in extr. Lamb. 



-550 ANNOTATIONES 

libera ; ei sine paucos speciis in extr. Olivetiis acute con- 
jecit is metuit p. s.^ in textum recepii Schiitzius. Sed 
Cicero hic fortasse abrupte loquitur, ut saepc alias, prac- 
sertim ad Atticuni ^ atque ideo aut subaudicndiun fodere 
me velie metuit , aut propius mss. corrigendum meos. In- 
fra vero putal est e correctione, .quiim in iisdcni libris 
vett. et vulgo sit apud tale (vel Talnae) quid h. Legi 
etiam posset aut tale quid h. Quomodocumque sit, sen- 
sus hic esse videtur, ut bene Oliv. explicat: Voluerat 
Cicero paucos specus, idest aquaeductus effodere in ex- 
tremo fundo suo. Aelius vicinus metuebat, ne, si probi - 
bcret, infensum haberet Ciceronem^ si non prohiberet, 
aliquam suo ipse fundo servitutem susciperet. Ea igitur 
vult Cicei'O cura hominem liberari, et Attico n^andat, 
ut ei significet, se consilium mutasse, nihilque sibi tanti 
esse, ut tahs vicini gratiam amittat. 

i5 Tulliamim caput vocat, quod infra ep. DCCXLV Tul- 
lianum semissem. Caput enim quandoque sorteni et pc- 
cuniae summam significai. Bosius. Sic edidit Victor. Edd. 
priscae cum Lamb. idem de ilio T. cupide libero. 

ji6 Idest, nisi tu homo maius dolum illorum pcrvidisses. 
Ilypallage eìegans et redolens familiaritatem sumraaui. 
luìiius. Affidsset^ hoc est, mihi praesto fuiiset. Schiitzius 
correx.it ^ffi^Aef, in quo elegans illa malitiae prosopopcia 
evanescit. 

17 Edd. vett. usque ad Vict. itaque ut erit. 

18 Ita iocum hunc foede corruptum in antiquis libris {Orta- 
vam partem tuli luminarium in aediuni ad Stranae me- 
mineris) recte coustitulum puto ad Corradi potissimum 
sententiam. Nempe Cicero aedes habebat in Carinis (ep. 
XCIX, 8) haud procul a Streniae fano vel sacello, in 
quibus octavam partem fcnestrarum tolli , hòc est ob- 
strui volebat. Schiitz. Lamb. Oct. part. Tullianarum- ae- 



IN EPISTOLAS 55 I 

diiim; Ball, cum ed. Rom. tuli luminarium medium ah- 
strahere , sicque fere Aid.', at lens. aliique volt, libri lu- 
mìnarum aedium Asturae. Alii aliter. Vide apud Graev., 
et ibi doctoi'um vv. varias interpi'etationes. 
ig Sic Gronovius emcndavit vulgatum cui Cerellia — dare^ 
hoc sensu: quod Cerellia proscripsit praedium, curaljis 
tibi mancipio dari meo nomine prò ea pecmiia, quam 
« licitatores in auctione maximam obtulerunt. Schiitzius. 
Lamb. quod Caerelliae videris mancipio dare eam sum- 
mam. 

20 Hic verba quaedam interciderunt , sine libris melioribus 
haud supplenda. Idem. Potest etiam esse abruptio, quam 
Atticus facile supplere potuerit, et forte subaudicndum 
est cojivenict , vel alloquetur. Esse nomen proprium ho- 
minis, videre est iterum ex ep. DCCXLV. M. Ennius 
suspectum nomen est Corrado. Edd. vett. cum Lamb, 
excusare fard. Ut. mearum et modum ìstum. Mennius. 

21 Tu enini curiosus es^ idcirco verisimile non est, id te 
ignorare , quum id scire volueris. Bosius. Edd. vett. cum 
Lamb. curiosius facias , vel curiosius enim f. 



DCCXLin. 

1 Sic ex cp. sup. et DCCXLVII, i Mongaltius, Lall. Schiitf, 
I. V. Clcr. et Orell. Vulg. in Tnsculanum. Mox edd. an- 
tiquae cum Lami), iho igitur. Quoiidie etc. 

1 Qui oblitus fueris, quod mandareram, ut eam iuòeres 
salvere. Conrad. Edd. Rom. et lens. in me transfere s : 
ei tamen conf. 

3 lunius ex suis mss. me intimo totam amore meo mecum 
abstulisse:^ sed intimo est e correctione ipsius. Edd. sorr. 
me minime totum amorem ah tu mecum abst. , Graev. 



552 ANNOTATIONES 

Ci Eni. me minime totum a. co m. attulisse-^ Schiitz re= 
posuil me minime toliim amorem cius mccum ahst. , sci- 
licet in Graeciam. 

DCCXLIV. 

1 Sextium Nasonem, unum ex percussoribus Cacsaris; cp. 
DCCXXVIII extr. 

2 Quod me Puteolos, ut tu scribis, prosecuturus est, hu- 
mane facit;^ quod autcni queritur, quia de Cosano re- 
deuntem non cxspectavi^ hoc scilicet iniuste. Manut. 

3 Cuius pauca supersunt fragmenta. In sup. sent. Lamb. 
De Bnito scriham ad omnia. Duos de Gloria libros Ci- 
ceronis se vidisse mcminit Petrarcha. 

4 Ep. DCCX II. i3. 

5 Intclligit, ni fallor, de ncgotio Buthrotìo, quod commen- 
davit per literas Planco, quae sunt DCCXXXVIII. Victor. 

6 Intelligi puto mimani , aut aliam concubinam , cum qua 
se oblectabat Antonius, quas exagitat toties in Philippi- 
cis. Graev. Tuni de Statuarum coronis^ quae vel inipo- 
sitae fuerunt Pompcii Magni slatuis, ut putat Mongal- 
tius, vel de lulii Caesaris aut Antonii statuis detractae, 
ut Graevius. In l'c obscura, inquit ipse, licct hariolari, 
Antea vulgo de Bacchi , de statuis. Infra Aid. ^'alde est 
mihi gratum. 

7 Athenis versante cum M. Cicerone filio- ep. DCXCVIII 
n. IO. Anib. i6, edd, Roni. et sovr. sed de Erote (Amb. 
tamen Hcrode). Lamb. Et de Herode et de Meltio. Tum 
Lamb. Bosius et J-eqq., praeter Orell. , suspicabor, non 
sine codd. 

8 Sic distingucnduni ccnseo. Subaudio autem : qui me op- 
primit, dum haec ad te scribo. Yuìgo suspicabor modo. 
O turpcm — Quum fiate scr. Scd tò o ncque Amb. iG, 



IN EPISTOLAS 553 

ncque edd. pr. liahcnt^ et mclius al^est. Schiitz coirigit 
suspicahor modo. OhlurhabaL vie sor. t. filius. 
9 Bobus ah aratro soliitis'^ Iliad. II, 779^ idest, vcspei-e. 



DCCXLV. 

1 Oniiserunt Bruti Man. et Lamb, Nullus tu quidcm do- 
mum, li. e. non tu quidem ad euni domum vencris* sed 
sic ubi ineiderit, alloquaris* ep. DCCXLII a med., ut Ma- 
nutius explanat. 

2 Ep. cit. n. i5. Mox. libb. vet. maxìniam , se. curam. 

3 Et hoc ignotum noinen. Ed. Piom. cum Lamb. Cotliano. 

4 Epp. DCCXXIX n. 3 et DCCXXIII, 2, Edd. Rom. et 
Aid. Lcg. tìhi probari'j optime. 

5 \ t brevi congrediamur; ep. DCCXLIII. Maniit. 

6 Foi'tasse significat Serviliam; ep. DCCXXIII, i med. , vcl 
Atticam, quac sacpe aegrotabat; ep. CDXLI. Conrad. Me- 
tuo, ne parum iucundus ei meus sit rcditus. Dictum ioco. 
Atticus, ad superioreui l'cspondens epistolani, scripserat, 
spem esse, redituruni brevi Ciceronem , et cum suis Ro- 
mae victurum : id esse omnibus iucundissimum , praeter 
quam uni Atticae, quae placari noUet. Dictum hoc quo- 
que per iocuni. Mongalt. 

7 L. Fianco et Decimo Bruto consulibus in an. DCGXI 
designatis. Schiitz. 

8 Sextiun Pompeium arma deponcrenollem; epp. DCCXXXII 

extr. et DCCXXXV. 

9 Bosius et seqq. , Orell. excepto, ad omnia tua, contra 
libros. 

I o Prosccutus est , vcl potius proscquetur profecturum ; 
ep. DCCXLVII, I. Corrad. Edd. lens. et Aid. usque 
PiUeolos {'emi. Mox Fa^onium , ullinuun civcm, Catonis 



554 ANNOTATIONES 

imitatorcm. Àsinium^ PoUionem, lulianis partihus fidnm , 
ut tradii Vellcius II, 63. Hinc male coinpositum hoc par 
piitant Ernestius et Moiigaltius , «[uoruni prior coniicicbat 
legcndum Favonhun alterum: nihil opus. Nam id ipsum 
significare videtur: Mirus civis ita, ut Asinium diccrcs 
esse alternm Favonium. Ironice. 

11 Lanib. el qiiocl nicciini arseiacca^ccL vult, et quod cimi 
Bruto. Edd. pr. et ut mccum , et ut oitt Scil. et ut me- 
cum sit quoad ei licet. 

12 Hic est Quinti filius. luliam^ Olhonis uxorem, sibi 
nuptias suas offerrc. Ernest. Ferre^ vel de/erre, subaù- 
diendum condìtionem ; quod loqucndi genus vide apud 
Svet, in lui. e. 27, prò offerrc matrimonium. Edd. sorr. 
Othonis, Alt mìhi luUani non velie aniplius ferre. Alii, 
teste Victorio , ah hic hunc vìx luliani ferre ; Lamb. ait 
hic — ferri; ed. Bosii ait hic sibi luliani. Fere constitu- 
tiini enini esse discidiuni^ hoc est divortiuni cum Othone. 

i3 Dixi, me luliae patrem cognovisse^ illam auteni de fa- 
cie tantum ', de fama nihil scire. Manut. Lamb. Dixi sane 
nihil me — de ore et patre ; edd. lens. et Aid. Dixi sane 
me nihil etc. Mox idem Lamb. sed ciir tu; edd. pr. et 
Aid. cursus vel rursus. 

i4 luliam ducere. Manul. In seq. membro Orell. pittare 
aia esse vera , ex coniect. Malaspinae. Libri omnes cor- 
rupte. 

i5 Pater nihil ahud spectat, nisi ut nullos ampUus sumtus 
in fìlium facere debeat, ilio coniugio inito. Ernest. Lamb. 
(Tx.Ó7ro; hic est enini. 

16 JVon in co. lulia autem non in eo ponit causam, quod 
Q. filius dives non sit, ut nuptiis abslineat. Olim vulgo 
ow TTxpà ToÙTOv. Sìc fcrc Bosius , qui oO mipx toùtov emen- 
dabat. 

17 Lamb. obsignata. Infra hiuic Buthrotiwn.^ scil. Buthrotiis 



IN EPISTOLAS 555 

)irgotiis a Cacsarc pracfeckim • confor op. DCCXXXVIII. 
Hoc addidit per confcnitiiin. Infoiius Ern. Sch. I. V. 
Clei'icus //// Non. 

i8 Tristem et vestita mocroicm indicante. Phalerae pro- 
prie sunt, quae fìontibus equorum, ornatus gratia, ini- 
pouMiitur. Metano otvtw? aliis de rebus usurpantur. 3Ianut. 
i\mh. iG et cdd. vett. vidi esse diinissiim, vel dcin. 

19 Qui Plancuin sccuti partein agri Buthrotii petierant , 
sedem in alieno quaerentes • epp. DCCXLVII , 2 et 
DCCXLIX, 1 et Phil. VII, 6. Idem. Rumor liic au- 
tem falsus fuerat; vid, ep. DCCL, i. 



DCCXLVI. 

1 Super hoc nomcn pugnant codd. , alter contra alterum, 
tum contra se ipsos. Aliqui enini quum scribant hic Jp- 
pio , hiabent in interiore epistola Oppi, vel contra. Nos 
Manutium aliosque secuti sumus, sivc quia Oppium no- 
stri lib. Mudtis partibus plures tucntur utrobique, sivc 
quia C, Oppium Caesarianum liiisse coiistat, inimo C. 
Caesaris legatum , ut tradii Hirtius Bell. AfV. e. (jl^. 
Anib. i3 M. Oppio, de quo praenomine in epp. nulla 
alia nientio, iiisi in CCXXIII. 3. 

2 In Graeciam^ ep. DCCXXXilI et DCCLX, i. 

3 Cod. Amb. i5 Nam scr. — r/itod tihi videhatur. Mox 
Anib. 7 altidit. 

4 Eundum ad Pompeiuni. Hinc illa officiutn ineuni , de 
me a fide et conslanda , intelJigenda sunt de Cicerone in 
Ponipeium, quemadniodum suadent inler ccteras epp. 
CDLXX, CDLXXII init. et DCCXV n. io. Mox Lamb. 
sumqHc admiratas et fide m. 

5 Caesarcui. Corrad. 



556 ' ANNOTATIONES 

6 Caesaris voluntas erat uti Ciceionis consiliis et opera in 
bello civili (epp. CCCXLVII, A et CCCLVII, A), vcl sal- 
telli ul Cicero ad Pompeium non iret; ep. CCCLXXIV, B. 

7 In castris Pompeii. 

8 A proelio Pharsalico, sive Brundisiiun ( ep. CCCXCV), 
sive Romani', epp. CDXXX et seq. 

c) Sic edd. pr. , niss. Guelf. 2, Erncstinus et Ambb. y et i3 
aliiquc. Ante Ernest, fulc ci de const. 

10 Sic Ambb. 12, i3, et edd. pr. eum Lamb. Ern. et seqq. 
Vulgo antea et tolum te. 

1 1 Lamb. quain quod. 

12 Pai. tert. Stew. Amst. et Ambb. 6 et i4 cum edd. Roni. 
et lens. incognita, scilicet ex inlerprelatione librarii. 



DCCXLVII. 

1 Insulam Campaniae, in qua erat villa LucuUi filii, ubi 
erat Brutus^ Plin. XIX, 8. Edd. priscae cum Lamb. P^eni 
in Pai. iens ad Bruliun in Ncside. Ball, cum nonnullis 
edd. J^. in P. flens ad Bruluni. In Neside. Infra cenanti 
Eros, scil. mihi cenanti Eros reddidit. 

2 Sci'ipserat Atticas Ciceroni, Bruti ludos (ep. DCCXLII) 
esse proscriptos sic : a Nonis luliis ad IH Idus. Cicero 
autem indignatur, niensis Quintilis nomen in honorem 
Caesaris niutatum in luliwn'^ nec id solum, sed auda- 
ciani etiam detestatur illius , qui illa voce proscripsit lu- 
dos Bruti, eius scilicet, qui ipsum luliuni non ferens , 
vita privavit. Dio Cass. XLV, 7 : Qiiippe et niensis eius 
nalalis siinili de causa lulius noniinatus ; et sic lib. 
XLIV, 5. Vide Svet. in lui. 'jQ'., Macr. I, 12; Plut. in 
Numa p. 72; Appian. Bell. Civ. II, 106 et V, 97; Fio- 
rum IV, 2, 91 • Censor. e. 22, aliosque. Sic fere Manu- 
tius. Dii lieve, istis , scil, Antouianis male faciant. 



i 



IW EPISTOLAS 55^ 

3 Constructio haec offendit iam et Lamb. et Graev. : idco- 
que Icgendum censent hic Quicquam ne turpias Bruto , 
quam luliis? ille Bruto ^ Iidiis? idest, potestne quic- 
quam turpius esse Bruto, quam eius ludos ita esse pi'O- 
scriptos ? Me iiihil offendit ^ explano : Quicquam ne tur-. , 
pius uUi, quam Bruto vox luliis? 

4 Potest esse àTroTJwTr/jdi?, ut sit nihil {'idi turpius. Manut. 
Hoc tamen iaai dixit illis verbis : quicquamne turpius — 
luliis. "Eri èw/isv vero edidit Bosius, idest, adhuc ne sini- 
mus? Turnebus nihil vidi explanat: Imprudens fui, qui 
mutaverim consilium , nec abire decrevex'im. Edd. pr. 
igitur £),5w,a£v, Lamb, igitur ^éwfisv. N. k'. 

5 Sic Manutius emenda vit e vestigiis Bessarionaei libri 5 
nam in ceteris mss. et edd. legebatur ita enim nicdita- 
har.j vel mediabani; Lamb. i. e. ìnaudiebam. Cf. ep. 
DCCXLV extr. 

6 Gaudeo quidem meam profectionem laudai'i : sed, quo- 
niam Dymaci mare infestum habent ita, ut tuta non sit 
navigatio, videndum est, ut, si forte ob id sit manen- 
dum, mansia quoque laudetur. Corrad. Verba haec vi- 
dendum est ut m. laudetur, ut alieno prorsus loco in- 
clusa, Eniestius, imitante Schiitzio, transposuit post illa: 
Meam prof. laud. gaudeo , cum quibus necessariam con- 
nexionem habent. Id quidem iam viderunt et alii: sed 
fieri potest, ut bene animadvertit Victorius, ut poste- 
riora ilia nondum in mentcm Ciceroni venerint, et ideo 
post subiecerit. 

7 Forte quod Venlidius , qui erat Antonii amicissimus , 
cnactis militibus, adventare diceretur. Manut. 

8 Pompeio: ep. DCCXLV n. 8. 

9 Eum posthaec usurpaturum; supra dix.it, famam esse, 
arma aliiecluruiu Pompeium. lùiieòt. Mss. plurcs et edd. 
vett. cuni Vict. et Lamb. ad arma, subaudito venturum 



558 ANNOTATIONES 

(■.s:<.(; : (]iìoil ro[in;^nal sc(jueiiti!)us. Scd^ ut sensus coiista- 
ret, liaml>. dedit non òiiic bello civili. 

10 Pansac scilicel et Ilirlii coiisuliini dcsignatoriim in Kal. 
iamiarias seqiieiilis anni, de quorum languore, efl'emi- 
iiatoqiie animo ep. DCCLXXX. Dementia est , inquit , 
in islis spem haLerc. Sei] oratorie loculum pulo Cice- 
ronem potlus, qaam vercf, et", ep. DCCCXI init. 

11 Hoc est, ducentis decem niillibus nummum commode 
consulemus Ciceroni nostro, eiustpie aes alienum dissol- 
vere poterimus. Ed. Manut. De H-S ccx opli/ne etc. 

12 Supple , venit : rccens prò l'ccenler. Lamb. n-cemct 
ììiiiUa. 

i3 De Cicerone fliio narravit. Schiitz. 

i4 liabcrc se in niaudatis, a (ilio mandatum sibi esse, ut 
Ciceroni meo abunde sit. liaec est explanatio Malaspi- 
nae. Male bine Schùtzius de sententia Lamb. et Erne- 
stii vei'ba in mandatis sit ahimde eiecit. Post Man. et 
Bosium in ni. sat abunde usq. ad OreUium. 

i5 Xeno, Attico mandante, pecuniain Atlienis Ciceroni (ilio 
numerabat (ep. DCXCVIII), sed parvis pensionibus *, con- 
l'er ep. DCCLIV, i. Vulgo additar idcst minutalini, quod 
glossema gracci vocabuli '/Hdy^pMc, esse, omncs Tacile vi- 
derunt : sed nullus ausus est elicere, praeter Oliv. et 
Schiilz : tantum uneis includere. Edd. nonnullae xarà 

i6 Quoti plus solvendum fìlio Athenis permutatione cura- 
sti, quam mercedes insularum Argileti et Aventini (epp. 
DL, n. 8; DCCXXYÌII, n. 9) cITlciunt, id ei conceda- 
ti ;r supra annuam pensiouem, prò sumtu, quem primo 
an!io fecit, quum esset Athenas profectus. Quod plus etc. 
rescripsit Schùtzius, suadente Erneslio. Amb. 16, edd. pr. 
cum Aldo Quae quo plus. 

Ij Quoniam assignavimus Ciceroni (juauluin ex iusulis re- 



IN EPISTOLAS 559 

cìperetur, deinceps detur ei ad H-S LXXX: quoniam 
tanti nuiic insulae locantur , quac antca tantummodo 
LXXII locabantur. Ex Kal. autein ylpr., quia Ciceroni 
filio id erat annui temporis initiuni: vide ep. DCCXXVII 
med. /. F. Gronov. Ainb. iG et cdd. vett. cum Aid. et 
Lamb. Hic ex Kul. etc. , ut ad sumtus rcferatur. 

18 Necessarium (filio) futurum sit in sumtum. Ernest. 

19 Quum enim Publiliae, uxoris meae, matrem ferre non 
possini, divortium erit faciendum: ita, dote reddita , re 
familiai'i comminuti unde filio suppeditabimus? Manut. 

ao Sic mss. et edd. ant. At Bos. Graev. Scbiitz decuma- 
no. Quum res obscura sit, inquit Manut., statui niliil 
potest. 

3 1 Talem, qualis erat Cato, futurum • confer ep. DCCXXXII. 
Ed. lens. segai Catonem, quod si veruni esset, postularet 
velie. 

aa Cfer ep. se(j. 3. Edd. sorr. cognosces. 

23 Ne me fidem habuisse verbis Quinti filii putares, ut 
Manut. exponit. 

24 Manut. et Oliv. hic àffOiTtwcnjdiv suspicati , puncta reti- 
centiae interiiciunt, sic: Sed ego . . . Nihil dico amplius. 
Nec ego secus existimarim ; ita subaudiri potest : vereor, 
ut talia promissa impleat. 

25 Quintus filius liinc Tult profìcisci. Corrad. Amb. iG 
f^I Id., quod recepii I. V. Cler. ex ed. Ro., probante 
Ern. Ed. lens. /// Idus, Aid. //// Id. 

26 Soilicet factum esse in Idus: hoc est, solution! pecuniac 
debitae destinatas esse Idus. 

27 Amb. 16, edd. Ro. Aid. cum Lamb. meditabere ; lens. 
re.^pondeas video , moderabor plura. 



56o ANNOTATIONES 



DCCXLVIII. 

1 Altii poetac fabula in ludis Bruti ( cpp. DCCXLVI et 
DCCXXIII ) acta. Negationem non sustulit Schiitz au- 
ctore Manutio. Alii quoque vidcnt, sensum eam rcspue- 
re, atquc ortam esse e rcpetitione primae syllabae toù 
novwn. Posset etiain esse mcndose scriptum prò nonien , 
scil. Terei, quod novum visum esset Bruto. 

2 Aliam Attii tragoediam de L. Bruto, qui Tarquinium re- 
gem eiecit. Schiitz. 

3 Idest, quum Graeci ludi ederentur, rumor erat allatus, 
infrcquentem populum adfuisse spectaculo. Graeci ludi 
erant scenici, sive musici^ cp. CXXV'I. Mox edd. Tctt. 
(juae quidem. Tum infra ed. Eom. qiiae — existiniareni. 

4 Quintus Cicero fìllus, cui Tullius hanc ipsam epistolam 
perferendam dederat. Itaque eum ambitiosius et impen- 
sius laudat. Confer epp. sup. 6 et DCCLIV, i. Schiitz. 

5 Ernest, coniecit quamdiu^ quod iam ediderat Larab, 

6 Edd. h\ò\ ell^mnh. minime putabam {\e\ putarem) , sa- 
tisfacìehat. 

7 Anib. i6 et ed. Ro. vespondcrem. 

8 Lamb. tihi gratuler. 

«) Mss. et edd. Plo. Aid. quum spem. Mox de óftocj^ota, 
ep. seq. 3. Tum arripere Victorius cum ed. lens. Antea 
legebatur nccipere. 

10 Ep. seq. 3 et DCCVIII ante med. In sup. membro ed. 
lens. si qui forie casus occurrant. 

1 1 Hoc puto referendum ad illud epistolae DCCXLIV: Te ^ 
ut a me discesscris j lacrj /nasse., moleste ferebam. Quod 
•SI me praesente fecisscs ^ consilium tolius itìneris — mu- 
tassem. Mong. 



IN EPISTOLAS 56 1 

12 Vide, iiiquil, <jLiid niilii f'aciendum sit, et circuuispice 
ante, quaai navigem, ne forte me postea pudeat. Corrad. 
Circuinspice, inquit Cicero, ninn ijuis sit aliiis, cuius eu- 
piditate remanere velim, sed ante oculos liios, et in os 
tuum hoc dicere erubesco, ne me blandum existinies. 
/. F. GronoK'. Edd. sorr. circumspicies. Lamb. anlcquaiii 
erubesco. 

i3 Quibus Lepidum, (jui erat pontitex max., cum augii- 
rum collegio dare operara auspiciis oportebat. Forte au- 
tem ii dies in Kal. lanuar. reiecti erant, ex coque lae- 
tatur Cicero , quod eius Consilio ( nam augur erat ) rc- 
deundi Romani e Graecia belle conveniebant. Addidc- 
runt L'pide Malasp. Bosius et seqq. ex libb. Tuni olim 
et aptos. 

i4 Inest, quum te aftore promittas- ep. DCCLIV, i. Corrad. 

i5 Cornelii Nepotis, clarissimi liistorici, ad quem fuerant 
Ciceronis lijjri cpistolarum duo inscripti ( lutrod. in episl. 
p. XXVII ). Mcoruni , scil. scriptorum. 

16 Nepos non niuUuni tribuobat philosopliiae , atque adeo 
exagitabat ipsos philosophosj quod indicant ipsius verba 
ex ep. ad Cicer. , quac Lactantius refert Instit. Ili, i5, 
quaeque iam a Popma laudautur. 

1 7 Atticus scripserat , Nepotem esse f^sf'' à//u|:xova , idest post 
carentcììi naevo ^ sigiiillcans, Ciccronem caiere naevo, ac 
proiode ante INepoleui esse ponendum. Ul retorquet in 
Atliouui Cicero, ipsum esse scilicet luicvo careiitcni. Nc- 
|)otem auteni à^,3jOOTov , hoc est ininiortaleni , divinmn, 
llespicitur lliad. li, 674, «bi Niraeus foj-mosissimus di- 
ci tur post Achillem naevo careutem. 

18 lliuc volunt, scd pcrperam, fuisse omnes a Tirouc col- 
lectas. Recole Iiilrod. in Episl. pag. XIX. 



Cictii. X. — Leu. T. IX. 36 



562 ANNOTATIONKS 



DCCXLIX, 

1 Vt, inquit, exposui et narravi his literis, quas Quinlus 
heri tibi vel fortasse hodie ( is enim dixit , a datis lite- 
i*is altero die se Romae fore) reddidit, ita in Nesida Vili 
Idus sum profectus. Ibi erat Brutus^ epp. DCCXLVII, i 
DCCL, 3, DCCLIV, 2. Corraci. 

1 Ep. DCCXLVII, I. 

3 Vide ad ep. CXXVI, i. Eam prò etiam correxit Schiitz, 
Ernestio auctore: male, opinorj nam patet proscrìhere 
pertinere simul et ad ludos. Proscriberent /// Id. Qiiint. , 
non autem Iidias. 

4 Scil. libertum. Victor, ex antiquo cod, ciim ed. pr. et 
Graev. suiun libertum^ sic et Amb, 16. Lamb. omisit al- 
terum libertum, scil. post Pompeii. 

5 Pompeio, Libonis genero, ut ex Dione XLVIII, 16 co- 
gnoscitur. Manut. 

6 Quia ex sententia Ciceronis, consulum nomine indigni 
erant Dolabella et Antonius. 

7 Vt, si quid videretur notandum, diceremus^ ut exponit 
Ernestius, Lamb. et Graev. legil. Dixi^ quid videretur. 

8 Miiius proprie dieta esse, in literis Sex. Pompeii. Mox 
edd. vett. celerà, vel ceteraque. 

9 Quod erant inscriptae solum coss. ( consulibus ) , nol^is 
addi placuit etiam Praetoribus , Tribiinis plebis , Senatui; 
ne consules, si alii magistratvis eas peterent inspiciendas, 
negandi causam nanciscerentur ex eo, quod ad se solinn 
missae essent. Infra statim edd. vett. cum Aldo, Lamb. 
ad seipsos. 

}o Edd. soror. cum Lami), nuntiavit; ut ad Liboncm re- 
feratur. 



IN EPISTOLAS ' 563 

1 1 Follasse Bì^tnani , quod nomen est oppidi in Ilispa- 

iiia. Turncbus coniecerat Ebovain in Lusitania. Schiitz. 

Borìon, (|uod niomorat IMiuius V, 4 5 ^-'St promontoriuin 

Africae ad Syrtim maiorcm. 

1 1 Interfecto. 

i3 Niliil esse, cur a se xVntoniiis et leliqiii paceni spera- 

rentj se ab armis non recessuriun , uisi in doinutu pa- 

tris sui publicatara et -venditam ab Antonio (Phil. II, 3G, 

XIII, 17 ) sibi liceret reverti. 

i4 Hoc est, Antonius, Lepidus, D. Crutus ceterique rei 

pubi, iinperatores impci'io abdicarent. 
i5 Lanib. video non. Mox aliquid literarum^ supple acci- 
piam, vel mittatur ad me, scil. ab Attico, vel alils. 

16 E porta Puteolano. Schiitz. Vel Hydriintc. 

17 A piratls. Idem. 

18 Noiuen a Busio cmendatiun. Edd. pr. et leelis ^ vel et 
testibiis. 

DCCL. 

I Solntioneni petenti satisfaceret. Ernest. Scil. prò parte 
hereditatis Cluvianae, quam Cicero ab eo emerat Edd. 
Ro. Aldi cum Lamb, esset cimi Hortensio. 

1 Qui f'uerint illi equites, et quodnam negotiiun fiierit , 
de (jLiu cuni illis constituerat Eros, id sane, ut multa 
alia in bis epistolis, ignoramus* Attico tamen procul du- 
bio f'uerunt perspeetissima. Non inepte Manutius, Publi- 
lios hic intelligi , coniicit, qui post divorlium cum Pu- 
blilia flagitabant rcstitutionem dotis, ut cum bis consti- 
tuisse Idibus dicatur Eros. Gnuv. Schiitzius post Erne- 
stiuin suspectaui babet hanc voceni , et cuniicit legendum 
ut esset, cui (/uidcm. Bosius Efitiribus , <pii crat dics fe- 
stus, a cursu equoriun. Mox delel t/uident Larabiuus. 



564 ANNOTATIONES 

3 Pcrscribi , ait Oracv. , est de mensa minutari ^ vide ad 
cp. CLVII , a. Dicitiir id quo([ue rcscribcrc panilo post. 
Nam iicet rcscribcrc proprie sit reddere per incnsae scrip- 
turani, ut recte Donatus ad Terentiiim ( Phorni. V, 7, 
2())5 poiiilur tamon ctiam \)yo pcrscnhcrc. Horat. Sorm. 
if, 3, 76: 

Dictantis , quoti tu niimquani rescrlbere possis ; 

- vil)i Acro: " Quae debita nuinquam soluturiis sis :^ est 
enim debita solvere, hoc est scripto debita liberare. » 
Edidit Schiitz de Publio; sed piito ex errore opcrarum. 

4 Man. Lamb, perscrìbamus. Mos Amb. 16 et edd. ante 
Bosium si libi videbitiir , vel videtur ; quod restitui cum 
Orci!. ^ vulgo abest libi. 

5 Nempe si plausus in celebratione ludorum datus est Bru- 
to, id Brutus acceptuni referebat potius ingcnio poetae 
Attii, eiusquc tragoediae Tcrei ( ep. DCCXLVllI, i ), 
<juam Antonio, ludorum curatori (App. Bell. Civ. Ili, 23). 
Initio § 3 Lamb. Bruto tuo literae. 

6 Mss. multi et edd. ante Bosium laudando ; quod est lin- 
guae, non manuum. 

7 Antoni! et similium. 

8 Citius ostendendam. Rcpraescntare est statim, in prae- 
senti, et nulla interposita mora praestare, 

9 Scilicct Caesarianis propter istos plausvis. Versiculus Afra- 
nii comici, quo utitur Tusc. IV, 20, cuius Icctionem , 
quemadmodum ibi est, hic expressimus, ut monuit Bu- 
herius, Animadv. in Cic. p. 4ii' Yuì^o du??i dolennt ali- 
quid, doleant quodlibet^ vel qxddUbet^ aut quid lubct. 
Quamquam, ut ait Ernestius, et res et latiiìitas postu- 
let dolcat, non doleant, constat tamen utroquc modo 
recte dici , ncque hic modo , sed alias quoque proverbia 
yel dieta poctaruni ad rem praesentem accommodare, ut 



J 



IN EPISTOLAS 565 

hoc loco scilicet Caesariani dolent istos plausus Bruto 
tribui. 

10 Idest quasi per vim eiicimur. Provcrbium, quo dicitur 
et [arca expellere^ ut Ilorat. Sat. I, io, o.^. Sic vero 
Lanib. e cod. Tornaes. , Bosius e Crusell. et posterr. Mss. 
nonnulli et edd. vett. quoniam furore ilio extr. vel fru' 
stra ilici , vel Furo ilio. Mox edd. lens. Aid, Bruncl. pcT' 
gè re cogito. 

11 Ad epp. sup. 3 et DCCXLVIII, 3. 

12 Sic Lolgii liber, teste Malaspina, et sic tacite Larab. 
et Schiitzius. Vulgo P^ Kal., quod mcndosum esse, fa- 
cile viderunt vv. dd. Legcndum esse /^' Idus , inquit 
Popma, satis evincit initium epistolae DCCLVIII , ubi 
scribit, se post quam e Pompeiano discesserat, Viboncm 
pervenisse octavo die, idest IX Kalcml. Quomodo enim 
potuit J^ Kaleml. ( Sext. ) Cassium viderc et in Pompeia- 
nura cogitare, quuin XVI Kal. e Pompeiano discesserit, 
et IX Kf^lend. Vibonem pervenerit? 

i3 Amb. i6 Aculanum^ ut vulgo. Gracv. Acculanum. Gi-ae- 
cis Ptolcmaco et Appiano Bell. Civ. I, 5i est Atxou),a- 
vovj quos imitatus sum cum Orellio. Manutius coniicit 
Hcrculanum^ quod Lamb. Bosius aliique receperunt. No- 
sti relicfua, scilicet iter, quod constitui , hoc est, profe-^ 
ctionem in Graeciam. 

i4 De Tutia Vestali, ita ^e rem habere, ut scribis, puta- 
ram;Plin. 1. XXVIII, e. 2: Val. Max. Vili, i, 5. Cor- 
raci. Idem, probante Ernestio, suspicabatur legendum de 
lulia ( de qua ad ep. DCCXLVI )• Schiilz. 

i5 Vict. et Lamb. C. Metio , vel Mecio ; ed. Rom. E\'i~ 
Clio; lens. et Aid. Einetio. Mutavit Bosius. 

16 II, e. ante mensem lanuarium. Schiilz. Sic Amb. 16 et 
edd. lens. Aid. Lamb. Orell. , et est recte componitur 
cum (intcqiuim. Celeri iit. 



566 ANNOTATIONES 

17 Sic edd. pr, et vulgo. At Graevius parilei ex codtl. */. 
Mitlito litcras, sed quac de rebus minus nceessariis agant, 
ubi uactus fueiis aliquem, qui ad me veniat;^ si vero 
aliquid maius crit, domcsticos tal^ellarios mittito. Bosius 
et Popma. 

18 Graev. et OUv. emillito. 

iq Vid. ep. DCCXLIV, not. \. Si — salvi, vcnerimus. 

20 Scilicet loci de gloria insigniores, ut explicat Olivetus. 
Sed Manutio et Nizolio sunt interlocutores a Cicerone in 
suis libri inducti. Scil, Eclognrius ab Ecloga , dialogo , 
ut in Virgili! Bucolicis. Notenlur, qui legantur in convi- 
vio dumlaxat, inquit Mongaltius. Cur autem in convivio 
dumtaxat? inquit Olivetus. Quoniam, ut videtur, nihil 
pericvili est a calamis, minus a memoria convivarum. De 
usu legendi in conviviis Plinius cpist. IIl,5amed.j lu- 
vcnalis XI, 178. Erncstius notent cclogarii de Gronovii 
couiectura. 

