Skip to main content

Full text of "Nuova notarisia, rassegna consacrata allo studio delle alghe"

See other formats


J. B. DE TONI 

Sylloge Algarum 



omnium hucusque cognitarum, 



Voi. I. sect. 1-2 Chlorophyceae [praem. Bibliotheca phycolo- 
gica]. - Patavii, 1 889, Tip. Seminario, in-8°, p. cxxxix- 1 3 1 5. 
It. lib. {francs) 92. — 

Voi. II. sect. 1-3 Bacillarieae [cum Bibliographia diatomolo- 
gica (curante J. Deby) et Repertorio geographico-poly- 
glotto (curante Prof. Dr. Hectore De Toni)]. - Patavii, 
1891-94, Tip. Seminario, in-8°, pag. cxxxii- 1556-ccxiv. 
It. lib. [fraiics) 115. — 

Voi. III. Fucoideae. - Patavii, 1895, Tip. Seminario, in-8*', 
p. xvi-638. It. lib. i^francs) 41. — 

Voi. IV. Floindeae sect. 1-3. Tip. Seminario, in-8°, It. lib. 102. 



ETTORE DE TONI 

Dizionario di pronunzia dei principali nomi geografici mo- 
derni. -Venezia, 1895, Tip. Emiliana, 8°, p. XXXI1--520. L. 5. 



' J. B. DE TONI 

Herbarium Phycologicum Decad. I-II, It. lib. [francs) 12. — 



Serie XV (àllflO IH dalla [orazione iella "NotarlSia J Gennaio 1904 

LA NUOVA 

NOTARISIA 

imii 11 m§ IlLE ALGHE 



REDATTORE E PROPRIETARIO 

G. B. DoTT. DE-TONI 

LAUREATO DELI.' ISTITUTO DI FRANCIA 

PROFESSORE DI BOTANICA PRESSO LA R. UNIVERSITÀ DI MODENA, 

MEMBRO EFFETTIVO DEL REALE ISTITUTO VENETO DI SCIENZE. LETTERE ED ARTI, 

MEMBRO ONORARIO DELLA SOCIETÀ REALE DI MICROSCOPIA DI LONDRA 

E DELLA SOCIETÀ LINNEANA DELLA NUOVA GALLES DEL SUD, 

SOCIO PERPETUO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA, 

MEMBRO ORDINARIO DELLA SOCIETÀ IMPERIALE DEI NATURALISTI DI MOSCA E DELLA SOCIETÀ BOTANICA 

DI BERLINO, SOCIO CORRISP. DELLA SOCIETÀ DANESE DI BOTANICA, DELLA SOCIETÀ NAZIONALE 

DI SCIENZE NATURALI E MATEMATICHE DI CHERBOURG ECC. ECC. 

S030IARIO 

J. Chalon : Quelques Algues de mer récoltées à Roscoft (Finistère) en 1903. — 
A. Mazza : Un manipolo di Alghe marine della Sicilia (coulùma). — Lìt- 
teratura phycologrica. 



Adresser tout ce qui concerne la: 

« NUOVA NOTARISIA » 

^^ k M. LE Prof. G. B. DE TONI .^^ 
R. Orto Botanico, Modena (Italie) 

Prix d' abonnement pour les années 1890-1903 
Francs 210 

Prix d' abonnement pour les années 1886-89 du Journal d'algologie «Notarisia» 

francs 60. 



Gennaio 1904 (Aimo III dalla Mazioiie Ma "Nolarisiaj 

LA NUOVA NOTAF'tISIA 

Pi^OPRIETAIUO E REDATTORE 

DoTT. G. B. DE TONI 

LAUREATO DELL* ISTITUTO DI FRANCIA 
PROF. DI BOTANICA NELLA R. UNIVERSITÀ DI MODENA 

R, Orto Botanico Modena (Italia). 



Quelques Algues de mer récoltees à Roscoff (Finistère) en 1903 C) 

PAR J. CHALON 



1. Calothrix aeruginea (Ktz) Thur. 

2. Dermocarpa prasina Born. — lin quanlilés cnormcs, couvianl des 

mètres carrcs de rocher, sur Ca/enel/a, pointe S. de l'ile Callot. 
Très commun aussi à Roscoff sur Polysiphonia fastigiala. 

3. Hyella caespitosa Boni, et FI. — Sur vieille carapace de Crabe. 

4. Lyngbya majuscula Harv. — De grande taille, entre le Laboratoire 
et l' ile Verte. 

5. Mastìgocoleus testarum Lagerh. — Dans coquille morte de Vola 
maxima. 

6. Plectonema terebrans Born. et FI. — Avec la précédente. 

7. Rivularìa bullata Berk. — Espèce abondante sur tous les rochers 
de la zone supérieure, Perkiridic, ile Callot, etc. 

S. Spirulina subsalsa Oerst. — Sur CkiJoHioru ruprslris à Duon. 
9. Rivularia atra Roth. — Abondante sur galets, coquilles de Pecteii 
et de Vola. Zone supérieure. 



('j Je saisis cette occasion de pi l'scnlrr m.', i riMcn-icmrnls ;i I\I. F. Hev- 
DRicii qui a bien voulu déteriiiiiirr plusii-urs 'sinius du celle liste. 



2 

10. Chiorelles — L'espèce qui vìt en symbiose - ou parasitisme? - 
sur Convoluta Roscoffensis se trouve naturellemenl dans toutes 
les stations de la Planaire. Des hectomètres carrés de sable 
humide sont ainsi verdis à la pointe E. de l' ile de Bas et sur 
risthme qui séparé à marèe basse Carantec de l'ile Callot. 

11. Epicladìa Flustrae Reinke. — Sur Flusfra hispìda, Sarcochifon 
gelatinosiim etc. Pas rare. Roche du Loup, Santec, ile de Bas, 
ile Callot. 

12. Gomontia polyrhìza (Lagerh.) Born. et FI. — A la pointe des co- 
quilles de Littorina litiorea vivantes à Carantec et Perkiridic; 
sur carapaces vides de Crabes et de liomards entre le Labora- 
toire et l'ile Verte. 

i3. Ostreobium Quekettì Born. et FI. var. rosea Batt. (= Concìiocelis 
rosea). — Mèle à Epicladìa Flustrae, sur Fliistra li ispida, Roche 
du Loup. 

14. Aglaozonia reptans Ktz. (= Cutteria multifida). — Sur Mya are- 
naria, dragué à Duon. 

i5. Alaria esculenta — Duon, les Cochons Noirs; épave à Perkiridic. 

16. Desmarestia Dudresnayi Lamour. — Dragué au N. des roches 
Duon; attaché à vieilles coquilles de Pecten etc... 

17. Myriotrichia claviformis Harv. 

18. Phiaeospora tortilis (Rupr.) Aresch. — Sur Chorda filimi. 

19. Sphacelaria bipinnata Sauv. — En lisant dans le Journal de Bo- 
tanique de Louis Morot la Révision des Spliacèlariacces par C. Sau- 
vageau, j'ai été voir les Halydris de mon herbier, récoltés à Ro- 
scoff en 1895-. plusieurs échantillons portent le Spli. Inpinnata. 

20. Sphaceiaria Hystrix Suhr. — Meme observation pour Cysloseira 
ericoides, avec. Sph. Hystrix. 

21. Zanardinia COllaris (Ag.) Crn. — Dragué au large de Duon sur 
coquilles de Pecten. 

22. Fucus ceranoides — Forme excessivement réduite à Pempoul, 
en un endroit que les plus hantes mers seulement atteignent. 

2 3. Callithamnion trìpinnatum fOrat.) Ag. — Sur Clwndrus crispns. 

24. Caliocolax neglectus Schmitz. — Sur CallophylUs laciniata. Envi- 
ron un pied sur trois de CallophylUs récolté ou ramasse à Per- 
kiridic, Roscoff, ile Callot, porte la parasite. Sur certains échan- 
tillons 00 trouve cent implantations de Caliocolax et davantage. 



3 

r ai retrouvé le Caììocolax dans d' anciens herbiers (Desmazières, 
Le Jolis . . . ) où elle n' avait pas été apercue. 
2 5. Ceramium circinatum J. Ag. — Roche du Loup sur Codium to- 
men tosimi. 

26. Chantransia secundata (Lyngb.) Thur. — Sur Cladophora utricu- 
losa, zone moyenne, pointe N. de l' ile Callot. 

27. Chantransia trifila Buff. — Avec la précédente. 

28. Chantransia virgatula l'Harv.) Thur. — Sur Ceramium riibrum, 
sur Rhodviìieiiia paluiata. 

29. Choreocolax Polysiphoniae Rcinsch. — A la base des rameaux 
de Poh'sipìioiiia fas/ìgiata, sur la muraille du vivier du Labora- 
toire. 

30. Colacoiepis incrustans Schmitz. — Sur Phyllophora riibens, pointe 
N. de r ile Callot, zone inférieure. 

3i. Delesseria sanguinea (L.) Lamour. — Tiges fructifères, zone in- 
férieure, Le Cerf. 

32. Actinococcus peltiformis Schmitz. — Sur Gymnogongrus norve- 
gicus. Roche du Loup, un seul pied. M.®^® Karsakoff m'a si- 
gnalé le Gymnogongrus à Perroch. 

A Biarritz il est aisé de récolter en abondance le Gymno- 
gongrus avec son parasite - d'un beau jaune d'or à 1' état frais. 

33. Erythrotrichia investiens (Zan.) Born. — Avec les Chantransia 
secundata et trifila; voir plus haut. 

34. Halymenia ligulata (Wood). Ag. var. acicularis Hauck. — Dragué 
au large de Duon, attaché à une coquille. 

35. Lithophyllum iichenoides (EU. et Sol.) Rosan. — Dragué au large 
de Duon. 

36. Meredithia microphylla J. Ag. — Ile Callot, pointe N., tout à fait 
à la limite des plus basses mers. 

37. Microcladia gianduiosa (Sol.) Grev. — Pointe N. de l'ile Callot, 
zone inférieure. 

38. Pterosiphonia complanata (Clem.) Falkb. — Roche du Loup, Duon. 

39. Plumaria elegans (Bonnem.) Schmitz. — Duon, Roche du Loup. 

40. Sterrocolax decipiens Schmitz. — Sur Ahnfettia plicata. Bas fond 
au N. de l'ile Verte; chaque pied d\ìlinfeltia porte de nombreux 
parasites. 



4 

41. Chantransia endozoica Darbishire. — Dans la masse gélatineuse 
de Fltislra hispidu rccouvrant une tige de Cvsloseira, Roche du 
LoLip. 

42. Endodyction infestans Gran. — Filaments mclés à l'espèce pré- 
cédente. 



•-^^^^^-^ 



Angelo Mazza 



Un manipolo di Alghe mafine della Sicilia 



Prescindendo dal fatto delle Alghe divenute natanti in seguito 
alle molteplici cause che possono aver determinata tale loro condi- 
zione, e sulla cui origine sono lecite talvolta parecchie supposizioni, 
tutte le altre, che si trovano aderenti ad una fìssa matrice, ci offrono 
la rappresentanza genuina di una tìora locale che si estende a di- 
versi gradi di profondità sulT immenso piedestallo dei contenenti e 
delle isole. 

Come Toccano dell'aria, unico in se, lungi dal contrariai^e il di- 
vario della flora terrestre, ne è anzi il fattore, cos\ Toccano delle 
acque, unico in origine, e tale ancora oggi nella massa sua più 
grande, è il fattore dello stesso divario nella flora marina, sottoposti 
come sono, Tuno e l'altro, all'azione suprema del sole, lo ministro 
maggiore della natura. 

All'occhio meno avveduto il divario si rende manifesto solo al- 
lora che il contrasto dei più comuni soggetti di confronto si fa me- 
glio evidente nel paragone di quelli che ci offrono altre latitudini 
assai più lontane, divario che in modo molto lato noi allora espri- 
miamo colT assegnare ad esso la causa termica delle regioni che per- 
ciò distinguiamo in tropicale, temperata e fredda. Solo il botanico 
studioso delle Florule che intercedono fra Tuna e l'altra delle tre 
grandi regioni ora accennate può rendersi conto dei non meno no- 
tevoli divari, se non cosi appariscenti, che si riscontrano in uno spa- 
zio relativamente ristretto di produzioni vegetali. 



6 

Così il bacino del Mediterraneo assai bene si presta ad uno 
studio comparativo di più minuta osservazione, donde emergono dif- 
ferenze più o meno sentite nell'espressione dei caratteri che con- 
traddistinguono le specie, le varietà e le forme della flora marina a 
seconda delle diverse ubicazioni entro cui si svolge. 

Colpito da alcune varianti che la flora marina della Sicilia pre- 
senta in confronto delle florule Adriatiche, Laziali e Napoletane, 
avevo al riguardo presi diversi appunti nelT intendimento di utiliz- 
zarli in una speciale memoria. Senonchè il materiale da me posse- 
duto, troppo spesso assai difettoso per qualità ed enormemeute spro- 
porzionato alla vasta estensione del litorale siciliano, non consenten- 
domi l'intrattenermi di proposito degli accennati divari interessanti 
la maggiore delle nostre isole, nonché i gruppi delle Eolie con 
Ustica, delle Ecati e delle Maltesi con Pantelleria, che le fanno cor- 
teggio, reputai più opportuno per ora di presentare senz' altro, come 
che sia, il materiale stesso con qualche illustrazione che ho ritenuto 
del caso. 

In questo periodico che già accolse il risultato delle brevi mie 
escursioni nel Golfo di Napoli, è dunque mio scopo quello unica- 
mente di fermare altresì la memoria di poche Alghe marine della 
Sicilia, in parte da me raccolte, e in parte fornitemi dagli egregi 
prof. A BoRzì (Messina), prof. Gaetano Platania (Acireale), sig. V. 
Beltrani (Palermo), Canonico M.r Melchiore Castagnino (Siracusa), 
prof. A. Ponzo (Trapani), Dott. A, Marano (Riposto), Dott. V. Spi- 
nelli (Siracusa, Messina, Catania), Dott. G. Zodda (Messina), sig. 
Attilio Ferrari (Stromboli). 

Benché brevi i tratti di spiaggia dai quali derivami il materiale, 
non perdono per questo del loro significato geografico, interessando 
essi i punti cardinali dell' Isola. 

Il nord vi ha dunque contribuito con Stromboli, Palermo, Santa 
Flavia; l'est con Messina, Riposto, Acireale, Catania e Siracusa; il 
sud con Licata; l'ovest con Trapani. Esclusi Stromboli, Riposto e 
Trapani, lo scrivente raccolse in tutte le altre località rispettivamente 
indicate a tlanco dei singoli raccoglitori, conche ha creduto dispen- 
sarsi dalla ripetizione dei nomi delle persone, bastando quello delle 
località indicate per ciascuna specie compresa nel presente rendiconto. 

Certamente il contributo avrebbe segnato un passo molto più 



7 
innanzi nella conoscenza della flora marina della Sicilia se, come 
fece l'oculatissimo e diligente sig. Vito Beltra.ni, della cui opera già 
lo stesso eh. Ardissonr si valse per la sua Pliycologia mediterranea, 
anche gli altri valenti che ho nominato avessero avuto agio di oc- 
cuparsene nell'intento di uno studio loro proprio, e cioè con mezzi 
adeguati, con metodo e sopratutto costanza, in ogni stagione, spin- 
gendo le ricerche nelle diverse zone di profondità. 

In ogni modo, data la pochezza dei mezzi e di tempo impie- 
gati nelle brevi e scarse escursioni, dato il materiale in gran parte 
reietto, e dati infine i progressi notevoli fatti anche in Italia nelle 
discoverte algologiche marine durante l'ultimo cinquantennio, non 
reputo vano il risultato del modesto contributo di cui imprendo la 
relazione. 

Ad esso infatti si debbono: l'aggiunta di un nuovo Nitophyl- 
liim alla flora marina italiana^ scoperto la prima volta dal benemerito 
j. RoDRiGUEz a Mahon (Baleari) {';; l'identificazione nel mare sici- 
liano della Laminaria Rodrigue\ii Bornet, dapprima ritenuta come 
una semplice forma della L. saccharina (L.) Lamx. f); le aggiunte 
alla flora sicula di : Callithamnion tripinnatum Ag. ; llalymenia fasfi- 
giata J. Ag.; H. dicholoma J. Ag, ; 11. patens J. Ag., non più trovata 
da alti'i dopo lo Schmitz; Callymenia demissa ]. Ag. ; C. reniformis 
(Turn.) Ardiss., non J. Ag. ; Chrysymenia Chiajeana Menegh.; Rho- 
dymenia ligula ta Zanard.; Rhodophyllis appendiculafa ]. Ag. ; Delesse- 
ria Hypoglossuni var. penicillata; Nitophyllum venulosum Zanard.; 
Pterosiphonia paralitica (Huds.) Falkenb.; Polysiphonia repens Kg; 
Bangia ciliaris Carmich.; Spermothamnion Turneri Ar. ; Sporochnus 
dicho tonni s Zan.; Striarla attenuata v. crassa Ardiss.; Dictyofa ligulata 
Kg. e altre che potranno risultarmi nel proseguire lo spoglio del 
materiale di cui dispongo. 

Se la raccolta del materiale importò parecchi anni e la collabo- 
razione di tanti volonterosi, un non minore tempo avrebbe richiesto 
lo studio relativo e la conseguente esposizione del risultato ottenu- 



ti A. Mazza. — Un nuovo Nitopliylliun. Vegg. Nuova Notarisia, Lugl. 1903. 
(^) A. Mazza. — La Lainin. Rodriguezii Bornet nel Medit, Vegg. Nuova 
Notarisia, Genn. igei. 



8 

tone. Ma pur troppo per diverse e tristi vicende che mi distrassero, 
da oltre un anno fui costretto ad abbandonare quelle cure informa- 
trici e quei pensieri continui che bisogna consacrare ad ogni opera 
perchè possa soddisfare all' esigenza del pubblico ed alla coscienza 
propria. Ora una cotale opera la mia coscienza non mi assicura di 
averla compiuta come si merita, in quella parte sopratutto che tratta 
dell'esposizione la quale stesi in pochi giorni per aderire allo invito 
di un illustre maestro. 

Un altro illustre maestro mi offre infine l'occasione di chiudere 
questa presentazione con le sue stesse parole che io pure dirigo : 
« agli egregi amici che in varia guisa contribuirono a rendere meno 
imperfetto il presente catalogo ». Ad essi « con animo riconoscente 
qui porgo i miei vivi ringraziamenti, facendo in un tempo voti ac- 
ciocché al lavoretto da loro favorito possa essere attribuita una qual- 
che utilità, senza cui, al danno dell'insuccesso, si aggiungerebbe in 
me il dispiacere di avere sciupata una cortese quanto preziosa coo- 
pcrazione » ('). 



FLORIDEAE Lamx. 

luiììi. CERAMIACEAE Rchb., Kacg. emend. 

I. Callilhamnieae Kg. ex. p., J. Ag. 

Gen. Callithamnion Lyngb. 

Sez. 1. J'jicalli/lìaìnn/on 

Rami alterni, tctraspore divise a triangolo. 

1. Callithamnion tripìnnatum (Gratel.) Ag. 

Indicato come- rarissimo dal eli. Aruissone, nel golfo di Lione e 
sulle cos/e della Dalma~ia. Il mio esem{dare fu raccollo dal eli. P)Orzi 
a Messina. 

2. C. Borreri (Sm.) Harv. 



(') F. Ardissonf:. — Catalogo delle Piante Vascolari del Monte Baro. Ulrico 
Hoepli, Milcìiio, 1903. 



9 
esemplari (uno sul Gelidium corneurn) dragati alla 'Marina di 
Palóriiw, foriìiti dì tctrasporc e di otiospore. Febbraio, Mar:[p i^o^. 

3. C. granulatum (Ducluz.) Ag. 

S. Maria a Palermo, ij Febb. 19 o). 

4. C. corymbosum (Sm.) Lyngb. 
Messina. 

Sez. IV. Anlithamnion. 

Rametti opposti o verticillati, tetrasporc divise a croce. 

5. C. cruciatum Ag. 

Parecchi esemplari di Messina, Palermo e Ficaia. Scogli a far 
d' acqua. 

6. C. Plumula (EUis) Ag. 

Messina, Catania e Palermo. Sugli scogli e sopra Alghe diverse. 

Gen. Griffithsia Ag. 
Sez. 1. Sphondylocladia. 

7. Griffithsia Schousboei Montg. 
Licata, Aprile iSjS. 

8. G. phyliamphora J. Ag. 

Palermo. 

Sez. HI. Acrocladia. 

9. G. irregularis Ag. 

Fsempl. con tetrasporc, sulla Zostera a Palermo (T^omagnolo) 
gennaio ipo^ ; altro, sterile, sugli scogli a Palermo ( l'erg. Maria) 2) 
Febbraio 1^0 ). 

CERAMIEAE Bonnem. ex. p., J. Ag. 

Gen. Ceramium Lyngb. 

Sez. I. Hormoceras. 

IO. Ceramium diapiianum (Lightf.) Roth. 
Acquasanta a Palermo, Maggio i<^02. 

È noto che sotto questa nomenclatura lo Schousboe indicò il 
C. strictum Ilarv., e parimenti, sotto lo stesso nome, ma come va- 



10 

rietà, il C. gi'acillimum Griff. et Harv. Alla stessa specie Carlo A- 
GARDH riferì erroneamente il C. elegans Ducluz., e, come varietà, an- 
che il C. diaphanum. Con dati di fatto ha ciò dimostrato il eh. Ar- 
DissoNE a pag. 100 della Phy oologìa mediterranea Voi. I. Questo si 
cita a semplice titolo storico per ricordare quante insidie il genere 
può tendere anche a valentissimi algologi tratti a giudicare sopra 
esemplari di età e provenienze diverse e quindi sopra caratteri assai 
instabili o di transizione. 

11. C. elegans Ducluz. 
Catania, Mar^o 1900. 

Specie di assai ricca sinonimia originata da caratteri non sem- 
pre costanti, epperò ragionatamente vagliata dallo stesso Ardissone. 

12. C. strictum Grev. et Harv. var. zostericola Thur. in Le Jol. 
Sulla Zostera a Rofnagnolo {Palermo), Settembre i<)02. 

Stadio giovanile, assai diverso nel portamento che assume la 
pianta adulta, talvolta assai espansa e fastigiata, come rilevo da un 
campione dello stesso Le Jolis, raccolto a Cherbourg il 12 Ago- 
sto 1862. 

i3. C. gracillimum Griff. et Harv. 

Castello a Palermo. Sulla Corallina, io Mar'^o ipo). 
14. C. tenuissimum J. Ag. 

Acquasafita a Palermo. Sulla Zostera, 19 Maggio ic}02. 

Forma abbondante, poco diversa da quella Atlantica, ciò che 
rilevo trattandosi di specie assai polimorfa. 

Sez. II. Plìloeoceras. 

i5. C. rubrum (Iluds.) Ag. 
Abbondante a Messina, Acireale, Riposto, Catania, Siracusa, Pa- 
lermo. 

Talvolta nelle varietà secundatum (con favelle), ramellosum, tenue. 

16. C. Derbesii Solìer. 
Messina. 

Sez. III. Echìnoceras. 

17. C. ciliatum (Ellis) Ducluz. 

A Mondello (Palermo) sulla Zostera, Aprile i<)oo ; Acireale, Mag- 
gio 1^00. 



11 
i8. C. echionotum J. Ag. 

Messina. 

Forma lussureggiante. 

Geii. Centroceras Kuetz. 

iq. Centroceras clavulatum (Ag.) Montg. 
Acquasanta, Grolla della Regina a Palermo; Settembre i()o2. 
Facile alla disarticolazione. 

20. C. cinnabarinum (Grat.) J. Ag. 
Messina, Catania, Palermo. 



Pam. CRYPTONEMIACEAE J. Ag. 

Gen. Nemastoma J. Ag. 

Sez. I. Gymnophlaea. 

21. Nemastoma dichotoma J. Ag {Gymnophlaea dichotoma]. Ag.). 

GanTJrri a Messina, Catania, S. Giovanni dei Cuti, Acireale, 
Palermo. 

Perennante, come me lo climostrono alcune piante fatte cartila- 
ginee per vecchiezza, di un purpureo assai cupo o bruno, con seg- 
menti molto ridotti di numero, stroncati dall'età e dagli accidenti 
dell'ambiente, ma provvisti di giovani, sottili e rosee prolificazioni de- 
stinate alla ramificazione. 

I miei esemplari sono alti da 4-12 cmi. le cui parti nelle di- 
mensioni, nelle disposizioni e nelle forme corrispondono perfetta- 
mente alla descrizione Ardissoneana. 

Per alterazione inverdisce come la N. cervìcornis J. Ag. e la 
N. niarginifera J. Ag. 

Gen. ScHizYMENiA J. Ag. 

« Le Schi^ymenia sino ad oggi raccolte nel Mediterraneo appar- 
tengono a due sole specie: S. Dubyi (Chauv.) J. Ag., e S. marginata 



12 

(Roussel) J. Ag. {Aeodes inarginata). Alla prima corrisponde la .V. cor- 
data J. K^., alla seconda la .V. minor J. Ag. « ('). 

22. Schizymenia Duby! (Chauv.) J. Ag. 
Messina, Riposto, Acireale, Catania. 

Nei circa i5o esemplari da me esaminati si possono ravvisare 
tutte le forme che questa specie può assumere, compresa la cordata, 
intesa questa nel semplice significato di forma. Il eh. Dott. E. Bor- 
NET osserva che a Cherbourg le frondi cordiformi alla base sono 
rare, a Biarritz esse lo sono molto meno, a Tangeri esse formano 
circa il terzo dei campioni raccolti dallo Schousboe (21 sopra 69) C). 

Nella mia collezione siciliana due soli esemplari sono legger- 
mente cordiformi alla base. 

Gcn. Halymenia Ag. (mut. charact.) J. Ag. 

23. Halymenia Floresia (Clem.) Ag. 

San Giovanni dei Cuti (Catania); Palermo. 

Ne possiedo diverse delle forme che riveste questa specie poli- 
morfa la quale tiene uno dei primi posti nei più alti gradi delle fio- 
ridec mediterranee per la vistosità e l'eleganza del suo aspetto. Al- 
cune volte la larghezza delle frondi nei miei esemplari raggiunge i 
2 C.mi, e l'altezza i 20 C.mi. 

Come nota il Dott. Bornet nell'opera ora citata, i cistocarpi 
hanno la stessa struttura di quelli deir/7. trigona J. Ag. e dell' 77. 
lalifolia Crouan. Allo stato giovanile essi trovansi inclusi in un in- 
volucro di filamenti anastomosati in forma di rete, ciò che non si 
riscontra nel genere Halaraclinion. 

Benché indicata della terza zona di pi'ofondità, si trova anche 
nella prima. Già lo Zanardini la raccolse sui sassi esposti at ìiiare a 
Malamocco, ed un esemplare lo scrivente ne ebbe dal sig. V. Bel- 
TRANi che lo raccolse agli scogli a Rotoli (Palermo) a non più di un 
metro di profondità. 

Delle Alimenie è questa la più atta alla natazione, epperciò di 
frequente trovasi o galleggiante o reietta. 



(') Ardiss. — Note, 1S93, nei Rendiconti R. ht. loiiib. se. e leti. .Serie II, 
Voi. 26, fase. 17. 

(-) E. BoRNHT. — JjCs Alg. de SetìOìisl>oe, pai;-. 185. 



13 
L'//. Floresia presenta una forma nana propria delle maggiori 
profondità, alta dai 2 ai 3 C.mi, o poco più, provvista di scarsi ra- 
metti lineari, semplici; fenomeno biologico di alto significato, i cui 
esempi si estendono ad altre alghe. 

Distrib. gcograf. Mediterraneo, Mar Rosso, regioni calde del- 
l'Oceano Atlantico, spiaggia della Nuova Olanda (Ardiss.). Dall'im- 
boccatura del Guadalquivir alle Canarie, Medit., ecc. (Bornetj. 

24. H. patens J. Ag. 
Stretto di Messina. 

I caratteri macroscopici dell' unico mio esemplare, alto 4 C.mi, 
di un vivace roseo-porporino, ricordano il portamento di alcune forme 
di Rhodytnenia corallicola. 

II prof. Ardissone, parlando de' miei esemplari, uno dei quali a 
lui ceduto, cos'i si esprime: «benché sterili, pure non mi lasciano 
punto in dubbio circa I esattezza della loro determinazione. Ciò mi 
porta a credere che la specie, nel mare di Messina almeno, non sia 
punto rara, quantunque per il fatto di essere abitatrice della terza 
zona di profondità, sia tutt' altro che facile di poterla raccogliere sulla 
spiaggia nella condizione di pianta rigettata od in alto mare nella 
condizione di pianta galleggiante. Disgraziatamente le reti dei pesca- 
tori non e facile che possano essere visitate dalla maggior parte dei 
raccoglitori di Alghe, ed è per questo che la conoscenza della ve- 
getazione propria delle acque profonde lascia tuttora molto a desi- 
derare » ('j. 

Stimai opportuno di riportare queste parole del nestore dei no- 
stri algologi, perchè servano di sprone alla giovane promettente 
schiera dei nostri studiosi e raccoglitori di Alghe. 

25. H. fastigiata J. Ag. 

Faro di Messina, reietta, Dicembre iS()<^). V. Spinelli legit. 

L' esemplare macroscopicamente è assai bene caratterizzato. Mi- 
sura l'altezza di i5 C.mi, è di colore roseo-mattone e aderisce im- 
perfettamente alla carta, ciò che può dipendere anche dal sistema 
seguito nella preparazione. Che altres'i microscopicamente debbasi 
riportare a questa specie me lo conferma la forma delle cellule cor- 
ticali alluno-ate nella direzione del ratrsiio. 



(') F. Ardissone. Note alla Pliycolog. nicdit. Rcnd. Ist. Lomb. di se. e lett. 
Serie II, Voi. XXXIV, 1901. 



14 

È pertanto una nuova regione da aggiungersi a quelle del mare 
ligustico (Spezia e Porto Maurizio) e delle coste dell' Algeria dove la 
specie interessantissima venne già segnalata. Trovasi, ma assai ra- 
ramente, allo stato naufrago. 

Quanto già dissi a proposito dell' II. decìpicns J. Ag. ('), si po- 
trebbe ripetere dell' H. fastigìata, e cioè che al fatto di trovare molto 
raramente, e sempre allo stato natante o di reiezione, alcune specie 
di Alghe, non si può dire che vi corrisponda effettivamente un^ assai 
scarsa produzione delle specie stesse. In questi casi è lecito ritenere 
che, data la grande profondità della stazione d' origine, la struttura 
intima di un tessuto poco atto a sollevarsi nelle correnti superiori, 
lo spappolamento in posto della pianta senza previo distacco dalla 
matrice, son tutte cause speciali precipue o concorrenti a spiegare 
il fenomeno di una rarità più apparente che reale. Che non si tratti 
di semplici induzioni si ebbero prove frequenti dopo 1' uso dei dra- 
gaggi nella pesca delle alghe, e più numerose si avrebbero se la draga 
potesse manovrare nelle ripide pendenze delle roccie e nelle svariate 
accidentalità del fondo di qualche centinaio di metri subacqueo, e 
sempre dietro l'impulso che la coscienza volitiva del pescatore do- 
vrebbe imprimerle, mentre si sa che all'atto pratico le faccende 
vanno ben diversamente. 

2ó. H. dichotoma J. Ag. 

Spiaggia tra S. Maria la Scala e S Tecla presso Acireale. 

Il nome di Chrysymenia dicholoìiia datole dallo Zanardini fu cer- 
tamente suggerito da una forma assai poco o affatto caulescente e 
da una consistenza carnoso-rigida che talvolta la pianta assume. In- 
fatti, indipendentemente dall' età, questa specie ora si presenta in 
membrana assai tenera quasi gelatinosa, con le dicotomie ampie ed 
i segmenti subfastigiati, ed ora nelle condizioni opposte. 

In ogni caso è sempre un po' meno alta della precedente, molto 
meno fastigiata, meno consistente e di più facile e completo inver- 
dimento, come appare dall'esemplare da me raccolto. 
27. H. cystophora Montg. .^ 

Al benemerito sig. V. Beltrani se ne deve il rinvenimento sulla 



(') A. Mazza. FI. mar. del 0. di Napoli, in N. Notarisia, Lugl. 1902. 



15 

spiaggia di Licata, avvenuto il 27 maggio 1877. Ne tengo sott^ oc- 
chio gli esemplari autentici, statimi gentilmente comunicati dallo 
stesso egregio amico. 

Tenuto presente che in questa Haìvmenìa le frondi hanno un 
diametro maggiore, tuttavia 1" insieme richiama perfettamente il por- 
tamento della Scinaja furcellaia, cosi per le dicotomie rade in basso, 
stipato-corimbose in alto, per le ascelle angolose, per le estremità 
dei segmenti poco attenuati, e per la loro quasi eguale altezza, co- 
sicché il perimetro della pianta viene a riescire, senza troppo sentite 
ondulazioni, semicircolare o circolare, secondo che 1' esemplare è più 
meno ricco di ramiticazioni. 

Resta sempre da stabilirsi se questa pianta possa realmente ri- 
ferirsi alla specie del Montagne, altrimenti, come osserva il eh. Ar- 
DissoNE (PhycoL meditcrr.)^ dovrebbe considerarsi come nuova e quindi 
essere diversamente speciticata, non potendosi identificare a nes- 
sun' altra delle Alimenie tin qui descritte dagli autori. 

Gen. ScHiMMELMANNiA Schousb. 

28. Schimmelmannia ornata Schousb. 

Spiaggie S. Maria la Scala e S. Tecla presso Acireale. 

La diffusione con cui ebbi a trattarne altrove ('), con riferimento 
alle congeneri esotiche S. Frauenfeldii Grunow e S. Bollei Montg., 
mi dispensa dal fermarmi ancora sopra « questa magnifica specie, 
veramente degna di gareggiare in bellezza colle più stupende mera- 
viglie della flora marina » ('). 

Ragioni di alto rispetto e di riconoscenza vogliono però che qui 
riporti un'osservazione fattami dall'illustre Dott. E. Bornet. 

Nel passo del mio scritto, cui egli si riferisce, io ebbi in mira 
unicamente di fare rilevare la natura gelatinosa comune alla Schiìii. 
ornala ed alle Dudresnaya, senza preoccuparmi dei loro rapporti di 
parentela e delle differenze nell'intima loro costituzione cellulare. 



(') A. Mazza. — La Schim. ornata Schousb. nel Mcdit. in Nuova Notarisia, 
Apr. 1903. 

(-) F. Ardissone. — PhycoL Mcdit. I, pag. 158. 



16 

Anche qui la parola del maestro è ben istruttiva. « Le Schim. 
appartient bien au méine groupe, mais non à la méme famille que 
le Dndresnaya. Dans le premier genre les cellules auxiliaircs et les 
cellules clu carpogone sont réunies en un procarpe. Dans le Dndre- 
snaya les cleux sortes de cellules forment des organes distincts et 
séparés. Vous trouverez dans les Cryptonèmiacées du Golfe de Na- 
ples de Berthold des renseignements sur la fécondation des différents 
genres » ('j. 

Ge7i. Grateloupia Ag. 

29. Grateloupia dichotoma J. Ag. (et varietates). 

Messina, Riposto, fra Torre e Pux^^illo, Acireale, Catania, Sira- 
cusa, Palermo. 

11 polimoriìsmo nel genere Grateloupia, massime nella dichotouia 
e Proteus, assume aspetti cosi diversi che sembrano appena compa- 
rabili, come osserva il prof. Ardissone, e come T esperienza mi ha 
sempre dimostrato. Tale verità mi si para ora dinanzi nel vedere i 
campioni che la dimostrano assai evidente. Non dissi rivedere, per- 
chè in questo caso l'impressione che se ne prova è sempre nuova, 
inquantochè la mente non può ne ricordare né supporre le espres- 
sioni talvolta fantasmagoriche, che la natura conferisce a certi suoi 
prodotti. 

Il fatto si è che fra la dichotoma e la Proteus intercedono tante 
e così disparate forme che gradatamente le collegano da non me- 
ritare appellativi speciali per ciascuna. Se mai, basterebbe quello 
assai significativo di Proteus che tutte le comprenda, come in effetto 
le comprende. Per conseguenza, anche alle sinonimie di G. Cosen- 
tina Kg., G. dicììotonia-ìatissima Ardiss., G. cuneata Menegh., do 
vrebbesi ormai accordare il valore di una letteratura storica che ha 
segnato le varie tappe delle osservazioni fatte dai primi benemeriti 
illustratori della specie. Certamente che nello svolgimento di questa 
meravigliosa vegetazione, come in quella della specie seguente, la 
natura si è sbizzarita con una profusione così grande di ricchezze, 
che meriterebbe la pena, più che di una raccolta di descrizioni le 



(') E. BoRNET. — Leu. ad A. Mazza, 23 Apr. 1903. 



17 

quali non potrebbero mai dare un'idea esatta della realtà, di una 
monografia figurata e colorata degna del sontuoso fenomeno che 
anche sulle coste della Sicilia dispiega le sue più belle e più curiose 
attrattive. Ivi i segmenti lineari, sciolti o conglomerati, si dilatano 
spesso a cono fino a raggiungere i 4 C.mi di larghezza, ora sem- 
plici, ora parcamente o densamente muniti di prolificazioni obovate, 
davate, ciliari, presentando perimetri i più svariati e le sorprese le 
più imprevedute, più inverosimili nelle combinazioni dei particolari 
lungo la lamina o alla sommità di essa, tali che la cosi detta Ars 
nova non seppe mai ideare nelle sue elucubrazioni di stile floreale. 

In alcuna di queste varianti è notevole il fatto che suggerisce 
r idea di un mimetismo col Chondrus crispus (L.) Stack., in tutte 
le sue varietà di ìatifrons, interinedius e angtistifrons {Fuctis poly- 
morphiis Lamx.). 

Si presentano invece con maggiore stabilità di carattere le 
varietà: 

3o. repens 

{Messina) per la fronda decumbcnte coi rami eretti, e 
3i. nana 

che consiglia una speciale attenzione, potendosi scambiare per 
una transitoria forma giovanile. La sua statura non raggiunge i due 
centimetri; ha i segmenti cuneati assai aperti, terminati da un'ele- 
gante espansione palmate-stellata. 

Messina; Riposto, fra Torre e Pu:{x.^llo. 
32. G. filicina (Wulf.) Ag. 

Palermo, S. Flavia, Messina, Riposto, Catania, Siracusa. 

Non saprei meglio discorrerne che descrivendo senz'altro, som- 
mariamente, alcune delle sue forme più diverse rinvenute nelle sud- 
dette località, il che stimo tanto più opportuno in quantochè le si- 
nonimie che la riguardano ('), mi sembra che in qualche modo tal- 
volta corrispondano alle forme stesse, ciò che non posso però ora 



(') Delcsscria filicina Lamx. (sec. Bonnem.), Fucus filicinus Wulf., Hahjme- 
ìiia raiìientacea Delle Chiaje, Grateloupia dicliotoina v. speciosa Ardiss., G. por- 
racea Siihr, G. concatenata Kuetz., G. Iwrrida Kiietz., G. filifonnis Kuetz., G. 
pennatula Kuetz., Fucus marginalis Schousb., Platonia filicina Schoush., Dawso- 
nia ììiassilìensis Schousb. 



18 

assicurare, mancandomi il tempo di fare la ricerca delle opere in 
cui se ne tratta. Converrebbe che qualcuno più libero di me im- 
prendesse un' accurata monografia di questa capricciosa specie ('). 

a) Indivisa alla base, poi decomposta in frondi lineari, semplici, 
con rare prolificazioni, lunghe circa 25 C.mi, larghe 3 millim. Gli stron- 
camenti fortuiti portano un fascette di prolificazioni {scopa^^i). 

Porto di Catania, 
h. Quindici frondi sorgono da un unico callo basilare, lunghe dai 
i5 ai 20 C.mi, larghe 3 millim., assai ondulate: a metà altezza con 
prolificazioni ciliate, indi spinescenti per breve tratto, e poscia nude. 

Porto di Siracusa. 

e. Poche frondi alte io C.mi, larghe 2 millim., colla sommità bi- 
fida acuminata, rese perfettamente pennate da prolificazioni oriz- 
zontali, semplici. 

Presso Riposto. 

d. Fronda unica, alta 12 C.mi, larga un millim., sottilmente pen- 
nata per strettissime prolificazioni sub-distiche più lunghe nel mezzo, 
assai corte alla base ed alT estremità. 

Santa Flavia. 

e. Pianta alta 3o C.mi, larghezza massima i Cent, e mezzo, sti- 
pata di prolificazioni semplici. 

Porto di Messina. 

f. Alta 18 Cent., bi-tri pennata. 
Palermo. 

g. Robustissima, alta i5 Cent., espansa lateralmente oltre i 20, 
con ramificazioni brevi, stipate, larghe 3 mill., con le estremità dei 
rami in alcuni esemplari dilatate per oltre i 5 millim. 

Acquasanta a Palermo. 
11. La stessa, alta 7 Cent., con pennette brevi; rachide ampia 
minutamente ciliata. Consistenza molto cornea; inaderente. 
Palermo, 
i. Portamento di Sciuaja furcellata. Alta 5 Cent, larga due millim. 
Forma un ammasso globoso. Aderisce perfettamente. 
Palenjio. 



(') Ne possiedo un esempi, del C. di B. Sp., il cui tipo è pure comune nel 
Mediterraneo. 



19 

/. Alta ó Cent.; larga 2 millim. Rameggio policotomo addensato 
all'estremità dei rami maggiori. 
Messina. 

k. Fronda composta di due sole ramificazioni obovate, lunghe 
g Cent., larghe quasi 3 Cent., una delle quali profondamente biloba, 
provvista alla base di piccole e strette prolificazioni di-policotome. 
Fra Torre e Pupillo {Riposto). 

1, Frondi semplici scarsamente e brevemente cigliate, alte 6-7 
Cent., larghe 3- io millim., inflate (G. porracea Suhr.^j. 

La riferisco con dubbio alla var. o forma del Suhr, con che, se 
ben mi appongo, questo Autore vi ravviserebbe un carattere fisiolo- 
gico e non teratologico patologico. L'illustre Bornet, cui ebbi a 
segnalare il fenomeno, cosi me ne scrive: 

« Ilabituellement les plantes qui croissent sur les rochers vio- 
lemment battus passent pour acquérir une structure plus dense et 
diminuer Icur volume pour mieux resister aux flots. Elles n' ont pas 
tort au point de vue mécanique, et nous mémes, quand il fait grand 
vent, nous boutonnons notre pardessus. Pour que la fronde se gonfie, 
faut qu' une secrétion de gaz se produise dans son tissu. Celle-ci 
peut étre provoquée par le développcment de Bactéries ou par quel- 
que fermentation. Je me rappelle avoir rccolté sur place, à Biarritz, 
des Ilelmiiitìiocladia purpurea dont les frondes, ballonées, intestinifor- 
mes, étaient de la grosseur du pouce. Quand je les piquai pour les 
dégonfier, le gaz qui en sortit avait une odeur infecte » ('). 

Geii. Cryptonemia J. Ag. 
vSez. I. Eucryptonemia J. Ag. 

33. Cryptonemia Lomation (Bertol.) J. Ag. 
Palermo, Siracusa. 

Già mi sono occupato (") del modo di vegetare e dei varii 
aspetti che la pianta assume nei suoi stadi di accrescimento, delle 



(') Ed. Bornet. — Lett. ad A. Mazza, in data di Cosne 17 Giugno 1902. 
(-) Vegg. Nuova Notarisia, Lugl. 1902, p. 131. 



20 

annuali rinnovazioni delle sue lamine, nonché di una speciale cla- 
dofillia del suo caule. Qui mi limito a segnalare la ricchezza di svi- 
luppo assunta dagli esemplari palermitani, in parte dovuta al rigoglio 
proprio della vegetazione del primo anno, e biennale in altri; in 
parte alle assai favorevoli condizioni della regione. 

Sez. II. Acrodìscus (Acrodiscus Zanard.). 

34. Cryptonemia Vidovìchii (Menegh.) Zanard. 

S. Tecla presso Acireale, Palermo alla V. Maria, nei crepacci 
degli scogli. 

L'esemplare acirese è composto di otto frondi alte 8 Cent., lar- 
ghe 3-4 millim., partenti da un piccolo ed unico callo basilare. Si 
mostrano dicotome poco sopra la base; la dicotomia si ripete, più 
in su, altre due volte. Ogni fronda ha il proprio strozzamento con 
istmo filiforme. Gli apici dei segmenti sono tondeggianti e portano 
delle piccole prolificazioni obovate ogni qualvolta hanno subito uno 
stroncamento. Il porporino intenso della pianta si fa un po' croceo 
nella sua completa maturazione. 

Fani. RIIIZOPHYLLIDACEAE Schm. 
Gen. Rhizophyllis Kuetz. 

35. Rhizophyllis Squamariae (Menegh.) Kuetz. 
Stromboli, Falernw. 

Sulla Peyssonellia Squainaria. 

Pam. SQUAMARIACEAE Ardiss. e Straff. 
Gen. Peyssonellia Decne. 

36. Peyssonellia Squamaria (Gm.) Decne. 

Scogli della Ginestra a Stromboli, Messina, Palermo, Acireale. 

Le frondi rosso-brune hanno il perimetro reniforme o più o 
meno flabellato, intere da giovani, indi sempre più fesse nei mar- 
gini. La pianta morta, lungamente detersa e macerata dai marosi, 
perduto ogni feltro radicale della pagina inferiore, si fa quasi semi- 



21 

trasparente, e talvolta assume l'aspetto di un aggregato di ventaglini 
lungamente stipitati. 

È da osservarsi che non sempre la fronda si fìssa alla matrice, 
su cui cresce, interamente per tutta quanta la sua ampiezza, me- 
diante i peli radicellari di cui è provvista la sua pagina inferiore, 
la qual matrice generalmente è fornita da alghe maggiori o da ri- 
zomi di Posìdonia. Qualche volta la pianta aderisce per un unico 
punto basilare, per esempio sui cauli di diverse Cystoseìra, come 
ebbi a constatare, e in questi casi la pagina inferiore della Peysso- 
mllia è glabra o quasi, senza che perciò la pianta sia morta o de- 
perente, anzi mostrandosi, pure in tale condizione, in perfetto stato 
di vegetazione. 

Anche questo è da considerarsi come un fenomeno di adatta- 
mento. 

37. P. rubra J. Ag. 

Stromboli, Messina, S. Tecla presso Acireale, spiaggia S. Lucia 
a Siracusa. 

Frondi di un bel roseo opaco, ora uniforme, ora di due tona- 
lità: la più chiara esterna, ossia verso il margine; la più intensa al 
centro. In questa specie, più che nella precedente, le frondi sono 
facilmente soggette alle deformazioni. I migliori esemplari sono quelli 
con frondi perfettamente circolari, intere nei margini quasi evoluti 
o appena sensibilmente ripiegati all'interno. 

Pam. CORALLINACEAE Harv. 

1. Melobesieae Aresch. 

Gen. Melobesia Lamx. 

Sez. I. Eiimelobesia. 

38. Melobesia membranacea (Esper) Lamx. 
Siracusa. Sulle foglie di Posidoìiia cauli?ii. 

Osserva~ione. — Nella elaborazione animale e vegetale intesa 
alla protezione della vita mediante la concrezione calcare che, alla 
sua volta, ha per conseguenza V emersione degli attolli, dei conti- 
nenti e delle isole, le Melobesia si possono considerare fra i più umili 
rappresentanti vegetali dell'immensa falange dei costruttori marini. 



22 

Esse inoltre, con tutti gli altri generi della famiglia, per questo loro 
peculiare carattere di saper provvedere alla protezione delle delicate 
loro membrane, togliendo all'uopo il materiale al terzo regno della 
natura, anziché abbassarsi con ciò al livello di quest' ultimo come po- 
trebbe far credere l'esteriore loro aspetto, dimostrano di sapersi av- 
vicinare, più che ogni altra pianta, al regno animale. 

Sez. II. Litìwphyìlum. 

39. Melobesia crlstata (Menegh.) Ardiss. {LitophyUum crislatiim 
Menegh.). 

Acquasanta a Palermo. Sugli scogli quasi a fior d'acqua. 
Il colore varia fra il bianco, il giallastro, il verdognolo ed il 
cinereo. 

40. M. stictaeformis Aresch. 
Palermo. 

Può trovarsi in masse ponderose di colore roseo sporco o leg- 
germente ametistino aventi per nucleo un ciottolo o ghiaia incoe- 
rente. 

II. CORALLINEAE ArCSCh. 

Gen. Amphiroa Lamx. 

41. Amphiroa exilis llarv. 

Scoglio Ginoslra a Stromboli, ad un metro sotto la linea d' acqua. 

42. A. rigida Lamx. 
Messina e Palermo. 

Gen. Jania Lamx. 

43. Jania rubens (L.j Lamx. 

Messina, Palermo, Trapani. 

44. J. longifurca Zanard. 

Messina, e sulla Cystoseira Hoppii a Riposto, Ti apani. 

Gen. Corallina Lamx. 

45. Corallina offìcinalis L. 

Palermo, Messina. 



23 

Nell'Atlantico raggiunge l'altezza di oltre un decimetro. 

4Ò. C, offìcinalis var. nana (C. nana Zanard.). 
Palermo, Acireale. 

47. C. mediterranea Aresch. 
Catania. 

Pam. GIGARTINACEAE Ardiss. e Straff. 
Gen. GiGARTiNA Stack. 

48. Gigartina acicularis (Wulf.) Lamx. 

Messina, Riposto, Acireale, Siracusa, Trapani, Palermo, S. Flavia, 
isola di Stromboli. 

L'essere comune non le diminuisce l'interesse dello studioso 
che ha seguito le forme molteplici che può assumere questa specie 
sotto r influenza di cause non sempre note. 

Le acque siciliane ne offrono tipi caratteristici come i seguenti : 

a. Nella forma tipica per eccellenza, ossia la più comune nel Me- 
diterraneo, che è inutile descrivere, le frondi possono raggiungere 
r altezza di 8 Cent., e la larghezza di oltre un millim.etro. Le som- 
mità e talvolta anche i rametti sono più o meno sentitamente curvati. 

b. Alta 3 Cent., larga mezzo millim., duramente cornea, sub- 
semplice fino ai due terzi della sua altezza, frondi perfettamente 
erette, forcate ali" apice. 

Bassi fondi arenosi a S. Flavia dove in primavera l' acque rosseg- 
giaìto pei colaticci della tonnara (A. Mazza). 

e. Alta sei Cent., larga mezzo millim. nel suo maggiore spessore. 
FM'ondi esili, rametti esilissinii, spesso ridotti a spine quasi patenti 
con preminenza unilaterale. Frondi e rametti diritti. 

