Skip to main content

Full text of "l'Unità (1995-02-26)"

See other formats




ftotfrfgoPab 


Una destra 
avventurista 


tiHW—niiiwim 

I L DISEGNO di una 
parte della destra « 
ormai chiaro: o lo 
0 il diluvio. Essa 
usa ipresludìcaia- 
mm (nenie lo strapoie- 
te comunlcaiivo per bolnba^ 
dare l'opinione pubblica - 
sgomenta - con mess^gl In' 
llmidatori e dlifaUMI. Pana al 
mercati valutsn e llnanslari 
mostrando di essere In grado 
di deitoniizare presto U go¬ 
verno Oini, di rendere pteca- 
rla la manovra (inansiaria 
iiMliendone In (orse l’appro- 
vastone parlamentare; dnion- 
de incenessa ed accredita 
Ipotesi di permanente Insiabu 
liu politica, tende a presen- 
tarcrcome un Paese suH'orlo 
del caos Ricordate M volto 
rasSIcuranM. i messaai oniri¬ 
ci. edulcorali di teri^ Non c'è 
pld nulla di tutto questo; sullo 
schermo c'è un volto lireto e 
minaccloM, che chiama alla 
mebilliaslonè generale, parla 
didmaiuta. Imbocca lasuada 
dèH'awenturlsmo wtiiulona- 
)e, dell'attacco Itresponsablie 
alla Costituzione ed al suo pri¬ 
mo tuloK, Il presidente della 


Ritorno 
alle regole 

MMinukisoo MiMwìssa 

L a migliore via 
d'uscita dalla crisi 
economlco-pollti' 
ca Italiana si trova 
iacendo rigoroso 
rllerlmeiiio alle re¬ 
gole. come ha sottolineato ie¬ 
ri con (orza il capo dello Sta¬ 
to. Se la enormi difiicoliè eco¬ 
nomiche sono In special mo¬ 
do, anche se non eKlu^a- 
mente. Il piodotto deil'insta- 
hllitè politics, allora bisogna 
mirare ad ottenere una stabi¬ 
lita politica e di governo che 
sia vara e non artiTiciale. Ai di- 
slnlotmati soloni stranieri, co¬ 
me Edward LuRwak. che cre¬ 
dono di conoscere l'Italia sol¬ 
tanto perché parlano un po' 
di italiano, bisogna mandare.- 
a dire che le elezioni, imme¬ 
diate oaniicipaie, non posso¬ 
no mal, di per sé sole, produr¬ 
re stablliu politica e di gover¬ 
no. Qualsiasi osservatore di- 
sincaniaro, ma airenro. dall'e- 
sperienta del governo Berlu¬ 
sconi avrebbe dovuto im¬ 
parate almeno ouesio. I citta¬ 
dini possono collaborare con 
Il loro voto a produrre 


■ •Saremo ledei! alla Cosliluzlo- 
ne fino in (ondo e senza laici inti¬ 
midire da schiamazzi inutili e dan¬ 
nosi per la contmenza cwle-. Du- 
nssimo discorso <fi Scalaro, in visi¬ 
ta uiriciale ad Arezzo. UCr^deilo 
Stalo risponde agli attacchi di Ber¬ 
lusconi Paria dimìnacce.diiniini- 
dazioni. di ilio al bersaglio suUa 
sua persona e sui governo Dirti, 
che •ha appena un mese di v*». 
■Quando cade un gcnemo - ^ie- 
ga Scallaro riferendosi polemica- 
mente alla caduta del CatraBeie - 
non c'è il leato di lesa maestè-, 
lanio pidche quel govemoècadu- 
to peiché è venuta meno la msg- 


SLCMaSMU W.MSiaS f.MSSM 

ALUnAOINgd**? 


gioranza che k> sosteneva. E ag¬ 
giunge; étotetO ledete aHaCosttu- 
zkme al di IS di chi ha iMenzione 
di riuscite, appena possiMle. a 
meaeiesut banco degli impurali il 
Capo dello Sla|i> Beriuacon. pe 
■0. continua nel dunssòno atiacco 
al Quiìnale. deTstbee ScaHaio 
•apenameme lendenzioso.iiriiual- 
meme duro e di parte-e ne mene 
M dncussione é miolo aiMiale». A 
dliesa del Capo deio Suro si scine- 
la invece Pròdi: •Vanno lispetiaie 
le tegole che ci sono, non quelle 
che vedemmo. E la politica non 
puè esseie Cassalo a fon Apa¬ 
che-. 


Reichlin Pizzorusso 
«La sinistra «Sulle elezioni 
salvi la patria» tesi infondate» 


■ Manca ancora un grande mes¬ 
saggio che parli alt'Insieme dti 
paese. Manca che la sinisn pren¬ 
da lei In mano la bandiera rton si> 
lo deil equita ma della difesa <fi 
questa nostra peirla. per dare un 
nuovo cemento alta nazktne 

ìaa sn .i c & eMa H ws .'t» 


■ -Tla Scalato e Berluscoiti c'è 
un coniasio che non dovrebbe es¬ 
sere nstgiuie inizialo. Sul governo 
e le eiezioni I Mo dice cose che 
sono fuori della CosiiMzione e del¬ 
la raalè». Paria Alessandro Pttzcv 
rosso, docente di dliino pubblico. 


Il Cavaliere: «È di parte». Prodi: «Basta, la politica non è Fort Apache» 

La fermezza di Scagno 

n Quirinale respinge le minacce di BerluscMii 
«Sono fedele alla Costituzione, non mi piegherò» 


eSTÀZiON 


CONT 




25 libri 

sui grandi registi 
ogni mercoledì 
in edicola con 


25 libri 

sui grandi registi 
0 ^ mercoledì 


m edicola ccm 


Banca d’Italia in trincea per difendere la lira: «Piove forte ma non è un’alluvione» 

Grande fuga dei capitali all’estero 
A gennaio vìa più di seimila miliardi 


Il procuratore 
agtfunto 

Lo Forte 

•Troppi 

coivi «opra 
Paloimo» 


Mvnwi 

LOBATO 

SPAQIWAS 


È scomparso 
a 80 anni 

MdtoPIsapla 

ponaMa 

dlim'ltalla 

-Z-J». 

Csvno 


I.. 


OWIOO CALVI 
iBsooAOLuees 

APAOINASB 


■ ROMA. Eccola la luga dei ca(àtali babani: 
6.600 mllioidi a gennaio. In parie compensati 
dall'indebitamento delle banche In lire vene 
l'estero. Il saldo della bilancia di pagatami il 
mese scorso ha regisltaio un passivo di 3.661 
millaidi. £ colpa degli italiani? GII economisti 
sono ritulianli a colpevolizzare e sottolineano le 
inceriezze del quadro politico. E nella senima- 
nà rrora la lira s'é svalutata del 2,1% sul maico. e 
dell’l. 17 sul dollaro. -Sta piovendo Ione - com¬ 
mentano alla Banca d'Italia Teniamo c^i om¬ 
brelli aperti e mettiamo l'Impenneabile ma non 
I c'é un'alluvione e un'Inondazione che ci sta 
portando via-. 

MULWimiMM 

APAQINA 17 


SABATO 

FILM 



SABATO 4 MAAZO CON 
rUlttà UN GNANOE fllM 


"'•-H I II V \ ;iil/i'(l 


Oiemale .vièieiisii tM èonUro 



L’Italia multirazziale 

Centomila a Roma sfilano con gli immigrati 
«Solo la solidarietà può scacciare la violenza» 


■ ROMA. Emo almeno lOOmila, hanno slllato 
per écenho delta capitale, lino a piazza del Po¬ 
polo in un'atmcsfera gioiosa e con I colori del- 
l'Halia munifica. Ma anche con II dolore per 
gli efrisodl di Iniolleranza razziale nel ncsno 
paeK. Ala Sne. applaudltissimo. l'Inlervetito di 
Sogio CoRetati anomedl^il. Cisle Uil. isin- 
dacaU (womiMori della manlléstazione assieme 
alle associazioni dti volonlarialo. Netl'occasio- 
ne rosa noia un'indagine sialistica sulla violen¬ 
za oonbo^iextracomunltan: In un anno sono 
siale 126 le aggressioni ma e provato che sol- 
■amo uno straniero su quattro ha il coraggio di 
spoigeie denuncia. 

wrewTOrvesTteProzem 

■VOmiOMAtlOA 

APAQINAA 


Con loro siamo un paese 


POLVtOAOAATB 

N on C'è rabbia, non c'è risentimento nel corteo. 
Sono venuti da ogni città per mostraisi, per ritrovar¬ 
si, per dire a se stessi e a qualcun altro che esistono. 
Loro vi^liono b< ne all'Italia. E nelle loro parole l'Italia 
toma paese, tomi paesaggio. 

APAOlNAb 


Due ventunennlsuiddi 
sul «binario m^ledettò» 
Quinto caso in un anno 


■ BORORE (Nuoro) Amici da senipic. ventuno anni cia¬ 
scuno, hanno deciso di morire Insieme, a pochi metri uno 
dall'auro. Ivano Cabras e Stefano Solaris si sono tolti la vita 
facendosi travolgere dal irono, ne) pressi della stazione del 
loto paese. Borore, c nel punto scelto da altri tre suicidi - Il 
km 139 della linea lerroviaria Sassari-Cagliari - tra cut un 
pensionato e. meno di un annoia, un ragazzo di 18 anni di 
Borore. amico del due giovani uccisisi Ieri. Cabras e Solaris 
sono morti sul colpo, Il macchinista II ha visti aliultimo mo¬ 
mento - erano le nove di .sera - ma non ha potuto late nulla 
per lermare II treno. Oscure le motivazioni del g^o: gli in- 
quitenll parlano di problemi peisonall e psicologici, dleffei- 
iQ-emulazlonc 

OAmOBOAMOA 

A PAGINA 11 



CHBTIMPOPA 

Ma vai a lavorare! 


I NSIEhffi^i alni l^rier-Ave-Glorva che un giudice Iran- 
cese ha cotntnlnalD alla scrittiìce Francoise Sagan. 
colpevole di fare uso di cocaina, c'è anche -iobbl^o 
ifi un lavoro fisso*. Si suppone che l'uomo di legge - inter- 
pcelando un'opinione laiganiente dtxninanie - consideri 
il lavoro Rssoconie una condonane meiudibile di rlspetla- 
biElà sociale. Si suppone, andie. che non lo abbia nep¬ 
pure slkiralo ridea che scrivere sia un mestiere cosi (Isso 
da cosiìture. per chi k> pratica, un 'ossessione che dilaga 
ben trine le sette-otto ore di prammatica. Si suppone che 
egli, tri pari di una moWtudine di lavoratori fissi come lui. 
consideri gE artisti come dei peidigkiino bisognosi di es¬ 
sere tuielatì data piupiiaviàosa(Inazione, ^suppone, 
infine, che II magistrato mn a sa reso conto di avere 
emesso una sentenza davvero sionca: nella quale final- 
mente sequipara, comeò^uslo che sia. Il-iavi^ fisso-a 
una vera e propria misura di conienzioae. tra le cui invlsi- 
IriE pareli C0tuno può smettere di sognare in proprio: a 
meno che non si aiuli. come fanno molli lavoratori lissi. 
amunpo'dicocama. (MtCHEU schRAJ 


LA TERRA 

VISTA DATI.A LUNA 

Rivi.sta dcll’intcrvenKi .sociale 


Dìrciinrc iìivffrcdo Tieìì 


Du mollo viatio v lia molto louuwo. 

I .'cduca/.ionc. la iululf. 
la liiusUzia, la solidaricla, U juve. 

Da (• jier le minorany.t: atlivc c propobiuvv 
del paese llaliit, dc.niro il puaiela Terra 


In L>||..||.| V in lilifi'ri.k * 'J.nrH) Ine 










































é--.‘J&'mMàià 


Mi !ti&* ®lMl t 










Domenica 26 febbraio 1995 


DALLA PRIMA PAGINA 

Una destra avventurista 


■ A Ila luce del vicolo cieco in cut 
si dibane l'ecoiiomia italiana il volo 
del mano scorso appare sempre 
più come un tragico gesto di autole- 
siOfMsrno. Ricordo la domanda 
sconsolata di un autorevole amico imn—i 
siraniero: come é possibile che la 
bor^sia milanese i^non la malia 
siciliana) non si sia resa conto che 
col governo Ciampi eravate a un 
passo dalla sahreóa? Avevate im- 
boccalo la strada di un risanamen- 
to finanziarlo essenzialmenie non bHBH 
con le starate ilscall ma per via ri- 
duzione delle rendile e del costo |||||||M 
del debito, allaigamenlo della base 
Imponibile, rifoima della Pubblica 
ammlntslTazione, ripresa produttiva ffi?;’iA 
senza inflazione grazie al pM con 
i sìndxaà e quindi possiWi di ri- 
larKiaie gli invesilmenli produuivi e 
loccupazlone. Perché avele bunalo WK 
via una cosi grande occaàone mei- i 

lendovi nelle mani dà Berlusconi, » ai "< i '' i "i a 
deiPrevibedegliSgarU? MMiN 

Un grandi mMMgflP SJ:;, 

Anche per colpa noelra, evi- 
deniemenie. ma non wnel qui ria- Sgai||K 
piire la sobia discussione sugli eno- 
ri della sinistra Solleto un altro pio- 
blema. D’accordissimo col pariate 
al moderati e alleani col centro. Ma 
non c'i bisogno di altro? A Ironie di 
dlsoneniamenil cosi gravi e di cosi 
profondi processi <H disgregazione 
quello che ancora manca é un ||||I|H| 
^nde messaggio, mollo semplice, |HpH| 
che parli all'insieme del paese nel 
senso di reslltuiigli II senso di una Smìm 
I denlllénazionaleediunasorteco- 
mune.MancachelasinisvapretKia 
lei In mano la bandiera non solo 
deirequHémadelladllesadiquesta 
nostra pania. Parola grossa ma, d» 
pobilio, le paure, le rabbie, la ricer- / 
caconAjasdlsicurazsaetfiauioiftd 
chealBavcnanolacosIdcMtBrgeA- 
temonnasconodaguestovucHo? 

Ho irevan màu silmolarue la ri- 
flessione sulla 'natiene haiuna* al- 
la quaM risbiuU} Qramscl ha invita- 
IO un gniM» di siudlosl e di perso- 
nauta polUiche. Non al i trattalo di 
un conironio aceadetnico. Il quasi- 
lo cha II, floalmente. i emèrso in 
modo chiaro i sa 11 rischio di una 
crl8loiganlcs,ta)a,cloi,dacoinval- 
gare la lanuia deU'otgantimo na- Mlkyil 
ileoale. dativi asseruilalinentt da,. Ipara 
quella raglonllnieme alla prima Re- 
piAbllca che sono noie e su cui 
mollo si discute, appuie. essenzial¬ 
mente,'perche il radicale muiamen- 
10 dello scenarto mondiale mene In 
discussione II modo di essere di tul¬ 
le le società avanzate (« quindi tati- 
IO pU di quella liallena. me un 'tan¬ 
to pM> ciré se lo isottamo non ci fa 
capite la vere noviié del nosiro tem¬ 
po)- •! 

MvotadBwMiiifiofltl I 

Se non pattiamo da qui fa sim- I 

sira ietlei<l sempre suballema per X 

la ragione mollo semplice che il 
suo programma non si misura con 
quella vera e propria oesuta di flpo epocale che 
é la combinazione na gkdraUzzazKme del mer¬ 
cati e avvento della società post-lnduiiiale. cioè 
con una rtvduzlone paragonabile solo al pas¬ 
saggio daU'agrIcollura all'Industria. 

» se abbiamo misurato trene gli elleni di 
tutto db sull'Italia. Effetti davvero sconvolgenll. 

I ) perché é venuto meno il modello fordista di 
lavoro e produzione II che non è poco, essendo 
questo che ha modulalo da quasi un secolo non 
solo il lavoro ma gli stili di vl& la composIzioTve 
della società. I consumi, i valori, l'organizzazione 
della famiglia: 2) perché Insieme a ciò é venulo 
meno non ianlo lo Stalo sociale come etogaloie 
di servizi colletllvi quanto l'insieme di quella 
grandissima cosliuzlone materiale (I polen dello 
Stato-nazione, mercail relativamenie chiusi, la 
sovranlié monetarla ecc.) all tnlemo della quale, 
londamenialmenle. si è finora poiulo regolace - 
nelle condizioni della socleia di massa - Il rap¬ 
porto Ira distribuzione delle risoise e organizza¬ 
zione dei poteri polllici e sindacali, cioè, in so 
stanza, il compromesso dernocratico ira mano 
pubblica e foize di mercaio. il che spiega la dis¬ 
soluzione (lei parlili come la De e 11 venir meno 


inevilabllmenie il prezzo di scarica¬ 
re la •zavoiTa> del pairimonio socia¬ 
le. culturale e demccrailco dell'Eu- 
ropa per inseguire II modello giap- 
poneseoamericano Delorsrispon- 

f_ de di no, ma alla condizione che gli 

europei sianocapaddi riiomareai- 
la pMillca. alla cultura. aHa storia. 
Abbiamo, cioè, bisogno * dice De- 
lors - di una visione globale della 
socieis, di tomaie ad esercllare un 
controllo sullo sviluppo sia pure In 
fornve nuove, diverse dal vecchio 
HHjHj slatalismo, aHriinenb -gH europei 
sono destinali a scomparire'. Figu- 
riamoci gli iiaJiani. 

Paibaino allora da questo fallo. 
Non da un episodio Ira I lami ma da 
V un dato storico, maleriale. Ed é 

^ esanamenieciòche-amiopvsreie 
* - ripropone il bisogno dì patria. Ma 
- sia ben chiero - lo ripropone in 
t" senso molto diverso dal passalo 
e cioè noci come chiusura naaona- 
Ustica ma come necessHé di una 
posiliva inientlazione col mondo 
esteri», un mondo (appunio, la 
, socieià posl-indusiriale) in cih con- 

1 ^ V a sempre più non dò che si ho e si 
k^heaglial(h,macióchesieesidà 
BB qgAo/M.Lamiadoinandaésenon 
sia questo il problema che polreb- 
be consenUre afta sinistra dì ridelì- 
Bb nire le sue regioni, e quindi le sue 
moderna ideniiU. ben al di lé di 
Bb quel compilo medbcie che coosi- 
■t sieneltemperereconqualchedose 
|H di solidarismo il libesùmo selvaggio 
della desrre 

Nonsliranadisogniedilughein 
avarili Un programma a breve, an- 
che di emeigenza (come la sliua- 
^B zibne di oggi impone) si combina 
^B coeremememe con una ahemailva 
^B strategica ove siano chiare due co- 
^B se. U prima é che sào la smislra 
^B puO spezzare quel meccanisRio 
^B che su imbarbarendo nulla ma 
^B non solo Dulia quel meccanismo. 
^B anzi quel circolo dzloso per cui pei 
^B reggere alle sède della compenzlo- 
^B ne mondiale si scaricano lavoro e 
^B beni coUeitvl: questo a sua voha se 
accresce la ricchezza privau au- 
^B menu la miseria pubblica t dlsbug- 
^B ge l'occupazione e il capitale fisso 
^B sodale. Il che a wa voiu menire da 
^B un lato scaldine i lessuii sociali (i 
^B ghetu, le nuove misenei OaH aliio 
^B aggravai cosi! del sisiema e alimen- 
^B la il debho pubblico Col risuluio 
che l'economle di cane si mangia il 
lavoro e l'ecoiMmia «ale Equesto 
a me semtea il cuore del conflHio 
moderno. Un conflUio non meno 
aspro del vecchio conlUiio di classe 
ma molto più largo e liasversale, uh 
coniiino lui quale la questione del 
modello sociele lu tuh'uho con 
quella della demcciazia e, soptat- 
luito. con quella di un nuovo ce- 

Ì menro da dare alla ruzioné. Ecco 
m che senso parlo di paura. 

Maltilwiw 

La seconde cosa da rendere 
chiare é che solo la sinìsifa é in gra¬ 
do dì mofnliUie i mezzi e le risorse per fare que¬ 
sto. una ragione fondamenUle: perché giunll 
aquero Kvelll della nccheaaa di paesi come l'Ita¬ 
lia lue nllioni di miliardi di ricchesa llnanziana 
delle iamigKe) Il picblema non é più di risorse 
quamo di sistemi di i^lssione. cioè di natura 
della direzione poHlica e di qualiU dell'oiganiz- 
zazione sociale. Nondimentichlaznoche, poten- 
ztabnenle. l'avrento poat-lndusuiale é anche 
WM grandissima ifvofuzóCK socìaSe in quanto 
coraenléebbe di euUare la potenza sociale del 
Itfroro. di valorizzeie la comporvenle urrrane, 
rimponanza della scuola, del servizi pubblici, 
dei beni Hnmaleriali. l'iniziaiiva dell'Individuo. 
Cesso, ella condizione che essa sia sostenuta da 
un leioro ordine pànico e sociale all'Interno del 
quale sia possibile creare nuovi centri di inizlail- 
va democratica, circulli di verlflca delie lespon- 
sabiliU dei gmetnand. ambii! di espressione au- 
tononM delle grandi capaclU del nosiro paese, 
dì mobtfUzione delle sue energie. AHa condizio¬ 
ne. quindi di grceare Hno In tondo la caria della 
drorociazù. defl'abbandono del vecchio siatafi- 
smo. <M federalismo. 


Repubblica. Non è la prima volta, nella storia, che la 
destra awenturisla dà la scalala al poiere deiegllllman- 
do le isllluzioni aiiraverso la deslablllzzazlone e la de- 
mMc^ia. a osservi il manellante ritornello sulla dele- 

S iiumazione dell'attuale Parlamejiio. all'Insegna dell'i- 
ea che sia sialo ora introdotto nell ordinamento un 
vincolo di mandalo e che quindi II Parlamenio deve di¬ 
mettersi perché è intervenuto un mulamenio di quadro 

K olitico. Quella destra ailerma che la legge elellorale 
a nientemeno che cambiato la Costituzione, che lia di 
fallo abrogato il suo dettato contro il vincolo di manda¬ 
lo, ha isiituilo un rapportodirelloeleliote-eléilo. ed im¬ 
pone al capo dello Stalo componamenti conseguenll 
ed obbligati. Gluridicamenle, lecnicamenie, scientifi¬ 
camente la cosa è Inaudita e palesemente strumenlale. 
Non c'è barba di giurisla che possa sostenere una simi¬ 
le lesi, in regime ai Costituzione rìslda e di prescrizione 
(erma dell'art. I3S. 

Certamente, noi siamo i primi a volere una profonda 
riforma delì'lmpianlo costituzionale delia forma di go¬ 
verno. Abbiamo più volte indicalo la necessità che gli 
elettori siano messi in gratto di scegliere la mauioran- 
za e il governo che preferiscono, e cl siamo adoperati 
In tal senso nella disciplina elettorale delle auionomìe 
lenlloriali. b vero, peilanlo, che urge una revisione co¬ 
stituzionale profonda e non solo su questo aigomen- 
lo.FInché peto la Cosbtuzione vigente non sara cam¬ 
biata, essa va r^orosamenfe ap^lcata e chi la vuole 
violare deve pagarne te conseguenze. Duro iex. sediex. 

Ma la spregiudicatezza aweniunsiica di certa destra 
si vede anche da alcuni aspelli del suo comportamento 
parlamentare ove la tentazione ostnizionistica é co¬ 
stante. Peccalo che nessun osseivaioie esterno abbia 
finora analizzato scrupolosamente le forme dell'oppo¬ 
sizione di sinisira paragonandole a quafJe dell'opmosi- 
zlone di certa destra: sarebbe molto isbutllvoeditlumi- 
nanle di ciò cheveramenie sia succedendo nelle nuo¬ 
ve formazioni poliliche Italiane. 

In quesii giorni colpisce Possessive manellarc sulla 
data delle elezioni pouUche. Non ho più sentito un rap- 
presanlame di certa destra Milare di un solo problema 
concreto Ad ogni domanda essi rispondono: si. vabe-, 
ne. certo, perù... voliamo a àugno. SI sono persino per¬ 
messi di dire che il govmrothni deve soliamo 'piesen- 
lare' I suol piowealmenti sui quanto punti program¬ 
matici senza dover attenderne l'approvazione paria- 
meniare. Che disastro sarebbeper n paese la sola 'pre¬ 
sentazione» della manovra, o della riforma pensionisti¬ 
ca. 0 della disciplina dell'uso televisivo in campagna 
eleriorale. senza che poi ad essa segua f 'effenfva ap¬ 
provazione dei provvedimenti. E chiaro che a questa 
destra non Impesta nulla dei problemi reali della gente 
ma Interessa solo il potere, no un appunto perù da ri¬ 
volgere alle forze democratiche in questo momento: la 
rcarsa energia con cui si risponde al ricatto dell'osinj- 
zionlsmo. aTI'aweniurisino, airossassiona comunicati' 
va di cena destra. Abbiamo lutti il dovere di anleporre 
energeamente sii interessi della gente alle manovre 
politiche. Dobbiamo esigere molto di più: che si [accia 
una riiorma scruuurale delle pensioni, che si rilanci 
l'occupazione, che si realizzi il programma enunciato 
da Dini pertuni i rninisieri del suo Gabinetto. Questa é 
una vera priorità. E una jgrande fortuna per il nostro 
paese che la presidenza aellp Repubblica sìa le.ttg con 
lama ihoraliie, fermezza e saggezza. La reazione eoer- 

S ca del Quirinale agli Inesporuablll aliacchi di cena 
esira alla Costiiuzlone sono una garanzia di libertà in 
questo paese. Tutti I sinceri democratici guardano oggi 
al capo dello Stato come ad un sicuro rlferìmenlo di al¬ 
ta moralità. Ed e panmanti una fortuna che oggi il go¬ 
verno proceda anch'esso risoluto sul suo cammino.U 
elezioni lesionali, comunati e provinciali sono state ac¬ 
corpate, e SI voterà il 23 aprile. Si 6 lesiliuita cosi regola¬ 
rità alla vita democniica del paese: nessuno pensi di 
turbarne in queste settimane lo svolgimento. La mano¬ 
vra finanziaria è all'esame del Parlamento, e confido in 
una incisiva e sollecita sua approvazione. Cosi pure 
confidiamo anche in un lavoro paziente e risoluto per 
la riiorma struifurofe delle pensioni. Noi vigileremo 
cernirò ogni rinvìo ed esitazione, perché questa è ora 
l'urgenza più seria del paese. Ne prendano nota il mini¬ 
stro del Lavoro, Il gowmo. le stesse patti sociali. 

ce Qualcuno che pensa ad un diveiso cammino del¬ 
la legislatura? Presenti allora una mozìonedislltfuciaa 
Dini e venga in Pariamenlo a confronlaraì. Troverà nel¬ 
la massima Istituzione repubblicana tuno il senso di re¬ 
sponsabilità necessario a salvare la democrazia in 
un'ora cosi drammatica. 

Ho finora parlato di -certa- destra e non di lutto lo 
schieramento del centro-destra, polche ritengo che al 
suo interno esistano lorze che credono nella democra¬ 
zia. Lo si e visto In più occasioni, e questo ci contolta 
non poco. Oggi, sulle regerie fondamentali delle libertà 
e del funzionamento delle Istituzioni è possìbile un 
confronto direno. Innanzltulto per assicurare un siste¬ 
ma elettorale diverso dall'attuale, perché questo tron 
dà Oggi alcuna ceitezza di un esito mageioriiario del ri- 
sultaTo elettorale e quindi di stabilità nel prossimo Par¬ 
lamento ed il paese - come ha ben delio Din! - non si 
può permenere l'avventura di un nuovo risultato eletto¬ 
rale non maggioritario, come è stalo per il 28 marzo 
scorso. Occorre raffreddare il conflitto politico, smetter¬ 
la con lossessione sensazionalistica. e confroniaisi se- 
renameme. (Luigi ■•riMginrl 

P 8. Suno roso dalla curiosila di conoscere la volviazicne di un 
dernocniiico come Axeo Suiiiglioiie sulcomponanienio bona- 
pariisia'Zannunziano.piabiscnano di 8ariuscont in quesii ultimi 
jiomi Pensa egli sempre che si Irntii di un reppresenlaiile del 
centro detnocreilcu? 


per la sinisira di londamenMli slrumeml del suo 
agire polWco: 3) perché essendo venuto tnei» 
iulto ciò si e aperta una comraddizionr, dhersa 
da quelle iiadizionali di classe, ma non meno la¬ 
cerante e che, sonimanamenie, si può dàiinie 
cosi. Da un lalo le socieià moderne si gonUano 
di nuovi Insogni e quindi rkibredor» nuovi beni 
anche come faitore sempre più necessario per 
•siate Insieme. Basii pensare a quei benr mate¬ 
riali e immateriali come I servizi a rete, le capace 
là sistemiche, la loimazrorie culiurale. Tmlointo- 
zione, j nuovi servizi sia alle persone che afle im¬ 
prese. Senza di die i tessuti sociali e urbani si di¬ 
sgregano. Dait'aHrn lato, la mondralizzazioneco. 
stringe ad adeguare incessaniemenie T^rparalo 
economico aHe Ittiche speculative dei meiealì 
tlnanzlail (mille millaidl rii dollari di n.irtaazioni 
al giorr») ma anche alle presstom di una ccai- 
conenza miwnazionaie la quale svolgendusi in 
un mercaio globale, espone-di tallo-gli asseitl 
socioeconornici non solo alla Libera circoiazró. 
ne riel capHali ma at contromocon salar asialici 


e con slsfeim sia pure moderni ((jHppone. Usa) 
ma 8 scarsa protezione sonale. 

La conseguenza di nnro ciò * che si rompe 
quel rapporto piò o mervo organico tra lo svBup- 
po delle econome e lo wihippo delle sonelà E 
a me pare che sia proprio quesu rolnira che 
spie^peiché. Insieme con la ciesclu Impressio- 
name delia dtsoccupaziorre, si regurrar» feno¬ 
meni nuovie cosi sorprendenti dato H bvello del¬ 
la ricchezza, e doe maigmallzzazione <■ vasti 
senoii defla popolazioite lavoiaarice aia anche 
iracoM <fi lecldito e di suuis nefle class órteime- 
die, e quanti paura del futuro, odi raatall rottura 
dei tornii sodai, ricerca di nuove prorezìocà 
(l'uomo forte), perdila di ogm fMucianetlapoi- 
lica e nelle'uMiàoiri. 


la domandi di Oà 4 of» 

TuKo ciò - badiamo bene - non riguarda 
sedo l'kaka. Non a caso Delots ha semi» la ne- 
cesstlà di porre europi^ li quesrro se I vinco¬ 
lo estero e quello della''com|«iitivilà comporli 


buon grado di consegnare agli 
efenori ri potere di scegliere un 
nuovo FaiUmento il quale a sua 
votta darà vìla ad un governo. Al- 
vìntenli. è giusto che una nuova 
m^ioranza polllìco-pariamen- 
lare tonni un altro governo in que¬ 
sta legislatura. 

M>l»amo luni da guadagnare, 
persino ctdoro che si sentono 
espropriali e che alleimanoche la 
drùnocrazia è sequestrala, quan¬ 
do ildbcoisopolitico la rìlerimen- 
to sopraMullo alle regole coslilu- 
zkmali ed islIiuzIonalT. Sappiamo 
che anche fl tono e le modalità 
dello scemilo polilico producono 
r^i operatori economici intema¬ 
zionali quella mollvata e com- 
prenstofle preoccupazione nei 
confronti delTimprevedibililà del¬ 
la poUica italiana che fa crollare il 
tassodicamlÀo della lira. Ognuno 
assumendosi ie sue lesponsablK- 
I&. richiamiamoci alle regole sen¬ 
za tentonnamenli e senza oppoc- 
lunisin. É un ancoraggio solido, 
sicuiamenle democralico. proba- 
Uhneiite fecondo. Indi^ivìabile 
pw il dopo elezioni che airiverà 
àa per ivìnciteai che per i vinti. 

(Qlantranco Patquin»] 


DALLA PRIMA PAGINA 

Ritorno alle regole 


DirHwr* iMNrMHnM 
Cviidiiriirin» GImmm CaMiMlc 
D>r«tlorri 

KwlHJlrdà'crHiOcT'fifrnlP llii«l 
-I, Ar.-i SocKW EflUtlci' àh jl-ft ltfi- S (IA 

AtnfninnciMiTV iieiniairir 
r' DNCUPrreiNIPf.rlL» 

AiMaplnirtu 

mSSi» w 


l>v«4ioiH' «"I.UKuii' diii«rii(ieat.TW<rii* 
f|ir97Hiini.i s«llhNl)lr^)»lr'lbi:i U 
Midi mari (I7K:IVV^ 

vNiF <a-dii1.« 11*1 ni fiTTil 

(JIKI'f'1l(llnir4rillM. 

Mritiii - IxrerBiin-n'feriiiifeiaii* 

«bMMtf.Mvwvlla 

tr.H' III n .'VUU'li^i^ni^baiilw'h'l Itili ih 
HiUll,! iMrlé lOllirii-iflI-llilirirllAkiVPlir-Mnili» 
«ài 4 iii(iaiA.igi'inmun.»tT iW 

MiUiiiv llmiiiilrii'bKpiHiwilrili' 

ÉJIklA ffMMail 

kiV dirin l'Ai';^4»rUif*iinini<dikrii(hTili*t 
IfHl lllVIlbil'r iMf» <'ii(l1DJtd<llhltC«IHI|,«ll>lll>l 
fai* ncHti<f <MMiLsnt>n ^'«1^ 


Aomfino Prodt 


A4M9iflh BiiUi«Pl 























Domenica 26 febbraio IGSfi 


il Fatto' 






NO AL RAZZISMO. Imponente manifestazione di italiani ed extracomunitari, 

i^,i,,smst3s.^s:si^u*4 redazzi di colore e no: in corteo un paese multirazziale 



Aoor^PM &'ur>oMoMeni/A» 




HaMMl: 
«9U24«ra> 

MoonoMUM. 
dritorrtimdu* 
wWiìi n d .l IWS, 
mtMMM- 
Immlgntl.prafitfil, 
piMMUtalMMr. 
(wittorton w lw i *.- 
ImmiomMM 
tUrralMl4.pMl. 

«ottUdblliMBMl 

vMde Mgl MaiCMi, «MI i* «MAorMion. di RatCMM 
«MHonl • RomM Siri.. CntovtnllMl MI di «Éitanz. mi 
MTM di «i mm d 0 iMu um .Mi M (lofiii, MiMtoMm 
M dirtni ma tal* cMm«a moWMMU Mimm pw ti. « im 
m«Bt.«i*W>Ì*eandal oi lwd.Blo 0, IMW. **!».. atto di 
«MMitaMduat u »»**mp M* l o a«*i>*m* ina dill. 
aiitwMHbUMw:*dBMta*taMepljiv*>oduandol* 
vWfem tam MmM, aeaiuBmt* MMtMaaH a twdM. 
nou l'acfiMMAm auMta. QiMatI aU di «Waiua MM alali 

compilili In fMim diMfM'aggrauionl, pmtaedl. Mnwnll, 
an w lM. Con Mamlw nHl. ttlIrtd, armi d*timc«i 
MpIoold.Boiloilli *lMlimoiilnud*.lml**roHiio|ld:ln 
timn.lnaiitobu, 
davaiiliaoewl.,1. 
loeaHpobbllel.por 
*tiada,pim*o 
oMiiaioii.pompadl 
bontkia.Caua* 
oealonontll. 
rWoruaipo'cMt* 
acgroilll IMM parlano 
Italiano o porchè oMio 
lnnmpa(nladl 
racaiMlocall. 


Roma, c^tomìla à alla solidarietà 


■ ROMA Una plam cosi una 
Piazza <tel Popolò sremiUi di Pian 
chi di nen di rossi di olivasin di 
gialli Roma non lavava mai vista I 
colori della pelle umana della 
quale nessuno si deve vergognare 
nelle quale ciascuno ha il diruto di 
vtveie Con In faccia la propria pel 
le Idpioprincullun lapropni^u 
ne questo diritto lon lo hanno gn 
deio forte In cenlomila ilgahertese 
e II peruviano il marocchino e lai 
tonese li tamil e il polacco il kui 
do e II korakane II sardo e 1 elica 
tesino erti uomini sono uguali 
uguali sono 1 dirtm di chi lavora a 
tutu una moderna democrazia de 
ve saper riconoscere identica di 
gnlta CRoflia dall Esedra a 1>ini 
la del Monti al Pineta e stata a 
guenlare con occhi malevoli co 
me la luce ora smagliante ora om 
brosa di un pomeriggio incerto oc 
chi solidali e amici ma anche oc 
chi timorosi occhi sospettosi oc 
chi ostili 

Peiche non vale nasconderlo 
se In molli c è solidarleiA. m molti 
dlln c è sospetto e umore Non si 
uaita della violenza I calci aUa 
donna somala sull autobus o il 
fuoco alle baracche di Villa Lller 
no quelli sono atti cnmlno^ che 
suscitanoogniripulsa esolodelin 
quenll o fanatici se ne soltrt^ono 
A nome dell intera città il sindaco 
Rutelli dal palco ha chiesto scusa 
alla vlliimd dell episodio di Ostia e 
a tutti quelli che Roma non ha sa 
pillo accogliere con parole di ben¬ 
venuto Parliamo qui della dilfide» 
za dell Inquietudine con cui ntolli 
guanlanu ad un lenomeno inedito 
per una società monorazziale mn 
noculluidle monorellgiosa come 
quella Italiana unadliridenzaacui- 
id dlcidmu di più l^iRimata 
ddita latitanza delle istituzioni e 
dalla mancanza di una politica di 
accoglienza da pane del goremo 
Ecco lungoimarclapiedichehan¬ 
no visto sfilare per oltre due ore il 
corteo questo senso di diffidenza 
loslèpolulocogllere 

L'tKrafMcladiltotM 

Ma a pensarci proprio la glor 
naia di len ha mostralo che Roma 
la stessa Roma ha ormai essa pure 
un altra faccia Sembra Pargi 
commentava qualcuno Ed è vero 
Una folla cosi composita una prò 
vemeiiza etnica cosi variamente 
assorlild iinlnlrccciodiidiomledl 
logge cosi rtcco certo la capitale 
non 11 aveva maiveduti Perquano 
suggestivo solo un daio esteriore 
dc'lld modernità’ No davroro Plul 
tosto Id testimonianza viva visibile 
nlllneaui in llle umane di lultc le 
contraddizioni ma anclw ili liitle le 
poicn/ldlità di questo nostro lem 
|v> là fuga dalla fame ma anche la 
voglia di scopare nuovi mondi la 
tempesta della guerra ma anctie 
loppoitunllA di coslrulre la paco 
la |x.rspcuzl 0 ne ma anche la eoo 
porazlonc II bisogno di chiedere 
ma anche la pussibllilà di scam 
binrc 11 crollo dello muraglie ma 
niH he la iicceasita di aficvmure un 
nuovo ordine Intemazionale 


Centomila persone a Roma di tutte le ra^ize di tutte le 
lingue di tutte le culture • per dire no a) razzismo alla 
violenza all'intolleranza Alla testa della piu forte mani 
festazione antirazzista che la capitale abbia mai visto 
c'erano len i segretari det tre sindacati un vescovo un 
imam, un pastore evangelico e poi i! sindaco f^uielh 
D Mcma Btrtiiiulli iliiii,i ntuii l\alonlaiiuloloicoe teli 
gioso Fino a tardi, in Piazza del Popolo musicaefesta 


■«•ntoaiaMM 


Come a dire la solldaneià à un 
panante e una caria decisiva nei 
rapporti tra gli uomini e tra i paesi 
Ma non sono in questione solo i 
buoni senumenii è m gioco la ca 
pacita di convivere diintegraisi di 
aincchirsi avtcandae non sakanio 
di beni maienali la possibilità di 
far prevalere la cagione sugli cgoi 
sml di fondare relazioni mature 
dignitnK che consentano d guar 
dare con qualche speranza al mil 
leu nioche sileno 
Scrino disegnato rafllguraio in 
cento modi I atlante della disar 
moiua planeiana si e iicomposlo 
tutto per le strade della città le 
donne della Somalia distrutta i 
fuggiaschi della ex Iugoslavia in 
fiamme i ragazzi gahanesi e sene 
galesi dei gheRi del litorale domi 
zloodellacoslalaziale ikurdisen 
za palna i lamil senza pace il 
Chiapas che crepita propnu in 
queste ore e poi uomini c donne 
illesi profughi da sistemi ormai 
dissolti andimesudamericamche 
hanno peicoiso a rovescio le rotte 


già Italiane cento anni fa e snian 
kesi elllippim emaghrebini eoo 
madi Ani^ i nomadi ■ ligk del 
vento' forse per la pnma vòlta m 
una manifesiazione di sm/i mano 
nella mano gfiuomimcolcappel 
io di feltro le donne con gli abili 
sgaigianti i ragazzi con le loro 
bocche luccKanil daigenK* ^ 
dire ^lamo geme umana anche 
^o^ non abbianvh colpa se dob 
biamo fuggire dai luo^ c dai me 
slien e dalla stona di un tempo 
non potete tenerci m campi nei 
quali non lasceresie neanche i vo- 
siitcam Sappiamo Imorare anche 
noi sappiamo suonare san>iain 
no danzare 

•MlHMInare la Mfldarlatt- 

•Abbiamo Cxsi^no gii uni deidi 
aliti* ha detto Ita gk applausi mun 
sigrKir Raffaele Negato vescovo di 
quella Casetta nd cut lerMonoaka 
e ferocemente aweisala è la pie 
senza di immurati quasi tulli ne- 
golan o clandestini 4i> sembro 
le aulorilà govemalnedicompieie 
un gesto che proprio nella mia 



rcnHDSBSaCSE 

OllftVMCWi 
•IMM 

«■MMNmctatti 

Croacallnumarodot 
voscovlcn* hanno 
deciso 01 

•awtodonanciaiol-a*r 
araroalim dp 
hnmggrattnon 
rageltilaaV Par 
BiaaW aita fa la propria 
oatUmMinal 
MBhoirtlMdM 
oaMrdodbMltiM 
datamaghtraiiaa 

axlraootmtallail 
oMaoW.dvaacarl 
dlhraa.C«aita* 
tahozaolBana 
affamala 
aalodoaimcadil 
4Maglih«Tamt. 
IHipaa, Ijwaila 
Tarma. Acarraa 
CMMiiaWa. 
Saigon» casi ad otto 
toporocntoM 
occtooloitlch* roatro 
liMaMrModocW 
Mtoaiafiattaiutadl 
Planni&4e*rto 
ea* poaotome doaandirol tatti-ha dotto ki IBI tottnWa 
»ho aorS pattil e ata tal prooolmo manorodl “Vita* 1 laiBo no 
dtTami.monitgnorPraacnQuIMil-oNaonogl 
*idraeamun)li*lokalwHioWBHn.dÌn*ITOnto.daBllotia 
non hanno la carta In rogala QllalUpMaoaotorodaooS- 
OH il aw moniigiwf Alfrado StoalB. roacoro 4 
CMondtiWa «ìonoootldtoaoprBntoadaMdaiuai al annl 
aachT». PIÙ diro II gladlito di monsi gn or Tm»lito Cortola, 
mwvo di Troppa -Mon IimiU Sin alabMogllliimlgrafl, ma 
teStatoH aS anodowaMioaoaarolnqaliilo-1 II prlmoad 
01* oro Im t l ki al d looaiadainalon t o- 


provincia iipnsuni la loro dignità 
di uomini e di lavoratori c^i alla 
ineite di persone senza Kivpoli* 
Ma ha aggiunto -dobbiaiTro ri¬ 
pensare orche allo parola siran« 
IO' seessasoumtetideinimiciziae 
lontananza piutiosto persone che 
CI f iiiiKi doni ciclld kirn presenza 

n I 11 1 Hit 1*111 I n|i ilvs 

SCOVO Nogaro dntio versu il celo 
Ma basterebbe per cominciate 
che CI SI rendesse conto di ciò che 
ha delio il segretarodello egli Sei 
gio Colferati che ha portalo a no 
me bei tre shbaetm coibebeiah 
promoton della monilesiazione in 
sieme con t coordinamenti degl 
immigrati e enn una minode di as¬ 
sociazioni del volonianaio laico e 
religioso I lavoraion stranieri ha 
deno CoHeraii svolgono nel no 
stio paese una funzione imponan 
te m qualche caso decisiva nel far 
iunzonare la no9ra economia E 
dunque cosi come loro hanno bi 
scarto di noi cosi noi abbiamo bi 
soghodiloro Sono necessarie leg¬ 
gi mtervenn misure d accoglienza 
che cancellino la vergogna dei 
ghelti della clandestinità dello 
sfruttamento E presente à vivo un 
rischio di roTture gravi Bisogna fare 
in fletta 

£ questa della reciproca neces¬ 
sita una consapevolezza che or 
mai SI fa sirada nella coscienza di 
molli E la ciicostanza va segnalala 
come uii dato tra i piO significauvn 
Come a dire quello dell immigra 
zone non è più soliamo se mai lo 
e stato un problema degli immi 
gran die puh interessare gli Italia 
ni soltnnio sotto l aspetto per dir 


[TTf* 


Con loro, siamo di nuovo un paese 


■ Sono razziste le puttane di Laracdlla il 
mloquamere Noivcèversodilarleragiona 
re No non li vi^liono i neri e neppure i nva 
rocchi™ e neppure gli zingari li rimanderel>- 
bero tutu indietro Cosi parlano le mie di 
timpellaie Mi hanno appeiiascoperlo nate 
lalo in lugaverso la meliothg porta all Ese¬ 
dra e domandano il peictic di lama frena 
Non glick) dK.0 dove tio ami.iniio sarebbe 
tempo perso 

Come spiegare invece a lutti gli alln achi 
nonèpolutovenire I ana e il cieki lerzi ili un 
sabato pomeriggio romano’ E sullo quckic 
lo loro di tanti gonlaloiii ciUdclini Empoli 
Carranv San Mimalo CassHio Siiiia F poi 
gli striscioni ma soprattutto i votti dei ragazzi 
nen o maghrcbini e tutti gli .illti i volti afiu 
solati I volti ndemi le f.Kve coniente per 
questo Ioni giorno Davvero non e P rabbia 
non c a riscniimemo nel coiteci vono siunii 
ila ogm iitld 1 X 1 inoStBisi pei nvicwai-a per 
dire a se stessi e a quaknn altro tlx «slo 
no Somi-anogalosl marociliiiii indiani e 
subito si mischiano al ragazzi delle nostre 
bianche circoscrizioni e insieme portano la 
keliBli c sempre insieme inicni ino canzoni 
scritti- untemi» per le Irtiwsvitc lotte della 
Vecchia Europa che li ha accolti malvolcn 


«««.«*• 

neri Vengono da Olbu e h stanno bene 
vengono da Messala c miassauranoanche 
Il sono comunque benvotuo Cod loro vo- 
glicx» bene ad hahd E atlanlo iii^azuno 
Netfp loru pmole inlalb I kaka toma paese 
toma paesaggio cMa ed e vero che hamto 
gli stessi (laHi dei toro halcUi m^pon che 
Pier PddIo Pasolini wteva crane intrapieu di 
una mai leakzzala flrestMde ahana Non 
sono diversi da noi e lo capirebbe ctmin 
que scsotovemscqui novandosehairoan 
K) lungo diragittoclK da Tcimni roggunge 
piazza del Pbpolo 

Brillano quesb ragazzi d un Afiici rotola 
aipiù bnBanoiispenuallaniisenasonKiliLa 
dei toro coetanei delle nostre città Emctora 
noimgorboc imaipaziachc memarEpeno 
clavoro àiiglielófdrdidpin.a>epundnedi 
CoriK alla olle mie clin in p c t ldh. che (|ueoU 
ragazzi sono pili belh c cmli rii noi (ter loro 
clienti’E c he certamente gk gieka il daino di 
clttachmuizd aniÀe il daino a pertleisi e se 
lovominnu peithio a guasbasi a dlvenlaie 
brulli e fea-icotnc un quaboog nuatknoche 
quim ÌlafiAcònatocvAsauli>dasnn|»c 

I lom sul laro sliisuiaie h inno -cimo ck 
essere figli ili*l vento e vanno e si guaidano 


mtomo con lacunosna <b chi passeggia con 
stupore neUa stona n un sabato pomeriggio 
romano che d anche la toro festa E c è on 
con du regge il nlrallodi Rosa Luxei^ig e 
chi queilu eh Trolzkii e una sentenza per il 
futuro iMsia che di sconfina m sconfina si 
costnusce la mmluzune No nulla <k lutto 
CIÒ Questo sabato pomengiposcmlHa solla 
luungtomndivwana Pertum perle regio 
TU della rtemociazid per le rogicnu della 
90 ia E IO mlaiilo non li capisco propntt i 
foto^ali diMHanb che scollano e scanano 
sui votti dei redazzi c delle i^azze di coloie 
sembra che ne abbiano appena scrspeho 
lesEOenza davreninoiihcapisco 
Pot ibambnimtestaalconeo tolse qua 
sto Camnale lo ncorderanno a lungo sono 
vestiU da Topokno da Gatto con stivali 
sia s|uak»atos che e pina vmenzKisve « 
ondeggiano dseUu ala stona bulica che I in 
^Node k renda ancora piu nunusccdi Dnv 
vero non è i|uesta la fol a ilei coitei non è 
neppure U mas&i che slito vena un punto 
umvcnuto no davmll i a tratta tnttanto di 
prtisonc che v-mno ognuno col prcqirto voi 
to ognuno con la prepna stona IVascman 


desi dietro scout laici e Arcigay Adi e sin 
dacali e soprattutto persone soltanto perso¬ 
ne Certo non sarà un cammino facile ma è 
uncamminoche va fallo Imoascopnreche 
sono venuti perfino gli skmhc.ids Trert^oz 
ze romane si sono pitturale il viso di nero ma 
sul toro striscione hanno voluto i colon del 
1 arcobaleno per dire che -siali» tutti di r»- 
lore* Sor» coniente le ragazze lavorano a 
Ostia e inianlo aspettano di vedere i frotu di 
quel loro lavoro lo sannodiessere ulta goc 
eia nel mare ma sanno pure che forse èco 
stelle SI costruisce la tolleranza 
E improwisamenle anche Richard è nige 
nano vive a Bologna Ita 32 anni in Italia c e 
da tredici Ha una laurea in scienze politi¬ 
che ma la i! facchino Anche lui dice che 
qualcosa dovrà cambiare Cosidiceiicotos- 
$0 Richard che nero nero sembra propno 
un nosiiocompagnodi scuola il più mite il 
pAlgtosso lurwcochepossaupcrVarelaHe 
gnaquandopiove quandoqualcosanonva 
Quello di faccliinoè I unico lavoro die è nu 
xiio a trovare ma lui è ugualmente conten 
IO è lui lavoro onesto dice Gli promette 
che racconterò lu sua stona c Richard si illii 
mina e torna al suo megafono e ride conten 
lopertutli pertutti 


cosi umaniiano à mvKe uno 
faccenda che riguarda I Italia la 
sua economia fa sua cultura la 
sua dimensione di paese moderno 
e civile Non piu un problema ac 
cessorio ma un fatto strutturale Di 
questo tenore sono stale le spiega 
zioniihr a giouialistihinnudato 
ini 1 ul r I lor tur n i i v 
che I multi LspuiichU che liaiicu a 
fianco hanno marciato alla testa 
dei corteo E fonte con meno intop¬ 
pi hanno cammiitàio insieme un 
vescovocon un imam un sindaco 
con un momtgnoTe ti segrciarto 
del Pds D Alema con quello di Ri 
lohdazione Benmotli un sindacali- 
sia come D Antoni con un deputa 
toveidecome Manconi 

•Vnimmloscotoil* 

•Vogliamo un mondo di tutu i 
colori* chiedeva il grande striscio 
ned apertura £ dietro ditutnico 
lori anche loro un po per la vane 
tàdelpigmenlounpo peslalania 
sia dei naveslimeoii in queilu che 
era I ultimo sabato di carnevale 
una frotta di bambini alcuni picco 
lissimi Si tenevano per mano loro 
si incuraiili di ogni differenza Poi 
come nelle solenni occasioni ival 
letti ci» I gonfaloni di città grandi e 
piccole Lucca Larotno Carrara 
Pistoia San Mimalo Empoli Santa 
Croce sull Amo ma anche dico¬ 
no nulla I nomi' Pagani Cava dei 
Tirreni Salerno Cassino t poi 
quelli delle province di Firenze di 
Genova diSiena di Roma 

Quindi ordinata ma fragorosa. 

I ininterrotta leona dei coordina 
menti degli immigrati da ogni re 
gir»e da ogni Cina poi le associa 
zioni nazionali e locali nelle quali 
in questi anni si è Luslmito un pa¬ 
trimonio inestimabile di socialità e 
di reciproca conoscenza poi gli 
suiscioni e i drappi dei sindacali 
dei pattili dei mille movimenti al 
curiigraiidiesolidicomelAici al 
tri piccoli e stravaganti come l As¬ 
sociazione degli uomini casalin 
ghi che fanno rrceo e vano il pa 
norama di questo paese I pastori 
delle chiese evangeliche precede¬ 
vano ma non di mollo i r-^azzi 
numerosissimi e duri che sfila 
vano sotto gli striscioni del Sociali 
smo rivoluzionano e le immagini 
di Trotzki di Rosa Luaembiirg di 
Malcolm X i mililanu di Amiiesty 
International seguivano a breve di 
stanza i ragazzi dell Arci gay e del 
Circolo Mieli le bianche bandiere 
delle Acli asaltavano sui grandi 
fondali colorali innalzati dai gruppi 
anlirazzislj campani siciliani iiin 
bri tor nesi 

Tamburelli e Rschielli draghi di 
canone ctiampolier lapiicllimili 
lareschi e turbanti muilicolori E 
perfino fasci di fon negli zaini cul¬ 
ti lungo la strada che per motti 6 
durala ore c Ole emaganunar»! 
te mieta Ma ne valeva la pena II 
corteo ha rsarcilo Roma di una 
veigi^na che non mentava c la 
piazza gremita Ita mostrato cliiaro 
che i Italia un buon pezzo d Italia 
Ita seniimemi di cui non ci si deve 
verge^nare 




« 


« 


1 


I 


1 











pagina 4 l Unita 


Politica 




Domenica 26 febbraio 1995 


IL QUIRINALE B IL VOTO. It Cavaliere giudica il Presidente «apertamente tendenzioso» 
4 -^^ La destra pensa a una mozione contro il governo 


Vote alte dMMtqwto 

JVnEEEE E MfHini 

riagnateao Scaltelo 

Dep. I. mMibIom M so* M 
tM» M. CMM., • Pop» M 
p.lflo*. iMI.-aii.É» iliwvrt. 
« MMl I. Mp, la onoNuplI «ma 
CwaMtpiMnMWI) • Rou 
lliit .0 Janvlb. (ppl) hmito 
dh m mtipniw a di 
«IninBlMitMB « CraHlM, 
pi.elMiKolimmtCiinwmmt» 

pi rt ilwm«i i i.il Mi .l»pwm. 
iMMoMta.rieclwcllOiiiHlmlo 
POMm pNMncM. dal 
pNaMMtaMaRtpuWUoa. - 
aailMM la dapuMa - patelt eha 
lap art a rt paailaRa a aiiaiaala 
haaaa ap c allelaaiadeiiiBHo 
paiW^ pa w MvaBaa la W amaata 
ckalldMNadlvalaaaadaaBa* 
IBM dawila, a ■ lieomadawaM di 
UB dMRa landaaMaiaia M UH faala 
atataamdawa wa ilaa «teaifaN 
<daiiiMa la alta cp d el ia dalla 
•tata dw «aam MlalB 
aallelfelaatatad la late ptaaaiua 
l’knpaitaMaad H dal 

TiteteM^winMiiip ovi Ww mite 

•aam, dava addata la graiRadim 


pwaamalawaiWla mf 
Mbalaal ua ataiiMdto aa 
dallailiadaawaalled-. 



n Polo tenta la sfiduda a Dini? 


Berlusconi e Fini tornano ad aggredire Scalfaro 


Berluxoni torna ad attaccare pesantemente Scalfaro do 
po II discorso pronuncialo dal Capo dello Stato ad Arez¬ 
zo imputandogli un «atteggiamento apertamente tenden¬ 
zioso» e un «linguaggio imtualmenie duro e di parte> Ma 
Dotti invita il Cavaliere a «non esasperare i toni' Contro 
Scalfaro si schiera anche Fini Intanto nel «polo< si sta di¬ 
scutendo delVarma finale una mozione di sfiducia a Dmi 
per spianare la strada alle elezioni a giugno 


MMaidMNMWM* 


di ROMA lo «aio maggiOFe di An 
ha «omlnclato a dlacuieme aperta 
mente Ieri Silvio Bcrlusumi adAt 
core CI «a pemando La mozione 
di sfìducla al governo linora conai 
deiata •Inopportuna-0 addiniiuia 
«onlroproducente* potrebbe es- 
eer acelta dal «pok» come la «rada 
maeitra per ortenere le elezioni a 
giugno -ilParlamento-spregaPu 
blio Fion - secondo noi va sciolro 
al pid presto perche c e un divario 
rra la voloma degli eletlon e quella 
degli elerfi Evidememenre però 
Scalfaro non nliene che ci siano 
queste condizioni ma che occorra 
un atto parlameniare La mozione 
di sfiducia per esempio oppure la 
IxKcIatura di un prowedimenlo 
Impononie Noi «lamo nflctlciidci 
sulla strada da poconerc ■ 

Ciià perche la violenta campa 
gna conilo Scalfaro scatenala da 
Berlusconi al di là degli elfetli piu 
pagandlsIlcIpIQomenoposIlIvi n 
schla di lare ancora una volta un 
buco nell acqua II Capo dello Sta 
to. se pure lo volesse semplice 
mente m>n fiuòsaoghere le Came¬ 


re menile c é un governo in canea 
Anche II pressfngsu Lamberto Pini 
del resto non sembra aver oiienu 
lo I nsultaii sperali Berlusconi ora 
mai non si fida pio del -suo- mini 
suo del Tesoro che pereliru I alno 
giorno ha annunciato pubblica 
mente il divorzio dal -polo» t-E 
malto Improbabile che mi olfranu 
unacandidatura 0 

L'-sirtonoml»dlDM 

Non solo agli ambasciator del 
lex maggioranza che gli hanno 
Chiesiq di pruccderc per decrelo 
anche sulla nloima delle pensioni 
e di dimenersi appena varato il 
provvedimento Oinl ha dato una 
risposta interloculoria se non ne 
galiva Ma spiegato che sulla nfor 
ma delle pensioni il dialoga con le 
pani sociali e a buon punto c sa 
re^be impiuduillvci hitcrmmpedo 
bniscamente Ha asscuralo che 
comunque sia eneo niaizo la n 
fomia sarà piuma £ soprallullo 
ha ripetulo ciò che aveva detto 
pubblicamente mercoledì il gover 
no considererà esaunio i) rnoprio 


iiMiidaio quando ■ pruMedaneno 
saranno •approvati* dal Barlamen 
lo e non sempllcemenK - come 
vorrebbe Berlusconi - pieseMaii 
alle Camere Per di più CHni I aUia 
seta ha risialo per e uaprùe Itele 
zioni regionali e ammin slialm. 
sfidando apeiumenie la neitacon 
trarieta del Cavaliere 
Insomma ce n ù abbastanza per 
capire che il presideme del Cottsi 
glio si muove ormai in piena amo 
nomva E che aspettare le su' di 
missioni puO portare ben olne gui 
gno la data delle elezioni amiopa 
le dunque’ La bocuatuca dela 
manovta sommandorvondel-p» 
lo-aquellidiRifoiidazione aveeb- 
be scuramente un sfgnHcaio pok 
ICO eapicito Ce però un pnbl^ 
ma la manovra ha cotmrKiaio fi 
suo iterai Senato dove I voti del 
I ex maggioranza sono del mito 
minfiuenii per la sua apprcwazio 
ne Aspettale che la manovra airM 
alla Camera è rischioso potrebbe 
passare almeno un mese torse di 
piu Al 'Pòlo- non resta dunque 
che la mozlonedi sfiducia 
Per la verità anche la mtsione 
presenta nschl non piccoli Biso 
gna calibrare bene i tempi e i mo 
di per cviiaii le npereussioni ne 
galne che ricadiebbeio sul ■poto' 
seaKondasse Om nel peno di una 
crai finanziaria e vahiiana •Oim - 
spiega il vicecapo^igipo di Utra 
Italia Pisanu - deve presentine su 
bilo iindecrelo legge per la nIoiDU 
pensionistica doporbebé si deve 
prendere ano che nei Partamemo 
ci sono già laighe maggioianze fa 
vorevoij alle eleaom* Il percorso 


otiniaie peill«polo sarebbe pn> 
pno que^ spaigete Dim a pie- 
senureundecieio e nonundise 
gnodilegge sullepenstom esuhi 
•odopodiduciarloconlaigonven 
IO che II suo programma ù ormai 
compleiam Èmobodiflicde però 
che II pietMiente del Consiglio scH 
gala strada del decreto end la g 
luaziooe SI complica e I tempi an 
coraimavoba safiungano 

L'tttaeeodI BartuicenI 

InsoHeieMe afie toime e alle 
procedure pariamentan Bertusco- 
ni vonebbe nsoirere il nodoele 
zioni a colpi di liicfuarazioni e wh 
riMWini Cosi len e tomaio ad al 
laccare duiamenie il Capo deio 
Slato deendem •sconceitaio e 
prolondamcnie rammancaio per il 
iuiguaggio cosi umualmenie duro 
eoi pane- Scalare sosiieneàCa 
valieie ha assunto mn atteggia 
memo omvai apcnameme lenden 
zios» che ne menerebbe iMbcal 
mente in d scussKNie il-molo albi 
nate' Il momo’ Pei Beriuscom *0 
ottensivo defirure 'schumazzi la 
vokinU potnica della nsaggioranza 
del Pailainento e della maggioiBn 
za dei cntadme eoe come -ò o( 
tensisio annbuiie del lutto aibitia 
namrevie oscun disegni a colore 
che chiedono sokanio elezioni po- 
laiche nel poi breve tempo possibi 
le* Gb *01000 disegni* non sono 
alno dici ipotesi di m vrea rf w ienr 
pù volte inacciaia da eipaneiai 
dH polo- e ncordala len propri da 
Scattalo Bcrbscom ora b respai 
ge Ma nel mencre ospratneMe m 
rlKCUSsmne fi auolo aibarale* del 


piesideniedeliaRepubblica impli 
caameMe b avalb la nuova presa 
di poiulone di Beiiuscoru non ag 
gniinge lunavsa nulb di nuovo lex 
ptcsidenie del Consi^ si dee si 
curo che *le eiezioni sono I unico 
mezzo pei restituire fiducia o sai 
dezza aBe isOtuuoru* C questo sa 
rebhe *il parere incnmrovenibile 
delb ma^kranza degli iiaiiam e 
deipniauturevchosieivaiDn inier 
nozàmali* 

■Preoccupazione e sconcerto 
per d decorso di Scalbro venguvo 
anche da Pini che definisce le pa 
relè del Capo detto Staio -oggem 
vanieiw* moire gravu Tunavia 
proprto da An sembra giungere un 
estremo leMaavo di mediazione fi 
cootdmaioieGaquun chiede miai 
u a Scavare di -góendcre alio* dei 
leststenta di una presunta mag 
gmanza favorevole alle elezioni 
ma sopiatiuiio auspica •mconin a 
beBo isntuzlonale nei quali discu 
me con xieniia* La presuma set 
emana al nlomo di Scaliare da 
Praga dovrebbe in elleiu tenersi al 
Ourmab un inconirò con i capi 
grappo dei qroio- Qw^ di Forza 
Mia Dora sembra non gradire 
per nula b poiemica beilusconia 
na -bmio tutti-dice-anspeiiare 
ilmomemoditregua ad abbando¬ 
nare I Ioni esaspeiali sono nocivi 
ed aUontanano dalle soluzioni 
chiaieeragiDnaie* PerDc^ii miai 
0 regnislochiedeieleelerioiiipo¬ 
litiche pen.hò il Purbmeiilo non n 
nette piu d Paese ma e necessario 
un confranto sereno sue conienuti 
Non sene a nulb usare toni occe- 
g 


iZT* ^ itAbbandonareitoniesasperati.sononodvieallontananosoluzìonichiareeragionate» 

Dotti: «Invito tutti a rispettare la tregua» 


«Invito tutu a rispettare il momento di tregua, ad abbando 
nate i toni esasperati sono nocivi ed allontanano dalle so 
luzioni chiare e ragionate* Vittono Dotti capogruppo 
"Forza Italia-, interviene sulle dichiarazioni di Scalfaro e 
Berlusconi Per Dotti -è giusto chiedere le eiezioni perchè 
il Parlamento non nfletle più il paese» ma «non verve usa 
re toni accesi» Intanto Berlusconi ha proposto a Dotti di 
candidarsi alla Presidenza della giunta lombarda 


■ ROMA Meni Dotti ni Lombar 
iKa Del Dubbio (n fa-x-.ina e ma 
garl anche Prcvili nel Lazio E vai 
al «radicamento nelle regioni no 
la aibai Uolciilediqiiesli lenipi per 
SMoBerlusconi Ehsl ilCavalic 
re stesso lo ha (.oiilessHio la pre 
senza di Forza Italia nella cosiddel 
la realtà tcmtodalc ò un» delle co 
se che ulliniameinente più lo lui 
ba Forza Italia Insomma si deve 
Insediare nelle ragioni come Ber 
lusconi ha detto giorni la aicmnisll 
che lo hanno stiizziialo all uscita 


della sua abitazKine ullicio in Vi i 
dell Atiima E i d da cdpirh xi 
pratiulto dopo che il capo dello 
Stalo ha parlalo della se idciiza im 
pruiugdbilc d aprile ed li governo 
ila giù fissalo pci il 21 di qucMO 
mese la data delle cIczkiiii regio 
mili E diimiuc ecco clic iKipo- 
incnggio di leii le agenzie Iwtlono 
ili noiiziadi una ixissibik canrlirl i 
tura di Vlltono Dotti alla incsxk-ii 
Za della Regione lAimtuirdli nien 
Ire guida c|uak.lic giorno si w«ifc- 
ra di una ijossilille i anilnlalnra di 



Cnore Pleviti afb presideiiza delb 
KegRTne Lazio e <t fbok) Del Deb¬ 
bio in Toscano Voci però quesk 
ultime che finora non hanno nova 
toakuriBconlenna Eche comun 
que stanno h a tesHmanhini k. 
pieoccupaziorH del Cowaheie Di 
certo laioia si sa soKonlo che Ber 
lureonl ha preposto a Vttono Do( 
n ca|»jgnipiio •Azzurro ola Ca 
mora «rio dalt autunno scuso e 
cotombn-iililmamenteunpo ttir 
nx.ntaia - di Forza Ibka th coihI 
itaisl alla picsiderua delb gnmu 


lombarda Lanonnaùsiaiadrilusa 
dalo stesso interessalo ri quale eh 
ce che wa la-ild vatuUndo e subrio 
owkunenie sono mcomuiciaie le 
iniopretaziom su un nuovo scon 
Ire Ha bk.hi e colombe in Fona 
Malia che viene smentito nell en 
lour^ di Dalb *51 - dure ri capo- 
gnippodiFbrzalulia bpiupusta 
mi c slab latb ed io ci sto nllctten 
(k> Ma Dolb di.e anche di -non 
esseis posto dei Icimn per k> 
SLH)^ mento defia reerva con I ■ 
quale ha accollo b proposta ^fei 
to sebdMadelleelezioniresiafiy 
sab al 23 apnle ci sono dei tempi 
miRxi per te fuimazioiie delle liste 
eh CUI dovrò inevilabibnfaik- tener 
conto La candidatura a pte-oden 
te delb regione e incompalibiic 
con qutUa di pariamenlare m-> 
Dotti aflmna conuttadahuttazio 
nc che mpare essenziaknenle di 
carattere orptomalico che ut lanto 
mi ò stalo ofletto 6 molto bsinghie 
re anchepcichèhbumbunlidòta 
regione pni miponanh dlbba cd 
òlimiairaporK motivo pere unii 
il parbculdnnenlc piaccrt che b 
mdttazione sta state net miei con 


fronti* E infine 4ttpelo ci sio 
pensando- E qualcuiio pare che 

t abbia gtècoruigtiaKidinspun 
Qconun*No grazie- Ese inve¬ 
ce Dotti accettasse’ Gte nei giorni 
scorsi era cucotata b voce di un 
possibite nscdiamemu dell ex mi 
nisuo Uibaiu alb guida dei depu 
tati di Fòrza II ilia Nolizia però 
smentita dallo stesso fJibani m 
quest» tenga para iiKanculo dal 
Cavaliere a sciare per Forza Italia 
b pa oondno A meno che non 
dcettosse Martino In ogni caso è 
innegabile che Vnhmo Dotti abbia 
avuto dArarapRririemiciealigli dal 
«ruppeno* À depulao-tefclir di 
Ireiza Itala Ultimo b raibellione 
un po cotorna dell Broglia che 

una bela matusa Uovandosi in 
ifesensocui Dulu sulla finca da le 
nere sul caso Ihv^ii dopo I inter 
renio defia presidente della Carne 
ra al congresso della Lega ho urc- 
so I inqretmabric e se ne ò andato 
giù uwidefiAnima adogarvida 
Berlusconi dal qude avo due 
avrebbe ottcnuio appoggio c soli 
danelà 

"dPSo 


Scognamiglio: dopo Dini 
Scalfaro vaJuterà se votare 
0 se c’è un altro governo 



m S AIWA DI STAZZEMA (WC 

CA) -Al momento delle dimissioni 
del governo b valutazione su che 
tare tornerà in c^i caso al capo 
dello Stalo che dowà decidete - 


passata 1 auuale fase dell emergen 
za - se VI «ano le condizioni per 
un governo poliUco e quindi prose 


^iie con la legislatura oppure se 


non VI siano queste condizioni 

Face» presente che da qui al tem 


po in cui queste decisioni dovran 


no maturare la situazione poireb- 

w 0 

be anche evotvere potrebbe w 
che cambiare* E ri patere espresso 


dal presidente del Senato Carlo 
Scognamiglio a margine della cenmonia svoltesi ieri pomer^io a San 
I Anna di Stazzema (Lucca) Rispondendo a chi gli chiedeva che cosa 
accadrebbe se desresse saltere la manovra U presidente del Senato ha n 
levalo che «non si tratte solo della manovra peichè gli obletuvidi caratte 
re economeo pnonten che il governo ha radicato nella sua breve siagio 
ne di vola sono il riaggiustemento dei conti il cosiddetto decreione lepri 
valizzazioni che fortunalamenie partiranno prevedo mercoledì e le 
pensioni* «Manovra a più stadi quindi e b posizione che il governo ha 
preso su questo punto i chiarissima o nuscirà a concludere questa ope 
lanofie in tempi htevtequmdiquesiogoieinolaroetriliiicarsro oppure 
se constaterà che non 6 possibile In tempi brevi lasiuiyere gli obiettivi 
SI dimetterà ugualmente- Il presidente del Senato ha concluso affetman 
do che comunque Dini à stalo chianssimo su questo punto «conosco Di 
ni da quasi ventanni e so che ù un uomo d onore e non penso che si 
debba dubitare neanche lontanamente della sua parete* 

■Credo che le prossime settimane debbano setvire ad acquisire la 
chiara coscienza del cammino di nsanamenio economico die i neces- 
sano peRorrere per far si Che il pammonio di libcilà e di giustizia conqui 
sialo SU anni la non vada disperso- ha poi delio il presidente del Senato 
nel celebrare il sacnhcio nell agosto del 44 diSBDcivili mateaciaii dai 
nazisn nel paesino del Lucchese - sottolineando come sia importante co¬ 
minciare a risanare I conti e I economia del Paese proprio per b tenuta 
della democrazia -La tempeste vaiutena che ha mvettiio il no«io paese 
111 que«e settimane - ha proseguito il presidente - la^vameniodei 
comi delb finanza pubblica i segnali di una ripresa delle tensioni infla 
zionistiche sono nemici aubdolj ma non per questo meno pericolosi' 


critica Jflarxista 

A natisi e contributi per ripensare la sinistra 

In occnsione dell'uscita dein 6/94 
dedicato ai problemi della riforma istituzionale 

F Bassamni ML Boccia e G Galloni 
discutono sul tema 

Decisionismo o 
democrazia strutturata? 

fitier-ver-mnno gfr atiron 

P Bareellona A Cantaro G Chiarante 
M Dogliani O Ferrara M Luciani 
A Torvorella C Ursino 

Lunedi 27 febbraio 1995 ore 17 00 
Sala dei Reteitorio della Biblioteca della Camera 
Via del Seminano 76 Roma 

ICOS Istituto perla Comunicazione Scientifica 

Opportunità, vincoli, 
contraddizioni 
dal sistema Italia 
verso la società 
dell'Informazione 

• Tecnologie e investimenti 

• Assetti istituzionali e regole europee 

• Alleanze internazionali 

Venerdì 3 marzo 1995 - ore 15,30 

MILANO, Camera di Commercio 
Sala Consiglio - Palazzo Turati, via Meravigli 9/b 

Segretana ICOS ViaSirton 33 Milano Tel 02/29522979 


q 


% 


f 










Domenica 2b febbraio 199.') 


Politica 



IL QUIRINALE E IL VOTO, 


I! presidente replica alle minacce di Berlusconi e difende 
Dini. Napolitano: inammissibili attacchi al capo dello Stato 



«Non c’è il veato di lesa maestà» 

Scalfaro: «Fedele ad ogni costo alla Costituzione» 


D falco Luttwak 
criticato dal Colle 
attacca ancora 

m ROMA Un ^perfalcc» (.cosi lo chiamarono in ambienn 
pacillsli) unespertodislralci^ecddnnamentimililan Irai 
consglKn di Reagan -uonio molto ascollalo dalla Cia> (.cor 
tevariogli anni 80) nonLlièscillioredifanlapolilica Nel 74 
pubblicò un racconio dal Molo -Slora del Colpe in Italia* 
owero la «Sona di -quella inaUma in cui- un drappello eh 
•15000 uomini non trovò nessuno che gli sbarrasse la stra 
da e alle 6 la Rai mandò in onda il proclama • Si chiama 
EdwardUiUwaJi SSanni politologo membrodelcenlioslu 
di sitategici di Washington quel peisonaggio che-dall altra 
patte dell Oceano- ha parlato di «aspensione della demo 
crazia- in Italia suscitando una dunssima presa di posizione 
del presidente Scalfaro che non cita mai il suo nome Nel 
corso di interviste m ^ e sui giomali iialiani rilasciale in que 
SII giorni Luttwak individua i mah del nostro paese nella'so¬ 
spensione delta democrazia che ò siala realizzata con il rifiu 
lodiandareavotare- 

Ilpolitoicgoinvila quindi Dinianonpaitecipare-aigio- 
chetli ani democratici del capo dello Stalo* e paragona Mia 
Ila all Mgena -anche 11 la volonte popolare noir è stala n 
spettata- In unintenasta rilasciata al lelegiomale Etninvesi 
Studio peno Luttwak dice però che una delle cauK della 
nostra •democrazia deformala* sta anche nel fatto che -Ber 
luscom vince le elezioni e non vende le sue iv> Nato m Un 
gbena cresciuto a Londre doiioraio d> nceica » Usa con 
una lesi su -Le grande siraicgia dell impero romano- Luti 
wak-cos! scrisse di lui nel lUSl Rodolfo Brancoli--di prò* 
lessioneò un de(encc(onniliaiiit.ht studia e risolve per con 
IO di governi e dell mdustna belliLa problemi di organizza 
zione militare e di scelte degli armamenti- E forse forte di 
questo passalo non si fa scrupolo di attaccare it capo di uno 
stalo estero e sovrano -Mi dispiace che Scalfaro abbia com 
promesso la dignite del suo ufficio e abusato dei suoi poteri 
puramente proccduraliu ha msistilo len 

SAZsr-r r-a i s.ii-i.jv.nBi'irv 


‘Saremo fedeli alla Costituzione fino in fondo e senza 
farci intimidire da schiamazzi mutili e dannosi per la 
convivenza civile» Durissimo distrnsti rlòl i ti miK nfi 
della Repubblica, Uscar Luigi bcallaru ut vipiia uiiicialb 
ad Arezzo II Capo dello Stato risponde agli attacchi di 
Silvio Berlusconi Parla di minacce, di intimidazioni di 
tiro a' l^rsagllo sulla sua persona e sul governo Oini 
«Non c è il reato di lesa maestà» 


SSIUA lOSrilA SBOA2 ONS 

■■s—eAieieoM 


■ ARCZZO Verità e fedeltà asso 
futa affa Costituzione Sono qua 
ste le due costanti del durissimo 
discorso pronuncialo del Presi 
dente della Repubblica Oscar 
Luigi Scolaro che In visita ulli 

I lale ad Arezzo ha risposto col 
po su Lolpo agli altrettanto duns- 
simi attacchi di SiMo Berlusconi 

II Capo dello Stato usa parole 
chiare Parla di minacce oi inii 
widmion di -ifru al bereagJio- 
siilla sua persona e sui governo 
Pini A uhi lo attacca Scalfaro ri 
sponde uon un affondo rivendi 
landò il suo ruolo di garante del 
la Costituzione >Abblamo un 
lompito la fedeltà alla Carla to- 
slilu/ionale Una fedeltà ad ogni 
costo al di la delle polemicliu 
delh minacce al di là di chi ha 
intenzione di mettere il Capo del 
In Sialo sul banco degli imputali 
tfimo uno i he allenta alla Costi 
lurtono La fedeltà alla Carta co 


siituzitinate incenso assoluto in 
STSte Scaifàro Senza faxi mfiror 
dire da schiamazzi inuiili c dan 
DOSI per le convivenza civiie- 
Quando entra nellaffollaiissi 
ma sala del consiglio comunale 
di Arezzo il Presidente seallaro 
ha il volto scuro segnato dalla 
tensione di questi uKimi giorni 
Poi quando inizia a parlare il 
votio SI duionde e il tono ò coinè 
d> consueto pacalo Appena pm 
nunciti te iximo parole dojw il 
saluto del sindaco V ikio Van 
nucci che esprime la solxlanclà 
totale degli aretini al Presidenti 
della Repubtibca si lapimi su 
Pilo che non suià un dite orso ri 
tuale A dillirenza di alni oiia 
stoni di pofenuca ailitic i questa 
volta il presidente waltani non SI 
avvicina per gradi all argominlo 
ma parlando a Ivraicio c'lan 
dendo le parole lo altrorin con 
grande deh nninaz one (Questa 



nostra Patria ha grandemente bi 
sogno di verità c di ledelia alle 
isntuzmni di impcgnn (Omnne 

' I ’ 

lesse guictate soi siiigoti uilcics 
sr di Ogni tipo Ha bisogno lite 
LiascuiKi di noi abbia proloodn ri 
senso del scivizio al bene comu 
ne* U Capo dello btaio respinge 
con fermezza gli attacchi perso 
nali che mbaibarBcono il con 
fronto politico Kt avevano msc 
gnato quand erava 
mo giovani ctie te 
diaieiiica pofnlcadi 
ve sempre dtetrn 
gueisi dal rapporto 
personale Ci hanno 
insegnato che SI può 
avere una accendo 
ne dialeinca anche 
mollo forte macheri 
rispetto ddia dignità 
delle persone c un 
elomenio pirmaiio di convivcn 
za Còsi comé indepcnsabite il 
rispeilo dette verilà Se manca 
questo repello viene meno Uri 
lo- scandire qua» sillal»wtD 
teparoie -VienemenoildKilogo 
ri lavoro comune ilrepenodette 
persona- 

UKlai Uvoiare (Nnl 

E ripete il corKeito atlcsmaio 
iniantennasKini -fi ripieno del 
la venti Non pretendo di essere 
asiotlalo pnMctKio nchiedochc 


ognuno ascolh un principio che 
annuncio machenontioinven 

latom 

I , 

SNcssieiMi >jial iiv>vc‘.cIim 
rentetrie alle iiccnde della cnsi 
del governo Berlusconi ed alla 
Odscua del governo Orni con le 
msmuaZKira che sono seguile su 
una sua scadenza a termine 
•Abbiamoun governo dtee<he 
non è un allo personale del Capo 


Non mi faccio intimidire 
da schiamazzi inutili 
e dannosi alla convivenza 
Basta col tiro al bersaglio 


dello Stalo che ha solo preso ai 
(o che il precedente gOMimo era 
andato m minoianza E quando 
un governo e ni minoranza non 
puòconlinuateagoveroare Non 
ho soHecrialo io te dmnssrani del 
governo precedente Sono siate 
presentate come un allo normale 
di un prendente dti ixins^bo 
die ha constatalo di non avere 
pM una maggiotanza- Ed ecco 
te stoccala a Berfusconi -La Co- 
sliluzioiM non prevede in questo 
caso il detrito di tesa maestà' 


Prevede che se vene meno la 
maggioranza m un Partemenio 

■ I I I I II I \ I u 
. I 

luiuiuiv iiwqucllucliccccci I 
oonhaancoraunannodrvru ò 
dovere costnuzionale de) Capo 
dello Sialo di vedere se può na 
sccre un alno governo m un al 
Ilo governo e nato col vqio dei 
Paitemeniiy II Capo dello Staio 
insiste su questo concetto a con 
terroachenonenel 
te sue prerogative lo 
xtoghtnenio delle 
Camere quando non 
ve ne siano te cordi 
zioni -Cè Parla 
rneruom piena aliM- 
te Ce un governo 
che ha appena un 
mesedivua Eungo 
vemoditreguaenon 
9 può fado diventare 
beisagho di un uro a segno na 
zionale tonfa già sniCopodef 
toSiaKi non èli caso di fallo an 
chesulgovemo- 

Slentnteeu Luttwak 

Il prcsidcnle ScaUaio a questo 
punto del suodiscorso s nfensce 
alte dichiaiazioiu del pi^lolcgo 
aniciKano Luilwadt eoa vcine 
al modo di pensee di Sdvio Ber 
luscom -(Ài peisona^o che 
non conosco dice riferendosi a 
Lutlwack die dati altra parte 



dell oceano spiega che cè un 
governo m Italia nato da un alto 
Il I I 1/ <k II I ili II iM 

I II I 

VI I 

politologo se in America avessi 
mo chiuso II congresso- La ri 
spbsia di Scalfaro e sferzante 
•Spero che questo signore non 
dia lezioni d dinuocostuuziona 
le perchè mi sembra più idoneo 
ad essere desnnatano di atten 
zioni del ministero della sanità 
del suo Paese & irana di misiili 
cazioni di un misto di ignoranza 
e di presunzione Edimalafedi> 
scandisce fra gli applausi Av 
viandosi alla conclusione il presi 
dente Scallaro non nspamna 
un ultima stoccate a Berlusconi 
•Ho giuralo lectelte alla Costitu 
zione e manterrò fede Imo in fon 
do con uimlia e fermezza per 
che lo Stato non e un pezzo a 
compravendite per nessuno e 
per nessuna pane politica Lo 
Sialo democratico è di tulli- £ 
conclude finalmente disteso 
con una noia di humor -Aftion 
tiamo gli eventi con fermezza me 
con serenila Dormiamo serena 
mente e I appetito non ci viene 
meno- 

NppolltaweElla 

Duro anche il giudizio dell ex 
presidente della Camera Giorgio 
Napohtenoche sempre ad Arez 
zo assieme al senaRue Leopol 


Il costituzionalista: «Scalfaro ha ragione e equilibrio, assurde le sortite contro di lui » 


Pizzomsso: omèvn crimine difendere le regole 

Scalfaro opera nel pieno ris|ielto delle regole lIcosUluzio 
naiista Alessandro Pizzorusso apprezza i equililwoddca 
po dello Stalo e contesla gli argomenti addotti da Berlu 
sconta sostegno delloscioglimenlodelle Camere Tradito 
il volo del 27 marzo’ Ma gli accordi potrtici rwnson mtea 
contratti di dintio pnvafo Vengonomeiroquandononcè 
piu il consenso' E se Dini si dimette’«Scalfaro può forse 
deve verificare I ipoiesi di un nuovo governo» 


FABIO INWIHKL 


■ ROMA Scamb diinssimi diiul 
pi Berliiscon loavevaaccusulodi 
i Ipcsinrc gli interessi del paese 
Idi suo ninno duon-ienlire nuove 
iltzionli Sialf.irc dopo l.i messu 
u punto del Quirnale sui poteri eli 
■rtioglirneniodelloCimere tepliva 
Il r liu Arozzii che non si la intimi 
din IH dallo ininuccc nè dugli 
Mlii.imizzi Edlfcndt l.isccitu la 
l«nnainiizv mirtilc.i del governo 
limi II toiilriislo isiiluzKiiiuli è 
iliiiniiie .inivulo ut cono eraiiito 
Alo-Miidni PizzoTUsso ordinino 
(Il d olio piibtiliio all Univervil i di 
Pisi già membro laico del Csm 
i cimiiia alla luce del diritto costi 
lu/ioiiali k iiosiziom c gli argo 
limili messi in campo dai contili 
(«llH 

ProteHore, H epe dono Stato 
hs tiHrto toni Moni contro te 
pmoteni del CcMitere. Cosa ne 
penna? 

Suino di Ironie ad un conliaslo 
( ti( iiondovabbi ncppiiK ewcie 
Ini/inlo Uno d< 11 onlciidenii - mi 
ril( riK.!) a Ikrlusroin - «a discii 
<l(!(l('lli ((>« (ite ■iimp ikl tulio 
hiondall.i riallA 


Vuol dire che non c è nessuna 
raglonedIeclogItereleCaniere? 

Appunto U C ancrt s s(i ilgoiio 
allorctiè si i* gisti i un i aripovsila 
lui ckl loroinnzioii iin> ino <>Pi>i> 
ri qiiaiMto non si ru s( ( u i sliiii 
re o 1 m inUmK. ini ir». i ungo 
wrno ()ii( vtcìontìizioiii no isiis 
sisioiio InpaiiKol.io unge vtil», 
( è Ite iiviito 1 1 lidtm i di 11 irla 
iiuniii ( ojxraiin Pon soiiok 
vt(>la/ii>|]i iti Ila (kniovr >zia iKiil 
■« va parlamio 

E te ilchleeta di tenere nuove 


elezteni uiUto dopo te diffiteiio 
iildelgovernoBeitMcenl? 

Non et» lealislica In Halid iline 
no RssimoIIIInghtlteiia tusciu 
gliiTHiilixkl Patlamenlo è ad ii 
h Ino dtl giacrno mm tkILi reip 
Il 1 Nel nostro urdin unente) spot 
la il 1 ip» rkjki Siiihi C er i una 
posi/nntc nvinuiHiVia m drritrn I 
rimii superila eia configinava 
ima ■uiRu di pukie cluumvirale 
« iiUnnilu Ira il irirsntenlc dilla 
Ri pi Ulte a c lUnpudetgvreeinu 
Mi kiiigniiasu lUriipuhvacssi 


re kibiirano 

Mora bboeta aspettare che al 
dimette DM. 

Guardi qu mdo ciò avvenisse il 
dinltu cosliiuziondle non daechc 
s va aiilonkdticamGnIe alla fine 
della Icgisbtura II capo dello Sla 
lo poliUilic tese doviebhe 
vm ite aio U possjb bla di assegna 
re I mcanco per un nuovo guver 
no 

Condmio s teve l'snocsto del 
dtevclo. anzLdel Cersdere. SI 
dee che quells preeledvto de 
OH * un governo tecnico, e 
qulnd non olTie credlbKKà a IL 
«etto fntsmaztenete Cose ri 
sponde? 

MI come pm anm st è insistito li 
no alla rcUnica sullcs^nza di 
kpikte ITO I art bZ dette CcwWuaio 
iM owA IO di sqanv lare la sccUi 
(k minrstn dalle logiclH c dai 
conduuinaiiHnti delle teze poli 
lirhe dal ikntocsciralomdnuik 
CoiKelk Dini ha in voslanaa ii 
s|icltalo questo precihlo c xtessu 


s vK-neadircchenunvabene' 

E I tiMbiwito della vetentà 
eepieesadagl elettori il 27 mar¬ 
zo? 

È prclesliKiso Quakuno avrebbe 
ponilo rmlacc are a Bossi di aver 
nadrio I SUOI cktlon alleandosi 
con Berlusconi e Fm< dopo qvei 
i he aveva proclamalo nel corso 
della tacnpai|n« eteluralo Ma 
poi nessuna rettola datnlisce die 
gli accordi di gtM.nH> uru lolia 
sottoscMU siano inlangibilt Non 
sono mici contraili di dwilKitinva 
tu Valgono fuKhò c è un <ronren 
so che h «KUcne se viene oieiio 
SI |ios‘«nu scfuglwic c qipsM è 
< n dam psciten in fuHi i regimi 
parlamtMaii 

MPctoMtelbeitteltdMtoe 

dpeàato Che n sletema maggio¬ 
ritario Impone comportamenti 
dverel rispetto alle pÀna reputi* 
bRcA 

Si dovevaconfuurc Cesare PrcMti 
ilkHchc 'ostenne che una nun\ v 
coslriuznnc malcnate aveva mo 


dificato quella formale No none 
COSI Si ò modificala solo una leg 
ge elellorale ma non al puiilo che 
SI imponga una maggioranza pre 
determinala di legislatura Con I 
collegio uninominale questo non 
è po-csibik c I fatti I hanno (limo 
strato chi ha vinto le elezioni non 
aveva nepjiiire la maggioranza al 
Sonato 

Come vekila la eeiganze. rtehia 
mate da dhteree parti, di modHI 
che atte CoeWuzioM? 