DCCLI. 

1 Vid. ep. DCCXXXVIIT. 

2 Sic libri usquc ad Lamb. Vulgo sunl. 

3 Lambinus, probante Graevio et Ern, te esse, quod te ab- 
sorptum sit a syllaba finali toO volitntate ; id ipsum Schìitz. 
Sed facile subauditur, et cetcroquin TauToywvf'av parit. 

4 Amb. 16 et ed. lens. et quem. 

DCCLII. 

1 Sic niss. et edd. veti, cum Lamb., recte, quum sit prò 
(juia; vulgo post Malaspinam (jiio. Tum ed. Ro. confido. 

1 Vid. ep. DCCXXXVIII. Codd. Amb. 16. Ball, et edd. vett. 
prohavit eos. 

3 Lamb. Deinck tum. 



IN EPISTOLAS 56^ 



DCCLIII. 

ì Ep. DCCXXXIX. 

2 Sic Bosius ex codd. Tornaes. et Criis. et seqq. AJii libri 
res i.sta. 

3 Sic Ern. ex coniectura et seqq. Olira tui. Sed ntdlum 
hic Capitonis ofìlcium. 

4 Sic Amb. i6 cuni Lamb. , at edd. pr. vehementer te. 
Vulgo abest te. 

DCCLIV. 

I Gassisti Antonio in re Buthrotia , etsi iacturam facis ma- 

gnain. Ernest. 
1 Mallem citius vel ociiis , ut Lamb. cuni edd. vett. et 

Amb. i6, Nam significat : rem familiarem non omnino 

re Buthrotia tibi erepta perdidisti j rei pubi, vero extreraa 

ruina et perditio imminet. 

3 Hoc est , delectari libro meo , qui incipit O Tite. Est liber 
de Sejtectute. Edd. sorr. Quod vero sine munusculo scribis 
te magis delectari ocio si quid agis. Amb, i6, edd. Ro. 
Lamb. et Schiitz Q. v. scrihis te magis delectari etc. 
Mox prò addis Muretus et Bosius addit; Lamb, auges. 

4 Aliquo libro. Corrad. Lamb. Quod te Eroteni non sine 
munusculo . 

5 Opus scilicet de Gloriai ep. DCCL, 5. 

6 Vide ad ep. DCXVIII , 3. Mox Lamb. cum aliis vett. 
lege in Arcano. 

7 Ep, DCCXLVII, 5, Mox Lamb. post Aldum ut audi^ 
vinius. De Xcnonc , ibid. 

8 Ep. DCGXLIV n. 7. Edd. vett. de Erotc. Tum ed. lens. 
factum , ut ni. 



5f)8 ANNOTATIONES 

() Scilicct, priiis<juaiii O. filins icddidcril. 

To Quiim se gandcrc dixissc} , illi suas litoras anlc a la- 
hollario rodditas , quam a Quinto F. ( illac cniiti Atticmn 
admonchant , ne crederct literis suis, (juas Q, pucr ad 
eum adlatiinis crat 5 cas "eiiiin se arbitrata illius patrisquc 
scripsisscj nec raagnopere illis, quae pollicebatur pucr, 
fidem habere)^ tantum tamcu se dicit confldcre pruden- 
tiae Attici , ut si priores otiain illac pervenissent , non 
tamcn id aliquid iiicommodi adlaturum fuerit. Viclov. 
Tum Vcnunlamoi , commodius fiiit ita aecidcre. Idem. 

II Egerii, sit loca! US. Cormd. Edd. vctt. coniungcbant 
Kenimtamen exspccto ctc. j dissociavit rcctc Victorius ; 
cf. ep. DCXCII circa init. Mox Lamb. quid tu ciim co 
vicissim. 

\i Quibus Atticus scripturiis erat dialogum cum Q. (Ilio 
habituiD. 

i3 Edd. Ro. Aldi, Lamb. et Amb. 16 disiunf^or; quod prac- 
fero ^ cf. ep. CXIII net. 3. 

l/^ Hoc est, reliquae l'ationes rei familiaris meaej confer 
epp. DCGXXXl et DCCXXVII. 

i5 Manutius et Lamb..cf allrihutio est mihi nomiiium ignota. 
Melius Ernestius coniiciebat et in attrihutione m. nomina 
ign., scilicct nomina corum mihi ignota, a (juibus pe- 
cuniam per attributionem a Dolabella mihi f'actam ac- 
cipeie debeo. De atlributione ad ep. DCCIII n. 4 et 
DCCLXVI n. 24. 

16 Si dies norainum mihi attributorum non quadrarci cum 
ea die, quae praestituta est iis nominibus, quae ipse fe- 
ci, dissolvendis, sed aliquanto longior esset. Bosius. Mox 
mandasse , subaudi memini * nisi mavis et hoc pendere 
a miìii videor. Edd. sorr. mandasse memor fui. 

17 Hoc est, ut ahi scribunt, Iribus aefuariolis decem scal- 
nioìTun^ scilicct tribus naviculis, (juarum unaquaeque 
<leccni remos habcbat. Hacc ego consceudcns scripsi. 



IN EPISTOLA.S 569 

i<S In Orat. pio Deiot. e. i^ Ilieram et JUesainium (mus 
legatos nominai, ut fortasse et hic Hicram Icgcndum sit 
Et est dictiim sìpoìvi/.ù)q. Cur, inquit , Ilieram aeque 
atque Deiotarum , odio dignum non putas ? «jui , quum 
ci praescriptum esset a Deiotaro, ne (jiiid sine Sexti no- 
stri sententia ageret , ncque ad illuni , neque ad quem- 
(juani nostrum retulit. Miserai autcm eum Deiotarus, ut 
Armenlam , sibi a Cacsare ereptam, emeret ab Antonio: 
quod factum est Fulvia, quae Antonii uxor erat , inter- 
cedente. Unde illud ep. DCXCI!. Mamd. Edd. pr. Erani. 
19 Pcducaci. Ernest. Olim vulgo Sestii. 
■ìo Bosius e mss. cupio ahsentcm suaviari ; quod vulgo 
editur. 

DCCLV. 

I Te amari a Velicnsibus. Sed quid dico a Velicnsibus , 

quum sit ncmo, qui te non amel ? 
3 Ambb. 3 et 7 scd (/uid ego dicaiii ? te qids non amat ? 

quod praetulcrini. 

3 Rudonem Trcbatii gentilem fuissc, didici ex hoc antiquo 
lapide, qui est Romae ad portam Latinam: C VICIVS. 
C. F. MACER. C. TREBATIVS. RVFIO. FACIVND 
CVRAVERVNT. Manut. Velinas Trebatii possessiones cu- 
rasse videtiu". Mss. et impressi libri admoduni in hoc 
nomine discrepant : alii Riifius ^ alii Busins.^ Amb. i5 
Basxus. 

4 Vel senator Romauus, ut ego; vel IC. , ut tu. /. F 
Gronoi'. 

5 Scilicet curandam. Ernest. Acdificabat enim Trebatius 
Romae in regione Lupercali proxuna. Sehi'Uz. Lupercal 
autem erat anlrum Romae sub monte l'alatiiio , (pia 
septenlrionem spectat: Virg. Aen. Vili, v. 343. Goni' 



5nO ANNOTATIONES 

Servium ad hunc Virgilii locum, Liv. I, 5 et Dionys. I, 
32. Esse nunc in allietilo Palalini , ad latus S. Mariae 
liberatricis testatur Pitiscus. 

6 Verba quam haec omnia sino dubio corrupta sunt. Su- 
spicoi' Ciceronem scripsisse : tamen istic malo te, quam 
Ilio ( Veliae ) hicmare. Deinde scribendum tamen si me 
audies , ut est in mss. nonnuUis. Schiitzius. lam Laml>. 
tu tamen , si me audies dedit. 

7 Sic Ambb. omnes ( praeter i5 , qui Haleutem habet) 
aliique mss. ^ cf. ep. DCCLIX n. i3. Victorius volebat 
Heletem , nimirum ut habet Lamb. 

8 Emtam de Papirio quodam a Trcbatio, vel ab cius patrc. 
Manut. Lamb. neque Papirianam d. 

c) Tres sunt in codd. tum nostris , tum aliorum Icctio- 
nes , locuni vel lacum , lueum et lotum , quae paritcr 
in editionibus reperiuntur. Prima statini explosa fuit , 
quippe inepta : nam non dicitur locum excidere. De re- 
liquis duabus controversia est apud viros doctos. Nos 
antiquos codd. a Victorio inspectos cum ipso Victorio sc- 
quimur. Demàc Lucum excidere^ ait Victoi'ius , isipium 
faceret Ciceronem ^ quum enini sacri essent luci , non 
sine ingenti piaculo et scelere incidi poterant^ domusquc 
praeterea privata, non tam luci erat capax, quam loti, 
quae deliciarum causa coleretur. Est etiam regula edi- 
toribus communis, ut quae lectio interior et infrequcn- 
tior occurrit, ea verior sit. Tres autem loti species nu^ 
merat Plinius H. N. XIII, 17, XIV, 19 ed. Harduin. 
arhorem , fruticem, herham ; de prima hic esse sermo- 
nem in confesso est , eaque Celtis australis dicitur Phi- 
lippo Miller Diclionnaire des Jardin.^ in altitudinem XXX 
aut XL pedmn se extollens. L. Crassus ante domum 
suani magnificam in Palatio sex habebat lotos patula 
raniorum opacitate lascivientes, prò qua domo HS millies 

/ 



IN EPISTOLAS t)']l 

fjuum piomittcìet Doniitius , utiquc se voiiditiirum rcs- 
nondit Crassus si sex arborcs adinicrcntur. Tiini Donii- 
tius ne uno quidem denario se cmturum adiccit si loti 
exciperentur :; Pliu. XVII, i. Animadvertit idem Victo- 
riiis et IManutins , lotum genere masculino non dici ; at 
Graevius et Ernestius eo genere latinos et graecos usos 
esse afijrmant ^ ut docet Sanctius in Minen-a. In verl)o 
prospexeris ambiguuna sensum notatVictorius.Potest enim 
significare : nmiiis cadi spatium aspicies , vcl rebus tiiis 
considcs, h. e. minores sumtus facies, quum non aniplius 
sit causa advenis, cur domum tuam frequentent. 

10 Intellige ab urbe Roma. Ernest. Ea pertinct ad domimi 
et agros , ut Sali. Cat. io: Pecunicre ^ deinde impevii cu- 
pido credit: ca — fuere\ et lugurt. 38: Nox atque prae- 
da — remorata sunl: qnac loca iam Cortius laudavit. 
Olim vulgo deinde edam tuam domum etc. * cod. Amb. i5 
deinde et tuam domum cum Bcucdicto. ìMox codd. aliquot 
cum edd. pr. et amoeno ; Lamb. anioenoque. 

1 1 Duo Anibb. aliique mss. cum ed. lens. Fabio. 

12 Ree. et ed. Ro. Miehonis , Zel. A Niconis de ingluvie 
et voracìtate. Suavem, scilicet quod ad cruditateni dc- 
pellendam suavia remedia afFerebat, ut Schiitz explanat. 

i3 Graevian. prim. Balbus n. , Pai, pr. Bassus tester. 

i4 Ita sine metu morbi te dapibus ingurgitare soles ; ut 

aliis verbis explanat I. F. Gronovius. 
i5 Itaque citius, quam constitui, discedam, Ern. incixbe- 

scit. De scriptura vide Man. ad hunc loc. 
i6 Tres nostri cum Ree. FUI. 



572 ANNOTATIONES 



DCCLVI. 



I Ajiibb. tres, Ree. et ed. Lamb. amore te. 



2 Confcr prooemium Topicorum, ex quo intelligitur vetc- 
rem lectionem subnegarani — tribueram, qiiam iam Cor- 
radus et Man. pi'obaverunt, male a recentioribus repu- 
diatam esse, qui ex aliis niss. invexerunt suhncgarein — 
tribuerem. Schiitz. Curo eo faciunt recte duo nostri, De 
Franciscis, Lamb. et Camerari ({ui hoc idem coniecerat. 
Infra debere ^ exquisitc, inquit Ernestius, prò negare ìioìi 
potai. Vide , quac diximus ad ep, LXXXVIII not. 5. 
Tres nostri cum Ree. non cltbere non potai , quorum in 
duobus non est a 2 manu. 

3 Nostri fere omnes, aliique mss. et edd. vett. Aristotelica; 
Ree. Aristoteleia. 

4 Vel quod Trebatius Veliae notus, vel quod ibi posses- 
siones, a patre relictas, haberet, Maniit. Vide ep. sup. 

5 Sic bene Victor. Lamb. Graev. et Ernest, cum Amb. 14. 
Gebhardus cum plerisque mss. pienissime ; sed non hic 
quaeritur, ait Ernestius, de absolutione et plenitudine 
operis, sed de perspicuitate. 

6 Idest solis libris legendis, qui de ea arte scripti sunt. 
Literae prò libris vide ep, XIX n. 145 Tusc. I, 3;^ Acad. 
I, i^ Or. II, 2 et Nat. Deor. Ili, 16: loves plures in 
priscis Graecoram Uteris invenimus. Amb. 7 sine lìteris; 
inepte. 

7 Vt scilicet exemplum habeas. Exemplum autem a iure 
sumsit, quia, ut diximus, Trebatius Testa erat I C 

8 Ms. Gulielm. nostrum; miiius recle. 

9 Tres nosti'i sint; citra consiietudiuem Cicer. 

10 Varie tentatus locus. Amb, 3 cuin edd. vett. d. tamen 



IN EPISTOLAS S'jZ 

lumcnquc : tres ahi d. tamen uniunque; et unus a i nianu 
uniquique. Victorius dedit unumque ; Lambiniis ex suis 
codd. nonnumquam; Graevius et Ernestius unnmqucm; 
ed. Rom. bicemque. Nos Lai^ibinum cmunctae naris vi- 
riim et Orellium serjuiuiur , et quia lectio est a mss. , 
et praesertim quia sententia plana: qui libri, etiam si 
plurimi sunt, tamen sine magistro ex iis ius civile disci 
haud facile potest. Benedictus et Schiitz ex Manutii cor- 
rect. usumque ; falso. Nam si libri usum tantum deside- 
rant 5 ergo ex iibris sine doctore percipi ius civile potest ^ 
quod est conti'a Ciò. sententiam, Mox aliqui oliai quin 
tu si attente. 

1 1 Amb. quintusdec. recte ; ex interpretatione : nam certe 
id ipsum valet. 

12 Ego tibi pi-aeceptor ero. Verbum proprium de magi- 
stris. Petronius Sat. p. 2, ed. Francof. 1629: Nonduin iu- 
venes declamationibus contìnehantnr. Geli. XIX, i : Nani 
parva vinim auctoritate , satisquc attente discipidos iu- 
venes continentcm. Io. Fr. Gronov. 



DCCLVII. 

1 Ambb. 6 et 14 cum ed. Ro. fil. Antonio cos. 

2 Amb. i5, Ree. et edd. Rom. et Lamb. omittunt S. V, D. E. 

3 Quo idem supplicium minabatur optimis civibus, quod 
Cicero de sceleratissimis sumsisset, ut in Philippica tcrtia 
legitur. Corrad. Falso. Nam edictum Antonii , quo idem 
supplicium minabatur, propositum fuit non ante mens. 
Decembrem • quod iam Schiitzius vidit. Itaque , quid hoc 
edictum contineret , non constai. 

4 Nimirura a consule praetoribus :,] cum quodam animi 
impetit 



5^4 ANNOTATIONES 

5 Nostcr i5 cimi Lamb. aliisque lacessiviiiiu-i ; ceten no- 
stri Incessi nius ^ absqiie dubio pi'O lacesiiiinus , ut cu- 
pissc , quaesìsse^ prò cupivisse , quacsivissc. 

6 Amb. i4 ci I man. minaturum. 

7 Postulaverant nempe , ut salvis legibus alj urljc abesse 
posseut plusquani decem dies (Phil. II, e. i3): id (|uod, 
nisi le^jibus solvereutur, niagistratibus non liccbat* idque 
postulavei'ant, ne absentia eorum fuga viderclur. A con- 
sule , hoc est, ut consul de edicto ad senatum rcferrct 5 
et, quod postulaverant edicto suo, impelrarent. Amb. 7 
postulavissemus. In Hitl. deest a consule. Zcl. B cum 
ed. Rom. a consuUhus. 

8 Nostri duo et totidem apud Garat. aliique cum ed. lens. 
ut non dol. ; alii inepte cum ed. Ro. ut non dcbcanms. 

9 Quasi dicant : Si non viris praetoribus , saltem privatis 
Antonii familiaribus. 

10 De delectibus militum a nobis habitis. 

1 1 Praesertim ad Trcbouium in Asiam et in Cythiniam ad 
Tillium Cimbrum, qui ambo coniurationis in Caesarcm 
participes fuerant. Quavt. Tum exercitibus solicilatis , 
praesertim legionibus sex. Macedonicis, quibus uti Caesar 
in Parthico Ijello cogitaverat, ut Manut. explanat. Infra 
Lamb. cum edd. pr. nos libi quideni. 

12 Quod questus non sis, licet audires ea de nobis. Manut. 
i3 Idest, ncque delectum habitum , ncque pecunias im- 

pcratas etc. agnoscimus. Noster i5 quidquani horum. 

14 Hitt. et niirainur. Mox reticueris^j h. e. questus Jion sis. 
Infra aliquot nostri et alior. obiccres vel obieceris. 

iS Pai. tert. et duo nostri ferundam. 

i6 Scilicel, ne qua sedilio inter se et veteranos Cacsarisi 
Antonianosque fieret , et ne in magistratu perduraules 
ipsi rerum potiri, mortuo Caesare , viderentur. Revera 
tamen aberant , (juia tuto se in urbe fore non putabaut * 
op. DCCXIIL 



IN EPISTOLAS 5^5 

1 7 klest ab urbe aljesse , et sponte sua magistrata se ab- 
dicare , qiium tainen magistratum Rojxiac gercre pos- 
sent, ut bene cxplanant Ernest, et Beni. Rutilius. Vide 
Off. II, i8; Liv. Ili, 33; App. B. Civ. Ili, 6- Gesner 
voce decedere. Vetus liber apud Vrsinum decernerc. Grae- 
vius legi volebat decidere , scilicet ut sibi liceret eum 
seuatu transigere et lege decem dierum solvi. At non a 
senatu , sed ab Antonio hoc petierant, ut iam niouuit 
Ernest. 
i8 Non consentaneum est interfectoribus tyranni, pcriculum 
ullum tiinere et declinare. Statim infra in Stew. et Pai., 
item in Amb. 6 desideratur nostrum. 

19 Antonius non debet postulare. Min-Eli. 

20 Quibus arma nobis decedentibus minaris. Nihil proflce- 
rent , scil. ut bellum civile suscitaremus , etiamsi ad id 
nos alia hortarentur. Ed, Roni. non proficerent. 

21 Stew. Pai. tert et Amb. sext. minacis. Edd. Rom. et 
lens. auct. minantis apud lib. esse debet. 

22 Ad uUam rerum novitatem. Blanut. Mox mss. aliquot 
et fortasse. Tum ea re, h. e. ideo, ea de causa. 

23 Consilium nostrum fuglendi belli. 

24 Edd. Rom. lens. et Lamb. etiani in libera. 

2.5 Honoratum , nobilem ^ ut de Caesare in ep. CCLXXIII, 3. 

26 Nam, profligatis ad Mundam Pompeii liberis, menses 
tantum V regnavit Caesar : rediit enim Octobri mense 
(A. V. C. DCCVIII) ex Hispania, Idibus vero Martiis 
occisus est. Quart. Hittorp. quamdiu rcgnarit; ed. Rom. 
regnaverit. 

27 Codd. Vatic. et Siewcch. quacsimus ; fortasse prò r/«at'- 
sivimus. 

28 Amb. 14 cum edd. Rom. lens. et Vict. atque libi. Mox 
Lamb. aliicjue sin niinus. 

29 Significat, futuruni, ut Antonius ex urbe expcUalur, vel 
liostis declareturj vcl quid simile. 



5^6 ANNO'J'ATIONES 



DCCLVIII. 

1 Ep. LV. Corraci. Edd. sorr. ante Victoriuni et Mauut. 
ineptissime c^o adhuc vidcho. Pcrvcni ciani Vihoncni et 
Siccam. 

2 Venti Aquilones, qui exoi'tum Caniculac octo diebus an- 
tecedunt, et IV Id. lui. flare incipiunt. Popma. Prodro- 
mi, latine praecursores. Vide Etcsius ep. CCLXX ii. 9. 

3 Ernest. Scluitz et I. V. Ckr. opoi-terct; ex daobus opor- 
tct et et simul iunctis factum. Oportct dictuuii est absolutc, 
quos scilicet euntums tramitti oportet, sino relatione ad 

fuerant. 

4 Pcdes proprie suut funes ad angulos velorum, «juibus 
ea vcrtebantur. Hinc et prò velis. Wmc aaj ni pedcs sunì 
vela aequaliter tensa- quod fiebat, qnum aequate aurae 
velorum sinus implebant. Salmas. Plin. Exerc. p. 5G8. 
Yulgo pedibus effuis ; edd. sorr, pedihus et equis. Lanib. 
delet aequis. Tum Anib. 16 et ed. Rem. transmmus. 

5 Schiitz apud Testam, h. e. Trebatium Testam. Lectio- 
nem Testam iani Vrsinus commenda vit, quam in libro 
viri docti notatam repcrerat. 

6 Nono Kal. superinduxi, et addidi posterum diem. Du- 
cere diem , noctem , est trahere et insumere ; ohdueerc 
autem est longius et diutius ducere ac protraliere, ut 
obmanere diu manere. Festus, Propert. lib. IV, eleg. G, 
V. 85. Popma. 

7 Ex Odyss. Ili, 169. 

8 Oneraria navi; ut statini infra vocat Cicero. Plani, in 
Poen. III, 1,4- Uirdiores .^ ipiam curbitae. Aeluarioliò , 
ad ep. jJCCLV n, 17. 

9 Sic Laiub. Ernest. Schiitz et I. V. Clcr. At edd. Rem. et 



IN EPISTOLAS ^77 

Aid. ac iiulc, cunlra latiuitatcui ; luss. ut \uì^o Uòt inde. 
JVIox. Corcynini, scil. navigaremus. 

10 Stuliinne per lletum Siciikuii pcluiii iccla Corcyram , 
an Syracusas dcvertam aliijiianluin. 

11 Vid. ep. DCCXXIII, I. Mecu/n, supplo ciiui Curi.ido 
loquor. Mos. libi), vett. cur tccuni etc. 

12 Vett, edd. Ma iion esse fugicnteni fM-ricidu/iiP Eincnda- 
runt Lainb. et Bosius ei Tom. et Gius. Tuin Amb. iG 
et ed. leus. ad id. Hine reete Lauib, et Schiitzius Al id. 

i3 Idem SeUiiUius Ad ipsiiin aideni; l^ene, eum sequitui- 
Oi-ellius. Sed satis superque diii, me lecuiu non esse. 
Teeuin quideiu non SUOI, sed quid fugio? An periculum 
eaedis impeudeutis ? Id nuuc quidein nullani est; sed si 
umquaiu esset, in ipsum peiiciiluin auctoritate tua tu me 
vocares. Nani me Roniatn revoeas ante Rai. lan. • quando 
beilicct nonduiìi uiutatis eonsulibus periculum idem ex.- 
staljit. Sokuu post Kal., scil. Iliitio et Pausa eoss., sine 
periculo Romac esse licebit. 

i4 Cireumspice j ep. DCCXLVIIl, 3. Corrad. Ed. leus. 
persfjice ; Amb. i6 sed pcrsjncc. Mox lego ajjtv ipse le ^ 
hoc est, veni. 

i5 Reliquas rationes rei famìliaris relinquo bcllas et expe- 
ditas. Tacile tledit belle Ernestiusj ueseio (|uo auctore. 

i6 Quoiiiam de ecce H-S, ante diein ce nuuieravi j qui si 
voluissem uti iure meo, dieni sokiliouis spectassein : ut 
inicpie faclurus sit Publilius, si de duceiitis ui'geat. Vid. 
ep. CXCVIll. Maiiul. Inlra eliani aule dieni^ se. volo sa- 
tisfieri. 

17 Satisdato dcbet, qui prò alio cavi!, idonea caulione. \ i- 
dctar iutelligere Montani nomen, prò quo se soluturuin 
spoponderat ep. DCCLXXV, 2. /. Fr. Groiiov. Supra in 
EpìiuiUj supple culli Corrado piojicisceris. 

Ci e Eli. X. — Leu. T. IX. 37 



5^8 AwrCOTATlONES 

i8 Sic bene ex Vict. Orellius. Correxit Bosius et seqq, at. 

Tum academico , libro , de quo ep. DCV. 
ig Edd. vett. cum Lamb. et tìbi misi; itein infra ci hoc 

agglut. 

DCCLIX. 

1 M. pass. XXXVII cum dimidio. Amb. iG iransinittc- 
haiìi etc. , et mox ah austro. Haec couferenda sunt cum 
Phil. I, 3. 

2 De quo ep. DCCIV, 3 et DCCXIII n. 5. Aliqui Hoc 
aff.^ al. hiic aff. ed. et mox edd. sorr. Bruti et Cassii 
edicluni. 

3 Scilicet Septembribus. Amb. i6 et ed. Graev. forte freq. 
sen. etc. 

4 Edd. sorr. et suhaccusari : Rom. subaccusarique. 

5 Vetus codex apud Graevium Elenini quamvis. 

6 Praeclaram mortem , supple laudas. Respex.it f'ortasse his 
verbis Atticus ad illud Ciceronis in ep. DCCXXXI n, 7 : 
Ex hac naxa exire constitui ; non ad fugam, scd ad 
speni mortis melìoris. Mongalt. Vel etiam locum Tuscu- 
lan. 1 , 45 • '^^(^ profccto mors — functus est munere. 
Schiitz. Sic libb. vett, cum Vict. et Orellio, et jìowvt/cwj 
dictum accipe^ h. e. bene profecto agis tu, qui EÙ5(zvao-/av 
impense laudas;^ patriam pi-o qua moriendum est, relin- 
que; ut explanat Corradus. Vulgo; J^'eni igitur tu., qui 
£Ù5. veni; relinquis patriam? 

7 Hoc est, elabores mihi. Mox ed. lens. te istud f. Aid. te 
idf. Quo (j-xolirji , inquit Manutius , defendas profectionem 
tuam, et ostendas oportuisse te discedere. 

8 Obiectio, Non profectus es quidem, sed voluisti tamen. 
Oliv. 

^ Si hoc iìerct a Phaedro nostro, facilis illi excusatio ts- 



IN EPISTOLAS J'Ji) 

set. Sic eniiii lesponderet : Ego de honesto uihil cogito, 
dolorem fugio, summum bonum in voluptate pono. Nunc 
quid tu respondcbis , o Cicero, <|ui non, ut Phaedrus , 
Epicuream sectam , sed illam Socraticam , quae vii'tutem 
et officium colit, es secutus? De Phaedro cp. CXCVII, i 
seqq. Manut. Edd. Ro. et lens. a Phaed. noslro csset, 
expedita etc. 

10 Huiusmodine erat consilium meum abeuudi, respondet 
Cicero, ut illud non posseni Catoni ipsi , omnium virtu- 
tis et ofilcii amantissimo, |«obare? Posseni est ab Erne- 
stio. Vulgo possiin. 

11 Hominem ea etate^ scil, Ciceronem^ vid. ep. DCXXXII 
n. lo^ Orat. I, 4? extr. Sic ep. DXCIII, 5: Vcnit ad 
me et quìdem id temporìs , ut relinendas esset. 

13 Lamb. quod iis. 

i3 Vide ep. DCCLV n. 7. Edd. priscae Ilei. /return, quod 
lunius duorum mstorum fide malebat. Est autera, in- 
quit is , Heles freti Veliensis nomen , unde et Velia dieta 
fuit olim Helia, auctore Plinio Ilist. Nat. Ili, e. 5, 
sect. IO. \ ulgo Ilelctem. Mox Ainb. 16 cum ed. Rom. 
circa Veliam. 

i4 Quod reversio sii ex itinere coepto, reditus ex confecto. 
Corrad. Necessitas indicatur. Nani reditus tantum volun- 
tatis est. Reversione igitur, (|uia quum processisset ab 
Austro retro versus est. Ep. DCCCXJI. Manut. 

i5 L. Calpurnium, Caesaris socerum, qui in Antonium in- 
vectus est orationc in senatu habitaj ep. DCCLXII et 
Phil. I, 4- ut lam Popma monuit. 

16 Tarn novum auribus meis hoc nomcn est, ut id temere 
rccipcre et probare haeream. In anliquioribus exempla- 
ribus religiunis legilur. Victor. Scd lioc , (juod iam cou- 
icccrat Beroaldus, Gracv. in nis. Ball, reperit. Id ipsum 
occuirit Vcir. I. i3. 



580 ANNOTAT JONES 

17 Quibus persuadere non poteram , me statini rediturum 
Kal. lan. Vyo flcntes Victor, et Bosius cuntes ^ refraganti- 
Ijus mss. 

18 Me proficisci ad spectaculum iLulormn Olympicorum. 
Schlltz. Vei'ba interclusa Malaspinae iure suspecta fue- 
runt, qui arbitrabatur huc ex interprelatione alicuius ir- 
repsisse, quum iam superius dixerit, se Inetari, quod dnas 
ìnaximas Tituperationes effugisset. 

19 Scd hoc tempore tam turbiilento defcnsionc nninino 
carena. Lamb. Sed et hoc. 

30 Edd. sorr. cum Lamb. addebant ago. 

21 Ernestio et Schiitzio vox speciosas suspecta fuit', quo- 

niam additur ìusias et magnas. 
11 Ita edd. sorr. Lamb. Ernest, et seqq. Olim quod. 
l'i Solvatur. Corrad. 

24 Difficultas mutuandae pecimiae* qualis eral in epistola 

cccxv, 4. 

25 Amb. 16 cum edd. Rom. et sorr. nisi quod. 

26 A Bi'uto datum. Manut. Ep. sup. Edd. Ro. et lens. ab 
utro ; Lamb. a Bruto et Cassio. Mox honim , scilicct 
Bruti et Cassii, praetorum. 

27 Sed tamen dicunt, me redire debere, etsi periculum 
est^ quum iam propter aetatem non longe a moite ab- 
sim ita, ut periculum mortis timere non debeam. 

28 Ttntari paralysi , seu uervorum resolutione, ut vcrtit 
CelsusIII, 27. Corrad. Su])va de Bruto ^ nimirum a Bru- 
to. Tiun ctsi idem .j nimirum Brutus aiebat. 



DCCLX. 

I Bene Schiitzius monuit, vulgo librum epistolarum ad 
Plancum falso inscribi in edd. ad Cn. Plancum. Is cnim , 



IN EPISTOLAS 58l 

ait idem Schiitz, ad quem hac Ciceronis epistolac sunt, et 
cuius ad Ciceronem hic sequuntur , est L. Munalms Plan- 
cus^ L. F. Per id tempoiùs Galliaui Transalpinam rege- 
bat Vide quae diximus ad ep. DCCXXXIX. In Arub. la 
revera inscribitur L. Fianco, et iam INIanutius L. Ma- 
natio Fianco Imp. Cos. Des. hanc epist. inscripsit, 
a Ab urbe. Sic in IMedicaeo cod. semper scribitur, teste 
Victorio. Vulgo abfid. 

3 MauLit. cum Lamb. de medio ciirsu , provocans ad ep. 
XXI, 3 (vulgo Lib. I, i5 ad Brutum) et Off. Ili, 33 
circa fin. : N^isi me de medio cursu darà voce patria re- 
vocasset^ probante Belerò ad Off. loc. cit. Sed quod edi- 
tur est in pluribus et melioribus mss. 

4 Redierat Romam ex. itinere prid. Kal. Sept. Scld'Uz. In- 
fra Lauib. sed ut tic. vultam. 

5 Lamb. non mea. 

6 Quasi dicat non sperandura. 

7 Non vidit Cicero Plancum consuleui. Is enim consula- 
tum adiit A. V. C. DCCXI. Schiitz. Rei pubi, spiritum 
ducere, prò vitam rei pubi, tenuem protrahere. Ad id 
tempus, scil. ad tenipus Planciani consulatus. Sic pauUo 
inferius ad tunni tempus, scil. ad tempus tui cons. 

8 Est in nostris pluribus et aliorum aliquot, nec non in 
cdd. pr. impudentissimi ; quod Schiitzius revocavit, eo 
quod vulgatum impotentissind iam insit in intemperan- 
tissimi , ut ostendimus ad ep. CDLXVIII not. i6, et ut 
etiam Ernestius vidit. Scaels. imperiosissimi; alii etiam 
impudicissimi. Tura vulgo non siue libb. intcmperatis si- 
mi: quod fortasse est a temperatus. 

9 Lamb. aut vestii^ium. 

10 Sic Ambb. fere omnes cum edd. Rom. lens. Lamb. et 
Ernest. iVlii libri, ut Amb, i3, Ree. et ed. Med. quoniam; 
omncs raelius, quam vulgo (paini. 



582 ANNOTATIONES 

1 1 Nostri quatuor aliique lil)l). cuii) Lamlj. Iwn. 

!•?. Scilicet consulatum tuum. Mox hahcbimus ^ nimirum 

Romae. 
i3 Ernestius coniiciebat Icgendum tiim ^ quod qiiidcm in 

Anib. 1 3 et in ed. Med. repcritur. Sed pracfero adliuc 

vulgatum tamen. 
i4 Edd. pr. et Graev. ex Pai. sext. et hunianilas , ul Ambb. 

nonnulli. 
i5 Idcst, bcneficii. Nani beneficia lionoratoriini lioniinuin 

arguuientum sunt, illos bene de rebus indicare. /. F. 

Gronov. Amb. 5 in extr. pulcin (r conlulissc. 



DCCLXI. 

1 Hoc est, lapydes , quos Transalpinos vocat Appianus. 
JIos bis intra XX fere annos Romanas copias rcpulissc, 
Aquileiam Tergestumque depraedalos, atque ab Augusto 
Caesarc tandem domitos fuisse, auctor est idem Appia- 
nus R. lllyr. i8, 19. Vide Svctonium in Aug. 21, qui 
Vindelicos et Salassos gentes Inalpinas appellai, boc est 
in Alpibus inhabitantes. Duo nostri codd. cum Mentel. 
Cisalpìnos : male. Nam erat utique Rrutus in Cisalpinis 
ante, quam ad Inalpinos progrederetur. Alii vero, ut 
olim vulgo, Transalpinos: item male. Nam Alpes non 
transiit. Amstel. Alpinos. 

2 Aliqui libb. libertatem ; inepte. 

3 Libb. aliquot hellicosis ; pariter inepte. Mox ed. Roni. 
multaque vastavi. 

4 Literis ad senatum publicis res gestas exposui, ut con- 
firmato imperatoris nomine supplicationes mihi dccerne- 
rentur. Quae et illi fuerunt decretae (ep. DCCCXXIII)* 
ut triumphare potuisset ; si Romani voliiisset reverti j 
Phil. VI, 3. Fune. 



IN EPISTOLAS 583 

5 Ernestius correxit feceris , quia sic postulai ìnservieris. 

Msti Torg. I et 3 et noster 1 2 facies — inservies , quod 

recepit Benedictus: sed facies post quum nou ita bene 

fert latinitas. Ceterum nou hic Cicero scribit. 



DCCLXII. 

1 Non secundam, ut putant Corradus et Manutius, sed 
primam Philippicam; vide not. seq. Qua si — uti ^ h. e. 
si in senatu ita loqui liceret. 

2 ÌVostri fere omnes cum Ree. Hittorp. et ed. INIed. recupe~ 
rare; 6 cum Stew. et Grut, recuperari. Iteni sub fin, re- 
cuperahit; quodmallem, nisi consensus interpretum me- 
liorum, qui Medicaci cod. lectioneni sequuntur, contra 
me faceret. Confer ad ep. DXXVII n. 3. In membro 
seq. homo amens ^ h. e. M. Antonius, (]\}\. mSva. gladiator 
dicitur. Tum ille ipse. scil. Caesar. 