Romagnolo a Palermo sugli scogli poco sommersi (V. Beltrani). 

d. Alta due Cent., esilissima, sub-repente, assai ramosa, intricata; 
rami e rametti diritti; questi ultimi in forma di minutissime spine. 

Romagnolo a Palermo, sugli scogli poco profondi (V. Beltrani). 

e. Alta tre Cent., piuttosto robusta, ramosissimo-intricatissima ; 
rami e rametti assai curvati. 

Foro italico a Palermo. Maggio 1^02 (A. Mazza). 
/. Forma ornitopoda. Alta 4-8 Cent., larga mezzo millim. Frondi 
erette sub-semplici in tutta la loro lunghezza, terminanti in punta 



24 

ora semplice, ora brevemente ramosa, a rametti patenti o curvi, di- 
sposti in modo da imitare le zampe di un uccello. 

Palermo (A. Mazza). 

Distribuzione geografica: Medit., Atlantico dall'Inghilterra alle 
Canarie, nel G. Persico, nell'Oceano Indiano, ai lidi del Giappone e 
del Brasile. 

49. Gigartina Teedii (Rothj Lamx. 

Messina, Acireale, Palermo. 
La regina delle nostre gigartinee sfoggia le sue penne verde- 
mare porporino-violette dei tre colori comm^isti sugli scogli e 
sulle rupi nei seni tranquilli. Oltre che nel Mediterraneo, cresce ezian- 
dio nell'Atlantico dall' highilterra a Cadice, per riapparire nel Bra- 
sile, e facendo una punta fino a Yokoska nel Giappone. Il porta- 
mento, la statura, il predominio e l'intensità dell'uno piuttosto che 
degli altri colori variano assai a seconda che la pianta sia sterile o 
fertile, di stazione più o meno profonda, e di ambiente più o meno 
ricco di sostanze azotate. I più grandi e vistosi esemplari (altezza 
3o Cent., larghezza '/, Cent.) li ebbi a Messina in prossimità degli 
sbocchi dei canali portuali recanti lentissimamente al mare i cola- 
ticci impuri della città. 

Due ne sono le forme: quella a rachide larga, bipennata e che 
prende anche maggiore sviluppo; e T altra molto esile, a rami sem- 
plici con rametti ciliari o spiniformi. Di entrambe ne ebbi con ci- 
stocarpi e tetraspore la cui presenza, come già si è accennato, con- 
ferisce uno speciale aspetto alla pianta, precisamente come avviene 
nelle felci a seconda che sieno sterili o fertili. Nella forma sterile 
gli stroncamenti portano prolificazioni a scoJhi^^o. 



Gen. Callymenia J. Ag. (Kallymenia). 

Delle circa venti specie del genere Callymenia, tre sole finora 
vennero trovate nel Mediterraneo e queste hanno una importanza 
speciale in quanto vi sembrano esclusivamente proprie. Se pei ca- 
ratteri macroscopici non possono gareggiare con lo splendore delle 
specie tropicali e del Capo di Bona Speranza, offrono tuttavia una 
delle prove più degne d'attenzione del fatto che il nostro mare è 



più atto ad accogliere e perpetuare in esso alghe oceaniche, che non 
ad abbandonare all'Atlantico le proprie specialità. 

5o. Caliymenìa reniformis (Turn.) Ardiss, non J. Ag. {Kallyme- 
nia microphylla Zanard.j. 

(Circa i motivi pei quali non conviene modificare nò la nomen- 
clatura, né la sinonimia qui riportate, veggasi Ardissone: Rivista 
delle. Alghe Mediterranee Parte I. nei « Rendiconti » del R. Ist. Lomb. 
di se. e lett., voi. XXV, 1901, e Note 1893). 

I miei due esemplari di Messina sono costituiti entrambi da 
un' unica fronda. Queste frondi hanno pressocchè raggiunto il loro 
completo sviluppo e si mostrano in vario modo spaccate o lobate. 
5i. C. Requienii J. Ag. 

GaiiTJrri a Messina; Licata. 

Corrisponde perfettamente pei caratteri intimi alla descrizione 
della Phycolog. mediterr., e pei caratteri esterni alla descrizione De To- 
niana in Svilo gè Algarnm, Voi. IV, Scz. I, pag. 299. 
52. C. demissa J. Ag. 

Presso Catania ('). 

L'esemplare, che conserva un brillantissimo e intenso color coc- 
cineo, è composto di quattro frondi le cui dimensioni e forme rive- 
lano i due primi stadi di sviluppo. Le più piccole infatti sono tondo- 
flabellate, le più adulte reniformi, un po' ondulate nei margini e lar- 
gamente sub-lobate. Altezza 2-3 Cent.; larghezza 2'/,. La struttura 
intima è quella tipica del genere, e cioè: strato corticale formato da 
cellule superficiali minute intensamente colorate, disposte su di una 
sola serie, sotto delle quali vi sono due strati di cellule grandi ro- 
tondato-angolose, di preferenza compresse nel senso del raggio. Strato 
midollare formato da filamenti articolati, reticolati. 

Ignoro se già da altri sia stata segnalata questa bella e interes- 
santissima specie nelle acque italiane. 

Certo si è che viene indicata unicamente presso Marsiglia dove 
fu scoperta dal Solier che sottopose gli esemplari all'esame di J. 
Agardh il quale sopra di essi potè stabilire la nuova specie (Anal. 
Algol. 1892, p. 67). 



(') Località imprecisata. L'esemplare mi venne procurato dall' amico Dott. A. 
Spinelli. 



Gen. Callophyllis Kg. 

55. Callophyllis laciniata (Huds.) Kg. 

Messina al Faro. 

Non è fra le meno belle delle trentadue specie che finora si 
conoscono del genere Callophyllis. Il Mediterraneo Tebbe dall'Atlan- 
tico dove si estende dalle isole Feroc a Cadice. È spesso vagabonda 
« nonnunquam in pelago libere natans in regionibus arcticis (') » 
(DicKiE, Kjellman). Suir opposta sponda dell' Atlantico fu segnalata 
al Brasile e in California. 

Nei pressi di Messina taluni anni vi è cosi abbondante che se 
ne potrebbe asportare a carri, tanto vi si ammassa su quelle spiag- 
gie ; mentre in altri anni non vi si mostra affatto. 

Dopo il Faro di Messina, dove la raccolse fino dal 1884 il Borzì (*), 
la nostra specie più non s'incontra se non che alle Baleari (Rodri- 
GUEz). Della forma che la pianta assume in quest' ultima località non 
sono in grado di dirne con perfetta conoscenza, non possedendone 
che frammenti i quali son tutti lineari e poco ramificati. 

Le forme siciliane da me conosciute sono due : l' una molto al- 
lungata (alta 3o Cent.) e prolifera solo in basso, con le divisioni su- 
periori acuminato-fastigiate, larghe 2-4 millim.; 1' altra (alta 20 Cent.) 
piuttosto cespitosa, dicotoma in basso, policotomo-palmata in alto, 
ricca di prolificazioni sterili e meno di fimbrie fertili. 

Per farsi un concetto esatto del polimorfismo di questa specie 
è d'uopo ricorrere alle piante atlantiche cosi proteiformi da ricordare 
alcuni aspetti che la Grateloupia dichotoma può assumere nella vai'. 
Proteus, nonché, in dimensioni assai più ampie, il portamento di 
una graziosa forma che la Nemastoìua dicholoma talora riveste nel- 
l'Adriatico (Sottomarina di Chioggia), non mancando in essa nò il 
porporino assai vivo, né certe esigue prolificazioni che simulano i 
cistocarpi della nostra Callophyllis. 



(') De Toni — Sylloge Algarum, Voi. IV, Sez. I, pag. 279. 
(■■) V. A. Borzì — Nuove Floridee lìiediterrancc, in Notarisia I, 1S86, p. 71- 
72; De Toni — Sylloge Alga ni in Voi. I\^, sez. I, p. 279. 



27 

Gen. Gymnogongrus Mart. 

54. Gymnogongrus Griffithsiae (Turn.) Mart. 
Palermo, Acireale, Catania, Siracusa. 

Quest' umile piantina, nerastra in apparenza, ma in realtà atro- 
violacea osservata contro la luce, ebbe T onore di essere stata stu- 
diata da una dozzina e più di algologi, e naturalmente, dovette ras- 
segnarsi a ricevere altrettanti nomi, anzi binomi. Lo Schousboe ebbe 
a confonderla con la Cordylecladia conferia J. Ag., forse tratto in in- 
ganno da qualche forma speciale. 

Si trova anche nell'Atlantico dall'Inghilterra a Tangeri d'onde 
si spinge sino alle Canarie. 

55. G. palmettoides Ardiss. (G.nicaeensis (Kg.) hvd\ss.Q Sim^.). 
Messina, Palermo. 

Trattando delle alghe marine del Golfo di Napoli, già dissi (') 
della riserva espressa dal eh. Ardissone circa P inclusione di questa 
pianta nel genere Gvmnogoìigrus « poiché la fruttificazione tetraspo- 
rica rimane tuttora ignota » (^). Lo stesso algologo premette che lo 
Sphaerococcus nicaeensis Kg. deve trasportarsi nelle Gigartinacee, 
come vorrebbe la struttura del nucleo del suo cistocarpio, e sog- 
giunge che questo nucleo essendo sprovvisto di un pericarpio distinto, 
esclude che la specie possa appartenere al genere Phyllophora. 

Dagli esemplari che tengo in erbario rilevo che il LeJolis, I'Hol- 
MES e il Chalon hanno usato la nomenclatura di J. Ag., e cioè di 
Phyllophora palmetloides. Gli esemplari di Sydmouth, di Cherbourg 
e di Minorca poco differiscono da quelli della Sicilia; quelli di Ba- 
nyuls arieggiano un poco il portamento della Delesseria sinuosa, 
astrazione fatta delle ciglia marginali. Forse si deve a tale rassomi- 
glianza la sinonimia di Delesseria corallorhi\a dello Schousboe, rife- 
ribile alla pianta in questione. 

Ora a tutti coloro che studiarono le Floridee mediterranee con 
la scorta della Phycologìa del prof Ardissone non sarà discaro di 



(') A. Mazza — Flora viaTÌna del Golfo di Napoli, in « N. Notarisia», Lu- 
glio 1902. 

('-') Ardissone — Pliycolog. Mcditcrr. I, p. 179. 



28 

conoscere le ragioni per le quali al Gymnogongrus nicaeensis (Kg.) 
Ardiss. e Straff. Voi. I, pag. 179, il chiaro Autore abbia sostituita 
la nomenclatura qui sopra indicata. Poiché queste ragioni vennero 
maestrevolmente esposte in modo chiaro e stringato nelle Note 1893 
dell' Autore stesso ('), ditjicilmente reperibili, io sono ben lieto di qui 
riportarle testualmente. 

« Gymnogongrus nicaeensis Ardiss. e Straff. Enum. Alg. Lig. 
p. 18Ó, Ardiss. Phycol. mediterr. I, p. 179. 

« Sotto il nome di Halynienia nicaeensis Duby (Bot. gali. p. 942) 
descrisse una forma che Giacobbe Agardh considerò dapprima (Alg. 
mediterr. et adriat. p. i53) come una varietà della Rhodomenia Pal- 
meita (v. nicaeensis) e che in seguito {Epicrisis p. 218, 33o) riferì al 
gen. Phyllopliora (Ph. pahnettoides variet. ? nicaeensis). 

« Tale forma sarebbe comune all' Oceano ed al Mediterraneo. I 
segmenti fogliacei della sua fronda avrebbero gli apici acuminati, 
spesso prolungati in filamenti dicotomi proliferi. I suoi cistocarpi sa- 
rebbero quasi globosi, brevemente pedicellati, svolti verso la base dei 
segmenti frondosi. 

« Lo Spliaerococcus nicaeensis del Kùtzing (Tab. Phyc. XVIII, 
96, c-d) i cui cistocarpi non solo mancano di pedicello e non sono 
quasi globosi, ma appena possono dirsi emisferici, per conseguenza 
non vi si può riferire. Allo Spliaerococcus nicaeensis Kg., a me pare 
tuttora che corrisponda il Gymnogongrus nicaeensis, i cui cistocarpi 
sporgono su entrambe le pagine, alquanto meno però di quanto ap- 
parisce dalla succitata figura del Kùtzing. 

« Nella mia Phycolog. mediterr. io non ho riferita quest' ultima 
forma al genere Gymnogongrus senza qualche riserva, a cagione della 
mancanza di esemplari con la fruttificazione tetrasporica, la quale mi 
rimane tuttora ignota. 

« Su di alcuni esemplari, raccolti ad Hastings, di una specie ap- 
parentemente simile allo Sphaerococcus nicaeensis Kg., ma provve- 
duta delle appendici terminali filiformi indicate come caratteristiche 
della Phyllopliora pahnettoides nicaeensis, Holmes (Journal of Botany, 



(') F. Ardissone — Note alla Ptiycol. medìt. Estratto dai Rendiconti del 
R. Ist. Lomb. di se. e lett. Ser. II, Voi. XXVI, fase. XVII. Anno 1893. (N. 12 
delle Note stesse). 



29 
voi. XXI, p. 289, tab. 240, London i883) trovò delle tetraspore le 
quali avevano il nucleo diviso a croce, non formavano dei sori di- 
stinti e mostravansi sparse senza alcun ordine apprezzabile. La pianta 
esaminata dall' Holmes aveva anche dei cistocarpi, verso la base dei 
rami frondosi, ma disgraziatamente e]uesti nella preparazione anda- 
rono guasti per modo che se ne perdette il contenuto ed all' autore 
non fu possibile determinarne la struttura. 

« Se la corrispondenza dello Sphaerococcus nicaeeusis con la spe- 
cie di cui Holmes potè osservare la fruttificazione tetrasporica fosse 
accertata, evidentemente per i caratteri di questa fruttificazione quella 
specie non potrebbe riferirsi al genere Gymnogoiigrus, ma le osser- 
vazioni dell' Hauck si oppongono a tale conclusione. 

« L' Hauck infatti (Die Meeresalgen in Rabenh. Krypt. Flora, p. 144) 
riferisce lo Sphaerococcus nicaeensis Kg. alla PhvllopJiora pahìicltoides 
J. Ag., alla quale assegna : 

1.° Dei cistocarpi emisferici posti sulle pagine e verso le basi dei 
segmenti fogliacei della fronda, quali vengono rappresentati dalla fi- 
gura dello Sphaerococcus nicaeensis del Kùtzing; 

2.° Dei nemateci in forma di cuscinetti allungati od arrotondati, 
nerastri, purpurei, svolti sulle pagine delle frondi; 

3.° Degli anteridì in forma di macchie arrotondate, biancastre, si- 
milmente poste. 

« BoRNET (Alg. de Schousb. pag. 114) riferisce lo Sphaerococcus 
nicaeensis Kg. alla Phyllophora palmelioides var. nicaeensis J. Ag. e 
lo distingue dalla Phylloph. palmelioides J. Ag. par son thalle infé- 
rieur stolonifere, rampant, souvent très développé. 

« Nella Phylloph. palmelioides, secondo Bornet, le frondi sareb- 
bero ordinariamente inserite sopra un largo disco carnoso. Anche 
Holmes è di questo parere. 

« Da tutto ciò parmi apparisca : 

i." Che la Phyllophora palmelioides var. nicaeensis J. Ag. e la 
Ph. [mbnetloides Hauck, sono due piante diverse, delle cjuali la prima 
soltanto può appartenere al genere Phvllophora; 

2° Che la Phylloph. palmelioides J. Ag. della quale non si cono- 
scono i cistocarpi, è una specie incerta; 

3.° Che la Rhodvìueìiia nicaeensis Holmes, che è ben distinta dalla 
Rh. Palmella e che per i caratteri della sua fruttificazione tetraspo- 



rica non può riferirsi né alla Phylloph. palmetloides var. nicaeensìs J. 
Kg., né alla Ph. palmettoìdes Hauck, rimane incerta in quanto alla 
sua ubicazione sistematica, per l'ignoranza in cui si è circa la strut- 
tura de' suoi cistocarpi, 

« Per conseguenza mi pare che la nomenclatura e la sinonimia 
di queste forme debba così stabilirsi: 
Phyllophora nicaeensìs. 

Phyllophora paìirietioides var. nicaeejisis J. Ag. Epicr. p. 218; 

Rhodymenia Palmetta var. nicaeensìs J. Ag. Alg. med. p. i53, 
Sp. Alg. II, p. 379; 

llalymcnia nicaeensìs Duby, Bot. gali., p. 942 (fide J. Ag.). 

Abil. Mediterraneo (secondo G. Agardh). 

a Molti sono gli esemplari del mio Erbario, che per la struttura 
ed i caratteri esterni della fronda potrebbero riferirsi a questa specie, 
ma disgraziatamente essi son tutti sterili, cosicché la loro determi- 
nazione mi rimane incerta. 

Gymnogongrus palmettoìdes. 

Gyinnogongrtis nicaeensìs Ardiss. e Straff. Enum. Alg. Lig. p. i8ó. 
Ardiss. Phycolog. mediterr. p. 179. 

(continua). 



ìil 



LITTERATURA PHYCOLOGICA 



KohI F, G. (') — Ueber die Organisation und Physiologie der 
Cyanophyceenzellc und die mitotische Teilung ihres Kernes. io Taf. 
— Jena, Fischer. igoS, 8. 

11 protoplasto della cellula delle Cianoficee non si differenzia 
nella sua organizzazione, o soltanto lievemente, da quello delle altre 
cellule vegetali. Esso consta di un nucleo (corpo centrale) e di un 
citoplasma periferico con cromatofori. 11 nucleo è sempre presente 
ed è organo indipendente dal protoplasto; occupa per Io più il cen- 
tro della cellula ma può ancora per caso trovarsene spostato dai 
vacuoli di succo cellulare. 11 nucleo consiste di una sostanza fonda- 
mentale relativamente poco colorabile nella quale si rinviene una 
sostanza cromatica di maggior rifrazione. 

Contiene inoltre una maggiore o minore quantità di granuli 
centrali i quali non si rinvengono che in esso (giammai fuori sparsi 
nel citoplasma). Il nucleo delle Cianoficee si differenzia da quello 
degli organismi più elevati per la mancanza di una membrana av- 
volgente assai colorabile, per la mancanza di nucleoli e per la sua 
figura irregolare. La massa periferica del nucleo è suddivisa in sot- 
tili appendici irradianti che coli' apice arrivano fino alla parete in- 
terna della membrana cellulare. Tali appendici sono di differenti 
grossezze e vanno man mano assottigliandosi verso l'esterno; in 
esse trovansi di solito i granuli centrali più piccoli; con l'impiego 



(') Non trovo di meglio clie di quasi tradurre il XIV capitolo, dall' Autore 
stesso intitolato « Zusammenfassung der Resultate » per dare un' idea dell' impor- 
tanza di questo nuovo lavoro che riassume compendiando con critica arguta 
([uanto venne detto fino ad oggi ed aggiungendo alle notizie che si avevano di 
nuove assai più importanti. — (Nota di A. F,). 



32 

della maggior parte dei fissatori tali espansioni vengono ritirate. Il 
citoplasma contiene oltre i cromatofori, ancora granuli di Cianoficina, 
gocciole di grasso, glicogeno e vacuole. I cromatofori sono assai pic- 
coli e sono impregnati di clorofilla, ficocianina e carotina; special- 
mente poi sono ricchi in carotina. La disposizione regolare gli uni 
presso gli altri dei cromatofori sferici che lasciano fra loro sottili 
lamelle di citoplasma, può risvegliare l'idea di una disposizione 
vantaggiosa al protoplasto. Questa evidente disposizione a favore 
del protoplasto nelle Cianoficee si osserva sovente ancor più mi- 
nuta di quella che il Buetschli descrive e figura per esempio nelle 
figure 12 e i3 del suo contributo rappresentanti delle Oscillarie. 
La larghezza dello celle nella {\g. 17 (grossa Oscillana) supera 
circa del doppio il diametro di un cromatoforo di To/ypo/hrix es- 
sendoché allo spessore della cellula che dal Buetschli corrisponde 
a 14 celle, secondo le misure dell' A, corrispondono circa 14 croma- 
tofori e 14 lamelle protoplasmatiche. Non si rinviene amido, come 
prodotto d'assimilazione devesi considerare il glicogeno ; esso scom- 
pare nelle colture all'oscuro per ricomparire sotto l'azione della 
luce; sembra non debba trovarsi nell'interno dei cromatofori, s'i bene 
riempire minutissimi vacuoli sparsi nel citoplasma. 1 granuli di cia- 
noficina stanno unicamente nel citoplasma spesso aggregati in vici- 
nanza del nucleo; essi sono costituiti da albuminoidi di riserva. Du- 
rante una divisione molto rapida essi non si possono accumulare 
oppure vengono rapidamente adoperati, mancano perciò comune- 
mente nelle cellule che stanno verso l'apice de' filamenti. Scompaiono 
nelle culture all'oscuro; si accumulano di preferenza nelle spore e 
sono consumati nella loro germogliazione. Nelle culture all'oscuro 
si perdono tutti i granuli di cianoficina per ricomparire alla luce. 
Per credere col Palla che i granuli di cianoficina rappresentino i 
prodotti di assimilazione non si hanno ragioni sujjìcienti. 

Le goccio di grasso stanno sempre nel citoplasma, giammai nel 
nucleo o nei cromatofori. 11 citoplasma contiene due sorta di va- 
cuoli: vacuoli gasosi e vacuoli a succo cellulare. Questi ultimi nelle 
cellule vegetative normali si presentano relativamente rari; gregari 
si rinvengono nei filamenti senili e nella coltura all'oscuro. I vacuoli 
gasosi sono soltanto caratteristici a speciali rappresentanti della fa- 
miglia ed occasionano la salita delle specie formanti i flos-aquae. l 



33 

granuli centrali si trovano sempre nel nucleo; essi appaiono come 
un muco albuminoide e sono omologhi, sia per la massa, sia per 
il funzionamento fisico -chimico, sia per il comportamento rispetto 
ai coloranti, alle sfere vibranti di certi Batteridi ed alle formazioni sfe- 
roidali nel protoplasto delle Diatomee. Queste contengono poi una so- 
stanza che nel clorojoduro di zinco si colora in nero-indaco e pe- 
ctosa. Raramente il corpo centrale è privo di granuli centrali, per lo 
più essi mancano nelle cellule che stanno presso l'apice del fila- 
mento. Anche i corpi centrali che stanno per dividersi contengono 
di solito granuli centrali. La quantità di granuli centrali è dipendente 
per l'ordinario da fattori esterni; l'illuminazione vivace, la tempera- 
tura elevata sembra li facciano diminuire, 1' oscurità, 1' abbassamento 
di temperatura ecc. li facciano aumentare. 

Questo influsso spesso può essere indiretto. Le cellule delle 
cianoficee sono sempre circondate da membrana, giammai nude; 
anche gli ormogonii hanno membrana. Le membrane delle cellule 
vegetative e le guaine non sono cuticolarizzate ma sono costituite, 
come appare dal loro comportamento, in gran parte da chitina. Con- 
tro la cuticularizzazione della membrana e della guaina milita il com- 
portamento chimico e l'azione dei coloranti. La membrana delle ete- 
rociste invece consta principalmente di cellulosa; la soluzione cu- 
pro-ammoniacale non la discioglie però del tutto. Gli strati mu- 
cosi e gelatinosi contengono sostanze pectosiche ed anzi le piia re- 
centi sono le interne; da ciò deriverebbe che gli strati più prossimi 
alla membrana vengono colorati più intensamente. I corpi centrali ap- 
paiono come veri nuclei se si seguono le loro fasi di divisione. Sic- 
come poi il Fischer nella sua « Ricerca di una nuova spiegazione » 
getta le basi di una teoria assolutamente falsa sull'organizzazione 
della cellula delle Cianoficee, l'Autore in questa parte in modo spe- 
ciale riassume il frutto dei suoi lunghi studi che stanno in perfetto 
antagonismo con l'opinione di lui. La cellula delle Cianoficee non 



(') È strano come 1' Autore, pur così diligente, non abbia mai tenuto conto 
dell' opera ultima di Adriano Lemaire che per lo studio chimico della mem- 
brana e delle vagine sembra sia pur essa lavoro magistrale. — Cfr. perciò : Le- 
maire A. — Recherches microchimiques sur la gaine de quelques Schizophycées 
(Journ. de Botanique T. XV, 1901, n. 8-10). 

3 



34 

possiede già un solo cromatoforo ma sì bene piccoli cromatofori in 
numero grandissimo. Il corpo centrale non costituisce l'intero com- 
plesso del cromatoforo ma invece i piccoli cromatofori stanno nel ci- 
toplasma che tutto in giro si trova. 

Generalmente si osservano tre specie di granulazioni, i granuli 
centrali, i granuli di cianoficina e le goccie di grasso. Di queste i 
granuli centrali occupano sempre il corpo centrale, le altre due specie 
di granulazioni, i granuli di cianoficina e le goccie di grasso sempre 
il citoplasma. Non è perciò in nulla esatto il ritenere il corpo cen- 
trale come punto di localizzazione delle granulazioni. Quando al Fi- 
scher non fu possibile « di non veder di più del cosiddetto corpo 
centrale malgrado l' uso esteso di fissatori e coloranti » così appare 
evidente con che risultato il Fischer impiegò i suoi metodi. Da 
questo poi appare evidente quanto siano inconsistenti tutte le os- 
servazioni fatte da lui. « Le granulazioni che potranno anche venir 
distinte in due o più sorta e sembrano essere prodotti di assimila- 
zioni o materiale di riserva, formano parte essenziale del corpo cen- 
trale e sono esse specialmente che ne determinano la sua intensa co- 
lorabilità ». 

Ora succede invece, come già venne detto ed è facile a dimo- 
strarsi da chicchessia che, di tutte le granulazioni, soltanto i granuli 
centrali stanno nel corpo centrale e siccome anche questi, durante 
speciali condizioni ben conosciute e determinate, possono mancare, 
cosi avviene che il corpo centrale spesso è del tutto privo di gra- 
nulazioni eppure si colora evidentemente e tanto meglio quanto 
più esso contiene sostanza cromatica, la quale per altro non può ve- 
nir scambiata con le granulazioni come succede per il nucleo. L'ar- 
gomento non si può meglio sostenere quando il Fischer suppone 
«che il corpo centrale riempia l'intero spazio dentro il cromatoforo 
(!) » e che non sia né più né meno che un protoplasma a vacuoli 
più o meno vasti il quale si colori un po' più intensamente ma alla 
stessa guisa del cromatoforo. Vacuoli non rinvengonsi giammai nel 
corpo centrale e da nessuno ancora vi vennero osservati, un proto- 
plasma lacunoso non può mai farci vedere le colorazioni che si pos- 
sono constatare con evidenza e chiarezza nel corpo centrale. Non si 
conosce infatti nessun protoplasma che con le usuali sostanze colo- 
ranti si tinga più intensamente dei cromatofori. 11 Fischer poi conti- 



35 

nua : «Il non comune non consiste già nel colorarsi cos\ intensamente 
questa massa (\\ corpo centrale) qualità che essa condivide con i di- 
versi protoplasmi ma nella diljicoltà di colorazione del cromatoforo ». 
11 cromato'^oro di Fischer non é un cromatoforo ma bensì proto- 
plasma con piccoli cromatofori e come citoplasma colorasi « così 
poco ». Ci si chiede infine inutilmente perchè dunque il protoplasma 
centrale debba avere maggior attitudine a ricevere i coloranti. Il Fi- 
scher perciò sarà stato costretto a credere che il protoplasma della 
medesima cellula debba diversamente comportarsi col medesimo co- 
lorante in luoghi vicini. 

Alla fine della sua « ricerca » il Fischer si ribella al rapporto 
filogenetico, giustamente riconosciuto dal Buetschli, fra corpo cen- 
trale e nucleo. 

«Il corpo centrale è dunque in via assoluta il luogo per l'accu- 
mulazione dei materiali di riserva e di assimilazione, essi devono per- 
ciò colorarsi in rosso od in bleu od assumere la forma di cristalloidi. In 
seguito alla suesposta considerazione il nucleo per primo scopo non 
serve da ricettacolo delle sostanze di riserva ma vien caratterizzato 
da altre funzioni molto più importanti, è sede delle funzioni sessuali, 
della trasmissiene dei caratteri ecc. F dunque stimare troppo poco 
che un corpo riempito di materiali di riserva possa ritenersi come 
suo filogenetico, precursore » . 

A questo si potrebbe rispondere : Che il corpo centrale è riem- 
pito di materiali di riserva soltanto nell'idea del Fischer; la presenza 
dei granuli centrali nel corpo centrale trova analogia nei cristalloidi 
d' albumina di innumerevoli piante che non è affatto necessario 
nominare. Ogni altra cosa nel citoplasma è pronta per l' uso. Le 
« importanti funzioni » sono pure abbastanza note e che queste 
siano affidate al corpo centrale delle Cianoficee risulta dal vario 
comportarsi morfologico prima della divisione cellulare, e si dovrà 
riguardare come uno speciale servigio alla scienza quello dell' Antere 
che dopo lunghe e spesso minuziose ricerche riuscì a descrivere la 
cariocinesi delle Cianoficee a complemento delle ricerche dello Hegler 
ed a farcela conoscere con buone figure. In tal modo si è dimostrato 
che il nucleo non viene per nulla disturbato nella sua importante 
funzione di trasmissione dei caratteri dal contemporaneo depositar- 
visi del materiale di riserva (granuli centrali). Per l'Autore questo 



36 

fenoiTìeno non mostra niente di meraviglioso non ritenendo che piante 
di COSI semplice organizzazione come sono le Cianoficee, a priori, 
non possano presentare una complicata deduplicazione come gli orga- 
nismi più elevati. Nessuna meraviglia se in tal caso un organo si 
presti contemporaneamente a parecchie funzioni. Forse non ci fu 
ancor dato scoprire il più profondo significato di questo doppio fun- 
zionamento. 

Ecco ancora in compendio quanto riguarda il corpo centrale 
rispetto alle sue aljlinità con il nucleo oltre le cose predette : Prima 
della divisione si aumenta la massa della cromatina, i filamenti 
prima poco visibili diventano più evidenti e si forma un filo nucleare 
ben determinato. Questo si divide in segmenti nucleari (cromosomi) 
in numero determinato disponendosi in giro secondo una determi- 
nata legge e forma, ed in masse equivalenti si allontanano secondo 
direzioni polari aljlne di aiutare la formazione dei due nuovi nuclei. 
Lo strozzamento del corpo centrale il quale decorre parallelamente 
al dimezzarsi dell'intero protoplasta, e che si può sempre seguire per- 
chè la periferia del corpo centrale la quale è sempre facilmente distin- 
guibile dal protoplasma circostante stabilisce una certa corrispondenza 
anche fra la divisione del corpo centrale e la divisione amitotica. 
Laddove le inclusioni del nucleo (cristalloidi d' albumina), per lo più 
durante il processo di deduplicazione del protoplasma vengono spinte 
fuori per poi scomparire, perdurano invece in questo caso (granuli 
centrali) nel corpo centrale anche durante la divisione. I granuli cen- 
trali sono distribuiti a caso vicino ai cromosomi e vengono divisi 
in masse differenti nei nuclei tigli. La quasi uguale distribuzione di 
essi figurata dal Nadson deve venir reputata come pura combina- 
zione, non venne mai osservata dall'Autore. 

Le eterociste sono originate dalle cellule vegetative cui sia rin- 
chiuso il foro di comunicazione e crescono insieme con le guaine. 
Tutti gli organi del loro protoplasto e perciò i loro contenuti si cii- 
sorganizzano e si decompongono; durante questa disorganizzazione 
dei contenuti cellulari, a spese di questi, le eterociste crescono an- 
cora breve tempo, formando una membrana cellulosica ed una va- 
cuola a succo cellulare. Nucleo e cromatofori, granulazioni centrali e 
di cianoficina alle volte scompaiono. Le eterociste servono di soste- 



37 

gno per i filamenti liberi nella guaina, per la formazione degli or- 
mogonii e per la ramificazione di filamenti. 

Le cellule concave si generano anche da cellule vegetative qual- 
siasi. L'intero protoplasta delle cellule subisce un processo di fluidifica- 
zione. Anche in esse scompaiono il nucleo ed i cromatofori come le 
altre granulazioni. Il contenuto finalmente si mostra chiaro ed omo- 
geneo come un cristallo. La forma piano-concava, biconcava o conves- 
so-concava di queste cellule è conseguenza della pressione laterale 
degli elementi vicini durante la loro formazione. La membrana della 
cellula concava prende pur essa parte alla fluidificazione; essa diviene 
perciò estremamente permeabile alle più disparate soluzioni o liquidi 
qualsiasi. Le cellule concave si distinguono per la grande facilità 
di accumulare sostanze coloranti più di tutte quante le altre del 
filamento. La funzione delle cellule concave è doppia: rendono pos- 
sibile da un lato la scomposizione del filamento i cui frammenti, o 
crescono ancora senz'altro, o vengono espulsi quali ormogonii; op- 
pure sono i centri dei processi di scomposizione (fluidificazione) che 
conducono al rammollimento della guaina e rendono possibile o 
r uscita laterale degli ormogonii o il perforarsi dell' estremità del fi- 
lamento durante la ramificazione. Allo scopo d' isolare da ogni atto 
funzionale quelle cellule che debbono divenire eterociste, i fori di esse 
vengono otturati da tappi speciali. Questi tappi per il loro compor- 
tamento chimico e con i coloranti si concordano in modo speciale 
con i granuli di Cianoficina quantunque speciali differenze non si 
possano non vedere; una di queste si è il differire in rapporto alla 
consistenza. I tappi sono formati di una massa molle. 

Tutte le cellule del filamento di Tolypothrìx sono connesse da 
plasmodesmi. Il foro di congiunzione viene attraversato nel centro 
da una trabecola plasmatica. Il depositarsi dei tappi da ambe le parti 
del foro di comunicazione è senza conseguenza sulla trabecola pro- 
toplasmatica. Quando una cellula vegetativa si trasforma in cellula 
concava essa diviene da ambe le perii disciolta dalle plasmodesme, 
le comunicazioni ancora vengono tolte, nelle eterociste invece per- 
sistono. 

È importante poi osservare che le eterociste malgrado il persi- 
stere delle loro congiunzioni protoplasmatiche causa l'apposizione dei 
tappi vengono completamente segregate dallo scambio di materiale 



38 

colle cellule vicine, perchè esse, malgrado il bisogno, nulla ritraggono 
dei materiali di riserva delle cellule medesime, salvo soltanto col 
mezzo degli scambi osmotici attraverso le membrane delle aperture, 
mai attraverso le plasmodesme pur osservando che le cellule con- 
cave servono ancora più esclusivamente allo scopo della Ouidi Rea- 
zione. 

Tali fatti osservati sulla Tolypothrix con le dovute modificazioni 
saranno da estendere a tutte le Cianoficee. 

Segue un capitolo di osservazioni sui rapporti di aljlnità tra Cia- 
noficee e Batteriacee di cui l'Autore con validi argomenti ribadisce 
ancor una volta le reciproche strette affinità. In appendice e' è una 
critica sull'ultimo lavoro del Dott. F. Brand « jVlorphologisch-phy- 
siologische Betrachtungen ùber Cyanophyceen » in cui vengono di- 
scusse molte idee dell'Autore stesso tra le quali principalmente quella 
dell'essere le etcrociste né più né meno che cellule gonidogene. In- 
fine il valoroso Autore chiude con una paziente enumerazione delle 
varie reazioni coi principali coloranti che olirono le varie parti del 
filamento e della cellula delle Cianoficee e con la bibliografia del- 
l'argomento. Seguono dieci belle tavole molto nitide e dimostrative. 

A. Forti 

Prudent P. — Contributions à la flore diatomiquc des lacs du 
jura. — Lyon igoJ. 

Trattasi d'un elenco di Diatomee rinvenute in due saggi bento- 
nici del Giura. II primo fu raccolto nel lago di Nantua dal Dott. Ma- 
GNm, r altro nel lago di Silans dal Dott. Biot. Le flore dei due laghi 
si rassomigliano assai; il numero delle specie é in tutto di i52; tra le 
altre alcune di abbastanza interessanti: Cyinhella Locavi Pantocs., 
CyiiìheUa affìnis Kuetz. a margine dorsale undulato, Caloneis rupe- 
stris var. infiala Pantocs., Fragilaria mntabilis var. Irinodis n. var., 
Nil^schia angiislata var. producla Pantocs. 

A. Forti 

Hinze G. — Ueber Schwefeltropfen im Innern von Oscillarien. — 
Berichte der D. Bot. Ges. 1908, Hft. 7. 

L' Autore ritiene non debbansi credere sempre per inclusioni ga- 
sose quelle bolle assai rifrangenti che si osservano nel contenuto delle 



39 

Myxophycee. A confermar ciò osservava alcune Oscillatorie a Napoli 
viventi in acqua solfidrica. Queste specie contenenti goccie di solfo 
come le Bcggiatoe, comportavansi sia fisicamente che chimicamente 
come esse. E perciò liberati alcuni tricomi della membrana batte- 
rica che li circondava, essi precipitavano al fondo (') cosa che, se si 
fosse trattato di vacuoli gasosi non sarebbe avvenuto. Vide poi che 
tali goccie erano disciolte lentamente dall'Alcool a 90° più celermente 
se assoluto, più celermente ancora in Cloroformio e Solfuro di Car- 
bonio; insolubili invece negli acidi cloridrico, acetico, picrico, nella po- 
tassa caustica, nella glicerina. Figura poi alcuni cristalli ottenuti con il 
trattamento prolungato con glicerina. Spiega l'origine di tali goccie 
di solfo con la riduzione che deve subire l'H^S in contatto con l'os- 
sigeno della funzione clorofilliana sviluppato dall' alga. Osserva infine 
che le Oscillatorie non possono, come i batteridi tiofili, continuare 
r ossidazione fino a formare l'Il^SO^. 

A. Forti 

Wille N. — Algologische Notizen 9-14 — Nyt Magazin Natur- 
videnskab. Bd. 41, Hft. i, 1908. 

IX. — In Aalesund in alcune pozze d' acqua verde e puzzolente 
in cui scolava del pesce salato a seccare, l'Autore osserva la quan- 
tità di specie del gen. Chlamydomonas malgrado la presenza dell'acido 
amidico che vi si rinveniva in soluzione. Questo fatto egli assomiglia 
a ciò che Serbinow chiama la simbiosi con le Saprolegniacee, fun- 
ghi e bacteridi, che egli ebbe occasione di osservare per la sua forma 
apirenoidica di Chlamyd. stellata Dill. (= Chlam. Serbinozuii (Dill.) 
Wille). L'infiusso del NaCl derivante in questi bacini dal pesce sa- 
lato era reso meno intenso dalla diluizione con l'acqua della pioggia. 
È perciò che l'Autore vi rinvenne oltre a Brachiomonas submarina 
Bohl. e parecchie specie di Chlamydomonas, anche due specie di 



(') Il caso osservato dall' egregio A. non è a mio vedere estensibile nem- 
meno a tutte le Oscillatorie. Ebbi occasione di fare nel lago di Gavazzo una rac- 
colta di Oscillatoria prolifica (Grev.) Gom. (= O. detersa Farlow) , che figurava un 
flos-aquae tilacino galleggiante, e pur sbattendola per modo da togliere ogni dub- 
bio che le bolle d' aria imprigionate fra un filamento 1' altro potessero fare da ve- 
sciche idrostatiche, i filamenti mantenevansi sempre a galla. — (Nota di A. Y .). 



40 

Carteria: C. cordiformis (Carter) Dill., che l'Autore ritiene per spe- 
cie caratteristica di questo genere al contrario di quanto suppone il 
BouGON che la schiera sotto il genere Tetraselmis, e C. subcordifor- 
mis n. sp. cosi descritta: Zoospore ovali a membrana sottile ed attil- 
lata con l'appendice anteriore portante le ciglia un po' rientrante. 
Cigli 4 tutti lunghi quanto il corpo od un poco più brevi cui stanno 
presso due piccole vacuole contrattili. Cromatoforo grande, inserito 
di fronte alle ciglia, urniforme, alquanto ingrossato all' indietro ove 
porta un pirenoide sferoidico od ovale. Il nucleo è quasi centrale. Il 
corpo della zoospora ha una lunghezza di i 1-17 ji, ed una larghezza 
di 8-10, Lo stigma è ovale e giace lateralmente alla parte posteriore 
della cellula dietro il pirenoide. Le zoospore si dividono longitudi- 
nalmente in 24 cellule figlie. 

X ('j. — Dopo aver sintetizzato i lavori di Sommerfeldt in cui 
si accenna sotto il nome di 5/'/za^r^//a w/ftìi/zi' Somm. all'antica Uredo 
iiìvalis di Bauer e sotto quello di Sphaerella Wrangelii Somni. uguale 
alla Leprariu KennesinaV\/rdng. ed aW Haematococcus pluvìalis Plot., 
accenna al fatto che C. A. Agardh ritenne probabilmente la specie 
di Wrangel identica a quella di Bauer e la denominò Protococcus 
nivalis cosi ingenerando per la prima volta la confusione delle due 
specie. Osserva poi come Sphaerella nivalis dovrebbe a buon diritto 
aver la priorità sul nome Chlamydomonas nivalis (Bauer) Wille, come 
r Autore propone di chiamare questa specie, ma, sia per il fatto della 
poca opportunità di cambiare nome a tutte le numerose specie di 
Chlamydomonas, sia - argomentazione che V Autore non fa - per l'omo- 
nimia esistente fra il gen. Sphaerella ed un vasto genere di funghi, 
(cfr. Berlese e De Toni loc. cit), la prevalenza toccò al nome di più 
recente data. Quanto poi alla Sph. Wrangelii Sommerf., l'Autore la 
ritiene assolutamente identica a Haematococcus plnvialis Plot, laddove 
insieme con il Cohn e contro l'opinione del Rostafinski dice che il 
Volvox lacustris di Girod è uguale a\V Euglena sanguinea Ehr. e stima 
perciò più proprio chiamare quest'alga con il nome impostole dal 
Plotow di Ilaenialococcus plnvialis Plot. — 11 fatto della confusione 



(') Nella bibliografìa l'Autore non ha elencato la nota di Berlese A. N. e 
De Toni G. B. in Atti del R. Ist. Veneto 1887, pag. 221. — (Nota di A. F.). 



41 

di queste due alghe tra loro fu quello che ingenerò le diljìcoltà nello 
stabilire i caratteri dilTerenziali fra i generi Haematococcus e Chlamy- 
domouas. L'Autore crede di averli fissati in questi termini: 



Chìamydomonas 

1. Protoplasma circondato da 
una forte membrana cellulare a- 
derente o meno ma tale da im- 
pedire la formazione dei pseudo- 
podii. 

2. Ciglia uscenti da semplici 
fori nella membrana cellulare. 

3. Vacuole contrattili due, di- 
sposte simmetricamente air inser- 
zione dei cio:Ji. 



Haematococcus 

I* Protoplasma circondato da 
un' esile membrana cellulare non 
mai aderente, continua formazio- 
ne di pseudopodii. 

2* Ciglia uscenti da fori spesso 
prolungati a spina. 

3* Vacuole contrattili nulle o 
irregolarmente disposte. 



Ritiene di poca importanza sistematica il carattere dell' emato- 
croma che sarebbe in questo caso presente nella sola Chlam. nivalis 
e non nelle congeneri C). Chiude con la revisione delle specie di 
Haematococcus conosciute. Due solo sono completamente descritte 
//. pluvialis Plot, ed H. Biitschii Blochm. Accenna poi alle specie 
dello Harvey e dello Hassall che appartengono ad altri generi. Dice 
ancora che //. alatiis (Stein) De Toni corrisponde a Pteromonas pro- 
strata Lemm.; E. dalmaticus è probabilmente uguale a //. pluvialis; 
H. marimis (Duj.) D. T. è molto simile a Chìamydomonas marina Cohn; 
H. mucosus xMorr. è forse stadio di sviluppo di E. sanguinea ; H. sa- 
linus Dun. probabilmente è uguale a parecchie specie di Chìamydo- 
monas. 

XI. L'Autore dà in questa nota la monografia del genere Chìa- 
mydomonas. Prima ne passa in rassegna e discute i vari stadi me- 
tamorfici ossia, per ordine: Zoospore, periodo di divisione, Palmella, 
Ipnospora (Acanthococcus ?), Gameti, Zygospore. Ne stabilisce in ap- 
presso i limiti e la posizione sistematica. Viene poi alla discussione 



(') E ciò si potrebbe confermare col fatto che in specie come il Botnjococcus 
Brauni Kuetz., lo Zijgnema ericetorum (Kuetz.) Hansg., questa sostanza colorante 
appare o scompare secondo gl'individui o la stagione. — (Nota di A. F.). 



42 

sull'importanza sistematica della presenza o del numero dei pirenoidi 
ed afferma che pur non condividendo Tidea di Serbinow essere la 
presenza dei pirenoidi fatto del tutto fisiologico, non conviene sia 
carattere sistematico di qualche importanza; combatte perciò T esage- 
razione del Dott. BouGON che con lo stabilire il suo gen. Dangèardia 
fece s\ che certe specie come Chi. Rhrenhcrgiì si dovessero ora at- 
tribuire al genere nuovo ora al vecchio causa la variabilità loro nel 
numero di pirenoidi. Critica anche la delimitazione data dal Dott. 
BouGON al genere Chloromonas dichiarandola, come ci sembra in 
fatto, priva di senso e stabilisce finalmente sulla presenza o meno dei 
pirenoidi la differenziazione dei generi Cìilamvdomonas e Cìiloromonas 
secondo l' antico concetto del Prof. Gobi. Studia in appresso la filo- 
genesi del gen. Chlamydomonas ed arriva al seguente albero genea- 
logico: 

Tetrasporacee 
Gloeomonas \ Chlorangium Brachiomonas 

I Gloeococcns \ 

C1iloromouas...___^^^ \ Loboriionas 

Chlamydomonas -^-^-"'"^ 

Cari cria 

I 
Polyblepharìdeae 

Propone alcune specie nuove: Chlamydomonas caudata n. sp. 
Zoospore in principio assai piccole e sottili (20 jx. » 8 [x.) poi s' in- 
grandiscono fino a raggiungere i [x. 3i;) - ló con membrana sottile, 
aderente, ispessita alcun poco agli apici anteriori e posteriore. Du- 
rante il movimento esse descrivono la spirale destrorsa. La forma 
è ovale ma all'apice posteriore sì prolunga in un'appendice più o 
meno acuminata, sul davanti tra le ciglia trovasi una verrucosità 
formata dalla membrana. Il corpo protoplasmatico è pure ovale e 
tirato lievemente a punta all'apice posteriore. I cigli sono press' a 
poco della stessa lunghezza del corpo e presentano alla loro base 
i due vacuoli contrattili, non visibili contemporaneamente. Croma- 
toforo urniforme assai ispessito all' indietro e munito di un grosso 
pirenoide, nucleo visibile col mezzo della colorazione con safranina 
od ematossilina. Stigma periferico, allungato. La divisione delle zoo- 



spore è molto rapida. L' A. osservò anche uno stadio in cui il pro- 
toplasma si era avvolto a sfera e l'individuo avea perduti i cigli. 
Hab. Presso Aalesund in uno stagno salmastro. 

Chìamydomonas subcaudata n. sp. Zoospore lunghe 1 5- 39 jx., lar- 
ghe 8-10, ovoidi; verruca anteriore poco sviluppata come pure poco 
sviluppata l'appendice posteriore; cromatoforo urniforme ispessito 
verso la parte posteriore, pirenoide centrale, spesso grosso ed evi- 
dentemente angoloso. Cromatoforo distintamente striato con striature 
quasi il doppio lunghe che larghe. Circa al centro del corpo proto- 
plasmatico si osservano due vacuole contrattili di cui però non ne 
era agevolmente visibile che una. La divisione avviene secondo due 
direzioni ed in modo che vi prenda parte anche il pirenoide. lìab. 
Con la precedente. 

Chloromoìias alpina n. sp. Zoospore ovali lunghe 12 {j.., larghe 
6, membrana evidente dappertutto di uno spessore costante. Ver- 
ruca apicale mancante. Corpo protoplasmatico ovale con un becco 
verso r avanti traversante la membrana fino allo strato più esterno 
cosicché le ciglia figurano inserite sulla membrana. Stigma ovale nel 
terzo anteriore della cellula. Cromatoforo costituito di molti granuli 
clorofilliani distribuiti alla periferia in modo da lasciar soltanto una 
piccola parte acromatica alla base dei cigli. La divisione avviene se- 
condo due direzioni. Stato di Palmella conosciuto e simile ad una 
Gloeocystis. Aplanospore ovali o rotondeggianti, un po' maggiori delle 
zoospore, contenenti vari piccoli granuli d'amido; membrana cellu- 
lare piana forse verrucosa invecchiando. Rab. a Djuvatsbytteu in 
luglio frammista alla Clilaiii. nìvalis, (Bauer) Wille. 

Cìiloroìiìonas Aaìemndenns Wille. Zoospora ovale con una mem- 
brana assai sottile quasi invisibile, senza verruca evidente, lunga 40-5q 
[x. e larga 6-1 5 jx. Piccola l'appendice a becco della parte anteriore 
ed arrotondata cui s'inseriscono due ciglia. Cromatoforo costituito di 
scaglie corte e sottili formante macchie longitudinali disposte radial- 
mente secondo l'asse maggiore. Vacuoli due alla base delle ciglia. 
Nucleo poco visibile ma più evidente dopo un' immersione nell'acqua 
di Jodio. Stigma disposto lateralmente. Divisione secondo due direzioni. 
Aplanospore rotonde di un diametro di 14-16 con membrana sottile 
e liscia. Dopo questo 1' Autore ridescrive Cìilam. marina (Duj.) Cohn 
ed a proposito di Chìamydomonas nivalis (Bauer) Wille, egli osserva 



44 

come Ch. tingens var. nìvalis Lagerh. ritenuta dal Chodat per uguale 
a C. nivali s sia invece priva di pirenoidi. Egli la ridescrive dunque 
con il nome di Chlamydomonas Pìchinchae Wille. Disegna e descrive 
poi con ricchezza di particolari gli zigoti di C. nivalìs. A questo se- 
gue una comoda chiave dicotomica delle specie di Chlamydomonas 
e di Chloromonas. Espone ancora le diagnosi delle specie ben de- 
scritte e completamente conosciute e T elenco delle forme più dubbie 
con i loro probabili riscontri ('). 