Palliamo dal fallo die c èimacni 
Idcosliluzionak: in vigore permil 
la delegittimata Le regole ci sono 
iii'iomnn anche se |Xissoilo esse 
re migl orale In (|cieslo caso c 0 
I Oli 158 Non capisco I ipotesi di 
un assemblea coslilucnlc Nonne 
nconono I presupposi! specioso 
pensiamo allunKO precodenk 
csislcnte nella stona cl Knlia E poi 
non ne '«do il vaniaggio So si de 
vono alfronlare uno scoiiim di 
non poco rilievo e ima complesci 
lirixcdura per vararla ulilizzianio 


do Ella e all ex ministro di Ciam 
pi Cinvanni Conao presente 

V II I I |i il II 11 I I II 11 



Il Durci «comparso un anno fa 
•Più che mai oggi nella convulsa 
(osi- di iransiono vissuta dal no 
Siro Paese occorrono figure di 
garaniialldliezzadeicompiii af 
lerma Napolitano B una ionuna 
per ) Italia che il nostro ordina 
mento assegni a) Presidente della 
Repubblica un ruolo di questa 
natura e che sia esercitato da 
Oscar Luigi Scallaro nel modo m 
CUI lo sta esercitando Non è am 
misslbile conclude Napolitano 
che se ne locete il bersagliò di 
quotidiane gratuite taziose eg* 

S iresiiom da parte di chi scambia 
e regole per loTTnalErni esier 
ge a giudice della rappresentali 
vita elegillimilà del parlamento* 
Lapidano il giudizio di Elia -Giu 
dico eh attauhi pretestuosi ed 
mfcuiMii senza nessuna moUva 
zione di ordine costituzionale- Il 
Presidente Scallaro ha anche vi* 
sitalo II pnmo lollo del nuovo 
ospedale di Arezzo occasione 
per un incontro atfelluo o e soti 
date di una grande lolla di citta 
dilli e di tanti giovani che come 
ha ricordalo il presidente della 
giunta toscana Vannino Chili 
assieme alla Regione hanno 
contribuito con il Cafcil i,un co- 
miiaio del volontariato) a reale 
zarlr 


quel tempo per lare le riforme con 
le Illuda iiià già previste 

Qualche cammeiWatere ha rial* 
faceteto gl apettil dalla ftahali* 
bUea di Wtteùr, e di qual cha na 
saguL II paiaMoealsta? 

Non m termini giuridici (‘iqei gq 
verni su cui lini I esperienza di 
Weiinar non avevano h fiducia 
del Parlamemo Da noi non e la 
stcss .1 c osa 

In concluatena. paaalamo canti* 
nuaia a aeatanera cha Scaltero 
rispetta H auo nialo di praaWan* 
ta garante, aanza tetromettersl 
tescaltadiparte? 

Senza alcun dubbio E ha sempre 
t)|ieralo ton «iiuilibtio Delira 
pane -imponeiinaconsiderazio 
ne I m igislrari nllengono rsnliali 
vigli ficaiiM nel loro lavoro e c è 
(b II pangona ai criminali Lo 
Corto coviiluzionale liixcia con 
linr di molivazioni ale uni leforen 
(tulli c viene delinila cupola ma 
lio'rt Scallaro applica la Cosiiui 
zinne c losi actd'HidKalpCMare 
gli miero'isi del paese Qu.ili possi 
bilil'i di tagxinamcnlo si hanno 
con inlerloculori erte compiono 
vim l(somic‘’ 


i 













naGlliiiiia 






Politica 




Domcnica 26 febbraio 1995 


IL CA80. Il vecchio leader perseguitato dal fascismo per la prima volta parla sul giornale di An 


Upilma 

«•ir 

conIkrtMvbti 

MCMM 

OMiMroMal|«il 

i)NttgN 

Montidiwo. 

UcmmUm 

•AufinttBiriiM 


■ ROMA Un po di sorpreisa far 
ie I lettori del Secolo dhaha ieri 
manina I hanno provala II -quoii 
diano di Alleanza nazionale- ha 
pubblicalo un inlervisia a luna pa 
gina a Vinario Poa -un 'grande 
vecchio della Sinistra ilaliana-co¬ 
me scrive il giornale duello da 
Gennaro Malgien inlilolaia -Da 
aniilasclsia apprezzo la svolta- 
Uiu conversazione a tutto campo 
realizzala da Laura Ciarallo la de 
sire e la sinistra la -cosntuenle- e 
OAIema la line del Msi e la nascita 
di An -Sono stalo mollo conienio 
di quanlu e accaduto proprio per 
cliè sono un vecchio antifascista 
Sono felice del superamento di 
celti vecchi linguaggi «imboli miii 
nell ottica di una nuova prospettiva 
democratica • dice Fba nell Inter- 
Mbia Che avanza qualche nseiva 
(•Non vorrei che I isolamento iirt- 
posto o sollecitalo in cui $ vissuto 
perinolto tempo II Mil abbia spiti 
lo An od aprirsi comptetamenie ai 
meccanismi della democrazia per 
semplice spinto di adatiamento*) 
ma che preiisa di -non appaitene 
m alla caiegona di colore che chie¬ 
dono a gran voce senza mai esser 
necontenii continui ripudi ■ 

Al SmoIoi 4 ewanloM.-- 

Malgiert che ha ncevuio il gior 
naie In erediiA dalla coppia Lowr 
to-Oaspam sprezza suddisfaiione 
nnnostanie il raffreddore e la cor 
lezione delle bozze del suo prawi 
mo libro La destm onssibfe >lo re 
puto Poa una delle peisone piu 
adamantine di Questa Repubblica 
iKMi ammirevole il suo vuraiuiio 
anche quando tolto contro i! fasci 
smu e reputo Interessante tutto CIO 
chedrce È un autentico padre del 
la Ratna • Per i prossimi giorni il 
Suola <1 Italia ha in cunueie un al 
tra Iniziativa che farà discutere 
una biografia a puntate di Anto¬ 
nio Gramsci Ma di che tipo’’ Cosa 
troveranno scritto 1 pusifascisii sul 
loro glomale del fondatore del 
RI’ -Credo che II peiulere di 
Gramsci sla un punto di rifeumen 
lo imprescindibile per capire il No- 
verenlo - anticipa Malgien - In 
particolare per comprertdeie I Im 
portanza della cultura e della so- 
cielà civile ut contrapposizione alle 
lendenze slaarialriche che hanno 
avuto come esito I loialilansmiche 
«libIsmoconoscluMn 

In passato il giornale di An allo¬ 
tti del Msl pubblicd anche un m 
tcivislu di Nicolo Accame ad Augu 
sin Barbera ministro pidles^nn 
( per un giorno) del governo Ciam 
pi e dichiaruziOTi di Michele Serra 
E II suo giomalisla plU nolo Pie 
irangcio Bullafuoco ha commen 
lato 11 longiessodi Flu^i sulle pa 
gine di Cuore -E abbiamo mieivi 
stalo anche Sandre Curai > roc 
coniano nella redazione di via del 
la Scrofa -Una cosa che mi piace 
rebbe fare d un confronto con 
Walter Veltroni sul giornalismo di 




SECOLO 



LIRA, UNA CATASTROFE 

La nostm moneta pK^JbtD a quota L121\ 
Mima: linflasiate som al ifptf catto 


A m tk^ stani racift «ttÉiiR pcÉMÙ» e ie0onib 

«Storioni siMo» dkM rilalB 

Beriuioonl a Scafflin: danocrazia 




SBflSsS 


m 


y K;S',7 S;b;naEapa«rk(aapgp«dilaiazlmaatd» 

afeinldleraiiteamicali 


Foa intervistato dal Secolo 
«Spero in una destra moderata» 


•Da antifascista apprezzo la svolta* tiitervisia a luna pa^i- 
na, ieri, sul Secolo d Italia a Vittorio Foa •Sonoconiento 
di quello che $ ai caduto propno perche sono unantifd- 
scistd » Ma a sinistra c e chi non la pensa allo stesso mo¬ 
do come Fabio Mussi e Luciano Lama Echi come Augu* 
sto Barbera, la considera una cosa normalissima Gian¬ 
franco Pasquino «Mah forse farei sok) unabatlufa > Eal 
5eco/o preparano la biografia di Gramsci 


•r«AANO»l«l«Mlfcl 


destra e di sinistra- dice ancore 
Malgien Ereaziuni nailelion a! 
linteivisia al ■ grande vecchio 
delta Sinistra itaHana’ -Nienie- C 
dal partito’ -Nessuno » è latto vi 
vo - 

de, «ntlfafC<sta Impegnata 

E lui Vaiono Foa’ Un anno e 
mezzo la chiese a Fmi rii avere il 
corawKi di una -Predappina- co 
me Occhelln aveva usalo con la 
^olognina- Oggi raccwua -lo 
s|)ero II) una desira moderala e 
queiila destra moderali non si 
chiama Berlusconi Pretensco 
quelli che dalleslrcmo vanno al 
cenilo e per queslu bisogia guai 
dare con attenzione’ alla «valla d> 
An E poi se uno desidera una co¬ 
sa deve anche cLii fiducia a chi 
questa cosa la può lare Mi ere au 
guralo che i lasiisii smclieseio di 
essere(ascisii econiiiiuoiiiquesia 
fiducia proprKi pcicliO mi sento 


ancora un aRhfascisia impegna» 
Si pone (e pone al resto della si 
nisiraì una domanda Rm -Credo 
che An per essere ma desira de 
mocraiica aMia ancora molla 
strada da lare Dobbiamo meorag 
glaria 0 |j(xjre no’- Lui non Iva 
dubbi EsomdeHonsio -Cpot cè 
pure una ragione come dee’ lam 
ca Le elezioni legionall SI devono 
lare ncHa data fissala e chiara 
mente Berlusconi non le vuole E 
forse An pud dare un conntMO in 
questa materuv - 
MaunzioGaspani couidinaloie 
di An e slato >1 successore di Ma) 
gien al Secolo Anche a lui I meivi 
sta a Rm i andata benissimo -Già 
m tempi non sospeiu nwlse un al 
tcnzione alla nostra azione Epoi i 
giornali servono ancheadiscutere 
a far cotiosceie le opinioni ahiui 
Guaidi propno li suo ^ornale lU 
mio Si parta piu dei Vangeb cb Vel 
trenic))ediPio«h • 


•Non od (■nitatenMaio- 

PerO non e atMuMc I inicivi-l i 
di un tendi i rtella siimiia sul gMS 
■tale che hi di Almranie Lui lano 
Lama ad esemplo scuote la testa 
con decisione «No io non nu lare 
miervestaie- Peichè’Cerche conti 
nuo ad avere dei sospetti Non so 
no disposM a dare colaborazKine 
a chi < sialo lascsu nel passare 
pei lamo tempo e non ha ancore 
danostrare con tiegll atn concreb 
di non essedo più FOesehounca 
raneie uoppo spigotoso ma non 
loiarei • 

Anche Fabio Mussi dmgenie di 
pruno piaoo dela Qvieicia lapen 
>a allo slesso modo Para mieivh 
>iare dal 5 ccdA>’ -No- leponde 
«ecco £ spiega dio beo^ di 
«vere piu che la pniwa delia hMO 
iDllura con i fascismo e del pieno 
apfriDdo democialico II mollo n 
CUI sono stali al govnno ri modo 
m CUI SI compoitano ore giianac 
chi al Quirinale ala Banca dkaha 
alla Corte CosWuznne I occupa 
Zione «lei potere Come deano 
dalla mie porti ne «levono antmre 
mangiare «h pappa Sono crxne «■ 
dee in mezzo al guado £ netto e 
duo Mussi Qunndo libiamo tal 
IO la «vohd noi del Ns non c e sla 
la nei noshi conlronli altrenama 
indulgenza E non downiaino Mie 
rami «lei lardello fascista Rarse va 
le la pena luxirdaie rdve sotto la 
CoslittESone c è la hma «h Tenaci 
lU mcd queh di Almranle- E 


quindi un iMervKta con il Secalo 
aluiho Capiscocitepnriarecoii 
■ raserai mnuiMwfizzali povv dare 
rpialclielinvwki ma vcHK>«iii(i/n 
n dicui non aveeno I urgenza- 

-Mnltt I» farad aneaim 

Atra le spalle e commenta irom 
co il pKriMsoi Cianlranco Pasqui 
no «lavanu a una posubile oKarta 
di conveisazionecon un redattole 
del jreufo -Non me ne importa 
mente Boise una baiiuia come dt 
solito chiedete voi gtornalisn 
tt|Ui>o ma unimeivisia vera e 
propnance Epeiche’-Peithenon 
«Mei mente da dire a quel tipo di 
pubblico di lenon Mi parrebbe 
che I mtenvstaiore avesse sbagliato 
rllenmeM> 

Augusto Barbera invece non la 
vede alo stesso modo -lo sono 
stato iMenislato sulle pedine del 
jKotodtofnemieaembraiauna 
ccisa norm^issima No nessun di 
sagre Nè mio ne della geme che 
mi cijnosce e ha letto queH inienn 
sre Crete prese di posizione mi ri 
cordano proprio quelle dei fascisti 
«thè ven) ani» la dicevano Un m 
leivisia di LimKP Mari • E se do 
vesserò ancore duerfere la sua 
Ofvmone’ Baibera non ha dubbi 
•Épetvdteno’Tra latito IO feci I in 
leivvsla mollo pnma del congresso 
«k Ruggì C^i tra >en4iTeret^e an 
cora ptu inteies ante Ma neanche 
adora ebbi un nvomento rii per 
plessU 


Spot antìreferendimi 
siJe tv Fininvest 
«È ingannevole» 

Da due giorni la Fininvest manda in onda sulle sue reti 
uno spot che celebra i quindici anni di vita di Canale 5 
ma SI interrompe per ricordare agli ifaliani che «è meglio 
poter scegliere* «Una pubblicità ingannevole* è la replica 
del comitato referendario per il si, che annuncia un espo¬ 
sto Sulla necessita di andare subito ad una legge antitrust 
SI espnmono D Alema Vita e Giulietti «Il partito dei cen¬ 
sori insoige a sproposito* risponde Galliani 


waiH c * urowBO 


■ ROMA Dal) altro giorno su Ca 
itdM 5 da len sulle albe due reti 
della Fininvest. va in onda io spoi 
che lesteggia j quindici anni di vRa 
dell ammiraglia del Biscione Ma 
mentre scorrono le immagini dei 
big e degli avvenimenti ripresi da 
Canale 5 lo schermo diventa nero 
e appare la scniia -IBSO 199S In 
quest] 15 anni nella tua vita hai 
avutoqualcosadipiù CanaleSlia 
ha I Reicquariro Lascia che ci sia 
no meglio poier scegliere- Fallo 
Lo SPOI SI trasforma in una campa 
gna antireferendum 
-Una pubbiciis ingannevole - 
dice Sictano Semenzaio coordina 
ture del ComHato Si ai referendum 
Mammi - nei proMimi giorni pre 
rameremo un ricorso alle eutontà 
competenti f referendum non 
meiiono aliano in dicussiione 1 esi 
Slenza delle singole testale ma so 
lo la concentrazione delle propne- 
la- liConiiutoproponeaneheche 
vengano completamente vietali gli 
spoi eleiiorali sul referendum la 
sciando solo le trasmissioni espli 
c<iliveeidibaliili -Lospotèprovr). 
caiorio - dice Vincenzo Vita re¬ 
sponsabile Hilocmaznnie pei tlPds 
- Dimostra quanto fosse vKua 11 
potesidiuna'cosiiiuente sui temi 
deli mkirnidzioiie lanciata da Fe- 
(ok-roiihlonioii Invonii)siccità 
Hilci ed cschjsivdiTtente lo scuniru 
ricorrendo la solito armameniano 
da guerra Iredda e utilizzando lo 
sproposiio polere nell mfoimazio- 
ne Klevtsiva di CUI la Fininvest e so¬ 
lo la Fininvesi pud giovarsi Riienia 
mo essenziale che il parlemento 
veri almeno uno stralcio della nor 
maiiva aniiinisi Altrimenti le cam 
pagne elettorali saranno di latto 
truccale- Sulla necessità che a 
monte di lutn i provvedimenti del 
I ultim Ora ci voglia una tìomiativa 
antiliust SI esprime anche Massimo 
D Alema -Servirebbero molte co 
se in pruno luogo la proibizione 
degli spot, perché e chiaro che c è 
una situazione ineguale nei mo 
mento m cui qualcuno pud man 
dare gii spot sulle proprie lelewsio 
ni senza pagarli Ri bisogna nsol 
vere la situazione scandalosa in 
Rai «he we in uno stato di illegali 
laedioccupaZKrne quindicivuo 
le I antitrust» È semplcemeciie 
uno scandalo- dice il deputalo 
Guscppe Giulietti - questo enne 
sano spot della Fininvest dimostra 
che se ce ne fosse bisogno che 
non SI puO volare a giugno perché 
a questo punto non basta più la 
par contlicio ci vuole un» sena 
legge anlitrusl per I informazione 
La campagna elettorale Fininvest 


contro 1 referendum e dunque già 
cominciata e questo dimostra che 
le pan opporiunità in llaiia nonesi 
stono piu e che nessun regolamen 
lo le potrà ripnslinare Ai comitali 
lefciendaii per il si no vreiie con 
cesso né dalla Fininvest né dalla 
Rai il dinllo alla replica o al con 
Iraddiltono Ciedocheci siano as¬ 
segnali spazi gratuiti perconseniir 
cidinspondere» 

In serale ieri é arrivata anche la 
replica di Adiiano galliani presi 
deniediRii II partito degli oscuta 
tnn e dei censori in«orge una volle 
di piu a sproposito Abbiamusem 
pteemente mostisto ai isubbhuo 
15 anni del nostro lavora Intratte¬ 
nimento informazione c cultura 
che le nostre reti hanno regalalo 
alla vita degli iialiani Non e uno 
spot nulla a che vedere con la po- 
lenvKapoiihca llcomunicalorielle 
teu Rninvesi non è comra i refe 
rendum ma rivendica il nostro di 
ritto di esistere- 

Moratti a Bruxolln: 
IV pabblica coatfo 
imreato Mlvaggto 

rtlMivlzl»p«bHcertni*ie 
eeseivrtale nella società 
MI Mfemadcntt gMile Pttr 
gairartIraI’ttqilÉfietittllmeiettto 
♦nwwram MpatWioo-.UtMtt 
MeiMfaMeivùmiUlwlMta 
•Mrfsranra M AT Mila mcMù 
d»ni)f«siinslBMtoeetiea 
■nseUee. toeMfRMndo Si la 
neeeettttaallalHranlizailam.mt 
mi*-I rtecNodi uttMceteo 
«••Cuale alto rati, che potsaUM 
pertwe adun tMlibMIanio 
tefwrrettco delle t ae ce mene 
(■nuiMt-. MeraM ti è rMta mtw 
-tHIWeirte riresetio Mie quiate 
hnpeete dtRtt lIreMIni europM ptr 
la tv trevza freittltra, a pnittilm 
Mi-Menata cuHuiMceiiiopttt. E 
euggetlMt invtctt OMU tana sia 
feittnaeria-, con heenUvi • favore 
MI'MuaUa eurepMt » 
preMSiMtdenccpecHlelia 
ciiltwal MZlonalL Anche Jmuum 
D elore. ex ptMkMnte <Mit 
CeninifialonteurepM.eiéunllo 
alla praiidmtt RM ptr anunonht 
«ontialirteeMoiluna 
deregulation eehaggla: 
O e i o t oiMttov M tanocoesarto 
ma bMgna mi* aatlCHara un 
nHnhnodiiageltmantailonaM 
mercato pai tuMarodiritU 
d'auloio.ia privacy 0 dHoadora i 
giovani*. Anche indMotro 
Qtmllino 0 taMivonuto ha ribadito 
llmpMraM gevamottMIano a 
-definire ofMnvoceNiItlonl di 
conconenza e di apertura M 

mercath. 


Padre Sorge e la rivista dei paolini ammoniscono il Ppi: non dimenticate gli errori del Ventennio 

«Jesus»: chi va col Cavaliere non è «popolare» 


La scelta dei caliolic i democratici ècon Prodi e seci sono 
dei popolari che vogliono andare «mi BertusccMii e Fmi 
'ivadano pure ma non si chiamino più popokin perche fa 
riebbero torlo a Sturzo De Gasperi e Moro* Lo soatiette 
padre Sorge sulla rivista Jesusche nell edilonale invnald 
Chiesa a non cominellere I errore compiuto nel 1923-25 
ricordando «le lezioni del Ventennio e delle sue tragiche 
conseguenze penKufuto» Èmgiocolademoctazta 


ALCim SANTINI 


Rifondazione mlssina 

Schermaglie e azioni legali 
per l’uso della Fiamma 
tra Rauti e il partito di Fini 


■ IttlMA Di Ironie alle torzedidc- 
siia guidale da Beriuscoiii sempre 
|jiu ilecise u -dividere in due il Re 
st eadallactaiclcisliluzionipar 
liimeiilnn td il Capo delio Stalo il 
vomiiilu Ueiidtloliri democratici ù 
iti difendere la democrazia- e -Li 
«ic «a In campo (il Romano Prodi- 
olire ad ecsi quella possibilità -nel 
UvcUioK’Tza- A sostenetlciè padre 
nariotomeo Sorge «uils tivisla dii 
l-Holini Anirs Cai popolari che non 
vokvstiti in questo dlllicite mo 
minio capire qual ri il loro-duven 
slorko» peii-aiulo di andate invc 
Il con Forza lialia o An padri 
Si)qjcdk.o -Vadano pure ma non 
«i chiamino pai popo/un per non 
Itile torto illa tradizione del lulioli 
-olmo denKaratiio a .Siurzo a 
Ut ( .(speri e a Moro che hanno 
veniprt idcnllliinlo 11 /aipotommo 
con le «celle e con gli Iticall di un 
iwrtllo di cnniruclic guardn a «mi 
«Ira aconlcuiomilt c laito aiseito 
.1 un rtliimilMiio coraggioso soli 
daliM un chi dllendc la causa delle 
l.issl «octali Ih' nofaviwilo 


L'ultima spiaggia Otti Ppi- 

EsKxoinc'là«clia< im|K>rtiriK 
ixichc é in gajocc il )idlrinioi(K> 
iileale » ciiliuruk del iroiAikai 
vui> pidre Sorge nitri 1 BuhiglK* 
nc 0 gli atliiali ilmgciili del l'pi ■> 
-venta lUe 1 1 nsjaiHlaiklI.i b.ist il 
liiiizinliv.i di Rodi- ciHnvKiiid)i 
»t 0 nix oceano aiKln. unCoiigrcc 
«o lUizniiwilcclK avara i) iwt io) ut 
lima «piaggia ixr evri ire « In it Pih 
lierda la sua nlcnlrià imi inotoiul.i 
echi ilrKXopigniTOuiH'Hkak cdi 


’inpegiio <k I c itioliccsano tlcnu> 
cruao v-idd irnmcchabilmcnic 
|ierduh> t oinvaki i mnnicnlu «h 
rendere cbiam che riuso imprev 
l>nn ckl iruggiofildno ha fomenta 
lo la rive, mcttcnifo gli Uahani gh 
uni lonim gb dlm c che in uno 
StihidenuwiUiuihuuituni vinci 
ione vsih (Irbbnivisnltostkiraie 
goli c umilili nuli può eraae k 
cett Aiiifleannunedianavnnna 
(ktkvak ri CaMlioc abbia |(n-so 
i prelevo tutto dalepiraldeivécdi 
Camera c Scnotu al govemo MLi 


Rai fino dd accusare il Capo dello 
Stato ih -impdizldhtà* sol pcnJie 
difende la Cosahnnne ed a con 
tevidie la Corte coshtuziondle la 
iiupttr-itura e Bankllalu Da «gio- 
sln cqunmco bengna uscire in mo 
do democrolKo esf i papolui non 
pnaono essere «lolla parte «È chi 
vatok. bit» imocaiKln penuolUM 
ptcbcicin 

Il ntonlta di slttatra- 

«Jucsla forte pesa «h posuiont 
di padre Sorgn vni ne condivisa e 
idflorzdia doBo «hiezinne «h A sue 
che ohic a pubblxamc lortreofo 
|i> la ptecedm da un cdihxidic 
con il «|Udlc dvvnie i collohii ctu 
IMIFcbDc rgxrtm m forme diver 
se «luclchcisà accadde il Ì3a|xi 
k |vi2l «luando «fon Nuim che 
dwea illtrriraio dmank i IV C«m 
tjnsso del Futilu popobiè i «um 
qHmhhrmi pcrdilcndcicilp«ipo 
àBiurai cattolico ibi latrano che 
avanzava fu tccusofoolhKluma 
tu dal (ttunale la-aeta n nvofo 
iIlHéo di «nuc rijna mcntolila «h 
IMistnn pmleddnk Un accusa 
aiialoqa è siala UncWa al irilano 


CociMglxi nazKuialc- del Ppi contm 
lex pcsKlenle dell Azione calloli 
ca AtienoMonUccim 
La nvicteiAisrv nell cdiloriale n 
corda ai cattolici che lalb-idelle 
ra toscisla nacque propno in quei 
^nini -UKhe per la congiliciU del 
laCliiesalanloche net l'C’-’Sfo 
mdMiulilacpa quasi dtl itino tli 
minala I npposizniie c illolx « del 
losciMno PemO-aggumge nvrilo 
rapiriicauwini'nic - -ria Chuaa ila 
hana non puià non dive Lnciaisi 
nuosduienK irascmoic «iilKire-no 
«h una ccmfusioiK «h muli che n 
sihMCh renderla ineuu luioic-ruk 
e credibile pmpno nel nKiiiicnio 
incuiilPKncavrebbe|MU<h( mai 
bnngno di tuia (iniiXNa torte r 
chiara- Invila |ieilanlo la(.h>c-.aa 
mcdilon. -Oli lana che 0 sLUo un 
segnalL d dllarme- qiunln e avsc 
mito nel ultim Consiglio nazui 
noie del I^N c a ixm dimeiilx ire 
che rin teoon d^ Veiilennoi c ikri 
k sue liagicìic conscguenti ckb 
borio essere Intule trivc- (lenhe 
ogni omissicine sicnc iiogal.i con 
prezzi dllEBlml• 

r- 


■ RtVMA Si avvicina il momenio 
detto scontro Itonlale-nei mbun.i 
Il ITO An c I -Comitati di difesa del 
Msi capuanali da Pmu Rauli e 
Giorgio Risanò Quanti non hanno 
condiviso la «celta operala d.i Rru 
il congri?s«n (li Fiiiiyji raccoglien 
dosi .iiHiriKi ai comiidli hanno an 
lUiiKMto loqtanigramma della 
iHiovii fomiaziom- e un azione le 
gak irei I uso del simbolo della 
Fi imm I E propno il fallo che icii 
VI sia un coordinameiilo nazionale 
degli oppositori di Fini - spiega il 
lesponsabilcenli loc Jidi Alleanza 
n.irionalt Marco Faccher.i - con 
some di avviare la conlrollensivii 
giurdica conc entr.indola «ti un so 
ki obKitivo anziché dispctricre 
qucsl.i mizialiva in mille ovoli peri 
tcTKi Di fallo lacoSUtuzionediun 
cooidui.smcnlo nazionale dei neo- 
niissini coiiscnic secondo ad An 
(li far se iKnre mi azione imbilaria 
t 


nei (onireinii dell uso della Flam 
ma da pano di Ranli c ilei suoi so 
sieniiciri Non v’ dcltu comunque 
che an ailcnda la m«;«sa di Riuti 
perche poireliht lar imCiu «utiilo 
una conrrolfensiv.i giundica Esiste 
comunque una semenza del In 
brinale di Mikuio 1 unica liuo i 
questo inoniciiio che ha già assc'- 
gnato la -proiincla clill.i R.imuia 
il pari rio di Fini 

leu nella scxtc de 1 giuppo di All 
alla Caule r.i nni li.i limino i segre¬ 
tari rc-gioiialic pi ohikmIkIoI palli 
to invitandoli im I.litio i tenere 
•sotiiiconlnillo le mossedcimoo 
missnii a livello iHiiIcmo Ma la 
riunione e se ivii.i am tic pei jinil.i 
re delle pncvsinic elezioni ic^ion i 
Il uivisladcllc qii ili comunque An 
non se min I reme re l.i roiuone’u 
Za- di Rmiti c Pivinch Auclu si 
spcci.itmciric in lAigliac lu Aliuiz 
zo il|Mrtilosiùqii,iMcliMs<i.iuic ,1 
nella come dazione u big-ili An 


c 





















Doinoiiica 26 febbraio 1995 


Politica 



IL QUIRINALE E IL VOTO. 


Monito alle destre: «Così il paese conterà solo vittime» 
Berlusconi al governo? «Incapace e senza squadra» 


Le quattro priorità 




1 . 

2 . 

3 . 

4 . 


Pnmo le questioni economiche e produi 
tive «Questo è un Paese che vive sull im 
presa E in particolare sulle piccole e me 
die imprese sulla imprendilorialila indivi 
duale« Da qui SI deve partire perdarefor 
za all economia italiana lavorendo la na 
scita di nuove imprese e nuova occupa 
zione 


Scuola e lormazione «L Italia - spiega il 
professore - deve tare un salto in avanti 
complessivo Ciò è possibile se si procede 
al rinnovamento totale delle strutture for 
mative se si valorizzano pienamente le ri 
sorse umane Questo significa prima di 
tutto la riforma della scuola e dell unrver 
sita- 


Riforma dello Stalo Questo Paese è op- 
presso da una struttura staiualeche non si e 
mai rinnovala per mancanza cfi concorren 
za In passato si è affermata I idea che lo 
Stato fosse una sorta di sportello reclami 
dove non cl si preoccupava di ciò ciré usci 
va Un idea che uccide il Paese Serve uno 
Stato leggero ma mieltigenie- 


I primi tre punti non si realizzano -se si 
spacca il Paese se i due terzi degli italiani 
che sono dentro al giro lavoriti lasciano 
fuori il terzo di coloroche dal giro sano fuo 
n hcondannanoallemaiginazione Èque 
sta la grande novità che propongo al Paese 
senza dimenticare di fare i conti con i prò 
blemidel bilancio pubblico- 



f)aiiiaiwPnMilaaalg(M Sodo.FaMatelo 


S»f<noCvcil(VSimMI 


«È come l’assalto a Fort Apache» 

Prodi con Scalfaro: «Bisogna rispettare le regole 


» 


E oggi il Prof-ciclista 
approda in tv 
a «Quelli che il calcio...» 


■ RriMA C^gi Romano Prodi e ospite di Fabio Paziu e di 
Que/Ac/iei/ai^iodnondasuRaitrealle 14 2S) Tema della 
puntala ■Sonoconienlodiesseieamvalouno- oma^iloal 
la ciclisiica Uilano-Santemo e il professore di Bisogna -co 
rm- è nolo - dice Fabio Fazio - è un ciclista e racconterà la 
sua espenenza di sporlivo- Tra gli altr ospiti ci saranno in 
falli anche Felice CSimondi e Vito Taccone mentre Wns sarà 
inviato in bicicletta e larà la Poggio-Sanremo II corneo Feli¬ 
ce Andreasi sarà invece presente in qualità di storico imitato 
redi GustavoThoeni ancheluiuaquelliamvati’uno- 
Coma .11 ^od Mwtolw? 

Convincente anche se per me vale la sostanza di quello 
tire SI dice - risponde Fazio - E Prodi ha un linguaggio che 
ispira schieliezza torte anche dell "immagine dell aniim 
magine cioèdi quello che viene detto nell immediatezza 
chenonècosliuKO 
Mtnwi|MtovtnomMe«(i 

nno-. temiMK Nkali di B>l. lUm Miai., ma mcM 
la Oiiziaiit) a mwtdbio, ciw hMM wihanm» UHM CM H 
tara Tiappa sala. Parchi (|iMta KaKaT 

Noi Io avevamo ptevisio con ire settimane di anticipo ecosi 
Il abbiamo invitati in tempo 

ned nrtrimiea petWea (uaianta Oggi? 

Speriamo di no già dalla scorsa settimana abbiamo un col 
legamenio da Aicoie e in passalo 
abbiamo invitato Beriusconi nei 
nostn studi Sarebbe bello se ve 
ntsseoci telefonasse 
QtMia h ma daga «Moia calti- 
maua h» ed FMo goM liwttm 
m peWae. pd H daercto ttmi- 
Mnm inpadM mcM a QuaM 
eha I calel» d awiii bi cala. Un 
pnUaM? 

Sarà vietato anche ai tindaci di 
paesi piccoli che ospitiamo 
quando mandiamo in onda parti¬ 
te minori Un vero guaio perchi la 
la tv i come sa i giornali non po¬ 
tessero pubblicara interviste e no 
mi dai candidali alla campagna 
elettorale 3Mo Lu 



Prodi con Scdlfdrocontrri Bi tini \ mn i > 
le regole della Repubblica Quelle che ci sono non 
quelle che vorremmo* Dini governi finché avia la fidu 
eia del Parlamento E lancia I allarme -La poliiicd non 
può essere 1 assalto a Fort Apache Alla fine ci saranno 
solo morti e resteremo sensa forte* La lira nella bufera' 
•Colpa delle risse continue del Polo* Demonizzare Ber 
lusconi'^iNo Era incapace e senza squadra- 

DALL»NOSTA*HZ6«ZlONI 

WM-imMIWI 


■ BOiJbONA fu attesa di partire 
per 11 -giro d Italia- poliiico (co- 
mincetà dalle Puglie fra una deci 
nudi giorni) Romano Prodi fa al- 
lenainenlo In casa len i stalo tra 
gli Indusinali delle piastrelle di ce 
tamica il settore al quale ha dedi 
calu negli anni Sessanta i suoi 
mi studi E non i un caso che siano 
stali proprio gli imptendllon sasso- 
lesi a sostenere per primi la deci 
8 IOI 1 C del professore di candidaisi 
a leader della coalizione democra 
tlca Cosi Romano Minozzi presi 
dome del gruppo Iris (Il più grande 
del mondo con 780 miliardi di lat 
turalo di cui il 75ti dallexport e 
3200 dipenòenni non ha awilo 
esitazioni a conlermarc a Prodi 
I appuntamento di ieri alla connen 


non dei ver>ditan della Orai wi Fian 
dre (una delle aziende db gnip 
poi che era fissato da mc« assai 
pnma dunque che il prole ssoie as¬ 
sumeste vcsil polKiChc Anzi Mi 
nozzi K> Ila salutato comi «1 uomo 
che può governare la nostra li 
ncani sia Italia- £ la |gaiea giusi i 
per Ptotìi Che conosce Bene qu. 
SII imprenditori i loro •.incensi e i 
loro problemi E come ò accaduto 
tante vulie in passato non li di In 
de intrecciando le aiiali-a degli 
scenari cci>nomx;i mondiali alle 
Questioni piu concrete quotidiane 

•Valgono lo r^olo eststonU- 

Ma slavolld é diverso Fuor dalle 
maeslaie vale di Palazzo Albeigaii 
laliracnelldbulcia il mondo poli 


iiusaiaK. lu lajotHiuio h.in| oalu 
re al caler Cnaocn biaiiiHa il prò 
kssorenonf unsempliccanalisi’ 
unu speuaiore sia pure mieressaio 
Siavoiu lui ò un proi<igonnta di 
una batla^ che si stacombatien 
do ormai senza oschisionedicolpi 
E 11 -mit»- Prodi che I alno gionio 
à\«va reagito agli Insulti del Cava 
liere dandogli sentphcemenie del 
malcduutio 4 coiiireno ancori 
una volta ad alzare la vsx.e Lo la 
lanciando I aRarne per i pencoli 
chi ouesio scontro MOlenio la r or 
rare al Paese Aneoziooe dee 
•non possiamo lare poMica conn 
nuamerue come se si andasse al 
lassriio di Fon Apache perche al 
la Ime il fune saia pieno di moni c 
fune non . sarà neanche pm- 
Chbinssimo il riferimento agk ai 
tacchi di BeihiKom e db FUo al 
presidenie della Repubblica II pio 
fessore ntm ho dubbi e si schiera 
con bcoHaio e a difesa del guiemo 
Dmi -Bisogna nspctlani le regole 
della Repubblica le regede che ci 
sono e non quble che vnnemmo 
Dobbiamo fare n modo che il go 
leiT» Dire gowpim tmchà lira vie 
ne messo in minoranza dal Parla 
mento che è I organo sowano per 
dee icleie le sorti del governo 
nodi ha già deM> cosa pensa 


loia lapsjaiiiu II lA ccAuiii veli 
iluia> dopo anche se hit e promo 
■nquabiasimomenlo Edeesplm 
ir> anche i«r c lò che riguarda le ra 
giona che hanno unposio al gower 
no il varo di questa marvovia eco 
nomea aggiuniiva Intani sclaiui 
bolenza che investe le monete ha 
essenzialmente ongine «bla de 
boletza del dblaro che ha avuto 
npetcusskmi negarne pnma suga 
steilna e suNa pesba eora sul Iran 
co> Per quanto nguaida la Ina che 
ha sempre «vino fa tendenza ad al 
kneaisiconlarrioneiapiùdebole i 
problemi sono anche e pesama 
mente di naiuis poktica La nosua 
snuazione sptega Prodi non ha 
mgiaachelaieconiiMessicc» Ut 
latti I kaba ha si un debito pubbli 
cocnuime -chevaallroniato- ma 
dClelgKi chehauniappoitodebi 
IO prodotto interno loido pHk eie- 
vaio di qubk) lUhano non vive la 
Slessa cnsi Ancora I economia 
reale ilaliana la produzione mdu 
sUiale la bianda commereiale 
stanno ad nidicaie che la eccessi 
msoOovahilazione della lira ha 
una mbivazione dneiM Che é 
appunto politica E conseguenza 
dell «odala di rese- politiche che 
SI sussegue daga metà dell anno 


’ citila UiAc a i mi cim. Ita gli 

alleali di governo il cemento non 
era pm cosi granine» U seconda 
equella di queste veiiimaiie conio 
tenrejni ira lo presidente db 
Consiglio e i presideme della Re¬ 
pubblica sulle elezioni e tre chi ap¬ 
poggiava pnma e appoggia u^j 
Orni- lUi clima tu scontro che 
manda -un inessagg<o mollo dilli 
ciiedacomiuendereagestero- 

•Non mudo caMdIte tal fliv* 

lldiscotsodelftodipoliiicova a 
segno & alza dado plàlea un pK 
coh> imprenditore (che poi con 
tessera di essere -un amico di Oe 
mente Mastella- e di avere volato 
Ccd ma che adesso 4 un ^ in 
cnsuevsralsapereseHllieKatt’O- 
neeunhano-diProdi gli dà la-sicu 
rezza- che cerea; e duede cosa 
può prameOere aJI balia- il ptoles 
sore che SI 4 oleato con ilPdsche 
ha demonizzato Berlusconi e non 
4 stato praposgao •Ptoinesse'’ lo 
prometto solo ciò die a può man 
tenere- 4 il pruno dfondo a Berlu 
sconi -Ole io - risponde il candì 
dato leader - non ho mai demo 
razzato Ho sempheemente dato 
che non era capace IniaiUo per 
chè non aveva la squadra- Prodi 
Hurece la squadra I avrà (e sarà di 


viale iciiuaai CI K 11 c Ile cjij 

del convegno i perche la politica si 
la anziiuiio con una s<|uadra- -La 
mia 4 un 1 inc«>dok>i3i i rovesciata 
e) non mando (.«vsette in giro co 
me fa il CavaliirG Prodi monterà 
sul puOmàii vmggcrà |>er I Italia in 
conirerà la geme per confrontarsi 
edisciiiereideceprogrammi -Che 
sono le Idee e i programmi della 
coalizione c del governo che prò 
poniamo per il Pàesc futuro- spe 
ctfica II professore per fugare dubbi 
di guanti temono troppi condiz« 
nameriti da sinistra Impresa scuo 
la iilorma dello ^aio solidarietà 
sono I pilasiti-diquesio program 
mache ha -le radei inciOche pen 
so e che vado dicendo coerenie- 
menie da decenni- Non come 
quelli che -25 anni la mi cnieava 
no dall estrema sinistra dandomi 
del reazionario e adeiso sono luni 
nel PolodiBeiluscoiii- Lispirazio 
ne culturale Ji luiidu del professo 
leèlacoiKOiTCìiza clieepoiles- 
scnzci del mercato piultustochele 
giagulatone sul liberismo -Questo 
Paese soffre per assenza di concor 
renza La concorrenza fa bene alle 
impresa ma anche alla politica E 
IO - spiego - ho opeito la concor 
ronza politica in questo Paese- 


'ftvn I [eacier dei Pds e Rifondazione insieme al corteo antirazzista 

Massimo e Fausto, divisi dal «comuniSmo» 


D'Alema e Berlinotli litigano di santa ragione sulle pagi¬ 
ne del Manifesto, ma vanno in'-ieme m corteo contro il 
razzismo -H Pds non vuole il pluralismo Massimo ti 
considera nemici» «Caro Fausto non ha senso rifare un 
partito comunista, ci vuole una sinistra della sinistra» 1 
due leader tn polemica su tutte ie principali questioni 
politiche Ma forse alle regionali non mancherà qual 
che accordo «Localmente il dissenso è minore ■ 


«LBinroiLHis» 


ai ROMA Mussimu 0 Alirma 1 u-x 
iiimunLsld- clw non hò mai rinne 
gaio II suo p.L-isato E che proprio 
por quello al momento della sua 
(lezione fu indicalo come il piu 
aliano a aindurre lino in tondo 
liiiKnto di siumunisiizz.iro il 
maggior iinnlto della sinistra Italia 
iia avvialo da (X-chblo Fausto 
fitrtiiiiitli die in foiidri -comuni 
sia non lo ò mai sialo oggi atroc 
laUiiiisienK aCiwsiilla .idifuiidc- 
i( le ragioni di un pnrUloche il ■co- 
iniiiiismo- viiiTclibe -ntoiidarlo- 


DAlcmic Bcrtiniilti «(insiliileo 
miinismo tiri alno-IniuuMMitos 
vidcll-i poliiii-i ilaliaiici 1- limili 
lo |)Lil)lilK<mu>ni( il scgiii.uKufel 
Pels in (iii.ihhe loceiile «xiasaVK 
luibhlii 1 gii.url.iU III 1*1 liial 
(ieiimoili ihe<iggi|xi il mio io 
niimisiiHi i' ix zzciftti.iio ni h 
menile tulio il (leso degli m mh' 
iiiiioiix <k ll•Inlxollll>l 1 lM u> òli 
masloMilk nostn spilk Noiilic 
iiiKlIa laki 1 iii.itk lk> s 111 mimi 
disposila Ingiuria ilei Inno m pis 
s.iia,e I iik a di alia pia gi.iaitc lop i 
linitarkHklhsinisIra 


Il «fattorino fi- 

y le sono cantale P Alema <■ 
Butinnlli dafk-iototim del *fUtiz 
Axii) negli ukinn due giorm -Il Pds 
considera msoppoilsbie che Ri 
fondazione falcia vaiere una sua 
vtea della jioliiica e una sua pro 
ptiaiapac.àriiinicivxnlo- pn4c 
sta P uisU) -Vuole supetare il pki 
ralisnio AstnisIra-uncdialarlOM 
- c considffa nemici quefli che ki 
vogliono far vatore- -Una messa al 
binilo della parold tiununisli - 
hpka M<e<unM~L>i>razx»M di 
«iLuii’tliciochiamouii faltmino 
K i.in libi inaccpUatulc pd noi e 
IH-i la nostn base- DAfemaduo 
(li suiti ucooare I invtlo di Beiti 
notila depiinr Ir anni actascule 
le siiiza--giàesiuixiv Ma pix sa 
giti duro -Non vrd» la piospelliso 

ili un iiarliloiunninisl infond iUk 
■ kc pur assi itendo cIk e lUiopi 
nirmeihe itoti imlcndediimiioi 
R FiioJiidileiKk ipniwcdmKnh 
Uisiiplm DI cunlto i bbbk- si na 
loir Carpi'' Che igi betti dobUaito 
rispuiHlcre agli ncnlli - n|iici 


Hàssiino - «e uniMcqjretaznne 
un po Inicc BerimoHi non sub 
sapetnedi un MIcanza diceouosi 
nma msteme a Prodi'E propone 
setninai un ^Mtlu di reasienza- 
conno le desueto Aleuta ossetva 
satcasuco «écomeseperlennare 
I iraetcì^ Roma Miano et a mel 
lesse n mezzo al binano Sarebbe 
un suicidio Un suind» comico 
Piopnononlovuolcapiie ileader 
di Rdondozene che croi magglon 
•ano la 4ida tm luUi è goswniare’ 
C non Ua «hi goiema e chi rea 
sti-' 

ConfUtto iRàaniHle? 

No Fuasto proprio non vuole 
caputo ^ ostina a parlare di -dUcr 
nativo non di akemanza Di an 
laqnnisnto- non di-nfonnisnio C 
di inenere il suo radicalBiio al sor 
selci di una -oimslta della snusba 
cnmpiimnir -iitde e vuluosa di 
Ulta forza uiiitarsi -anudotuconuo 
k possiiiild di una deriva modeia 
Li* - come paternamente cunsqgia 
M ivHinii - non ni sxiok> sapere In 
tondo non 4 un idea nuosQ nella 
■quena Ua i due Qu si ticunla 



qub tonlano coiiss^ino od Ariccia 
ikI lueiiu cleka lenipeMa dellfi 
•witia dri IVi quando ira D Ale 
ni 1 - svoUista sciisiiik <ik rsgiuiM 
del ni>--r lì(.ilirai|li'ripiù nuo 
vr^ ràgli o|i|iosikiii di Occhetto - 
semtuasa reocrala la sciniilla di 
un amore unilanii Le cose txii 
sunu andate dnervimenle C Fau 
si» c stalo m 1 ras suro all ^aii 
durai (k bigrau (piando blonda 
(k una analisi liirapessimisLi della 
nu ilalian i - la «assnizzaziuiir 
detto masse-- - la «iieicifi sembiO 
al teader dbla iiumiranza della 


Cgif un pnigcrio sbiglialu anzi 
dannoso pci la siiuclra Conlraddi 
zxine insanabile' ConlUtio senza 
(loSMlxlita «li mcxliazKinc' ’ 

tawl o m o tal corteo 

Glissa torse ò pierslo per dirlo 
Ieri ixmicrgRio Mxssimo e Fausto 
hanno latto insK me I ano accanto 
all altro tulle ilcoiiioclicha olirà 
voisalu Roma coruro il razzismo 
Un iitln patkiitare smtim e streile 
di mano «XI unti -niiliianli slupilie 
ineuncisiti Che cc*sa si saianno 
dc'tii' Avranno -latto pace-"’ Per i 


Occupazione oenza mitauiU 
Poi Pròdi toma sui nodi econ» 
mici La preoccupazione 4 cfw in 
un contesto di economia reale po 
siiivo 11 sistema pditeo non sia in 
grado di cogliere tutte le opportu 
lillà che la crescita in atto ol^ per 
realizzate il nsanamento e creare 
le condizione per uno sviluppo du¬ 
raturo Nonostante la tempesta 
monetane in atto aecondo Prode 
la npresa economica m corso con 
feima lune le propne potenzialità 
sNb 19^ fa crescita db reddito 
dovrebbe attestarsi come previsto 
sul SI, in luna Urea dei paesi svi 
luppali- CiO giazie anche alle n 
doiie tensioni inllaziomstiche cui 
ha contribuito la moderazione sa¬ 
lariale dei sindacali Resta dram- 
matco II problema dell occupazio 
ne sia per effetto delle nslrultura 
zloni nell industria e in agricoltura 
ma anche per le espulsrom dal ter 
ziario che prima assorbiva mdni> 
doperà Ma averte Prodi «non ci 
sono ncetle miiacolisliche- È ne¬ 
cessario agire su una -pluralità di 
tósff daOanduflonediotaTOesj 
lano come si sta facendo in Ger 
mania ai programmi formativi e 
agli invasumenti in grandi infra 
snuilure come propebo dal Rane 

diJrcquesDetors 

ewtlniW 

eO'Mwnsi 

4lc4rle«Mntn 

Qenliia 

eramaaniranu 


giiotnalisti poche battole Sullag 

f issione di Berlusconi a Sallaro 
Alema si limila a dire -ha ragio 
ne PixkIi - Prelensce nievare sod 

disfallo che -questa è la pnma 
grande manifestazione in cui il nu 
mero degli immigrali è quasi ugua 
le .1 quello dei ciitadini iialiani» Si 
balle per i loro dintii Massimo E 
Fausto annuisce lo la anche lui 
No di grandi questioni politiche - 
dice il leader di Ritondazione - 
non hanno parlalo -MaquaniJoci 
sono in gioco valori Ioni cornee® 
gl tolto il resto va in secondo pia 
no Forse qualche accenno di 
set» lo 1 due I avranno fatto alla 
possibilità di accordi elettorali in vx 
sla delle regionali Questo perora 
è I unico -spiraglio- -In citta e re 
gioni - dice Fausto - i nostri dis 
sensi non sono toni come sulla 
prospettiva nazionale- E poi -Divi 
SI M vince'- disse contento 0 Ale 
ma a un contento Beniiioiti òopoi 
successi dello ammiiiislnilive di 
novembre Per il .momento della 
vetilà- quello che diràthi governa 
nulla ceancoraun po dilempo 
Non troppo però 


t 
















' k** • 




S\«,1 


iSl 

, . ...■»••>,» 




La Procura torinese indaga sulla diffusione di notizie false 
dopo il risalto dato al «miracolo» del giovane uscito dal coma 


respiralorfaitilicidle I Irka siOrtò di 
-miracolo msomma che in lealla 
non è mai aiveniHopeithè la deci 
sione di slaccacc la spina lu piesa 
dagli stessi mediri proprio perohé 
le condizioni del ragazzo etano 
migliorate 

Il resoconto che m. ofinrono i 
giornali ilaliam tu di torte nnpallo 
emotivo e si nuln tli banme che 
sembravano prese pan pan da un 


La magistratura di Tonno sta indagando sulla diffusiu 
ne di notizie false e tendenziose L inchiesta segue I e 
sposto presentato dal pnmario dei reparto trapianti del¬ 
le Molinette di Tonno Mauro Salizzoni il chirurgo nei 
giorni scorsi aveva denunciato il -blackout" delle dona¬ 
zioni all indomani della notizia (proveniente dagli 
Usa) di un giovane uscito dal coma profondo appena 
staccato il respiratore artificiale che lo teneva in vita 


a morto 


sp«g<iZK)nc ti c 


poeti Ifivenlwiinsvigaiofi è cello quali i bugiagli (57“ uominii 

Litciunobugiardidtilapiùbellac mniiuDu per insicureua l 32 ) 
qu<i >781110 che abbiamo avuio |ier non afinmtarc la realia 

nonpcz.hedifllcc^i8aindMduaiei (2341) |X‘r itoura (1(3811 per 

alniboli uiiuali della sinceriid'dico non sttronUin! li Inllimcnio 

Vera Slcpoi presidenie della Pedo- (llj i E voto che si inenir pm 

razione iialiana degli psicologi U da bambini e da ragazzi (48 Si 
sua nasoriazionc nuniia ler a PI dai I2ai 18 inni) madanchevero 
lenze in convegno ha lealuzato clic dopo un rnpius di sincerità 
noi giorni scorsi un sondaggio ira peicciiiualc tra i 2U e i 27 anni 
430 psicologi e psicoierapeuti Ila (163 ) si ncumincia allegrameli 
nani sulla menzogna in psicoiera tedacapo ( Ì82' trai3S-i3annii 

pia Tia le auro domande ce nota pietereiido le omissioiii (S2Sui 

una per la composizione di una alle bugie sfruniaie vere c proprie 

doppid loplen dei peisonaggi (472 ' Awtxaln287 j medici 

pubblici I plA bugiardi e 1 più sin (20 1 assziiramn (1*2 1 at 

ceri Un veloce riepilogo dei risulla ton (15J ) c commercianti 

Il I -iiasi lunghi per antonomasia (121 ) guadagnano la pilma di 

sono-lady golpe-Donatella Di Rei Pinocchi per ccctllenza Nono 
sa ("un volo e proprio delirio il stante la -vos popiili -1 giornalisti 
suo-dicelaniolivazioiie) Albcrlo restano.il|)alodei3' Nnnsiinen 
Castagna («di mentire se ne valila le per carallcie ni» piuliosto per 
addirittura-) Bellino Craxi Fran mcxlelliculturali l'’7 4 i 
CC8CO De Lorenzo Mike Bongzxno Avevamo (pensalo a questo 
e Malto Palmella («bugiardi senza convegno ancora prima di Tan 
rossore*) Gianni Boncompagni genlopuli-dzcVcraSIcpoi-per 
sonito a mola dalla sua creatura checi -j.ivaiTio rendendo conto di 

Ambra Angiolinl Giucas Casella un clima di oi"i-.sione i di bugia 

Rocco Buliiglione (bugiardo per legittimati < collettivi Anche 

chf «(Mima osteggia Berluseoni e adesso Impressione è la stessa 
poi divcnlB suo complice*) (dm Gli il diani non sanno aflronlare la 
bretia Ftimagalll Cornili Rolrono realtà le diltiisrlia a viso aperto 
Maroni (-non spiega mai le scelle Menlono|xtché fi piu facile menti 
che compie ) e Antonio Matarresc roche diro laveniàeassumetsiro- 
I-do|Xj Marassi continua a dire bu sponsabiliKi- E/a la Ime degli anni 
gle come se nulla losse-i Cc nc sessaiiia ((uando Calorina CaseHi 
quindi uopo iiertiitli inlulliisc‘l cantasa-la venti li fa male laven 
ton Sinceri appoioixi invece Ren lA mi la male- impersonando una 
zo Arbore Mirln De Filipin lex donna che questa venia la voleva 
mmislru lughisla l'aglianiii Enrico tinolmcnie diro Ora le cose sono 
Meiilma Umberto Eco Uciano cimbi.itc U bugia dirigi fi diver 
Klsimli a sorpic-vi 11 -nulo E/nilio su ris(ieilo -il (lassato - dice Slepoj 
Fede ("il suo .imoic per Berlusconi - («ullcisioche una slidafi una al 
fi di una sincenta cnst.illiria i Cd ler.iziore della tealla per giiistili 
tenne bimal. Irint Pivelli il c ipo caivi dittnclerti (xr «cancare te 
gngipodi Foiz I Italia VinnrKiDoili rcspiiiwabilH i 


1 Renzo Arbore 1 Donatella Di Rosa 

2 Maria De Filippi 2 Alberto Castagna 

3 GlancarloPagliarini 3 BettinoCraxi 

4 Enrico Mentana 4 Francesco De Lorenzo 

5 Umberto Eco 5 MikeBongiorno 

0 Luciano Rispoli 6 MarcoPannetIa 

7 Emilio Fede 7 Gianni Boncompagni 

8 Caterina Spaak 8 AmbraAngiolmi 

S IrenePIvetti 9 GiucasCasella 

10 MonicaVItti 10 Rocco Bottiglione 

11 MarinoBartoletti 11 0 FumagalliCarulh 

12 Stefano Tacconi 12 RobertoMaroni 

13 Marta Marzotto 13 Antonio Matarrese 


Gli pdcologi: 
«L’Italia? 

Un paese di bu^aidi» 


Pale S NO SIH A acOAZIQNC 

■UMNNJk «MMaòiyi 


■ RRWr Mtntiremu anciori 
Aiiconesempre Protetti dalla sto¬ 
na cho ci vuole popolo 'Sulla di 
icnsivB" cosiroiio a frunicggiare 
anche oùiquamente invasioni e 
coliiniziazionl dal sistema poliiico 
cho per lami anni ha fallo strame 
dalle corrane 'legole del gioco- È 


Maniu) lìiifulctli SKManuTutimi 
Marta Marzotto 

•Purtroppo dico la duuorossa Sle 
|xi]-lusudellamcnzogia anche 
della semplice omivsioiit èdivon 
lato 111 lialia iinu mia di comporta 
memo- btntbriiiio darte ragiono 
gli eltri dilli rocculii dagli psicologi 


IWgllW 


DACIA XOSTn» BEBAZiONS 

■HCUM RSaMIISiO 


■ TORINO -Oiurnalisli atlanti alle 
notizie falso 0 tendenziose» Ikon 
sigilo pane dalla Procura presso la 
Prcliira di Toiinu Enonfiun invilo 

E hiitii perette nport.i in quoto 
iiiosa discussione tra Informa 
zionc e valulazKiiie delle nolizic < 
snpratutto la veridicità di qtieste 
utilme E che chiama nuwameiile 
11 ) causa III deontologia della pro- 
losslonfi giomalishca II suslilutore 

S rocuraiurc della Repubblica 
lorgio Vitari ha infarti aperto 


uiiiixhiosla SII servizi diflusi dai 
quQlidiaiu iiiliaiii venerdì 17 leb 
braio scorso c he hanno interessalo 
li nsveglio dal coma del venlunen 
nc americano Jotm Mimn (r nco 
vcniio di due «itcmane in una 
stanza del -Mann General Hospi 
lai- di 8.m rtancisco per un grave 
inctdenicJtadale Unnsvogiiuche 
avrebbe cokicoo secondo le noti 
ziepiibblxate con una sofferta de 
cisiono dot gctirton di >5181X810 la 
spina- di sospcnlere lutilizzo del 


copione cineinatDgraixo -ri vo 
gliobene» npefecontinuamcntela 
mammaJuItcChnsIiite menileiie- 
nc slretUi Ira k sue fa mano del li 
glio -anchio li voglio bene- i 
s(teinde imprDVMsamGMc John 
Martin ir tra lo snjpnro generale 
Due giomidopo 8 gwvoiK sta tx 
ne guarda la teltvroone e chiede 
una maglia con I immag ne di Tom 
Hanks. tl protagontsla di Pbntsr 
dump Lamadrefilospecchudel 
la fekits e dice ah» fi vomc se 
fosse imato- 

I giomali Italiani parlavo erro 
neamente di-mirai okx npiopuv 
gccio scnzapensoiciiioiHioMi li 


coniroveisa quesunne del 
sia I giorno dopo t enoro 


delcutana 


slicuiisuluichuro Maesòlo/Ui» 
M a corrcgeie I itifeimazionc (ck> 
laconunnkrvuinusuolp un riteia 
pagine e I apertura dd suo secon 
diria-xteolo) Ma ceno non basta 
A lame le spese sino le donazioni 
dioiaaiB In piteta gionn SI R^ra 
in Italia una fortissima coniiaziune 
delle dnnazioiu la moggiorjiiza 
dtM'Agiuiii diu-izle»ii III comi 
nliiil»lcspur>iii<li-gliun)ana Dexi 


•oom die hanno I edetlu (eiribile di 
emulale latiMià delie camere 
operatone 

Odi aflaime si è (ano interpicte 
nei giorni scorsi 4 roqwnsabile del 
la divnnne trapiMi di Segalo delle 
Moiineoe di Tonno Mauro Salizzo 
ni {Meoccupafo daBj raSica di n 
qiosle licgatneche hanno accom 
(•agitalo nell ultima seitimana la n 
chiesta di prelievi in Pwmonie 
Mercoledì scono H immano im 
prcwvisaiosi dcteclme in proprio 


Elig a Ksoni/Osnirasts 


denuncia 11 viUiazior» e in panico 
lare il falso scicnlilxo del risveglio 
dai coma im.vedibile 
£ una reazione a catena messa 
in molo da uno scoop* artificiciso 
che aggira disimolianieiiic un lon 
damento scitnicaiitenfe provato 
spiega il chirurgo I impossibilita 
cl<e una |>ersoiia con encefalo 
gl mima piaito si nsvegli Quando 
la macchini non regsira attivila 
cictinca aggiunge ce una sola 


non rvtvra mai più Del resto gli 
stessi medxi amencani ricorda 
ancora Salizzoni hanno dato del 
I accaduto una spiegazione bana 
le quanto efficace il coma non era 
irreversibile e dunque il risveglio 
e in questo caso evenlo fortuoo 
so ma non raro La gioia inconirni 
lata dalla madie e comprensibile 
ma per John Martin si deve parlare 
solo di nonnaie decorso clinxo 
nondimiracolo 

I danni di queste mioimazione 
sempre alla ncerca del retamoro 
so-’ Enormi dice sempre I inleivi 
stalo «perché in mancanza di una 
legislazione sena iiiapianiivivono 
di emozioni* A sosterò della lesi 
racconta lepisodio di una madre 
aiiranla che minaccia il sucldio 
per aver concesso I espiamo di or 
gani del figlio morto un mese fa Ed 
ancor.i Nel suo tefiaflo la depres¬ 
sione dei pazienti ha raggiunto li 
velli enfici appresa la notizia di 
San Francisco una giovane di 28 
anni pugliese in attesa di Irapian 
lo SI é chiuso in un mutismo totale 
Conlzla di aver perduto c^ni spe 
tanza 

len I ultimo allo la denuncia 
puùilica del chiru^ si è tramuta 
IO in un esposto raccolto dalla ma 
gislratura lonnesc che conf^ura 1 1 
poiesi di reaio di -diffusione di no¬ 
tizie lalse e tendenziose alte a tur 
bare lordine pubblico- I sesvizi 
pubblicali dal giornali ifaliam per 
altro avrebbero enfatizzato una 
notizia accolta con cautela dai 
mezzi di inlormazioni americani 
In oro|>osilo il piemme Vilari ha già 
acquisito i -lake- lanciali in rote 
dall-Asscteiated Presse- che pnv 
verebbe 1 avventatezza dei gioma 
Imi iidliani nel dillondere ilcoso di 
San Francisco 


in Italia 


Domenici 2b febbraio Ì995 




ROMA-PALAEUR 

SABATO 11 MARZO, ORE 16.30 

D’ALEMA 

OCCHETTO 

















Domenica 2G febbraio 1995 


•Si 


in Italia 




i Unita Pcifitnd 


9 


L’INTERVISTA. 


Parìa il procuratore aggiunto de! processo Andreotti 
«Vo^iono ridurre Cosa Nostra ad argomento da salotto» 


■ PALERMO Si sIa perdei\do 
qualcosa sul Ironie della lolla alla 
mafia Si perdono loizc c •a perdo¬ 
no entusiasmi Guido Lo Porle 
procuratore aggiunto a Palermo 6 
peoccupalo e non lo nasconde 
•A piu di due anni di disianza dalle 
stragi di Capaci c via D Amelio 
quella coscienza della gravita del 
fenomeno malioso che era acqui 
sua in luti Italia sembra che ormai 
non CI sia più’ l*o Porle non vuole 
insegnare il mestiere a nessuno 
mi una sua riserva di fondo vuole 
espnmerla -Nel mondo dei media 
nolo una pieoccupanle lendenza 
ad assecondare tenlalivi di bana 
llzzazione c di riduzione della ma 
ha a fenomeno folkonslico Sem 
bra che la malia stia divcniando 
bonalalco Un argomento da saloi 
to quasi inventalo chissà perche 
da magistrali e forze deli ordine» 
Apriamo una parente^ che puO 
servire a inlerprelarc meglio le pa 
rolc iiunichede! pmcuralore Fac 
Clamo un esempio prendendolo a 
prosino dalla cronaca di questi 
giorni dal processo Andreolti SI 
pud ndutre tulio a un <08010 ruba 
lo» a un «quadro astraile» e a un < 
piatto che non si trova»’ I media 
stanno riservando un insolito desti 
no al senatore Giulio Andreolti sol 
I inchiesta per mafia Mwi si può 
dire che stiano ignorando la vieen 
da Tuli altro Oi Andreolii si parla 
quasi all Infinito Pagine e pagine 
di cronaca commenti «analisi C 
anche AtkIicuiu quando viene in 
lervisiato In tv può concedi 
tempi di risposta compatibili solo 
con le «noli siop- Tulio regolare 
Anetrerjiii e famosissimo coll> 
qulale e ki nonzio Dalira pane 
1 Kcusn contro di lui 6 enorme 
clamorosd e sen» precedenti a 

3 uel livello nella recante stona 
tlalia Provoca invece perplessità 
Il (allncho lune le accuse della Pro 
cure di Palermo conilo di lui wano 
ilmosse eleganiemenn appellile 
Vediamo 

Non SI ernia nel mento delle ire 
riunioni alle duali I ex Potente dolla 
Prima Repubblica avrebbe parteci 
IMtn in rornp igni i di Ixns e qrega 
n di Cosa Nostre la prima alla vigi¬ 
lia del dtriIHo Mailaralla la secon 
da ai) Indomani dell eliminazione 
del Preudonle della Regione Sici 
liana la lenta in casa di Ignazio 
Salvo Non ci si sbilancia sull evon 
tuale aggiustamento di processi in 
simonia ccm Comido Carnevale 
Non viene degnalo danenzionc 
quel niraito della «oiromc an 
drcuiilana* in Sicilia paragonala 
del maglairaii a un auieniico porri 
Ki o Minqiiere SI dlmenitca che 
Andreoiii SI e irlncerato dietro una 
sfilza di bugie (alle <bugic dell in 
dagato- I giudici hanno iledicaio 
un mioru paragrafu delle loto ine 
monej quando si e nutlalo di nco 
mniirc i suoi vi^ in Sicilia su auto 
blindale e aerei privali I pentiti che 
lo hanno chtamalo In causa sono 
scomparsi dalle cronache Nessu 
no paria piu di Buscetia o di Man 
noia di Leonardo Messina o 
QIOMxhtno La Barbera <ti Sahalo- 
re Canccmi o Vincenzo Marsala 
Anlonino Calderone o Giuseppe 
Marchese o Gaspare Mutolo, a non 
voler ricordare gli altri giunti in se 
condd baliiiia Vale la pena ncor 
dark) Inlulalc soiiodtcldSseRc a 
oggi gli ex uomini <1 onr v che 
hanno messo nei guai un uomo 
polilicu con un curriculum fuon 
dui comune Tantissime accuso si 
dird non fanno una prova È TOto 



«Tropi» sopia Palermo» 

Il pm Lo Forte: rischi per inchieste e pentiti 


«Stanno nducendo la mafia a borotalco armento da 
salotto Si mescolano notizie vere a notizie false, notizie 
inventate Gli eFfetti della divulQiizione del dossier Di 
Maggio ^ Gravissimi £ stata messa a repentaglio la vita 
di pentiti e di familiari di pentiti t stata messa a repen¬ 
taglio la vita di ufficiali dei carabinieri Intervista a Gui¬ 
do Lo Forte, procuratore aggiunto a Palermo, urto dei 
tre pm del caso Andreotti 

OAIN08TSOIWVI»TO 

MVMMMMM 


Paterno, Sergto Mattarella 
ascoltato dal giudice Scarpinato 

I •norovol» torti. Msuamlb u stato ascoltalo, reti matUns a Palormo 
dal loaWvtopiacuiatur» Ratorto toaiiditate, uno dal maglatraU ts» 
coitduoMailaaMaMaaulpraaunnraeporUlraOlvilaJkMraontalboM 
dalla malia. RMlarallaa alato aanWo naila auaquallla di a< <4e« 
aHrelarianaiianaladallaPe-NcIlpqiiioadimriockcaiatsraa.aila 
flna.ll|>p(*iia)rtaiali.praMlan«nt«ffannBfalaulntatlvedalaii» 
SicmrtivmlllludkatoBpliiato.-Elapniaaeiuionadlimaawladl 
hcaoM ^ tMiU con I magMitl a PBlmnw - ha dallo l'asponanta dal 
Ppl.rlapoadandaaaadgniandadalgtomallall-ab>coramantananae 
wanobolontiranMladlqaalalndBeimaonoatatoliitaiiogato.ma 
aachaaalaaaeoariiianvatoilral'' tocomdoquanloaiapoiaapiaso. 
tofgtoManareHapotraUoasaara alalo aanWo par fondiaohlarlmantl 
aidia eiraeaaara ralattia agl orgMgrvnml. agUaquIilM a ai 
macawtonlManlalabomocraila Cristiana palannItreiB.natlianRi 
toMamaBOHanta-Karatladall ea llwlma aalcantrodallailvolBiSgnltf 
IUaaecMioRamdno,ll prima panOloimmcD nona storia dalle htchleota 
anrimafln Pamibio. doibilladiCR inquirenti II -nuovoBuacatta-, ha già 
parmaaso di ncaiirvire uno scanario knoraaalonaita; par anni e anni. 
MortpazzldatoDcalclllanBhannoaMeultoglloidlnidtfN-iiomW 
d’onare< 


Come d alireiianio vero ch« can 
celiando le accusa diventacunoso 
tolleciiare i pudici all esibizione 
delle piovi Ora Siamo in presenza 
di un fano nuiwo luiriizzsqionc 
strumeniale del <dOisier rii Mag 
gio» Otitflic’ lelefonaic dello «can 
dalo che asrebbero dotano dimo¬ 
stralo I iitaffldabihlS di uno doi lan 
(I pendìi che provengono dalle fila 
diCosa Nostra 

Dottar U Forta. tornano I coni 

noi dal d talannoT 

Mi auguro proprio di no Tuttavia 
in questa vicenda <1 ripelonu co¬ 
me m un copione già senno mcl 
le Laraileristichc dcl<aso Conlor 
no» Innanziluilo la Ionie dcHle no 
lizie messe in vacuilo è anonima 
Siamo di Ironie a una prospeUa 
zinne del lutto tuorvianlc delle 
modahia di utilizzazione del pen 
Ilio Di Maggio come avvenne per il 
IK-nliU) Comomo Una ptuspella 
zinne luorviante preparala ai 
giorni nostri con un collage pri 


madiiesii epoidiirammeiiii os 
sembiah in modo da provocare 
una suggestione negais/s Dove 
vano apparire Irregolan i compor 
lamenti del peniiio e degli organi 
invcsilgalivi Come lael caso A 
Contorno si voleva c teare una lai 
sa immagine di Ch Maggio quella 
di un peiKiio con licenza di leirlo 
naie andarsene a spasso pu i 
paesi dd palertniiano continuare 
a deimquere e magari uccidrie 
fntomma un perniici inaNrdabile 
Tetuedo Cantemo a ambr a un 
iiniasma riteneiid dsU'anU 
mrfa. A auolempo, li sua ilqria 
renna umiliata da alcuni glw 
nuN pai dutaglUlmira QlonunI 
Fattene • maiinl Pa Baraiare. Il 
creso dalli Crimiralpol che ava 
«a Contorno lotto tutela. Oggi 
l'attacco non t seta a U Mag- 
gle Slawtria resataaiaii gran 
TCglla di poMrana, di conttril»- 
sa dalle carte, la prepansiana ri- 
cenema ai depiMgg) che ala 



line sterdtteerto la gente fecen- 
de perdere di «Wta gli ugonanU 
luiemiei- SI naraprieano I feW 
teeep, la antldpnzlenl elamere- 
aa. Indlaciezlerd In asclusire. t 
en quadre «latto, dettar Le far 
to? 

Posso dirle la mia unpresssone 
Le^ sempre piu hequcniemen 
le Irjinmcnii di nnozte vere me 
scotoli 4 noitzK delormaie o ad 
dniura tolse E pon«i presumete 
anche invemaie L «Reno potreh 
b« essere quelo di creare una si 
hiazionediconfusione Mi auguro 
che nnto ciò su solo casuale E 
mn sta mvece la manifestazione 
A un disegno volto a destobibzza 
re le imcsligazioiii della magistra 
tura e delle forze dell ordine Con 
quale obbietnvo’Pasaamoimma 
ginare cvilic i itstduii catcìeb e 
positivi raggunti nell acqutsizo 
ne delle piove su Cosa Ncóba sui 
SUOI lapponi iMenu sulle sue re 
Idzwni esleme Pntprm in questi 


gionti ho incontrato un gtomalma 
francese U ha dello Che nel suo 
p-iese I quotidiani scn non avreb¬ 
bero mal pubblicaM coite anoiu 
me (>je»c carte le avrebbero 
pubblicale solo fo^i scandalistici 
Insomma le forni devono essere 
renficale in maniera tale da et Xa 
re di dnenlaie sUumenio di depi 
«laggiedisuilonnazione llgioma 
lisla deve anche andare a cacci» 
A noUzM nseivaie deve tare Usuo 
mesliero Questo non mi scanda 
lizza Malesuefonuledeveverili 


c tre sino in Jondo non deve limi 
laisi nd nssorbiie vchm. u ad ac 
cenate indiscrezioni a scatola 
chiusa 

Bana. Clag. mala Può drcL 
adesso, qual affetti ha prcnoca- 
to la diftoslooa dal -dossier Di 
Maggh»? 

Eflcili di ogni li]>o c unii pemiciD 
ci liinoTizilullo e stala messa in 
giare iwiicolo la Mia di tulle te 
larvine che sono siale indicate 
nclk iniercellozioni e che hanno 
.ivuU) lapiioili con il pentito Per 


capire la gravila del pencolo se¬ 
condo una precisa regola di Cosa 
Nostra lutili conoscenti gli amici 
I parenti i lamtliandi un collabo- 
ralore di giustizia hanno I obbligo 
di isolarlo sineniirto conlnbuen 
do d distruggere la sua credibilità 
E questo è ì unico modo che han 
nodi salvarsi lavila OracheCoSd 
Nostra sa che c erano persone 
che non solo non avevano isolato 
i! pentito md anzi avevano man 
tenuto coniditi con Ini o con i c-n 
r.-ibmicii impegtidU nella ricerca 
dei laiilanii quesloèunelemento 
piu che «ufficiente per una con 
danna a mone In quak ho modo 
è una politica preventiva nessu 
no ea ma^iorragione in un am 
bienie come quello tli San Giusep¬ 
pe Jalo può permellersi il lussodi 
slare dalla parie dei collaboratori 
dello Sldlo e non dalla pane dj 
Cosa Nostra Andiamo avanti è 
siala messa m pencolo la sicurcz 
za di ufficiali dei carabinieri iinpe 
gnau nelle indagini per la cattura 
dei lalilanli in particolaredi quelli 
che SI avvalevano della collabora 
zione di Di Maggio Per Cosa No 
sira il bene piu impoitante i la si 
cuiezzd dei Idliianii c sopraiiutto 
dei capi Sono «lati UCCISI in pas¬ 
salo valorosi Liflicidii di polizia 
giudiziaria Esallamentc per que 
sto motivo monrono il vice que 
viAe Ninni Cassare e ilcommissa 
no capo Beppe Montana 
gito un Ipntatfeo ilecMo «ito, o 
qualenaa anche 41 pUi (mmadto- 
to? 

C ò un secondo effetto gravissimo 
della divulgazione di quel dossier 
Sono siale bruciato preziose iiilor 
mazioni che (carabinieri erano fa 
iicosamentc nuKiti ad acquisire 
La divulgazione del contenuto 
delle inierceilazioni telefoniche 
la divulgazione dell ideniiiò ^fle 
persone in contano con Di Mag 
gin ha susciiatcì una reazione im 
mediala sono stati abbandonali 
COVI accantonate simiiure loglati 
r-heche magari sino al giornopn 
ma della divulgazione di queloos 
«lor arai» obiliidlnii iiK adopera 

libo» Il 1 111 Fili Mi UH Itipll 

calivi valanghe di cuiiiruiiiisuio 
contromosse nel leniaiivo di rifar 
dare lawicinameiiio delle forze 
dell ordine Boss e soldati dalla 
divulgazione di quelle telefonale 
ha Di Maggio c genie di San Giu 
seppe iato hanno avuto lacertcz 
za che gii investigatori erano riu 
sciti a sinngere se non accora a 
chiudere parecchiceichi 
Cufit vm che quatthe gtona 
la Ctevrenl Bnitea ala a rhiactto 
a afuuira alla cattura a Milana. 
E prepito Bruca era nel mirino 
dal canbhdart, coma ilaulto con 
chianzza da moHa delle tolafe- 
nita Intorceptata A DI Maófo- 
Quaata voce ha un fon da mento? 
Sul latto specifico non ptisso e 
non voglio esprimere valutazioni 
Lo ripeto gli efieiii generali delia 
divulgazione anonima di quel 
dossier sono «tali esattamente 
quelli che te ho elencalo sin qui 
Éd è bene ncordarc ancora una 
volta apropositodiiulidlavicen 
dd che ilcompurtamcnioclell Ar 
ma dei carabinieri e sialo assolu 
lanieiile iiasparenlc e di altissima 
profesvionalilà Hanno assolto e 
stanno assolvendo a iiii compilo 
rischiosissimo e di «it-ioidinatia 
imporlania nella lolla contro Co 
sa Nostra quello della catluiu di 
gli attuali capi dellorgariizzaziu 
ne 


I giudici di Bologna motivano la sentenza sulla strage di Bdogna deH’agosto di 15 ^ni fa 

«Ecco perché è stato condannato Fìoravantì» 


l.d Strage non si confessa Lo scrivono i giudici di Bo 
logna motivando ia sentenza che condanna all erga¬ 
stolo Valerio Fioravanti Francesca Mambro e Sergio 
Picciafuoco per il massacro del 2 agosto 80 (85 mor¬ 
ti, 200 feriti) La sentenza pronunciata il 16 maggio 
94 condanna anche Licio Celli e Francesco Pazienza 
a li) anni di carcere, riconoscendoli colpevoli del de- 
pislaggio delle indagini 

_ pacca NOSTRA REn*2lONE _ 

«HHMAReiMCI 


• HOUXJXiC Uiui strdft come 
quell» dull-i slazioiic <li Bologna 
limi si tmik'dsd I iimmissimic di 
loljia 6 mi liivvo chp non «i |xrf) 
(lumctten chi ha cancellalo in un 
sol loliHi di« iiiv di vile umane 
Hi’iicte •dtfiiiilivamiTte cerio- ciò 
(ho può n>«iarp iier wmpri -se 
gnalii dal dubbio- -alloilUiiid a di 
smisnra In |ih>s|K'1Iivìi di liemlxi 
iiimrari- crea unii<tiKw.idin 
slimisubillia- < ho n lega gli nuiod 


della strasfin un uh),kIo<Ii iwim 
ineul wngoiKi tenuti non solo dal 
la piibbliCii opinKim- ma so|ir.it 
luiUi dai compagni A (lcliiizioiii“ 
r mime -peiirhò l.i siwgi <pn"4d 
«loigc e |>cr chiLiiiqiK uni-irdillo 
tropi») pcsnnie dii «osU mn sullo 
Uilli gli i«|ìtlti Md h (onIcssHiiK 
nonscrw<|u.nido toiiiro gli mipti 
tiilKi «tino l( prore cmO uiiarag 
guiirdeVok macs-i- di imli/i iimvv 
ci e lonveraoiill Ceco |»iche Li 


Cotte d oppeBri diSdognrhdCiin 
itonnolo ai! etgaciolp Vaimi lirv 
tdv-inii Frimcc«ra M-otibm c Vr 
g») Px.ci-'ifuoco .KxusAli A cucfc 
gli auton matenah ilei momacio 
cieiZagoslu SbfBSmorti) IgniA 
11 ki s{>icgdiio m 46C pagine di mn 
livazfoiii deposildli ini La senien 
zd pronunciala li ISmoiwo'anisii 
(onfenna sosldnzLilnicnle quelli 
cK I 17 kigòo 8B a-AOirenAi penV 
M-issnnili ino Fochiiii I ruAnovisla 
rei^i liassoto mrh imi inrduerso 
Jfi anni di indagiiii sulicversamc 
IMhuvaili ipu<)cltoP2lJcio(jcli 
• f-raiKctcoftozjcnza (tofxlanndh 
d 111 «Utili <Juarcete cuaeuito) coi 
laMill A gr.ivissinu luniativi A A 
pisiiiggui ileHe nid uyni Un imn» 
] in» ceso ci appelln coauliisoM nel 
{viglio ‘hi avxsniamellilululli II 
concLmiK» ikIullikIo to motiKc 
Li«(isld AUi slr<i^ 1 un apuli SI 
V» nisnink kto la a.nltn/a «r i sla 
ta ciivaflaln ilalto Supreirta ( otte a 


SezKmi penali nunile che aveva 
iirdutaloun nucrroprocevio 

•Una tobtta atrtofttart»- 

Le moUvOBcmi concimano il 
ruok) dclto «Uage eia queOo di pto- 
viicaie uiM «uolid «dUtoMana c «in 

liiIcinuirilK.d> Unodeghetemcnli 
AimivaprmLlpnlietosbbnloddBe 
Achuroziun di Massimo Spaiti 
mdiavilmii mmanu che pir anni 
■ ra sldtoi umiriiic A Vaki» Fiora 
vanii ( di «uo fratello Oishano II ri 
dgusbi Vaimi Fkiravwn gk chiose 
dixuioenti tolsi pe «è e per to 
Mambro «pi^iandnche temevano 
di esKie sidli nninu «iRa slazmvc 
Awe di Irovos Ilo vestili da tunsn k 
deschi «Itoivisinche Imito» cnm 
mento Valcm Le dxluarazioni di 
Spam «erivono i gindrci riianno 
trov vK) scfflpn c soltonto conici 
mi» Li Curii eschidi che i N.H 
1 ig^qipomcnHi hmitiMieo ehi 
Idccvdctpo vVdterm lausva Pu>- 


ravano lessero il veroobietiivo del 
Il maneme dd Stsini cncorda che 
subito dopo I operazioni, •Tarore 
«ut Tieni* il clou dm depc«lai^i lo 
stesso Semi «SI lireoectipdV» di 

precisare che 1 Nor dmevMio esse 
le la«sdlivamenrc esclusi dal nove 
IO dm scippi «ospmtab» I giud» i si 
«nficrmano anche sugò all! i fumili 
da Fiaravairii c Mambro c li definì 
«cimoreddicdliddlnull» osscrs,i 
no che »! aòbi costruito r dunque 
( riso d (òHcrenza di quello lallilo 
ha una sud vrienzd mdiztanlc» 

(IniotodfialN 

U parie fmole delle- moiiv izinni 
e dedicata ad esame delle fxisizio 
lu di Gl Ih FazteRza e degli uffii i ili 
'osmi fVòD Husumeci e Giosei<(ic 
BohiMMile pir niqudiièsiati nco 
iHHeuria I dggrc»dnlc rfi verer agito 
per tinalua di lerronsino negai» 
nel pnmoproecssoda()pHki l'a 
znnza ehi era A casa nell udicio 
del darettore del bEuni Causeppe 

4 



Conir &5I0 


Glusva Flwavantle Francesca Mambro 


S-xitTMiti ivHi cTd un-a-pite" mv 
pili renrsimiimciilc un .igcnic di 
iiiiki nzd ameiK.iiio AIUF2eia 
no afiili.ili il dmilorc dri Sismi gt 
ticiik Sinlovitn ildirolton tlelbi 

vie gl III I ik Gr.iv-iiii il I i|iii ilei 
(evs con coinpih) di «oordina 
mento Ira i dui soimzi [ircfelfo 
Wtilnr l>ck)»i I m.igisinli si ilm 
Amo si- ennu visti nulo d ill.i ili 
levi I imU azione dil,i d i u.lh di 
UIC ire I nspoiisalHli clcll.i Vtagc 


ilU Vero 1X1-.!, i c-vcre ci«vsivI<mbi.-i 
se to un opinione Liiispod vòchc 
(iclli p.ilti» inò 1 1 pisi.-i iniomozio 
naie 1 11 k prore» i niiitamc mi del 
Il Ime.i di condoni del Sivic in 
igoslo piena collabor.izitmc con 
gli inquirenti ih» dopo I iiKonlro 
Ira Golii c Filo CiopiM un nnziatc 
sikiizio 1 pcn i» (leci«.i sliizjil.i» 
vervi 1 1 pista cvion ( to|iji,i In 
I Ulti 1 pule A quel muk-vok coni 
porl.inienlo- 


Ir 










)>cigm<i 


10 


I UhiUì 


in Italia 




Domenica 26 febbraio 1995 


I 



E morto a Milano nella propria abitazione, il prof Gian¬ 
domenico Pisapia uno dei padri del nuovo Codice di 
procedura penale Nato a Caserta nel 1915 ottenne a 
Napoli la maturila a sedici anni e a venti si laureò con 
una tesi sul reato continualo Sterminata la sua produ 
zione di libri AirUniversila di Milano ha insegnato Isti¬ 
tuzioni e Diritto penale Moltissimi 1 processi nella veste 
del difensore o della parte civile 


MIOMAUmOI 


m MUDINO FVincipe del Nm pd 
ciré del Codice di procedura {X-na 
le autore diulire duecento pubbli 
c irion di diiittii e jirucedura pe¬ 
nale ilptofesscnOidritlomeincoPl 
vipia era anche uomo impanato 
Inori dell utiiviiìi giunsprudeiuiale 
nella dileta dei valon dcmocr<il« i 
Come tale nella v.Qrsd primavera 
venni, candidoiu aKc elwlumpr* 
tiehc dal polo proRresaisla nel col 
Inno scnaluriale di Milano 2 
Qnandn iKrlI'tiift) lawKinaipcr 
cliiolergli il perclii della sua caii 
rtldniiin midisw jwndcrido -Ve 
da mi li<i rotivinio Borliiacom > 
ijiiisl-i-nLltd Irjjipu sono il peri 
Lolodolld doaira per non uiciiderc 
IHisUioiiL Sldid ditiranou gli ot 
talli urlili oudiiilo 1 iiiimai»i nin 
>K.mbidv<i pieno di energu Lave- 
vij acgiiiip pnn-tvliiL volle come 
iKiiiVd ginidiziaiio c «iivj lesti 
nioiK. m ceno nual mudo che 
1 nppelldirvo di -imncipi! tlbl (oto- 
min ora cstigcralo LesueaiTinglie 
mmeiuiionidiclircHiliiie 
Avi<x.atu di lungo e anche uù 
mn impegnato coraggioso Negli 
M'ii lUlUrei'jiilililK.lMiwdi^ Il 
I 11 wir l'Nij f HI I |iirl kl 
lAwmalura dcllu Stalo ai cui 
cumpniicnil venne Imporlo lob- 
bligo di giiiwrr ledelta allo nato fa 
Kisisi 'Non tene parla neppure 
lu In ru<i pinna rearione e quando 
glincordaiqiieslocpiiindiu midis 
H -Snk) m due nmiiammo quel 
giurnmento lavi SamueleMsie 
iitcìinnKipiKjdclunia ed io 
Nell Avvocatura dello Slato PI 
siiplii c ora Chinilo (inma della 
glicini vincendo un Tegolate con 
rprso bn|X) In guerra gli venne ot 
ien» li |XHi» Ji Cuiiai^K dello 
Sliitii mn lui preferì scegliere I in 
segnamento e In prulecaione Un 
-ma pnmn cattedra di Dinne pena¬ 
le I ottenne all UniveniiU di Mode 
na siKcetsIvamente inverno a MI 
Idilli (irirn I Isliluzium di diritlo pe¬ 
nale a inlìnc Procedura penale 
( ommeniamlo il suo niolu di 
diKcnte mi disse che In quegli an 
ni <|iiull incariLO veniva cuneidcra 
In min tanto Impiiildnle -lo invc 
v« avverili sin da iillura la iieicssi 


in di concenlrare I attenzione sul 
processo come slrumenlu indi 
spensabile per una corretta ammi 
nisirazione della giusiizia- 
Vollichied^i agorà quali lov 
sero fra le centinaia di processi di 
CUI era stato pruU^onisla quelli 
che nteneva piu importanli -Il più 
importante lu la nsposta « stalo 

quello legzOo al Srfar cito venne 
celebrato a Roma su querela del 
generale De Lorenzo coniai i sur 
nahsti Lino Jannuzzi c Eugenici 
Scalfan lo difendevo I attuale di 
rettole di Reptibblicti Quella lu la 
prima volta che ti «retarono le ma 
lelaitedei servizi segret- 
Alim processo che il proleasm 
Piupui ricoidava voicniicn ent 
qvidlo celrticrTinio del grumalvi 
lo kcalc la Zairuiv -Quello fu 
per me il processo piu dnrericnte 
liidifemlevoltagazzu larfarlonii 
CIO procuralo un libro dcN liciti 
lìtaMni «diiKiniPaoline irtMl<« > 
iopnomm inristodcrcnvoviinii 
ilovizid di paiticplari come un aito- 
levonte doveva awiars all amore 
La prosa della Zmiaxa al cunlron 
1(1 vtaicwac Rem Ncllilm Ucnni 
111 iriiHi Imi iliimiiiiii lul 
Quandocumiiiciaialeggere noiai 
subito lespiessiune dnertiia del 
piesideme dal mbunalc Bianchi 
dEspuioia lAHoduce nevcc 
fo^ mi chiese E come no fu la 
mia immediata nsposia- 
•Una figura canrmaiica della 
scienza penalistica italiana dee 
ncosdandolo appena appresa la 
notaladeilasuamone ilpiuiessor 
(jiovanni Con» presidente amen 
lodellaLurtecosinuzionak. Usuo 
nome resta legalo soprattiHio al 
nuovo codice di procedura penale 
cne passera alla stona come Codi 
ce nsapie -Una delle ligure di 
maggior spicco e piu compete di 
questo secolo- commenta I ex mi 
nislro di grazia c giustizia Cmlianu 
Vassalli 

Ma che ne pensava il ‘padre- di 
quesla sua -creatura- c^giHto do¬ 
po la sua applicazione di ikmi pi> 
clìL-coniesiaziDiii’ 

•Tulio sommalo osservo iw 
scniodi dime bene Risprio 1 espe- 


A MlfVZZA dello sguaido e la dolce -empii 

L ciUk della sua parola erano i Halli < he pcr 
pnmi .illarciriavrthuchiinqui ovcvrc smin 
lavunuraclintconlrarlo senza <> leoficoiui 
•cerio Epireic- Pucapia prolovson id avicnah» C 
slaiiiiciianiriec un i ligiii ■ i scuiiplan inignin-ai 
cuiilimporiiiKi I sue» SCIMI! scicniil CI ilalk •fslMu 
ziom> al -Ochni conno la lam^ha- wno inomcna 
fondamentali delia riflessione gHispenaltsir-a II n 
gote liel rugioiutnemo m accompagna od una rara 
chiarezza ed essenzuMa deNesposcioise f<on a 
ca» unti docenti e tra questi aridi w consigliano i 

SUOI testi ai giovani studeiMI di giumpnidcitza Mail 

segno di maggior nkevo nella nostra stona deldirn 
lo Pisapia lo ha lascialo nella scienza prucessuali 
shca II nuovo processo penale mirudoao iid sisie 
maordinamentaicdal I9S9 èsiaiovoluio pensato 
e costruito da Pisapta C questo nuovo modello di 
processo Pisa pia ha sapino penneaito di limala stM 
culiuia garantista NoneassoWamenieveiochela 
forma accusatoria tosse trotta dal SMema angfosos 
seme L equilibrio na nceica della verna e garanzie 
eialeriio ultimo della cuhuta ghindila iiaiiana do¬ 
po esperienze drammMa.he e ststemazioni segnate 
sempre dalla prevalenza della doilrma sostanziali 
etica Pisapiacon il suoprocessoci ha tallo usile 
dai modelli dello Staio elico e loialitano pe» ennare 
ImalmenleiiiqiJeBodelUdefnoiiazialaica Questi 
uhimt tempi debbono essere siali assai antan nel 


l»v,eivaic c<iii<|ua ila costanza o persicele alalegi 
-Jozioiic c U giurisprudenza IlaniKiiiitoccaki la sud 
cosiiuzione AmaceugMKi rnaceit-iiioiidoni > A|> 
pel a qualche mese scili himcankia lul m iiiiatn 
steaul idiciiiMizi I niieleiKOvaitengiiligiiaciipic 
vrcdiial cuir-|W ■cevau in limi tene laiKiNaun 
suo nuOMi senno per difendere il piincipio de Ila pa 
rua tra k pam inH giudizio c della necessita di torna 
re aHa hirmazKHio della prova nel diliainmento Se 
guivo le sue parole sempre micuiaie isuoiconceiti 
scmprechian lioaiiuniraioilsuorqiote>ntelleliua 
k e la uraonllndtia forza che nasceva nel modo pa 
calo e insieme lermocon ■ quah delaiiva il rapporto 
liadiiinucpulilica 