3 Pai. pr. Amst. et Anibb. tres contra me. Ciceronera au- 
ctorem fuisse Caesarianae necis negat Quarterius ex Plu- 
tarcho in Cic. p. 882. 

4 Lamb. facti vcstri gloriam — communicem. 

5 Isaurici filio, qui consul cum Caesare (A. V. C. DCCV) 
fuerat. Maiiut. 

6 Gladiator, h. e. in caedibus exercitatus, more gladia- 
torum. 

7 Tota res ita se habct: 31. Antonius cons. Kal, Sept. de 
supplicationibus relaturus, Ciceronem de more in sena- 
tum vocavit. Cicero misit, qui se excusarent, quod de 
•via languerct ( cp. DCCLX et seq.). Ille iratus, fabros 
se missurum, et domum illius disturbaturum esse, au- 
diente senatu, dixit. Venit Cicero postridie in senatum, 
idest IV Non, Sept. et locutus est, absente Antonio, de re 



584 ANNOTATIONF.S 

[)ul)l. Iil)(;rius, (jnnni pcricula minaoquo po'~ilijlal)aiit. Ea» 
([ue nuiic oKsfat oratio, Philippiraruin ì. Tiiin Anionitis 
("iiroi'c pcrcitus, adesse eiim itissit in soialii a. d. \I!I 
Kal. Oct. Ipso intcrea loUuii illiid spatiuin, quod est 
a TV Non. Sept. ad XIII Kal. Oclol)., commentatus est 
in Tihurtino Metalli , quae eontra Ciceroncni diccrct. En 
die in senatnm, dissuadentibus aniicis, Cicero non venit:^ 
sed mox accurata oratione respondit, qnao inlcr Philip- 
picas TI logitiir. Putavit, ({iiuin spcrarct, co die me in sc- 
nalum esse venturum. Ita fere Maniitiiis. 

8 Ve! sic est scribcndum, ut habent Anibb. fere f)mnes 
aliique complures mss. , non ut vulgo ad quam : vel cor- 
rigendum cura Vict. et Erneslio At quam! Ad quem est 
eontra quem paratus ad dicendum vcnerat , poslquam 
plures dies commentatus esset in villa Metelli. Lamb. de- 
fendebat ad quam., ut subinleUigcretur f«t'<ifv« ,• sed ex. 
seqq. apparet, intelligi dt bere ad declamandum in se- 
natu eontra Ciceronem. Oreliiiis ad quem exponit diem. 

() Lustra proprie sunt ferarum habitacula. Varrò R. R. II, 4, 
8: Lustra., in ({uibus volutantur sucs. A qua similitudine 
lupanaria lustra dicimus, ubi habitant lupac, idcst me- 
rctrices, inquit Servius ad Virg. Aen. Ili, 647. 

IO De Antonii furore in dicendo alias quoque Cicero, et 
praesertim Phil. TI, 25. Sed ab Am})b. pliu'ibus, item 
Pali. 2 et 5, et Zel. 13 et ed. Med. abest suo more. Lamb. 
suo more vomere. 

T I Ciceronem, Pisonem, Servilium, quos supra memoravit. 

12 Gracvius tacite omisit quae, et revera deest in mss. 
plurimis, ctiam nostris; sed id abcsse non potest, ut iam 
nionuit Ernestius, cui placet lectio Gu. i qui, quia de 
rep. quae bene senscrint. Mox idem Eni. dedit loeuli 
sint. Porro tres Ambb. cum Ree. et ed. Med. venire 
fion possxmt. 



IN EPISTOLAS 586 

i3 Scilicct, piacici- (lolorcm populi vidcntis iics rcliquos 
consulares a scnatu cxclusos. 

14 Lcpidus. Xain Lcpidus et Cassius duas M, Bruii soi'o- 
res habcbant iixoics. Corrati. Affìnitate nova, quia Le- 
pidi filiiis iiupcr Antonii filiaui duxerat. Schi'Uz. Lepidum 
affincm nominai epp. DCCCXLIX et DCCCLIH. 

i5 Quia ludis Apollinaiibus, quos praelor urhanus IVI. Brii- 
tus de more dederat, plaudi a populo vidcrat L. Cassio, 
tribuno pi. (Phil. IH, 9), fratri C. Cassii* propterea lu- 
dos non aniplius amabat. Manut. Cf, ep. DCLXXXI n. 2. 

iG Non constat, qui fuerit; ut nec alter, qui filium suiun 
con.sulciii iìcri volcbat. Ernest. 

17 Quac nove Antonius tamquauì Caesaris prorerelìat ( cp. 
DCXCII init.):, Tliil. H, i4. Cori. 

18 Lego: illiid non fcrcndwn csl. quocl qui vcstio anno 
(quo scilicet vobis, M. Brute et Cassi, consulatuni pctcì'e 
per leges licebit, h. e. biennio post) filium smini con- 
suleni futaruni putct, oh cani causani is huic Introni dc- 
scivirc prac se feral. Quatuor nostri cum Zel. B. Illud 
non fcrcnduni qiddeni est , qui vestro etc. Ree. et ed. 
Med. /. n. ferendum quideni est, quod vcslro etc nou 
ita bene. Tum Lamb. consulem filium suurn. 

19 A. V. C. DCLXXXVIII consul; biennio ante Ciceronein. 

20 Avunculus M. Antonii; epp. DCXCIX n. 3, DCC ante 
med. et DCCXCIV. 

21 Hirtio et Pansa. Scìdìtz. De iis (piidem male loculus 
est in cp. DCCXLVII, /y: sed ex doloris animi quodam 
impetu: nani contra dixit ep. DCCXCII : Egrcgios cou' 
sules habevuis . sed turpissimos consulares. Similiter ep. 
DCCCXII, 2 et Phil. Ili, i. Ex hoc loco bene Erne- 
stius coUigit, designatos consules pares fuisse in dicenda 
sentcntia consularibus , nempe quia ante consulares, et 
primi scntentiani rogabantur , ut iaiii dixinuis ad e[)- 



586 ANNOTATIONES 

CCVI, 3. Hubertinus, teste Quarterio, non Hirtium et 

Pansam intelligit , scd Plancum et Decimum Brutum. 

Ceterum malini legere exceptis coss. designatis. 
23 Id est, si non cxistimo dignos, qui inter consulares re- 

ferantur. Bern. Rutil. Cf. epp. DCCXClI et DCCXCIV. 

Quat. mss. apud eumdem sed non numero cons. 

23 Supple, spes est. 

24 Sic cum Manut. Lamb. et Ernestio rasti Gu. i, Ambb. 3, 
7, i3 et Ree. et ed. Med. Sed Graevius qui sì ne ad 
me referent, mea etc. Portasse scriptum erat sive ad me 
veferent, sive non referent; quorum alterum membrum 
deceptus librarius omisit. 

25 Ambb. 3 et 7 mea tihi tamen in te b., i3 cum Ree. 
et ed. IVIed. mea t. tibi in te b., ubi aut tó/, aut in 
te adiectitium videtur. 



DCCLXIII. 

1 M. Antonius, qui hospitio te etiam accepit, quum e Ca- 
pitolio descendisses ^ ep. DCCXIV. Corrad. Posse etiam 
ironice accipi verba tuus amicus, monuit Quarterius^ 
vide ep. seq. n. 8. 

2 Scilicet Caesari. lam non plebs, ut in ep. DCXCVII nn. 3 
et 4 7 sed Antonius ponit^ non columna ncque ara, ut 
1. e, sed statua ponitur: utrum Cicero memoriae pec- 
cato lapsus est, an duo facta diversa in bis locis refe- 
runtur.? Hoc alterum puto. 

3 Vtpote qui non bominem quemcumque, sed parentem 
occidistis. Noster i5 cum Lamb. et Ernest, patricidae. 

4 Caesaris interfecti. Schiitz. Mox me principem, cf. cum 
ep. sup. init. 

5 Nam illum cum Caesare, impulsu meo, occidissetis j ep. 
DCCXClI et DCCXClI I init. Manut. 



IN EPISTOLAS 587 

6 Peccalum est; vestra culpa est, si vivit Autonius, Lamb. 
vestrurn fuit. IVIox quando dedimus cum eodem Lamb. 
auctoritate codd. fere omnium et edd. vett. At Amb. 6 
cum Orell. quod quoniam. ^^dgo quod qiiuni. 

7 Edd. Med. et lens. cum Lamb. quid dareni vobis, Amb. i5 
q. v. e. d. 

8 Anilib. duo ciun Ree. et ed. Med. ipse: non ita bene. 
IMoi alii qualt. Ambb. faciundum. 

c) Vlciscantur, et Caesaris interfectores perdant. Illorum^ 
nlmirum Antonii et amicorum. Lamb. coitsìlium aiiiem 
oinne etc. 

10 Scil. INL Antonius. Schiifz. At quomodo M. Antonius , 
qui consul erat, quique propterea ius concionandi ha- 
bebat, fieri potuit, ut a minore magistratu, T. Canu- 
tio tr. pi., in concionem produceretur? Itaque coniecit Pi- 
ghius ad hunc annum a. d. VI Nonas Octavius etc. 
etsi seqq. Octavio non conveuiunt. Vel saltem dicendum, 
Antoniuin in animo non habuisse uti iure proprio, nec 
concionari, ad idque perductum fuisse a tribuno pi. Vid. 
ep. sup. Veli. Patere. II, 64, Dion. XLV, 6 et Sveton. 
de ci. Rhct. 

1 1 Codd. aliquot et edd. vett. non duhitant: subauditur 
Antoniani. Explano: De me autem dixit non dubitanter, 
h. e. dixit non esse dubium, quin. 

la Viaticum tibi proconsuli Syriae de publicis impensis cu- 
rare, ac legato tuo dare noluerunt. QiiarL 

i3 Quomodo putas suum hoc factum intcrprctari ? ISempc 
aiunt. te hostem esse patriae, atque adeo pecuniam ex 
publico tibi non deberi. Idem. 

i4 Illud viaticum idem esse, ac dari hosti. 

i5 Caesarem. Conservo, Antonio. Manut. 

16 Sic nostri omnes et aliorum aliquot cum Orell. Vulgo 
loqui leciini. Sic ep. CCXXVII, i: teciini loqucrc^ te 
adhibe in consilium. Mox Lamb. dieta nostra. 



588 ANNOTATIO:\ES 



DCCLXIV. 

1 Sic Schiitz cuni nostris codd. et edd. Roni, lens. et Lamb.j 
more aliarum epist. ad Cornificium. Itaque nescio quare 
vulgg. Cic. P. Corniflcio habeant, quum hic idem Q. Cor* 
nifìcius sit. Initno ep. DCCCXII, 2 diserte dicitur Quin- 
tus , et revera hic Oliv. et ed. Rom. haljent Q. Ed. Ro. 
addit collegac. Ceteruni haec in cod. Amst. et duobus 
Ambb. adhaeret epistolae DCCLXXIX. Alii vero inci- 
piunt a verbb. Rerum iirh.^ ut infra. 

2 Aut legatus, aut quaestor Coiuiiflcii. Sic mss. pleriqiie 
Atnbb. et alior. et edd. vett. , quod et Benedictus ex 
siiis recepit. Vulgo Stratorius ; et infra pariter Strato- 
riiim. Manutius coniiciebat legenduni Slatorius ex Festo 
in Lacus Lucrìnus. Dio lib. XLVIII, e. 21. Mox locis 
omnibus, nempe Roniae, et ubi tu es, in Africa. 

3 Lamb. dìgnitas est. Mox tibi acciderunt, a T. Sextio, al- 
tero Africae praetore, qui postea etiam bellum cuni ilio 
gessit. Corrad. 

4 Libri aliquot cum Lamb. non sint; male. 

5 Populus credit, falso criminatum esse Antoniuni, insidias 
sibi fecisse Caesareni , et tantum , ut praetextum habe- 
ret invadendae pecuniae Caesaris. Ernest. Construe : T^i- 
detur multitudini Jictum esse ab Antonio crimen Caesa- 
ris Octaviani, ut etc, 

6 Adolescenti Octaviano a Caesare testamento relictam. 

7 Scilicet, vere missos ab Octaviano sicarios. De bis in- 
sidiis non eadem oinnes tradiderunt. Eas Svctonius in 
Aug. e. IO factas afiìrniatj immo et Octavium , quod id 
fecisset, conatur excusare, dum ait, illuni non sua spon- 
te, sed hortantibus nonnuUis . pcrcussores Antonio sub- 



IN EPISTOLAS 589 

ornasse. " Velleius (lib. II, 60) eas piane negat : Anto- 
« niiis, velut insidiis eius petitus, sedeste insimulare coe- 
« pit ; in (jLio turpiter deprehensa eius vanitas est. » Apud 
Appianuni contrai a Etenim pauci, qui altius rem intro- 
« spexcrunt , intelligchant , multnni interesse Caesaris 
ti (Octaviani), ut Antonius — salvns esset , eo quod 
" formidini esset percussoribus. — Et haec quidem erat 
(i prudentiorum coniectura* sed maior pars videns, quanta 
w detrimenta quantasque iniurias ab Antonio Caesar quo- 
ti tidie pateretur, facilius credebat calumniis (Bell. Civ. 
ITI, 39). . 

8 Ironice, quum vix olim talis fuerit^ ep. DCCLXXVI n. 7. 

9 Nostri aliique codd. et edd. vett. cuni Lamb, et Oliv. corn- 
prelienderìt. 

10 Edd. Roni. lens. et Olivet. Brundisiuin venerai profe- 
c.tus. Lamb. malebat Drundisium ierat ohviani. 

1 1 De quibus iam ad ep. DCCXXXII. 

12 Ex iis qnatuor legionibus duae, Martia et quarta, An- 
tonium sequi noluerant, seque Octavio tradiderunt* ep. 
DCCLXXVIII; Phil. Ili, 3^ Velici. II, 61; Dio XLV, i3. 
Reliquae duae, idest secunda et trigesima quinta, prò 
Antonio centra Pansam proelio Mutinensi pugnaveruot, 
ut est in ep. DCCCIX. Sic fere Manutius. Caesar, ve- 
ritus, ne Antonius cimi his legionibus reversus se oppri- 
raeret destitutum praesidio, cuni pecunia et ipse propera- 
vit in Campaniam, veteranos a patre ( C. Caesare ) in 
colonias deductos, ad suam militiani revocaturus. Haec 
Appianus Bell. Civ. III, 4o- 

i3 Vt dominatum innueret. Sic enim Curt. VII , e. 7 : 
Bactriaiii , in quorum cervicìbus stanius. Cortius. 

i4 /// qua non habet, quo referatur^ nani ad rem pubi, 
non potest. Scribendum puto in. (ffio. Ernest, 

ì5 Scilicet spcrari non ampli us potesl, Edd. pr. cum Lamb. 



590 ANNOTATIONES 

illud ercptuin est; et niox. spes est. Corrigerem potius 
(jfuae est enim spes. 

16 Vid. ep. Slip. Caniitius trihunus pi. inlmiciis Antoni! , 
Ciceroni et rei pubi, libertati studeliat. Quum saepius in 
concione in Antonium inveheretur (App. Bell. Civ III, 4O7 
certe sibi aliter cavere ab Antonio non poterai , quam lo- 
cum quaerendo inter rei pubi, et libertatis defcnsores, ac 
proinde inter inimicos Antonii, quibus scilicet, salvo An- 
tonio, locus in civitate esse non poterat. Quum -vero id 
dixerit Antonius ipse, scilicet quibus se salvo locus in 
civitate esse non posset.^ iam signiflcabat, aut sibi, aut 
illis esse pereundum. Àpud eos , id est Ciceronem et 
similes patriae defensores, ut Cellarius explanat. Quatt. 
nostri cum Lanib. locum sibi (juaerere. 

17 Sic mss. fere omnes. Edd. Ro. et Lamb. a sol. abd, 

18 Quinque Ambb. Ree. et edd. pr. cum OicW. facienduni. 



DCCLXV. 

1 Cod. Scaeh. imìnunitate gladialoruni^ ut edidit Manutius. 

2 Amb. 6 giiae sentiam. 

3 Erant enim cum gladiis homines collocati ab Antonio 
consule in curia ^ et inter subsellia senatorum^ Philipp. 
Il , 8 , ut animadvertit Funcius. Amb, 5 promtius au- 
diant arni. 

4 Tres nostri cura Hittorp. nullum aeque. Infra vero ed. 
Ro. Nec in pubi. </., et inferius ed. Icns. numquani 
de ero. 

5 f^t ut absiin; vide ad cp. CCLXIV, i. 



IN EPISTOLAS 591 



DCCLXVI. 

I Philippicarum il. Sckiitz. Infra edd. sorr. arhitriiim tùiint 
sit; quod placet, 

3 Supple, videbimus- se. quando ita liberi erimus, ut in 
publicum eam proferre possimus ; ut Manut. exponit. In- 
fra edd. ante Vict. quurii tiiendam, vel quum tu tuendain. 

3 Cum Antonio. Schiitz. 

4 Nihil contra reclamare ( ep. CCLII, 20), nihil scilicct 
respondere orationi ab Antonio habitae XIII Kal. Oct. 
Ad ep. DCCLXII n. 7. 

5 Accitas e Macedonia a M. Antonio cos. et a Caio cius 
fratre Brundisiuni advectas, ad quas Marcus mox pro- 
fectus est: Philipp. Ili, 2, 12: App. Bell. Civ. Ili, 40. 
Popma. Est e coniectura Victorii. Nam libb. ante eum 
legationes duas. 

6 Inlclligitis, quam nos, qui tameu propius absumus. Corrad. 

7 Amb. 16 aliique codd. et edd. vett. improbo; sed im na- 
tura est procul dubio ab ant. iam. Correxerunt INIanut. 
Lamb. et Bosius. 'HpxXitotov , vid. ep. DCCX n. i3. 

8 Videtur Atticus in quodam Ciceronis opusculo recensen- 
do, ubi ille posuerat tó antea, ibi maluisse, band scio 
quam ob causara, tò prius. Id nunc ei ridens in menio- 
riam revocat. /. F. Gronov. Qui sequitur, locum con- 
cinnavit Lamb. , piane et commode. Probavit Olivetus , 
qui tamen deesse aliquid suspicalus est post haec verba 
prius scripsi, nempc exspectandum tempus maturius , ut 
supra dixerat ep. DCCXI. Sic etiam Schiitzius in edi- 
tione cpistolarum, nisi quod hi tres alacriorem prò acrio- 
rem rescripscriuit. Ernestius aliique : ad scribendum libi 
Itero dicere, fecisti me acriorem. Mss. et edd. pr. ad seri- 



692 ANNOTATIONES 

bendavi libi <>cre (licere fccisli me dcrioreiii- <[iio(l pau- 
cis mulatis sic Oiell. corriyit: ad scrii), ubi, vere dieain , 
tu me fccistì ne. 
q Vel P. Clodii filiuni, vcl Sex. Clodium (ep. jjCXCIII, A). 
Hanc lectionem iniuria recentiorcs edif.orcs postposiieniul 
alteri Clodium. Scluitz. Cloelium iialum est ex disiunc- 
tionc iinius literae d in duas e/., et ex e flictum e. 

10 Non obscurc niss. duo apnd liniiui!) et edd. sorr. quam- 
quam scck'ste quidem cgeril. Amb. 16, ed. Ro. et Lamb. 
quamquam , si quid cgcrit de liberi. Sch. quamquam . . . 
Sceleste quidem egerit. Post quamquam est relicentia. 
Locum sic cum Orellio compone: Niìiil arbitmr mali- 
tiose cgisfie: quamquam id lieri potiiit. Sed (juid cgei'it., 
scribas ad me vclim. 

1 1 Gallo C. Annio , scil. datum est nescio ([uid praemii a 
M. Antonio. Est ingeniosa ìluschkii suspic'.o apud Orell 
Cf. Pbil. XI, 6. 

12 Qui discedaf, ep. DCCIX. Corrad. 
i3 Ed. lens., me sicut^ sed. 

14 Erat tum in Hispania Ealbus minor, quem scite putat 
Mongaltius hoc vocabulo dcsignari. Olivet. Amb. i6 Bal- 
biim; coniecit, nescio quis, Balbi filium, alii Babullium. 

i5 Hoc est, item.^ ut tu, sum affectus. Quod addit: Scdhacc 
quidem ìiumaiia , argumcnto est , agi de Anuiani huius 
morte. Oliv. Edd. sorr. de Amiano i. 

16 Supple, dicebat. Est in msto antiquo, leste Vrsino, Ser- 
vilia.) quod Corradus coniiciebat, et Schiitz recepii. Wo- 
sius et Popma prò Scleucia.^ sivc Ciucia^ ubi negotia- 
balur Scaptius, accipiebant. 

17 Ex Asia 5 ep. CCL , 8. 

18 Non (jua pompa olim solebat , non ilio, <[uc» solebal , 
iusignein comitatu. Manut. 

19 Ad le Gcriljani. Idem. 



IN EPISTOLAS 5y3 

20. Ep. DCLXXXIX 11. II. Eadem, icil. Selicia. 

21 Qiialtiior Icgioiies, qiias e Pom[)cii Crassicjue dacie cU- 
speisas Cleopatra sub Caesare coUe^tas rctiuebat. Has 
quiim A. Allieiuis a Dolabella inissus educeret, Cassius 
cuuj odo legionibus in Palaestina adortus omnes ad se 
traduxJt", ep. DCCCXVl et Appian. B. C. Ili, 78; IV, 59. 
MaiiiU. Mox arcessi, nimirum a legioinlius. 

22 Xe quid ante laetitiae l'eramus^ ne qua laetitla nos aule 
oceupet, quain factum viderimus. 

"23 Edd, pr. balneo ex. 

24 Hoc est, de assignatioue debiti sui erga me (ep. DCCIII 
n. 4) strenue curasse, ut debitores assignati mihi pe- 
ciuiiam solvereut. Ed. lens. eccepisse se lUcebat a Tre- 
balio, nee omnia siiinma vi feciiiiuni. 

25 Debitorem siuim, qui sibi, qua die promiserat, non 
solverit. jMaìiut. 

26 Id est, moras nectit, ut solent feneratores facerc. Acute 
Schiitzius suspicatur legeudum ut moiietalis ; vid. ad ep. 
CCCLXWII exlr. ìMox Sexduni, de ciuo in ep. GCIX, 4- 

27 Edd. ante ÌNialasp. non quis. 

28 Sic Ero. Schiitz Orell. ex ed. Ro. At Lanib. ytXoffo^ou- 
[Lì5cii. Multi codd. cum Vici, et Graev. yi>o«To^oyfA;va , ut 
sit participium , et a verbo subaudito cxplicannis pen- 
deat. binuit tres libros de Ojficiis ad IM. lilium 5 ep. 
DCCLXIX, 2. 

29 Servi nomeu videtm-, non Romani liominis. Malasp. 
Hunc putat Corradus , esse aiiquem ex iis, quos Octa- 
vius contra Antoniuni subornasse dicitur ep. DCCLXIV. 
De Myrtilo iterum ep. DCCLXIX, 3. Graevius et alii ex 
Ball, cum aliis mss. sit in Myrt.^ SchiUz coniecit Myrlili. 

30 Sic Erneslio auctore cum aliis recentioribus xccepimus 
prò vulgato jjulel. nani peudct a pc/scribc, ut cpiae causa 

CiCER. X. — Lea. T. IX. 38 



594 ANNOTATIONES 

sit. Lanib. satìsne paret. Tum SchUtz e Faerni cod. cor' 

reptus. 
3i Idest, tìx, soliiinmodo; rid. ep. CXXIV init Oratio- 

nem, scil. Philippicam II. 
Sa Edd. sorr. gnod, 

DCCLXVII. 

I Romam. Corraci. 

a Ex. Anagnino, vel Anagnia via. Impedimenta , quae se- 
ctim habebat iter faciens in Graeciam. 

3 Edd, sorr. ab Octaviano reddhae sunt. Tum edd. pr, 
cum Amb. i6 et Lamb. qui Casilini; Oliv. quiqiie C. 

4 Sic bene Victorius e mss. Edd. vett. quingentos. Idem 
Dio narrat XLV, la. 

5 Qui et Caesar appelletur, et adolescens ac paene puer 
(ep. DCXCII n. i4) sit. 3IamiL 

6 Verba vel non longe a Capita e mss, restituit Bosius , 
quae in edd. vett. deerant. 

7 Edd, sorr. docui literìs^ et mox Lamb, nec id. 

8 Edd, priscae hoc pertulk. Mox edd, sor, tantum Anto- 
nìum. Infra Alaudarum, Caesar ad legiones, quas a ré 
pubi, acceperal, alias privato sumtu addidit: unam etìani 
ex Transalpinis conscriptam , vocabulo quoque gallico 
(Alauda enim appcllabatur)^ quam disciplina cultuque 
Roni. insiitutani et ornatam^ postea universam cisitate 
donavit, ut ait Sveton. in lui, i^. 

9 Edd. vett. suis signis^ Amb, i6 sub suis signis. 

10 Centum drachmas, vel centum denarios singulls pro- 
missos. Dio XLV, i3^ App, Bell. Civ, III, 43. 

1 1 Edd, sorr, grande. 

12 Brutus iam ab ineunte Septerabri in Macedoniam se- 
cesserat, Mongalt, 



IN EP18T0LAS 5i)D 

i3 Pittavi foie, ut Caesariaui inter se coUidantiir. Graiv. 
i4 Edd. Vict. et Man. locus. Fugiain Romani? Lamb. con- 
iecit locus fugacj an Romani, sed edidit cutn ed. Ilo. lo- 
cus. Cupio Romani. 
i5 Pro agenduni. Mox Lanib. Ilacc igilur. 



DCCLXVIII. 

I Reddllae siiiit. Mox Amb. 16 et ed. Roin. ab OcLa^na- 
no. Infra nunc quìdem^ scil. scriblt Octavius. 

1 Siipple, haherì. Haberi autem non poterai, quia consu- 
les, et praetorum pleri(jue alierant ab urbe. Morigalt. 
Habitum tamen fuisse uotat Corradus XIII Kal. lan. , 
epp. DCCLXXVII init. et DCCLXXIX n. 8. 

3 Amb. 16 et edd. Ro. et Aldi illc autem ut ular Consi- 
lio tuo. 

4 Praeclarum facimis ; supple admittatur. Lamb. acqua 
dpitjrdx. 

5 Cod. Tornaes. cum Lamb. si Jirmas. 

6 Decimum : qaem Antonius Celtica provincia non dece- 
denlem ai'mis cxpellere parabat. ]\Ianut. 

7 In ordines describit, ut ad pugnam paratae sint. Pro- 
prie cenluriare est milites in centurias dividei'c, inquit 
Vietorius. Dinumerat , quingenos denarios singulis , vel 
etiam recenset : vulgo fa la mostra , passa a rassegna. 
Cui explanationi suffi'agatur leclio Aldina cciiiurias — 
dinumerat. 

DCCLXIX. 

j Philippicam II , ut putant Corrad. et IMongaltius , pro- 
pter ea, quac scquuntur, potius, quam lib. de Giona, 
de quo tp. DCCLVII siJj Uu. 



596 ANNOTATIONES 

2 Flores, idest loca exquisitiora notasti. Hinc apud nos Ari- 
filologia, hoc est ex auctoribus excei'ptio locoruni maxime 
insignium. Sic bene Lamb. emendavit vitiosum ante, vel 
autca in mss. et edd. vett. Eaedem mox mihi fiorai- 
tia s. V. 

3 Ep. DCCXXXVI n. io. 

4 Id est, caiisae idoneae simt, quare ei parcaai, dum pcr- 
stringo alium, Antonium: sed mihi difKlci'c fuit iii eo 
niihi moderali. Ernest. Ciceroni in exsilinm profìciscenti 
receptum Sicca dederat: cp. LIV et LV. Mox libri ante 
Vict. Hasta aegre me t. , vel Hasla ea aegre tne tenuit. 
Hinc Lamb. ab Attia aegre me i. , et in ed. poster, a 
Fa di a: Bosìlis at st! aegre me tenui. 

5 H. e. nepotes, posteri', Hom. II. XX, 3o8 et Virg. Aen. 
Ili, 98: Et nati natorimi etc. , quos iam Victorins lau- 
davit. 

6 Sic etiam Amb. 16. Alii libri uUo L. ìac. Gron. corri- 
gcbat sine siilo L. Siili, graece o-A^ot, genus carminis 
apud Graecos simile Latinorum satyris. De acerbi tate Lu- 
cilji satis constat. Correctionem Gronovianam recepit Er- 
nestius. Graevius etiam coniiciebat sine sale L. Orell. sine 

felle Li. Tum aliqui vett. Luculliano. 

7 Haec ad orat. Philippicam II pertinent, in qua Cicero, 
e. 2, ubi ait, Antonium ex fìlia Fadii libertini liberos 
habuisse, simul aliqnid scripserat in contumeliam Siccae 
et Septimiae, quod deinde y^ttico monente delevit. Schiitz. 
Eo loco tamen Q. Fadius appellatur^ et Q. non C. ha- 
bent hic Oliv, et I. V. Cler. 

8 Optat ita concidere opes Anlonii , ut vulgari Philippi- 
ca II, quam domi scripsit, non recitavit, impune possit. 
Sic fere Mongaltius. 

f) Triumviri , qui proprie hoc tempore diccrcntur, nulli 
fuerunt. Latet igitur in hoc loco iocus alicjuis Attici, ut 



IN EPISTOLAS 59^ 

intelligitur ex illis: morìar , ni si facete. Itaqiie sine epi- 
, stola Attici recte Manutius ait, non licere nobis divina- 
re. Proferara tamen insigniores coniecturas. Poptna triiim- 
viros intelligit tres fratres Antonios: quasi tres viros agris 
dividendis, vel rei pubi, constituendae , vel triura mu- 
lieruni viros. Itaqiie Gronoviiis explanat: Ilio tempo- 
re, quo fuerint triumviri, h. e. exspectandum est tempus 
illud, quo fuerint., nec sint amplius, perierint Antoni! 
fratres, Marcus, Lucius et Caius. Novissime Schiitzius 
exponit : Trìuni ( scil. uxorum ) viros Atticus iocose in 
epistola appellaverat Pompeium , qui uxores habuerat 
Mucìam, luliani, Corneliani; et Caesarem, cuius uxo- 
res fuerant Cornelia, Poinpeia, Calpurnia. 

10 Peducaeo. 

11 Hoc est, eius iudicium tanti facio, ut is unus mihi sit 
prò decem millibus. 

12 Matii^ ep. DCLXXX n, 2. Hic et Calenus amici erant 
Antoni!. 

i3 Loquax , intellige, videaris in epistola tua fuisse. Ernest. 
Sic correxit Victorius lectionem Medicei i^IAO EAECXOC. 

i4 ÌVon poetae, sed grammatico, qui scriptorum fuit alter 
Aristarchus* ut ostendit Diogenes in Piat. et Epicur. cuius 
Athenaeus saepe mentionem facit. Corrad. Mox Lamb. 
sic epistola tua. 

i5 In Philippica II, e. 4^- ^ehiitz. 

16 Antonius multa subiecerat Roraae testamenta, quibus 
heres scribebatur. In iis fuit testamcntum L. Rubri! , cu! 
ne notuin quidem illuni fuisse tradii Cicero Phil. II, 165 
sed et in praedia quaedam invaserai Q. Metell! P!! Sci- 
pionis (Phil. V, 7). Ideo quum hoc de praediis Scipio- 
nìs Cicero scripsisscl in oratione sua, quumque non sa- 
tis apposite cum aliis facinoribus Antonii coniungi mone- 
retur ab Attico, mandavit ei, ut prò Scipionis reponeret 
Rubriana. Sic fere Bosius. 



598 ANNOTATIONES 

17 Et te suadente paiicm tollam eaniiii laiulum, quibus 
Dolabellam ornaveram. MamU. Lociis in eadem oratio- 
ne, e. 3o. Cumulus laudinn, qiieni detracluriun se dicit, 
Uodie non est in exemplis, adeoqno qualis fuerit igno- 
ratur, Ernest. 

18 Haec referénda sunt ad ea verba Philippicae II, e. 3o : 
Ter depiignavìt Caesar euiii eh'ihus in Thessaliii ,, Àfri- 
ea , Hispania ctc. Bosius. 

19 Scilicet Antonium* in eadem orat., e, 34, ubi tamen 
etiamnum legitur quid indignius. 

2ò Sic librum suum, qui non exstat, inscripsit Varrò , vel 
sic illuni Cicero appellai, in quo Varrò clarorum viro- 
rum nomina congesserat; alludens forlasse ad Peplum 
Aristotelis, vel in genere ad peplum, genus vestis laneae 
apud Graecos, quae res gestas virorum illustrium seu 
feminarum intextas vel depietas liabebat. Vide etiam Mòn- 
galtium. 'H/}ax>££^tov, in ep. DCCXLIV n. 4 et seq. 

21 Librum de Sencctute^ cp. DCCLIV, r. Lamb. e cod. 
Tornaes. Librum meuni illum: O Tite : quamquam ex 
ahnbtatiónè verba illa in lextum invecta esse suspi- 
cabatur. 

22 Hoc rcfertur ad Philipp. II, 4I5 "bi Cicero de Anto- 
rlio : Praeserlim quwn duos seeuni Anagninos haheret , 
quorum alter gladionim est prineeps , alter poexdorum. 
Ibi Cicero Mustelae et Laconìs nomea haud addideratj 
quod utrumque hodie ibi additum legimus. Fortasse au- 
lem verba illa Aiuignini — bibit ponenda sunt post quid 
indignius. Schiitz, 

23 Topica fortasse, ut opinatur Mongaltius. 

24 Explicavit, nempe de honesto et utili. Emesi. Vid. ad 
t'p. DCCLXVl a med. Absoh'i duobus , scil. libris. Mss. 
quidam cum edd. pr. perperam absoh'it. Sensus est : 
Qnae Panaetius tribus libris pertractavit, ego duobiis 



IN EPISTOLAS 599 

compleius sum. Tertium tamen adiecit , in quo de iis 
agitui", quae Panaetius pollicitus fuerat, sed uon scri- 
psit, ut infra. 
a5 Vide locum nempe in Oflìciis I, e. i3, Supra, Lamb. 
deliheramus — videntur, quorum primum etiam edd. sor. 
habent, 

26 Edd. vett. cum Lamb. deinceps scrìpturum. 

27 Panaetii Stoici discipulus^ Divin. II, ^1. Mox ad per- 
secutus durius, inquit Ernest., omittitur est. Facile est 
coniicere persequitur. 

28 Edd. ante Bosium qiiem exspecto; male; ri y.zfa.lxtx ex- 
spectabat Cicero. Lamb. guem exsp. eumque velini e. 

29 Ep. DCCLXVI circa fin. Libb. vet. de M. Caecilio. 

30 Exitiosos cives existimasti 1 

3i Hoc est, itane illi culpam Myrtili sive veram, sive fictani 
in D. Brutura, quasi is percussores in Antoniura subor- 
naverit, conferunt? Schiitz. 

Sa Male faciant. Libb. vett. cum Lamb. de istis. Vid. ep. 
DCCXXXI n. i5. 

33 Supple , prohibitus , ne navigarem. Supra Lamb. in 
Ponip. abdidi. IMox edd. pr, nihil tetrius ; tum edd. sor. 
j4b Octavio , cui supple cum Corrado afferehantur ; cf. 
ep. DCCLXVII. 

34 Venire cogito. Corrad. Perperam edd. sorr. statini veni. 

35 Ex lliad. VII, 93. Loquitur de se, non ut in ep. CCLII. 
20. Itaque ait: Vt Graecos, Hectore provocante, pudebat 
quidem recusare, sed tamen illi suscipere verebantur ^ 
sic me ab Octaviano ad servandam rem pubi, invitatum 
pudet quidem recusarc^ sed tamen vereor negotium su- 
scipere. Vidit Corradus. 

36 Cogi posse a se. Ernest. Ep. sup. Edd. sor. scnatuni, 
statini venire. 

37 Edd. sorr. inccrtis in rebus. 



600 ANNOTATIONES 

38 Fpse Octavius conlra ariualos Antonii in senati! j ron- 
Ibr atl ep. DCCLXV. 

39 lens. simili et, Lamb. .sìinul alr/tic: Ami). 16 simili 
corutitiiero. 