XII. Dopo aver trascritta la diagnosi del Gloeococciis niucosus A. 
Br. l'Autore afferma che, malgrado la lunga descrizione, la specie 
riesce di(][ìcilmente identificabile e non lo sarebbe anzi affatto senza 
le figure che il Braun stesso ne ha dato. Questo genere venne 
messo come sinonimo di Chlamydomonas e fu per questo dimenti- 
cato totalmente il suo habitus. È naturale perciò che il Chodat lo 
dovesse ridescrivere sotto il nome di Sphaerocystis. All'obbiezione 
che si potrebbe muovere rispetto al diverso modo di vita delle due 
alghe, egli contrappone trattarsi - per la forma fissata descritta dal 
Braun per il Gloeococcus - dello stadio palmelloide che attraversano 
le Chlamydonionadaceae, perchè a questa famiglia e precisamente vi- 
cino ai generi Chlorogoniiim Ehr. e Physocytimn Borzì, che stabili- 
scono il passaggio alle Telrasporacee, \ Autore crede sia da attri- 
buire questo genere. 



(') Ecco ciò che 1' Autore propone per le forme meno ben conosciute : Chi. 
albo-viridis - C. Kuteinikowsky Gorosch. oppure Ch. ovata Dang. ; Ch. angusta 
(Duj.) Dies. = non è identificabile; Ch. asterosperiiia Lagerh. = non sufficiente- 
mente descritta; Ch. communis Perty = Ch. Steinii Gorosch?; Ch. Diinalii {]o\y) 
Cohn = Hacmatococcus salinus Dang. ; Chi. flavovirens Rostf. = insufficientemente 
descritta; Chi. glacialis Lagerh. = non è ancora ben conosciuta; Ch. halophila 
Francé = Ch. apiocystiformis Artari?; Ch. hyalina Cohn = Polytoina Uvella Ehr.; 
Ch. lateritia (Wittr.) Lagerh. = Pteromoìias nivalìs Chod.?; Chi. Magtmsii R.\L(t- 
forse non appartiene al gen. ; Ch. Mikroplaìikton Rice. = Chrysomonadinacearum 
sp. ; Ch. obtusa A. Br., Ch. opcrculata St. e Ch. pluviale WoUe = insufficiente- 
mente descritte; Chi. Pulvisculus (O. F. Milli.) Ehr. = Parecchie specie ; Ch. ra- 
diosa Schneid. et Ch. rostrata Cienk. = Haematococcus pluvialis Flot. ; Chlarn. 
stellata Chod. = Lobomonas stellata Chod. ; Chlam. tetrabaena Dies = Gonium so 
ciale Warm. ; Ch. tingens A. Br. = Ch. Ehrenbergii Gorosch. ; Ch. tumida 
Schneid. = Carteria multifilis (Fres.) Dill. ; Ch. uva (O. F. Milli.) Pouls. = Po- 
lytoma Uvella Ehr. 



45 

XIII. — Chodat rinvenne nella neve delle Alpi la Pleromonas 
nivalis mentre l'Autore la osservava pure in Isvezia. Il Wille dunque 
prima di tutto dice che tale organismo veniva già descritto dal 
Shutthleworth con la denonìinazione di Astasia nivalis Shutt. e poi 
osservandone il corpo protoplasmatico riusciva a fissarne alcuni dati 
morfologici tali che gli permettevano di indurre che le ipnospore rac- 
colte nella Lapponia lulense da G. Lagerheim e poi descritte come 
appartenenti a Ch. latcritia erano proprie di questa specie ed infine 
esprimeva il dubbio che la specie del Chodat possa venire attribuita 
al gen. Pteromonas Seìigo non possedendo nessun pirenoide. 

XIV. — A proposito del Ceraslerias ìiivulis descritto dal Bohlin, 
l'Autore dopo aver considerato che il suo scopritore non ebbe a di- 
sposizione che materiale conservato, osserva non trattarsi di una 
Chlorolìcea ma di un'alga incolora forse adattata alla vita saprofi- 
tica, come si osservò ancora per le Diatomee e le Peridinicc, ma pur 
simile alle Poliedree. 

Wille N. — Schizophyccen in Nordisches Plankton del Dott. K. 
Brandt — Lipzius et Tischer, Leipzig, H)o3, 8*^ roy. 

E un riassunto delle forme che (inora furon rinvenute nel plan- 
cton di mare, assai importante sia per la premessa piccola introdu- 
zione che serve anche da riassunto anatomo-fisio-biologico sia per 
alcune novità introdotte nella sistematica delle Mixoficee. Tra queste 
innovazioni, specialmente notevoli sono le seguenti: L'attribuzione 
del gen. Chrootìiece Hansg. alle Glaucoficee (Bangìales) ; l'identifica- 
zione dell' lidio ir ichium radians Wille con il TricJiodesmiuni Tliie- 
baiitìi di GoMONT e la descrizione più completa ed accurata dello 
Xantholìiriciiin contorlum Wille olim, sotto il nome di Tricliodesìiiiuin 
contorlum Wille. Ogni genere viene illustrato da figure tolte da 
KuETziNG, BoRNET c Thuret, Gomont, Mòbius, Schùtt,J. Schmidt ecc. 
Oltre le forme prettamente eupelagiche sono riferite anche le specie 
ticopelagiche nonché le planctoniche submarine. 

A. Forti 

Borge 0. — Die Algen der ersten Regnellschen Expedition III. 

Zygnemaceen und Mesocarpaceen. — Arkiv fòr Botanik Bd. I. 1903. 

Dopo aver riassunto con molta cura quanto venne fatto in an- 



46 

tecedenza dal Martens, dal Grunow, dal Moebius e dallo Schmidle, 
e ripassati gli essiccati del Wittrock e Nordstedt, l'autore trovò 
conosciute per il Brasile N. ló specie comprese quelle da lui osser- 
vate, di cui tre incerte, laddove nessuna ne rinvenne citata dagli 
autori per il Paraguay. Di quest' ultima regione egli segnala quattro 
specie e nel materiale brasiliano raccolto dal Malme non ne trovò 
che nove. I saggi raccolti furono io per il Brasile, 4 per il Paraguay. 
Tra le forme in particolare interessanti si possono notare: Spìrogyra 
infiala (Vauch.) Rab. f. cellulis vegetativis crassioribus, 5. paragua- 
yensls Borge n. sp., S. Maliiieana Hirn (già pubblicata nel N. iSyS 
degli exsicc. di Wittr. et Nordst. !), Gonatonema sphae-rospora Borge 
n. sp. ('). Segue un' accuratissima tavola doppia in cui oltre le forme 
citate r Autore ritrasse anche le seguenti specie finora non molto 
note o poco studiate con molta ricchezza di particolari anatomici : 
Zygnema slellhium (Vauch.j Ag., Spìrogyra Reinhardlii Chmiel., Spì- 
rogyra maxima (tlass.) Wittr. 

A. Forti 

Pantocsek J. — Fossile Bacillarieen Ungarns II. Aufl. Berlin, Junk, 
1903, 102 tav. 

È uscita una seconda edizione di questa grande e disordinata 
opera; il testo in questa è completo, anzi l'editore tiene a disposi- 
zione dei possessori della prima edizione, la parte occorrente per 
completare anche quella. Del resto i pregi ed i difetti del grande 
lavoro sono rimasti gli stessi : la stessa quantitcà di forme decisa- 
mente nuove ed accettabili sotto questo aspetto dalla scienza e la 
stessa sciattezza e trascuranza nell'esecuzione dei disegni, quantun- 
que, a differenza dell'altra volta, la riproduzione sia accuratissima. 
Ma sopratutto è condannabile l'Autore per aver anche in questa edi- 
zione confermato quei terribili nomi magiari che obbligano ad uno 
sforzo ognuno che non conosca la lingua ungherese e che a dir vero 
sono tutt' altro che eufonici ! 

A. Forti 



(') Che noi correggeremo <.< sphaerosportiìn». 



47 
Wille N. & Holmboe J. — Ueber einige von J. Menyhardt im 
Sudafrika gesammelte Suesswasseralgen. — Oesterrcichische bot. 
Zeìtschr. 1908, N. 3. 

In i3 saggi raccolti dal missionario]. Menyhardt presso lo Zam- 
besi e comunicati agli Autori dall' I. R. Museo di Storia Naturale di 
Vienna furono rinvenute N. 3ó specie di acqua dolce o termale. Va- 
rie forme sono caratteristiche o nuove tra cui: Placoma africanum 
Wille, Anabaena varìahiìis Kuetz. f. africana Wille, Sccncdestims hìju- 
gatiis f. irregularis Wille, Camptothrix repens W. et G. S. West non 
epifita ma vivente nelle guaine vuote di Scytonema Hofmanni Kg. 
ed infine una diatomea che il Dott. Holmboe chiama Eiipodiscus la- 
custris ma che quasi sicuramente potrebbe essere ascritta ad un 
nuovo genere essendoché le forme conosciute di Eupodisciis mo- 
strano una grande simmetria nella punteggiatura delle valve e non 
presentano nella zona conncttivale quella struttura che rammenta 
quella a scaglie delle Rhizosolenieae ed è caratteristica nella nuova 
specie. 

A. Forti 

Schmìdt Adolf — Atlas der Diatomaceenkunde Heft 6i,bearbei- 
tet von Dott. Ileiden-Rostock. — 1-pzg., Reisland, 1903. 

È comparso il 61 fascicolo di questo splendido lavoro che com- 
prende le tavole 241-244. In esso vengono figurate molte specie di 
Slauroneis e di Navicula (delle sezioni « humerosae et granulatae »). 
Vi sono proposte come nuove : 

Slauroneis infiala Heid., Slauroneis Fulmen Brigtw. var. capitala 
Heid., Slauroneis americana Heid., Slauroneis Reichelti Heid., Slauro- 
neis Alabamae Heid. con le sue varietà mimila, roslrala, angulala 
Slauroneis Frickei Heid., Navicula monilifera Cleve var. elliplica 
Heid., conslricla, Heid., ohtusa Heid., 'Navicula lalissima Greg. var. 
elliplica Heid. e var. rostrata Heid., Navicula megapolilana Heid., Na- 
vicula rostochiensis Heid., Navicula maculala (Ball.) var. ///a/t;r Heid., 
var. mexicana Heid., Navicula pulchella Heid., Navicula japonìc a Heid., 
Navicula Witti Heid., Nav. delawarensis Grun. var. Clevei Heid., 
Navicula transfuga var. Bruni Heid., Navicula irrorala Grev. var. li- 
neala Heid. e var. maculata Heid., Navicula Polae Heiden. Un nuovo 
e valente collaboratore si è aggiunto ai già provetti continuatori del- 



48 

l'opera del grande Diatomologo di Aschersleben; viribus unitis po- 
tranno procedere più rapidamente. Ciò sarebbe desiderabile per il 
bellissimo Atlas e per la scienza! 

A. Forti 

Borge Ose. — Die Algen der ersten Regnellschen Expcdition. 
II. Desmidiaceen= Arkiv fòr Botanik Bd. i, 5 Taf. 

Anche per questo lavoro l'Autore riassume brevemente la bi- 
bliografia, le opere di Nordstedt, Wille, Mòbius, Borgesen, Schmi- 
DLE, Borge, e rivede gli essiccata di Wittrock e Nordstedt ove a 
varie riprese vennero pubblicate alghe brasiliane e paraguayane. Og- 
getto di questo studio sono 55 campioni di alghe di acqua dolce che 
vennero raccolti dal Dott. Malme nella prima spedizione Regnelliana 
di cui vengono descritte le Desmidiee, E un contributo notevolissimo 
sia per la quantità di specie che vi sono enumerate, sia per le molte 
nuove descrizioni, sia per la competenza dall'Autore dimostrata pa- 
lesamente ancora una volta con questo suo ultimo saggio. 

Le Desmidiee enumerate sono in tutto 32Ò di cui molte nuove 
per la scienza. Circa i3o sono le forme descritte perla prima volta 
di cui le più importanti sono: Peni i/m cyìindriciun Borge, Closlcrium 
Malmei Borge, Penium levigatum Borge, Cosmariiun Malinei Borge, 
Cosinariwn scroliculosum Borge, Cosmariuni areguense Borge, Cosma- 
riuni paraguayeinc Borge, CosmarUim labiatiim Borge, Cosmarìuìii co- 
rumbcnse Borge, Cosmarium triangulare Borge, Cosmarium paielìif or- 
ine Borge, Cosniarium spìendìdum Borge, Cosinarìnni inaiìiiUaliun Borge, 
Cosili arimn iiinulum Borge, Arthrodesmus longispinus Borge, Xanlìii- 
diuin pseudoregulare Borge, Xanthidium oniatum Borge, Xanthidtum 
paraguayense Borge, Staurastruni subpolymorphum Borge, Staurastrum 
siiiuainm Borge, Stauraslrum nudibrachiatum Borge, Euastruiii secu- 
rìfonmceps Borge, Euaslrum brasìliense Borge, Euastriiin Maìiud 
Borge, Euaslrum porrecliim Borge, Micraslerias galeata Borge, Wcr. 
aequilobata Borge, Micr. ornaìnenlalis (Lòfgr. et Nordst.) Borge, Sphae- 
roTfisma desmidiiforme Borge. 

Seguono 5 tavole doppie molto belle con copiose figure rap- 
presentanti tutte le specie e forme più interessanti. 

A. Forti 



J. B. DE TONI 

Sylloge Algarum 



omnium hucusque eoqnitarum. 



Voi. I. sect. 1-2 Chloi^ophyceae [praem. Bibliotheca phycolo- 
gica]. - Patavii, 1 889, Tip. Seminario, in-S**, p. cxxxix- 1 3 1 5. 
It. lib. (francs) 92. — 

Voi. IL sect. 1-3 Bacillarieae [cum Bibliographia diatomolo- 
gica (curante J. Deby) et Repertorio geographico-poly- 
glotto (curante Prof. Dr. Hectore De Toni)]. - Patavii, 
1891-94, Tip. Seminario, in-8°, pag. cxxxii- 1556 - ccxiv. 
It. lib. [francs) 115. — 

Voi. III. Fitcoideae. - Patavii, 1895, Tip. Seminario, in-S**, 
p. xvi-638. It. lib. (francs) 41. — 

Voi. IV. Florideae sect. 1-3. Tip. Seminario, in-8®, It. lib. 102. 

ETTORE DE TONI 

Dizionario di pronunzia dei principali nomi geografici mo- 
derni. -Venezia, 1895, Tip. Emiliana, 8°, p.xxxii--520. L. 5. 

J. B. DE TONI 
Herbarium Phycologicum Decad. I-II, It. lib. (francs) 12. — 



Serie XV (AllflO XIX Mia MaziOIie Mia "NotariSlaJ Aprile 1904 

LA NUOVA 

NOTARISIA 



lUilUlllllil ilJUL/U UIUUIU ULlhUU 

REDATTORK E PROPRIETARIO 

G. B. DOTT. DE-TONI 

LAUREATO DELL* ISTITUTO DI FRANCIA 

PROFESSORE DI BOTANICA PRESSO LA R. UNIVERSITÀ DI MODENA, 

MEMBRO EFFETTIVO DEL REALE ISTITUTO VENETO DI SCIENZE. LETTERE ED ARTI, 

MEMBRO ONORARIO DELLA SOCIETÀ REALE DI MICROSCOPIA DI LONDRA 

E DELLA SOCIETÀ LINNEANA DELLA NUOVA GALLES DEL SUD, 

SOCIO PERPETUO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA, 

MEMBRO ORDINARIO DELLA SOCIETÀ IMPERIALE DEI NATURALISTI DI MOSCA E DELLA SOCIETÀ BOTANICA 

DI BERLINO, SOCIO CORRISP. DELLA SOCiETÀ DANESE DI BOTANICA, I ELLA SOCIETÀ NAZIONALE 

DI SCIENZE NATURALI E MATEMATICHE DI CHERBOURG ECC. ECC. 

S03IMARI0 

A. Mazza : Un manipolo di Alghe marine della Sicilia. — Lttteratura 
phycologica. — G. B. De Toni : Onoranze al prof. Federico Delpino. — 
Aggiunte all' Erbario De Toni. — Necrologio. — Notizie. — 
Avviso. 



Adresser tout ce qui concerne la: 

«NUOVA NOTARISIA» 

^^ a M. LE Prof. G. B. DE TONI ^^ 
R. Orto Botanico, Modena (Italie) 

Prix d'abonnement pour les années 1890-1903 
Francs 210 

Prix d'abonnement pour les années 1886-89 du Journal d'algologie «Notarisiaj 

francs 60. 



Collaboratori della NUOVA NOTARISIA 



Bentivoglio — O. BoRGE — A. BoRzi — F. Castracane (f) — 
J. Chalon — R. Chodat — J. Comère — J. Deby (f) — D. 
Filippi — A. Forti — M. Foslie — A. Garbini — R. Gut- 
wiNSKi — A. Hansgirg — E. M. Holmes — T. Johnson — G. 
Lagerheim — A. Mazza — C. Mereschkowski — L. Monte- 
martini O. NORDSTEDT — P. PeRO P. PeTIT A. PIC- 
CONE (f ) — T. ReINBOLD — P. RlCHTER J. J. RoDRIGUEZ 

W. ROTHERT F. SaCCARDO (-f) W. ScHMIDLE B. SCHROE- 

DER — C. Scroeter — A. Trotter — W. West. 



Aprile 1904 (AuDO ìli dalla foMazìone iella "NotarisìaJ 

LA NUOVA NOTARISIA 

PROPRIETARIO E REDATTORE 

DoTT. G. B. DE TONI 

LAUREATO DELL* ISTITUTO DI FRANCIA 
PROF. DI BOTANICA NELLA R. UNIVERSITÀ DI MODENA 

R. Orto Botanico Modena (Italia). 



Angelo Mazza 



Un manipolo di Alghe marine della Sicilia 

(contin. e fine) 



Pliyllophora palmettoides Hauck, Meeresalg. pag. 144 (excl. syn. 
plur.). 

Spliaerococcus nìcaeensis Kg. Tab. Phyc. XVIII, gó, c-d. 

Habìl. Mediterraneo a Genova (L. Dufour), Adriatico (sec. Hauck), 
Marsiglia (sec. Kùtzing). 

a Se il carattere delle frondi arrotondate agli apici fosse costante, 
sarebbe facile il distinguere in ogni caso questa specie da quella 
precedente, ma io non credo che sia cosi ; e neppure so trovare un 
buon carattere distintivo nel callo radicale, il quale nei miei esem- 
plari passa per gradi dalla forma di disco a quella di filamento più 
o meno allungato e serpeggiante. Tutti gli esemplari sterili riferibili 
alle forme, che danno argomento alla presente nota, li considero per- 
ciò come incerti, senza eccettuare quelli in più volte ricevuti dal 
eh. Hauck. 

Rhodymenia (?) Holmesii. 

{Rhodynienia (?) Palmetta var. Nicacensis Holmes loco cit., Harv. 
Phycol. brit. pi. 3io sec. Holmes). 

Ahit. Oceano Atlantico sulle coste della Gran Bretagna. 



50 

<i Stando alla figura dell'Holmes avrebbe: callo radicale filiforme, 
serpeggiante, stolonifero; rami frondosi lineari o cuneati, semplici o 
bipartiti, cogli apici arrotondati oppure prolungati in appendici cirri- 
formi. Dei cistocarpi non è nota che la posizione, la quale è simile 
a quella delle specie precedenti. Le tetraspore occupano i cirri ter- 
minali nei quali si trovano sparse ed hanno il nucleo diviso a croce. 
Le cellule dello strato interno della fronda sarebbero esagonali bis- 
lunghe, mentre nella Phyllophora palmettoides sarebbero esagonali 
arrotondate ». 

Gen. Phyllophora Grev. 

56. Phyllophora nervosa (De Cand.) Grev. 

Messina, Acireale, Licata^ Trapani, Stromboli. 

A parte la solita forma tipica, comune a tutti i punti del Me- 
diterraneo ne segnalo due tra di loro in perfetta antitesi: 

a. Frondi sessili, assai sottilmente membranacee eppure eviden- 
temente ancipiti, alte 3 Cent, e mezzo, larghe 4 millim. nella mas- 
sima loro ampiezza che viene raggiunta nella parte superiore, dispo- 
ste in modo radiato intorno al callo basilare, dicotome poco sopra 
la base, di-policotome in alto, con le estremità in parte semplici, 
rotondate, in parte bilobe. Il significato di simili configurazioni ci- 
mali, che si ripetono nella grandissima parte delle alghe ramificate, 
non esprime del resto che i vari stadi di accrescimento, come lo di- 
mostrano i passaggi graduati dal lobo cimale unico, perfettamente 
integro, a quello appena intaccato, da questo a quello bifido che alla 
sua volta finisce per assumere l'aspetto dicotomico, ossia della rami- 
ficazione. Assenza assoluta di prolificazioni (Messina). 

b. Fronda lunga 20 Cent, (manca della base), larga tre millim., de- 
cumbente, con portamento di Fanchea repens, strozzata a lontani in- 
tervalli con rari accenni a incipienti prolificazioni. Colore roseo-sbia- 
dito. (Stromboli;. 

Osservatone. — « Nella Flora marina del Golfo di Napoli » (') 
prendevo occasione da questo esemplare per rilevare il fenomeno 
della intensità dei colori in alcune specie di alghe proprie della terza 



(') In Nuova Noiarisia, Luglio 1902, p, 136, 137. 



61 
zona di profondità, ciò che sarebbe in grande contraddizione con la 
supposta assoluta oscurità dell'abisso pelagico. In aggiunta a quanto 
già espressi a questo riguardo, piacemi riportare le seguenti autore- 
voli parole: « Quand ils ont en abondance toutes les choses néces- 
saires à la vie, beaucoup d'hommes ne travaillent pas. Les Algues 
font de meme, M. Bouilhac, M. Radais et d' autres ont nìontré que 
les Algues vivaient et se multipliaient sans se décolorer dans une 
obscurité felle que les plaques photographiques les plus sensibles ne 
sont pas voilées, à la condition qu'on leur fournit une nourriture 
appropriée. Elles se dispensent alor de travailler. M. M. Matruchot 
et MoLLiARD ont fait la méme observation sur le Stichococcus bacil- 
laris. Toutefois, dans leurs expériences la coloration etait un peu 
affaiblie. Sans doute, dans le peuplier où vous avez trouvé votre Sti- 
chococcus, les matieres hydrocarbonées alimentaires ne manqua ient 
pas. Il se pourrait bien, en outre, que quelques fissures del'ecorce 
permissent à l'air et à la lumière de parvenir jusqu' à 1' Algue. Quand 
on a fait de la photographie on sait combien la lumière se faufile 
souvent dans les endroits en apparence les mieux clos » ('). 
57. Phyllophora Heredìa (Clem.) J. Ag. 

Messina. 

Per conto mio dovrei ritenerla piuttosto rara in Sicilia, ma mi 
consta essere assai comune a Licata (Beltrani). Nel Golfo di Napoli 
è abbastanza frequente, e più ancora in quello di Gaeta dal qual 
punto, risalendo, va facendosi sempre più comune. Abbonda sulle 
spiaggie Laziali. 

Osservazione. — Qui dovrebbe seguire la 
Phyllophora nicaeensis Ardiss. 

(Note 1893) cui evidentemente debbonsi riferire i miei esemplari 
siciliani; senonchè la determinazione di questa pianta rimanendo in- 
certa secondo le conclusioni del eh. Ardissone (veggasi quanto si 
disse sotto il N. 55 di questo scritto), mi limito al semplice suo 
cenno, considerato che pure i miei campioni sono sterili. 



(') BoRNET in lett. 6 Maggio 1903 ad A. Mazza. 



52 



Fam. RHODYMENIACEAE Naeg. (mut. limit.) J. Ag. 
Geii. Chylocladia Grev. 

58. Chylocladia kaliformis (Good. et Woodw.) Grev. {Gastroclo- 
ninui halijonne Ardiss.). 

Messina, Riposto fra Torre e Pupillo, Acireale, Licata. 

Specie assai polimorfa, e talvolta anche assai policroma, giacche, 
a seconda dell' età e dell' ambiente, varia tra il porporino, il vinoso, 
il giallastro, il cinnamomeo e il verde. La ramificazione delle frondi, 
distica od opposta, o combinata nei due modi sulla stessa fronda, 
conferisce a questa un aspetto pennato e bipennato. I rametti se- 
condari variano in lunghezza da 3 millim. a 3 Cent. La massa delle 
frondi è spesso così abbondante ed intricata da conferire allo insieme 
un perimetro sferico. 

Da Licata ebbi un tipo all' intutto simile a quello che il Le }o- 
Lis ha distinto sotto il nome di forma aestivalis, come da antentico 
di lui esemplare raccolto nel giugno a Cherbourg. 

Gen. LoMENTARiA Lyngb. 
Sez. I. Eulomentaria. 

59. Lomentaria articulata (lluds.) Lyngb. 
Palermo, Siracusa. 

Assai bene caratterizzata, ma ritengo molto meschinamente rap- 
presentata nei miei esemplari che misurano l'altezza di 3 Cent. 

Dalle isole Fcroe al Marocco; Mediterraneo. 
óo. L. parvula (Ag.) Gaill. (Champia parvula Harv.). 

Fra Torre e Pu\7jlìo {Acireale)., Palermo. 

Un mio esemplare della Sicilia misura 4 Cent, di altezza. 

Sotto il titolo: « Il genere Champia Desv. (') » il eh. Dott. G. B. 
De Toni pubblicò un' interessante memoria alla quale dovrebbe ri- 
correre il giovane studioso allorché si troverà alle prese coi generi 
Chylocladia e Lomentaria. 



(') G. B. De Toni — Estratto dalle Meni, della Ponti/. Accad. dei nuovi 
Lincei, voi. XVII, con Tavola. 



53 

Sez. II. Chondrothamnion. 

ói. L. clavellosa (Turn.) Le Jol. 
Palermo. 

Ha ristessa distribuzione geografica della precedente, e cioè à'òì- 
V lìighillerra a Madera e alle Canarie; Mediterraneo. 

Gen. Chrysymenia J. Ag. 

62. Chrysymenia ventricosa (Lamx.) J. Ag. 
Palermo, S. Maria la Scala ad Acireale. 

Nei miei esemplari è rappresentata nella forma adulta con le 
divisioni spiegate a ventaglio e le estremità bifide a punte assai di- 
suguali; da una forma giovanile composta di tre frondi cuneate alla 
base, indi ramificato-lobate; e da una terza forma, pure adulta, pro- 
fondamente di-policotoma. Pare esclusiva del Mediterraneo. 

63. C. Uvaria (L.) J. Ag. 

Messina, Siracusa, Palermo. Da Cadice alle Canarie, Mediter- 
raneo ecc. 

64. C. Chiajeana Menegh. 
Acilre\-:{a {Catania). 

Forma giovanile, ma assai bene caratterizzata. 
Rara vien detta dall' Ardissone. 
Venne raccolta anche a Biarritz. 

Gen. Sebdenia Berthold. 

65. Sebdenia Monardiana (Montg.) Berthold. {Raly menta Monar- 
diana Montg.) 

La Sicilia finora non me n' offerse che un meschino e guasto 
campione trovato reietto a S. Maria la Scala presso Acireale. Di que- 
sta interessante specie ebbi a discorrere nella Flora marina del Golfo 
di Napoli. 

Gen. Rhodymenia. Grev. 

66. Rhodymenia corallicola Ardiss. 
Palermo, Acireale, Siracusa. 



54 

I diversi tipi presentati dai miei esemplari siciliani di questa 
specie meriterebbero la pena di una dettagliata descrizione dalla quale 
tuttavia mi dispenso dopo quanto ebbi già a scrivere nel fascicolo 
di Gennaio 1908 della Nuova Notarisìa. Ivi concludevo riportandomi 
all'autorevole avviso del eh. Dott. Bornet {Algues de Schousboe) se- 
condo cui la vera Rhodym. Palmetta Grev. « parait très rare dans la 
Mediterranée (Alger; mer Egee ex Ardiss.) où elle est rcmplacé par 
l'espèce suivant », e cioè dalla Rhodymenia corallicoìa. 

Quest'importante verità non mi sembra mai abbastanza ripetuta, 
quando si pensi che molti autori e raccoglitori continuano a volere 
ravvisare la Rhodymenia Palmetta nel Gymnogongrus nicaeensis o 
Phyllopìiora palmettoides, per meglio dire. 

La vera Rhodymenia Palmetta Grev. del Mediterraneo, che è poi 
il Fucus Palmetta dell' Esper, pei caratteri macroscopici assai differi- 
sce non solo dalla Phyllophora palmettoides, ma dalla stessa Rhody- 
menia Palmetta Grev. d'origine atlantica, come posso giudicare sopra 
un bello e ricco esemplare del Sauvageau e sopra un altro del Le 

JOLIS. 

Non meno di cinque sono le forme di Rhodymenia corallicoìa 
da me raccolte nelle acque siciliane, ma la più significativa è la se- 
guente. 

Da uno stipite piano, largo un millim., alto tre millimetri, s' in- 
nalzano dicotomicamente due divisioni cuneate aventi la larghezza 
di mezzo Cent., coi segmenti terminanti in lobi disuguali a punta 
ottusa o rotonda. Ora questa forma, a parte le dimensioni minori, 
è quella che in ogni suo particolare (stipite, forma delle dicotomie, 
ascelle ottuse, colorito, consistenza della fronda e sua poca aderenza) 
si avvicina assai all'esemplare oceanico del eh. Sauvageau. 
Ó7. R. ligulata Zanard. 

Palermo, Acireale. 

Nei nuovi esemplari di questa specie, reietti in perfetto stato da 
una forte libecciata a S. Tecla presso Acireale nel maggio 1902, ho 
notato ancora una volta il curioso polimorfismo che in sé può riu- 
nire lo stesso individuo. 

In una pianta si può riscontrare la vegetazione dell' anno pre- 
cedente nei segmenti piìi spessi, pili oscuri, lungamente sviluppati, 
lineari e semplici nei primi due terzi, espanso-cuneati in alto, o bi- 



56 

fidi o laciniati a punte sottili e brevemente forcute; mentre nella 
parte basilare si addensano le giovani rosee frondi dicotome o poli- 
cotome, a divisioni Ugniate, davate o rotondate. L' insieme della 
pianta bienne o polienne assume il portamento repente-decombente. 
Inverdisce facilmente a tratti parziali. Rara nelle mie escursioni. 
Alga italiana per eccellenza, secondo le indicazioni attuali. 

Gen. CORDYLECLADIA. J. Ag. 

68. Cordylecladia heteroclada (Montg.) J. Ag. 
Dobbiamo il rinvenimento di questa interessantissima specie al 
benemerito Sig. V. Beltrani che primo Ce credo unico finora in 
Italia) la raccolse sulle spiaggie di Licata, rendendone per ciò solo 
classica la località. La specie venne identificata dal prof. Ardissone 
che ne diede un' esatta descrizione nella sua Phycolog. mediterr. I, 

p. 22 1. 

Uno de' miei esemplari raggiunge l'altezza di 20 Cent. 

Trovasi anche sulle coste dell'Algeria, secondo il Montagne che 
per primo la descrisse. È forse d' origine atlantica, ma ciò non è stato 
finora constatato. 

Gen. Plocamium Lamx., Lyngb. emend. 

Ò9. Plocamium coccineum (Huds.) Lyngb. 

Acireale, Licata, Siracusa. 

Questa specie per 1' eleganza del portamento e del disegno e la 
gaiezza del suo colore roseo o porporino, nulla cede in bellezza alle 
trenta e più altre che si conoscono. Nel Mediterraneo non è rara la 
forma augiistifrous Le Jolis, ma non mai occorsemi di vedere anche 
la var. nncinatum (Ag.) di cui possiedo un esemplare stato raccolto 
a Cherbourg dallo stesso Le Jolis. 

Fani, RHODOPHYLLIDACEAE Schm. 
Gen. Rhodophyllis Kg. 

70. Rhodophyllis bifida (Good. et Woodw.) Kg. 
Acquasanta, Foro italico e alto porto a Palernio. 



66 

I miei esemplari siciliani sono alti da 2 Cent, e mezzo a 6, e 
variano assai per la forma e la larghezza dei segmenti a seconda 
che la pianta è sterile o fertile. Coi cistocarpi prende l'aspetto di 
certe forme di Nitophyllum punctatum. 

71. R. appendiculata J. Ag. 

Ci vorrebbe una grande abbondanza di materiale di diverse pro- 
venienze per giudicare se meglio valga la nomenclatura del Turner 
{Fucus bìfidus var. ciliatus) che in questa pianta credette vedere una 
semplice varietà della precedente, o la nomenclatura di G. Agardh 
che ne fece una specie nuova. Posso dire soltanto che in uno stesso 
cespo trovai frondi integerrime e frondi ciliate. 

Gen. RissoELLA. J. Ag. 

72. Rissoella verruculosa (Bertol.) J. Ag. 
Acireale. 

Pianta annua. L'unico mio esemplare di Sicilia è composto di 
due frondi lungamente stipitate, alte 8-1 1 Cent., larghe 2-3 Cent.; 
dimensioni eccezionali, dato il genere. 

Fani. SPYRIDIACEAE Harv. 
Gen. Spyridia Harv. 

73. Spyridia filamentosa Harv. 

Acquasanta e Romagnolo a Palermo, porto di Trapani. 

Fam. SPHAEROCOCCACEAE Ardiss. 

Sez. I. Gracilarieae Naeg., J. Ag. 

Gen. Gracilaria Grev. 

74. Gracilaria confervoides (L.) Grev. 
Palermo, Messina, Acireale, Siracusa, Stromboli. 

Anche negli esemplari siciliani s' impone la grande variabilità di 
questa cosi detta Codina rossa, che dai ó ai io Cent, può innalzarsi 
fino a più di un metro. 



57 
Di quest'ultima misura ne ebbi un esemplare raccolto al Faro 
di Palermo dal benem. V. Beltrani. 

Per regola generale le forme basse sono cespugliose e assai ra- 
mificate lungo tutto il percorso della fronda, e V opposto succede 
nelle forme procerrime. 

Interessantissima è una forma ramiilosa, assai bassa, coi rametti 
molto addensati, sottili, curvati in basso la maggior parte. {Messina 
21 Maggio 1^00, legi). 

75. G. dura (Ag.) J. Ag. 
Acireale, Siracusa. 

Assai cornea nel secco; di color giallognolo chiaro. 

76. G. compressa (Ag.) Grev. 
Palermo. 
Violaceo-verdastra in trasparenza. 

Sembra prediletta dalla Sepia che vi appiccica le sue grosse ova 
nere munite di un corno. 

Tj. G. armata (Ag.) Grev. 

Messina, Palermo. 

Della Sicilia ne conosco due forme : 

La prima alta dai i5 ai 3o Cent., coi rami assai allungati, prov- 
visti di pochi rametti unilaterali; giallastra o verdastra con cistocarpi 
porporini, emisferici, sparsi lungo i rami da poco sopra la base fino 
all'altezza di circa 20 Cent. {Messina); 

La seconda forma attrasse già l'attenzione del compianto prof. 
A. Piccone che la giudicò per una interessatile floridea, riprometten- 
dosi di studiarla e di sapermi poi dire l'esito delle sue osservazioni 
che mai non ebbi, essendo egli morto un venti giorni dopo. La 
pianta ha tutti i caratteri della G. armata compresi gì' intimi. Le cel- 
lule corticali sono cilindriche e disposte sopra una sola serie. L' al- 
tezza è di 10-14 Cent. Più frondi sono portate da un unico callo 
radicale, poco sopra del quale si ramificano. I rami primari hanno 
in basso pochi rametti brevi, per lo più unilaterali, e poscia proce- 
dono nudi fino alle grandi dicotomie superiori che, alla loro volta, 
danno luogo alle minori di-policotomie assai ravvicinate, in modo 
da conferire alla pianta l'aspetto corimboso-stipato. Gli estremi ra- 
metti finiscono in brevi punte bi-pluriforcate. l cistocarpi si adden- 



58 

sano sui rami superiori corimbiformi. Nel fresco il colore e alro-vio- 
laceo o bruno-giallastro. 
{Palermo) ('). 

Ge7i. Calliblepharis Kg. 

78. Calliblepharis jubata (Good. et Woodw.) Kg. 
Palermo, al Castello; reietta. 

In questo esemplare, alto io Cent., è assai rimarchevole la lar- 
ghezza della fronda che raggiunge il mezzo Cent. A 2 Cent, sopra 
della base si divide in dicotomie. I rami sono pennati. 

L'esemplare, di un bel porporino, è quasi identico nella forma 
a quello della collezione del prof. Ardissone il quale non si nasconde 
il dubbio che si abbia probabilmente a riferire ad una varietà della 
Calliblepharis ciliata (L.) Kg. 

Gli esemplari di Minorca, almeno quelli stati gentilmente a me 
comunicati dal eh. Rodriguez, sono strettamente lineari e sprovvisti 
di ciglia. 11 Dott. BoRNET, parlando di quelli dello Schousboe, dice: 
« plusieurs des échantillons sont remarquables par l' étroitesse de leur 
fronde ». 

Nei tre esemplari atlantici della mia collezione non si osserva 
alcuna dicotomia. Ripetutamente dicotomica è invece la C. fimbriata 
J. Ag. del C. di B. Sp. 

Sez. II. Sphaerococcaceae Dumort., J. Ag. 
Gen. Sphaerococcus Stack. (mut. char.) Grev. 

79. Sphaerococcus coronopifolius (Good. et Wood.) Ag. 
Palermo, Messina al Faro, Trapani. 

Pianta comune, ma non sempre ovunque abbondante. 

Osservazione. — Il nome di Sphaerococcus, che già si estendeva 
ad un'ottantina circa di specie, venne conservato per sole cinque, 
in queste compreso lo Sph. rhi^opliyUoides Rodriguez. Tutte le altre 
vennero riferite a numero 27 generi diversi con predominio di Gra- 



(') Anche nel porto di Livorno, alla profondità di 2-3 metri 



59 

diaria (21 specie), Rhodymenia (12 specie), Eucheuma (4 specie), Phyl- 
lophora (4 specie), il resto ad altri generi con uua o due specie cia- 
scuno. 

Il eh. Ardissone nella Rivìnta delle Alghe mediterranee, parte I, 
vi comprende con riserva la nuova specie Sph. rhi^ophylloides Rodr., 
delle Baleari. Le ragioni di un tal riserbo si basano sulle differenze 
macroscopiche e di struttura fra questa specie e il coronopifoliiis, e 
conclude col dubitare assai che la nuova specie possa stare in uno 
stesso genere con quest' ultimo. 

Conchiude che « a chiarire il quesito converrebbe conoscere la 
struttura dei cistocarpi; ma questi mancano nel mio esemplare, né 
in quanto alla struttura vengon punto descritti dall'Autore della 
specie » ('). 

Fam. DELESSERIACEAE Naeg. (excl. p.) Ardiss. 
Geii. NiTOPHYLLUM Grcv. (mut. limit.) J. Ag. 

Delle numero settantotto specie, circa, finora conosciute, solo 
quattordici appartengono al Mediterraneo. 

80. Nitophyllum punctatum (Stack.) GvQ\.{Ulva punclala Stack., 
Nitophyllwn punctatum v. ocellatum J. Ag.). 

Palermo, Messina, Acireale, Trapani. 

Negli esemplari siciliani non mancano passaggi che accennano 
anche alle varietà ulvoides e reniforme J. Ag. 

In generale la varietà ocellatum assume maggiori estensioni, e 
in quanto a tutte le altre parvenze vanno soggette a diversi muta- 
menti a seconda dell'età della pianta e dell'ambiente in cui cresce. 
Siccome la specie non è suscettibile di prolificazioni, la pianta, mas- 
sime nella var. ocellatum, in seguito a fortuiti stroncamenti di qualche 
segmento, utilizza la propria energia iniziale in uno straordinario svi- 
luppo dei segmenti rimasti che allora prendono un aspetto molto al- 
lungato e quasi fastigiato. 

Non conosco che produzioni primaverili, alte dai 2 ai 3 Cent., 
spesso provviste di tetraspore, e, più raramente, di cistocarpi. 



(') «Rendiconti» del R. Ist. Lonib. di se. e lett. serie II, voi. XXXIV, 1901. 



60 

Nelle forme oceaniche i segmenti sono assai più largamente fla- 
bellati e coi margini superiori appena leggermente lobati. 

Habit. Spiagge dell'Atlantico superiore così d'Europa come di 
America; Mediterraneo e Adriatico. 
8i. N. uncinatum (Montg.) J. Ag. 

Palermo, Acireale, Riposto. 

La marina di Palermo ne è specialmente ricchissima in maggio, 
e ce ne presenta forme di assai bello sviluppo che quasi gareggiano 
con quelle oceaniche. 

82. N. venulosum Zanard. {Acrosorium aglaophylloides Zanard.). 
A Messina sulle pietre calcaree. Raro. 

1 miei esemplari sono alti da '/^ Cent, a uno e mezzo, epperò 
sono da ritenersi nei primi gradi di sviluppo. Sono sessili, a circoscri- 
zione lanceolato-troncata, con l'estremità bifida o trifìda e con qual- 
che dente laterale. Vennero pescati a 90 metri di profondità. 

83. N. tristromaticum Rodrig. 
Messina. 

Nuova specie scoperta dal eh. Rodriguez a Minorca, della quale 
lo scrivente rese già conto ('), in seguito al rinvenimento da lui pure 
fattone a Messina il i3 maggio 1902. 

Non mi resta da soggiungere che avendone ricevuto altri esem- 
plari autentici rimessimi dallo stesso Autore, potei constatare che 
trattasi di pianta perennante. Infatti la vecchia fronda, già tutta fo- 
racchiata e sformata dalle lacerazioni, ha preso una consistenza quasi 
cornea, epperciò inaderente. L'accenno da me fatto alle probabili 
prolificazioni in questa specie non erano erronee, e la vecchia pianta 
ne reca parecchie. Quelle del primo stadio hanno appena qualche 
millim. di altezza e sono subrotonde, indi cuneate, poscia flabellate in- 
tegre, in seguito mano mano sempre più lobate fino ad assumere, 
nello stato adulto, la forma descritta. Completano la descrizione le 
seguenti interessanti notizie dello stesso sig. J. Rodrifuez : « il Nit. 
tristromaticum ha uno stipite corto, ordinariamente semplice, rara- 
mente ramoso. Gli esemplari che non hanno stipite non sono com- 
pleti » Q. 



(') A. Mazza, [hi nuovo NitophylliiDi. Vegg. Nuova Notarisia, Luglio 1903. 
(^) J. J. Rodriguez. — Tarieta Postai 12 Novembre 1903 ad A. Mazza. 



61 

Ge7t. Delesseria Lamx., Grev. emend. 

84. Delesseria Hypoglossum (VVoodw.) Lamx. 
Messina, Licata. 

Forma tipica quella di Licata. 

Nella forma di Messina, per le fogliolc assai allungate, stretta- 
mente lineari, assottigliate alla base ed assai acuminate, vi ravviso i 
caratteri della 

85. var. penìcillata, fin qui stata segnalata soltanto nell' alto 
Adriatico (Zanardini, Liechtenstein) e al Porto Maurizio (Straf- 

FORELLO). 

86. D. crispa Zanard. 
Palermo, località Romagnolo. 

Ad onta del manifesto carattere delle sue fogliole increspate, non 
è senza riserva che ascrivo a questa specie il mio esemplare, poiché 
non escludo il sospetto che possa trattarsi di una semplice forma 
della D. Hypoglossum. 

Deir autentica D. crispa ne possiedo un campione donatomi dal 
eh. Ardissone. Si tratta di pianta per eccellenza pusilla. 

Fam. HELMINTHOCLADIACEAE J. Ag. 
Gen. Nemalion Duby. 

87. Nemalion lubricum Duby. 
Palermo, Acireale. 

Di color bruno-giallognolo, o intensamente porporino-atro-vio- 
laceo visto in trasparenza. I miei esemplari siciliani in alcune frondi 
si presentano persino con quattro ramificazioni, e anche con cinque 
in altri di diversa provenienza {Marami sul mare vivo fra Peìkstrina 
e Chioggia); mentre in alcuni campioni del 'Nemalion muUiJìdum J. 
Ag. raccolti a Llohkefjord (Norvegia), le ramificazioni non sono più 
di due o tre per ogni fronda. 

Gen. LiAGORA 

88. Liagora viscida (Forsk.) Ag. 
Palermo, Messina. 



62 

89. L. ceranoides Lamx. 
Giardini {Messina), Acireale. 

90. L. distenta (Mert.) Ag. 
Presso Siracusa. 

Gerì. Chantransia (D. C.) Schmitz. 

È l'unico genere marino della sottofamiglia delle Chantransieae 
(Kuetz.) Trev. 

91. Chantransia secundata (J. Ag.) Thur. 

Sul Gelidium corneum all' Acquasanta a Palermo. 

Fani. CHAETANGIACEAE Schmitz. 
Gen. SciNAjA Bivona. 

92. Scinaja furcellata (Tarn.) Bivona. 
Palermo. 

L' ho soltanto da Palermo ('), ma basta questa località classica che 
ricorda l'anno 1822 in cui neW Pride il Bivona BERNrARDi Antonio 
ebbe per il primo a trattarne. 

Non ancora rinvenni nelle acque siciliane la varietà subcosiata 
che finora raccolsi unicamente al Granatello di Portici (Napoli). 

Osservazione. — Senz' alcun dubbio le coste della Sicilia e delle 
isolettc adiacenti debbono ospitare la Galaxaura adriatica Zanard. 
Questa pianta, come benissimo osserva il prof. T. Bentivoglio ('), 
non si deve più ritenere per rarissima, essendo stata comprovata la 
presenza sua in diversi punti del Mediterraneo, assai distanti Tuno 
dall'altro. Basti citare le coste dell'Istria e della Dalmazia, le coste 
della Francia ad Antibes (Bornet i883), quelle della Liguria al Porto 
Maurizio (Strafforello, ottobre i88oj e di Napoli (Berthold 1882), 
di Tripoli (De Toni 1888), di Albissola Marina (Piccone 1888), indi 
quelle del Golfo di Taranto (Giulio e Tito Bentivoglio icp'ò). 



(') Ora la trovo anche fra le raccolte di Riposto. 

(•) T. Bentivoglio. — La Galaxaura adriatica Zanard. a Taranto. Vegg. 
Nuova Nolarisia, Luglio 1903. 



Il trovarla raramente reietta si spiega col peso specifico della 
pianta più o meno densamente incrostata di sostanza calcare, e pel 
fatto di essere esclusivamente rupicola, giacché le coralline, ad esem- 
pio, sebbene calcifere per eccellenza, sono frequentemente reperibili 
in secco perchè impiantate spesso sopra alghe di facile galleggia- 
mento. 

Fam. SPERMOTHAMNIACEAE 
Gen. Spermothamnion Aresch. 

93. Spermothamnion irregulare (J- Ag.) Ardiss. 
Palermo, Licata. 

94. Spermothamnion Turneri (Mert.) Aresch. {Callithamnion Tur- 
neri Ag.). 

Palermo, nel porto al Borgo. 

Esemplare opimo, ma sterile; forse è da considerarsi come la 
var. variabile. 

Ne credo nuova la designazione nel mare di Sicilia. 

Gen. AloNospoRA Solier. 

95. Monospora pedicellata (Sm.) Solier. 
Licata. 

Negli esemplari atlantici la sostanza della fronda è più consi- 
stente, epperò di più nitida preparazione. 

Fam. GELIDIACEAE Harv., (cxcl. p.). 
Gen. Gelidium Lamx. 

96. Gelidium corneum (lluds.) Lamx. 
Messiti a, Acireale, Palermo. 

Sotto questa nomenclatura comprendo diverse forme che pre- 
senterebbero una grande differenza se fra l'una e l'altra non esi- 
stessero tipi che le avvicinano. Predominano la pristoides ('j, pe- 
ctinainm e latifolium. 



(') Da non confondersi con Gelici, pristoides (J. Ag.) Schmitz. (Hedwigia, 
1864) del C. di B. Sp. (Cfr. De Toni Syll. Atg. Voi. IV, Sect. I.) le cui interes- 
santi sinonimie sono appieno giustificate dalla originalità e stranezza dei carat- 
teri macroscopici della pianta, come può avere verificato chiunque ebbe la for- 
tuna d'aver scambiato materiali col eh. Dott. H. Becker F. L. S. 



64 



Gen. Pterocladia J. Ag. 

97. Pterocladia capillacea (Gm.) Bornet. 

Messina, liiposto, Acireale, Catania, Siracusa, Palermo, Trapani. 

Comune. I miei esemplari siciliani son tutti sterili. 

Con le tetraspore la raccolsi ad Anzio, e l'ebbi da Minorca. 

Gen. Caulacanthus Kg. 

98. Caulacanthus ustulatus (Mart.) Kg. 

Acquasanta a Palermo. Sugli scogli a poca profondità. 

Fani. WRANGELIACEAE Harv. 
Gen. Wr ANGELI A Ag. 

99. Wrangelia penicillata Ag. 

Palermo, S. Giovanni dei Cuti a Catania. 

La grazia e l'eleganza di questo gioiello di floridea si possono 
conservare quando la pianta da prepararsi sia in perfetto stato fisio- 
logico, altrimenti si fa giallastra o bruna. 

Fani. HYPNEACEAE J. Ag. 
Gen. Hypnea Lamx. 

100. Hypnea musciformis fWulf.) Lamx. 
Palermo, Riposto, Trapani. 

La giovane fronda con la sua base radiciforme s' impianta soli- 
damente sui cauli di Cistosira, di Sargasso, di Ritiflea, e sui calli 
basilari o sulle frondi di altre Alghe, come Gelidio e Pterocladia, op- 
pure sullo scoglio o sui manufatti, procedendo in modo semplice, 
filiforme subcilindrico, con qualche rara spina, e con le estremità 
raramente tenui ed erette, più spesso incrassate, ampiamente cur- 
vate, oppure falcato-uncinate, o circinate. Col progredire della vege- 
tazione la fronda si ramifica in dicotomie, ed ogni ramo si copre di 
rametti esigui, in forma di spine di ciglia. Questi rametti occupano 
i due lati della fronda rendendola sub-pennata, in alto si fanno uni- 



65 
laterali, e runcino o cirro apicalc s'incurva sempre dal lato che ri- 
mane sguernito di rametti. I buoni e ricchi esemplari assumono cosi 
un portamento assai elegante la cui venustà è alle volte accresciuta 
dai duplici o triplici colori della Gigartina Teedii. Nella IL Ecìdoni 
Suhr del Capo di Buona Speranza, a parte le frondi capillari, si ri- 
petono gli stessi caratteri della nostra. 

Pam. LAURENCIACEAE Harv. (excl. p.). 
Gen. Laurencia Lamx. 

loi. Laurencia obtusa Lamx. 
Palermo, Siracusa. 

Nella raccolta di Palermo è compresa una forma intermedia fra 
le varietà gracilis e geìalinosa. 