In un iiiomeitto stonco nel quale I arroganza e la 
ItHZa cembranu vuler pievalere sulla ragione e sul 
dirMio U scomparsa di Ciandonienico Pisapia e 
una iMtidiiA grave pei la cultura della democrazia e 
della iibena Solatnenic un uomoche sapere recco 
giurie le pu atiu cntu delld cuitcua itapoìrlana e mi 
lanose poteva essere cosi piofondomente risetvaio 
cd insieme cosi decisivo nella lotta per la gioshzia 
Chi inlalti ncorda ed «bene invece ncordado ora 
che Pisolila gHivanissimo avvocato dello Stato 
quando il lascismo impose il gHiiamcnio di fedeltà 
rtfiuiOepetse II suo lavoro Furono solionioinduea 
direno Un avvocato di lede ebraica e lui giovane 
gHinstacheaceva tede nella demucraziaeneldini 
lo quale garaiiZMdella libeda di tutti 


nenza di Tangentopoli ha dimo- 
slralQ che se ci sono dei Pm attivi 
ed impanati m una cfficdceopera 
di invesiigazione u possoMi rag 
giungere nsullah concreti lo non 
esito a dire che ho anche mosso 
delle conche pereinusolaloiaim 
pioprioche SI e laMtdellacdicera 
zone prevenVMa Ma se dm reo- 
nosceic che senza questo sM|^ 
Al principi non si saiebbeio rag 
giuiih I nsuhali ottenuti Daqui pe¬ 
rù la necessiti non appena usciB 
daH emageraa divomareaduna 
più strcua o&iervanza delle Imee 
che il Codice ha fissato n tema di 
custodia cautelale- 

lloino universalmenie shmaio 
l uttitno nconoscimenlo l aaeva 
avuto dal presidente del consiglio 
Lamberto Dim che lo aveva di» 
maio a reggere il mmtsleio dela 
giustizia nell attuale governo Fkji 
tropi» la sua matattia che g» ove 
vn assumo aspetti gravi gh aveva 
impedito di accetktre l incanco 




Le ragioni del diritto e della cultura 


È stato uno dei più impegnati e stimati penalisti italiani 
Fra i suoi processi più famosi, i! «Sifar» e la «Zanzara» 

È morto Pìsapia 
creò il nuovo codice 


Decisione presa dai giudici di Brescia 

Resta in carcere 
il generale Cerdello 


HMMOaHANBO 


m MILANO £ già in caicere da ot 
to mesi II generale della Guardia 
di finanza Giuseppe Cetcìello se 
cusato di vari episodi di comizio- 
ne CI resiera ancora nelle scomo¬ 
de vesti di detenuto in attesa di giu 
disio Petche potrebbe commette 
re alln reali analoghi e inquinare le 
prove Lo hanno deciso i giudici 
(iella prima sezione penale del Irv 
bunale di Brescia presieduta da 
Robeito Filimi cu I avuxalo Car 
lo Taormina difensore dell ufTicia 
le zAieva chieao con I accoidu dei 
pm la scarcerazione dell imputa 
lo giudicato a Brescia con altre AH 
penane 

lllegaleeranuscilo in Cassazio¬ 
ne a far Intiere il piocesso ai giu 
dici milanesi definiti troppo in 
fluenzabili e sperava nella scalee 
lozione le premesse sembravano 
lavorevoli e cosi aveva presentato 
I istanza lunedi scorso sostenendo 
che non vi etano piu rt^ioni per 
mantenere la custodia cautelare 
invece per per il itibunsle di Bre 
scia esiste il pencolo che Cerciello 
commetta nuovi reati e inquini le 
prove premilo mentre vengono ae 
quisiie nef corso del proces» che 
lo riguarda l I fatto che la Supre 
ma Coite di Lassazione il Ih gen 
nato scorso abbia respinto analo¬ 
ghe iichiesie di scatteiazione pie 
elude al generale la possibilità di 
lateureilcaneie 

Intanto »»o stati concessi gli ai 
resti domicilian per quattro mesi al 
tenente cototvidb Carlo Capila 
nuoci secondo i giudici non t ù ri 
sch» che fugga o commetta alin 
reali di coimzione però poirebbe 
inquinare le piove Cosi in teoria 
poirebbe restare -Tectuso- nella 
sua Casa di Sabaudia (.Latina) Se 
non fosse che dovrà prolungare la 
sua itermanenza nel caicere di Po 
sditela del barda a cnusa del man 
ilok <1 catluracunle-ttaloglidaltri 
Imnatt. di Milano per il reolo miliia 
re ili cilliisKine Salute le scelte 
dei giudici bresciani si e fallo sen 
lire da Roma I avvocato Carlo Ta 
loiniiia -La decisione - ha dello • 
suscita ceiiamenie dnearezza per 
ché delude I attesa di uh nsloro 
che non doveva tardare> -Ma le 
deciaiuni dei giudici - ha aggiunto 
- debbono essate sempre rispetta 
te bc non m condividono vanno 
impugnate Equellocheiniaccin 
0 a lare con la ferma coscienza m 
ifendere un innocente e con la 
ferma determinazione a contrasta 
re senza arrendevolezze ne smar 
Tnnein una passi mierpreiaiiva 
purtroppo diffusa che lensce in 
sopprimibih dintti di libeite che 
vanno dilesi nei confionu di qua 
lu ique cittadino Non ci posrono 
essere spazi di potemic» in qu«sKi 
momeniuche reclama da tutti alto 
equilibrio grande serenità ed ap 
passionalo amore pei la ricerca 
della venta 

E A Milano I inchiesta sul cosi 
detto <esoru svizzero di Craxi* ha 
determinalo un nuovo ordine di 


custodia Riguaida Hugo Cimenti 
ex procuratore dell American Ex 
press Bank già intenogato dopo 
che era saltalo fuon nel settembre 
scorso uno dei cassien di Ctaxi 
Gioigio Tradali il quale gestiva 
due ronn in Svizzera Cimenti pa 
re SI era •dimenticalo alcuni patti 
eolan della vicenda Dopo 1 inler 
rogotorio svolto I altra sera dal pm 
Francesco Greco e dal gip Maun 
ZIO Grigo il manager ha subito ot 
tenuto gli arresti domirilian ed è 
Kxnalo aùa sua abilazionediTr^ 
so dove non potrà avere colloqui 
lelelonici La nuova accusa che lo 
riguarda e quella <ii aver spostalo 
dal (.unto Northern Holding della 
Claiidge Bank di Ginevra una deci 
na di miliardi finiti poi in un conio 
della Banca Iniemozionale del 
Lussemburgo Tiadali avrebbe 
parlato di IS miliaidi m movimen 
to S dei quali restiluili a un miste¬ 
rici» •millente>e IH appunto alli 
dall alle cure di Cimenti Da dove 
veniva quel denaro’ Per ora si sa 
che due miliaidi e mezzo erano 

stali pagati dall imprenditore all 
memare Pietro Danna menUeoltn 
due miliardi andarono a Tisdafl su 
richiesta di Craxi 

CoriMMift: 

•posi vittime 
ili Agguato 
uiafiofto 

AUtiatoiMitateenaflaMparMa 
l^waiw coHte d OatteMM, 
niW Mitielana MtennHane 
Fianeasao tapeino, 3t aiM,« It 
nw|M CUttnaMOtemma», 90. 
•MteaMluceMlaii •Manali* 
cMtzaHaalmavlaCilaiB.ataunl 
•aiMnti iwhu te n im wi t ittu rwt» 
•uUaaintolaaniiiclidiigflavana. 
ealpandMimertalinanIt rtaetvt* 
ratta CcnterMhM.ek* 
vMCBiavMia HI iMiliiiaktenea, 

A era awlte H AfMatla d 2 «ni, 
rtmattoWasa l'ntoactola 
blaaeats da qsaila dal ttenri - ma 
FM Rumo rubata nai (land aeorri 
a M aaomdanita • qutMie 
cMlemalradBltaacadan'tBfBtla 
- gl ttaaMad eana acaM a vana 
aaeiMita a wietoala to iBio amL 
un fiatala d OtoranM Otonunana 
ara (tata aaaaaatoalo B 2è gannda 
•aerea MI kitanredtltiianagoila 
91 •MmtemOintta, mare 22 anni 
a renna uectoa a colpi di pittato d« 
dw «Icari nuntra ara bi compignld 
dada Ihtaniata: nm avare 
piaeadantl pMaH a nm era I agate 
•daipanaatimaltoal.U«Mtod 
eiMlcfd lagna la r ipic aa dalla 
attliMU oiMnaN aCMtoona, Il 
p a a a aM sto maMe tornata par 
atsara B capòMMo dalla caadw 
vincaMi d •Caia noatr» a dava da 
dvani anni non al ragitttanna 
•pltoddcilmlMdili 


Lottizzazione nella sanità 

Milano, la procura 
chiede di processare 
la giunta regionale 


■ un ANO La procura della re 
pubblica di Milano chiede di prò 
ic-sHii liniera giunte regionale 
dilla Lombardia per lo scandalo 
della lottizzazione della siinilà 
(oiicliiiKi liiidagiiie preliminare 
di'll iiichiesui isostitull pnxuraton 
fallili N.ipoleone Claudio OWardi 
( (iidianm U,iltt.'ta Rollerò hanno 
<|inndi rilcniilo di dMci individualo 
cleiiiiuli sulllcltnli per mandare 
cui binili degli impulaH il |xevi 
dente della Regione Lombardia il 
l(tiliL'l,i Paolo Amfloni e dieci as 
VI vvon (Itila giunte composte c so 
siciiiita du Lega Ppi Psl e dal -n 
loniiLvIu- Luigi Coibani wn la vola 
cctc/ione di due asvcscuri la Ic-- 
gtnsl I rizl,in,i Rogora c la pollila 
re Maiglte-rita |L-niiii clic non Inni 
ini tirmatii la delibera per lo nomi 
IK della tKinild Per lutti gliallnl oc 
itis-i Odi iibiisodi iiIIkiu noli pei 
Imi palnmimiali venne era sialo 
iimiiziiilo 111 un primo nionieiilo 
ma l'iultiwto |)cr fiiiallia elettorali 
S|x 11,1 ma al giudico porle Indagini 
prilniiliim fubiu Paiwiolla deci 
ikn VI gii undici immmslratorl 
regionali iIcIiIxiiki osscic proces 
sali 

lui VKx'iida dille iiiimliic luhlz 
zaii Iter I S‘l dircitiirl generali delle 


Usi e dMh ospedali azienda lom 
bardi risale alla line del Ig94 Nella 
notte tra il 30 e il fi dicembre al 
grattacielo Pirelli sede del governo 
regionale è previste una minione 
(Il giunta che ha all ordine del gior 
no la delibera sui nuovi ve itici della 
sanità Ma prima della numone ni 
licialese ne Itene una elle vede im 
perversare i capigruppo dei partiti 
di maggiotanza Parlano delie uq 
e dei morager in lizza come se -a 
trattasse di merce di acamluo eh 
ix-dine da siMemiitc su una se k 
ehieia Menimene un ventai av erv 
Ieri di ptolessiiiiidlita Eppure |Xi 
meglio selezioiiarc- le caiididalvm 
la giunta si cranvulfaa una società 
specializzala iiellaiiKx la al nana 
gei hfilii die alla (me iisullailo no 
minali almeiiii una deMn,i di nte 
lagctcbc non apparlenevano alk. 
hxe di eccellenza ndividuale d,ii 
-eoceialon di lesti- a seaixto dei 
Ioni colicghi dcsentli come pu 
compeicnii 

Maquaksisuvaslorto Non si sa 
btiioptieliócciKiK iiiaiinaini 
nisla del Ciinxrc dilla Sera nc 
sic ad asi oliare I intera conversti 
zinne grazie a un ttWnno a viva 
voce lascialo xasiialmenie» Inserì 
to nella stanza dolili spaniztoiic 



f:iccome 
siamo pìccoli , 
spendiamo tantissimo 
in latte 


_ alievamemc' e i acneu'tuia -ono alia base della eres-.iia di un 
p pe-io Pei qucs e -> 1 iiiUi po dell v i.o per iinUe del d| 

ique'ìo deci, alti! aniij e ^risora oiTitato soniiuuiamc a 
tinatizijie ' nostri progetto ui l••IruZlortL• e produzione 
ae-iscid-he Jiu a Mozambico Gioidania Sudan 
e indone-ij a trovale Id via del proprio sviluppo 
E senza tiaueneit neanche una In i pei noi 
Pefehi 1 Lmnre delie Chiese Cristiane 
\v V sniiste del gientio m tnanttene 
ua e'a ev, le je.ime dei piopii ledei! 
Desiiraieci' c per niiite d-»!! '"pef 
a'iclel, 'kurdZZa.h -,'i'iia..d 
a mais -IK shi ha verni e neisisc-ns 


UNIONE ITALIANA CHIESE CRISTIANE AWENTISTE DEL 7° GIORNO 


• (InlmOWM Crl«t an» Aw«nusf* dt 7 


L'8 PER MILLE AOU AVVENTISTI. Tanto, con poco. 

liingotevers Mickalongelo, 7 • -a,»,. 


00192 Soma 


« 















t)omenK;a 2(ìJctojo^l99' 

Detenuto morto 
Quattro denunce 
per la protesta 

Awà MAMfwnn tfudUail* I» 
pnCHU Moiwlata iMfcoMi 
W«nOMl CMmtOllMM MI* 

otpadil* di in dMMirtB 
•iwopMHhio, poi dMMMe. Un 
oovrtntoMtnte Mio poUa 
ponttondartp ho MMU piotvodulo 
a doiHnciaro la «ononloiito 
erimUMloca (MrWKiM di pana a 
qaattroradali CMataVaflaa 
ani ma la dilavorattlunanlpa 
ealaMda:nalla (aii pU cancit a ta 
da|d kMMmtl awiMM ki quaWw 
moda •Mgato'la taailam 
acompaita dal dol m utl. All altri 
quattro aondiildmunclatl pana 
Imaca acculati di mlnaaca noi 
coninititidl due n atili dalla poMa 
panllaiulaila. Odia natta di 
I)ama aic o0taco.40anid. 
decaduto tkmdl Parma torma 
acuta di pdmerillo, alala 
iMaraaaando II aoalltuto 
procuratore praaao la pMiuia 
ahiRaMonfairinl.llunaralIal 
fwigaratma domad a atomi tuoi 
campi(nl di raparla hanno chtoate 
ada dltatoBO dd cartata m 
patmaiaa a pa alala patpa l it 
partaclparaaltoaaaquto.Sttlla 
metta dal datanutaalampe a l th a, 
canOnuana ad Inidriara la 
petotatoha. H aanitare dal No Oton 
OlaeemeMUaaahapra a aatate 
unlntirratailiini dndntotie ddia 
QluatitlanippaManaaBa 
tdtocitandem toimarlata 
Ida manta. 




in Italia 









Suicidi sul Unario della morte 

Due ventunenni in Sardegna. È già il quinto caso 


Suicidi sotto il treno Vicino alla stazione di Borore. nel 
nuorese l'altra notte due ventunenni si sono tolti la vita fa 
cendosi travolgere dal treno sulla linea Sassan-Cagliari 
Amici da sempre dicono in paese II macchiiiisld li In u 
sti sulle rotaie all ultimo momento Una delle vittime sof 
friva di turbe psichiche e si apprestava ad emigrare Per gli 
inquirenti potrebbe esserci anche un effetto^mulazione 
m un anno aHre tre persone si sono uccise in quel puntò 

_ OASNOSfaOiNVIATQ 

■ SOtòRP. (Nuoro) Un lampo ha ira 139 della linea leiroviana Sa» 


Improwisameme illuminato la 
campagna tuia sono un Imo icm 
parale È «alo in quel momenio 
che il macchinisin ha vtsio qualcu 
no sullo raiaie il volto di un giova 
ne che guaidava e aspettava la 
mone Un animo dopo I Impatto 
^ano Cabras 21 anni disoccupa 
IO e mono sul colpo, maciullalo 
da' ireiio In toisa E poco dopo 
scaravenialo ad un centinaio di 
metri di distanza 0 stato ntrovaio 
anche un secondo cadavem quel 
lo di Stefano Salans anche lui 
3lenne anche lui di Borore un 
piccolo centro della provincia di 
Nuoro Erano amici avevanodeci 
<o di farla finita insieme mancava 
no cinque minuti alle nove di w 
netdl 

E la quarta vdta che accade 
sempre in quel punto al chilomc 


8ari.Caglian a poco piu di un dii 
lomeiTO dalla stazione di Borore E 
quello nrnde m un certo senso 
ancom piu inquietante la itogedia 
I suicidi sono latti personalissimi • 
dicono alla caserma dei carabinie 
n - ma ceno non possiamo csclu 
deie una sona di effetto-emulazio 
Ile- Solo due settimane pnma 
aveva acellu quel posto per morire 
un pensionato di Boioie Angelo 
Certa Sganni Eprimaancora Cit 
ca un anno fa - cosi racconiano in 
laeve -era stala la volta di un .litro 
ragazzo di ISanni a quanto pare 
amicodclledueullimevitlime Iva 
no e Stelano ne erano nmosu cosi 
sconvolti da ripetere in un mo¬ 
mento di «confono quel gesto di 
speralo’ 

Gli inquirenti non loestludono 
per avere un quadro piu esauncn 


■c li magisitaio ha andve duposio 
una perizia tossicologica sui due 
coiiM Insomma si cerna di capire 
se 1 altra «era I dna •vmirieranr.v i 

I. 11 III III. li II A M I • Il Ina. 

anche se a chiunque chieda in 
pac^se U nsposia e setnpic quella 
'«ano due ragazzi lianqudh- Ma 
gan con i problemi di tutti ■ toro 
coetatvei acomnvtiaie dal lawMo 
In panicolare Ivano Cabias solln 
va motto della sua condiziooe di 
disoccupalo al punto di paiue ve 
re e proprie nube parchi!^ Indo 
gan^ sulla vRadeiduegiovani k 
ri I carabrmeti hanno scoperto un 
tallo die moRi anche Ira i sum 
amici Ignoravano Ivano (anzi 
ho come lo linaniavono iwh) a 
a^irestava a lare le vohge c ad 
emigrale perlavoraremuncanli» 
ledelMoid 

^ionqtatwiHto- 

Ma almeno m ianugha non si 
mostrava troppo turbato miHa-si 
sono Imwaii a due I genton-focc 
va presagito un gesto del genere 
Stefano uivecc un bvoro ce I ave 
va anche se non sicwo lacera il 
manovale Gli amici lo descnvnno 
t ome un lagazzo molto umido le> 
gatissimo - sopiallulto negb uRuni 
icmpi-alvo Eggestoesnemoap- 
poie nel suo caso ancora piO m 
spiegabile 

L unica certezza •nvesugaiiva- 


per era e che si natta di suicidio 
Ann di dupbce suicidio in un pn 
mo innmenio intoni si eia iponz 
/ iliH lie«oliviil|od< Il InrvaiMx 

viri 'V III MA 111 II imhl CM 

mentre lahiv saiebbe stoto uavoi 

10 ivnjpno inenne tentava un salva 
taggioineitteims Una tea Iragito 
caduta deimanamenie dopo le le- 
Piinotiianze de) macchinau <M 
treno Cosi come sono state subito 
scalate I Ipotesi di un dubhce otre 
cidio oquelladiunatollegara del 
tipo di quelle già spenmeniaie na 
gKamenic lungo mohe linee (eno- 
viane Escluso mime che « possa 
liaitore di mcidenie non tose et 
no peiché per raggiungere te To¬ 
tale in quel punto bisogna scavai 
cdieunmunv msommaunononsi 
nova Ha passeggiare per caso 

fecondo la ncostiuzione degli 
mvesiigalori i due amici sono n 
masti assieme luOa la seia di ve¬ 
nutili Asneme si sono incammina 

11 Msno quello che onnai è dirama 
IO II •binano tnatedetim a poco 
pw di un duloinetto dalla stazione 
di Borore Ptovera a dngUo e il 
verno sohiara tortesmn Accanto 
ai tonan hareio atteso d passaggio 
del treno puntualissimo m seni 
zwsulUiSasanCaghan II macchi 
nsia ha mtiavisto sono la luce di 
un lampo uno dei due giovani ha 
■rato il fimo ma ormai era Doppo 


lanli II treno u c Ictmalo un centi 
naio di in«n pio ovanti dopo aver 
travolto I due ragazzi Ipasseggen 

VI i\ U >1 I I -ri II tllliu. c ,|il< 

1 11111 iiiMitiiir v.i-Mit icii I s 

un aiitobus messo a disposeione 
dahe F« merure la hnea ierrcwiaria 
e nmasM btoccaia hnoa none fon 
da Serio ten mattala conclusi i n 
bevi deSa polizia lencrviaria il trai 
beo e npreso legcdarmenie 

UMCtomitadlliittp 

ABoroe intanto «staiopiocla 
mata una giomaia di lutto cittadi 
no Hsmdaco Vaiano Tcria popo¬ 
lare non sa ^garsi questa esca 
town di suicidi oHie ai quattro SUI 
binan ce ne sono aUn cinque m 
vati modi negli uam due anni E 
con newe cast in un centra cosi 
piccolo «mevitabdechesicoinin 
CI a pariate di qiecse dei sucidn 
le cause’ 4 tuotra di malessere - 
secondo il sindaco - non manca 
no di cerio abbiano 300 iscnili al 
collocameiilosuJ'iOOabilanli ma 
m tondo non è che altrove nella 
zona te cose vadano meglio ■ Si 
toma al punto di panenza cé un 
«Beno emidadone m questa cate¬ 
na di mr)iti’'£ possibile e possibi- 
te- ripetono gli inquirenti -ma 
quando uno decide di togliersi la 
vita nsaiiie ad una venta e quasi 
imposstbite • 


Troia, tutto esaurito 
Sabato prosamo 
«Sacco e Vanzettì» 



Nosmoscovuio 


■ ROMA. Anche la cassetta nu 
mero cinque è andata completa 
menie esaunta nelle pnme ore del 
la malijiiaid ler in edicola con 
I UtM era iVon ci resto che piange 
te splendido lilm che una decina 
di anni fa segnò il trionfo deH medi 
la coppia Roberto Benigni Massi 
mo Trcrisi Migliaia di teilon come 
ogni sabato non hanno voluto 
mancare I appuntamento con la 
collana ’Capolavon italiani'e cosi 
lapidamenie sono state vendute 
riamila copte ^1 giornale e del 
nastra Banche questa volta alcuni 

aia 11 In HI I lek full un negli ulli 
I 11 r I ir I I I 111 1 I III i I 
qualche copia della cassetta 

Wentfm 

Un successo che procede di pan 
passo con quello della travalrra 
■gemella- avviala in queste settima 
ne del giornale crwera la collana 
di monografie del -Castoro- dcdi 
caia ai grandi registi lldocumemn 
e in edicola il mercoledì insieme 
con il giornale a duemiiacinque 
cento lire Quesia settimana ilvdu 
me Sara dedicalo al gemo di Wim 
Wenders. 

Il prossimo appunlamenio con i 
Capolavori ilaliani- e come di 
consueto per sabato II ri marzo 
sera la voHa di Sacco e tònceirr per 
I leiion dell Unno un altra film indi 
menlicabile che si potrà acquista 
re in edicola a seimila lue insieme 
con il giornale 

Il film 

Socco e t'orrzeHi e del 1971 Fu 
girato da Giuliano Monialdo e m 
lerpielato da Gian Mana Volonté 
Riccardo Cuuciolla Cynlk Cusack 
Milo OShes Unastona di ingiusti 
zia e di sopraffazione il calzolaio 
Nicola Sacco e il pescivendolo Bar 
lolomeo Vanzem condannali a 


morte innocenti nel 1921 e assassi 
nati sulla sedia delinca la notte del 
22 agosto 1927 sono stali li ninor 
sodellAmenca nell eià del lazz la 
stona dei due anaichici rivive nella 
inierpteiazione appassionala di 
Gian Mana Vulonid e di Riccaido 
Cucciolla Quanto alla musica èli 
nsuiiato del lavoro di una coppia 
stravagante Jean Bea: ed Ennio 
Moincone 

lirettota 

Come nacque il film’ Giuliano 
Monialdo il regista inunintervola 

ili ' nini rKi.li ila liii isiii i (>G 

^ ) in i ii| lUi \ K Ur ili r \\ì 
und piéuf per la di 
SbragiA su testo di Vincenwni e 
Roli su Saao e Vanzoiii Sapevo 
che erano due anarchici morti sul¬ 
la sedia eietinca in Amenua II sue 
cesso e il calore con cui il pubbiKO 
accolse lo spettacolo mi conta¬ 
gio ParlaiaHoraconunproduiio 
re ebreo che era scappato in Ame- 
nca durante il periodo delle teKi 
tazziali Questo pradunoie che 
aveva imparalo 1 inglese leggendo 
proprie le tenere di VanzetU si 
convinse che era debitore m qual¬ 
che modo dell anarchico e grazie 
al suo entusiasmo e a quello del 
suo SOCIO SI decise di lare il film 
Non lu facile Impiegai quasi due 
anni o mezzo per arrivare al pnmo 
ciak Studiai gii atti del processo e 
mi convinsi dell innocenza dei due 
anarctiici • 

Come fu accolto il lilm in Amen 
ca’ -All inizio fui attaccato furiosa 
mente da un articolo apparso sulle 
pagine del Boston Clobe In realtà 
dopo I uscita del lilm si venfìcò un 
lento lavora di nstudIO degb atti del 
processo Sette anni dopo I uscita 
del film fui invitalodal governatore 
Dukakis alla cenmonia di riabilita 
zione dei duo lUtliani alitteno in 
quello Stalo- 


Sul «iSalvagente» il modulo di indennizzo per i malati di epatite C e Aids 

Sangue infetto, cosà i risarcimenti 

nUMOMMCMU 


Sanità: indagato il professor Panconi 

Indagini nel reparto-pediatria 
del supertifoso doriano 
ospite a «Quelli che il calcio» 


Catania 

Bambino 
trovato morto 
in un pozzo 

■ CATANIA Scomparso nella 
nidllinnld mettendo In allarmo tul 
tu il paese - Ficarazzi frazione di 
Aclcatun.i nei pnivii di Catania - 
un bambino eli S aiiiiièMalo trova 
lo morto in pozzo nero ieri none 
Angelo U'iinardi era uscito di casa 
ix-r comprare de) biscotti ma non 
6 più loriiato Si temeva fosse rima 
stovitllniiiih un maniaco iinacin 
quanliiia Ira carabinieri unita ci 
notile c vigili del luoco hanno bai 
tuie la zona questi ultimi hanno 
inliiic rcciipomlo il caclavcniia do 
iviaver spurgalo una tossa biologi 
ca pruloiida 5 mc-ln o larga un me 
troemezzi) Perora sirlileneiheil 
iximbino vi si.i caduto acciriental 
mento mal.vPTocurndKaliiniaha 
aiwrio 1 inchKislii c oggi veirù i.ill.i 
Inulopsin LnfumiBlia di modeste 
lornlizloni economiche non 
avreblic secondo i primi accerta 
riunii contatti di alcun liiwcoii la 
ehm In all lA 


■ ROMA Un avvio lentissimo Ri 
sorse iiiadegiiaie E qualcite inci 
dente clamoroso la legge i IH del 

lebbirtio liN’chc [treverte il n 
saicimcnio per chi ha contratto 
I Aids o I epatite C in seguito a tra 
sfusione o somministrazione di 
einodemati guislifK.i le iwiciiiiihc 
roventi di cui ù «tutu oggetto Con 
I unno di Angelo Magrini e ik-lt A- 
sociazionc pcriiir.islusnt.iliani (Ca 
selli Post,ito Volpi.ino li-l 
ia !7 itlllUft JdS 'III TWIfHi 
vediamo iiis,i |irt-vcik l.i k>gge c 
come utilizzar!.! sa|x lido ita-c hi 
ha (unir.illo leii.ilH» C pinn.i dii 
25 Irblmio l’I'C ha iiiii|»i liiusal 
J 1 marzo |Kr chiedere il ns.mi 
memo 

Chi M ha diritto Lindi mite 
zoiKtoi-cserc iKhiistori illi |kivi 
in- inevvtsihilmenie ilaiintggi ile 
da coinplicvioni causalo diva 
ciiwioiii olitriig.ilimc d.i lr.i.stii 
«imi da oMimi nisirazKiiK' di 
inuKlc IIV.lll 


La dontanda-. Redana m catta 
semplice daituelumaiadallinte 
Tessalo o da chi esercito Ls tutela 
va presentata al ministerv della Sa 
nilà via delia Civiltà Runtalta 7 
0(1144 Roma Nel numera m edieo 
U questa setiiinana IISalvagenK- 
piibblK .1 li inucleHo di domanda c 
1 1 sctK-da inlotinalK a piedbposi > 
dilli Asoruzione piiiiiiiishisi in ai 
monta con k- Coirunissioru medi 
che osiiedakureilntimsleindella 
S.mit .1 E un modulo studiato a|i 
positomi Hit |x.r urceteran. I awNi 
dcltopraiiclic 

I tannini di lagga Variano a 
seconda dell infr-ziuncc del peno 
diTfncuiAavnnulo il(nnligii> 

EpaWW peat-ttaalattena» la 

diimuida pun esseri- ptescntali 
cntirv 4 anni dal momcnlo in ctu 
t intere ssaki rhiiKrsliB di csserr vi 
nulo a conto enza del danno Per 
k pervime risnneglldte pnma del 
Li k^ge I ) jinii ciHiK già detto 
p molili dal 21 ntaiTii 1992 


• S ter u ptwfWvm da Wvs Per que 
sto tgu di daim d temute è di IO 
araiidaquandoi interessalo dano- 
slra di essere venuto a rranoscenza 
del danno Per te peisone danneg 
gnie imma della l^e i IO anni 
pdi1onodal2l It>ai20l992 

•Uriioiri e«ip«MN Per te mie 
zraiH di Hnr cuniralte dopo d 15 
gennaio 1988 (dato ni cui d test è 
diventalo obbigialoiiosuopiisac 
c a di sangue donalo in Italia 1 cper 
k- cpatA C contrade dopo il 22 
H(iisK> Ijyit (quando il test e di 
vcnlalo obbllgalono) csisluno i 
imsupiHtsii «Il le-auni coiptra o 
cprdefma dolosa IAssccuzioik 
izditrasfusicimsfliadi nvoignsi i 
un vaocd/mneditutiriaOdunav 
voc ito 

■la dbcumentazlonas Mio do 
inaitela SI dlk^iu la critdKaizio. 
ncnuclK I cnfiiv doUi caitellr eli 
iiK 1 ilciftificnlodlliari.ita tosta 
Ir eh Uim^M pci i minorenni il 
ctililiciilucllinnflL se II donneggia 
hiCilecLslUbi 

•Undennluo- Oecoiiedalpn 


nio gtesno dd mese successivo a 
quelo di presenlazicvve della do 
manda (e non come sarebbe in 
vece giusto dalmCHneiitodeicon 
l^H>) Lntpono dipende dalla 
gravità del danno Spelta alfaCcun 
missione medica ospedalic-ia oc 
cenareo respingere la nchiesla 
In caw di ittlulo-. E possibile 
lare ncurso entro in gxvni dalla 
notifica U numstcìo detta Sanila 
dovrà pranuiicidiM in memoeiiln) 
3 mesi Se I aiknessaio non e sod 
disfallo ha un annci di tempo per 
itwIgciN al giudice cmknano coni 
petonh. 

Tutto In regoIaT fu se s eccel 
tua una considci,iziono Da quali 
dot uscito II iiiiiiieni di questione 
Jl -U bahagcntc* (che C in edveok» 
snto da gmuedl scorsoi I Awcia 
ZKine pohira-Jus) A «tata summcisa 
da ixhicste di pfccivizrivii c chia 
iimcnu lAi^eto M ignm ha conki 
toben ll8faxe2BI)i'liioivalc in 
rhieipomi) Envikissnni igivuiva 
no Icsetenzaste-aa della legge 


• SAVONA II reparto di pediauia 
dell ospedale San Paolo di Savona 
ditello dal profe-ssor Renato Pan 
coni unodciprolagcmisiidellaira 
smissionelelcvisivadi Rai3 Oiielli 
che II calcio- 6 nel minno delta 
magislialura savonese Siinoinlalli 
siate avviate indagini che riguarda 
no le niodiilita di .ikuni ticoven e 
le terapie usale Uiicaso abb.ist.in 
za hequente negli os|Xdali italiani 
che in quosia circosl.iirza assume 
pero Ioni claersi il piimano sodo 
accusa ò inlatti quel signoit sicm 
pialn it naso aquilino e 1 1 -ciaip.! 
della Sampdoiia al collo che la 
coppi 1 Fazio Banolclii ha eleiio 
tra I ptolagonisli della Itasmissio 
nc Lin UfcisD accanilo riiveniilo 
celebre c Caro ai coiiclutioii alcuni 
mesi fa quando fu scoperto da 
una telecamera nascosta mentre 
salutava il gol della sua squadra 
con il classico volgare gesto -del 
I ombrello- mano sinvstra su gomi 


lodeuio che si piega 
Nei giorni scorsi i Na« h.miio vi 
sitato il iciarlo acquisendo docu 
menu e regisin c he ora sono al va 
gito riella iiiagisiratur.i che vuoto 
appurare se sussistono le presunte 
irregolarità denuncia» in akuni 
esposti c segn dazioni Ma a votore 
risposte sul reparto di P.incnni so 
no aixhc i suoi colleglli pediatri 
che attraverso il sindacato Iranno 
proposto I istituzione di un giuri 
medico per valuuarc le terapie 
.idottalc dal pnniano Si traltercb- 
be di una commissione composto 
du medici c lappiL-sciilanli dell Usi 
per espnmere un giudizio sull assi- 
slonza medica ai piccoli inizienti 
del reparto di Panconi 
Oggi tuttavia il prolesscu Ranco 
ni dovtelibe essere regolarmenle al 
suo posto in tribuna allo stadio di 
Genova dove la bampdona ineon 
irciàla Ulve capolista Avrà vaglia 
ilproles-sore difw ittifo’ 





































BOSNIA. Riaperta fabbrica con Taiuto di Prato e del suo sindaco, cittadino onorario di Sarajevo 


LETTERE 


sa non si sia mai Inia^ssato se 
non superficialmente del ricono- 
scimenlo. Inoltre è riprovevole 
che gli Iscrilli al Corso debbano 
combattere da soli la tott^a 
per essere un giorno rìconoscwli 
dottori In Sciettze deirAmmlnl- 
sirazione finalmente come auto¬ 
noma facoltà univeisilaria. 

UttlAlInMte 
, (Comitato studentesco 
del Corsodi laurea In 
Scienze deH'AmmlnisIrazione) 
Catanzaro 


esperienza di dirigente della Cgii Caro direttole, 
per molli anni nella provincia di sono un'msegnanie di scuola 
Cosenza. Chi scrive ha perso un media. Vonei far conoscere la 
caro e affettuoso amico. Da sin- bella sorpresa riservatami dall'ex 
daco di CoÌKnza, avevo lavoralo governo Bertusconio meglio dal- 

con Mimmo Garrolalo. sindaco di la le^ flnanz'iaiia n.724 del 23 
Dipignano- un importarne cen- dicembre '94. ari. 15. 1° comma, 
irò «Ila provincia cosentina - per cui ra decorrere dalla rata di 
per promuovere l'ambizioso prò- genruio 199S, lo slipendio e gli 
getto dell'erea urbana. Il ncetio altri assegni pensionabili, con 
rapporto era continuato anche esclusione della Indennità inie- 
ncgU anni seguenti e insieine, lo gtailva speciale, sono stati figura- 
sccsso anno, da candidati prò- hvamente (!) aumentali del 18% 

S isri nel colle^ di Cosenza aisolifinideirassoggellamentoa 

lalo al Senato e lo alla Ca- ritenuta in conto entrale del mi- 
mraadeldepulail abbiimofano nislerodelTesoro.Echiaramen- 
L, camp^a elenorale. I consi- là una rinjffa legale» ed anche 
gli. l'espeiienza di Mimmo sono una bella poiché II nostro ultimo 
stali per meprezicBi. Con il con- contrailo di lavoro risale al 1987, 
Iributo, concreto e intelligente e in questi anni io stipendio non 
del sen. &R3<alo abbiamo pie- è ceno aumentalo, anzi. Un'altra 
semaio agli elettori proposte se- cosa: gì questo periodo in cui si è 
neenutnesulleieripieperasro- discusso tanto di penfioni e se 
batieie la disoccupazione e per ne connnua a discutete (ci sai8 
rilanciare le poche iniziailvB in- anche un incontro goven» DInl- 
dusiriaJi, nella provincia di Co- suidecan). io rton no sentito né 
senza. Slamo riusciti - anche se u» polHico. né un smdacelHia, 
re. per poche migliale di voU. néun giomalBie che ^bia posto 
non sono risuHaio eletto-a ben il problenia del lirnfte di vee- 
rappresentare l'aliemaiive rie- chlaie per ttoyorelori delle scu» 
meciaiicà al ve^lo «sterna dei a e del pubblico impiego, i quali 
panni e delle Ionizzazioni, Oaro- lino a questo momento .poteva- 
lalo e sialo mollo bravo a conili- be'andare in pensione a 6S an- 
borre al «rollo, delinhivo, a Co- "! E mlaiu mollo serto il rischio 
senza della ve,.chiB De di Misasl. che uieUamenie tale limite resH 
e alla sconfina senza appello, obbllgaioriamente in futuro, con 
del craxismo uasformisia, te- evidente diacriminazlone rispetto 
sponsabiie della line ingloriosa allealliecatworie. 

«IW U scomparsa del senato- < IjMljaCweeentl 

» di Cosenza rerrristó anche f Meidote (FwM) 


tr àciKu 


Cévohi- li. e iManio imperiamo a lompeR menstoni, le due città. Che effetto 
la tutta l osunazione '<£ chi lavora le diletetize. e gesiàe insietne ■ faiebbe. vedete il 40% di Firenze 
sul campo, dàlie Cooperazkme Sa- conflMb. di$)ninà7Saiebbe una leriia per Pi- 

nana a Spalalo, ai voknMait del rmiichepoliiicbecomplesse.ià- renze sctenio7 <hi dilende Sars- 
Consorzio Italiano di Sokdaileià. al dici complesse: la tradizione di so- reso -ha scritto l'ex sindaco di Bei- 
kdarwrà imemazkmale rkl In- pado in esilio - difende l'idea di 
trecciala alle nuove frontiera dH- città, e la citia di un idea>. Un'Idea 
l'amirazzistno. detta -eoKdaneià di coiMvenza: le chieee crisnane 
chiuse li primo carico airrra iniati- pacilicraiiellaex-Jogoslavia Enfi- vicino atta moschea e alla sinago- 
oncasofoinlebbtaio n«, anche un po'di radici penonrn ga-lo v«^ essere il «nòsco di 

UNondicevaiUemminismochcril niMK ha dichiarato Kupusovc-una 
VdCdMnenwMwnlfntldiM personale e poMko»? Non tu perla itspostaìn^iciiBschiceitaomiai 
•Oflvbhtamot.uia-rlicf Mani pohiicà. che gli antenati di Martini. ■ghamiclBlanvKK-l.aciuàéluogo 
IH - Non IO iiM luna ha>u con la anarchici hv-miosl, liiggéono in diapcrtura.diinescolanza>.li»i- 
«ràldenrir4'efa««isà5rta.:F«e<*sà TV"'«‘»’®?'''®®5Tiejen«aap. sie.€didlg«iàx^nJtìiWlB^ 
al legami di decenni, con quella radopo.Claui^r^aTtu^ ro.chepuraéparuio.penlii^- 
<4v-awws ,1 chiama» iiiandH. le eleiiientan IH tràficese e in sM- costescocomeperleocesaiedelia 
^Ha^tod^f^ daimparal'aiabodelleparolaece. Alhos.DignttadelprodÌlw.inun 
™Ione«tóÌ UcuKraitallanatoapiiSvdenon faenos^diunalabbncachetie 

Se a ai nmiàù fiiMi ■> .-anuv. comeculiuradominaiue,maMtta- aveva tra. Qvogliononove imiioni 
vessol'oriogliodichinonrintmcla rfidoMart.see^leNazIoniUni- 
«SSo di^^ttSù^ alasua53:tt«.«ainowmanin re. per ncommcleie a produrre le 
ltali8anchepeiquetto:p«eche«»o cose pii urgeniL a Sarajevo. Per ri- 
dSewi colutalo II laeer^AB^ *** «idiassimo qui. oosiruée davvero lappararo prò- 

Epoifciirapendvéaunpaseoc'eia dmtivo. non si se: dton ancora su- 
~ la guerra di Algeria e la sttuazione ma»-. Si sa che nanivare I servizi, 

noneramottobuonapergUeuro- acqua.luce, trasporti, sanità,costa 
pel.loaveviodieeiannr-. SWmttJoni di doilarl. Quante Prato 

t anni, per mcontrarei Ma abbiamo ciwnaiHio’EiTOvemP 

imparato a ^ttarci: dira ^ la 

-Serno la dlsMàmione delia po- 

verità, e npartira da il Questo lac- Guerre aspre, ma guerre di àbe- Mica: «iche della sinistra*, dice 

cia^coniulli»._ _ razione.Sictesce.ec'èilVietnam. Mratini-Ma noi cominuiamo, non 

Tutti: 1 -nuovi, pratesi II corittoiv u soHdarielà con una (erta ionia- soloconlestotfe.Abbiamoproget- 
10 cori Iirnmwrazione •«■ira w iva. Pigwe.ecrescela solidarielàa HsullasBraìà.llgas.Tartigianalo,la 
no «Ir i™nl t mendionale Iw un pass» da casa. Aenzi* attuvio- crdruim Impegni concreti, presi 
1?^® J25LJ? “? naia, i piedi nel lengo detta eWttv- iveiglomiincuTaSaiajevosicete- 

SO.Ow a 170.000 abttanb Una * leca nazionale, per poiuraiUbri a bravano in assemblea mille giomi 
daallinlegraziwe.dilfcie. inaog- Pialo, ad asciugale. "Aravo ISan- ri assedio.-413011) dalla sala, erano 
gl compiuta*, ftii la sw^prende ni. «mi sentivo un po eroe, slava- le sei. era luHo buio. Non il buio a 
altti nc»ni. altri vrNtl 5000 cmesi. mo salvando la culiuia. Oggi, di melmiliwedellacampagna.del- 
600 albanesi e maiocchmi. algeii- Ponte atta BiUloteca nasmale di laquiele.Unbuiourbanoassolulo. 
ni. filippini. Finola, nessuna ag- Saiaievo,disttuna non dalla natura popoUo dì acheleirì di case e a 
gressione. nescriKerazzute.Dme- ma dagtt uomini, non so più pen- tialfi. in ctmdominii enormi ornisi 
rà? Ha Idee ambiziose. I sindacix il sara Teioisma torse solo rpiello abtIMI ila una famiglia o due. un 
dialogo dentro la città, ma non so- dei pompieri, che spegnevano fin- fremolio dieBo una finesira. TI stu¬ 
fo. 41 punto di im^gior tensione è ceniSo sotto il iho dei cecchnl E pi»7. mi harwio detto I nostri rac- 
con gli attanesi. £ anche per al- rvoà? cN. Sivedeche sei nato negli anni 

frontarlo che lavotlatno con una Pervsaie a Fhenze, camminando 90. Noi ànerre io licordiaino bene. 
cittàdilagglù.Scuiari.ttiviamoaiu- per Saralew. Hanno le slesse di- Uguoraébitto*. 


Claudio Martini, sindaco di Prato, è l'unico italiano ad 
aver ricevuto la cittadinanza onoraria di Sarajevo, città 
assediata. La solidarietà in novanta chilometri di stoffa. 

120 bottoni e 3000 rocchetti di filo per far funzionare la 
fabbrica tessile di Alhas. Le dllficoisà per far giungere il «ref 
materiale. Nuovi ambiziosi progetti: sanità, forniture di ui tttucco. m strade m ancora 
gas ed anche cultura ed artigianato, Il dialogo nella cit- ------ 

ladina per far convìvere la nuova immigrazione. 


ONUuuk rara ano 

M Nomi come Mliin* naledlSaraievo*. 

ranci, Susan Soniag. -Per imciru dalla città, sono passati 
Mal, prima d'ora, par il luniiei-raccontali sindaco, 
irlma un sindaco di TankKupusovic-e in quello spa- 
un'altra ciità. Claudio Martini, il zio siieito, faldoso, si sono ostinati 
quinto a ilceverc la cltiadinaiiza comunquu a portare un enorme 
onorarla di Sarajevo àssddlata. si i quadro di un nosrro artista. Perché 


conquistato entrambi questi re- volevano anche donare, non solo 
cord. Non é un persont^^ lamo- chiederei. Con la slessa dlgnit^ 
so. CsoAi II sindaco di Prato. •?n- hanno snpuio pariate ai pratesi: -£ 
IO?!? - ha chiesto un consigliere sa- vero, presto sarà 11 nuora inverno, 
ralevese - Noi conosciamo Roma, Ma noi non siamo mendicanii, a 
Venràla... ma Prato?- Altri avevano cui donare cappotti usati: perché 
obiezioni piO pesaittl: 4V!iché un non cl aiutate a produrre noi. con 
cattolico, di nuovo? Sono solo i le nostre fone?». 
paesi uiamlcl, che cl sono amici. 

Scaliamo un musulmano, starai- UritttfldttpiodaWra 
ta*. Dibattilo acceso. Poi le conclu- Per il principale centro tessHe 

slonl. «Sono in lami, a pariare di d'Europa, una sfida cosi non (oc- 
Saiafcw: anche i nostri amici ista- cava solo i cuori, ma I ideniirà prò- 
mìci. Prato non ci ha portato paro- duttiv-a della città. All'Associazione 
le, ma fatti*. Il ccmsigllo approva. FVaio per la pace (ri Comune con 
ali'unanlmltà. Sono lunghi novanta ta Diocesi, e l'Associazione medici 
chUornem. I •latti» di Pialo. Novan- per II disarmo), si sono uni» non 
tamlla metri di stoffa. 120.1)00 boi- solo I paclfìsli, ma Unione riidu- 
tonl, 3000 rocchehi di Ilio, per far siilali, Contederazioni art^iane. 
funzionare la fabbrica tessile sindacati.Obiettirai.'iO.OOOmelridi 
Alhte die prima della guerra ave- stoffa. Ai conslgliert di Saraiera. in 
va 1200 operale, adesso solo 200 . novembre, ne viene consegnalo il 
-Prima marvdavamo convogli con doppio; ma si ferma a Tarein, a 30 
geneil allniGiilari - sp»c^ Claudio km dallaciuà.-Non si poteva usare 
Marllnl -Pai. In settembre, gualco- Il tunnel, stavolta - sp'i^ il sinda- 
sa è cambialo: è venula a FValo la co Kupnsovk; - È iroppo stretto e 
delegazione del Consiglio Cumu- basso, per i ixrlletts. E aprirli voleva 




A14 anni scappa di casa 

e arriva in Malaysia 

con la carta di credito patema 


Emoderivati: ecco 
il modulo per rindennlzzo 


Si som perse le anva. appunto, isoidi per pagare 
^ lasianza. 

' nenS sera, di 1^ polizia di Kuala Lampur ha 

taeiKeny.l ragazzo briiannìci>di Mfernisto ieri manina di non avere 
14 ami (ug^ ineicoletll da Lon- ancora inizialo le rkreiche di l^r, 
iha COI] la carta di ciedilo dd pa- perché non ha ancora iktevulo 
rfee. e airiralo in MaitQisia. Da R nessuna comunicazione ufficiale 
aveva Klefoikito r^ttD ieii ai geni- d^ sua scomparsa. Il ragazzo - 
lori per itile dove si ttcMBia, eebe laccoMano i gridìi - non è alla 
aveva già consumato felli isokfiri- sua prima esperienza di ’luga*. 
sponMiperlacailadìcieillo. QuestaulUma.é stala la sua reazio- 

I genttoil pwoccupaBssimi. ne al divieto di andare a «edere 
hanm aweittto l'Atta coiMnissto- una partila lUcalcb con il padre, 
ne biilaimica di Kuab Lampu-. la suo fealello e sua sorella. •Non sia- 
quale ha risposto di mai awese, al mo arrabbiafi con lui*, lo asslcura- 
mommlD. nessuna notìzia del'a- no da lontano papà e mamma, 
d u i B cenie. Questi, aveva detto ai «regliamo strio che lumi a casa*. I 
suoi die stava teleritmando con gg conwgl sperano che si motta In 
ukiin spic c ioli ria un al»go di contatto con la più vicina lappre- 
JcriioraBaiu(unadBèpqsluiile).il samanza diplomatica briiannica, 
nitori (^dlic Homi (cin^ che provvedeià a rispedire in Gran 
ttella). dal (jualeé sialo perù Slibi- Bretagna TinittiielD e costoso ram- 
(0 do^ alonianaio piìiché non pollo. 


s 







































Domenica 26 rebbraio 1995 


le Storie 


CACCIATORI DI TESORI. Fisher, con il bottino delle sue imprese, ha aperto un museo in Florida 


rUnilà pagina 

- - . - , <S-1** 't vV 


13 


Un galeone spagnolo 
nella sfida dì Mei 
all’oceano Atlantico 


Li chiamano «Ireasure hunters», i cacciatori degli abissi. 
Il loro alfiere è Mei Filler, impegnato adesso a ripren¬ 
dersi la rivincita sul mare, dopo la perdita del figlio e 
della nuora, con la conquista della mitica 'La Gamela». 
Visita alla base di Key West, in Rorida: '•Vale mille mi¬ 
liardi quel galeone spagnolo» dicono i tecnici di Fisher. 
I suoi avversari più temìbili restano Robert Ballard. quel¬ 
lo del litanie, e John Moier, il sub dell'Andrea Doria. 


MAKMHRMMI 


Il cuore deU 'oceam 
sembra imprendibi¬ 
le. sfugge anche al¬ 
le carte ge<%iafichc, alle mappe, 
alle latitudini e alle longitudini. In 
riuel venire pulsante al celano miti i 
misteri dell'Atlantico: le fossa ma- 
ledoiie, kimìKrl. I tesori, gli afiannl 
dei Isniasmi. le osta dei pirati. Gli 
uomini che cercano di carpite i re¬ 
niti delle navi puntano II realia a 
tcoprlre I gangli vitali del grande 
nemico oceano. Qui In America li 
chiamano Hireasura hunters-, I mlil- 
cl uaeclalori di tesori sommerai, 
che stanno setacciando I mari dei 
pianeta. Il vero Eldorado starebbe 
pioprto nei fondali degli oceani. lA 
deve vivono un sonnochc sembra¬ 
va aieiTW I carghi inghiottiti dal ilui- 
II. 

MoMteegMelll 

Dixine di migliala di tenuti colmi 
di ugni bene. un), arginilo nunii 'ii' 
e pioakw oppure, pio lempllcc- 
meme. oggeiii che, vanpa a tuba 
alle atte, che sonolinsegUlil da la- 
naiiel collerlanisti.iche sono il so- 
gl» del magnali della tinansa. Un 
MUim imtnerua di cui. afnera, no- 
anno h» tracciato una mappa per- 
lena. Eppure I cacciatori di tesori 
sommci^ SI muovono ormai alla 
luce del sole, soprattullo negli Stati 
tnlfl. 

Occhiali, capelli radi, sotrl» 
sempre sulla labbra, un tisico 
atclulto,Mel Fisher all'elà di 73 an¬ 
ni si A lanciato alla conquista della 
Introvabile -La Camela*, affondala 
nel 1770 alla confluenza ira il Rio 
de la Rata e II Rio Santa LAKia. 
Quel galeone conterrebbe i metalli 
preziosi delle missioni della Com¬ 
pagnia di Gesù espulse dalla Rata 
con un decreto del 1767. Fisher ha 
glA un patrimonio conservato in 
Greene Street, sul lato nord di Key 
West, dalla parte opposta del Soii- 
Ihemmosl point che guarda ai so¬ 
spiri di Cuba. Poca roba. In verità, 
dicono da questi patii, rispeho a 
quello che ha elletlivBmenie trova¬ 
lo nel venb-e dell'oceano. La targa 
è invitante: «The Mei Fisher maritl- 


me Iterirage society museum--. Un 
vero irionlo di pirateria e Caraibi. 
lillbusta e isole del tesoro: vecchi 
dubloni, cannoni, vele, smeraldi, 
lingotti e oggetti prevalenlemenie 
strappali ai reliill della •Atoeha- e 
della -Santa Ma^herita- Qiialco- 
s'aliio Fisher lo ha iiueUigciiiemon- 
te depositato nel (onodell isoloiio 
Diy Tortuga. sede dei Jefferson Na¬ 
tional Patii, tanto per accontentare 
quelli del •scaplàne serrice* che 
accompagnano i turisti a volo ra¬ 
dente sugli ulllmi atolli del Golfo 
del Messico. Una sorta di dcposiin 
di lesoti deve cunra di nVìfare aitre 
materiale pruvenienic da 'La Ca- 
mela». 

Alla sede della ■'Treasure Salvnrs 
liK'Oinporaled- di Key Wesi. l'ulti¬ 
ma propaggine della Florida, unno 
sicuri del risuliaw dcll'iinpiesa: 
«Vale mille miliardi quel tesoro' di¬ 
cono i roBfiliorfitori di Rihi-r Ni 

|>.il.i>/lll,l -ll'll.- »>, a'I.i IJ I l-i . 

di baiutnea di cocco, case di legno 
e baracchine di venditori di pcnce 
Mio, A In fermento llvlavaldel tu¬ 
risti interessa poco, come quello 
del croceristi o quello degli amanti 
(Si E/ncsi Hemingivay che ga/ogo- 
no Ini qui, nella punta estrema de¬ 
gli Siati UiiHl, per annusare la di¬ 
mora dello scrittore In WliHehead 
Streei, il suo letto, i suol libri, i suoi 
gatti, anzi I discendenii del suol 
amati felini - sedici per ta gecclsto- 
ne • che ancora scodinzolano nel 
giardino di casa, come se attendes¬ 
sero H rischiamo dell'autore de *11 
vecchio e limare". 

Lavoro (HrtoguMeturtttlcfw 

Hemingway non c'è pKl. Il calore 
di Key West è travisato dal turismo, 
persino f'odore di Cuba non si sen¬ 
te. nonosiaiile la vicinanza con le 
smagge dell'Avana. Solo la pteseii- 
za di Fisher riesce ad ammantare 
di mistero l'appannata aimoslera 
del luogo, un tempo fucina di av¬ 
venture marine, di storie di abbor¬ 
daggi. piraterie e nauiragl. come 
cercano di spiegare le guide turisti¬ 
che. allannalc a trasmettere il sa¬ 
pore di un lascino orinai decaduto. 


Un sofiMiMrglblto 
MitMrà in ailMM 
«uH’anUea ratta 
Ronia<Carlaginé 

Robert Ulard guarda at 
Uadttonanoo. La ptearima oatSM 
H sub Aonuta famaaa canti 

THanlevMlltaipaiifgoiCro'tan 

Nomo, gara lulH comondaita dM 
aonuMralbllafluelaaMNt-lalM 
kivMlIdlMta nella tolta eh* wdva 
Rons aCarttfneulle tracce 
dilli naviInaUnaMIInmlReanni 
di tlerU. 4IA uMlaate par 
opatdiienl RMeetoM ed 
eapMtiMntlnueleait.H 
lemmatgMIedilla^Mrta fredda, 
ancorate nel Cennecticit, vetlM 
edeue piM b« dfieraicontaodo 
auunaeapecRÉdllnaMtdeaee 
circe nlleffleMdl prefenntl, A 
bordo, eltraa RallaM, aalbanne 
unaquMclMdlpattentlra 
nenibd dall'eqiilpagflee 
adendatl. eoRardè tfè tlalee 
bordo dMruMti aoRomarina, 
«eHndandolaofWfcad 
mareM«e«Wefieg)f 
pennetletaine n (raedataia 
dffena ed medita mappa dal «ondaN 
madUenaneL I gMbielia 
owlanianto anobbato la «mtlene 
ralathia alla propiMè dagli 
«vonbiab lepaid, eerU cha 
naaaimo potrà «Wanan quarta 
•cceaa laggli, a iwINmaM a etW 
I mari. Partendo da Ostfa o da 

CI* M f i *•« ««€ AltHf klHlO 

conta di rintraodaromantrean 
InibaicadanI remana naufragata m 
qisal braccio di maro ckndhifda H 
Nord Africa Mia panlaoU Italana 
L'dqolpadoil arcfiodoglcl 
ctitwdmncl, cponaertizatadm 
Ripli rt Feiwd, aaimfm cupo irtela 
limano iravofla aia cattlmana 
por IrRamImoii tL Ballare nonè 
nuoro ad bapiooo clamocooi 
legato all' d t cf iocletfanrerina; 
oltreadairefrmtracclatoll litanie, 
ha «chainMduatolroatl dalla 
corauata tadaaea "Bltmark-. 

iS iucjuiuatn ' w v » 


Nei bar chiassosi dell'isola il no¬ 
me di Fisher corre di bina in bora. 
•Lui non lo la per soldi, di queli ne 
ha latto una baicaia. - conlidano 
gli amief. - no. Iid loia per spàiiodi 
rMncita*. La ihsncila è con rocca- 
no Aliammo che si è postato Ma il 
llglio Dirli e la nuota Ar^ mentre 
cercavano H mliito deib -Mueslia 
Scnora de Aloch». 

Cer». quel reltno ha fnMalo aOa 
compagma un n^iaio di 
d ora ma Ira spaccialo la leliciia di 
Fisher. -Si era preso tante soddnla- 
zkmi In mate - diccnio gb wnirì - e 
il mare si è preso gioco di hii, I 






«teiHshcrlssinittialbrirualwwdMadiHMdiRtwal 


Bb« 

^ M 



2^6**" ' A* 

Pi' - L 




cacriMore desti abissi'. Oia in pal¬ 
la passa di nuovo a Fisher. Lui non 
c'è. un'ombra ben presso sarai, re¬ 
cita un romanB> di Osvaldo Soria¬ 
no. Da quando'ha stin^iu rt.a 
Gainela> dai suoi silenzi. Hsher è 
diuenialo un'umbta daweio. I suoi 
tecnici. aiclKologici e Inn^rafi 
tanno la spola con Montevideo. 
Sulle pareti del salone deSc riunio¬ 
ni. assieme alle hntikiginì di Diik e 
Ai^L è appesa una canina deda 
capilaie utuguayana: UcenbocilU. 
il casinò, il porlo, l'ampio detta del 
fumé. 

Anche le liiuupafie che si nola¬ 


no sul lavolu rqtuardano la metro 
polì sud-americana con la sua aria 
assonnata, la lenta attesa ifì qual- 
cusadie non arriva moie gli guar¬ 
di pratesi della allo xoirere 
deUe acque del Eppure a una 

ventina 4 chioineni da Moolevi- 
deo sta succedendo qualcosa dì 
grasso. Fisher ha on«u>lo il per¬ 
messo per apei<iie in un rentaigolo 
di sedid chilonietii quachaA di su- 
perfRie. Dovrà combattere con 
l'impetuoso Rio. i suol enigiiialk:l 
gorqogNi. la hmacciosità e lo spes¬ 
sore delle acque 

"Qualcusa troverA' assicurano 


gli anziani maririAl di Key West. E, 
se non sari rt-a Camela». saia una 
delle 600 navi che hanno uovato la 
propria tomba neircsiuario più 
grande del piartela, in quell'inferno 
dei navigariti che pareva non aver 
mal sbocco nell'Aiianiico Per 
esempio, due navi corsare porto¬ 
ghesi cariche di gemme oppure al¬ 
ni galeoni spagnoli che depiede- 
vano il continente latlnoemerica- 
no. 

UnafMHtqnMta 

•Quello era un punto micidiale 
di navigazione' assicurano i cofla- 
boratori di Fisher. Una fossa terribi¬ 
le che unisce I relitii della -Carne- 
la'. della -Wuestra Sertora de la F^- 
na de Francia y Las Ammas del 
Purgaiorio> e della 'Nuestra Senora 
de la Lapa y San Francisco*, uno 
dei cimiteri più ricchi di materiale 
atcheologico. 

Dana Florida al New Jersey. 
Nantucket punto zero. A dRianno- 
ve miglia da quella boa dipinta di 
bianco, che emette un segnale ad 
inlermittenza capace di spezzare 


la monotonia detrAtlanlRO. stazio¬ 
na stabilmente un motoscafo. 
John Moier non vuole mollan.- la 
presa. Se una notte da -Isole nella 
corrente» gli fregassero II posto, lui 
sarebbe capace di sparare. Da 
quando II Iribunale del New Jersey 
ha decretalo che può entiare in 
possesso del relitto, Moier si some 
un po' il padrone di quel tesoro 
sommerso. Labili su [ondo dell'o¬ 
ceano giace la sua creatura, l'An- 
diea Doria. 

StHAirta hnmenloni 

Il sub sme/ioMo ha già compiu¬ 
to sessanla immersioni in quel fon¬ 
dale intestalo di squali. Molli pa¬ 
lombari hanno cerealo di Irugare 
tra le pareli metalliche de) iransai- 
lanlico italiano ma soltanto lui ha 
bussalo nel cuore ferito dell'Aiv 
drea Doria. Allri, invece, vi hanno 
peiso la vfla in quel punto male- 
dcllo. 

Moier sperava di fare il grandol- 
po con la cassaforte, si era guada¬ 
gnalo persino l'esclusiva televisiva 
e l'attenzione dei mass-media ma 
la Irenerica attesa si è tramutata in 
un fallimento: quel cofanetto con¬ 
servava solo scanoflie. Sinora hu 
soliratio al destino dell'Allanlico 
soltanto posate, mobili, quadri e 
un mosaico. Il tribunale dice che 
Mcner -ha dimoslralo un rispello 
per la nave che va olite ogni ime- 
rese commerciale". Con animo 
commovente Moier asicura che 
con quel materiale allestita una 
espoùione dedicala alla nave più 
bella della marineria italianu, nau- 
fiala a Nantuckd la none del 25 lu¬ 
glio del I9SG. Mei Fisher, col suo 
museodi Key West, comincia a fa¬ 
re Kuola... 

RielKloitalTttanle 

A nord, moire più a nord, esatta- 
mente a 50d nilglle da Terranova, 
più che ceicare I reperii del Tfienic 
si cerca di alimentare un mito eter¬ 
no La lecerle mostra organizzata 
a Londra da Musco Marliiiino di 

I ',1, < M"-' Il 11 I iii'.lni i-.li.il-, < -- III- 

leoiiulu iiouu Hall l-f u il la apuli- 
del 1PI2. siano stati prelevati circa 
2.600 nggeid Sfiaral ir un fondalo 
di alcuni chilometri <|uadratl c ilbe. 
rati dallo scafo spaccalo in due 
tronconi nella discesa verso il fon¬ 
do. Al Titanic si somma subito II 
nome del geologo americano Ro¬ 
bert Ballard. vulcanico e impreve¬ 
dibile. testardo e energico, il quale 
scopri il lelluo.nel 19BS. Sono noli 1 
suoi conlraslicon la Ihemar, al so- 
cieiA statale francese impegnata 
neiraithaologia marina. Ballard sa 
che andando a toccare il Tiianc va 
a urtare le corde emotive dell'In¬ 
ghilterra. Il suo sogno sarebbe 
quello di enrrare nel cuore dui rei li¬ 
re. 'Ma a qùella pressione e a quel¬ 
la pralondilA è impossibite- assicu¬ 
rano gli esperii. Perora la RmsTlla- 
nic. ia società sralunkense che Ira 
glè elIeRuato due campagne di re¬ 
cuperi nel 1987enel '93, è riuscita 
a farsi dare dal Tribunale il ricono, 
scimento dei propri diritti sul relit¬ 
to. "Il Tltanic è la tomba delle 1.49(1 
vettime- sentenziano da Londra. 
Ma. si sa. i cacciatori diteseli som¬ 
mersi hanno le orecchie lappale. 
Colpa della pressione, dicono lo¬ 
ro... 




By Hanna-Barbera 



Ex pilota cita a giudizio governo e famiglia reale del Kuwait 


Torturato dagli sceicchi 


$ Uno strano gaiilizio 
_ ( sarà chMiniuik a 
piqirsncTe nelle 
prossime seluinaiie un Iribimale 
dclM RugUM. LM ex pilota dell'a- 
vi^ioiie miKlaic kuwaitiana, che 
sostiene di us-icir stato tomirato 
nel suo F^esu. ha (aOo causa. pR> 
imo dav-afitì od ima ccafe hriUmni- 
ca. al gtaeroo c a Ire sceìcchi della 
fmnsjfia reak- (h.4 Kuwait. E Iva 
chksio i-liu gli <rei>!)<i ricuiiusLiulo 
un sostanzioso indennizzo mxiio- 
mRiiprridanni subni 
Si iraibi di lui'vizìnni' giuitizian-i 
senza pnx-cdenli. in quanio mai 
iKSKuno Sudo sovrani) slranfeiu 
era stalo mai trascaiato in giudizio 
«lavnnii ad una ixirle di giustizia 
IxihiniHi'a. 

(Jucsta wild, inveci". FAIta Corte 
ha gaidk-alo amniissAiiic ri iRiayo 
giudizina) iiKscnilalo da Suleiman 
AI-Ads.-ini la doCMoni-è stala pro¬ 
sa sulla IkTSo di-l folto dio l'uomo 
owcUm." rischiato la stia re- awsìi- 
ccir.ito (ti fare b cauta a( suo go¬ 


verno e agH sceicchi di casa reale 
in Kuwait 

I guai di Sulelman Al-Adsani. 
clic durante la guerra del Golfo era 
riiitaslo nel suo paese ed aveva 
cninbaliulo con la resistenza con¬ 
tro gli iracleni. erano comhiciati 
dopo la liberazione Nel perkxio 
ileiroccupazione gli uomini di 
S-iddaiii Hussein avevano messo 
le mani su di una video<a!viella in 
cui si wdeva un aulorcvolc espo- 
ncnle della liuniglia reale l<uivallla- 
na. lo sceicco .lodar Al-Sahah al- 
Saiid. imiregnalo in attività sessuali 
con vane donne. Naturalmente 
questo -reperto bellico' del tulio 
paificotarc era stalo messo in cir¬ 
colazione. 

Siifeimun Al-Adsani era invece 
l'uomo che aveva ricevuto l'ordine 
di nascondere la video-i*as.sett,a. 
Così le aulorilà kuwaitiane lo han¬ 
no nicnulo responsabile di averla 
falli) i adcro in mani nemkhe Da 
qui l'iitTe.sto e una sesie di torture 
alle iinati, secondo (e accu.se ili ,Su- 


leintan Al-Adsani, avrebbe altiva- 
menre partecipato lo stesso sceic¬ 
co. 

Alla fine Suleiman Al-Adsani è 
stato lascialo libero. Ma prima era 
stalo legalo ad un rnatcnysso In 
liainme. Cosi l'ei- pilota che dove¬ 
va custodire i segreti erotici della 
lamiglia leale ha riporialo ustioni 
sul 25 per celilo del corpo. Non ba¬ 
stassero le vessazioni fisichr-. sono 
seguite qitello legali, cosi a Sulei- 
maii. a norma di chis-ifi quale leg¬ 
ge kuwaitiana, sono stali confiscali 
Uriti i beni. Doi)o la ireinenda av¬ 
ventura Suleinvin Al-Adsani si 0 ri¬ 
fugiato a Londra o dalla capitale 
britannica ha falKi causa al gov^-i- 
no del Kuwait e alle us|M)itonti ilei- 
iti famiglia reale. Ira cui lo sceicco 
a "luci rosse- Jabar Al-Sal>ah al- 
bauli. 

L'Alta Corte gli ira dato via lilx-ra 
e ia causa 0 stala fissala per il Ut 
malto, anche se i k-gali non esclu¬ 
dono la |xis.sil>itilà di un ucconlo 
extragiuiliziale. 


i 
















Ddmcnica 26 febbraio 


CAUCASO. L’intervento di Mosca contro la Cecenia spiana la strada alle ambizioni georgiane 


viaSMvtai 


■ CROZMJ Si parla di elezioni si 
annunciano nuove azioni dipto 
maliche ma intanto non c e pace 
pei la manoriala Cecenia Aspn 
combatiimenli scoppiali a Grozmi 
e nei villani a sud e ad ovesi della 
capitale ceccna sono siali segnala 
Il len dall agenzia di inlotmazione 
mssa Iniertoi secondo la quale le 
aitigliene russe slarebbeio canno¬ 
neggiando pesantemente le posi 
ziom delle forze indipendentiste 
cecene nel settore sud occidcniale 
della citta I mililan ceceni agli or 
dini del presidente Ciddiat Du 
daiev intanto continuano capar 
blamente a combattere a Gioznii 
dove sempre secondo la Inierfax 
avrebbero lespinlo le truppe russe 
in avanzata costringendole ad ar 
lelrare da una importante arlena 
stradale Lapopolazionecivile an 
cord una volta è la vntima dell in 
terminabile battaglia casa per ca 
sa sono in fiamme edifici adibiti 
ad appaitamenli ed i civili sono in 
lugd o ceicano «campo negli 
scantinali Tutto questo mentre 
uitd delegazione dellO^nizza 
zione per la sicurezza e la coope- 
tazione in Europa (CWe exCsce) 
ha visitalo ieri a Mozdok un campo 
di detenzione dove vengono rac 
colti ceceni sospettati di fiancheg 
giare le formazioni armate di Oio- 
khar Dudaiirv Aiiualmcnie ag 
giunge I agenzia nel campo di 
Mozdok «I trovano U peranc 
mentile dalla sua istifiizione sono 
passati per il campo 341 ceceni 
Anche il difensore dei dmili umani 
Serghiei Kovailov ha tsiiaio len il 
campodiselezionediMozdok pn 
ma di recaisi nel pomeriggio a 
Croznij 

L agenzia IlorTass ha nferito 
inoltre che 25 miliian russi sono n 
masti UCCISI ieri per I esplosione 
accidentale di un ordigno in una 
unita delle truppe foderali di^oca 
la alla penferia irtendionalc di 
Cmzmi Tra uno spezzone di filma 
lo e un lancio di agenzia da parte 
russa una cosa appare cena aol 
tre due mesi dall CHfensiva militate 
lanciatadalCremlino lelorzemdi 
pendeniiste sono un altro che 
sconfitte Si spara si combatte e 
intanio il nuovo primo mmisttoce 
ceno designato da Mosca ha tra 
ZMto il suo viaggio verso Cioznii 
promettendo di indire libere ele¬ 
zioni e un referendum sulla sovia 
mia •Costruiremo la pace convo¬ 
cheremo elezioni libere ed athiere 
mo un disarmo volonleno - ha dei 
lo il primo ministro designalo So- 
lamtéd Khadjiev in una conferen 
za stampa al quaitier generale 
militare russo di Mozdok - ma Du 
doiev deve lasciare il poter Un 
•invito- che il presidente generale 
ha subito nspedilo al mittente 
-Khadiiev’’ E solo un lanlcccio nel 
le mani dei Russe é la sua lapida 
na nsposla Kliadiiev già minislru 
sovietico per I industra chimica 
ha detto di aver infermato il presi 
dente nisso Boris Elisili della com 
posizioie del suo gabinetto mini 
alenale ed ha espresso la speranza 
diètnvareentroc^giaGroznii per 
assumervi i poien di capo del go¬ 
verno ceceno Ad attenderlo vi sa 
ranno cannonate e funosi combai 
iimenli 


issrzuww 
' Ccii«*vaii 


Zisùiòl 


iUin«ar«MBU 




ri 




m siiKIfUMI Aldiqu.idclCaucs 
su .1 451' chilometii da Groziui il 
inondo ò alla rovescia Qui in Àb 
liliizia un minuscolo Paese di 
k NHI chilometri quadrati piu pie 
coki dell Abruzzo i soldati inviati 
(1,1 Mosca lecilanu la parte dei 
liiKini U gente II va a ceit are per 
farsi ainiaic c proicggcre li saluta 
I un lispolto per strada fisciuigiura 
di non andarsene E vero che sen 
za 1 russi la guena con i geoigiam 
gliubkhazi non I avrebbero vinta i 
IX ro anche i he essi si sono sempre 
SI inni più parte dell impero di Mo 
sca che di quello di Tbilisi e tutta 
M i fa un ceno ellcito scniir parlare 
Ixiiu di loro mentre solo oltre la 
«resta bolle montagne niti-rrace 
I rnn sono i •cattivi- delle lavule 
l/iditiamo alia nostre guida il te¬ 
nente colunncllu Aleksei VUzuv 
iddclio siiimpa delle loizedi pace 
riisK di stanza aSukhumi e lui «u 
iicic soddialaitu È venuto a prer 
(Itnj allaeruixino di baci icrrto 
no msHo irei conduici al di la del 
inuline Pensavamo a un eccesso 
di /do IMI CI siamo ricreduti Non 
SI [lassa m nessun modo ut Abkha 
/11 lu liontiere sono ilnuse dalla 
parli' russa e da quella georgiana 
non fiinziiiiMno aerei Iran aulo 
bus I perfino leauiomobilidcipn 
I Ih che dappcnullo noi lerrtorio 
dellox Unione sovietica si tmslor 
mano in taxi [icr ivxuzsiin vino 

I itissiinc L un P<iusu in prigiunc 

II sono anche le sbaire quel filo 
sjiiiuiin diciro al quale si amm is 
s ino ogni giorno centinaia di por 
vinu nel tentativo di passare ikun 
fine c venire in Russia a vendere 
(jiinkosii sopraltulto manrtsrini 
•irinci c limoni che stanno mar 
cciidii petchù nessuno può izonar 
li futa idei Paese Al mercato di Su 
khumi costano apiicna 500 rubli al 
chilo più 0 mono 250 lire ma di 
sokli in giro ( c n 6 |»chi munite di 
inandannitanii 

Attenti adesso vedrete- cosa 
siitcedc ci dice Aleksei Uopo aver 
latiu iin cenno alla guaniia di fron 
nera che si accinge a lugiiorc lo 
siluramento per la nostra icep 
Apperki I Hiitumobile si awrcinu al 
[tuiilo di [Mssagglo decine di tic 
mini donne e bambini, vi si mcol 
lanci dietro sono gli abkhazi che 
ieri erano nimciti a passare il confi 
Ile ixesao c adesso provano a non 
iMiracas-i Èproibiiocvsiamciitc 
ma I russi "liiuclono un occino c 
«liw cuccodcR; COSI mollo volte al 
giorno jicnhe il primo incullaio- 
il mio della icep un vecctiicilo 
dalla tiiaia ,irsn dal sole e dalla 
Iciilxi kspida la anche lo siiintoso 
l\<in nsihinnid benzina tispingia 
mo noi- Cuitli ridono anello irus 
M Dalla pane .itikhaza sombia |>iii 


laconguiite 

(MIeelttt 

dSuMuml 


Andr« $ 0 lov«v 


Era la faccia medilerranecidGlI Urss e un paese irr«>a 
le dove si vive senza passaporti senza stipendi aspellan 
do che la nuova guerra scrippi LAbkhazia due anni la 
vinse la Georgia e pretese l indipendenza Se la Russia 
non avesse invasrj la Cecenia spingendo Shevardnadze di 
nuovo sul piede di guerra forse uggì la stona da raccoma 
re sarebbe un'altra Lailacco è previ>io subiio dopo la 
paitenza delle truppe ms.se fissala per il 15 maggio 


Ecco perché I georgiani purcssen 
do stali «conrHIincf 42 ma alzano 
1 1 VOCI c minacciami ki soluzione 
miMiradOjxi ver «cguiloda mesi 
quella [MlitKa LuIIcmIo ni%o ci 
accompagna anche alb Ironiiera 
ccm la OcorgM a Kdcnikinicln di 
Sukhumi Anche da questa parte 4 
una desolazione pontidistiuiti vo 
ragini per le strade rase spaccale 
terreni deseni IlliumeCiimistad) 
videigeorgkvmdagliabkazi Èdite 
so dalle truppa russe e dalla milizia 
abknaza mne ancora un posto pe¬ 
ricoloso Due giorni fa uno dei rari 
autobus e sakato su una mma tele¬ 
comandala e due poiizioih aono n 
masti UCCISI -Terrorismo georgia 
no* ésiaiodeliniioaSukhumi Ah 
chequi passano I profughi ma non 
vediamo le code dei misembili di 
Scci -Ne pallio una iienuna ai 
gKumo • dice una delle guardie ab- 
khaze -e in genere sono i georgia 
hi che vivevano a Uali e che vanno 
e veirgoho dalle loro case* Pren 
diamo una di questi profughi sulla 
leep una signoni anziana con una 
bimba di appena due anni -E la 
bambina di mia figlia ^ lacconia - 
la pono via per sempre dalla Òeoi 
gw II padre 4 un dèlinquenie c io 
ormai ho peiim di testare in quel 
posto- Si chmma Valentina «rj 
gniisla e il suo unico desideno è 
quello di scappare a Sverdiovsk 
negli Urali doix q già riuscua ad 
andare su i figlia Mn come tara’ - 
le chiediamo-Non ha il passapor 
lo L aiuteremo noi interviene 
Aleksei Vlasov 


ZMiii in certe altro devo essere 
seguito il dinttoallasovraniui 
Il vo«tfo mandato wado II IS 
maoiO' ae non sari piohinsato 
è toalattco H podcolo d una ri- 
preoadalconnlttoT 
Non dimonuchiamo che siamo 
qui su richiesta dot due governi E 
con il consenso del mio governo 
i>e 15 maggio 1 governi gcoigiano 
e abkhazo ciuccieranno a Mose i 
di mirare il coniingenle la loro n 
ihiesla sirà accolla Mailcompi 
lo che c quello di lai m.ituratx' le 
condizioni per colloqui di paco 
oiUKi quella dala non saia acìcm 
piulo Noi stiamo qui poi impeli 
dire I inteocnlo miliiarc c la no 
sita presenzi consente ai jioliliii 
di dialogare A giudicai» dall an 
damciilo di questi iollo([ui qiic 
sto processo non tiniraonlroil 15 
inailo Temo insomma anzi so 
no sicuro che la giierta ci s.it.n 
Le pani non sanno ancora [larlai 
SI iranquillameine non hanno n 
solili la qiiesiioncdi come Micro 
itisienic some tar loinare i iirK' 
lugli! fiualc sl.itiis d.itc all Ah 
khazia tunprorossoUinco 

iMci Tilt 


Parla il generale Ivanovic in missicme di pace nella repubblica 

«Senza le truppe russe sarà la guerra» 


In geterra tn Cecenia in pace in Abkhazia Le truppe 
niss^' fanno da cuscinetlo tra geoi^iani e dbkhazi con tl 
jiolere di fermare gli aggressori e sequestrare le armi 
Poteri piti ampi di quelli allnbuiti ai caschi blu delle Na 
/ioni Unite «Ma se andiamo via entro il 15 maggio allo 
se adere del mandalo qui sarA di nuovo guerra* Parlai! 
generale lakuscev Vasilii Ivanovic comandante delle 
inippedi pace mAbkhaziao Georgia 

DAICA NOSTRA INVIATA 


■ M'KiiUMi Le sue truppe eono 
parasonale a quelle (leNfOnu lei è 
(l'Mconlo? 

Non iKisso esseri i omplctamcii 

I (liiccoido Intanici [icnnd i 
, oniiiigi mi riihl.iri sullo j i l>,iii 

11, M iTi IH lini II inno snpnnliiitlo 
il I umpiio ili -osscriims gli acx» 
iniii, 1,11 ini orso dui inli i, onililli 
lunali UIC niri la nosiui Imi/ionc 
, ,1,1, iininati ibi miiiclaio, dai 
din, 11 (III coniandiinii dilli 

iiuiipc ditiaci' il, 111 ile 11 I il dii Ilio 

II puniicM clcxisiciiii aiitoiioiiK 
I ,i,oi,l(il( con le punì bclligc 
.mli dire Ile a rmlorzan h pnc 


iK II 1 zcKi I del cunIliKo I . e .1 
rsissii de 1 idi re dinspiiigiic un 
iggic-svin indie eun ltill[>ligo 
di Hi annii di pKcciim le -islilriX 
inlciMmndo con il mio soulin 
gelili IXiiiiiddv viiiticoii 
unge liti imlir<iri dclH >riiKiii,v\ii 
laU' Ilo iikIu il diritto di se c[ii, 
slnirc k irmi k illnin/iinii csig, 
li- il iiliro d. Ilo lumiazKmi di ban 
diti hi akji k rimili loliu dinlh [im 
iimii 

Coi» e camMato per le truppe 
che W comanda dopo gli awanl- 
menti In CecenIaT 

Non (' un si'flri’lu c In si A se iti 


naf,> un iirfeM t aiupuAi > sulla 
[HC-suTUH t sisferza in Abldi-vzi i eli 
cenili di leklcslranipnlopcrqiRr 
nglicii (Li incMii- in Ccccnia Mi 
SI ige IX rò un inKirmìiticii se ■ 

^icniglH II , bkh izi ccuulaattoivo 
in Ivctnid c k inipiK di pece 
Risse (Idc-Rcbirui gli jukhazi (ho 
Lkcmii.) iu irccnid { chiaici 
clki. da direno a tal nlirin ■ 
n [satli RISSI dili /Uikh in I kcii 
siiHkih eh nini nspctian gli k 
ciildl y ii/a 1 CIRI Ile ciucci nxc 
[Ulne liti (CSC 111 11 iLuiiHisosin no 
id iiinHDliK lavigiLiii/i i< ni 
Inrili n qxilichni-aii.icLllah m 
litri ibtii uno acc irsIto la pelili 
R 1 itcgb k|i| mvntgioii uiu un vi 
[x itiullodicaihunRtc liiv Minia 
mchc H'iiulinninic-iilc I iguni i 
m( cccniih icoliulo meIx noi 

Lei pensa ctie I rtsuttati Ikim 
raggiunti rial russi nella guerra 
cecena abbiano cffuscaw I Im 
megine della vostra annata? 

Si> miii ki |nliso Qui I i geiih 
cluvnt il di «pia i-al (Il la <kl fin 
nu liii'iiri capiste (pitlloclH i i 
I Ivo ut f do4ihi V I liii|qx 
1USV V Ut V uiiu) 11 giKira ò iiM 
iililulc al idilu pir cento La 
gl liti (I vxdi coll hdicxrvlciiz I 


vmpft c torse più di prima Ha 
Kxnpivso che se non si guaida ai 
russi come ainiri qui vuccedeiA 
un alliaCeccRiacon ladiffercnz i 
(he-accadrò da quoslv pane del 
la desia cauc-ssica E poi noi qui 
rKostnnainu ponti linee eiclln 
tbi acquedom Insomma hanno 
blscMlnodinoi 

dmawle e ce rne ri suono com 
portato io truppe rune In Ceco- 
nla? 

Nel iniidii imgiKiix H’wl’ik k 
lili|i|ic liaruio dimosir lU coi tg 
qui e eroismo di masvi ennu i 
niism |>adii diininli Li vcontla 
gl. ira miindiaSe Come ipu I 
maggiore che ha sakalo il vio 
loinandanlt UnaPioccinlcri iiv 
me c stala pnigella I operazruix 
c coiiK c -4 ai condotti Ami i 
iialiv nulli ire V [Xisvunu Innaie 
I Ulti punti iK g,Itivi lanli 

Mo to ri peli c i georgiani ri etcu- 
lano COI la «oaba pres en to «a 
fare H gloe» di Mdiinbe. Con iL 
spoiwttoz 

In nsnHidcrc 11 on una domand i 
t la noura pn senza in Ucurgi ■ di 
dii ha tallo il guxo''Di Siici ini 
■Milze' U nostroconimgcnlt ii 
((lido sla su in Ahkhiusa sia in 



nfu^l georgiani higgHi dagli attacc 


ixxxi,ii Aliliwinoduc iMimglm 
m qui c due II lj lorzL e i mezzi 
vxHiiqiutire nini uiKiauguale( 
noi ncKi I .damo il gicxcidi iies 
viiHi Sanlrix giuste'mvxxraftcì 
man du Idiosira jncscsiza non 
ha I Ilio il guxodi iKvsuiio ma ha 
Ix IX la I lUicnlraiulM i jxipoh jx r 
die 1 ' gc nk Ila vncsso di ani 
iiia/zaiv *41 s->uno ik 1 due Ila il 
diniki di higtiLix lavUa Le fune 
di [Mit IM nviMuuiiiMstaiKinuii 
[ximili dih mkiukih 

Che cosa è più Importante ee- 

condo lei salvagundare I kito- 


ni dei separatisti drii Abkbazia 


grtta territorlais o combattere 
per l'Indipendenza? 

Ronsci c he ogni jHgKitii ,i!i!u,i di 
rill<),ill iiitoihldiiiiii./lolle Può 
dc-cKlcii V e SVI» ikiiiroiin.i le 
dcitl/xillt 11 l sv U lllloillMllo 
Mei inni TOglio lare ivinpi (on 

»nfo pnssriiKicsvI»Ieonelizioiii 

diverse l,iKoli i ,i un jirijiiife enii 
VK 1 H di pili Illuvie» 1 » »un un al 
Iminveepchcossorcdiiisi L,Kk 
cistono »li ugni singtiki (.asu di ex 
essere mdindiiak Anche | mie 
gola kniloriiilr sevijgu un ruolo 
iniporlaiiiissinKi in tene condì 


< 















Dumonica 26 lobbroio 1995 


'?"'i 




Lunedì lo sbarco 
di «UnMed ShieM* 
Al via il ritiro 
dolio truppe Onu 


Nostalgia d’impero 
dietro i passi di Mosca 


P«lBSantalla4lnMl»iw«i>:ll 
twnpoéMaduto lol» 
uHlniiinenl«ripe(iitsKoflAnMn.H 
«tucrataHodtH'OnuiNile 
ml u loiilttpf.Efcnliw» 

MmprapKiInwBMlClomta 

Moga(lacic.La((ir»iM'-UnlM 

maM-atann»#arabarc«ra« 

poiutavlatuttoqualchatetta 

Mlaniia«on*-<)Mt«aiio|ia>.Lo 

faranmdomanl liaanaralaudld 

aaiabbapiopanaoadaRaeearala 

fatiamiininatloitala.-Nolcl 

aaguftamochatuttovadabama l 

KonciiiaUtognadeineatfQ s 

linplage,maaeeaMaaiàaarainB ||■&, f ,f 

tnciadoadaialafltpQftaciuat»-. 
dcManail’AMaaHllaaplatcia 
daV'aaioaeiMReapHaaedal iHHOk 

marlMa«fa(NaNinai>. 

MOfdiMtotadaH'appacciadi 

ImootanaamMaataodalla 

-UnIMSMalR'.IneMliataanta ^ 

anewaanatart.FonUmWtari 

rHariacanitelMrittatiadipMcola 

•eacamuccafralMalt. 

Soataniu«ea»iwaao,alcuW colpi 

«ftteUtalaoMaaftWlJnehaflalto 

vIckianuilall’aaioporto.nMpnnal 

■MlaaonaOovaattananolinoial 

mllliart Alaonalllnquaataloto 

nanbnpartanHllanédaieaMtalt 

AMMflOOaHotivppaoafbareo 

Mla>UnlM8Molé--asnolafo(a 

mataWoaMraaroportoeorcaM 

tpialooaaporaopCTwlvoaa.cfco. SMMll«blidamdaaneaneall»«a(cand«Mdbo,aMoeadlacl« 


L a INCONTRO con CIm- adunoscnilodeKexambascia 
' lon potrebbe esseie ai ture amencano a Mosca Jack F 
la fine fusalo-Cecenia Madock ~ si è sostenuto da più 
pemteffendo - per parti che il presidente russo ave 
ma^ioe per quel che nguarda va ildmfio-doveredisoppnmere 
la situazione a Mosca sembra un regime malioso che control 
che fulfo-dopo una seduta par lava enormi traffici di droga di 
lamentare meno burrascosa del armi e di valuta 
previsto - sia tomaio sotto con- C i senza dubbio de) vero ne) 
ìrollo Pub dunque dormire son le parole di Aksionov e di Mai¬ 
ni iranquilliEltsinr tock Sembranoncisianodubbi 

Non SI pub ceno negare che sul latto ette Dudaev abbia non 
decidendo di allrontare con le solo proietto i Irallicanli ma ab- 
armi la questione cecena il pie bia creato - e probabilmente 
sidenie abbia inleipielato insie iraendone anche vamaggi per¬ 
mea molle allie cose tralequa- sonali - le condizioni miglion 
li-inpiimoluogo-una paitco- perché i •irallicanli> potessero 
late visione degli interessi eco- lavorare Ma - come ci dicono 
nomici (petrolio) e strategici tutti i giorni le cronache - simili 
(frontiera del Sud-Esi) della condizioni privilegiale per la 
Russia anche un certo "bisogno mafia sono siate creale in verità 
di resraurazroctea di -voglia di un poco ovunque in Russia In 
Urss »0 meglio<di impero- che ognicasopoi eadocumeniarlu 
SI respira in una Russia uscita ci sono i dati fomiti dal ministero 
profondamente umiliala da una degli Interni russo - lo ha rileva 
sconliua-quelladellUrss-the io nei giorni scorsi su Àtoutie 
per le sue dimensioni ha messo Vrem)0 (si veda I ultimo numero 
in discussione tutto - dai modi dell Intemazionale) Olga Vasi 
di pensare ai progeili per iMutu fieva • -la maggior patte delle 
ro - nella vita di milioni di citta- bande criminali ha una compo 
dini Che dall umi sizione mista» per 

liazwnc nascano m cut >1 imperante ste 

siemeanuoveincer reoiipo delle-mafie 

lezze anche sogni di etniche-risulta esse 

gloria e desideri di re-del tulio inlonda 

npresa se non di n K^ *". to» La questione po 

vincita è dello dai sta sul tappeto dalla 

sondaggi che ineo Cecenia e dunque 

minciano ad essere davvero un altra e ri 

eflettuait in previsio- ^ WMIIIWV MI guarda la Russia la 
ne delle elezioni di questione della per 

dcembte A àtosca ^à/K^Str manensa o meno 

come altrove i son 7 nella sua politica di 

daggi vanno presi V vocazioni imperiali 


ZMvisriaia Ami 


Sotto la nuova guida repubblicana, la Camera 
ha approvato una legge che usospendet* remis¬ 
sione di tutb 1 regolamenti governativi. Nel mi¬ 
rino le norme che salvaguardano l'ambiente e la 
salute del cittadino. Clinton minaccia il veto. 