40 Eos, qui stipulatione se tlaturos esso pecuniam spon- 
dcnt, Vult enim, opinor, e suis praediis aliquofl ab At- 
tico vendi. Manut. 

4i Edd. Rom. et sorr. Taurominium. 

42 Sic emcndavit Victorius partini coniectiira , partini e 
codicum vestigiis , in quibus legebatiu' in tres. Quani 
emcndationcm confirmat ep. XVI. Antea Valer. Mitres. 
Mox gratiosorum, in suffiagiis^ idest, qui giatia valent 
apud potentiores; quibus scilicet Valerium interpretcni 
commendarct. Popma. 

43 Ad Catinenses, Tauromenicnses, Syracusanos. IMamd. 
Quid Valerius assequi in Sicilia per Ciceroncm cuperet, 
nesciunt interpretes. 

44 Qiias indixit M. Lepidus in pontificatus sui auspiciis. 
Vid. ep. DCCXLVIII, 3 extr. Sic de Corradi coniectura 
omnes scqq. Olim Lepedianis. Mox Balbiis ad me, sup- 
ple, scripsit, posse me abessc. Vide Mongalt. Tum Ern. 
et Schiltz usque ad IV, fortasse vitio operaruni. 

45 Scilicet me, ex literis tuis, quas exspectabo. Ernest. 
Sic Victorius et Popma emendarunt^ nam mss. habcnt 
menile Torq. neg. etc. Amb. 16 meque T. ìwgotio locu- 
turiim pillo. Non tamen displicet alia propior eraendatio 
meque Torq. negotiola etc. Lanib. literas , nude me de 
Torq. negotiolo etc. Bosius vero Neque Torq. neg. sti- 
turiim p. ; e cod. Crus. 

46 Nempc Quintus pater Quintum fllium. 



IN EPISTOLAS 60 1 



DCCLXX. 



1 Epp. CCCLXXIX extr. et CCCLXXXVIII, 4. Scd hic, 
quid sibi velit Cicero, uemo dixerit. Mitginaris , moras 
nectis. 

2 Idest, a me ipso. Corraci. 

3 Ab Antonio. Idem. Vide ep. seq. 

4 Antonius ; arh'entare , a Brundisio , quo profectus erat 5 
epp. DCCLXVII et DCCLXVIII. 

5 Esse volo, et coram loqui. 

6 Scilicet, habeto, vel habeamus. Ernest. Sic Vict. e ve- 
stigiis edd. et codex Helmst. , quod vulgo receptum est. 

• Libb. vett. bonam enim unde 'H/?., Bosius vero corrige- 
bat TTovoviioct enim. 

7 Facete scx'ipsisti. IManuL 



DCCLXXI. 

I Sic bene Lallem. e mss. Paris. Eni. et Scliutzius. At edd. 
sor. VI Arpinum veni ad II II in Sin. , Lamb. Bosius 
et Graev. VI Kal. veni; sed, ut notat Mongaltius, Ra- 
leudae iam praeteriere, ut est in ep. DCCLXVIII extr., 
et haec data est VI Id. Malasp. et Oliv. P't veni etc, 
Amb. 16 C. N. veni, ed. Ro. Cnaeus venit; vides quam 
louge a vero. Ad me, scil. in villam meam, quae est Si- 
nuessae. Infra ed. lens. recta via Appia. 

1 A Hi mss. et edd. vett. Caesariana. Etsi forma solita de- 
rivationis poslulct vulgatum Caesarina^ quippe a Cae- 
■sar, non a Caesarius deducatur, ut a Pompeius Pom- 
pcianus , a Ttillius Tullianus , et sic de ceteris in ius 



602 ANNOTATIONES 

exeuntibus , ut notavlt Malasp. ; tamen Caesarianus alibi 
saepe adhibitum cernere est, ut cxercitus , milites Cae- 
sariani etc. 

3 Tamen quum haec scriberet, erat adhuc in Sinuessano, 
ncque in viam se dederat. Verum ita scribit, quasi post 
rem peractam cum Attico loquatur. Mongalt. 

4 Vulgo ///f/., minus recte. Etenim, ut notat idem Mon- 
galt., Cicero mox profecturus Arpinum versus Antonium 
ut fugeret maxima celeritate utenlem, inepte constituisset 
non venire Aquinum nisi II, scil. prid. Id. , quo perve- 
nire poterai eo ipso die, quo hanc dabat epistolam, et 
revera pervenit. Vid. ep. seq. Edd. Ro. et PsXdii prid. Id.^ 
scil. e correctione toù //, quod // Id. dici raro solet. 
Lamb, Constitueram ad II Idus — maiiere. 

5 Ed. lens. sunt aiitein mihi curae, et mox ed. Ro. aut 
maneam. 

DCCLXXII. 

1 Si verum est hic VI Id. , dicendum est, epistolam su- 
per, iam dimissam esse ante lucem , antequam Attici Ta- 
bellarium ofTenderet: aliter enim hanc ipsam cum illa 
coniunxisset. Amb. i6 et edd. vett. cum Lamb. V Idus.^ 
quod malo. Vide infra : eo die munsi Agnini^ et ep. sup. 
constitueram, ut V Idus aut Aquini manerem etc. 

2 Haec est lectio librorum omnium ante Bosium^ qui mu- 
tavit in Tirenuni^ quin tamen indicaret, qui pons Tire- 
nus fuerit. Bosium sequuntur omnes praeter Orell. 

3 Ad ep. DCCLVIII n. 7. Mox edd. sorr. et ego st., Lamb. 
at ego st., ed. Rom. ego tamen statini. 

4 Ahsurduni ; quia in ea epistola nihil de itinere instituendo 
consilii, quod ab Attico petierat, reperii. Mox Lamb. ad 
eas lit.y rectius; nam de super, loquilur. 



IN EPISTOLAS 6o3 

5 Ad vento sum Mimantcm insula Psyria , /ì ppiain ( viam ) 
sinistra hahcntem. Alluclitur ad lociiin Hoincri Odyss. Ili, 
171, 172, (ubi) Vlysses cum sociis deliberai de naviga- 
tione instituenda , vitrum supra Chiiim dirigant cursum, 
ita ut parvam insulam Psyriam, quae est non procul ab 
insula Chio, a sinistris habeantj an vero infra Chium , 
ut ventosum Mimantem (montem) praetervehantur. Sua- 
debat Ciceroni Atticus, ut inter Apenninum montem (Mi- 
inanta), qui e Campania Romam proficiscentibus a dex- 
tris est, et riam Appiam, quae a sinistris iacet, Arpinum 
(Psyriam) proficisceretur, ne in Antonii manus incideret. 
Ernest. Libri vett. Appiani scilicet ira etc. 

6 Quod erat in via Arpinum vei'sus. 

7 Idesl minus commoda. Sic codd. meliores. Alii via ma- 
ta, vel amata., ex quo Bosius fecit via diiaptx^ sane inepte: 
melius Lamb. coniiciebat madidata. 



DCCLXXIII. 

1 Sive altera hacc epistola, sive est alteri parsassuta, vo- 
ces vel initio, vel in contextu desuut aliquae saltem, 
quae significarent, Tironem mitti Romam. Mongalt. Id 
iam Corradus viderat, putabatque legendum Tironem qni- 
dcni. Scbiitzius vero ante verba et quideni putat excidisse 
haec alia: Tantum quod in Arpinas veneram . Tironi has 
ad te literas dedi ; scilicet mutuata ex ep. CXXI\ init. 
Quod vero liaec epist. alia sit a sup. vidit Coiradus , 
quuin illa sit //^, haec vero /// Idus data, ut in fine 
diserte apparet: distinxermit etiam Schiitz et Orcll. 

2 Sic Ernestius, latinitate postulante, prò vulgato putas 
et ita iam voluerat Cori-adus: et editur nmc vulgo. 

3 La mb. et Oracvius faciundum. 



6o4 ANNOTATIONES 

4 Octavius et Antonius. Parcs , scil. copiis. Confer cp. seq. 
Quiesccpcluin^ nani duiu inter se aliquandiu pugnabunt, 
nos interea periculi cxpei'tes erinuis. 

5 Si pares non sunt, sin alteruter superior est, periculura 
latius fiet, manabit, fluet:; et primo ad nos, qui consu- 
lares sumus, deinde ad omnes coniminiiter: tunc vero 
deliberabiinus. Amb. 16 et ed. lens. niaitchìt ; male 5 cf. 
epp. DCXCIV, 2 med. et DCCXI. Iliitius in ep. DCCXIX 
scribit quae Jliiunt. 

6 Lamb, temere venire. 

7 Scribendaej vid. de Legg. lib. I, e. 2. 

8 Sic Lambiniis ex antiquo libro legendum putabat, et ha- 
bent vulgati vett. , quam lectionem optimis rationibus de- 
fendit Pigbius ad A. V. C. DCXI, ut iam monuit Orell. 
At Bosius et seqq. quibus ceiisoribus ; ex coniectura, 

9 Sic Lamb. , puto ex coniectura. A. V. C. DCXI hi duo 
censs. lustrum condiderunt* vide Pighium 1. e. Bosius et 
seqq. omittunt censorihus : recte quidem, quum supra edi- 
derint quibus censs. Etsi vero Schiitzius defendit Bosii 
lectionem , inquit Orcll. , aeque e coniectura natam , ac 
nostra est, mira semper quaestio erit, quibus censoribus 
aliquis fuerit trib. pi. Contra audisse sibi visus erat Ci- 
cei'C Fannium trib. pi. egisse aliquid in censura P. Afri- 
cani, L. Mummii. Ambigebat autem ulrum A. V. C, DCX, 
an DCXI. 

DCCLXXIV. 

1 Aede probata smitj epp. DCLXXXV n. 7 et DCCXI. Ed, 
lens. quam intellexeris. 

2 Atqui ncutrum voluissent et Atticus et Cicero. Edd. sorr. 
ita ut^ qucni v.^ vel ita ut, quae wlis , iiescias. 

3 Dixit, se R.on]ae fore postridie, quam Puteolis discessis- 



{ 



IN EPISTOLAS 6o5 

set. Manut. Siipra Scxtn , scil. Pcducaei ; et corrige 

Scxtì. 

4 Vt in Consilio capiendo ne properem. Et hoc nionebat 

Atticus, quia Cicero iain illud iterum l'Ogaverat, quid 
sibi csset agendum : inanendum Arpini , an propius ac- 
cedendum, an eundiini Romani j ep. DCCLXXI. Idem. 

5 Monuerat Ciceronem Atticus, ut Philippum et Marcel- 
luni imitaretur, nihii propere agentes. Habcbat autcni 
L. Philippus in matrimonio Attiam Octaviani matrcm, C. 
Marcellus Attiae filiam, Octaviani sororem^ Phil. Ili, 6. 
Idem. Hoc igitur sibi vult Cicero : acquiesco quidem tuo 
Consilio, ne properem^ sed non exetnplum Philippi et 
Marcelli me movet: alia enim est eorum ratio. Cf. ep. 
DCCIX n. 4. 

6 Octaviano. Corrad. 

7 Edd, pr. et Amb. iG in Tusculanum. Tum edd. Ro. 
Aldi et Lamb. passim, et mox Ernestius et Schiitz ta- 
cite idne melius. 

8 An scilicet tunc solum in Tusculanum veniam, quum An- 
tonius Brundisio Romam redierit. 

9 Ep. DCCLXIX, 1. Aliud ex alio., se venit in mentem : 
piene Tei\ Heaut. III, 3, 87 aliud ex alio incidit; cf. 
ep. CDLIV. Amb. 16 «yaw, ut Graeci. Mox ofjicium , 
se. appelleniiis. 

10 Officia enim multa sunt, quae rem pubi, quoque re- 
spiciunf, alia ci vis cuiusque propria, quae praestare de- 
bet patriae: plura vero et maiora eorum, qui in ea mu- 
neribus fungmitur. 

1 1 Lamb. addit iwperatoris officium. 

12 Nuper mortuo- ep. DCCXLVIII, 4. Schiitz. Male nar- 
ras^ idest triste mihi nuncium afFers. 

i3 Eum enim defénderat Cicero, Vide ad epp. CXCIX, 2 
et DCCLXVI. Cod. Amb. 16 cum ed. Rom. novi gratum. 



6o6 ASNOTATIONES 

i4 Scilicet capila, de cjuibus ad ep. DCCLXIX, i. 

i5 Vsus est circuitione, quuni hoc vellet dicere: Quhitus, 
sororis tuae filius, sci-ibit ad Marcum, fìllum nieiun, se 
Aedilem plebis ex Nonis Decenibribus in concione ad 
populum relaturum summam pecuniae a Caesare in aede 
Opis deposi tae, eiusque rationem ab Antonio exacturum. 
Erat auteni Qulntus pronepos Avi Attici, quia nialrcm 
habebat Pomponiam, sox-oi-em Attici. Popma. Amb. i6 
Q. tui pronepos ; edd. Ro. Quinti tuì pronepos ; lens. Qui 
tui pron. ; Aldi Quintus, tui pronepos ; Lanib. Quintus tui 
patris nepos; Bosius et Graev. Quintus avi tui pr. De- 
lendam vocem Quintus indicarimt iam Muretus et Grae- 
vius, teste Ernestio, et deleveruut Schiitz et Orell., nani 
et infra non est Marcum. 

16 Hoc est, acturum in concione populi de pecunia in 
aede Opis deposita (ad ep, DCCIl). Eani Caesar pecu- 
niam in sumtus belli Parthici congesseral. Antonuis ma- 
gnani parteni diripuerat ( ep. DCCVIII circa fin. ). An- 
tonii nomen deferre constituerat Q. Cicero, Quinti filius, 
Nonis Decembribus , ut novum patriae hosteni , eodeni 
die, quo suus olim patruus M. TuUius Cic. Catilinariani 
coniurationem oppresserat. Mongaltius recte animadvertit , 
accusaturum fuisse Quintum privato dumtaxat nomine, 
atque eos refellit, qui designatum fuisse illum aiunt alii 
tribunum plebis, alii aedilem. Huius enim rei nusquam 
est uUa mentio, ne in bis quidem epistolis , in quibus 
multa referuntur minoris longe momenti. Olivet. 

ij Sexti Peducaei iudicium cxspecto de oratione niea in 
Antonium ( ep. DCCLXIX n. io). Popma. 



IN EPISTOLAS 607 



DCCLXXV. 

I Alexidis manum (ep. CCXCIII, 3). Corraci. Significat 
vero, Atticum quoque laborare pigritia, quum in scri- 
bendo aliena utatur nianu. 

a Qui, quum mihi pecuniaai deberet, et de solutione as- 
severanter quotidie promitteret , diu variis excusationibus 
ludiflcans, ad extremura, ne nummo quidem persoluto, 
in Syriam profectus est. Ep. DCCLXVI a med. Manul. 

3 Edd. sorr. alienatum. Paullo post Amb. 16 et ed. Rem. 
me niea causa facere et rei publ.^ ut. 

4 Amb. 16 deseruit — fuit — everlerit: edd. sor. deseruìt — 
fuerit — jeverterit; Lamb. deseruit — fuit — evertit. Do- 

labellam pecunia emtum Manutius vidit indicar! etiam 
in ep. DCCII init. j eum vero deseruisse rem pubi, quum 
Cassio Syi'iam eripuerit, narrai App. Bell. Civ. Ili, 7 seqq. 

5 Exigendae pecuniae. Maimt. 

■6 Inverecwidiam ^ idesl difBcultatem quamdam, quasi sci- 
licet animus mihi desit ipsius appellandi turbulentis bisce 
temporibus. 

7 Popma et Orell. sententiam sic costituunt : Possumus 
enirn^ ut spoiisores non appellentur^ procuralores introdu- 
cere {ncque enim illi litcm conlcstabuntur); quo facto ^ non 
11 sum nescius etc. Etsi vero negatio non uni pseudo codici 
Vrsini innitatur: tamen nescio quo pacto sine ea probabilis 
sensus hic erui possit. Rem illorum fere verbis explana- 
bo: Pudendum est, inquit Cicero, Dolabellac sponsores 
appellare. Ideo possumus procm-atores eius in iudicium 
vocare; qui quidem non dissolvent, quia nequeuut in 
hac Dolabellae àTtdt'x (ep. DCCI n. 3), sed nec litem 
iutendent nobis de nomine et debiti ventate, quum haec 



608 ANNOTATIONES 

meridiana luce sit clarior. Quo facto non sani ncscius 
sponsores liberari, meque debitam pecuniaui nniissiuuin. 
Vtrosque enim appellare simul, vel allcros post alteros 
non licei. Res igitur haercbit cum aliqua taineu turpi- 
tudine Dolabellae: ego vero meam gravitatcm servabo , 
ubi ius meum sine illius ignominia (auctione scil. s. pio- 
scriptione bonorum eius) persecutus ero. Edd. pr. cuui 
Lan)b. procuratoreni introduccre. 

8 Esse arbitror. Corrad. Immo et supra Lamb. UH turpe 
esse nrhitror, 

f) Aliqui mss. et edd. vett. et non dubito: ex correctione. 
Mox Icnius administraturus sis ^ ergo non iam anipliui» 
vehemcntcr ci severe ^ ut panilo supra diicrat " idque iam 
vidit Orellius. 

10 Gronovius coi'rigebat potest, et in prae.scntiai Manu- 
iius, Lanib. posset — rctundere. Mihi salius visum est 
postea dclere. Schiltz. Ego vero arbitror cum plcrisque 
postea facili negotio oriri potuisse a scripto potest male 
lectoj quo facto et rctundei'e IvansWe in retu/idit e^ cov- 
rectione. Edd. Rom. Aid. et Asc. retrudit. Amb. iG re- 
tudit. 

11 In ea concione Octavianus res gestas patris lulii in me- 
moriam populo redcgit , Antonium accusavit* milites , 
qui se ducem secuti essent , laudibus ornavit • denique 
patriac operam suam est pollicitus , Dio lib. XLV , 6. 
App. B. civ. Ili, ^i. Manut. Eam concionem habuit in 
tempio Castoris et Pollucis, eamque indignatur Cicei'o, 
quia si Octavius iurat per Caesarem , et eius honores af- 
fectat, procul dubio Caesarem \jt patrem patriae colit, 
et dictalor, ut ille , fieri vidt. 

12 Vt {)atriae defensioncm susceperit. Idem. 

i3 Per patrem iuravit, manum ad Caesaris statuam ex,- 
tendens. 



IN EPISTOLAS Goi) 

i4 J^G sah'us quidem Jiam ah islo ^ scllicet Antonio. Lam! • 

i5 Hoc est, in Cascae tribunatu decernctur, ulriini Octa- 
vianiis ininiicus sit pcrcussoribus Caesaris, nec ne. Sic 
et alibi (liscrimcn clicitur. Ernest. Decernctur autcm , 
quia, quum Casca alter e pcrcussoribus esset. [)criculum 
erat, ne eum Octavianus per plcbem ab iapundo nia- 
gistratu prohiberet, quamquam a Caesare dato. 

i6 Octavio. 

17 Non enini ante Rai. Tannar, habcri poterai senatus (ep. 
DCCLXVIII), in quo solum novi coss. reicrentes de Octa- 
viani et veteranorum commodis adiuvavi a Cicerone 
poterant. 

18 Intelligemus, quo anin)o ferat Octavianus Cascae Iri- 
biuialum. Corraci. Idque ante Idus Decemb., quia a. 
d. IV Id. Dee. magistratum inibant tribuni pi, 

ic) Lanib. boc alterum habebis eiecit' et sane abundat. 

20 EIcgans loculio petita a gladiatoribus et niilitibus, quo- 
rum status et babitus ad proeliandum compositus dicitur 
gradiis. Inde coniponere ad proeliandum gradimi. Vide 
Lipsiuni Satur. II, 30 et I. F. Gronov. notas ad Scnec. 
Agamemn. v. 5i5. Graev. "Lr pcc-zxtWa.^ corrcxit Bosius, ut 
sit dictum per contemtiuu , idest ìnililatoreulus ; quod 
primo quidem obtnlu videtur ad Leptam referri: Anto-, 
iiium tamcn respici volunt plerique vv. dd. , et sane cre- 
dibilius, quum Lepta inimicus Ciceronis minime i'uerit. 
Lamb. et Brut. (7T/3xtvj>«t/ì;; alii aliler. Tum Faerni liber 
sed lu^ quum legeris^ exi.stimahis ^ quantum homo iste nos 
diligat : scil. ab inepto glossatore , quem Gasparinum 
Barzizium fuisse cxistimat Orellius. 

21 Lamb. aliique olim non quod ea aut sit. 

2tì Fai'rni liber; adliib. undicina/n. Quid enini iam est ^ 
Cici:i>. X. — Lctt. T. l-\. 3() 



G I O ANKOTATIONES 

(fuod ego vel auxìUo vd Consilio prodesse possivi; iteni 
a glossatore, ut panilo supra. 
a 3 Quae inihi debeantur : adhiic tamen esprimere non 
potuinnis, ex quo Terentiae satisfiat. Infra Lamb. Teren-^ 
tiae dico ? 

24 Ad ep. DLXXXII, i. Lamb. iiomen H-S XXII dis- 
solvere; et H-S XXII hahcxxX. etiam edd. sorr. At Amb. iQ 
et ed. Ro. H-S XXXV. 

25 Nempe liberaretur, quain Montano dederat. Iiinius. Ve- 
cuniam islam promitterem. Ernest. Cicero filius se flde-r 
iussorem eius summae constituebat prò Montano. Bosius. 
Sic bene Lamb. e codd. Tornaes. et Memm. et Bosius 
e suis libris. Ceteri mss. et edd. olim mendose vide suo , 
vel ut ei de suo , vel uii de suo ; al. ut id de suo , vel 
ut ea de suo , vel uti in suo. 

26 Eam pecuniam seponeret, ut ad solvendum in promtu 
esset. Mox Lamb. Non modo non fecit ; se. quod ius- 
ieraifii. 

27 Ciceronis amicus , qui pecunias ei , aut filio curaret , 
quum opus esset. Ernest. 

28 Nemo enimvero male iiitelligere potest ■ nam si falso 
percipit id, quod audit, certe id non est intelligere. Alii 
arbitrantur modum esse dicendi, scilicet tam male in- 
tellexit, quam quisquam potest, id est pessime. 

29 Repugnans literis Tironis. Vid. ep. DXXIX, 4- Ex quo 
responso Cocceii, alterius ex pi"ocuratoribus Dolabellae, 
coliigere possuraus, se non soluturum. 

30 Belli civilis (ep. CCCI, 2), quod mox exarsitj cf. etiara 
ep. DCCLIX multo ante med. 

3i Ed. Aldi consueveratn . 

82 Hoc est, communiter (tu) mecum cura hoc, ut me 
aere alieno liberare commode possiin. Ernest. Mss. vi- 
tiose constilui in hac cura invisum . \cl e. in h. e. unicum. 



IN EPISroLAS ()I I 

33 Larnh. cti'to. 1. \ . Clei'. nialit (erti. 

34 Cui" ego Roinae niinus luto esse [jossutii , (jli.uh Mar- 
celiiis? Vid. ep. sup. iK)t. 5. 



DCCLXXVI. 

i liuliliu-. I.upLis, legatu» , ut \iJelui . ipMii^ ncciini .kI 
Miitiuain. Male niox edd. pr. curii Lami), et uoNtiis uli- 
quot ad te venisset. ^ itle ep. se<j. 

1 Vid. ad ep. DCCLX, 2. Corraci. Tres Ambh. et uiius 
apud Graev. tato me esse a.^ certe imelius' nani sic tol- 
litur ingrata illa TxvTOowvt'a me me. Mox eo , scil. ea ic^ 
ut solet iioster scribere, idque prò propferea. 

3 Te, scilicet, Antonio provinciam noUe tradere ^ ut colli- 
gitur ex illis , quae sequuiitar : iste provinriurn iiactus 
erit. Collier ep. seq. Duo codd. Ambb. eum de Fran- 
cisc. quae max. hortahar: tres alii eum Ree. et Zel. B 
ad quae max. hortab. Edd. Rora. et Med. ad quae te 
max. h. Mox noster i5 qua liortatione. 

4 Scilicet ili caede Caesaris. Abest praeposit. in a «juinquc 
Anibb. , id quod arguit, rectius scribi in al iis inultis in 
illa quidem re. 

5 Laiìib. tamen libi. 

6 liiterficiendo Caesarem. Qiiart. 

7 Idem Antonius. Provinciam , scil. Galiiani cilerioieiu , 
cui praeerat D. Brutus" ep, DCLXXXVI n. 2. 

8 Amb. 1 quamcjuam enini. Paullo infra Pai. tert. et Amb. 
sext. cuni ed. lens. non utor. 

<) Lanib. pollicear in iis. quae. 

lu Amb. 12 libi iam pers. Edd. Rom. et lens. libi pers. 
!Mox quuni recepì ex plerisque iiostris et alior. et edd, 
pr. Alii Uini rei pubi, lul'ra Lainb. cariar est. 



6 I 2 A N NO T AT 1 NES 

11 Sic melius mss. uoiinulli, ul Zel. B et noster 6 cutn 
edd. Rom, et lens. At Graev. Eni. Schiitz libi ipse. 

12 Ilittorp. Stew. Zel. B et Ambb. omnes , praeter i3, 
cum edd. Rom. et Icns. velini , me tuis. Optima Bruti 
Consilia sunt, rem pubi, ab Antonii regio dominatu li- 
berandi. 



DCCLXXVII. 

I Sic nostri. At edd. vett. tuacjue ^ quod receperunt Lamb. 
et Oliv. 

1 Vocabulum dignitatem delendum censuit Ernest. , et de- 
levit Schutz. Videri quideni potest addituni a glossato- 
re^ sed huius repetilionis exempla non infrequentia ex- 
slaut. Conf. epp, CXXVI, i^ CUI, i^ CLXV^ CLXXIII, i^ 
CCCX extr., CCCXXXIV D i extr., CCCXXXVI C init., 
CCCLVI init., CDXXXI et DLIII circa init. 

3 Lamb. cdìxissent , ut senalus adesset. Equidem ut vide- 
tur disunì a duabus pi'aecedd. literis ni ; et in Vatin. 
e. i4 additur edixeritque praetor, ut adesset. Eodem 
modo in Pis. e. 8. De senatu habito vide ep. DCCLXXIX. 

4 Hoc eo "valebat, ut senatum tuto consules Kal. lanuariis 
habere possent contra scelus audaciamque Antonii, quae 
intra muros urbis versabatur. Qui locus ostendit , qui- 
nam intelligendi sint consules design. ^ nimirum Hirtius 
et Pausa in an. prox. DCCX, ut bene Corradus et Ru- 
tilius monuerunt: non Plancus et D. Brutus hic noster, 
qui in an. DCCXI tantum designati erant. 

5 Quo pollicebaris, te provinciam Galliam retenturum in 
seuatus populique Rom. potestate ( ut est in Phil. Ili , 4)' 
Corrad. 

6 Sic mss. At -velt. edd. cum Lami), hon. de te. In aliquibus 
vero abest etiam. 



IN EPISTOLAS 61 3 

'7 Vide ad Phil. Ili, 4, 5, i5. Corrad. 

8 Concio uon dicitiir, nisi de orationc adpopulumj Geli. 
XVIII, 7. Oi'atio autem, quam in conciono maxima di- 
xit, est Phil. IV. Hittorp. conventione max. Revera Fe- 
stus lib. Ili: Concio, conventus^ dieta, quasi convoca- 
tio. Ed. Med. quacve in e. m. 

9 Vt praecipue et prae omnibus aliis dignitateni tuam tueri 
videar. Cori. 

DCCLXXVIII. 

I Hic adhihere significai, quod alibi plcnius dicitur in con- 
siliimi adhihere^ ex. gi\ ep. DX\'II sub iuit.. C(^XXVII, 
ut recte viderunt Victorius et Cortius. Sic ep. CDLXIV 
extr. : a tuis reliquis non adhihemur; prò Clueut. 52: 
Leges , ad quas adhihemur: et Off. III, 20: Quum col- 
legiuni praetonini tribuni pi. adhibuissent. 

1 Servium Sulpicium IC. celeberrimum , de' quo epp. 
CDLXIX et scqq. Consohrinuni tuuni, ex quo loco in- 
telligitur , natos Sulpicium et Brutum ex duabus so- 
roribus. 

3 Sic ed. Victor, et cod. Vatic. Nostri omnes cum Ree. et 
vulgg. vett. cognoscere. Mox Lamb. aliique ex Cu. Scio. 

4 Sic concinnius et frequentius sex nostri, Amstel. ZeL B 
aliique codd. cum edd. fere omnibus 5 et sic probarunt 
Graevius, Ernest, aliique. At Gebhardus cum Victor, et 
Orell. nicmin. volani.^ qua forma locutum alias Cicero- 
nem vidit Graevius, et habetur in duobus Ambb. 

5 Scilicet i^C, ut et infra prò auctoritate voluntas. Vid. ad 
ep. xeni, 3 et CCXXIII, 3. 

6 Ncque enim poterai senatus libere, inctu Antonianorum, 
qui in urbe et senatu versabantur, in primisque Q. Fufii 
Caleni, ep. DCCXCIII, quae vellet, decernere. 



G I 4 ANNOTATIONES 

7 Necciii 1. Caesaris , quac itcruni innuitnr illis vcrbis ^>/7- 
nnim .Idil>. Mari, 

8 Anib. 6 rem liberasti ; quinque alii cum Ree. et ed. Med. 
liheravisti. Mox ed. Ro. in quo etiam est ; Lanib, quo 
est e ti ani. 

c) Id ipsum Phil. Ili, e. 2. Velleius (II, G) vero etiam 
aniium indicat : C. Caesar XTIIII annum ingressus , 
mira ausus ac sumnia conseculus privato Consilio, ma- 
ioreni senatu prò re pubi, aniniuni habuit : priniumque 
a Calatia , mox a Casilino veteranos excivit paternos etc, 

' vibi vide interpp, Cf. Floriim IV, 4? ^PP ^- ^iv. Ili, 
9, Dion. XLVI , 4i' 

10 Milites veteranos, quibus agros assignaverat Caesar, la- 
borum praeniia, et legiones Martiam et quartam, qiia- 
rutn legionari! rura colcbant, et in XXXI rusticis tri- 
bubus sufTragia ferebant^ ut bene Manulius notat^ vide 
ep. DCCLXVII. 

1 1 Qui tecuin , C. Caesare duce , militarunt in Gallia. 
Quart. 

12 Marcum Antonium. Ilosteni iudicavenint , illuni rclin- 
quentes, et Octavium seqiientesj ep. DCCXCIII. Corrad. 
Cf, Phil. VII, 3. 

13 Non licet utrumvis, arbitrii tui iam non est, rei pubi, 
curani vel suscipere vel oniitterc^ bis enim te lil)ertatis 
defcnsorem profcssus es. Manut. 

i4 Sic cum Lambino nostroruni aliquota quibus proximc 
Hittorp. et ed. Vict. paratus et aniniatus. At Graev. , 
Grut., Ern. et Schiitz. par. scu anim.^ faventibus mss. 
Amst. , Ment. et nostro i5. Sed 2 et 7 paratus ut ani- 
matus ; Stew. juiratus .^ scu ita an..^ alii apud Graev. ita 
par. ita anim..^ quod proximum vci"o indico. Mox Anibb. 
duo et edd. vett. cum Lamb. esse debes. 



iJyf KPI.STOLAS GiS 



DCCLXXIX. 



t'In augurata^ ad ep. DCXLI init. Amb. 2 et alii non- 
nulli vestro , quod dedit A Ictor., minus recle. Erat autent 
augur etiam Cornificius^ ep. DCXLII. 

3 Nostri quinque cum Ree. aliisque nonnullls pari con- 
tentione; minus apte. 

3 Verba ad populum facit e rostris tibi detrahendo. 

4 Hittorp. arhitrahar. 

5 De hoc aliter locutum Ciceronem vidimus ad epist. 
DCCXLVII, 2. Vel igitur prò re nata Cicero loquitur, 
vel Pansa aliquando dormitabat. 

6 Aegrotabat enim^ prò cuius salute P. R. etiam vota fe- 
cit. Corraci. Phill. I, i5^ VII, 4- 

7 Omues Ambb. Ree. et edd. pr. cum Lamb. est ima. ÌNIox 
similem forCif in tuenda liberiate, ut maiores iam , ex. gr. 
contra Tarqulnium fecere. Cod. R.ec. maioriun suoruni 
sìmileni f. 

8 Amb. 3 cum Zel. B a. d. XIIII ; i5 a. d. Vili; duo 
apud Garat. a. d. XVIII; cf. ep. DCCLXXVII. Mox 
Ambb. plerique senatus auteni frcquens. 

9 Ambb. duo i4 et i5 successissent. 

10 Contra C. Calvisium Africani tibi traditam lege lulia 
petentem sine SCto. Cfer Phil. Ili, io. In seq. membro 
Ambb. 6 et 7 reiqiie pubi, causa. 

11 Hoc est, in causa Sempronii. Cort. Qui videtur falso 
se. missus fuisse in Africani ab Antonio. Eum coiircen- 
duni et e provincia exturbandum Cicero scripserat. De 
eodem infra epp. DCCVU et DCCCXII, 3. Lallem. 

11 Ep. DCCCXXII. Hic olim cum Q. Cicerone in Asia 
fuerat. Ep. XXIX, 4- Corrad. 



C)l6 ANNOTATIONES 



DCCLXXX. 



1 Hac tua epistola diligentisshne de omniijus rebus scripta 
corrcxisti cessationem tiiain nimis longarn a scribendo, 
et me multasti, quod brcves a te litcras olim accepe- 
riiìi. Cf. ep. DCCCLV. Schiitzius, nullo auctore , prò 
verherationcm correxit usuram^ quod illud infacete, ait, 
dictum , nec commode inlelligi potest, quasi Quintus 
Cicero acque latine scribere ac Marcus avunculus po- 
tuisset, 

2 Amb, 12 conscripserat. Fra ter , se. germanus, Marcus. 
Infra Amb. 7 ad me pcrscripsisli. 

3 Hirtio et Pansa. Corraci. 

4 Nosse eos poterat, quutn legatus Caesaris in Gallia fuit. 
Animi delcri omnino volebat Einest. 

5 Hoc est, imminet periculum naufragii universac rei pubi. 

6 Quo tempore in Gallia cuin Caesare militabant. Mamit. 
Amb. 12 oppositos G. e. Max in aestivis ., aestiva dicun- 
tur integrum tempus aestatis aptum ad res militarcs ge- 
rendas* quibus subaudiri potest tempora; Italis una cam- 
pagna. Hoc sensu explicandus est Cic. cp. CCXLIX fin. 
et in Pis. e. 4i 5 et Veli, li, io5. Item loca, ul)i milites, 
vel etiam alius quis habitat quietis et vitandi caloris 
causa- et ea re opponuntiu- ///Z'c^r/^z.y; IìììÌìs (/iiartieri d'e- 
state. Subauditur castra, quod ipsum Tacit. Ann. I, 16, 
2 et Svet. in CI. exprimere maluerunt. Hoc sensu intel- 
ligendus noster hoc loco, et epp. CCIX, 3, CCLVII, 5 
et CLXXVII, et Svet. in lui. 49. 

7 Quos M. Antonius, contra quem illi bellum gesturi sunt, 
facile sibi societate vitae et vitiorum conciliabit, nisi for- 
tiores aliqui duces eligantur, qui imbecillilatem consulum 
sustincant. Inl'ra vulgo olim. et nuper Orell. dcUnicL 



IN EPI8T0LAS Ol^ 

8 Per contemtum et contumeliam , qnam libcnter largic- 
batur iracundia et pravum Quinti ingeiiium. Ambo, ixi- 
quit, ita iiiepti sunt, ut vix alter dignus sit, cui com- 
mittatur custodia Cacsenae, quod est oppidulum Galliac 
Gisalpinae ad Rubiconem, vel melius taberna aliqua* alter 
vero cui Cossutianarum tabernarum cura. Ceterum haec 
duo non bene nota sunt, et lectio librorum est incerta. 
Alii enim Cexanam ., vel Causanani habent. 
g Valde osculabor. Cori. Oculos autcm oscular!, quod so- 
lebant Romani, maius amoris signum crat, si INIanutio 
credis, quam os vel genas. Graev. aliique olini e\. mss. clis' 
saviabor. quod aeque dici, ait idem Manutius. 