102. L. panlculata J. Ag. 
Messina, Palermo, Trapani. 

io3. L. papillosa (Forsk.) Grev. 
Messina, Palermo, S. Plavia, Tralntni. 

104. L. pinnatifida (Gm.) Lamx. 
Messina. 

io5. var. Osmunda J. Ag. 
Messina, Riposto, Acireale. 

Pam. RHODOMELACEAE Harv. 

Sez. I. Chondriopsideae J. Ag. 

Gen. Chondriopsis J. Ag. 

106. Chondriopsis coerulescens (Crouan.) J. Ag. 

Catania, Acireale, Palermo, Messina. 

Ognuno che da uno scoglio o da una barca si è dilettato di os- 
servare nel loro elemento, durante una perfetta calma delle onde, 
alcune delle produzioni marine, animali e vegetali, non di rado sarà 
stato colpito da certe iridescenze azzurre che più o meno presto 
scompaiono allora che l'animale e la pianta vengono estratti dal- 
l'acqua. L'azzurro della Veletta spiratis e della Ptiv salta pelagica 
dura anche parecchio tempo dopo la morte dell'animale, mentre lo 
stesso colore che si manifesta, specialmente nelle parti cimali della 



6G 

Cystoseria amentacea {erìcoides) fin che rimane sommersa, va inde- 
bolendosi una volta ritirata dall'acqua, e finisce per scomparire ap- 
pena l'eccesso di umore ha cessato di rendere turgescenti le cellule 
periferiche in cui maggiormente si concentra il processo di accresci- 
mento della pianta. 

Un eguale fenomeno può osservarsi in parecchi molluschi, aca- 
lefi e zoofiti nei quali però i colori possono variare, succedersi e 
confondersi per uno stimolo speciale dovuto ad una cosciente orga- 
nizzazione superiore come avviene, sotto lo stimolo di un senso, in 
vari Ctenofori fra i quali un magnifico esempio si ha nel Cestus Ve- 
neris, e, fra gli animali terrestri, nel Camaleonte. 

Secondo il eh. J. Chalon, la Cvstoseìra erìcoides « apparisce coi 
colori dell'iride sotto l'acqua, ma appena nell'aere diviene gialliccia, 
color di terra. Tutti i Fucus delle spiaggie del Belgio sono neri, o 
almeno foschi, e divengono in erbario neri come l'inchiostro; simil- 
mente Halidrys e Ascophyllum ». 

« I medesimi sulla costa Armoricana sono gialli, come arruggi- 
niti, e rimangono gialli dopo la disseccazione, purché questa sia ot- 
tenuta rapidamente. Altre Alghe cambiano il loro giallo in verde, 
p. es. Scytosiphon lomentarius, Pylaicìla ìittoraìis .... » ('). 

Consimili esempi non sono limitati a questi indicati. Si potrebbe 
aggiungere quello assai caratteristico della Thorea ramosissima che, 
da verde-scuro nel vivente, si muta, nel secco, in un bel porporino- 
violaceo. 

Non è da credersi, del resto, che la Cìiondriopsis coerulcsccns 
si mostri sempre con quella intensità di azzurro un po' livido ma 
assai appariscente, quale noi la vediamo appena reietta nelle prime 
ore del giorno, innanzi cioè che il sole la scaldi e l'annerisca ('). 
Questa cosi colorita rappresenta il tipo delle maggiori profondità. Ma 
ve n'ha un secondo tipo meno grande e proprio degli scogli poco 



(') J. Chalon. — In lett. 5 Novembre 1903 ad A. Mazza. 

(•) Cfr. L. Kny — Ueber die Morphologie von Chondriopsis coerulescens 
Crollai! und die dieser Alge eigenen optischen Erscheinungen, m. i Taf. Berlin 
1870. Sulla iride-scenza di questa specie e di altre Floridee, di Scirgassmn e Cysto- 
seira, di Derbesia ecc. si possono consultare le opere di G. Berthold, Golenkin 
ed altri autori citate in De Toni « Sylloge Algarum » voi. IV, sect. Ili, p. 175 
not. 2. 



67 
sommersi, il cui azzurro è simile a quello della Cystoseira ericoìdes, 
e che tosto scompare appena viene a contatto coli' aria. L'intensità 
e maggiore persistenza del colore azzurro del primo tipo è in rela- 
zione alle condizioni speciali di pressione e dì nutrimento cui è sog- 
getta la pianta. Quest'ultima circostanza, e cioè la questione del nu- 
trimento mi viene suggerita come induzione ma in analogia a quanto 
ho sempre osservato nel mare laziale (Anzio-Nettuno) a proposito 
del tipo delle piccole profondità. Ivi ho in diverse riprese e in di- 
verse stagioni raccolto, staccandole dai massi artificiali, grandi quan- 
tità di Choìidr. coerulescens sempre accompagnata da numerosi gio- 
vanissimi MytHiis ediilis annidantisi nelle basi cespugliose della pianta. 
La costanza della loro presenza in una data posizione, e cioè tra il 
callo basilare della pianta e la pietra di sopporto, farebbe pensare 
ad un modo di simbiosi basato sul solito do ut des. Naturalmente 
non intendo affermare (né avrei elementi per farlo) che il fenomeno 
debba ripetersi nelle identiche condizioni dovunque vi siano cespi 
di Clìondr. coerulescens. giacché gli scambi di materiali nutritizi e 
di mezzi di protezione e di difesa tra animali e piante vanno sog- 
getti a molte differenze ad ognuna delle quali corrispondono adatta- 
menti diversi tendenti sempre ad uno stesso fine che è quello della 
protezione e conservazione della specie. Non credo inutile osservare 
che il fenomeno si ripete anche a riguardo di PoIysipJionia opaca, 
P. pennata e P. secunda le quali, nella località predetta, vivono as- 
sociate con la Condriopsis coerulescens e lo stesso giovane mollusco. 

Che la nostra Chondriopsis abbisogni di molta materia azotata 
lo rivela la grande abbondanza di ammoniaca che esala allora che 
in grandi masse giacenti all'asciutto va spargendo un pu^^o di non 
so che A\ 11..^, come si esprime il prof. Ch.'Xlon nella citata sua 
lettera. 

« Les nuances chatoyantes, presquc phosphorescentes, de Cysto- 
seira ericoides se retrouvent très riches sur les plantes jeunes de 
Lanrencia pinnatijìda Lamour. EUes font songer aux refiets de labra- 
dorite et elles n' ontété jusqu' ici, je pense, l'object d'aucune recher- 
che speciale » ('). 



(') J. Chalon — Herborisations à Banyuls. 



68 

Simile osservazione lo scrivente ebbe a farla a proposito della 
Scinaja furcellata e della CJirysymenia ventricosa ('). 

Un bellissimo esempio terrestre d' iridescenza animale dovuto ad 
una nutrizione essenzialmente azotata l'abbiamo nelle Apalura Iris 
e A. Illa. Si sa che questi lepidotteri, così poetici e smaglianti nella 
maravigliosa loro veste nuziale, al nettare delle corolle preferiscono 
la ficnte des hesiiaux ('), massime dei porcini. È precisamente al- 
l'ammoniaca di tali materie che si deve il cangiante azzurro-violetto 
delle splendide ali delle Apatiira. 

E così si ripetono gli stessi fenomeni, tanto negli animali, come 
nelle piante; tanto in seno alle fredde acque, come nella libera aria 
riscaldata dal sole estivo filtrato dai pallidi salci lungo le quiete stra- 
dicciole di campagna, tra i verdi campi fioriti, pieni di voli delle 
festose Licenidi. 

Gen. AcANTHOPHORA Lamx. 

107. Acanthophora Delileì Lamx. 
Palermo, Siracusa, Trapani. 

Pel colore bruno-nerastro, per il portamento e per le piccole 
spine coniche ricordano il gen. Cysloseira; ond' è che il nostro Delle 
Chiaje [Hydr. Neap.) ebbe a chiamarla Cys/. acatitìiophora. Prepa- 
rata con accorgimento, e disseccata a grande pressione perchè bene 
aderisca alla carta e risalti la finezza estrema delle numerose spine, 
riesce di bello ed elegante effetto. 

Ge7l. DiGENEA Ag. 

108. Digenea simplex (Wulf.) Ag. 
Trapani, Stromboli. 

Questa pianta, così frequente in tutti i seni del Golfo di Napoli, 
mai ebbi a rinvenire nelle mie escursioni di Sicilia, ma solo l'ebbi 
da due miei corrispondenti dell' Isola. 



(1) A. Mazza — FI. mar. G. Napoli, «Nuova Notarisia » Lus^lio 1902. 
(-) George Sande — - Le monde de Papillons. 



69 



Sez. III. Polysiphonìeae J. Ag. 
Gen. PoLYSiPHONiA Grev. 

Agli illustri ScHMiTz e Falkevberg devesi la delimitazione rigo- 
rosa di questo genere che una volta abbracciava piuttosto confusa- 
mente un grandissimo numero di specie le quali oggi sono ridotte 
a 160 circa, di cui solo una cinquantina cresce nel Mediterraneo 
(Cfr. De Toni Sylloge Algarum, voi. IV, sect. 111). 

I. Ptilosiphonia J. Ag. 

( Polysiphonia pennata (Roth.) J. Ag. 
^ Pterosiphonia pennata (Roth.) Falkenb. 

Palermo. 

Cresce sugli scogli o sui manufatti a poca profondità (da due 
palmi a qualche metro), oppure sul fondo sabbioso reso stabile dallo 
aggregamento di vegetazioni diverse, od inlìne impiantata sopra al- 
ghe maggiori, quali Briossidi e Condriossidi, talvolta commista a Po- 
lysìph. secnnda ed altre. 

Si estende dalle coste di Normandia al Golfo di Guascogna. 
Mediterraneo. 

( Polysiphonia parasitica dluds.) Grev. 
( Pterosiphonia parasitica dluds.) Falkenb. 

Dragala nel Porlo a Palcruio. 

Porporino-scura in trasparenza, bruna all'aspetto, si presenta con 
una grazia suprema per le sue frondi dal perimetro obovato-lanceo- 
lato, finamente bipennate, ricordanti, in proporzioni assai minori, l'atlan- 
tica Plumaria elegans Schmitz. 

Intorno alla differenza tra questa specie e la Polvsiph. compla- 
nala (Polysiphonia deludens Falkenb.) ne scrisse il eh. Falkenberg 
nella sua Monografìa delle Rodomelacee. 

Rara nel Mediterraneo, sebbene la sua area di distribuzione geo- 
grafica sia assai estesa. 

III. P. tenella (Ag.) J. Ag. {Herposiphonìa lenella (Ag.j Naeg.). 

Scogli hallnli dai marosi all' Acquasaiila a Palermo. 

Per nulla differisce da un esemplare dell' Herb. G. Thuret, prò- 



70 

veniente da Bìarrìt\ dans les trous à Oursins 26 Juillel i8jo, avendo 
comune con questo anche il colore badio. 

I I 2. P, secunda (Ag.) Zanard. {Herposipìionia seciinda (Ag.) Naeg.). 

Palermo, Riposto; sulle Corallina, Jania, Rytiphlaea tinctoria e 
altre Alghe. 

Pianta più robusta e più scura della precedente. 

II. Herposiphonia J. Ag. mut. limit. 

1 13. P. repens Kg. 

Messi7ia. 

Alta dai due ai tre Cent. Rametti assai radi o nulli. Aspetto 
setoloso. 

114. P. cladorhiza Ardiss. 
Licata. 

Specie creata dal eh. Ardissone sopra esemplari pescati nel Jonio 
ad Acireale. Ne sostiene l'autonomia con l'osservare che malgrado 
le notevoli differenze esterne che presenta in confronto della P. in- 
tricata, non avrebbe esitato a considerarla come una semplice va- 
rietà di quest' ultima, se i sifoni non gli si fossero sempre presen- 
tati in numero di quattro, mentre che nella P. intricata, normal- 
mente almeno, essi sono sei. Soggiunge che una tale differenza se 
si trattasse di specie a sifoni numerosi non avrebbe alcun valore, 
ma quando i sifoni sono quattro o cinque soltanto, pare che il 
loro numero in generale si mantenga costante. 

11 5. P. divergens J. Ag. 
Messina, Palermo. 

L'esemplare di Messina nella forma anteridifera. 

III. POLYSIPHONIA I. Ag. 

nò. P. furcellata (Ag.) Harv. 

Palermo. 

In un esemplare si presenta assai espansa, in altri compatta. 
Del resto le forme, in questa specie, variano assai e per dir meglio 
variano in uno stesso individuo pel fenomeno dei propagoli che si 
staccano mediante una sezione che si produce alla congiunzione degli 



71 

articoli. A misura che la pianta procede nel suo sviluppo, i rami si 
denudano pel procedimento ora accennato e finiscono per essere ri- 
dotti agli assi principali (Bornet, Algues de Schousboè). 

117. P. collabens (Ag.) Kg. 
S. Erasmo a Pakrmo. 

Caratteristica pei ramoscelli corti ornitopodioidi intercalati sui 
rami principali molto lunghi, formanti le dicotomie. 

118. P. variegata (Ag.) Zanard. 
Romagnolo a Palermo. 

Forma giovanile (febbraio) e adulta (marzo). 

119. P. fruticulosa (Wulf.) Spr. 

Riposto, S. Giovanni dei Cuti presso Catania, Acireale. 

Abbondante su varie Alghe, massime Fucacee. 

Raramente con cistocarpi. 11 eh. Bornet avendo contato sopra 
una quarantina di campioni di P. fruticulosa di diverse provenienze 
il numero degli articoli che separano ciascun rametto nei rami nor- 
malmente sviluppati, ha trovato costantemente gli internodi di tre 
articoli nelle piante del Mediterraneo, mentre che ve ne sono quat- 
tro, o più raramente cinque, in quelle dell' Oceano. Eccezionalmente, 
e senza dubbio in seguito all'abortimento d'uno o due rametti, il 
numero è doppio o triplo {Alg. de Schousboè p. i53). 

IV. Oligosiphonia. 

120. P. sertularioides (Grat.) J. Ag. 
Palermo. 

Come ce lo rivelano gli esemplari di diverse provenienze, e 
come osserva il eh. Dott. Bornet nell'opera ora citata, si tratta di 
una pianta assai uniforme d'aspetto le cui variazioni, d'altronde as- 
sai deboli poiché riguardano più che altro la statura, sembrano di- 
pendere dal suo sviluppo più o meno avanzato, e si stenta per con- 
seguenza a comprendere la straordinaria profusione di nomi che le 
furono applicati. 

121. P. Castelliana De Not. et Duf. 

Assai abbondante sugli scogli e muri, poco sotto il pelo dell' acqua 
nei seni più tranquilli e riposti del porto di Messina. 

122. P. purpurea J. Ag. 
Messina. 



72 

Circa le affinità di questa specie alla P. subnlala, veggasi quanto 
ne dice il Dott. E. Bornet [Alg. de Schoiisb.). 

123. P. Brodiael (DilKv.) Grev. 
Messina. 

In uno de' miei esemplari di Messina raggiunge l'altezza di 22 
Cent. Molto elegante pel suo rameggio assai slanciato, iasligiato, coi 
rametti fasciculato-penicillati di un bel color rosso bruno. 

124. P. Derbesii Solier. 
Messina. 

Non meno bella della precedente. Varia nella consistenza e nel- 
l'aspetto dei rametti a seconda dell'età e dell'ambiente in cui cresce. 

125. P. subcontinua (Ag) J. Ag. 
Porto di Trapani. 

Forma senile depauperata. 
12Ó. P. elongata (Huds.) Harv. 

Palermo, reietta a Castello. 

Si tratta della forma arborescens, priva del fusto e della base, 
ma in ottimo stato. Pianta di vasta distribuzione geografica e assai 
polimorfa. 

Gen. Rytiphlaea Ag. 

127. Rytiphlaea pìnastroides (Gm.) Ag. 
Trapani. 

Pianta assai comune, ma non trascurala dagli algologi che in 
essa, come nella seguente, riconoscono una buona matrice di minute 
Alghe non facilmente reperibili. 

128. R. tinctoria (Clem.) Ag. 
Siracusa, Trapani. 

Forme abbondanti, bene spiegate, a rachide larga e prive di 
parassiti. 

Gen. 'ViDALiA J. Ag. 

Di questo genere se ne conoscono nove specie, di cui cinque 
torte a spira, ma una sola cresce nel Mediterraneo. 

Torte a spira sono: V. fimbriata (R. r3r.) J. Ag. Hic illic spira- 
liler torta. (Nuova Olanda e Nuova Caledonia). V. serrata (Suhr) J. 
Ag. Dense spiraliter torta (Porto Natale, Air, merid.). V. spiralis 



(Lamour.). Hic illìc spìraìiter torta (Spiagge occidentali della Nuova 
Olanda). V. intenmdia J. Ag. Vix conspicue torta (Nuova Olanda) ('). 
129. Vidalia volubilis (L.) J. Ag. 

Spiagge S. Maria la Scala e S. Tecla presso Acireale; Messina; 
spiaggia S. Lucia a Siracusa; spiaggia a Trapani. 

Pianta porporino-bruno-ambrina nel fresco, oltremodo caratteri- 
stica per la fronda più meno torta a spira che la fa tosto distin- 
guere sopra ogni altra. 

Alcuni esemplari sono provvisti di ceramidi e stichidi. 

Sez. IV. Dasyeae J. Ag. 
Gon. Dasya Ag. 

i3o. Dasya Wurdemanni Ball. 
Dragata alla Marina di Palermo. 

i3i. D. rigidula (Kg.) Ardiss. 
Palermo, Trapani. 

Sopra varie Alghe, fra cui Corallina, Jania, Rvliphlaea. 
È certo la più comune nel Mediterraneo. 

i32. D. ocellata (Gratel.) Harv. 
Rotoli a Palermo. Sugli scogli hattìLti dalle onde. 

i33. D. arbuscula (Dillw.) Ag. 
Scogli poco sommersi a S. Nicola di Licata. 

Del nostro mare io ebbi questa bellissima e rara specie soltanto 
dalla suddetta località resa classica dal benemerito sig. V. Beltrani 
di Palermo. Altro esemplare ne ebbi dal eh. N. Wille di Christiania 
sotto il nome di Callithamnion Arbuscula (Dillw.) Lyngb. Questo 
esemplare, raccolto a Karmoea dal sig. Schùbeler, sebbene incom- 
pleto, rivela una forma assai più robusta di quella siciliana. A questa 
specie non corrispondono invece affatto tre esemplari a me perve- 
nuti della collezione Le Jolis, Algues marines de Cherhourg, sotto il 
nome di D. Arbuscula. 



(') Cfr. De Toni — Syll. A/o-. Voi. IV, Sect. Ili, pag. iroo-1107. 



74 



Fani. PORPHYRACEAE Rabenh. 
Gen. PoRPHYRA Ag. ('). 

134. Porphyra leucosticta Thur, [P. atropurpurea (Olivi) De 
Toni]. 

Messina, Catania, Palermo. 

In generale questa specie, in quanto ai caratteri esterni, si di- 
stingue dalla seguente pel colore che dal roseo-chiaro va al porpo- 
rino, passando dall'una all'altra tinta mediante diverse gradazioni 
di tono. Tanto questa come la laciniata da me vennero sempre tro- 
vate o galleggianti, reiette o sopra altre Alghe, in ispecie : 

Phyllitis Fascia, Corallina, Laurencia [nnnatifida, Gelìdium cor- 
neum. 

i35. P. laciniata (Lightf.) Ag. 

Messina, Riposto, Acireale, Palermo. 

Riconosciuta abbondante nelle località predette. 

Le Porphyra sono da ritenersi fra le Alghe cho vantano in sommo 
grado il potere purificatore delle acque inquinate dei porti dove tro- 
vano sfogo molte impurità dei grandi centri d'abitazione. Abbondano, 
ad esempio, nei canali di Venezia. 

Nelle sue Ilerborisations à Banyuls, cos'i ne parla il prof. J. 
Chalon: a A trois kilométres de Porte Vendres, nous atteignons la 
très amusante ville de CoUioure. L' eau du grand port, en dessous 
de la forteresse, se renouvelle peu, et les égoùts s' y dèversent. Cette 
abondance de produits azotés crée aux Algues un milieu special; 
plusieurs espèces se développent d' une facon exubérante, la plupart 
prennent une teinte plus sombre; en grande quantità on peut ré- 
colter le Phyllilis fascia Le ]ol. qui ne croit point ailleurs dans les 
environs. De méme sous la falaise de Banyuls, en face du Labora- 
toire Arago, l'eau est aussi très impure et fètide, pour la méme 
cause; on y observe, et point ailleurs, le Porphyra laciniata Ag. en 
énormes échantillons ». 



(') Sul modo di vegetare delle Porpliyra e delle varie sue configurazioni, 
vegg. A. Mazza, FI. mar. G. di Napoli in Nuova Notarìsia, Luglio 1902. 



75 



Gen. Bangi A Lyngb. 

i36. Bangia fusco-purpurea (DilKv.j Lyngb. 
Sugli scogli a Catania. 

137. B. ciliaris Carmich. {Erythroirichia ciUaris Thur.) 
Sulla Corallina a Catania. 

Gen. Erythrotrichia Aresch. 

i38. Erythrotrichia ceramicola (Lyngb.) Aresch. 
Sulla Posidonia a Messina; sulla Caulerpa a Palermo. 

Gen. GoNioTRicHUM Kg. 

139. Goniotrichum dichotomum Berthold. 
Sul Gelidium corneum all' Acquasanta a Palermo. 



Sfilano, Novembre igoj. 



•'^i^i^^'^J*^ 



76 



LITTERATURA PHYC0L06ICA 
Florae et Miscellanea pliycologica 



1. Barton Gepp E. S. — List of iMarine Algac collccted at the Mal- 

dive and Laccadive Islands by J. S. Gardiner. — Linnean So- 
ciely s Journ., Dotany, voi. XXXV, igoS, p. 475-482, piate i3. 

2. Barton Gepp E. S. — List of Marine Algae collected by Professor 

Ilerdman, at Ceylon, in 1902, with a note on the Fructifìcation 
of llalimeda. — Ceylon Pearl Oysler fislieries, 1903, Suppl. Ke- 
ports n. 11. 

3. Bolochonzew. — Beobachtungen ùbcr das Phytoplankton der Wolga 

im Sommer dcs Jahres 1902. — Jalrrìnich der Biologìschen Wolge- 
Stalion, Ssaratow 1903. 

4. Brunnthaler J. — Phytoplankton aus Kleinasien, — Sil~inigsber. 

K. Ahad. der Wisse?isch. in Wien, mathem.-naturw. Klasse Bd. 
CXII, abth. 1, Marz 1903, p. 289-293. 

5. Chalon J. — Projet de liste des Algues marines comprises entre 

l'embouchure de 1' Escaut et la Corogne [incl. iles anglo-norman- 
des]. — Namur, 1904, A. Wesmael-Charlier, 8", pp. 19. 

6. Chapman F. ^^ Grayson H. J. — On « Red Rain » with special Re- 

ference to its occurrence in Victoria, with a Note on Melbourne 
Dust, with 2 plates. — Vicf. Naturalist 1903, p. 17-32. 

7. Cleve P. T. — Report on Plankton collected by Mr. Thorild Wulff 

during a Voyage to and from Bombay. — Archiv fòr Zoologi 
Band I, Stockholm 1903, p. 329-381, Taf. 16-19. 

8. Dalla Torre (v.) K. W. & Sarnthein (v.) L. — II. Bericht ùber die 

Flora von Tirol, Vorarlberg und Liechtenstein, betreffend die 
floristische Lilteratur dieses Gebietes aus den Jahren 1901 und 



igo2 mit Nachtragen aus den Vorjahren. — Ber. der naturvo- 
med. Vc'ì-eiJies XXIX. Jahrgang-, Innsbruck 1904. 
9. Foslie M. — Den botaniske Samling. — li. Norske Videiisk. Sehk. 
Aarsberctiì. far 1^02 (igoSj. 

10. Gaidukov N. — Ueber den braunen Algenfarbstoff (Phycophaein 
und Phycoxanlhinj. — Berichie dc-r deutscJieu hotan. Gesellschaft 
XXI, 1903, Heft 10, p. 535-539. 

11. Gaidukov N. — Die Farbenvcrànderung bei den Prozessen der 
komplcmentaren chromatischen Adaptation. — Ber. der deutschen 
bolaii. Gesellscli. XXI, 1903, Heft 9, p. 5 17-522. 

12. Hansgirg A. — Schiusswort zu meiner Arbeit «Ueber den Po- 
lymorphismus der Algen ». — Erigi. Botan. Jahrb., 32. Band, 
5. Heft, 1903, Beibl. n. 72. 

i3. Hansgirg A. — Algologische Schiussbemerkungen. — Sit-^ungsber. 

K. bollili. Gesellsch. der Wissensch. in Frag, 1902, XXVIII. 
14. Howe M. A. — A note on the « Flowering » of the Lakes in 

the Adirondacks. — Torreya 1903, p. i5o-i54. 
i5. Jónsson H. — The Marine Aigae of Iceland (HI. Chlorophyceae. 

IV. Cyanophyceae). — Botaiiisk Tidsshrift 25. Bind, 3. Ilefte, 1903, 

p. 327-385, hg. 1-19. 
lò. Kjeliman F. R. — Ueber die Meeresalgen von Beeren Eiland. — 

Arhiv far Botanik I, 1903, i-3, p. 1-6. 

17. Kneucker A. — Botanische Ausbeute einer Reise durch die Sinai- 
halbinsel von 27. Màrz bis i3. Aprii 1902 (Algae bearbeitet von 
Prof. W. Schmidle). — Allgem. botan. Zeitschrift X, 1904, n. 1-2, 
p. 14-16 (Algae p. 6-7, hg. 1-4)- 

18. Lolimann H. — Untersuchung ùber die Tier- und Pflanzenwelt, 
sowie ùber die Bodensedimente des Nordatlantischen Oceans 
zwischen 38"* und 5o° N. Br., mit Taf. — Sit~ungsber. K. Prcuss. 
Akad. W/ss. XXVI, 1903, pp. 24. 

19. Magnin A. — Les microphytes des lacs du Jura, notamment les 
Diatomées du Lac de Chalin d'après MM. Prudent et Roesch. 
— Ardi. Flore juruss. 1903, p. 108-110. 

20. Moore G. T. — The contamination of public water Supplies by 
Algae. — Yearbook of Depart. of Agricnltnre far 1^02, p. I75- 
186, plates XVIII-XIX. 



78 

21. Okamura K. — Contents of the « Algae Japonicae exsiccatae » 

■fascicLilus li. — Dolan. Maga'^^ine voi. XVII, Tokyo igoS. 
2 2. Ostwald W. — Ueber cine neue theoretisclie Betrachtungweise 
in der Planktologie. — Forschimgsber. Bioì. Stai. 711 Plon Teil X, 
1903. 

23. Protic G. — Peti prilog poznavanje flore okoline Varesa n Bosni 
(Fùnfter Beitrag zur Kenntniss der Flora der Umgebung von Va- 

res in Bosnien). — //; Glasnik z^emalj ììiu:{. '^a Bosne i Herceg. 
Bd. XV, Heft 2, p. 273-318, Sarajevo 1903. 

24. R. A. — Uses of Marine Algae in Japan. — New Phytologist 
1903, p. 1 15. 

25. Reed Minnie. — Two new Ascomycetous Fungi parasitic on Ma- 
rine Algae. — Univ. of California Public, Botany, Voi. I, p. 141- 
164, plates i5-i6, Berkeley 1902. 

2ò. Reinbold Th. — Meeresalgen von Tor (Sinai-Halbinsel, Rotes 
Meer). — Hedivigia Band XLII, 1903, Beibl. p. 227-232. 

27. Schmidle W. — Algen von Aegypten, Frankreich und Oberitalien 
gesammelt von A. Kneucker im Frùhjahr 1902. — Allgem. Bo- 
lan. Zeilschrift X, 1904, n. 1-2, p. 3. 

28. Tobler F. — Ueber Eigenwachsthum der Zelle und Pflanzen- 
form. Versuche und Studien an Meeresalgen. — Jahrb.fiir tuis- 
sensch. Botanih Band XXXIX, Heft 3, 1903, p. 527-680, Taf. X. 

29. Tobler F. — Eigenwachstum der Zelle und Pflanzenform. (Vor- 
làufìge Mitteilung ùber fortgesetzte Studien an Meeresalgen). — 
Bergens Museiuns Aarbog 1903, n. 11. 

30. Villard J. — Contribution à l'étude cytologique des Zoochlorelles. 
— Compi, rcnd. Acad. Se. Paris CXXXVI, 1903, p. 1 283-1 280. 

3i. West W. & West G. S. — Scottish Fresh water Plankton N. I. — 
Linnean Sociely s Journal, Botany, voi. XXXV, 1903, p. 5i9-55ó, 
plates 14-18. 

32. Wisselingh (van) C. — Ueber abnormale Kerntheilung, Fijnfter 
Beitrag zur Kenntniss der Karyokinese. — Bolan. Zeilung 1903, 
Heft X-XII, p. 201-248, Taf V-VII. 

33. Zahibruckner A. — Schedae ad « Kryptogamas exsiccatas » editae 
a Museo Palatino Vindobonensi. — Annalen des k. k. Nalurhist. 
Bofmuseum Bd. XVllI, 1903, Heft 4, p. 349-376 (Algae p. 359-365). 



79 



Biogrrapbica 

34. Collins F. S. — Isaac Holden. — Rhodora V, 1903, n. 67, p. 219-221. 

Florìdeae 

35. De Toni G. B. — Intorno ad alcune Bangia di Bory e di Zanar- 
dini — Affi della Poni. Accad. dei N. Lincei anno LVIl, sess. 
del genn. 1904. 

3ó. De Toni G. B. e Forti A. — Intorno al Byssus purpurea del 
Lightfoot. Nuove Osservazioni. — Alii del R. Istituto Veneto 
T. LXUI, p, 2o5-2io, Venezia 1904. 

'ò^ . Foslie M. — New Species or Forma of iMclobesieos. — K. Norske 
Vidensk. Selsk. Skrift. 1902, n. 2. 

Pucoidoao 

38. Robinson C. B. — The distribution of Fucus serratus in America. 
— Torreya voi. Ili, p. 132-134. 

39. Sauvageau C. — Sur les variations du Sphacelaria cirrosa et sur 
les espèces de son groupe. — Meni. Soc. se. pliys. et nat. de Bor- 
deaux HI sér., 6, 1903. 

40. Williams J. L. — Alternation of Generations in the Dictyotaceae 
and the Cytology of the asexual generation. — Meeting of the 
Brit. Association, Southport 1903. 

41. Vendo K. — Iledophyllum spirale, sp. nov., and its relation to 
Thalassiophyllum and Arthrothamnus. — The Bolanìcal Magatine, 
voi. XVII, Tokyo 1903, n. 201, p. ió5-i83, piate VI. 

Chlorophyceae 

(excl. Dèsmid., Zygiiein., Charac). 

42. Blackmann F. F. & Tansley A. G. — A Revision of the classifi- 
cation of the Green Algae. — New Phvtologist voi. I, 1902. 

43. Fournier P, — Phycologie francaise. Chlorophycces. Catalogne 



80 

des Algues vertes d'eau douce observées en France (suite). — 
Feuille des jennes naliiralistes igoS, p. 2Ò-39, '904' P- 7^'7^- 

44. Gaidukov N. — Ueber die Kulturen und den Uroncma-Zustand 
der Uiotlirix flaccida. — Ber. der deulschen Botan. Gesellscli. XXI, 
1903, Heft 9, p. 522-524. 

45. Minakata K. — Distribution of Pithophora. — Nature LXVII, 
1903, n. 1 747, p. 586. 

46. Paliadin W. — Ueber normale und intramolekularc Atmung der 
Aige Chlorothecium saccharophilum. — Centralbl. f. Bakter. II. 
Abth., Band XI, p. 14Ó. 

47. Pampaloni L. — Sopra un singolare modo di comportarsi di 
un'alga, allorché venga coltivata in determinate sostanze nutri- 
tizie. — N. Gioni. botan. ital. N. S., voi. X, n. 4, ott. igo3, p. Ò02- 
Ó04, lig. 1-2. 

48. Raymond G. — Sur le développement d'une Algue voisine du 
genre Raphidium. — Le Micrograpìie prcparatenr voi. XII, 1904, 
n. I, p. i 1-19, planches I-lII. 

49. Reìnke J. — Symbiose von Volvox und Azotobacter. — Ber. der 
deiilscJien botan. Gesetlscli. XX!, 1903, Ileft 8, p. 481-483. 

50. Wesenberg-Lund C. — Sur les Aegagropila Sauteri du Lac de 
Soro, avec carte. — Acad. Boyale des scienc. et tett. de Danniark, 
Bull. 1903. 

5i. Vendo K. — On Caulcrpa anceps, Ilarv. — Botanical Magatine 
voi. XVII, Tokyo 1903, n. 200, p. i53-i57, fig. i-ó. 

Desmidlaceae, Zyg-nemaceae 

52. Borge 0. — FJie Algcn der ersten Regnellschen Expedition II. 
Desmidiaceen. — Arcliiv fòr Botanti; Band I, p. 7 1-1 38, Taf. i-5, 
Stockholm 1903. 

53. Borge 0. — Die Algen der ersten Regnellschen Expedition. III. 
Zygnemaceen und Mesocarpaceen. — Arhtv fòr Botanik Band 1, 
p. 277-285, Taf. 1 5, Stockholm 1903. 

54. Cushman J. A. — Notes on New England Desmids I & II. — 
Rììodora voi. 5, 1903, p. 221-225, 252-255. 

55. Cushman J. A. — Desmids from Bronx Park, New York. — 
Bulletin of tlie Torrey Botan. Club. voi. XXX, 1903, p. 5 1 3-5 14. 



81 

56. Luetkemueller J. — Ueber die Gattung Spirotaenia Bréb. II. Be- 
scheibung neuer Arten und Bemerkungen ùber bekannte. — 
Oesterr. botati. Zeitschrift Jahrg. igoS, n. io, Taf. XI. 

Myxophyceae 

57. Gaidukov N. — Weitere Untersuchungen ùber den Einfluss far- 
bigen Lichtes auf die Farbung der Oscillarien. — Ber. der deiits- 
chen botati. Gesetlsch. XXI, 1903, Heft 8, p. 484-492, Taf. XXVI. 

58. Hinze G. — Ueber Schwefeltropfen im Innern von Oscillarien. — 
Berichte der deutschen botati. Gesellsch. XXI, 1908, Heft 7, 
p. 394-398. 

59. KohI F. G. — Ueber die Organisation und Physiologie der Cya- 
nophyceenzelle und die mitotische Teilung ihres Kernes, mit io 
lithographischen Tafeln. — Jena, 1903, G. Fischer, 8*^. 

óo. Wager H. — The Cell-structurc of the Cyanophyceae (prelim. 
pap.). — Proceed, R. Soc. voi. 72, p. 401-409. 

Baclllarleae 

61. Belloc E. — Note sur les Diatomées marines de la còte occi- 
dentale du Maroc. — Cotiiptes rendus du Congrès des Sociétés sa- 
vantes, temi à Paris en 1902, 1903, p. i43-i5o. 

02. Héribaud J. — Disposition méthodique des Diatomés d'Auver- 
gne. — Clermont-Ferrand, 1903. 

63. Karsten G. — Zur Frage der Auxosporentypen. — Botati. Zeì- 
tutig 61. Jahrg., 1903, II. Abtheil., n. 20, p. 3o5-3ii. 

Ó4. Keeley F. J. — Preparation of Diatoms. — Proceed. Acad. Nat. 
se. of Phìladelphia XV, 1903, i, p. 2-4. 

65. Lanzi M. — Considerazioni biologiche su le Diatomee. — Atti 
della Poiitif. Accad. dei Nuovi Lincei anno LVI, sess. VII del 7 
giugno 1903, p. 129- 141. 

66. Largaiolli V. — Le Diatomee del Trentino. — XV. Lago di Nam- 
hino. — Tridentum VI, 1903, fase. VI-VII, p. 270-274. 

67. Miquel P. — Recherches expérimentales sur la Physiologie, la 
Morphologie et la Pathologie des Diatomées [suite] — Le Mi- 
crographe préparateur voi. XII, 1904, n. i, p. 32-37. 



b2 

68. Mueller 0. — Bacillariaceen aus dem Nyassalande und einigen 
bcnachbarten Gcbieten, Erste Folge : Surirelloideae-Surirelleae. — 
Erigi ef s Dolan. Jahrbiicher XXXIV. Bd., i. Ileft, 1903, p. 9-38, 
Taf. I-II. 

Ò9. Philip R. H. — Diatoms in Hotham Carrs near North Cave, fig. 
- The Naturalist 1908, n. 558, p. 25ó. 

70. Prudent P, — Contribution à la Flore diatomique des Lacs du 
Jura. — Lyon, s. a., 4 pp. in 8°. 

71. Richter Osw, — Reinkulturen von Diatomeen. — Ber. der deul- 
schen bolan. Gesellsch. XXI, 1903, Heft 8, p. 493-5oò, Taf. XXVII. 

72. Senft E. — Ueber die Agar-Agar Diatomeen. — Zeilscìirìfl des 
AUgem. òslerr. Apolìieker-Vereines 1902, n. 9, fig. 1-9. 



Exslccata 

73. Collins F. S., Holden J., Setchell W. A. — Phycotheca boreali- 
amcricana. Fase. XXI, n. iooi-io5o (Mai 1903). 

74. Migula W. — Kryptogamae Germania^, Austriae et Helvetiae ex- 
siccatae Fase. 10, Algen n. 26-5o. 



Alg^ae fossiles 

75. De Gasparis A. — Le Alghe delle argille pleistoceniche di Ta- 
ranto. — Reìidic. Accad. fis. e tnalein. di Napoli 1903, p. 298. 

76. Lagerheim G. — Untersuchungen ùber fossile Algen. I, II. — 
Gcol. Fòrcn. Forlì. Siocìiholm, XXIV, 1903, p. 475-5oo. 

Org. Incertae sedls 

7J. Bohlin K. — Centronella Voigt und Phaeodactylon Bohlin. — 
Iledzvigia 41. Band, 1903, Beibl. p. 209-210. 

78. Bougon D. — Famille des Cryptomonadinées [suite]. — Le Mi- 
crograplie prcparateur voi. XII, 1904, n. i, p. 27-3 1. 

79. Solereder H. — Die Leuchtalge der Luisenburg. — Mit. Bayer. 
Boi. Gesellsch. Erf. heini. Flora 1903, n. 2Ó, p. 279-280. 



So. Zederbauer E. — Gcschlechtiiche und ungeschlechtliche Fort- 
pflanzung von CcraliLim I liriindinella. — Ber. der deut. botan. 
Gosclhch. XX il, 1904. p. 1-8, Taf. I. 



Vendo K. - Ilcdophyllum spirale, sp. nov., and its relation to 
Thalassiophyllum and Arthrothamnus. — Botan. Magaz. Voi. XVII, 
1903, p. 165-173, piate VI. 

L'Autore propone una nuova specie e forma di Iledophyllum, 
IL spirale, dandone la seguente descrizione : 

Frons junior lamina simplici obovato-cuneata, stipite breve sub- 
cylindraceo solido; adultior marginibus laminac exterioribus crassis- 
simis ad basin intus spiralites involutis, stipite crassiore subcom- 
presso brevissimo solido ramosissimo. Pars media laminae scnsim 
et deorsum usque ad basin, sinum inter duo volumines (sic) relin- 
quens, obliteratur. Volumen laminam in plures lacinias longitudina- 
liter fissam emittens. Medulla in sectione transversali stipitis elli- 
psoidea. Sori in basi laminae maculas egìcientes, ambitibus irregu- 
laribus. 

Hab. in insulam Shimushu. 

f. Kamtschatkensis : Frons major, stipite 2o-3o cm. longo, basi 
subtereti, sursum compresso expanso marginibus involutis. 

Ilab. ad oras Yavinam Kamtschatkae. 

Discute poi le aljmità di questa Laminariea, che per la erosione 
della lamina primaria, per la evoluzione spirale ed altri caratteri 
presentati daW Hedophyllum sessi/e, viene ad avvicinarsi ai generi Ar- 
ihrotliajìììius e Thalassiopìiylhuiì. 

La tavola, che va unita al lavoro, illustra molti particolari della 
nuova specie, del Thalassiophyllum Clathrus e dell' Arlhrothammis bi- 
fidiis. 



84 

Vendo K. — On Caulerpa anceps Harv. — Bot. Magaz. voi. XVII, 
1903, n. 200, p. 1 53-1 57. 

L'Autore, conosciuto per i suoi lavori sulle Corallinaceae, di- 
scute in questa Nota l' autonomia di tre specie di Caulerpa : C. hra- 
chypiis Harv. raccolta per la prima volta da C. Wright in Giappone, 
C. anceps Harv. delle isole degli Amici e C. Staìilii Web. v. Bosse 
dell'isola di Giava, tutte egregiamente delineate, dietro il confronto 
di esemplari autentici, nella Monographie des Cauìerpes pubblicata 
nel 1898 dalla sig. Anna Weber van Bosse ('). Il sig. Yendo, da 
esemplari di una Caulerpa raccolti a Misaki, è propenso a credere 
che C. anceps e C. brachypus non siano specie diverse, corrispon- 
dendo gli esemplari raccolti in estate alla prima, quelli trovati in 
inverno alla seconda; gli esemplari estivi (luglio-agosto) hanno frondi 
più sottili (0,20-0,25 mm.) lineari spatolate, con incisure oscure mar- 
ginali; quelli invernali (decembre) sono più robusti (o,35-o,4 mm. di 
grossezza), più manifestamente dentati ; la forma estiva si muta gra- 
datamente nella invernale, al principiar dell' autunno, divenendo man 
mano più grossa e con le dentature sempre più cospicue. 

L'Autore nota la grandissima somiglianza (per non dire corri- 
spondenza) tra le 3 Caulerpa sopra citate; la stessa Weber van Bosse 
aveva già rilevato il poco valore dei caratteri differenziali di dette 
tre specie. 

Collins F. S., Holden J., Setchell W. A. — Phycothcca boreali- 
americana Fase. XXI, n. iooi-io5o (Mai i9o3j. 

Questo fascicolo della importante collezione è notevole per al- 
cune rarità novità in esso contenute, tra le quali ricordansi Sipìw- 
nocladus tropicus (Crn.) J. Ag., Acetabularia Farìowii Solms, Heca- 
tonema maculans forma soluta Collins, Mar/ensia Pavouia]. Ag., Sar- 
cophyllis arctica Kjellm., Peyssouelliopsis epiphylica Setch. et Laws., 
Corallina ungulata Yendo. 



(') Sull'importante lavoro della Weber van Bosse ho già a suo tempo ri- 
ferito in questo periodico. Cfr. «Nuova Notarisia » X, 1S99, P- 36-38. 

G. B. De Toni 



85 



Onoranze al pM, FEOeJ^ICO fiEIiPlflO 



Nella Rivista dell' Istruzione superiore, L' Università italiana 
anno IH, n. 2 si legge una corrispondenza da Napoli, che riguarda 
le onoranze all'illustre F. Delfino e che merita di essere qui ri- 
portata : 

« Ai 17 dicembre dell'anno testé decorso vennero tributate a Fe- 
derico Delfino, ordinario di Botanica in questa università, solenni 
onoranze in occasione del 70.° genetliaco. 

Un comitato di tutti i professori e liberi docenti dei nostri Ate- 
nei, promosso per iniziativa dei prof. Borzi, Cavara e De Toni, fece 
pervenire all'illustre collega, entro un cofanetto artistico, le foto- 
grafie dei botanici nazionali e stranieri che nel Delfino venerano 
r instauratorc degli studi fitobiologici in Italia; la società botanica 
italiana, di cui l'uomo venerando è presidente, gli offerse una de- 
dica augurale in pergamena munita delle firme dei soci ; l' Univer- 
sità, la Società Reale di Napoli, gli Atenei e le Accademie Scienti- 
fiche concorsero con lettere gratulatorie e telegrammi a rendere 
vieppiù alto il significato della festa, che si volle tributare ad un 
uomo per il quale niente è piìi vero del motto «volere è potere ». 

Nato in Chiavari nel i833, Delfino non ebbe subito favorevole 
la carriera, sicché dovette assumere un posto modesto nelle Ammi- 
nistrazioni dello Stato. 

L'amore per le scienze naturali, la perseveranza nello studio 
negli intervalli di tempo liberi, il mirabile spirito di osservazione in 
lui caratteristico, lo segnalarono però presto ai botanici contem- 
poranei. 

La sua carriera d'insegnante cominciò nel 1870 a Vallombrosa 
in queir istituto forestale allora fondato. Ci piace qui ad onore del 
grande scienziato, riportare questo cenno del Niiono giornale bota- 



nico di allora (187 1); «Il sig. Federico Delfino, ben conosciuto per 
i suoi lavori dicogamici, è slato chiamato ad insegnare la botanica 
in quell'istituto. Se da una parte ci rallegriamo per le migliorate 
condizioni del sig. Delfino, dall'altra parte ci dispiace che non si 
abbia avuto riguardo ad allontanarlo dal Museo di Fisica e Storia 
Naturale di Firenze, dove esso poteva trovar maggiori facilità di 
studio per sempre meglio sviluppare le sue idee progressiste e Dar- 
vinistiche. È poi abbastanza istruttivo di far conoscere come appunto 
queste sue idee gli siano state più a carico che a vantaggio nel- 
r oramai celebre concorso di Torino». 

Ma fu proprio il posto di Vallombrosa che segnò la carriera al 
giovane botanico; passò nel 1872 il Delfino all'Università di Genova 
quale successore al celebre De Notaris, nel 1884 a Bologna e nel 
1893 a Napoli, dove egli ora raccoglie intorno a sé un manipolo di 
giovani studiosi, educati alla sua scuola. Ci manca lo spazio per se- 
gnalare l'acutezza dei lavori pubblicati da F. Delfino nella morfo- 
logia e biologia vegetale, i quali gli valsero onori e lodi in Italia ed 
all'estero; ci basta in questo periodico sia ricordato l'uomo mode- 
stissimo il quale fa col suo nome rifulgere di viva luce la scienza 
biologica delle piante». 

All' uomo modestissimo e sapiente giunga gradito anche il sa- 
luto rispettoso che gli invia la direzione di questo periodico. 

G. B. De-Toni 



87 



Aggiunte all' Erbario de Toni 

Per dono : 

Dal prof. E. P. Wright frammenti autentici di Rhodopeltis au- 
si raìis Harv. 

Dal Dott. E. BoRNET un esemplare originale di Bangia sericea 
Bory. 

Dal sig. A. Mazz/v parecchie alghe del mare Mediterraneo e del- 
l'oceano Atlantico. 

Dal sig. J. J. RoDRiGUEz un esemplare di Nitophylliim irisiroma- 
iicum Rodr. 

Dalla sig. A. Weber van Bosse un frammento autentico di Chan- 
Iransia coccinea Kuetz. 

Dal Dott. A. Forti un esemplare di Nosioc Zeiierstedtii Aresch. 
ed altre alghe d' acqua dolce. 

Dal prof. T. Bentivoglio un esemplare, raccolto a Taranto, di 
Galaxaura adriatica Zanard. 

Dal prof. F. R. Kjellman un esemplare di Padinella (Aglaoi^o- 
nia) parvula Aresch. 

Dal prof. K. Okamura i fascicoli 1 e 11 delle Aìgae japonicae ex- 
siccatae. 

Dal prof. A. Tellini duplicati di alghe dell'Eritrea. 

Per acquisto: 
Juergens B. Algae aquaticae Fase. i-iò. 



-S^<S> 



flECt^OIiOGIO 



H. Cr. Timberlake, deir Università del Wisconsin, morto ai 
19 Luglio igo3. 



NOTPIZIK 



La biblioteca del compianto prof. E. Ask.e\asy passò all' istituto 
botanico di Heidelberg, T Erbario al Museo Senckenberg in Frank- 
furt a M. 



<S^"<S> 



89 



AVVISO 



La Socicté botanique d' Italie, a délibéré de publier une Flore 
cryptogamique itaììenm, « Flora italica Cryptogama. Manuale per la 
conoscenza delle Crittogame nascenti in Italia e nelle isole adiacenti, 
pubblicato sotto gli auspicii della società botanica italiana ^. 

L'ouvrage comprendra : 

I .° les gcnéralités relatwes à chaqiie ordre ; une instruction som- 
maire pour la ree olle, la maniere de pr è parer, d' étudier et de con- 
server les planles composant cliacìin des groupes prìncipaux (en italien). 

2° les descrìptions avec diagnoses dijfcrentielles (en latin). 

3.*^ des clefs, des Un e es a faciliter la dètermination des familles, 
des genres et des espèces. 

4.° des figures dans le texle, illiistrant les caractères génériques 
et ceiix de certains sous-genres. 

5.° la dis tribù tion géographique, suffisamment dctaillce, des espè- 
ces, et, pour les cryptogames parasites et saprophvtes, V indie ation 
particularisce des corps sur lesquels elles se dèveloppent. 

L'étendue de l'ouvrage est calculée à environ 3oo feuilles d'im- 
pression, grand in 8°, réparties sur 9 volumes. Trois de ces volu- 
mes seront consacrés aux Champignons, deux aux Algues, et un 
volume à chacun des groupes suivants: Ptéridophytes, Mousses, Hé- 
patiques, Lichens. 

Le prix de la Flore sera calculé à raison de 5o centimes par 
feuille d' impression pour ceux qui souscriront aux 9 volumes, et de 
60 centimes par feuille pour ceux qui souscriront seulement à l'une 
des ó séries: Ptéridophytes, Hcpatiques, Mousses, Algues, Lichens, 
Champig?wns. 



00 

Afin de pouvoir ctablir un devis approximatif du nombre d'excm- 
plaires qui devront étre tirés, la Socictc prie les personncs ayant 
l'intention d'acquérir soit la Flore complète, soit une cu plusieurs 
de ses parties, de vouloir indiquer leur intention, avec signature et 
adresse bien lisibìes, au D/ E. Baroni, Secretaire de la Socicté bota- 
nique d' Italie (Florence, i<.) via Romana), au plus tard un mois après 
la reception de cette circulaire. 

La Société espère que l'utile publication dont elle assume le 
patronnage ainsi que les lourdes charges et qui comblera une re- 
grettable lacune de la littérature botanique contemporaine, trouvera 
un bienveillant accueil auprès des crvptogamistes nationaux et étran- 
gers. Elle compte tout particulièrement sur l' appui moral et mate- 
rie! des Instituts botaniques. 



-S-^ 



J. B. DE TONI 

Sylloge Algarum 



omnium hucusque cocjmtarum. 