1 giudici: «Ci fu un complotto per uccidere Colosio» 


Destra contro Fosten avrebbe consentito esperimenti nwrtali su 28 persone 

Nei guai l’uomo di Clinton alla Sanità 
È accusato di aver usato neri come cavie 


Oggi marcia 

A 


per cacciare il vescovo Ruiz 


NOSTBCi SERVIZIO 


NOSTBO SERVIZIO 


raunc (he sarebbe avvenuta nel 
ISRI quando il duniir Henv B> 
ski era mipiesidenle dela Ma 
(Oli lauiii> Medicai SocKJy Sc- 
«mcki tu (lonui nel I9(>9 quando 
la meaa ■aiRa sifilide era quasi 
((inclusa VI fu un inLcmtro neHa 
cIuiK I uravcisaatia di Tinkegec 
dose kivcir.ivi da quattro anm il 
doitiir hi-lcr Da una parie i fun 
zamatichevciliaanoconlinuan; gh 
(siatunnli daUaltra la Hedual 
SaKiv(loU.icmitca Allalneque 
SI ultimi ibcik il siKxonsensu II 
chaiiaRnici hidUKi dinon tKor 
d ia H. 1 liKoiitni Sfa .rvvenuto Ma 
J som nenia i hanno preso fa paBa 
alfiibo IcalcrrfovciMsapefeco- 
sist ai 'uccedcndonclstaiovpc 
(fall Ih dahutaio (ìoo Baur 
liHsidniu. det h.Hnih Rtacanh 
(iniKé ciionhdlcc)Ualilanior<th 
|Kr facaiiLatui tn h i dedmalo il 

glMIIMI 


ikllAlabama Moki in di loto si 
ciano <imnMl.ili ili sdilnfe c (tede 
vano di essere ctaati ma invece 
(k 1 l.iiriiA I ncevevdiKi soliantu 
plirtbo In qia sto mudo incere I 
l'*i|Kk(-«.inos(iKlian il iimgiedire 
iklli nuiiallhi tWrr UH mniaii di 
eiùcHi veniKtn sotbifNisti affa n 
MH.i rtu (hini4l) uiinealcbla li 
IH soiMnuiquutdounodeimrchii 
uiiiivolli ai lueda .il nnuirso im 
ki qiKlk che stui siacedcndo 
N> ll'l't'’ quaiHkiviinK sHilliliil 
linuiiraiigHK M aeirtòeheJKtra 
Kk iHunnuianaeiiKiataisliK ne 
U>k k (UIC > rane Maini Ipinao 
[in pili igghia 11 lini delleqxn 
UH ni» vnat stali dia una M ili dal 
k> sliea» I imes II loncs in un li 
t>n xU Molli -SN^rK (' illn(i-(itdi 
bta Ilo nel IWl hi un i |>agiiia (h 
qiKd» libro un ( mnista ik I gau 
Itali radai dell i < BS li t nseofa ito 
Li iiiiIizih iniiMr.t/zaiiK ih una mi 


processo contro il finora unico kil 
ler Mano Abuno Martine? 23 an 
ni giacondannatoaéOanni Luza 
no la CUI cartcd equivale a mini 
slrodellaGiustizia hadcllodical 
I omicidio avvenuto a T\|uan<i 
nella Bassa California -partecipa 
rono van soletti" che oltre al col 
po di pistola alla lesta di Colosio 
sparalo da Aborto -un secondo 
colpo di pistola-al torace lu sp.ira 
to da Olhon Cortes Vazquez un ex 
diiiendente dell aemixxlo di fi 
luana già arrestilo Lo indagini 
della Procuia speciale sul caso Co 
losio creata in dicembre dal Pro 
curaloie geniale hanno actena 
lo che -la tesi del killer soliiann e 
insostenibile ed è indubbio clic 11 
scena del delitto 6 siala m iiiipiil, 
la- Colosio fu UCCISO do|x> un t o 
mizio eia tesidclcomplollodstu 
la a lungo negata dalla Pnxuia al 
lidala fino a novemtirc scoivi a 
membn del Pn 


aCITTADELMESflKO llatlloitdi 
sU del Chupas slmno cirgaiiizzan 
do per oggi lina niaRM di inolcsla 
ciutlr» muiKigniir bamuc^ Ruiz il 
vescovo di San CmliibaI de las Ca 
sds che presiede la Commissione 
di mcdi^Kinc tra gnvonto nu-ssi 
canoe guemgba 2 dpalb<a Iiitanlo 
i VICI comandarMe Maicos leader 
dell Escn.ito zafiaiisl ■ rk hbcrazio 
ne nanonafe ha smentito le voci 
acdiiiiJii iin Ruiz saieUie -Aftalu 
alla gucmqka- A San CnsRibal si 
viMino ore drammatKhc te peg 
gKxi dal ( apudanno ‘M ai cu< 
eqiiusc la guetrg^ upausla con 
inimorti IrappreseiitaiUidcicoii 
scrvaxin lanfonÀsh lUevalon e 
piKsidenlt del Ctnapas hanno 
plaudito an iziuitc del guwm» e 
già domenra scorsa baniMi alzalo 
ìavDicconlru il vescovo di hiinUi 
slubal de las CaSBs al grido di 


•Fuon Ruiz Sul sagrato della Cai 
ledralc domenica pomeri^io al¬ 
lora liadizionale della messa e 
dell omelia del vescovo comincia 
nino un lancio di uova c scalena 
tomi una nssa contro i sosteniiori 
del vescovo con un bilancio di 15 
letili Immediata nsposta dei soste 
niam di Ruiz che si sono slietii at 
Ionio a colui che é il loro vescovo 
da SS anni c considerano-il difen 
sore- dei celi più poven ed ematgv 
nati Inlanto ha npreso corpo la 
■lesi dei due killer c del comiilollo» 
per I uccisione il 2 ì maizo scorso 
del candidato presidenziale Luis 
Donaldo Colosiii membro del Par 

tko nmlutionijno tsiiwziondlf Lo 
ha delio la scorsa none il Procura 
ture generale deHa repubblica An 
Ionio Lozano (jracia dando una 
sterzato alle indagini di H mesi c al 


del dirti»! hisici (CntKMiii¥> <fi 
ilisfoain ifilti niidunin iixIh 
[ icluciosiclic II |X rsiiix cxfiiililxaie 
respiiiy. riiHHj queste disi iisvrtii 
Fostir Im sosti uni» oggi di nirv 
v»|HilosollallloiKl l'iTJ«Insta 
iriIHiiIr (Oiitlcrtli nell Al d) iiii.i su 
uomini di I suo stessi» loSai Ki 
imsi lutligii Ilo In ile Ilo i i». Usi 
subii» clic l ISIZieilt IKOVISSCI» 
UHI idcginK Avnijiiisojxjsizio 
111 prima SI solimi» ivc-ssi viiai 
lo- MIorigaic ikll I i-il. ma i VI « 
Ilici iKC ica still.i siIiIkIc inlrapn vi 
ikI l'ilj d il Hiivizi» Mini mo Iti 
/mii.ik Si VDk’v.i.mvrl in « lisi 
lillck piiiviK ivv ilisliirlii c inliov i 

Vo/in «Ili niH.’gK'R (IHIIAII'I 

ni I n< ri iis]ii Ilo u bhiiH In Si uni 
i|iiiiuli (kxusn un (iiiH» (sjiiii 
nielli» SUI IXiHtimli UHI dilk 
iii.iiil igioni IH ll.i ctaiti I di M.k oli 


■ U.ASIIIN(.I1)N Un.i stona <1lio 
li dliK-ri usali come cavie luritiio 
studi» sulla sifilidi ( stai i ritsuma 
la )M me 111 n soli» accusa il doili u 
Huirv histir lo z,ir- dHlu saiiil.i 
iksiijivilo dell prcsidciile Clinloii c 
ioniesl.ilo dalla maKUiinaiiza a 
piibliliiuna .nUoiiurcsvi Sex andò 
laccnvn fostcì .iiichc lui CKio 
mn libi lolloralo irinlih isireri 

menu (iiiiilolli III IIAI.iliaina iicitli 

min 111! insniiiiitoiiiqu.ilinioni»- 
iioiiliiii iioJH|xisom LoiHiiii sto 
iiliimo sllimi I rcpuhbiKani spera 
II» di illond.irt il lUiididulo di 
t tiillnii «I.I c nix .Ilo |xr ,mi piiili 
Hit» itxfdj f^it'IVI IL !i«.iJtitl.>»-i 
simtiri (kxivi 1 (illc-ndtrc il su» 
uiilii(ia»llrciii?u -Siiniosiiuii In 
dii hi irai» lohlil'cHlosI.1 iiiiconsi 
«III n di ( Inilim t lic gli awcrs.in 













jKigia 


c.l6r 




Unità 

■ix 




Ma è già polemica 

Londra vara 
il poliziotto 
in affitto 


NOSTRO $ERVI2I0 


m I/indra Tempigramisiprcaniiuncianonel 
regno di sua maestà bnjannira per i vogilantes 
pnvati ospedali negozianti e comuni cittadini 
per avere una protezione e«ita non dovranno 
piu tivoigwsi a guardie private, ma potranno 
vulvare la soglia del più vicino commissarialo 
cumpiliirc un modulo sganciate un anucipo 
c ‘allitlurc» dogli agenti 1 capi delle 42 iorn di 
fmllZM ài IngtvUe/rn e Galles ìuniio mblh dato 
via libera ad un innovativo progetto il cui scopo 
dichiarato e uumenlate la presenza della poli 
2 IU sul tciTiiono senza spendere una sterlina in 
più del denaro pubblico Insomma unasonadi 
sincigia tra pubblico e privato all insegna di 
Ulta -giusta causa- una dilesa più pronta degli 
otkvI ortjdmi 

Il pnigettQ che sarà ullcialmenlc presentato 
all annuale conferenza di luglio dell associazio 
ne dei capi della polizia è stalo anticipalo len 
dal quotidiano The InàiperKleni E allora guar¬ 
diamolo da vicino questo piano destinalo nelle 
intenzioni dei suoi idcaion a nvoluzionam il 
mnueào di sicurezza e, si spera a spaventate i 
•male inlenzionali- senza per questo gravare 
sulle gld disastrale casse della polizia inglese 
Quanti vorranno usufruire di questo servizio do¬ 
vranno dimosrrare di essere affidabili di agire 
nell interesse pubblico e sottoscrivere un con 
vallo della durala di alcuni anni 3 o S Ma 
quanto cosieid r«afftflo- per un anno di un poli- 
zloito’ Presto deno all incirca 3S milioni I equi- 
valtiilc Cioè della paga base di un agente Toc 
Cd a Ksiih Povey, commiasano capo di Leice- 
sto, aptcgùie II senso di questa iniziativa 'Vo¬ 
gliamo piu poliziotti In giro - dice -ma le nostre 
nsonc non ce lo conuniono Cosi dobbiamo 
iraraie nuovi atstemtparcofmareil divano- Più 
iliiarodicusi A sostegno del *bobbyin affitto 
V 1 1 «stendeni in tutto il Regno Unno del leno- 
menodella-micracnininalitar bandedipiccoli 
laglicggiaion lapinaion dei -fine senunana 
per non parlare poi dei teppisti «da birra- che 
terrorizzano gli onesti clitadini di sua maestà 
che mondano di lettere Indignate i giomall pm 
denunciare una «atu protezione- da perle 
dctlu polizia 

t allora via libera a -pago e mi difendete- 11 
progetto -pollziotli in aniuo- e reso possibile da 
una nuova legge che consente alle auioiftà di 
polisia di accettare pagamenti in cambio di set 
vrzt extra 

Tutto bene, dunque’ Scoilaod Yard e riuscita 
a far -quadrate 11 cerchio-’ Beh, indagando un 
po MsCQprecheproprioiutiinonsonoentusia- 
411 del progetta-wltiasi poliziotto- Lcperpieasi- 
Ui tu tiisinuano anche va gli agenti c e chi teme 
Infetti, che la polizia flniid per offrire due servizi 
uno dei ricchi e lalnt) per i poveri Parola di 
HedBrouglon presldenledelsindacaiodipoli 
zia -Questo significa - spiega - che quelli che 
possono pagaie avranno una protezione exua- 
E gli altri’ Broiigltlon si lerma qui ma II senso 
della sua denuncia à chiarissimo chi non pud 
permettersi I -alflllo- di un agente dovrà accori 
tentarsi di quello che passa If <xim«nlo pub 
bllco e sperare nella buona sorte -M^lio sa 
rebbe - giunge Biuughion - avere un servizio 
di polizia adegualamenle finanziato- Ma da 
questo -oiecchio- il governo conscivaloie di 
John Mayor non sembra voleici sentite di nuo 
vi linanziomcnti al servizi pubblici non se ne 
paria pntpno Le preoccupaziorTÌ dei pteudert- 
le del sindacato di polizia vengono respinte con 
forza dai sustenllon del prr^tlo i quali assieu 
rapo invece che i pallugliamenli a pagamento 
non andranno a detrimento del scrviziodi muti 
neeclieunzi conpiùfondiadisposizione vara 
possibile assumere aliti agenti E allora vai con 
1 -affirto dc-i pollziotio- 




nel Mondo 






Ddincnica 26 fobbrato 1995 



La «tMnM «els Aiage aiMiiett gl Ma iMtehM « KaacM 


NiMnUI Htj/Ap 


Faida tra gruppi sciiti e sunniti alla fine del Ramadan 

Strage delle moschee 
In Pakistan 22 morti 


tewMiMm 

ScmMvURMmo 

Mmmwcio 

ntlUimMiNw 

VWand aaoeW tana 

aManuanadarvana 

(nfarlaaggliMla 

parta vaacWidl 

Oamaalawmaaanii 

paRdatUlHaalanla 

aanOnalad 

dbnaaZrartl 

pMllWnail,rial prima 

annhamanodal 

maaaacranala 

maachaaaiMabran 

parpabate dal aalana 

laraallanaBarveli 

OaMatalnauunafala 

dlaraMgiptaghlara 

quando uealMM 

parMna,4ll agami 

nanna ptMhlata 

almanoM 

dgnoatranllaun 

ffrtagralalsrMgaNO, 

UpoNda arava 

raHorzatolaaua 

praaamaa 

QatuMianiina ptaprle 

parranitivaraade 

daflaceUlonalta 

moacheadlHalitaii. 

dova 0 il«l|ruppldl 

celonllorMNanisi 

arano tcontraQ con 

MogauM. 


■ Karachi capitale degli olUn 
economici ma anche rlela vioien 
za La ciuà costiera « ncoMetnta 
dc-positarudclirlsiepnmaio chea 
oramai suo da anni gt Ralusiaii 
con gli otioci aucniaii commessi 
tre venerdì e i»n per un bliancio 
complessivo di22trton 

Teano delle suagi ite moschee 
Benaglio i fedeli raccogi in pre¬ 
ghiera nelluttimo venerdì del Ra¬ 
madan llmesedeldigiuno Auion 
commandos tenonsnci ^fan ta 
gruppi che da mes a Karachi com 
baifono una feroce guerra di refi 
gione sciiti e sunniit, luna ccadfO 
1 altra armata le due gratvdl lame 
glie divise dell IsIam chequi nda 
immensa meiiopoli alla léce del 
I Indo sono separale non solo da 
diainbe (ecnofogtche ma da ten 
som di natura econonuca e soco 
le 

Laounaca ÈveneicBnone et 
templi sono affoltau dai Meg lac 
colli mmedKazone comeècoslu- 
me nell ultimo venerdì del Rama 
dan mcuilapregluerasipiphinga 
spesso strio al tnaXino suceessno 
Moschee sente moschee sunrine 
Tutte piene D imprcwviso alcuni 
sconosciuti arompono m uno di 
questi luoghi di culto aprono il 
fuoco alla cieca e luggono A ler 
ra esanimi i corpi di due persone 
uccise mentre pregarano 


Levitutnesonosunuue Csuboo 
ga I loioconHMgnidilede o me 
gho Ira gh aderenti ale kemazioni 
esiieinisie cita puntano sunorbo 
lehgKMo cova la vogha di vendet¬ 
ta hnmedraiaeancorapiùsangui 
nota sari la rappresaglia 
Il nuovo assalio ha per mera la 
moschea scita di Abu al Abbas 
nel qututiete onenule di Ar lahi 
Baksh Uomini arnia» di kaiashru- 
kov nompono all imetno $> dui 
gotto verso II seiicte maschd» e 
scan-ano taHiche sui presenti Se 
condo alcune fonti I tager aghi^mo 
con tal» laprdM che le vwime qua 
SI non SI accotono di cosa sia ac 
cadendo, e vengono colpire mcn 
uè sono peosiraie a rena nell ado¬ 
razione di Agah Ma c e un agra 
vemone po la quale invece gli as- 
sassni rasAefiano i maschi adulo 
piescnn bammucchranoinunan 
goto e II massacrano I mor» som 
sei Messa scena niezz ora dopo a 
uè ctNloine*i di dnianza nel tem¬ 
po di MehBI Munaza anchesso 
sciSa E QUI la strage è ancora ptu 
temMe to-alastau] uno sun agro 
SUI tappeti minsi di sangue icorpi 
dlqualiongci imocen» 

Nessuno nvendica apertamenle 
lapaienwadeitieaMeirla» ma tul¬ 
li a Karachi salmo ctu som i prota- 
gonisn riell andata di leime che 
ad volo mese (g lefaiaa» ha fatto 


Clown sotto scorta per le vie dì Sarajevo 

Clinton pronto a inviare truppe per il ritiro Gnu dalla Croazia 


PABIOLUMNHO 

■ liman Ire anni ù rimasto con 
U boc< a aperta per un tempo in 
terminabile Nella sua vita aliale- 
vo non aveva mai visto un clown 
Tre anni nil udite I eco delle grana 
le I pagliacciche sono giunti nella 
capitale bosmaca ieri c I altro ieri 
lic-vono aver avulo 1 elleno di veri e 
(«Di-ri oxtMicnrMn per limali e I 
suol CQclanci nati sotto un cielo 
.inncnlo dalla gucira Sono i 
Clown vali' fronllèros" che con 
Inimbc'lloe lambiin hanno portato 
alicgnu pel le dure strade di Saraic 
Vti 1 .wsociaziotlf che raggruppa 
ariw!) rii .vtcìiflcolo frani e,sl, i nna 
desi e s|xq(itoli ntiiiirrà per una 

siilliiiiuiiiim'llaima 

In un auloWis ricoperto di ban¬ 
dierine (oloriiie scollalo da un 
«'IlClio blindato dell Oiiu evi guilo 
d.i un codazzo di bamliira i |ia 
illuni I iMinnoI/illu il loro siwiloco 
ki C non solo per liMmbInl Anio- 
iiln 33 anni al pawagBio do 
ikiwn ù l'sptrisa In un Irngoniso 


applauso e SI à rainmaricnta iter la 
mancanza di puhblicilache avreb¬ 
be portalo piu lolla pci slrail.i Niin 
e possibile iKiisarc da gente qita- 
lunquc I cecchini sparano me'iiu 
ma sono sempre al loioposloion 
il lucile puntalo La loinpagma 
non ha voluto nschiaie anche ve 
gli spellai oli CI vaiannii per tutta la 
cillà Ieri nella zona musulmana 
Neipro-isimi cionii nella parte sor 
ha Per tulli I Ivambim un nnKo-s» 
a premi a quelli che tiiiveranno il 
nome più simpalico e i tie faranno 
I disegni piu belli vira av-vgiialo 
un riconoscimento i premi sanno 
da unhig(ictfc/(K'rZagjbfi.idd<ie- 
cento lavolclie di citucolala 
I clown stctiHiiraiio una Iciisio- 
nc apixina uilenualii ri.ill i lenula 
della tregua Piofitio ieri mainila 
I Unprulor ivi da Iso ck sos|in oliere 
I voli per laciiiporto di .‘vii,i|ivi> 
Un aereo della Forza di protezioni 
(Ielle Nazioni Ulule i Ih 'i Irnv.iv.i 
sulla l'Ista ò stalo aiiim.in ilo da 
lolih rii armi leggere pixo rioim il 


'uo aticiTj^io 

Saraievo ha contalo ■ suoi moni 
accidenialv anche m questi mesi 
buci ihe$ peggio che CI sor» 20 - 
iK- cluv« il confino è prosegiHlo ut 
grande siile Cosi come la pugzia 
etnea Secondo Kns Janowski 
liinzionaiio dell Ago contnussaiu 
kideUOnuperirilugiali tuicam 
pagitdo di teirure diucciStoni vio- 
leitze c saccheggi 6 siala puitara 
avanti mqiicsleselliinaiK-daiscf 
bi contro i mustihnam nel nord 
della Bosnia g ponawee tlell Onu 
e seminalo steuro «Mie sue aller 
inazioni e ha indKatozoneproct 
se la regione imurnoaBaniaLuka 
( oiiliollalA dal seibi r la zona di 
itradahu nd nord del paese Le 
'ies.se crudi' miiftievQlie degh an 
ni in un la pukzin etnica avvenva 
MiiliitraicM miBiilmani temnzzd 
Il dcfiredali i- cusnelti ad abbati 
donare le lotoiase -Som gli uhi 
mi allnndi percomplekiie 1 opera 
di pulizia etnica netta zona di Bu 
vTnskn Kroiuu - ha commenldlo il 
luii/ii>ivirii> dcUnnu - smiu Ine 
ehm indifferente dcUeauHiftti- 


Dagtormsidicechesara Mibse 
vie d sUoccafe la pace Wairen 
Zditimmait ex ambasciatole 
anim,.ano a Bel^ado lisinesgia 
sull ulomo numero di fo no gn a/ 
loK, un niratto dd leader serbo 
che è un indKaaone per i media 
tnn inlaiuizionag a nnt faRisover- 
chK ilhcaoni anzi nessuna -Non 
I hn mai visto commosso o anche 
loo alo da un caso Indraduale di 
sofiaenza umana - smve Zm 
ntennan sul prest^KKo parodico 
nravvorkese - Rir hji gli uoinitii o 
som un 9uppo iiiettH miEUlmd 
ni) o un BSlidziaie Né I ho mai 
«nwu egro una sola parola canta 
mole u gemile nei conlionii di un 
c-viere umano neanche veiho- 
Ncgh hldli Umli I paten sono di 
scordi Anche suttopportumU <h 
inviare proprie troppe per pioieg 
gere il nuro dei (jùchi blu dalla 
Onozu UIMunnanhaaTk.orade- 
( no il segieldm eh Sbiki Wanen 
Oinvuiphcr c d nunegodcila Dife¬ 
sa WiUÙmftun pieinonO|)erilvia 
hbrra all operazione 


già prodi |30viun>e Da un loto il 
Tehnk-e-Jiilna (Tipi dallalim il 
SuMh-i-Sahaba Bolusiian (Sspj 
Paroluu legati che tanno da coper 
tura a bande annoia Scota il |m 
mo sunniia d secondo Eniiambi 
convuin che II musulmano dell al¬ 
ga tendenza sta un miscredania 
degno di eeere ammazzato coma 
un cane La Dattagha ha i due 
gruppi soiiairob n^iaitivamente a 
quamopare da Iran e Arabia sau¬ 
dita SI é inhaccuua ad una prece 
denta ad esploswa ccmllinuàliià 
che da anm panodicamenie ira- 
storina mcampidi baiiaglia le sira 
de di Karacht Contrapposta sono 
lentia locala isind a la comunità 
dai moh^r. cioè dai profughi co 
meconuiuam ad essere chiamali 
s disianza di quasi SO anni I musuL 
mani che gioirono dall India al 
momenio della divisione dell ex 
eoloiua bMaamca in due paesi fn 
dia appunto e Pafastan fia sind e 
mohàpr è guerra di interessi eco¬ 
nomia lahtoha anche in relazione 
al conUoUo del gallico di droga E 
su questo «essilo innato si è inne¬ 
scata I Qshhta inier-musulmana 
Mogi mobaiir Mani sono senti 
menne il fiosso dei sind è sunniia 
len sera migliaia di scisi sfilava 
m nel cenno di Karachi piangen 
do 1 veri» coneligionan uccisi Non 
sono mancali episodi di vmienza 
auto bruciale dèva^azioni di editi¬ 
ci uacuilesedidrduegtaTiali 


Attentato separatista 
Bombe sul treno 
in India 

Uccìsi 25 soldati 


■ NE» DEUII Grave attentalo a 
bordo di un ircm nello sialo nord 
utdiam di Assam luntinaniccon 
il Nagaland 23 persone sono mor¬ 
ie lutti miLton del -Ccnwal reserve 
pobee fetces e oiue trenta -tono n 
malte leiHc m xguilo all esplosio 
ne di un ordigno sul -Drahiiiiia|>u 
g 1 Mail- Utngri d prrcorvo da Di 
phua UiuHlmg acina lllli.hilo- 
meoidoUacapitaledcllosl’iio Ou 
wahdli Lespto'unc ha convpteia 
mente svenuoio la conuzza su cui 
vi^qiavam imdu niililan loicndo 
nc iferaghan. agre ue le iiutonià 
iiKiiCdnu con esUenia cericzza nc 
gli odeicnu al grotto luaoiqa 
Consiglio nozionag.' socmIiv» del 
NdgaLiiid otgamzzazioncluunlcg 
ge m guena con I oseicito indiano 
da almeno (pioniiu anm gli autori 
dellattemato La rmvHa che ha 
laggMMii d suo Ofucc itegli anni 
vessanta é dunuiuila di tolcitsilA 
negli ultimi anm 


MassiRK» D Aleina Bep(>e Vjlvb CuusetJ 
pgr Cj3ld2^itilj pacteerparo al dulnr< rH>il o 
F«bgo ?«<ijvi ptr 1j tcoinpano 

ausipptPBam 

tKMtxTfk gtAndt; 

26lel)trdKj 


lè seSKine fìì Alldiniirci gl àvvocta al 
doloK dell o>Hirevuie FdbM.' h‘iii>ei per I \ 
perdità (te) padre 

CRlStPPE 

Alianiur» i6iebb(«ii) 199S 


il di ^nieratho ìiì Co)le m Sfrinu al 
CLimpaB'>^ niiDrevole Fabio Pernvei U 
petUiJi del caro 

PAPA 

^ix»raino n folle (Bn) 2Fteb43rdiLi I'^^A 


Il presderiiA Uiigi BeHiMiter e >l gruppo 
nogresswj Federvivo (Éfla Crinwra (tei 
de}Mift(i partecipa n>3 ellijito deH Oli F<1 
Imo Permei pct la icomparba del 

FAIME 

Roira 2f» febbraio l!^ 


VeoAa Mdrjo Fr incelai RugjiNide 5< 
LPdle vicini al dokore della Icimiglia 
(>ei nirpidixo di 

EUSAWAIM) 

2$Iebbiaio 


La hesione P(k Re$olA CamiMvHi es[ rime 
serniiecondosliAHeepcrls scomparsa del 
<.MV 

m)NEO 

Rorna 2$tebh>4nim 


Errj BmcK> Be'»o e Sicoie Adamo goiicv 
»c tivooo L 2(Hi LMAi per / {lA memema 
drlccmptigno 

NINNO GttOFAlD 

Coerwd ^M)braKri»9S 


tiripHo 


ÙAVBC 


geettiatip del! i Federazione di Forh In 
KKiderut str«)deir et i tia ponaio vie an 
ciiracodgKAan* tAuomoeiu»« uridt 
(iSieAie dri>ewo per fw «inche ui care 
imivC Ci ibOiKlwrA Ci «nnaiamg ul d(> 
tote delle moglie dei llfb della maffitna < 
^1 lrai«1lo 3ee<»tenu Fedetruivne Fdv 
Cei«v 
Cesene 


ibg^^eje^comprigitB delia Federa 


riw8rFds*'S^An/ew)rirtiftr>o*irprò 
poo pHi servale cordoglio per l improwi» 
Kipinpersa d*i eoinpAgno 

DAVWMUDI 

sMietAno ivp^viiKiale del Fcb di Pomi e t 
vfiihcooo affrarvic al dolore dei famihan e 
<b I iWi I comiMgni c hte lo haniK) i oooeciu 
<0 e somali 

Ravenna ^dlobbno 19^ 


la Federasiofte imolew del Pd» partecipo 
ai dolo»* della iMiiglio e dei corripegru 
K3 iIh'is»i per lu Iragica ecctruarKi di i uro 

PAViPCPmiDI 

wgrelitm) vKiìa Pmien^Kne del t'dv d 
> I » LM fWlr MttKfstàUt jrtT otutti 

nella poiiuco idee e coinpoMeinenu num 
pe'menti dlgronde iimenitA e(uliiii« Da 
V idp hA iros ala U mone nwrxre l«i\‘era3 \ 

tilìa vosiruetone di un HtrvQ aenmramvndc) 
demdciuicà per ie prossime alettoni im 
miriistMmv Compito di tulli » demoriai cl 
coaimuame ] opera 
hnolo 2Clebttoio 199^ 


DàfiiHà Ae e Storto MoogrMfo panecr 
porto con |r«nde alleito e (timmosigne al 
dolore perla perdila di 

MNàTOSaUUO 

MI letto i 2rs leblxmc 1995 


Le i.orn|>RSiie e i cor^ipegrii dell Udb Frati 
ce>c o Rt' del FtJs di Ba^il 5 • e 

vip'irni 4.013 pr<jfori(k^ voidoglio al Liolure 
di FJLsalieUa Ict prpniaiuta y.CMnp,irM 
delcvinp hìikj 

RENATO SCRJLLO 

I k «uo rkccrfdn sok m.((vo( o per Vnitcì 
Basilio UiMno3 26lebbr^iO I99S 

A qiiAiiro (inrii dalla «Lomivit^vi di 

U* cogiiilio C-tfolino I itifioii Udire Sà'tgjo 

eli^sfcrk.iftìjtìoctin 

Mildiio >blebbr7iki I'I9S 

La Feden/iirn» del P(Ja di Uildoo esporre 
il piu ijroitnfdo cordoglio por lascompar 
M (tei I avvigcaio prote&sur 

CUNDOICMCOPISAnA 

e «I jJtingeal (tnloredel Utmigliarr 
Milano iOlebbrtki I9I>S 

Barila ra Pollasinm e Pietro Mediano perle- 
ci|iano vari omicizia e alleilo al fetóre di 
Citi liana per lascompiiHbedel (ratire 

pro<.CMND0NEIi€0 PISARU 

Mkfdiu 26iebhraruUH6 

&nia OitWiirina Armeiido Virginia e 
Gemma iIL''denocon amore 

NONNA RENATA 

ieienno<lop(3 

R( me 2Fler)Ì3niK>llF><) 

VII Pliaro e L'eniiiicrveslmo afìniwer^àrio 
delle hcaitipeiue dei coniugi 

Is Initvi Àktta e (emis/ie h rhxirdàno tgsof 
lovriM^no |>ei ; U'nifi 
SBingiodA iFe) lebbre IO I9'>S 

Ripone il 6 anpivarsono ilella %om|>erM 

eli 

UNOFOROaUM 

U moglie e i familian miti lo niordeno 

ior> immuieiOeffeMo 

firmai 

primo eitnnvraant deilA comparAS 
dui ccinpagiK) panipuuw 

OEOOrORLAi 

» L4Jiei Uuoreib InM laMjeet^pa 
itilde. il rogo itoGicrgKi la Ki\ 
na lo k Lordarw con lanK) Udio affeiio e 
suiioicriN'ono peri Unita 

^iLurdeiwlo M 2T enmverwriu (Iella iitone 

V|RC|[gApSSl 

e il \ aiti iktbi ino della niorie di 

DtUINABCliOMI 

CRCMASCOU 

K « Sruno con Soma iVodtfi e famiglia 
sManocen miinuiaioafreiio 
SestoSnnQicivAdni S^lebbrnoÌ99S 

Nel Becondo anni^erwtTio della 'Ai^npanié 

wnNocosi 

la rMtiiehe kr rivoide Loti alleno e in sua 
tnonon i eunoeunvi. per I 
^rrenn MMjdmcc 

L Ari IC B.cn reaHinele u^er ina e linrvnii 
n rgurlxu 

MMUNOCQEI 

edue anni delle icoinpaNa 
riitnu Mkbbrain]^ 

Nel sdlimo annivenano delle acompene 
Oefconipagrio 

REJMTOBAfW 

1a moglie e i fieli m «e i iTiemoria loiiosrri 
vono per/Cfiilb 
Firen:e 20f«bbrelo 199$ 


INfOWfiAZIOm 

» I» t Mnntt IM 9wimpgreaa)sjFFeoeialivp amò N«i« ad 


iiebOraioalieweigSD 


martedì KMtrelo 
jiwea Fiogre^ein- 


la aa^aim» a_ 

SENra ACCEZIONE AlCWA ■ pam Oala aedute . 

(ve 11 vprealpr» nicip aM») \s nuieone oel Comun 
Fedemtxfo m Sanala e eonvoest 
le dvuuia • I depuWi dal Grum PfwesaisthFedeWNO tono tenuti ad essere prasenrt 

SENTA ECCE^WE Aie JNÀ ala aèduu aimnanllsrM (eóevtfihiMfnenia pomertoanal di 

mercteatf i nurro e a qieM aniirnandana di cavedi 2 maifo AvQnr» iva^voleziora su 
r'«rìc.a riamo Camera mu ioti eiuylarie traRan imernailonaii u miniane del Comialo 
t>:reni«a Oei Otupea PiDgrasiieii-fooaraiivo data Cwnera eHiroata ai Peaaonaebiii del 
OniGV di Certènission» é cofìvoolUi per mereoMi i martoaueore 1730 


ASSOCIAZIONE BIANCHI 8ANDINELU 


Incontro di studio 

‘*Verso i Grandi Uffizi" 

1 

3-4 rrtar^o 1995 

1 FIRENZE - Palazzo ISiledici Riccardi 

tturarzu 


or» >.48 Aiwlioa 


G-aeppe Cuarsnt* 

Preiiàuiie gtl Asax.zixi» Bundu Ùanainelll 

Meno Sano 

Dvsllore Oenaral» nviistero Sera CiJtumli e Ainbentali 

Verrino CMì 

Praadviie della 9 a 9 ioi« Toacere 

«r» mjft Sidiaiinfie 

eofosD^w 

Ann 9 riar>a Petrie* Tofar* 

DireRore degli LlHt; 

MsnoLataialli 

Sovnniaridarie v Ben architeitcìrBOi d» Firenze 

1 oro 11 s 30 19.00 Quaferrnsoo. iCÈfìe collurdtieinnbiemdt metodo 1 

Mrvi Qra^on 

Docenle di $lcr a dell Me Uiwrcr^isdiFirenTe 

NkFiN L^ie 

94 Direitnre del Loime 

Svdie PirXO 

Sovrmiv erMe deVd Gellend Ne; or^ d Me Modeina d 


Porne 

or* 1 S,M- 1 TAI 0 


Cnetra Acldtrii 

SovcirrtenOente veano v Be» «rtisiici e stono di Firenze 

C^Hsnn 

D rettore <i Paid;;Q Pini 

Evdra Bptee 

Dingeriie centrale Un siero Bem Culturali e Ambiertleli 

AKirVP Ferez SencKe; 

9 s lAreitore dei Prvdo 

Pietro Perm'M 

SovnnteiTderte a Beni ^ listici • storie d k^no 

[ ora IT.nfLlR^ PbviArWinriP a rfnrvwM Arr/jfftìtriWyi | 

Fianco Qurrian 

FVesds dalla FkiXU a Anhiietiuia Univ8.siia «• P. ei« 

ClduM ConfrHl 

Dolerne di Arcbiteilve an Uiwyi; t tè di Rome 


Docente d Arcbnetiura al Univatsiia d fienTe 

oro 18,30 fnifooa 

y?ood[uotomL2geate 

Mano Manieri Ehe 

Decerne d Siena deli Archnelture ali Urirversilè dt Rome 



ors O.ftO # Mirti» 1® te Cifia 

Mite P^erdk 

Presidente dette Provir«Cia i* F 

Ser» Anna BucctìreH 

Comnt $$iorie Pubbi ce lstru?iorie 

O VdWoSp-ii 

Comrnissttcme Esten 

era 0.30 


Qiorgr Bcrsanti 

Sovnriterideiiie e Diettore dell Op f od Pieire Ove 

Francesco Papafevs 

Fckore 

I AM IO Vi nnvie'tn i iffitt methte^rjnnia a ntrnrPrfirT 

1 SVbele Cordare 

Sovririiendenie e Oirei’o»e del Isinvifo Centrale di Resumro 

1 ort 11.15 fìesixkiseM/i OeSacuiiurs resuaysahrkhì MIa rtrJihfn 


InMrronH eonchuM: 

AmonioPiOiuw 

MaW(i 3 par( Cc//tvi 7 >h€ A/i>àù^Uf/i 

Lu « 6$tki(kier 

PieWJaiiie del CruDoo Prou ea^^i disila Came«o 

G LiSepw Qviranle 

Pi^vdenreAssaciejione Bianchi 6eni>ieB 


é 

















Il Tesoro: questo 
è II momeiito giusto 
porvondoro mareM 

•M HMnM llebrt ciaimM tl «iww 

«lo** M pH». • pw***"** d 

un (moto nwvhnoóto d 
OMNrtaMna d valuta cl«* ho ortgktt In 
Italia. Ed* lunfotonpo*. L'aaoacialitaa 
iatta**iwt*H«aiTo*eia.Ca>l*>*« a i 
n*Bli*«uMi.filaa(«*lailetraa 
ofiottiiata dua and fa daM Banca (M 
B a g alamaatlln t avn arl onalt aliava al 
|Mita«adluaaaan|lataU*acantr*Ulli* 


a la tanca Mali, ai laiiort t*( on ma** a 
laeaaclBalaaafaahanana'a v aai C Mn* 
canghua. B di* Il moulnianla aalla Un 
abMn wWn* kt iMa 0 <aaia* aovii 
a*|i*M tmoaHlBMo-aanld* Bm* 
tflaidid* cM d'ini* a 0*1 d al dona* 

daBaHraanalioaidaoitadaldalvaian 
adatllva. t auaieun*, ortma a 0 * 1 , al 
fUnattaiaiaoanaa cownantalantwada 
a guadan ai lM*l d kitav**** lladanl. 
•Clava aWa *1 Iravana aoal aMf t una 
iMaol*, la guaidan «tema, gglea «all* 
fhania.l t aoltaO ia vnatanna aadeut^g 

daaoia •* u «amanta MgHan oav 

tvaduvtalniaraWInIn. HiQaWaiadBnanl 
adaooaaai*nl*il* c lilBaa. 


Prìmalo della politica nella eri» delle monete europee. 
Cosi è per ringhillerra, la Spagna e la Francia, per le 
quali la debolezza delle rispettive valute è direttamente 
proporzionale all'incertezza di prospettiva politica. So¬ 
lo la lira ha alle spalle del suo indebolimento corpose 
ragioni economiche. Questa la valutazione degli anali¬ 
sti inglesi che prevedono anche che la corsa dei capitali 
verso la moneta te<desca è un dato destinato a durare. 

MOSTRO SERVIZIO 


Capitali in fuga dall’Italia 

L’Ufficio cambi: a gennaio «usciti» 6.600 miliardi 


Eccola la fuga dei capitali italiani: 6.600 miliardi a gen¬ 
naio, In parte compensati dall'indebitamento delle 
banche in lire verso l'estero. Il saldo della bilancia di 
pagamenti il mese scorso Ita registrato un passivo di 
3.661 miliardi. È colpa degli italiani? Gli economisti so¬ 
no rllutlanti a colpevolizzare, e sottolineano le incertez¬ 
ze del quadro politico. E nella settimana nera la lira s'è 
svalutata del 2,1%sul marco, e dell'l, 17 sul dollaro. 


m fiOMA. U fuga del capiiali Ha- 
llani vano l'estero continua. U 
confeitM è antvaia leit dairuliima 
rilevazione dcH’Uffico cambi pres¬ 
so la Banca d'Italia. A gennaio il 
saldo dcllu bilancia del pagamenti 
- misura II valore delle iransulonl 
da e verso gli altri paesi - ha legl- 
slrato un passivo di 3.661 mlllaidl, 
contro l'attivo di oltre 5.000 miliar¬ 
di nel gennaio '!M. Il passivo attua¬ 
le significa tra l'altro che gli opera¬ 
toli economici e finanziari, pluno- 
slu che acqtilsuiie valuta italiana, 
ne hanno ceduta per comprare va¬ 
luta stranie.-a. E il <boom> delle 
esporlazioni (un attivo di 32.000 
miliardi nel '94)? La conliaddiziu- 
ne si spiega con la scella degli 
espodalori di non conveiTite subilo 
gli lnca.ssl In valuta--specialmente 
In marchi - nell'aspeilativB di ulte¬ 
riori deprezzamenll della nostra 
moneta. 


Il rtsuliato di gennaio deriva da 
un passivo di oltre 4.000 miliardi 
nel movimento commeiclale (par¬ 
tite correnti), e da un attivo di 4 1 2 
mllbrdl nel movimenti di capitali. 
Ma in questa voce giocano ^1 af¬ 
flussi In Ine di capitali dall'estero 
realizzali dalle banche ben 
7.0)4 miliardi: ad esemplo, I presu¬ 
li chiesti a una banca americana o 
francese. 

Banetw In c«itrotiml*nn 

E cosi questo attivo ha larga¬ 
mente compensato l'uscita netta di 
'capitali non bancari per 6.602 mi¬ 
liardi. DlquesU, 3 .168 sono IlalianI, 
3.434 capitali esteri. 

Echecosa é avvenuto nel torzie- 
re della Banca centrale m tennini 
di risene? Nel saldo Ira attlvD 
(91.000 miliardi) e passivo (2.895 
miliardi, metè a breve lermlne) le 
riserve complessive di Bankllalla 
ammontavano alla line di gennaio 


a 88.167 milUidi che la seuimarw 
appena vascorsa l'istituto ha am- 

C amente utilizzato eer soseenere 
lira Uibeigruzz-^.lncuil'oiv 
v ale 41.339 miliardi, menue la Ban¬ 
ca centrale disporre di 38222 mi¬ 
liardi In valuta convertibile. 

Mpi dagli IWM7 

Speculazioiie senza (renoa lotv 
dra 0 Francofone, misieriosiespla- 
tail gnomi della finanza a Zuti^ o 
a Nm York: lutto s'd detto sulla tu¬ 
ga dalla bra. Ma già dallo scorso 
autunno si saiieva che gli utvefifeo- 
rl stranieri nel mercato mieinazia- 
naie avevano da tempo abbando¬ 
nalo la nostra moneta (in vatuw o 
in Utoli). lasciandosi * minimo Uv 
dispenrébite per la diveisficazioive 
del poitalogllo. Quindi i mlsteilosl 
gnomi noiv erano che imesiiiotl 
Uabani, peraltro obbUgaU dai loro 
statuti -se si tratta di società o ton¬ 
di it'imestlmenio - ad mteslire 
laddtne c'é maggiore certezza 
convenienza e disinvestire dove 
non c'e fiducia che le cose vadano 
bene. Lo ha ricordato il minisUD 
del Bilancio Ralnet Masem, Iches 
è tradotto In un indice puntato sul¬ 
le <olpe degli llallsnl-. 

Anche per il vicepresìdenle cB 
Nomisma, Falrizio Bianchi, non è 
una novità che gli operatoti Uaiani 
non investano in lirr. un ienomeno 
iniziato già nel febbraio '93 - ala 
vigilia delle dimissksii del governo 
Ciampi - -acceletalo dal maggio 


'94>«ol nascere dal govesnoBerlu¬ 
sconi. ESdepiazanreModella no¬ 
stra moneta re dovuto al'accumu- 
tarsi di mobe causev: crisi hnaiiziu- 
ria del Messico. Sceltezze e ritardi 
nel* manovToreis. Colpa degli Ho- 
llani?Anclrediloto,<flMitondìlW- 
lienanlnmaniefauguaàev.Aque- 
stopuntooccotreregiptovaresubi- 
Kv la manema. che oUietutioci av¬ 
vicina ^i obteMvi di Maasmcht: 
•nessun paese al mondo - dice 
Bianchi - ha latto quello che ale 
biamo latto noi negli uWmi anno. E 
se si tosse seguko il solco mocMo 
dal governo Óampi. anche la com¬ 
ponente imeressi sul debito •saretv 
be stata sonoconuolo>. 

An'economim di FOiza Hata 
Antonio Malsano non mieressa la 
diilinzione tra ilaliani e suanierl, e 
anzi raccomanda di non isMuire 
<aiiwt di concentramens» pn i 
coitali Halianv Per aMaie la ba, 
olóe ale elezioni, per àSarzano 
adesso occorre la riloniu dele 
pensioni che va latta per decreto 
legge. Invece i presaJenie dei gio¬ 
vani ndusinak Alessandro Rselo - 
anche kii 9 pronuncia per un de¬ 
creto sidb rikirma previdenziale - 
pinla 1 diro contro gli nvesMori 
stranieri che arevano inrestrio in 
Malia e adesso si ritirano: la que¬ 
stione •»» é economica ma pokii- 
ca>. aOa basec'à unaalisaflezione* 
legala alia •grande debolezza polè 
lica del nostro paese-, ala sua -po- 
caciedibililà*. 


Confcommeicio: 
l'inflazlon» 
salirà sino 
al por conto 

t 

la nrenana rerata M «avem 
reflreidmutd Ma Hiiel* 
aepHlaUisdUquIBapmwiiata 
areuneewapradu W w.lim M skait 
kl*MMlBMrtBM«l«t*M 
deMlBlladena-.qusiM- 
•attelnai MCanteammaicà* 
(naia Me H preeMent* Fmnaaroa 
Calu**l)iBiut*ireS»-ailitiu« a lB 
dli»>'iMlWssMeef*«MI'baam,ll 
eantreit*dlsu«'**anouiliaM 
Minnarei*. M tailima a «al 
**«vttl,wigBluip MB aMlini i na» ra 
•WuMIva. •***««* I italWI 
«s«>*BghN.ck*li*vMulala 
raffaOa «all knpMa aulì* aal* 
knpaat* l*«k*tt* * quMle 
r stplaiMve r auia S i «Ml'kisMa* 
«M arew«dm*nfl, IlalW*** 
awireitarb • quasi un pania a 
mazze M *ia«s e a » > nel l>tg adii 
Mae aampreaa II* B 8 ad IW par 
canta, divéata aaM* dM areiri- 
c o B c ldda I* nata-unita agl MM 
ks M venti ch a c ereflsIiner d iu re B 
«addìi* dhp r irMIiaridunma la 
Brapatialenaadkireette.prBdimè 
un tagB* iipanllaa nel Mae « 
a*sMladair*aaacniblal**a 
pvl a nrez» puBla pareanliat* 
eh* «trMelnar*, iRanureideM. 
na^ amtl auceaaaM., 


■ ROMA. Non e solo l'itafia a pa¬ 
gaie il prezzo del suol proUemi 
politici sono torma di Insopporta¬ 
bili tempeste sulla sua valuta, spie¬ 
ga Nlck «Manne, primo economi- 
sia ddia CMUMm tatpMM Bank 
di lanMn. pieixxupaio anche lui 
per la picche stanno prendertdo 
i mercali valutari da qualche rem- 
poaquesta parte. 

L'osseivazione viene all'Indo¬ 
mani di una giomata che ha visto 
non solo la lira, ma anche la atorlP 
nn, il franco Mancese e la p«tM« 
spinola spinte ai limiti di nuovi 
primari tienivi nel confronti del 
marce tedesco. Mentre il dollaro 
sembra suture pifl che aliio le con¬ 
seguenze di classici fattori di valu- 
loson» macioeconomici, per le 
vahiie europee nell'occhio del ci- 
cìoive le valutazioni negative che 
provocano la caduia sono tonda- 
mentalmente di natura politica: la 
sierlina ha subilo un ^siagglD> 
p«r la pcesibile caduta del governo 
di Min kMgcr sono la spinta degli 
euroscenici del suo stesso panno, 
la peserà à sono ossediu da tempo 
pei le incertezze legare al futuro 
del gcrieiT>o 4iOMM«.Piu ancoia 
che l'Italia • che direi» motvs di 
vàluiazioni mKioeconomiche 
classiche ce li ha a giustificare la 
debolezza della lira (differenziale 
dei tossi, inflazione in aumento, di¬ 
savanzo e debito pubblico) • è lo 
Fianclo a dimostrare quanto lo po- 
Mica ormai imperi, ricordano gli 
analisti inglesi 

Il crollo del trmioe, che, secon¬ 
do gU esperii, si accentuerà ulte- 
riormeniE toccando thelli storici 
nel rapporto col marco, è dovuto 
evclushamenle aU'awicinaisi delle 
elezioni pie»denzlali «alla recente 
guerra delle spie con gli Stali Uniti, 
a honte di un'economia che vanta 
invece un lasso di inflazione 
deir I ,T%. molto più basso di tulli I 
colossi economici, un saldo attivo 
della bilancia commerciale di 22,5 
miliardi di dollari negli ultimi 12 
mesi, una crescila della massa mo¬ 
netaria (ph) 3,3) che 6 la metà di 
quella ledesca e tassi di Inteiesse 
di poco superiori aquetli tedeschi. 

Quello francese, osserva CM- 
•IMI DunI* economista della 
Chandeat BMih, e un caso ancor 
pili clamoroso di quello della lira: 
l'Italia, se non altro, anche in pieno 
boom della pnoduzione induslria- 


le. deve fare i conti con i suoi clas¬ 
sici problemi. 

Al Umile, ricorda l'uhimo nume¬ 
ro deU'EeonemM, anche gli Stati 
Uniti hanno delle considerazioni 
màcroeconomiche da chiamare In 
causa per la debolezza del dollaro: 
l'esposizione nei confronti del 
messlco. ma più ancora l'enorme 
disavanzo di bilancio di 200 miliar¬ 
di di dollari e l'alirettanlo enorme 
saldo negativo della bilancia com¬ 
merciale dell'ordine di 163 miliardi 
di dollari, ben 65 del quali nel con- 
fronlidelsoloQlappMW. 

Quello del dollaro e della sua 
debolezza omtai endemica nei 
confronti del marco (è ormai pros¬ 
sima alla parità minima sierica del 
dopogueira) meriterebbe un di¬ 
scorso mono più lungo: nem per 
nulla l'Economlsi nel numero in 
edieois gli dedica oddirinura l'edi¬ 
toriale d'aperium, dal titolo •Dollà- 
10 dannai». L’ediioTiaJista del pre¬ 
stigioso settimanale britannico v» 
de eopraKuito motivi roocroecon» 
mici In una debolezza che e suo 
dire à destinata ad aumentare: la 
potenza economica americana 
non è ormai più quella dominante 
peichè. al di là del saldo negativo 
col giòppone. gli Siati Uniti pibdu- 
cono ormai solo un quinto del ro¬ 
tale mondiale e le loio eipoRàii» 
ni sono appena il 1418 del totale 
mondiale. 

Il dollaro costUulsce ancore II 
60?s del totale rielle riserve mon¬ 
diali, chea la metà della ricchezza 
privala nel mondo menne due ter¬ 
zi del laiiurato mondiale continua 
ad essere espresso in doUarl. Ma al¬ 
la lunga questa porizione ai à an¬ 
data erodendo e lo farà ancore di 
più. proprio per la diminuita po¬ 
tenza commerciale degli Stari Uni¬ 
ti. Incàire, gli SMI Uniti, che fino 
agli anni ottanta erano II più grosso 
creditore al mondo, oggi sono di¬ 
ventali Il più grosso debitore. Ov¬ 
ine se non basressero questi motivi 
a lungo termineedi natura storica, 
l'editoriale dell'Economist vede 
anche un fattore molto Impoitante 
di guadagni maiginali a breve: la 
spinta al natzo dei tassi a breve in 
America sembra anivata al suo let¬ 
to fisiologico per II momento, men¬ 
tre i lassi tedeschi termi da quasi 
un anno potrebbero ora comincia¬ 
re a salire per frenare le tendenze 
Inflallive in presenza della robusta 
crescila bi arrivo solo ora. 


La crisi della lira, la bufera sui mercati e la manovra-bis viste dal «bunker» (0 via Nazionale 

Banldtalia: piove forte, ma non è alluvione 



41 giorno 
peggiore? 
Martedì, quando 
è stato deciso 
l’aumento del 
tasso di sconto» 


_ NOSTRO SERVIZIO _ 

■ ROMA. «Sia piovendo fortG. leniamo gli ombrelli 
aperti e mettiamo l'impenncablle ma man c'C un'I¬ 
nondazione che ci sta portando via-, Cosi aulorevuli 
ambienti della Banca d'Italia, interpellali ieri dall'A- 
gi. l'Agenzia giornalistica llalla. commentavano lo 
stato di salute della lira all'indoiivani di una giomata 
che ha visto schiacciate dal marco tedesco pratica- 
mente tutte te alue valute, non .solo quelle tradizio¬ 
nalmente deboli ma anche monete forti quali 11 fran¬ 
co francese. Chi, In via nazionale, ha la responsabi¬ 
lità di governare la moneta respinge insomma il 
•fantasma messicano- e. In attesa dell'apertura del 
mercali lunedi mattina, lancia il messaggio di man- 
tenere i nervi saldi: •sliamocalmi-diue la Banca d'ti 
falla - la paura di un crollo della lira non è giusllflca. 
la. anche pere Ite te pur foni lurbolenze di questi ulti¬ 
mi giorni non cl dicono niente di pii) drammatico ri¬ 
spetto a ciò che già non coiK>sccs.slmo«. I) mercal» 
finanziario da segnali di stabilità: lo dimosini l'esito 
positivo delle aste dei Boi e del nuovi Ctz. 

Quanto al differenziale di 5 punti Ira I nostri lassi a 
medio-lungo termine e quelli tedeschi, ciò si tradu¬ 
ce nel latto che la lira t destinala u svalutarsi di 50 
(Hinil l'anno rispello al marco. Una misura notevole, 
ma non .spaventosa, dicono In via Nazionale, anche 
se •naturalmente dobbiamo lavorare (leiclte queste 


gap ' almeno si dimezzi e ciòsi può odenere solo 
riducendo II diftetenzialc Inflaziunisac». 

•U iiMnamMin baslM 

La manovra economica approvala gioiredi dal go- 
ven» Orni è buona in quanto a muove il quela di¬ 
rezione, ma da sola non basta: te necessaiiocanli- 
nuarecoii te altre mlsuresbulhirah. prima Ira tulle fa 
rllomu del sistema pensrónistico. Ogni poro del 
mosaico della politica di bdancio è necessario, ma 
per avere te sutlicienzB bisogna arerii mesa tuM al 
posto giuste-. 

La politica monelaria. da palle sua, continua a fa¬ 
re la sua parie. Lo dimostia la decisione di tnanedi 
scorso del governatore Antonio Fazio di etevare il 
lasso di s>-ontDdiO.?Spuntisuironda dei cattivi doli 
deirinUazIone provenieMi dalle nove città campio¬ 
ne. 'Sé non l'avessimo latto, chissà dove sta¬ 
remmo-, dicono a palazzo Kock. •L'unica accusa 
che ci può essere avanzala è di non essenti mossi 
già un mese fa. Ma atoia non c'eia un ga>en» pie¬ 
namente in carica e pertanto a citi avremmo rivolto 
il messaggio di rigore, e perchea>sa>? 

Tornando alla ^ornala di venerdì, gli uomini di 

BanKlialla rivelano di averta vissub con un •pathos* 
minore rispetto a mariedl.quando appunto si trova- 
runocosfreul ad aumentareilluK^iuelgloinoèsb- 
in più drummaticopcnhèennninonoi Tepicenlin 


del movimento al ritvassoddte Ifra*. Ieri invece eve¬ 
nuta dall'estero una remata di speculazione che e 
partita iniziahnente dalle valute europee per poi 
eslouKlnsi al «iQltero che tnfaRì ha chiuso sul mar¬ 
co al valore minimo d^ uhsni anni. Insomma. a 
1*1 cerio punto, 4uti hanno cominciato a correre 
veno la valuta ledesca e noi ilaliani d slamo acco- 

TeiìvmotOMdPamN 

Siècosl mani'csiala ancora quella fuga di capiteli 
koBani ali estero, già descrina dallo stesso Fallo nel 
suo leceneimeivento al congresso del Forex di Sor¬ 
rento e denunciata ripetiuamenle te questi giorni 
diti minislro del Bilancio Rarner Mascra. Quel feno¬ 
meno in base al C|Uale motte azienile preferiscono 
embaigare alTestero i notevoli (vorenll delle espon 
taziraii, 

àia al di là detta siluaàcme peculiare llaliana, la 
Banca diala non ha dlilcottà ad ammettere che 
stiamo vivendo una fase dì tortissima dllticollà del 
meroata dei cambi Si tratta <h una tempesta valuta¬ 
ria di imensttà pari a quetta che nell'estate del '93 
portò alTaUaisùnento al ISR-della lascia di oscilla- 
ziune ta le monete eufopee. Basti pensare che ve¬ 
nerdì il dhatio ha la monda )Md (one e te più debole 
(riqieHìvainenie.illioitooc4andeseetepeseta spa- 
gnolB) èstataparial 12%. 




































« « 


Domenica 26 febbraio 1996 



Economia 



Crwill 9to» I tMtl. H Crcpili ha annuiKiato I iiKrp 
mento del prime e top rate a parure dn domani 
L aumento m linea con ilnalzodel lasso di scon 
lo è dello 0 75 te porla il «pnme-al IO e il-top 
rate-al 17 75 V 

Cariai fendi pe* l'agfleoHun. UCanpIo ha slan 
nato 50 miliardi per linanziainenli di credilo agra 
no a lassi di panlcolaic lavore dcslinali ai prò 
duBon di cereali semi oleosi e piarne proteiche 
per U campagna 1995 L iniziativa nenira nel 
lambito del regime di sostegno promosso dal mi 
nislero per le risone agricole Ifinanziamenli (do 
rata massima di 12 mesi iassodel937S) saran 
no concessi quale anticipo sui coniribuli previsti 
dal regolamemo Cee ed erogati alle imprese tra 



mite I Eima La somma anticipala a ogni singola 
azienda poni raggiungere 180% del previsto con 
tributo comunitario 

Oro • amirto daprtMl. Ecco i utezzl indicaiivi indi 
cali dalla Banca Popolare dell EtrunaeLazio peri 
meialli preziosi Quotazioni rilevale venerdì 24 
Dio lino I9S50 19900 lire al grammo anjenlo 
251 500 253000 Kg 

Il caso dai mtrtul In Ecu. I problemi Iwti ai mutui 
m Ecu schizzalo venerdì a quota 2 080 contralti 
dainsparmialon italiani saranno al centro di una 
audizione Inlormale dei rappresenianli dell Abi 
I associazione delle banche Italiane prevista per 
martedì prossimo alla Commissione iinanze della 
Camera 


FISCO & PREVIDENZA. Ecco Tagenda con tutte le scadenze del prossimo mese 

Pr«vld 0 nza Enasarco: liraatazioni 
Integrativa pradiaposta par II *96 

L'Enauteel EM* Nndanata 
OaWMlaAcMd* 

RippiMManti di CanuMiel*) ha 

wnidEptog—ipwld 

li wtnil n ii lI nt i CÉtfn il 

pntidinia IME. In fMON diEli 

AdanU • ItappraMMaM d 
CiMMMnta iMittn alTCnM. 

I pAie^l Mfnm«M«Mmlai 
canditone In; 

•LSEObofMdleMtoiMd'Mne 
teatMOce UM/M. «UenidM M 
ngimitiriiiwialenllil 

CanencfolelMimi all'CnM (tnene 
deeeduBl, mdina gteeio IMBiiM 
«eoMlnl OMiMdert • indircnKA 
«Wlle pe di c iti. 

-EiEJeinI In c eiinla a i Eee e 
mentane par I EDI di MeilM 
(aiHlM iaaedeMI.Inelilreleelel 
U anni. In tunri «empnel M 
dkifn •lutfla ptdMEM. 

«■TOaaaagnl.daH'ImpartadilradacMlMlciaacana.ln 
lanafn di paMlanalldar6itneliadlnia<lnaln atM di dpaaa 
par par nana anilana 

tj data di praaantailana diHa demanda par n tu la 
praatiBiml amliUini aradtit Umana IMI 
L'Enuar c eananlBnlneltiaparlptepdtieiWI.pta a aa 
Marifd. aaMtanaU M M lacdlU tarmUi a Id taeadU 
cHmaaciinlUllaM.padadldiaafiMnadldaaaattimana 
dia al arOaalarannn M pu Minl.ba aprEanaenniUa IMS 
U demanda d paruaipKlona ladano la appatM rnodaS a la 
daemnantailonafldilaaUdaianea i aaiapiaaait t aUaatiall 
IS mana p V. I rapelamantl dMU In predadonl. la 
modidMcanacaiaaila par U pm 



dpmtaalpatlana d aeM fcm i t Wiaial aalmatlcl nana 
diponlHI premo la aedi caElonil adì mauttl tdarmatM 
dad'Enam'Ce dalaaaS ani tannarle« u lenala. Par 
MarmailenlUI.0S/S793.2307 »&S,faiiOS/ 
ET410U 



I condoni, Uva e... 


an Marzo è alle porte E con il 
nuovo mese inizia i( lour de hree 
del contnbuenie italiano Per pumi 
tocca ai commen.ianli che dovran 
no iar Ironie alla dichiarazione an 
nuale dell Iva e assieme a lutti gli 
autonomi anche al condono pre 
vKlenzlale Ecco punto per puniu 
luiu le scadenze del prossimo me¬ 
se 

MEraoMIl 

Taaan MttmoMllitlen. Primo 
giorno utile per conlspondere en 
In il 31 marzo '95 là lassa aulo- 
mobilislica di iscrizione nei pubbli 
CI registri e dell autiWiu p« I vei 
vdi per I quab la validità della tassa 
pie^etile à scaduta a gennaio 

1995 Ivelcaliinleieiisatlsano 

- euuiveiiure e auioveiiuli ad 
uso pramecuo lino a 9 cv non all 
mentali a gasolio a Gpl o melano 
cd I muKiveicull II venamenio va 
cKeBualo in unica soluzione per 
12 mesi con scadenza gennaio 

1996 

- auluvetlurq ed aulovecull ad uso 
promiscuo fino a 9 cv allmeniah a 
gasolio Gpl o metano per 8 o 12 
mesi con scadenza nspetsvamen 
te lugliol995eKnnalol99G 
CandeM EdHtM. Scade il termi 
ne per la presentazione al Comune 
compeienle della domanda di 
concessine o di auiotizzazionc in 
sanaiorta 

Alla domanda va aNegata la n 
«Mila di pagameino dell oblazio¬ 
ne utilizzando I appesilo bollaiiino 
di c/c mod CH B-^uaier -oblazio 
ne abusivismo edlllzioi ovvero del 
I anticipazione degli onen ecce» 
aoK 

UmEIE 

Vertamento M. Scado il tcimi 
ne, essendo il gionw S domenica 
perversare I Iva dovuta in base alla 
dichiarazione annuale (la preseli 
lazione della dichlarazioiic Iva sca 
de 11 1S marzo) riportando gli 
estremi di versamento nella dlchis 
razione annuale Gli iniescalari di 
conio fiscale debbono efleUiiare il 
veizamenlo direllamenie allo spor 
■elio del concessionano oppure 
tramile c/c postale o mediante de 
lega ad azienda di credilo siluau 
nell ambilo tonloitale del cempo- 
lente concessionaBo II codice In 
buto n 6099 va Indicalo sulla mo 
dulistta che reca la dicitura •conio 
((scale- I non inieslatan di conto Ik 
scale eflelluano il versamenio me 
dlame delega ad ima azienda di 
credila 

Tmm MMWla auHa partita Iva. 

Scade II lermiiie essendo il S do¬ 
menica per 11 vetsamenlo della 
tassa annuale di concessione go 
vematlva sulla partita Iva socodo i 
seguenti amrnonlan 

- per le società di ogni tipo e gli en 
ti pubblici e pnvaii con o senza 
peisonallta giundica aventi per ug 
getto esclusivo o pnncipale attivila 
commeiclali o agricole, nonché le 
associazioni cosliluite da persone 
fisiche per t esercizio in forma as 
vociala di ani e professioni lire 
250000 

- per I soggetti diversi da quelli m 
dicali sopra (molari di dine indivi 
duali prolesslonisii ecc) lire 
100 ODO 

Oli estremi dcliahesl.izione di 
veiso mento della tassa vanno imli 
«Iti nella dichiarazione annuale 
Iva LaBeslaziunc non va allegata 
alla dichiarazione annuale ma 
conseivata a cura del cunlnbucn 
le Incasodiesoneroddllobbllgo 
di preseniazionc della dichiarazio¬ 
ne annuale Iva deve essere prodol 
la all UIRcio Iva compeienle an 
che con raccomandala nel lemii 
no stabilito per la prcsontnzionc 
della dichiarazKine stessa Por la 
niaiKdIa indicazione degli e-Jrcmi 
dell ullesliizionc di versamcnln c 
|x« la mani ala o laidiva prodiizio 
ne della sless.i C applicabile la so 
praBassain misura pan alla lassa 

Sino csiiiic'iiili dal (i.qlamcnlo 
della lassa 1 soggetlichc si avvalgo 
no ilei regime fiscale sostiiiiiivoper 
li‘ nuove Iniziative produliive che 
veivino I lm|«ista nei K nnlni provi 
SII 

Vw M Utwtte «MllmpoEta smU 
tuUva. Scade il lenninc essendo il 

5 domenica perversare IImposta 
soslllullvada fiartc del viggcinche 


SI sono avvalsi del regim liscalc 
sosmuiivo per le nuove iniziative 
produllivc li versamenio va ese 
guilo in ere postale o presso un a 
zienda di creilo indicando il codi 
ce tributo 4357 e per periodo di n 
lenmenlo I anno per ri quale 0 ver 
satal imposta solituliva 

L imposta é pan a lire 2 milom 
per I anno di inizio dori attivila di 
lire 3 milioni per ri secondo e di lire 
4 milioni per il terzo anno 1^1 an 
no di mizro dell aitiv la non d con 
sennn) <t ragguaglio deil mipotfir di 
lireZmilioni Pcriesucicia le asso¬ 
ciazioni e le imprese lamiliari per 
le aziende coniugali non geslile in 
forma societaria I imposta sustilu 
Uva 6 dcrvula per inienj da ciascu 
na persona fisica panecip.mle il 
versamenlo deve essere cficituaio 
comulalivamenie dalli società o 
associazioite oweni dal molare 
dell impresa lamilkirc u dal coniu 

«e 

L imposta se regolamienle ver 
sala «cnlro ri 5 marzo- (pron^alo 
al b essendo il giomo 5 domenica) 
con le modahia relative all imposta 
sul valore aggiunto sosliluvsce la 
tass.i di concessione governativa 
per la panna Iva limposi.i comu 
naie per leseiciziodi imprese arti 
e professioni 1 imixista comunale 
sugl immobili la tossa per lociu 
pazione di spari c-d aree [>u[)h!i 
che llmposlosulreddiiodellcpcr 
sonc fische e I imposta locale sui 
redditi rel.ilive alicscicizio di Nili 
vita commeicidli di arti e pioics 
stoni c I imposta sul iiatnmunio 
licito del le imprese 

y' I im|>usla sosliluliv i non ve 
no versala entro I 5 marzo dell .in 
no successivo a quello di nk nmon 
lo il regimo lisi ale sosliiutivo per 
de elficdcia fin dall inizio <fcl perii> 
do di imposta a cui si ntcnscc il 
vorsomenlo dovuto i ysxi i|>[>U 
t abili le sanzioni |xr linossciviiii 
/a dogli nilcmpimcnli pn-visli 

MereoMllS 

OtahlarazIOM Emuial* Iva. 

Scade il termine |xr in |m sento 
alone della dkJilatizk«ic miiualc 
Iv-a peri anno 1994 La dichiararlo 


ne deve essere redaita nconibnni 
la al modello appRsvaio con II M 
16 dicembre I9M 

La presentazione può an^ire 
con consegna aB uflicao Iva com 
peienle o con spedinone «Do sles¬ 
so a mezzo raccomandala 

SI rammenia ette è sialo sop¬ 
presso I obbhgo di alleare ala A 
chiarazione annuale gk elenchi 
clienti e fumiton ed ri pnspeflose 
mestrale mod 99 bts r^juardante 
^1 acquisti di beni e seivizie le im 
poitaziom di bere con uiriizzaz» 
ne del plabnd 1 rebun dall vinno 
ora inseiiu In m appesilo nquadni 
nello stesso modello A dichiara 
zione annuale Iva 
Vunamunlo rtlenuta alla fonta. 
bcade il lernvne per ri versamenlo 
delle nlenule operale nel mese A 
lebbraio (i Ulolan A coiiId lacale 
cEleKuano ri versamenlo AseHa 
mente agli sportelli del cuncessm- 
nano oppure tramrie c/c postale 
inieslalo al concessionano o me 
dianle delega ad azienda A creA 
IO) 

Le nlenule concernono 

- redditi A lavoro Apendome e 
quelli assimilali (per idalondila 
VOTO non agricoli che non sono in 
lesiaiandiionlu fecale le nlenule 
di CUI ai codci A bibulo IODI 
KKK me 1(109 e 1012 devono 
essere veiMleeirtiurigiomo 20) 

- teddilidi lavoro autonomo 

redditi dcnvanti da Aikzzaztonc 

di maichi ed opere nell sdegno 
collaborazione coontmala e conti 
nualiva e partecipazsonc ad eeso- 
ciazioni III pailccipazione 
-dividendi 

- pruwigiom inerenti a rapporti A 
c ummissiunc agonzia medMzio- 
iic> e rappresentanza A comiiiut 

CIO 

nscdlli SII polizze A asucunino- 
tic sulla vita durante ri qumquen 
modi durata minima 

- compciViT per fa p< lAta di avvia 
mento commerciale c an conlnbu 
Il doglienti pubblici ad unprese 
-olrbligazIonU Irioliaiiuldn 

nlcnuladd lo por lento operata 
SUI dividendi la cui duAttxaionc è 


stala deUberala nel precedente 
mese di febbraio 

-interessi reddiliAcapilabedatln 

pnvenn ecc 

OOKdoaa wlltito. Scade il termi 
ne di pagamento della pnma rata 
per I soggetti che edenuano ri pa 
gameiuo dei oblazione per la 
parte eccedente I nqioitri fisso vi 
quanto rate di pan vnpono da ef 
ietluaisi nspcUivamenle ri IS mar 
zD il 15 giugno il 15 settembre ed 
il ISdicembre 

(Hmincft a san ato dagfl adempì- 
inanll Iva. Scade ri Irenieteper la 
fhchiarazione all ulhciohadeH in 
nuncia all esonera da pane dc^i 
umiliai dal vesamenio dell vn 
posta ed^i obblighi di laltuazio 
ne r^ntrazione liquidazione pe 
noAca o AdiBiazione 

La muncia va Aduaiaia entro I 
termeie A presentazione deHa d 
thtaraznne mediante modellu di 
vanazvme itali barrando la com 
spanderne ci«iiidl.i del quacho O 
(modeliAAT 6eAA9 6 appio- 
vanconDM l6Acenibicl994) Il 
modeUo va prevenldlo drellameii 
te al ufficio Ku conpctenlc 
Analoga npziune A mimciv ò 
previsla anche nel qiuAu O dii 


Mod II leriMIaAchiarazionean 
nuale Kb 

VElIPlttl? 

Scambi Intracominltail. Per i 

soggetb che hanno reali^alo nel 
I anno 1994 cessiMii o acqueti in 
ttacomumlan per un ammontare 
stgienorea ISOmiliofli di lire sca 
de ri termine A presentazione degli 
elenchi «epilogativi delle cessiom 
e degli acquici innacomunitati re 
lativi al di febbraio 

SabrtPl» 

Varvamsnto Ka cantrlbuantl 

manali Per ■ coninbuenti 1 tulan 
A conto fiscale scade il termine 
per eseguire la kqmdaz One Ka re 
lativaalmescdilebbiai» 95 llver 
samenlo detlimpotìa dov-uta c 
prorogato al 20 marzo Entro que 
stadèra I non UHriandiconlo (isia 
le dehbmto effettuare liquidazione 
eversamenlodell imposta dovuta 

I soggetti mieiessati sono 
I contnbuuiih con volume d affari 
realizzalo nell anno sotare prece 
dente supenve a lite '^OOli 
escrccnli 

- vnprese avenb per ometto pre 
vlBOunidiveivizi 


- imprese aventi per trailo pre¬ 
stazioni di seivizi ed altre attivila 
senza dislmia annotazione dei cor 
nspetiivi 

-eseicenii atti e professioni 
coninbueiiti con volume d affan 
realizzato nell anno solare prece 
dente supenore a lire 1 miliaido 
esereenti 

- imprese aventi per oggetto altre 
attività 

loiUnbuenti che non hanno eser 
citato I opzione per il regime Irime- 
slrafe e con volume d affan realiz 
zaiu nell unno solare precedente 
non supenore a 360 milioni di li 
re che prestano servizi od esercita 
no arti e professioni 
non supenon a lire I miliardo 
(imprese aventi per oggetto altre 
attivila) 

Lunedi 20 

ffitenutt alle fonte. Per dalon 
di lavoro non agricoli non molari di 
conto fiscale scade il leimineperil 
vcraamenlo delle ritenute operaie 
nel mese di febbraio precedente 
reliiiive ai redditi di laroro dipen 
dente e assmilati con i seguenti 
toilicilr buio 

- IODI lembuzioni pensioni tra 
itene mensiliià aggiuntive e retoii 

VI conguaglio 
IIKI2 einolumenliarretrali 
KKB emolumenti comsposti per 
prcviazion siagionali 
KH© compensi coirispaui a soci 
dicoiperalive 

1012 indeniiiiapercessazionedi 
rapi (Ulto di l<ivoro 

Raglttniion» A cantratU A lo 
casone A beni hiHnoblll. Scade 
il Icmiine per la registrazione e 
loiiiesti, ale pag imcnto dell impo- 
vti)Jt7 nuovi ccinlralli anche ver 
ball di locazione di beni immobili 
m un daorrciiza I ' marzo 1995 
coiiralii pliincniiali di immobili ur 
Imiii nguaidanli annualità succes 
siv- ,illi [ifima con inizio I' maizo 

l'ms 

lii|‘v krmino ultimo di pagamen 
uiUi.iconinbuli previdenziali per i 
hvurator di|)eiidenti (mod DM 
101 


Vèmniai 

Vat m niu to •econll A hnpu- 
ita lipeg-lh». Per i soggetti d im 
posta siri redAio delle persone gin 
ndiche (Irpeg) ri cui esercizio è 
Iniziato nel mese di maggio 1994 e 
non coincidenti con I anno seriale 
scade il leirnine per il versamenlu 
della seconda od unica rato degli 
acconti di imposta Irpeg e/o Itor 
relativa all undicesimo mese 
L ^onto non ri dovuto se I im¬ 
posta Awuta in base alla dichiara¬ 
zione annuale per Iqieg caverò 
llor alnellodeicredilidiinpostae 
delle nlenule di acconto é di am 
montane non superiore a L 4U0C0 
Il veisamenio va effeiiuaio pres 
so gli sponelli dei concessionaiiD 
delia nscossione o a mezzo c c 
pestale I contribuenti mieslaiarl di 
conto fecale efleiiuano ri ver» 
memo anche prestm una qualsiasi 
aziendadicredlio ubicala nell am 
bile lemioiiale del compeienle 
conceuionano utilizzando appo¬ 
siti modelli recanti la dicitura «coti 
lo fiscale* 

ffsiiun tM lDne imA TffO. Scade 
ri leimine per la prosonlaziotte del¬ 
la dicffiarazione dei redditi pet 
I anno 1994 da parte dei tavoraton 
dipendenti che si awalgono del 
I awsienza fiscale prestata diretta 
mente dai sostituii d Imposta (da 
tori di lavoro od enti pinsion ahi) 
La dichiarazione va redatta su 
stampato coiifunns al Mod 730 
ag^rovato con DM 29 ottobre 

Per la destinazione dell 8 per 
mille deve essere utilizzato il Mod 
730-1 da consegnare al sostituto 
d imposta in busta chiusa 
Il sostituto d imposta deve nla 
sciare ricevuta (Mod 730-2) del 
I avvenuta consegna del Mod 730 
e della busta contenente il Mod 
730-1 

Eet eEffmento A «wMh A co- 
mudo. Scade il termine per la 
eventuale delibera di scioglimento 
agevolato delle società non opera¬ 
tive 

Chhieuia fftl ftocali pendenti. 

Scade il termine per la presenta 
zione della domanda di chiusura 
delle lib pendenti e del pigmento 
del relativo importo dovuto 
Il conliibuenle per definire la lite 
deve versare 

-lirelSOmila selalileediimpoito 
tinoalire2milioni 
-una somma pan al 10%del valo¬ 
re della lite se la lite e di impone 
supenore a lire 2 milioni e fino a 20 
milioni di lire 

La domanda di definizione della 
file dere essere redatta irt carta fi 
beta secondo lo schema allegalo 
alDPR 28settembre 1994 n 591 
consegnala o spedita in plicu sen¬ 
za busta raccomandala senza avvi 
so di ncevimenlo con allegala co 
pia anche loloslalica della do 
manda e dell atleslazione di paga 
mento ovvero di una copia d^la 
distinta del versamento eseguito 
Per ciascuna lite deve essere re 
dalia una dsunta domanda cd ef 
leltualo un separato versamento 
Il veisamenlo va eseguito per le 
liti fiscali di importo Imo a lire 2 mi 
liom su apposito conto corrente 
postale n 67124008 imestolo alla 
tesoreria provinciale dello Stato di 
Viterbo su bolletuixi Mod CH 8- 
quater mentre per le ini fiscali di 
importo superiore a lire '' milioni e 
fino a lire 20 milioni ai concessio¬ 
nario della nscossionc ovvero allo 
sportello o mediarne < olilo correli 
le postale con indicazione del co 
dee Bibulo 1452 con I mdicarioiie 
della causale •Chiusura della lite li 
scale pendente- 

Per le persone lisa Ite c xxieia 
dipeisoneil versamento OiKcttua 
bile anche con delcg i ad azx iida 
di credito utilizzando il mrxlcllo 
approvaloconDM fim.iggiu 1991 
indicando il codici 43 e l,i cauvili 
•Chiusura lite fiscale pendente- 
Condono prevMenziBle • awicu- 
latKo. Prcsentazxinc all hips itti 
naile all Enasureu dell i diim.-inila 
(Il regolanzzaztonc tontnbtilivi e 
pagamento dcll.i pnma iato 

A ami dei Seiuzi Corimlmlav) 
el’iiv’iiU mMIr 
delki Conlesemviii iiiKnmik 


La casa In affitto? Rondo solo II 3% 

ff»ot oBtiaifirodriHt»rtèdal»(ac»ziona hnmoMliro HranAmantoliirdD 
OKllilnfittiauboaotniiH>tiatl2.gfvall 32% di floniaoll 2.5-3% A 
Bn«»,bii«fadenoaVaniia VainegEoaffari.dovoalvadal3,9al4 5%, 
Voneiii Invoco a hi «ni dova gl ofHtH Mito AuoRL Sono AcuAdtU 
onreral a •etofna adun sonnogno della Confadlliia par faro I punto 
ffhiiUleoMptntndorega,oduoonnf a mozzo dada loioentntain 
«Igaio Perl pfed d an t fOerraAiSforzaFogllanI lo roddllhriUi lorda dotll 
MarebM Meati d cenfarma kiavfflclanta.slaln BaMuto chaeompaiata 
adiflrllnvntlrnonll Sa poi al aggliingtcha«ullacaaoln Itala grava 
anTmposttforta ffaeofi «wnonha pracodantia che. anzi. qualeaiM tempo 
addi atro vofrva randtre deflnHKa.alcaplaco bonaparehill mateatodoNo 
tocazfana ala noi naatroPaoHAAmanalonlcoal ridottorlapattoatutta 
l'Ciuopa Mal'9410 eIrulluroloirttoitolldollaConfoAItlahonnopnalato 
l'aiaùanza A Mggt porta atlpula A quasi UOMO contratti In datola, 
dal laro oaa«iot»rio tmorga eha la cfttà più cara è Vanazla. Haleantro 
atarteodat Capotoggo Uguttara un appar ta men t o A 100 mqeoato 
1250 000 Uro. aneMsoaKuoloAeentil Storici la graiiAcIttùalMIiieal 
eqithelgono. A Wleno, adotempio, Il cartona manslla madio par un 
appartamento A BitaMgiredlinenalonl4lnfatllA12MOMIIreoplho 
meao nmporto 4 uguale anche a noma. 


■I 
















Oomonna 26 febbraio 1996 


•* •«"■'iS* "ti. 


Lavoro 


I t'nila pagina 


ORARI. Votate ieri le contro-richieste sindacali: al sabato in fabbrica solo sino alle 24. Da domani si tratta 


«I nuovi turni? 

^ ma solo di 6 ore» 

Trattativa Raggio, ultimo atto 





Oomani è il giorno decisivo per la vertenza Piaggio La 
trattativa sugli orari e sulla riorganizzazione produttiva 
dopo le minacce aziendali di trasfenre all estero gli inve 
slimenti vive un imprevista svolta I lavoratori hanno ac 
cettato di discutere sul 18” turno quello del sabato none 
Ma I turni del sabato dovranno essere di 6 ore e non di 8 
per non intaccare la giornata della domenica Chiesti an¬ 
che incentivi economici e migliane all ambiente 

_ OALWQgT.a IKVIATQ _ 

UMAMAimiWUil 


■ PONTEDERA (Pisa) Il celo W 
pra la Pia^o i una cappa gngia 
unilotme Ma nessuno (a troppo 
caso alle bizze <lel tempo Gli oc 
chi sono tulli piiniali veiso il tavolo 
della iralliva sulla «fabbrica integra 
ta> che ripmide ddmani all inse 
gna di una svolta importante dopo 
seuimane di stallo ull ipotesi del 
sabato none lavorai^ E, soprai 
lutto nprende sono il peso dell ul 
timatum posto dall azienda dopo 
cinque mesi di confronto si deve 
compiere una Kelia definitiva 0 « 
firma I accordo o si va alla rottura 
delle rela^ni sindacali In questo 
clima I lavoraturt della Piaggio 
lompioiip un derisivo passo m 
avuiiil accollando di aprire ta trant- 
va sul IS’iinno Cade insomma il 
labO sul sabato notte in fabbrica 

Oadauntrtù 

Ma 1 lavureiob pongono una 
condizione al sabato ai devono fa 
IO tra lumi di sei ore e non di otto 
come invece chiede I azienda La 
labbncd secondo i 5100 dipeli 
dcnll della nifl grande azienda in 
duslMiilcdcUcnlrollilii k iiki n 
£uiupa nel settore doi cilomoton e 
degli scooter deve chiudere alla 
mezzanoiio del sabato per rtapnre 
alle 6 del lunedi Olira al vincolo di 
orano iier la glomaia del sabato i 
lawraloii rhiMono adeguati in 
ceniivt economici t milione al 
I ambiente di lawio Ma I apenura 
al 18" turno potrebbe non bastare 
se 6 veto che dall azienda viene 
aiKon II segnale che anche i (unii 
del sabato devono essere di otto 
ore il ulUmo andrebbe dalle 22 del 
sabato ^Ic Odella domenica malli 
nai 

La svolta 4 maiuiata a grande 
maggntanza anche se a malln 
cuore venerdì sera al termine deP 
le SO assemblee di reparto 'he le 
assemblee difficili In un coso la 
praposla di mediazione avanzala 
daCgil CisleUllèsIaiabocclaiae 
negli alIK due si sono legislrale 
mollliBime astensioni Comunque 
sla la mediazione è ufficialmenle 
In campo e la Piaggio che del 18“ 
liimo a\«va fatto una bandiera im 


iiunciatHle nel nome della massi 
ma efficienza e del massimo sfrut 
lamento degli impianti dimando 
persino a minacciare il irasfen 
memo degli invesiimenii previsti 
per lo sviluppo di Poniedera dovrà 
soppesare con aiienzione la iioviia 
e tenere in conto le richicsic dei la 
voréRm «L accordo lo vogliamo 
dice Moreno Bertelli segreiano 
della Fiom-Cgil - malaricHnemca 
davvero non si uxea Non si pos 
sono solo chiedere sacnkci» 

Tutta li «Mttdbeirti 

Lo spiraglio che si è apcnu è di 
ventato un caializzaioie di aiten 
zione Anche pciclic per la prima 
volia dopo dieci anni la eliti di 
Poniedera pud decutera un pio 

K iq di sviluppo e non di lajli ai 
xupazione II sindaco Enrico 
Rossi spera «nel senso di respon 
sabilHi di tulli e che si giunga ad 
un accordo- Un appello analogo 
viene anche dall Associazione in 
dusiriali di Pisa Elesse aspeiianve 
anche nel Pds II segreiano piovin 
cirtle Paolo Ponwnclli giuri r<i pò 
vili I |x r 1 < et <li II Inil Ih I I 
caduta della pregiudiziale sul 18 ’ 
lumoi fa un appella al senio di re- 
sponsabilili dei sindacali e ddl n 
zienda e liquida con tom polemici 
I aueggiameiuo di Rilondazune 
comunlsia contrario ad ogni iip» 
diuaiiaiiva 

Le unte aspettative hanno piO di 
una ragione di esistere bui piano 
della buncia la Piaggio ha messo 
olire il sabato none lavorativo 3 (xi 
miliardi di mvesamenti m ire anni 
per lo sviluppo dello subilimcnio 
di Poniedera 67 miliardi di invesii 
memi per i prilli industnah c 500 
assunzioni ancliese imzialmemc 
a tempo deteiminalo Un piallo 
ghimio Cinquecento assunzioni m 
fabbrica signiTicano inlalii almeno 
alln 400 nuovi posti di lavoro nelle 
aziende dell indotto E 'iOO occu 
pan in piu non sono davvero pochi 
per una provincia che come quel 
la di Hsa coma 34 mila iscruti al 
collocamemo 

Il problema restava il 18’ turno 
che nei piani aziemlah rigu.irda in 


modo strutturale (cioè pe» liMeio 
arco dell anno) i ESO lavoralon del 
repariu delle meccaniche e per 
sull quatlro mesi al amo quelli 
eskvi in eia i concenlralo i picco 
della domanda dm meicali 1 400 
lavoralon delle knee di mont^gio 
Él ecco I uliimalum della Pu^n 
se domam non si ta I accordo I a 
zienda investirà altrove per awiaie 
già nel 95 ■ piogianiim piodultivi 
preventivati pei la 

concorrenza ^gumniadeldiieco 
lassi giapponesi delb Honda edel 
la Yamaha E se a Poruedera non 
fosse possibile allnaie 1 300 mibar 
di di investimemi in pan parte 
concentrali nel reparao delle mec 
camche i soldi prenderebbero la 
via dell estero per potenziare gk 
stabilimenii Piaggio della Spagna 
dell India o deùa Ona il nsctuo 
evidente sarebbe la chiusura delle 
meccamebe 4 cuore produitno 
dell azienda di Prmtedeta La bela 
varabbe gigantesca Si canceHe 
robbe con un colpo d> spugna la 
baiiagiia durissima con la quale 
nellestaiedel 92sievii0dnslen 
memo delle meccaniche . Nosco 
dove I azienda voleva emigiace per 

intascareiSEmiliaidideilkik ai 
Iota hnamiamefiii Miai Nega 
venenza per la -fabbrica miegiaia- 
insomma mgiococèquMccsadi 
piQ che la riorgdntaazione degk 
orari deiccli|iioduniviedeiscm 
□Ilei ancheseviiak posnrklavoio ! 
EitcllmadianenzioiieeghiMeno ' 
gatM sono crescuiii anche un i la 
voraton -Ci preoccupa (Quello che 
può succedere se con amvranvo al 
i accordo- confessa Franco Mar 
(hon mcnibir rWl k-nn-vi. 

' I 1 / >u K I I III <v 

ModhaUwi PowdMitw? 

Ora gli occhi sono pumsti sulla 
pruposia di -mediazione- dei sm 
docali Che potrebbe essere nsohi 
uva Sempre che la Piaggio accem 
le richiesie dei sindacali una eco¬ 
nomica I alita ambientale Sul 
Ironie economica i sindacali chie¬ 
dono una mensibia vcuca 
ISOOuOO kre) nekarcoditempo 
che va da QUI al 97 Squeri anno 
vengono ctuesK 800 9fl0 nula kre 
onciale dai poramem di enum 
za qualità a pieno uidzu> degli 
impiami come imece vonebbe la 
Piaggio Oli meemm saUnak che 
devono imerassatc imii i dipen 
denti dovranno mokie niarcare le 
differenze ffa clu lavora i sabato 
notteechi invece il 18'iuinnnon 
lo farà Sull afflo Imme Mine veti 
guno chieste imponanli mgtkone 
allambienicdilavoro Aparttedol 
dima dei repiirli dove d essale m 
alcumcasi m lavora a temperaliiie 
che oscillano lrai40ei 43^adi 









FAb 0^ oraiìi^nlMr 





•T**» ' - «Nessuna rinunzia a aumenti di salario » 

Grandi: «Un fondo pubblico 
per la riduzione delLorario» 


Mna»*s«i«MA 


* ROMA SuliemaddUnduzione 
ddl orano di lavom conunua ad 
etseni un gran parlare ma poi vi 
sKMa d costniire una concierà 
smuegid vaKlacdle Abbiamo cer 
ceto di ncosirume la ragione di 
nuiendoiieconAUieioOaniJi ve¬ 
ci i * - irfi «I ■ ih h 11 I' I I 
Come mai sull ormi» si fa falka 
a piMire dM parole d totttt 
Forse non abbiamo messo bene a 
fuoco la penala dei problemi Ki 
conh elle nel piano Oe-vr$ eia 
scnnoche con un aumento del Pii 
del 3 all anno la dnuccupazione 
su vaia europea sarebbe scesa al 
7 8 ’ Ora guarda invece a un a 
zrerxld rofflo le Fiat che ha avuto 
SKuramcMc un aumento dell i 
pnxtuUivita maggiore del 3 1 si 
■lovacomunquecon 12 mila lavo 
raion m meno 

Che «ove «iM Ae con qwtfa 
dlgraedomwOiFlMT 

È un esempio concierò di come 
piobabiknenie pettino le ixevi 
swni del piano ^Iws sul lappor 
lo Ita sviluppoesunomicoeocsu 
patrone fossero inrppo oiiimisii 
che Se volessimo affidare al solo 
sviluppo den economia la lolla al 
le discccupazione dovremmo 
puniaic su iiirni di crescita che n 
sultetebbero inealislKi II tema 

deflanduzionedcllorano peico 


non c pili iiiwabi leu eludibile 

Ma cerne mal rimanlim» sem¬ 
pre ai prtUminail ki quatta dh 
tevitalHre? 