DCCLXXXI. 

I Sic Vict. Lamb. ceterique, praetcr Ernestium , qui FI 
et XL. Tum Victor, Graev. aliique ex mss. adoptatissi- 
musj quibus plerique nostri consentiunt. Ignota aliis voxj 
melius cod. Hittorp. exoptadssimus. 

1 Voces mihi successa Lamb. delevit , ut spurias et so- 
loecismum redolentes. Id iam Ilenr. Stephanus monue- 
rat. Consentit Verburg. At Gasp. Scioppius dictum prò 
siiccessis.se defendit. Dandum hoc Ciceroni lilio, 

3 Lamb. aliique olim quando'^ libri nonnulli, in quilnis 
Amb. i3, Ree. et ed. IMed. e/ uomo do ; corruptum ex. 
compendio toO quando^ vel quoniani. Porro ex me do- 
luìsti ^ scil. mea causa doluisti. 

4 Lamb. Ernest, et Schiitz. coniunctionein et dclcvcriiiit. 
Certe altera ex bis coniunctiouibus aut qtium ^ aut et inu- 
tilis est. 

5 Amb. G iocantihus. Siiminae familiarilalis indicium est, 
si cenantibus et inscientibus Cicerone eiusquc conviclo- 
ribus Cratippus obrepit. 



6l8 ANNOTATiONES 

6 Sic recipiunt nunc omnes, quamquam plerique mss. , lit 
Ambb. fere omnes , habent Bruto vel Drudo , et infra 
Bnitiim. Sed M. Bruto convenire non possunt sequentia 
quein nullo tempore a me patior discedere , et huic ego 
loeum eonduxi cfc. , ut vidit iam Manutius. 

7 Sic ex Medicaeo Victorius ceterique vv. dd. Libri vett. 
plerique com'unctio , quod acriter Gebhardus refellit. 

8 Libri complures tum Ambb. , tum alior. , et edd. non- 
nullae vett. cum Victor, et Gebhard. locus'^ inepte, opinor 
cum Graevio. Tum a philosophia eidem Graevio pla- 
cebat. Orell, a «ptXo^oyt'a; nescio quare: iam enim usus 
est latinis literis in ep. XLIII, 2. 

9 Hoc est, sive aedem, sive cubiculum, in quo habitaretj 
in vicinia nostra, ut explanant Graevius et Quart. 

10 Ncque iste quis fuerit, dicunt. Gorradus putabat C. Cas- 
sium , Caesaris percussorem ■ cui tamen tantum otii co 
tempore superesse non poterat, ut apud cum Cicero fi- 
lius declamitare posset, ut iam observarunt W. DD. 

1 1 Leontino , cuius libros hic Cicero fìlius legebat : vel 
Gorgia rhetore aliquo , qui tunc viverci j Inv. I, 5. Corrnd. 

12 Causam, cur eum a filio dimitti Cicero voluerit, Plu- 
tarchus ( in Cic. p. 878 ) hanc narrat, quod ad polum 
et voluptates adolescentcm alHceret. Hoc fortasse magi- 
stro didicit strenue bibere Cicero fìlius. Nam binos con- 
gios simul haurire solitum scribit Plinius 1. XIV e, ult. 
Manut. 

i3 Studium in Gorgiam. Ambb. fere omnes 7ie mca animi 
(TTT' ceteri duo cum nonnuUis priscis edd. ne mei animi 
«■TT. Tum Guliel. ex vet. libro notat susceptionem ei etc. , 
sed revera Icgit suspcctionem ei ctc. 

14 Hac parie epistolac. Noli miravi^ quum gratulatio pri- 
mum in epistola locum postulet. 3Ianut. Sic eodem^fere 
loco^ se. epistolae tuae. In seq. membro cod. Zel. B, emisse 
te funduìn. 



IN EPISTOLAS Gì 9 

i5 Possides lociim: mine abiice omnos urbis molestias, et 
animiun tuum relaxa in olio riuis. Sic Lamb. e suis 
libris, Gebhard. ex Palai, et Valic. excerp. , cum Zel- 
B, Ree. et Ambb. fere omnibus, et seqq. , praeter Grae- 
viuin, qui edidit Habes ^ deponendae ubi sunt. Victor, 
aliique olim Habcs uhi sunt deponemlae ; ed. Rom., H. 
ubi (ìcp. tibi sint. 
i6 Argute dictum. Emerat praedium ruslicum, propterea 
( Tironcm ) Rusticani vocat. Et ruslicae tribus erant ur- 
banis digniores. Cori. Digniores scilicet, quia vera Ro- 
muli proles agrestibus operibus exerceliatur, et proceres 
civitatis olim in agris morabantur, et e villis in scnatum 
et ad Diclaturam arcessebantur , ut Gronovius monuit. 
locose dicium Tironi , qui ob impetratam liberlatem rom. 
civis aliquo modo evaserat. ]Mox Lamb. Quum ego. 

17 Lamb. videor videre. 

18 Parte vestis, pinna chlamydis, sive togae, qua appro- 
hcnsa instar sacculi efficitur. Sacer codex sinum potius 
lìominat. Plaut. Mercat. I, 2, 16 * Svet. Calig. 35. Addo 
Oct. Ferrar. Anal. de Re Vest. e. 4'? et Ruben. II de 
Re ^^est. e. 9. Cori. 

1 9 Pomorum , quae comeduntur in secunda mensa. Manut. 
Quae postea in tuo fundo seras. Corrad. 

20 Non potuisse pecuniam dare ad cmendum praedium : 
quo et pertiuet mox sublevatunis sim. Ernest. 

21 Edd. antiquae cum cod. Amb. i5 me inveriti quod 
supervacuum est glossema , ut et sublcvarit in cod. Ree. 

11 Amb. i5 fucrit; Lamh. fucrnnt. 

23 Idest, commentariis ^ ep. DCCXXXIIL Cod. Amb. i3 
cum ed. Rom. graeee uTroavvìftarot?. Supra vero, iiiullum 
enini mihi Ambb. omnes habent cum Lami). 

24 f^'ui lilcris varare. Igitur latina \ox una liic abundarc 
vidctur. 



620 ANNOTATIONES 



DCCLXXXII. 

1 Sic mss. Vatic. Hittorp. et ed. Victor, et seqq,, praetei" 
Lamb. , qui vulgatum olim retinuit excusalioiie intermis- 
sionis ; e correctioue scilicet: nam plerique codd, , ut 
Ambb. omnes et edd. pr. , cxcusatìone intermissione. 

2 Sic mss. fere oiiines cum Victor, et seqq. , praeter Lamb., 
qui vulgatum vetus assiduitate literaruni retinuit. 



DCCLXXXIII. 

I Ambb. quatuor Canidus ; ed. Roin. Canutius. 
1 Vid. ep. DCLXXXVI not. 7. 

3 Non multum sic placet: nam accipere et cognoscere idem 
fere significante nisi interpreteris: quod factitatum olim 
acceperam a niaioribus, et niea actate cognoveram factum. 
Non ita bene Graevius interpretatur, Ciceronem, quum 
senator esset, accepisse, hoc est impetrasse lictores a 
proconsulibus. Nam, ut monuerunt Cellarius et Cortius, 
accipere est per traditionem discere. Stew. Amst. et no- 
stri omnes cum Ree. et edd. pr. quod idem accepe- 
ram, et id cognoveram., vel cognoram; ex quo aliquid 
mendi et hic et ìq vulgata lectione suspicaii potes. Quare 
melius Amstel. et duo alii apud Graev. quod id cogno- 
veram. 

4 Sic Victor. Vulgo Id erit ; sed id in nostris omnibus 5 
Ree. et edd. pr. desideratur. 



IN EPISTOLAS 62 



DCCLXXXIV. 

I Haec epistola in aliquot mss. quum nostris tiim aliorum 
coniuncta est cum DCCCXII. Item in aliquot mss., te- 
stibus Vrsino et Graevio, ut et in Ambb. duobus et 
Zel. B legitur Q. Curius : sed infra in omnibus est con- 
stantei" Tiirìi , Turianam. 

3 Duo Ambb. et edd. pi\ Satarnìum. Tum duo pariterAmbb. 
Sex. Aufidum: et mox duo al. C Anneiim: Lamb, Qi. 
Anneium'^ et statim Pvec. Q. Considium , L. Gallum, Ser~ 
vium Postwnum ; tandem omnes fere Ambb. cum Lamb. 
Rubellinuni , at Ree. Rcbellinuin. 

3 Cod. Dresd. 3 ex quorum. Schiitz. 

4 Ambb. duo 12 et i3 cum edd. Rom. et lens. praedi- 
cant. Infra liberalitate intellige benignitate, humanitate, 
ut alias saepe. 

5 Abest hic loci Uteris a nostro 12: quod mallera. 

6 Q. Turii libertum procuratorem. 

7 Scilicet exigendo et retinendo pecunias, quas Turius 
credidit. 

8 Sic nostri omnes cum R.ec. aliisque et edd, pr. et Lamb. 
Vulgo nunc h. eos. comm. 



DCCLXXXV. 

I Vulgo hic et in duobus epp. DCCCVI etDCCCVlI Q. Cor- 
nijicio. Sed Q. desideratur in omnibus nostris, Ree. et 
ed. Med. , quae , ut et in ceteris , addit collegae. Itaque 
sustuli cum Lamb., ne, si adsit, alius videatur Corni- 
ficius a superioribus, qui sinc praeuomine scraper scri- 
bitur. Confer epp. DCXLVl et DCCLXIV n. i. 



63 2 ' ANNOTATIONES 

2 Onincs nostri cum Stew. Ree. et priscis cdd. et Sehiitzius 
ex qiiinque codd. Dresd. equitis Romani. Vox ritmo cimi 
additione peisonae pluries sic occurrit, ut cms est nemo 
prò Doni. 4^ et ep. secj. med,, amicnm nemincm cp. C 
sub fi., hominem neminem ep. CCXXXII. 



DCCLXXXVI. 

I Non opportune. Conf. ep. CDL not. i5. 
a Amb. 6 et edd. pr. cuin Lanib, a te facile. 

3 Amb. 12 pugnaret. Rclcgalus est., id ipsum ep. DCCCVll, 
et innuit Dio lib. XXXVllI, e. i6, et prò Sext. e. ii idem 
Cicero, quum ait: L. Lamiam — in conciane ielcga\>it , 
edixitque , ut ab urbe abes.set millia ,passuum ducenta. 
l^erperam bine aliqui codd. a Gab. consulare legatus. 
Cf. in Pis. IO, et post Red. in sen. 5. 

4 Sic codd. plerique et edd. vett. omnes. Romae iam Grae- 
vius natuni esse a praeced. Roni. notavit, bino omisit, 
et cum co seqq. Romae opponitur soeiorum civitatibus , 
quasi dicat: quum in aliis soeiorum civitatibus id eve- 
nerit , Romae numquam. 

5 Lamb. et Ernest, ex edd. pr. et suo msto ahiscpie, qui- 
bus addondus Amb. i5 , quum — meminerit. Sed hic 
(juum significai tempus, et recte cum indicativo coniun- 
gitur. Possis tamen et boc loco coiTÌgcrc, quoniam^ vel 
quando mem in it. 

6 Gratia multum valet. Gratiam plebis captabant candi- 
dati muneribus magnificis* quod Lamia fecit in aedili- 
tate. Lamb. est usus ; quod et Ernestio placebat, si U- 
l)ris fìrmatum fuisset. 

7 Scil. equestris ordinis centuriaiiim gratiam tenes. Graev. 
quuni — tcnes. Mox nostri codd. aliique in miis regnasi 



IN EPISTOLAS 623 

olim vulgo cum Lamb. in quibus r. lac. Gronov. acute 
Ires istas voces suspicabatur iireptitias esse ab aliquo 
glossatoi-e, qui vellet ostendere doctrinam , et clarius vim 
eiplicare praecedentis locutionis, et verbi tenes ; aut emen- 
dandum censebat hique eis r. 

8 Pro Significa Lupo nostro. Modus loquendi Tullio fa- 
miliaris. Ep. DCII, 5: Spinthereni exspecto. Misit enim 
Brutus ad me; et ad Tironem ep. CCXCII : Curio niiòi , 
ut medico honos haberetiir. Manut. 

9 Hoc est, earum centuriaruin animos nobis faventes ef- 
ficiat, perficiatque. Sic Cic. in petit, consul. : Magistra- 
tus, ex quibus maxime consules , deinde tribuni plebis 
ad coiificiendas centurias, homines excelienti grafia; queni 
locum iam Graevius laudavit. Anib. 7 faciat. 

10 Hittorp. cum Graev. et Oliv. omnia quum a te. 



DCCLXXXVII. 

1 Lamb. merita sunt, eaque populo ; concinuius quidem. 
Hittorp. magna sunt eius in me eie. Idem Lamb. hanc 
epist. superiori adnectit. 

2 Tacita contentione alii ambire ( ep. CXCV^II, 2 ) et pe- 
tere , vel tot esse , qui ambiunt , videntur , ut Lamia ma- 
xime tuendus sit. Vatic. Hittorp. Zel. B et Amb. 3 
aliique excitare , piane ut Victorius edidit, recte ab Er- 
nestio notatus. At i5 excitari , quod ex correctione alios 
pariter edidisse monuerunt viri docti. Scbiitz. instare , 
quod iam excogitatum vidi a \. F. Gronovio; sed non 
necessario. Exstare habes in epp. CXXV, 4: CLXXXI, 
2 et DCXLV a med. ^ quae loca iam Cortius mon- 
stravit. 

3 Ilacc estrema (juod ut facias ctc. absunt a nosU'is 6 



6^4 ANNOTATIONES 

et 14^ SLipplcla lamcii in primo. At i5 qiind ni f. te 
veli. rogo. Edd. vett. quod ut facias vehcmcntcr rogo. 



DCCLXXXVIII. 

I Planci legatum', ep. DCCCI a med. 

a Repetitio, quae infra statini seqiiitur, ciusdem vocis, po- 
tcstesse, ut ait Ernestius, gratae negligentiae exemplum. 
Quum commodius hic, quam infra, possit abesse, potest 
ex niagistri interpretatione in textuni iiTcpsisse : atque 
ideo hic ut superfluum sustulit Scluitzius. Noster i5 
habet postea. Quin et vox adiunxit supcrvacua videtur, 

3 Non largilioncm, sed humanitatem, l)enignitateni et con- 
suetudinem quamdam gralificandi , ut ep. CXI IT, 3 et 
DXCIX, I. Anib. 2 erga me lib. 

4 Vide ad ep. DLXV n. 5. 

5 Scilicet cum patre tuo L. Fianco^ ep, CDXXXIV init. 

6 Ernest, et Schiitz. ex Gu. i , 3 et ed. 1471? quibus adde 
ed. Scinz., natus esscs , quasi antequam natiis es latine 
dici non possit. Tum ed. Med. aliquanto ante ^ cod. Ze- 
lad. A ante aliquot annos. 

7 Hoc et praecedd. neeessitudinem — amoreni subtiliter 
extoUit, ut L. Planci aninium ab inimicitiis, quas ipse 
cum fratrc cius T. Munatio Fianco Bursa (ep. CLXXXI, 
2) gerebat, averteret. In fine sententiae Anibb. 11 et i3 
omittunt constitiitani ; non male. 

8 Sic nostri omnes et alior. complures. Hanc lectionem cor- 
ruperunt, mutato hahere in e^^e, qui non viderunt niilii 
pendere a comniunein , ut docuit iam Graevius. Muta- 
tioni fortasse locum dedit Medicaeus, in quo est .statico 
hahere esse coni. Victorius legi volebat statuo debere esse; 
rectissimc. Fai. sext. et llitlovp. statuo habere et esse e.; 
al. statua H ulcoque esse. Lamb. italuo esse eoninuuieni 



IN EPISTOLAS 625 

^ Scil. ex re pubi, per se bene constituta. Aculeus in Planci 
superiorem vitam , quod Caesarem secutus fuerit • ut 
notat Manutius. 

10 Quum Caesaris Icgatus erat in variis bellis , Gallico, 
Hispauiensi et Alìicauo, quo tempore eum maxime di- 
ligebat. Amb. 6 quondam Icmpus. 

11 Non enim, ut ai! ep. CDXLVI ante mcd., est idem, 
ferre si quid ferendum est, et probare si quid proban- 
dum non est. Ad tollendam TauTO<p&)vtc<v toù paticharc 
cum probare, malim cum nostro \5 patìeharis ^ aut cum 
Laml:>. prohasse. Sed ncmo sanus existimabit, a Cicerone 
niliil omnino inconcinnum profectum esse, ut alias mo- 
nuimus, Lamb. cum aliis vett. si te ca. 

12 Noster i5 cum Mauut. prudeiiter te. arhitrahar r. Mox 
quid posses , scil. iiihil , vivente Cacsare. 

i3 Alia nimirum, quam Caesare vivente et rerum potito. 

Aliqui sic distinxerunt : N. a. r. est omniiuìi rerum. Tuum 

ì. est etc. 
i4 In an. V. C. DCCXI. 
i5 Videtur escidisse in per primain lit(Mam in max. ut 

alibi. Hic quidem vix commode abfuerit. Ernest. Mox 

virorum , puta Pompeii , Catonis etc. 

16 Sic Palat. sext. Amb. 2, ed. Victor, et seqq. Aliqui usi- 
tatius dii'exala. Ceteri mss. et ed. Med. deiecta. Per tot 
annos, nimirum sex a1> initio belli civilis. 

17 Hoc est, una ratio su[)ei"est bcnemercndi de re pubi., 
nempe defendenda ac reslituendu liberiate, ut ex[)lanat 
Ernestius, qui ex vestigiis ed. Med. correxit re pubi, ge- 
remia, quasi in genere locutus sit Cicero. Vulgatum de- 
fendit Hensinger ad Cic. de Oilìc, p. 870. 

18 Alii libri cum Lamb. quam quod. Mox Lamb. prae- 
ceplis meis. 

19 Nempe philosopbiae Graecorum. 

CicER. X. — Lctt. T. IX 40 



626 ANNOTATIONES 

20 Modei'ationem adhibebo , vel fìnem faciani. De Legg. I, 

20. Sic Liv. IV, 5o: Quuni inodiun irac mdluin faceret. 

Mox aliqui j ut Lamb. , Hoc tuìUiun. 



DCCLXXXIX. 

1 Nimirum, epistola superior. 

2 Idest, quas perspexi te dedisse secundum Furnii sor- 
monem, seu secundum ea, quae Fuinius tecum est lo- 
cutus^ vel tua manu scripsisse, interpretatur Quarterius. 
Sic vero libri omnes , latinitate postulante. Grut. Gron. 
Graev. aliique animadverto. 

3 In Graeciam iain inde ab Idib. Quinl. • epp. DCCLIV 
et seqq. 

4 In vubem ^ quod fuit prid. Kal. Sept. • ep. DCCLIX. 
Aliqui vett. rediisse ^ tum duo Ambb. cum Amstel. sdì. 
Mox post epistola in tribus abest tua. 

5 Lamb. jneae in te. 

6 Patitur euim ita me loqui aetas tua raaturior , meaque 
non ita provecta. Quart. Si Plancus designatus erat con- 
sul, annum agere debebat XLI; TuUius autem LXI circ. 
Vnus Amb. i5 quoad mea etc. 

7 Quem patris loco sancte colendum esse putarim. Fune. 

8 De tuo animo ex meo iudico , ex animo meo tuum specto. 
Talem fìdclitatem tibi tribuo, qualis mihi conscius sum. 
Cort. 

9 Quem ego fi-uctum deficiens a re pubi, sperare queam.? 
Quart. 

10 Alienissimi a me hominis. In genere dictum et inimi- 
cissimum quemque cum Rutilio accipio. At scholiastes 
in cod. i4 ad Antonium refert. Carius sunt aestimata .^ 
quia dixerat Cic. in ep. sup. , Plancum omnia swnma 
Cont;ecutum. 



AD EPISTOLAS 62'J 

11 Vt unicum, cjuod iis addere possum , sit bona homi- 
num de his existimatio. Tacite significai, propter mala 
tempora, et quod serviendum esset Caesai'i, nondum eam 
mereri se potuisse. /. F. Gronov. 

12 Edd. fere cum aliquot inss. movere poluero. Scd ple- 
rique ex mss. monere habent , quod proprium nimi- 
rum est auctoritatis. Locum ep. DCCXCV extr. laudai 
hic Orellius. Eruestio auctore dedi potevo prò vulgato 
potuero , quia illud in simili forma semper adhibetur , 
et e correctione reperii in ms. suo idem Ernestius , et 
est in cod. Zel. B, 

i3 Malim omne me rei pubi. — facturam. 
i4 Idest, quid sentias. 

i5 Hoc est, si te mecum habere posseni • quod optabile 
mihi esset. Mox Zel. A nec committam. 

16 Respectu Romae, h. e. Cisalpina. Ibi D. Brutus Muti- 
nae obsidebalur ab Antonio. 

17 Quia hoc mense magistratura inituri erant novi coss. 
Hirtius et Pausa. Lamb. lari, mense geratur. Verba seqq. 
inclusa vel delenda, ut Ernestio auctore fecit Schiitzius , 
vel praeponendum fac. 

18 Pro aliorum vida^ ut Sallust. Cai. 7 aliena virtus : quod 
Corlius monuil. Tum prò sustineo duo Guiliclm. sa- 
stineho. 

19 Ex nostris seditionibus occasionem deficiendi a populo 
Rom. oblatam sibi putent. Duriuscula locutio. Hae gen- 
tes ^ Galli. Sex nostri, Ree. et edd. pr. , facile vitiose , 
agentes. 

20 Tres nosti'i cum edd. vett. perìndc. 

2 1 Duo nosti-i cum ed. leus. nmlUi/ii diligas ; ({uod luinus 
verum pule. 



NOTE ALLE LETTERE 



CO.\TE.\UlE 



IN QUESTO VOLUME 



DCLIII. 



,É.a 



la stessa citazione che trovasi nella lettera DCLII. 

2 II campo Marzio, dove si tenevano le grandi assemblee del 
popolo per l'elezione dei magistrali, ec. 

3 Si trova tutta questa storia in Dione, lib. XLIIL Cesare non 
pago d' aver voluto ottenere il consolato in sua assenza , e 
d' esserne venuto in possesso prima di rientrare in Roma , 
aveva appalesalo l'eccesso del suo potere, subito rinunciando 
ad esso, per collocare al suo posto prima della fine del- 
l'anno Q. Fabio Massimo e Caio Trebonio. Ma Fabio alas- 
simo essendo morto V ultimo giorno in cui era in carica , 
venne voglia a Cesare di compiere alcune ore che rimanevano 
di questo giorno colla nomina di un nuovo console, il quale 
non Io doveva essere se non che fino all'indomani. Era que- 
sto un modo di favorire i suoi amici, ai quali questo breve 
onore assegnava il titolo e tutti i diritti consolari. Cicerone 
deplorava un si orribile abuso del supremo potere. Il com- 
mentatore Vittorio riferisce un' antica iscrizione che assai 
bene rappresenta questa complicazione di fatti; non ispiega 
però con qual mira essa possa essere stata eseguita. 

G . IVLIVS CAESAR IMI . SINE 

CONLEGA DICT. 

Q . rAUIVS MAXI.M. 

C . TREDONiyS 

C . F . V . F. 

C i CANIKIVS C . F< 



630 NOTE 

Q. Pallio aveva comandato l'esercito di Spagna. Svetonio Io 
chiama frimeslris consularis per 1' addotta ragione. 

4 Vi erano tre sorta di comizi, giusta le tre divisioni del po- 
polo. Gli uni si chiamavano camitia curiata^ e si tenevano 
per curie; gli altri centuì-inlti , e si tenevano per centurie; 
i terzi tributa, perchè tcncvansi per tribù. V. Nicuport, 
lib. I. e. 7. 

5 Le ore del giorno si computavano diversamente giusta l'uso 
delle diverse nazioni. I Babilonesi le conlavano dal levar del 
sole sino al levare del sole del giorno seguente. Gli Ateniesi 
al contrario da un tramonto all' altro. Gli Egiziani e i Ro- 
mani da una mezza notte all' altra. Pertanto erano sempre 
ventiquattro ore si appo gli uni come appo gli altri. Nel 
giorno civile le ore contavansi dopo il levar del sole; e in 
quest'ultimo significato vanno intesi i giorni delle Calende, 
delle Idi, e i calcoli comuni del tempo; in guisa che Iiora II, 
giusta il meridiano di Roma, ritornava nell'ultimo giorno di 
dicembre a nove ore del mattino. 

6 Erasl pranzato all'ora in cui Caninio fu nominato console ; 
e siccome il suo consolato spirava alla fine del giorno civile, 
è vero eh' ei non pranzasse e che non dormisse mentre fu 
console; perchè non è verosimile che si fosse coricalo avanti 
mezzanotte, in cui cominciava il giorno civile, che appar- 
teneva al seguente consolato. Le facezie di Cicerone furono 
inesauribili intorno a questo consolato di poche ore. 

7 Acilio era quel successore di Sulpicio a cui Curio pregava 
Cicerone di raccomandarlo. Vedesi nella lettera CDLXX che 
Cesare aveva dato il governo della Grecia a Sulpicio. 

8 Fu già avvertito che tutti i governatori non erano punto spe- 
diti con un esercito. Ciò dipendeva dalle circostanze. 

9 Chiamavansi iudicia capilis le cause in cui la condanna in- 
chiudeva o l'imprigionamento o l'esilio; perchè non eravi 
che il delitto di alto tradimento il quale esponesse alla per- 
dila della vita. 



I 



ALLE LETTERE 63 



DCLIV. 

1 Vedi la nota latina N. i. 

2 Cicerone aveva passalo qualche tempo a Brindisi dopo la 
battafjlia Farsalica. 

3 Nel testo sartuni et tectiim. Pesto dice: Sarta tecta l'oca- 
bantur, quae locahant censores, ut ea deinde integra cxi- 
gcre?it. Si è già veduto altrove : Sarta tecta acdium sa~ 
crariim. 

DGLV. 

1 Non si lia cognizione di Catilio che per mezzo di questa let- 
tera, la quale lo raffigura come un corsaro dalmata che Va- 
tinio aveva fatto prigioniero, e eh' ei destinava al supplicio. 
Cicerone domandava, a quel che pare, la sua grazia, non si 
sa in qual occasione, né per qual motivo, a meno che non 
suppongasi ciò essere avvenuto dietro preghiera di Sesto 
Servilio; ma il fatto non riuscirebbe più chiaro. 

2 Fa meraviglia come la menoma oscurità faccia inventare fan- 
tastiche induzioni, sì ai copisti che ai commentatori. Tra 
un' infinità di lezioni quella da noi atlollata è la meglio fian- 
cheggiata. Ma ignorandosi l'avventura di Catilio, non si può 
portare un assoluto giudizio ^intorno a ciò che il riguarda. 
Forse egli era assai piccolo e assai deforme: per lo meno 
semissis non può indicare semi-i'ir in un senso che faccia 
onta al suo coraggio, perchè egli si rese formidabile per le 
sue piraterie. Semissis è propriamente un mezzo asse, la 
metà cioè del soldo romano. 

5 Era, a quel che pare, nell'augurato; perchè non si sa che 
Appio abbia avuto altro governo fuor di quello della Ciii- 
cia. Era morto, ed ancor rammenta vansi i soprusi ch'egli 
aveva commessi nella sua provincia. 

4 La giovane nobiltà romana veniva ad apprendere da Cice- 
rone precetti di eloquenza, e a declamare al suo cospetto. 
Chiama egli stesso (Leti. CDLI) gli amici familiari di Ce- 



63 



2 NOTE 



sare suoi discepoli^ e nella lellera CDLXXI ci dice. Cas- 
siiis tiiHS et DoIahcUa riosler sludiis iisdem tencnlur, et 
vicis ncquissimis utuntar auribus. 
5 Si è già avvertito in altro luogo, far di mestieri elio il ne- 
mico avesse perduto un certo numero di uomini per met- 
tere il general romano in diritto di ricevere il titolo d' Iru' 
pcratar e d'aspirare ni trionfo. 



DCLVI. 

1 È sempre la guerra di Cecilio Basso contra Sesto, parente 
di Cicerone. 

2 Bibulo governava la Siria in tempo che Cicerone governava 
la Cilicia. II loro comune principal merito non era già di 
comandare eserciti; e questa medesima ragione gli aveva resi 
gelosi l'uno dell'altro. 

DCLVII. 

1 Le lettere di raccomandazione che Cicerone gli aveva spe- 
dite per Acilio , gli riuscivano inutili per la sua partenza da 
Patrasso; né aveva mai avuto bisogno di Sulpicio, perchè 
la cura ch'egli aveva avuto di radunare tutti i suoi beni lo 
liberava da ogni sorta d' impicci- 

2 E una facezia assai fredda , la quale nondimeno fu a Curio 
suggerita naturalmente dall'espressione precedente. 

3 Cicerone incappava alquanto nel difetto che Orazio rimpro- 
verava ai vecchi , laudaior temporis adi se puero. Intende 
qui di parlare di C. Lelio Lucilio il poeta satirico, di L. 
Grasso l'oratore, di Cranio, di C. Giulio Strabone, ec. Ma 
non pare che al suo tempo Roma fosse si spoglia di finezze e 
d'urbanità. Pomponio Attico era egualmente amico di Cice- 
rone e di Curio, come s'è visto nella lettera DCXLVUI. 
Aveva egli più diritto che altri di appropriarsi il vanto di 
atticismo, avendo di qui tratto il suo soprannome. Cicerone 
fa molto onore a Curio, conferendogli il primo posto in tal 
genere, e si jnostra dall'altro canto assai modesto a non ar- 



ALLE LETTERE 633 

rogarsi che il terzo. È perdio si trovava assai malcontento 
(lei cattivo scherzo che aveva fatto, e ben a ragione. 

DCLVIII. 

I Trabea, poeta comico, de! quale Peto aveva citato, a quanto 
pare, alcuni versi. 

1 Nell'origine di Roma i patrizi furono il primo dei tre or- 
dini tra i quali Romolo divise i suoi sudditi. Alcuni dicono 
che si diede questo nome soltanto ai discendenti di questo 
prim' ordine, xiltri credono che i primi cittadini di quest'or- 
dine furono così detti perchè erano i soli che potessero no- 
minare i loro padri; gli altri Romani erano originariamente 
schiavi o avventurieri, che poco conoscevano la loro fami- 
glia. Si pretese pure, e forse con maggior ragione, che la pa- 
rola di patricii non sia che la parola di patres accresciuta; 
come dalla parola aedilis si è fatto aedilitiiis y e novitius da 
ìiovus. Poscia Tarquinio Prisco scelse cent' uomini tra le 
migliori famiglie plebee, che pose nel novero delle patrizie , 
per fiancheggiare \\ suo potere mercè di un sì gran numero 
dì partigiani, cui egli innalzò al grado di senatori. Tali fu- 
rono le famiglie lidia , Servilia, Quìntia, Papiria, di cui 
Cicerone qui parla ec. Vennero chiamati patricii minoruni 
gentiu/n, patrizi di bassa stirpe o di bassa condizione. Il 
Senato si trovò composto in allora di trecento persone, non 
essendo stato da principio che di cento per opera di Ro- 
molo. Dopo la cacciata di Tarquinio il superbo, Bruto avendo 
scelti alcuni altri per entrar nel senato, costoro col tempo 
furono detti scnniorcs maiorum gentium. A poco a poco il 
numero dei senatori crebbe talmente, che dopo la morte del 
dittatore Siila ascendeva al di là di quattrocento. Sotto Giu- 
lio Cesare e nelle turbolenze del triumvirato crebbe sino 
a mille. Augusto, divenuto pacifico ed assoluto padrone della 
Rcpubbhca, lo ridusse a seicento. 

5 I consoli, i tribuni militari, i censori , i pretori, gli edili cu- 
ruli , avevano tutti il diritto di ((uesla specie di sedia. E 
d' uopo notare tome per tutto il tempo che Cicerone ac- 



634 NOTE 

cenna, da. L. Papitio Mugilhiio sino a Jj. Papirio Crasso 
dittatore, non vi era che un sol pretoie a Roma, ed egli 
doveva essere di stirpe patrizia. 

4 II prenome di questo Duillio è Kaeso, desumendo la sua eti- 
mologia dall'operazione cui doveva soggiacere sua madre nel 
darlo alla luce. Feste, Valerio e Plinio sono in ciò pienamente 
d'accordo. Questo prenome si scrive col K, per distinguerlo 
da Caio, che si scrive col C. Cicerone nel libro de Oratoic 
cap. 45 noia che i Duillii si chiamavan per lo addietro Duel- 
lii e Bellii. 

5 E quel famoso generale del quale T. Livio fece un eloquente 
e giudizioso paragone con Alessandro il Grande, e che fu 
dittatore Panno CDXXX di Roma. 

6 Massone è il quarto soprannome della casa patrizia, perchè 
Cicerone ne ha già nominato tre, Mugillano, Crasso e Cur- 
sore. Questi quattro erano patrizi. I Tardi e i Carboni, che 
vengon dopo, erano plebei. 

y I Piomani conservavano in casa loro le imagini dei loro an- 
tenati, e le facevano portare in pubblico nelle pompe fune- 
jn-i di loro casa. Questi erano allreltanti titoli di nobiltà , 
perchè non erano realmente che le case nobili le quali aves- 
sero questo diritto. Servio dice che esse erano di cedro, 
perchè questo legno non è dai vermi si agevolmente roso. 

8 C. Mario il giovane, vedendosi assediato in Prenesle senza 
speranza di soccorso, scrisse a L. Licinio Damasippo, allora 
pretore di Roma, il quale giusta l'uso antico esercitava le 
funzioni del consolato in mancanza dei consoli, di radunare 
il senato sotto qualsivoglia prelesto, e di far man bassa su 
lutti i senatori; il che fu eseguilo. Erano queste allrettanle 
vittime che Mario sagrificava all'ombra di suo padre. Tra i 
morti si annoverarono Q. Muzio Scevola gran pontefice; L. 
Domizio pretoriano; C. Carbone, fratello di Gn. Carbone; 
P. Antistio edile, ec. Appiano attribuisce questa esecuzione 
al pretore Bruto; ma la testimonianza di Cicerone, singolar- 
mente sostenuta da quella di Velleio Patercolo, di Valerio 
Massimo e di T, Livio, deve senz'altro meritare maggior 
considerazione. 

9 Si accerta che il succo delle cantaridi sia un veleno. Cice- 



ALLE LETTERE 635 

ronc cita altrove (Tuscul. V) un fatto che lo conferma : 
u Teocloro (die' egli), che Lisimaco minacciava di morte, gli 
rispose: È un gran merilo per \'ai il yolcr fare come la 
cantaride. » Dicesi pure (in Ibim. ): 

Caiilharidiim siiccos , danti' parenti' , ìiilnini. 

10 Cicerone dice la medesima cosa nelle lettere a Quinto suo 
fratello. Frattanto nel secondo libro de Orai, ci fa inten- 
dere che Carbone non fu che complice di quest'attentato; 
ed altri antichi scrittori accusano Sempronia moglie dello 
stesso Scipione e sorella di Gracco. 

11 Gneo Carbone, il quale essendo stato tre volte console, si 
oppose a Siila, fu vinto alla fine, cacciato d'Italia, e ucciso 
in Sicilia da Pompeo. 

12 Latino, sutorio atramento. Questa specie d'inchiostro, meno 
chiaro di quello che serve a scrivere, indicava per figura le 
pratiche nere ed oscure dei giudici corrotti. Frattanto, sic- 
come antichi medici ( Galen. lib. XIII ) nominano quest' in- 
chiostro per un pesce, molti commentatori credettero che 
qui bisognasse intendere l'avvelenamento volontario del pa- 
dre di Gneo Carbone. 

DCLIX. 

1 Molti commentatori credono con molla verosimiglianza che 
bisogni scrivere tu potinsy o ahi potius , senza di che vi sa- 
rebbe qui contraddizione manifesta. Frattanto questa slessa 
contraddizione può essere presa per uno scherzo. 