Voi. I. sect. 1-2 Chlo7'opIiyceae [praem. Bibliotheca phycolo- 
gica]. - Patavii, 1889, Tip. Seminario, in-8°, p. cxxxix- 1 3 1 5. 
It. lib. [francs) 92. — 

Voi. IL sect. 1-3 Bacillarieae [cum Bibliographia diatomolo- 
gica (curante J. Deby) et Repertorio geographico-poly- 
glotto (curante Prof. Dr. Hectore De Toni)]. - Patavii, 
1891-94, Tip. Seminario, in-8°, pag. cxxxii- i 556 - ccxiv. 
It. lib. ( francs) 115. — 

Voi. III. FìLcoideae. - Patavii, 1895, Tip. Seminario, in-8°, 
p. XVI-Ó38. It, lib. [francs] 41. — 

Voi. IV. Floìndeae sect. 1-3. Tip. Seminario, in-8®, It. lib. 102. 



ETTORE DE TONI 

Dizionario di pronunzia dei principali nomi geografici mo- 
derni. - Venezia, 1895, Tip. Emiliana, 8°, p. XXXI1--520. L. 5. 



J. B. DE TONI 
Herbarium Phycologicum Decad. I-II, It. lib. (francs) 12. 



Serie XV (Anno III Ma [oDlazione iella "Notarlsia,,) Luglio 1904 

LA NUOVA 

NOTARISIA 

mmm m sim delle m 



REDATTORI^ E PROPRIETARIO 

G. B. DoTT. DE-TONI 

LAUREATO DELL* ISTITUTO DI FRANCIA 

PROFESSORE DI BOTANICA PRESSO LA R. UNIVERSITÀ DI MODENA, 

MEMBRO EFFETTIVO DEL REALE ISTITUTO VENETO DI SCIENZE. LETTERE ED ARTI, 

MEMBRO ONORARIO DELLA SOCIETÀ REALE DI MICROSCOPIA DI LONDRA 

E DELLA SOCIETÀ LINNEANA DELLA NUOVA GALLES DEL SUD, 

SOCIO PERPETUO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA, 

MEMBRO ORDINARIO DELLA SOCIETÀ IMPERIALE DEI NATURALISTI DI MOSCA E DELLA SOCIETÀ BOTANICA 

DI BERLINO, SOCIO CORRISP. DELLA SOCIETÀ DANESE DI BOTANICA, DELLA SOCIETÀ NAZIONALE 

DI SCIENZE NATURALI E MATEMATICHE DI CHERBOURG ECC. ECC. 

SOMMARIO 

Adriano Garbini: Per orientarsi nella nomenclatura degli studi concernenti 
la vita delle acque dolci. — A. Mazza : Un manipolo di Alghe marine 
della Sicilia (parte II). — G. B. De Toni: Intorno ad alcune Bangia di 
Bory e di Zanardini. — Litteratura phycologica. 



Adresser tout ce qui concerne la: 

« NUOVA NOTARISIA » 

^^ a M. LE Prof. G. B. DE TONI .^ 
R. Orto Botanico, Modena (Italie) 

Prix d'abonnement pour les années 1890-1903 
Francs 210 

Prix d'abonnement pour les années 1886-89 du Journal d'algologie «Notarisiai 

francs 60. 



TIP. SEMINftRIO-PADOVA 



Collaboratori della NUOVA NOTARISIA 



Bentivoglio — O. BoRGE — A. BoRzi — F. Castracane (fj — 
J. Chalont — R, Chodat — J. Comère — J. Deby (-|-) — D. 
Filippi — A. Forti — M. Foslie — A. Garbini — R. Gut- 
wiNSKi — A. Hansgirg — E. M. Holmes — T, Johnson — G. 
Lagerheim — A. Mazz^ — C. Mereschkowski — L. Monte- 
martini O. NORDSTEDT — P. PeRO P. PeTIT A. PIC- 
CONE ("1") — T. Reinbold — P. Richter — J. J. Rodriguez — W. 

ROTHERT F. SaCCARDO (f) W. ScHMIDLE F. SCHMITZ (f) 

— B. SCHROEDER C. ScHROETER — A. TrOTTER W. WeST. 



Luglio 1904 (Amio III dalla Mazioiie iella "Nolarisia,,) 

LA NUOVA NOTARISIA^ 

PROPRIETARIO E REDATTORE 

DoTT. G. B. DE TONI 

LAUREATO DELL* ISTITUTO DI FRANCIA 
PROF. DI BOTANICA NELLA R. UNIVERSITÀ DI MODENA 

R. Orto Botanico Modena (Italia). 

Adriano Garbini 

Per orientarsi nella nomenclatura 
degli studi concernenti la vita delle acque dolci 



Il complesso di tutti gli organismi vegetali ed animali viventi 
nell'acqua, sia dolce che di mare, lo direi Idrobios ('). — E lo di- 
viderei in due categorie: 1' J/o/.'/oj- (') [Haeckel (i)], cioè il complesso 
di tutte le forme marine; ed il Polimobìos (*) [il Limnobios di 
Haeckel (i)], cioè il complesso degli organismi d'acqua dolce in 
generale. 

In questa mia nota parlerò solo del Potimobios. 

Fotimobios in generale 

1 Potimobì, od organismi d'acqua dolce, abitano ole sponde, 
il centro, o il fondo dei laghi, degli stagni, dei fiumi. — 



(') 55a)p = acqua. 

O àXóg = sale. 

(') uóxtfiog = bevibile, dolce. 



94 

Diremo Fotiniologia lo studio biologico-geografico-fisico delle acque 
dolci; Polii/iobiolfca il solo studio biologico di esse. 

Nelle acque dolci si hanno tre regioni biologiche più o meno 
nettamente distinte, a seconda che si tratti di laghi, di stagni, di 
tinnii; avremo poi tre gruppi di bionti corrispondenti a queste tre 
regioni, e Hnalmente tre classi di potimobios corrispondenti alle tre 
diverse forme dei collettori d'acqua dolce. 

A. — Regioni biologiche 

Le tre regioni biologiche che, più o meno tipicamente, si pos- 
sono distinguere nei differenti collettori d'acqua dolce, e delle quali 
parleremo più avanti con maggiori particolari, sono le seguenti: 

a) Regione ncritica. — Maeckel (i) usò la voce neritica (da 
vr^ps'loó? =^ Nereidi), per indicare il plancton della regione litorale del 
mare, ma non esattamente; perche le Nereidi, ninfe dei mari in- 
terni, non sono ninfe costiere ma del profondo del mare, e quindi 
questa espressione sarebbe più opportuna per la ragione abissale. 
Ad ogni modo mantengo la locuzione anche per le acque dolci 
- quantunque trovi più appropriata la frase R. najadica, da vtjws? =:^ 
Najadi, ninfe delle acque dolci in generale - perchè ormai passata 
neir uso. 

Questa regione è costituita da una zona lungo le coste, più o 
meno larga a seconda della inclinazione delle spiagge e dell'am- 
piezza del bacino. 

1>) Regione planctonica (';. - È costituita dalla massa d'act-jua 
contenuta nel collettore libera da macrolìti. 

Essa prende nomi diversi a seconda del bacino al quale si ri- 
ferisce; e così avremo: per i laghi una R. limnetica, per gli 
stagni una \\. elosica, e per i fiumi una R. pota mica (Vedi 
apprcssoi. 

c) Regione l'cnlonica. — ('redo, anche in questo caso, di dover 
mantenere la voce non esalta bentonica di IIaeckel (i) — che traduce 



'^\ TtXav'io) = vagare; perchè in questa regione vivono nuotanti liberamente, 
l)<)rtati dai movimenti dell'acqua, una miriade di organismi: il Plancton. 



95 
la parola ,33v9-o? con « fondo di mare » Cveramente po&ó?) in vece che 
con profondità del mare -- perchè ormai passata nell'uso 
comune. 

Questa regione e costituita dal fondo dei collettori, esclusa la 
parte appartenente alla R. nerilica 

D. — Popolazioni corrispondenti ai tre gruppi biologici 

I tre gruppi di organismi corrispondenti alle tre regioni biolo- 
giche dei collettori d'acqua dolce sono i seguenti: 

a) Il Neritos, che corrisponde alla regione acritica. — È il 
complesso delle forme che vivono lungo le sponde. 

II neritos vegetale si dirà: Fitonerilos o Flora litorale d' acc|ua 
dolce: e quello animale: Zoonerilos o Fauna litorale d' acqua dolce, 
l singoli bionti si diranno Neritobiì, o forme ncritiche, o forme 
litorali; e se vegetali Nen/q/i/i, se animali Nen'/o^ol. 

b] Plancton C) [Hensen (3), l'Aufrieb di J. i\1i.ìller (h) perii 
mare], che corrisponde alla regione planctonica. — È il complesso 
delle forme vaganti fra due acque, sia alla superficie che negli strati 
profondi, sieno vive che morte, sia che abbiano movimento pro- 
prio o no. 

11 plancton vegetale si dirà: Fitoplanclon, o tlorula planctonica; 
e quello animale: Zooplancton, o faunula planctonica. I singoli or- 
ganismi si diranno Planclonobii [De Toni & Forti (4), i P I a n e t o n t i 
di ScHRÒTER (5jl, o Forme planctoniche; e se vegetali Plan- 
clojìti [ScHRÒTER (5j], sc animali Flancto\oi 'Schròter (5;J. 

e) Il Bentos [IIaeckel (i) impropriamente da (jsvO-o? --^ fondo 
di mare], che corrisponde alla regione bentonica. — F il complesso 
delle forme che vivono sul fondo, sia attaccate [sessili), sia striscianti 
liberamente (vag/li). 

Il bentos vegetale dicesi Fitobenlos, F 1 o r u l a bentonica, 
o Florula del fondo; quella animale Zoobentos, o Faunula 
bentonica, o Faunula del fondo. I singoli organismi si di- 
ranno Bentobii o Forme bcntoniche; e se vegetali Bentofiti, se ani- 
mali Bento\oi. 

(') TiXavao) - vagare. 



Fotimobios in particolare 

A seconda che gii organismi acquatici vivono o nei laghi, o 
negli stagni, o nei fiumi, si hanno tre gruppi di Potimobios : il Limno- 
bio s, y Elobios, il Potuiiiobios. 

Primo. — Limnobios (') 

È il complesso di tutti i bionti che vivono nei laghi. 

Lo studio che si occupa di questo complesso e delle condizioni 
necessarie alla sua vita chiamasi: Limnobiolica. Se poi con essa si 
studia anche l'ambiente nei suoi multipli aspetti geografico-fisici 
si ha la Limnologia. 

Lo studio particolare delle forme vegetali dicesi: Limnoflora; 
quello delle animali : Limnofauna. 

A. — Regioni biologiclie 

Le tre regioni biologiche di un lago sono la neritica, la 
limnetica, la b e n t o n i e a. 

I. Regione neritica [Région littoralc di Forel (2)]. — Questa 
regione è tipica dei laghi, e si allontana tanto più dalla riva per 
quanto meno inclinate sono le spiagge, mentre è strettissima o nulla 
quando la spiaggia sia tagliata a picco e P acqua molto profonda. 
Nei laghi maggiori si estende dalla riva fino a circa m. 3o di pro- 
fondità. 

In generale nella regione litorale di un lago profondo, conside- 
rata biologicamente, si distinguono le zone seguenti: 

a) Il Greto [Grève exondée di Forel (7), Spiaggia in- 
sommergibile di Salmoiraght (8)], che non appartiene mai al 
lago, ma che viene bagnato dalle sue acque solo nelle burrasche; 
e formato da terreno ghiajoso o roccioso. 

b) La Spiaggia sommergibile [Grève inondable di Forel 



(') X£|ivv) - Iago, piog = vita. 



97 

(7)j, che è asciutta durante l'iilverno, inondata d'estate, e debol- 
mente inclinata. 

e) La Spiaggia sommersa [Grève inondée f- Beine di Fo- 
REL (7), Weiss di Brand (11), Schaar di Seligo (io), Scanno 
di Salmoiraghi (8)], che si protende orizzontalmente verso il centro 
del lago a guisa di terrazzo sommerso, ed è coperta da uno strato 
d'acqua più o meno alto a seconda della esposizione della spiaggia 
rispetto ai venti ; essa è dovuta all' azione corrosiva delle onde. 

La porzione esterna della spiaggia sommersa (Grève inon- 
dée di FoREL (7)], cioè quella confinante con la spiaggia sommer- 
gibile, e che sarebbe in vero la continuazione di questa, è tenuta 
distinta da molti autori dalla porzione interna [Beine di Forel (7)], 
perchè ha una lieve inclinazione; io però insisto [Garbini (9)] a ri- 
tenere superflua questa distinzione. 

d) 11 Declivio [Mont di Forel (7), Schaarberg di Seligo 
(10), [laide di Schròter (5), Scarpa dello scanno di Salmoi- 
raghi (9)], che è la parte alluvionale della spiaggia sommersa, e si 
protende nel lago con la inclinazione forte dei materiali mobili. Esso 
è formato dal materiale eroso alla spiaggia sommergibile dalle onde 
e trascinato dalla corrente di ritorno sulla spiaggia sommersa fino 
al limite di azione delle onde stesse, dove si deposita, formando un 
piano molto inclinato. 

11 confine fra la spiaggia sommersa ed il declivio (facile a rico- 
noscersi, perchè è lungo questa linea che la spiaggia sommersa si 
sprofonda rapidamente per formare il declivio; fu distinto da Seligo 
(io) con il nome di Schaarrand; noi potremo chiamarlo: Or/o 
del declivio. 

e) 11 Talus litorale, che è la porzione verso la spiaggia del 
tal US (regione che dal declivio va verso il fondo del lago, costi- 
tuendo le pareti del bacino lacustre) ; ha una inclinazione variabile, 
e si estende dal declivio fino a m. 3o di profondità, che è il limite 
estremo dei Macrofìti nei grandi laghi. 

II. Regione limnetica [Région pelagique di Forel (2)], o Re- 
gione I i m n pi a n cton ica]. — Occupa non solamente la parte 
centrale dei laghi, come voleva Forel (2), o fino a m. 5o di pro- 
fondità come dettavo io (9), ma tutta la massa dell'acqua, come 



9é 

giustamente osservò C. Schròter (5): perchè - e questo l'ho con- 
statato più tardi anch' io per il Benaco - il limnoplancton è uguale 
tanto lungo le rive quanto nel centro, sia nei piccoli laghi, sia nei 
grandi, ed in questi specialmente quando le rive scendano rapida- 
mente a picco. 

Ma siccome il plancton varia verticalmente, cos'i si potrebbero 
istituire per i laghi profondi tre zone o sottosezioni biologiche : 

a) La Zona epiìimiìcUca o superficiale. — Occupa uno spessore 
di m. 2 circa. 

/;) La Zona mesoìimneiìca (') o mediana. — Occupa la massa 
d'acqua compresa fra m. 2 dalla superficie e lo strato immediata- 
mente soprastante al fondo. 

e) La Zona hatiliìnnelica (') o profonda. — Occupa lo strato 
immediatamente soprastante al fondo. Per Forel (2; questo strato 
d'acqua fa parte del fondo e costituisce con esso la sua Regione 
p rofonda. 

ili. Regione bentonica [Région profonde di Forel (2) in parte, 
perchè egli comprende in questa anche la mia zona batilimnetica]. — 
L costituita dal fondo del lago sotto al limite dei Macrofiti, cioè da 
m. òo in giù. 

B. — Popolazione lacustre 

La popolazione di un lago, nel suo complesso vegetale ed ani- 
male, si può dividere in cinque gruppi; tre a base topografica: il 
Lìmnonerìtos, il Limnoplancton, il Linniobenlos ; e due a base etiolo- 
gica : il Frosarmobios e l' Esorobios. 

I. Liinnoneritos [Société littorale di Forel (7)], o Limno- 
bios litorale. — 1^ il complesso degli organismi che vivono nella 
regione neritica o litorale dei laghi ; cioè: una Fionda limnonerilica, 
o L i m n o f 1 o r u I a litorale, o F i t o 1 i m n o n e r i t o s , ed una Fan- 



(') [iSGov = mezzo. 
(*) |ia9-uc; = profondo. 



99 
nula ìimnoneriiica, o L i m n o f a u n a litorale, o Z o o 1 i m n o n c- 
ri tos. 

1. Fionda ìimnonerìtìca [Flore littorale di Porel (7)]. — 
Le forme vegetali litorali costituiscono altrettante llorule quante sono 
le zone della regione litorale. 

a) La Florida terrestre, corrispondente al greto. 

h) La Florida periodica, corrispondente alla spiaggia sommer- 
gibile; essa è terrestre nel periodo durante il quale la spiaggia è 
asciutta, acquatica quando la spiaggia è sommersa. 

e) La Florida menoacquatica, corrispondente alla spiaggia som- 
mersa; è caratterizzata in generale da piante palustri, cioè da Carex, 
Phragmites e Scirpus che formano tre zone pressoché parallele e 
concentriche, con il Caricetum alla periferia e lo Scirpetum verso il 
centro. 

Queste zone però non sono sempre necessarie nò necessaria- 
mente distribuite nell'ordine ora accennato; ma possono mancare 
tutte tre lungo tutta la periferia del lago o lungo ampli tratti di 
spiaggia; oppure può mancarne qualcuna, con la sostituzione o meno 
di altre forme vegetali; oppure, finalmente il loro ordine può essere 
mutato e qualche volta invertito. 

Negli spazi liberi trovansi pure specie acquatiche (Nymphaea, 
Nuphar, Myriophyllum, Callitrichc, Trapa, ecc.), formanti chiazze più 
o meno estese. 

d) La Florida acquatica, corrispondente nei laghi maggiori al 
declivio, e formante nei laghi minori chiazze o zone più interne a 
quelle della florula mezzoacquatica. — È costituita da sole piante 
acquatiche con organi emersi, ma in particolar modo da Potamoge- 
ton, cosi da formare una zona ben distinta (Potamogetonetum). 

Quivi sono completamente escluse le piante palustri. 

e) La Florula sommersa, corrispondente al Talus litorale; è co- 
stituita da Macrofiti sommersi del tutto, e quasi sempre da Charae 
e Nitellae, che formano una zona (Characetum) più interna del Po- 
tamogetonetum e che arriva nei laghi maggiori fino al limite estremo 
dei macrofiti (m. 3o). 

3. Fauiìula ìimnoneriiica [Faune littorale di Forei, ( 7 )]. — 
La Limnofauna litorale parrebbe di primo acchito costituita da forme 
eterogenee e non costituenti gruppi corrispondenti alle diverse zone 



100 

litorali; invece in ogni zona vi sono alcune forme animali prepon- 
deranti, che, volendo, potrebbero servire per caratterizzare le varie 
faunule. Però con la scarsità di cognizioni che abbiamo ancora og- 
gidì sulle faune lacustri, sarebbe prematura una divisione generale 
della faunula litorale. 

II. Lìinnoplanclon [S o e i é t é p é I a g i q u e di Forel (7)]. — Il 
Limnoplancton, o Plancton lacustre, è il complesso degli or- 
ganismi vegetali ed animali continuamente nuotanti o vaganti nella 
regione limnetica, cioè per tutta la massa d'acqua lacustre libera 
da macrofìti. 

Questi organismi si diranno: Lini nop la ne tonobi, o Plan- 
ctonobi lacustri, o Forme 1 im n oplanc to n i eh e, o ancora, 
con frase non esatta ma ormai sanzionata dall' uso, Forme limne- 
liche ('). 

L'insieme delle forme vegetali di detto gruppo costituisce la 
blonda limnetica, o Fi to plancton lacustre, o, come scrive B. 
ScHRÒDER (i3), Fi tol i m no p la net on ; l'insieme di quelle animali 
costituisce la Faunula limnelica, o Zooplancton lacustre o 
Zool im noplanct on. 

1. Limnoplancton in generale. — Le forme limnetiche nel loro 
insieme possono essere considerate sia riguardo allo spazio, sia al 
tempo, o al movimento, o alla vita, o alla composizione. 

a) Riguardo allo spazio. — Le forme limnetiche, riguardo alla 
posizione che occupano nella regione limnetica, si possono riunire 
nei seguenti gruppi: 



epilimnelìche 

/ nictilimneliche [Haeckel (i)] 

Forme limnetiche \ Y;"^''"'^"^/f ^'f) chimolimnetiche 

^ / allohmnetiche » 



batilimnetiche [Haeckel (i)]. 



(') Limnetico significa nel vero senso della parola lacustre, e non «ap- 
partenente alla regione centrale del lago » . 



101 

Forme epììimnetiche f) [autol i mnetischc (^) di Haeckel (i)] 
sono quelle che vivono costantemente alla superficie della massa 
d'acqua; corrispondono alla zona epilimnetica. 

Forme Tfinoìimmtichc f) sono quelle che vivono a differenti pro- 
fondità della massa d'acqua, e corrispondono alla zona mesolimne- 
tica. Queste forme, poi, possono essere: 

nictilimnetìche (^), se stanno di notte alla superfìcie, di giorno 
negli strati profondi; 

chimolimneliche (°j, se stanno alla superficie in inverno, negli 
strati profondi in estate; 

aìlùlimiieliche C), se abitano zone diverse, indipendentemente 
dalla temperatura. 

Forme butììimueliche (') sono quelle che vivono sempre negli 
strati profondi; corrispondono alla zona hatilimnetica. 

b) Riguardo al tempo. — Le forme limnetiche, riguardo al tempo 
durante il quale restano nella regione limnetica, si possono dividere 
in quattro categorie: 



forme limnetiche 



eulimìieliche [Garbini (g)] 
ticoìinineliche » 
proscairolimueliche [Garbini (i6)] 
pseiidolimneiiche 



Forme eulimnetiche C) [e u pel agi e he di Pavesi (14), aktiv 
limnetische di Apstein (i5) sono quelle che restano costante- 
mente nella regione limnetica e che vi stanno sospese per attitudine 
propria; si trovano per lo più in alto lago, e diventano sempre piij 
rare verso le sponde. Formano nel loro insieme l' Euplaticton di 
IsTVANP^Fi (19). 



(') iw. - sopra. 

(-) aOxoù = nello stesso luogo. 

(') ^(ovaìos - che abita entro una zona. 

(^j vùg, vuxTÒc = notte. 

(■*) X^WJ^"' - inverno. 

('') àXXog = diverso. 

(') Pa9-«g = profondo. 

C) su = bene, veramente. 



lt)2 

Forme ticolimnetichc (') [a e e i d en t e 1 Ics di Forel (i8), ti co- 
pelagiche di P/vvEsi (i4)|, sono forme neriliche che passano anche 
nella regione limnetica per rimanervi più o meno a lungo; si tro- 
vano per lo più presso le sponde e vanno diradando verso il centro 
del lago. Formano nel loro insieme il Tìcopìancton. 

Forme proscairolimnciiche C) sono quelle portate accidental- 
mente nella regione limnetica, sia da correnti profonde, sia dagli in- 
fluenti in piena, sia da sconvolgimenti atmosferici che muovono pro- 
fondamente le acque. Queste forme, per lo più neritiche, bentonichc, 
o fluviali, restano in questa regione solo momentaneamente. For- 
mano nel loro insieme il Proscaìroplaìicton. 

Forme pseudolìrnneticìie (^) [P o u s s i è r e s I é g è r e s et P. I o u r- 
des di FoREL (2)], sono le polveri amorfe, i frammenti o i detriti 
organici vegetali ed animali, le spoglie, i cadaveri, i pollini dei 
fiori, ecc. Formano nel loro insieme il Pseudoplanctùn di C. Schrò- 

TER (5). 

e) Riguardo al movinienlo. — Le forme limnetiche, per quanto 
riguarda il loro modo di mantenersi sospese nell' acqua e di muo- 
versi, si possono dividere nelle seguenti categorie {*) : 

\ Autocineliche [Garbini (16)] 

1 / Morfocìììclìcììc 

Forme , \ CoUacineiiche 

limnetiche \ 1 Roonne/icIic{ ( elajocinetiche 



Idrocìnelichc ^ 

gasocinctiche 
Allociììe/ìclìe { \ FUclicinelìchc 

[Garbini ( lòj 1 1 

[ i simliioi'ìiieliclie 

\ EpaUocìnctìchc 

pa rasilocìue/ich e . 



(') "^"XTi = casualmente. 

(2) upóaxaipos = temporaneo. 

(3) c};EU§T^e = falso. 

('') Forel (7, v. 3, pag. 228; fa la distinzione fra Organismes nageurs 
(che sono meno pesanti dell'acqua e stanno alla superficie, come gli Uccelli e 
qualche Alga: l' Anabaena flos-aquae) e Organismes flottants (che hanno 
un peso specifico pressocché uguale a quello dell'acqua, e stanno sospesi fra due 
acque sia idrostaticamente, come le Alghe, sia con movimenti natatori, come gli 
Entomostracei, i Rotiferi, ecc.). 



1(» 

Porrne aiitocinetiche (') [n e e t e r i s e h e C) di Maeckei, ( i ), a e t i v 
limnetische di Apstein (20), ac t i v se h \v ebend e di Schroder 
17] sono quelle che hanno altitudine propria a muoversi da sé nella 
regione limnetica, sia per mezzo di ciglia, sia per mezzo di movi- 
menti serpentini del corpo, sia per mezzo di zampe. — Formano 
nel loro complesso il Necton di Haeckel (1), che io chiamerei più 
volentieri: Auiopìanclon [Nei dio-Plankton T) di Istvanffi (19)]. 

Forme aìlocineliche ^) [Piote ri se he C) Formen di Haeckel 
(ij] sono quelle che si muovono con forze non proprie, e cioè: sia 
a mezzo dei movimenti o delle correnti dell'acqua, se i planctonob! 
vi stieno sospesi per ragioni morfologiche o idrostatiche (non cine- 
siche), sia a mezzo di organismi autocinetici, se i planctonob! vi 
stieno attaccati. — Nel loro complesso costituiscono il Plancton 
di Haeckel (i) nello stretto senso della parola, in contrapposto cioè 
del Necton, ma che io chiamerei più volentieri, anche per togliere 
qualsiasi confusione: Alìoplancton. 

Le forme allocinctiche alla loro volta possono essere: roocìnelìche 
od epaUocìnciiche. 

Le forme roocìnelìche (^) [passiv schwebendc Plankton- 
formen di Schroder (lyij sono quelle che stanno sospese nell'ac- 
qua per ragioni morfologiche (forma) o idrostatiche (peso specifico 
uguale o minore al peso dell'elemento liquido stesso), e che si la- 
sciano trasportare dalle correnti o dai movimenti dell'acqua. Sono 
per Io più specie vegetali (Cloroficee. Bacillariacee). Costituiscono nel 
loro complesso il Roopìanclon; il quale può essere costituito da specie: 

morfocìnelìche ('), che stanno sospese nell'acqua per la loro 
forma (**), e costituiscono nel loro insieme il Morfoplancton di Ist- 
vanffi (19); 



(') aùtòc; = stresso, xivtìTixóc = che si muove. 
(2) vYjXTÓv = nuotante. 
(^) va£(!) = scorro, nuoto. 
(^) àXXos = altro. 

(^) ■jiXwTYjs = navigante ; ed anche da uXwxóc; - galleggiante. 
(") ^òoc, - corrente. 
(j) iiopcpr] = forma. 

(**) Questa forma - secondo la bella divisione di Schroder (17) e secondo la 
corrispondente nomenclatura stabilita da me già da qualche anno (16) - può essere : 



1(H 

coUacinetiche ('), che stanno sospese nell'acqua per il gonfiarsi 
de' loro tessuti o per mezzo dell'involucro gelatinoso che le involge, 
e costituiscono il Collaplanclon di Istvanffi (19); 

idrocinetiche. (•), che stanno sospese nell'acqua per le sostanze 
grasse [planctonobi elajocinetici (^), ed il corrispondente Elajoplancton 
di Istvanffi (19)] od i gas [planctonobi gasocinelici, ed il corrispon- 
dente Gasoplancton di Istvanffi (19)], che rendono il loro peso spe- 
cifico inferiore a quello dell'acqua e costituiscono V idroplancton di 
Istvanffi (19); 

flicticinetiche ('), che stanno sospese nell'acqua per mezzo di 
organi idrostatici (vacuoli pulsanti), e costituiscono il FHctiplaucton 
di Istvanffi (19). 

Le forme epallocinetiche ('), secondo gruppo delle forme allo- 
cinetiche, sono quelle che stanno sospese nell'acqua e si muovono 
con il mezzo di organismi autocinetici sopra i quali vivono sia come 
commensali, sia come parasiti ; costituiscono nel loro insieme 1'/?/)^/- 
loplancton. 

Gli Epallobionti possono essere : Sindeti o Parasiti. 

Sindeti ("), se commensali di organismi autocinetici, quali la Zoo- 
chlorella parasitica in alcuni Protozoi, la Vorticella microstoma sulla 
Fragilaria crotonensis, la Diplosiga frequentissima sulT Asterionella 
gracillima, ecc.; e formano nel loro insieme il Sindetopìanclon [Pas- 



a) timpanoide o tipo o tamburro [Trom mei ty pii s di Scfiròder] ; 

b) desmoide o^^^o owTisXxo [Bandtypus di Scrhoder, I) esmopl ankton 
di Istvanffi (19)]; 

e) asteroide o tipo a stella [Sterntypus di Schròder] ; 

d) atractoide o tipo a fuso [S p i n d e 1 1 y pus di Schròder , R h a p h i d o - 
plankton di Istvanffi (18)]; 

e) discoide o tipo a disco [Schei ben ty pus di Schròder, Skaphoplan- 
kton di Istvanffi (19). 

f) sferoide o tipo a sfera (Sphaeroidty pus di Schròder]. 
(V) xòXXa - colla. 

(2) ISpwg = sudore, secreto. 

(■') sXatov = olio. 

(*) cpXuxTCg = bolla, 

(^) sTii - sopra. 

(") auvSa(-cTjg = commensale. 



lOB 

sives Plankton di C. Schròder (5), Epiplankton di Ist- 

VANFKI ( I9j]. 

Parasi ti, se parasiti di organismi autocinetici; e nel loro insieme 
formano il Parasiioplancion di C. Schròder (5). 

d) Riguardo alla vita. — Le forme limnetiche, per quanto ri- 
guarda la loro presenza nella regione limnetica in tutti i loro stadi 
o solamente in qualche stadio della loro vita, si possono dividere in 
due categorie: 

Ìoloplanc toniche [Haeckel (ij] 
mcroplanctonichc [Haeckel (i)]. 

Forme oloplanctonichc (') sono quelle che passano tutta la loro 
vita nella regione limnetica, nò hanno mai alcun rapporto con il 
Neritos o con il Bentos; sono le vere forme eulimnetiche. — Co- 
stituiscono nel loro complesso 1' Oloplancton [P e r e n n i re n d e s f^ 1 a n- 
k ton di IIensen (3)]. 

Forme weroplanc toniche (') sono quelle che durante qualche sta- 
dio di lor vita si trovano libere nella regione limnetica, mentre du- 
rante gli altri stadi si trovano sessili o vagili nella regione bentonica 
o neritica (Dreyssena, Atax), oppure vivono libere nell'aria (Core- 
thra). — Formano nel loro complesso il Meroplancton [Periodisches 
Plankton di Hensem (3j, e solo in parte il f^eriod. Plankton 
di Apstein (i5), perchè quest'ultimo autore mette in tale categoria 
anche le forme oloplanctonichc con stadi di riposo (Ceratium, Dino- 
bryon, ecc.), forme, che, a mio avviso, non si possono affatto ne si 
devono confondere con le meroplanctoniche]. 

c) Riguardo alla couiposiy'one, — Il limnoplancton, per quanto 
riguarda la sua composizione, può essere: 

i polimisto [Haeckel (ij] 

Limnoplancton < . i , v^l , n 

' I i prevalente [Haeckel (i)J 

( monotono ] 



uniforme 



(') 5Xog - tutto. 
O V-^poi = parte. 



lOtì 

Limnoptanclon polimislo (') è quello composto di varie specie e 
di varie classi, nessuna delle tjuali, però, è in quantità prevalente 
sulle altre; è il più comune. 

Lininoplancton monotono (^) e quello costituito da forme appar- 
tenenti ad un sol genere o ad una sola famiglia ; in tal caso può 
essere : 

prevalente, quando almeno i tre quarti della massa sono formati 
da una sola specie, o da un sol genere, o da una sola famiglia; 

tmifonne, quando la massa e costituita da una sola specie. 

2. Faiinula limnetica [Faune pelagique di Forel (i8)], o 
Zooplancton lacustre, o Zool i m no plancton]. — Questa 
faunula è costituita, nella sua gran massa, quantitativamente e quali- 
tativamente, da Entomostracei e da Rotiferi; donde un Entomostra- 
copìancton ed un Rotiferoplancton. 

I Protozoi (Proto\ooplancton) vi si riscontrano qualitativamente 
in un numero più ridotto; gli Aracnidi {Arachnidoplancton) e gli in- 
setti {F.sapodoplanclcn) sono rappresentati solamente da qualche specie. 

3. Fiorala limnetica, o Fitoplancton lacustre, o Fitolimno- 
plancton. — Questa florula si compone specialmente di Fitomasti- 
gofore, di Bacillariacee e di Cloroficee. 

IH. Limnobentos [Société abyssale di Forel (7)], o Limno- 
bios profondo. — F il complesso degli organismi che vivono 
nella regione bentonica o profonda dei laghi. L'insieme delle forme 
vegetali di detto gruppo costituisce la Florula limnolumtonica o Fi- 
tobentos lacustre, o Fi tol i m nobentos; l'insieme di quelle 
animali la Faunula lininobentonica, o Zoobentos lacustre, o 
Zo oli m noben tos. 

IV. Prosarmobios (^), o Limnobios di adattamento. — È 
un gruppo a base biologica, costituito dal complesso di tutte le specie 
d'acqua dolce che vivono anche in mare, o che hanno in mare 
forme dello stesso genere, o che sono varietà di specie marine; di 



(') Tio?,'JiJLt,xTog - mescolato di molte parti. 

(^] \io^6\o'^oc. - uniforme. 

(^) upooapnó^w - accomodo, adatto. 



107 

tutte quelle forme, cioè, che si sono adattate all'ambiente lacustre, 
e che si potranno chiamare Prosarmobionti. 

In questo gruppo, adunque, si trovano tanto le specie che pre- 
sero dimora nel lago direttamente, quanto quelle che vi giun- 
sero per migrazione sì attiva che passiva; nel primo caso avremo 
un Hsorobios, nel secondo un Esoicobios. 

1. Esorobios ('), o Limnobio s relegato. — È il complesso 
di forme iijordiche rinchiuse in un lago di nuova formazione e adat- 
tatesi lentamente all'ambiente d'acqua dolce; tale complesso, è ov- 
vio dirlo, è proprio ed esclusivo dei laghi fijordici, altrimenti detti 
laghi litorali o relieti. 1 singoli individui si chiameranno: Esor/o- 
bioiili o Bionti relegati. Noto, però, che alcune di queste specie 
si trovano anche in laghi di origine diversa, ed in alcuni pure post- 
glaciali, come constatarono ultimamente Samter <S: Weltner (21); 
in tal caso i Bionti non si diranno più relegati ma migrati (vedi 
avanti). 

L'insieme delle specie animali costituirà V Esoriofauna o Fauna 
relegata (R elikt e n fa u na. Fauna relieta degli autori); l'in- 
sieme di quelle vegetali X Esoriojlora o Flora relegata. 

2. Esoicobios ('), o L i m n o b i s migrato. — F il com- 
plesso di forme marine adattatesi lentamente ad ambienti di origine 
non fjordica. E quindi da specie anadrome, da specie arrivate nei 
laghi a tappe lungo gli emissari, e da specie portate quivi per tra- 
sporto passivo; tutte specie però che vivono contemporaneamente 
anche in mare od hanno nel mare forme dello stesso genere. Ad 
esempio: Salmo lacustris. Aiosa finta var. lacustris (forme 
anadrome); Blennius vulgaris, Gasterosteus aculeatus, 
P a 1 a e m o n e t e s v a r i a n s , O r e h e s t i a b o 1 1 a e, ecc. (forme mi- 
grate a tappe lungo i fiumi); e gran parte delle specie limnetiche 
(forme giunte nei laghi per trasporto passivo). 

Tessono formar parte di tale gruppo anche delle specie relegate, 
purché si trovino in questa categoria di laghi. 

I sincroli individui si chiameranno Esoicobionti Bionti mi- 



(') è^ópioc, - essere fuori dei confini, relegato. 
(■) ègoixéo) = migrare. 



108 

grati. — Si avrà inoltre una Eioicofauna o Fauna migrata, 

ed una Esoìcofloru o F"lora migrata. 

Secondo. — Elobios (') 

È il complesso di tutti i bionti che vivono negli stagni, cioè in 
raccolte d'acqua più o meno estese in superficie ma poco profonde. 

Lo studio che si occupa di questo complesso e delle condizioni 
necessarie alla sua vita dicesi: Elobiotica ; e se con essa si studia 
anche l'ambiente ne'suoi aspetti geografico-fisici avremo V Elologìa. 

L'insieme delle forme vegetali stagnicolc si dirà: EJoJlora; quello 
degli animali : Elofauna. 

A. — Regioni biologiche 

Anche negli stagni si distinguono le tre regioni biologiche: n e- 
r iti e a o litorale, closica che corrisponde alla limnetica dei laghi, e 
la ben tonica o del fondo. 

I. Regione uerilica, o R. litorale. Questa regione, negli stagni, 
è costituita solamente da tre zone, che corrispondono press' a poco 
alle prime tre dei laghi : il Greto, la Spiaggia sommergibile 
e la Spiaggia sommersa. Quest'ultima si continua con il fondo 
dello stagno senza formare il declivio, essendoché in questi bacini 
il fondo è quasi piano. 

II. Regione elosica, o R. ci o pi a n e to n i e a, — Occupa tutta la 
massa d'acqua del bacino. — in essa però non si possono distin- 
guere le tre zone caratteristiche dei laghi profondi. 

IH. Regione bcntonicii, o R. del fondo. — È costituita dal fondo 
dello stagno. 

B. — Popolazione stagnicola 

A queste tre regioni corrispondono tre gruppi della popolazione 
stagnicola: l'Eloneritos, l'Elop I aneto n, l'Elobentos, 



(') IXof - stagno, palude. 



109 
I. Eloneritos, o Elobios litorale. — È l'insieme degli orga- 
nismi che vivono nella regione ncritica degli stagni ; e avremo una 
Florida etonerit/ca, od E lofi or ul a litorale, o Fi toel oneri tos, 
ed una Faunula eloneritica, od Elofaunula litorale, o Zooe- 
l o n e r i t o s. 

1. Florula eloneritica. — Anche la tlorula litorale degli stagni 
si può ritenere costituita dagli stessi gruppi che si riscontrano nei 
laghi: solamente che in questi bacini poco profondi prevalgono le 
forme palustri. 

2. Faunula eloneritica. — La fauna litorale degli stagni è, si può 
dire, fauna palustre; si confonde in parte con il Zoobentos e in parte 
con il Zooplancton. 

IL Fio plancton, o Plancton stagnicolo [li eleo plankton 
di Zacharias (2)]. — È il complesso degli organismi vegetali ed ani- 
mali continuamente nuotanti o vaganti nella regione elosica, cioè 
per tutta la massa d'acqua libera da macrofìti. Il plancton stagnicolo 
è costituito per lo più da forme animali, e fra queste predominano 
quasi sempre i Crostacei. 

Questi organismi si diranno Floplanctonobii, o Planctonobì 
stagnicoli, o forme e I o s i e h e. 

L'insieme delle forme vegetali di detto gruppo costituisce il Fi- 
to plancton stagnicolo o Fitoeloplanclon; l'insieme di quelle 
animali lo Zooplancton stagnicolo o Zooelo plancton. 

Anche l'Eloplancton può essere diviso in vari gruppi come il 
limnoplancton a seconda degli aspetti sotto ai quali viene conside- 
rato; però alcuni gruppi di limnoplancton mancano nel plancton 
degli stagni. 

Ed in vero stante la poca profondità di questi si possono con- 
siderare mancanti i gruppi dovuti allo spazio, che, ed è ovvio, 
sono tipici del plancton lacustre. 

Sonvi, invece, i gruppi che riguardano il tempo; 

forme elosiche, corrispondenti alle eulimnetiche, 
» ticoelosiche, » » ticolimnetiche, 

» proscairoelosiche, » » proscairolimnetiche, 

» pseudoelosiche, » » pseudolimnetiche; 



110 

vi sono anche i gruppi tutti che riguardano il movimento e che 
mantengono la stessa nomenclatura di quelli lacustri; i due gruppi 
che riguardano il tempo (Forme oloelosichc e m erodo siche, cor- 
rispondenti quindi alle forme oloplanctoniche e meroplanctonichej; 
e quelli che riguardano la vita {Rloplancion poUmisto ed Eìopl. mo- 
notono, che può essere prevalente od uniforme). 

HI. Elobejitos od Elobios profondo. — E il complesso degli 
organismi che vivono nella regione profonda degli stagni. 

Avremo pur qui una Fionda elobcntonica o Fitoelobentos, 
ed una Faunula clobenlonica o Zooelobentos. 

L'elobentos si confonde per lo più con Teloneritos. 

Terzo. — Potamobios (') 

È il complesso di tutti i bionti che vivono nei fiumi e in ge- 
nerale nelle acque correnti. 

Lo studio che si occupa di tale complesso e delle condizioni 
necessarie alla sua vita dicesi : Potaniobioiica ; se con essa si studierà 
anche l'ambiente nei suoi aspetti geogralico-fìsici avremo la Pota- 
mologia. 

L'insieme delle forme vegetali si dirà: Potamoflora; quello degli 
animali : Potamofauna. 

A. — Regioni biologiclie 

Anche nei fiumi, purché a grande portata e non torrenziali, si 
distinguono tre regioni biologiche: la Nerìtica o delle rive, la Po- 
tami ca che corrisponde alla limnetica dei laghi ed alla elosica degli 
stagni, e la bentonica. 

1. Regione nerìtica, o R. litorale. — Questa regione, nei fiumi 
liberi e molto lunghi, può essere costituita da tre zone: il Greto, 
la Spiaggia sommergibile, e la Spiaggia sommersa, che 
si continua con il fondo del fiume. Spesso però nei fiumi incavati 
od arginati, e nei tìumicelli, può mancare la prima zona, e in alcuni 
punti possono mancare anche tutte tre. 



(') noxaiióg = fiume. 



Ili 

II. — Regione potamica, o R. pò tamoplan ctoni ca. — Que- 
sta regione è costituita dalla massa d'acqua del bacino più pro- 
fonda e lontana dalle sponde; è propria dei fiumi maggiori ed a 
corrente non molto rapida. 

III. Regione, bentonica, o R. del fondo. — È costituita dal 
fondo del fiume. 

B. — Popolazione fluviale 

A queste tre regioni corrispondono tre gruppi della popolazione 
fluviale: il Po ta m one ri tos, il Po ta m o pian cton , il Pota- 
m o b e n 1 s. 

I. Potamonerilos, o P o t a m o b i o s litorale. — È l' insieme 
degli organismi che vivono lungo le rive dei fiumi; e avremo una 
Fiorala poiamoneritica o Potamoflora litorale, ed una Faunula 
potanioneritica o Potamofauna litorale. 

II. Polamoplancton [Potamoplan kton di Zacharias (22) e di 
B. ScHRÒDER (17,24)], o Pia cton fluviale. — È l'insieme degli 
organismi vegetali ed animali continuamente nuotanti o vaganti nella 
regione potamica, cioè per tutta la massa d'acqua libera da macro- 
fiti. 11 plancton fluviale e costituito per lo piij da forme vegetali e 
da Rotiferi. 

Questi organismi si diranno Po/anwplanctonobi, o f^lan cton obi 
fluviali, o forme pota mie he. 

Avremo poi un Fiiopoia//wpianc/on o Fi to pian cton fluviale, 
ed un Zoopolanioplancton o Zooplancton fluviale. 

Anche il Potamoplancton può essere diviso in vari gruppi come 
il Limnoplancton, secondo gli aspetti sotto ai quali si considera. 
a) Vi sono quattro gruppi che riguardano il tempo: 

eupotamicìie ) [voci usate da Zimmer (23) con 



, ticopotaniiche ' significato un pò diverso] 
forme < . . , 

proscairopotamicrie 

\ pseudopotamiche 



112 

Forme eupotamiche sono quelle che restano costantemente nella 
regione polamica e che vi stanno sospese per attitudini proprie. — 
Possono vivere solamente nei fiumi [a u topo tam is che PI an kton- 
organismen di Zernow (25)], oppure indifferentemente e nelle 
acque correnti e nelle stagnanti [eu pota m isch e Planktonor- 
ganismen di Zimmer (23)]. 

Io ho creduto opportuno di riunire in un solo gruppo 1 due di 
ZiMMER, sia per uniformarmi con i gruppi analoghi lacustri e stagni- 
coli, sia ancora perchè le forme autopotamiche di Zimmer sono po- 
chissime, tutte vegetali, e quasi tutte varietà di forme elosiche. 

Forme ticopotamicìie [ty e h o pò ta m i sche P la n kton orga- 
nismen di Zimmer (23)] sono quelle portate accidentalmente nella 
regione potamica, ma che vivono di solito negli stagni o nelle in- 
senature tranquille degli stessi fiumi; restano in questa regione solo 
momentaneamente. 

Forme proscairopolamìche e pseudopotamiche, sono quelle che 
corrispondono alle forme proscairolimnetiche e pseudolimnetiche 
dei laghi. 

/') Vi sono tutti i gruppi che riguardano il movimento ; e man- 
tengono la stessa nomenclatura dei gruppi corrispondenti lacustri 
(vedi pag. i02j. 

e) còsi vi sono i due gruppi corrispondenti alla vita ed i due 
corrispondenti alla composizione; pure questi mantengono la 
stessa nomenclatura dei gruppi lacustri (vedi pag. io5). 

III. Polamobentos [Pota m o b e n t hos di B. Schròder (24)], o 
Bentos fluviale. — È il complesso degli organismi vegetali ed 
animali viventi sul fondo del fiume e lontano dalle sponde, quando 
però queste sieno a dolce pendio, perchè in tal caso qui avremo il 
potamoneritos. 

Tali organismi s\ diranno Polamoùen/onoùi, Bentonobi flu- 
viali, o Forme p o t a m o b e n t o n i e h e. 

Avremo pur qui un Filopoiamobentos o Fitobentos fluviale, 
ed un Zoopolamobentos o Zoobentos fluviale. 



ne 



Letteratura 



1. R. IIaeckel — Plankton-Sliidieii ; JQnn, G. Fischer, 1890. 

2. F. A. FoREL — La Faune Profonde des Laos Suisses ; Mém. de 
la Soc. Helv. de Se. nat., i885, voi. 29. 

3. V. Hentsen — Ueber die Bestimmung des Plani; fon' s oder des im 

Meere treibenden Materials an Pflan\en und Tìiiei en ; V. Bericht 
der Kommis. z. wissenschafllichen Untersuch. der deutschen 
Meerc, Berlin, Parey^ 1887. 

4. G. B. De Tomi & A. Forti — Contributo alla conoscenza del Plan- 

cton del lago Vetter ; Atti R. Ist. Ven., v. 5q, 1899-900 (Venezia, 
C. Ferrari). 

5. C. ScHRÒTER — Schwebejlora unserer Seen; Zùrich, Ziircher & 

Furrer, 1896. 
ó. J. MÙLLER — Ueber die Larven und die Metamorphose der Echi- 
nodennen; Abhandl. der Berliner Akad. der Wissensch., 1845-55. 

7. F. A. FoREL — Le Lenta u ; Lausanne, Rouge, 1892. 

8. F\ Salmoiraghi — Contributo alla limnologia del Sebino ; Milano, 

Bernardoni, 1897-98. 

9. A. Garbini — Primi materiali per una monografia limnologica del 

Lago di Garda; Mem. Acc. Verona, v. 69, 1893; Bull. Soc, En- 
tom. Ital., V. 26, 1894. 

10. Seligo — Ilydrobiol. Untersuchungen ; Schriften der Naturfor- 
schenden Gesellsch. zu Danzig, v. 7, 1890. 

I 1 . F. Brand — Ueber die Vegetationverhdltnisse des Wiìrmsees und 
scine Griindalgen ; Botanisches Centralblatt, 189Ó, v. 65. 

12. A. Seligo — Untersuchungen in den Stuhmer 5'^^^«; Westpreus- 
sischer Bot.-Zool. \^ercin, Danzig, W. Engelmann, 1900. 

i3. B. Scmròder — Das Pflan\enplanhlon preussischer Seen; in Se- 
ligo (12). 



114 

14- P. Pavesi — Allra serie di ricerche e sfudì sulla fauna pelagica 
dei laghi italiani; Atti Soc. Ven. -Trentina di Se. Nat., v. 8, 1884. 

i5. C. Apstein — Das Siisswasserplanklon ; Kiel uncl Leipzig, Lip 
sius & Tischer, 1896. 

ló. A. Garbini — Intorno al Plancton dei laghi di Mantova; Mem. 
Acc. Verona, v. 74, 1899. 

17. B. ScHRÒDER — Ueber das Plankton der Oder ; Ber. d. deutschen 
bot. Gesellsch., v. lò, 1897. 

18. F. A. FoREL — Matériaux pour servir à l' étt/de de la faune pro- 
fonde du Lac Léman ; Bull. Soc. vaudoise Se. Nat., v. i3, 14, iS, 

16, 1874-79. 

19. G. voN IsTVANFFi — Die Kryptogameiì-Flora des Balatonsees und 
seiner Nebengewdsser ; Biol. Centralbl., v. 12, 1892. 

20. C. Apstein — Quantitative Planktonstudien Ì7n Siisswasser ; Biol. 
Centralbl., v. 12, 1892. 

21. M. Samter & W. Weltener — Weitere Mittlieilung iìher reliete 
Crusiaceen in nordeutscheu Seen; Zool. Anz., v. 25, 1902. 

22. O. Zacharias — Untersuch. iiher das Plankton der Teichgezuds- 
ser ; Forschungsb. aus der Biol. Stat. zu Plòn, v. 6, parte 2, 1898. 

23. C. Zimmer — Das tierische Plankton der Oder ; Forschungsb. aus 
der Biol. Stat. z. Plòn, v. 7, 1899. 

24. B. ScHRÒDER — Das pflan-Jiche Plankton der Oder; Forschungsb. 
aus d. Biol. Stat. z. Plòn, v. 7, 1899. 

25. S. A. Zernow — Bemerkungen iiber das Zooplankton der Flusse 
Schoschma uud Wjalka ; l^evuc internat. de péche et piscicult., 
1900, n. 4. 