Una nspiisia può essere quc-ia 
Ftnnra Cd si lU un dibaltilo dal 
torre laalm i(teakiaK.o 

Sdeetegrcei 

Ile -- I 11 II 

di Ila rKjuz.Hie dell orano di lavo- 
rodcliasiiluzKMiedinmi (ircible 
m 0 viceveiM gli m c udiii »sn 
valore lnm.>cec'inoeiokiviiio« 
gh viiumeim E del Nino evrdeme 
che senza sviluppo economica 
mancherebbe la Irase per una po- 
kucdperloccupazione Cepoila 
necessuà anche almi occutrazio- 
nafi disMluppaie comequatche 
tempo la ha ncordato ani he Ro 
maiioFVodi ilvcttoiedciseivzi 
alla peisuna Ma a cotonamenin 
dell amvdZioiii di questi srrumenti 
va povro il problema della radipn 
buz onc del lavoro c quindi dcUa 
nduziune dell orano giacche il la 
VOTO sociaimcMe necessario alla 
pioduzipre di ber» tende mesora 
Mmenieanduisi 
t WMiaglea anche la iHkbhìq 
nc Mille riduzione generoitize- 
1*7 

EaRovtatode talli mutile Ulema 
della nduzwnedi orano non e sta 
ta la scena dei contraili nazionali 
di lavoro pei < u se s mhiI porre il 


problema in maniera generalizza 
la bisogno aspctiare la scadenza 
deiconiratii cioè ire anni Orabi 
sogna puniate sui prossimi irne 
graiivi aziendali Comunque io 
credo che vn e un aspetto che sa 
rebbe decisivo e viene liascura 
lo 

AcoMtIrtieriecI? 

Vii i ivi. I II II i Iktliv 11 

1 I I I I I 1 li 

poluiclic di iiduaioue dell uu lu c 
coprano il differenziale die » 
creerebbe per qii min ngiiaida il 

V Oslo del lavoro 

Idi Cd nosDo deWto pubMc» li 

•endirsiwilitice? 

Non mi sfuggono tulle le difkolia 
del bilancio delIoSiaio ina la mia 
idea e avviare una conversone 
ddfe risoM che vengono utilizza 
re per tar uscire le persone dal la 
voto - cassa integrazione mobili 
la prepensionamenii-perfinaliz 
zane al maniemmemo dell occu 
paZKiiv. atiraveiso il finantiaincn 
IO (Iella riduzione dell orano di la 
vero 

a irambkMC rHoric Intcntt. 

Ma sai quanto si spende all anno 
diaTnmonizzaiOrisociali‘’CiiCa IO 
mila miliardi Per la liquidazione 
dell Ehm si sono spesi 15 nula mi 
haidi forse non tulli utili Anche 
alle Poste vi e stato un esodo mas¬ 
siccio Aliraverso i prepensiona 
memi Tutto questo qualche volta 
ho anche -isvoUi dienlelan Come 


ved' le rbonc linanzianc non 
mancano 

Non prevedi rkkuiaire d eririe 
cenilduzlNredlailarieT 

In alcun modo Anzi’ locredoche 
noi dobbiamo fare piu atlcniione 
alla diesi del |»tcrc dacquino 
de salar Senza una poliiiua sala 
naie uira cIiIIkiIo fare una palme < 

I I I ! > 

Quindi piu calarlo e meno ora 
no? 

Noi non operiamo nel vuoto In 
f itii un mie dicculiamo della tidu 
zionc dell orano di la«uno net sci 
lori III ripresa puntano smuramen 
le ad un uilzzo supenore degli 
mpianti e laddove 8 possibile ad 
un aumento degli orari di fallo tra 
lutcghsiraondmari Se il sindaca 
lo non ha una potitica salarialo 
menerà i lavoralon nella condizio 
ne di scambiare orano con sala 
no aitravervu il ricorso agli iiraor 
dinari 

Comunque quale misura prende- 
N per fan cencrMamentt i pri¬ 
mi paesi? 

liinaiiziiuito è necessario appio 
vare una nuova legge sull orano 
legale di lavoro che e ancora (issa 
lo a 48 ore semmanali Poi biso¬ 
gna prevedere anche una penaliz 
zazioiie del ricorso agli straoidi 
nan da pane delle aziende e indi 
viduaiv. le risorse finalizzale alla ri 
duziune dell orano conlralluale 


Pioggia di proteste contro !a «Lidi», dove una delegata... 

Bolzano, un discount davvero hard 


VAUHIAMMH* 


■ BOLZANO Una delegala sinda 
cale che rischia di perdere il posto 
di lavoro per non essersi pinata al 
irasferlmenio ire buste paga e al 
Irellama leliere in cui I azienda nii 
grazia le Uivoralnci per non aver 
adi-rllo allo scioi>eto nazionale 
lOiicedciHin una gratifica di 
44 uno lire siraiinllnan non pagali 
personale Invialo iii missione da 
altre sedi per tenere apedo il ma 
gazzino in caso di sciopero Sono 
questi I molivi per CUI la CgildiBoI 
7,1111 1 c Inolierà al Pretore del lavoro 
<li iciiidannaro |)cr com|X)ddmen 

10 antlsimfdcalc la -Lidh I azienda 
pnipriol ma di supermcrculi -Hard 
illsiouiit» cioC a |)n.zzi bassissimi 
In lolla sono scese le commesse 
del punto di vendila di Bolzano 
clic akiiiiigloini ta hanno sclope 
iato IX r protestare i entro il irasien 
mi Ilio <11 Monica Selleri iS anni 
diligala slnclocale alla quale da 
manedi vii nc impellilo di iavomre 
L aziciiild sosliem di averlo inviala 
MI inlssKiiic |ierun|xriodolimilato 
dltiiniKi clic iKiftiionèindicato 
lulliiklk-ra i |*>ich 61 a<li|xndcn 

11 nimliaobbcxllto lo ha scrino co 
nuimcnndole cIk. la coiwicleia as 
■xiilcliigiiisllflc (la 

Ul vicenda della-mlssliiiic di’l 

la rappreicnlanlc sindncalc 6 siala 


solo la goccia che ha fallo traboc 
care il vaso presente solo da un 
paio d anni a Bolzano con un su 
permercnlo la Lidi ha cosinato 
con le commesse un ra()porlo con 
nmuale Le dipendenli acxusanu 
I azienda di non pagare gli slraor 
dinari e per olio di loro di non 
aver ancora corns|»slo alcuni ar 
renali Per questo motivo d.iquan 
do è conuncuila la vettcìiza si so¬ 
no nfiulalc di fare le pulizie all in 
icTOOdel grande magazzino iosa 
che linoni orano cosliwk a foie 
sebbene lUin ncnirassc nelle kxo 
mansioni La tensione t > reata aii 
die dall atlegginmeiilo di chiusura 
che I azienda lia nei conlru in del 
la delegala da quando^ dive mali 
rappicsenlanle sindacale le sono 
siale lolle le chiavi della cox-ilorte 
e dal giorno in cui si e r luiiala di 
prendere servizio a Nim llar i in 
pnA-iiicia d Reggio Emilia la gio 
vane a Bolzano non viene I illa pii) 
lavcirare e iias-Ki lo sue ore ili se ivi 
ZK igirandoiniitilmciXelra gli se il 
fall Oa pnncipio avcM knlalo di 
IjroMguin Usua nomuik allivit.'i 
mai respansabili della I halc llian 
no (luijpnmn tirala [ler un briKcKi 

eixiiaflcrrala ixrk‘sp,i((i [xriHii 

iniliirla a liisrlarc te scaiok. da cui 
stava tirando fuori la merce 


Il ncorso al prelore del bnoro 
che la Cgil ha aflidaloa un avvoca 
lo di Bolzano Giami Lanzuqiei 
sarà presentalo nei prossnu gionn 
ma le lavoralnci anendono anche 
di sapere I csilo (Miaveiienza ana 
Ioga mie mais dalla di Boiogna 
per la questione del picm» -inli 
sciopen) Anche a Bologna dopo 

10 sciupeio nozion-ile del 14 otto¬ 
bre é stala scoperta una ren^azio- 
ne liberale- di 44 nno kre nefia bu 
sia paga di una dipcndenle Gx4 ( 
sialo anche |ier Ire commesse di 
Bolzano che I ani» anche ncevuNi 
una teucra m ctu la Udì Mu le nn 
gtazi-i -pel non aver aderito allo 
viu|x>io nazionale indetlu il 
14 IO 94 ed aver consentito 8 re 
golare svolginlciUo dcBa normale 
amvuà lavorairea- 

I casi di BolzaiK) e ck Botagna 
ixrallro non sono isolalivisloclK 

11 scgrekmu ruzioikili delld Pii 
camsCgil a*idii)Tips«i ha sol 
loviito ik isodeildlrilanchoinse 
de europea presso la centrale in 
icrnazlotiale dei smdacnl Da G 
nevra Ociisl p>irtfla una lettera di n 
c huiitio all azienda tedesca unnla 
la 3 rappod simfacah prii coiretti 
E adesso il sindacarli bolzanino sta 
jnc he fauomndo in sBta là un con 
trailo COI culleghi tedeschi por uni 
re le forze In una strategia comune 


Baltea disck 
(Olivetti), 
•ospesa 
ie trattativa 


lilrallMlwtiaOltraWnMdirsll 
pmf lM iii Ha v o ri l hli gi u m il e alHI 
ubate. Isrienranicairsgl 
MaMInNntI dslla -BsttMCIsh- « 
San Bsmada ( Ut pievInclB il 
TerinolaAmadfpwHnelittAuta) 
a4lleanattuMitsat>nrsnteil*Sl 
eeeupall («iru SOssrit*)* stata 
«o«paw -NentrMOidlanB 
rathira. ma 41 wilnlaiTvuians 
splagana Fbn^ltf. FIsm-CgB In 
unanotacoigluàti, IsIndBaatt 
azianuil rravom t hlMte 
al «fenda ultadori nduloni 
d srartoe wnranllsaiaittl pai I 
lavwstarllinpagnMnsinns 
wttimtna. -Ol front. • questo 
rtchleote •afloimiU nóm dltiivoa 

-lazlondahamintonuleimi 
pmbloaadlMbsrTurigldlt» Porli 
turno Mio dom o olea. dsM 29 all* 
6di lunadl, -fOlfratli - oooMm I» 
Flom-C0l-« dftponMIo sollanto s 
concMiero unaHiuorimeoto 
slmlMllco 0 . p« quanto rtgutida la 
parto « 00110111108 , ritonformslo 
500.000 kre corapronslvt sfa 
delEunatarriumÀ dsfts 
maggiorazioni priufaU porli lavoro 
atumk 


700 milioni 

DI BUONE RAGIONI, PER SOSTENERE 

ItaliaRadio 

CONTRIBUISa ANCHE TU A COSTRUIRE lA NUOVA ITALIA RADIO, 

A HR SI CHE LA NOSTRA VOCE ARRIVI PIU' FORTE E IN TUTTA ITAUA. 


C/C POSTALE rSSIOSOOS INTESTATO A- 
AIR ■ ASSOCIAZIONE ASCOLTATORI ITALIA RADIO 
PIAZZA MARUCCHI5,00162 ROMA 



Alessondrio 90.9S 
Asti 90.95 
Bori 87.6 
Biella 90.95 
B^o^o 8/5.’9-JJ 
Collaqirane 104.6 
Cotonia J04.Ò 
CivifavccrAìq 98.9 


Empoli 105 8 
Ferrera 87.5 
firerze /05.8 
folli 87.5 
Genova 88.3 
Monlovo /07.J 
Milano 9 I 
Modena 87.S 


Napoli 88.6 

Noia 92.4 
Pnlormo I0/.7S 
Hnrma 9t.8 
l'aviu 90.95 
Pistoni 105.8 
Proto 105.8 
(fovenno 87.5 


IMIaRMilo 


Rimini 87.5 
Roma 97 
San Morino 87.5 
birneuso 104.0 
Temi 107.3 
Tonno 104 
Vctcollì 90.95 

















MOTAUTOI 

l'AMMff A* MAT à ftOIM 

9 , 947.000 

Ma* 

SMNDni MiNO, 

_M CI KlUSCITt_I 


Rema 


I Unii* - Domenica 26 leCbraio 1996 

Rsduztone 

via dei Due Macelli 33/^3 00187 Rema 
tei 69 996 284/5/&/7'6 I ax 69 996 290 

I cronisti ricevei^e dalie 01*6 11 alle ere 13 

e dalie 1 $ aHe ore 16 


OMICIDIO DI VEROU. Nuovì indìzi a carico di Biffani indagato per il «delitto dellarmadio» 


Un teste ritratta 
S^cchìola l’alibi 
del fotografo 


Vittorio Biffarli "incastrato» da un teste interrogato di re¬ 
cente^ Secondo indiscrezioni giudiziarie, la posizione del 
fotografo, indagato per il delitto di Talenti, si sarebbe ag¬ 
gravata Il testimone avrebbe infatti ritrattato la versione 
fornita mesi fa Ora piccoli indizi fanno vacillare I alibi che 
il fotografo forni ai carabinieri la notte del 12 aprile del 94 
quando venne scoperto il cadavere della commercialista 
Antonella Dt Veroli, dentro un armadio 

NOSTRO «eovizio 


• Scncchiola I alibi di Viiiorio 
Bittani, il (olografo indagato per 
I omicidio della commeiciatista 
d) Talenti Antonella Oi Veroll 
M^lio noto come il «1611110 del* 
l'armadiO" U posizione di Biffa 
ni SI sarebbe aggravata nelle ulb 
mo sommano stando a guanto al 
Rappreso in ambienti giudiziari 

PkcoÌi indizi che forébberova* 
ciliare la posizione del lotografo 
legato m passato ella Di Veroli da 
una relazione sentimenialc Pro- 
pno la ricostruzione dei movi- 
menu diBillani nelgiornodcl de 
Ulto ha riKhiat'i di provocare 1 e- 
missione di un awisio di garan¬ 
zia nei uonliunii di una iKrsona 
che interrogata avrebbe fornito 
ima versione dillcrenic da quella 
resa agli mvestigaion nei mesi 
scorsi 

Chi indaga sta adesso ceican- 
do di capire per quale motiva la 
coMaloite a muro che si trovava 
nello studio del fotografo non 
fosse stata individuala già nell'a¬ 
prile scorso quando il Aibblico 
ministero Nicola Maiorano di¬ 
spose la peiquisizlone a casa e 


nell'ullicio di Bifinni >1 giorno 
siesRO In LUI lu scopeno il cada 
vere Del testo-a quanto si ò ap¬ 
preso in ambienti giudizian non 
SI parla della Lassalorie nsanchu 
nei serbali dei carabimen rcUiiivi 
alle due successive iierquisoioni 
dello studu del fotografo baca» 
salone era dentro un armadio 
metallico del Upo usato negli ulti- 
CI (IPmMaioranochiese una pe¬ 
rizia chimica che fu perb blocca¬ 
la dal pento e dall avvocalo di 
Biffani perché nwi c orano ga¬ 
ranzie Lhe il reperto non fosse 
stalo "inquinalcr- ini'olnnmivi 
mente 

Gli mquirenli sono vcDuii aio 
noscenza dellesMenza della 
cossaloite in scguHo allo sltattn 
che lUolognito cubi dalpro|>ne> 
tarlo dello studio che si trova net 
pressi di viale Tirreno Fu I avvo¬ 
cato del proprletano secondo 
indiscrezioni od avvisare il Pub 
blKo minisiero che indaga sul 
dellilo dell armadio- riferendo 
per I appunto die Biffani muva 
portato via dallappanamemo 
anche la cassatone a muro in¬ 


stallala Iti precedenza Ed è stato 
a quel punto che il ntagelialo 
I ha latta sequestrare 
La cassaforle di Biffani semva 
a cusiodire documenU meivali 
poiché il foderalo Ino all maio 
del gennaio scorso ha avuto la- 
bililazione prevenuva al nullao¬ 
sta di scurezza die consente di 
tare fologratte negli siabihmenii 
dcliAlenio. che produce radar 
LonsoUe «ciassilicaie- Questa la 
lesi sostenuta dallo stesso Biliani 
m immiieiWa niasciaia ad un 
quotidiano romano 
Dieci mesi ck enigmi di dubbi 
sul giallo di Talenti Era il 12 apri¬ 
le del 199S II cadavere di Anto 
nella Di Verdi 47 anni vutme 
trovato aR'iniemo dell armadio 
della sua camera da letto Le an¬ 
te erano skaie Mgiàaie con delb 
colla La donna vweva da sola m 
un appartamento di via Domeni¬ 
co Oliva a Qualcuno le sparo in 
lesta due colpi di peloia por pri¬ 
ma di sigiUarla dentro (armadio 
la soffoc-0 con un sacclieiio di 
plastica Nd inumo dei carabi 
iiK-n luiiniiio subito i due ex 
amanti il ragioniere sessanta- 
iteencc Uinbeno Naidaiocclii e 
il foiogiaio Vmono Biliaru di 51 
nimi È 1 vospeliMi (omuooo un 
abbi -familiare" entrambi quan¬ 
do la commerciainia venne ucci¬ 
sa M trovavano in compagnia dei 
lococongiumi I due uomuu sono 
siati sotioposti alla prova dello 
iiub masonorisulianposiiivien 
tiamtM In seguito anche la mo 
glie di Bilfani é cmiraia nella Osta 
degli indagali 



i'iii 

I CAtfgxrq J Antoftei \è Oi Vefc4lv^r>e Ki<talo>iddjilki p9ll2m riHKtutiria 


In manette una settantenne invalida: faceva affari per miliardi II Comitato di quartiere dice la sua sul rilancio dell’Esquilino 

lit «pensione» deU’usuraìa Idee per un’area spedale 


■ Vcccliicliii diabolica qiiesiu 
unestaia ler La vicenda un ordi¬ 
naria stona d usura Come ce ne 
nono lame piiriroppo vcmpir piu 
frequcnli Poche le varianii I età e 
I inganno dell apparenza Cirazia 
h vedova seRanlanni vivevasola 
in un modesto .ippanamento alla 
Mcigliaiia AMiiicurisulUivasoloco- 
me un anziana pensionata invali 
da, con u)i reddito bassissimo In 
somma, una povera vecchieila in 
difesa Ed invece In realtà eia mi 
lidiilana E raenle affano indilesa 
mj anzi un pencolo pubblico da 
CUI difenderei -Donna d affan- 
molto attiva investiva m moli e 
azioni cifre da capogiio c he a loro 
volta erano Iriiilodi una alacre ani 
viià di usuraia 

I cardbinien del nucleo operali- 
ITI del comandii provinciale di Rii 
ma l'hanno copiosa icn maltina 


con le mani nel vieto Menile 
Cioè iiicassdvaqudl'n.imilionidili 
mda una delle vueiiltime ilx-nel 
Iraitcmpo I aveva denunciala Nel 
I appartamento i iiiilitan h.mnci 
Irovato e sequestrato moli percisca 
cinquecento milioni di lire ed una 
conlabillla puniuak cd aiiahlca 
dalla quale risultano anche investi 
menu in titoli azionari e vahiiaesie 
ni per ale uni miliardi 
A consentire lidentilxrazKine 
della donna alla quale in ragauic 
delleià avanzala vmo voti con 
cessi gli anesli domiciliari ( stato 
un impiendiiorc edile mmaiKi t 
srato quartm anm la quandnsilio' 
vOa ndMgare in cattive acque Itso- 
iHo pellegnnaggio alle tiamlre [nr 
chiedcie un prestito innrovstbiti! 
troppe le gdianze ricim-sic tn>))ix 
ivMUoli Infine il |Mv<odis|ieTaio t 
cade irclla rete Ma l imprenditore 


SI decide -inche incoragguio dal 
IaspettoméedeVasonora chegh 
piometie di Aiutarlo coir buone 
condizioni OllienccosiiinpreslRo 
di sessanta milioni di M I due >i 
erano accordali pei un interesse 
mensile del 6 per cento Buono 
anche se clune ukenoie garanzia 
I imptEFKfiIofesveVAdinsRor>ma 
le aÉ uni OM^ni banca» 

Ma con il passale del tempo le 
condizioRi sono cambeue e in 
quattro anni il molcapilalo st é tlD 
vaio ò dover versate ollusurata 
ccnkwenii milioni E degli assegni 
cheavevalemAio nessunabaccia 
non é pRi fRRcilo ad meiti indielio 
Ridolto sul bsmeo I uomo VI òde 
iisoadcminciaiclavicenila Nelle 
sue stesse Mindizioni hanno potu 
In ajipntare gli imesl^atun si im 
vavrtiK) dei lire e decine di cfcenli 
della pcnsmn-Ua I 


• Un -piano ih miascUn socio 
ecunomicii uihancsuco- che di 
chidn I Esquilino arca siedale op 
pionu un nuovo assetto del com 
men io e iivaluli la quaUa oRllHet 
lonca del quamcic Questa la pio 
posta avanzala mi dal Conutato 
Esquibno nel com di una conte 
Kiuaslampa 

Secondo dcomuaio ilquanieFe 
dovrebbe recuperate la ua funzio¬ 
ne di cemma Ha cenno e penfena 
anche in visla del Giubilèo Per 
questi molivi- -utgiuniioiio- I am 
iniiHstrazione dmnhbe nconoecc 
le lo status di area speciale che 
tacila pernii sulla caioltenstica di 
DisticnoAtbergtimocTunsliio vi 
sto che qui si toncenlia il 40 |)ei 
cento dei pirsli tetto olmghicncsi 
sienii a Roma- Inolire il lomilolo 
ha soHecilaio la mdazione di una 
lettela di mlcnli per stabilire Iman 
zkuiicnh ed urte iwnti a favore del 
I EmrjiIiiii» ctH dcsuiui c«iere sol 


toscniu da Comune Regione Fro 
vincia Eénovie Mmisieni dei La 
von PubbiKi IUnr-«sj<a Roma 
C^ale ed anche il comitato di 
quartiere- bui piano urbiatislKo e 
suro nchesla -fa revisione delle 
norme per la modernizzazione del 
quartieie c la malizzaziuhc ndl a 
rea odiaccntel ex Centrale del latte 
di un niercato nonale die sodilui 
sta quello di Piazza VHIimo Chie 
Sta anche -ta nduziooe deh imi*> 
sld Tosig) e dell lei per i residemi 
che SI laccionu canto dei tavoli di 
nsanomento 

Rrenulo nocessano dal lumtui 
lo anche -un piano di niieivcnu 
strategia e operativi, come la rea 
hzzdzione di un parclx^io intor 
no a piazza ViiKnoconidalivevie 
di pefcoiso pedonate 11 nutiazza 
zinne di Ih cosenne eiKlltx Ccn 
Hate del Lilte con la creazione di 
un cenilo sctvizi per il twismo 


qwridi pei I artigianato artistico 
per gli anziani ed uno spazio musi 
cale per 1 giovani Per quanto n 
guarda la cultura il comitato prò 
pone la cosiuuzione di un circuito 
dei teatri della zone (Brancaccio 
TealrodellOpera Ambra Jovinelli 
Nazionile) Iutilizzo delle scuole 
di quailieie per sedi universitarie e 
la creazione di un -Museo dei de 
l>osili dove esporre a rotazione i 
beili ciillurali che si trovano ab 
buiKtonali nei sollerranei dei mu 
sei- Particolare attenzione é pre¬ 
stila anche al «.ucuito verde- con 
111 |>rc>ti(<sla di -un piano dell ordì 
UT del decoro e di geslione- dei 
giardini di Colle llppio piazza 
Dante piazza Vittorio 
Per nlantiare tutisiicamenle e 
culturalmenteilquartiereilc mila 
ni propone mokre di pubblicate 
una guida dell Esquilino in piu lin 
guc 


MOTAUTOI 

l'arnBAUUiR- seat a ruma 

•-A VU-B A • 

9.947.000 

cl^pt m d«mp>M 

SHNOtTB MBNO, 

SB CI muBcrg_ 


VtotvodM 

oggi 

al Saata Maria 

Una dimostrazione intemazionale 
di Vie! vo dac I arte marziale viei- 
namila si terra oggi pomeriggio al 
!e 16 30 presso I istituto Santa Ma 
ria invialeManzoni5 Lagarapre 
vede un esibizione di combatti 
menloefotme una dimostrazione 
con armi antiche quali la spada il 
nunciaku il bastone Poi gii atleti si 
esibiranno in tecniche di difese 
peisonafi tecniche ài rottura ài ài 
fesa e di attacco in acrobazia 


QiraMisPil* 
«PplalcMitro? 
Regalo alla dastoa» 

Domenico Girardi segretario re¬ 
gionale del Pds SI augura che il Ppi 
•wglia concorrere con tutta la sua 
forza al successo della colazione 
democratica- l auspicio spiega in 
un comunicato il segretario Pds é 
conseguente a -certi ondeggia- 
menu- del Ppi di Roma che cerea 
no di elaborare la strategia del 
<eniro<entro- Per Cirsidi ciò fa 
rebbe si che il PPf di tutto il Lazio 
rinunciasse a pnoii a competere 

! per il governo della Regione- 

... ••••*****•**•* •* a I hM4<**ee 

Soldati Onu 

«Picchiati 

dal carablaicri» 

Due militari canadesi che fanno 
parte del contingente delie Nazioni 
Unite in Bosnia hanno dichiaralo 
alla polizia di essere stali picchiati 
la scorsa rode a Roma da ire per 
sona che li avrebbero cancan in 
un auto dopo averli prelevati da 
vanii a un locale nodurno Uno de¬ 
gli aggrassor avrebbe ammanetta 
lo uno dei due canadesi mostran¬ 
do unu palella con lo slemma del¬ 
la repubblica ilalians o la senile 
-carabimen- 


Entra por iwlMiro 

pMcIdi 

allomoloctio 

Entra per rtjbare manoniesisleal- 
la bellezza della vitiima le mede le 
mani addosso provocando una 
reazione violenta da parte di lei e 
Imiace col farsi airesiare perehé 
invece di fuggire col bollino che 
aveva m tasca, luma sui suoi posai 
per -spiegarsi- COn la derubala £ 
Robert Osagie Uki unnigenanodi 
41 anni che vrive ifi espedienti II 
latto è awenuio in una cartoleria 
nella zona della Piramide e la bel 
la propnelana Baibara ha 42 an 
ni 

Bottoopl^la 
contro3 stavi 
«Andato via di c«sa« 

Tre sian sono stali aggrediti la 
scorsa notte a Roma da Ire italiani 
ed un exlracomunitdi x> in un abi 
tazionc in via Bellezza a Caslel di 
Guido Secondo il luioiacconlugli 
aggressori avevano i volli coperti 
ed erano armati di basiiini e uno di 
una pislold Sono Malie Zenuni 32 
anni Rasil Zenum 33 giudicati 
guaribili in 7 giorni per ferite aliate 
sta menile la donna Fhkurie De- 
rairi 32 era in stato choc hrepn 
giinorc qol.iinicnicl allillo 


Rinaldo Sforza, garagista di San Paolo, sta fallendo perché la colonnina chiude Taccesso alla rimessa 

Rovinato per un semaforo «spostato» 


MAHISraSA.* imVASI 


■ Come vpo-lare un sem.iloro c 
lar ihindeie un q-iragi Aiiails' m 
via Ostiense .ili altezza dell ex sta 
tillimenlo A/toMiineti non kinlano 
d.illu IxcsilKa iti SiUi Paolo In me 
muli due mesi Rmaklo Slorz.i q.i 
ragisMili il anni s|HimI(miiii due 
b.imbini iilcmli si esisto ruliirre di 
uii terzo li l,min) Il motivo’ (ili in 
gi-gncn dt I Irulfiui Ikiiilio s|»alalo 
(fi dii'i I moiri in av.iiili il s< mafoto 
iliiiKleiiili.ili laiki liiisi'sso.il g-i 

i.iReilt'l lAmiKi Ilo- r lui |wdri ih 
lamiglia l.imoiilii l.r penula dei 
slioiiti- viTihi 0 nuovi -l’nmn dt 
Natali il uno ftitagt- ilio alxi .il 


lalb.i i ihnidc l.i itoili os|)iin,i 
olt.nni.iauroniobih gioniiliiri Uri 
il numero dilli vctliiie|iarclii ggH 
(osMiduK ognigKjmoiliimi Oggi 
percscinpio un ndr ii ursoni, 
appena quaianta Mi si.mno .if> 
liaiidonaiido lulli peri hi' non (nis 
sono |iHi enn.iic iwr dHii iiieiri 
viix) luslrctli .1 Idre un qini inor 
ini puriaggiiiiigoro il iiihi g u.igi 
Ma non vito il g-iragisl.i siKirvi i 
laminili ili gui-ira lonini I uiinuni 
slra/iom lomiKirtli'i iinoniWKi 
naie I In undicesima i II ili iliiiiiiin 
nel iiiiartten i geiiimli i hiilo 
sembri iis.iliri' allinniigiii.izioiii 


.k 1 suflinhi i tu’ collega Vah () San 
r.Hi|[»i(incu4ihioDAnixo £sla 
Il inl.-ni l.ipcilura chi vudolhi 
sudo k- niiax ifctLi nn nTgNvlilana 
(inodB ha |ir»<1uire k mochlxlK 
dia viabifikt N PlinlK.i.llo (telld vm 
■ >siH nseéilnriu-niia ctnsii unxu 
SII via SilVK. U amico sunocoiiipiir 

SI I sc-giMlttli rrmozHJiH-cki un kohi 
linila i ancggi.il .1 -Ma la vqtiidlch 
i.i slarga ima lesKienir fasi vi a 
dcsnkr.iR' IsegiMkthdAicHipusii 
allan.i> ilei Ihinhielbi si ireikinu 
i|Ii.uk1c> oianiu ImkaZKinr llioi 
itmiuinssa Raccorka Rvnalii il 
gi¥ni»>sl.i lune k scic ormaiur ■ 
V igih con ilCfOnKiHre/zi m via l> A 
nix II C I or.) lin c IR) muRa per i 


Irisgn-oaHi iiliiKni|xikj1li Scin 
bicra dAUiiki ma dii paixìte-ggli 
suHc aule lai isiin|xc Inni i- 
MI kimaiiui ,u imHilenii ck I g i 
ragrJa Kual lo Sfiaz.i h laciotto 
imi linni 1 imciiite inviilark i 
cliiihikAcn ifliiKheviiigariscilo 
dvRxaso Simgi Mihiimnivi 
libii lokfiiilmili IJiaiUNiNdali 
sh m I iKisieifrtaiKi alnxni ixkIk 
l.« i ) SNO al in«) g.iragi nsiijt.) kao 
lalxiisii smHiiiiNlicniad dkaigi 

n ilIragiRoiluinacliirdiikiRKin 
Icim ni hicikidiiginsiuiaii (xi ui 
tenila)tecclH.iilnxi|)lmiivMru Mi 
-xik) di Rlnxiikn con InislalUi 
ZUHK <kl scnuliiRi Ihlk) sRsm, 
avviso rkiikiNtn.ignii ile) hai I il 


kna 41 Punite clk> Il suo kaak-O 
daimpLlbialit-iragc suII.iU>i.|||Mi 
sb* mcexoi c una )nzzciu fnn«i a 
kgiin I dnxiMatauiMiixli stor 
iimink lonieiUa ilciNiiiiK-icianU 
Da ncH non si kima piit iir-aaino 
E Iteli oHic di dnaipii lii-lla |tei)1it«i 
dnchcinitisuniiiiiuai hoparscn 
labi un c-^Hiiao In ( Uccisi nrvHK* 
ha vilh4u)e.ili> Haki htneitna c 
nr hoinciikiimatofiia iixlii ill.i 
dnzKitte del oinil pcntic in ivi 
( kaicnsr mg ih) via launadiiui 
c é un crcchci munì coiifinanu 
CHI) la nmln) mna B itil qiiak .i 
c DISI ik He vii d/iiiniilcilRi]i ca 
ikiiK. iixzzi di pH-in < cdiitnhi 
( imiinuamcnle- 


VECLIONISSIMO Jèb 
PICARNEVALW 

martedì 18 FEIBRAK 

iuNpuw fwfi unn 
floP rii unliiuf ilio r 

ìYih inii<(p<i rinC Uin Hnrjfi nwdi ^0 ni nr^(i« 


Menu detta aerata 

Cactud a 

(OR Etatan « 

«eircnU 
HNiuasrUi 
41 liMM fmttU 

Uutau 

T4iit4(iodif«tm 

Tino «lift ma 

iEe»ii (■lu m ie 




L. 100.000 


Armando 

Pfcnoi» 
Tiburtino I 3 5 
Rome 

Ov I ’l 

49 S9.270 
44.57 460 






























KUJlJd 


Centomila in piazza del Popolo con gli immigrati 
Solidarietà, per dire «no» all’odio e alla violenza 


LA MANIFESTAZIONE 


## 1) razzismo non è il colore 
della pelle, la solidarietà 
è di tutti i colori \ 

Io sono antirazzìsta ? 


££ Nessuno può immaginare 
pii cosa proviamo quando 
ci viene tolto in un minuto 
ciò che a noi è costato fatica 


• (’oiiiiDilrj/zisnHi.pvrdiienoairtidiDerniuBc- vcni>-MawoPai$Mn:ilvvKuvu(iiCMen».inomignor 
riiiiu, |ioi I ikniii alhi viUadiminzii: ni <|iwsii icinl nti- VirK«iuu Nogaro: Il dòcnoi» della Caiitas dioi:esai)a 
ftkiin di (lenone si sono <hie «piwmiunenK) ieri po- di Roma. inonogiKir Luigi Oi Lngio il andacu della 
ii>cr«tgit> u fcJina su irmolivii di CgiI, Cui e Ua c dell.' capitale Francesco Rutelli, che lui ricunlaKi le iniJiati- 
iissii. lutami (Il vTikmlanalo laiche e caiiokclie. Ad « del Canipld.^10 ^gS ànmigratì. e<«ii>e l'apenura 
.ipiiie il timfo niiiHictnico, 1 bambini della scwila ma- scuole a t^li -degli incgolan-, I nramfesianB 

kmui -Celio ataiim- con .ino striscione con la scrina ^ ««' ^',“01*»!")»'’" 

..•.*»ec.Airc-- Taniigli.mn^..i.,traaà.s«xm<k>gli ■«g;o"'g ’:d»>.quy treni ycrali che haw hato 
.mmièomoiì intniuLnptfi^lmaniiML.iuiiciira scalo alle statKim Termali e Tibuitina Alconeohan- 

i" panecipaio, con 1 gcmlakim. anche i sihdadi di va- 
liw mila secondo i ptumolWLjWm^ ^ ricSurSSnoMui-iiadctlouninariilesMnte-perdt- 

.|.a^iirais.mo|.,mnMlapra»delURe|K*W« mftoanclie«gliuUUniepeiod.di.r*.lleran2awn6ca- 

soia. ■i«-.iinmm-.iim-l ciime A-lta caiS: va flarbainu ,i^| à, quoai wam-. Tra gliobtettivi ddla 

via Smin.i. |>iii4taTrinil.i »Im Munii, Oabncle D An- „|jnifesia»one- otlciK>tc clic luMi gli imnugtaii in gts- 
niinzK),iimilc*iina2umcpiatt.i<lrtPiipolo ^ jl dlmnslcaic di esseie «keupaii aWiiano il |>er- 

Nella grande piatta e staio «diesino un palco sul messi di stwtioroo, la icgolamcntaaone dH lavoro 
■piale SI mmo fubiii groppi musicali insieinc a pcicu.«- su^ponale. il daittodi voro alleelctiora ammimsiraiive 
samuli «-ncgaleM, Numerose le adosmni e le presen- per gii stianiefi residciili In lialui da almeno cinque an¬ 
te di (^poncnli|xAlA'■c religiosi Aguidate ilconeo il ni, l^memilexIatHinaepiH iiroacguaain musica con 
x-groiarii. del Pils. Massimo D’ Aleina. il sc^elailo di gH ^ilaudmssinii -Noniadi-, 

RiioiiiljtiiHKCrmiunisU. Faiisk)BenuiuULÌIdi!|Ni1alo Fulo<lifticin«t'/^<A9>A3iì 






Ci dite che la legge 
ili è dalla vostra parte 
ma questa è una legge 
che non ci lascia vivere 


É # È triste pensare 
P che per smuovere i cittadini 
ci^ siano voluti tanti episodi ■ 

d’intolleranza razziale J 




















ferJB! 





















iwigina, 


1 Unita 

Iti- 


Roma 


Domenica 26 febbraio 1993 


CONTflOCORR6NTE/1 

Musica 6 teatro 
«altemativi» 

La manHMUileiiItli di ipMlMelo 
«h* cuHuraH orgMlBdli mi cdiiW 
fodiH aeMono MMH VM vdIMi 
•HdinttlMi «IIMCN HffielMddve 
(I fa tmlio e mulea. Va m 
aafnaMmo quateuna IMI quaata 
lan: al CaiM QKaHa, ataaaia alla 
2L3(kllCaivallaa~ 

Hiaataza uà eoaearla dfin 
aaariimntala con I Maatal 
MatfimaiM (palco di «ta U 
*laSaiaMS7,Lamaia.Tal 
T2t7M2>.MVManla«lalMla. 
atamttfeiail 

taatiBla pai tambM Tutto R dico; 
nalpomailK 0 o dtocotOM a loek 
liaHm dalvM eoa I flaiio Taxi 
(luMOMiwio Taaiaccl» M 
Ma«telo,M. STMÒfi»). Par 
wattadl.uhlaMilaiiiedl 
Ca nia ua la. lO d Balaaio ; al Coite 
drcutte d am da pira 
Ciiioeltta «la Id par uaa 
RaeeoMacBl 

ai MCd aia l^ha dalPa l to La tt o 
eha tfaagaia M Parco di da 
Umaala-ANa Tana, alla 21. Tomi 
Paww di Camovaia. dhcotaoa 
iartraldlmualaaaaaal«0,TO.M. 
<Vtat«iaaaait.»O.Caaalda 
artodkmaal 
sala l7.lt eantio 
la amat a Riw a ac a iia 
p« la «(a di Toataodoia paittia 
dallo 22 , «Itnra ai vadlaap d 

Vampraa- 


Parte da Centocelle il viaggio nei centri sociali della città 
Musica e danza nel «castello» occupato del Prenestino 








Che Forte l’arte in piam d’armi 


È al Forte PrenesUno la prima fermata del viaggio nei cen¬ 
tri sociali della città La fortezza, costruita nel 1896 proteg¬ 
gere la città da eventuali sommovimenti della piazza, ora 
é il regno di un gruppo di ragazzi di Centocelle che nove 
anni fa la occuparono per trasformarla m uno dei più atti¬ 
vi luoghi di produzione culturale giovanile della penfena 
Piazze d'aimi trasformate in laboraton teatrali e torrette in 
discoteche lutto all Insegna dell autogestione 


■ Il Pone Preneuino fu «retto nel 
1896 per iprciietgefei- la citià da 
oveniuali aoinrnoviinenii della 
piazza Centanni dopo avvolta 
nell edera e na«09ia al irallico da 
un parco che la aoipende in un at 
irKMfera medievale la tonesa per 
un Ironia della wrte sembra aver 
subito uno sona di nsveaciamenio 
(Iella sua funzione orlgman.i i se 
de ormai da dieci anni del piu 
ennde centro sociale au(ogesiiu> 
diRoma 

Ad occuparlo il 1' maggio del 
1986 furono gruppi di giovani di 
Centocelle che giS da alcuni anni 
organizzavano la desia del non la 


voro nel olezzaleaniisianteilcan 
(.elio d eniiaia Un cancello-pre- 
ccduio da un pome levatoio • die¬ 
tro il quale vi apre un lungo tunnel 
gelido ^letuale quando scende U 
notte 

Sui due lari del tunnel ira graffai 
e murales locandine manifesu che 
annunciano I inizio di corei o sca 
deirze di piazza si aprono vane 
sianze Sulla sinistra ce la cucina 
birreria che sforna ira suoni lech 
no Industriali e mmi punk nsoiii e 
caponaie Sul lato desuo invece il 
centro di documemazione v«nde 
libri magliette e opuscoli autopio 
dotti dal Pone o da altri centri >o 


uiali oltre a teso di case edwicj 
panicvrldn <ome SensdMli aik lu 
gh« Nuvuius e Shake Under 
grountf Dopo i cenlrtr di dnuu 
mentaz> 0 !ie - (he tra poco sarò in 
granditoc irasfomiaio nt Intoshop 
- Cd una rampa Mila destra (he 
conduce alla renella del Fotte 
Qui sccndMKlo le scale m giunge 
at MMieiranei una sene di Manze 
altine.ile (tu vriigi no uieizz.>(e 
per le moviic ilijliiin.i ■ iHivvni 
bre e Mata quella del fumetto un 
dergniundl c lo vpazar m cui di 
vtfSianreo Pailoluiaiux Lima 
do diedeiu vNa alla -Tortei» Slik 
Mighi- discoteca revival di musi 
Idre anni fili 7t) e 80 oggi vero e 
piopno-cufc-per il popolo dei c«n 
in socralt Nella parie alia della Mr 
rena mvecc aluni Imali uspeaiw la 
sala da thè e I assemblea di eedio 
ne menieecuoiepiilsaniediiuno 
iicerato sociale 

Uassumbiea di gestione vcinpn- 
motto panetipaia piogiainma le 
iniziacive cuttuiali « poMrhe e 
coordina I aiiiMlà dei gruppi e dei 
laboratori che anonairo i Fotte 
•La sedia di sahagiiardare al mas 
(imo I onzzonialiia delle decisioni 
e di tenere riunioni a|>cne a tutti 


comporla a volle lentezze o niaidi 
•• one Alossaivdra - ette propone 
intcìvonti tcaiTAb di nceica m Mra 
d .1 o in alili cenin sociali con e 
-Marame ('tpcraiivo uno der grep¬ 
pi (M Forte Ma(|ue9oeunpie:zo 
da pagare -continua Alessandra - 
aRnmenii I aoiogcsitone inlesaco- 
me assunzione di responsabilea 
da pane (b ognuno pene di sen 
S(> Qui non (< la divisione pieco- 
siniii.. ili Kaili I Ile II vsene piòpoMa 
aNestc-mo clueintcmoallassein 
lileadigcviinni i>oifi anche lepu 

hZK- 

Le espviK iize deicenin sociali e 
delle auingcsiuni nelle scuole me 
stiano come la crm della poknea 
degli anni 8i> non abbu miaccato 
tra I giovani il bisogno di una socia 
liia dneis .1 svincolala da taM>crti> 
gerarchici e logiche di profitto In 
questo senso quell del rone sono 
stali I pruni a capae che I autoge 
(iwnc era un idea forza e un per 
corso da mendicare alla luce del 
sole ren nuovo modelo di sniup 
PO autogestione dappertutto co 
me dice un hingo sinsciooe dietro 
il quale sffiano spesso ale mamfe 
siazxmi CdepiópnolavQionUch 
tendere questo •modello' massi 


mamemevisiUie chelihaspmiia 
sostenere la tranaiva con il comu 
ne di Roma per I assegnazione de 
gli spazi auiogeslin 
Ltii modello questo non astiano 
bensì frullo di un esperienza nc 
chissima nefia plurahia di forme 
che la ammano Se I assemblea di 
gestione intani e la menie dei cen 
ITO sociale llsivieniancnfisoeco 
suniiio dai laboioion alloggiati in 
nuineniM stanzoni mtonio >lledue 
piazze d amiche SI apronosimme 
irKamenie a desiia e a onutta del 
tunnel d ingresso Qui p svolgono 
le annua pn, disparaie dalla scoi 
luca in ceramica al disegno e de 
corazMne mizafe dalla danza e 
acrobatica al laboraiono d esietica 
in pFOdoiu naturali e poi c e la seri 
grafia la sala piove musicali lesale 
che ospilanu fi teatro il cinema i 
concerti la palestra I laboraton 
inoltie portano spesso i trum del lo 
IO lavoro fixn dal Forte « il caso 
del greppo di deem^one murale 
che tecenieineme ha coperto di 

S llih un edificio m cemento sede 
cenno sociale «fi Spinatelo 
•Auro e Marco* O dei gruppi di 
danu aciobancae saltimbanchi 
chespessosiestbisccfiiomstrada 



La Sereno sul medicinale contro la sclerosi 

«II Rebif è una cura 
non un esperimento» 


In II le r/fci all nriimio pMhcalo 
K’irerrf; _V lebòtoio a pagina 
24 dal lilclo Malati di cctcrosi 
anali lonv aita Slop a quel 
fonnaco a linna di Liica Beni 
gai pubblicluaina ampi siiaki 
della kiieici 'iceviiiadalloSeiv 
no 

m Secondo lautoie dellarlicolo 
sarebbero in corso à Roma e nel 
Lizio -spcnmenlazioni abusive di 
nuovi larnidci- mentre ni Italia gli 
studi specitici necessari .itfmche il 
prodotto possa essere regularmen 
Icprescnitu sonuiiicorsii ma non 
sono ancora stati poitali a termine 
In proposito osseniamo Si e con 
eluso nel mese di novembre ISfifi 
lo studio mulliceniiico cooidinalo 
in Spagna dal professor 0 Fcrnan 
dez COSI come autorizzalo dal mi 
nistero della Sanfia spagnolo a 
Koco regisiraiMo sul iraltamenlo 
della sclerosi multipla con il pro¬ 
dotto 'pyone- Parimenti nel mese 
di dicemliie ‘>f m e concluso lo 
studio niukcentnco coordinato m 
Italia dal professor Flcsehi anche 

S to autorizzato dal mimsiero 
Sanila a scopo regislralivo 
sul iraibunento della «cierosi multi 
placonilpiodotlo Rebif- 
1 dall (cieniifn i disponibili sono 
«all consegnati dalla Seronoat mi 
nistero defc Sanità il 9 dicembre 
del Ufi jier I esame da pane del 
servizio Farmaceutico e della Com 
missione unica del Faimaco la 
quale ilfilebbraio'USha iicevuioi 
nosiii lappresentanii per unaudi 
zione conoscitiva dei dati scientifi 
ci che piuseguiià nel mese di mar 
IO 95 Quewìparimemtziomsch 
'■ no stale condotfe secondo le 'nor 
I medi buona pratica clinica con 
tenute nella cfirettiva Cee 91 507 
in confoimità con i principi della 
Oichiarazone di Helsinki chepre- 
vedoiX) ira lauro il consenso in 
formato dei pazienti 1 appiovazio 
ne del mimsTeto della Sanila e del 
Comitato Buco delie siruiiure sani 
lare dove vengono svolte hnclu 
stoni dei malati secondo rgidi 
pTOKxoli prevLiniiamenie 
idiulalle julonla sanHane Quindi 
non (I può i>arlai( (erto di malati 
di scleròsi usali come cavie* in di 
spiegio vipratluttn agli stessi pi 
zlenti die lianiMi partecipato vo 
loniaiiamemeaKli studi sopraciia 

II 

Biìirambi gli «udì sono stati so¬ 
stenuti a toude carico della Sereno 


che ha tonino graiuiiamenle il pro¬ 
dotto cosi come siahililo dalla leg 
ge 

Quanto poi alle osservazioni sul 
1 -uso compassionevole- del pt» 
dotio (None nel iratiamenio della 
sclerosi multipla di tipo lelapsit^ 
remitling occorre aver presctilc 
che il 3n giugno del 94 e stato 
emanato un fjecreto legge con il 
quale si aulonzza la dt^iensazio- 
ne a particolari condizioni di far 
niaci non aliualmente rimborsati 
dalSemzioSanilanoNazionale in 
contonnrta con i cnlcn che U 
Commissione unica del farmaco 
doveva adottare entro 3f) gtomi In 
data i5 luglio la Cui ha emanalo 
rigorosi criteri eccezionalità del 
caso clinico disponibilità di docu 
inentazione scientifica impossibi 
tita di alleinativre terapeuiiche ^ 
giungendo die all individuo doves¬ 
se essere garantito il maggior gra 
do di salute tisica e psichica altra 
verso lamiaci inseriii nella classe C 
•e anche evcnmaimenie non anco¬ 
ra registrali in Italia echeialiinter 
venti debbano avere la caratteristi 
ca del tratiamento compassione¬ 
vole 

Quanto poi alla Catena dt San 
I AnWnio che produce profitti mi 
lierdari sui bilanci della Sciranor 
baste tener presente die recente 
mente il presidente dell Aism ha 
dichiarato che il coslo della terapia 
per 1 270 pazienti sarebbe di 9 mi 
liardi II Decielo legge prevede una 
copertura linanziana per I auisien 
za faimaceuticd fino a 76 miliardi 
Resta leima ovviamente la piena 
autonomia delle singole Ud nel 
concedere o meno la dispensazio 
ne del larmaco a singoli individui 
COSI come stabiliscono le previsio 
ni normative 

Quanto all ipotesi secondo lo 
quale la Serono -dona alleclinichc 
neurologiche romane iinaquaniità 
definita di Prone* per poi interrom 
pere la donazione prima dei com 
plelamento della terapia prescntta 
al fine di lucrale sulle casse delle 
U(l osserviamo che tale, afferma 
zione 0 piivà di qualsiasi fonda 
menili altamente offensiva per 
I immagine della Serono e soprai 
tulKi altamente denigratoria dei 
neurologi cnc operano nella capi 
tale c delle strullure vaniiane pub¬ 
bliche 

AndiMi RemfItotI 
tMBWia. IWKfMll 
tstttwleniìlteafla hereno 




Inioimazione e politica nel dopo (?) Berlusconi 
Con 

MIRIAM MAFAI 

_ WALTIB VELTRONI _ 

_Maifedi 2Bfebbra»o ore 9 30 presso l’Unità 


abbd 


Teatro Beisito 


discutinmonc con 

Carmine 

Piero 

Stefano 

unì 

Carmen 

Michele 


Il i.iir .nril n K 
iwntinrio'iii Mcliotcìn 

'IhIt Kiiilio 
























Domi'iìica 26 febbraio 1995 


- . T-^n-^t^ìS 


Roma 


J T » 


itt ^ -5 


ILiulia pagina, 


SPORT. Roma-Torino in contemporanea alla corsa. Il sindaco: «Posticipate la partita» 


Allamie maratona 
Rutelli al Inetto: 
«Si rischia il caos» 


Quale prezzodovià pagare Roma peravere la sua Marato¬ 
na internazionale'^ Il 12 marzo piu di 30mila podisti corre- 
rane per le vie della Capitale, passando anche nei pwssi 
dello stadio Olimpico, dov è in programma Roma-Tonno 
Sarà il caos^ Il sindaco Rutelli ha chiesto al prefetto di po¬ 
sticipare la partita, le due squadre non vogliono E la cirtà 
nschia la paralisi, come accadde quattro anni fa in occa¬ 
sione dell ultima maratona disputata a Roma 


■ U Uaraiona di (toma - in prò 
gramma il 12 marzo piossiino-è 
diventala .un problema d ordine 
pubbliLO' la clilci tiichia la parali 
SI Colpa del calendario (orse per 
una svista forse per un semplice 
errore di valutazione o chissS per 
quale altro moliVQ gli organizzalo 
ri della gara podistica tianiio fissa 
lo come daia una domenica qual 
siasi Fin qui nulla di orano II prò 
blema però ectieii^eclpanii- 
nulla laida maRinaia - si troveran 
no rt peiconeie le strade adiaeenu 
allo stadio Olimpico Dove nel po- 
merlulo verrà disputala Roma-To¬ 
nno di ukio Sara il caos’ Aliati in 
gara e lllosi dlreUi allo stadio mla- 
auranno la zona’ 

Quando si parla di Maratona la 
nieniorw dai rcunan) toma mdieiro 
al 1^1 anno in cui la Capitale 
ospliò I ultima edizione un vero e 
proprio fiasco Fu una gara di mo¬ 
desto livello tecnico per la quale 
Roma nmase paralizzala diviae in 
diK d,i uri imisihili - ma un,ila 


tuie-muro owero ilpcnorvi Da 
allora niente piu maratone nella 
Citta Eterna Ma il 12 marzo la più 
classica delle distanze dell ailetica 
tornerà a Roma con la benedizio¬ 
ne del Comune il sindaco FiaiKe 
SCO Rutellisi èschierato in pnma li 
nea aHcmiando che dovrà essere 
•una lesta per mila la citiì uno 
strumento per il nlanciu dell un 
magma di Roma nel mondo No 
bill intenli SI prevedono iiennla 
isciili alla Maratona vera e ptoima 
(42 197 kmi e 30 mila alla non 
competitiva di 7 km con partenza 
e arrivo nel centro storico Magaci 
sono polemiche 
Oi^niizalori e autorità comu 
naii rassicurano che nino i siato 
studiato per non bloccare la ciiià 
peiccusoniiraio servizi inlormuim 
tragitti altemaiM per chi deve spo 
starsi da unn pane all altm della 
citta Basteranno pei cviiatc il 
caos’ I piesagi non sono buoni In 
settimana Riiielli ha chiesto al [ire 
Il III II I il II I I II oili'l'l • l> 


E Oggi «uB« Co t owbo 

dal V«l«drMM a Ostia 
I* ataaa« MM «aa 

••M MMMr-aad»«Se-: Mi 
MtMd «eputeta U 22* edUm 
deteHeflishOetia, Menieilai ■atifts 
TuM, (in aoilMIca a meai 
rumiM f 21,M7 lon). 

U psrtanM 4 theMi iiM «,20 st 
V«MiWMMiiifle«,ia'Eur. 
I'»rli«ene(im<ll«le»i i > e lli 
PelMa(MM.RnduM4parlé«. 

iwiMm m iiwieceWWi 

liettMife I-MiMncSHtia». 
diquamlM psmclpMI.4 
MiwnakiiM Mi (lami leenl. 
ione pnsWt qiMM putì 41 
rinawi. linpel Piat t a, n eii u e 
lU'MlM 4 liaM pradhpMli un 

iMna «MtpuMrtaiW eie ton*t 

U «UnMetie In «mpi nHe. M 
MnettM diUiprM nMMMM 
MdiMM dM ma«il dlHn, In 
mtli ain pffena dadi dMM. ftmil 
kidMwnflnillldO'dliKiMHM 
• Iha iM ZO* dum. Rm M iM, 
Salpa,miiaitMiniidiaii.u 
gara è nIHa enne prima pMM dal 
dnnda tisan.eiiven l'MMpptaia 
Ron»4adi/Msaatana.Nin* 
pnsWa la patSidpÉriaM dal 
-ipand»-M pndtanD «ondW*. 
aneha M al ria al pnMMm un 
maagiilaniamima—aulrlcanl.d 
luseriln i cemunqui ■ fnaMira 
SiMIon Meoilu, chniU 
prapvandata MarMona <M 12 
mvza 


Oggi i giallorossi contro la Reggiana 


MssMiNiio opmasTpaii 


■ U sconfina di domenica scor 
sa d Genova ha sanato il cammi 
Ita dell ,1 Roma almeno per quanto 
nguarda la KUla-scudetto CosK 
che I giallorossi rimboccale le 
nianlctie e un po rkllmensianati 
dulia bdlosla di domenica scorsa 
.iftioniano oggi all'Olimpico la 
Renana Certo che se rron cr h» 
<0 stdtu quel passo falso a Marassi 
1,1 gara di o^l avrebbe ponilo ave 
re |>or la Roma ben altro significa 
tu una possibile iincorsa verso la 
luvciiius leadeidcllaclassilica In 
voce I Ite punii in palio conno gli 
emiliani saianou importanti solo 
|i6r coiiniiuare a navigare nell alla 
c laasilici e ficr sperare in un posici 
in Uefa 

Per I giallomsM la gara odierna 
con la Reggiana si preannuncia la 
Clic sulla carta ma difficile ineam 
po Anche se gli emiliani sono in 
fondo alla classifica (assieme al 
Brcsclud 12 punti) queslonondo 
ve c erti) c'onfondere la squadra di 
Miiazoiic che dovrà impegnarsi al 
massimo |)cr poitare n casa un n 
sullatoivisilivo 

Gli emiliani alleimli dal tecnico 
rcrran anche se si presentano al 
I Olimpico con un.i fonnazione n 
iiiuneggi.ila c priva ad nigeriano 
Oliseli ( uiilunio di riposo ijcrtui) 
li iilc ranno di femiare la corsa in 
casa della Roma (non perde dal 
JTIehhtaiudon"^) 

Carlo Mazzont rijiioponc in 
c impo Ald.iir (rciilrato da poco 
diil Bnisllei a dare manlorio ad 
una ctilesaclic domenica scorsa a 
tiCiKiva non C apparsa Imfipo si 
cura Inlalli (juando il campione 
brasili ino ò in cainix' al centro 
ckllii difesa i meccanismi del ic 
parlo cliicnsivo funzionano alla 
(icricriont c In sqiiadia nesce a 
siate ir com|X> con piu slahilit.l 
Imillre sulla scillu dello siranicro 
i|iu‘sl,i esili 1 Miir/ono non haavu 
lo dubbi Toasec a do |)0 la sqiiallfi 
(Il rimecllala nella gaia di ckimeni 
HI scorsa si C iiilortiiiinlo in selli 
man I 11 campione uruKnaino do¬ 



li tWlki 

dtliRM 

■Maone 

«.adeetis 

Zendn 


vrà nmaiiere lontano dai leneni di 
gioco per almeno un mese 

Occhi cosi punlali -ai Rimesco 
Tolti ilgioicllinogiallorussci.ivrdia 
possibilità di mellersi in mostra per 
diverse domeniche almeno linoai 
neniro di Foiiseca Tom gKxhcia 
inavanli,il lianco uwiamciiic del 

I argentino Abel 

Cario MflZ/oiie larh poi scende 
ic in campo dal primo inimiro an 
clic l-tanccs-o MorKm tenuto in 
IKiiicliuia domenica scorsa) e 
questa velila il sacnlxatcì rii turno 
(loiTebbe essere tappioli clic 
quest anno non h,i aiiccHa trov.ihi 
la migliorc'condizioiie 

II Ic-ciiiro giallorosso len i Tnao 
na h I pariate della gan di oggi 
•Sul campo sarà dilficik f-<i Reg 
gialla arriverà a Roma mollo Ir,in 
qulllu non liaceiloniill.ida|>erelc 
re- Margone ha |xz isirlato de Ila 
sua squadra -Noi ctolriiianici lati 
la parlila come al solilo labhiamo 
IMcpai.ila con molto ns|ieti,' del 
Imwersano In cas.. gHxliiiinio 
con unn cena ccMHc-nlr.igsmc c 
non CI laic'iiKi inlliicnz-irc psieoki 



UMpttHU idUtiM tMtonmWii * Rmm 


Mazzone: «Lo scudetto? 

No, per ora siamo da Uefa» 


posticipare alla sera la panila Rò 
ma Tonno -per lagioni <h oxfene 
pubblKO pei esMaie che nella zo 
na deto stadio o possa essere d 
cunieiTi|)Cirancv afflusso di atleti 
cuiiosi « Ideisi Eh gli Ma manca 
no meno di venu gtorm ala gara 
Come mai solo adesso si posto d 
problema’ Quando 4 stata lesala 
la daia della Maranna ri colenda 
no ck-l calcio era sialo gii ledano 
da tempo £ m prcmamina per 
quella domenrea alOtmipKO ci 
sarebbe dovuta essere LaacnCe 
noa 

Ebbene gk organizzaion dela 
Maratona con un operazione che 
donoia un ceno pressapochismo 
a-evano pensalo che la Lazio - 
qualora p fosse quaMicala per i 
quani di Coppa Oela (cosa che 

^MI (K^MirUk 




cliievro I aiuicipo della partila col 
Genoa al sabato poiché maitcdl 
14 sarebbe siala impegnata m 
Coppa Insonima con I avallo de¬ 
gli ammmisfiaion ctqMofini la 
macchina organizzativa di quella 
che » vonetàbe far diventare una 
delle inaraione pw famose del 
moiKio era stala messa in moto 
sulla base dell lesiona previsione 
del successo della Lazio senza 
considerale che in ogni caso I anii 
cg>o dellmconiro di canipronaio 
non sarebbe sialo Miomanco Pm 
a compbcaie la situazione cr si 4 
messo un iinprevuio la domenica 
di blocco ami violenza dello sport 
ha lano skntee di una seRim.iia il 
calendario del calcio E al posio 
della Lazio nel ^no della Mara 
luna allOlimpicocisairiiURoma 
cln iKuicv.iilc unpcsiiuim 
Celie* - IH ri 11 * uvriic, I* uitKi 


pan; n poste i|Mre la parlila 
Cosi Rutelli ha invocalo I inier 
Vento della prcfellura malimpres 
Bone c che il lutto sia avvenuto 
con colpevole ritardo -Abbiamo 
uudiaio con molla attenzione il 
peirorso valutando passauio per 
passaggio con il romando dei vigili 
urbani - ha minimizzalo FTancoM 
gurelli segretario del sindaco - 
non dovrebbero esserci groai pro¬ 
blemi polche I ultimo concorrente 
dovrebbe transitare nella zona del 
lo stadio intorno a mezzogiorno 
mentre I afflusso di tifosi dovrebbe 
iniziare più tardi Solo per maggioi 
sicurezza il sindaco ha chiesto al 

C IO di nnviaie la panila della 
Ma SI iraiterebbó sopratiiitio 
di un ncoiioscimenio dell impor 
lanzd della Maratona come dweni 
ine 111 I II I illi liiv min I Rute 11 
cHUie euii ili,i In >1 fc’iiua (xr 


unagiomala una ciMa che'Parie 
cipi' alla manifeslsziono creme ac 
cade a New York per la maratona 
pili famosa del mondo Ma per la 
gara di Roma gli organizzatori 
sembrano incoisi In una lalsa par 
lenza Per oia comunque la prc 
lettura non ha emesso ancora al 
cuna ordinanza in mento alla n 
chiesta di Rutelli ma sono stali 
consultati rappresentanti di Roma 
Tonno e della Fedeicalcio ebbe 
ne sono tutti coniran allo sposta 
mento della panna che a quanto 
sembra verrà disputata regolar 
mente nelpomen^io 
iMrizIonI: per la Maratona 
(42197 km) chiuderanno il 28 
febbraio mentre per la non com 
pentiva i possibile date la propria 
adesione fino all 11 marzo Per ul 
li rimi iiiliiriniriiiiii cimi sllivili i 
mimcriik tiilkth '1 liilkjr', 


Boksic in dubbio 
Zeman nei guai 
toma Venturin 


IDA FERRI 


Scuola di Mtxia 


• Ls Lazio reduce dal successo di domenica sccMta con ri Milan oggi 
giocherà con la seconda riclassrfica ovvero conno ri Parma al'Taidini' 
UnairasfenadrilKrie perlasquadraalenòtadaZeffian dopoduegiorni 
martedì ■ biancoazzuni saranno impegnati all Olimpico nella gara d an 
data A Coppa Ueia contro il BorusSiaOoitinund Ma per la sfida di cggi 
lame le mcogniie sulla formazione della Lazio Boksic ancora influenza 
lo kiise (ai poeto a Casuaghi Puser e Bergodi sono mezzi acciaccati 
menre Chamoi t squalilicato Come dricnson centrali Zeman dovrebbe 

qmtMh schieiareOavero e Negro con FavaHi e Bocci esterni Eacentro- 
campo qualora comesembravaieii-Fiisernonceladavesscfarc do- 
nebbe parare titolare Veokinn ex Tonno arrivalo alla Lazio all inizio 
dcBasl^oncconicgiocaloroiitsinUluibilc iDachepoisélaNosirifiareil 
posto da (Yiser -Aurora non so ve domani (oggi ndr) giodiciO - ha 
spiegalo Vralunn- è una partila molto impoilanle Sali dura riParma 
in casa è motto forte quest anno ha peno snlocoiilaJirre> Epoi sul suo 
luturo e suHe sx>a della sua cessane al termine deOa Cagione Ventunn 
tMl^ttalocorto -E prematuro parlarne ora Ceno a neisunn la piacele 
stare seduto in panchina maallaLazn sopcattutlonclmaniolo aceti 
ttoc-unpo la comanenza è spretala Comunque sono fiduciuso E spero 
digiocaR(antrodPannd> dPofo 


Da lunedi 6 marzo iniziano i corìi quadrimestrali di 
TAOLIO E MODELLO - ANCHE UNA SOLA LEElONE SETTIMANALE IL 
LUNEDI OH. SABATO 

APERTE ISCRIZIONI CORSI PROPESSIONALI MODELLISTI E FIGURI- 
NlSThSTILISTI CON DIRITTO AL PRECORSO GRATUITO 


K)1B5nOMA-VltVollurnO,S»-Tal 06/4S4t0l»-P«QSM457187 

Il elreole ARCI "Plnr Panlo Pasolini" 
s la SInlatra Qlovanlto di Qanazzano organizsano 

Ofi, efie BeC CasteCCo... 

Per vivere la nostra Cenazzano pampe dame cavalieri giu^as e stracaom 

CARNEVALE '95 al CasteHo Colonna 

DOMENICA 26 ore 17 30 SpMicolo per bembini e nnfresco graiuno 
Ciré 21 00 MeW une eere een fi rrahco PIANO BAR 
di VMorio Bonetti {ingresso iiMro) 

LUNEDI 27 ore 17 00 PR>ie 2 lone del iilm iMiglle «elle Pemeie 
ROM* con Roberto Benigni 

martedì 28 ore 21 00 Senti finale con la diacoleca dat DJ PAUL 
CRASH (rintano sarà ancora piu inevitabile) 


, .l 't pcqgio ai me .1 < 


r 


gicamenie dal lamie sircesso ilei 
Undala (4 a !)• Por Mozzone c 
tomaio sulla panna di domem^ 
scorro uCencwa -Abtnanio subito 
multe crriiche stri plano del gioco 
Ma Id Roma ha gxiCdM la solrid gd 
ri creaiido molle cxcaann da 
gol llcikKr halontinuatoillec 
mco-èfaltodiepisodi cappunio 
un episodio ha segnalo la sconfitia 
a Uencrva. U.vzzonc ha aiironlato 
il ptoblcni,! Fònseca cd he Lhresto 
uopo diiranciiiillltdpcrlallaLian 
k urusudHio -47aiifcfcuncampiu 
nc Non è un buon momento per 
fili La squahlica e I nfommn k* 
lerranno loitt,viodal cakioperun 
|xi di tempo M 1 - aggiunge il lec 
dico - sarA lamki vmcetile rtella 
Romanrllrnakrdicomptonalo A 
(.111 insisteva sul (incorso vrudelto 
Cddelia Mazzone ha nsposin dtcr 
k> SLudctlo -nxora (i manca t|(ial 
i usa kasc un pn d espcnenra 
m-i per In i k-Li uamo in piena cor 
VA Ceravo prefissati (fueslohlrtli 
vn inizio del caniptonaio i mi 
vc-mbr.i che sbaino iii 4 >clinndu in 
pie 110 tulle le prcwnni 


Promettiamo cento posti di lavoro. 

Ad altrettanti donne e uomini 
non necessariamente giovani 
ma dinamici ed intraprendenti, 
per promuovere un servizio innovativo 
e di sicuro successo sul mercato di Roma e del Lazio. 
E quel che promettiamo Io manteniamo. 


I 

1 


L 


Per informazioni contattate P.C. Tel. srl, 
dalle 9.30 alle 13.00, al n’ 06-77S04848 


J 












Roma 


CH'mcnica 26 febbraio 1995 









llli 



visito OHMate 

I MCOll di ROM E Stdto cosi de 
nomtelo il programma di visile 
graluiie messo a punio dalle guide 
tunslice Oi Romu per celebrare la 
sesta giornata intemazionale delle 

S uide stesse Convinti che il senso 
eli identità e dell appartenenza 
alla piupna città si può acquisire 
tra Ialina attraverso la compron 
siunc della vita che si è sviluppala 
nel corso dei secoli gli upeiainn 
propongono per oggi alcuni ilinc- 
lari Si inizia alle 9 30 con U Me¬ 
dioevo e il fìinascimvnlo da Costei 
SoniAngelo ollrouerso il Tvixie 
rorOi/Vorio Sani A^osilno la Sa 
piema Appuntamento a Ponte 
Sant Angelo (làio Casielloi Alle 
Il lIBnmeaieilSeHecenlo Sanll 

vo allo Sopiemo Soni Ignaiio Tre 
Il lìQuiniiale ìoConsulla Appuii 
lamento presso Sant Ivo alla Sa- 

E ienaa (cixsoRinasLitnenio) Alle 
! 30ftòmacf¥>tB/e iMiXXSeneni 
bre I nuovi mmisien piazm della 
Kepubbliai Appuntamento preuo 
la ecaliiiaia del Quirinale AJIe IS 
Antro e rtopoto guerra E4Jel>u 
ma ?0 Appuntamenlo presso la 
scalinata del Palatio della Civiltà 
del Lavoro (lato Cur) Percorso in 
iiullnran Per informazioni lei 
(17 

ANrt KlMnri la i hiesa dei Sbnii 
LrtcaeAftnnnncon Itinera Appun 
(amento alle IO 3U in viadel uillla 
DO angolovia della Cuna liieSmP 
la La Chiesa di San Sohioiore in 
Unirò con I associazione Pomerio 
Appuntamento alle 10 30 in piazza 
San Salvatore m Lauro Aneeslne 
Divi Augnar nelle immagini dell A 
ra Pacis II sogno di un epoca E il 
toma della visita guidata gratuita 
promossa dalia Sii Confeseicenii 
per Ivisitatun delia mostra mercato 
del libro di largo San Kocro Ap 
lunlamento alle IO presso gli 
stand dei libri L area ixieni eh hiign 
Argenitno con Ladc nel cerchio 
Appuntamenlo allo 11 in piazza di 


LA DOMENICA IN CITTÀ. 

Curiosando 
neUa «soffitta» 
della nonna 

Itinerari nella Roma del medioevo e del nnascimenlo. visi¬ 
te nelle chiese, gite net parchi e poi ancora mostre conw- 
gni Tante idee per passare una domenK a diversa m città 
Da segnalare il mercatino dell antiquanato che si tiene 
nella scuola americana di Sant Stephen nel cuore del 
quartiere Aventino Tra quadn d'epoca e mobileni ari de 
cò SI può anche pensare alla solidarietà 11 ricavalo dei bi¬ 
glietti Sara devoluto all associazione banibiro doi^ 


nuewtHAMeoo 


Torre Aigentino provo il teatro 
Quota di panecipazionc lire Srcula 
Con la uassa as»>ci<izione alle 
|94S //toriiptessofowutrmiwioe 
il Moiaolm di Stella Covariui Ap 
puniumci'ilu HI via Nomentana 
349 ( luj MKirlopcdiu di xiiitaru 
onlKO il museo Bunaivi e i suor 
saiierronei ton la Cuti naieosta 
Appuntamenlo alle 10 Vi tn corso 
Vittorio Emanuele tmgolo vm dei 
Eaullan Lee Smda Con la uesaa 
associdziuiic alle 17 Cmridi uio 
stmoHomo i moeain <kl puUlm 
pressionisnio Appuniamcnio m 
via Nvionele P>4 ipaiuzzo delle 
E3i|X)!ii4ionii LireSmila Uihauhm 
eli San Ctoiwr/v con il Scniitro de 

E lielf] Appuntanicnioallc lOinvi.) 
Hbiceiid Lire7milii 


L'Appuntairsento 
Mat.ma|l«a • TMnolwdt* tVr 

nOkiritlia e il nume di un inziaiivu 


ibrida che s> tottoca tra il museo 
interaUivo della scwnza un polo 
di Mustu) e II paleo dn'erlimenli A 
Ternulmlio I mtiea e la meccani 
id lacuslKa e letemornagneii 
smo sono proiagoneu cosi come 
le prmripali lemaliche h^ale olla 
pecceumx Oggi tra gli alin ap- 
puntomerm si pu6 partecipale a 
mmiMgicd occasione per il divet 
Umewo imcligenlc con presenia 
ZKXie d> un nulnio campuonoito di 
giochi con 1 quoti adulai e bambini 
Ijossono simulare il possesso (h 
Vrabiltarui doli qtaiaiiormab- to¬ 
me la l«iep<itw e la precognariune 
ncorrendo a semphci trucchi male 
maiKi Con il giocologo Ennio Pe 
nrs SI polla giocare daHc II) alle 
III 4& e poi dalle 11 aHc II ISsen 
ZI pagare il tnghciio L.igress" ■■ 
Matemagiracinlaniidipenidcnit r 
solo clu lo 'Vsittcra pud tuiuue 
Tecnolantha pagairdo Ine lunula 
(seadullul Imila I per I bambini 


A «Collezionando» ce rantiquariato italiano e inglese 
Matemagica, ovvero la simulazione del paranormale 


hnoallanni) IncialedelUPinu 
ra (6n) sullatouuslfodelpalaz 
zo tlei Congiesw orare 9 11 Td 
S*) 14 464 

RKomoalfubuo Ocvnoilrnie 
ma nell epoca della sua nproduci 
biUa elcilroruta Convegni bkcmi 
m dimodiaZKini c proiezioni per 
c-cpiorate ■ nuovi orczunli uacciali 
dalle modomc iccnoingie nel sci 
lom degli iiueresai t nienuaogialKi 
Oggi alk IC con AlberUi ^ichi 
SI psikca di Pri HothwotKl oSé 
conVodri atiKviiiiMdiinatiego- 
mes e hhn urKniHn i Alle 19 MrAi 
nKvtMi'ivnio polurmantc di Fui 
vio Cninaldi c daHc 4(> 4$ alle 33 
Scatfate keeriim proiezioru la 
mandesiazKine o (iene al palazzo 
delie espirazioni via Nazionale 
l'M id 47 4S9irT - 1:49912 III 
gns-<nkn l2ingAi0ni4andolK>i 

CeQW •Md «■ clnwn» Pei le 
aleggiarli lacsociaziODe cuhuiale 
Ocsntcrn piopone una mmi vene 


di («oiezKKM domenicsli v inizia 
con Ole oro idi Elloie Scola 
con Marcello Maslroi.inni e Massi 
mi>Troi»i Le prwezioiu SI tengono 
nei locali della sez Als di Cmecii 
ti n via PlavHi Subcooe 178 tei 
7687 93 mgieswiliwSmilii 
UhoMtMdolln nonna 
In una delle niwhie della vec 
clua chiesa sconsacrata hanno (10 
vaio posKi I lappen persiani e kv 
hm MI di un palco nella «essa 
chiesa sono di^oai 1 giocattoli 
lianrc>si del <ec(4o scorso alcune 
cunovaa inglesi aiirezzi da lavoro 
situmeuii snenigici «carole da la 
VOTO sono ustemaii sono un poni 
calo Una -sofluta- per modo di di 
IV quela die ospita la musila di 
eniiquanaro di <ollczionando la 
cornice e inlain quella della scuola 
aiueiKan a di 9i Stephen s nel 
cuore del quomeie Avenuno Tan 
la oggeilislKa aahana e inglese 
d(HI>4i<aci«ii quadf tltqwv 


mobiletii di art deco vecchie mac 
chine fmcMraliche stampe e libn 
Dalle 10 30 alle 19 30 in via Aventi 
na 3 (accanto alla Fao) ingresso 
lire 2mila iper la tessera) Una 
pane del ricavalo delle tessere 
d ingresso sarà deioluia all asso¬ 
ciazione Bambini down 


Verde •dintorni 
UnavutdapMWMl In occasione 
dell assemblea annuale dei soci e 
degli amici di «Pedale verde» I ap 
sociazione mvita gli amanii delle 
due ruote od una bici passeggiata 
in cenno con vbiia guidata e 
■scampafmaia» nel paico di Villa 
Marami seguirà {esposizione dei 
programmi dell associazione e in 
modo panicolàre la richiesta del 
prolungamento della pista ciclabi 
le che atlraveisa 4 cenno storico II 
raduno « alle 10 in piazza Campo 
de Pkin sotto la « ima di Qiorda 


noBmno 

H psiico iMMoeto iM eortsMn- 

se È quello di Villa Marami im 
ponanie area verde non solo dal 
punto di vista naluralisldo ma an 
che dal punto di vista stunco En 
irsmbi gli aspetti verranno appro 
fondili dalle guide del Ww( che per 
oggi hanno promosso una visita 
I appuntamentoà alle 10 m via Ra 
mazzim di 

Il parco detii aotuiadotll Eie 

cintato di recente dai prupnetan e 
riaperto domenica scoiaa grazie al 
I inteivenio delle forze priuressisle 
li vari livelli (.di zona al Comune 
mSenatoi ilpaicosaiàmetaque 
sia manina di una visita guidala da 
Slefano Vannozzi del Quppo ar 
cheologicoromano Litinerrotoc 
chera villa delle Vignacce Cister 
na AcquedotticlaTombadeicen- 
toscalini Appuntamenlo alle 10 in 

R azze A C ubino (chiese di un 
ilicarpoi 








Ultima domenica alla scoperta di Montecitorio 



AitirteaC«Ur« 


Oggi uliima domenica del 
mese I ingiesso 01 musei e 
irtomi'Ticn/i comunali tgra 
luna Oiiesiol elenco 

MuMi «MfleHnl (Palazzo dei 
Conservatori Pinacoteca capi 
lolma) piazza del Campido¬ 
glio I 1CI67I02071 6 
?I03069 Aperto dalle 9 alle 
1230 Pinacoteca e roccolie 
darieclassica 

Mmm dalle CMItd romana. 

piazza 0 Agnelli 10 lei 
5926139 Apeno dalle 9 alle 
1230 Documenli siila «ona 
di Roma e su var aspelii della 
civiltà romana 

Muaao eanacco corso Viiiono 
Emanuele 168 lei 68806848 
Aperlodalle9allcl23n Colk 
siane di amiche sculiuie egizie 
assiK greche eiruxhe e rama 
ne 

Muaao dal Pollilora a dal patti 

tomanacehl, piazza S Egidio 
I B lei 5816^3 .^lertodalle 
3allcl230 Raccolta di veduti 
vii romani e ncoslitizione di 
bozzetti di vita roqtana 

Muaao dalla mura (Porta San 
Sebastiano) via di Porla SSe 
basliano 18 10176475284 

Aperto dalle 9 alle 12 30 lllu 
sira la slona delle Mxirumirelin 
ne passc-W'oln sulle mwa da 
varia Saiisebasiiaiio alle forni 
CI dnm Colombo 

Muaao Canonica, viale Canoni 
ca2 (Vill.i Borghese) lei 
8842279 Aperto dalle 9 alle 
12 30 Opere «svi 0 bozzetti 

delloscullorcnelrciCaiionK 1 

Marcali Tralanal a Foro di Traia¬ 
no via IV Nos-emVirc 94 mi 
67163613 Apeno dalle 9 alle 
1231) 

Ara Racla, via Ripeiia lei 
671(121171 Alieno ciallo'! alle 
12 30 

Auditorium di Maeanata largo 
Leopardi 22 lei 
671634 10 48732()2 Ap.rlo 
dalIcVallcU SII 

Circo m Mauenzio « Maueolco 
(M Roma, via Appia.intica 19.3 
lei 7861324 Apertodalli 6 al 
lo 12 SO 

Antlquarhim Comtmalc naie 
Parco ilei (elio 22 Kl 
7(Klll|96'i Apinofliilli III alle 
12 IO Whaisiiinoniiiiilesin 
dei Sn/ii sona iv/iitt/i lagielli 
siane i viilluit oiliiineiso 1 
cintili (■ itcnvmiiW kl 1 nti i/i;o« 
tilt ma a Ih imo in elO imn< 11 

Canaria Comunala d'arte mo- 
dama a eontamporaitaa, uu 


-liiai, 


Francesco Cr ispi 24 lei 
47 42 848 Aperia dalle <1 alle 
12 3(1 NÓU ex con vento delle 
Carmelitane scalze sono vl.vte 
raccoHe un centinaio di opere 
provenicnii dalla ben piu om 
pia collezione iSmiIa pezzi) 
della gallena sicua Balla De 
Chiiico Guliuvo M.itai Co k 
man e aHn pei scvsania anni 
dell aite tigiiiaiixa itili.ina dal 
I883all8j3 

Wfispi t luoghi dailt iiim 

tnminiuk 

Monteoltorlo piazza Monivciio- 
no lei (iT(tH&l2 Aizoriodille 
inaile 17 Ingnvsolilicio Oggi 
e Inlliino giiirno delki lijovlici 
All! a Moiiletnaaii tini kl 
iinak PCI In piima lolla si C 
tona'ssti al vnirhiiio ih .vaio 
sti Jt ini imliuin'iiia iirirdRo in 
gi'iieit keemlti al sohi grsrA 
melila dei fiininmi nino I ino 

<lUcpil'HII/O tIfMII Ini lIlfHIltl 
stiniine c diKinm'iili ibifnir Ha 
ilXMi ilWsciahi rnih allH 
iilu'n fliMoiaiidi fknitIklXii 
ga /(iiiiOnin/iim 

Aula Ottaeona nx li iiKimoi 

VII lìiiiiiil.i 8 lei I871I6'») 
Apirlailatk 111 .ilk 13d.ith 
iCjIIi’ |8 llign svciIiIh m 

COkWtMO lai/zii dtl l.i4i>vvi<i 
lei 71)61261 i\i«ll<Ml,.lk ‘l.il 
le 12 I ingiessodgr iliiikii su 


lo pel visuale il pruno piano si 
paga IHlikl lire per chi ha me 
nodi IB.mruopiudiSUoiKhe 
i accesso al ptin» piano e gta 
ludo 

Foro Romano e Palatino, largo 
Romolo I Remo e via di San 
Crcsorio lei bWIlO Aperto 
dalle 9 <He II Ingiesso lue 
l 2 lkHi gl iiuUii per chi ha me 
nodi l8anruoprudir4) 

Quirinale pi izza del (Jinniule 
D.>llc9allc 12 è possibile VISI 
Idre 2Ì s Oc dd parino nobile 
Ingiesso grriluito 

Scavi di Ostia Antica, ici 

9090(132 Aperti dalb 6 alle IT 
h^csso Ine 80(10 gialulbi per 
thi h .1 menu di 18anruo piudi 
60 

Tomba di CecIHa Uctella iw 
Appiu unici in hi 
79)2469 Apcila driUc <> ilio 
12 49 Ingie-Kso graluihi 

Museo deri’Alto Medioevo, sia 
Liiicaln l MSaaSRtU' Aiunu 
dritlc'i.illc 12 HI Ingii-vvolm 
4 ( 8 H) grrilililr>|irrchi h) mcrni 
di 18 inni <1 pui di 60 < .kusa 
i rirenz 1 ih pi raiiMhz |uiO i a 
puaicdu il musco icsh c hiirai 
u iIm i|ira solo su nchu-sl.i 
I crevTlaic scuimM sa consiglia 
din Monili Kaicogbc lopcili 
ucheoluarici del jKlVKlii t inki 
annue iHumcduKMi IdallV 
riiXscc I 


Museo delle are « tradizioid PO- 

poM piazza Marconi 8 tei 
yi 26148 Aperto dile 9 alle 
lihO Incesso lue 4fìiKI «a 
tuuuperchihamenudi 18 an 
H u più di (lO DauiiHcnla le la 
itiZìom < I cosiumt peejaho di 
tutte h regioni iloAm 

Museo di Cestai SaM’AnBclo. 

luiKciirvni di Cdsiclkj 90 lei 
fiSTWIn Api li idillchrillel? 
iiigicssu lire 8 IMHI groluilo per 
chi Ita me nudi IBcutniupiudi 
tìu piu team i ‘g.uliuR. colte 
/HUH di nioHilalK 1 iinnue- 
icss mh ainn na 

Museo EQuaco di Villa Olulla 

piazzali di Villi Giulii 6 
«It20l<l9l Alhitodalkx) ilk 
12 19 Ingnssu lue IHIOO eri 
hiihipcrchihanronodi 18 in 
iuuiNU<li(4) (lUUK'ienpdii 
nxmViàigHr cklll-inpiei men 
(tioieih 

Museo Mztonale rumano iTcr 
mediIlHgkziiniii viirnncu 
<lc Nic<H> TI hi dSbJIM 
Alaihid dk'laUt 11 liignss» 
Ine Ì 2 mil) gmhmu inrihi h I 
imiio ih 18 inni u pin di (lO 
(untam himiii anlieuIngKi 
(liRiiiiiH •limiuni 

Museo neptW inwi ktanoni 
14 kl WW9. \|Kn>ddlU9 
■Hi 12 HI liugis-a) lin 80IHI 
grùmhi iKi ini h I nhiuk di 8 
inniolHiidi |4> iarpw)irripiir 
tante rrat otta iHiltiHia ih inule 


noh pensiono documenii del 
lepoco pateoìmco rMohiico 
eiàdelbtonzoedelleito 

OaHaila Boi(haaa. piazza Sa 
prone Borghese 5 tei 
§548577 Aperta dalle 9 alle 
I2;n Ingresso lire 4COO Al 
niaimenie é visuabrie solo il 
PURO terra dove si travanci 
seuUiwe det Bemint (Apollo e 
Dahtel e del Canova (Venere 
vincilnce) teopeiepiu impor 
lami della Finacoieca sono 
n^oste ^ Quadreria 

Qnatirsria dalla Celiarla Bar- 
ghaac al San Mtehala via di 

San Michele 22 W 5816732 
ApertadalIcSaUe 12 30 con vi 
suegiitdaiealte lOealle II In 
gtesso lue 4000 graluilo per 
chi ha meno di 18 anni o piu di 
60 Esposizione kmporonea di 
pane deHo pmocoieca della 
GaBeiia Bnnlhae Da vedere 
h Deposizione <ft ifaflàeilo e 
Amai &100 e ainor prolono di 
Ttzemn 

Oalletia CaralAi. ma della Lunga 
ra IO IH 638U2323 Aperta 
dalle 9 alte 12 JO Ingresso lire 
8(t6o gratuiluperchi ha meno 
di I8anniopiudi60 Dipiniidi 
scuota Italiana del XVII c XVIII 
secolo e opere straniere Da 
vedete San (ìuwanni Ballista 
di Caravaggio 

Causi la Dotta Pemphlll piazza 
del Collegio. Romano I A 
let67973:n La gallenu e gli 
opiKinainetili privali di rappre 
scnianza «cu'O ’nsHabili dalle 
III alte 12 30 Piir uh ippait.i 
menu sono possiUli «suo gui 
driteolleHt lite 12 Ingresso 
Ilio lOniiMpei (agalteiki SOOO 
per gli apiwrtaniooli cgieie di 
CiuveiSftiri rrznato Bellini 
Ltusu ^nsduezedilli 

Callcria Nadoitsla d'arte anti¬ 
ca, vta Ckiallro Fontane 1 j 
Kl 4814^1 Aperta dalle 9 alle 
12 H) Ingresso lite 8lK)tl gi.i 
luitu pere tu ha menu di 18 an 
ni opto di 60 Rdcee^ie <)|» IO 
d il XDI il Xt^ll ve-eote di artisti 
Il seuuid ilahiiia Da vederr 
Laromoima diRai<aeik> 

GMIerla Nazionale d’aria mo- 
dama viale delle Belle \ni 
ni Iti 3224191 2 I A|X-i1d 
dalle 9 die 12 30 Ingrcvsu Ine 
Ann gl iinihiiK-TcViilta menu 
«h 18 aiuii u piu di 60 Anipin 
mrrntki iP npiir ititlirmr 
<Ìa#MM Ili/ uiw Al/nulmen/e 
ukiuK -e "HJM non so/ni mki 
/nA 

.Kiiridi /-cinta Mtaot co 


Con il patrocinio 

a»li'As$assoniio ali-Aenoionto M Comune di Roma 

Domenica 26 febbraio 1995 


CARNEVALE 
NEL PARCO 

La mamfastazione si svolgeiÉ aHInlamo elei 
pacco autogestito m Viavald'Ala davanti al civico 2B 
5° Concorso Bambini in Maschera E 1 grandi? Anche! 
Iscmione gratuitai dalle ore 9 30 elle ore 12 30 
Numerazione dei parteopenp 
Sono ammessi luta 1 àpi di maschera, di carta, stoffa scc 

SFILATA ORE 15,00 
PREMIAZIONE ORE 16,00 

Premi per tutti • Dola di Carnevale 
In esso di pioggia la manlfestaipone 
SI svolgerà in VIA Val Maggia 21 Scuola eleinentare ‘Anna Magnani' 

Comitato par II Parco delle Valli - Per Intormaztoni tal 8104665 


Mercoledì 1 marzo ore 18 00-nei locali della sezione dc‘l Pds 
di Porta Maggiore via Fortebraccio incontro dibattilo su 
L Italia e la Sinistra dopo 11 sentimento e la ragione - 
partecipa ACHILLE OCCHETTO 


PslriD CWfTCCTVCo iMb 9tii>U 9 FpQBraf or* RomAni Vi un o<i6 Circcscr rtone» 
Via FpnBoraecio i T«i tavTì 


PDS TRASTEVERE • Lunedi 27 febbraio ore 18 40 


dOarr.lo 

"PAR CONDKiO • ANTITRUST: 

CHI FARE PER L'iNPORMAZiONE DEMOCRATiCA?" 


iftl^tv&ìgooo 

GtX^MA BUFFO naziortef# Pds 

CAftMMB FOTIA Dit«tiiDt6 di itBlia Reidi6 


Gruppo Consiliare Pd-è del Comune di Roma 

ROMA DA CITTÀ A METROPOLI 


Martedì 28 rensiLAio L995 ore 18,00 

CahV dellt Culture Vi,-. 6 Crisugorin 4X 
Prosic-dc Goffredo Bcrtim 
i)itr<«ir2.oK ManaCosaa 


K itno s»i tnl«f h l n |urlkx piUnuK 

Marco Causi. Paolo De Nardis, Franco Cervi. 
Maria Pia Marchetti, Fulvio V’enlo. Lionello Cosentino. 