2 Si trovano in Diogene Laerzio sino a otto Zenoni, Basti l'os- 
servare che questi era di Cizico, città dell'isola di Cipro, e 
che fu il capo della setta degli Stoici. Gli Ateniesi ne fecero 
tanta stima, che deposero in sue mani le chiavi della loro 
città; gli eressero una statua di bronzo, e gli fecero dono 
d' una corona d' oro. 

5 Trovansi diverse osservazioni nella Rettorica d'Aristotile i 
lib. Ili, sopra la convenienza e sconvenienza delle parole. 

4 Si potrebbero citare in latino alcuni squarci in cui si vede 
che gli Stoici spingevano .issai lontano questo principio. So- 



636 NOTE 

sto Empirico parlando dell' amor vietato dice : lllum AcliiU 
lis erga Patroclum ardentem amorem ad hoc refcrant non- 
nulli: quod cur mirum ulti videatitr? quuni et Cynici pliilo- 
sophi et Zenon Citticus et Cleanthes et Clu-ysippus indifferens 
esse dicant. ( Liv. HI , e. 24 ) ec. 

5 II Demiurgo, commedia del poeta Turpilio, del quale Nonio 
Marcello parla alle parole Quaesti e Porti. 

6 Manuzio osserva che canticum agere per un istrione ro- 
mano era accomodare i propri gesti al suon d'un flauto, e 
alle parole o ai canti d' altro attore. Se vi erano due attori 
i quali parlassero o cantassero, ciò chiamavasi, giusta Tito 
Livio, lib. VII, diverbium, e l'istrione li accompagnava 
egualmente co' suoi gesti. 

7 Destituii nuduni. Non ci diam briga di mostrare quel che 
v' è d'osceno in questo passo e nelle citazioni seguenti. Gre- 
vio fa qui un'annotazione. Destituere (die' egli) liic est com- 
primere. Sane si alio sensu capiatur, niìiil video obscoenita- 
tis tectae in lioc sermone. Alcuni manoscritti hanno ita me 
destituii nudam Balcius. Est sermo ec. Non v' è dunque, 
aggiunge il medesimo commentatore, qualche sozzura nasco- 
sta sotto questo Balcio.^ 

8 Questo Pisone Frugi, padre, a quel che sembra, del primo 
genero di Cicerone, aveva composto in islile semplice una 
Storia, della quale Cicerone parla al lib. II de Oratore e 
al lib. I de Leg. 

9 Btv£Ìv in greco significa concumbere. Cosi bini (Btvit) torna 
quanto a concmnbit. 

10 Sarebbe quanto a dive pavimentula, che in latino racchiude 
ima parola oscena. 

11 Divisio, intercapedo ^ trovasi in una di queste parole visio 
da visirCy e l'altro pedo da pedcre. Quintiliano, Vili, 3: Sed 
divisio quoque affert iniuriam pudori, ut si intcrcapedinis 
nominativo casa quis utatur. 

12 Aurelia, LoUia, celebri cortigiane dell'antica Roma. 

i3 Eravi, a quanto sembra, una famiglia a Lanuvio, il cui nome 
era Colei. Ma non ve n'era di questo nome a Cliterno, al- 
tra città del Lazio, tale è la spiegazione di Manuzio; ma 
forse trattasi di piccoli sacchi di cuoio, colei per culei o 
cullei, i quali si fabbricavano a Lanuvio. 



ALLE LETTERE 687 

i4 Peto aveva dato luogo a questa dissertazione per una pa- 
rola oscena eh' egli aveva inserita nella sua lettera. 
i5 Le calende di marzo erano un giorno consacrato a Giu- 
none e religiosamente celei)rafo dalle matrone. Ovid. Fast. 
lib. XIII; e Servio in Virg. lib. Vili. 



DCLX. 

I Si è già notato che comunemente per questa parola librarii, 
bisogna intendere coloro che copiavano i libri. Qui non im- 
plica dubbio di sorta. 

Q Questo passo è soggetto a varie congetture. Molti manoscritti 
hanno de qua primo, al quale si credè poter aggiungere ca- 
teto ^ il che dà un senso ragionevole. Quelli che si attengono 
a quaclrimo Catone, pretendono che qui si tratti dell'elogio 
di Catone che Cicerone aveva composto , e che qui vi fosse 
qualche cancellatura o qualche addizione interlineare , al 
luogo in cui rappresentava Catone nell'età di quattro anni, 
il quale, giusta la conferma che trovasi in Plutarco, aveva 
dato a quest' età un indizio di siugolar fermezza. Semplice 
congettura da una e dall' altra parte. 

5 Non si può sapere qui chi sia questa Terzia, né il Pubho 
che vien subito dopo. Ma Terzia doveva essere una terza so- 
rella, giusta l'uso di chiamare la maggiore dal nome pa- 
terno e le altre dall' ordine progressivo in cui eran nate. 
Così Terzia o Tertulla , Quarta o Quartilla , ec. 

4 Questo è uno scherzo sopra i nomi. Vedi la lett. DCLXL 

5 Bilienus o Bellienus è quello stesso che si trova nella let- 
tera CCLXXII. Bisognava che questo Bilieno fosse qualche 
uomo duro e difficile, tal quale credemmo poter raffigurare 
Demetrio nella lettera seguente. 



PCLXI. 

I II principale impiego di Tirone era quello di segretario; di 
qui gli andiamo debitori d' averci conservato quelle di Ci- 



638 NOTE 

cerone. Scriveva egli pure assai bene; il clic dà luogo alla fa- 
cezia del suo padrone. Per rispetto alla raccolta ch'ei faceva 
delle lettere di Cicerone, comesi può conchiudere dal quo- 
qiiej ecco ciò che trovasi in una lett. ad Attico (DCCXLVIII) : 
Mearum epistolarum nulla est auvxyùjyri j sed hahet Tiro 
instar septuaginta^ et quidcm sunt a te quaedam sumen- 
dae. Eas ego oportet perspiciam et corrigam. Tum deniquc 
edentur. 

2 Questo Demetrio, qualunque si fosse, sembra essere stato un 
uomo d'assai cattiva lega; per il che avveniva che Cicerone 
e Tirone lo scansavano, e che Cicerone nondimeno scherzò 
sopra la necessità in cui Tirone sarebbe di vederlo. Il passo 
del resto è assai oscuro; ma esso trae qualche schiarimento 
dalla lettera DCLX. Manuzio credette che si dovesse leggere 

3 Questo Cuspio sembra esser lo stesso di cui nella lette- 
ra CXIV. S' ignora a qual servizio qui si alluda. 



DCLXIII. 

I Menandro, nome d'uno schiavo di Cicerone, come Andri- 
co, Marione e mille altri, la cui occupazione era di sopran- 
tendere alle commissioni al di fuori, quali sarebbero mes- 
saggi, lettere ec. 

DCLXIV. 

1 Poco monta se questi abbia ad essere Menandro invece d'An- 
drisii^ come Manuzio pretende con una dissertazione. 

2 Si stette in dubbio qual fosse questo nome Vnwiio y perchè 
trovasi diverso in molti manoscritti, e che non trovasi in al- 
cun' altra lettera di Cicerone. E però certissimo, per un'an- 
tica iscrizione trovata a Pisa, che il nome di Ummio ha esi- 
stito. Essa merita d' essere qui riferita : D. M. J^mmidine 
Cale, Felicio pater, Cale materj 3Ijrtilus Tata et Eros 
coniiix Fecer, Vix. a XVI M. FUI. dieh. Vili. 

3 II giorno di libertà che Cicerone aveva al certo fissato per 



ALLE LETTERE 65g 

ricompensare Tironc de' suoi servigi. A che fa altresì allii- 
sioiie nella lettera DCLXVI, nd diem dictnm. Ciò che egli 
aggiunge rcpraesentuboy non può ricevere altro senso che 
quello adottato nella nostra traduzione, sebbene non v' è 
forse altro luogo in cui questa parola sia adoperata ad indi- 
care la medesima cosa. 

DCLXV. 

1 Ae^ypta^ altro nome di schiavo che trovasi pure nella let- 
tera CCCLV. Si trovano cinque schiavi che Cicerone spedi 
a Tirone per ispedire sue novelle o a prender cura di lui. 

2 Questa promessa riguarda ancora la libertà. 



DCLXVI. 

1 Se non si vuole che sia Pomponius invece di Pompeius, bi- 
sogna che codesta lettera sia stata scritta prima che Cice- 
rone partisse per la Cilicia; perchè non si conosce tempo 
in cui Pompeo sia stato sì tranquillo dopo il ritorno di Ci- 
cerone, né anche in cui Tirone sia stato in Italia prima della 
morte di Pompeo. 

a Cicerone faceva derivare yjf/e* Ast fieri ^ de Off. I, ^; è come 
se si dicesse in italiano che la fede viene da fedeltà di ese- 
cuzione. Qui si tratta della parola che aveva data a Tirone 
di metterlo in libertà. 

DCLXYII. 

1 Ciò che qui vedesi di più chiaro , è che Cicerone dopo aver 
data la libertà a Tirone, aveva cominciato a dargli il suo 
proprio nome, giusta l'uso, e che gli scriveva con questa 
intestazione: iM. Tulìius Cicero ^ M. Tullio T troni. Ora Ti- 
rone per modestia l'aveva pregato, a quel che pare, di trat- 
tarlo giusta il consueto per non suscitargli centra l' invidia 
de' suoi antichi compagni di schiavitù. Si è più volte osser- 
vato che il nome a capo d'una lettera senza prenome o so- 



64o NOTE 

prannorae, era un segno di {"aniiliarità ; tal è il principio di 
questa lettera, Tiiìliiis Tironi. Questa spiegazione ci pare 
pili semplice dell' altra. 
Q Trovasi in Galeno, lib. XVIII Therapeidicay che cosa era 
la Diaforesi. I Latini la chiamavano digcstioj ovvero Ci>a- 
poratio. 

3 Questo precetto è assai buono. La scuola di Salerno lo re- 
stringe in questi due versi. 

Si uhi deficiant medici, medici Uhi Jlant 

Haea iria: inent liilaris , requies' moderata , diaela. 

4 Queste brevi allusioni ad ordini conferiti a viva voce, e dei 
quali ignorasi l'importare, non ponno essere che oscurissi- 
me. Quel che si sa per diverse lettere ad Attico, è che Ci- 
cerone pensava in allora a comperare un giardino. 

5 Non si sa che cosa indichi questo Salacoj e sebbene trovisi 
in tutti ci: antichi manoscritti, coloro che l'hanno cangiato 
in helluo, hanno messo almeno maggior chiarezza in questo 
passo. 

6 Alcuni credettero che Molhoneni fosse uno sbaglio del co- 
pista per M. Olhonem, il cui nome trovasi spesso in altre 
lettere ad Attico. Trovasi anche 3Iat]ioncm nella lettera 
CCXLVI, e 3'Iotoneìn nella lettera DLXXX. 

7 Su questi iìori non v' è luogo che a congettura. 

8 Sebbene non sappiasi precisamente qual sia quest'acqua Cra- 
hra, siamo certi almeno che la lezione è buona per testi- 
monianza di Frontino, che parla spesso di quest'acqua (de 
Aquaeduct.), e per questo passo del terzo discorso centra 
Rullo , cap. 2 : Ego Tusculanis prò aqiia Crahra vecligal 
pendaììiy quia a municipio fandum accepij si a Sulta mila 
dalus cssety Rulli lege non penderem. 

t) Ligurius. Trovasi questo nome nella lettera CDIV. 



DCLXVIIL 

1 De Aujidiano nomine^ si è già spiegata quest'espressione, 
che era fondala su l'uso di scrivere i uomi de' propri debi- 



ALLE LETTERE 64 I 

tori e creditori. Da qui ben traspare che Cicerone fosse il 
creditore ed Aufidio il debitore. 



DCLXIX. 

I Stazio, messo in libertà d;i Quinto Cicerone. Questo notno 
nei tre libri delle Lettere a Quinto è spesso scritto Stalliius. 

■2 Si sa qui, per tutta spiegazione, che eravi in Roma una fa- 
miglia Sabina. 

dclxx. 

I Vi fu dubbio se questi fosse Quintus ^ o Quinlius Gallus , o 
GalUasj ma un'antica iscrizione che trovasi in Grutero prova 
che v'era una famiglia Quinzia, il soprannomo della quale 
era Gaìlus. Frattanto altri pretendono che qui convenga scri- 
vere GalliuSy e che sia lo stesso di cui Cicerone parla nel 
suo Bruto, e Valerio Massimo al libro XVIII, ,il|quale es- 
sendo stato accusato d'avvelenamento, fu da Cicerone difeso. 

'2 PhiloììicUuììi y o Philomelum j città della grande Frigia. 



DCLXXIV. 

1 Si crede per congettura che sia il medesimo Silio al quale 
è indirilta la lettera CCXXXIII. 

2 Si è già notata la differenza che passa tra diligere ed ama- 
re. Essa è viemeglio provata nella prima delle lettere a 
M. Bruto. Clodius valde me diligit, vclj ut èfj.'foi.TUÓi'zepo-D 
dicam j valdc me amat. 

DCLXXV. 

I Sino allora l' isola di Cipro era stata uà regno , e non una 
provincia. Essa non era divenuta provincia che dopo la morte 
di Tolommco suo idtimo re, il qunle s'era dato la morte 
sentendo che M. Catone veniva centra lui con una flotta. 
CicER. X. — Leu. T. IX, 4l 



642 NOTE 

'2 Vedi nelle lettere di Lentiilo le relazioni ch'egli aveva avute 
con V isola di Cipro. Cicerone parla poscia del tempo in cui 
governava la Cilicia, alla quale Cipro era allora annessa. 



DCLXXVII. 

\ Sallustio, Valerio Massimo e Svetonio e' insegnano che /fe:r 
era il soprannome della famiglia Marzia. Ma siccome Ari- 
stotele è qui raccomandato per essere Pompeiano, v'è a cre- 
dere che il regi si riferisca al re Deiotaro. Si sa quanto Ci- 
cerone P amasse. Pertanto è una debole obbiezione quella 
di Manuzio, il quale dice che mi rex sarebbe stato troppo 
familiare. Se s' iiatende di Deiotaro, bisognerà tradurre il 
regi e il mi rex: al re y e mio caro re. 

2 Quest' isola di Malta è quella che apparteneva altra volta ai 
Cavalieri di tal nome. Faccio questa osservazione per distin- 
guerla dall'altra che trovasi fra l'Epiro e l'Italia, 



DCLXXVIII. 

I E pur la bella fortuna per questo Basilo, qualunque si fosse , 
che due linee di lettera abbiano contribuito a rendere il suo 
nome immortale. Credesi che questi sia colui che gli storici 
chiamano L. Minuzio Basilo, il quale dopo aver abbracciato 
il partito di Cesare divenne uno de' suoi carnefici. Fu uc- 
ciso dopo da alcuni schiavi. Il commentatore Corrado tro- 
vando nella lettera CCCLXXVIII Reginus erat noster., s'im- 
maginò che Cicerone volesse parlare di Basilio, perchè in 
greco Basilio, Baffe^sto?, significa, die' egli, la stessa cosa che 
Jteginus in latino; ma in questa supposizione, che non è 
gran fatto verisimile in sé stessa , Cicerone non avrebbe egli 
detto Regiiis? — Glandorp e alcuni altri vanno persuasi che 
bisogna leggere Basilus, e che qui si tratti di Basilo che fu 
uno dei carnefici di Cesare; che qui sia un viglietto di fe- 
h'citazione, scritto il giorno stesso delle Idi di jnarzo. 



I 



ALLE LETTERE 643 



DCLXXIX. 

1 Non v' è molto a credere che questo Bitinlco sia il figlio di 
Q. Pompeo Bitinlco, il quale meritò un tal soprannome per 
aver vinto la Bitinia, e che era maggiore di Cicerone di due 
anni. Leggasi il suo elogio al libro de Claj\ Orai. e. 68. 
Ecco ciò che trovasi in Pesto: Rastruni tenenti^ iuvenis est 
ejjìgies in Capitolio ephcbi , more Graecorum nrenain ruen- 
tis exercitationis gratin^ quoti signum Pompeius Bithynicus 
ex Bithjiiia supellectilis regine Romam deportavit. Il figlio 
di cui qui si tratta comandò nella Sicilia dopo la morie di 
Cesare, e fu ucciso da Sesto figlio di Pompeo. 

2 Immediatamente dopo la morte di Cesare l' aulorilà di Ci- 
cerone fu per qualche tempo assai grande in Roma. 



DCLXXX. 

I Mazio; Io nomina anche nelle lelt. DCLXXXII, DCLXXXIII. 

•1 Questa predizione si trovò falsa. Fa maravigha che questi 
popoli i quali ebbero tanta pena ad avvezzarsi a portare il 
giogo, e che si spesso avevano fatti tentativi per ricuperare 
la loro libertà, mentre che Cesare aveva un esercito nelle 
Gallie, sieno stati in riposo per tutti gli otto armi della 
Guerra Civile. 

3 Le Idi di marzo, il iJ, giorno in cui Cesare fu ucciso ia 
senato. Tumullum Gallicum , si è già spiegato altrove la dif- 
ferenza che corre tra bellum e tumultus. Vedi le note della 
lettera .IXIV. 

4 Mazio voleva dire con ciò, che quantunque assai gli dispia- 
cesse Cesare, egli però non entrava nelle brighe di questo 
parlilo. Si legga la lettera ch^ ci scrisse in proposito a Ci- 
cerone qualche tempo dopo di questa, e che è la DCCXVI. 
Non si può veder nuUa di più saggio, di più moderalo, e 
che meglio indichi il carattere d' un uomo onesto, il quale 
sa distinguere ciò che deve alF amicizia, e ciò che deve alla 
sua patria. 



644 NOTE 

5 Vale a dire che la specie d' amnistia stipulala dall' una e 
dall'altra parte potesse aver luogo. Due giorni dopo la morte 
di Cesare, il Senato essendosi radunato nel tempio di Vesta, 
e Cicerone avendo concionato per indurre tutte le genti alia 
pace, Antonio parve nutrire buone intenzioni per consoli- 
darla, e spedi suo figlio in ostaggio ai congiurati, i quali si 
erano impossessati del Campidoglio. Allora ne uscirono ; 
Bruto cenò in casa di Lepido, e Cassio in casa di Anto- 
nio. Ma quella non era che una falsa pace; e Mazio aveva 
ragione di giudicare che le cose non dimorerebbero lungo 
tempo in questo slato. 

6 Dopo che Cesare aveva abbandonata la Spagna , Sesto Pom-? 
peo vi avea radunato un corpo di armati assai considere- 
vole; ed era innanzi a Cordova quando seppe in qual modo 
Cesare era stato ucciso. 

y Allorché tutti gli amici di Deiotaro pressarono Cesare in suo 
favore per fargli conservare i suoi Stati. Cicerone nel Bruto 
e. 5, e Tacito o F autore del Dialogo intorno agli oratori, 
e, 21, parlano del discorso che Bruto pronunziò. Plutarco dice 
pure che Bruto parlò innanzi a Cesare per un re di Libia ; 
eh' egli ottenne mercè di sue preghiere ciò che non aveva 
potuto ottenere per mezzo della sua eloquenza, egli fece 
conservare una parte de' suoi Stati. Ciò riguarda senz' altro 
Deiotai'o, al quale Cesare tolse la piccola Armenia e lasciò^ 
la Galazia; e bisogna che il testo di Plutarco sia corrotto 
in questo passo, perchè non trovasi un re di Libia al quale 
Cesare abbia conservato una parte del suo regno. Questo 
istesso Deiotaro era stato accusato poscia d'aver voluto far 
uccidere Cesare, allorché passò da lui; e Cicerone compose 
allora per difenderlo l'Orazione che ancor ci rimane. Bruto 
aveva parlato a Nizza in favor di Deiotaro allorché si fece 
incontro a Cesare che ritornava dalla Spagna, come si vede 
in alti'e lettere. 

DCLXXXL 

1 Publio istrione famoso che rappresentava le commedie dai 
Romani dette dei 3Iimì. Questi delti piccanti degh islriopj 



ALLE LETTERK G^S 

si riferiv.ìno agli affari pubblici ; ed essi piccavansi di rap- 
presentare commedie, alcuni passi delle quali potessero dar 
luogo a tali allusioni. E per tal guisa che poco tempo in- 
nanzi la morte di Cesare, Labcrio, l'emulo di Publio, intro- 
ducendo su la scena uno schiavo maltrattato dal suo pa- 
drone, e che si salvava, gli faceva dire: 

Porro , Quiriles , liberlatem perdimus j 

e qucst' altro verso : 

Necesse est mnllos timeat , quem multi timent. 

Il che tutti applicarono a Cesare ( 3Iacrob. Saturn. Il, 7 ; 
Aulo Gellio, XVII, i4). Nelle repubbliche tutto (fin an- 
che i piaceri) si riferisce al governo, come può scorgersi 
dalle commedie d'Aristofane, la maggior parte delle quali 
ha la politica per principale oggetto (V. la lettera XLV). 
Cicerone dice nella lettera seguente: popiili ÈTriTop-y-fTÌ^-^i et 
mimorum dieta ^ ciò spiega quanto egli qui dice più oscura- 
mente per theatrum Publiumqite j che è quanto a dire thed~ 
tri plausiis et Piihlii dieta. 

2 Nel testo, de Biadavo. M^-oa^ò; è lo stesso che caLnis, ed è 
un nome enigmatico, per cui Cicerone dinota Mazio, per- 
chè egli era calvo, come indica nella lettera DCLXXXIV 
e DCLXXXIX per Calvena. 

3 Perchè era nemico del riposo e della tranquillità della Re- 
pubblica, come dice Cicerone più soiio. Apud qiiem nullum 
oxlay-poìlix. Questa parola ha un doppio senso. Significa cal- 
vitiitni e promonto rium ^ perchè l'uno e l'altro sono albo 
vertice, ^xkà. tÒ azoov; perchè vi è comunemente sopra il 
vertice dei promontori! o capi, alciuii scogli che special- 
mente da lontano sembrano bianchi. Per la stessa ragione 
?a:>òj, che significa bianco, indica pure uno scoglio il quale 
apparisce fuori dell' acqua. Cicerone scherza adunque sopra 
questo doppio significato, allorché dice: apud ciiiem niiUiim 
'O'xki.Y.pfùu.y. .^ suppl. , qiiamvis sit (fxlxxpò^^ cahnis. Parrà forsd 
ciò un po' troppo stiracchiato; ma non bisogna giudicare del- 
l' mdole della lingua latina dalle moderne in ciò alquanto 
schizzinose, fin anco trattandosi di lettere scritte ad \\n 
amico privato. 



646 NOTE 

4 Cicerone prosegue la sua metafora. Sonvi comunemente sotto 
i capi alcune rade in cui i vascelli si mettono al coperto. 



DCLXXXII. 

I Erano persone del partito di Cesare, le quali nell'incertezza 
in cui erano gli affari, volevan maneggiare Cicerone, al quale 
facevano capire lasciar essi qualche cosa nel loro testamento, 
e che inducevano Attico a firmare, affinchè ne rendesse con- 
sapevole il suo amico (V. la lettera DCXCIV). 



DCLXXXIV. 

I Vale a dire: è un indizio che gli affari del partito <li Cesare 
non sono si buoni, poiché Mazio, che era amico si grande 
di Cesare, vorrebbe maneggiar Bruto. Si vide nelle note della 
lettera DCLXXXT, perchè Cicerone chiamasse Mazio Calvena. 

1 Queste legioni venivano, dicesi, per fiirsi pagare delle ri- 
compense che Cesare aveva loro promesse. V è nel testo 
un giuoco di parole intorno alla doppia significazione di 
signaj che indicano impronta , insegne miìilari. 

3 Cesare destinava le sue truppe alla guerra contro i Parli. 
Cicerone n«lla lettera DCIjIII dice che le legioni inviate in 
Grecia erano comandate da Acilio; ma Cesare poteva averne 
speditb a diverse riprese per diversi comandanti. Si è parlato 
nella lett. CLXXXIV di un Annio che era stato luogotenente 
di Cicerone in Cilicia ; cosi non è a credere che qui sia un 
nome enigmatico che Cicerone dà ad Antonio, come Giu- 
nio congettura, senza dirne la ragione. E ben più ridicolo 
l'immaginare che Cicerone chiami Antonio Caninio a cane, 
perchè era gran mangiatore. V era allora un Caninio che 
aveva seguito le parti di Cicerone, ed esso è che fu nominato 
consolo l'ultimo giorno dell'anno precedente, a un'ora dopo 
mezzodì, per occupare nelle poche ore che rimanevano que- 

. sto posto vacante per la morte di Q. Fabio Massimo; il che 
diede luogo alla facezia di Cicerone. A quel che pare, Aci-. 



ALLE LETTERE 647 

iio era stato nominato per comandare queste legioni, e che 
Antonio facesse dare il comando ad Annio, e poscia a Ca- 
ninio; ed è perciò che Cicerone mostra di restar confuso al 
nome, per fare intendere che Antonio cangiava si spesso i 
suoi comandi che era così facile confondersi. 

4 Vuol parlare d'Antonio, a cui rimproverava nella seconda 
Filippica le sue passioni pel giuoco. 

5 II giorno dei funerali di Cesare. 

6 Si è già altrove spiegato che cosa fossero queste legazioni, 
le quali servivano di pretesto ai senatori, allorché volevano 
essere per lungo tempo assenti da Roma. 

y Ante res prolatas, vale a dire innanzi al tempo delle va- 
canze» Hes prolatae era un' espressione opposta a res actae, 
vale a dire al tempo in cui il Senato si radunava, e dove 
rendevasi la giustizia. Rerum prolatio era la cosa medesima 
che iaslitiavij e ve n'era di due specie, l'ordinaria e la 
straordinaria, quando in tempi di tumulto e di guerra ci- 
vile il Senato ordinava che tutti gli affari cessassero, e che 
non si facesse giustizia sin a che la tranquillità fosse ripri- 
stinata, come il Senato ordinò, allorché seppe che Cesare 
era entrato col suo esercito in Italia (Lett. DXXXIX). Pare 
che qui si tratti delle vacanze ordinarie, perchè dalle let- 
tere che seguono, si scorge che Cicerone voleva andare in 
Grecia negli ultimi mesi dell'anno, ed essere di ritorno al 
principio del seguente. 

8 Tyranni satellites in imperiis. Si è visto in molte di que- 
ste lettere, che esse cani imperio era comandare in una pro- 
vincia in cui eravi un esercito. Asinio Polhone comandava 
nella Spagna Ulteriore, Lepido nella Citeriore, Irzio e Fianco 
nelle Gallie; e ben puossi immaginare che Cesare, il quale 
andava all'altra estremità dell'impero a far la guerra contra 
i Parti, avesse confidalo queste provincie a persone sulle 
quali poteva aver fiducia. 

9 Cesare aveva distribuito ai soldati veterani alcune terre iu 
Italia; ed è perciò che Cicerone dice ch'essi erano alle por- 
te; in realtà essi ripresero le armi, e si arruolarono al soldo 
d'Ottavio. 

!0 Allorché Antonio pronunziò l'elogio funebre di Cesare, 



648 NOTE 

nioslrò al popolo la sua veste traforata da ventitré colpi dì 
pugnale, e lulfa tinta del suo sangue; il die ottenne l'ef- 
fetto bramato. Il popolo fu sì commosso a questo spetta- 
colo, che alcune bande di liberti e di schiavi corsero a 
dare il fuoco alle case degli uccisori; ma coloro che erano 
affezionati a Bruto e Cassio presero le armi, ed arrestarono 
quest'impeto del popolo, il quale in quel tumulto fece a 
pezzi un senatore ch'egli scambiò per uno dei congiurati, 
perchè portava il medesimo cognome. Allora Bruto e tutti 
gli altri congiurati uscirono da Roma. « La veste insangui- 
nata di Cesare rimise Roma nel servaggio » (dice Montes- 
quieu, Esprit des Lois y XI, i5). Ma è a credere che un 
tale spettacolo, il discorso di Antonio, e alcune frotte di 
schiavi e di niercenarii non sarebbero stati sufficienti per 
fare una sì gran rivoluzione, se i veterani di Farsaglia, di 
Tapso e di Munda, che empivano Roma e i dintorni, non 
avessero ridotto a mia funesta inerzia il partito di Bruto e 
della libertà. I gladiatori di Decimo, sola forza che i con- 
giurati si fossero cattivala, non potevano resistere ai vecchi 
soldati di Cesare. 

1 1 Cesare aveva spedito Ottavio in Grecia , frattanto che ci 
marciava contra i Parti; e questi trovavasi ad Apollonia, al- 
lorché seppe Cesale essere stato ucciso, ed essere lui stato 
instiluito a suo erede. 



DCLXXXV. 

1 Fundiy tra Formio e Terracina in un territorio detto Cac- 
ciihus nger, famoso pe' suoi buoni vini. 

2 Era il falso Mario del quale abI)iamo parlalo alla lettera 
DXLVII. Cesare l'aveva bandito; ma dopo la morte ritornò 
a Roma, dove formò una cospirazione contzo il Senato. An- 
tonio il fé' morire. 

3 I beni di molli partigiani di Pompeo i quali erano morti con 
le armi alla mano, o che Cesare aveva banditi, erano stati 
confiscali e venduti all'incanto, o Cesare gli aveva dati ai 
suoi favoriti, isestilio era uu nome assai comune appo i Ro- 



ALLE LETTERE 649 

ninni; ma non si sa chi sia colui di cui qui parla Cicerone. 
Per rispetto a Cvutilio, ei ne parla con tanto sprezzo, che 
non è a dolere se punto noi conosciamo. 

4 Allorché il Senato si radunò due giorni dopo la morte di 
Cesare, e che si stipulò un'amnistia generale (Philippic. I, i), 
emanò in pari tempo un decreto che confermava tutto ciò che 
questo dittatore aveva fatto e regolato, come si fece allor- 
quando Siila abdicò la dittatura. Si ebbero di mira segna- 
tamente i soldati veterani; si temeva che si ammutinassero 
se avessero avuto il menomo sentore che loro dovessero es- 
sere tolte le terre che Cesare aveva loro distribuite, o che 
non si pagherebbero loro le promesse gratificazioni. 

5 Siccome Cesare si disponeva a partire per la guerra del 
Parti, e non contava di ritornare si presto a Roma, egli 
aveva nominati questi magistrati per due anni. Dione dice 
per Ire, e Svetonio per molti anni; ma la loro autorità non 
si può paragonare a quella di Cicerone: in vero, non tro- 
vansi consoli eletti da Cesare, tranne Irzio e Pansa, Decimo 
Bruto e Planco. Cicerone qui non parla che dei consoli e 
dei tribuni , perchè Cesare aveva lasciato al popolo la libertà 
dei suffragi per le altre magistrature, come ritraesi da va- 
rie lettere commendatizie di Cicerone in favore di Lamia , 
il quale domandò l'anno seguente la pretura (Vedi le let- 
tere DGGLXXXVI, DCCLXXXVII). 



DCCLXXXVI. 

I Decimo Bruto era della casa Giulia, parente molto prossimo 
del famoso Marco Bruto, senza che sappiasi in qual grado. 
Gli storici greci, come Plutarco, Appiano, Dione ce, lo no- 
minano Albinus } il che dà luogo a credere che ei fosse slato 
adottalo da qualche Postumio, dal quale egli aveva tratto que- 
sto soprannome. Ma tutti gli storici latini lo chiamano sem- 
pre Bruto. Era del paro stimato per ricchezze e per nascita. 
Giulio Cesare, che assai l'amava, lo aveva in parte nomi- 
nalo suo erede; il che non impedi eh' ci non fosse del nu- 
mero de' suoi uccisori. 



650 NOTE 

a Questa lettera fu scritta immediatamente dopo la morte di 
Giulio Cesare, sotto il consolato d'Antonio e di Dolabella, 
allorché M. Bruto e Cassio, i due capi della cospirazione, 
si erano creduti astretti per loro sicurezza di uscire da Ro- 
ma; i loro complici e i partigiani della libertà incomincia" 
vano a molto temere pel seguito di loro imprese. Irzio, il 
cui nome è qui tante volte ripetuto, era console designato 
con Pausa per 1' anno seguente. 

5 Si è di già osservato che Giulio Cesare avendo in mente 
d' andare a far la guerra ai Parti , aveva disposto dei pub- 
blici impieghi e dell'amministrazione per tre anni. Decimo 
Bruto era stato nominato governatore della Gallia Citeriore, 
dove Marco Antonio l'assediò poscia in Modena. 

4 Antonio pensando di approfittare della morte di Cesare per 
mettersi al posto di quello, voleva con filsl timori torsi d'in- 
torno a sé i difensori della libertà. Egli era stato nominato 
al governo della Macedonia, e sua intenzione era di procu- 
rarsi quello di Decimo Bruto, il quale non lasciò di con- 
servare il suo per mezzo dell'autorità del Senato. 

5 L' uso di accordare legazioni libere e semplicemente onora- 
rle, che non supponevano cioè commissione veruna, s'era 
in Roma introdotto per due motivi: i.° per autorizzare i 
senatori ad uscire dalla città, il che non potevano senza il 
consenso del senato; 1° affine ch'eglino facessero più ono- 
revolmente i loro viaggi, e con minore spesa, perchè con 
questo titolo eglino godevano di tutti i diritti annessi alle 
vere legazioni. 

6 Rodi era una città libera. Si videro in più note i diversi 
gradi di dipendenza delle nazioni conquistate dai Romani. 

7 Fa d'uopo qui certamente sottintendere quel che con mag- 
gior chiarezza è spiegato nella lettera DCCCXXXIII all'oc- 
casione di Antonio : Si nihil in Lepido spei sit^ descensu- 
runi ad extrema, et non modo nationes , sed etiam senntia 
concitaturum. 

8 Sesto Pompeo figlio del gran Pompeo. Era egli in allora in 
Ispagna, e Basso Cecilio era in Siria. 



I 



ALLE LETTERE 65 I 



DCLXXXVII. 



1 Vale a dire, su ciò che risguarda i costumi, la condotta, 
la spesa di suo figlio. IIìvo; litiernrum. Questa espressione 
figurata trovasi ancora in queste lettere, CDLIII : quod crai 
S-J7ZLVÌ? et urbanum^ DCCXXV: litterae TrertvufzÉvwj scriptaej 
DCCXXVIII: (pt^.oo'TÓjO'/u; et eÙTTivw?. Ernesti nella sua tavola 
delle parole greche traduce ó Trìvo; toO Xóya per nitor, ele- 
gantia, venastas. Dionigi d'Alicarnasso, come critico e re- 
tore, spesso adoprò simil parola. 

2 Si ergo est. Se è vero che il dovere e l'onore ciò doman- 
dino da me; o giusta Grevio e Gronovio: Si ergo est, suppl. , 
parata pecunia ^ n Se io ho del denaro per intraprendere 
questo viaggio. »? 

5 Sint omnia faciliora. Sint è qui per erunt, o vi bisogna 
sottintendere ut. a La condotta e gli studi di mio figlio an- 
dranno meglio, e mi sarà più agevole il regolare le sue spese 
(V. Lett. DCXCVIII). " Ciò potrebbe anche indicare: « E 
necessario prima che i miei affari e quelli della Repubblica 
siano in migliore stalo. '? Cicerone dice nella lett. DCCXXVIII 
che ei non pensa assolutamente a partire prima che i suoi 
affari non sieno compiutamente assestati (Vedi la Lettera 
DCCXXXI). 

DCLXXXVIII. 

1 Vale a dire nelle case della campagna che Cicerone aveva 
in vicinanza del mare. In actis , Cicerone si valse ancora 
di questa parola nella Verrina V, 25, 5i ; e Virgilio, Enei- 
de, V, 6i5: 

yfft procul in sola secretae Troades acta ec. 

2 Jn dcversoriolo Sinuessano. Era una casipola dove allog- 
giava allorquando andava da Tusculo o da Formio alle case 
di campagna che aveva verso Napoli. Sinuessa era posta ai 
confini del nuovo Lazio e della Campania. 



652 NOTE 

5 Se questo impostore fosse stato realmente nipote di Mario, 
sarebbe stato nipote di Crasso l'oratore, la cui figlia aveva 
sposato il giovine Mario (V. la Lett. DLXXIX). 

4 Antonio sembrava voler rendere la calma alla Repubblica , 
perchè egli aveva fatto morire questo falso Mario, il quale 
voleva eccitare una sedizione, e che avrebbe favoreggiato il 
partito di Cesare, del quale dicevasi parente. 