<:^^0D^.ce^3 



Angelo Mazza 



Un manipolo di Righe marine della Sicilia 

Parte II. 



FUCOIDEAE (Ag.) J. Ag. 



Fam. SARGASSACKAE (Decne) Kuetz. 
Geli. Sargassum Ag. 

Etym. da Sargaz_o, voc. spagnuolo. 

Genere composto di circa duecento specie ('), di cui due sole 
appartengono al Mediterraneo, ma vi paiono esclusive. 

Infatti il Sargassum linifolium con la var. salicifolhun non venne 
finora segnalato fuori dei limiti di questo mare Q. Il S. Hornschu- 
chii si spinge fino alla Propontide, ma è da osservarsi che sebbene 
oggigiorno il mare Nero, il mare d' Azof e il mare di Marmara co- 
stituiscano un bacino quasi del tutto separato dalle altre regioni me- 
diterranee liberamente comunicanti fra di loro, una simile separa- 
zione, per quanto preistorica, può ritenersi relativamente recente in 
confronto alla apparizione del genere Fnciis come viene oggi inteso. 
140. Sargassum linifolium (Turn.) Ag. 



(*) E non di sole 100, come scrissi altrove. La Sylloge Algarum del Dott. 
G. B. De Toni, Voi. Ili, ne descrive 19S. 

(2) Dicendo Mediterr. s' intende sempre compreso anche 1' Adriatico. Quando 
quest'ultimo vuoisi escludere, conviene allora specificare se si tratta di Tirreno, 
di Jonio o di Egeo. 



116 

Spiaggia di Fico Grande, degli Scari e sopra la Lena a Strom- 
boli ; Messina, Riposto, Trapani. 
14 i. vai. salicifolium. 
Isola di Stromboli. 

142. S. Hornschuchii Ag 

Località predelle a Stromboli ; Riposto. 

Gen. Cystoseira Ag. 

Etym. Cysta vescica e scira catena. 

La Svlloge Algarn/n descrive ventitré specie di Cvstoseira, di 
cui sette esclusive del Mediterraneo dove costituiscono delle colonie 
di una grande vaghezza, nelle quali l'occhio spazia liberamente at- 
traverso l'acque trasparcntissime dei bassi fondi non inquinati. 

Questa proporzione numerica, cosi in opposizione a quella del 
genere precedente, è una delle manifestazioni più caratteiistiche della 
nostra Hora marina. 

Sez. 1. Eucystoseira. 

143. Cystoseira abrotanifolia Ag. iC. fimbriata (Desf.) Bory). 
Riposto, Acireale, Pater ino. Trapani; isola di Stromboli agli scogli 

del villaggio Ginostra. 

Conta non meno di una ventina di sinonimie le quali stanno a 
provare la grande variabilità della pianta che assume statura ed 
aspetti diversi a seconda dell'ambiente in cui vegeta. Cresce infatti 
quasi alla linea dell'acqua per spingersi fino alla profondità di al- 
cuni metri. 

Nei primi stadi di evoluzione le frondi, dapprima isolate o scarse, 
di pochi millim. di altezza, obovato- lineari, intere o con qualche 
dente, sorgono da uno stesso callo basilare che ben presto emette 
nuove frondi della stessa forma finché il cespo può esserne compo- 
sto di una quindicina e più. 

Per quanto ingrossi, il callo non dispiega mai uno sviluppo 
verticale da simulare un vero caule. Su di esso le foglie vanno man 
mano assumendo la forma adulta che è bi-tripinnatihda con le la- 
cinie intere. Fin dal loro primo apparire le frondi sono ancipiti e 



117 

tali sempre si mantengono in tutti i gradi del loro sviluppo e sono 
munite di pori mucitlui disposti in linee parallele allo ispessimento 
mediano. 

Nelle forme nane, proprie della superficie, le lamine della fronda 
vanno scomparendo allo stato adulto, cosichè la pianta appare tutta 
stipata di vescicole e di ricettacoli. 

144. C. barbata (Good. et Woodw.) Ag. (C. Hoppii Ag.). 
Riposto (Catania). 

Nei miei esemplari raggiunge l'altezza di 25 Centim., il che ne 
dimostra l'origine piuttosto profonda, giacché, come nella prece- 
dente, la statura è sempre in relazione alla varia profondità di 
stazione. 

145. C. discors (L.) Ag. 

Messina; fra Torre e Pupillo (Kipos/o) ; Acireale, Trapani. 

Tronco perennante, ligneo, grosso, più o meno tortuoso nella 
vecchiaia, emettente annualmente novelle frondi distico-pennate, co- 
state che, nello stato giovanile, la fanno distinguere dalla barbata, 
fimbriata e crinita. 

14Ó. C. concatenata Ag. 

Stretto di Messina. 

Un solo esemplare assai bene caratterizzato in tutte le sue parli. 

Si trova anche nell'Atlantico, dal Portogallo al Capo Verde. 

Sez. II. Acautììocladia. 

147. C. crinita (Desf.) Duby. 

Poco sotto il pelo dell'acqua alle spiagge Scari e Fico Grande, 
e allo Scoglio delle Chiappe W S W delT isola di Stromboli, in gen- 
naio; a Messi7ia sugli scogli; Siracusa, Acireale, Trapani. 

Bella pianta assai caratteristica pel suo tipo costante, pel suo 
portamento e la grande rigidezza delle frondi criniformi. 

Rara nel Tirreno supcriore e comune nelT inferiore, nel Jonio e 
neir Egeo. 

148. C. selaginoides (Wulf.) Nacc. 
Acireale, Porto di Trapani. 

Specie assai polimorfa, variando a seconda della profondità in 
cui cresce. Per questo motivo venne spesso confusa con la C. amen- 
tacea e con la C. ericoides. 



118 

Osservazione. — Attenendosi al parere dapprima espresso dal 
chiar. Ardissone, non pochi ritennero per molto tempo che la Cy- 
sfoseìra sedoides (Desf.) Ag. dovesse riferirsi alla Cysi. selaginoides 
(Wulf.) Nacc. 

Che invece la C. sedoides costituisca una specie ben distinta ne 
convenne poscia lo stesso Ardissone nella sua Nota n. 42, che credo 
bene di qui riportare. 

« Cystoseira sedoides (Desf.) Ag., Vucus sedoides Desf. FI. Atl. 
p. 423, tab. 260 ». 

« C. caule irunciformi, crasso, eìongato. per loiam longiliidinem 
ramis undique egredientibiis dense vestito; spinulis densis imbricatis, 
crassis, suhulatis, incurvis, basi f urea ti s ». 

« Abit. Mediterr. occid. ad Algeri (Bornet, Debray) ». 

« Gli esemplari di questa specie, comunicatimi dai signori Bor- 
net e Debray, mi inducono a credere che i dubbi da me espressi 
{Phycol. mediterr. II, p. 35) sulla fedeltà della succitata llgura del 
Desfontaines siano infondati e che perciò la pianta da questa figura 
rappresentata sia da distinguersi dalla Cystoseira selaginoides ». 

« Secondo le indicazioni gentilmente datemi dal chiar. Dott. Bor- 
net, la C. sedoides giunge a misurare sino 40 Centim. di altezza. 
Il suo caule è diritto e quasi sempre semplice, raramente si biforca 
uno due volte. Si distingue facilmente a prima vista dalla C. se- 
laginoides per la densità delle sue spinole e per la robustezza di 
tutte le sue parti ('). 

149. C. amentacea Bory. 

Tra S. Maria la Scala e S. Tecla presso Acireale, Palermo. 

L'esemplare di Acireale misura 3o Centim. di altezza, siccome 
oriundo dalla profondità di alcuni metri, ma non mancano forme 
medie e nane proprie delle profondità minori. 

Vista nell'acqua nativa allo stato vegetante, si mostra azzurra- 
stra (azzurro di Velella spiralis) verso le estremità, con riflessi iri- 
descenti, sul quale fenomeno già si ebbe a discorrere sotto il n. loò 
del presente contributo {N. Notarisia Gennaio-Aprile 1904). 



(') Ardiss. Note alla Phycol. mediterr. Nei Rendiconti del R. Istit. I.omVj. 
di se. e lett. Ser. II, Voi. XXVI, fase. XVI, anno 1893. 



119 

i5o. C. corniculata (Wulf.) Zanard. 

Trovata reiella a Messina. 

Sarebbe la prima volta, per quanto è a mia cognizione, che 
viene segnalata nelle acque siciliane, ma che vi sia nata non è pru- 
dente assicurarlo, avendola trovata reietta e priva di caule, sebbene 
con ramificazioni abbondanti e in perfetto stato di conservazione. 

i5i. C. Abìes-Marina (Gmel.j Ag. (C. Montagnei ]. Ag.). 

Nelle adiacew^e dell' isola di Stromholicchio a sette ed otto metri 
di profondità. 

Caule perennante che nei miei esemplari misura la lunghezza 
di i5 Centim., portanti i vecchi tofuli sguerniti di vegetazione, men- 
tre quelli superiori recano le caratteristiche frondi ricordanti certe 
forme esili ed allungate di Halyseris polypodioides propria alle pro- 
fondità maggiori di quelle solite in cui cresce questa dittiotacea. 

Fam. DICTYOTACEAE. 
Gen. ZoNARiA (Draparn. 1801). 

Etym. ~ona, dalle zone concentriche della fronda. 

L-e trenta e più specie di bonaria si possono ridurre ad una 
mezza dozzina cui altrettante se ne potrebbero aggiungere fra le 
specie inquirende; nelle rimanenti vennero identificate alcune specie 
di Dictyotaceae e di Ciitleriaceae. 
i52. Zonaria flava (Clem.) Ag. 

Riposto, Porto di Catania. 

Pianta sub-perennante. La fronda giovanile, sub-rotonda o re- 
niforme, raggiunti i 2-3 Centim. di altezza si scinde in due o tre 
parti disuguali ad ognuna delle quali corrisponde in seguito una 
specie di costa che trae la sua origine dallo stipite che da semplice 
si è fatto ramoso e spongioso alla base. Nella pianta adulta è assai 
caratteristica la spaccatura delle lamine le quali per conseguenza 
hanno i margini interni costituiti da una linea retta, ed i lati esterni 
in vario modo frastagliato-dentati. 

Gli stipiti o cauli adulti possono emettere nell'anno novello gio- 
vani lamine di un bel verde oliva, mentre la giovane originaria 
fronda, più povera di feoficina, è sempre più chiara o giallastra. 

È di assai vasta distribuzione geografica ma non troppo comune. 



120 

Meno bella della nostra e la 1. ìnterriipta Lamour, del sud 
Africa, le cui lamine sono assai strette, prive di flabelli e terminate 
bruscamente in linea retta orizzontale o diagonale. 

Gen. Tao NI A J. Ag. 

Etym. taonios, pavonio, dall'espansione flabelliforme della pianta, 
quasi a coda di pavone, 

i53. Taonia Atomaria (Good. et Woodw.) J. Ag. 

Fra Torre e Fusillo {Riposto), Palermo, Acireale. 

Ricorda il portamento di alcune forme di Dìctyota diclioloma, ma 
ne diversifica in modo assai evidente per taluni particolari, quali le 
numerose ramificazioni terminali e la fruttificazione tetrasporica che 
si palesa sotto l'aspetto di linee trasversali sinuose. 

Hab. Mediterraneo, Adriatico, coste occidentali dell' Atlantico, 
della Scozia, a Tangeri, Canarie, Antille. 

Ge7i. Padina Adans. 

Etym. padinos o pedino s, vivente in luoghi piani. 
154. Padina Pavonia (L.) Lamour. 

Messina, Palermo. 

Le zone concentriche della fronda pare che non segnino i di- 
versi gradi di sviluppo, giacché anche in frondi giovanissime, di po- 
chi millim. di altezza, se ne possono contare già da sei a diciotto 
o venti, ma assai ravvicinate. Col crescere della pianta le linee zo- 
nali si distanziano semplicemente. In alcuni dei miei esemplari ho 
riscontrate persino 25 zone. 

Gen. Haliseris Targ. Tozz. 

Etym. als mare e seris endivia. 
i55. Haliseris polypodioides (Desf.) Ag. {Diciyopleris polypodioi- 
des Lamx.). 

Messina, Acireale, isola di Sfromboli. 

Delle dittiotacee è la pianta più spiccatamente caratteristica per 
la forte costura che percorre medianamente tutta la fronda e per i 



121 

margini di questa che, nello stato di perfetta conservazione, son 
sempre interi. Se vi appare qualche dente non è che l'indizio di 
una dicotomia incipiente od abortita. 

Talvolta le dicotomie superiori sono cosi appressate, che la 
pianta appare policotoma. Le frondi variano assai in larghezza, ciò 
che è in relazione all'ambiente più o meno profondo e più o meno 
saturo di materie azotate. 

Infatti può spingersi tino a yo metri di profondità secondo Ro- 
DRiGUEz [A/gas de las Baleares). 

Le frondi possono durare più di un anno, quindi si corrodono 
nei margini facendosi dentato-scalari e sempre più vanno perdendo 
della lamina insino a che non rimangono che le costure assai rigide 
con poca porzione delle parti laminari inferiori. In questo stadio la 
pianta prende l' aspetto flagelliforme. 

Distrib. geog. Dall'Inghilterra alle Canarie, Mediterraneo, Brasile, 
Tasmania, Giappone, mare Rosso, golfo Arab., ecc. 

Geli. DicTYOTA Lamour. 

Etym. diclyotos, formato a guisa di rete, allusivo alla costitu- 
zione intima. 

Le specie fin qui stabilmente identificate sono 47 e tutte ap- 
partengono alle regioni intertropicali e temperate. 
i5ò. Dictyota dichotoma (lluds.) Lamour. 

Messina, Palermo. 

Pianta di vario portamento in quanto si riferisce all'altezza e 
alla larghezza della fronda, ma di facile identificazione quando poi 
l'esemplare è provvisto di fruttificazioni le quali occupano tutta 
quanta la lamina meno i margini che son sempre liberi per una 
stretta estensione ma perfettamente delimitata. 

Nel suo vigore vegetativo è suscettibile di prolificazioni che spesso 
sono però dovute a cause esterne che abbiano prodotto lacerazioni 
sulle quali può prodursi l'evoluzione di novelle frondi a scopazzo. 

La collezione mi presenta le forme ìatifolia (Kuetz.), attenuata 
(Kuetz.) ed implexa (Lamour.). 

Può crescere fino a 90 metri di profondità secondo il chiar. 

RODRIGUEZ (1. e). 



122 

iSy. D. ligulata Kuetz, 

Romagnolo a Palermo, Gennaio i^o). 

Nuova la località ma non la specie nel mare che bagna le co- 
ste siciliane. Il prof. Piccone già ebbe ad occuparsi di questa pianta 
nel fase, di Aprile 1901 della Nuova Notarisia (p. 54-55) segnalan- 
done il rinvenimento fattone dal prof. Alfio Fjchera a Messina, dal 
prof. Baccarini alla Plaia di Catania, dallo Strafforello al Porto 
Maurilio, dall' Arcangeli a Livorno e dal Gibelli nel basso Adria- 
tico {Bariì)^ e terminava la sua Noterella con queste parole: «È 
facile profezia il dire che sarà segnalata di altre località i, ciò che 
viene confermato dalla presente inclusione. 

La maggiore consistenza della fronda, la sua dicotomia poco 
regolare e le divisioni ultime assai allungate, poco divaricate, spa- 
tuliformi, consimili a quelle della Caulerpa //V/z/a/iz llarv., quasi sem- 
pre intere e rotondate agli apici, giacché le estremità bifide o trifidc 
non sono che incipienti dicotomie, come lo prova il fatto di essere 
sempre sterili in causa del loro stato troppo giovanile; tutto ciò, 
dico, non sarebbe sulficiente a far sempre distinguere, da ognuno 
che non sia prevenuto, questa specie dalla precedente quando man- 
casse lo intervento della fruttificazione così caratteristica pel modo 
regolare e tipico con cui si presenta. Quivi i sori, anziché sparsi in 
modo uniformemente disordinato entro il limite dei margini liberi 
della fronda, costituiscono delle figure sub-quadrate il cui interno è 
talvolta quasi vuoto, oppure occupato da sori più piccoli, puntiformi 
anziché obovato-lineari come son quelli che limitano la indicata con- 
figurazione quasi geometrica. Quest' ultimo carattere poco si avverte 
o manca affatto negli esemplari atlantici, che hanno però assai più 
accentuati i caratteri inerenti alla forma delle frondi, come rilevo dai 
campioni di Arotcha-Guéthary donatimi dal eh. prof. Chalon. Se- 
nonchè, anche a tale riguardo, occorrerebbe, per meglio giudicare, 
una ben più larga messe di materiale avente origini diverse. 

11 mio esemplare palermitano misura 9 Centim. di altezza; le 
frondi hanno la larghezza massima di 4 millimetri. 

Dìstrib. geogr. Coste atlantiche della Francia, Mediterraneo. 

Le nostre conoscenze intorno alla distribuzione di questa buona 
specie sono però da ritenersi assai incomplete, trattandosi di pianta 
ancora un po' negletta. 



123 

i58. D. iinearis (Ag.) Grev. 
Mondello a Palermo. 

1 miei esemplari, bellissimi, rappresentano la forma più stretta. 
Non mi risulta che sia stata segnalata precedentemente nella citata 
lecalità. 

159. var. spìralis (D. spiralis Montg.). 
Nel Porlo a Trapani. 

lóo. D. Fasciola (Rothj Lamour. 
Palermo. 

Fani. CUTLERIACEAE. 

È questa un'assai strana famiglia sugli individui della quale re- 
gnò per lungo tempo un vero mistero. A penetrarlo, e poscia a spie- 
garlo in parte, servirono i lavori di Reinke e di Falkenberg, indi 
quelli di Church, Kuckuck. e Sauvageau. Tali lavori dimostrarono 
i rapporti genetici che intercedono fra gl'individui stessi, eteromorfi 
od anche amorfi. 

A quale punto trovasi ora la questione viene riassunto dal prof. 
Ardissone nella Nota sulle Ciilleriacee nei « Rendiconti » del R. Ist. 
lomb. di se. e Ictt., Serie 11, Voi. XXXII, anno 1900. 



Gen. Cutleria Grev. 

Etym. Dedicato all'egregia botanohla Sig. Cutler. 

Annovera tre sole specie, oltre le corrispondenti forme aga- 
miche. 

1Ó2. Cutleria multifida (Sm.) Grev. 

Messina, Acireale', Palermo. 

Ne possiedo due piante maschili: l'una di Acireale, l'altra di 
Palermo, ed una femminile di Messina. 

Osservazione. — In seguito ai lavori sopra accennati, è ormai 
assodato che V Aglaozo?iia parviila Zanard. {A. reptans Reinke) non 
altro sia che la forma agamica della Cutleria multifida. Di tale forma 
non possiedo esemplari di Sicilia nel cui mare peraltro non può 
mancare, in quantochè l' alternanza di generazioni fra la Cutleria e 
V Aglao:{onia non è regolare, ma sibbene accidentale o facoltativa. 



1-24 

Diljìcilmente V Aglao^oìila parvula può rinvenirsi reietta, occor- 
rendo pescarla in alto mare. 

162. C. adspersa (Roth) De Not. 

Palermo, Acireale. 

Frondi a contorno flabellato, reniforme o anche perfettamente 
tondo, di un gaio verde- oliva nello stato giovane, e verde oliva 
scuro nello stato adulto, coi margini finamente ciliati, piani ed in- 
teri, oppure rotondamente lobati e ondulati, inciso-eroso-laciniati nel- 
r ultimo stadio, cioè durante la maturanza della fruttificazione. I sori 
occupano la parte centrale ed inferiore della fronda e sono disposti 
in zone concentriche, in linea regolarmente curva, o anche a zig-zag, 
o altrimenti irregolari, in linea cioè più meno interrotta. 

La scissione delle frondi può dar luogo a delle vere ramifica- 
zioni, almeno nell'Atlantico, come rilevo dai belli esemplari di Aro- 
tcha-Guéthary, gentilmente favoritimi dal prof. J. Chalon. 

OsservaTjone. — 'i.V! Aglao^onia chilosa del Falkenberg, della 
quale possiedo degli esemplari dalle Baleari favoritimi dal chiar. Ro- 
DRiGUEz, anche secondo questo autore non sarebbe che la forma 
agamica della Cutlerìa adspersa ». (Vegg. Nota n. 43 delle Note di 
F. Ardissone alla Phycol. mediterr., nei Rendiconti citati, ser. 11, 
Voi. XXVI, fase. XVII, anno 1893). 

Gli esemplari posseduti dallo scrivente hanno la stessa prove- 
nienza di quelli ora indicati e vennero pescati a 75 metri di profon- 
dità nel mese di ottobre 1895. 

Le frondi, dapprima semplici, indi bifide, dimostrano una ten- 
denza irregolarmente dicotomica, e sono altresì caratterizzate da co- 
strizioni o strozzature di vario grado. 

L'altezza è di 3 Centim. nei miei esemplari il cui colore è gial- 
lognolo-bruno, 

Gen. Zanardinia Nardo. 

Etym. dal chiar. ficologo Gio. Zanardini. 

iò3. Zanardinia collaris (Ag.) Crouan. 
Marina di Riposto, spiaggia di S. Tecla presso Acireale. 
Nello stato giovanile è evidentemente verde-scura, massime ve- 
duta in trasparenza, indi mano mano si fa più scura fino al bruno. 



125 

La maggiore o minore consistenza della fronda proviene dall'età, 
giacché trattasi di pianta sub-perennante, date certe condizioni. Me- 
diocremente o affatto aderisce alla carta la quale si fa bruna al suo 
contatto. 

Fani. LAMINARIACEAE Rchb. 
Gen. Laminaria Lamour. 

Etym. da lamina per la forma piana della fronda. 
164. Laminaria Rodriguezii Born. 

Isola di Stromboli, 4 Fehbr. iS<)^. 

Mi sono già occupato a lungo di questa pianta ('), di altissimo 
interesse nella flora del Mediterraneo, sotto parecchi aspetti. Trovo 
solo qui necessario di far notare che nulla essa ha di comune con 
la L. saccìiarina la quale, fra l'altro è di una consistenza assai spessa, 
cornea nel secco, mentre la caratteristica nostra specie è assai sot- 
tilmente membranacea e di una pieghevolezza quasi sericea nel secco. 

Gli esemplari avutine dal chiar. Rodriguez misurano circa un 
metro di lunghezza, e 0.24 di larghezza. 

Oss&rva\ione. — A proposito delle Laminaria stabilite nel Me- 
diterraneo, sembrami opportuno di qui riferire il parere che il chiar. 
Ardissoxe esprime nella sua Nota n. 55 del 1893. 

a La vera L. saccìiarina sarebbe stata trovata da Falkenberg a 
Messina, dove peraltro pare che sia scomparsa : perciò sarebbe da 
considerarsi come avventizia». 

« Avventizia sarebbe pure la L. brevipes che il Bornet divide 
in Plivllaria reniforniis e Pli. purpiirascens ». 

(( E poiché è da sospettarsi che lo stesso sia della Saccorhi^a 
bulbosa, ne viene che la L. Rodriguezii sarebbe la sola specie di 
Laminaria veramente indigena del Mediterraneo ». 

Nella Phycol. mediterr. (Voi. 11, pag. 145) lo stesso autore espri- 
meva il dubbio non solo sulla tìssità, ma anche sulla autenticità della 
Saccorlii\a bulbosa (S. bulbosa-medilerranea De Not.) nel Mediterra- 



(') A. Mazza: La Lam. Rodriguezii nel Mediterraneo; in Nuova Notarisia 
Genn. 1901. 



126 

neo. Già la descrizione stessa che ne vien fatta nella citata opera 
non corrisponde affatto alla forma della pianta adulta come osserva 
r autore, e come appare dagli esemplari atlantici che tengo sott' oc- 
chio, provenienti l'uno da Cherbourg (della collez. Le Jolis), l'altro, 
in frammento sporigero, da Roscoff, donatomi dal prof. ChALON uni- 
tamente a un disegno ridotto dell'intera pianta con indicatavi in uno 
spazio A la delimitazione della regione sporigera. A proposito di 
quest'ultima, cos'i me ne scrive: « Contrairement à ce qu' aljìrment 
tous les auteurs, cette région n' existe par sur le pétiole et sur le 
bulbc, mais seulement en A, à la base de la fronde paimce. J' ai 
récolté à Roscoff une de ces frondes qui mesurait 5 mètres en lar- 
geur, et 5 en hauteur ». Dallo stesso Chalon ebbi infine un giovane 
individuo di S. bulbosa, i cui caratteri sono degni di nota in quanto 
rivelano T interessante processo che la pianta tiene nella sua evolu- 
zione, e di cui verrà discorso a suo tempo nel trattare della mia 
collezione oceanica. 

Nell'ora citata sua memoria, lo scrivente ha già espressa la ra- 
gionata convinzione che pure la Laminaria digitata sia da conside- 
rarsi come avventizia nel Mediterraneo. 

Fani. SPUROCllNACEAE (Reichb.) Decne. 
Gen. Nereia Zanard. 

Etym. Nereia dalle mitologiche ninfe del Mediterraneo. 
i65. Nereia filiformis (J. Ag.) Zanard. 

Dragata nel l'orto a Palermo {Rotoli). 

Bellissimo esemplare benché privo del callo radicale, alto nove 
Centim. La pianta è in perfetto stato di vegetazione, ricca di peni- 
cilli confervacei di un gaio verde leggermente olivaceo, nonché di 
ricettacoli, alcuni dei quali assai ravvicinati e quasi confluenti. 

Secondo Rodriguez (Algas de las Balcares) cresce alla profon- 
dità di 24 a 5o metri. 

Per quanto mi consta, è questa la prima volta che viene se- 
gnalata lungo le coste della Sicilia. 

Osserva\ione. — L'accenno allo Sporochnus dicholomiis fatto 
neir introduzione del presente rendiconto {N. Notarisia, fascicolo di 
Gennaio 1904) devesi invece riferire alla Nereia qui trattata. 



127 



Fam. STILOPHORACEAE. 
Gen. Stilophora J. Ag. 

Etym. stUos stilo e phoreo porto. 
IÒ6. Stilophora rhizodes (Plhrh.j J. Ag. 

Rotoli a Paleriììo, sopra una Cystoseira. 

Piante giovani, non più alte di 4 Centim. 

Nell'Atlantico può raggiungere il mezzo metro di lunghezza, 
come rilevo da esemplari pescati a RoscolT, donatimi dal prof. J. 
Chalon. 

Fani. CllORDARlACEAE (Ag.) Zanard. 
Gen. Myrionema Grev. 

Etym. mvrios innumerevole e nenia filo. 

1Ó7. Myrionema strangulans Grev. [M. punctiforme Harv.). 
Sul!' Ulva Enteromorpha var. lanceolata, forma crispata, a Rotoli 
(Palermo). 

Gen. Cladosiphon Kuctz. 

Etym. clados ramo e sìphon tubo. 
168. Cladosiphon mediterraneus Kuetz. (Mesogloia fistulosa Me- 
negh., Castagnea Jìstiilosa Derb. et Sol.). 

Rotoli a Palermo. 

Tanto qui, come nel golfo di Napoli, questa pianta è spesso 
associata aWa Zostera e alla Sphacelaria cirrliosa ; quest'ultima sbian- 
chita e coperta da diatomee. 
i()9. C. Giraudi J. Ag. 

Alla V. Maria e Rotoli a Palermo, .y?///' Acanthophora Delilei. 

Ben distinta dalla precedente che è subsemplice, mentre questa 
è ramosissima e talvolta anche pennata. 

Fam. Striariaceae Kjellm. 
Gen. Striaria Grev. 

Etym. stria pei sori disposti in zone trasversali. 
170. Striarla attenuata (Ag.) Grev. 



128 

f. ramosissima (Kuetz.) llauck, var. crassa Ardiss. 

Draga/a in l'orto a Palermo, 2} Magg. kjoj. 

La Striarla attenuata presenta forme molto diverse, così per le 
dimensioni, come pel colore e la consistenza della fronda. Nel golfo 
di Napoli, ad esempio, predomina la forma molto allungata, sottile, 
flaccida, di un bel verde chiaro che si conserva assai bene nelle 
preparazioni secche, senza che venga comunicata alla carta alcuna 
traccia di melanoficeina. Questa forma può raggiungere parecchi de- 
cimetri di altezza, e le frondi hanno la larghezza massima di 2 a ò 
millimetri. Le ramificazioni rade in basso, si fanno sempre più nu- 
merose nella parte media e sopratutto nella parte superiore dove i 
segmenti riescono cosi sottili che diljìcilmente si possono, ad occhio 
nudo, seguirne le estremità. 

11 carattere fistoloso nel fresco si può ancora apprezzare nella 
pianta secca per le configurazioni speciali che essa assume nelle 
varie sue porzioni. 

Ora fra questa forma che ricorda le Ulvacee [Enteromorpha) e 
le altre il cui esteriore aspetto le riferirebbe piuttosto alle Enceliacee 
iColpomenia, Asperococcus), non si conoscono finora dei tipi intcr- 
mcdii cosi graduati che ci servano di guida per ritenere che si tratti 
di manifestazione assai varie di una stessa pianta. Che gPistorio- 
grafi del genere siano passati per quest'ordine d'idee lo provereb- 
bero r Encoelimn ramosissiinum di Kuetz., T Asperococcus ramosissi- 
mus di Zanardini e la Striarla attenuata var. crassa di Ardissone. 

La forma palermitana di cui si tratta apparterrebbe dunque ai 
tipi indicati in quest'ultime sinonimie. 

È alta un decimetro e larga circa un Centimetro nel suo mas- 
simo diametro, qua e là ramosa o, per dir meglio, munita di proli- 
ficazioni lineari o davate, lunghe da uno a sci Centim. La pianta 
ha lo spessore degli Asperococcus e il colore giallo brunastro che 
macchia sensibilmente la carta. 

Fam. ENCOLLIACEAE (Kuetz.) Kjellm. 
Ge7i. PuNCTARiA Grcv. 

Etxm, punctuin dai sori puntiformi. 
171. Punctaria iatifolia Grev. 



129 

Messina, Acireale, Palermo. 

La circoscrizione della fronda è, ne' miei esemplari, ora lanceo- 
lato-acuminala, ora in forma di elisse assai allungata, ed ora ovata; 
l'estremità ne è ora acuta, ora ottusa, ora rotundata. Generalmente 
la base è cuneata e portata da un esile cortissimo stipite. In un 
unico caso lo stipite, non solo dà origine immediata alla fronda, e 
cioè senz' alcuna parte intermedia cuneata, ma trovasi sentitamente 
fuori piombo, ossia in un punto quasi laterale, per modo che la base 
della lamina appare spostata. 

Di vasta estensione geografica, essendo comune anche ai due 
grandi Oceani. 

Gen. ScYTosiPHON Ag. 

Etym. scyios cute e siphon tubo. 

172. Scytosiphon lomentarius (Lyngb.j J. Ag. 
Messina, Riposto, Palermo. 

Le forme offertemi dal mare siciliano sono interessanti dal punto 
di vista metamorfico che bene illustra la specie e ne caratterizza le 
varietà. 

Ben si possono trascurare le costrizioni più o meno rade, più 
o meno sentite (fino ad assumere la strozzatura istmica filiforme della 
lunghezza di qualche millimetro), l'altezza e la larghezza della fron- 
da, le quali condizioni tutte si ripetono ovunque. Sembrami però 
assai notevole un cespo dragato nel Porto di Palermo, composto di 
sei frondi, l'una delle quali ha la larghezza massima di 12 millim., 
e tutte perfettamente piane e senza alcuna costrizione, affatto verde 
nel secco, tale insomma da potersi riferire alla var. complanatus Ro- 
senv. Mancandomi esemplari autentici di confronto, è diljicile stabi- 
lire se trattasi effettivamente di questa varietà, oppure di una forma 
transitoria che ad essa varietà ne segni il passaggio. 

(1''. indicata matrice della Mvriolrichia clavueformis Harv. e dcX- 
Y Ec/ocarpìis elegans Alenegh.j. 

Trovo invece assai bene identificata la 

173. var. thrix {Chorda Filum var. thrix Kg.j 
Acireale. 

E così distinta dalla forma tipica che meriterebbe di rappre- 
sentare un genere a sé. 1 caratteri esterni l'avvicinano alla Chorda 



130 

Fihim ne' suoi primi stadi dì sviluppo. Come nel gen. Chorda, que 
sta varietà è ora tomentosa, ora glaberrima, come potei convincermi 
dietro esame della ricca rappresentanza dell'erbario Ardissoneano 
Ha frondi gregarie o isolate che, nei miei esemplari, hanno la lun 
ghezza massima di 69 Centimetri, e il diametro di un millimetro 
glaberrime, cilindriche, prive affatto di qualsiasi indizio di costrizioni 
verde-oliva brune, un po' flaccide, viscide e assai elastiche nello stato 
vivente e poco meno anche quando, dopo l'essiccazione, vengono 
rimesse in molle. 

Allo stato secco la sostanza si fa coriaceo-membranacea e più 
o meno aderisce alla carta o non vi aderisce affatto, secondo l' età, 
lo stato della pianta e il metodo della preparazione, 

Distrìh. geograf. poco conosciuta. Marc Ligustico, secondo l'in- 
dicazione della Phycol. niediterr. (Voi. II, p. 1 19) di F. Ardissone nel 
cui Erbario io ne notai anche un esemplare proveniente da Catania. 

Gcn. Phyllitis Kuetz. 

Etym. phyìlon, foglia, dall'aspetto fogliaceo della fronda. 
174- Phyllitis Fascia (Muell.) Kuetz. 

Messùu/, Riposto, Acireale, Siracusa, Palermo. 

1 molti esemplari di diverse provenienze da me posseduti, oltre 
quelli delle località quivi indicate, darebbero ragione al prof. Ardis- 
sone che alla maggiore o minore larghezza della fronda non crede 
si abbia a conferire alcun valore di carattere specifico. Infatti i tipi 
estremi, avendo ricchezza e varietà di materiale di confronto, si pa- 
lesano collegali da molti altri tipi intermedi. 

La massima lunghezza dei miei esemplari siciliani è di 20 Cen- 
tim., la larghezza di 6 Centim, 

Gen. CoLPOMENiA Derb, et Sol. 

Etym. colpos seno e meno rimango, allusivo al fatto ben noto 
della grande quantità di essa pianta che spesso trovasi confinata nei 
più riposti seni, o rigettata sulla spiaggia, e ancora più di frequente 
rimasta prigioniera nelle chiostre formate dagli scogli, 
175. Colpomenia sinuosa (Roth) Derb. et Sol. 



131 

Messina, fra Torre e PuiTjllo, Palermo, Acireale. 

Variabile è la consistenza della fronda la quale può essere, oltre 
che membranacea, come di solito, anche piìi o meno carnosetta. 
Non mai occorsemi di trovare la forma reticolata constatata da J. 
Agardh e da Ardissone, mentre sembra non sia stata ammessa dallo 
Zanardini. 

Gen. AsPEROcoccus Lamour. 

Etym. asper aspro e coccos grano. 
17Ó. Asperococcus bullosus Lamour. 

Palermo. 

Fronda nello inizio sferica o clavata, indi allungata, sacciforme 
o intestiniforme, diritta o più o meno curvata, massime all' apice, 
talvolta strozzata, di color giallastro od olivastro. 

I miei esemplari hanno la lunghezza massima di otto Centim., 
e la larghezza di 2 Centim. 

177. A. compressus Griff. 
Acireale, Palermo. 

Occorrerebbe una larga collezione delle varie coste mediterranee 
per ben giudicare delle forme che può assumere questa specie. Nei 
mici esemplari siciliani è di assai medie proporzioni e le frondi sono 
sempre diritte, mentre nel golfo di Napoli non di rado s'incontra 
della lunghezza di oltre 40 Centim., e con le frondi più o meno 
curvate, ma ciò per eccezione. I sori lasciano bensì libera la base 
della fronda, ma non sempre l'estremità apicale. 

Pam. SPHACI^LARIACEAL (Decne) Kuetz. 
Gen. Sphacelaria Lyngb. 

Etym. Sphacelos cancrena o abbruslolimento, allusivo alle estre- 
mità troncato-incurve. o con una sorta di bottoncino o fungo come 
bruciate al fuoco. 

178. Sphacelaria cirrhosa (Roth) Ag. 
Nel Porlo a Palermo, sulla Zostera. 

Forma albescente, alterata dall' invasione di diverse Diatomee. 



132 



Gen. Cladostephus Ag. 

Elym. cìados ramo e slephos corona, pei rametti disposti a ver- 
ticillo. 

179. Cladostephus verticìllatus (l.iuhtf.) Ag. 
Palermo ali' Acquasanla; nel Porlo a Trapani. 

Gen. Halopteris Kuetz. 

Etym. als mare e pleron ala o piuma. 

180. Halopteris filicina (Grat.) Kuctz. {Sphacelaria filicina Ag.). 
Messina, Calania, alla Plaja, Palermo, Grolla della Regina, sugli 

scogli poco sommersi. 

li chiar. Rodriguez osserva che questa pianta tanto è rara a 
poca profondità quanto é comune invece dai 40 ai lon metri {Algas 
de las Baleares). 

Gen. Stypocaulon Kuetz. 

Etym. slvpa stoppa e caulos caule. 

18 1. Stypocaulon scoparium (L.) Kuetz. (Sphacelaria scoparla 
Eyngb.). 

Messina, fra Torre e P//^i{illo (Riposlo), Acireale, Palermo alla 
V. Maria, sugli scogli balluii dal mare, isola di Stromboli. 
Nelle due forme aeslivalis e hiemalis. 

Pam. ECTOCARPACEAE (Ag.) Kuetz. 
Gen. Pylaiella Bory. 

Etym. al chiar. Bachelot De la Pylaie. 

182. Pylaiella littoralis (L.) Kjellm. 
Nel Porlo di Palermo. 

Gen. Ectocarpus Lyngb. 
Etym. eclos esterno e carpos frutto, dagli organi fruttigeni esterni. 



m 
i83. Ectocarpus paradoxus Mont. in Moris et De Not. {E. cae- 
spi/uliis J. Ag.). 

Acquasanta a Palermo sulla Cystos. amentacea. 

184. E. siliculosus (Dillw.) Lyngb. 
Messina, Palenno. 



CHLOROPHYCEAE (Kuetz. ex parte) Wittr. 



Pam. ULVACEAE (Lamour.) Rabenh. 
Gen. Ulva J. Ag. 

Elym. Dalla voce latina ulva (erba palustre dei gen. Carex o 
Typha). 

285. Ulva Lactuca L. 
Messina, Acireale, Palermo. 
Nelle forme genuina e latissima. 

Gen. Enteromorpha Link, 

Etym. enleron intestino e morphe forma. 

LMnvadenza e la variabilità delle Enteromorpha si spiega con la 
spiccatissima loro attitudine all'adattamento degli ambienti i più di- 
versi. Non paga delle scogliere marine, l'ulvacea risale col rigurgito 
i suoi confini, guadagna gli allagamenti d'infiltrazione ed i fossi salsi 
submarini, e colle acque dolci si spinge nell'interno dei continenti. 
Spesso ne consegue che i limiti entro i quali si vorrebbero contenere 
le specie, le varietà e le forme si confondino al punto da riescire ma- 
lagevole l'assegnare un sicuro posto sistematico a tutti i tipi in- 
termedi. 

186. Enteromorpha intestinalis (L.) Link. 
Palermo. 

187. E. Linza (L.) J. Ag. 



134 

Messina, fra Torre e Pir:^-\illo (Rfpos/o), Acireale, Palermo. 
Nelle varietà lanceolata e crispala. 

188. E. compressa (L.) Grev. 
Messina, Palermo. 

Fani. CLADOPHORACEAE (Hassall) Wittr. 
Gen. Chaetomorpha Kuetz. 

Etym. chaete setola e niorphe forma. 

189. Chetomorpha littorea Fiarv. 
Messina, siili' Hypnea musciformis. 

190. C. aerea (Dillw.) Kuetz. 
Messina , Siracusa. 

Ge?t. Rhizoclonium Kuetz. 

Etym. rln\a radice e clonioh ramo. 

191. Rhizoclonium Linum Thur. {Chaetomorpha Linuin Kuetz.). 
Messina, laghi di Ganyrri e Pan-^anello o del Faro, Riposto, Aci- 
reale, a Palermo. 

In tutte le sue forme. 

Veggasi quanto ne scrive il chiar. Dott. E. Bornet nelle Algues 
de Schousboe. 

Gen. Cladophora Kuetz. 

Etym. clados ramo e phoreo porto. 

Chi avesse a propria disposizione la collezione completa e ben 
determinata delle circa 23o specie fin qui conosciute delle Clado- 
phora abitanti le acque marine, le submarine e dolci, e con tale im- 
portante sussidio imprendesse a classificare una raccolta delle specie 
stesse ma vergine di ogni battesimo, proveniente da ambienti e lo- 
calità più disparati, si troverebbe, pur non di meno, di fronte a dif- 
ficoltà e dubbi di tal fatta, che per un buon terzo del suo materiale 
anonimo dovrebbe ricorrere all'apposizione di un prudente punto in- 
terrogativo. 

Si può pensare di quanto le diijicoltà abbiano ad aumentare 



1S5 

nella mancanza di un sicuro materiale di controllo che, alla sua 
volta, non è sempre allo in tutto applicabile alle piante da identi- 
tìcarsi. 

Queste difficoltà originano: 
i.*^ Dalla struttura della fronda invariabile, qualunque sia la 
specie. 

2." Dall'instabilità del modo della ramificazione. 
3° Dall'instabilità della grossezza della fronda e della lunghezza 
delle articolazioni, anche in parti corrispondenti di una stessa pianta, 
conseguendone divari tanto più sentiti quanto più la specie è su- 
scettibile agli adattamenti in condizioni le più opposte. 

4.° Dal variare dello spessore e della consistenza delle mem- 
brane cellulari a seconda dell'età delle cellule. 

Date queste circostanze di fatto, il chiar. Ardissone è tratto a 
concludere che « la distinzione delle specie nelle Cladophora è con- 
seguenza del giusto apprezzamento di un insieme di caratteri, non 
già dell'applicazione rigorosa di precisi distintivi» ('). 

Gli autori più sinceri sono quelli che ammetteno di buon grado 
le difjkoltà ora enunciate, ben sapendo che non sempre le manife- 
stazioni dei fenomeni naturali si possono adattare nei confini e alle 
formolo dei nostri ordinamenti sistematici. 

Uno di tali autori cosi mi scrive a proposito del genere Cla- 
dophora. 

— Io ne parlerei come un cieco dei colori. La mia sola ambi- 
zione è di avvicinare, nella medesima copertina, i campioni che si 
assomigliano. E più difficile di quanto si penserebbe. Troppo spesso 
i campioni sono mal preparali o raccolti in uno stato qualunque; 
essi sono troppo giovani, troppo vecchi, guasti, ecc. ecc., in maniera 
da poterli egualmente riferire a due o tre specie. F^er di più le col- 
lezioni non sono sempre d'accordo con loro stesse e distribuiscono 
delle piante identiche sotto nomi differenti e viceversa. Kùtzing ha 
moltiplicato le specie all'infinito e molte fra di esse sono evidente- 
mente dei puri sinonimi. Nondimeno bisognerebbe consultare il suo 
erbario per sapere ciò che esse rappresentano; mentre, né le sue 



(') F. Ardiss. : Phycol. mediterr. II, p. 218. 



13C 

descrizioni, nò i suoi disegni permettono di riconoscervi le forme 

ch'egli ha in vista. 

Ecco ora il giudizio di un altro Autore: 

— Per conto mio credo che in generale convenga eliminare ri- 
gorosamente ed a qualunque costo tutto ciò che può essere diret- 
tamente od indirettamente causa di errore. Guidato da questi prin- 
cipii, ho lascialo senza nome specifico la Cladophora e V Re locar f)us 
da lei atTidatimi per lo studio benché in esemplari sufficienti, perchè 
la loro determinazione, fatta da me, senza motivazione non poteva 
avere che ben poco valore. — 

Per finire, riporterò il parere di un terzo autore, contenendo 
un consiglio di cui taluni potranno valersi : 

— Il genere Cladophora è sempre un pasticcio terribile in cui 
pochissimi ci si possono muovere agevolmente! Di questi ci sarebbero 
il prof. WiTTROcK ed il prof. Lagerheim di Stoccolma, che potreb- 
bero darle indicazioni sicure, o quasi, tenendo a disposizione grandi 
erbari e grandissimi mezzi; e forse meglio ancora Le sarebbe op- 
portuno scrivere al sig. A. Gepp del British Museum di Londra . . . 
sezione crittogamica — . 

In conclusione parrebbe che il giusto apprewamento che deve 
presiedere alla determinazione delle Cladophora non possa avere 
valore se non quando fosse espresso dai pochi specialisti, fatti al- 
l'uopo capaci dalla loro condizione e dai loro mezzi. Dopo di che 
si comprenderà come, ad onta di un materiale composto di una 
ventina di specie siciliane, lo scrivente abbia dovuto limitarsi ad 
esporne poco più di un ter/o, formato cioè da quelle più caratteri- 
stiche, con che ha creduto di attenersi al secondo dei riportati pareri. 

192. Cladophora fracta (Dillw.) Kuetz. 
Messina. 

Pianta verde-glauca coi filamenti lunghi e .sottili, ben diversa 
dalla forma marina Hauck, e dalla forma marina Lyngb. Ha invece 
molta aljinità con la gossypina. 

193. C. prolifera (Roth) Kuetz. 

Romagnolo a Palermo, sugli scogli poco sommersi. Trapani e Si- 
racusa nel porto. 

194. C. pellucida (Iluds.) Kuetz. 
Acireale. 



137 

Nello stadio giovanile presenta un aspetto cosi fuori del co- 
mune, che il Naegeli credette di ravvisarvi dei caratteri stabilmente 
evoluti, e quindi da lui fu denominata Acrocladus mediterraiieus. 
195. C. utrìculosa Kuetz. 
Messma, Trapani, isola di Stromboli. 
19Ó. C. Hutchinsiae (Dillw.) Kuetz. 
Dragata alla inariìia di Palermo. 

197. C. conglomerata Kuetz. 
Palermo. 

Questa pianta, secondo 1" Haucr, non sarebbe che la forma ma- 
rina della C. glomerala, comunissima in primavera nelle acque dolci 
scorrenti. 

198. C. flaccida Kuetz. 
Messi7ia. 

199. C. albida dluds.j Kuetz. 
Messina. 

Subfam. VALONIEAE (Zanard. emend.). 
Gen. Valonia Gin. 

Etym. da Valoni. 

200. Valonia utricularis Ag. 

Scogli sommersi all' Acquasanla a Palermo. 

Bellissima forma tipica in ricco cespo. 

Osservazione I. — Non mancano forme che stanno fra questa 
e la V. Acgagropila. \n tal caso si tratta di frondi di annuale periodo 
vegetativo ma in cespo perennante, rupicolo nelle cavernule degli 
scogli talvolta semiscoperti a bassa marea. Le frondi del primo ori- 
ginario sviluppo, dopo di avere, in modo sub-distico, prodotto frondi 
novelle, perdono l' aspetto vescicoso-mesenteriforme, si raggrinzano 
e si restringono così da perdere il carattere fistoloso. Le pareti della 
membrana, così ravvicinate e divenute cartilaginee, funzionano da 
stipite o caule rigidetto, qua e là nodoso nei punti d'onde ebbe a 
staccarsi una prolificazione, f Esemplari delle rocce presso la Torre 
di Silvi a Giulianova sull'Adriatico. Legit A. Preda, Ottobre 1898). 
Valonia caespìtula Zanard. .- 

Osservazione II. — Non posseggo esemplari di Valonia macro- 



138 

pliysa Kuetz. siciliani, ma la pianta non può mancare intorno al- 
l'Isola. 

Per averla occorre assolutamente un ripetuto e paziente dra- 
gaggio piuttosto al largo, in quantochè il tluido che la riempie ne 
impedisce la natazione. 

Parecchi dubbi pare che tuttora sussistano circa l'importanza 
da accordarsi ai varii aspetti che la pianta assume. Le notizie che 
ora possediamo non sono però tali da eliminare la possibilità che 
V. macrophysa Kuetz., V. Pisiitn Bomp., e Dictyosphaeria? vaìonioi- 
dcs Zanard. altro non siano che forme di passaggio di una stessa 
pianta, o, quanto meno, semplici forme della prima. 

Uno dei principali elementi di giudizio devesi dedurre dall'am- 
masso primordiale pianeggiante, talora con qualche lobo rilevato o 
sub-cristato, di materia amorfa all'aspetto nel suo primo stadio, te- 
nace, carnosa, di trasparenza cristallina, in cui indi si plasma il favo 
delle cellule destinate per turno, dalla periferia, a distanziarsi e ad 
assumere l'aspetto vescicoso proprio della pianta adulta, passando 
dalla forma sferica a quella ovale e da questa, finalmente, a quella 
piriforme regolare, e, per eccezione, sub-gibbosa. 

Sebbene la mia collezione mi offra soli quattro esemplari, tutti 
provenienti dal golfo di Napoli, pur tuttavia, essendo in diversi gradi 
di sviluppo, illustrano abbastanza chiaramente il processo tenuto dalla 
pianta nella sua evoluzione, che è quello appunto ora accennato. Si 
può asseverare che il dubbio dell'illustre Zanardini fu originato 
quando per la prima volta si trovò dinanzi un magnifico esemplare, 
eccezionale per la sua opulenza, composto di quindici piante a di- 
verso grado di sviluppo, surgenti, per la massima parte, dalla peri- 
feria di un assai abbondante favo dittiosferico subcristato, prive af- 
fatto di qualsiasi prolificazione. (Zanard. Icon. phyc. I, p. 7^, t. Vili). 

L'angolosità delle cellule occupanti la parte interna del (avo è 
dovuta alla mutua loro compressione la quale mancando alla peri- 
feria, ne consegue che le cellule esterne, ossia le periferiche, siano 
perfettamente tonde sin dalP inizio. La prematurazione delle frondi 
in apparenza non periferiche e dovuta al fatto che le cellule corri- 
spondenti si trovano sollevate sulle circostanti in causa di un lobo 
rialzato sulla massa, costituente una specie di cresta, oppure e do- 
vuta alla casuale distruzione di una o più cellule contigue, conche 



139 

viene a cessare la pressione sopra le altre più vicine le quali, per 
lo stesso motivo della mancata pressione, si trovano in condizione 
di precorrere il loro stadio evolutivo. 

11 fenomeno venne giustamente interpretato dall' IIauck (1878) 
per ciò solo che riguarda le frondi fatte adulte nelle quali riconosce 
la V. macrophysa, ma non per quelle ancora sotto la forma di cel- 
lule rotundato-angolose, da lui ritenute cellule 7^00 gonidi fere, con che 
sembra egli abbia voluto alludere a veri zoosporangii, piuttosto che 
alle cellule vegetali della Valonia occupate da parassiti animali ('). Già 
J. Agardh dubitava di quest'ultima supposizione. 