Giorgio Pregosi, Walter Tocci. Aldo Carra, 
Roberto Crescenzi, Patrizio Fausti, Gustavo Imbellone 
Piero Latino, Umberto Marroni, Fabio Somaga 
(.uKiuMM Carlo Leoni 


NOZZE D'ORO 


OrsofriKi Dirrfdi e Ideale Guerrieri 
festeggiain' le nozze d oro allorniali dai lipli e d.ii nipoti 
I compagni del Pds di Vill.i Gordiani «i stringono 
afletiuosamente intorno .i Orsohn.t e Idisile 
per kslcggi.ire uin ton> Auguri aiuhe da 1 Unità 


4 














Domenica 26 febbraio 199'! 


Roma 






I Unita oagina. 


I VISITE & Musa. Parlano i soprintendenti Zurli, La Regina e Gallina Zevi 


Ritagli 


Carlo C»ceW_l 

Imperdibi/e al Valle 
con-Rfia/ediparwa» j 

Carlo Cecchi alle prese con le -as- 
surdilà» di Beckelt Unuiierprela 
zione scarna asciugala e crudele 
che scava un luratio indimentica : 
tMe d> HaiTOTi A ptcAagonisla im ' 
mobilizzalo in poltrona Al leauo 
Valle da martedì 

ToftroSrndMno,,, ' 

A S. Giovanni 
serata multietnica 

CoDho il razzismo contro I nilolle 
tanza Con questi obieilM il Forum 
delle comunilA straniere m Italia e 
il tcairu Volante organizzano (nel 
la Sala I di Piazza Fbrta S Giovan 
ni IO) una serata di teatro multiet 
nieo con io v&ia nascosto e ftjnnr 
sporchi con la compagnia teatrale 
brasiliana Nelson Podngues Suse 
ra ore 21 ingresso gratuito Inlor 
mazioniaNA 65027 


VMag gtoQloh ala Un {ngpo di mtauraloti M ItMte u ui ifliwco 

ClneforumconBergman _ _ ^ 

eWoodyAllen T / ✓NI ii 

Il Gruppo Laico di ricerca propone \/ f Ajj -Jlr 

tre film <per nlleitee» stasera con y 1 /Il fi I 1^1 1 

la prima pellicola Cumini emistoft ■ m, 

di Alien inaio ore 18 dibattilo ore 

2Q30 Oomenica prossima con . , i. „ , 

i^rsono di ingnd Bergman dome Aprire le bellezze «tonche nascoste nella Capitale gra¬ 
nita iSmarroconAzincoMdiPa zie alla risorsa del volontariato’Introdurre una sorta di 
”mi 58^ intormazioni lei «pnvautzazioner anclw nella gestione dt monumenti « 
musei’ Dopo le proposte lanciate dal Gruppo archeok» 
LMlMThMrtra 8“^*^ romano intervengono i sopnniendemt di Roma 

I Z hu ìì . volontariato e urta prospettiva mollo 

importante' La Regina -iono d accordo ma occorre 
91 vascello un raccordocon alt Enti locali* 

Liberamente ispirato a 11 diano di 
Jone Spmeisdt Dona Lustra libro 

- ii ^a iii iu^s.s i5 i - 

in Melina londairice con Julian ■ Volonian e associazioni pci rc> co»' 

Back dal LMng TKeatre e Lorena riaprire al pubblico te ineravi^ie grande i 
Zcimbon anima del gruppo asti storiche della Capuale dai musei unsetiu' 
diano AlVaaceliodamattedt deleeniroaigrandiinonumeniidi riiuome 

meiMK I LTj iunfci I mk i ■ 

MaUaeile.M O > M> il li. lUiij I i i , x.1 U 

rJHi^nHSHT. poiltommatoespenmenipluTiew comesr 

ioanovombroscoisodalComune houvulc 
USrneVale m collaborazione lon i lolomaii orirtuntt 

con Radio Rocll dei Gruppo archeologico romano ^ 

Jl 8 WRad'loW?dll d; nmilav»«aiodin una sola senma 

ihm n blues dei Camaril. Brilli iniziative clamorose ma «tipeu 
soul band tw^CM un repet^ UH dicono gli scenici perche Ro 
no che va dai Blues Brothers a Ja _ apu, mundi dell arte ma con 

mea Srown A seguire d(sco(«a 13 ma^tor parte dei moniifrwnti I 

a<k Ingresso km 15 mila con con crtiusl da an ni • ha biswo di m ^ 
aumulone !, t&twoìx $e« suwUtfak & aevLhe h alla n 



Oggi al Palazzo delle Esposizioni 

Arte, identità e confini 
Ecco i nuovi orizzonti 
del «fare» comunicazione 


I ■ Art) visive comunicazionelele 
malica questione mullicullurale 
I Soivoilemiiivsinconltcrannoarti 
] di filosofi scniinri giunsii c studio- 
I «I ifnliani e sfranieii neilaffronUie 
I ed ondlizzarc I Klej di limile e 
I .«.Online nelle loro diwirse impli 
I cdZKXu c manitestazioni artslico- 
I cullurali Da stantailnd (ore IO 
IS) c per quattro domeniche con 
SLCUlive linoal llmarzo alPaIaz 
I 20 delle Esposizioni siteiraunci 
j cki di ineonin dal hlolo -Arte Iden 
I lila Conimi ognuno dedicalo ad 
[ un aspctk) particolaiG della prò 
I blemaica generale -Le nuove reli 
j lek-mai che - si legge in una noia 
I degliorganizz.riorideltamanilesla 
zione - supemno I confini tradirlo 
I nalidellidenlilipelcostituirenuo 
I c luoghi della comumcazione 
I nume possibiMA di liberti le cui 
I regolcédicuilimitisonolutloiada 

1 slabitire 


Questa mattina ò in programma 
I incontro -Oltiie le bamere hsiche 
arte e nuove comunicazioni ciber 
neiiche» che affronterà il rapporto 
fra democrazia e nuovi nehrórk te¬ 
lematici sia nell ambito della spe 
nmentazione artistica sia in quello 
della comunicazione m generale 
Fra I \an relatori Calhenne David 
soiTintendenle della Galene Natio 
naie du leu de Paume lanista 
Jean Jaques Lebel Stefano Rodo 
ta docente di Diniio civile all Uni 
versila di Roma I artista Tommaso 
Tozzi la cnllca d arte Teresa Ma 
eri laichitetio Francesco Sforza In 
programma anche il film in prima 
visione Italiana Le cow-boy et I In 
dien realizzalo nel 1994 per il Cen 
tre Georges Pompidou Prossimo 
appuntamenlo domenica 5 maizo 
perdibaliere su iQuali confini cui 
lurairt LidenliU culturale nell arte 
contemporanea! 


Volontari, risorsa del futuro 



Mailii«W 


AlOertazzilo ricorda 
al Paiaexpò 

Nell ambito dell ornarlo allec 
conincii e geniale artisla si colloca 
questa nviaiazione in chiave di il 
cordi raccontali dell avventura fu 
turista Testi da Palazzeschi arrsn 
gisti da Guido Davlco Bonino In 
lapreie Gtorgio Nbenaizi W Pa¬ 
iaexpò oggi pomeriggio alle 17 30 

lf94: Il Nulla 

«< <«u.\a*«**************************s****** 

0 Ambrosi/Jessica Rizzo 
stasera al vittoria 

Bizzarra pcrtonnance di Dano 
■ D Ambrosi loiidaiore del •Teairo 
Patologico- che stavolta mette in 
sicmc un ex detenuto una porno 
star (Jevsica Rizzo) e se slesso per 
parlate di sindromi depressive Al 
Vlttona stasera domani e martedì 
a mezzanolte 

EnioAvNattlly 

Soul, funkyereggae 
airHorusClub 

Serenità nella lesta e ritmo nei pie¬ 
di dal ritmo comincia tutto è il 
erodo di Enzo Avitablle grande 
contaminatore di sound napoleta 
no con il funky il icggae il soul 
Erano due anni circa che Avntabile 
non lomavn iid esibirsi a Roma lo 
larà martedì seni allHorus club 
corsoScinpione2l conunoshow 
dove accanto al suo ultimo lavoro 
tusv prcstnierà anche diversi 
omaggi ai suoi •macsbi* James 
Unwn eOtisRedcling 

Boulo Blu Numi 

Un orchestra per voci 
organetti e percussioni 

Torna la bellissima orchcsim direi 
ta da Ambtcmlo Siaiugna, sono in 
tieni 1 ira organetti percussioni e 
«XI lularvilaaunrcperlorioma 
gxo i coihvolgcnle tli muslcii po 
(Kil.ife StaseraiitCìmulodeglI Arti 
SII orcJl 11) 


■ Volonian e associazioni pci 
riaprire al pubblico te ineravijlie 
storiche della Capitale dai musei 
del centro ai grandi iriòrumcnii di 
meniK l kllj ixnfn I mk 
eli I li n fi. icmi I i I 

E q il tommato espenmemo lancia 
I a novembre scorso dal Comuoe 
in collaborazione con i vuloiiiuii 
del Groppo archeologicu romuDu 
che hanno guidato nei meandri 
della <iRà delle lenebier olire ven 
rimila visttaiort in una sola senima 
Ita 

IniZMiive clamorose ma impeli 
bill dicono gli scenici perche Ro 
ms - aipu/ mundi dell arte ma con 
la mag^ parte dei monumenti 
chiusi da anni - ha bisomo di m 
etvenlt seri siniUucati t anctte 
perclid aggiungono tra associa 
zkmi e ministero dei Beni culturali 
e ambientali i rapporti non sono 
mal stali (toppo rosei Ma e davv« 


to cfìs’ Dn ■mcgrozione tra ta 
grotvde ns<Ksa dM vsAmsaisato e 
un setiure istiiuzionafe n diktcona 
Ih uomini e mezzi C pmpno impoc 
I > 

CUI UCCI. Mixi uix liu l■«u>.cax• 

come soprantc tdeme a Ravenna 
ho avuto mcxlo eh condune un im 
ptirtamc cspcnenzacunilvolonia 
nato per apnre tanse chiose belle 
ma iiMcccssibkll a causa delle ddb 
cuna in CUI SI dibatteva la (Tura a 
corto di sacordou - spi^a Franco 
sctiZuik dal 91 alb testa della So 
vraintendenza « Baro Ambrmtalie 
Monumentali di Roma - Cena 
memo la siiuatzione deild Caprtoie 
0 diversa e poti monumenti aiM« 
Il alla rma ammirasiiazione sono 
pochini Madeviidiieciteilnuine- 
ro dei custodi m fona olla sonain 
lendeiiza e idlmenie scasso che 
quando ci vengono assegnati cas- 


vaiiegraii e uimesiialM * benelicio 
e dkésiino U proUesna dela cu 
snqdia è vwle - prosegue Zurk • 
ogni vota cZv: leotuinvo di avmaie 
delk. aperture Woonknane et 
esponiamo sempre a un nschio 
Lukimavolia òilcasodelVaicina 
le lonunaiameiiie e intenenuto 
I eseiriioa ^Ki una mano* 

41 volonunaio per apme musei 
e monumenir Sono scnzalbo 
d attendo - e II parere di Adnano 
U Regina ‘oprantesvktde ai 
cIteologicodellaCapiiale-lavedo 
come una provniva moho im 
portarne soùonuno per i musei 
perche nel Iwuro pioesimo saian 
no complelaii I lavon di riordino e 
Ansiiunurazioneininotiesedi ea 

I H I < I 1 III I I 

i i le J I 

gMantira Itsigenza di apenuia al 
pubblico VoioManaio cassmie 
grati assunzioni a tempo dimiian 
no fondameniali nel nostro seSKite 
anche perché non vedo la possiti 
Ma A sen mciemenii A personale 
bt ogni caso sarebbe intpMUMe 
un raccordocon gli Enti kxah aFl 
cenze per esempio ilCommesié 
tato dsetsamente promonre A un 
■niervcnio per lavonie I apenuia di 
alcuni musee 

4^100 a una sona di albo dei 
vokmuui • a partare é A nuovo A 
prolasscir Zurk - concorsi A ag 
giomamenio tnonco e akn snu 
menu ohe consentano A organiz 
zero questo esercito A persone 


che «iole partecipare sopronutio i 
giovani perché da qu^ seibaimo 
por porrebbe provenae il persona 
leAncambae MaqueUaApnva 
lizzare I servizi e la gestione di al 
cuni luoghi sKirvi garanieiido 
chrarameme I mteresse della Inii 
zione pubblica é un ipotesi per 
combile' ^nca aiiCAa una nor 
maiivu precisa per fare operazioni 
del genere che posscmu essere 
condurre unece già daHe amminj 
suaziom comunali -reponde Zurk 
• IO dnwleiei il problema in due 
pam daunpunioAvisiaeiiro ve 
doinqursiadelegaaipnvdh sia, 

pure associazioni A vAonlanaio - ! 
una dunnuiio caputi p» lo Stato 
chehalr>lii)li(r>Ac<irin aipnm 

I- I 

mim c 1 yji) 11 I 
Irebbero suingert accocAconenn 
che con buoni voioniA v impe 
gno st occiipassem dei monii 
menu imponanii ma ucrteii perite 
nca 

*Ci siramo attrezzando per ap 
pbcaie i decreto ’egge Ronchev 
per il lunzionamenio dei musei 
siaiali-AceAnnaGalihaZevi so 
ptamtendenle archeotcyciv A 
Ostia Ande. - che tnuoAice furti 
noma sul tema dMla collaborazio 
ne con g voionianaio Una eolia 
borazione che però é abbastanza 
diHiciie nel campo otcìieologico 
dca« bisogna sen^ne lennarc gli 
•appertm scavate»* da pane delie 
associazionK 




£22*!SlS2!li«2ff» 

OdinTMtrat dunn»»bl» rw ee g n»-OglnT«H»t 

eompi» trviit’amii 

UnaiMMgi» SSJiSiSirSSffilh. 

MmareatiM-M db pufMMEugeide B«bm OifwtaiatoM 
DipiitbiiMitodeleapetMaSe ddla Terza iiiihfnRà.«ecellpropamia. 
tutte la servali «equertoataMmes-, ultimipraAizlont del^uppo; tutte 
le mattinealQuPMeliicaitriesemttailcontariMetauolpeiéonueiiluW 
I pemartu) • da Madeem dui Mmll 40 i Wm. H 4 e B niizo un cenv^no 
fu-leeniinpiMelSPhdH. Cerne parcbédmt per cM hip teatro?-. 


Eccsztonato anteprima per I lettori de riAiità 

Giovedì 2 marzo 


Anteprima per i lettori de 


AL CINEMA 


ROMA 


P.ZZA 80NNIN0, 37 


tIBMMlH»* M MM 


fOHNNY 

DEPP 


lULIETTE 

LEWIS 


rUnttà 


Giovedì 2 marzo - ore 21,30 

AL CINEMA 

ETOILE 

Piazza in Lucina, 41 


Il film 
sarà 

presentato 

da 

Carlo 

Verdone 


Buon Eoiplanno 
~ Mr. GRAI^ ~ 

... anche se vivere cosi' è come lullare 
„ . $ej)za musica 




iB» Mté prdmwBTnmaodf nmi r F»A » hdi —W MmeemBm>dtsiop#iMU u n ii 
Md mHMi Mpv àiMiu iff^B r BdWBrAAewwnm» 

•hor tr tuiuiMtN imMiiM u ciBin iw» ememmhreiii^iN ano velina mmmhbi 

•.«•msvroBUtVPWWIteWMII «RMAtrtUdén *pe»ldme ^«eOIIWWCVABf 

t. s. r nrliMkeia |iAll»l*«ll BUM 4 Bg—■PBHf in * td i MlilllMMll,^ 

. .. ggddinm m* wfte —» h — it — tmm piiNeii O 

tr.«rii Alma IWUMM ^ 

’**» _ un-- «* m*r 

I biglietti SI possono mirare mercofadi f dalle ora 9 30 Uno ad 
esauirmenfo presso la sede de i Unita in vie dei Due MaceH S3f13 


I II IHtlSM I lllu.» 
^MieiCMéKI MIVMI I Ki 


W* III I V 11 Al 1)M » 


EROE 


Borghese 


. aMIi Ut* lllu IIMi 

iwm«mi 1 ti neIwi«ifìitiiRu 

41K)|IHA «.rveViApi .< éOnTIUlU;! 

• fi Rie 

M .-ep»,»uiii «H CHIÙ iinaNMniHi 
diu l*llHMT1inHH9 CWROkUUfi 
NUDUKiAQuRuinuMi ude(iittu$ro(hriffn 
> mKUNrfiustiiMT lum r.nritOHKiiriìi 
-U IRWU >IH bnil lui nei i<lt(|(|ilC1 Ulfi «.»*-• rilRMaiWKlCllOHR 

n <jm\ >. . ae « m». r4. 

miiHiHjiBw evePuuiif n*cftN 


I MgUHti sf p^sonc ritirare mercoledì 1 dalle ore 9 30 Urto ad 
asaunmertto pre$$o fa sede de i Unna m via dei Due Maceift 23/13 























,26 ri 




Spettacoli di Roma 


-^XsL ' 


Domenica 26 febbraio 1995 


AMM M {Vi6 <MII6 »»ni|*nsa 33 T»i 
«741«7) 

Alia ISOO Tr« |nl»rnaticinai ThMIr» pf« 
unui Shifc w pAir» t«* ter» m lingua 
ingi«ie Provani«nbe 0 fU F^iitvBi di Cdl'Ti 

burooi9»4 

MMIMONi (Via S SaM 2* 5750627) 

All* t 7 00 II C**tro Studi Eii(>r* Paltofi*, 
pf*9*nt* 1 * Cdf^p TulUnoi n* ia i 1 f*n* 
«MM» di N*il Sdiwa cOfif U Paglia A 
Pimi g ?«22a F Bardi q Cavaxi L i 
Fuiani A 6*niiPin« E ^aruiiini A*gia di 
Oiuai Baila 

ANTICO CMÒOOIIPEI |BtM;al* Ciocho T»i 
397«lS6n 

All* 1506 • all* 1 7 «ò Soeiiacoio Ornai 

al**Fatftea NBIiM 

AMINnH* 1BATW B» «OBU iLargo Ar 

J »ntina 62 r*i 66 eM 60 l. 2 ) 

11*16 90 N* kw Oi William $baK»*«*a 
r* Ragia di Lue* RoACdnt 
•CUI (Piana S Apoiiooia it/a lei 
S604I75) 

All* 17 90 II C4Airo Sp*rim*AiaJ* del T*a 
no praaania L* Metto da UauMeaani 
d'ammaMrgia • ragia Lucie CAiavaraiiiA 
ironM ÒietgaTd 0 w*&*t C BaiOucci A 
Jacoangvii 

■ELSire fPi* Medaglia d Oro 44 Tal 
9B4543491 

All* 17 90 Optraii* on* MaiJen* Cario 
Uefiat* ir, u v* 4 a«a ateór* to 16 mhwil 
•aaCAiMMapuntoadAMpedi E oaF, 

S coti Eian* B«t*ra Carlo Convarsi 
iai4<e Spadorcia Ragia di Remolo 

CATACOMK IBM - limo 0‘OQtt (V,a l»' 
oicana 42 Tei 7009496) 

4ÀÌAA é^!739AéÈHmmm^Stcit~ 

lo eoe F«d*rie* D* Vito • Franco v«ntur»> 

Al R*»«OlF VeniuriAi 
CALAI tipoao 

CIMr#4 (P,ana Doro* Qtimp,* 6 Tal 

SttItoSw 

AiMAMM tiTBMM praaanu i* Torta rM> 
**gAa6*l|l»w*n*l*tMe*NBa roAiM 

CBÀlBteO ^laCapod AiricaSPai 

Alla 16 00 B*ai 72«aaa*dartout Taatraii 

groaonrane B«bm « «a naC* M eaoin 
ooMM di tV $P,aii*tMara CMiumi di R 
Sonii muaieltodiU MauetiaMl regi* di Q 

tono aMila i* i*cn<ieni par il 2* Ladori 
lecie64« lAi«ma 2 ioiM lai 76S2B646 

HMnO (Vi* iUom AfPiea VA 
T^U4«) 
làlaA rieoad 

Miai ano il 00 PRiua A«t Cun Anai 

S iaaaniiOHiaaiiM*Hi«iiai AiaMOAdre 
lAnueci eoA v Crrvan* V Qamm* W 
Olii C Dan, Q Bail*vito C iaimando 
aBi«« villoso Calia 

••MM) (V,a Caiani 66 t« VttWOì 
Allai'tt AnienaliAAvailviainLaÉiilM 
laiara g», f/aloni Mari een R DragMin 
vn MJiiia R ToeiKi AU Barali r 
PiePAi I. Nave RagiadiA Avaiicn* 

OH IRnH (Via di QrcilaMAto il Tgl 

ViWlio U laiiatoMua «Man d, Ugii^ 
ra OOP 0«jto i Um 6 UorTlie R Am 
mandola. Q Anami N Araaiim* S Mao* 

lanav CargiAiii R«Bia di Luigi Tarn 
PB tAWH Rg rtlI iRjaiiagiOrauaaima >6 

S * aa«aa Mm tana ci, R Do 

IRA MOAduAleonf giravo S 
I C e*i«iio < CAouiito M L Ra 
AayQO 9 MgiArdi 0 Tgeeimoi M Caia 
ar« P Rjea RogiadiAnAacoui 

a l» 1100 ItitMi «enne < oiwo ai 

luOiQ IraogAOCon MAMimiitoAg CruA* 

B iiAaiM duaiia Bora'* 2 *t«a AAnariia 
m 6 Inaagno Raoiid CanaAn' Bto^aa* 
Mie 6 " 

4V«oioMBiiAinatMQiBni2 Tal 

Ada ^7 ^ MaaaMto aateMiw « Ma a^ 

*oM di eario doidvn tocadAtaia a* aao 
mo Mfico MP qiineariQ Mn d Atiai a» 
BUOI Rràidi Qiaivartown 

«§Wsii?r.osf?:a.j«:i. 

« ananna ueratidi 1*»** vaAnuaen, 

laaaMidra Cdiianfo a wiadt Nmwan 

MiaaBiAlaaaAndraCniA Se/iiieadirano 
daATMic LdflBeaw 
•MAI rigoao 

OlMJMn (V,a lioiiia 66 lai 4749664 




II# irvO Paoio Partali Idy AMaiiild 

S ingnaaw ir, k«v di wurray 
adi4A4ui<«Aeaai 
iVia Patii 46. Tal 44291 UC 


6440746) 

Alle 1600 M praoMont**** con BarMra 
BoucMi Qigi Radar Regi* « GeoO' 0' 
Si*«ie 

•Ui (Vicolo Du* MacaJh 9? Tei 6788?69) 

All* 16 00 Pomi CoMn 01 Giovanni Toeio 
ri * Rodono Chirrco con a InnocerHi P 
Nuli V Logi R PaCini P Corman, Q Bar 
ra GR Vioconti Ùoaimuena eurota da 
Adriena innoceniie Pioto Muli 
Eliseo IVI* Mazionolo 169 T«l 46B2114I 
All* 17 00 (OOP Paole Fotrari Cio 
vanno Ralii m The Miottolnor M coHik*| 
di JotinOaMtA* RogiadiuohnCroiotbar 
Prenotazioni loieienTcne con carta d ere 
diloaiWJ 96967297 

necoio Butto ivia Manonai» 163 Tei 
4B65M5) 

Alle 17 « |Acd 14) ArMtoHan di Giusop* 
pe Patroni Or 111 cenF Poggiai B Seco* 
oa V Logari 0 con la aonocipaziona 
avaotdinoiio di R FalL Reia icone e co 
otum di Riu&eiia Folli 
PronotoZiono toloiQriico con cario di «radi 
ic tei 96367267 

PUIAHO (Via $ Stofano del Cacc« 16 tei 
6766496) 

Allo 17 30 Comp Taoirc doU Aibaro cko 
ionio TveoteOraion itiIAT 
6 U 6 N emuo Aha Camdia 44 Tol 
76947948J 

Alle 17 00 * aii* 21 00 L Associazione Cui 
lural* Motoria Viva greaenio Un MbMH* 
POP Ir* <ri Oianiuct Riggi con Giem^ioro 
RossioPieite Sideni 

«NONI lyiodam Fornaci 97 Tei 6S722M 
Alta i> « Caot è (Od vi p«f«) d< Luigi Pi 
rondone con iioana GDicao Orio uona 
Cuornni Angieiino Quinterno MtcoCutv 
doti 0 lo portockptojiene g. Mone Maton 
Tona Acuradi 0 raiicCaitoGtowOAg>tii 

«OLenUCHCUM (^A^looot•aRolrarQlOJ 

Alio SI 00 La ProduTicrto Eureka 2006 

t roionia L'IllMn UM » A jarr^ con 0 
isogne P Muoio f Porawi A R<cK 
Scono di M Boitondo R*"*one * regia di 
w Waas 

Il MJBP tVia 0 2ono2M 4 Tei 56i072i ' 
56006») 

Alio S 2 » Lande Fionni arasoma CAI al 
adiva èBorMtod'Claudio Notili SMy*- 
iffi Longo uandd Pierini can QigOr V**c- 
n Tomaie 2 *»oia Sonia De tocfioh 
Mgdicntdii.uig> Do Angoli* Ragia 0 >LOti 
co Fiorini 

«tTABUOUi'HMOUI iViiTaro U T 91 
441606715469501 

All* 10 30 MWIto * B* lOMI f*<* «OH Oo 
"lOia Granato Binde ToecoAi Rog>odiB 
reaconi 

All* 11 » lIruoeMIM - Mordi M LM 
toniOdiO CranaeaoC Fctg'CAO coti Q 
DfortoiooB Toseani Regio dì B 'MAOAi 
iSportoceii con pronelaiiono oobagar> 
noi 

All* SI 90 A imuimM m to BoiMn 
iOlplMordatO Stonalo oC Fongeno Al 
piane CoriflCeiMO 

iACHANBON (Largo trancoKia 62/4 Tal 

44T3164J 

Alto t7X ttomiiiirai R«dMMtoiito M 
CaRd CafefM di *in*ttoer*4;«roweei 
eenOlymgtoOiMa/dd LingPavwto Ante 
niQ CcvaM * Il eiiianfi Mnacgiv Cgr*« 
grali* di T«i|i vonnjro 

IBlAllTTt (VteeiedatCai^mid 14 Tei 

SS*»), itdf MM di Manr* lb*4on 
Camp Teotroia La éettoga o*<io vaseng 
re Ragia di Mgreoiie Amici 
MliOM (Via Mento gaoto 14 rgi3229U4f 
All* ir N LaCdOP Tga're AriiOiane 01 * 
lama NrBrtaia URO tono di tiNanalr 
ta Pierai Marmi »i)i« cenR Lengtii 0 
RgltUTTi C guerre G BitvdOlr M Ba' 

S uaa/ro 4 tidicAini Regi* di Siivi* 
>erdani 

stoptMo^f tVia MI vtmmiia gt Tpl 

«Ile 7 90 ArMreBracAOfutnPtMafldiij 
Ctiiti regio di gavone Marconi e eeeBioa 
eantotto L*it> Mvono Marcem Redote 
[.emeordi Anume vorrà naia MenaNaCa 

atolli Antonio Travarai Marino Poenii 
MaMtme sarrAmada 

rva V* FdMW P*a W 

BAVA ORANO! 4iia )4 » La CemaogtM 
Taatre 11 m itM au Mfàw opaR«;o*o 
WtioraMadiM Meraiti cenMou'<z>eM4' 

S ia taraea Wicnateo Ctove*a 6*«em 
atre èoniampe Cristian* LtoMOu Ra 
dto 01 Riecardd Covouo Kana a ce*ium< 
ti Asmi MtoToca 
SOLACAP^ rteeae 

SALA ORPIO Alto IT 15 tuta o«Ma 
mtaan di A Caeriev. «en « Mraece w 
capuii 0 OaiMaae A Oavite t naed^ 
di ! Trora t LMMia C Marimd v Mi 
lani v Ortoo M Oitaviaiii F Tarn Ragia 
diC wonineav Oriae 
fRMU iViaOlddugeersi » Tei 60606»i 


POLITECNICO 


Via G.B. Tiepolo 13 A 


un film di 

Claudio Bondì 


RICHIAMO 



TEATRO 

EARIOIJ 


Dal 21 Febbraio al 12 Marzo 



(e, forse,'^*^ miracoli) 

(Llusiche originali di IVANO FOSSATI 

Per Informozionl tei 80 88 229 


COUPON VALIDO PER 
UNA RIDUZIONE 
SUL PREZZO DEL BIGLIETTO 
DA L 38 ODO A L. 2rJ.000 


(SOLO A ORARIO DI SPETTACOLO) 


Atto 17 30 tTurne Dito Latto CoaIa mta^ 
fdfdtatoi'aomiracoa) n)uoicn*otidiaoAdi 
rvanoPesaoti RagtodiRtccateePtoofi 
Ml0A6tB6lBM (RntonntomvtoSMto U 
Tal 76S695SJ 

Martadi atta 2i4S aooeaaK « EAl|«i 
Reo Regio di AtoerioPutera 

BOUTteHM (Vto GB ttopoio Im 

IBIlSDl) 

Allo 1600 EoMffWlWdiGtor^SeiAltfii 
ceri Cork, DI Maio a M immo la PtoAA Ra> 
gio d< Gto/gic Batatini 
BBNÌMO tVioHstf torti 1 Tal 62*4566) 
AHoiTOò I DO re«t*e 0 Azto praooMA 
tvom MorMi Andra* Giordana a Gtooepto 
ft Btonchi in l'enacevetodMtootoaR 
I y*ew^i A 0* Bertooaui negra AnttM* 

BAU PRMUM (Vto Remote Gesù B Tgi 
tf5744to 

AM* 17» ROMAl* RMAtolMtoHoa 

con Ftotonza PmanniM a la sua Campa 
gm* Uu^iOtotoP BatoaA ganga 
VtMk (Vto StoAt* m Tel 4«66*7> 

Alto r?00 RaRasro Raftaw» Floe«M 
Cttaia RwbM Ceiba» » «a aiMctoaM 
a RpfW Muoicrto e G GanTrvm Ccoai^ 
gtetiaeiL Camtoe 

6fanofaai<toi io* «1*0*613 mlma»^ 
MI 462BB41 Boitoflr«« «olla «0 16 Aio 
ia«d*U* 16 36411*79 

BMaO UNI (Viooto Bar Rameii 9 Tei 
56816741 

Ale 17 90 Le Volto Ceuiwa RxAiimra 
Mionta Veamy Peto di Atoseaedre 
uthttot tdaUa diaeirtee txogialto to Cii 
olopher Uariowe) con 6 lliifleei R 
Scotto di Teli* € CiBmoe M Baitoo S 
Rode A Mesca H frucbow G Imtot fì 
tennone C Contartoucci R none f Me 
SCNRo Q RoOjttoo Aoys to tevétom 
Naraeni 

WmBgRO rVtoCeltwti 6V7« 5756211) 
AII02100 hiitoi iiitoiiip toidiMtoii 
* J FOKI ceti* ferme 1 Fe<leuetoMeb 
L Mezzi W Pcctoni H Scorie Re*toA 
WasovmvaM Fareu 

BPtBOlK fVioL SRtoCtoi >9 fei 4112262) 
Guttod 2 me/M *R* 20 46 PIttUA Ohi» 
elauerediLongo-CatotoiioDeliiMCO 

E ia * G CtoMMe 0 De Uvee te» u 
vnear» F Macera M MoKavdMu B Oo 
Marce A L OiRMtto 6 Ricci 

MmicTto ai A caurmno 
BWMI BA «Pii* (Vto Cauto «ri Tei 
30911395>309UQ2I| 

Atto 1100 LVtoMootoiredvO WMMpb 
Reato Marta BoveetM eoe PioMeo A6ee 
% Ihcnona F^inoM Torato fUt* «Me 
0 Agata M Riatoni M Sowee 
lUim OPm (Vto Mir Resse »* Oana 
LiM Tat 5C666»I 

eea taa* va Recato ttocedo^pralwi 
mMBMMG Roder» <enfwM^Pere 
m Fran«ao«a Catamem RaoaeoaattoONi 
Froncaiee Friraavara IM»1* WOMtoe 
• ytotoaaa/toGéMeg/iD CRoaSwegpote 
I TastoaroM 
TUTROmiA 

i Afta t7 00oaea2i« Utonea- 66*6* 

aafdrArtoraaRehCMai caeO BtoMm v 
j Saetmi o Fot% Reptoto P —cato O oo 
lutw U GQMUWtt (V a gtotoita 

I 56l74l3( 

Alto 17 tt La Cemgivia laanoMpteueu 
Udcto«eMAUtw«6iediLiM*0*Boi w 
Leatitoe Amate Luca Oa •*• B o N eaM 
GuaRtmi a Rna Dr Lattoe Ptagia «l* 
chato Otoaurtet 

fUflQ Blìim (Rto 226 6 de Paòrtobo 

t7 Tot 9294690) 

ANe 1700 O^RretoWPe* 

M* itoa/a imatptetoiton* to 
I Parettoi 

TMTWpytBiB 

I AnaiioSta 

ptateme LOMipee. 

di tPM^i Alien «toAA AHlOtl R Ma< 
ano L 4^ MeptotoAlhoroAliori 

Rronateamne pit le leiRtoCto 
4BtB!77d ToooToonedr 

v,,v?s»ri59aBr^ 

1900 lenmaio «enea nniicioa 
to M *1 Itoti oagi» to aooya aau 
%<*i <om<e<aa6iaAo Beàoto Rapto 
M CalivO 

IBiMOMMI fìnel Csifiwi 96 fai 

' i A ese <to *oneC ^iMtoo_C o^ 

ti RtdIB» in iati* ««a B Oon c Rol M 
P Boifciitod AB Pome R ■un» 

re Q «ieddto<»to B Uenau nm Mpn 
m P Moni MOMito V Odoocairtii C 


(Teaifo Qlmpica RiamG doPifittene 
17 Tto3294B6D) 

MoKOico aneti OD Al Team Onmpice 

HiNto Maocetoi • I* il* dOtodlllBaiato 

aMMAO BCapRiibdi Go^ 

BkglMl *1 ImM RueG «toPaPttoAO 

ore II 60 >9QOoreneciwieAuato 


Oda daT«r6*a**Btodi Baiane Mi*eR 

, n vto^ma «to teeire vana 99(* rat 

AM iTM CdM Tédea Mt iBwfdpd p» 
sanie «aiMrSiidBie 0tm «amiiRi 
muMCtoo de caaMe octdie a dvaoe da L» 
nt lUattmtotoc con Mesaone tvottmuiar 
Aaeode BtoMad» 

IPIMB U B (VtoGiaafaeCeiMi wn t*« 

Ma?« UMoaiiieooPto Minaisii e 
^ aera La B6aéaiM*o m aumi P»e> 

ISaVf 9 k SsS!p ^tedufleea Ci**^ 

M MtoM to BitoBlORe d» 2 R>ion 


iPijasU Pane 42 la wwwioi 
iaerva «a 2160 PRIMA Odm TMaM 
preeeMa Reaaa*6*»ato«naiiit*to a repia 
to&àenoUMOa 

Praitoieztoni iMttaliiiMgfMie dai faeve 
AiptotoTtoM 0004601 7 

AB6HU* 

iPtosaeS A*oclM»20(a TtoCWSBS) 
iaittototoaRe20BD Ai Cectoe CtoHMio 
Bm* d iM«a p u $00 VMia* t* Tot 
WiK r«M»t»o6o*tdOada*sopi4 
na Ma CltoCI lartora Peto* dasasH 

CRAd^toOiMolema «OwstobadiG Oom 
2Me togiassoitoare 
uMtmaoHttmfiMtnmmk 
CftoL EBòBtoeae Io* 706U0764) 
Alia*» «MI emula dm ^ogramna eto 
eweepaiiesctooio lAsaedeMAo Cateto 
Cinacme aMMbta uAcoecario ptaese I top 
Me pttoasvoAaw pat • satvui a o cto O 
-Jan Piegai» VieM FtoMO WtoHota 
TMA tto2»6*4*64n6442l* 
OBWMaM BMMRltNMMM 
iPiaue «utoetoome « Romeme Piezte 
dHitoeSbaMeiMl ta« 6M9»2«» 
cateto *1* t* W Praaoe (/tocodamia «A 
Aoaento pzoJMSmIImIa I (Voi* 
dniMz Mwitoo a FtoM* CM CMadM 
■itototoMiàP BiiiiitoHiiit C tee- 
ea« tetae e voce rocaorae d. MwauBe* 
Ysii^ga*i-ifii-Him 

CI£Wa*tlWM 

(Vieto ItMorteO lai dBmW» 

Alia 2i QO Prètte Teeee Spezio Peesi 
•btoM PzaolÉWttctoone ti CiaolsAne 
ptatanu I* Rettaerto AMe evM «ace dai 
ciaMaaatotoM* Latoite stootoM a mi 
ttM Meo* 2 éIMé tetoe to C 
Malie Punettfiotia eeeegaiono 
BIMlC 

(VtoiMaPortMi 97<lai C3722*«» 

Me 2 i 06 ÉfOtotticoMesin tatto*pto- 

oaMatonottrBaedotptoeeieAa Mm«m 
toLrUlIerttt 

(Pittie Compitole *• Piafto>e(toe«»oto*» 
ntoStoaBUiaei 

AH* 1745 lieaM MdUtedatoite W 
otto «cMé («tototo) dtoMeteidi (pie 
Stttortt) MvMito* W A Htttoi tPaooe 
PinitoÉi iPttilM CtoMM PiterhU 
zeetitonai iteto«RaOVRote (iiiut m 
Pa(M»»0»iis Biietiiitotito 
OMNMBB^DiÉRMti 

(ViaottfCetorriie B tai 92i»92« 
itotodi aito i«90 Coocan» cm Mdrae 
to0to(W«tttoti(4Be Btoaai Rapai ptgnn ■ 
torto Musica* * Peoanmi Ononea» 
Peppat 

Poca» unn o i ra 5m *a 

a 6 i 20 «M 6 to* 2 » 

AH* *6 90 teli llRMtoto W A Motan 
BiraaetadotcnastreCooinePide Ratoa 

toJenemMieilor ««otwMldldtotdtoAr 

SKhX fltoiWtogBPPeSOSOttoiMto 
«apptattiseitoeai 

a eonogemo dai laoira o adone ome i 

W iiMttod lunedi dom et* IO 90 Olio 
IMortneaioni n «ardo 167 016616 
11019 901 

in eem*on6 dei MsifaiiB dMto Cane»» 
Udite Mini BiiiMtoBstoGtoecc-ne 
«tosim «arre eseptoieedo 2090 •* mar 

;« oeeetotoieZtonetotRaoaeBeBatoine 
le Cento»tomo ueoptettoteivoldi» a 
catveeeBiMMMBtode iitoneioVo«dim 
UaedusiaUtaitodteÉOdie Alatoti 
len» BiiIiiiMeBtomRteR aniier 
au II MusiidMdteii ■«atoatoiM 
le dii Toavedoo Odtoe CaotodMtogeoa 
ei iBttdaL SldOO 


IMMINENTE A ROMA 


VII IKII \ \l .sM I ,11. 

I XHHI/IOX, SIIMK.J 1(1 MU IIM t PI \< ll»> I 

UN EROE 

Borghese 

• n,. - Ml( HH h PI .U IIMI 


l£Iii9 

mTKOHKOH* 


al Teatro Antentina 

fimnJ f mane I99S 


Il Team» di Rnmaprewica 

RE LEAR 

iti Willlani Shakespiare 
r«(u> di LwaRoMoni 

Wìlfried Minks, scenografo 

la moii'a i <^u nefh orari A pillacele 


Tumc^lora IkiuUni»cr<iiàAltaB>C(<*i>raomw>ddOijaiiM.a>a<is 4 

ODIN TKATRICr TRKNT’ANNI 
ISEMtEISOGNI 

Pnlrv TmciMc H»tinn NoMhit t im i Mn É nn . IUmIm 

KAOSMOS 

Sala ileirActiaario Romano (ntaaMnrictDf«aB, 47 ) 
dal 28 febbraio al 5 marvt • on 2lJ90 


(flTiVouuttwc »v«6Mfi<Ktof6Btadiir«dBvArBa«M*f0f dSBDfiO/ 2 


totooSee/o FKmucifw Te» 6522201) 

Alto 22 00 Appumemanioooti >1 fiisco dot 
a* C^pto pr«ito'Wo de AlbOrte AltoomL 

M 

' tfS.CUt6MLVVHY 

I (VtodeiPeiiloama 6/6A 1*15609077) 
AJI021 00 PtMendeMitootRocti tiuoe) 
OMOLOMBUimn 

(Vi* Lemotmeri 29 Tel 73161*6) 

All* 21 30 Conceito to Aatedito Spara 

S d 0 dtOMfocc eem Red » CillBO Futura 
gtttM praKiito 
PtePin 

^<aCfaMonzto62'a r«i 6996302) 

mjillun^n btooa con pi, «mpadiim 
PteWtMMMUBICWUB 

tV1aAu(*Jtoi05i Tel 6990041) 

AM 2100 SoraU CoiMto dl*c«rMMe 
conHouica iteoo Nal^AIMnOOO Ron 
Mveno GoedPoilae QraooedloAiii 
«m BfTMMBMO MORM 

{v<«to Uerom 53 Sema B/mi 2 P zzo 
Triitoaa T*l 6742033) 

VéA*rtoaito22 00 Ma* 6 Ftaocttco Mori 
totnfaiodUoaddito RtxkoeMrto 
BBunoiwi 

(VaeClaciAloUempiom 2 Tei 3722tSO) 
Aa*3) oo Becondo aerato deeo m cambio 
tooodapartoOn* tognUimooitomminito 
la eeiaftom mucieei aene aWidt]* aia dj 

ItoWi 

L Mgtattoe < iaar«eio ano donno 

WIBBBO 

(Loe PatruocMio Secroleno Tm 
90391921 

ere»to«*M2?00 CtoadM» P«1y Tioa. 

LeuoiMite 

ingreooeb»* wtouia 


CjMJl MUNCAUONf 

VtoLa«arina li'Tal 9200059 
MitanfteBiMctrdtoT Honda (2100) 
IldotetBIrMidkoridiS Kubtih(2S(») 


CINETECA MRZION ALE 

C/o II Cinema Dai Piccoli ii Viala delia Pi 

nata 1$ Tei QB534B5 

Lunedi 

Palaèdi RoDeno Roasollmi (15 90) 
PfOArdmm dalla «muniti di Susuinu 
HarutieoO) 

FED. ITAL ClACOtl OaCINEfyiA 

Via Giano dal la Bella 45* To) A423S7I4 
&ALA ARSENALE (vii Stono della Bolla 
4S) 

Lunedi 

Raaaafina immagini dei Rock 
L*AnB9>|»uBflacpdiA Kureeawa 

fiiuueo 

Vip Perugia 34. Tel 7824167 
Pomandiana D9I faopzzi 0«aani animati 
Dediai rtcdOffU a dlaMM ^àmk m 4 90) 
itmerdfi nazionali daiTilm muaicala 
QiiaMiaEMa{19Ci0) 

I Fiuton TarkovakM 

AMlréjll^ÉT(21 dO) 


tLLAAMHTO 

Via Pompeo Magno 27.Tei 62it283 


Pihna dalla etoBola di M Mancneveiu 
i1$30 I8 3O-2031K290) 

SALAB 

litMlaU niiaa di j Marnine (77 00.i$$0- 
20 40.22 30) 

L 6000 

MUZ200EU£ ESFOSiaOW 

Via Nazionale isa.tei 4866466 
Poriormanco di PulvIeOrlmaldl 
Muliimediale. verità* 

(19 00 ) 

FOUTCCNICO 

Via GB Tiopolo 13(4. Tel 6227659 
I II rtoMeme di Claudio Bctit3i 
b'Eatatedi Silvio Soidiru 
(16 30-18 ^^^0 30.2230) L 7 000 

THEtmnSMCOUNCIl 

Vi6 Quattro Fontane 20 Tol 4826641 
Lunedi 

Bhptt on Ui6 BoacR regia di Gunndef 

CUdia 

(ttJO) 

«(AOS CINECLUB 

ViaCàttaro 10-Tei S130273 

Uaiiedi 

Raasogna -versioni ongmaii- 
J’pntond* plaa M Qiiiure di P Gaiiel 

(22 OC) 

ingreMo/teaceraL 5000 




CAftAVAMiO 

VipPàiatoJio 2a(B Tei tS54210 




» IM auiun 


mt 4 MCo«M>cw X M Binm 
StuMMaiwi» MeWU « n »—I» 

tim eorw C.nc^ Mi lAttMlMr* 

ci>.»wio»-w«jti»raniii wMi m 
Sii< Mo»iiie«wi» «M 2010 C IIIMI« 
C. ■—I rMl.)nM*MlW««COnAn«U 
n»»<j»>ippollN—«f..■>( > C lt 
SMM««RI«m ivpw 
m WTC«MI— 

fVl« IltaM O.U. Fi Mcn. 


IlC001SH,-?02C|.»3in 

fiCUCMOVMCE 
i/iai.aeiierimince i(l r«< 4423aD2i 

VlanI» I» laaMHMra 

Kincc«uMu 

VMDwnPinMÉ iS-Tcì UU4K 


(UFFAELIO 
ViaTe<M M T«l 7012719 


(i7«CiH.*.»«i22S0, I.1CIC0C 

MHA 

vuMoiiEinjuni 40 T«< *9i77( 

to*»»***»» ImMÌK Aggiraci 
—g—raaUoi H 

noli.»», noto 

TttWM 

VMtl.ni 2-rM 323HM 

Viaggi» 

pscCViototZ^») 


totVIIMMinON) 

vuoraiiScioieni »f r»ij»75?rt' 
$HAlUMiC»E 

C*41O4.4l01cir)»rni 
t'MWlMOIh'a*» Ttocvlllj Ite COI 

Mm/Ora* «oa» » F>im« ni 
S«uCn*KM 

MHonraMM • uoiMov no 301 
Cmm rtran* 9 », a «momii» » *riu 

U HPWI CWM riEOM 9*> • 
(»n i i iiiai4i»ufe?>w 


UmWMEUE» 

Vii E Fu gì Bruno I TM 372(940 

SM*FELllW 5 < 4 >UeiC 9 

0>Mln*i»OUT.<l2O3Ci| 

( «Miri MmIÓM • C««toa MM» gì 

O i u n.iy 122 301 


C,»,« CUOIA KlPO»fRE ROM 

V>iPr.«oFibbti-T>i 92715<9 
CuMMKuniK.g' KIIW VonGiiniii 
(i90e.2HO) 


QUIRINALE 

ADMIRAL 


Il film ctia mtaiprata i seniimanii e la paura dalle dotine 
di fronte aH'mcapaatà eh amare di alcuni uommi 



.ISABELLA FERRARI, SOPWfBROUSTAL, 
ES, COVA TOLEDO E^RICCARDO ROSSI 


Oiuno SVETTACOU. 16 JM ■ 16,10 - 20,20 - 22.M 


S 


ili spCi'icìnìi'mv 

S - V iipi ik' 

CINEMA MIGNON 







S Domenica 26 febbraio ore 10 proiezione del fil 

^ I I SOLITI IGNOTI 

§ Al termine incontro con Mario Monìcelli 




























































Domenica 26 febbraio 1995 


■>RIIVIE 



AcwiMnytWI 

V SttmrA S 

Tei 

Or noo lew 
<140 2090 2230 
L.1MM 
AàiM 

p Vprparw 5 

rpr 0$4 in$ 

Or 1600* 1« 10 

»» 2t» 

Adrtm» 

p CPvour SS 
Tal im 
Or 10» 1040 
M»-»» 

L 1^.000 

Mnm 

V M DdlVPl 14 

T«l UftOO» 

Or 10» 10» 

&» 22 » 


V AcctOwniaAplOU 0^ 
Tpl 040J001 

Or 16» ri^ 

30» »» 

L I^.MO 

taMllM 

V N W Qwcto 6 
TU HUI69 

Or leJW 1740 

1113 X» 22X 

MHm 

V C«proM rO 

Tot »i 3» 

Of 

»» »» 
l-iW,»»» 

Mm 

»<« Jono, 223 
r«i •i7!ie7 

Or 1«J» 1(10 
XX nx 

Or tilflix 

»S-»x 

AigmMt 

0 V (intruaK >03 

r«l £7 34(3 
Or IÌÌM-17X 
3DU 2iX 
^.331fMl^l• niTdJ 

àufuMMl 

Or 13K I7M 
X10 UX 

tri*#* 

■MMMl 

( OiroarHi* X 
(■ <n>7«> 

^ n aa 


1. -j, 1 

NrotoMM 

AWftwrt'flM'Wj 

11 piccolo Ioonc4r>ooro0p piiro^a vim cw^HOOll «sii io 
d«i QprfKic ^o ehtUijcciM uovrpiw m eonca Awoo 
(uro dicnoysno piu cupo dot solilo Mlitsime ili» 

Clrioon #•» 

€f iBiii 0 mtwmmn ulilatt 

aiF Baimi>,foNl Feirm F iibfiutihtkifSSii 

Votr«bM«morp lrovt«ilol«it74 S^ul^O^Uovsiicuo 
rt Qompllo scopri obi i >1 rt^izzo chi hi ppuipte 01 li» 
Chi lari Ira li rapMni dai cuori iiili orrer*^ 

Orioirrialico** 

pmàtm 

diG 5iKe (onC 4>nfAr<oiliiM Fionflct(Notiol^ 

Dura la vHi pir II pellzlone troppo Mhilpili Nokia elll 
chi opr linct» sfiajiù wtté 

nommanopif n dMOnp 

OrimmaUeo** 

Urtlimu—OmiiM» 

rii W AOefì mJ froudhm > Cumì (liso 19^j 
li show »ri w hi iilioio Ma hi una puardu dak corpo 
disponi atuno Coilvuohaiieoisdiiiirrbiiiviia Ai«iiii 
nonsipuOdiridihO Mak 

CommMii **• 

AC ojttC ftovtorAiho 

Dura II vU por kl pohilono troppo sifUibili Nolli eiM 
Chi hon lauta apiao ai Mnlimenh non e i piu posto 
nointninopir il disriho 

Drammideo** 




t/iC /^ìptKO rrvfi /tolta 

Ci tkprnata di un pruppooi camanari incatooniii dilla 
ta acuì viana QlfarU(inuiiiinapiia) ur« poiiibntièfli nacai 
lo Paroeicom>nadta%ijuAaoiUihiiiiaNaanni‘60 

CommMii •« 


^PSmfmàt <(ifi K iVumì fUv) 

ArchMic«ii miiiaro • mipta i il mia di quaiio baioeeo 
tantiieaniiikeo imoiantato va la piramidi a^kiiihi Con 
ludgistionidaftiiiiiilirilumatti NV 

*lniMtico«« 


^'33i.'às> 

h ii.aH 

a«bwM9 

p ftarMijni 93 
'M IKTW 

k lano 


tfiC < 0 »C inteodiihi U Ph<t0fi(fvliù 
Duri la vili par it poiiittiio iroppo isrnhiii Nana enti 
ahi non kiicii iMtio al larJimanti non co ptu tono 
namnano panfdasrfnp 

Qraminitko** 

tii f Lurobont ruM r iioriSimi U AnaiNC' ( Uv f9W t 
Condannato a 9uo «rMioit angoseiiio dalla afìanpom 
dal diraiiaradai caroaro n riicana oor mordo d* uncom 
pipna di colta dtoeio'o Oa un rominiodi ìiaohan k ng 
Orai^miikoota 

AiMMì rmD nKu)kiCGorMai?r(»f»4j 
«kahnny n fraMo ovvéro* uu vlia ai margini Ma ancha in 
unaieHraiMflridaiaaoupi a m giornata cnaiamarano 
ivarapooOMhao «otoatioparunpo «Maio 

Orimmiiioo «ai 

lAU kA/ nvi/Al vr / r 

U sho« girl non ha tilan» Ma hi una guarduook corpo 
Qtipeiuinino Coti vuoi# kitoaa doni muiviu uogiia 
nohSipuOditddino Mb 

Cdrnmodii*** 

91Cl»Kf1IWW«lllllW3 m M» H I W 

<fic ll[imvi7iwNftn«,<ftirTM ÙSaahMi 
C( vKX» < Imu. e luiige iiiTi>ii(miv(Hi43W'’|''ki> 

» Il ciomo Ml> incuto Aiu(eir(nnoiiimN4r»l(>e4CM 
4ai<tmit«|T0llK(4il( v<Bi’iin((cttuti 

Ortmirdieo •> 


• Q Saocem X 
Td 3X3K 
Or 1(X-1740 

1(13 XK 22X 

•r'?,*?• 

0WH "1«Ì 

tdW 
Or leW'Hto 
»» o» 

Cipigwirtiittt 

p hiianiociioho 12 & 

Tal 6796667 
Or 1546*17» 

16.10 n» 22» 

f. ^ 2.000 jiria coni j 

dalli 

r cmf m 
Til S»$>607 
Or 17« 200D 
22 » 

I, iato» 

CM(2 

V Cubi 664 
Tol 3»5>»7 
Ot <r»*re.6i7 
2040 2230 

^ la.ooo 

ColanRIxun 

0 Coki di fliSnfO 69 
fui »»»3 
Or 15» lido 
2016 22 90 

% 1>,W 

MncMH 

wa dalli PiniM. 16 

Tsi 665M6 
Or IIW 1600 
16» 16» 
V74H( 

Mmtnt* 

VII PrinifliM 232t6 
ìal 206606 
Or 1616 16 20 
»26 22» 

Umi 

« C 0 I 4 d 13l4>r70 74 
Td X1(244a 
Or 1313 13» 

X» 22» 

naj» 

CmbMxr 

fd«’ 

Or 1600 i7» 

10 60 22» 

CmpH 

vIiR Mhrgheritl 20 
Tal 6417710 
Or 1600 17 » 

20» 22» 

I llCgOiinpcong ( 

1 

> mMiMr* 

I buone 

7 ottime 

»'V 


«NMUtt 

«r? AWmiKii.ir tWtfiiKWIJtPijtriri ISIH 

Um nccdiiM ucMIogrotc uii(Cc9m4ij(li.flr4gi(iBr 
ccnJiCwJdcUcTvircrJU uccilupretriuniiMCiiiCirdK 
IV NV IMO 

Oromffitiico * 

•bbMbtaM* 


ThbllMk 

itrC’»«rt(<™i7 0in»i Ph^(Vsal9<Hj 
L imcKoiuo Irudrdc innmoniB 0(114 talMnru ti4ir«- 
viio una CKWtfia Enacamblalolaaucviia SoltoHx- 
(noCuK 44411040411 aUdCoiutcìaia Oivirianta 

^emmadla é* 

C loifco C bixix—bl 

drk SrmA («rr&OhkAr-v((tei 
Siilo a «idaonpas (npn mancina i* bugia) m un latida 
drug'itcra M Naw Jaisav Siri InOineoaniro un ndi 
pandricaimanca"odiMiiaradaeet>]a SarètamosaT 

CommiOii** 


^/>MWhT^tl insJ 

LiviuaiuRiunduu Truccala la vari stoni dallo ui" 
dolo laiaviikvo ^a aconvaiM k Amariei nagli ann Cm 
Quanli DivittantaiisiruUivd 2M2 

CgminadM *«• 

Otrlitt 

>fr A irriifh o*'iB 0 HoBotOfi J Anttfr^HVia *99*} 
Annasskicemmaasi Dvvaro di gkama lavoranti m un na 
gazio di natta sMrazzini a ii civartanfa taotd a 
quasi sulaPiogral «c di un vantiquattrannadt (alanle 

CerrtmedMil** 


VhoMverWM 

thC Hracwr) omAf 5Nvp K Baron U Stmhavfi 

la vacanza a imita 6 kingo n fiumasaivaopiodccniine a 
ka 1 giamo dalk inculo Rkuaciranno l nostri arar sscaopa 
tool CI mjnaJl? Oaljj sorti vitamina a natura 

Orimmiticod* 

Tlli—>illaiÉ<>— 

ihl) lìluih(f)ivl99*, 

Piccola danna r>on crascono Dalia loro vaca pa*a prm 
cipi SI innamorirKi comunqui Succida soia nana ikaao 
Maquasiiaunatiapa diAndarien 

Animaziona** 

f U f f »» 

di H £in/mfif7r <t«< k «iwi ( Uso ì 
Archioiagia mtsioro a nvigkaè ii mii d quasto Paiocco 
tantasciinUIIcc anioianiato tra li pitimipi «giziario Con 
suggastiortidsOiisi a altri lumini NV 

Paniiatico* * 

UmM WMWItl «Ifawvl 

di A Oi/Kiffr* ’ti P4nviKThA4it I CiUfiW ftM/9*rtj 
Fiata Ci compiaanna par i amico la scrpraai a una ta 
gazza Ma PO' quaski quarinianmsuii anodi un Duttanai 
I in 7iQdalla lina Si nda p«t nonprangaru 

Commodis * 

firMrtmMa 

rftX /JnBKifh crwitr i>)Vmi K VJ 190$i 

HCdOMViklO< il9V3kK<J0o0Hi»aéC'00fUf0 0»I^C">d*- 

IO di Mary Shilliy una riduziona m siila pigino nwosi e 
praouniuasa Doitisana ridataci Mal Srsolis 

Horror «* 

MaNdMtaHM* 

/luwitvjfli fwi7 W Wr 

Condannato a duo «rgasloii angoaciako dalla aiienziani 
dal diraiiare dai carcami si riscaiih per marito di un com¬ 
pagno di callidi colora Da un romanzo di Staphsn King 
Drirnmaiico •• 


CRITICA 

* 

** 

**« 


-»-^.4^•C 7 

PUBBLICO 

v> 

^‘-r'T 

vrrJT? 

ta • "v 




Spettacoli di Roma 




Impk/tl 

*« Esercito U 
Til SOI 0662 
Or <500 15S0 

16 40 »X 22» 

L.160M 

Etolto 

P m Lue ns i' 

Tit 6676126 
Or 16AS 16 Kl 

»20 a» 


«MaM 

•9B (ouM Cbi^O ^7 

OqadQ ah cntesp aaaQUP Mt iMnAi lagMacl) naaaaai 
colpo# proibito iKsaaaalappn» dal gMicP4h polari Vbi 
Ciri II callo Douglas ola &proòiu6icUiUPtoa?H V 

Tiir«*r* 

Wlwdtttliiil 

«fi Innem <Mtt fi<i«g3ii,ll ItavrfUa 9l) 

Ditfito ad idMto aangoi mH aztonii hr^h^h itMOin 
colpo a prpibfto o II OMioti pMtorM (polito polari Vili 
coriiicaitoDovgiaiito^aVitoiaiiHowv^HV ibiO 
Tlutoirar 

tof f H 

f9tl £nufvid* «Dil^ A«aeT44No7 
ArehicJogli fiMOtoroa ma^pitd in«totpi»sioaaÉa( * o 
limiieiantrtiee amTiViniin m la pvaa** ogiztaM Con 
suggoilioni da Dilli i atvi hM» N V 

Umoach * » 

di f* <io*f toreafflhoj 

Arehioiogia miitor»amagtoèiitoato(Mitobaiacco 
‘inaif 'nrf'rr i^TTniair rn *f f ipi iari Cor» 
suggasildhi dittili i «un h^to N V 

FiniÉOMi* A 


L Itaot jsria eondj 

EtrclM 

V iiizt » 
far 66f696t 
Or 1600 1740 
20 06 22» 

L 10 «» 

Emopa 

c Ii|i3è 107 

Tti «4246760 
Or 161$ 16» 

»» 22 » 

k itopi 
EMtbÉof 1 

2 t toto—to l ina attof ttta n la 

Or 16 00 16 10 

»» 22 » 

k 16406 

ErooIoIwI 

B Viravi Carmalo 2 
Tal S2U2» 

Or 16» 1610 
20» 22» 
k 14444 
iMfÉÉatS 
B Vrg r* Carnaio 2 
Til 52U2M 
Or 16» mO 
20 20 22JO 


ahaainlwiiCffctosSÌ» 

la ^ornali to ui guappo caMnasi dMÉ M 

la I coivltito oKiftì éMiaiffiihto) ivw poébMM to nuM 
to FotocieoriahadiiiuuitoppnaimBiuuv » 

CumMdii*» 


k 10 444 

PXINM 

CampoiH turi 6t 
Til éM49H 
Or 17» »16 
22 » 
k 14 0M 

FtammiUM 

V ei44eul 47 

TU 4m;i» 

Or 14 X 17 10 
13K XX 
i leoM 

rUfflmiOuo 

> «OOTIVI 47 
Tu 4|>7tK 
Or 1SX l’X 
XO XX 

V t«.0«> 

OordMi 

v« T<«414vU4 940 
tu W1H4( 

Oi 1343 1(10 
X» ax 

b.)ft«oa 

«oWIto 

V Nom«maAi «4 

Til 442603» 

Or i$» 1600 

2Qi6 n» 

U 14.444 

Suite C«H7« 1 

uft 7*« 


«0 TbaMMo 44417 iMbiiCTie V) 

Tri storia chi a» toCrictaM haito vi to ui lagurs 
gingsiirioml pugihououpn pupatosponto* «uimzìì 
natta irnsiimpriaitMpMl vii M 2 b 26 


alA As«nwLnoiTi( tes«Sil£Ai6is$(*4i^Z 
AopuftarMi to 6ih««gifa MacornlwiMtontotoianto» 
eiu( Si vaaMrtoi»unirai» CtsittriTVMMuiChiii 
cMioahitomi CeomiCMiaiChiiSiMitoar* Cmutto 
CutMSlid i •• 


totr ipvtf wii Pwb lAvasoi(/'»fiMj 
la rapézzi »iia|4ia noa hp pati nan ha onprasin» sé 
uniuazro inaHaadkodalvtoaBpidiAmiCÉÉO garba 
dii prandarvcufidllii OraMOMiMliiototoni 

Drfrraaco •« 


dffi ZHooOn rorrT Haatortlid^Ti 

idH)ia <h iiMo tov arni «ha tw naa AMaa dagh ìmu 

gasiantt^Saiiariii moamvMto il spghi di ioM totastMan 

i» vttmnaMicoacraivatoniiaÉarpappa»ad wv 

OaanMStoUcÉÉÉÉ 


ito AfUt » 

òi 1446 17» 

19 66 22» 

L. 1^444 
OWIoCto4«42 
vkaD Cauri 2» 

T 41 »7ara 

Or 1446 17» 

19 » 22» 
U1M44 
Qlull4C#44ra3 
viaQ Caaara 369 
Til 99t29m 

Or 16» 

19» 22» 

k 14449 

O oMwi 

r Taranto » 
fai 7049666 
Or 16» 16» 

»36 6» 

k 94999 

OfMnwktil 

V Bedani 69 
Tal 6746636 
Or 1600 16» 

20» U30 

i, 14449 

V Bopon » 

Tel 674966 
Or 16» 1610 

2039 6» 

L 14 449 
QrMnwt4ll3 

V BMOAk 90 
Tal $74»» 

Or 16» 16» 

»» 22 » 

k 14 009 

Qrtgoiy 

« OradOrioVfl 1» 

Tal oaom 
Or 19» HM 

19 40 20 » 22» 

L.14^ jirliC9*K]j 

HoNdiy 

ìm 8 Marcane 1 
Tal 4M326 
Oi 19» 17 90 
»» 3?» 

L 19.000 (aria eond| 


iSA Brm* 4VngDvM«ulCawoalrrCAOJ96$> 
iiceriMVÉior É tua i uv aoiiiiuao r aaiura OUsoman 
» di Miry Snauty «na rtduzrona v» san togmo riwiaa a 
priimNiiou Oawaaatto itonaciMaiBriou 

sogiroré* 

4d><t larroai Ko/J itomi 1^^199*} 
glena di <toe oììsì ♦ uaHÉaMi nana earsunda 
imar^bto i aÉpaatovUÉtoazigiiÉOci UiahuttoMu 
• •M»! OU7* 0ilr«gntotoOtiicm4adl%tZÌ 

Conihidiaa* 

4irMlm44lto 

li n • ^ Jik w> 4 H —oh /«tZin#/ 
icdiitVMar ÉiuooaBuiiiiaiwacraiiwi OMronian. 
1«C Mary $PaAsy«AÉrt«aianam«tÉaug*iiiMiai 
pTiiunueu OanaaarM rttaiacii*si4r«06a 

netti* «to 


toH Aim MfJ f OaoÈnVmt9H} 

LashdwgwTionhaaiMMa m u au Oawtadarew 
dispo«4aivitoCoaivietoii6eiadaito*4ia*iia Aiaatii 
neiiiMto'id'heUD 

C«inm«*aÉ4A 


«v k «VA T N ooiNto i Raffi ( latOS I 

UiRi daaiiBMiOlcapiti OaaffÉ*i Ato«»pirsMU 
fighaHaWdaiaveiunarr ioiiudiaiOii«rapi><4p*nii 
nvtoitodaaiienatf a di itoMa Hia «ito 

ptarwatabPOÉffi 


(tiF OoftasMLamT$io9tm.tt fimotl(j0i994) 

Cunamiettoiaiioiaaat anganiato dnto aUiTicsi 

Mdkraltori dal ««reati $• ticalto par «torllp di «ri cito' 
psgnadi ciUdKiier* DauurotoaMotoStopiiinKlhg 
2>r«n(ita«cio «* 

MmbIm Ili w I, Maaiii é9mnm 

ikAiotcviL M / OmafTmmh 19») 

$ton«diatoe tiooois 


MUtt 
«G Mb» I 
TM »IMB 

Ot «» ir» 
»46 22» 

L H.444 
KhlK 

Or M» irsi 
M» 22» 

L 04J44 

MtodlMAi 

» cw*a 121 

Toiuims 
O* 1649 19» 
»16 22» 

k. HB44 

IMì4«2 

« CUitoira 121 
lai «179» 

Or tS» 1749 
3000 6» 

l. t4»4 
MMkMtod 

« CtoMvaia 121 
Tb «I7B» 

Or 1640 iato 
»20 6» 

1 rpiMi 

V Osttitoi 121 
T«1 641706 
Or 1690 laia 

34» 22» 

I.lto4l4 

MiBilBail 

« ApiMNiM 179 
TaiTpgott 
Or 16» 

li» 32» 

i Itoiii 

Mwrtoiag 

r ApiU NsVU 7» 

TaiTSS» 

Or 16 » 17» 

a» 22» 

1 lèJi* 

UMMeeeS 

ìu^tsar*''* 

Or 1646 ir» 
»l» 22» 

V14J44 
WBMt4Ì4 4 

L'wr*’" 

Or 16» 17» 

»» 22 » 

Ì.04i44a 

timootto 

Su**»*” 

Or 16.46 

li» 22» 
LlàfOO 

— -«(■— 

MffVOpoaflIln 

• dal Cirsi 7 
Ib 9114» 

Or 16.» 169 

99 2t» 

3-3MU 


StbiMM 

eieat«>(Uu'w; 

HpKMtolaonetoObaoa ai mono vtona coairpne bi «s ite 
dbpbMo^e chi ha ucctio li $pvrar« ih conca Awan 
tura disnayinapiu cupa db solilo Bbiaaimo ih» 
Canoin 

SaNMHlb ex SiMUmv 

a » Mn OH J amdW 7 CUs« f t«]I 
LaahPfftortnon ha laipnlp Ma ha una gubd a db corpo 
diapoàaaUMo CisivueieikiMsadaitomaiivna Aiauato 
npAb pud diri#rto Mai 

CpminiOlaiffff 


top Zeomioa^TH^HM 
*9010 « paiui divanto una star naf Amanca dapii ann 
laiìiiva Trillali! /Vbnpndo 11 sogno di ogni sisiunnar' 
aa Viaggio itohacosoianta torna db pMsa 2h 19 n v 

Drsmmaiieoiiff 

tlitoM wfWM vIlllM W 

toC teMNv usoU Stff^ L Batof ù 
tsuMancaèMta €lun^ il iHjinasatoaggis a comincia 

apabtoAidifai «wtod fbiiiciianno kfiasvi a/ftsscap» 

rasuniBtotaTDbtoiirto uiiaminaanaiura 

Orprnmatcpa* 

Tito «totftovto • la MMIto 

Ubi 4«rl/A itqk } P9ouo^i{Usol99*j 
LaAMsd «aaova. par issare «oobWadsilasecialÉ da- 
•a *atone«sf«4Ma figlia eM ha avuto quando ara fflineran 
na Lbacoalla.toapois3vandica 

Orarmnattooffi 

Ufeto Ito ••iVto Ito pptotoINto 

«A Aafudmva 4WtV fof0tM(Sv9irn) 1994 
toiaffwxafftoa uhtoiogrsio unagianiaiiSM«sfrsgiato- 
«anto basa dada t««aNto unosiuproiraintoueindliaKa 
to nv tol» 

OrammahCO « 


Avutf (W A A t Ud 79<l5j 

BeohSaViw daui4neif6paiaiua«Taiiura Dal romai^ 
tadi Uby Sbbisv uhiriduznha in arila bigine KMsa a 
«aaucauiss Daiiaaatto ridataciMsi Brooka 

Horror •• 


«aH.Uhr sor/C osi) (Citi fSMI 
UcaKMgufhanhatoMtoUaiiauna guardia dst corpo 
«spsitoaMW CebwbiiiMasdaiiamaiavHa Aiguaia 
«toptopsiOradlaa M* 

Comrvadto «** 


AV/tfié:9dOaJfOiSifLHmoii{Vsal99*j 
urspuzisah«4g*sfler>hapa6a nanhaunorasarianè 
«nhÉr» toiii magico Obviiiagpp 6 incurie* la ghmr6 
parp*andariitu«i»ia> DramnpnapliNanbaiwh 

Prgrrvnaitoo «a 


• vi»«oe 12* 
til 6$»«M 
Or |$0 17» 

990 *22» 

k 64JB4 

MeWfileiSbtbsrt 

Ju'SSIS'’* 

0. «X I7X 
XK XX 

I nm 

MiWpIntwvi'Z 
. ewgùw »« 

Tu (ai«« 

Ot KX KK 
XX XX 
L.(b((e 

MUttbtxiSMira 

• eMUSO I77X 

iu(£>S( 

Ol ttW 17X 
»» XX 

l IMM 


99 6«wm6 ami KmeiiViat 

AtohaeiiOto mii iite$magit6dm»diquaiiabaioecd 

ibttaia>an9iica amhamaio ira M pi'amtdi egiziana Don 

ai«topaatipni»»toraartniLmato MV 

^pniaaiizpff i 

to lto to toi4> 

bO Tukvwsie (»/ TffMpaaK'W ») 

Tsi Storli bto V mttobano nani via 9 tea Angbpf 
gsngstorioria pugii tuonali pwpadripenipiii *>binzoi 
Asaia iruaampra b aanpua} v u i| 9 26 

Baiinceta 

■iMtoBto 

^9 tpmmfh r 

Aichaato^s mitoar» • magia 6 d nu di quatto bbeeee 

ivaasctontoisaambianistoiiaiipiiamidiigisisno Cea 

UdiiWflbdaBitoii bai tumai» NV 

^aniasiiei a « 

Cto tot Cto atoftoff Ml 

rAvriS x(KriM(ir«MHMi'«4i 
$«sai a wassupiS tncb luncorto to bug>ii ih un Wtoe 
dru^steridbNib Jsispy Ovo inNaneeshito uningi 
PiidintoathiHoanoOSisrstodecanto BariismedoT 

Dtomrrtodil «4 


« T AifbO bbC / 4rM4 f Aanrto 1 

upibhiaiMto MaacPciidddpMttbiaNraM^ra 
Can la «aoHi (hi Ir* privato di pgrii casa Oraria ad un 
avwato na(»r<6 abdi • UÒMO 

OramrrtaiiCP ••• 


éHfMIanH Ckvn 

MabiaaffiM a lavila lohaiirartoii vnora ibiiaia* 

»coinr«ftosaa«*6aaenamoaoiriaM(»t(ani6 Lmgtor 
n«ai C4 bsasaitoat amori atomo 

Ciiriirisdia **i 


to^OsahMAMto^rwes. C dMy T&MirftQalrjj 

VpiM ih oh 1 enhonas naawnb 6d ivadata nai bu « 
toAtodiato MancÉhaftne tatto I (oniicon II petizionodii 
pgtoradwi lacMs ObiadiquiaOiiaiiprrNtors 

Tnrrritor ffff 


NcwVwh 

V Cavi » 

Tal 7610271 
Or 16» 16» 

22» 

LI^OOO 

Nmvo Sbcher 

igOAspSTighi 1 
Tb «16116 
Or 15» 17» 

3010 2Z» 

LlgOpO 

Mg 

V M GriCis 112 
7ar 7999969 

Or i$» 17» 

30 » >22» 

Lt8400 

^HdtMlno 

vKoiodai Piada 16 
Tb 9»»23 
Ol 16» 1816 
20»'2240 

k. 12004 

OSrinU* 

V NsZMMlt 1» 

Tb 1662»» 

0< 16» 1810 
20» 32» 

C. 1240Ot6ria coivi ) 

V MiftoMIt 4 
Tb 6%012 
Or 15» 17» 

20»-33» 

k ìlXtà 

Itoife 

p Sonnmo 7 
Tb »l02d4 
Or 19» 17 90 
20» 22» 

k Itilo 
«MIO 

V T^NiMiTtore 159 

Tal 67807» 
o 1910 16 » 
»»* 22 » 

k )ÉJ44 

Mb 

visdemaiis 1 » 

Tal hfltm 
Or «JO li» 

»90 S» 

k itOòO 

V LOflMrdia 26 
Tal 46106» 

Or «» 16» 

24» 22» 

k TL004 

UMI* 

M Oennino 67 
r?664 

Ol if» 11» 

2N0 8» 

k 12404 

iMflMMoit 

• 3uuii.3< 

T.i (SW3DS 
Ol <3» 17 X 
X» XX 
l IXMierKMudJ 

llci)ial 

. E 7 uD. le 173 
tu toaxBH 
o 13» MX 
XX XX 

L lUM 1*111(0^9 ) 

SuliUiMwte 

. eeiKMerceM X 

TuXM’U 
Ol l3X.17t3 
ttX XeB XX 
i iLsoe 
VMmiwI 
V fien 13 
Tei 3(3I>13 
Ol >3X 13X 
XX XX 

to 

• ObbiiBidama K 
Tai 662066» 

Or ìSn 17» 

»w a» 

L f4;84» 


d>Q T«o»rt^*o «iKf; rrp*®flu//‘sij 9<>r 
Tri Stolto Chi 8* incrociorto halli vto d los Angelas 
gongsiat tonii pugiii suonali pupidtoponibiii violinzsi 
r salilmssimpresi stngue) V M 16 2h 2S 

SsMrtoO *• 

VmV« Mlhl4ti tVMlto 

dìLUrtSIf cvnA G’«f‘n ^ 1994) 

Rosa d suuinno rosa spksridide a tnsii L impissiCnIrtà 
di saniimariii non coriosci (ronuira Ovvero Chicov a 
NevrYork Un piccolo grondi tilm Di noi'piipire 

Orarnrn«ttoO*** 

Meeli l ettl 

dìBUiutsofi <ot'M DwtfllfR 0 lA-uft* f (Ifif 

Oubio airuUimo sangue nbf azliiWa high-tech nessun 
c«lpe a proibito i d suso la porte db gioco Oi polirà Vm 
cara II casto Douglas 0 laspregiudicata MooraTN V ih46 
Thrllleii 




<hU Afileà tofij FotKt i \>ai}<ìIÌW!994) 

Le ragazza selvaggia non ha paca ncnhaunprasaniani 
un liAiio ma ik mMicQ db villaggio 6 incuitosilo l iinifO 
Oarprandarucuradilb Drammoni a timo itoiatorik 

OrsmmaUco 44 


<9 tt AfvMvtf cofij Tu'hmix F Arvirtos 1 Uhi IW > 

U vita ètulia un QUIZ Truccato Li vara storia dillo searu 

daie tbavipive cito scprivolas l America np^ii anni Cin¬ 
quanta CNvanantaa brunivo 3M2 

CorniYtodka 4«* 

U^MééMé U èm ià 

rfi F CkTCponr rurt T i* Rt^v3KVl {lAn 1994} 

Condannato a dui ergastoli angosciato dalia aitanz«ni 
db dirailpra dai caitaia si rtscalla par mar lo di im cenv 
pagno di eaNa« colori Di u" lemanzedi Siopnsn King 
Orammilkoo 4* 

Cljto gi •44M Gfcl—I 

b F 4it4)d>:^ <« fi Tiffimsdl' - *t fcmmicifis/»/} 
Ambientala itolMISlla da primi db sacolP labbia di un 
ragaup n una ragazza a db loto amoto impeaa bda Dai 
tomanzedi Tozzi pansandea Vpigaa Viicono 

Corri madia ** 

di D AXI r AftmtiMi. N nKiitedube 
Dura II vita par ii pokiz«otto l'depd lanbbia Nana «nia 
«ha non laicii smzip b aantiiMnti npn «6 piu pobo 
pammane par 11 dHUno 

Pramffiaike9*4 

itov* Bittoir ■»» •NHI»» WM 


Wbtoto^vh* 

ftiS SokhMU IWI Mstoconr f fhArj ; 

Tra apiiodi lagiii da un ilio eonduiiera eogiiara il me ri 
dieboaaaaurdodaiiaqueiidianiii Umnipiiii rolla aur 
ragli •eommad a all laiiina NV 

QrotiaedO** 

1 ■ 11 ■ 1 I 

mrffHBMto 

AfiiAiMorr emU OutiUot Ù Bfujrr r Uer‘qj. 

OiiUlo (Il unirne Mneut nui (inMI h (n noi emun 
cupo(eroiBiie( iHMOftpitweugieeedieotiK vin- 
e('(ile(iieOeugluoiiier(gugiul(Meoii7NV IMO 

TKlIIKre 

••••e e tote »ea reetaMle 


•UmiMMii 


dii Tnmofron cwjfi One. T 7^37j 
nntrm «/ ttnfgtK Tteenttnenf W TTrfgme Mt tw « 
moglie unti onti» « igrix wMime e7iiv( I eii M 
iiecem uellimciunp ciudde (lliieiTerite 

D7imni(iieo *ee 


diC fiasr omiC ^TwrdoTr; M l'iAdh(tWidl95S 
C<i7i II vlK ((7 II goiitnOe nxM ilMidili leuii cittì 
cTie rioe lise e «getio u UTAimentl riovi c e piu paltò 

7emiMriopriidici.pp 

Cuemmitipoee 


diP ZvnOia «triT tAanetltlutiyj 
tdicPe (I girne dmihie uM nei mli Amence oegii aimi 
SeeeanteTSeiieriia ricirnendp il tegfiodi ogni ettiuniiuv- 
» vieggioitaliecoKenoleniadeipuie »15 NV 

OnemmaNMeem 


vnuieene L iggUlte i f cw wuiucde leiemecneedi 
d ieel4.pu7e OUie^UidiBemeUfenUNem 

Cgmnmdu " 


di y HiiMKu a»« MrTiUM ( Asm Mi 
DuetriieP.I wcuwipi uuoennee iteti UnioneSoi n e c e 
MIX SuApsMviiMe>«dl8Hihe«ulen>glie W 
legniidi.OSIonov. NV»3 

DiumBco** 


.eiit,Waai~tifiich ani Mwiiiei CcoMftticnri 99f 
ue guerre PiMpMduiMtaiieegWUMtievdednu tote 
grUe «itnie iiKfleepoMliileiMedeiftiPeUiiakedl 
veneiie UMPeNeenprae* 

Oreueneeeo*'* 


tiifi luwen anU OiM0B.PHiKwlUa?•} 

OaUlj tu iiBiee Mugli» «e» «tiuide l>» lèdi MUun 
<etpcdp7d*P*>eUeeMoXp(tteM*»te<tU t ieune W" 
CUI leMtoD<iiigi(s»i(ai»eg>«dicWiUcweTNV lex 
TMUHn* 


tee TcMMWie mj rmddoiaa 

Ti* Morie che U ueie c i e iic nel» «e x lm AegUce 

gaxui'loitli esgili wMie («fedtipenMi ucMMie 

rtsettlnKMitipieuuiipeet VM X »X 



Alhan» 

nOIIIMViaCevcier lìTei (321XS l WIW 
RtNliilonl Il3e»j2m 


VIMPUOViaS Negrclll M TU XXtgg 

LXOW 

SALAuNONti iie-iexx2M:m 

SALAOUC hilpricaen iW»-X2M23e 

O ttwixaggiittXtt 

SPICNDW 

Slergue |IS<S-i;43-ig«X «I 

Cttllttfaur* 

UJSTM UtlOVIa Ccctoitrt IMni TX 
37X388 L «00 

SaiaCorPucci MveiMlonl I(3e3-i»40^ 
SaiaDeSica Stargue (t5d6-1»»2>l 

SaiaFeiiiTii ctiiuao 

»aiaLeorw Pollilaw {13a3-iT8Me()»-X 
SaiaRdpaeHiai Qutifitiow (13(3 1ft-30>: 
SaiaTognazzi rcmaaiMi I13A3IS-: 
SalaViscoriii Na« |t330't8.]310-X2m 

(T Tel 

i xota 


VITTOmO VCNROvia Artlgianala 

978101S 

Sala Una PallotteleiutroarMi 

SaialXe Clartt(CoiiimiMl| 18-t3-X.»l 
Salaria llcotoMIMeCliabeit I8-18-X-!?I 


XXttOttU 

3WniMM.aie«?inua S.TCI 3«»n« 

L ««00 

sua Ulto PnXMMa (1330-17 »80l0j2M 
SMOuelM jtSSIFITSD-aiO-XSÒI 

Seu Tre MMaareettxipÙHr 

113 »«SO-X 1(3X801 

WPfllCMWU>n4il6a(i STU («Ol» 

(. «OM 

MlileM («»17IS-t»n3»4SRXI 


CTHnWrailVtileUaiiMI S TU «SOMM 
lll||(W(illiliiiOIXIii(i 

(l580-1TtS-t90M0a3a*B 


(MNCMIVk <S HaMoX SI TX NOMM 

i nooo 

OuttftW |f7M3(3ai)(l) 

WOWOMUeuIsniKytaeSc^a rxXIHOe 

I. WON 

FtaMeneMt (ISOS-irmSMO-SOiH 


MTQVia dei Ttennafiixili Tel SSIOnO L HOOO 
PnMtefWn (1S4S-l7934fi42W 

SURMW letMIsMwM 44 TU SSnS» 

L X«N 

H(ll (l6-1g«Hllt»X3n 

TI««U 

WWEPPCTTIPuaNcadenii 9 TXOrrvMOe; 

L 10000 

UH |l6-18»t» 


Antoprima por / lettori de nikittà 
Martedì 28 febbraio - ore 22.00 

AL CINEMA 

NUOVO SACHER 

L.GO A8CHIANGHI, 1 



un film 


di Wim Wenders 


m 3Pi.g»6ie»*L> 


I DIgllatti ai possono ritirare luneaì 27 dalle ore 9 30 fino ad 
esaunmento presso la sede de IVnilà mwadei Due UaceUi 23/13 




* 














Maratona 
Wenders 

e 

28 febbraio 






O sopra Berlino 

12,00 

Paris Texas 


V 14 30 

^ 1^ Alice nelle città 

S 00 16,00 

C rM Nel corso 
del tempo 


al cinema 
Nuovo Sacher 

(largo Asdanghi 1) 

g 

per l'ingresso 


si possono ritirare 
direttamente 
al cinema 
prima dell'inizio 

g 


americano 

22,00 

Lisbon Story 

(anteprima) 

Gli inviti 
per l'anteprima 

di Lisbon Story 

si possono ritirare 
lunedì 27 febbraio 
airUnità 

(via dei Due Macelli 23/13) 

dalle 9,00 
fino all'esaurimento 


in collaborazione con 


i4ssitalia 

Consorzio Agenzia 
Generale di Roma 





















V' 




itói» 




riftiità 


16 grandi film italiani 
in videocassetta 
<^i sabato con 


16 grandi film italiani 
in videocassetta 
ogiu sabato con 


Sanremo laurea una debuttante tra i big. Seconda la coppia Moi^di-Cola. Fiorello solo quinto 


Contestata 
!a Riserva indiana 
I due miliardi 
deila Lotteria 
vanno a Verona 


a VeRHU L unica uromanazione. della serata c 6 sia¬ 
la pei O mena indiana- e per Vento nei Capelli, 
alias Alessandio Cuti che ha fallo un discoiseno 
(•CuanlalecheabiMamoscheizato noi la nseiva non 
vogkamo laila-) fecluaio da una piccola parte del 
pufcUicodellAnslon Baudot ha definito in di 
•Ma -401 duconeoo poco felice- Tutto bene owia- 
■none imCLe anzi benissimo, sul fronte televisivo In 
aMsa (tei numen della serata finale non c è dubbio 
ISmWf che i leanial abbia dsancalo I Auditel (^tre le più olt- 
ULC pacac t • S niisbctH.piimasiondeÌlasiessaRai 


■ SANRFMO I giochi sono fatti la musica è Imita Po¬ 
chi minuti dopo la mezzanotte li gran cerimoniere 
Pippo Baudu ha snocciolato i nom dei vincUoit £ 
Goigia a conquistare il 41051100 festn-al di Sanano 
UnaviMoriad sorpresa per una debuRanielrai big Sul 
filo di lana ha superalo 1 -eterno* Morandt Terza Spa¬ 
gna, mente FrirèHo i quinto dnttio anche a fiooeili 
Finisce cosi la grande kermesse e tutti si ebeono con 
temi Sieuiamente hanno gicato 1 lorRinaii possesscn 
dei biglietti <lclla lottena quest'anno per la prima vuiia 
abbinata al festival I due miliardi del primo piemio 
abbinati alla canzoni di Oiorgia-Com*saprei* vanno 


Fiori e musica 
ecco il vero 
serial italiano 


Esce il «Greatest Hits» 

Springsteen 
al suo «meglio» 


iSvIi 


D ice la sigla dei 4S" Pesuval 
•lo sogno una canzone che di¬ 
ca tantecose, un colpo di can¬ 
none che span solo rose poi 
pero mi innamoro di un rilor- 
^mmmm nello Kemo, perche Sanremo 
è Sanrema* Anermazione programmati¬ 
ca rassegnata ma Imo e un certo punto II 
senso è ftif come II pare M/dsano ruaiia 
torio (Iella momlesioilone non si scappa i 
cosida sempre dal lontano 19SI quando 
dal teatro dal Casinò Nunzio Filogamo 
lanciò alla radio il suo saluto polemico 
agli •amici lontani* pecchi quelli -vicini* 
della plaiea erano troppo freddi e distac 
cali II pruno colpo di cannone sparò pro¬ 
prio rose ('Orazie dei fior*) come auspi 
ca la sigla di oggi Poi c è arrivalo di tutto 
Eppure pare non ai sfa scalfita I attrazione 
fatale del pubblico la cui maggioranza ri¬ 
mane anaccala al telcvlsorelino ad ore 
tneetoaimili (starno al dSh- di corsaUedm 
con le oteccnie e gli occhi intrecciati In 
una discutibile Iranoe del genero Jucas 
ravell.i) Con qiiesii dati n <1 pnirebbe 
adagiare sulla lorza della tiodizione ma 
non è cosi Si corca In qualche modo di 
operare lifting per non pagaie I eventuale 
fcoito all usura del tempo Fin dalla sigla 
che adotta lo stile rap perche si possa es- 
aera scambiati per giovani 0 almeno con¬ 
temporanei 

L*essere scambiati per. é un destino 
sanremese Mario Capanna viene scam¬ 
biato per Massimo Catalano, la Riserva in¬ 
diana viene scambiata per una fazione di 
emargfnan che protestano (e sono solo 
del maltacchkiiu), Lorella Cuccarmi vie¬ 
ne scambiata per unr cantante, Claudia 
Koll viene scambiata per una esitante sira 
nfera paracadutala al teatro Ariston (ma 
nasconde un terribile - 0 dolce-- segreto 
all anagrafe la Claudia Colacione con 
buona pace dell oitgme rumena lepeilbi- 
le solo nella scelta del vestiti urici del 
look dei Carpazi) e cosi via Sanremo è 
anche questo o è solo questo’ Il dato Indi¬ 
scutibile è che II (estivai è ormai una sede 
televisiva nonunasempllcevetnnacano- 
la Ogni scelta deve lare spettacolo apre- 
scindere dal valore musicale della propo¬ 
sta e poi cosi grave quando il risultalo 
numerico lo si raggiunge anzi lo si supera 
in questa modo’Ceno se in mezzo ci ca¬ 
pita anche una canzone demente passi 
Ma none quello a caratterizzare la mani- 
lestazione ror lanciarla ha (atto più di al¬ 
tri il senatore Agnelli che ha citato da Bia- 
gi Anna Falchi quella romagnola bionda 
I avvocalo per certe cose bisogna lasciar 
lo stare parlacome un anglofono ma ha 
i occhio mun/onudell italiano medio 


È uscito il nuovo disco di Bruco Springsteen È 
•«ok>v un Createsi Hiis. una magnifica raccolta 
di classici, ma con due grandi novità contiene 
quattro brani im-diti e segna il ritorno (prowi- 
sono) del Boss con la sua storica formazione, 
la £ Street Band 

C«uu«"Xib1uu»»‘...ApieiìiAT 


Il summit del «G7» 

Una teiematica 
senza regole 


A Bruxelles il summit sul futuro telematico «sco¬ 
pre le cane* Due gli schieramenti e le ipotesi 
nuove tecnologie e stradedeJla comunicazione 
saranno del tutto 'deregolate*, come dicono le 
aziende e Al Gore, o in qualche modo noimalo 
come afferma Delors’’ 

ÌrMK¥ÌÌHMB''ìk'ÌÌMÌÌ'. "aPmTna'Ì 


Campionato 

Un’altra giornata 
pro-Juventus? 