5 Giunia, sorella di Bruto, e moglie di Lepido. 

6 L. Emilio Paulo fratello maggiore di M. Emilio Lepido : 
non si sa perchè eglino avessero un diverso soprannome. 
Lepido aveva il governo della Spagna Citeriore; ma egli era 

(' ancora a Roma , e non ne parti che lungo tempo dopo la 
morte di Cesare. 

^ E perchè sembrava essere un pretesto onde Lepido valevasi 
per cercare contro Bruto e gli altri congiurati molivi di la- 
gnanza. 

8 Si vedrà nelle lettere DCCIV e DCCXXVII trattarsi qui di 
Cleopatra. Ognun sa che Cesare se n' era innamorato , allor- 
ché passò in Egitto. Ella venne poscia a Roma. Svetonio 
dice che Cesare la rimandò dopo averle fatto grandi regali; 
ma sembra da questa lettera che non fosse ancora partita 
allorché Cesare mori. A quel che pare, il modo con che 
Cesare fu ucciso, la mise in agitazione, e la indusse subito 
a partire; ed è perciò che Cicerone parla di sua partenza 
come d' una fuga. 

9 Non si sa che cos,a fosse quest'affare. Cicerone prendeva im- 
pegno per essi, perchè Catone era stato loro avvocato. 

10 Questo Pelope era di Bizanzio; Plutarco dice che Cicerone 
gli avesse indirilto un opuscolo greco. Era egli probabilmente 
un deputato dei Bizantini. 

11 Chorumque illum. Cicerone parla cosi, perchè Baia era un 
convegno di deUzie; poiché chorus dicesi propriamente dei 
musici e dei ballerini. Vedi ciò che già si disse intorno a 
Baia nelle note alla lettera XXL Seneca (ep. XV) chiama 
Baia deversoHìim viliorum. 



ALLE LETTERE 653 



DCLXXXIX. 

I Credevasi in allora, come al di d'oggi, che allorquando una 
casa è vicina a cadere, tutti i sorci n'escano (Plin. Vili, 28). 

1 Ammiriamo Cicerone, il quale si gloria e si repula l'uomo 
il più filosofo di tutti, perchè egli non si dispera aver fatto 
una piccolissima perdita, che ei conta di vantaggiosamente 
riparare. Quando menasi tanto fasto per cosi piccoli sfor- 
zi, come mai si potrà divenir capace di maggiori? E in 
vero per poco che si studii Cicerone, si comprende che nis- 
suno era meno filosofo di lui, vale a dire meno scevro della 
vanità, dell'ambizione e superiore all'opinione che gli uo- 
mini potessero nutrire di sua persona. 

5 Quasi designali. Cosi gli chiama perchè non erano stati 
eletti dal popolo, giusta le leggi, ma scelti da Cesare. 

4 È quel Curzio del quale Cicerone ha di già parlato con 
molto sprezzo nelle lettere CCCXLVI, CCCXLVII, DLXXIX. 

5 Cecilio, soprannominato Basso. Era un cavalier romano, il 
quale dopo la battaglia di Farsaglia si ritirò a Tiro, e formò 
poscia in Siria un partito contra Sesto Cesare che colà co- 
mandava durante la guerra d'Africa, e eh' ei fece uccidere 
da alcuni soldati. Era egli assediato in Apamea da C. An- 
tistio Vetere , allorché i Parti vennero in suo soccorso. Dione 
dice eh' ei fu pure soccorso da Alcandonio capo degli Arabi. 
Riconsegnò dopo a Cassio la legione che comandava (Dio. 
lib. XLVII; Appian. Bell. CIv. lib. IV ec). 

6 Non si trova che un Volcazio comandasse in allora in quelle 
parti, il che diede a supporre a Corrado con qualche vero- 
simiglianza che qui bisognasse leggere Q. Stazio, il quale era 
proconsole di Siria: nondimeno, siccome Volcazio Tulio era 
stato pretore due anni prima, poteva ben avere qualche co- 
mando sopra questa frontiera. 

7 II Senato aveva dato a Dolabella il governo della Siria col 
comando della guerra contra i Parti. Nicla era stato parti- 
colare amico di Dolabella, il ({Utde lo condusse in Siria 
(V. le note sulla lettera DCLI). 



654 NOTE 

8 Sembra che Irzio avesse in allora il governo della Gallia » 
Belgica, sebbene siasi trattenuto a Roma per tutto quest'an- 
no; come Lepido, che era governatore della Spagna Citeriore 

e della Gallia Narbonese, non omise di stanziare a Roma la 
maggior parte di quest'anno, e come vedemmo che Pompeo 
fu kuigo tempo governatore di Spagna, senza essersi mai 
portato colà. 

9 Vedi la lettera DCLXXX e le note alla lettera DCLXXXI , 
il perchè Cicerone chiamasse Mazio Calvena. 



DCXC. 

1 Cesare aveva creato Trebonio console l'anno precedente, e 
di tutti i congiunti egli era il solo uomo consolare. 

2 Era stipulato tanto da una che dall'altra parte, come tutto 
ciò che Cesare aveva fatto resterebbe; ma Antonio il quale 
si era impossessalo dei libri nei quali Cesare faceva scrivere 
tutte le sue disposizioni governative, non solo si era fatto 
lecito d'introdurre molti cangiamenti e innumerevoli aggiun- 
te; ma quando voleva far eseguire qualche cosa , appagavasi 
di sostenere che Cesare avesse detto che l'avrebbe fatta, e 
che aveva promesso la tale e tal altra grazia, o infine che 
ei sapeva esser tale la sua intenzione. 

3 Bruto e Cassio erano pretori : i pretori avevano il diritto di 
radunare il senato in assenza dei consoli. Antonio si era in 
allora ritirato, ed aveva deposto le insegne di sua dignità. 

4 Noi abbiamo già detto altrove che le Libcralia erano una 
festa in onor di Bacco. 

5 E perchè erasi dato ai partigiani di Cesare il tempo di rav- 
vedersi, e i soldati veterani i quali temevano che loro non 
si pagasse ciò che Cesare aveva ad essi promesso, entrali in 
Roma armati astrinsero il Senato a fare quanl' eglino vollero. 

6 Le leggi vietavano di tributare ai tiranni onori funebri; e i 
congiurati volevano da principio che si gettasse il corpo di 
Cesare nel Tevere; ma Antonio e Lepido il vietarono (Ap- 
pian. lib. Ili; Sveton. in lui.). Un tal procedere non sarebbe 
stalo, al dire di Montesquieu, senza esempio; dopo che Ti- 



ALLE LETTERE 655 

Ì3erio Gracco fu ucciso, Lucrezio edile, che fu poscia detto 
Kesplllo^ gettò il di lui corpo nel Tevere (Aurei. Victor, 
de Vir. Illusi, cap. 64). 
'] Vedi le note intorno alla lettera DCLXXXIV. 

8 Erano alcuni officiali delle truppe di Cesare, che s'erano 
arricchiti delle spoglie di coloro dei quali Cesare aveva con- 
fiscati i beni. Non si sa chi sia Tcbasso. Cassio Sceva è co- 
lui che fece prodigi di valore all'assalto del campo di Pom- 
peo a Durazzo ( Caes. Bell. Civ. Ili ). Si trova in Dione 
(lib. XLVIII) un C. Fufio Frangone, al quale Ottavio diede 
poscia il comando della Numidia. Leggesi in Dione ^ayywva; 
ma siccome tutti i manoscritti di queste lettere hanno Fran- 
gones j bisogna correggere il greco col latino. 

9 Vedi la lettera DCLXXXV. 

10 L. 3Iarcio Censorino. Quest'uomo si era distinto fra quelli 
che si erano arricchiti, comprando a vii prezzo i beni che 
Cesare aveva confiscati. Fu egli dopo, pel favore di Anto- 
nio, console nel 714- 

11 Manuzio, e dopo lui Grevio vogliono che qui si legga Mu- 
stello; e invece Cicerone parla in più luoghi di Mustella, 
eh' ei nomina fra i sateUiti di Antonio, e sembra che Cice- 
rone qui non nomini che persona molto oscura, il che non si 
addice gran fatto a Messala, che era d'insigne famiglia. Frat- 
tanto, siccome egli era del partito di Cesare, e il suo nome 
leggendosi in lutti i manoscritti, non crediamo dover adot- 
tare la congettura di Manuzio. Grevio pure l'ha trasandata. 
Fianco, di cui poscia si parla, non è quegli che aveva allora 
un esercito nelle Gallie, ma suo fratello cognominato Bursa, 
uno dei grandi nemici di Cicerone, il quale era stato ban- 
dito prima della guerra civile, e che Cesare aveva richiamato. 

12 Alcuni commentatori vogliono che qui si legga Postumiis, e 
l'intendono di Curzio Postumo, di cui Cicerone parla nelle 
lettere CGCXLII, CCCXLIII: trovasi pure nel terzo libro de 
Bello Civili menzione di Fulvio Postumo, il quale era del 
partito di Cesare. Nondimeno leggesi in tutti i manoscritti 
di queste lettere PostumiuSy che è un nome di famiglia, in- 
vece che Postumo è un soprannome. 

?3 « Noi abbiamo una coufcssionc di Cicerone, il quulc go- 



656 NOTE 

vernò il Senato in tulio quest'affare, che s'avrebbe do- 
vuto operare piuttosto con vigore, ed esporsi alla morte, 
benché niuno sarebbe perito; ei si discolpa col dire che 
quando il Senato fu radunato, non era più a tempo; e 
coloro che conoscono il prezzo d' un istante negli affari 
in cui il popolo ha tanta parte, non ne saranno gran che 
maravigliati » (Grandezza dei Romani cap. 12). Si vede 
che Montesquieu al pari di Gronovio e di Ernesti non esita 
intorno al significato di queste parole: qiiod numquani ac- 
cidisset. 
i4 Non era già mica un affare di lieve conto all'età di diciotto 
anni l'osare di subentrare come erede ad un uomo che era 
stato ucciso come tiranno, e la cui morte era rimasta im- 
punita, a frapporsi tra Antonio e i congiurati, egualmente 
sospetto all'uno e agli altri. 
i5 II che non tardò ad avvenire. Antonio aveva involato una 
gran quantità delle proprietà di Cesare. Ottavio le ripetè, il 
che cominciò a disgiungerli, piì^ozz[xiv magnani. Sembra es- 
ser questa una parola composta da Attico da pt^ót. e da t£//£;, 
che qui denota processo y dihatlimento ^ contestazione. Que- 
sta lezione è quella dei manoscritti, che i commentatori cor- 
reggono diversamente; ma tutti convengono nel medesimo 
significato, il che per noi è anche troppo. 
16 Quinto Cicerone l'aveva ripudiata poco dopo, come si vede 
in altre lettere. 

DCXCII. 

1 Vedi le note intorno alla lettera CXCVIII. 

2 Fixit legem. Si scolpivano le leggi sopra tavole di rame, che 
esponcvansi per qualche tempo in pubblico, e che poscia 
mettevansi nel tesoro. Servio crede che Virgilio alludesse ad 
Antonio quando disse, Eneide VI, 62Ì2 : 

Fixit leges pi-elio alqiie icfixit. 

3 Cesare aveva tolto a Deiotaro la piccola Armenia. Questo 
principe aveva in Roma deputali, i quali dopo la morte di 
Cesare trattarono con Antonio. Esrli fece restituire al loro re 



ALLE LETTERE 657 

la piccola Armenia, dopo aver ritirata da essi iiu'obljliga- 
zione di dieci milioni di sesterzi, il che formava quasi un 
niilioue di nostra valuta. Quella che maneggiò un tal affare 
fu sua moghe Fulvia, e l'obbligazione fu firmata nelle sue 
stanze (Philippic. II, 07). Dal momento che Deiotaro seppe 
la morte di Cesure, s'^impadroni della pìccola Armenia, prima 
d'aver novella del trattalo che i suoi deputati avevano fatto 
: con Antonio, il quale, a quel che sembra, fu mal pagalo. 

4 Siccome Ottavio era stato adottato da Cesare, egli doveva 
assumere il suo nome; ma nelle vie regolari ci noi poteva 
ritenere se non dopo che una tale adozione fosse dal po- 
polo confermata nella forma ordinaria. 

5 Fihppo aveva sposato in seconde nozze la madre d'Ottavia, 
zia di Cesare. 

6 Vhi iiec Pelopidarum , su^\)\.^facla^ nec fumavi audiamj 
come Cicerone Io cita per intero nella lettera DCCXXIII, e 
in alcun altro luogo. Vi aggiunge inquit, suppl. , poeta. Ei 
non nomina in veruna guisa il poeta, ma è a credersi che 
questo verso sia tratto dalla tragedia di Azio, intitolata Atreo^ 
perchè Nonio alla parola dignatus ne cita due versi che sem- 
brano aver relazione a questo. 

y Declamare, nello stile dei retori latini, era addestrarsi so- 
pra argomenti finti. Pronuncia vausi discorsi preparati, o tal- 
volta parlavasi suU' istante e senza apparecchio. Dopo che 
Cesare era divenuto il padrone. Cicerone, il quale non aveva 
più veruna parte nel governo, godeva di dar lezioni d'elo- 
quenza a molti Romani, alcuni dei quali, come Irzio e Do- 
labella, erano tra i più intimi amici di Cesare (Vedi le let- 
tere CDL, CDLI, DCXXXVI). 

8 A Baia, dove già vedemmo che Cicerone doveva andare, e 
dove non andava che per divertirsi. Stazio pure (Sylv., IV, 
j, 18) dice di questa città, desides Buine (Vedi le note 
intorno alla lettera DCLXXXVIII). 

9 Si è già detto che Vestorio era banchiere. Cicerone celiando 
dice che Vestorio non lascia d'essere filosofo, perchè si bene 
sa d'aritmetica, la quale è una parte delle matematiche, le 
qu:di esse pure formano parte della filosofia. 

Ci e. A. — Lea. T. IX. 42 



658 NOTE 



DCXCIII. 



1 È un passo del canto IX dell'Iliade, v. 228. I Greci avendo 
spedita un' ambasceria ad Achille per procurare di riconcl-^ 
liarlo con Agamennone, e per indurlo a riprendere le anni e 
ad opporsi ai trionfi d'Ettore, Achille fece imbandire un 
lauto banchetto agli inviati, e Ulisse cosi gli parlò: Nell'ur- 
gente pericolo in cui ci tivi'in/no, non dobbiamo punto petit 
sare ai piaceri delle foste. Queste allusioni erano comunis- 
sime iappresso agli antichi , come vedesi soprattutto nelle 
lettere di Cicerone, ed esse piacevano a persone che per 
lo più sapevano a memoria i poemi di Omero. 

2 Decimo Bruto aveva il governo della Gallia Cisalpina; e sic-f 
come era nelle vicinanze d'Italia, nessuno era più di lui in 
islato di opporsi ai divisamenti d'Antonio. 

3 Ecco un altro passo d'Omero che Cicerone adatta al suo 
argomento, cambiando la parola Xóyoto, invece di ya^oto, 
V eloquenza invece dell'amore. Questi sono due versi che 
Giove dice a Venere (Iliade, Y, 428), allorquando si lagna 
con lui dopo essere stata ferita da Diomede: O mia Jìglia^ 
}a gu^rrfi non è per le, tu non devi darti pensiero che del- 
l'amore. Sebbene yaf-io? significhi il connubio, ben si rav-r 
visa che in questi versi d'Omero scambiasi in generale per 
l'amore, di cui Venere era la Dea. 

4 V è una specie d'urbanità in Cicerone nel congiungere cor» 
sé il suo amico; del resto, sebbene Attico non fosse oratOf 
re, aveva però composto molte opere che gli assegnavano 
un posto ragguardevole fra i migliori scrittori del si;o tempo, 

5 Si è già indicato altrove che cosa fossero queste sorta di le- 
gazioni. Vedi le note intorno alla lettera X. 

Sesto Clodio, liberto di Clodio, era il principale ministro di 
tutti i suoi attentati contra Cicerone. 

7 Vedi le note intorno alla lettera DCXC, 

8 Publio Clodio, figlio di colui che era stato ucciso da Mj- 
lone. Antonio aveva sposata Fulvia sua madre. 

g Antonio rimproverò poscia a Cicerone (Philipp. Il, 3) che 



I 



AthB LETTERE 669 

gli avesse salvata la vita, allorché ritornò a Brindisi dopo la 
giornata di Farsaglia , suuza aver fatto la pace con Cesare. 

10 Antonio si era da principio affezionato a Cicerone, a cui 
6U0 padre l'aveva raccomandato, affinchè l'istruisse nella elo- 
quenza in una si eccellente scuola; e allorquando ritornò da 
Siria per domandare la questura, si protestò contra Clodio, 
il gran nemico di Cicerone, ma si rafl'reddò verso lui dopo 
che ebbe sposato Fulvia, vedova di Clodio (Pro Milone , 
e. i5; Philippic. II, u). 

11 Concludendo la pace mercè d'un'amnistia reciproca, e pro- 
ponendo una legge che dichiarasse nemico dello Slato chiun- 
que proponesse di eleggere un dittatore. A quel che pare, 
fu ciò che Cicerone qui dice ad Attico, che diede poscia luogo 
all'ultimo di produrre questa lettera, allorché Cicerone si 
protestò altamente contra per mostrare che malgrado tutte 
le sue invettive, ei non risguardava da prima Antonio come 
un malvagio cittadino (Philippic. II, 4)' Sembra in vero 
che Cicerone spinga qui l'urbanità sino all'adulazione. Seb- 
bene la lettera d' Antonio sia cortese, quella di Cicerone 
spira anche maggior dignità e rispetto. Le persone natural- 
mente buone e un po' inclinate alla vanità fanno e dicono 
assai più che non convenga, appena che persone d'un certo 
grado, ma che pare dovrebbero riuscire loro sospette, fac- 
ciano ad esse qualche proposizione. 

la In vero, chi avrebbe voluto aggregarsi ai grandi, se fin 
d' allora si erano tenuti per nemici tutti coloro eh' eglino 
avevano per competitori ? Cicerone aveva già stabilita la 
stessa massima nell'orazione a favore di Balbo: Erai aequa 
Icx f et nobis , iudicesy aùj uè omnibus, qui ìiustris familia- 
ritatibus imjìlicanturj vehementer utilis, ut nostras inimici- 
tias ijìsi inter nos geramus y amicis nostrorum inimicorum 
tempcrenius. 

l'S A me qui significa dal canto mio, o di mio consenso. Puero 
quoque hoc a me dabis, è come se dicesse: io desidero 
che voi partecipiate al giovane Clodio che io ciò fo a suo 
riguardo, hoc me illi dare. L'espressione, come fa avver- 
tire r Ernest!, sembra tolta a re pecuniaria y in qua dici- 
inus ab aliquo dare , solvere. 



^60 NOTE 



DCXCIV. 

1 Iteradiim eadem ista mihi. È un passo dell' Illone di Pa- 
cu-'lo, che Cicerone riferisce In altri passi ( dcadem. II, 27; 
Tusculan. II, 19)-) e che era passato come in proverbio. 

2 Parilibus. Si è detto altrove che cosa fosse questa festa. Gli 
storici ne dicono che il giovine Ottavio diede dei giuochi al 
popolo durante questa festa (Dio., lib. XLV), e vedesi nella 
lettera DCCI che il nipote di Cicerone aveva portato una 
corona in onore di Cesare. Del resto, prescindendo dai giuo- 
chi celebrati in onore di Cesare, coloro che celebravano si- 
mili feste s'ornavano di corone. 

3 Cicerone aveva detto ad Attico nella lettera DCXClI che 
Vestono non era gran filosofo, ma bensì grand' aritmetico, 
vale a dire che sapeva spendere assai bene il suo denaro, 
perchè, come già si è detto, Vestorio era banchiere. In pro- 
posito di che Attico, ad imitazione delle sette de' filosofi, 
ne forma una nuova di banchieri, e di tutti coloro che da- 
vano il loro denaro ad interesse, della quale dice clie Ve- 
stono era il capo. 

4 Nel testo : de Pherionum more Puteolano. Nelle lettere non 
vi sono passi più difficili a intendersi delle facezie, perchè 
esse si aggirano spesso sopra cose non conosciute che da 
colui al quale scrivesi; e siccome questi passi sono oscuri, 
per lo più il testo è guasto; giacché i copisti sono soliti a 
ingannarsi quando non intendono quel che scrivono. Que- 
sto passo, come qualche altro di queste lettere, è di fai ge- 
nere. I commentatori invece di avvolgersi hi congetture as- 
surde , avrebbono fatto meglio a confessare con Grevio 
essere ignota la vera lezione di questo passo, ed ignorar- 
sene il significato. Ben si scorge da quel che precede, voler 
Cicerone parlar dei banchieri e di quelli che davano ad usu- 
ra. Bla perché li chiama Pkeriones? Questo è ciò che non 
si sa, come non si sa perchè gli chiamò in un'altra let-» | 
tera (CDXLIX) Nicasiones; né si può accingersi a spiegar- 
lo, a meno di voler piuttosto dire delle stravaganze ^ chqj 



ALLE LETTERE 66 I 

conlessare di non inlendcre una facezia, la quale anche nel 
lempo in cui questa lettera fu scritta, forse non poteva es- 
sere intesa che da Cicerone e da Attico, come tuttodì ac- 
cade nelle lettere che scnvonsi gli amici di alludere a cose 
dette ed avvenute tra essi, e delle quali nessuno può aver 
la chiave. Grevio congettura eoa molta verosimiglianza, che 
Attico dicendo moi'e Puteolano abhia fatto un giuoco di 
parole intorno alla circostanza che Vestorio era di Pozzuo- 
lo; e sopra Puteal, che era un luogo di Roma ove i ban- 
chieri e quelli che davano a prestito tenevano i loro ban- 
chi. Invece di P'iierionum y Grevio crede che si potrebbe 
leggere ycstorianoriini , il che darebbe un senso chiarissi- 
mo; ma v'è troppa distanza da Pherioiium a Kestorianorum. 

5 Cicerone lo chiama Vestoriauo probabilmente a motivo del 
contrasti che aveva avuti con Vestorio. Vedi le note sopra 
la lettera CC e la CGXXIII. 

6 Bruius vuol dire una lieslin, un uomo infingardo e rozzo. Ci- 
cerone ha già fatto una simile allusione a questo nome alla 
fine della lettera CCLII. 

7 Cesare, che aveva conosciuto colla propria esperienza, quanto 
era pericoloso che coloro i quali presiedevano da un pezzo al 
medesimo governo non diventassero possenti di troppo, aveva 
fallo dopo che era dftlatore una legge, mercè di cui i pre- 
toriani non potevano stare che un anno nel loro governo, e i 
consolari due anni al più (Pliil. Ili e Vili; Dio., lib. XLIII). 
Antonio voleva cangiare il governo di Macedonia, che gli era 
toccato, con quello delle Gallie; ma siccome Decimo Bruto 
èra governatore della GaUia Cisalpina , i suoi partigiani vie- 
tarono che il Senato accordasse ad Antonio ciò che doman- 
dava. Se lo fece conferire dal popolo, e questa fu l'origine 
della prima guerra contro di Antonio, il quale volle ren- 
dersi per forza padrone di questo governo, e assediò De- 
cimo Bruto iu ]\Iodena. 

8 Cesare aveva ammucchiato in questo tempio sino a sette- 
cento milioni di sesterzi, il che corrisponde a circa settanta 
milioni di franchi, che egli aveva riservato per la guerra 
dei Parti. Antonio distribuiva questo denaro ai suoi amici 
ed ai suoi favoriti, sotto pretesto che Cesare aveva ordinato 



662 NOTE 

queste gratificazioni, come già vedemmo, Opi è Io stesso 
che Rea, moglie di Saturno; e i Romani adoravano sotto 
questo nome la terra, a motivo di sua fecondità. 

9 Vedi le note intorno alla lettera DLXXXII. 

10 Vale a dire, se io devo andare in Grecia nell'attuale oc- 
casiono. Vedi la lettera DCXCVIII. 

11 ProI)al)iImenle i deputati di Marsiglia alloggiavano in casa di 
Attico. Cesare aveva tolto a questi popoli lutti i loro privi- 
legi, e il piccolo paese da essi dipendente, perchè erano ri- 
masti neutrali nella guerra civile, ed avevano sostenuto ini 
assedio contro di lui. Cicerone dice che a confermarli nei 
loro diritti vi voleva un esercito, perchè Lepido e Fianco, 
che colà comandavano, erano consacrati al partito di Cesare. 



DCXCV. 

I Siccome non v'ha nulla nella lettera di Bitinico che abbia 
relazione a questo desiderio di vivere con Cicerone, vuoisi 
credere che la risposta di Cicerone abbia relazione a qual- 
che lettera smarrita. 

a Questo passo sembra indicare che Bilinico fosse stato del 
partito di Cesare, e che ancora lo fosse di quello di Antonio; 
del resto un'altra prova l'abbiamo nell' esser egli stato eletto 
pretore di Sicilia per mezzo di Cesare. 



DCXCVI. 

I In queste lettere familiari non si può spesse volte che con- 
getturare il senso di alcuni passi o parole usate da Cicero- 
ne: la regola migliore si è applicare in caso di dubbio il 
senso slesso dato da Cicerone a parole simili in altri luo- 
ghi: professionem , dichiarazione , è qui secondo il senso 
dato da Cicerone nella lettera DXCIII. 

1 E uno scherzo, perchè l'epifora, vale a dire il mal d'oc- 
chi, impedisce di vedere, ma non di parlare. Ma Balbo si- 
gnifica balbuziente, e non è questa la prima volta che ve- 



ALtE LETTERE 663 

demmo Cicerone scherzare intorno a tale parola. la un'altra 
lettera (CDLIV), in cui parla ad uno de' suoi amici d'una 
visita che quest'amico aveva ricevuto da Balbo: « Se voi 
fate sì bella accoglienza ai balJMizitnti (gli dice), io spero 
che sarò il ben venuto in casa vostra, io cui tutti apprez- 
zano per sapere a maraviglia parlare. » Del resto Balbo 
aveva qualche ragione per tacere. Egli era amico di Marc' An- 
tonio, e nondimeno troppo onest' uomo per approvare la 
sua condotta. 

3 Cicerone parla in apparenza di Servilio Isaurico, che era 
morto di recente in una vecchezza molto inoltrala. Tirone 
avendogli partecipata questa nuova, risponde che solo i vec- 
chi devono interessarsi di ciò; con che fa intendere che nelle 
sciagure della Repubblica non e' era il prezzo a diventar as- 
sai vecchio. Era in allora nell'età di sessantadue anni, e fu 
ucciso nell'anno seguente. 

4 Questa parola Ilavtxotj, che poscia s'introdusse in quasi 
tutte le lingue , deriva dal nome del Dio Pane , che gli 
antichi risguardavano come la causa dei terrori subitanei, 
detti panici. Per rispetto ai rimproveri che Attico aveva 
fatti in proposito a Cicerone, traspare da un gran numero 
di lettere che poco ei li meritasse, e le circostanze della 
sua morte il confermano. Cosi egli scriveva ad Attico (Lef. 
DCLXXXIX): O Socrates, o Socratici viri , numquam ego 
vobis gi-atiam referam. Dii itnmoi talcs 1 quam milii ista prò 
lì ili ilo ! 

5 Coloro che non conoscono i sentimenti di Cicerone verso An- 
tonio, che mercè delle sue Filippiche, leggeranno questo 
passo con sorpresa. Ma è ben vero eh' eglino erano stati 
amici sino al punto in cui Antonio, per zelo verso Cicerone-, 
aveva voluto uccidere P. Clodio suo nemico. E in una let- 
tera ad Anto.^.io Cicerone gli disse: Semper te amavi, pri- 
mum tuo studio, post edam beneficio provocalus. 

6 Era qualche viglielto pagabile al corriere, che Tirone aveva 
ordine di far pagare. 

7 II proverbio greco, nel quale é'/'/tov è sottinteso, si trova in 
molti antichi: Plauto invece di tradurlo nel senso letterale 
per ge«M tibia propini est, il ginocchio è più vicino della 



664 NOTE 

"amba, ha detto nel Trinummus: Tunica pallio propiovj 
l'abito ci tocca più da vicino che il mantello. 
8 I commentatori dicono dietro 1' autorità di Celso e d' altri 
antichi, che quest'erba pulegium è anche propria a conci- 
liare il sonno. Non sapremmo se sia per imitare Cicerone 
che S. Ambrogio abbia scrino (Lett. XCVI): Non mcdio- 
crem sumsi ad convalescenduni gratiam, quasi quodain lui 
alloquii pulegio refectus. 

DCXCVII. 

1 Aveva egli fatto abbattere una colonna che era come una 
specie di mausoleo che i liberti e gli schiavi di Cesare ave- 
vano tumultuariamente innalzato in mezzo al foro, e dove 
eglino andavano a tributargli divini onori (Filippic. I, 2, ec). 

2 Era il supplizio dei colpevoli di Stato, i quali gettavansi dal- 
l'alto al basso della rupe Tarpea, 

3 Alla lettera: far lastricare il luogo ov' era questa colonna, 
affinchè non si ravvisasse più il posto dov' essa era. 

4 Non solo i buoni cittadini, ma anche la plebaglia applaudì 
a Dolabella, mostrando con ciò non aver poi per Cesare 
tutto il dispiacere che aveva appalesato allorché Antonio 
pronunziò il suo elogio funebre. 

5 La prima condizione di questa pace era stata che tutto il 
fallo da Cesare sussisterebbe. 



DCXCVIII. 

1 Conscendens in phasclum epicopum. Si è già spiegato nella 
lettera CXCV che cosa era questa specie di bastimento. 

2 Trovasi nel testo, la mia casa vicina al lago di Lucrino. 
Vedesi nella lettera seguente, questa essere stata quella di 
Cuma. 

5 Villicus era diverso da jìrocurator. J^illicus era colui che 
aveva cura del lavoro, e pi-ocurator colui che aveva la sor- 
veglianza della terra. Siccome i Romani avevano un gran 



ALLE LETTERE 66^ 

numero di schiavi ^ facevano da essi per lo più coltivare lo 
l(jro lerre. Vììlicos proctuatoìcs tradidtssem non può qui 
significar altro se non clic Cicerone aveva loro ingiunto di 
ricevere s^li ordini di Pilia, e di fornirle tutte le co9€ ond'ella 
abbisognerebbe; e nel medesimo significato disse alla fine 
della lettera DCCI: Cui quidem ego totani i'ilìam cellamque 
tradidi. 

4 Tyrotaiicìnim (V. le note intorno le lettere CXI, CXVII, 
CDL, CDLV). 

5 III haec Puteolaua et Cumana regna. Virgilio disse nel me- 
desimo significato, Egloga I, 70: Post aìiqnot, mea regna 
videns, mirabor aristas, e Orazio per indicare il piacere 
che provava alla campagna: vii>o et regìio , ec. 

6 Perchè vi erano molte case di villeggiatura nei dintorni di 
Pozzuolo e di Cuma. 

7 Cicerone vuol dire che Bruto per aver liberata Roma dalla 
tirannide meritava di cingere una corona d'oro come co- 
loro ai quali era conferito l'onore del trionfo. 

8 Me fac ut expedias , vale a dire, che voi terminiate i miei 
affari, e mi facciate toccare il denaro a me dovuto. Cice- 
rone nella lettera DCCII, parlando del pagamento d' uu de- 
bito, si serve della medesima parola, ad ista expedienda, 
e nelle lettere DCCXXVIII, DCCXXXI dice eh' ei non par- 
tirà prima d'aver regolato i suoi affari. 

9 Di somministrar denaro a suo figlio (V. Lett. DCCL). 

10 Vedi la lettera DLXXXII. 

1 1 Ne prò se quodam modo dependatur. È difficile il com- 
prendere questo quodarìi modo. Montano aveva servito di 
cauzione a Flaminio; pertanto s' ei pagava, è un vero pagar 
per lui. Ernesti dice pure : Tó quodam modo non placet. 



DCXCIX. 

I Antonio era andato a Capua per procurare di mettere a 
parte de' suoi interessi i soldati veterani, ni quali Cesare 
aveva dato le sue terre nella Campania. 

■1 Vedi le note intorno alla lettera XXXII. Dione (lib. XXXIX) 



666 NOTE 

dice che Cicerone rimise questo scritto suggellato tra le mani 
di suo figlio, e che gli vietò di leggerlo o di mostrarlo a chic- 
chessia prima della sua morte. Ma il racconto di Diorie noti 
combina con ciò che qui Cicerone dice; perchè sembra che 
questi Aneddoti non fossero ancora compiuti, allorché il figlio 
di Cicerone partì per la Grecia, né mai lo rivide. 

5 Cicerone si dava spesso la libertà di dire delle facezie che 
interessavano Cesare; testimonio di che è tutto ciò eh' ei 
dice intorno a questo console da Cesare eletto l' ultimo giorno 
dell'anno, e che non fu in carica se non per qualche ora, 
non che il suo equivoco intorno a Servilia, che per la pro- 
tezione di Cesare aveva fatto un acquisto vantaggiosissimo 
nella vendita dei beni dei proscritti (V. la lett. DCCV). II 
prezzo è ancor migliore che voi non credete, dice Cicero- 
ne: Naì7i tertia deducta est, ciò che indica nel senso natu- 
rale, gli è stato rimesso il terzo del prezzo^ e nel senso 
che Cicerone aveva in mira, Sennlia Je' si die Cesare avesse 
i favori di Terzia sua figlia. Si attribuivano a Cicerone molte 
altre facezie non sue, e che aggiudicavansi a Cesare, il quale 
faceva una raccolta di facezie, dove non v'ha dubbio ch'egli 
innestasse anche quelle che lo prendevano di mira, allor- 
quando erano realmente forbite, come ci attesta Cicerone 
stesso nella lettera CDXLVI. 

4 Vedi le note intorno la lettera DCXC* 



DCC. 



I Per intendere questa lettera , bisogna trasportarsi dopo la 
morte di Cesare, nel tempo in cui non erasi per anco ria- 
vuto dalla prima maraviglia che aveva destata, e in cui cia- 
scuno osservava il corso degli affari per giudicare del panr- 
tito da scegliersi ; intendasi di ciascuno dei partigiani di 
Cesare, e di quelli che non ebbero parte alla congiura. Do- 
labella gli era stato fedelmente affezionato, e gli amici della 
libertà non s'aspettavano che si sarebbe dichiarato del loro 
partito. Frattanto in occasione d'una colonna e d'un altare 
eretti ad onor di Cesare, e che fra il popolo davan adito ai? 



ALLE LETTERE 667 

eccessi di pericoloso zelo, egli impiegò l'autorilà del couso- 
lalo, del quale era iu allora rivestito, per rovesciare questi 
due rnonumenti, e parve dichiarare con quest'azione che il 
ben pubblico gli fosse piìi caro della memoria del suo ami- 
co. Ma poscia mal sostenne una sì gloriosa dichiarazione, 
poidiè divenne il principale istrumcnto del furore di Mar- 
c' Antonio. 

2 A quel che pare, a Baia, dove Cicerone aveva una villa. 

3 Dopo la morte di Cesare, Dola bella comparse nel foro con 
le insegne del consolato, perché Cesare, avendo in mira d'an- 
dare a far la guerra contra i Parti, lo aveva nominato per 
suo successore dopo la sua partenza. 

4 Re de' re, perché comandava a tutti i re della Grecia che 
fecero l'assedio di Troia con lui. Si sa pure che il saggio 
Nestore era suo principale consigliere (Iliad. lib. I). 

5 L. Cesare, il medesimo del quale si parlò nella lett. CDXLVIL 
Era fratello di Giulia madre di Marc' Antonio, il quale non 
tralasciò di immolarlo ad Augusto , perchè fosse ucciso nella 
proscrizione del triumvirato. Ma Giulia trovò il mezzo di 
scamparlo da morte. 

6 Marc' Antonio console con Dolabella. 

7 Le Idi di 3farzo , giorno celebre in cui Cesare era stato 
ucciso in pien senato, 

8 Latino, nunc denique amare, antea dilexisse. Questa diffe- 
renza tra diligere ed amare è confermata in molte altre let- 
tere (V. Lett. XXIX, DCLXXIX). Terenzio se ne serve pure 
nel medesimo significato. 