Ecco ora il parere molto esplicito dell'illustre Ed. Bornet: «Le 
Diclyospliacria? valonioides ne m'est connu que par Tlconographia 
de Zanardini. Mais il me parait que votre interpretation est juste et 
que llauck a bien fait de réunir cette soit-disant espèce au Valonia 
macrophysar> C). 

L'ili. Ardissone non fece altrimenti nella sua Phycol. mediterr. 

Per ultimo osservo che, qualunque sia lo stadio vegetativo, l'in- 
terno della fronda è sempre occupato da un fluido nel quale trovansi 
spesso natanti dei granuli o dei grumi di clorofilla. Le frondi dis- 
seccate hanno sempre l'istesso aspetto iridescente, proprio della pa- 
tina ossidata dei vetri antichi , nel qual carattere postumo sarebbe 
da ravvisarsi una nuova prova che debba trattarsi di una sola ed 
unica specie, qualunque ne sia la forma. 

Osservazione III. — Ascothamnion intricatum (Clem.) Kuetz. 

Porlo di Trapani, Dicembre 190^. 

Sotto un tal nome, e anche di Valonia inlricala Ag. e di Viva 
ini ricala Clem., per sette lustri circa veniva considerato come Alga 
questo animale del genere Zoobotryon {Z. pellucidus llempr. et Eh- 
renb.), ben noto ai raccoglitori per la sua lubrica flaccidezza molto 
sospetta, per la diljìcoltà di liberamelo dal grasso fango azotato, e 
per l'aspetto di argentino muco di Liniax, che acquista nel secco. 



(') Finché si tratta d'infusori, la loro presenza nelle Valonia non arresta né 
altera in alcun modo lo sviluppo di queste. Vegg. Ed. Bornet : Observ. sur le 
développenient d' Infusoires datis la V. utricularis Ag. Tome VI des Meni, de la 
Soc. Inip. des scien. natur. de Cherbourg . 

(■) Ed. Bornet: in lett. 23 janvier 1904 ad A. Mazza. 



140 



Faw. DASYCLADIACEAE (Endl.) Cramer. 
Gen. Dasycladus Ag. 

Etym. dasva peloso e clados ramo. 

201. Dasycladus clavaeformis (Roth) Ag. 
Messina, spiaggia S. Lucia a Siracusa. 

A poca profondità sulle pietre e sui manufatti. Talvolta un unico 
callo basilare può dare origine sino a venti frondi. 

Fam. DERBESIACEAE Thur. 
Gen. Derbesia Solicr. 

Etym. dal chiar. E. Derbes. 
2 202. Derbesia Lamourouxi (j. Ag.) Solier (Bryopsis Balbisiana 
Lamour.). 

Palermo, Trapani, isola di Stromboli. 

Nella pianta in perfetto stato fisiologico-vegetativo l'endocroma 
tappezza in modo uniforme le pareti interne delle frondi filamentose, 
ma col cessare dello sviluppo in causa dell'età avanzata o in se- 
guito ad un fortuito deperimento, la clorofilla, alterandosi, si fa più 
scura, si stacca parzialmente dalla membrana della fronda che qua 
e là allora si mostra senza contenuto e quasi pellucida. 

Nel secco la pianta, se in buono stato, acquista uno straordi- 
nario splendore dai riflessi dorati proprio delle elitri delle Cetonia. 

Fam. BRYOPSIDACEAE (Bory) Thur. 
Gen. r^RYopsis Lamour. 

Etym. da bryon musco e opsis apparenza, aspetto. 

2o3. Bryopsis piumosa (lluds.j Ag. 

Palermo, nel Porlo. 

Ad onta delle forme sue assai variabili, questa graziosa pianta 
è fra le Briossidi quella che più si distingue dalle congeneri pel suo 
portamento. 

Le sinonimie di B. Arbuscula Lamour. e B. abietina Kuetz., 
fiUudono a due di tali forme. 



141 

204. B. hypnoides Lamour. 
A Palermo, sulla Corallnia. 

205. B. muscosa Lamour. 
Acireale, reiella. 

20Ó. B. cupressoides Lamour. 
Palermo; isola di Malta. In quest'ultima località la indica anche 
il MoEBius (Notarisia VII, 1892, p. 144O). 

Pam. CAULERPACEAE Reichenb. 
Gen. Caulerpa Lamour. 

Etym. caulos caule ed erpo serpeggio. 

Genere di facile riconoscimento nelle ottanta specie, circa, di 
cui si compone, ad onta degli aspetti i più disparati da queste as- 
sunti. 

A facilitarne l'identificazione fu trovata opportuna la loro divi- 
sione in tante sezioni quanti sono gli aspetti stessi nelle più saglienti 
loro linee, prendendo le immagini dalle più note piante acquatiche 
e terrestri. 

Così si hanno le Vaucherioidee, le Charoidee, le Brvoidee, le 
Zosleroidee, le Fillanloidee, le Filicoidee, le Hippuroidee, le Tliuyoìdee, 
le Opun\ìoidee. F"ra le Sedoidee è anche compresa una specie a fo- 
glie inflate (C. Zeyherì Kuetz.). 

Unico carattere costante in tutte sarebbe il caule repente (sorcolo). 

11 Mediterraneo non possiede che la seguente. 
207. Caulerpa prolifera (Forsk.) Lamour. 

Palermo, Termini Imerese, Trapani, Siracusa ai Cappuccini. 

Non si conoscono le zoospore o altri corpi riproduttori di que- 
sta pianta. In mancanza di essi, la sua propagazione è dovuta ad 
un processo di moltiplicazione esclusivamente vegetativa non meno 
interessante (Reinke, 1S99). 

L'esame di moltissimi esemplari non reca pertanto alcuna luce 
sull'inizio originario della pianta. A me non occorse mai di assodare 
la presenza di una minuscula fronda isolata munita del suo stipite 
radicellato. Anche gl'individui che possono sembrare i più giovani 
portano sempre seco, sia pure nel più piccolo frammento, l'origine 
dell' antica matrice, sia questa di sorcolo o di fronda. Tra questa e 

10 



142 

quello non essendovi altro divario che di forma in conseguenza della 
rispettiva età e funzione, è ovvio che posseggano le medesime fa- 
coltà riproduttive la cui manifestazione è peraltro subordinata a di- 
verse circostanze esteriori favorite dalla stazione stessa della pianta 
che ama i bassi fondi arenosi, dalla profondità di un palmo fino a 
5 metri circa. 

Il sorcolo, o caule repente a guisa di rizoma, si comporta del 
resto in modo diverso, secondo la natura del substrato entro il quale 
o sul quale si è fissato. Allorché trovasi interamente sepolto nella 
sabbia o nella fanghiglia, si limita ad emettere delle brevi ramifica- 
zioni spiniformi destinate alla penetrazione nel substrato di cui in 
seguito s'impossessa mediante uncinetti che poscia si sviluppano in 
zampettine polidattili contratte. Questi apparecchi si producono al- 
l'estremità dalle stesse ramificazioni spiniformi. Quando invece il 
caule ti'ovasi semi-scoperto per recente distacco dalla pianta ma- 
terna o per r azione dei marosi, e quindi sopra un fondo mobile, 
gli uncinetti si muniscono di un apparato radiciformc, fibrilloso, della 
lunghezza di uno a più centimetri, mediante il quale la pianta può 
penetrare un sub-strato di detriti vegetali (principalmente libre di 
rizoma di Posidonia o gomitoli egagropili della stessa materia) op- 
pure si raccoglie a sacchetto la cui azione è quella d'involgere e 
trattenere una certa quantità di sabbia. 

I rami frondosi, eretti, dopo aver dato nascimento a rami con- 
simili mediante prolificazioni marginali o in punti diversi della la- 
mina o lungo lo stipite peduncolate o sub-sessili, si fanno alla loro 
volta decumbenti. \n questo stato, anziché emettere rami frondosi, 
danno luogo, generalmente per la parte apicale, ad un nuovo caule 
che si fa tosto repente se la pianta occupa un basso fondo mobile, 
ma che può benissimo mantenersi perfettamente eretto, assieme a 
tutto il rigoglio di una nuova vegetazione frondosa ripetutamente 
prolificata, allorché la pianta trovasi ad una certa profondità. Questo 
contegno che ebbi occasione di verificare nelle piante in posto, ha, 
come si può pensare, la sua ragione statica e biologica. 

Nella forma tipica le frondi, cuneate alla base e portate da uno 
stipite lungo da uno a quattro Centim., presentano un àmbito ligu- 
lato-nastriforme della lunghezza da 5 a 3o Centimetri, col margine 
perfettamente piano o piìi o meno ondulato, massime nei più grandi 



143 

sviluppi non accompagnati da corrispondenti prolificazioni. D'ordi- 
nario l'estremità è largamente tonda, più raramente acuminata. L'es- 
sere talvolta bifida o cordata è conseguenza di un'erosione prodotta 
da causa esterna, e l'essere apiculata è indizio di un' incipiente pro- 
lificazione. Altre volte le frondi sono obovate e gli stipiti largamente, 
appianati, ma trattasi di particolarità che si palesano incostanti sopra 
uno stesso sorcolo. 

Nei primi stadi di vegetazione i granuli di clorofilla sono assai 
tenui e uniformemente distribuiti nelle frondi che presentano allora un 
color verde piuttosto chiaro. Col progredire dell'età il pigmento si fa 
più intenso, si sposta in vario modo come generalmente avviene an- 
che nelle Valonia, nelle Derbesia e nei filamenti dell' Udotea e dei 
Codhim. Ne consegue che la fronda rimane cosi intensamente satura 
in alcune sue parti e assai poco in altre. In uno stadio successivo 
la clorofilla subisce nuove alterazioni che si palesano all'occhio sotto 
varie manifestazioni policrome. Se si osservano, col concorso di una 
buona lente e contro una forte luce, diverse frondi in questo stato, 
ci offrono lo spettacolo di un vero caleidoscopio. È un pulviscolo 
cristallizzato di oro, di topazio, di smeraldo e di rubino, che si di- 
stende in modo uniforme od a glomcruli, o si aggrega con nuovi 
effetti lungo le fibre cartilaginee delle opposte superficie parietali, 
oppure si suddivide qua e là in tante parti quanti sono i colori, 
producendo zone lungo i margini e circoscrivendo ora di rancione, 
ora di sanguigno tutte le ferite, le contusioni e ogni sorta di gua- 
sti parziali sopportati dalla fronda durante i suoi periodi di evolu- 
zione e di decadimento. 

Cosi l'umile sifonea che allo sguardo distratto pare una carica- 
tura di Polamogelon, può gareggiare con la più superba Floridea 
mercè la squisita e fantasmagorica creazione di oreficeria elaborata 
nell'interno delle sue membrane, nel momento stesso che è votata 
al suo dissolvimento. 

Fani. SPONGODIACEAE Lamour. 
Gerì. CoDiuM Stackh. 

Etym. codion cute vellosa. 
208. Codìum Bursa (L.) Ag. 



i44 

Porlo di Siracusa. 

Nello stato vegetativo aderisce fortemente alla matrice che gli 
vien fornita dagli scogli, da vecchi rizomi di Posidonia, come pure 
dalle basi di cespi esauriti e calcinati di Udotea e di Cysloseira, come 
allo scrivente venne fatto di constatare. Ma molto probabilmente 
non a questi soli si dovrebbero limitare i suoi substrati, viste le 
molte materie eterogenee che la pianta trattiene nella sua parte ba- 
silare nel periodo della sua natazione. 

L'adesione alla matrice avviene per mezzo di un apparato ra- 
dicellare assai fìtto e sottile, che nel secco ha un aspetto cotonoso. 
Questa base radicifera è assai ampia nei primi stadi, ma essa va man 
mano restringendosi per effetto del rapido e grande sviluppo della 
pianta, sviluppo che si opera uniformemente in tutta la massa che 
tendendo ad acquistare la forma sferica, provoca in tal modo tutt'in 
giro alla base la rottura delle radicelle, derivandone per conseguenza 
un restringimento nella base stessa. 

La prova di questo modo di comportarsi è data dai vecchi e 
dai giovani individui. Nei primi si rivela nello stato morto delle ra- 
dicelle periferiche più lontane dal punto di attacco, non più tratte- 
nenti alcun residuo della matrice. Nei giovani individui la prova si 
palesa in modo più evidente allorché la pianta abbia attecchito so- 
pra una base assai ristretta ed isolata come, ad esempio, sopra un 
caule di Cysloseira, per citare cjuello offertomi dalla mia collezione. 
In questo caso lo stato delle radicelle dimostra come il Codiiim siasi 
tenuto abbarbicato più a lungo del consueto in quantochè la parte 
basilare, anziché sub-rotonda, si rivela lineare, in corrispondenza cioè 
alla forma peculiare del substrato dal quale finalmente si é deciso 
a staccarsi parzialmente negli estremi punti del suo maggior dia- 
metro. 

In c|uesto stato la pianta misura oltre due Centimetri di diame- 
tro basilare sopra un sol centimetro di diametro verticale, salvo cer- 
tamente r assumere in seguito la sua normale forma globosa ove le 
circostanze glielo avessero permesso. 

Nel secco la pianta si mostra bianchiccia per la scomparsa della 
clorofilla dagli otricelli periferici e per l'abbondante eflloresccnza di 
sali di cui si copre. 

209. C. tomentosum (Iluds.) Stackh. 



145 

Messina, Palermo, Siracusa. 

Specie polimorfa nel portamento ma non confondibile col C. 
elongalum (vedi). 

Callo assai espanso; stipite robusto, tenace, lungo un Centim. 
o poco più, dal quale si dipartono le prime dicotomie rade, assai 
aperte, che vanno facendosi più fìtte quanto più si avvicinano alle 
estreme. Questo rameggio è ora esile, ora robusto, variando da un 
millimetro a mezzo centimetro di diametro. Le ramificazioni inferiori 
portano talora delle prolificazioni di-policotome, di preferenza uni- 
laterali. 

Secondo il chiar. Rodriguez cresce fino a 48 metri di pro- 
fondità, 

l^ eccellente matrice di Speniwthamnion flahellatiim, S. Turneri, 
Calìithamnion subtilissimum, Champia parvuìa, Poiysiplionia barbatula, 
Dasya rigìdula etc. 

210. C. elongatum Ag. 

Reietto a Roìtiaguolo (Palermo). 

La configurazione e le dimensioni di questa specie sono in re- 
lazione air età sua trascorsa in posto o allo stato natante. Solo nel 
primo caso raggiunge i più notevoli sviluppi i quali possono parere 
mostruosi in confronto dei più comuni aspetti i quali hanno molta 
rassomiglianza con alcuni tipi del C. toumnlosnm. 

Bisogna tener presente che il C. elongatum trovasi piuttosto al 
largo ed alla profondità da 90 a 100 metri (Rodriguez, Algas de las 
Baleares) e che di0ìcilmente abbandona interamente la matrice 
quando questa è stata opportunamente scelta. 

La parte più antica della pianta, fatta meno tenace dalla matu- 
ranza e dalla forma pianeggiante assunta in luogo di quella cilin- 
drica, può farsi natante, rimanendo in posto la grossa base con le 
più giovani prolificazioni destinate alla stessa evoluzione caratteri- 
stica della specie. 

Talvolta la parte più vecchia che ha abbandonato lo stipite porta 
seco alla sua base alcune delle prolificazioni cilindriche ora accen- 
nate, e allora i due prodotti figurano quasi eterogenei, tanto fra essi 
è il divario. Se sieno o no entrambi il prodotto dello stesso anno 
non è ancora bene stabilito. 

Secondo Agardh che ha fondato la specie, il C. elongatum, si 



146 

distingue dal lomentostim per la sua fronda compressa, dilatata al 
disotto delle biforcazioni. A questo riguardo il chiar. Dott. Bornet, 
nelle Algues de Schousboe, osserva che tale distinzione non è ne ab- 
bastanza marcata né così (issa per non essere imbarazzati, in una 
gran quantità di casi, nel determinare il limite dove finisce il C. to- 
menlùsum e quello dove comincia il C. elongatum. Secondo lo stesso 
Autore, il divario fra l'uno e l'altro dovrebbesi ricercare nella gran- 
dezza relativa delle cellule periferiche, conchiudendo che queste sono 
più piccole nel C. tomentosum, e più grandi nel C. elongatum. 

L'esemplare palermitano soddisfa alle esigenze dell'uno e del- 
l'altro Autore. Misura l'altezza di 57 centimetri, e la sua larghezza 
massima, sotto le dicotomie, è di 4 centimetri. È completamente 
appianato dalla base all'estremità, glabro nel secco, povero di dico- 
tomie e con le divisioni allungatissime. Presso la sua base porta una 
pianticella di recente prolificazione, ricca di dicotomie, dell'altezza 
di circa dieci centimetri. 

Hab. Da Cadice alle Canarie; nel Mediterraneo, a Marsiglia, Na- 
poli, Sicilia; coste del Brasile a Rio Janeiro; nel mare del Giappone. 

Al Capo di B. Sp. ha forma palmatifida e forse rappresenta altra 
specie (C Lindenbergii Binder in Kuetz.). 

Fam. UDoTFiACEAE (Endl.) J. Ag. 
Gen. UuoTEA Lamour. 

Etym. ydor acqua. 
211. Udotea Desfontainii (Lamour.j Decaisne. 

Messina, Siracusa ai Cal^puccini, isola di Slroniboli allo scoglio 
Ginostra. 

Alga notissima di cui non occorre un' ulteriore descrizione. La 
fronda, per la speciale sua natura costituita da filamenti unicellulari 
non protetti da uno strato corticale nella sua parte superiore, stante 
la scarsezza dei rametti trasversali di collegamento, facilmente si 
spacca e sopratutto si sfrangia lungo tutto il suo arco perimetrale, 
ciò che è facilitato inoltre da cause esterne. Questo sfilacciamento 
del margine supcriore si direbbe che snervi la pianta al punto da 
arrestarne spesso lo sviluppo allorché il fenomeno si verifica in modo 



14t 

completo lungo tutto il margine stesso. Laddove invece avviene in 
modo parziale, quelle parti del margine rimaste integre, proseguendo 
nel loro sviluppo, danno origine a dei flabelli minori di coronamento 
alla fronda originaria, simulando cosi delle vere e proprie prolifi- 
cazioni. 

I maggiori sviluppi si verificano quando la pianta cresce ad una 
certa ma assai limitata profondità, sopra vecchi rizomi di I^osidonia 
o detriti degli stessi, mentre le minori proporzioni si danno negl'in- 
dividui rupicoli alla linea dell'acqua. 

li preferita matrice della Lejolisia mediterranea Born. 

Gen. Halimeda Lamour. 

Etym. halimos marino. 

Genere composto di una ventina di specie, di cui una sola ap- 
partiene al Mediterraneo, oppure a mala pena due, se si vuol com- 
prendere per eccezione P //. Opuntia (L.) Lamour. Le altre sono 
delle più calde zone, ma tutte di facilissimo riferimento al genere, 
stante l'aspetto loro grossamente articolato, cogli articoli tondi o re- 
niformi o sub-cuneati, più o meno incrostati di calce. 
2 12. Halimeda Tuna (Lll. et Soland.) Lamour. 

Messina, Siracnsa, Palermo, isola di Stromboli, allo scoglio Gi- 
nostra. 

Pianta perennante o sub-perennante, acaule nei primi anni, 
indi man mano le più antiche articolazioni basilari si vanno ispes- 
sendo di tessuto e restringendosi per raggrinzamento fino ad assu- 
mere la parvenza di uno stipite sub-cilindrico. Ne" miei esemplari 
uno di tali stipiti ha la lunghezza di due centimetri. Ma questa par- 
ticolarità non sempre si verilìca, per quanto la pianta si palesi 
evidentemente senile. 

Gli articoli son sempre sessili, e solo per rara eccezione uno o 
pochi apparentemente peduncolati, ciò che è dovuto ad un lobo in- 
termedio reso (informe per sopraggiunta atrotìzzazione dopo la già 
avvenuta emissione del normale articolo ad esso lobo immediata- 
mente superiore. La dimensione degli articoli sembra dipendere dalle 
varie condizioni degli ambienti in cui la pianta vegeta. Generalmente 
il maggiore sviluppo dei lobi si riscontra negl'individui cresciuti al 



148 

largo o in alto mare, nella seconda zona di profondità, come mi è 
dato di giudicare sopra i miei esemplari. 

OsservaTJ-one I. — Il chiar. Ardissone {Phyc. mcdit. II, p. lyS) 
fra le sinonimie delP//. Tiina reca H. Opuntia De Not. Sp. Alg. lig. 
N. 70, da non confondersi con //. Opunlia (L.) Lamour., che abita 
« ut videtur, in omnibus oceanis, in atlantico calidiore ad ins. f^ar- 
badocs (Dickie); vix in medilerraneo ; in oceano indico ad ins. Ceylon 
et in mari rubro (Zanardini) ; ex Nova HoUandia calidiore, insulis 
Philippinis » ('). 

Che sia questa una specie ben distinta dall' II. Tana, oltre che 
dall'opera del chiar. G. B. De Toni, qui sotto citata, appare per molti 
rispetti anche dal più superficiale esame dei miei esemplari prove- 
nienti dal mare Rosso, gentilmente donatimi dal eh. prof. J. Chalon. 

Osservù'^ioìie II. Secondo Solms-Laubach, l' Ilalìmeda pìatydisca 
delle Canarie, crescerebbe, sebbene raramente, anche nel Mediter 
ranco. La signorina E. S. Barton (ora sig. Gepp) autrice dell'eccel- 
lente monografia del gen. Ilalimeda, qui sotto citata, considera 1'//. 
pìatydisca come una semplice forma della Tuna. 

Le due piante hanno la stessa struttura, e l'egregia autrice ri- 
guarda i caratteri dedotti dalla disposizione della infiorescenza come 
insut}icientemente stabiliti. 



(') De Toni: Syll. Alg. Voi. I, Sect. I, p. 522. Si vegga, del resto, sul ge- 
nere Halimeda la bella Monografia di E. S. Barton: The genus Halhneda, Lei- 
den, 1901, Brill, 4", 4 plates. 



149 



CYANOPHYCEAE Sachs 



Pam. OSCILLARIACEAE Rabenh. 
Gol. Lyngbya Ag. 

Etym. genere dedicato al eh. H. C. Lyngbye 

2 1 3. Lyngbya aestuarii Liebm. 
Scogli lambiti dall' acqua a Grolla della Regina a Palermo. 

2 1^. L. violacea Rabenh, 
Grolla della Regina a Palermo. 

2 1 5. L. semipiena J. Ag. 
Sul Gelidi um corncum. Acquasanta a Palermo. 

2 1Ò. L. luteo-fusca J. Ag. 
Sugli scogli emersi a Romagnolo (Palermo). 

Milano, Marzo 1904. 



^^'1^^1^^'^x^ 



G. B. De Toni 



Intorno ad alcune BANGIA di Bory e di Zanardini 



o 



Tra le specie di Alghe ve n' hanno parecchie le quali, per 
mancanza di figure, di descrizioni e di precise misure, si è dovuto 
relegarle Ira le dubbie, trascrivendone le brevi ed imperfette frasi 
diagnostiche fornite da quelli che tali specie reputarono nuove per 
la scienza; io penso che cosi fatte forme poco conosciute, indicate 
nei loro rispettivi generi nelle opere generali di sistematica ficologica, 
dovrebbero venir studiate da coloro che hanno modo di procurar- 
sene materiali autentici, concorrendo in questa maniera a diminuire 
il numero di specie che, per essere male descritte, occasionano og- 
gidì la proposta, in qualche modo giustificata, di nuove entità speci- 
fiche per forme vegetali già anteriormente fatte conoscere da altri 
botanici; o che, per lo stesso motivo d' imperfetta descrizione, costi- 
tuiscono una ingombrante zavorra nel nostro patrimonio scientifico; 
né devesi tacere che qualche volta riuscirebbe di restituire il merito 
che loro spetta ad autori antichi, spesso a torto obliati {^). 



(1) Ripr. da Atti Pont. Accad. N. Line, Anno LVII, sess. Ili'» del 21 Feb- 
braio 1904. 

(2) Cfr. De Toni G. B. e Forti A., Intorno al Byssus purpurea del Lightfool. 
Nuove osservazioni. Atti del R. Istituto Veneto di scienze, lettere ed arti, adu- 
nanza del 20 Dicembre 1903. In questa nota è rimessa in vigore una specie de- 
scritta fino dal 1777 dal Lightfoot e raccolta dagli autori nell' Agosto 1903 nella 
località stessa indicata dal primo descrittore ; in pari tempo è dimostrata la iden- 
tità di Chantransia coccinea Kuetz. con 1' antica specie del Lightfoot. 



151 

Il genere Bangìa Lyngb. trovasi appunto nel caso sopra esposto ; 
esso abbraccia parecchie specie incerte, sia per i mutamenti dei 
limiti che gli vennero coli' andar del tempo assegnati, sia per le de- 
scrizioni manchevoli date dagli autori; per convincersene basti il 
fatto che fino dal 1841 il Trevisan ('), prese in esame le 3i specie 
di Bangia fino a quel tempo descritte, ne escludeva 19 riferendole 
a generi diversi di MizoFicee, Cloroficee, Feoficee e persino Diatomee, 
mantenendo però nel genere alcune forme che devonsi ascrivere alle 
Cloroficee ed al genere Gonìolrìchum Kuetz. Tra le specie porpo- 
rine (genuine) che il Trevisani elencò come valide è la Bangìa sericea 
Bory che, descritta con breve diagnosi dal Bory (^), figura solo in 
due opere tra le specie inquirende ('^j; in altre viene affatto passata 
sotto silenzio ('). 

Devo alla cortesia delP illustre Dott. Ed. Bornet un esemplare 
autentico della specie Boryana f), la quale tanto più mi interessava 
in quanto essa rientra nel quadro della vegetazione del Mediterraneo, 
essendo stata raccolta in una delle isole Cicladi (Gieciaj. 

Dalla brevissima descrizione che il Bory diede : « filamentis lon- 
gissimis compressiusculis tcnuioribus implexis fuscatis exsiccatione 



(') Trevisan V., Memoria sul genere Bangia. Atti Congresso se. ital. in 
Firenze, p. 478-481. Firenze, 1841. Anche il Chauvin, in quel torno di tempo, 
cercò di riformare i limiti del genere Bangia. — Cfr. Chauvin J. F., Recherches 
sur V orgaìiisation, la fructification et la classification de plusieurs genres d'Al- 
gues, uvee la description de quelques espèces inédites ou peu connues. Première 
Dissertation. Réformation du genre Bangia Ag. (Syst. Alg.) par suite de la dé- 
oouverte d'une espèce inèdite (le Bangia elegans, Chauv. Alg. Norni). Mono- 
graphie de ce genre, p. 19-38. Caen, 1842. 

(2j Bory de Saint-Vincent J. B. M., Expédition scientifique de Morée, to- 
me III, 2« partie, Botanique, pag. 334, n. 1510. Paris, 1832. 

(^J Kuetzing F. T., Species Algarinn, p. 361. Lipsiae, 1849. — I^E Toni 
J. B., Sylloge Algarum omnium huctisque cognitarum, voi. IV (Florideae), p. 12. 
Patavii, 1897. 

(^) Agardh J., Till Algernes Systematik, A^a bidrag. Lunds Univers. Arss- 
krift, tom. XIX. Lundae, 1882. — ArdissoneF., Phycologìa mediterranea, voi. I, 
Floridee. Varese, 1883. — Rabenhorst L., /^fora Europaea Algarum aquae dul- 
cis et submarinac , sectio III. Lipsiae, 1868. 

(^) Nel ricco erbario del Bornet sono incorporati preziosi materiali del Bory. 
Non si ricorre mai invano al chiarissimo botanico francese, che è sempre largo 
di consigli e di oggetti di studio. 



152 

sericeo-violaceis », poco si avrebbe potuto ricavare circa alla auto- 
nomia della Bangia sericea e con così fatte indicazioni, assai vaghe, 
io stesso, qualche anno addietro, dovetti enumerare l'alga nella trat- 
tazione sistematica del genere Bangia (^). 

L'esemplare, comunicatomi dal Bornet, porta la scritta seguente, 
riprodotta per calco dal cartellino originale: 

«Bangia sericea Morée n. i5io. 

Source sallée de Mili près d'Armyros, dans le Bassin mème. 
Eté de 1829 ». 

In lettera il Bornet mi scrive che gli esemplari da lui conser- 
vati sorpassano la lunghezza di 10 centimetri, che non vi ha ri- 
scontrato nò sporangii né anteridii e che, malgrado la stazione (acqua 
salata) nella quale venne raccolta la Bangia sericea, gli parve che 
la specie si avvicini piuttosto alla B. atropurpurea (Roth) Ag. d' acqua 
dolce che alla B. fuscopnrpurea (Dillvv.) Lyngb, marina. 

L' esame microscopico della Bangia sericea Bory ed i confronti 
con le specie congeneri mi han posto in grado di confermare le 
vedute del dotto collega e di dimostrare che la specie Boryana non 
può conservare la propria autonomia. 

hi pari tempo mi sono convinto che B. atropurpurea e B. fusco- 
pnrpurea rappresentano semplici adattamenti biologici di una sola 
specie, cui per legge di priorità spetta il primo dei due nomi ora 
citati, dando cosi ragione agli autori (-; che considerarono semplice 
varietà o forma la B. fuscopnrpurea ; quantunque in generale gli 
esemplari di B. fuscopnrpurea, rappresentati dalla forma vegetante 
nelle acque salse, siano più robusti che non quelli della forma d' acqua 
dolce di cui è tipo la B. atropurpurea (;'), tuttavia non mancano forme 
di passaggio tra l'una e P altra: ad esempio Bangia kerhensis Menegh. 



(*) De Toni J. B., op. cit., p. 12. 

(2) Agardh C, Systema Algarum, p. 76, Lundae 1S24; Agardh J.,op. cit., 
p. 36. — Non curando le leggi di priorità altri botanici tennero la B. fuscopnr- 
purea come tipo; ad es. Lyngbye H. C, Tentaiiien Hydropliytologiac Datiicae, 
p. 83, Hafniae, 1819; Chauvin, op. cit., p. 35. Alcuni autori, ad es. Greville, 
Harvev, includono addirittura B. atropurpurea tra i sinonimi di B. fuscopnrpurea. 

P) Già il Rabenhorst, op. cit., p. 398-399, ha notato questo fatto; secondo 
lui la B. atropurpurea arriva fino a circa 62 \x. di diam.; la B. fuscopnrpurea 
a 122 u. 



153 

(esemplare autentico) d'acqua dolce ha filamenti con cellule larghe 
35-40 [1, alte io-i5 [1, Baìigia siciila Ardiss. (Erb. e riti. Hai, I, n. 3i) 
d'acqua marina ha cellule, nei suoi filamenti più tenui, larghe solo 
35-36 }j., alte i5-i6 [x; la Bangia sericea Bory, malgrado la stazione, 
per le sue dimensioni (cellule larghe 22-3o [i, alte 12-1 5 [j.), viene 
ad accostarsi, giusta l'opinione espressami dal Bornet, alla B. alro- 
purpiirea tipica degli autori; a quest'ultima si accosta anche per 
l'aspetto più o meno remotamente toruloso dei suoi filamenti, a- 
spetto che ha in comune, oltre che con la ricordata B. siciila Ardiss., 
con la B. coccineo-piirpurea (Erb. crìtt. ital., I, n. ySó) le cui cel- 
lule sono larghe 32-37 jx, alte 5-io {x in media, e con la B. fnsco- 
piirpurea Lyngb. var. tenuior crispata Grun. (Rabenh. Alg. Europa s, 
n. 1669^ con cellule larghe 25-3o {i, alte 4-8 ^-. 

A riferire la specie Boryana alla Bangia airopurpurca (Roth> Ag. 
si può essere eziandio indotti dalla considerazione della grande varia- 
bilità delle frondi nel genere Bangia, variabilità già messa in evi- 
denza dai ficologi e che si può constatare nello stesso esemplare di 
B. serìcea che ho avuto agio di studiare. 

Sembra che il colore non abbia grande importanza nel discri- 
minare le specie, in quanto che, come dimostrò il Berthold (') e 
prima di lui notarono il Greville i^) ed il Chauvin (''j la tinta dei 
cespugli si altera assai, massime per la prolungata o alternata espo- 
sizione ai raggi cocenti del sole, in maniera che la stessa Bangia 
lutea J. Ag. ed altre specie somiglianti non potrebbero conservare 
la loro autonomia ('). 

Se la Bangia sericea Bory rientra nel novero delle forme che 
si possono riunire sotto il nome di Bangia atropurpurea (Roth 180Ò) 
Ag. tipica, alla forma fuscopur purea (Dillw. 1809) devonsi ascrivere 



(*) Berthold G., Die Bangiaceen des Golfcs voti Neapel und der angren- 
zendeii Meeres-Abschnitte, pag. 23. Leipzig, 18S2. 

(2j Greville R. K., Algae britannicae, p. 178. Edinburgh, 1830. 

(^) Chauvin, op. cit., p. 36. 

(■*) Ardissone, op. cit. p. 471, unisce B. lutea J. Ag. aWa B. /nscopnrpiirea. 
J. Agardh, op. cit., p. 32, insiste sulla autonomia della B. tutca da lui propo- 
sta, come specie nuova, nei 1842 {Alg. Medit., p. 14). 



154 

alcune Bangia ritenute nuove dallo Za.nardini (^) ; queste sono Ban- 
gia condensata raccolta in Dalmazia, B. ocellata proveniente da Ma- 
lamocco (Venezia), B. dura crescente sotto le carene dei navigli a 
Spalatro (Dalmazia) ('j. Benché si tratti, a quanto mi consta, di spe- 
cie non descritte, ho reputato opportuno segnalare questi nomi i 
quali viinno ad accrescere la sinonimia della B. atropurpurea e della 
sua forma fuscopurpurea, dimostrando come gli autori non abbiano 
tenuto nel debito conto la variabilità delle frondi. 



(*) Cfr. De Toni G. B. e Levi D., L' Algarimn Zanardini, p. 36, n. 62 [B. 
condensata), n. 69 {B. ocellata). Venezia, 1888. 

(2) Bangia condensata Zanard. e B. ocellata Zanard. ho potuto esaminare in 
esemplari autentici del mio Erbario (duplicati Zanardiniani) ; Bangia dura Zanard. 
si trova conservata nell' Erbario del R. Istituto Botanico di Modena in due esem- 
plari, uno dalla collezione Vidovich, l'altro di quella della sig. Maria De Cattani. 



•-^^J^^^'^J*^ 



155 



LITTERATURA PHYCOLOGICA 
Florae et Miscellanea phycologlca 



8i. Barton Gepp E. S. — Chincse Marine Algae. — Journal of Bo- 
taiiy voi. XLll, n. 498, June 1904, p. i(ji-i65, piate 400. 

82. Boergesen F. — Om Algcvegetationen ved Faeròernes Kyster. 
En plantegeographisk undersògelse, — Kòbenhavn-Kristiania, 
1904, Gyldendalske Boghandel, 8.", pp. 122, m. 12 Taf. & i Kort. 

83. Brehm V. & Zederbauer E. — Bcitriige zur Planktonuntersiichung 
alpiner Seen. I. mit 3 Abbild. im Texte. — Verli. K. K. Zoo/, 
botan. Gesellsch. in Wien LIV. Band, 1904, i. Ileft, p. 48-58. 

84. C. C. — Die Biologische Station in Plòn, mit Abbild. und Por- 
tràt von Dr. Otto Zacharias. — llliislrìrte Zeitnng n. 3iò6, 
vom 3. Màrz 1904, 

85. Chodat R. — Quelques points de nomenclature algologique. — 
Bull, de V llerbier Boissier sec. sèrie, T. IX, 1904, n. 3, p. 233-240. 

8ó. Cronheim W. — Die Bedeutung der pflanzlichen Schwebeorga- 
nismen fùr den Saucrstoffhaushalt des Wassers. — Forschungs- 
ber. Biol. Slat. ^// Plòn Teil XI, 1905, p. 27Ò-288. 

Sj. Gaidukov N. — Zur Farbenanalyse der Algcn. — Ber. der deut- 
schcn botan. Gesellsch. XXII, 1904, p. 23-29, Taf. HI. 

88. Gomont M. — Sur la végétation de quelques sources d'eau douce 
sous-marines de la Seine-inférieure. — Bull. soc. boi. de France 
Tome LI, 1904, p. 36-55. 

89. Howe M. A, — Notes on Bahaman Algae. — Bull. Torrey Bo- 
tan. Club XXXI, 1904, p. 93-100. 

90. Koernicke M. — Der heutige Stand der pflanzlichen Zellforschung. 



156 

— Bcrichte der deulsclieii botan. Gcsclìschaft Band XXI, igoS, p. 
(óò)-(.34). 

91. Lemmermann E. Beitragc zur Kenntniss der Planktonalgen. 
XVII. Ueber die Entslehung neuer Planktonformen. XVIII. Noti- 
zen zur Systematik einiger Formen (Chrysosphaerella longispina 
Lauterborn ; Micractinium Fres. ; Cohniella Schroeder) — Ber. der 
deuUchcn botan. Gesellsch. XXII, 1904, p. 17-22. 

92. Lemmermann E. — Beitràge zur Kenntniss der Planktonalgen. 
XIX. Das Phytoplankton der Ausgrabenscen bei Plòn, mit 1 7 
Textfiguren. — Forscìuingsbar. Biol. Slat. ^u PlÒn Teil XI, 1904, 
p. 289-311. 

93. Lemmermann E. — Das Plankton schwedischer Gewasser. — Ar- 
kiv fòr Botanih, Band 2, N. 2, Stockholm 1904, pp. 209, Taf. 1-2. 

94. Moebius M. — Ueber den gegenwàrtigen Stand der Algenfor- 
schung. — Bcrichte der deutschen botan. Gesetlschafi Band XXI, 

1903, p. (i35)-(i4Ò). 

95. Monti R. — Limnologische Untersuchungcn ùber einige italieni- 
sche Alpenseen, mit i3 Abbildungen im Text. — Forschungsber. 
Biol. Stat. 7^11 Plòn Teil XI, 1904, p. 252-275. 

96. Odin A. — Le verdissement de IMIuitre. — Le Rcveìl Salicole, 
oslrcicoìe et des pcches niariliines III, 1904, n. 2Ó, p. 24-26. 

97. Ostenfeld C. H. & Paulsen 0. — Planktonproevcr fra Nord-Atlan- 
terhavet (e. 58°-òo° N. Br.) samlede i 1899 af Dr. K. J. V. Steen- 
strup. — Meddclelser om Groenland XXVI, p. 143-250, Koeben- 
havn 1904. 

98. Reinhard L. — Zur Kenntniss des Phytoplankton von Donjec. — 

1904, 8.°, pp. 28. 

99. Zacharias 0. — Ueber die Komposition des Planktons in thijringi- 
schen, sachsischen und schlesischen Teichgewàssern, mit 7 Ab- 
bildungen im Text. — Forschungsber. Biol. Stat. c(u Plòn, Teil XI, 
1904, p. 181-21 5. 

Bio^raphlca 

100. IVIoeblus IVI. — Eugen Askcnasy, piit Bildnis. — Berichte der 
deiitsclien botan. Gesellschaft Band XXI, 1903, p. (47)-(ó6). 

101. Nawaschin S. — Michael Woronin. — Berichte der deutschen 
botan. Geselhchaft Band XXI, 1903, p. (35H47). 



157 



Florldeae 

102. Heydrich F. — Stereophyllum, ein neues Genus der Corallina- 
ceen. — Berichte der deutschen botati. Gesellsch. Band XXII, 1904, 
Heft 3, p. 196-199. 

io3. Preda A. — Primo contributo alla flora algologica del Golfo 
della Spezia: Floridee. — Malpighia XVII, 1904, fase. I-II, p. 7Ò-93. 

Fucoideae 

104. Mac Millan Conway. — Cumaphytism in Alarla, with two figu- 
res. — Botanical Gaiette voi. XXXVII, 1904, n. 2, p. 147-149. 

io5. Ostenfeld C. H. — Phaeocystis Pouchetii (Hariot) Lagerh. and 
its zoospores. — Archiv fiir Protisienkunde Dritter Band, 1904, 
p. 295-302, Fig. 1-2. 

Baclllarieae 

i6ò. Balsamo F. — Primo elenco delle Diatomee del Golfo di Na- 
poli. — BolUtt. Soc. di Natur. in Napoli, anno XVII, voi. XVII, 

1903, p. 228-241. 



Collaboratori della NUOVA NOTARISIA 



Bentivoglio — O. BoRGE — A. BoRzi — F. Castracane (f) — 
J. Chalon — R. Chodat — J. Comère — J. Deby (f) — D. 
Filippi — A. Forti — M. Foslie — A. Garbini — R. Gut- 
wiNSKi — A. Hansgirg — E. M. Holmes — T. Johnson — G. 
Lagerheim — A. Mazza — C. Mereschkowski — L. Monte- 
martini — O. NORDSTEDT — P. PeRO — P. PeTIT — A. PIC- 
CONE (-|") — T. Reinbold — P. Richter — J. J. Rodriguez — W. 
Rothert — F. Saccardo (f) — W. Schmidle — F. Schmitz (-{") 
— B. Schroeder — C. ScHROETER — A. Trotter — W. West. 



Serie XV (AllllO III Mia fODtóOlie flella "MarlSlaJ ottobre 1904 

LA NUOVA 

NOTARISIA 

Risii mmm m suo ile 



REDATTORE E PROPRIETARIO 

G. E. DOTT. DE-TONI 

LAUREATO dell' ISTITUTO DI FRANCIA 

PROFESSORE DI BOTANICA PRESSO LA R. UNIVERSITÀ DI MODENA, 

MEMBRO EFFETTIVO DEL REALE ISTITUTO VENETO DI SCIENZE. LETTERE ED ARTI, 

MEMBRO ONORARIO DELLA SOCIETÀ REALE DI MICROSCOPIA DI LONDRA 

E DELLA SOCIETÀ LINNEANA DELLA NUOVA GALLES DEL SUD, 

SOCIO PERPETUO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA, 

MEMBRO ORDINARIO DELLA SOCIETÀ IMPERIALE DEI NATURALISTI DI MOSCA E DELLA SOCIETÀ BOTANICA 

DI BERLINO, SOCIO COP.RISP. DELLA SOCIETÀ DANESE DI BOTANICA, DELLA SOCIETÀ NAZIONALE 

DI SCIENZE NATURALI E MATEMATICHE DI CHERBOURG ECC. ECC. 

SOMMARIO 

Paul Petit: Diatomées recoltées en Cochinchine. — Litteratura phyco- 
logica. — Notizie. — Elenco dei Periodici che scambiano le 
loro pubblicazioni con la Kuova Notarisia. — Index. 



Adresser tout ce qui concerne la: 

« NUOVA NOTARISIA » 

^^ à M. LE Prof. G. B. DE TONI .^^ 
R. Orto Botanico, Modena (Italie) 

Prix d'aboruiement pour les années 1890-1903 
Francs 2 IO 

Prix d' abonnement pour les aunées 1886-89 du Journal d'algologie « Notarisia i 

francs 60. 



TIP. SEMItJARIO-PADOVA 



J. B. DE TONI 

Sylloge Algarum 



omnium hucusque cognitarum, 



Voi. I. sect. 1-2 Cìdorophyceae [praem. Bibliotheca phycolo- 
gica]. - Patavii, 1889, Tip. Seminario, in-8°, p. cxxxix- 1 3 1 5. 
It. lib. (francs) 92. — 

Voi. II. sect. 1-3 Bacillarieae [ciim Bibliographia diatomolo- 
gica (curante J. Deby) et Repertorio geographico-poly- 
glotto (curante Prof. Dr. Hectore De Toni)]. - Patavii, 
1891-94, Tip. Seminario, in-8®, pag. cxxxii- 1556 -ccxiv. 
It. lib. [francs) 115. — 

Voi. HI. FiLcoideae. - Patavii, 1895, Tip. Seminario, in-8**, 
p. xvi-638. It. lib. [francs) 41. — 

Voi. IV. Florideae sect. 1-3. Tip. Seminario, in-8**, It. lib. 102. 

ETTORE DE TONI 

Dizionario di pronunzia dei principali nomi geografici mo- 
derni. -Venezia, 1895, Tip. Emiliana, 8**, P.XXXI1--520. L. 5. 

J. B. DE TOiNI 
Herbarium Phycologicum Decad. I-II, It. lib. (francs) 12. — 



ottobre 1904 (Auiio IH Ma foiiiazionc Mia "Nolarisiaj 

LA NUOVA NOTARISIA 

F^ROPRIETARIO E REDATTORE 

DoTT. G. B. DE TONI 

LAUREATO DELL' ISTITUTO DI FRANCIA 
PROF. DI BOTANICA NELLA R. UNIVERSITÀ DI MODENA 

R. Orto Botanico Modena (Italia). 



Diatomées peeoltées en Coehinehine 

PAR MONSIEUR D. BOIS, 

ASSISTANT DE LA CHAIRE DE CULTURE AU MUSÉUM d' HISTOIRE NATURELLE DE PARIS, 

DÉTERMINÉES PAR PAUL PETIT, 

LAURÉAT DE l' INSTITUT DE FRANCE (ACAD. DES SCIENCES). 



En 1902, Monsieur D. Bois fut envoyé, par le Muséum de Paris, 
comme Délégué au Congrès des Orientalistes à Hanoi et conime 
memore du jury à l'Exposition. Avant son départ, Monsieur Bois 
m' offrii de me recolter des Diatomées sur les rivages de Coehin- 
ehine; j'acceptai son offre avec empressement. A son retour en 1908 
j'ai recu les matériaux suivants, dùs à son obligeance: 

1.° Une recolte du Fond vaseux du Canal d' Haiphong (Tonkin). 

2.° Des algues recoltées dans un ruisseau près de la Mer à 
Tourane (Annam). 

3." Plusieurs recoltes faites sur la plage de Tourane, prove- 
nant de grattages de rochers et de sables vasards. 

4.° Une recolte de sable vasard faite à Mount Lavinia de Ceylan, 
où Monsieur Bois fit escale. 

Cette dernière recolte ne contieni que des espèces très-connues 

11 



162 

et ubiquistes, ainsi qu'on le verrà plus loin par la liste que j'en ai 

dressée. 

Pour effectuer les lavages des espèces provenant des rivages 
de la Cochinchine j" ai rencontré de grandes diljicultés, les Diato- 
mées étant mélangées à un sable assez fin, de teinte brune, inetta- 
quable par les acides concentrés. Les Diatomées et le sable avaient 
à peu près la méme densité, il fallut dono apporter beaucoup de 
précautions dans les décantations pour ne pas tout perdre. Aussi ai- 
je dù renoncer à pousser trop loin l'épuration. 

Je prie Monsieur Bois de bien vouloir agréer mes sincères re- 
merciments pour Tobligeance qu' il a eue de me recolter de précieux 
matériaux d'études, qui renferment des espèces nouvelles et d'autres 
encore peu connues et très-rares. 



Fond vaseux du Canal d'Haìphong. 

CoccoHcis Ning-pocnsis P. Petit. 

Amphora dulia Greg. D. C. p. 614, pi. XllI, fig. 76. Long. 64 {x; 
larg. 22 [a; stries 12 in io [x. 

.4. coffeiformis Ag. 

Navicula cancellata Donk. 

N. aestiva Donk. variété rhombica (var. nov.). Long. 64 [x; larg. 
36 à 38 [x; stries non ponctuées, S in io [x. Fig. 7. 

A^. digitoradiata Greg. 

JV. glacialis Clev. 

N. — var. dongala P. Petit in litt. 

iV. Lezvisiana Greg. 

N. Li bum ic a Grun. 

N. Smithii De Bréb. variété A. S. Atlas tab. 7, Hg. ló. Long. 
45 [x; larg. 20 [x; 10 stries rayonnantes in io {x. 

Pleurosigma decorum W. Sm. var. inflaliun Per. 

P. fasciola W. Sm. 

P. javanicum Grun. 

P. salinarum Grun. 

P. sinense (Ehr.) Ralfs. 

P. simile Grun. 



Sorirelìa Boisiaua nov. sp. — Long. 76 à 128 [i; larg. 35 à 48 ^. 
Valves ovales aWongées, qtié:/que fois ellipiiques, à sommets largement 
arrondis; aire centrale large de 4 {i, se rétrécissant en approchant 
des sommets; còtes, 3 dans io [x, rayonnantes, arquées de plus en 
plus en approchant des sommets, fortement marquées pròs de l'aire 
centrale; espaces intercostaux très finemcnt striés; ailes très-étroites. 
Fig. I. 

Au premier courp d'oeil cette espèce semole avoir de 1' analogie 
avec la Surirella fluminemis de Grunow, mais elle en diffère par ses 
dimensions, par ses cótes arquées et par ses ailes, qui ont la dispo- 
sition de celles de la Surirella elegans. 

Les figures de la Surirella fluminensis dans l' Atlas de Ad. 
ScHMiDT t. 4, f. 9 et t. 5, fig. 6 et celles de Monsieur Péragallo D. 
M. F. pi. LX, f. 1-2, ont bien quelques caractères communs avec 
notre elegante espèce, mais l'ensemble s'en éloigne beaucoup. 

Cette espèce a été dédiée à Monsieur D. Bois, le collectcur des 
matériaux de Cochinchine. 

5. Gemma Ehr. 

5, tenera Greg. 

S. — var. nervosa A. S. Atlas t. 23, f. iS-i/. 

Biddulphia chinensis Grev. — Rare. 

Ditylium Brightvjellii (West.) Grun. 

Trìceraiium sinense Schw. 

Coscinodiscus igigas Ehr.) guineensis Grun. — Diam. 9Ò [x. Rare. 

C. exceniricus Ehr. 

C. lineatus Ehr. 

C. Normanii Greg. 

Cyclotella Conila (Ehr.) Ktz. var. radiosa Grun. 



Ruisseau d'Eau (saumàtre?) voisin de la mer à Tourane. 



Navicula ambigua Ehr. 
Diadesmis confervacea Ktz. 
D. peregrina W. Sm. 
Cyclotella Meneghiniana Ktz. 



164 

Gallioneìla sulcata Ehr. 

Les deux Diadesmis soni très abondants et forment le tond de 
cette recolte. 



Tourane. Plage et Rochers. 

Achnanthes subsessilis Ktz. var. enervìs P. Petit. (Diat. de Ning-pò). 