Un altra giornata pro-Juve’ La capolista va in 
casa della Sampdona, mentre al Tardini si 
scontrano due delle inseguitrici, Parmae Lazio, 
e un pan bocceiebbe tutte e due Molti gli as¬ 
senti Intera Firenzesenza Moratti 


APAQINAI» 


SEGUEAPAGtNAS 




_ _ ■ _ - HJOi Insogni fisiologici Chiedo chi avrebbe 

CORNAMMIPWM Whi» aabistcìe a quei momenti ' 

doidstala poi qli uomini driki mu genera sorte di toccate quei vertici di popolania di ÈtinaregolachèGiolaGarboateva capilo 
ziore I incurii.iziiiiit di Venere ò stala Quello diventare un concentralo sanbolico deUa bel- benisvinuQcheaprdicòfinualcacrilicioper 
che oggi c t I,iikIi.i SItifIn o forse naomi lezza del fucino ma anche in abncosi dot sonale Quondosi rese coMuche gli anni sla- 
Campbell e |ici L gem razioni amma prece potcreodellancihesa vano (orinando ut modo irrimediabile 1 suoi 

dentiOn-l.iljailv'i-Markni DietMlr Hddalo Chi 6 stalo bacialo n culla ààge tale cvh huaamculi l^geiulan v ridusse vokMitaria 
insomm*! torfxi , 1 -MI mito Uso vofutamente ro ai quali gb asin hanno guaritilo che alme mente a una specie di perpetua reclusioiie È 
una iiarol.i pi-rKiikivi mine -«lulo. sapendo no una parte dclld vita tese sotuana .die le una tr^olache a suo modo anche Jane Fon 
iKno a quali ri-»lii mi espongo Dahraparte aule c abe romuni iniseile degh uomini non dahacopito AltaccatatoineluKiddll età ha 
quando un t dimn.i inunuo^t ncstonoa doviebbeioionsuniaieilrKOtdocliediqiie smesso di fate attwiaiio politico e di propa 
coniciiti.ire sudi fcito I disidcil m mibttnidi ai anni resta m una bruita piazia di Bnuielles gandare la ginnoMica oorobita Invecchierà 
,«.211111 qu tlcali. 1 . K riiimv Usale bamiladalvento pacaumenie itomediH resto le auguriamo) 

HovrM.Kliimi.H-l3n«iiiceinc«relCTagiia Non dovrebbero latto a mio patere non ^anloasuoinantoTedcome unaqualun 
mrh'cxusit'. l'nt'lh s“el«M -aillanto per nspettare cto che sono siati ma quet«ialastgiioraU>igtiese facendodimen 

d tu.: ; L n X r t-core di av« dam perUeMsvmu slag.o 

iwzzi S distundcR ntisimi.sliksloseera ite volle Questo vale per la beBj^in mo- necori^lonneaeaAarell.i 
uiiisloclic un iiiiiii-KsiiiksseiniHa/'aaaquri do speciale ma non solo per la bellezza Inun Elostessodosàuioaiciion lu volonlima la 
modo Mi s, luj rispusio che nim eia giuslo l>«-cc*> libro (che com«l») Thomas De (enKB della irta ha soluto per Marilvn Mon 
i he 1111,1 itiimiusom. Ungine nonhiidirtKoad QubK ev racconta Gli alhnu gairm di hmno rocche rt^ lo piu grande di lune uiichc per- 
,ivc.ic 1111,1 s(\<iikI I VII.,dopo.m-f.iHivututo uuel Kdni Quel gemo slraordinano luomo chòqueUadascsbbartatiinci ochissAcheal¬ 
la lrni<lii>ii 1 liinim-isaclK.forfunacEaiHitoie cbchaiNtiminatolefonnedellmiellMaruna- no Ihamto brufahiieide srrappaia e per 
iiamid .ISSIglicini inni i nirmu-ini-innila li> no comi mai nessuno pnma ebbe- in vw sempre -illa hnia^KVic di aiinixlarsi uno 
regole che v.iluoiiii pel litui ivuit vaigonn per chiaia un veliKe decadonento pscotisico « lalle mlumu olla lesta e di scendere in pidz- 
le donne c gli u»niini ihc hanno muto m Mon ■•emideincnie inc^iace di controllare I zacontesefcKseunaqtialunquedincu 


H O VISTO Bngille Bardoi Qudiche 
giorno la era a Bruxelles manileslava 
In favore degli ammali da macello 
Questione nobilissimu non lacile da 
iisolvere I tedeschi vorrebbero ridurre U du 
rata mas.sima del trasporlo a 6 «ore Gli euro 
pei del Sud Ualia compresa ne chiedono al 
meno 20 22 perché con 6ore gli ammali otri 
verebbeto si e no alla frontiera C il solilo prò 
blemache skonsidera Europa sopmilullo la 

B c LCiiIrale del coitllnctitc mentre .Spagna 
a ftirlogallo vengono viste pei cosi dire 
conte delle appendici Un accordo come 
-teliiprt' in casi del genere non sar.) facile 
Ma non e questo II punto II punto échc> ho 
visto Brigllle Bnrdol l ho vista da vicino non 
iiiicru mal SIICI c-ScSO prima Aveva uno-aiallc' 
allorno alla lesta peiclié la giornata era ven 
tosa e grandi occluali da sole Quando si é 
lolla gli occhiali si è capilo che forse li aveva 
mesHiper nascondere le borse sono gli na hi 
('omunque nemmeno gli enormi occhiali era 
mi servili a nascondere la pelle grassa c- ca¬ 
dente dello guance né lo scialle adiScSimulare 
lotonteciocclR. grigie nelcapelll 

riilrel dire altro mi termo qui Brigllle Bar- 





—a 


** . 



"■'■wv; 








































































'agtna2 llinita^ 




Sanremo’95 


Domenica 26 febbraio t995 



8aiidD«C!itfA Ko(lftafi»ftimtrftr»(g«n(e tango. li> ano ìbmafaleMeMttolowilaCuMaHiii 


tana Falcili, 
Mtkeo 
tape 
la>4affat> 


, Saiiiinilteo,pro(tottoiU 

M OaudloCocctiono, la 
, vonlonera|iiMI'«HMca 

fHatlroeea flnlaiKiaw 

«aitatadaAimirtfeN. 
lldoaaaraMwilMIoataoso 
CoeeiMno,ailaSanrMno 
I* poracconipiintranoraltoo 

gH CCS. L'unka tocecnlta * 
HiOMlOBO dilla caia JiwpilWn dagli 
■Hrt eaaUnU. dw poMbbm non giadii 
l’noiWIiiltallaMMiniiMpirMnelaii 
M (Hodotlo dliMgiaBeo «ha M poni ki 
ccncomnia con 11 dira canzoni dita 
gaia. 




#ardiévaii 

Sanm■M^ 

UncMdaala 

Datam«(liti/Tg2 


i'4^,v’w UniaadaggloPatimoaia, 
...M conndnlanatodaiaitotMn 

*" dilTg2CI«ninMMnun, 

arava pwdM» la rfmrfadi 
OIOi0a.MrtlguMWpMtl 
ddicodagglo. Ciuccia Ila 
Wit* ipinto,aa l o empia. aimiri «d 
ItalaalaitaradaraMial 
Wwl n i f i T -la galla eanaeal propa n o- 
(pirilg74«digaMwrinatl)iiiratio 
ehi «è un ilM che ti riparo agni aaa» 
(224%),-plNiroodbtftan» (MK), 
■piKhdnan c'è alita di magia In h» 
(UJ%);piKhé «le tanna tm»-IS4«). 


•ttrapi 
a|HgfMcÌcÌ> 
parola 


dlBaodo 


Fa discutere il turpiloquio nordico di Anna Falchi 
E intanto il sindaco attacca di nuovo i politici cantanti 

Gli onorevoli 
e le parolacce 
(in finlandese) 


Una tempesta Auditel durata cinque giorni ha spinto Pip¬ 
po sull'altare Ma ne è sceso subito per orchestrare la sera¬ 
ta delle allusioni erouche interpretata da Anna Falchi e 
Claudia Koll nel ruolo delle ragazze belle e sceme I politi¬ 
ci allo scoperto nell'Italia canora impallinati Dopo I est- 
bizfoneracaieecoiei^ficaalDopofestival (parlamen¬ 
tari non hanno avuto il coraggio di presentarsi alla previ¬ 
sta conferenza stampa li sindaco Oddo rincara la dose 

0»L NQlTROiriV.trO 

«MM* M0VIUA«*»O 

■ SANREMO AlKum AudRel Nu podinuovulingeditrasrcolaro In 


men die urlano nel deserto elenio- 
nieo 16803000 (6180 t) spella 
lon per Id quella serate del Fbsiivii 
della canione Pah a 34 732 000 
contatti Punta di massimo ascolto 
alle 21 48 Punta massima anche 
per II Dopalesiival con 3914ODO 
speildtoripaganti elicanone) 

Di queste Infurriaie di cilie non 
no possiamo pici Numero su nu 
nroru Pippo In questi giorni 0 ere 
sciutu ai 20 centimetri al giumo 
Asr questo ha potuto alienare al 
volo II disgraziato che si spencola 
va dalla gallona del Teatro Ansiou 
Ma siccome 0 un santo laico nella 
sorala d) vonesdl ha voluto dare 
una svolta corporale alla sua cam 
pagna d Italia canora £ ha slode 
rato lutto il repertorio della pomo 
stupidita (pomo in quanto stupì 
da) che le due bellissime ragazze 
Appaltate hanno {Muto Intcìpceia 
re 

Due anatomie ostentate non per 
miracul mosliare ma per dimo 
strare la stupidità della carne Tosi 
che le signorine Palchi e Koll han 
no accettalo di incarnare appuri 
lo con lutto lo slancio dei loro ten 
t anni La pnma con smoccalo en 
tuslonto la seconda con 11 suo stile 
più glaciale EcosI la Fakhiha oc 
cennato con ixinzia alle cose in 
credibili che succedono sotto la 
sua gonna Reazione ceienlaia- 
mente scandalizzata di Pippo Re 
pUca di lei con quella bdltutlina 
davvero llnlandese che si legge 
«ozzomenla- e sigmiica ha spie 
gaio -guarda il mare- Ma va'* Pip 


atleta che amvi la Koll e racconta 
re quanto le piace incruciare le 
gambe colsuouumu 
Neiunlmente in conlerenza 
slampa Baudo nega di aver orche 
ilrsto le sortite delle signorine o le 
chiama a testimoni Lòre giurano 
Elapaniomlmancomlncia Palchi 
•Cazzomerda non 8 vogare £ Un- 
landese lo sono mezza iiaiiana e 
mezza finlandese Pste conto che 
in quel momenio ero iiniandese- 
La stessa giustificazione cuHurale 
del resto Anna 1 aveva data a un 
giomalna che i aveva miemsiaia 
nei giorni scorai e che leconicsiava 
Il latto che il suo glortoso seno (ino 
a poco tempo la non era ancora vi 
sibilo -Noi finlandesi ci sviluppa 
moiardl- haspiegalo 
Baudo (nmeiiendoei precipuo 
saitienie I aureola) sosiiene di es¬ 
sere contrario al lingui^gia sboc 
calo invalso in lami campi deOa 
nostra viui sociale Subito dopo pe 
rA (nascondendo le stigmate) ha 
aggoinlo che -la calegona del neo 
logismi SI arricchisce tulli I gtornu 
Vero Giusto ccane la furbizia de 
mocrlsliana di sempre 
Dalira parte se le simpatiche 
sirunzale di Anna Falchi e Caudia 
Kcll cl spir^ono a quesle nflessioni 
politiche vsnrà dire che siamo ti 
dotti alla tnitia Oppure come so 
siicrie Gianni Ippoliii che queste 
due ragazze hanno creato final 
mente- una alternativa televisiva al 
dualismo Panetti Marini- Ucheba 
sta e avanza a larci ndere 


Sanremo 0 stata sempre urui 
manllesiazione poUica Solo che 
un tempo i pollici si tenevano die 
irò le quinte e mandavano avanti le 
loto controfigure canore Adesso 
dopo il creilo del muro di Tangcn 
lopoii ipoluicisonocosMUiaìaie 
le bruM figure m propno e sem 
brano peiftnofelicidl farla In fon 
do sono gente notmaie come 
quelli che vanno da Castagna a 
raccontare i latti propri Nel loro 
spinto di flagellazione non a ac 
comemano di steccare a menono 
andie a ondeggiare e anc 
battendo le mani sul pby 
Chcbuonaozione 
E meno male che gk onotevuli 
esibitisi ni OopolesQval m una sono 
di «ala- non si sono Irvconirah con 
il sindaco di Sanremo Davtde Od 
do che U aveva accusati di stro 
menializzare il lesuval a scopo 
elettorale Hannocomunqueman 
dato a dire che si sono motto ollesi 
per I incomprensione nel contronn 
dei loro iniens benefici S. per di- 
momare buona fede hanno deci¬ 
so di non proienre parola in duella 
tv Cosicché Serena Dandini diesi 
era preparata qualche baounna 
non ha potuto farla -Sarebbe staro 
volgare punzecchiare persone che 
non potevano nspondere> ha 
spiegalo signonlmenle 
Mentre il mitico sindaco <ti San 
temo non SI è fatto preoccupazio 
ne alcuna a nncarare la dose spie 
gando ancora meglio i suo punto 
di vista SUI poilamenlari camerini 
<om« cittadino mi sono offeso più 
lodi loro anche per la qualiitdel 
la loco prestazione Ma la cgiesuo 
ne ha due a^lU Da un lato do 
mando quanto pud guadagnare 
un disco del genere’ E non era me¬ 
glio se gli onorevoli avessero mes 
so direllamenie la mano ai porta 
loglio racct^hendo fondi per I Uu 
lo Sacra Famigha’ Secando punto 
se il Tilamc affonda e ghoichesliak 
continuano a suonare sonoeroici 
Md se I mannai anziché salvare la 
gente simettonoacantaremcoro 
sono dei aeliim 
Étutto dallitanie 




David ZmA 


Troppi coatattl 
tn artisti 


più non Impresali e 
wgilzzatorimueicallnon 
sceglisrebbemmdl 
orgilzzan II fostNil ili 


Sanremo. -None II apodi 


Va- AttlJiMit I ùM/J-i 


sploga-tioppleoiitatUtragiomalMI. 
diacoerallcio arOMI-. ASanremo come 


produtMreo managor di Party Pravo. Zatd 
ri e dello torprew di quesU-roathal dot 
kuoM sentimenti. tU questa vtiamenro 
ttranasMata di bontà 


% ^ m w ^ 

' : .• r f 


V.—.tiSS -UvmoilBdolirortpdrcai, 
nona cMesMea deHe nuove 
propotM dimostra che le 
ifMCÌaÌ> •aia, soprattutto I glovairi. 

cerca nuova slradu musicali 
pii atmonl cl ro di quella Ciro 
aono state psiean negl 
uMMaanLÈIa 
dtmestrailoaa chi R np à agl sgeeeWk la 
sentenza di condanna dalla mustcapHiamata 
dal pubblceglovanlla arriva Ila Pippo kaudo, 
-rimasto sorpTOM par la vitMrta tu qpatU gtovanl 
che usane la vece coma un varo e proprio 
stramanto musicala.. 


Robertson 

«Il vero 
pellerossa? 
Sono io» 

MBBIMfflIAUO 

■ SANREMO Dopo gli indiani lin 
Il ecco I indiano vero A Sanremo 
ce posto anche per Robbie Ro¬ 
bertson e il suo Red Road Enrem 
ble come dire la musica dei naiivi 
americani Gli indiani appunto 
Lui che è metà Mohawk e metà 
amencano che era il capo della 
Band che accompt^A Bob Dylan 
che ha sfiorato il nulo pur conti 
nuando a vivere come una peiso 
na normale ha portalo un po di 
scnela nel bailamme del festival 
Come spiega Robbie luilo qucsi in 
leresse per la culiura pellirossa’ 
-Quando vivevo in rueiva da pie 
colo- dice - mia madre mi spiega 
va che uno è un cikoIo ì anima 
la natura la stona La vita 4 un eir 
colo le cose vanno e poi tornano 
Ecco la cultura indiana che toma 
a interessale la gente è ione que 
sto ilciicolochecoiuinuadgirafe 
che nioma- 

Di Kevin Kosiner che dopo aver 
ballalo COI lupi pare stia speculan 
do sulle loro tetre perù non sa o 
non vuol dire -Non sono informa 

10 - dice - ma andateci piano a 
condannare perche non si sa mai 
dove arriva la speculazenn e dove 

11 pettegolezzo Mi infoimero per 
capire meglio- Senza appello In 
vece una w di Ollvieio Toscani 
che gli indiani li usa per vendere 
unolndoliva «Misembrasoloof 
lenslvD- butta II Robbie E qualche 
progetto più complessivo sulla cui 
tura dei pellerossa panirà’ Molli 
sono gli scmion nativi americam e 
anche qualche film maker tavan 
za -Cl siamo parlati e certo il prò 
getto CI interessa Ma come laro’ E 
questo il punio- 

Cone I obbligo naturalmente di 
parlare della Band È uscito un co- 
lanetio celebrativo che ne narra la 
splendida sicaia E una riunione è 
possibile’-L-a band e motta ha de 
Ciro di morire in modo intenso e 
bellIssimD Quello scioglimento e 
immcvialaloper senipre in Thelasi 
Wolu (il film con Dylan e ioan 
Baez) Credoche nonsiagiuslon 
cominciare edisolilochiniondai 
vecchi gruppi Iota per soldi- Rob¬ 
bie non e il tipo insomma e ci tie¬ 
ne a precisarlo Ma poche con la 
Band questa sua passionacela pel¬ 
lirossa non era mai emersa’ 
che è una cosa mia - chiude Rob 
bie - e I progetti comuni devono 
essere appunto comuni sentiti da 
luBi COM sono stalo io a non pro- 
porlomai peichecosinngereiiuoi 
amici ad avere i tuoi stessi amon’> 


Odi Zenn^rofAnsD 



Viaggio tra i manager veri e presunti che combinano le serate post*festival. Quasi un calciomercato... 

ti dò un 883 tu mi dai tre Giò di Tonno?» 


Non è propno it calcio mercato ma un po' gii assomi¬ 
glia Quel che avviene intorno al teatro Ariston, tra icor- 
ridoi e il bar è tutto un parlare e combinare (piccoli^ 
affari tra impresari, cantanti non al massimo della noto¬ 
rietà. discografici, geston di locali Insomma per qual¬ 
che big che vince e fa parlare di sé c’è un pezzo di in¬ 
dustria musicale italiana che si gioca in questi cinque 
giorni tra serate e promesse, un intero anno di lavoro 

_ _ PAI NOSTHO INVIATO _ 

raANemeozuccMHii 


m SANREMO bemlini di stare al 
cafciomeicalo il duco è m crisi c 
in crisi sono le serale con c.iiuante 
abbinalo C è |iero rlii iron vi ar 
rende Basta sapere un.nosa clic 
n chiedere Moraiidl II risclilo ò di 
vecleisi oHriru al suo posto Damio 
Ameno Valerla Vivconil c mag.in 
un «Ilio il.i acegiiere Ini i Prefisso 
Aiiionclla Arancio c Olò di Tonno 
Come quimdo «iLi liivc cliledeva 
no CiiusK) 0 vi sentivano risponde 
re in cambio VI daremmo piuiloslo 
Undinl II Rovola c la com|Hoprie 


ta di Novellini E quelli accettava 
no 

Qui invece di alfarl se ne lamio 
sempre meno ma i peoiics della 
canzone sono amvBli li> stesso 
puntuali come c^ni anno cinque 
giorni a Sanremo per tare i giochi 
dell eslale e sopratliillo pc r ineaz 
zarvj III maniera furiosa con gli or 
guiilzzatorlclie cl hanno boicotia 
toconi pdss'elicoloiegngionoit 
avevamo accesso neppure al Ivir 
deli Atislun un modo per laici ca 
pire che diamo sempre pili lasii 


dio- Impresati e agenu teatrali 
manager e maneggioni pioduson 
vcnopcesunii orologi doro e ca 
micie macchiale anpcu-abili 24 
ore e sponinc di pU-bra capeli 
troppo cotonali e periinu tunliib 
codini posiicci tenuti su con tela 
stieo dituHo appurrtoc come al 
novo cqsetnprechivuolsiniliiK.c 
Unisce |)er compromettere I mina 
gare di un Hilera calegona Succe 
de Come qotmilo transita Rpp(> 
Baudo In comiwgniA di Oaudia 
Koll le facce coi lelekmRil meur 


porali all ciiccchio 9 guano rii u 
msono - conve quelle di militan m 
permesso - non esatiamente nella 
direoonc de I pn sentatoic cheti 
passa un ora dopo accoirpiignaki 
soRanto di un conimeiilo signih 
catns> -a FVpp-i n do ria a borio 
inV 

re un canipHHkino pAlrueviti 
ui zona kzatio Anslon tknvi si fin 
no h. Iratt-ilire pagmocrane ui tn 
gbo 1 ( eiTvibliK*qutUMk> ridono 
le squadre tk caKui anche se qui 
senza offesa ui <n incanza do De 
Caegiin • Vniditu dn Bagbnni e 
dei Cucelanre i Rolq B-^giodelta 
•ahiazionr A il signor Rosario Fk> 
kQii Dice LclkiOeco dellagiii 
nioiiHAunia porgcn-lu iin buAr I 

hj con su sentili <acci> niinagc 
meni -Ficicclki A rob I laussa 9 V 1 
dai MI mihnni m su a serata- £ d 
pcz/oimtliilo -iiKhi (icHheMo 
rmdikihaimcr non andrà liL(il.i 
A guv ine* e i« r laa vaie appena IS 
niibiini lauigia |uaic mulo mi 
come iHSHltind divi aiitru I tsser 
Liliciilo I(Icnen TuffiKfLl< àlan 
gn non c A moffu d alio di acqiu 


viabile c gh addrifi ai lavori m la 

gn ino anche pc-rqucsiii 
(iianra Deviv v muove disinvoi 
K) pochigestirnaaiilorevoli Anno 
dcicapivansmahci di<|uesiuvane 
gaiopianeld bsaecigiuca mo 
stia I ■wol'iqionc muove con cj 
pienza sutla Ironie il liMoray ban 
salma le pcivonea suo giurfizin piu 
signific Ibis, ai une peqriewe II 
fpidu di tkilors. dopo una premev 
sa 41 mio e un numi d aito mfaRi 
iiascoconieanisto Homi agenzia 
■evirale a c<ind<izKMie (amiliaic 
cesi mia nioglii e ima figlia Fa 
ghiamii le ueee p<«tiiamo tuno 
tAiitroppu c c c hi lavora m nero c 
stiavo^ le regole di merewo Ma 
qiieslu non A il punbi II prnblem i 
90 VS 0 A ihc slarmu uciidciiiln 
Sanremo Fia il lesnval della cao 
zone U-ilian 1 sta diventando <1 (e 
sffialtlell luriu-mc Nnisianioqui 
ixilaimsicaililiana markiecivoi 
cfcn e- In aitcva di rrobzie (aanni 
bcMs cmUinua 4 Bautin non ci 
cunsKieriiKi ma iMiiconlcvinK 
[cKciunolnuiaregliaribli Iccvse 
di-a-ORialichc e la Sme Cerio <^gi 


c sempre piu dura una volta potevi 
-v-Oprire e lariciare 1 giovani mel 

lendogli un inicrofuno m mano 
adesso vogkino ballare lare le sii 
laicc le showgiri nonviitcconten 
lancvpm Siscnomonlaiiluliilate 
sin colpa di certi programmi tivù 
insecc di portare 1 caiHaiiti veri a 
Sanremo oggi pnnaiio la Cuccali 
III li Cxirz.mli Raineri clic fanno 
aliiilivsm sono già rccu[Mlic non 
vengoiKi certo a late serale o tour 
iiée Cl rovinano la piazza Noi la 
vimamo motto a! centro-sud ab 
baino ncliieslc di inusr i anni CJ) 
clic igtovaiH ballaiic>aiKor i Artisli 
coni! Rila Pvvoiic c BobbvSololi 
rano sono una gvi.snzia l.<ivoria 
mo nelle icsli patronali con i 
|>w?zaioli Vanno Ione -inche 1 
c-ini«.i lo KilcUi Kj prefenvo pn 
in.i quanrioiicevaniier*- 
( A chi SI c mfuii.ao eome la 
genie icalrak eli farma Giuseppe 
r.mzi che do|x> un giorno e nez 
zìi Ila laiio le valigie -Uno schilo 
i«Hi Cl f iiiiK» pili l.ivsirarc c due 
clic con k oictiesire gli ahisli e i 
piano l>dr que-sto c un mondo die 


mucw 20 miliardi all anno ASan 
remo ho lano un giro a vuoto- Del 
lo stesso parere il coite itladino Ro¬ 
berto Ghirardi illuminalo impresa 
no nel mondo della musica pnma 
di diventare ginmalist.t -Una volta 
a Sanremo venivano direliamcnle 1 
geston dei locali e combinavano 
subito per una ventina di serale Si 
lavora sempre per conoscenze le 
selezioni dei giovani sono fasulle 
ma lo sapete quante casse tic spe¬ 
dirono ai discogralici Zucchero e 
Masini prima di doiidarc' Quelli 
manco le au. oliavano 
Dice Lello Cieco agenzia di 
Aversa -In tre giorni abbiamo qua 
SI fatto per Ameno esiamoabtioii 

S -intoperlaBertè Pail> Piavo 863 
en per Caso e Gioisia 1 itomi piu 
interessanti a parte Fiorcllo con 
CUI hai la garanzia del pienone ma 
che ripeto costa irnitpa Al Sud la 
vonanio ancora bene anche coi 
Meiola iD Aratelo gliAstaiiia Ma 
a Sanremo invece ci ascoltano po 
co dicono che siamo fuori dallo 
Slato. F lui SI A rifallo «fuon da San 
remo ho preso I esclusiva di S.ibn 
naSalemopcriaCampania - 


















/. a»:». 


U«(netMMMM(n>aia>|la kitfsMBnndltOarttnCali.SMtal-NMpwMW'iincttgrtMIiiWMpftvart* 


LottMa2 


ai altri 


itumari 


DaMondovI 


par 48 aaai 


alaagirtto 


dal festival 


Ecco la dauHtea dMnWva M n 
oamptonilniataal 
auaiantaektvMfeno Fatilvaia 


I) «lM 0 a--«ome Mpiai— 
2001 voti 

3) «lanMMenndl/SaAMaCola- 
4ataiBia--lt.T74vott 
a)lyaaa lp a ^ a- Sowtaeoaia 
noi-tSTM voti 

4) IMioa SecoW - «Con ta partM' 
-IS^VMI 

8) Roteilo—Unalaiantata— 
laUMvotl 

4) Donilo Amailo--Siooine 
Camola—14.9S8 voti 

7) U8haa-lllvo|Mlaffllavlla- 
MMSvotl 

•)8S9--8aMaavtrtl8at- 

1441Svotl 

8) Manata Aranolo—RA 41 eoo^ 
• ia.842«a« 

U)UMIaCuoca>M--Unalln 
unora n» - ISJM voti 
Ul Mw«a-•Dova vtti •18443 
vati 

iSIOiorEiaraNm-i’aaaurta 
aiaatlann • 18274 v«8 

13) Tila MaM^-Ma «ha no aM- 
U47$<i«a 

MiacMoCInqoottl- 4yovaNO 
wooMocnon-.U^lEvoU 

II) MaaMmalUnM--U 
vaaU«4a-U.187voa 

14) Ornai-VaiMo ina 4oiiu-- 
18.840vofl 

irirotaOHtatno-Voale antan 
a vltaN ki oanpagMv -10287 
voti 

lOlSaUnaOmaaUolliHiva 
kieana—iTiaaaa ~8288voti 
U) Loratana Sarti—AiiMIfl 
anoall—8471vall 
30)NttyRam-48lon4 
Ml'anwnla -84S8votl 


La parola alla vincitrice 
Dietro i vent’anni 
un piccolo cuore di star 

CALNOSTRO INVIATO 


MARI*MVSlia OPRO 

■ SANRFJilO Non 1 una pnxola 
Mina Mina al debutto era una 
bombadinomeeditallo &onvoV 

S cartoni e aspeKame Menine 
jia Todrani ormai Giorgia e 
batta IgiapeiiuttiunaconiènTia 
Elei e io farebbe stata comunque 
la vincitrice del lestival detta ianti¬ 
ne Italiana Per paura che non am- 
\«Me pnms nella gara la sala 
Slampa le ha ha assegnato anche 
li premio della cmica laactando al 
secondo posto la grande Loredana 
Bene che pure se lo meniava e 
che ter pe/qualche on sj temeva 
desse fonati Infatti non aveva par 
lecipaio alla annunciata confeìen 
za stampa per non sprecate voce e emozioni 

MaperGiorgiA a23nnnl unsolodiscoallespalle molli concerti con 
il gruppo romano -Vorrei la pelle nera» qualsiasi posto Ira i prima era gii 
un grandissimo nsuHato figurarsi la vitioiiA E. sa Gianni Morandi (suo 
pniTcìpaleiivalecon Barbara Cola) aveva dichianio che avrebbe accel 
lato di buon grado di essere baiiuio da lei mentre gli sarebbe seccalo es¬ 
sere superalo da Fiorello Giorgia dicharava che -essere secortda dopo 
GianniMorandièbelto Ma infondoanchedopoforello Sonopiccol»- 
sunaucuiaalorp- 

Baite he lei g a cosi professionale che non ave\ a ancora mostralo 1 e- 
inuziunc ieri era sono stress Tantoché haceicaiom (utili modidi evita¬ 
re le lunghe mierv sie e gli assedi dei giomalisii A noi che le chiedevamo 
corno mal cosigiovane anziché ai fans piace tantoacnucievecchicro 
insti Giorgia ha risposto facendoci vedere fuon dall Aiiston una folla di 
giotanissimiche la invocava -Nonpiaccnairagasini dici‘’Quardah- 
' Ma non era un gesto di sfida Piuttosto di paura Si vede che anche 
dietro queHa voce potente c e un piccolo cuore di star -La mia viliona 
I ho avuta Ora ho un disco in preparazione che iiscvl ad apnie- 

ChvisaccisasuccederioraneliavitadiQuestan^azzinaminuta figlia 
miica di un ciiitianfe (era la mera di un duo che si faceva chiainare Jufj’ 
andjulv; citesicurameniehanversoiosudilei onrealnomecheonora 
Pav Charles, anche il sogno di un successo per mierposia persona -Non 
sonopronta- dceteisgranandogiipcchispaurni E non ho idea neppu 
re di che cosa lare il giorno dopo la viiiona Per me anche il quinto posto 
andata bene- Troppo modesta ChissisedaieriCiorgialtaimpaiatoait 
che a osare 


Gioi^, Sanremo è tutta tua 


Vince Giorgia, la sorpresa annunciata uscita dalle file de 
gli esordienti del 94 vince stavolta il festival vero batten 
do la coppia Morandi/Cola (secondi) e Ivana Spagna ol- 
«roa lena Solo quinto Fiwello il vincitore sicuro» di 
qualche mese fa Ledizione monstre numero 45 chiude 
cosi I battenti con la discografia che spera in una ripresa 
e la musica leggera italiana che si appiattisce sulle esigen¬ 
ze televisive e pare se possibile ancorpiu mediocre 


W—TidHAUO 


■ SANKbUO Ciocia Muiandi 
Cola Spugna- f PW iKui due thè 
C un verdetto annuncialo mesi la 
Lu sorpresa dell ex esordiente 
Giorgia maiiirai.i lungo I giomidel 
fuslival C arrivala imo alla Ime So 
lo II sex-ondo posto per la coppia 
su;ierl.avoril.i composta da Oianni 
Moraiidi e Barbata Cola terzo po 
sio a sorpresa per Iv.ina Spagna 
lami saluti .al karaokcdiRorellu ili 
un leslival di Inolio modesin senza 
grandi canzoni almeno vince una 
voce vxra un laleiiloclic ora ha 
solo biwgivi di itovaic un icporlo 
no Altro ox esorditine al qu.mo 
pasto Andrea Boccili Mentre Fio 
rtllo SI deve actcmtcnlare di un 
quinto ixalo che per lui è una 
scanfiita FiiiisvttOM il festival con 
un ulfim 1 sciala dal iiipionesitavi 
sto ma iK-rsino piti sciolla c lelevi 
sivamcnit mescli iddio altre Olor 
SI suino noi clic annichilili dalla 
sostanza music ale Mia ois-sognu 
dIvontnmoliiK ni nell attesa i he c i 
nliisiiiio i|x:i buona coildoltaf) 
alla vila iioriiialc all i iinisica che 
si s( III! Inno I inno Ixii iiiiglioic 

lll(|lll sNl 

In iipcriur.i IVniitu legge il mcs 
saggK) de I c avsinlcKr ili (tolla Riii il 
doI'laggioAerohaiiliti IViivia illc 
cuil/oiu Li mille a nuziale 0 impi 


gnaiiva Ughea Mango Patrv Fra 
vo Tolo Culugno e Lorella Cucca 
nni sono un Buon coiKeniralo di 
quel che sièscnlilo ixr cinque se 
re musica leggera c leggerissima 
avolle proprio svaporala (Cocc.n 
nij Almeno Culugno la bulla m 
polemica con i giornali e il dopo 
lesinai rei di aver dato poco sp.i 
ZIO ai cantanti salvo poi chieder 
scusa salutategli Haliani allcstcn) 
-minacciando- di andarli a ircivare 
uno per uno i n icallé é un mev 
s.iggio promozionale aiiniinc <> di 
loumeei o lincndo |xr gridìi» 
-grazie Sanremo grizic Pipixi- 

Bisogna aspeliait la coppia Mo 
randi Cola per sennic qualcosa 
chcsi alzi un no dall I mcdi.i de 
pnmcnie eiell Ansimi Non clic 
sia una canzone clic pissera agli 
annali mac^diquclk aliiKiincht 
se VI capita siiÙc lrti|uciizc itcll.i 
radio nomi spinge i c imlarti sia 
none .1 tona di crllc/ llolilix Ho 
berrson con gli indiani mniix I as¬ 
sedio È lauto raro qui vTxkr» un 
progello clic si dispx ga iscoll.irc 
uii discoiso coinpiuio c osscn.iK 
che du k) fa cl imi. ( i i» die 
ilivw-io loslvwdcllix le Kkrild 
la Band scmbr i un oasi Ircsc.i c n 

{Misjnlc 

Ma II foni ik-hmì ixomiiicii cxl 


ecco Giorgia ragazzina prodigio 
che ha ravcollo bm piu di ciuanio 
SI aspettasse e prohabilnienle pw 
di quanto meritasse Anche il pie 
mio delta emea è andato a lei gié 
IKissata nel coeso del festn-al da 
aspirante- a big Gli 883 (pardon 
1883) preredeRatuen cheasua 
voHa predeede Anionella Arane» 
Ce la indicar» eiuesla ragazza co 
me futura stellina bacuia cU sut 
cesso ma va detto che troppo 
spesso 1 giovani eh cjuesto lesuval 
hanno recitiito solo e soltanto il 
ruolochaspirann^iKl conpuchi 
guizzi e poco coragg» le «dica 
zioni delle cose disc^iliche con 
un occhn al maikeiing e un altro 
alla vendiMné del produlto sono 
stale seguile alla leflcra La nserva 
indiana mene m campo Vento nei 
Capelli aliasAlessandroCura che 
la un discorseno i-Guaidate che 
abbiamo scherzato hn la usrrv i 
ixin vogliamo lolla ) c viene ali 
bondantemenle fischiato dal pub 
Mico dell Anston Baudo lo deini 
sce -un chscorsello poco (elice, e 
dovere di cronaca p^ inmpone 
di dire die la Riserva odala hrólna 
11 aiKtie ddgb operar di Ib Flai^ 
nel pomeriggio al gndo di lumi 
componi dalie bah ic ) 

Nella qualcma die siguc bull i 
soltcìnlti Loredana Bcité Gta altn 
(Amerò Inleltl Dnipll lasciamiil 
segno legge io eli c hi ha ipa CaOn il 
-aio compiio c ripete li lozione E 
FkwII»’ (xiin come al v>Uo 11 
Cuna ddli umpalia i seno fot 
chaideUe iclcianicn siiroAi|ier 
Irxiamtnlt a vuo-igu Lobilb m 
questo solo Pippo che la lauti 
x.iciizalistivalKravuok ptosumo 
imskk vH.Raitonl-»iiniKoi>liii 
ttxc di Kslhal Ma è Hun Ilo stesso 
■ smciiliieckipolac'inreme Non 
sciw- un nuiMi ikcsciiImoic il 
liassitac Pl|^ 4 pro-unlc c Pip 



Premif taighe 
e qualche fax 
In questa gara 
si vince sempre 


po dfutuioèPippo'- UnirivcsMu 
iaa»sta(aii«e leigastoto-Sami-- 
moT) Chudono Sp^ia e Bocelh 
poi tnerrnelegurKSoininanovoti 
ccMmeanodesh» cèspaaopew 
Lorena MiKennHt e per uno SÙng 
veshio d I cotmbov una specie di 
«mlroligura del vccchn àiQ che 
abbramo amato anni fa Chissà se 
wclenduto con c|uel cappellaccio 
ckinsopalidu RtMne HotoihAin 
htcaiKalo IWinchcsici 
Arma cosi «evitabile Ihbcia 
triTMi rruHiicnto dei verdcrti Chi 
studi t le facce da v nu du gnecc 
cim I vsKitori du calcola elcfli e 
Mtimi degli imeshmenh latti per 
onderò riiiakhc disco n un mcr 
cito penalizzato don assenza di 
VX ra qiiahl 11 dalla lerocu del mar 
IO Kixité I cd che qui pn.ndonu 
hinnn verrannu poi stampali n 
ùmmanta n n (itancla e pagali ut 
monda tmrt Cosi ohe albi beffa 
c épun ildanno 


MHIonlamlllonl<ilpreinl!ll 
festival,sampre piu,eambia medi 
quaivaccklsMdi 
radiDtoMDrluus.eunaillqiwlto 
gtostra ««I tiro a segno dova sta 
sortito:-SI vkiee sempio-.Eeeo 
allora Gioffia baciata dalla mfttca. 
Battuta dlpochivoUtMada sa 
Sarta, che cario marnava H 
Riamfo.almanecoma 
itconoscfnwntoallacantaia Pari 
gtovanL imeet. la critica 
abbrecciaOtcrla, tacantanu col 
paHicba (Baudo dUt). che come 
da copicnc ripete davantta una sila stampadMiatta coma 
ola contante rilassala arrivata imo e coma questo sta por M 
llvaropramlo Applausidl circostanza. DanialtSkvaobI, 
passato alla seconda serata par H rotto dalla cuffia a poi 
dochnotragflosordfonti ifcevofnvaeattpramIo-Volsia-. 
spocMo ilconoselmontoln memoria del grandoModugno. 
Mngiazia con poche patolo oln questo caso la tbiddazzalo 
aiuta Un altro premio quollodIFcnopollporiI miglior 
atranglamonto.vaaMangooallasuacanzono, Ooveval 
Quanto al Ned per caso, che hanno trionfato nella categoria 
gImanP sbaragliando la concorrenza, si sono coneoool per 
quattro chlaccMota al cronisti e hanno sbandierato I 
complknentoplulMlloIpsrlon)) uniaxdelprosMonta(Mia 
Salamltana. ^1. dopo ripetuta Insistenza dalla ptataaa una 
ftranuaieslstaRzadeldfseegtsffeodl Mntd, hanno 
accattato di cantaro una sintesi del loro pezzo. -Lo ragazza- 
CIrazIa Consegnatatarghaestiettamani,dunque.llfestival 
numero 4S va in aichlvto. con quel premi che lasciane un po 
Il tampocho trovano, buoni al masslmoperfare un po di 
pubbNcItà Anchequostaéunatristeregolsdelfestivil 
laniMScorsoperiBataannolanchclococantanno a 
cappsilb-) ci fu quasi un ovazione ganeiala EpoLcNllha 
visti plà7 Hlj, 


DALLA PRIMA PAGINA 


Il serial 


E siala piopno la dichiarazione di 
Agnelli a scuotere la terza serata 
costringendo la IColl a ostentare 
I apprezzamento del presidente 
della Ford A Loredana Beriè sono 
arrivali i Complimenti dell ammi¬ 
nistratore delegalo della Skodaf 
Questi sono i veri inteir<^alivi 
Lhe nascono nellanin» degli 
utenti che in cinque giorni di full 
immersion finiscono per affezio¬ 
narsi a lutto anche al maes'iu 
Vince Tempera per dire Chi ha 
cap m il meccanismo e Claudio 
Mattone autore di-Le ragazze-e 
-Ma che ne sai se non hai fatto II 
piano bar’- due rtumendigrande 
piofessionaliié e suggestione Per 
ché questo non è un teslival di 
canzoni ma di -allrazioni- anche 
ma non esclusivamente musicali 
Vincere non imporla poi mollo 
dopo la vitlona si passa alla stona 
ma non sempre alla cassa La 
quasi totalità delle canzoni sono 
m rate al mercato non sono afflati 
cre.uivi Ioni court et manchereb¬ 
be Chissà che una compoutnle 
del successo Audiiel non sia an 
che questa I ammirazione per jn 
prodotto furbo e i|X)tizzalo tale 
che pih che suscitare scalpore su 
«cita invidia Chissà quanti soldi 
laià 1 autore E un po eoiile assi 
sierc alle vincile de quiz È piti 
Ione 11 «lima imi le Capaeilà dei 
conccinenli o 1 invidia per k cilix 
portate a casa’ F c e iiiiullima 
eon« cferazionc possibile al pub 
blieo p ace pensare che la medio 
cui i di cene siar siwccialo come 

idi lasci aperta la porti a tiitii 
eli unquepuo sperate di sosliiuire 
quei qualunque Per<li\<enlareFio 
le Ilo I molti manca solo il iixli 
no FCcxxliono 

[ErirlcoVulmu] 


i- 












































































i. -r 
■i ■'i i'; f. 


WiKMbw.UMWtgralli 

Manann* W«Mr. il mimo. l. 70. COO 

«orl*MI*linau*MII«M,MLII 

AeuntHLSéfItniutP. Trlfo«*.euniMi.LIX-OIK 

n«>i9 

narra OrnvU AecflaiM. Il uam. L. «0» 

DaMatlIraiMMat 

Ttiueeni. atf. •WfWracM nanfa* 

C«ma MiMaaa H «MMa 
fu^n>o4ar;n4 f*ilfm*lll, L.3Ì.C00 
0aair«4aMaot,itM**«4ltiaMr<«a<Wi 
ivorearro SoOOM. Oanttlll. L. H.m 
Raag*««tic««MiiMt 
Mario M#Àwa. Mriimll, Si. 000 
La Ma iMaM al MaUtariaiaa 
enuuoOMUi*. muova 'laHaafanf AU-SOO 
laarlalHallanÉ 

FaMSyletueim.LtiA'a.L SOOO 


leggile «sa^» 
neD’età delk tv 



.b ■ • 




■ J tnKtlprfeigalaaaénaE-IMSafld 

1 6reaiaaf/Na 

I /Sony, mi 

2 TMa la Fori ApacM 

a4.w'rMoa. >»5;* 

a UntolRortl 

Mèaelmo Volume (Wee, lOSSI 

4 SlolanManiaiila>fMIMtCaal 
AA.W.IMce. 1995) 

S FogartM 

^uantuiaOverra-M’i'Binf. TSMJ 

6 Hank|iFaiikr 

ne The (£pic. 19951 

7 Tzlgarl 

muova CompaijniaOiCanloPapolaralSioO. 19951 

8 tntk 

U»nu»leBers»niìBm3,1995) 

S Kaaow 

MunO/anumOMf^ar^AA/Aacorda. 1995) 

• A InquMa 

lU ComorzioSuonelorimaipendenmPhonogram.mi 


m Tempi ingrati pcti^a^. Se il 
torunzo airanca, nel profluvio au¬ 
diovisivo delle imcnajifii. ben più 
nidua e la rode di un genero afci- 
gno, elle a'.-iflid» pei lo più a sceKe 
mirale di lettura. Sorreite dafla vo¬ 
glia di labòticaraiun conceiiodeHe 
coro. Ceno, nelllficonirocon i s^- 
g), molto dipende lUrincieivita 
della scrtiiura Dalle mode, o dale 
suggestioni che sono neTaria. Sa¬ 
rebbe assuido proiendeie che tutti 
procedano a passo di carica. Alla 
corxiuista di una biUoieca ideale 
da disiendeie su lenilori occupak 
con metodo prussiano Qu^ po¬ 
tevano Farlo I grandi studiosi del- 
l'ollocenlo. che leggevano tacen¬ 
do delle «diefe-. senza dÉpeideisi. 
ne distraisi daRV^ws. C sia Accet¬ 
tiamo pure di lasciarci guidare dal- 
risllnio. o (laBo zapping hi attesa 
del libro che ci sveh un mondo. 
Tamo non rtarvmo mai al pari con 
tulio quel che c'e da sapere. EaOo- 
ra l'unico alleggiamcnlo tagtone- 
vole al r^uardo è questo, netti- 
naggiot RhucheieflodeBa curio» 
là prima o poi diventeià passione. 
E di II distillèietno il •filo-che ci ap¬ 
partiene. Om g quale cucire, ma¬ 
gali, la lamosa b^fcoieca ideale. 

Quanto al fllo. con g quale noi 


slessi stiamo navigando naVaMia- 
Hà. « presto detto. È la storia Per 
cominciare (e ricomincisie) a leg¬ 
gere saggi, è l'ideale, talora ecco 
la Suiia Einaudi dela lingua (ita¬ 
liana). Poi la vicenda del grande 
bcighese Max Weber. taccoMaia 
dala moglie. Ancora g sogno del¬ 
la ssoMa iMtaMsio da Mano Miegge 
nelle dispule proieiicoaeliginse di 
rgormanneribelli Mailtemadel- 
la •nairaliviia». (chepuOguanre). 
•orna nel'inleino dde schizofre¬ 
nie. dove la sconnessione hngua- 
immagìne le duine I mondo Rim¬ 
balza ne la Conaersoiiotie con 7b- 
booAc nella quale lo scnuore dice, 
(h sera vergono a «sHrm dei 
vpersonaggn, li iMesvisio e Iwd mi 
raccertano la loro Mia. Ralnala 
poetica, quela di Tabucchi. legala 
a un numanzesccn senza -trama*, 
che mele inscena desini nnullì- 
pb>, ma scolpii dal tempo storico 
Cori come destino amtiralenie. e 
«indiiodalc» ala nagedia d'Euro¬ 
pa. è qucUo A Drieu la Rochele. 
nel cui-Oiarùv a riSeile la piega dè 
speiaiameMe reaziortaria che to 
-siadicamenlo- decaderue dai va¬ 
lori pub assumere in cene órco- 
Sianze(slDriche). 


S. ditele, ma perche la sioria’ 
Perche quest'ossessione, ira le pie¬ 
ghe di cari durici, mierari o Ideo¬ 
logici^ Porro perche e una ferma 
primordide di conoscenza. Con 
essa. 6 ri sdoppia, e ri vivono le vi¬ 
te degli alti. E poi perchè l'era 
mulninediair. se accende l'imma¬ 
ginazione. ìhsieine la vaporizza. 
Nonc'e tempo di soggioiTtare pres¬ 
so aMi. Ó ri alliaveisa a vicen¬ 
da. seivza ricooGseerri. In un uni¬ 
cum' tengsorale. evanescente e 
irianianeo Cebriognodi fermare 

glempaOme^, di riviverlo, 
addestrarsi aguslaie le emozioni, e 
a non subirle «rotne cieco somleglo 
di mali già vissuii. Insomma. il pia¬ 
cere della rioria. I^r liberarsi dalia 
storia. E anche pCT aiirancare l'ùi- 
lelleito dalla comoda relorica per 
cui dullo e storia- Einlineduepa- 
role sul Miro posto in cima: Pe cilM 
del NiediiMVO- Un grande classico, 
che la nasi^ lacivillà urbana da I- 
l'hurontro-scanlo dell'Europa con 
l'Islam. Henri era un erudi¬ 

to. Ma sapeva raccr^laie. Scrisse 
lasuaSronadSuropoin campo di 
concerrnamento. senza uno strac¬ 
cio di Ionie ftilenza della memo- 
rtanarraHva! | Brunoenvagiiuelel 


(MNAIO MlLAVieiM 

1 Vegli di CMe2 

SiivieCàdeio, «Opm/eArt- 
AA. m»l25^ComieAn.llr»T.OOO 

IPieme es lTsBl: -Qrer>dlPera(he-,n.32 
fl. Sirdi.P. v»lia$i-Oi$i>eylltllA iirtt.000 
tpeisn: n .11 

O.M"‘*oi>. O.Ctpvllo-Sl»rC9mle$. UftS.500 

tmwot 

Mite Uigfielt-CemIcArt, hrtitOO 

BheeUtBlspenlel 

Autori VIA.Mfrre/nsM./irag.AV 

BhronnBhett n.2 

Waroetio rpA/nei'i-dierConiW*. hiei.SOO 

Merlin 

fl moa. A hrimM-euneoiteri*i*, ins.ooo 

OePlperena:A.g5 

Ceri Sem- naney niFie, lire4.500 

KenliiterHc9i«iAe:n.2S 

flererdig Miitito-Bonniieom». ms.ooo 

be irveMuredl Mitinn 

PvftehO Templelon-PlèyPreu.lIref.SOO 


I M O—«AVIttU 

J L’flOned'sradiApuleie 

T Ole con Piolo Poli 
I TnlroOoldonilVtneziiI 

IQIgMIdeltmenMigne 

01 PiranrieAo-SIrebter- T»ilro0rmit» IBreecia) 
le leeMOMe rueeie di Arturo Ili 
a SemFtSrecAl- Teatro Lirico IMIIano) 

Il rHomedi Seeremouche 
d: Leo de Berirdinà-In tournée 
PmteenM 

di Euìéne tonano - Teelro Adua FTorino) 

Edipe 

di Sofbcie ■ Teatro Canpnairo iTorino) 

MaudiaaJiM 

di L. MRinoda P. Leeeing-Teatro Vascello (Poma) 

denedltesnt 

di Panald Harwood - Pollleama Rosselli (Trieste) 

ThaeMefiaIntr 

di John OsOorbe-TealroEliseo (Roma) 

Oitniurraaee 

01 Angeio Savelli da VaorOa- in tournée 



































Domenica 26 febbraio 1996 


Cultura" 

rfij-exw.'l 


rUnitò2 pagina ■ 


jf^BBLICITÀ ^ Emilia ricorda la lunga esperienza didattica del poeta e cineasta 


MMI* novut* OM»* 


MtMour 


Pani 

cheti passa 

Rivoluzione nel inondo di Alpilour 
AmvaiK) 4 nuovi K®eni che la 
sciano a casa il rassicurarne nior 
nello iTunsta fai da te’ No Alpi 
iour’Aliiahiahiahii> Slavoliaillc 
ma 4 lo slress una malanno del 
nostro tempo per stupire al quale 
CI vuote assolutamente una vacan 
za £, lo stressato piu stressato di 
tutu e sicuramente il sigiKire che 
vediamo a letto imbamzzailsslmo 
a giusnflcdisi con una partner delti 
sa Cosi cade un labu che la pub- 
Micllà non aveva ancora mai viola 
lo Mentre ugualmente iconoclasti 
1.0 e lo spot nel quale un prete di 
campagna alla don Camillo parla 
ossessivamente con un Cnslo in 
cicce che alla fine lo manda a 
quel paese cioè in vacanza Terzo 
soggeno morto e medile al wper 
mcicalo impegnati in una mutile li 
te Ultimo e foise militile (m 
quanto non lo abbiamo ancora vi 
sto debulla in video giusto oggi) 
tema è quello inleiprclalo dal me 
laviglioso prolafionisia dei fumetti 
tatastrofìsti Wyllie II Coyote Chi 
più di lui inlalli ha diruto di consi 
dorarsi al limite della crl^ di nervi’ 
La campagna Alphour come sem¬ 
pre È ideata dall agenzia Daboid 
eh la casa di produzione è Filma 
stcr (Bruno Bozzetto per I anima 
zione) e la regia è di Alessandro 
D Alain 

Cuor* 




tMtehI 





NmIM kmcnMta a Vahnoiw daga prima imM lalf am udasMo 1947-W 


Pirati 

dicana 

BeiKhé nel mondo dell Informa 
zione CI siano ben altri bnganli ai 
ragazzi di Cirore pw-e rappiesesn 
latri come rnodemlbueanien con 
tanto di benda sullocchio P cosi 
per lo meno che ce li mostre lo 
spot dell agenzia Pirella Cotische e 
li^ve Un atovanoRo dalla faccia 
paciosa china la lesta sul sariima 
naie satirico c si becca un duo nel 
I occhio Bccolo quindi continuare 
la lettura alla maniera piratesca 
inonirc la voce di sottofondo recita 
ima imieni di liioio ruote cuo 
re* 


Pasolini e la scuola ideale 


Maglio Vomo 
chadonna? 

De) 5 febimio un vecchio saggio 
giapponese et ncosda che il suo 
moesirD gli diceva sempre «Sevuoi 
essere felice un ora sceglili una 
donna se vuoi essere felice un 
iinnosccgliiiunamico sevuoier- 
rete felice a lungo vivi in armonia 
con la natura* Insornma la donna 
secondo questa nipponica saggez 
za e roba da un (ira e non piu 
Meriire loyugurt al ginseng è ovvia 
mente per sempre Iperbole pub- 
blicllana dietro la quale ci nliuiia 
mo di vedere dell aniiicmminismo 
Allravetso la citazione ricrea infatti 
una distanza Ironica l^cta come 
la piuma che volteggia e che il vec 
clilo saggio raccesile con le bdc 
cheriine Direttore creativo della 
campagna curala dalla agenzia J 
W ITiompsun è Oano Diaz Casa 
di produzione RImuster regtsia 
Carlo Sigon 


Un pallone 
par amico 

Dio solo sa se non c è bisogno di 
<illcnicirc la leiisione atlomo al vai 
ik) EccoquiiidicbelaFedrrcalcio 
u è affidala all i^enzia Saatchi e 
Sduichi (casa di piuduztone Bbc 
Pollicene Associali) per mandare 
monda 12 mc.ssaggi televisivi tassi 
eutuiiucallettuosi Vediamomlalli 
volli di giovani e vecchi bianchi e 
neh donne uomini e bambini ut 
primissimo piano per duci che it 
Cdklo è «Il gioco di tutu- Quello 
elK iiunei lascia mal di domenieu 
Tranne quella domenica da di- 
mi nitcatc’ 

AimmcloTiMta.. 

La mamma 
del soldato 

(Tu U marnimi sia una sola è ima 
(ertezza elu I ingegneria genetica 
SI sta ini atK andò di logliirti Ma 
almi 00 pir la gran parti dt noi 
limi nuimma Itasln o avanza CiosI 
sieuraniinti ixiisaamlu il direi 
h»o trialivn di Ih campagna Tuli 
liimVerde MaumMollatoli ihcei 
mosira imi m<i(lre o|)|«ovsiva nei 
lonfn minici figlio nulmm' al qua 
Il rauoiiiaiida di non itti iideie 
ItcrWou'rjiiilih MonleMano la 
iininnii (oli ilonm mgiix'ie’) 
vjiuiiliinqui ignoranlis.siim disio 
iiai-giografia ludi itiinsenil kiro 
mondo ili hniillni ■einr|K di lame 
rlduole imiok Agcnzin Amiaii 
ilo lesta lasii ih pitxliizloni RI 
miister legin ili BiirieoSaiiniii 


Il 3 marzo 
alllovi 0 colloghi 
aoonvoKno 

Un'bmntNloiieiMllaMiicru 
0avaiiai 4 Piar PaMte tatoMnI. 
•piMad'KMa di uiutvueoiiaaa 
SMMtea asMkiU- «dal suol 
-mesoaiUoduetrtM- Urwsguardo 
sul Nioinl fOMomo « iMootro 
dio «I dipana bi m noaln 
dagumontaila—H ot Paolo 
PoaolW Pormtfono olmpogno 
«Mio t*3B-tU4«fllN Imporlo 
loil 0 fe< un oonrepno dio d zar li II 
g marM noM Wa ds^ SpoeoM 

dd taatra Mnrdclpiia di tagglo 
Cndla. <nai tadoPitolH. 
Iducadaiiaa daimerad» i a 
Mirw dd ««nvagno d «uala 
partadpanmaaiidi alidM a 
diacapolirlal poatadi Caoaroa. la 
mattina dal 3 pdlaiwm ludano 
Sona (l'sppionill Hatu iMIo d 
fMH lS4g-43I.NlM HaWirl 
(rdloid di PhoIM aCaaaru). 
Inronto Cddttnl I pooola ki tarmo 
dlooMlaltbioaollneffaooIal 
padacofidlmaoai|.Nd 
powtrlggtadlo 46 p ra ml oimiio lo 
paiola OndraaZanièttoda 
pt lolon# dMMttet di un maaatro 
ndrabUol, Mirco tiuocctil 
(PaaoilnlPaooolaiaocuaiadi 
peoda). Rada llotd (Paoodnl o 
doRi prredaauguraie). Enzo 
lavagnkiKun uomo Itarlw 
oduMilono 0 «(iati popalad ) 0 
fllannlBorgnalFaaoRnlIrala 
mogNo ItatreaiM 0 la nuova 
gkwontti) liemaizo.pd,doarila 
pniozlMN di nn’nutoblogiafta 
•udhMoslva di PaaoM. curata do 
PatqualaMIsunea. 


Con una mostra e un convegno. Reggio Emilia 
ricorda Pasolini insegnante. Ne esce il ritratto 
inedito di un intellettuale attentissimo alla fun¬ 
zione e ai limiti detta didattica, ma sempre in 
funzione della '•neces^tà di educare». 


cscwosinoiMWTO 


■ RIOOIO EMfUA Quarvdo scop¬ 
pi da CsiMsa solo iMcraio solo 
anche <lalR:> -che lo evulsoper 
cliè accusato di ornos&sudaa - 
non gli resto che la •strada per Ro¬ 
ma- anche so per un anno non 
trovo lavoro ma la meena piu ne¬ 
ra U ncorda cuei quegk anni sia 
monèlCtoquanra PicrPaoioRaso- 
Imi «Ho insegivaio dopo quell on 
no (li IRSI nOr) di dsoccupazio- 
ncetiiKdcltdviia inunastuoletu 
privata a vendseaedoRanalmese 
(quelladiCsiRipino ndr) kanan 
io mk> padre cr aveva lagguinio e 
non parlammo mai della nostra fu 
ga ima e di ima madre Fu un (ano 
normale un iiastanmcmo n due 
(empi Abitammo m una casa sen 
zatettoesenzaiMonaco una casa 
rii povon all<*s(remape(dena vKi 
n»> ori un tareen? Cera un paino 
(Il polvere desiate e la palude 
d inverno M<r era Italia I kalia no 
iLi e knmrolanle cn suor ii^azzi 
le sue (tome i suor odori di gehu 
mini e povere mnesue ■ liamoMi 
suieompidellAniene imucchiib 
spazzature e quanto a me i miei 




sogni «itegn di poesia» 

PasokM maesiiu Muatale Raso- 
kni nedrto poco conoscano Che 
nemerge dc^vunl anni per suaa 
Uva girèida caso di due msegnan 
Il un preside Roberto Vita e un 
docerne di leneraMia aabana Lo- 
leiiao Capdam Due unaesir» reg¬ 
giani cosi come fagiano tu I m 
ZIO di Pasolni nel 1935 al gama 
SIO della cma del Theotore presto 
abbandoivaia per il keeo Gataam di 
Bologna e I umversiU piO aimca a 
imparare da Robeno longhi a di 
sculere con Roberto Rorersi Ui 
ciano SenaeRancescoLeonem 

UpMilmMpMtea 

•Pasokni Formazione e mpe- 
gnocral» 1935 1954-èdMoladel 
la moska docimeniana voluta da 
quei due «naeskv di 0 ^ per so¬ 
stenere che -passione didattica c 
vobnti di azione educativa «no 
le ctaau decerle per comprendere 
lutld Id vicenda pasubmana- 

La mosna -che s è aperta len n 
una nuova sala della bbkoteca Pa 
razzi - è una lunga Piada mnler 


rotta di pensieri e idee sulla scuola 
esulav«a unieiKOlatodiculiuia 
che fascimi penerà con sé anche 
svelo snkippo della sua opera poe 
nca di quella leiieiana e quella CI 
nemaicgraiica Una strada che il 3 
marzo ncnxeii gh amici di sem 
pre • Uiciano Sena NicoNaldmi 
Enzo Golno Andrea Zanzoiio 
Mareo Bacocchi (che ha latto 
sumpare tareadi laurea di Pasoii 
ni su Pascok) Fìavu Rossi Enzo 
Lavagnini (preside della scuola di 
Oampmo lumma in cui Pasolini 
ha insello Ita gli alin a Vmeen 
zoCerami pnmadidedicarsialo- 
nema e alla leileraiuia) « Ciannl 
Borgna - in un convegno dedicato 
alleducazioneealla democrazia 
Lideaénaia dKonoiduecura 
•on come occasione di nllessione 
su un lema nconenle nell opera 
deBoscrvHcre-corsaK» quello del 
leducazione -Nei suoi articoli >ui 
la [«ima pagina del Corriere dello 
sz>o- rkconoCapitani e Villa - Pa 
sohm ebbe a pronuncaisi con se- 
vema sulla scuola di massa tanto 
da chiedere la chiusura delle me 
die coKsMetaie responsabili in 
sieme alla tv dell espkslone sei 
vaggH della cultura di massa e del 
la conse^jenle degiadazioiie an 
tropologica degli italiani (Questo 
suo giudizio venne interpretalo co¬ 
me una posizione descolanzzalrr- 
ceeanstocralica 
Ma n realtà dietro c era la stona 
di un mtegettuale e di un artista 
ananalo da una vera e propria vo 
cazione pedagogica che aveva 
sempre e ccununque perseguilo 


come scopo della sua opera ledu 
catione del popolo condizione 
essenziale per la costruzione dt 
una socieiaciviie e democratica’ 

l'pduHEloni M popoli 

Dunque dal 1935 data dell iscri 
zione al ginnasio di Reggio Emilia 
al 1954 uHimo anno da Insegnar! 
le Pasolini lu uomo di scuolai LTi 
nino della sua avventura da do¬ 
cente coincide con I aperrorr di 
una scuola privala pei gli studenti 
che a lausa dei bombardamenti 
non potevano raggiungere gh rat 
rmi di Udine e Pordenone II pro¬ 
gramma SI snoda Ira Dante ^bo¬ 
ra Leopardi Virgilio Ungaierti 
Machado Markme Wordsworth 
latino greco e inglese E il «mae¬ 
stro delle pnmulm in quepo perio¬ 
do e pochi anni dopo e il maeslio 
•mirabile' di Valvasone nella sua 
terra «Mirabile’ peiché strabilia gli 
allievi nel giardino insegnando i 
nomi Ialini delle piante invenlan 
do favole per spiegare le declina 
zioni «E da npensare II Pasolini 
nella scuola la sua passione didal 
lica la sua puntigliosa e ardente 
volontà di applicare i metodi attivi 
- senre Andrea ZanzoUo - quelli 
per COSI due di Cailelon Washbur 
ne e dell onesta deweyana Segna 
landò ai coJl^br gh esptrimenli ài 
Pasolini il preside Natale Zolli da 
CUI egli dipendeva lo definiva mae 
stro mirabile Eia quella che si di 
ceva una vocazione pedagogica’ 
Pasolini animatore anche di un ac 
cademia leticiaria per giovanissimi 
aspiranti poeti e Pasolini fnulano 




Sono i libri le prime vittime dell’università? 


DIV1.1.IVM08IB» WVIAT» 

aASHittiL* Mttcueei 


■ l’LKUUiA Univcrsiiq’<'ii/.i Iriir'' 
In Calilornia ic nè im.i -^nza In 
bliolevlii. basi i c .tvaiiz.] il min 
pulci D.inoi il prosvimi'aiuvoiN 
vorrà studiare Plaiinic jiukOl-iit 
darsi a leggere Lu M-pir/ij/Kii -vvrà 
a ihsiioMzroni un 1li>i>|rv l-u viu 
denti- lostii ri.'<l 1 ihàk'glK.’r-i mii li 
grande bovrali l'ulri mule-lari ri 
filosofo inialz<rrb iiirerr(>g<>lo i 
quivi ultimo dallo-«I k nini gli ri 
sinimlirà (enlicn di mnviixii 
ki hlosoliggi.iri gHK iiiihr i«ni 
imniagiiiii imiMitu ollri-ihi'iim 
k’ p-irok 

Awciiirislii 1 mi non mi|>|K> 
l uilini I giorn lUi del 11 iivi gnu -all 
kclllon.i UIIM'IMI-Ini ivollo'a mi 
l-imhilo dell i mamksl iikhic ik 
nigfni (liiilin-vfibri Minlri-a r n 
mula ih llop|n'‘-oir Uni o-h k-’ei 
ni dan billItiiiii itn si sinlgiiiio 
iiclhi II iill'l virtù Ito sonihr i qu-rsr 
di diminlk.m l-iragKnii vu.iiJil 
linmntro |>trihe lediion-uimver 
sitarla lana di liusinrvsi <|ii ihià m 


Fiam la c in Inghillertn da nur 1» 
un prcscnlc ■ osi poiu graldrcanle' 
[qipure it numero degh studchii 

ircscG e II giro d allan cumptessno 
è di 400 miliardi Ma gk alcnei ita 
h inr come idrton nomi sanno fa 
ri C mn txHrtW p ice dU crmpu 
U r di nunudli e testi smnlifiLi c è 
aiimra tnsiigno come (kmustninn 
leesperxiirzi dciitraixkientndiri 
urta i ih funrtazsunc iiHiupci 
ITcmliamo h Camfindge llimciai 
nPies.s edikiccddioinuniinauni 
VI rsilà l-a su I stoiu r kjnga i hi 
mimis-i Nel IMIOsIdnipAldBibbia 
e nel 1 7111) Incco agli sunti di New 
hvt Ora ha un gru d anali aiuiiKi 
ih I Iti miliiirth (h kn c piéibika 
tiin I InrlrVUiuk tlnggjanK il lui 
smpononèquc4li>dilijrsoldi ma 
ih iirixhuR iiikura Mi la luturi 
iu>n è ncicvauiamcnK lariHcnz 
r-rliiLniontim rosso laiilix scrii 
iIm ldCanit>ii^lklv.èinatlivu 

AOkluid (luvevfve unatlracdiln 

li iii)iw.rsUdrin alneliantn impoi 
hmlc e priis|>cia hanno elaborato 


con quel tanto di aiobiam inglese 
ihe k contraddMnigue il seguente 
sk^an dfacciaino soldi per poter 
stampare kun non stampiamo blm 
)ier lare sokit- Gk esempi di Ox 
foid e Cambridge per noi sono hi 
non iraziaiono a lare ecktona un 
«ersilaiH subilD dopo Gultembeig 
lirancesi ir tondo iisonopruvni 
ni Da toro^ateneicomn.urna 
siampare kbn nel I9lì8 Nasce co 
mt una nvcndkazione demucrali 
la del movnimlir Ma net tempo 
si t ra mano delc rere c proprie 
aziindc spesso m attivo che pio 
ducono ber manuak pubblicaziu 
niSLienufchecquaM aMio 
r passiamo afl kaba inehe stalo 
di ■laluie versano ic ccinpcralhe 
univeiMifmc noblrane’ (filando va 
bine si impano e diMidHuscano 
drqxjrse Oppure renguno «un 
mciNC daBc iiubblcazioni od uso 
iiNKorso Nrenteachevedeiecun 
ihi SI impegna a piudunc editona 
di qualù e non si Ina indreko se 
dew due parecchi no ale piessio- 
ludeihanmali Insomma bnoMra 


erUona univeisilaria è stala slian 
gelata sul nascere dalla natura 
slessa del potere interno agli ale 
nei gh equtto accademia spesso 
impoi^ono •ri dovere di pubblica 
zione* Capila eotì che i docenti 
perlagioni di camera interna fac 
ciano uscue il loro manuale ma 
gan anche a pagamenio Poco 
caMacheilKsiosiadiqualilk Eia 
catena drgle pressioni slnlilhsce 
quando savacma I assegnazione 
diunacaUedrao comunque di un 
ruoloali mnanodi un ateneo 
hi quesio deserto chi produce 
Ita per I umveisità’ Sono alcuni 
grandiedOor privati L amministra 
trae deh^wo dell Einaudi Vittorio 
Bo spiega 4401 non abbiamo una 
pmhizionc ad hnc per gh atenei 
dabara nonagante ciò finiscono i 
mano agh studenti umversllan du 
lanle 1 corsi caca duemila nosln li 
bn d ISpcrc^todellatluraloglo 
baie che é di 63 miliardi Anche 
Laleiza da d suo contributo ma 
Lodovico Sleidl responsabile del 
ramo a lamenta per le basse lira 
ture e gh aftan scarsi Luigi Civalle- 


ri Bollali Bonnghien distingue fra 
le diverse pubblicazioni .ba pro¬ 
duzione scienniica orizzontale 
quella che consente la comunica 
zione Ira addelii ai lavon non pas¬ 
sa attraverso 1 hbn ma attraverso le 
rivistespeciahzzateeiconvegm Le 
case editrici intervengono solo nel 
caso di volumi adatti alla formazio- 
necalladivolgaziiine In Italia pe¬ 
rò non esiste alcuna cultura divul¬ 
gativa Bollali quando vuole slam- 
paie manuali di questo tipo deve 
nvolgeisi allevierò II cento per 
cento della produzione e Iradolta 
da altre lingue-- Madi questi libii se 
nevendono assai pochi Luniversi 
là Italiana è sempre piu un esami 
licio’ e lo studente cerca di impa 
rare lo stretto indispensabile per 
suiierare lesame Lavora dunque 
con fotocopie dispense appunti 
Eccoli I ven nemici dei hbn Alno 
che II computer Un univeisilà 
«maiala» e mai curala estende 1 
SUOI danni sino all editoria privala 
Devasta lo studente e piu in gene 
rate il potenziale letloie 


piolondamenle legalo alle radici 
della lingua romanza E poeta pe¬ 
dagogista inielleltualeschieraio 

E questo anche ciò che Pasolini 
sarà con ma^iore coscienza più 
lardi a Roma un •corsaro» attento 
indagatore del sociale un poeta 
dei-ragazzi di vita* 

Scorrono nella mostra la sua 
pagella (otto in italiano mollissi 
mo in rel^ione) le prime poesie il 
libretto universiiano la tesi su Pa 
scoli le foto degb amici gli scrnii 
dell amico Sena le prime riviste 
letlerane ma anche iquadn gran 
diecolorlslici (-Le opere qui espo¬ 
ste diventano allota uno ^ardo 
un osservatorio privilegialo su 
quel paese di temporali e di pnmu- 
le che è il Pnuh della poesia di Pa 
sckini e sono insieme la strada che 
CI conduce per una via piu diretta 
nel laboralono del Imgut^io pa 
Solimano* serve Ottavio Cccchi) e 
I disegni I murales pohnci che si 
fìggeva quando era segretano del 
R.I di San GKwanni e I quaderni gli 
ultimi quelli del periodo della 
scuola di Ciampino 

Quasi trentanni di un Pasolini 
meno conosciuto sempre conno 
tali da quella che 1 curalon delini- 
siono passione didattica e volon- 
ti di azione educativa* e‘Spunti il¬ 
luminazioni nllessioni che non 
sembrano certo fuori luogo in gioì 
ni in CUI sempre più si viene smar 
rendo il senso antico del gesto 
educativo- Un insegnante sul 
campo sempre Un buon maestro 
geniilkinamenle inteso Per inten 
derci cosi Pasolini descrive ikom 
pilo di un insegnante «Occorrono 1 
mezzi le mediazioni Ho leilo 
qualcosa dei moderni metodi sco 
lasnci (laiuvlsmo) che si avvalgo 
no appunto di mezzi che non sia 
no la pura relazeite oratoria del 
I insegnante sacrificando la tradì 
rionale automi di quest ultimo per 
la partecipazione attiva del ragaz 
ZI E essenzialmente giusto però 
per lare studiare 1 ragazzi voicntie 
ri entusiasmarli ocioire ben altro 
che adollare un metodo piu mo 
derno e iiiMllqenie Si tratta di sfu 
mature di sfumature nschiose e 
emozionanti Può educare solo uhi 
sa cosa significa amare chi tiene 
sempre presente la Diviniti* 

UtwcMKfteiMoene 

Leros dunque che affonda le 
radici nella paideia occidemale da 
Platone m avanti il cuore la voce 
di chi soffre incorrono Cé rullo 
Pasolini in questa idea di educa 
zione EinLenerei^iarmiiloanii 
cipa quasi spegnado le piopne 
«ambizioni* *Id e Serra saremo 
piolesson e guadagneremo avre 
mo lutti una nostra peisonalni al 
meno quindici volte più sviluppata 
pensale in due anni (0 anche 
uno) quale sviluppo pos-sono ave¬ 
re delle culture adolescenti come 
le nostre' Entreremo sempre di più 
nel VIVO dei problemi della cultura 
Italiana sapremo vedere più chia 
ro e piu profondò Sopra una cosa 
vorrei però insistere paitiiolar 
mente la costanza Dovremo pa 
zieniareeprepararci Dovremode- 
purarcJ di ogni scora di egoismo e 
ambizione personale* Non è stala 
propno cosi in fondu la matunlà 
intellettuale per Pasolini’ 

CONTftIBUTI 

È polemica 
sui musei 
in Sicilia 


■ PALERMO II lommissano dello 
Slato presso l-i Regione smlaiia 
Vittorio Piraiveo ha impugnalo la 
legge regionale con la quale si 
concedeva un contributo annuale 
e perpetuo ad akune istituzioni 
cuhuraii isolane la Fondazione 
museo Mandrahsca di Celalù 
(Pa) dovcicionservailielebrerl 
hallo di Ignoti) di Antiincllo da 
Messina lasMXiaziime internarlo 
naie del Papiro di Siracusa il mu 
SCO dello manoncilc di Palermo e 
la londazioiKi della lomiglia del 
poeta Lucio Ricolo di Capo d Or 
iaivdoiMii lliommissanoliaci 
espilo vKiIaziuni degli (irtKoli i i 
96 della Cosniiirioni e osservali 
do thè meihjc per -Ji-oa .iminis 
stoni’ del governo regionale non 
esislorio 1 (ondi necessan -vii aper 
tura per dei musei isliluiti dalla log 
ge rcgiravale del 91 si impegnano 
invece le esigue nsorse linanziarie 
disponibili per eloigire contributi 
ad associazioni 


t 





















ginaO l'Uniià2 


Scienze&Ambiente 


x.t.‘ n.' 


Domenica 26 febbraio 1995 



Al summit é Bruxelles Delors accende il dibattito 
«Dobbiamo guardare bene in faccia alla modernità» 


«Ma la rivoluzione 
informatica non sarà 
socialmente neutra» 


_ 0«LLAN0Sr>* IMKIATA _ 

HTHWil **i>WIW W 

■ 8ftUXCli£S Rudy Rucker, professore di Scienza dell'Informazione 
all Llnlver^là di San Josè e scrillore oninco-fanlascienlifico ha de- 
scnUo il seguente parallelismo tra concetti matematici ed epoche sto¬ 
riche al Medioevo conisponde il Numero al Rinascimento lo Spazio 
alla rivoluzione industnale la Logica all età moderna I Inrmito ai no- 
sin tjiomi rinformazlone Starno nel pieno della rivoluzione ciberneti¬ 
ca. Ma Ructer è americano ed ha applicato i suoi concetti matematici 
al mondo occidentale Eppure la società delt'infoimazione fa tornare 
d attualità il problema del paesi in via di sviluppo per i quali ha poco 
senso parlare di cibernetica e di inloimalica Mentre in una delle sale 
dell'Espace LeopoM ■ signori delle industrie reclamavano a gran voce 
il libero mercato e la llMra concorrenza (con sfumature diverse da 
De Benedetti a Saldilo delta giapponese Nec aSpindlerdella Ap¬ 
ple) e la la grande kennesse a favore della società oell informazione 
si bloccava per I arrivo di Al Gore qualche centinaio di meln più in là 
SI consumava il contro-summit or^mzzaio da il Comitato di difesa 
del servizio pubblico,dall Ecolo (pamto verde be^a) dal Gruppo 
della dnlslra uniiana del Parlamento europeo, dalla Lega intemazio¬ 
nale per I dintti e la liberazione del popoli dalla Federazione sindaca 
le Sud (Solidali, Unitan, Democratici) 

Docussioni accese su prospettive per il Nord e per il Sud del mon¬ 
do, sull'omologazione cuUuraie sulle dlspantà economiche testimo¬ 
nianze da paesi in Ma di sviluppo (o in via di colomzzazzione infor¬ 
matica), un appello unHano. nonostante le divergenze su alcune 
questioni che hanno segnato il dibattilo ecco quello che i accaduto 
I punti fondamentali si posso¬ 
no liassumee m poche ^role 

no alla privatizzazione, univeiza- ^ 4 # 

liià di accesso, garanzie per il la- ' ■ ^ ^ 

VOTO Quello che viene prima di 14 4 

tutta contestalo al Q7 i II fallo di I I I I I I 

aver organizzato un vertice e una ■ III I ■ 

discussione prendendo in comi- 

defezione solo gli Industriali pri- 

vUeglande l'aspetto economico e 

finenzieno della •rivoluzione’ mioimatica napello a quello politico 
sociale e culturale Potrà sembrare undbcorsod'altn tempi ma peni 
gruppo del 'contro* il futuro prossimo rischia di essere un futuro che 
al di là delle leenologie e dell'informatica, ripronà tali e quali le ttonu- 
n del mondo tradizionale nmpllflcando il solco che diwie già il Nord 
dal Sud e, all’Intorno dei singoli paesi lo classi piO ncclie e da quelle 
pril povere 

Come garantire allora questo accesso univeisale quali informa 
zioni veicolate sulle famose autostrade’ Ci sarà posto solo per I serazt 
commerctafl, per I grandi negozi virliiall’ La cultura e considerala un 
bene da vendete, come qualsiasi altra metee dove sarà possibile la 
creatività, la spenmentazione'’ 

Interrogativi che tra I altro echeggiavano anche nel grande Palaz¬ 
zo dove la questione nord/sud del mondo, ad esempio, c stata af¬ 
frontata con una certa preoccupazione llcomitatoorgamaatoredel 
contKMummit ha proposto un dibauito pubblico sulla matcna m 
particolare su come queste nuove tecnologie veiranno utilizzate •Chi 
ha dello, ad esempio, che poiteranno lavoro’ • si chiede il rappresen¬ 
tante del sindacato -Non cl sono studi seri che dimosinno questo in¬ 
cremento di occupazione* 

Che cosa pensate di un ^ema misto che coniughi pubblico e 
privalo? *Noncl convince anche se non abbiamo risposte ssuie Ma 
quandocominciapnvaiizzare anche solol I per cento, plano pianoi 
privati al prendono tutto* Una •ruposta" indiretta al contro-summit 
sembra essere la proposta di Mar lin Bangemann approvata dalla 
Commissione europea la creazione di due grappi di lavoro che do¬ 
vranno contribuire ^li Incontri della Commissione in un Forum dedi¬ 
cato alla società pro^ma ventura I partecipanti (ormeranno una sor¬ 
ta di ‘osseivatorio sociate ' e saranno scefli in diverse aree utenti n- 
ceicaton e accademici, operatori mtoiTnaiici, giovani, parlamentari 
gruppi di consumatori L'obieiiiva del Forum sarà quello di contribui¬ 
re a H'apertura del dibattito e della nflesslonc sulle slide che amveran- 
nodalla società deli'inlonnazione 

•Il nostro concetto della Società dell’lnfomtazione - ha detto Ban- 
gemann - consttie non solo nel regolare la cornice o nella creazione 
di inirasiraiiure informatiche II nostro approccio si basa sulla riceica 
di un equilrimo tra sviluppo sociale e svilui^ economico La Società 
deirintoimazione deve andare incontra ai bosogni di tutti i cittadini 
cosi come ai blsc^ni degli affari Per questo vbogliamoentrare m con¬ 
tatto con tutte le realtà in gioco* lltavoloèpionlo Mr Bai^man,bi¬ 
sogna solo dare a tutti lo stesso numero dicane 


LoroJ 


HI?'.. 

• ii. ' ‘ t I 


l I ' I I 1 I f 


<1-— 

. IM w 


\ 

1 n t 



RAonti: «AttenzIoM 
alla difésa 
dalla privacy» 


^ * 

IllH* **• 


1 

' « 

q 1 

ti i»! 

1 * 

• " 


' II. il 

, t 111 


IV. I 

r 1 < f 






M stati «MmM dag'Ua ■non 
accattttànn» I» ànNuppe di nuovi 
àsnftldoUtSoctettdta' 
Inten nai lanà tate privacy. 
contWatala m mille «MMO la 
Europa, nan sa i» a daguit a ma at a 
<< preliCtaaachanaglanrialalidoI 

I,, monri»,hadMiaquaaiasataa 

Bnuwtealcommliaarieaaiopio 
alMateatolInleeMaleMaMI. 
laHivoiNmto ali riunteM dal B7 H 
eoauMatario dama ha praoltal» 
chi dovrà aaoaru tagghMt» 40 
grado t ag lanavote di 
anaeniizailona tetanaiionate 
dagl itia iiwntlla gM a t M par 
caaasntlia lo teduppo daga 
•autootndiMiomMlebo-:-40 
. futuro teB di oomuate aziono àifoMI 

l'.g. -Mneordato-nannnMieaiien 

paltànM OMMO tetenotla daga 
(lanooM naztenèl-. gaeando Manu 
aaoliaalHtMnadagtla 
ua'armanl a attenala gl iliWr o à 
aa ra saariatepiav lri enadiUdg 
bMgidtlteaaolalà 
doH'teltm i a a ini ' Oltaaadhat t M 
HM 0 à alala mattalo, te 
pMlloelaiOHtÉpieUaionologalo 
dol pm^iaid tetonnattel, rial 
dhMiriateMteaWoa.Mte 
liaiadiriiiiiivliaavaaamailta.hB 
itoanteie U eoMmiMMla. 


Tutti in rete senza r^le? 


•Non é peichd la cnodemizzazione ci d» fastidio dal 
punto di vista morale che ci autonzzi a non guaidarla m 
faccia« Cosi Jacques Delois ha strappato len, al C7 sul¬ 
la Società dell'informazione, la maschera del «il futuroè 
bello e ora lo costruiremo* che sembrava dominare la 
scena di questo summit mondiaie Oeiegufaiion o nuo¬ 
ve norme? Al Gore vorrebbe h^iar fare al mercato, cosi 
come te grandi compagnie miormaliche 

_OAtwostnqcqntuàrowotms_ 


■ BRUXELLES. Penino Jacques 
Delors. I ex presidente deb Con» 
missione esccunve ad un ceno 
punto SI e accaloreKi Uà che. per 
tutta la mauinata, aveva tentato di 
contenere i tracimami boss della 
tecnologia infcxmaiica mondiale 
(ma anche europea) che al uni 
sono hanno gridato ab •deiególa- 
meniazone- hanno elevalo KUu al 
processo di liberalizzazione, han 
no messo all'indice qualsiasi voce 
che tentasse di solleva dubb e n 
sene sulla costrazrane deb •So¬ 
cietà dell Informazione* Sarà staio 
per una prolungata panne del sci 
siicato sistema di traduzione defa 
glande aula (quella del parlamen 
lo europeo) che ha tàvemioe aria- 
stidito al tempo stesso lutU 1 pre- 
senb latto sta che Delors è sbotlB- 
10 -Non e perette la modenuaa- 
zjone cl dia fastidio dal punto di vo 
sta morale trite ci aulonzd a non 
guaidaria in taccia Non nano «fa 
Ironie ad un ideologia rappresen 
lata da 200 peisone Dobbramo 
avere il cort^gio di guardarla a> 
facaa* E stato proprio n questo 
momento che grazie ab sensdvdi 


la pohilca del ivamgaio leader eu¬ 
ropeo SI e avvila piena contezza 
di^ schteramenn che esiiiono di 
fronte ab glande uincAiazKMte del 
la •socieia deffintorniazlone* Al di 
là delle cenhnaia di documenti, di 
dtehiarazioni edi nlonBazIon car¬ 
tacee che a dtsperio dei samuan 
etemona peesenu sul posto han¬ 
no conhnualo a cacolaie sommer¬ 
gendo ■ mb glomahsltaociedIM 
Contraddizioni del mondo moder 
no che discuie dele autostrade 
•MI ariormazione (che non tono 
tram aslatob ma reh. fibre ottiche 
IV albe tenne di comuweanone) 
senza saper ancora usare le amo 
vazrom di cui tanto saptentemenle 
M la finta di conoscere Dunque. 
Pefixs II quale ha messo Hcobelo 
sub piaga L «novazione va com- 
batuila. guantate con dWIdenza 
temute nhutate pei ■ nwbepkci ri¬ 
schi’Ione va conlraslals con sno- 
beino rwotuznnano’ Finn dalTe- 
quiHico. Dekn ha comenuto che 
<hi SI mchnxlerà n sè stesso é 
desbnatoapetdere* E, agore l'Eu¬ 
ropa con lirited suo mante deve 


darsi per spacciata e acceoare la 
sunremazia amencana’ 

Il conironio Usa Europa è stato 
messo in rhalio dalla presenza a 
quesio<suininii delCTdiAIGore 
gvàcefuesldenteamericano llqua- 
le ha dovuto repticaie all'mieiroga- 
uvo seguente *Ma non sarà un 
nuovo impenalsmo, il vostro’ do¬ 
po •quefio economico anche quel 
lo cufiuraìe’ Nessun dubbio dalla 
CasaBlanca di libero scambio del¬ 
le nionnazioni va a migliorare l’in- 
temse di luiii I popoli L'unico mo¬ 
do di apnre luiii 1 mercati avere 
una conconenra lotte Su questa 
■dea stiaino nc avendo un sostegno 
dai governi e dagli imprenditon 
pnvate Venerdì sera il presidente 
del petalamenio eurepeo, Klaus 
Hansch ha nproposio uno dagli m- 
lerregatM di tondo Cverocinla 
«cnolQgia muttimediala ci aiuta 
per gettare una nuova linfa dentro 
la dónocraz» Ma non pub essere 
un suncgelo della democrazia- 
Insomma chi avrà i benefici ottani 
dale «cnolgie ci saranno anche 
questa velia due •velocilà> chi avrà 
I mezzi par correre sulle autostrade 
e 1 ^ echi ne verrà escluso’ 

Deregulabon deiegulabon La 
parola d ordine à stala questa da 
p»te degb imprenditori Da De Be 
nedeiti al leader della Apple 
Spmdts 8 rapo dell Oliveui ha 
propririo e Detors ha convenuto 
di (ormare un grappo di lavoro eu¬ 
ropeo che porti alla prossima nu 
mone dei c^i di Stato del G7, in 
h^l» ad HaMax (Nuova Scozia) 
vaia nlìessione comune peichè 
venga messo in pratica un piano di 
azione Insieme a Giappone Cana¬ 


da e Usa Cb imprendnon europei 
sono pronii a stendere un calenda- 
no praiico da soRomenere ai re 
sponsabiii dei governi Net dibatti¬ 
lo la prenderne della Rai Letizia 
Moraiii ha convenuto che sarebbe 
■anacronisnco> applicare delie 
barriere protezionsuche pei difen¬ 
dere te cuirare ed evoiare le dise- 

K ianze •Possono essere le tv 
licite un’efTicace garanzia per 
mediare te spinie del mercato con 
le esigenze della società- 
Informazione per tutu ma a qua 
le prezzo’ Nessuno ha poruto dare 
In concreio, una rt^rósta suU'im- 
patto occupazionale Tranne un 
operatore della Nuova Zelanda 
che ha giurato su un’esplosrone 
occupazionale dcnuia all'applica- 
zione delle nuota tecnologie in 
un area del tutto liberaiizaala II de 
ntlo all'aoesso si dovià misurare 
anche rol costo per il consumalo 
re Altro terreno minato su cui per 
adesso non si e in grado di dire 
qualcosa di definitivo Gli impren¬ 
ditori hanno giurato che, in un 
mondo con i meicali aperti e inler- 
connessi che si partano senza 
ostacoli con poche regole di con¬ 
dona anche i costi duninuiranTio 
La nsposladtterà venire dal potere 
polHico e dai governi Chiamali a 
compiere scelte precise Al Gore 
ha dovuto alla fine ammettere 
•Le previsioni sono diflicili, specie 
quando si parla del futuro- Ma 
questa prudenza non gli ha impe¬ 
dito di aggiungere -ì governi han¬ 
no una storica opportunità per 
apnre il mercato delle telecomunv- 
cazKmi Noi abbiamo preso questo 
impegno» 


! Ftamigfil 
CMilro 
••riMConl 

Nella grande sfera della bioeiica 
entrano medcina, politica e mora 
le E propmi per questo monvro il 
Comitato nazionale voluto dall ex 
presidente Silvio Berlusconi non ha 
piùsenso Noncisonopuù infatti le 
diverse culture, sono stati cac c iali 
via I laici e alcuni, prestigiosi (si 
pensi a Rita Levi Monlalcini e Gk)- 
vanni Berlii^r) si sono dimessi 
per dissenso Trionfa I Opus Dei 
dice il professor Carlo Flambi il 
lustre «silurato* da Sua Emittenza, 
presentando à convegno -Progetto 
t»aelica« cl.e si terra domani sera 
al Circolo della Stampa di Bobina 
L incontro seivnrà anche ad illustra- 
ie la proposte di legge di riforma 
del Caltelo Bioebco presentata 
da Giovanna Melandn e Denis 
Ugolini I due depulah progiessisli 
rilevano che dovrebbero essere i 
due presidenti delle Camere a no- 
; minare i membri del Cornitelo, in- 
> cardinandok) non più presso la 
I Presidenza del Consiglio, ma alla 
Camera e al Senato E s< 4 >rattutto, 
a^iunge Ftamigni per assicurate 
la presenza di esponenii delle prin¬ 
cipali conenti di pensiero •Cosa - 
dice II professor Hamigni pionleie 
della fecondazione assistite - che 
é state cancellate neU'attuate Co¬ 
mitato- Flambi dice di essere an¬ 
cora in credito nei confronh di Ber¬ 
lusconi iCiedo ' dice - di aver la¬ 
voralo duro per cinque anni e Ber 
lusconl è stalo villano e maleduca¬ 
to Mi ha cacciato via senza avver¬ 
tirmi cosi come ha caccialo via gli 
alm laici Ora il Comiiaio à sbilan 
ciato e non ereditale Ed è anche 
pericoloso- Flamigni da un ooimo 
giudizio sul mimsDo Guzzanu che 
■ha nelle mani un documento che 
gli potrebbe permettere in dieci 
giorni di mettere onJine nella fe¬ 
condazione assalb< 


lunat* 

vMidwri 

PanneiJi aereospaziali di controllo, 
iute de astronauta e polvere luna¬ 
re all asta oggi e domani in Texas, 
vanno 1400 oggetti, ricordi deli'av- 
ventura umana va le stelle, dalla 
seconda guerra mondiale ad c^ 
LaNasa che non ha autenticalo la 
polvere lunare, pero non smenti¬ 
ste la provenienza dei saccheni 
che contengono il terriccio, me il 
curatore dell'asta presso lIJohnson 
Space center di Houston, Jim Goo- 
ding, garantisce la sua provenien¬ 
za Il centro si propone di racco- 
gitele un milione di dollan briciole 
nel budget dell ente spaziale, ma 
briciole signlRcaUre m un penodo 
di tagli devastanti Tra gli oggetti in 
vendite la tuta e il casco di Donald 
Slayton astronauta del Mereuiy e 
quelli di Neil Armstrong, le piocole 
sirene rii plastica che gli uomini 
dell equipaggio dell Apollo si ch- 
veitivano a far fluttuare nell ana, i 
pacchetti contenenti budino d al- 
barocca che gli astronauti si rifiuta¬ 
rono di mangiare L organizzatore 
MI aste Micheal Orestein haM- 
lo che non lo meraviglia che I equi 
paggio dell Apollo non voMse 
mangiare quel budino -Lho as- 
s^ato-ha detto epossogaran 
litvlche fa veramente schilo» 


CHE TEMPO FA 





SERENO VANAVU 



COfEBTO MOQQIA 



TEMFOMLE NENIA 


B 


NEVE MAREMOSSO 


Il Centro nazionale di meleoroSorila • cll- 
meloloqia aeronautica comunica le pre¬ 
visioni dei tempo sull'Italia 

SITUAZIONE: sulle regioni cenlro-set- 
tentnoneii e sulla Sardegna cielo mono 
nuvoloso o coperto con preapflsanm 
diftuae. locatmenle lemporalesctve e ne¬ 
vose SUI rilievi, a quote stqienori agli Wo 
metri su quelli sipmi e a 1400 meln su 
quelli appenninici I lenomeni sarsrtino 
piu intensi sulle Liguna. suHa Toscana e 
sulle leeoni nord-orrenlall SuHereglora 
meritNonall condizioni di variabfWà con 
tendenza a peggioranienio Al primo 
menino e dopo il (ramonlo vIsibiWà ridot¬ 
ta per ioschie dense e locali banchi di 
nebbia sulle zone planeggianh det nord 

TEMPERATURA' In diminuzione, più 
sensibile al nord 

VENTI, modereboloill. Inprewaisnzadai 
qwtdranii occidentali 

MARI; generalmente motto mossi q ag<- 
lati 


TWPmAIVRSIN ITAUA 


0 8 iTAquilt « B 

8 r BoinaUite 9 13 

7 10 RomAFiumtt 11 14 

6 $ 5 9 

“3 7“ Siri r M 

2 < Nipoti 10 16 

2 9 Fottìi» € 9 

10 H § ili Lauc» ~ 12 15 

0 13 _ 7 

t 11 MMìinft 12 17 

10 12 Palermo 13 ié 

7 1S Caiariia _$ 21 

6 10 Alflharo 8 15 

“il “ Cagliari s 17 


TUMIUTUM AU'WTtKO 

AmatarMfTì 1 8 UonOra 

Atant 10 17 Magno 

Bariiiw 3 $ Mosca 

HmcaMaa 4 0 Nlua 


1 

8 

17 

Londra 

Madrid 

5 

8 

20 

T 

8 

Mosca 

1 

3 

4 

fi 

N>££« 

g 

16 

•3 

s 

Parigi 

i> 

n 

6 

10 

blocco) ma 


s 

0 

13 

2 

ir 

Varsavia 

Viari nt 

i 

S 

$ 

6 


7n' 

6 n 
Eatato 

7 numeri 
6 numen 

Per abbonar? 