9 Qui parla di M. Bruto, di C. Cassio, e degli altri uccisori 
di Cesare. 

DCCL 

I Cicerone dice ciò scherzando; perchè vedesi in questa let- 
tera istessa e nella seguente, che ciò lo inquietava assai poco. 
Artcta è una parola di cui Attico si era valso nella sua let- 
tera , ed è perciò che Cicerone dice, sic eiiim scribis, per- 

' che Attico aveva formalo questa parola. Ben si trova in Esi- 
chio anni;, qui non est soh'cndo, ma non si trova in alcun 

luogo Ì7t7ÌX, 



668 NOTE 

2 Vale a Jlre, per uscir d'Italia, dove il partito di Cesare era 
il più forte, a motivo dei soldati veterani. Cicerone trattò 
pure di fuga e d'esilio il partito che Pompeo prese d'ab- 
bandonare r Italia a Cesare, come si vide altrove. 

3 Questo porto è la morte. Cicerone fa dire a Chitone, nel Trat- 
tato della Veccliiaia, ch'egli riguarda la morte come un 
porto dove si giunge dopo una lunga navigazione. Grono- 
vio vuole che per questo porto s' intenda il riposo e il ri- 
tiro, ma ciò non s'accorda con quanto Cicerone asserisce 
qui e in molte alire lettere, che non era piij in sua facoltà 
di rimaner neutrale, come avrebbe potuto nella guerra di 
Cesare e di Pompeo (V. Lett. DCXGIII). 

4 Si vede in altre lettere che Cicerone molto diffidava di Pau- 
sa, e eh' ei lo credeva partigiano di Antonio più di quel che 
voleva si credesse. Ma Cicerone s'ingannò; Pausa stette 
fermo nel partito del Senato, e fu ucciso nella battaglia che 
diede per levare ad Antonio 1' assedio di Modena. 

5 Senni orationem qui significa ciò che Servio Sulpicio aveva 
detto ad Attico, temer egli che l'azione di Dolabella avesse 
conseguenze funeste. Che tale sia il senso di questa lettera, 
scorgesi da quest'altro passo della medesima lettera: quam- 
quam de Servio iam rescripsi, me fncere magnam npoi^iv 
Dolabcllaey ce; e nella lettera precedente: Seivius projici- 
scens quod desjicrniiter tcciiin locutus est, ec. 

6 Cerehia, la buona amica di Cicerone. Vedi le note intorno 
alla lettera DLXXXI. 

'j Pubblio fraleilo della seconda moglie di Cicerone cavillava 
per non toccare il denaro della dote di sua sorella, e cer- 
cava d'indurre Cicerone a riprenderla. Pare anche dalla let- 
tera CCLII che Cicerone abbia avuto qualche intenzione di 
riconciliarsi con lei. 

8 Vedi le note intorno alla lettera DCXC. 



DCCII. 

I Faberio era stato segretario di Cesare, ed Antonio si valeva 
«li lui per fare scrivere sopra i registri di questo dittatone 



ALLE LETTERE 669 

tutto ciò che voleva. Vi fece melterc tra le altre cose una 
considerevole gratificazione per Dolabella, che gli lece avere 
per cattivarselo. Questo denaro si toglieva dal tempio di 
Opi, dove Cesare aveva lascialo quasi settanta milioni; in- 
torno a tal fatto s'aggira la facezia del testo, in cui v' è 
doppio senso: Opem, che nel senso naturale significa soc- 
corso, qui indica i7 denaro che trovatasi nel tempio di Opi. 
Vedi le note intorno alla lettera DGXCIV. 

2 Pompei era al di là di Napoli; gli schiavi onde servivansi 
in allora per portare le lettere andavano a piedi; ma ve 
n'erano alcuni i quali erano come corrieri, che si chiama- 
vano celcripedes. 

3 Era in allora ad Atene : forse nella lettera eh' egli aveva 
scritto ad Attico, gli parlava del figlio di Cicerone. Vedi la 
lettera DCLXXXV. 

DCCIII. 

I Arpalo, altro schiavo di Cicerone. Egli era stato spedilo a 
Roma; perchè Tirone in allora colà si trovava, e Cicerone 
a Tusculo. 

■2 Latino prora et piippis, vale a dire tutta la mia prudenza, 
perchè la prora e la poppa sono le due parti che formano 
un intero vascello. Il proverbio greco è, Tvpùpy. /.vX r^upivvj. 

5 OJìllius y AureìiuSj Fiamma. E chiaro che i due primi erano 
creditori di Cicerone, e l'altro suo debitore. Fiamma era forse 
quel Flaminio Fiamma che è nominato in molte altre let- 
tere ad Attico. Fiamma era anche un soprannome della fa- 
miglia Calpurnia, 

4 Questi termini de attributìone , de repraesentatione, non pos- 
sono essere spiegali che con altri passi ove sono più rischia- 
rati (V. le lettere DCV, DCCLIV). Qualche cosa di simile 
si trova in Varrone (Ub. I, Ling. Lat.). Attrihuiio era forse 
un assegno pel denaro che Dolabella doveva rendere a Ci- 
cerone dopo il suo divorzio con Tullia sua figlia. Reprac- 
scntalio era il pagamento di questo denaro prima del ter- 
nu'nc. In questo significato vedemmo nella lettera DCLXIV 
diem repracscntabo. 



670 NOTE 

5 Se si richiamano le circostanze in cui questa lettera fu scrit- 
ta, siamo tentati a qui sostituire incerta} a meno che non si 
voglia tradurre: non ni" indicate nulla che non sia piìi che 
certo. Ottavio era giunto a Roma per succedere a Cesare. 
Antonio per una parte gli era competitore. Il successo n'era 
assai dubbioso. E probabile che il significato riconosciuto dal- 
l'abate Prevost sia qui il solo vero. Molte di queste lettere 
ci dichiarano che Tirone spediva sue notizie a Cicerone e 
a suo fratello ad un tempo. 

6 Questo monosillabo, st, esprimeva senza dubbio un ordine 
di star zitto. Ogni lingua ha usi di tal fatta. Trovasi nel- 
l'egual significato st in Plauto e in Terenzio. Se mai sor- 
gesse dubbio intorno a un tal significato, non si ha che a 
leggere in Carisio il frammento di Nevio : st; tale verhum 
cave fax is. Cicerone scrivendo ad Attico, presso a poco nel 
medesimo stile gli dice più estesamente; Non UbetJ'ngerej 
non aveo pugnare j magna sunt hominuni studia^ sed nihil 
afjinno. Tu hoc silebis. 

7 L. Cornelio Balbo, il cui nome vedemmo tante volte indi- 
cato. Irzio, che non meno spesso vedemmo rammentato, era 
in allora console con Pansa. Apparisce dalla lettera DCXCII 
che essi andassero alle acque di Baia in compagnia. In al- 
lora, due uomini sì importanti non potevano muoversi senza 
fornir materia di discorso. 

8 È cosa assai naturale il sottintendere qui incertum dopo sed 
quody o piuttosto sed quid egcrintj il che risparmia inutili 
discussioni. Manuzio propone Scimus quid egerint. 

9 Cicerone ritorna ai suoi affari domestici , dopo aver detto 
alcune linee plii in su che n'aveva parlato a sufficienza; ci 
gli avea molto a cuore. Come dubitare dell' intenzione di 
questo passo e del precedente dopo ciò che si lesse nella 
lettera DXXI.'' Teneor tamen.^ duni a Dolahellae procura- 
toribus exigani primam pensioncni. 

10 Altri leggono Appiani invece di Papiani^ il che poco im- 
porta. Pare che questa donna , qualunque fosse, andasse pur 
debitrice di denaro a Cicerone. 



ALLE LETTERE 67 J 



DCCIV. 

( Vi erano in allora tre Antonii in carica, tutti e tre fratelli: 
Marc' Antonio era console, Caio Antonio pretore e Lucio 
Antonio tribuno del popolo. Quest'ultimo voleva far distri- 
buire le terre delle paludi Pontine per mettere il popolo 
negli interessi di suo fratello. Dolabella si oppose a simile 
distribuzione, e fu in questa occasione ch'eglino arringa- 
rono l'uno e l'altro. 

u Modo niimeret idibus. Si è già detto come presso i Romani 
l'interesse si pagava lutti i mesi il giorno delle idi, vale a 
dire al i3 o al j5. 

3 Tertulla, sorella di Bruto e moglie di Cassio. Le figlie por- 
tavano il nome di famiglia senza prenome o soprannome, ma 
allorquando erano in molte , venivano distinte dal grado di 
loro nascita. La maggiore delie sorelle di Bruto chiamavasi 
lunia maiorj la seconda lunia minor e la terza lunia tertla, 
e per diminutivo Terlulla. 

4 Cleopatra pretendeva aver avuto da Cesare un figlio ch'ella 
faceva chiamare Cesarione. I partigiani di questo dittatore so- 
stenevano ciò non esser vero; ed eglino presero la cosa s,\ 
seriamente che Oppio stese uno scritto per provare esser 
questa una fantasia della Regina d' Egitto ( Sveton. Caesar, 
e. 52 ). Allorché Antonio divenne amante di Cleopatra , ri- 
conobbe questo fanciullo per figlio di Cesare, e Augusto il 
fece morire allorché ebbe vinto Antonio. 

5 Attico era di parere che Bruto potrebbe al più presto com-r 
parire a Roma con sicurezza, e desiderava che Cicerone 
componesse l'aringa da tenersi al popolo: sicuramente per- 
chè credeva, e Cicerone al par di lui, che non vi fosse abba- 
stanza di forza e di veemenza nelle aringhe di Bruto. Vedi 
la lettera DCCYII. 

6 L' opera che Cicerone intitola qui de optimo genere dicendo 
non è altro che il suo Oratore, che molti manoscritti in- 
dicano con questo titolo. Per tale è nominato pure nella let-s 
tera DGCCIIL Bruto e Giccroue, lo stoico e il platonico, uott 



Sn2 NOTE 

potevano essere d'accordo intorno al carattere della vera elo- 
quenza. Pare che a Cicerone sia dispiaciuto di non aver po- 
tuto convincere il suo amico. Cesare, si buon giudice in questa 
materia , si riconosceva eloqueiUe allorquando leggeva il Ca- 
tone di Bruto ( lettera DCXXIX); leggendo quello di Cice- 
rone vi ravvisava un maestro, del quale vantavasi d'essere 
il discepolo, e le cui lezioni conferivano al suo ingegno più 
ricchezza e fecondità. 

7 Alla lettera ; lasciate a ciascuno la propria pwglie e a me 
la mia^ lasciate a ciascuno i suoi amori ^ e a me i miei. 
Ciò è presso a poco simile alle seguenti nostre espressioni : 
non v'hanno bassi amori; ovvero, intorno ai gusti è vano 
il disputare. 

8 Non si tratta qui del sentimento, come vuol Corrado, ma 
del modo di esprimerlo, ed è perciò ^he bisognò conservare 
il testo. Cicerone nel primo li!)ro dejinihus^ cap. 2, chiania 
KixWio ferreum scriptorcm. Giunio, dotto scrittore, ricom- 
poneva così questi versi del vecchio poeta: 

Siiam ciiique sinas sponsam , miìii menni ^ 
Suuni cuiquc siila» morem , mi/ii nieiiin. 

E siccome per la misura bisogna fare due sillabe di cuiy pre- 
tende che in ciò propriamente consistesse la durezza di questi 
versi; non ostante ciò, questi versi, sebbene senz'eleganza, 
non ci paiono assai cattivi. Abbisognerebbero orecchie ro- 
mane per ben sentire quesle delicatezze, che non si sentono 
bene se non nella propria lingua. In ciò gli autori greci e 
latini sono molto superiori a noi; perchè noi non conosciamo 
difetti di stile in coloro che scrissero nel buon tempo; né 
è a dubitare che molli ve n' abbiano anche nei libri meglio 
scritti. Se ci pare di vedere negli autori antichi qualche cosa 
di troppo avventato o trascurato, noi temiamo, e con ragione, 
che ciò non sia un'eleganza, o un'eccezione delle regole dal- 
l'uso autorizzata, 
g Non si saprebbe immaginare come un uomo tanto giudizioso 
qual era Manuzio abbia potuto immaginarsi che Cicerone 
parli ([ui d'Ottavio. Questo giovine non rappresentava an- 
cora mia parte d'importanza, uè ancora provcdevasi l'ascen- 



ALLE LETTERE 678 

dente che avrebbe esercitato sul popolo. Beu si scorge da 
quanto precede, trattarsi qui di Dolabella, il quale essendo 
console al par di Antonio, poteva mettersi alla testa dell'uno 
dei due parliti. 

10 Epicuro riponeva il bene supremo nella voluttà, vale a dire 
in una vita dolce e tranquilla ( perchè la voluttà d'Epicuro 
non era una voluttà appassionata o sregolata); né v'ha cosa 
più contraria alla tranquillità quanto gli slimoli dell'ambi- 
zione e gl'imbarazzi dei pubblici affari. Al contrario gli Stoici 
credevano che il saggio fosse obbligato a servire la sua pa- 
tria; e Bruto, ad esempio di suo zio Catone, seguiva i loro 
principii. 

1 1 Noi già vedemmo altrove che un cittadino privato non po- 
teva aringare il popolo, a meno che non fosse presentato da 
qualche magistrato. Ottavio voleva farsi nominare tribuno 
del popolo invece di Cinna, il quale era slato ucciso in una 
sommossa popolare, dove era stalo scambialo per im allro 
Cinna clie era nel numero dei congiurali. I partigiani di 
Antonio impedirono che Ottavio avesse questa carica (Dio., 
hb. XLV). 

DCCV. 

1 Siccome erano in Roma due consoli, vi erano pure nelle 
città municipali d'Italia due m;igislrali, duumviri, 1 quali 
si eleggevano tutti gli anni come i consoh. Vi erano pure 
in Roma molli magistrati subalterni chiamati duumviri: ma 
siccome qui non si tratta di essi , sarebbe inutile il par- 
larne. 

2 Intende di Antonio. I congiurati deliberarono se avessero a 
disfarsi di lui; ma conchiusero che non bisognava uccidere 
altro che Cesare, affinchè si vedesse che il loro odio si ri- 
stringeva alla sola tirannide; e Trebonio sollo prelesto di 
parlare ad Antonio di qualche affare, lo trattenne fuori del 
senato, mentre che si uccideva Casare (V. Leti. DCCCL , 
DCCCLIII). 

D Cesare aveva aggiudicati a buon prezzo a Servilia varii po- 
deri confiscati a coloro che avevano seguila la l'aziono di 
CicEi:. X. ^ Leu. T. IX. 43 



674 NOTE 

Pompeo: sembra che questo podere ili Ponzio fìicesse parte 
di tali utili acquisti di Servilia. Qui si tratta di Ponzio 
Aquila, il quale era stato tribuno l'anno precedente, e a 
cui Cesare non perdonò mai il non essersi alzato, cerio per 
distrazione, allorché Cesare passò, il giorno del suo trionfo, 
innanzi al luogo in cui i tribuni stavano seduti in corpo. 
Dione ed Appiano lo nominano fra i congiurati: fu egli luo- 
gotenente di D. Bruto, e fu ucciso nella battaglia centra An- 
tonio (Sveton. lui.; Dio., lib. XLV; e lett. DGGCLXXXIII). 

4 Aveva di recente composto quest'opera. 

5 Pure Cicerone non aveva allora che sessanfatrè anni. 

(5 Cioè il solo che rimane dei cinque ( Trevré^otrov ) , vale a 
dire, giusta alcuni commentatori, di Filippo, Ottavio, Pansa 
e Balbo, tutti del partito di Cesare, i quali Cicerone aveva 
veduti a Pozzuolo; o giusta altri, di Lepido, Antonio, Do- 
labella e Pansa, i quali erano quelli del partito di Cesare 
che rappresentavano le parti principali; il primo essendo 
stato niagiiler cquitum^ prima carica dopo il dittatore si in 
pace che in guerra; i due altri erano consoli, ed Irzio e 
Pansa consoli designati. Altri vogliono intender qui Cicerone 
con la parola 7r«VTÌXo£ffov il giovine Pompeo, a inolivo del 
suo prenome Sesto, perchè il primo numero dopo il cinque 
è il sei. Spiegazione un po' ridicola in vero. Perchè mai Ci- 
cerone indicherebbe il giovine Pompeo con questo enigma? 
e poi, qui non si tratta per nulla di Sesto Pompeo. Del re- 
sto è d'uopo confessare che vi ha sotto questo TrsvrÉXotTrov 
qualche frizzo celato, il cui senso è a noi ignoto. Si trova 
simile difiicoltà anche nella lettera DGGVIIl. 

7 Come Brulo e Cassio avevano pregato Cicerone (V. Lett. 
DCGIV). 

8 Ecquid DoiabclIiC iiimiat. E una metafora tratta dal rumore 
che fa il denaro quando si conta; donde tra noi derivò que- 
sta distinzione sì conosciuta del pagamento in inoìic'.a su-'. 
nanfe a fronte dei pagamenti in carta. 

c) Vedi le note sopra lu lettera CD VII 



ALLE LETTERE 675 



DCGVI. 

1 Vale a dire, Irzio ama assai Cesare. Hirtium ego ci Dola- 
hellani dicendi discijìulos habco, caenandi magistros (Lelt. 
CDL). Vedi le note intorno alla lettera DCXCII. 

a Tutti i congiurati erano stati del partito di Pompeo; e Ce- 
sare, dopo aver loro permesso di ritornare a Roma, gli inalzò 
anche agli onori ed alle magistrature. 

2 II fallo di non aver ucciso Antonio con Cesare. Vedi le note 
sopra la lettera precedente. 

4 Cicerone dice illi iuvenes per rispetto all' eia che aveva. 
Fra i congiurali non vi era pur uno che oltrepassasse i ijua- 
rant'anni; la maggior parie non gli aveva. Di uomini con- 
solari non v'era che TreLonio, il quale era stato console 
nei tre ultimi mesi dell' anno precedente, e che pel favore 
di Cesare poteva ben essere tale anche prima dell'età in- 
dicata dalia legge, come fu Dolabella in quest'anno a ven- 
ticinque anni. luvenis e pucr appresso i Romani comprende- 
vano un' età più avanzata di quello che tra noi giovinetto 
e fanciullo. Si vedrà in altre lettere che chiamavasi Ottavio 
iHicr sebbene avesse diciolt' anni. 

5 Vedi le note sopra la lettera GXXIIL 



DCCVIl. 

1 Cicerone era in un' età in cui si ha più che mai bisogno del 
medico; ma eì vuol fare intendere che il deplorabile stato 
in cui era la Repubblica, l'aveva interamente annoialo della 
vita, come spesso dice. 

a Domi esse, è la stessa cosa che solvendo esse} e Juiis esse, 
non essere in istato di pagare. Cicerone dice altrove (in Pi- 
son, , e. 6), egere , Joris esse Gabiniiun. Questa metafora 
deriva da questo, che coloro i quali non sono in istato di 
pagare, si tengono celati ai creditori, e loro fanuo due 
di non trovarsi in casa. Vedemmo nelle lettere precedenti 



6']6 NOTE 

che Dolabella era debitore di una somma a Cicerone, e sì 
vedrà nelle seguenti com' egli non 1' aveva ancor pagata. 
5 Ve nel testo: Propter edictorum ìiuninnitatem j ma ciò non 
riguarda che gli editti di Bruto e di Cassio, ai quali Antonio 
rispose con invettive. Vedi la lettera DCCLYII. Noi ab-» 
biamo detto altrove che cosa fossero questi editti. 

4 Cerellia voleva indinne Cicerone a riprendere Pul)lilia sua 
seconda moglie, ch'egli aveva ripudiata. Vedi le note in- 
torno alla lettera DCCI. 

5 Era, a quel che pare, la madre di Publilia. 

6 Alla lettera, non idem ex eodem ore effluvi. È una maniera 
di parlare proverbiale che passò nella nostra lingua; noi di- 
ciamo presso a poco, nel medesimo senso: soffiale il J'reddo 
e il caldo. Questo passo è corrotto nei manoscritti; noi se- 
guimmo la congettura di Bosio, che è la meno irragionevole. 

j ]\el testo, jHinimne Jbeda persona est ijtsius senecititis? E 
una metafora tratta dalla maschera che portavano gli attori. 
Perchè volete voi, dice Cicerone, che io mascheri i miei 
sentin)eii(i, e che non dica male d' una donna che io non 
amo:' Può essere che qui si tratti anclie di qualche donna 
della quale corresse voce che Cicerone voleva sposarla, e 
ch'egli in proposito dica: Perchè volete voi che io mi esponga 
a questo ridicolo? La vecchiezza non vi ci espone forse an- 
che di troppo? O, perchè volete voi che io rappresenti uno 
sciocco personaggio; è di già abbastanza tristo quello della 
vecchiezza. In passi tanto concisi ed oscuri non si può che 
indovinare. 

8 V è tutta la probabilità che una tal voce fosse la di lei in- 
tenzione di far riconoscere per figlio di Cesare imo de' suoi 
figli eh' ella chiamava Cesarione. Vedi ie note intorno alla 
lettera DCCIV. 

9 Vedi la fine della lettera DCKCVIII. 

10 Corrado congetturò pel primo, che qui principiasse una 
nuova lettera ; e si trovarono poscia manoscritti consoli- 
danti tale congettura, di cui egli non ha dato prova. Ma 
non si ha che a leggeie la fine di (juesta lettera, per con- 
vincersi die è d'uopo dividerla in due, perchè Ciceiono 
<4ice ad Attico di non avergli parlato dell'aringa di Bruto 



ALLE LETTERE 67^ 

che per riempir la sua lettera , non avendo del resto alcuna 
nuova né a dargli nò a chiedergli, come dice al principio 
di questa seconda parte. Se queste due parli non ne formas- 
sero che una, Cicerone non avrebbe avuto bisogno di par- 
lare dell'aringa di Bruto per riempir la sua lettera, ove 
parla, nella prima parte, di tante cose diverse. 

1 1 Bauli tra Baia e Cuma ; colà si trovava la casa di cam- 
pagna d'Ortensio si famosa pe' suol bei vivai. 

12 Sinuessa. Vedi le note intorno alia lettera seguente. 

i3 È questo il costume degli autori: pregare che loro si esterni 
il proprio parere intorno alle loro opere senz'adularli, seb- 
bene allorquando è pronunziato non Io trovino gran fatto 
ragionevole. Cosi pertanto, nec amhitiose qui significa senza 
cercar di piacergli. Cicerone dice altrove: ne forte me in 
Graecos tam amhitiosiim factum esse niirere (Lett. LII), 
nel timore che voi non siate sorpresi, perchè tanto io acca- 
rezzi i Greci. Amhitiose si trova ancora nella lelt. CCXLIV, 
per indicare un' onestà quasi esagerata. 

i4 Cicerone non trovava abiiastanza fuoco e movimento nel- 
l'eloquenza di Bruto; e Bruto dal canto suo trovava che lo 
stile di Cicerone, troppo spesso diffuso, diventava debole e 
snervato , fractus et elumhis. Sono questi i termini precisi 
d'una lettera di Bruto riferiti dall'autore del Dialogo degli 
Oratori attribuito a Tacito, cap. 18. 

i5 Malaspina, Fulvio, Orsino, Grevio leggono totus alius suni 
invece di solus alius. 

16 La maggior parte degli oratori ateniesi avevano preso per 
modello Lisia, la cui eloquenza consisteva più nell'aggiusta- 
tezza dei pensieri e nella pulitezza dello stile che nell'en- 
fasi. Cicerone nel suo Oratore , e. 7, ha fatto la critica di 
questa specie d' eloquenza fredda ; gli si rimproverava an- 
che [Dialog. de Orat.^ e. 18) il non essere attico gran fatto, 
jiarum alticus. 

Dccvin. 

I Sinuessa era nel territorio chiamato f^cscinus o Vcscianufi 
agcr, da una piccola città chiamala Vescia. Strabone dice 



678 NOTE 

che Sinuessa era così chiamata perchè era in siini Vcscina. 
Groiiovio, che corregge il testo talvoUa con trop[)0 di faci- 
lità, vorrebbe che qui si leggesse deveìtissemquc Minturnis 
invece di Cumis^ perchè, die' egli, Cicerone andando da Si- 
nuessa ad Arpino, lasciava Guma dietro a sé. Ma questo 
valente commentatore non ha qui ben inteso il senso di Ci- 
cerone ; egli non dice già che fosse partito da Sinuessa al- 
lorché il procaccio di Attico era arrivato, ma eh' ei parti- 
rebbe. Proficiscens ha un simile significato in un'infinità di 
luoghi di queste lettere. Senza andar più in là, Cicerone 
nella lettera precedente , scritta alcuni momenti prima di 
questa, dice che aveva dormito a Sinuessa, e aggiunge: At~ 
que inde inane postridie Arpinum proficiscens^ ìianc episto- 
lam exaravi^ e nella medesima lettera : dederam ad te lite- 
ras exiens e Puteohuio , deveiieramque in Camanum. Io vi 
scrivo prima di partire per Pozzuoli, donde mi portai a Cu- 
ma. Parimente nella nostra lettera devertissemque a Cuinisy 
non significa, come dice Gronovio, avendo lasciato Clima 
a diritta a a sinistra , ma essendo venuto da Cuma nel ter- 
ritorio di Kescia ) vale a dire alla sua casa che era in vi- 
cinanza di Sinuessa, cui egli altrove chiama devcrsoriuni Si- 
nuessanum. Quel che decide la questione è l'aver detto 
Cicerone positivamente ch'egli era veiniio da Pozzuolo a 
Cuma: Exiens e Putcolano, devcrteramque in Cumanum. 
Noi non ci arrestammo su ciò che per mostrare come spesso 
i più Aalcnti critici farebbero meglio a spiegare il senso del 
loro testo, piuttosto che con tanta facilità compiacersi di 
cangiarlo senz' essere autorizzati da verun manoscritto. 

2 Questo passo va inleso j>er mezzo di quest' altro della let- 
tera DCCX: de Menedento , vellcm veruni fuissct. Non si 
sa che cosa avesse scritto Attico a Cicerone intorno a que- 
sto Menedemo. Si trova soltanto un Menedemo, a cui Trc- 
l)onio, giusta una lellcra d'Antonio, fa troncar la testa in 
Asia, ma non si sa se qui si tratti di costui. Philipp., XIII, 16. 

3 Ei dice che è il braccio diritto di Antonio, vale a dire che 
ha molto ascendente su lui. Vedi la fine della lelt. DCCIV. 

4 Antonio, a cui Cesare aveva destinato il governo della Ma- 
cedonia, e che voleva aver quello delle Gallic, faceva rilor- 



ALLE LETTERE 67Q 

tiare le legioni che orano in RIacedonia (Leti. DCCLXIV)- 
il che Attico risguardava come una buona nuova pel suo af- 
fare di Butroto, perchè allontanava i soldati ai quali Cesare 
aveva assegnate varie terre nel territorio di Butroto, città 
dell" Epiro che faceva parte dclhì Macedonia. 

5 Allorché Cesnre fu ucciso, voleva far rappresentare dei giuo- 
chi in onor di Venere, da cui pretendeva discendere per 
mezzo di Giulo, figlio di Enea, e a cui aveva fatto un voto 
prima della battaglia di Farsaglia. Ottavio volle sdebllarlo 
d'una tale promessa, o piuttosto servirsi di questo pretesto 
per guadagnare il popolo. Cicerone non era molto soddis- 
fatto che Mazio e Poslumio avessero la soprintendenza di 
questi giuochi, perchè erano slati zelanti partigiani di Ce- 
sare; e se avessero ottenuta la confidenza di Ottavio, era 
a temere che non lo inducessero a vendicar la morte di suo 
zio, e a protestarsi conlra i congiurati. 

6 Era un uomo oscuro che aveva servilo a lungo sotto Cesare. 

7 Cicerone ha già detto nella lettera DCCV che Balbo si la- 
gnava per essere sospetto. Era ben naturale che lo fosse an- 
che ai congiurali, perchè non vi era persona più affetta a 
Cosare di lui, come fu non meno poscia ad Ottavio. 

8 Tindaritaniy abitanti d' una città di Sicilia sopra la costa , 
al Nord, di fronte alle isole Eolie. 

9 Non vi è nel testo che Hos tameng ma non si può qui sot- 
tintendere altra cosa, perchè si sa che Cicerone era patrono 
dei Siciliani. 

10 Irzio, come si vedrà nella lettera DGGXIX, non era tra gli 
amici di Antonio. Cicerone qui dice d'essere in timore che 
noi guadagni a forza di denaro, come aveva già guadagnato 
Dolabella e molti altri. Si era valso perciò del denaro che 
Cesare aveva lasciato nel tempio di Opi. Cicerone denota 
Irzio con una parola enigmatica della quale si è già valso 
noiin lettera DCCV. 

DCCIX. 

t Atiiia , nel paese dei Volsci, nei confini della Campania in 
vicinanza di Arpiuo- 



680 T^OTE 

•X Poco prima della guerra civile, allorché si seppe che Ce- 
sare scorreva le coste dell'Italia, il Senato rivesti i consoli 
d'un potere assoluto, come era il consueto in pressanti ur- 
genze, mercè della formola: Videant coìisuìes , ne (juid rcs- 
publica detrimerìti capiat. 

3 Prima che la guerra civile cominciasse, quasi tutto il se- 
nato era vmito contra Cesare, invece che dopo la sua morte 
gli spiriti erano molto divisi: gh uni parteggiavano per An- 
tonio, gli altri per Ottavio, ed altri pei congiurati. Del resto 
la guerra civile aveva fatto perire una parte dei consolari. 
Quasi tutti coloro che avevano maggior autorità erano mor- 
ti, e quelli che restavano, o erano malintenzionati, o erano 
per la maggior parte gente debole e senza considerazione. 
Nec causa eadem est, non significa qui: noi non sosteniamo 
la medesima causa; perchè si trattava della libertà, come al" 
principio della guerra civile. 

4 Antonio aveva fatto distribuire ai suoi soldati veterani le 
terre della Campania (Philippic. II). Cicerone dice: a Noi 
siamo assediati da tutte le bande, vale a dire, noi non sta- 
remo con sicurezza in Roma, dove si fanno venire soldati, 
ed io non sarei più sicuro nelle mie terre della Campania, a 
motivo di questi nuovi abitanti, che sono intieramente con- 
sacrati ad Antonio. » 

5 Marco Mario parente ed amico di Cicerone. 

G Pare che qui si tratti di Ij. Antonio, del quale Attico non 
era contento per rispetto all'affare di Butrolo. Cicerone nella 
lettera DCCXXVII: L. Atitonio viale sit, siquidem Bulliro- 
tiis molcstus est, e aveva già detto poco prima : i'oi potete 
contare sopra Irzio. Aveva egli promesso d'essere favorevole 
a quelli di Butroto, come s'è già visto nella lettera DCCVII; 
per lo che qui si tratta di questo istesso affare. Gli affari 
di Antonio non andavano in allora troppo bene: egli era 
stato assai mallrallalo da DolabcUa , che aveva per ben due 
volte aringato conlra di lui; eia in mula intelligenza con 
Ottavio, il quale aveva dalla parte sua tutti gli amici di Ce- 
sare, e non restava che pochissima gente del partito di An- 
tonio. 

7 Bosio leg^e, de Q. /ilio, quod scribis , ''ìltxc,^ supiA. y.y-y-'')v 



ALLE LETTERE 68 I 

Cicerone disse nella lettera CCCXXXIV: tn?itn malorum im- 
pendet Hliiq. Gronovlo propone di leggere, de Q. fiUo ulte. 
Noi crediamo con Erncsti, che queste lezioni imaginate dai 
dotti, giusta la lezione di manoscritti corrotti, non servano 
che ad imbarazzare il testo di Cicerone. 

8 Tra gli altri onori che il senato aveva decretati a Cesare 
prima della sua morte, erasi dato ordine che in senato e 
nei giuochi pubblici vi sarebbe un sedile doralo. Era un 
sedile somigliante a quelli sopra i quali si mettevano le sta- 
tue degli Dei: quindi Svefonio e Dione annoverano un tal 
onore fra gli onori divini decretatigli. Ottavio volle far col- 
locare questo sedile, allorquando rappresentò i giuochi dei 
quali parlammo nella lettera precedente; ma i tribuni vi si 
opposero. 

g I cavalieri, a quel che sembra, avevano applaudito a ciò che 
i tribuni avevano fatto. Cicerone dice cjiinluordecim ordi- 
nes ^ perchè i cavalieri avevano al teatro i quattordici primi 
posti dopo i senatori. 

10 Nella casa che Cicerone aveva ad Astura. In molle delle 
lettere precedenti egli disse: Brittus velini sit Asiurae. At- 
tico probabilmente aveva scritto che Bruto aveva intenzione 
di colà portarsi. 

DCGX. 

1 Q. Fufio, soprannominato Caleno,era stalo uno degli amici 
di elodie, e fu poi il più zelante partigiano di Antonio. 

2 Questa legione era quella chiamata Martia, e comandata da 
Garfuleno. Cicerone dice, che vedere Carfuleno abbracciare 
l'ottimo partito, è un vedere i fiumi risalire verso la loro 
sorgente; perchè Carfuleno era stato ad ogni incontro favo- 
rito di Cesare; cosi non lasciò Antonio che per consacrarsi 
ad Ottavio. Fu ucciso nella battaglia di Modena, dove la le- 
gione clr ci comandava fu quasi intieramente distrutta. Cice- 
rone parla ancora di questo Carfuleno nella terza Filippica, 
e. 9, e Cesare nel quarto libro della Guerra dei Galli ^ Irzio 
de Bello Alex., e. 5i; Apj)iano, lib. Ili: Patercolo, lib. II. 
Questi autori lo nominano diversamente, Ciiifnleno gli uni. 



683 NOTf. 

e Carfiilco gli altri; ma tali specie di varielà sono comuni 
ai copisti quando si tratta di nomi poco noti. 'Avw Trorafxwv. 
Cicerone non cita comunemente che il principio del prover- 
bio greco. Supplisci, iepo'.ì ^wpoùo-t iTaya.ì ^ Jluminum sacri 
Jeruntur vetro fontcs. 

5 Per ottenere il governo dello Gallie. Se l'otteneva, Cicerone 
era ben contento che non sembrasse che il Senato fosse 
contrario ai congiurali, togliendo a D, liruto la sua pro- 
vincia. 

4 Caveriy ò un termine di giurisprudenza del cpude facevasi 
uso per rispetto a coloro ai quali si davano sicurtà, allorché 
si transigeva su qualche eff'are che potesse esser loro pre- 
giudizievole. Antonio, togliendo a D. Bruto la sua provincia, 
operava contra le disposizioni di Cesare, il quale aveva no- 
minato Decio Bruto. Ma, dice Cicerone, poiché Antonio vi 
promette che ciò che Cesare fece in favore di quelli di Bu- 
trolo, ai quali Cesare aveva conservato le loro {erre, sussi- 
sterà, io però desidero che non sussista quanto egli aveva 
fatto per D. Bruto. 

5 Vale a dire, cerchiamo una consolazione più sicura nel di- 
sprezzo della morte. Cicerone prova nel primo libro delle 
Tuscidane contra gli Epicurei , eh' essa non è un male. 

6 Non rinfacciamo a Saufeio l'esser divenuto, da epicureo, stoi- 
co. Saufeio era epicureo al pari di Attico. 

•j Bruto e Cassio erano a Lanuvio: e Cicerone, che voleva cat- 
tivarsi Ottavio, prevedeva com' altri procurerebbe di susci- 
tare in questo giovine sospetti contra di lui, qualora lo aves- 
sero veduto tanto amico degli uccisori di Cesare. 

8 Vaio a dire eh' ci potesse andare in senato eoa piena si- 
cnre/.zr;. 

9 YioLpz'/yr^zipri'nz è un lenninc d" arte, il quale adoperavasi al- 
lorquando imo trattava F istesso soggetto d'un altro, sulla 
supposizione che non fosse stato ben trattato, o che non si 
fosse detto tutto quanto vi era a dire; e ÙTzor.ptyy^ìipyi'zov si- 
gnifica im' opera perfetta, a era nulla si può aggiungere. 

5 Qualche trattato politico inforno agli affari attuali a