A. orientalis nov. sp. — Long. 17 à 28 jjl; larg. 8 à g [i. Valves 
lancéolées à extrémités obtuses. Valves supérieures à aire axiale 
étroite, égale dans toute la longueiir; stauros de 8 [x. de largeur 
sur un Seul coté de la valve et allant de l'aire axiale à la marge; 
còtes fortes subradiantes. non ponctuées 12 à i3 in io [i; valves in- 
férieures naviculoides, à stries délicates rayonnées atteignant le rha- 
phé; rhaphé droit muni d'un nodule centrai; stries 14 in io [a. 
Fig. 4; a) valve supérieure, b) valve inférieure. 

Cette espèce est assez abondante sur la plage de Tourane; elle 
se distingue de l' Adi. Clevei par les cótes non ponctuées de la 
valve supérieure et de 1' Ach. delicatula par le manque d' une aire 
centrale sur la valve inférieure. Elle se distingue aussi de 1' Ach. lie- 
teromorpha par ses dimensions, par son stauros et par le manque 
d'aire centrale sur la valve inférieure. Elle s'éloigne également de 
\ Ach. lanceolata par l'absence, sur la valve supérieure, d' un espace 
hyalin en forme de selle de Cheval. 

Cymhella stomatophora Grun. 

Amphora arenicola Grun. var. subaeqiialis CI. 

A. exigua Greg. 

A. probo scidea Greg. 

A. j avalli e a A. S. 

A. salina W. Sm. 

Navicula aestiva Donk. var. rìiouibìca v. nov. — Long. 04 [j. ; 
larg. 36 à 38 [x; còtes 9 dans 10 [x; alvéoles en nombre égal aux 
cótes. Fig. 7. 

iV. brasitiensis (Ehr.) Ktz. 

iV. — var. bicuneata CI. 

N. — forme A. S. Atlas t. 6, f. 25. — Long. 44 [x; larg. 28 [x. 



165 

N. crucicula W. Sm. var. obtmata Grun. — Long. 40 (x; larg. 
ló [x. Grun. Arct. Diat. p. 35, pi. II, f. 37. A. C. 

iV. forcipata Grev. var. versicolor Grun. 

iV. glacialis Clev. var. dongata P. Petit in litt. He Campbell. 

iV. granulata de Bréb. 

iV. Hochstetteri Grun. R. 

A^. ìiburnica Grun. 

iV. mterrupta (Ball.) Ktz. var. 7^an::ibanca A. S. 

iV. marina Ralfs non Jan. et Rab. 

iV. mutica Ktz. var. undulata Hilse. 

iV. /)/m7/a W. Sm. — Pérag. D. M. F. pi. 27, f. 17. 

iV. — var. cochinchìnensis v. nov. — Long. 32 à 44 {x; larg. 
ló à 20 jx. Stries ponctuées, 14 in io [x. Cette variété se distingue 
du type par une croix hyaline centrale, égale au ^ j ^ de la longucur 
des stries. Cette croix résulte de l' avortement du '/^ de la partie 
des stries voisine du centre, symétriquemcnt sur chaque coté de 
la valve. C. C. à Tourane. Fig. 5. 

A^. vexans A. S. Atlas, t. 47, f. i3 (sans nom). — Long. 40 à 
48 [x; larg. g à io [x. Valves étroitement lancéolées, à extrémités 
obtuses, n'ayant ni aire centrale, ni aire axiale; stries atteignant le 
rhaphé i3 in 10 [x, subradiantes au milieu et transverses vers les 
extrémités. 

Cette espèce n' est pas très commune sur la plage de Tourane. 

Staiironeis capitata Ehr. (Bericht. d. Beiiiner Akad. 1844 sine 
icone). — - Long. 2Ó [x; larg. 12 [x. Valves largement clliptiques, su- 
bitement contractées et capitées aux sommets; capitules Icgèrement 
dilatcs aux extrémités; aire axiale assez large; stauros non dilaté, 
n' atteignant pas les marges; stries obliques finement ponctuées 18 
in 10 [X. Fig. 8, 

St. amphilepta Ehr. Am. I, 2, fig. 9-M. G. t. XIV, f. \S}} — 
var. marina. — Long. 68 [x; larg. i5 jx. Valves étroitement lancéo- 
lées, à sommets légèrement rostrés; aire axiale étroitc un peu dila- 
téc vers le stauros, qui est large de i [x 5, linéaire et atteint les 
marges; V angle forme par le stauros et V aire axiale est fortement 
arrendi; stries obliques très délicates, ne se résolvant qu'avec un 
fort objectif. Fig. 6. Très rare. 

Mastogloia Goésii Cleve. Très rare. 



166 

Scoliopleura elegans Ci. Rare. 

Pleurosigma gracilescens Grun. 

P. salinanmi Grun., var. pusilla Grun. 

P. scalprum de Bréb. 

P. simile Grun. 

P. Spencerii W. Sm., var. Smithii Grun. 

Tropidoneis lepidoptera (Greg.) CI. 

Amphiprora paludosa W. Sm. 

NilTischia apiculata (Greg.). 

iV fasciculata Grun. 

iV. liiloralis Grun., var. bengalensis Grun, 

N. ottusa W. Sm. C. C. C. 

A^. seriaia CI. Très rare. 

N. Tryhlionella Hantz. 

iV. — var. lewidensìs (W. Sm.) Grun. 

N. — var. Victoriae Grun. 

Sur ir ella Capromi de Bréb. 

S. tenera Greg. 

S. — var. nervosa A. S. Atlas t. 23, f. iS-i/. 

S. — var. splendidula A. S. Atlas, t. 23, f. 4-Ò. — O. Mùller 
(Engler' s. Bot. Jahrb. XXXIV. Band, Heft 1, p. 36). 

S. hiseriata De Bréb. — Forma A. S. Atlas tab. 22, f. 14. — 
Long. 128 à i39 [j.. Valves étroitement lancéolées, à sommets sub- 
aigus: Cótes plus étroites que dans le type, 2'/, à 3 in io [i. Eaux 
saumàtres. 

5. cochìnclìinensis sp. nov. Long. 80 à 88 [x: plus grande lar- 
geur 19 {1. Valves très étroitement ovales à sommets dissemblables, 
l'un étant plus conique que l'autre; aire axiale lancéolée étroite; 
cótes peu apparentes, légèrement renforcées vers la marge, 3 in 
IO [j., atteignant l'aire axiale. Fig. 3. R. 

Cette espèce peu commune sur la plage de Tourane se rap- 
proche un peu par T aspect de la Surirella angusta Ktz. .^ figurée A. 
S. Atlas t. 23, f. 40; mais d' après le Sylloge du Doct. De Toni, 
pag. 58i, r espèce de Kùtzing ne mesurerait que 20 à 40 [x. de 
longueur et les sommet scraient largement arrondis. 

S. touranensis sp. nov. — Long. 248 à 262 ]x; larg. 24 à 36 {x. 
Valves étroitement linéaires à extremités dissemblables, l'une étant 



167 
largement arrondie et l'autre cuneiforme; aire axiale étroite et égale 
dans toute la longueur; cótes droites au centre et rayonnantes vers 
les sommets, atteignant l'aire axiale; ailes peu marquées, Rapport 

entre la longueur et la largeur 1:10-1:9. Fig. 2, gres. — . 

Quoique commune, cette belle espèce, à cause de sa longueur 
et de sa fragilité, se rencontre très rarement entière dans les pré- 
parations; aussi a-t-elle présente une grande diQiculté pour la dé- 
termination. Les fragments étaient très nombreux, mais il a fallu 
attendre la découverte d'une valve entière pour établir une diagnose 
exacte. 

Grajnrjiatopìwra maxima Grun. 

Biddulphia ottusa Ktz. 

B. Roperiana Grev. 

B. subaequa Ralfs. 

Ily drosera Whampoensis (Schw.) Waliich. = Trìceratiiim Waui- 
pecnse Schwartz. C. C. C. 

Cerataulus levis Ehr. C, C. C. 

C. — var. eUiptica. A. C. 
C. turgidus Ehr. R. 

Coscìnodisciis lacustrìs Grun. var. marinus Grun. A. C. 
Gallionella silicata Ehr. 



Ceylan. Plage de Mount Lavinia. 

Navìcitla Crabro Ehr. var. minuta CI. 

Licmophora Ehrenhergii (Ktz.) Grun. var. ovata \V. Sm. 

Climacosphenia australis Ktz. 

Grammatophora marina (Lyngb.) Ktz. 

G. iindulata Ehr. 

Biddulphia aurita De Bréb. 

B. pulchella Gray. 

B. Tuomeyi (Ball.) Roper. 

Trìceratiiim pentacrinus Waliich. 

Cerataulus levis (Ehr.j Ralfs. 



168 



Actinocyclus subiiUs (Greg.) Ralfs. 
Actinoptychiis undulalus (Bail.) Ralfs. 
Coscinodjsciis obscurus Ad. Sch. 
C. radialus Ehr. 



-^-^ 



FLANCHE I. 



Index des Flgures. 



Cross. , excepte pour la fig. 2, dont le Gross. est 



1. Surirclla Boisiana sp. nov. 

2. Surirella Touranensis sp. nov. 

3. Surirella cochinchinensis sp. nov. * 

4. Achnanthes orìentalis sp. nov. «; Valve supérieure ; b) valve inférieure. 

5. Navicula pusilla W. Sm. var. cochinchinensis var. nov. 

6. Stauroneis amphilepta Ehr. var. marina var. nov. 

7. Navicula aestiva Donk. var. rhoinbica var. nov. 

8. Stauroneis capitata Ehr. 



LA NUOVA NOTARISIA-ISO* -_ XV^ Seri* 



PL.I 




sili, ad. nat- del 



Imp Monrocq _ Paris. 



16'J 



LITTERATURA PHYCOLOGICA 

FlorsB et Miscellanea phycologica 



107. Adams J. — Note on some Seaweeds occurring on the Antrim 
coast. — Irish Naturalist voi. XllI, 1Q04, n. ó, p. i38. 

108. Deckenbach C. — Ueber einige das Phycoèrythrin begleitende 
Farbstoffe (Russ. m. deutsch. Ausz.). — Scripla botanica Horti 
Univ. imp. Petropolilanae XX, 1902-1903. 

109. Duerden J. E. — Bering Algae as Agents in the Disintegration 
of Corals. — ISÌezv York Bull. Amer. Mus. Nat. Ilist. 1902, io pp., 
1 piate. 

no. Gerassimow J. J. — Zur Physiologie der Zelle. — Bull. Soc. Im- 
pcr. (Ics Natur. de Moscou 1904, n. i, pp. 184, i Taf. 

111. Hansgirg A. — Pflanzenbiologische Untersuchungen nebst al- 
gologischen Schlussbemerkungen. — Wien, 1904, Hòlder, 8°, 
pp. 240. 

112. Howe Marshall A. — The Museum Exhibit of Seaweeds. — 
Journ. New York Botan. Garden voi. V, 1904, p. 5Ó-64, f. 9-1 2. 

11 3. Howe Marshall A. — The Pike Collection of Algae. — Journ. 
Nezu York Boian. Garden voi. V, 1904, p. 8Ó-87. 

114. Kelssler (von) K. — Das Plankton des Millstàtter Sees in Kàrn- 
ten. — Oesterr. botan. Zeitschrift LIV, 1904, n. 6. 

11 5. Kofoid C. A. — The Plankton of the Illinois River, 1894-1899, 
with introductory notes upon the hydrography of the Illinois Ri- 
ver and its basin. — Part I. Quantitative Investigations and ge- 
neral results. — Bull. Illinois Siate Laboratory of Nat. Hist. v. VI, 
1903, pp. XVIII, 629, pi. 5o. 

110. Kuckuck P. — Bericht i^ìber eine botanische Reise nach Ma- 



170 

rokko. — W/sse7tsch. Meeresunlerstich. Idei ii. ùiol. Ansi., N. F., 

5. Band, Abtheil. Helgoland, Heft 2, p. 107-115. 
1 1 7. Largaiolli V. — Notizie fisiche e biologiche sul Lago di Cepich 

in Istria. — Pro or. del Ginnasio di Pisino, Parenzo, 1904, Tip. G. 

Coana, 8°, pp. 32. 

118. Marsh C. Dwight — The Plankton of Lake Winnebago and 
Green Lake. — Wisconsin Geol. and Nat. Plisi. Siirvey Bull. XII, 
ser. 3 (1903) p. 1-94. 

119. Mazé H. et Schramm. — Essai de classi fication des Algues de la 
GuadeloLipe. Basse-Terre 1877. Réimpression-facsimile. — Berlin, 
1904, pp. 3oo in 8°. 

120. Moesz G. — Brassó vidékének levegòn és folyóvizben élò mosza- 
tjai. — Brassó, 1904, Herz Kònyvnyomdàja, 8°, pp. 20, T. i-ii. 

121. Moore G. T. & Kellerman K. F. — A method of destroying or 
preventing the Growth of Algae and certain pathogenic Bacteria 
in Water Supplies. — U. S. Dep. of Agric, Bureau of Plani In- 
duslry, Bull. N. Ó4, Washington 1904. 

122. Noli F. — Beobachtungen und Betrachtungen ùber enbryonale 
Substanz. — Biologisches Ce7i/ra/ò/aii Bó.XXìW, 1903, p. 281-297, 
321-337, 401-427. 

123. Okamura K. — List of Marine Algae collected in Caroline Islands 
and Australia. — Tke Bolanical Magatine voi. XVIII, Tokyo 1904, 

p. 77-9<3, fig. 1-4- 

124. Redeke H. C. — Planktononderzoekingen in het Zwanewater 
bij Callantsoog. 5 pi. De erven Loosjes, Haarlem, 1903. 

125. Redeke H. C. & van Breemen P. J. — Plankton en bodemdieren 
in de Noordzee verzameld van i-ó Aug. 1901. — Tijdschr. der 
Nederlandsche Dierìnuid. Vereeniging [2], DI. Vili, 1903, Ali. 2, 
p. 118-147. 

1 2Ó. Snow J. W. — The Plankton Algae of Lake Erie, with special 
reference to the Chlorophyceae. — U. S. Fish Commission Bull. 
(1902, iss. August i9o3j, p. 3Ó9-394, pi. I-IV. 

Florldeae 

127. Atkinson F. G. — A new Lemanca from Newfoundland. — Ter- 
reya IV (1904) p. 2Ò. 



171 

128. Weber van Bosse A. — Note sur deux algues de FArchipel 
Maloisien, — Recueil des trav. hot. Neerl. N. i (1904). 

129. Weber van Bosse A. & Foslie M. — The Corallinaceae of the 
Siboga-Expedition, with XVI plates and 84 textfìgures. — Sibo- 
ga-Expeditie, monogr. LVI; Leiden, 1904, E. J. Brill, 4.° 

I "^o. Vendo K. — A sludy of the GenicLila of Corallinae, with i pi. 
— Janni, of the Coli, of Science, Imp. Univ. Tokyo voi. XIX, 
1904, article 14. 

Fucoldeae 

i3i. Rathbone M. -- Notes on Myriactis Areschougii and Coiiodesme 
californica. — Journ. Linn. Soc, Bo/any, voi. 35, 1904, n. 248, 
p. 670-675, piate 24. 

182. Sauvageau C. — Remarques sur les Sphacclariacces. — Jour- 
nal de Boianique 1903, p. 332-353, 878-422, 1904, p. 88-104. 

i33. Williams J. Lloyd. — Studies in the Dictyotaceae. II. The cyto- 
logy of the gametophyte generation. — Annals of Boiany v. XVIII, 
1904, p. 188-204, plates 12-14. 

Chlorophyceae 

(excl. Dcsmid., Zy pieni., Charac). 

184. Adams J. — Distribution of Vaucheria in Ireland. — Irish Na- 

turalist XII (1903) p. 218. 
i35. Beesley L. — A Fountain Alga. — New Phytologist III, 1904, 

p. 74-82, I pi. & 2 fìg. 
i3o. Frank Th. — Cultur und chemische Reizerscheinungen der Chla- 

mydomonas tingens. — Botanische Zeitung LXII, 1904, Heft VIII- 

IX, p. 1 58- 188, Taf. VI. 
187. Fritsch F. E. — The occurrence of Pleodorina in the freshwater 

Plankton of Ceylon. — New Phytologist voi. Ili, 1904, n. 5, 

p. 12 2-123. 

i38. Gepp E. S. (n. Barton). — The Sporangia of Halimeda. — Jo- 
urnal of Botany voi. XLII, n. 499, July 1904, p. 198-197, pi. 461. 

189. Petraschevsky L. — Ueber Atmungskoèljizienten der einzelligen 
Alge Chlorothecium saccharophilum. — Ber. der deutschen bo- 
tan. Geselhch. XXII, 1904, p. 328-828. 



172 

140. Raymond G. — Sur le développement d'une Algue voisine du 
gcnre Raphidium. — Le Micrographe préparateur voi. XII, 1904, 
n. I, p. 1 1-19, pi. I-III. 

Desmidiaceae 

141. Hirn K. E. — Zur Kenntniss der Desmidiaceen Finnlands. — 
Ada Soc. prò Fauna et Flora Fennica 1903, 24 pp., 2 Taf. 

Gharaceae 

142. Mottìer D. M. — The Developmcnt of the Spermatozoid in 
Chara. — Annaìs of Botany, 1904, 10 pp., i piate. 

BaclUarieae 

143. Belloc E. — Note sur Ics Diatomées marines de la ccjte occi- 
dentale du Maroc. Paris, 1903, 8°, pp. 11. 

144. Gran H. H. — Diatomeen der arktischen Meere. I. Teil: Die 
Diatomeen des Planktons. — In Fr. Rómer & Fr. Schaudinn, 
Fauna Arctica Band III, Lief. 3 (1904) p. 5ii-554, Taf. XVII. 

145. Keeley Fr. J. — Preparation of Diatoms. — Proceed. Acad. NaI. 
IlisL of Philadelphia voi. LV, part I, 1903, p. 2-3. 

146. Lanzi M. — Diatomee rinvenute nel canale alimentare di Olo- 
turie del Mediterraneo. — Alti Pontif. Accad. dei Nuovi Lincei 
LVII, 1904, p. 172-179. 

147. Largaìolli V. — Le Diatomee del Trentino XVI e XVII. Laghi 
Corvo (Bacino del Noce), con 2 Tavole. — XXIII. Annuario della 
Soc. Alpin. TridenL, Trento 1904. 

148. Lauby A. — Rapport sur les dépóts diatomifères de Neussar- 
gues. — Bull. Acad. Int. gèogr. hot. XIII (1904) p. 02-63. 

149. M. [agnin] A. — Les Diatomées des lacs de Nantua et de Sy- 
lans. — Ardi. Flore jurass. n. 43-44 (1904) p. 24-2Ó. 

i5o. Mereschkowsky C. — Liste des Diatomées de la Mer Noire (en 
russe avec resumé francais). — Scripta botanica Ilorti Univ. imp. 
Peiropolitanae XIX, 1902- 1903. 



173 
i5i. Mereschkowsky C. — Sur Licmosphenia, nouveau genre des Dia- 

tomées (en russe avec resumé francais). — Scripta botanica Horti 

Univ. imp. Petropolifanae XIX, 1902-1903. 
i52. Mereschkowsky C. — Sur Catenula, nouveau genre des Diato- 

mées (en russe avec resumé francaisj. — Scripta botanica Horti 

Univ. imp. Petropolitanae XIX, 1902-1903. 
i53. Mìquel P. — Du noyau chez les Diatomées. — Le Micro graphe 

prcparateiir voi. XII, 1904, n. 4, p. 1Ó7-175. 
154. Mueller 0. — Bacillariaceen aus dem Nyassalande und einigen 

benachbarten Gebieten. Zweite Folge: Discoideae-Coscinodisceae, 

Discoideae-Eupodisceae. — Engl. hot. Jaìirb. XXXIV. Bd., 2. Ileft, 

1904, p. 25ó-3oi, 4 Fig. im Text, Taf. III-IV. 
i55. Oestrup E. — Marine Diatoms. — In Johs. Schmidt Flora of Koli 

Chang part Vili {Botan. Tidsskrift voi. ib, Juni 1904, p. ii5-iOi 

(2Ò7-3i3), T. l-ll. 
i5ò. Tempere J. — Liste des Diatomées contenues dans le dépót 

calcaire bitumeux tertiaire de Senda'i (Japon). — Le Micrograplie 

préparateur voi. XII, 1904, n. 4, p. 175-189. 

Perldinieae 

157. Zederbauer E. — Ceratium Hirundinclla in den òsterreichischen 
Alpenseen. — Oeslerr. botan. Zeitsclirift LIV, 1904, p. 124-128 etc. 



Weber vati Bosse A. & Foslie M. — The Corallinaccae of the Si- 
boga-Expedition, with lò plates and 34 textfigures. — Siboga-Ex- 
peditie, Monographie LXI (1904). 



174 

Fino dai suoi primi lavori, e mi piace qui ricordare quello sulle 
Alghe viventi sui peli dei Bradipi, la signora A. Weber van Bosse 
si dimostrò acuta e diligente osservatrice ed il metodo suo, pieno 
di scrupolo e di finezza, andò sempre pii^i perfezionando nelle suc- 
cessive pubblicazioni, dandone bella prova nella eccellente mono- 
grafia delle Caulerpe. Ora l'egregia autrice, con la collaborazione 
del FosLiE, illustra le Corallinaceae raccolte durante la spedizione 
della Si boga e non ismentisce quanto sopra si è detto, fornendoci 
su queste Alghe così ditjicili a studiare un lavoro davvero merite- 
vole di encomio. 

All'autrice sono riservate le note prehminari sulle Alghe calca- 
ree in generale, sulle Corallineae venie della collezione e la tratta- 
zione di queste ultime, al nostro egregio collaboratore M. Foslie la 
trattazione delle Litììothainniaceae, Melobesieae, Mastophoreae. 11 co- 
pioso materiale raccolto dalla Siboga, il ricco materiale posseduto 
dalla VAN BossE al quale si devono aggiungere esemplari autentici di 
specie del Lamouroux (comunicati alla sig. Weber dal prof. Lignier 
di Caen), la profonda conoscenza di alghe calcaree che ha il Foslie, 
fanno a priori comprendere quale garanzia di esattezza e quale im- 
portanza offra la pubblicazione su cui riferisco brevemente. 

L'autrice passa in rassegna le opere che trattarono delle alghe 
calcaree cominciando da Lamarck, Phu^ippi lino agli autori più mo- 
derni, descrive gli estesi banchi di iJthotìiamnion osservati durante 
il viaggio ed il loro sviluppo e fornisce molti particolari interessanti, 
che non è possibile qui riassumere. 

Oltre a numerose varietà e forme, si trovano descritte per la 
prima volta come nuove le specie seguenti : 

dal Foslie: Lilìwihairmion bandanum,L.fragiìissimnm, L. proli fer, 
Archaeoìithothainnion timorense, Goniolithon megalocy stimi, Melobesia 
siiblilissiiìia, Masiopìiora affini s ; 

dalla Weber (che premette alcune notizie storiche e critiche 
sulle Coralline vere): Amphiroa anasiomosans, Melagoniolithonvi. §Q.n. 
istituito per Amphiroa charoìdes Lamour., A. granifera Harv. [= A. 
intermedia Marv., A. stellata Kuetz., A. similis Sond., A. setacea Kuetz.], 
A. stelligera Aresch. [= Corallina stelligera Lamarck, Amphiroa ju- 
bata Lamour., A. inlerriipta Lamour., A. verrucosa Lamour., A. eie- 



175 

gans Sond.], Litharthron n. gcn. creato per X Amphiroa australis 
Sond. {'). 

Sono aggiunte alcune osservazioni sul genere Lilhothrix Gray 
e sulle forme fossili, qua e là nel corso del lavoro sono contenute 
altre osservazioni sia del Foslie che della Weber, per le quali è ne- 
cessario rimandare alla lettura della Monografia, che, corredata com'è 
di bellissime tavole, costituisce un prezioso caposaldo per lo studio 
delle Corallinaceae. 

De Toni 

Weber vati Bosse A. — Note sur deux algues de l'Archipel Ma- 
laisien. — Recueil des Trav. hot. Neerl. n. i ^1904^. 

L'egregia signora Anw Weber van Bosse, la quale ha intra- 
preso lo studio delle Floridee raccolte durante la spedizione della 
Siboga nelle Indie Neerlandesi (1899-1900), fa in questa nota una 
comunicazione preliminare descrivendo un nuovo genere di Dasyeae 
{Tapeiiwdasya Borneti) e riferendo sul Gdidium rigidum Vahl che 
ascrive al genere Gelidiopsis Schmitz. 

La Tapeìnodasya, dotata di ramificazione simpodiale, ha struttura 
dorsiventrale, 4 pericentrali corticate, con rami orizzontali. 1 cistocarpi 
sono su individui distinti, inseriti sui rami, con spore terminali, pi- 
riformi. Gli stichidi sono corticati, nell'ascella dei rami, piccoli, ses- 
sili, con due sporangi per verticillo. 

Yendo K. — A study of the Genicula of Corallinae, with 1 pi. — 
Journ. Coli. Se, Imp. Univ. Tokyo, voi. XXIX (1904) article 14. 

L.' Autore, il quale si è già occupato delle Corallinme in prece- 
denti memorie, studia nella presente le giunture (genicula) delle Co- 
rallinae; egli ricorda i pochi lavori comparsi sull" argomento (Nelson 
e DuMCAN, SoLMS, Heydrichj; avverte che non potò esaminare \ Am- 



(1) U Amphiroa australis Sond. è un'Alga assai meritevole di studio. Si 
vegga a proposito di questa specie : Engler & Franti Natilrl. PJlanzenfamilien 
(Florideae) p. 530, De Toni Sylloge Algariim IV, p. 1670-1671 (genere Rhodo- 
peltis Harv.j. Che Rhodopeltis Harv. e Litharthron Web. siano la stessa cosa, 
non oso giudicare in mancanza del confronto di materiale autentico. 

De Toni 



176 

pìiiroa australis e potè vedere solo esemplari secchi di Amphiroa 
stdligera e di Amphiroa (Lithothrix) Aspergillum. 

K. Vendo descrive l'apparenza esterna dei genìcula, che sono 
privi di deposito calcareo, cornei e flessibili e li distingue in lineari 
(la maggior parte delle Corallina, Jania ed alcune Amphiroa)^ pun- 
tiformi (molte specie di Cheìlosporiun sez. Arlhrocardia)^ nastriformi 
{Amphiroa della sez. Eurytion), filiformi [Amphiroa stdligera, A. cha- 
roides e qualche altra specie), finestriformi [genìcula della porzione 
superiore di Amphiroa dilatala, A. ephedraea, A. Boxverbanhii ecc.). 

In seguito r Autore tratta della posizione dei genìcula (posizione 
normale e anormale), della posizione relativa delle cellule geniculari 
ed articolari, della rispettiva struttura delle une e delle altre, descrive 
la formazione e lo sviluppo dei genicnla, la differenza nelle proprietà 
delle pareti cellulari delle cellule geniculari ed articolari; da ultimo 
discute sul valore dei genìcula come carattere sistematico, che crede 
possa servire per aggruppare le specie e più nettamente differenziarle. 

Gepp E. S. (née Barton). — Chinese Marine Algae. — Journal of 
Botany voi. 42 (1904) p. 161- 165, Tab. 460. 

In questa Nota sono enumerate 27 Alghe marine raccolte sulle 
coste cinesi dal Dott. P. Hamilton Boyden e dal sig. E. B. Howell. 
Sono specialmente interessanti Ceramium Boydenii n. sp. (della serie 
Ectoclinia di J. Agardh), Polysiphonia japonìca Harv. (della quale 
l'Autrice fornisce la diagnosi originale) e Chor dar ia firma n sp. 

Rathbone May. — Notes on Myriactis Areschougii and Coilo- 
dcsme californica. — Linn. Soc. Journ., fSotany, voi. XXXV, p. 670- 
Ò75, piate 24. 

L'Autrice dilucida alcuni punti riguardanti : 1) la Myriactis Are- 
schougii Batt. [Elachista Areschougii Crouan) crescente nell'oceano 
Atlantico sulle frondi di llimanthalia Lorea ; 2) la Coilodesme cali- 
fornica Kjellm. {Adenocystis Lessonii var. ? californica Rupr.) della 
quale descrive la penetrazione di una densa massa di rizoidi entro 
le piante ospiti (Cystoseira, Halidrys). 

Gepp E. S. [n. Barton]. — The Sporangia of Halimeda. — Jour- 
nal of Botany voi. XLIl, n. 499, July 1904, p. 193-197, piate 4Ò1. 



177 

L'egregia Autrice, la quale in precedenti pubblicazioni si è oc- 
cupata con la consueta accuratezza del genere Halimeda, fornisce ora 
alcune notizie sugli sporangi delle Halimeda gracilis Harv. ed Hall- 
meda Ttina, avendo potuto esaminare la fruttificazione della prima 
specie su esemplari raccolti dal Dott. Herdman nel 1908 nel golfo 
di Manaar e della seconda specie su materiale autentico di Derbès 
e SoLiER comunicatole dall'illustre Dott. E. Bornet. 

La signora Gepp premette la descrizione del tallo che è formato 
di tre distinti strati in ciaschedun articolo cioè da un fascio assile 
di filamenti che corrono dall'apparato radicale fino all'apice dell'alga, 
da un reticolo di filamenti ramosi (strato subcorticale) derivato dai 
rami laterali del fascio assile e formante la maggior parte del tes- 
suto componente l'articolo, infine da uno strato semplice di cellule 
(così dette cellule periferiche) le quali altro non rappresentano che le 
terminazioni dei filamenti dello strato subcorticale; l'autrice ricorda 
poi i caratteri delle comunicazioni tra i filamenti assiti nella regione 
apicale. 

La connessione tra il fascio centrale e gli sporangi è strettis- 
sima, perchè gli sporangiofori sono una continuazione di fili centrali 
i quali dopo fusione emergono da un articolo e portano sporangi in 
luogo di formare un nuovo articolo. 

Nella //. gracilis dove i fasci interni sono tre (uno mediano, due 
laterali) gli sporangiofori sono coadunati in piccoli cespugli isolati 
agli angoli superiori dell'articolo, appunto in quei posti dove si avreb- 
bero dovuto formare nuovi articoli; gli sporangi sono quasi globosi 
e disposti in lasso racemo. 

Nella H. Tuna, dove i filamenti assili sono disposti in modo 
radiato-flabellato, gli sporangiofori costituiscono una specie di frangia 
continua lungo il margine dell'articolo; gli sporangi sono simili in 
forma a quelli della Halimeda gracilis. 



Moore G. T. & Kellerman K. F. — A method of destroying or 

preventing the Growth of Algae and certain pathogenic Bacteria in 

Water Supplies. — U. S. Depart, of Agric, Bureau of Plant Industry 
Bull. N. Ó4, Washington 1904. 

Gli Autori, in seguito a parecchie ricerche sperimentali, hanno 

12 



178 

proposto di servirsi di soluzioni acquose diluitissime (i per looooo) di 
solfato di rame per distruggere o prevenire la vegetazione di Alghe 
(le quali comunicano alle acque un odore e un sapore disaggrade- 
voli) e di certi batterli patogeni (del tifo e del colèra). La Memoria 
presenta uno speciale interesse nei riguardi delle acque utilizzate 
dall'uomo per bevanda ('; e delle acque adibite alla piscicultura. 

Moesz G. — Brassó vidékének levegòn és folyóvizben élò mosza- 
tjai. — Brassó 1904, Herz Kònyvnyomdàja, 8°, pp. 20, T. i-ii. 

Questa Memoria del prof. Gustavo Moesz è scritta tutta in un- 
gherese, facendo parte del XIX programma pubblicato dalla Scuola 
di Brassó; essa riguarda le Alghe viventi nell'aria e nelle acque cor- 
renti dei dintorni di Brassó. La trattazione comprende a pag. 3-4 le 
alghe viventi sulle pietre, a pag. 5 le alghe terricole, a pag. 6 le 
arboricole, a pag. 7-9 le alghe viventi nelle sorgenti (crenofile), a 
pag. 10-14 quelle vegetanti nelle acque correnti, a pag. i5 le Dia- 
tomee nuove per la loaclità studiata; di queste ultime sono indicate 
undici specie, tra le quali Navicula Rombaueriana e Surirella Pan- 
toc seìiìana sono per la prima volta descritte e rispettivamente figu- 
rate a tav. XI, f. 98 e tav. IX, f. 78. 

Beesley L. — A Fountain Alga. — New Phytologist III, 1904, 
p. 74-82, I piate, 2 Fig. in text. 

L'Autore descrive (senza però darne il nome) una nuova Alga 
d'acqua dolce che somiglia a qualche specie di Gongrosira ; que- 
st' alga non è incrostata di carbonaio di calcio e le zoospore non 
si formano in zoosporangi terminali ed ampolliformi. Le cellule del 
tallo irregolarmente ramoso hanno cloroplasto parietale e sono prive 
di pirenoide. 

Il tallo passa per uno stadio palmelloide. Manca la forma ses- 
suale. 



(^) In America uno dei primi ad occuparsi particolarmente delle impurezze 
delle acque potabili e delle alghe in esse sviluppantisi fu il collega W. G. Farlovv 
fino dal 1876. 



179 
Adams J. — Distribution of Vaucheria in Ireland. — Irish Na- 

turalist XII (i9o3) p. 218. 

È fatta parola della Vaucheria sessilis di Antrim. Sette specie 

d'acqua dolce sono menzionate della regione delle Co. Dublin e Co. 

Wicklow nella Guide to the Coiinty of Dublin (1878). 

Reinke J. — Volvox und Azotobacter. — Ber. deutschen bolan. 
Gesellsch. XXI (igoS) p. 481-483. 

L'Autore descrive una simbiosi di Volvox con A\otobacter, asso- 
ciata con un accrescimento del nitrogeno combinato nella soluzione 
e ne rileva la importanza come mezzo di ottenere nitrogeno dal- 
l'atmosfera. 

Frank Th. — Cultur und chemische Reizerscheinungen dcr Chla- 
mydomonas tingens. — Botanische Zeitung 62, 1904, p. 1 53- 188, 
Taf. VI. 

L'Autore, da culture fatte in laboratorio, potè isolare una C///a- 
mydomonas, da W. Schmidle identificata per Chi. tingens A. Br. ; egli 
descrive con molti particolari questa specie, la moltiplicazione vege- 
tativa, le acinete (non osservò generazione sessuale). Studiò poi la 
influenza di substrali nutritivi (soluzioni Knop, Agar, gelatina), il com- 
portamento degli individui mobili alla luce ed all'oscurità, le condi- 
zioni della formazione delle cellule mobili; infine esaminò le azioni 
chemotattiche di molte sostanze tra le quali trovò molto attive il 
nitrato di potassio (al 0,6 e al o,3Yj, il nitrato di ammonio (1,0 e 
o,ó7J, il nitrato di sodio (0,6, o,3 e 0,(5%), l'estratto di carne (dal 
0,3 al 2 Y^) ecc. Nessuna azione riconobbe nei solfati di ferro, zinco, 
nichelio, cobalto, manganese, magnesio, nel cloruro di ferro, nel sac- 
carosio, glucosio, nella glicerina, nell' asparagina, nel peptone. 

11 lavoro, munito di una tavola colorata, è accompagnato da 28 
citazioni bibliografiche relative all'argomento trattato dall'autore. 

Okamura K. — List of Marine Algae collected in Caroline Islands 
and Australia. — The Botanical Magazine voi. XVllI, Tokyo 1904, 
p. 77-96, fig. 1-4. 

Contiene T enumerazione, accompagnata da citazioni bibliografi- 



180 

che, di alghe raccolte nelle isole Caroline e nell'Australia da T. 

NiSHIKAWA, S. AyaBE 6 K. FujITA. 

Di Halimeda cordata J. Ag., Cystoseira (Hormophysa) ar tic alata 
Kuetz. e Cìiylocladia gelidioides sono date figure ed osservazioni ; il 
Gelidium repens Okam. è riferito, come sinonimo, al Gelidium pu- 
siìlum (Stack.j Le Jolis. 



181 



Notiz^ie 



Adunanza solenne della R. Accademia dei Lincei 

(5 giugno 1904). — La R. Accademia dei Lincei festeggiò quest'anno 
il terzo centenario dalla fondazione curando a mezzo del socio na- 
zionale R. PiROTTA la edizione delle Tabiilae phylosophicae di Fede- 
rico Cesi. Nell'adunanza solenne lo stesso prof. Pirotta lesse un 
discorso dal titolo : L' opera botanica dei primi Lincei, facendo com- 
prendere ed apprezzare l'importanza storica e scientifica delle opere 
botaniche di quei dotti e ricordando i risultati da essi ottenuti nei 
campi specialmente della morfologia e della sistematica vegetale, in 
modo da far apparire Federico Cesi e gli altri botanici Lincei de- 
gnissimi di venire ricordali, nella storia scientifica del nostro paese, 
insieme al nome insigne di Andrea Cesalpino. 

Società botanica di Francia. — Alla festa giubilare, in- 
detta per festeggiare il cinquantesimo anno di fondazione della So- 
cietà botanica di Francia, intervenne, in rappresentanza della Società 
botanica italiana e del membro onorario prof. P. A. Saccardo, il 
prof. G. B. De Toni. 

Nomine. — Il Prof. P. A. Saccardo venne eletto socio corri- 
spondente della Reale Accademia dei Lincei in Roma. 

Il nostro collaboratore dott. Achille Forti venne eletto socio 
corrispondente dell' Ateneo Veneto. 

Il prof. Carlo Casali consegui per titoli la libera docenza in 
botanica presso la R. Università di Parma. 

Il chiar. diatomologo J. Brun venne nominato membro onorario 
della Royal Microscopical Society di Londra. 



182 

I prof. Ch. Flahault e M. Fliche sono stati nominati soci cor- 
rispondenti dell'Académie des sciences di Parigi. 

Pubblicazione. — I sig. W. West e G. S. West hanno di- 
ramato una circolare (con una tavola di saggio) di sottoscrizione ad 
una loro opera dal titolo: A nwnograph of the Biilish Desmidiaceae. 
L' opera sarà edita dalla Ray Society (Weetwood, Watford) e com- 
prenderà 324 pagine e 32 tavole (delle quali 28 colorate). 



•-^^^^^"^'^^ 



ELENCO DEI PERIODICI 
che scambiano le loro pubblicazioni con la Nuova Notarisia 

ITALIA 

R. Accademia di scienze, lettere ed arti degli Zelanti. Acireale 
Reale Accademia delle scienze dell'Istituto. Bologna 

Accademia Gioenia di scienze naturali. Catania 

Società botanica italiana. Via Romana, 19. Firenze 

R. Accademia Peloritana. Messina 

Reale Istituto Lombardo di scienze e lettere. Milano 

Società italiana di scienze naturali, Museo Civico di Storia naturale. 
Corso Venezia. Milano 

Accademia Pontaniana. Napoli 

Società dei Naturalisti. Ex Monastero della Sapienza. Napoli 

Stazione Zoologica. Napoli 

Museo Civico. Padova 

Società Toscana di scienze naturali. Pisa 



184 

Accademia Pontificia dei nuovi Lincei. Palazzo della Cancelleria. 

Roma 

Reale Accademia dei Lincei. Roma 

Annali di Botanica, red. Prof. R. Pirotta. R. orto botanico. 

Roma 

Ateneo Veneto. Campo S. Fantino. Venezia 

Reale Istituto Veneto di scienze, lettere ed arti. Venezia 

Rivista di fisica, matematica e scienze naturali. Seminario. 

Pavia 



Museo Civico. Rovereto 

L R. Accademia degli Agiati. Rovereto 

Tridentum. Dott. Cesare Battisti. Trento 

AUSTRI A -UNGHERIA 

Zeitschrift des Ferdinandeums fùr Tyrol und Vorarlberg. 

Innsbruck 

Termèszetrajzi Piizetek. Botan. Abtheilung des Kòn. Ungarischen Na- 
tion. Museums. V. Szèchenyi u. 182. Budapest 

Magyar Botanikai Lapok, red. D.' A. v. Degan, Varoslìgeti fasor 
20/b, VI. Budapest 



185 
Magyarhoni Pòldtani Tàrsulat, VII., Steiània-ut 14. sz. Budapest 

K. K. Naturhistorisches Hofmuseum, I. Burgring. Wien 

K. K. Zoologisch-botanische Gesellschaft, 1. Wollzeile, 12. Wien 

BELGIO 

Société Royale de Botanique de Belgique.Jardin botanique de TEtat. 

Bruxelles 

Société belge de Microscopie. Jardin botanique de r Etat. 

Bruxelles 

DANIMARCA 

Botanisk Tidsskrift. Jardin botanique de l'Université. 

Copenhague 

FINLANDIA 

Societas prò Fauna et Plora Pennica. Helsingfors 

FRANCIA 

Société Linnéenne du Nord de la Prance. Amiens 

Société Linnéenne de Normandie. Rue de Geòle, 28. Caen 

Société Botanique. Palais des Arts. Lyon 



186 

Société Botanique de Prance. Rue de Grenellc, 84. Paris 
Journal de Botanique, red. L. Morot, Rue du Regard, 19. Paris 



Le Diatomiste, red. j. Tempere. 

Grez-sur-Loingr (Seine-et-Marne) 



Peuille des jeunes Naturalistes. Rue Pierre-Charron, 55 (8' arr.). 

Paris 



Le Botaniste, red. prof. P. A. Dangeard, Faculté des scienccs. 

Poitiers 



Revue Mycologique. Rue Riquet, 37. Toulouse 

GERMANIA 

Hedwigia, dir. Prof. G. Hieronymus, Grunewaldstr. 7,. Berlin 

Naturae Novitates. R. Friedlàndcr & Sohn, N. W. Carlstrasse 11. 

Berlin 

Naturforschende Gesellschaft. Danzig 

Helios, b. Paul Beholtz, Brùcklhorstr. 7-8. Frankfurt a. O. 

Oberhessische Gesellschaft fiir Natur- und Heilkunde. Giessen 



Allgemeine botanische Zeitschrift, red. A. Kneucker, Werderplatz, 48. 

Karlsruhe i. B. 



187 

Zeitschrift fùr angewandte Mikroskopie, rcd. prof. G. Marpmann. Ca- 
rolinenstrasse, i5. Leipzig 

K. Biologische Station (D/ O. Zacharias). PI611 (Holstein) 

INGHILTERRA 
SCOZIA ED IRLANDA 

Naturai History Society. Grlasgow 

The Naturalist. Museum. Hull 

Royal Microscopical Society. 20, Hanoversquare, W. London 

Quekett Microscopical Club. Holland Road, 198, Kensington, W. 

London 

Journal of Botany, rcd. J. Biitten. 41, Boston Road. 

Brentford (London) 

Marine Laboratory. Plymouth 

OLANDA 

Botanisches Centralblatt, rcd. D.' Lotsy, Rijn-en Schiekadc, 11 3. 

Leiden 

PORTOGALLO 

Sociedade Broteriana. Prof. J. Henriques, Jardin botanique de l'Uni- 
versi té. Coimbra 



188 

RUSSIA 

Société des Naturalistes. KiefF 

Société Imperiale des Naturalistes. Moscou 

Société des Naturalistes de la Nouvelle Russie. Odessa 

SPAGNA 

Sociedad Espanola de Historia Naturai. Paseo de Recoletos, 20, Baio. 

Madrid 

SVEZIA 

o 

Meddelanden fran Stockholms Hògskolas Botaniska Institut. (Prof. G. 
Lagerheim;. Stockholm 

Botaniska Notiser, red. Prof. C. F. O. Nordstcdt, Kraftstorg 10. 

Lund (Skane) 

SVIZZERA 

Bulletin de l'Herbier Boissier. Chambézy eh. GS-enève 

AMERICA 

Botanical Gazette, ed. prof. J. M. Coulter, Botan. Garden of the 
University. ChicagTO (Illinois) 



Journal of Mycology, ed. prof. W. A. Kellerman. Ohio State Uni- 
versity. Columbus (Ohio) 



189 

Minnesota Botanical Studies, ed. prof. Conway Mac Millan, State 
Botanìst. Minneapolis (Minnesota) 

New York Botanical Garden, dir. Prof. N. L. Britton. New York 
Acaderay of Naturai Sciences. Philadelphia (Pensylvannia) 

American Naturalist. Cambridge (Massachussets) 

Missouri Botanical Garden, dir. Prof. W. Trelease. 

St. Louis (Missouri) 

Canadian Institute. Toronto (Canada) 

Smithsonian Institution. Washingrton, D. C. 

ASIA 

Botanical Magazine. Botanical Garden of the Imperiai University. 

Tokyo (Giappone) 

AUSTRALIA 

Linnean Society of New South Wales, Elizabeth Bay. Sydney 



<»-<s> 



INDEX 



I. Opera originalia. 



Chalon J. — Quelques algues de mer recoltées à Roscoff (Finistère) 

en 1903 pag. i 

De Toni G. B. — Intorno ad alcune Bangia di Bory e di Zanardini » 150 

Garbini A. — Per orientarsi nella nomenclatura degli studi concer- 
nenti la vita delle acque dolci » 93 

Mazza A. — Un manipolo di Alghe marine della Sicilia, parte I 

(Florideae) » 5. 49 

Mazza A. — Un manipolo di alghe marine della Sicilia, parte II 

(Fucoideae, Chlorophyceae, Cyanophyceae) . . . . » 115 

Petit P. — Diatomées recoltées en Cochinchine . ...» 161 



II. Fersonalìa. 



Onoranze al prof. Federico Delfino pag. 85 

Nomina del prof. P. A. Saccardo a socio corrispondente della R. 

Accademia dei Lincei . . . . . . . . » 181 

Nomina del dott. Achille Forti a socio corrispondente dell' Ateneo 

Veneto » 181 

Libera docenza in Botanica del prof. Carlo Casali .... » 181 
Nomina del dott. J. Brun a membro onorario della Società Reale di 

Microscopia di Londra » 181 

Nomina dei proff. Ch. Flahault e M. P^liche a soci corrispondenti 

dell'Accademia delle Scienze di Parigi ...... 182 

H. G. Timberlake (f 19 luglio 1903) » 88 



III. Varia. 



Biblioteca ed Erbario E. Askenasy pag. 88 

Aggiunte all' Erbario De Toni » 87 

Flora crittogamica italiana .......... 89 

Adunanza solenne della R. Accademia dei Lincei .... » iSi 

Festa giubilare della Società botanica di Francia .... » 181 

Pubblicazione di W, e G. S. Weest » 183 



V. Litteratiira. 



191 



Adanis J. 169, 171, 
Atkinson G. F. 170. 



79- 



Balsamo F. 157. 
Barton Gepp E. S. 76, j 
Beesley L. 171, 178. 
Belloc E. 81, 172. 
Blackmann F. F. 79. 
Boergesen F. 155. 
Bohlin K. 82. 
Bolochonzew 76. 
Borge O. 45, 48, 80. 
Bougon D. 82. 
Breemen (vari) P. J. 170 
Brehm V. 155. 
Brunnthaler J. 76. 

C. C. 155. 
Chalon J. 76. 
Chapman F. 76. 
Chodat R. 155. 
Cleve P. T. 76. 
Collins F. S. 79, 82, 84. 
Cronheim W. 155. 
Ciishnian J. A. 80. 



Dalla Torre (von) K. W. 76. 
Deckenbach C. 169. 
Duerden J. 169. 

Forti A. 79. 

Foslie M. 77, 79, 171, 173. 

Fournier P. 79. 

Frank Th. 171, 179. 

Fritsch F. E. 171. 

Gaidukov N. 77, So, 81, 155. 
Gasparis (de) A. 82. 
Gerassimow J. J. 169. 
Gomont M. 155. 
Gran H. H. 172. 
Grayson H. J. 76. 



[55, 171, 176. 



Hansgirg A. 77, 169. 
Héribaud J. 81. 
Heydrich F. 157. 
Hinze G. 33, 81. 
Hirn K. E. 172. 
Holden J. 82, 84. 
Holmboe J. 47. 
Howe M. A. 77, 155, 169. 

Jónsson H. 77. 

Karsten G. 8r. 
Keeley F. J. 81, 172. 
Keissler (von) K. 169. 
Kellerman K. F. 170, 177. 
Kjellman F. R. 77. 
Kneucker A. 77. 
Koernicke M. 155. 
Kofoid C. A. 169. 
Kohl F. G. 31, 81. 
Kuckuck P. 169. 

Lagerheim G. 82. 
Lanzi M. 81, 172. 
Largaiolli V. 81, 170, 172. 
Lauby A. 172. 
Lenimermann E. 156. 
Lohmann H. 77. 
Luetkemueller J. 81. 

Mac Millan Conway 157. 
Magnin A. 77, 172. 
Marsh C. Dwight 170. 
Mazé H. 170. 

Mereschkowsky C. 172, 173. 
Migula W. 82. 
Minakata K. So. 
Miquel P. 81, 173. 
Moebius M. 156. 
Moesz G. 170, 178. 
Monti R., 156. 
Moore G. T. 77, 170, 177. 



192 

Mottier D. M. 
Mueller O. 82, 



Nawaschin S. 156. 
Noli F. 170. 

Odin A. 156. 
Oestrup IJ. 173. 
Okamura K. 78, 
Ostenfeld C. H. 
Ostwald W. 78. 



170, 
[56, 



Palladin W. 80. 
Pampaloni L. 80. 
Pantocsek J. 46. 
Paulsen O. 156. 
Petraschevvzky L. 171. 
Philip R. H. 82. 
Preda A. 157. 
Protic G. 78. 
Prudent P. 38, 82. 

R. A. 78. 

Rathbone M. iji, 176. 
Raymond G. 80, 172. 
Redeke H. C. 170. 
Reed Minnie 78. 
Reinbold Th. 78. 
Reinhard L. 156. 
Reinke J. 80, 179. 
Richter O. 82. 
Robinson C. B. 79. 



Sarnthein (von) L. 
Sauvageau C. 79, 
Schmidle W. 78. 
Schmidt A. 47. 
Schramm 170. 
Senft E. 82. 
Setchell W. A. ^ 
Show J. W. 170. 
Solereder H. 82. 



2, 84. 



Tansley A. G. 79. 
Tempere J. 173. 
Tobler F. 78. 
Toni (de) G. B. 79- 

Villard J. 78. 

Wager H. 81. 

Weber van Bosse A. 171, 173, 175. 

Wesenberg-Lund C. So. 

West G. S. 78. 

West W. 78. 

Wille N. 39, 45, 47. 

Williams J. L. 79, 171. 

Wisselingh (van) C. 78. 

Vendo K. 79, 80, 83, 84, 171, 175. 

Zacharias O. 156. 
Zahlbruckner A. 78. 
Zederbauer E. 83, 155, 173. 



••-^'•?à!^^^sS=^^' 



lllllllililiilllllillllliilillH 
5 WHSE 00731