Anoudte 

L 780 000 
L 685000 


Semesira.. 
L 305.000 
L 3SS000 


bnumen L 685000 L 35S000 

‘er abbonarsi vanamenlo su) c c p n 4^38000 inicsldio 
Arca ^A dei Due MKelh 23-’ ) 3 00(87 Roma oppui 


presso te Federazioni dei Ms 

__ 

Ainod ('mFn4$*3U> 

Commerciak lerlal» ( SOOnoò CommenriAle festivo I 62 q0u(> 
^nale Pe'Oivo 

niiesim l> pag. l* (akkuIo U 4 800 000 L S 400 U(« 

Anesiro l«{)aB T^faàCKOIo (.3 600 00(1 I 4$Xion> 

Manclietteijifesi Vtac L2 0fl0i>!0 MwicrieiKeiieu S'ftn. UlirOUOftU 
BetSàrtnnab I NOUD Fliuiu Laui -Cmv» Aàtg ( ‘JOfìiu Fe4ni 

L aiQOOfr a teifob teoolopELf^roriD U^ioUfiitili EntBoiit* LH'O 
ConcEh.«cn«)nt pet In nubliKiu ttarauRale SEAT D(VlS]('>Nt^ 5TTT S.i> A 
Milano 20124 Via Kebielli 29 • Tei 02 SS38e7S0 V388S ( 

Bologna 40131-Viarie CnrfacirJ93 Te(05l 6347161 
Roin-i»)198 Vu> A Coreni io TH 00 }iV569CH)( 83369063 
N4i|>oli6i>l3'1 VoMitT D Af|t<i(K> l3 (cl OSI SS2IB34 
I CttUTC^Moriaiu pu*? la pubbkiiA localv SPI Romd viri Boero G. M iiG 3S18I 
SPI Milano V le Mklai>ofion all'idi 3. p'ila&oBB lei fC ^~S47I 
_SPI BoMtfliift. Vu dei Mille 24 IH oSl 231010_ 


dituTi(fia iit iK'uniie 

TviesianiTO Cenilo MaW Onrula t Ao) vij CollE Mah iTntL4i ^ (l 
VKf Bofc^gnu VutlolTopoesere t 
PI’M InJoiiitu Aili|irAll(a radvnw DuNiuno i Mo S Paiole (In Gi ivi 137 
SPS Vr A. Catania SnstjR S* N « 
fettfburiDtiE 5<10lPilffFZCiniM?fk>e t&f) \ iUaNU IS_ 




Soppierriefito quoridiano diffuso sui isrnrono wionaia 
uniiamerto t) giornale I Uniù 
tXrenora'tsporsaeilt Giuseone f Mennella 
iKiiz al n 2’ del 22-01 04 registro atampa M inbuiiala m hoina 


































1 


li 




L’atteso «Greatest Hits» del grande cantante. Con tanti classici e quattro inediti 


Grazie Springsteen 
A Sanremo 
ci hai salvato 


■ SANREMO Nonvisaiàmaicapilatocllpaclsireconuncd 
di nvolgeie tenere paiole a un dischelto spesso come un o 
sila di coccolarlo di guardarlo appoggio sul comodino e 
pensare che vi aiuletà a dormire i^ù serenamenie Follia pu 
ra d accordo Eppure diciamo la venti maneggiare il Cura 
lesr Hils di Bruce Springsteen sulla riviera dei FVin magari 
dopo csscrescampBUalgoqheggidiAmonella Arancia do¬ 
po essere soprawissuU alle imboscale mekidche di Danilo 
Ameno dopo aver airancato sugli acuti di Lighea ipropno 
come novale una cassa di bina gelata in mesto al deserto 
del Cobi Due qui dell affetio incondaionalo che ci lega al 
Boss è tempo buttalo sisacheSpnngsIeennelcuorcista e 
si sa che da anni (i piti innamorali àddiiWura dal secondo 
album) SI aspetta un disco che raccolga le sue cose più bel 
le Co^ superata quella sorpresa felice con cui si accoglie 
un salvagente menire si sia affondando nell oceano si mei 
tanoinfunzioneimagiciraggilaserdeltettorecd Esubuosi 
vteneinvestmdaunTirlncorsa I attacco strapotente di Som 
lo Rim la chitarra del vecchio Little Steven il sax di fratello 
Clarence Clemons i bicipili della gola di Bruce E poi quei 
quamo inediu che deano chiaro come II pcnodo di Som m 
thr Uso rappresemi ancora oggi a un decennio di disienti 
fa m«tlina aepreesfone emotiva raggiunta daJ mck n roll 

E probabilmente anche una quesUorn di immaginano 
di sogno. Con Bruce slamo itau seduti a fumare ecantaie sui 
sedili poslenon delle Cadillac rosa con lui abbiamo portalo 
a ballare ftauftu nooosianie il di lei padre odiasse noi toc 
kercolgiubboiwneioeillutuioincerto con lui abbiamo vi 
sto mesiamcnie chiudere le fabbrlehe del miracolo smenca 
no e passeggiato di noia in quei paesi dove non succede 
nulla Mta iTrock sari la letteratura che abbiamoconsuma 
lo Quelle Sieinbeck di fltmie quel Paulitriercosi impieioso 
con f peidenii dannali della terra cresciuti a blues e digiuni 
toRati Eta I America pulita che non sparava a nessuno e 
che cercava di sopravnfveie fino alla manina dopo a volte 
proprio contro quell altra Amenca quella che mena le ma 
ni che sicrede John Wayne 

9eH» mauione MK» e òche àim hoteiR <xniitmlk 
man sempre In funzione elendilafolladlpellicce ilplanc 
ton di Mercedes e soldi facili del Casinò gli aspirami camor 


un Anne Palchi qualunque E li ! 
chiedi se dMio Bnice c i una vita | 
che pulsa un orizzonte pia o me- > 
no mitico un film di desideri che : 
cl sari di notevole di vero dietro 
Lorella Cuccami dietro Toio Cu 
tugno^ Da quali Bodkmds ver^ 
ncK e come saranno siati i loro Ciò- 
ly DayS Meme solo mstezza e 
wtoiopneumatico evogludisuc 
cesso senza nemmeno quel profu 
mo eh nscalto sociale che emana 
dal piQili nsn, dal ccniometrisli, 
dai ragazzini cresciuti con la chi¬ 
tarra in mano e dlvemaii alar per 
caso Bnice^i^leen hansche- 
lo di venire qui anche lui DI aoiri- 
dere alle telecamere di cantare 
5beets of Pliiktdelptna m playback 
davanti a sedie da mezzo mlinne a 
bona, dove II dramma umano è al 
mareimo II rimmel che uria o la 
papera In direna Ma io ci penso 
ora mentre nel Walkman scoire My 
HomeKHai. avrei comunque so¬ 
gnato di poriarin a spasso per la 
citli del fiori e tamil raccontare di 
quella volta che baciò sulla bocca 
fratello Clemons. E magan di sus¬ 
surrargli In un orecch» scappa 
Boss non cl hai Ins^nato lu che 
slamo nati perconere? 


n rock ritorna nella E Street 


ALMMMMO 


* Rarainenieun(3iei}A5r//ierie 
sce a suscitare tanto rumore quan 
IO quello che 0mce Epnngsteen 
manda nei negozi da domani E il 
motivo i semplice quattro pezzi 
medili {Seem Garden Murder In 
corpoaHed Blood Brothers, The, 
Hód Uind) condili se non bastas¬ 
se dalla notizia che il Boss per re¬ 
gistrarli si e punito temporanea 
mente ccm la sua mitica E Street 
Band Boy Binan Clarence Cle¬ 
mons Danny FMeiki Nils Lof 
gren Gany Tallenl, Sleve Van 
Zandl e Max Weinbcrg Come ai 
vecchi tempi Ma non c é reunion 
in vista £ stala solo una rimpatria 
la euidictrononsilonu 
Intanto questo Createsi Hils, che 
esce suaiegicamente alla vigilia 
della ptoclamazKme dei (jrammy 
Awards (e Spnngsteen ha una no 
minorion fxr Street uf Pliikxlel 
phia) dovrebbe nemptre il "Vuoto- 
m attesa di un nuovo album an 


niincialo entro la line deiianno 
Impaccnettiio enn un ccnedo di 
foto e di apputiA autografi da In 
sinngeie i cuon ai fans una coper 
Una che e gii un dassico (con kn 
dispaile leans giubburtodipeilee 
chiiana eleitnca mato per corre 
re-) e sedici pezzi per nassumere 
una splendida camera di mcker 
che forse ha guì biuciato ■ suoi 
giorni più belli ildecoeinacele 
brazione in piena regola Baile con 
Som IO Rune prosegue con Thim 
der Road (-Mo rubalo il IMrio a un 
film con Robert Mite hum e il suono 
della voce a Oitsson almeno 
Cl ho provalo ma Innocenza a 
quel icmpo era lulla aun) pa 
Badkmcis (<)ueM eia i d^o n 
cui ho capuoche cosa volevo scn 
vere qualeialageniertieconlava 
per me e quello ctie volevo dnen 
lare Vedevo i miei amci e la mia 
famiglia tonare per condune una 
vita decerne c sentrvo una sorta di 


eroomo quotidiano in luliD questo 
LoseMoancoi») TheAuerMun 
Snr Reai AUaooc Cil} Danari n 
die Dar* («Una massa di ragazze 
di una scuola canofea « -.-eica di 
auKigiali mi nncoiseiosulesiradc 
tfe New Voci urlando che avevano 
VISIO il video Idolodelleieenagera 
3S anm” Mi * puciuKv) Som m 
die Usa. My Romtiouei Ctiiy 
Days. Snfionr Desaise Human 
niiKh SenerUiysf-Conildeside- 
no di un hglio e sui punto di spo 
carmi per I uloms vofla ira sereno 
un uomofeiiceche ha dei momcn 
n JAcdl pumoslo che d cantra 
no-) SaeelsofPMaikiihiae poi 
■qualuoineiMi 

Uurderlncorponjiede VnsHad 
laiHt cono due pQzi scrflti nell tS2 
enuicompaisisuilKio 4^ivec 
cip lanschedaanumelDclwcdo- 
m> senio d Boss a proposito di 
Uiadei Ine reahaalo per Som in 
die LHa ma poi nmasto fuori e 
mollo nelle corde di quell album 
rock energetico ccmiappunialo 



MCNBUAMMUil 


dalle lasilere e dai con che paria 
della mania luna americana per le 
anni 7>MM>diz»d(i«gisiraialo 
scorso gennrao a New York) i in 
«!ce d veoefuo Epnngsieen che 
naOioia la voce rabbiosa I armo¬ 
nica Il suo amore per la lena an 
che se e una aìuia lena- dove non 
pavé I sena non crescono lavila 
e diffiicilee I unico consiglio buono 
è <iay hard stay hungry stay oli 
un xaetCadeneBloodBrodieis 
sono invece due pezzi nuovi di 
zecca due baiale moibde dolci 
conundredimalinconico Siache 
parino di atotiuniedunne- dello 
ro senumeivi edella disranzache a 
volte II separa siadiepariidiami 
ciZM come m &ood Brothers che 
ò chiaramente un omaggio di 
bprmgsieen non solo alla E Street 
Band ai suoi vecdu compagni di 
strada ma anche a un periodo del 
la sua vna ormai passato per sem 
pre comesonopassaUpersempre 
gli anra delle comphcila adòle- 
scenziak 


■ Si aspettavano il lutto essumo 
non fosse aliro per la pubblicUi 
procurala dalla copertina e dal ser 
VIZIO di Selle e invece v«neidi sera 
il •Cinemazero- di Pordenone ce 
rane si e no 150 peisone (su 300 
posti disponibili) per la ghioila an 
lepnmadi TiieAi^Krìódtersond 
thè Coke ChK-tia perché il lumino 
semiamaionale piazzalo in coda a 
Kika annunciava una ManJyn 
Monroe piuilouo medita tanto 
medila che nessuno é nuscilo a ca 
pire se fosse propiio lei la ragazza 
biondi dalle notevoli tene che si 
spoglia davanti alla cinepresa tra 
siullàndcai cun una mela e una 
bomgiia di Coca Cola 

Roba del IMS girala in biancoe 
nero a ISmm forse un prcrvino per 
gualche soiKore mai lano ma la 
le da suscitare lacunosiia dei gior 
nòli Con qualche ragione potché 
llcultuOi^nlyn-ah lasua>rovi- 
ncisa innocenza»' - non ha mai 
cessalo di fare proselin nnnovan- 
dost di generazione in generazio¬ 
ne aprendosi a nuove suggeshoiu 
L Ansa informa che perloccasio- 
ne una vernina di speiiaion si sono 
■senili ai cineclub di Pordenone 
Neanche lami considerala la mor 
boseua cunosiia (cinelila’) che 
awD^eva I evento Ma è probabile 
che nei caso fosse trasmesso da 
Chezzi in Fiion orano il conome- 
Dagg» Innescherebbe una sorta di 
referendum popolare del tipo 
•meglio Anna Falchi o Claudia 
KoU’» 

Giovali Ballista Brambilla -sui 
dioso di Manlyn Monroe- ha gii 
sollevalo qualche dubbio su Sene 
per lui la Candy Ban del filmino 
non é Uoima Jean Baker futura 
Manlyn Monroe Troppo ^nghe- 
rata la sua risala troppo impaccia 
lo II SITO comporiamenlo noppo 
magro II suo corpo anche se-aiiv 
mette I esperto - il profilo della ra¬ 
gazza e sopraRullo quel neo visto 
so all attaccatura del seno sinistro 


per un ahlino gli avevano fatto le- 
mere ilcomrano 
Piergiorgio Bellocchio sulle stes¬ 
se pagine sostiene invece il con 
trailo -Se la ragazza del filmino fa 
intravedere la tulura Man|m i per 
la gotf^ne I ii^emnti 1 marmi¬ 
li I araareme ocaggine proprio 

3 uri diieth o lacune che nella sor 
Heniaranno albetiaiite virtù- E 
sia Infondo non dispiace pensare 
che la bionda star di Fermeiadeu 
lobuso Quando la maghe è in va 
conzo abbia cominciato cosi la 
propna camera tra i lenoni di Hol 
lywóod Spogliarelli calendari 
oixin» Kostumaie provini arnbi 
gui rildgansoiiolesiguaidodrun 
produtiore lubrico o di un tesogn- 
fo cavallaro a cono di dollari » 
rebbe un omino soggetto per uno 
di quei gialli di Suan Kaminski am 
bieniati nella vecchia HoUywood 
per lo piu storie (mvemaie) di n 
catti e minacce cucili addosso a 
personaggi (ven) degli anni Qua 
rama 

Ma torse non subi nessun squal 
lido ricatto la biondina che anima 
il filmino proieltato venenB sera 
(con replica len c^ e domani) a 
Pordenone Su una arionrva sono¬ 
ra posticcia che nproduce le voci 
di un nighi SI vede la (supposta) 
Marilyn spogliarsi velocèmeme per 
restare prima in mutande e scarpe 
COI lacchi poi completamenlc nu¬ 
da E nel fialleiRpo giocherella con 
una mela facendola scorrere tra i 
seni nonché con una botnglia di 
Coca Cola ilcui liquido neroviene 
spruzzato sul corpo Eccilanle'’ 
Nemmeno tanto anche peiché-a 
della di chi I ha velo - la diciotten 
ne m auesnone non possiede gran¬ 
ii doli di spogliarelllsla Proprio 
come quelle ragazzone scafale e 
avvenenti che vediamo c^i sera 
comorcersi in tv nelle pubblicità 
dei leleloni erotici ^>pure come 
escludere che ira loro non ci sia 
una nuova Manlyn’ 


PRIMEIEA1RO. A Roma lo spettacolo di Brachetti sul celebre trasformista 

Se una notte d’inverno un fregolista... 


«OSMUA BATTIAn 


■ ROMA Pone li fantasma di Pre 
goti non svanirà dalla vita di Arturo 
Brathelii Anzi potrebbe diventare 
una seconda pelle per I estroso ira 
slormisla dc^JO il musical ispiralo 
di suo illusile predecessore Eque 
sla perché Fregoli t uno spettacolo 
liuscilo cflliace fascinoso che fi 
naimenie ronde giustizia alle mulli 
fornii ahilili di Brachetti Merito an 
che di Ugo Chili autore d( un leslo 
corposo ni-ii casuale c che asse 
conda il lalenio di Ariuio senza 
vezzcftjlark) Ne fu nsuonare le 
corde spcnmenlale della fnisa e 
della l^crezza e ne stuzzica al 
tre InsoMietlaie di Inquleludino c 
lencbrusllfl Cme^coslunnlrallo 
ricco di ombre o luci un afirosco 
lioflm.inniuno laho di doppi (Fre¬ 
goli e il suo sorta) di rispecchia 

nienti i dt ritonil dol nniosso che 
jirendoiio II corpo di -vlreghe sinl 
sire smuovono spciiri infamili c n 
citfdl rt-nioll, 

E IMI hTcgoli fehbricliunic rtaii 


co e affannato quello che appare 
sulla scena viennese a fine vccohi 
mentre 11 -vero- pubblico del Na 
ZKmale lo ossmva dietro le quinic 
scccorso dalla moglie prenuiiosv e 
Vagamente ossessiva Acioite an 
che il lido servo Catone iiii)«iveio 
gobbo di trascorse loriune notnliari 
che il Iraslormisla tiene il suo se 
guilocoiiie poitaforiuna M.inc.i 
invece il sosia Romolo Crcsrcnzi 
che e andato a compeivjm i suoi 
loicnil Irusirah nel Icllo di una prò 
rtiluld La situazione precipiti e 
dopo aver finito a sterno la ree ila 
Pregrriicadeammalalo eiineltlie 
é pesilo di scarlallina ima malli 
Ila che potrebbe coslnngcrc tinti 
la compagnia dentro a un lizzaris 
lo Una vela iattura prcipno idc-vvo 
che II Irasfomiirta si i loci inilo il 
Ciilmliie della sua cclclmla evi é 
stalo invit.ito ii celebrare la fine ilei 
secolo (Siamo viehii al capiHlanno 
de) 1899) con uiigramlrsjx'll.Ko 
lo La soluzione-SI alfweia iiisix^ra 


la grazie al sosia sari hii a sostituì 
re Fregoli in un gioco di doppio tra 
sfoimismo uno per la geme che lo 
nteiri II cero Ftégoli e uno per ri 
pubblico che mterverrà alsiiospet 
laeok) di metamorfosi Ma un im 
prevKIo azzera gli effetti <MI espe 
dienie c cosinngc aBa clausura la 
compagnia nrenire Roinok> 9 av 
ventura du sol» ncV ai» del iiiicMi 
miltainio 

Quesid la irania che la regia di 
Saveno Marconi ciiu aciortamcn 
le suundoppiurcgislroanchevpa 
Zkilc usoiido dpfOòLenioc losfon 
do cuniemporuiK.dnKnie pei far 
sfilare i quadri dd raccuMo c di I 
vissuto dcllinciibiv c dilla nati 1 
Un ingianaggn>iKlquak-&iM.ticlb 
SI inscriK-c con consiiiiu'a espe 
nenza -olio- che unge k. rolcllc 
dello s|x?nnc>ilo itienln -a illomi 
CINI fuiore ariisHco Ira li kicidst 
del sosia e idclin di Fregoli 

( é -iiaizio pei i suw -ap meni di 
sempre dclizinsuncnliknDli che 
ivhiiiTHiiNiquiiin-ianiieAiKi sa. 
rie incora ^ù|xnneMc hn-Mi 

r 


bile il suo imikivdie nella parodia 
di Alda mentre calza e scalza ■ 
panni ri Rarlaint& ri Amnens del 
Faraone e liitanche del elefante 
Si nirowi la sua aimia m punta ri 
macciiKlli II irasforrmsmo aBa 
Flash Gordon (Fiertuh imptegava 
circa venti scsaindi iier c ambiaisi 
ad Arturo ne baslarro tic ) Ma c 6 
vRaaiiitlo II siiqiii'-a riscopne 
un BrKhcit dver-o innervato di 
pam c h-nsinn i Iram iKisino 
rframmal r o Raggornitoblo in re 
gressiwu cdipala- petseguttito 
vivilo s|K tiro jiatrrnu li llvciil|vi 
Pòftecqa c crirnpiai di que-di 
ir>i-i|rinni/iunc- di ton gh altn 
voin|Kif(rudi-ac iv-rodali cNin i 
ila onn rliliviirr all iiuv irai tScll i 
Irnip-^iidcgiKancia Dòlafla 
RriilincsiiiatidvIlinMifgM iBiin 
c uiwirirt Urli 1 il mori laahi ( no 
K ih> --Icvsii VivcrKi Marciai ) 
itiliIviimillalac-kUirrnan rfclan 
imsiiw (Rovalu Ijanbaitil iQi 
coCDiKAi I iccilazaiiK di lutti gh iri 
tn f AiUinu Virreniiid ManclLit. i 
-àili Anhami litvcisa Snlmni 
s 



Fibiia M rssimu 5dizi Amadé) E 
ve le musiche (di Bruno Moieltil 
lesi u)n nel lant» di uno coiTella 
grnlrviile/za reA.neeccjaumi(Al 
ri> Di I un nzo i Lrm De Vuiccn 
Us) (ireciranu d musical con (len 
nell ik. v^uiose c intense m per 
Ima tssonaiizdcondcarvtleiego 
iciidviaiierioimvnce accollape 
ritin tla(RindiapplatAi 
Preveihamo che questo Fremii 
licrac-quitcra- hacItcBt v lui^o 
M> rlsmccuo si sa. é dok r e lie 
«. 


OLIVnSTONE 

«Il cinema 
è una droga 
pericolosa» 

■ LONDRA Una provocazione 
dietro I altra per Oliver Sione in 
tournée m Inghilterra per il lancio 
di Nanirol Som fCifteis Due giorni 
la ha parlalo della -tv della mone» 
len iiitervislalo dalla Bbc ha dello 
che -Il cinema é una droga penco 
tota elio può spingere la gente psi 
colabile a commettere atti violen 
Ir La Irrise la notizia percivé amva 
da un cineasta estremo e iconocla 
sta spesso accusalo <li essere un 
■messaggero di violenza" uno che 
mette in scena la cnideHa Ma il 
butklisla àfone insiste nella sua re 
qiiisiloria -Il cinema è un mezzo 
potente V Ile entra negli occhi e nel 
cervello- ancive se bontà sua ri 
conosce che -la siragrande mag- 
gioraiiz I (Iella gente é alhezzala a 
vedere 1 lilin- c quindi In grado di 
non sparare a giialriino sob per 
essersi fall»un lodc-oaverfumaio 
dell erba 


HOLLYWOOD 

Spielberg 
cerca 
nuovi soci 

• WS ANGELES Volete entrare in 
società Con i magnilìci tre Steven 
Spielberg Jeffrey falzenbcrg e Da 
vid Ceflen nella loro già mitica 
•DreamWorks skg-’ Si eccellano 
ollerte a partire da un miliardo di 
dollan La nuova società hollvwoo- 
diana la «fabbnea di scrini» fonda 
fa dai Ire megaimpiendiiori ha de¬ 
ciso di voivdere il 33 per cento del 
proprio pacchetto azionano per 
una citia che a aggiro appunto 
sul miliardo Qualche nome dei 
probabili acquirenti cògli sip.vTla 
del colosso coreaix) dell elettroni 
ca Samsung e del fondo pensioni 
dei dipendenti pubblici della Cali 
fonila maeslalofallo anche il no¬ 
me del colosso del software Micro 
soti L inve.qimenlo dei tre fonda 
i-nn é di 100 miloni dt dollari cm 
scuno c SI s-v che i Ire vogliono te¬ 
nere <1 un nwiumo ri rwimeio de/ 
panner 














pagiiiciOlUnii<i2 

RfMUNO 


MATTINA 





tf I 

Si''! 


I <(t>ITALIA 1 




CANAU5 


I nWMMNNO 


7» àSKnAUBàNDAISPECIUf-U 
UNUKUOZECCHHO’ {7794| 
un l UBERO AZZURRO VarieUper> 
piu piceni 1H23) 

Ul U BANDA DEUOSCCHmO-00- 

MMCA VaiietA |K399D«| 

IO.W UREA «EROE OReZOHTI Replica 
(67K030I 

1055 BANIA MESSA. Dal SanUiaiiP S An- 
tomoinCamposanpieio I31900E5I 
1155 RAWU EVITA LEHOTIBE. RuPri 
caieiigiosa (95559SJI , 

12.15 LBEA VERDE H DIflmA BALIA 
NATURA. Rubiica 11696»!)) 


1SJ) TEUGIORHALL 126991 
tun DOMENICA M. Conteniwa Conlu 
caMaraVenai Con Stelano Uaacia 
lalli (9676107) 

155* TGS CAMBIO DI CAMPO Rubrica 
aportiva. 12636510) 

USD TGS SOLO PER IFMUI Rutuica 
apsfi « (9745775) 

1150 TQ1 190626) 


»50 TEUGIORNALt |133) 

2150 TG1-SR0RT (66626) 

2*50 PAZZAfAHIGLIA. Uiniune Tipi 
buone fiala' Con Enrico UonllH 
no Paolo Panelli I6U125) 

2251 U DOMENICA SPORTIVA Rubre* 
uortiva Conduce CianlriKO De 
LaurentiisoonS'uwPiuu! AiiirOer 
n9 23 26TQ1(9S3S268| 


a«5 TS1 NOnt 11902719) 

0.10 TOR MEDIIEMMCO (64260) 

Q5S CAHZQNCOSRIA lOU VarielO (Re 
plica) (92134471 

215 M’HHUrO Rubrica tpoit va (Re 
plKPl (73940431 

259 UIRUAOCL(2A7TOPAROO. Oo- 

ouminlano 19180224) 

25* TOt NOTTt IRMmI (9921331) 
121 WTOURNK Muiicale 16238600) 
toc INRLOHiUNnRirTARIAMrAN. 

ZA Attuilill (144689021 


«59 HAmNAHFAHKlIA Ccinlenriore 
Miinlemo 700 600 9(0 76 2 
MATTINA 7 30 6 30 9 30 76 2 UAT 
rUAPlASH 125997930) 

10.00 TG2-MATIHA (17991) 

1055 DOMEMCADBNEV MATTINA Con 
lennore 1133063651 

HM CHEFKHAFATTOCAIMIENSAN- 
DEQ07 6 0(0(66991331 
II5S DISNEY NEWS. Notunaro «al moMo 
diWabOiSnev (1001699) 

TIRI KOSSOM. Teleinm (92201 
1251 HEZZOGIOIWO IN FAMKUA Con 
laniloie 133317) 


1250 T62 GIORNO (19881) 

Ileo U DONNA ESPLOSHA FiMi con 
media (USA 1985) (9397317) 
l&tS ITALIA RK. Documenti 'DaEftore 
Pelrdini a Roberto Benigni paaaando 
per Telò Soldi e tubi gli altri 
11246249) 

tuo DOMENICA Dmev-POHERIGOIO 
ConieMIdre |5E3ID38| 

H50 VENTBAU LEGW SOTTO I HARL 

Film amenlura (USA 1996) 
(9*1111621 

1041 CALCIO Campicinilo di Sene A 


2B50 fOS-DOHBICASPRMr Notaiaro 
tponlvo 14084) 

2151 INUeVIFUIOIPeMVHASON Te 

Mim Dietro la iicciaia Gonfiai 
bari Naie William R Moaed 
1244*423) 

04* IS2-OOSSM AnuilirO A cura «i 
Paolo UeiKci a Claudio Baui 
(37716291 


235* rOd-HOTTI (70201) 

211* PKOTQTAlIRSlHO. Rubrica rei 
glOU (146*3411 

150 2*eaAUvnEO«ANRe lesfa 
ROM M U MTIWK Q Oocv 
menu (3026983) 

IJO lAOtONORACONLTAIL Telelilm 
(22648401 

1*9 1AMIMOGOI*U110N Rrogram- 
mamucicaie (9331244) 

131 OfUMI UHNIM4IARI A DHTI» 

a AnuilRi 1623*57371 


150 lOO EDOCOLA (2000404) 

(55 FUOMORAMO (4690126) 

*50 CONCERTO. Sèiloni*» OiDlail» 
noreop 65 ScoTzeae «FebiMan 
deissoltii-Barllioldy Oteim dt 
nandteaGavaziera (64088461 
05$ SCI Coppa del Uondo Siaionape 
culi l•Iml<llle 1* manche 
(417719301 

1150 IPPICA Voho World Cu* Concono 
Ippico (rlematonale (743997) 

I2S sa Coppo de! Mondo Slaiomapa- 
eialelemmn!o 2* manche (452*^ 


1130 ATIfTBA LEGGERA Uaraonna 

RomarOana 12224) 

1450 IGRffGSPOHfRIGGIO. I2733M 
U5S OAUCIMASPEnANe.. Rubrica 

aporwra (520404) 

1459 QI4ELU CHE A CALCIO. FMbnca 
spomva. (6218369) 

1U0 CKUSMa 16923969) 

1731 AflfTICA LEGGERA CarrifKaiM 
ita!ianiaiuiu!i (177616) 

Ita IPPICA VoIra World CopConcoiM 
Ippicolnleniuianale (3490443) 

1159 OOHBiCAGOL (9077IB 
M50 fSllTGR Telegiornali (2»t7) 
ig5S TGR-SPORT 1630189) 


ai8 «LOICARTOON (469084) 

na psa coMccrui Fum pouie 

acoduM 1999) Con Mitieie Placi¬ 
do Smono Cavalieri Regia R De 
mianoDaraiani (90982) 

aa TG 3 - VfMIMI E TRENTA Tek- 

giornale |68Q84| 

tUU LIAUREAIQ YIAGOaMCOWMI 
OCLLCPACarA (37S9S1) 


3450 TGO-EDKOUl (OISII 
1» THEMIUMMTNiniQOXU 
GONNA DELMRATTOI FModrem 

maicsdlSA 1944 bA«ConEda«4 
6 Robiuon Oan Owne (voi 
(709390) 

110 T63 EDICOLA AliuaiQ iReplul 
(*9399091 

ìX NAREM Taii-tiiw (Reglcn 

(9021924) 

U9 LTIMtO DI PAGLIA FMiRammili 

coiUt4 1999 tvnl ConPieNoGai 

inLu490eilailooet823S337M 


la SAMUMI Teletha|SMS220) 

IN FAHLTlOPCSl Ftaconnieil* 
(Snaaen 19001 «131170861 
sa AfPAREFATta fUm (1162) 
toa eCMINICA « COMOIID Onte 
MfdamoMedelaScala USa 
creOo P idi em pa RlgiitSliaraiMii 
OnIoreLomlluatI (Bini 
na CERAVAMO tMTO AMATI STORY 
la* elmi (B2*i| 

Ita TGi inaM 

IW HDMCMEACOHnOKrO IGUEtm 
DELUSOCTU Rubnea (STOMO) 


ila 164 «08281 

Ha IMHMHCEDMWA FMaUneo 
(GB 1982) Con POei OToM Alee 
Gaanaas (lega A Oava late 
(29*7771^ 

ira streoapsamoal n issiq 
UN AMORNGSiCOLOHBD TeMM 
1 * 0 » guMnameriie afe tahna 
Con (Mlv FA Al Meno KNTQ 

e (8280616 


aa MIA 6A Ncai. F*m coglierla 
RUM 1987) Con ReMM Peaaeia 
Fnacnsu Oelera Reya d Serga 
Cortoai (SB7lS7»l) 

2250 I CANGI Rose OWeiL TeHHm 
(3788791) 


aa TG4-Hom mt*) 

a« FBGANMEZaHOm Ftedtem- 

mabco (GB I977| Con Brad DiMa 
Rad* Oifed Riga A Nan Parker 
(1284*821 

IN 265 RASSniMSTAMPA Altwh 
MI23W)90I 

IS IJEfFOSCa TeMhn ConHte 
E«an» babelSMotd (83*6*24) 

IN IK CUQM M APmiO. TeMdm 
CanMinRiler |S«i7() 

IN SAMURU («leMm (TMiON; 

IN UNASttLUIRA FfeitefedlMe 
19891 CMJean Som (320iSeN| 


8a ini BUM BAH Programma pena 
gaui ?4249626) 

1052 HAZZABD. Telelilm Con Tom Wck 
pai John SchnMer (1823628) 

TI 8 RDBDCCA Telefilm IReplicai 
(07I8I7I) 

112S nUDIOAPBtlD (8I343I7) 

I2a ABAHU TeWitn Unvecchpami 
co' CooEAonWavne Peter Pairoa 
(«7) 


isa BUM U CAMRIONATD Rubrea 
aporma Conducono Sandro nccnin 
ehlaursioUoaca (29626) 

Ila snUDAWITD I81S2) 

Ha I Die HAG6IDUNI PAI'HAITI tfi 
MONDO. FM comico (Itila 1970) 
Con Fianco Ft*n?r Cdtio Inguaila 
7$.T6»; 

Ha PANADNE Teialiln *Dd avolo del 
IMte |76ai| 

I7a LRABAZZODUnHONOtPOWl 

FiMcommodiKLISA 196» ConKim 
RourShiaii Amrfiaxier (692761) 

n» SnMAPERTO (8365) 


3la lENHfHlLWDM |3268| 
aa UN UNGO «EK-END te PAURà 

FAnuoneiuSA 1994) ConRoben 
Pamcii Niet Fieanvood Nega di Jo- 
eigtUeihi([iiimiinaioneM (49201) 
22a PSESSRNL Rubrica iport»a Condu- 
oaftancindo Viineilo con U coiiat» 
iMni>eAAr«ineilbE"l (46109101 


aa$ HAI tw GCA - PUMI. Sh» 
Conduco a SibibPFaa Band 
(l*39e»i) 

2ta NiDiniAhRe A NUOVO MCVNO 
Specole (32331) 
oa nuuiiPORT amm 
>a DUSABATOULMOr Filmcon- 
meda (itMa 1962) Con Uetanne 
HtM SeronimoMeynet [9[dì4661 
IN AtamoMATTEOTTI FlmAaifr 
mocoWbia 1973) Con Mare Agcrt 
RiCC*r0pC«cCiCla [9966824) 
aa HAZZARO (Repnea) (48363633) 


850 TGS PRRUPAGttA Piogranma 
attuai A (43201(9) 

*a LEFRONTMREOEUOSPIMIO. Ru 

bricareiigieea (93*6861) 

955 SCOHTHEHTL Allunila (49946101 
Ha LA COMPAGNIA DEI VIAGGIATORI 
Rubrica Conduce Lieo Colò 
(4917201) 

I2a SUPOClASSnCA show Muarca 
le Conduce Maurice Seymandi 
13085) 


< 

tuo 161 Noluiarc (4794) 
tia GOMMAPIUMA. Sito» Regad Lo- 
renzeLoreniiniiRepiica) (47626) 
IMS BUONA DOHBBCA. Comnllete 
Conducono Gerrr Scolti e Qabrielia 
Clilucti All interi» (948199391 
IMS NONNO FCUCE Situation comedy 
SteUtlilrisct Con Curo Bwmerr 
(47967751 


2Da TGI Wliciarie (6626) 
aa VADOUMAlSItO Spe.iala Con 

ducono Gerry SeeRi e Gabrolli Cir 
lucci (649691 

aa ROTOCALCO. AKual A AcuridiEn- 
ncd Mentana (41331 


aa NDHsaoNeoA Anuai» (2930) 
aa AivnovoLuie. i'2di) 

SAN TGI I4c4i:iii e 189606) 

SU LANCILO. Aubiici 18 S 6 O 61 
(56 SGANOI SSTTIHAHAU AltvalM 
13313756) 

119 HISSIO« MPOSSMU. Telefilm 
(6755653) 

IN TOSEOnsA Con aggiemameni 
alle 30040D5U6DD (124946) 
za NDNSOlOMODA. (R) (964D»[I) 

19 » AHIEPICHA (RapliCb) (M5117S) 
Aa ROTOCALCO (ReptCI) (49365911) 


7A EURONEWS. (3310639) 

S5D AGenESPEOAUNUNOISASIRO 
HUCaiZA. Telai Im (9399249) 

*59 sa Coppa dal Monde Slalom lem 
minia 1 manclte (8342336) 
na EQUITAZIONE Cc«pa del Mondo In¬ 
door ( 8182 ) 

lia lAIARDOSMW IR) (8639) 

UN HiOUII. fienedizioned SS Pepe 
Giovanni Pectpll (12610) 

IMS VEROEPAZZUOU 14329268) 

UN SO Coppa del Mondo Slalom (em- 
minile 2 manche (3173171) 


1458 TELEGIOtlHAU FLASH. (17882) 
HI* ARMA SEGRETA. Film sponaggio 
(USAIAualralia 199D| Con Gidfn 
Sunne Karen A])en Regia di lan 
Sharp (8979065) 

HI* EOUITA2IOME. Coppa del Mondo In¬ 
door (66639691) 

UAT TEEESKWNUE. (783C325) 

Ila IMCSPSD. RuPrica apertivi Con- 
duceMariiLeitner (993201) 

ISa sa Coppa del MonOo Supergigan- 
lemaachiie (S729249I 


2*58 TELEQIORHUE FLASH. 19074442) 
7*58 GALAGOAL RitPnca aporliva Con- 
duceSipigioComaBchi (113442) 
au THEQIOFMALE. (8394862) 


ai9 CARNI. Finiavveniura(U*A.i9e7) 
ConjohnSavHie UtaGIgvet Regu 
diMichaalKannedy ItmTTSI 
la GALAGOAL. RubncatporllvalRepli 
CI) (1260N2) 

14 EUMNEWl (22)902*3) 


PPOMERIGGIO 






mo ir MINIO Rubrica sportrvb Con- 
duceGiampieioGaleazzi (9716220) 




NOTTE 



-«np ^ 





UH AHY ut (MAC» 
(OrMeori 

Ita KM IVSIHIUIPLAn 

IIIHHl 

M WNC MNtinM 

Sptul 1Ì93367:) 

ira VH GMitMiruaH 

l«I77»>l 

ira TONPEnv seacir 
ww 

tl« NNVCUfFEUUTK 
VUlllWS) 

UH W aiOMHUFUHl 

(Miri) 

059 TIR HO. Irdnuill 
N» I657H91I 

TUO J*a I dltolctl 

r7(7«l 

iUP IM» (6«H1| 

aue Roa Kvotiniw 

(RrpiKai HOSzem 



HIP ODIMa CnCM 
Megtmrd soorl.ailiv- 
rieaPMliILdtiuOa Di 
14 IHCKHn 

1I1S CASAcanzzi 9iua 

uoncomedy |2Ce9i] 

1149 OMMÓratasai 

W IBinri 

HH taRaMECIKO Pilin 

inwhH (USA 1W) 

Cnn Velerà Hrlin 
Prtonei Flmu'g tUgu 

9 Jetepn U Meniti 
iHTieS) 

2IM TBOrUSA Sirsca 
qeoMana dnlernaiiu- 
M lepivra iPiplica] 
(TOMbtl 

Zia (PRWE SKTIW» 

10 {6l«d7| 

2141 ODEONSPOn Rotea 
ipeniie (ffiiajat) 


«a 718*7 «OU Sinstu 
duai diana d Menna d 
na laggtii iRwcal 
|2!6U>I) 

tuo «WINa IvlannW 
129913» 

tue TUIMdtMU MI». 

■tbU (W» 
laa naiHiTE. 9p«a* 

aultiln 

-,ev PIWA POaiPl Spe» 

lesi4nin|W2«73) 

MJI AUVOniEIUE. Rubr 
canisicaie (HPSiaei 
a» STATD rALURME 
7dn dranniaKm 
(1»>2H) 

S5P moimm n» 
zlaneapvlne (7391369] 
Fan APPIMiaMNtONNE 

iteTOii 



HIT CPHTiCNIE tP*Ct 
OetumeMo Mera. 
« ntiroAiaga 

dltrai 

1344 mi coMPaiY 

(iiuie 

HM RPOMSUMREC». 

«au iiSFan 

nH POMibMD MMH. 

inHiiri) 

nn iHiNaaMiiEOH 

H4LI 13401291 

3U0 uNi«utmtw09 
njia rpnptapiaaue 

iua> im Coi eia» 
*aeConert RwryFor 
ntnrT» 

23H UIAPIM MUiU 
Itvonvi eoa alUecuP» 
ra Condì» trvianviia 
Gaima (TOlFirj 
33« IIFOIwUlCllEi» 
NW lHiia7| 


1359 • l«n 17278973 

i3n wmaatMU. 7iai» 
flar (IMA im 

lETUt» 

tu McOMNCiOMcan 

7 » emned* (USA 

1931 (HWI 

i7n ecNUMmiNU 

3L FkaoniMAaaii 

MomireM) 
tu POtX UlEMENU 
KJIHLa Fa»e- 

aaain (USA/G* sa 
(ISMll 

3I« Mau A luu» 
Iti d iw wiM lw» 
iVildreK» 
nw anrfKdiKENM 

reaievferiuSA m 

HWism 


nm uiMCAfiRUSi» 

tm uKKttSaum 
M Ha caaMi» 

Iran 

tUIUlOttàMUS» 
He Ha iammttè 

tmm 

vm 

tfH UfOCOWASlift* 
H f*is «awtl 

iwm 

lui unccàMusiw- 

H. FI» CP—1*1 

umuuim 

Hi caHHl< 

90 PQUS 90000 
fMmmrnV» W 
Moniiivt 


m» «•*• VOI»» <»0<***» 
»v ««< proortAfraio*» 
iMMNai l»ie4«*Ni«M 
14 »M» VM1R» 

IATO 

c«it*»Al» rafiBirst» « p* 
«• R>MK«t» l»« Noftra 
7 »**» < «l*tni3 

6»ovpV*9w » »*■ larvo 

0 >lN ¥» » 

« u» rnwcMo *»41» OaBa- 
0» Otiaisfiaw» Cttr^a- 
•mmiOnté 

tii»«N»iiiailCMif >v»t I 

9lw*a*MMh»r«»nr9tJ 

CM«ALB 

OQI Ott ft»t 

40» «Q AAUrpaM fte 
!•« 00$ 

■!»*« I 007 Time WVì- 
a»4p>nv%ie $11 C«f«9te» 
C» • Pii (M»on all 
l«*e I 01$ r«« ) 

Tvivlia 




jierrbiliTftdiO d OO 10>7 1^.. 
1»». 2Ì<fi. 24 PO ìf» 4 06 
r 10CWH>«vftna»|ico 
$0Arr7&6tAia AQhCOlu^ Al 
pntnutp&rvt 6 lOVenoecàti»^! 
co 9^ Santa Mt*»» 11 » GR 
1 Sa» sport. 12 $1 \jo 

mini » earnpòn > 
n» l( porrvAriagip AaOMdunp 
14 $0 i4A(to il cAleke rntnuto por 
mtnul» GgrslMta Un mon 
Oo dt musiea H h TmioOMaot 
2017 Ascolta, SI » Sara lOSS 
Calcio Posticipo 0 Carnpionato 
Sana a Santodona Jwanlua 
2?33RaaiO(aiFar»Ciup Dischi 
TSTi tanzlrss a siiuaiiUi musicali 
- Ogni rxjiia la mg^ica 4)1 
ogni Firn 

MMHfr 

Qioprwll rad» 690, TV> OSO 
ìgJO- 12» 7330 
330 eoo II Duenglorno di Ra 
diodua 9 02 W lampo ritrovalo 
0 37 la Dlboia 9 30 Radicchio 
IO 03 Clcoi Bfeiccl lOSQQarna 


* OiOvanaini Oiory Una conv di Taiaecan hshas 12 Oi uomini • 
m madia mustcsfa lunaa $0 anni, profaii òomanda sui mondo 


S >r»o iiaha Voci e suoru dalla 
'Cvvincia 14 DO Di cha muatcà 
aai 14 23 « rdo 1 u ridi uSo 
Tuho it cale 0 ininulp par miruv 
K 17 03 OPmaftica SpoM \9Q% 
Tornando a casa 13*0 Panavo 
landò 19 isWiiavoiando, 20 1$ 
Pallavolando 22 ds Guoiiaimo 
93 24 00 Siaraonolla 03074ol 
turno hai lane, Aria a cultura 
Biovsrviia naila musica indipan 
canta OOOTramamorltaaltua 
lita spadai a rronogralia musi 
cali 4 30 I suGcassi di lan a di 
oggi 

ftwNotr* 

Giornali radio B45 13.43 300 
RadioUa manina - Ouvartu 
ra 7 30 Poma pagina 9 01 Mu¬ 
st» 7 CronachaaattvthrÉ 939 
Saguadaiia Prima Altra pagina 
a noilcla 10 16 Saguadalla^i 
ma Tar2a0agir>a l 4 Cultura Sui 
giornali di oggi 10301 concarh 


irofali 

^ittan.,....... . . 

palla la vacchiaaa 13.._ 

di muslcha da grandi (llin. 13 A5 
Scanala 14 iP^adioira >oma- 
r^ggio, 13 45 Sufe NoladQrpan- 
ta 15 Club d aacQilo lina 
cansona Di Dana Vonohni 
17 33 Grandi Inlerprali 1 parla 
1901 Saguira una brillantissima 
farsa I dua sordi Di Juias Moi 
naau* 19 40Qrandilnlarprali2 

E S0 13 Radioira sulla 
Corcarlo amionico 24 00 
itranoda classica 

MliMIo 

QiOmall radio 7 9.9.10^11^12. 
13 14 13 16. 17 lè ^9 è3Ò 
Uilimcf a 9 IO Vgllai^iiia 
10 10 Pilo «ratio I 2 d?wnsu 
iT>ar>do 13 IO RadMibOH 13 30 
Rock and. 14 10 Mudea a dm 
tomi. T5 M Cinama a slrisca 
1343 Diano di hordo ie.iOlMlo 
dirotto 17 10 Verso sera I015 
Punto a a capo 2D IO SaTanr>o 
radioai 





Gli ascolti crescono 


il buon gusto cala 


VMCEPITE 


XLV Festival di Sanremo IRaiuno ore 20 52) 

1**0$ ODO 

PIAZZATI 

Il latto di Enzo Biagi (Ramno ore 20 59) 
Slrlaclalanollzla(Canale* ore?031) 

Beautllul(Canale* ore 13 49) 

La ruota della lorluna (Canale* ore 19| 

1 iinn Park (Ramno ore 18 491 

12.SS3.000 
*613.000 
4 6*3.000 
4 610 000 

4S04 000 


□ (ijirtiii iiiui^ri |j( 1 1 Amili» 1 -.1, UK ilo ild Sanremi) 
oltre r lit <l<i èiuo Bt t((i Mi vcrrcmino >(»vxfcvr 
giiukiit (jurolo ^ul lltipoleeliv.il ovvero tpicllo 
ulit vjn.l)lx tlDviiliicwin I inlrctlcninH nto alir r 
iidtivo illii m.iiiiìcsIoaiDiiv idtioti ulliciilc liiMntn Iora tk-lld 
mis-Ki III 011(11 voriwdd» In eiD !iUut».dlo tre ori diTcìilni 
Aiivioii (■ |ioi Koiulullotniiin uom» proprio iIhk-KIio tovliilii 
il-illn(iresull»; i inviliiiiu iliSupiiPip|x>ihi iiiiinuiMilizzd m 
ilu riiiiUoiiMllo ildiiiil mi ino IX Crci< Lazo elle non II furi 
lini m|i|i III III) pii i ilibircim IJ imliiiu Iil si vede proprio 
I III <|iii Ilo nini 0 II MIO orlo Inippii eiliiidia (>or dggridire 
IViiiilo 1 npiiniliiM il niumlono un itoitM lnip|X) sonile |)ir 
iiiiiovi II 11 sliciui nuli III iriKioriilizii rlei K li spnlluloTi pin^dti 
ildimlliili I II ili In ili (i iiiilii unpo liiiero (jioikm d pm 
Il 1)111 sKiiiinii'sKiii iiiiciiU ilKsliv-ilili Ik iIdiiih BdiKlixIi 
Il iiiiitiiiii uni liti uiiniiraiiilol VLsiiii di Anni) Pali In i L Lui 
ill.iKiill itii Illusili l'iinilii'il Festival ciclielt-gdiiza Riliren 
ilasl solo all iilln iiimlii licrLlid-quclliidLllo siile c del buon gii 
HtiiAgià imliilaitliirsiIngRiri 






LINEA VEFiDC RAIUI40 IO 

I paesi del inodeneseeiluiDpeDdcifeaftnipbnclinenucli 
c^i Sdndro VannULCi mou da (TasleUiancu un 
nclir irdiliziui)i agniofe gaunonumiihc « Fu4klonslÌLnr 
tkHld zutid In pditcoLup si paria dcB aemio bdbamie» 
Nelld vceonda parte ricondulloiie parierA del Carnevale e 
dei smunti tti dbbonddttza 


ooMemoiiH HMJW » 

I pnuagonisli (iella 45-' edizione dd Irslaidl <b SanveiiK) 
nel MkitludiKaiuno Big e nuove proposle mpegnalr di 
nuovpeun le loro canzoni MaraVcmcf hiMeiveierd Ne) 
k) spazio dedicalo a( cinema ClmstianDeStcaeAk.U5in 
din Mailer parleranno efe ■Uominm del lyiiale De Saca ha 
linnalo lare^ki 
DUEOIIHeE.. RAIFRE 14» 

RornamiFYodi ainaiilc iM crcksnio oegiile deRa puuata 
ctiuggi PrixlililirAReggtiindepailnAdLllemiliiheMGa 
no^ditreino Altri ospiti Felce Andreas ( paDoic altove e 
luvenliiio) elle nnt annchSamGino NKoiaDiEtanieih. 
nsts) Tiziana RrvaleetPboh 


VAOOALMASSmO CANAUS 20» 

Paulo liunoliv Pliihppi Leniy FV-mn (Tptnni KayRaml 
wKk Ccirtdd» Tedesthi A Sunona Vtmura insicnK ai 
i ondiilliii I SHraiimi unOT^tatinunasencdipnivedico- 
railKKi gir tir in vane uxaMA Nahanc Le pruw uanuiiio 
guKlK Ile d I unu guma coin|io!4a ila Laiukna tSoraie 
Marinili Ak-ss.irufto N.in)iini RmuTomnhOi i Thoislen 
Willicin 

T02 DOSSIER RAIOUE S4* 

Di>.s.siirtrdsl()tadaituevlasLitnmuLaana loncmLa (Iiqgi 
M|Milaili<iicmviiiNdn Fn inErHudiNibaniviHMiosiib i 
La.siiiil I iiLv L-oiiA'Comi lanbid La Dsaunomia UlILi la 
niiglid (di ina'CpriLhòisingli nL<imii»ujiipfe|iùalk 
ngcinzii’ 

IL LAUREATO RAITRE 2246 

Olive ni1 riva ani ttAogialu deluse indilo proFiviiire ini 
I iiiiLi niiiwii irfcl’ien>|(TiiiiiilJii.llO e. T’aiti» (Rrieij Al 
trogmi ulU.iiurviporlcuraveialURakdne HavoRaèla 
liiieixllPisaeuspitniieilleiTibileduAtD 



Una «Pizza connection» 
per Placido l’eclettico 

B0.3* WeZACOHNECTION 

felli R 5n*H DiiM. M Mkbali PiNlfe. SMm CiuIiiL Rait Cfe- 
aMRalHty II8NM 

RAITRE 

I ilnroieMi d hfeheleITxido AlealFoeinlouniòeionlipecedi 
ITunnie (juenii siiRi Thermo possaniei vederlo nel molo laitivo 
ininlunrhisikMiliftihziijHlepieao sempre ai elnema «x obi nei 
lUinicMinnmi iliiFFoveinbR nrtMmdaImslewidinUKisiilusii 
ArnliaoMih In rpa-vhi Uni di Damaain invece da liella (irova di sò i 
IMI ihroixfsi 1 iRfpochiineMjnerio La slona di due fidlelli Murvit 
Ifeheht ilpnniikillermalnvocon«n/rend iNewYork ilseioiuki 
brnoiatamLhi h-ibeoiinudiaiido Mitmiiuiiisiriega glidhisoldi 
ilie «.ivuio per anLcMare-lasovane iidanziila ma deve pagum quel 
baviue a lacero abswno 


tmsst ^ 

14530 LAWRENCE D'ARABIA 

Ragia <1 BnU Lm m PHm ITiah. Me OMaia «Hfeav OiMi 
ErailrM|M|llt2| INalMF. 

Penwrso a ritroso nella vita del tenerne Lawrence inviato 
al Curo nel 1928 per lomentare la rivolta degli arabi con 
Irò I turchi * vantaggio dell IngMIteria 11 film che vinse 
) Oscar per le regia nel 1982 ncostiuisceunatfrescosug 
gestivo e Peter 0 Tool* e la leccia giusta per un eroe in 

dinelo diventalo leggendario 

RETEOUAT RO 


leso 20 ODO LEONE sono) MARI 

hgMilRIMrtFHMbir CNIMfeNlH Jw Nisia. PM U*u 

UH|ltS4| I27MM 

Dal romanzo di Verne una fantastica avventura snltac 
quea Un misterioso mostro la strage di navi ma uno 
scienziato scopre che si tratta di un sottomarino coman 
dato dal capitano Nemo 

RAIDUE 


17 30 ILRAQAZZODALKIMONOO’OftOII 

ReRi R Larry INRH taa «ha beai SMart tay Bnlir CIrianyferAI 
lKllillr|IH«.S»afe41 

Il film non * di quell) che fanno stona ma il prolagonisis é 
Kim Rossi Sluarl a 1S anni o poco piu una vera eh eoa per 
le scatenale adolescenti che se lo conliandono a suon di 
gridoi ni e applausi 3cste<iati Da karaté kid all Edmund di 
ogginelfìeLeard Roncoli unsallononmale 
ITAUA1 


23 4$ FUGA DI MEZZANOTTE 

Ragia 41 Ma Pausi SNliUOnlt liiey (mH 4sM IMI (iwliae 

fsiltSIT) IHUMll 

Slona vera e al sudor Ireddo di Jimmy un ingenuo amen 
cano che viene -incastrato" per un po di hashish In Tui 
chia Sperimenta I inlerno nei carceri del posto e slioro il 
pencolo di rimanere per sempre condannato all erga 
stole Ri»ce invece e luggire con una spellacolare eva¬ 
sione 

RETECIUATTRO 


a 















I « . WK Ì »* 


Mito$MMhaMltoqiloeenlMnitoBit0o.L‘-4wHMliU' 
«mmCMm. «1 «cMmta M» MncoMia « trM* Mua 

l»tawiad H a MI» .*<»aa w olnoi«atawdaaaow»«»c«i"a 
•«gWatlau ^atartiBiaiatiaiwlaitiiiH Wimma 
doinaidcala'Qwllieliallcileto..^,aandotladaFaHefUo. 
Parcaalo<lt>ltMl^.l«tlMln(an4ttataH4)MnCadHi»Hll 
cui Hantra M caaipo a kiMHlMata: toffltM «I maaaMI 
amarlcaal la iMacaria canaUoM ItaldM a uUluala la qMtta 
ttatfaaa M tteaMa MancaiM to Upal aaW a aiata aanUa a 
ki pachi occaaioal, fona ftiMto 0aelian, a abnano aaM 
la paaahhN, (li di daaiaalca praaalaab a Saa tba caam 
Untar. Mirto, * ternata «aiul da dbanl^ana a lamaa 
aaalca«pac>i.CaallapaMNillid-rtama«aUliatMClaia 
tuta a iacea ipMi caa aleaM nuaNil dal aw faparUfla. 
NtU'iattnMaiMaeMaaldrtt.tatfa ha parlata dM 


VIARSQQIO 

In finale 
Torino 
e Perugia 


■ VIAHOirfiIll iLutiui l)oviebbc 
m CMC re roriitcj e Perugia le due (i 
udltsk della 47 edizione del Tor 
neo di Viareggio ino ancora non 
vòccrltzza sullesno di una delle 
due semilmali-ftjrugia Rorenlina 
I a 2 ai rlgr>n -ce iiendcnie uii n 
coiv) ijrescnialo dai viola II Perù 
giv Ile I pruno lenifio 'Aipplenienlu 
R. Ila sustituilo oorelli con Vllali 
mu - scciaiilo 11 Florenlliia - il re- 
giiliiincrilo del romeo prevede 
che le stiHliluziiiiii (due più il por 
nere) |K»»onoicsrrcclfeltualcso¬ 
lo iici'lD tegoInmciHiiri LiFioicn 
una h<i (juiixli clileslo U viltona a 
i.iviiliiio IITotliiij itivcxe in semi 
liliali ha halltilo pc r < ii 2 il Pado 
va 

Ui llnalevemulc-i) malata doma 
III ni I < aiii|Hi ISirla Elisa- di Lue 
la polche lo Studio del Pini di Via 
n agio altiiaimciiic Ila la capienza 
limitai,I a WIW (uiiu per ragioni 
I agihllilù 


Nel 1872 erano «scarponi». Poi la tecnologia li ha trasformati in «pantofole» 

Un secolo di scarpini, dall’acciaio al computer 


rt -Non Tispamnarti nessuna lati 
ca saranno le lue scarpe a tenersi 
la slanclìezza- Slogan pcd-’Wiciwri 
e lecnologie al computer È lunga 
M stona dello scarpino piu eli un 
secolo Ira i piedi a tare il c allo dei 
cahnaton In ptitKipio vi davano 
pedale con uno slivalc du ‘tlS 
grammi altroché panlotola clcxa 
la leggera Icdclu alla rakima II 
reverendo Vidal ci suoi W indi iciv 
nel 1872 si gonfiarono i duroni di 
gloria con quegli scarjxincini col 
pcmtcìte d.urcraio I ftcxl Aorfiro 
dell erba allora vinsero la finma 
Foiilbdll AsscxIalKin (liallcngc 
Clip ballendu Rovai Engiiiccrs 
Quando vi dice il (erro del mestx 
re siine In lividi entrile vanguino 
se corpi coiitundcnli mi iiiche 
per teira lenii da ijiici 1U1I017111 
glicnil CciilovcniHré an n lupo li 
scdr|).i iichalallcidlcamiiiHKi Iw 
slornandosi in un giianio i|Xirvtii 
sibilo A Us,l 'M c've c-vi iiu iiilijo 
la k ggorezza .iggrosviv I ilscrviZHi 
della viiloTia il nome Piedaicx non 
lasciava se am|xi .iUcKìiiinico 
Sulla puma una levsiun n 


caucciù Simile xiucHadiunpoeu 
matxodssupeicw «qiiaine-naie 
iwr rss curare inaggtoiie controlb 
deila palla e la iioasilnhià di im|)n 
mere cdMli travnlgent Pciccnluali 
Ikiminanii la potenza di ballula 
uumcm.i del 20 leHcIio di roM 
zinne del IS Precbiloi (Adiddal 
sala dalla pazza airad unauvha 
liano dai piedi lundi Oaig John 
vkm icx Livei|woi) ha apcno la 
vtrcKi I alta Ino ngiegncro appbeala 
allo scarpaio Eppure un punto sta 
vnrcvole c&tvie sannno pA legge 
re cd cilkaci ina ctu ci |)cnvd al 
luuglii<i' AliuLc immu bcrs^iliu 
dei pestoiu u dLlk> entrate in nl.v 
Ji> AlloraiIrevinmloinglfseiMin 
cKW dei Dnbbiciv poteva pnncft 
gc IVI la c.ivigli celi dita veli/ > ai 
VOCIA Vini! n ihHackvo adevaoh 
vciivibilil.Avd I scapito dei ipnitc- 
/Hme c iIcU.! (jcnliliLazionc cele- 

vie 

In questo odun. di KOidi vii 
gli Itisi ncncilnilsconiilc tappe sin 
nelle dovelescaipt hanno lascia 


lo I impronta nel I895siinwntdit 
lagno modello con suole elucida 
le nel 20 amvano i: sUmghe 
iquHIe kn^ieda fs passare sono 
la pianta) e 1 bufloni con rotelline 
dicuoM lescaipempdccchndi 
appicali nsa^ono inrece agi aiuu 
tO quando 1 sudamene ani SI kasci 
narono dall Adanbeu quelle con le 
punte mortnde vmpeio dee Ino 
SUCCCS 9 PcMlulloindBcesa inno 
me del ccmlart ad Vi le pnme 
scarpe di allenamento con siaild di 
gomma cinque anni dopo 1 tac 
chctuavncedue stc^toni pai urd 
I mibntblura pci proleggen. il ten 
duted Achille Htu I mmslu a baio 
netta degli Gmopn 80 G avanu co 
s pcdaldsu pcddldlrimdlcsolu 
znm r quaklK mgarmoctuibcna 
Resti sioncd quiìb di Vakaieggi 
su 09111 icchcno unchiockicon la 
ca|)pc ILi lai[^ che spcujlwa di 3 
irun da iiascondciecon la gomma 
-unencan < pcacho ri tegeri imemo 
vsciovu spoiqciiac assasunc O 
quella del Uns che nell memo 


del 67sul^uaccfodeccse di gioca 
re con le scaipetic da basket sban 
condoconun pokeri campioni di 
Francia del Nantes 

I lerreiM sciviriosc hanno sempre 
lascialo spazi alla iwilosa e porta 

10 a <)uatlio 1 modeUi usali dai gio 
calon puiureianoa 12 I3iacchel 
ti per il bagnalo quelli imercam 
tuàtuli a sei usM per leneni erbosi 
e nrnrtndi gomma a 18 lacxlie da 

11 mm per campi sccOm G I anli 
sdrucxiolu per aggi^sparsi olle la 
vln> ilaxxjideéìqiidsuiiodiPlà- 
lini Contro la Sampdcina nel gen 
nato 8 ‘iu.alzò-OI owefoilnuine 
in delle venlosed gommaalonna 
di cono <iKi voccer le usarono gli 
amtncanisulsmieuco) 

Ma la lini d^ scoipiiii sia m 
una frase lana alcluodo La brulla 
don I è che fmisccMiu sempre II 
dutre vengono ai^se» 1 nccndi e 
qualche iliiswnc Bastono perdite 
lo c ero e ho cxwnbaltulo- Anche 
se con iescaipe bullonale wa si (a 
anche ri bp tap uri piricosccnico 
dellu ■gMl Boggiu c Signon inse¬ 
diano 


BARI 76 62 58 63 70 

CAGLIARI 24 73 1 20 23 

FIRENZE 87 40 SS 68 85 

GENOVA 1 84 6 88 77 

MILANO 26 85 58 86 5 

NAPOLI 23 62 86 71 86 

PALERMO 39 42 15 48 85 

ROMA 86 76 38 29 14 

TORINO 63 49 27 79 60 


212 111 X22 222 

LE QUOTE aM 2 L 80 057 OOO 
agli 11 L 2 484 000 
ai 10 L 206 ODO 


giornale® 

[ilel[M|D 


'lf. 94 *iilMOn 0 ffl(O 

U iwiflKO «ilBiin gI iiMb fnMIiitt 

Mrtn il mBO» put pmim 11 

ti wmaMEAdii^v ^mhtt 

idfinl (tN fMFUM OMkB A vt Owrtt 

n, i oMnvt» («ralnn u« n»mtn otfc wm 
|r«diétm!fni 

( nupDB B0lnchi»ooWini««on«n4«<T« 
iitiu itfMhto piM nB9hG tnmpmotB U mtin* 
lw|| # oritaÙM 

Nm IHk h) pmMB i nWflto MI Biita *11 
rB^HmiwIh AiiIniciB.ll vmlH rtMrtoiNifikv 
«0 ìMb « fid M(RM NMuiin» 41 SIS enBcwii 
tHié flwfr éi d fitv» IfSf é li m Wié» 

Il Bilh qudiTBgiowì k inÈitledUMiNB 
4 nt» KmgilM P4iì «Ofe» H HIIVB 4 IH»- ' 
fnMmitefPBit*! wmgiianfiOflvrtGtd» 
iM « lon E C«|lion B Ocm b i fimn «khi 

(OB «fpirJHBm ibiAiM 

Cwi u4il p>4ne«r» FUmufellBlM itilVBfiiilH 
M iBuc4t Mm 4w Mmli iliirM 


L’INTERVISTA. Codino, vicino al rientro in campo, si confessa con un tifoso d’eccezione 


Idrìs & Baggio, un incontro spedale 


■ TORINO Carila che U passa 
macché caleiachetlpassa Noné 
nemmeno voluto Andare a Sanie 
mo nonostante ali inviti pressonii 
Ha riswiqu picclit lirefcrendo n 
maneic a rurinu a tbuliare su un 
campo di calcio velo che da due 
meti e meuo non prendeva a cal 
ci un pallone Luomo ha 28 anni 
viene da Caldogno e si chiama Ro 
hwio BaggnA sliM Codino Magico 
L ho ritrovalo d<^ 14 paitiie -sai 
lai» ed é somixe magico quarto 
lenero e parole die pesano come 
macigni Non eie voluto mollo per 
lor passare la correnie tra me e lui 
^iche sono Ite quelle persone 
che olire ai suoi (amlllarf gli vo¬ 
gliono reramenie bene Cosi sono 
andato a trovarlo a Tonno e siamo 
liscili insieme abbracciali dal 
campo di allenamento E Robeito 
si e confessato Per dovere pniles 
stonale mi preme ricordare che 
mentre aspettavo di parlare con 
lui ho avvicinala Marcello Lippi il 
nuovo Guai della Juvenlua per 
chirdcigll un parere (ecnieo su ito- 
berioBaggio -Noncénessunallc- 
nalore armondu - ha dello Lippi - 
che SI priverebbe del giocaiore più 
hinambolicodel mondo- 
Tornando a bomba su Robeito 
Bo^lo questa 4 siala la prima do¬ 
manda che gliho fallo 
SquAt che «tace non M enm- 
Mn. Dnmri sudare dieiMMtIo 
OMilelo per gMdamiifl H rmM 
mlhi JtmntHdreatnvMceiido 
awanHlMaHMito.. 

E vero erano dieci anni che non 
mi capitava di rimanere due mesi 
fermo senza toccare il pallone I 


miai compagni qanno facendo 
cosi bene che sera dawerodifllci 
le per me dionquuuaie il posto da 
molare 6ia eh aro schio IcIicivìi 

morht laHiuArlrasliasii i iito,.» 

SI « u bene che dovrò aUeiianni 
mollissimo per ritrovare il ritmo 
deimiei compagni 

Mn ■ Inpqrtn «epratluno 
deli (M qqndtalena inirtore. 
mscM e« psrfPttrénerti (Ae il 
bn fMn McrtaBlea é fenda- 
mertMe.AlHn.MUNVtT 
Bene perché'’ E abbastanza iiot 
male che quando uno è fuor ri 
senta di complicazioni pSKOk^i 
che La Juventus vulve anche >en 

la di me 

TI twsnn muto lu ciWche deH 

C le? E eie ceea ne dtd della 
u nd h lene IWen, quella «he 
nun 11 u e n ire W di seiMre lev- 


Guarda di ciò che la geme pensa 
sul mio conio proprio non m mie 
resto £ normale invece che uno 
sarrabbi per la carenle condizio 
ne tisica Tulli si aspettano da me 
grandi cose che io pero adesso 
non riesco a tare Emidispiacc 
AttiMMfc MieTysenrMrtianal 
monde dei» spert. menbe Gr*( 
iMigMd» amuRoli di wlenic 
Mcw dtMHvamenle. £ enei 
dWIcRe per I camplenl aflennali 
a NveHo moMlfle rtoundare a 
tornare ii otlla dopo «arto dioav- 
venture? 

Credo die sia diligile in qualsiasi 
campo professionale riiAiie ad 
eme^re E quando ci nevii au 
mentano le cnlAhe perché sono 
lame le pressioni che uno come 


TysonouneampNinedelsuocah 
lini di qiui!\M-a ahni sputi devv 

-,i|i|i insre 

So Che non tl pMM posture dogH 
MtiL 0. almonn, non tl placopH- 
lara molo dia oRil. R oconto 
nrento, «on MW atMk M oMo 
toothnqnW hi onlafalolha oon- 
ire li dreè*- Ci* **** PrtM M 
Mreadàso, oppunlo «Win» 
dolidreca? 

Come giocatore Oiego è sialo uno 
dal piu grandi della stona del cal 
CIO Ma 1 uomo Maradona é sialo 
bersagliato da lama geme m bno 
il mondo Credoqiendlchelase 
lenità labbia trovala sok> a casa 
sua con itanuliart Eraveiamenie 
riiIlKilé per kil vnere con tuna 
quella pressione inlomoeconlut 
le quelle etniche che pgcviualroen 
le ^piovevano addosso 
W e neao anhe to vM tetto te 
it e oe i preeeleuL Eppure oel bor¬ 
ione e tinpniico. unehe ee eH» 
etereo tanréo tbnMono. 

Si é vero Talvolta sono anche 
troppo bigione perchimicono 
see Ma punioppo la gente spesso 
parla a sproposào di me pur mn 
avendomi mai nemmeno cono 
sciuio e sul mio lonm vengoitn 
dette tantecoerchenonsonove 
re Non prxiso pero conlmuamen 
le smeivlire lutto ciò di cui mi ac 
ckisano 

Tu bel due AW. Ore rapporto hM 
conlhonbbìn 

Splendido veramente Ttasmeiro- 
no emozioni incspnrnriMh Ijuan 
vlosonoconkuo misentobambi 


t■I^IB^AWII■lt 

nnanrhio 

U tue prestaMU eelelMkehe 
tene anmisM In lutto • non 
do,. 

Leggo .neh « sui giornali lame 
propQsw piovemena dal Grappo 
ne da Bareellooa ma mi guanto 
bene dal grudrcare queste voci 
che m ilaniro di qua edili Sono 
naiuialmeme cose che mi fanno 
piacere vreoidirechecéqualcu 
no che mi apprezza 
Gare Cedbo, ricevo torto laltore 
o toga treiil ggomailclio Mtoo- 
no flìoe Arturo netto J u ront ua , 
VWo «ho tono «I ip prenihu, 
non M oho o t i lu o lre rel rihott » 
monto (Buddu po r mo tton do) to 
roottrMadnJoirertBO? 

Tl dco la venta nel prossimo me 
se discuieiO del rainovo del mio 
coniiaiio con la Juve Posso ga 
laMHiiche finora non neabbramo 
partalo nanne che m ptccoi det 
■agli II imo grande deùdenoén 
maneie alla Juventus Verbemo 
come 

Una nottda tt o d i n d ^ pobMten- 
tadodtMté- IBdtoomiruscoi- 
so, rMertivt wre frrto atllIMlP 
a to. eettatto da «Il Uiio otompo- 
to il ttwpeno, CMe tfftuiinon- 
lo 4MaMairine Are mlmitl aRt 
fina dalla paitits oon lo Mfoila e 
nuli pordovu. ho ptofato U 
Buddi prfndpale o II paltont 0 
venuto a mo.CemoMOCOloo II 
miaoelo, grezto oBs prefhlere 
del meróiirdella ’Soha GMiliM 
t del noestte liedo-. A dWanza 


Il qualoha maw. conhmd qua¬ 
tta dkhitrBtone? 

M V slalu ikfenio da un atne-r di 

questa frase ma in infla sincerila 
devodini che IO non Ito mai ma 
scialo una dichiaiazicaie Oel ge¬ 
nere Semmai quattolAioOstalo 
un cpMige di tawe mteivisie rac 
colle qua e (à ma hot) sono in 
reaià opinioni espresse da me 
Siamo sempre alla solila noria di 
CUI II parlavo prima Figurati se a 
dueminulidata Irne di una panila 
COSI impohanie potevo pensare a 

tgu6s(?co5« 

lo, «o ui uitqu a . trevo che Mano 
fiuM billiilms per un e re di ito 
come la. 

Conlermo la ma fede nel buddi 
smo perché é una religione che 
mia stare bene Unacosaèceita 
ho guadagnato moHissimo sul 
pano spinluale Le frasi che mi si 
attnbiiiscono sono luue siupidag 
gni cose che possono solo farmi 
ndwe 

Ù di li di hMo. sa fcucare vere 
quio i i dlcWatettenL deve orano 
i momM dMto tua cotto qunde 
hM BMeito la IbiMhrtr» dM 
cinpiMall del lucado coatto II 
BimÌIc? Fcrw anche loto cccn 
ma daBII spttW «wcaanMctL 
toatitani? 

Alloia a spi^ Ogni partia ha la 
sia stara Non c entrano assolu 
lamenlB macumbe o spirili mali 
gru Sono semplici scemenze 

I laaHKal ■ireimm che da 
quando ad dlren tit o baddWa 


hM pere» Il dalMiw c la freddai- 
m. quoto ooMM hMi|Ìloto M 

a rando Piwrl vomì anaL. 

dKi I o 11(1 oliir alla carne 
m ingko anche i vissi Quelle v he 
Imi appena (alKi sunu illaziuni 

C alisiiche Ma la colpa é lue 
(e giù risaie ndr) A pane la 
baituia credo che ogni amo c e 
clu SI alia la mattina e crede di 
atere ri drillo di parlare A tulio e 
di rum Sono certo che la maggior 
pane di queste persone non san 
pano nemmeno cosa sa il buddi 
smo Invenano regole e diveii per 
Il sole gusto di screditare chi come 
me lo pratica 

Ueclaiao perdere tpreoto di- 
tcono. FoiM II di MMIo poi- 
MmeT 

Ma no Idre io ho 28 anni sono 
padre di due figlie non sono siu 
pido So bene quali scelte faccio 
Al di là dell opinione della geme 

J uesta e la religione che mi Jia ar 
cchilo in lulU I sensi quindi non 
mi ha toltoassoluamenie nula E 
il successo non mi ha cambialo 
sono orgoglioso di essere buddi 
sla _ 

pHllttnodfraalimu.. 

E il solilo problema la mancanza 
di nspeilo e di educazione che la 
Knieha per la vila delle persone 
Poi lullo il resto vane di conse 
guenza e una catena una que 
SI ione di interessi 
SareMI dMpccto a giocare una 
partita piotolo per alare un «al- 
«loalraBlwa»? 

SI ma una partila non rsolvereb 
be il problema Se dovesse servire 


ne larei non una ma sedici II pro¬ 
blema però sta a mónte nella le 
sta dello persone 

Mandereeti tua flgHa in uns 
acuMi pubhUu hcqusntata an 
chtdaaMcanl? 

Perché no’ 

l'es presWtrt* dcHu àure Burri- 
parti c l'ca pprOere TacccnI col- 
IWoranc con Foia tuia Tu. il 
««re di MairéiiL a «M darecK le 
ampeac? Destiav abrittia o 
oaaci»? 

Lo giuro non é per sfuggire alla 
domanda ma io di poliuca non 
me mtendo 

T omtaaw al catoto. Credi «tre Sa 
Jriw poaea viNcw lo acudatio? 

Per vincere 14 panne di cui 6 in 
irasicna non basta la fortuna Ma 
lo lozudeilo è ancora lontano 
VMM e RavrereilmeiltanolaMt- 
ihnaie In questo memento? 

Non so quali problemi siano soni 
tra Vialli e Secchi però conside 
rando le cose che la vedere in 
campo Gianluca menta la nazio¬ 
nale Lo stesso discorso vale per 
Ravanelli per 1 impegno e la gene- 
losilà chedimosira 
GuMcine cerca di cambiare Mi- 
zaala tra to c Del PItt», Che fu¬ 
ture prevedi per lui? 

Cenamente roseo Ha dei numeri 
ha veni anni gnsca in una squa 
dra come la Juve di qucsi anno 
non pudiche diventare più loiie 
Un’altime domande, Codbiot 
quel e seeeade to la motto che 
spbigebi alto li Juventus? 

La voglia malia di vincere lo scii 
dello 


Psp (PMk-PrsH 


Sport In tv 


SCI Slalom donneerà Maribor 
CALCIO Ouellicheilcalcio 
CICUSHIO Oirodell Etna 
ATLETICA Campionati italiani indoor 
SPORT La domenica sportiva 


Raltre ore 9 55 
Raltre ore 14 55 
Raitre ore 16 50 
Raitre ore 17 20 
Ramno ore 22 40 


juvtntg*-arhdfBiiire,raeear>lindeMfirie*p«anM.bi ■ . ' ■ 

aRaHdilomamaMdeMamlaiNi0lecMnumere4tocf-. OMlniinagiiiiMlliicantrotiaeaggiesidm.aiCamanMtlnaftosilaUiam<inre)egganoi'iJalu 


s 


1 

















paglia 


10 , 


Uniià2 






Sport 


Domcnicd 26 febbraio 1995 


LA DOMENICA 
NEL PALLONE 

Le lingue 
biforcute 
e frate Sacchi 

•TWANe •OUmNI 


■ Megtolc palle'delldJuvefìiuso il •.ulo-diZeividn^Lllahat.ak.Bb 
ca d<^unaseRimanadifie<odibaiiito e divisa in due LaSenaiorela 
ziale ^man, dopo aver dlleirnaiu che il (ondoschiena ha una disctela 
dose di menu nel primato della Juventus ha fatto anche tgvsodile deln 
guotra atinbuti e fortuna -Di palla in campo ce ne una sola elude le 
squadre in lialia hanno caiatlere Come dire che luiti hanno le «palle* 
mentre il <ulo-è pierogalivadi pochi Epeiche late pnvltegiospenaalla 
Juventus'’Owiu perchesapervincereèiacile perdere(ccnnequesian 


ardere iccnneguesi an 


tx> è capitalo spiàso a Zeman 1 un po mem Che poi b Juventus abbia 
vinto 14 partile su 20 eche te abbia suonate a Lazio e Paimaadonnciho 
a Milane Roma in casa èun dettaglio Ma il dibattilo si e interessato di 
alno palle o culo’E Sacchi che ha il copynghi del famoso <uldesac>’ 
Lui.dopolanliquatiio in pagella hadeciso^prendereivoti Lohanve- 
lalo Malarrese A'ialli penliii confessati e sarai nchiamalo m NaaonalF- 
Da frale Sòcchi 

Nevio Scala dice di essere preoccupato per il futuro dell ludia non 


delsuo- Nonèlunico tusonoclnquamacnqueiralionidiitaliani molli 
del quali guadunano un veniesano d quanto guadatala Sc^la e non 
hanno neppure la pOBibihia (psiorhaia delle anatre) di potersi conso 
lare andando a caccia Si pieotxupa anche Framx) Modigliani piemiu 
Nobel peri economa che Usa ha lanciato un Sos -L Italia rischia 
la» crisi messnana* Modgkani ha aggwnto -Sinetteiela di spaiare ad 
dou» a Dini> Scala (e spaiano alle anatre BeduscOTii spara a 

Dìnt Castagna spela a Bando Sara peiehé siaoio ambientalisii e paciS 
sb n» questi pelolefDs ci aibsluharono Quanto ahe pcdtottote le uni¬ 
che per le quak valga la pena entusiasnuis sono queSe die piovono su 
B(oadw^(lutIiino trini di Woodg Aden) 

Meglio moho me^ ri genio aAmeo di Woody pttiliosto che quello 
fineuaiarKxhtSevinCosIner che dopo ai«i guadagnato selle Oscar con 
fiotti ca tapi (olile a 60 mriiardi di percenlu^ sui 300 incassali dal 
hlmj ed aver ncenilo la pui alla onoieficenza Sioux ha deciso di co 


CAMPIONATO. 2? nel segno di Parma-Lazio e Samp contro la capolista 

Un ^omo da Juve 


Ventunesima giornata di campionato nel segno 
di due partite: Sampdoria-Juve 120.30) e Par¬ 
ma-Lazio. Molti assenti in una doppia sfida che 
è anche un confronto tra diverse culture calci¬ 
stiche. A Marassi, Fortunato in tribuna. 


m Siàice già de stasera la Juven¬ 
tus poiiebbe cominciare a cucire 
sulle maglie (I suo scudetto nume. 
m ventitré Confermiamo la glo^ 
nata numera ventuno del campio¬ 
nato si annuncia •pra^luve* (e pra 
Roma, vikiq che le huppe mazzo 
mane affrontano In casa la Reggia¬ 
na) e ora VI spieghiamo il peiché 
LIppI oggi confida In due alleati 

I orano (Sampdona Juvanius si 
gioca alle 20 Ì 0 ) e il pareggio, 
eventuale nell altra partita di car 
tello in pregramma, Raitna-Lazio 

II segno «ica- al -Tardinl consentirà 
al bianconcn di giociue in serata 
nelle miglìon eoiuliziom di spinto 
con due nsuttati su tra (esclusa ov 
viatnente la sconfina) laJuveavta 
fatto un bel passo In avanti verso 11 
incolore 

Moni assenti nelle due sfld* 


clou In ordine di clwsifics Juve 
pnva di Paulo Scusa (squalifica- 
10 ) Robeno Raggio (convatescen 
te) Alessandra Orlando (operaio 
veneidlaUoneallaspa(la) Come 
e Malocchi (infortunati) Parma 
senza Cnppa (botta al ginocchio 
sinistra), Brolin (tornerà a fine >48 

C ej e Cisieffinl nella Uizio out 
mot (squalilicaloj in panchi¬ 
na Boksc (coitvdtesceniedopoun 
bel febbrane) e forse anclte ruser 
Sampdorla priva di Mannini 
(squalificalo) Pem Piati e Rena 
lelH (ittloilunaii) Quindici uomini 
in loiate dieci dei quali da consi 
deraie yfofan come dira-ttnonchi 
di cinque gnxaion a panila, ovvero 
due e mezzo per squadra 
Gate dimezzate Samp Juve e 
Parma-Lazio eppuie 101010.-44011 
La quinta contro la prima la se 
conoa contro la iena 77 punii al 


.perrans* 73 al 'Tatcbra- I due mi 
gllon aibitn della stagione in cam 
po Collina a Genova I emergente 
BoggiaParma Maadallascinaraé 
soprattuilo ri conIraMo tra ifavene 
cultura calcisliche Quarao squa 
dre differenti La Juventus è canta 
teontics II suo modula oscilla naif 
4 4-2 e ri 4-3-3 lappi pradil^ la 
marcatura a uomo m dilesa men 
tre a ceniracantpo dà il v» hbera 
alla zona Una fisamionica la lu 
prima coda «poi lunga spierà 
la (eredità irspaKonianaj neon 
tropiede Rispetto al passato ove 
raalTrap laverenovnàérappte 
sentala dal pressing Per una Juve 
evoluta una Samp tmborghesria 
Senza offeva per Enksson ma la 
zona pura é un nconto Oa tempo 
ri tecnico svedese ha radonaio-ri II- 
beio c^ luliimouomosaràMar 
co Rossi La squaitoi genovese 
oscilla (ra un3-S-2 (di panenza) e 
un piu piudeme 5-3 2 Le due pe¬ 
dine decisive sono Lombardo <a 
destra) e Mihaikmc (a sirnsea) 
quaitdoquei due guano sonoguai 
per I avversano Bloccarne uno si 
qnilica tendere monca la Samp 
fjow può decider» oggi la gara' 
Risposta acentracampo Da un la¬ 
to I asse Oi Lm^Oeschamps (per 
il francese e unesamel-Taccluitar- 
di < Del Piero a dai» una mano 
sull altra veraame. Lombardo-Ju 
govc-MihaiKrac e come dice ra- 


choSamp Maitcìmnaulo 
Parma Lazio oppone il S-3-2 di 
Scala al 4-3-3 di Zeman Come di¬ 
re sacuiezza conno tiscluo. sicuro 
coniraatnero loumenckconoche 
ri Panna ha vinro nove vobe su die¬ 
ci m casa (lo scora e macduaio 
dada scongna con (a Juve). men¬ 
de la Lazio che ira te squadre di 
veidce é quella che ha perso di pw 
(sei Ira) ha un renthntenlo abba¬ 
stanza regolale giocaie aB'Obmpt- 
co 0 luon non la diileienza pà 1 
romani httrasiena laLaziohacol- 
lezionaroquolira vinone tra pareg¬ 
gi e akietiame scohliHe dieci gol 
tani e dieci subin H Parma non 
convince a cennocampo sopsai- 
luiio nel <uore-del rapano dove 
Dino Raggio bravo ad aSondare. 
latria nvcce nele chiusuie e man¬ 
da m iili ri duo Couto-Mmom un 
po teoHi U Lazio sofbe ai lau 
14101 per la giovane «là di N^ra e 
Favalh WiOi perche RambaudieSi- 
gnon dimenticano spesso di nen- 
naie Oggi I assenza di Cnppa po- 
nebbe creare mohi problemi a 
Scala SuflaldoveraaMe riproba- 
bJe i ns wlm e nto di Venninn al po- 
SIO A Fliscr e la conlerma di 
raghi alcenuo dell anaixopuO da¬ 
re peso e rabbia agonshci Mal 
per loro Scala e Zenran sono co¬ 
stretti a ceicare un unico nsuluio 
per sperare ancora la mona Up- 
pi dicono sogghigna OSB 


IL GASO. Il tecnico parla di complotto: «Sono menzogne di voi giornalisti» 

Scala furioso: «Non rischio Tesonero» 


PIUMIgMBOmW 


• PARMA. Nevio Scala av4crD, 
la luna fatta allenalore len matti 
Ita. al lennlne dell allenamenlo 
ha affrontato la piccola lolla di 
cronisti con una grinta mai vista 
•£ stata una settimana toimenta- 
ta. e solo per colpa vosira - ha 
esordito- Voi che menate in cir¬ 
colo menzogne e ipocrisie Sap¬ 
piate che la menzogna è I antica¬ 
mera della yiolenza- Alce anda¬ 


te su lune le furie Scala erano sta¬ 
te le voci, ciraolate nel cono del¬ 
la setlmtana, secondo le quali la 
panchina del Parma avrebbe co- 
mificialo a trabaflani dopo fa 
sconfina di Caglian eche di con¬ 
seguenza la panila di oggi conlro 
la Lazio si sarebbe trasformata in 
una sfida-venlà Mentre le solite 
roci inforniate davano nella rosa 
dei probabili successon di Scala 1 
nomi di Giovanni Trapatloni 0 


LE Forze in Campo 


ancor più quello di Carlo Ance- 
Ioni «Non ho rabbia solo delu- 
sione - ha commentalo rari mat¬ 
tina il tecnico padovano - per¬ 
ché sono state serrile cose evria- 
biti e inventate TuHo cib Che è 
sidto scruto è una monzogna* 
Scala non si è fennaio qui ed 
ha anche ipotizzalo un attaoio 
peraonale della stampa spoilwa 
nei SUOI confronti •Evidentemen¬ 
te é un Iratlamenlo reervalo al 
sotloscnllo anche se non so per 


BAM-PADOVA 


Clqssifi(M _ _ 

4S Juventus 
3ft Parma 
94 Roma 
34 Lazio 
32 Sampdoria 
31 Fiorentina 
30 Miian 
23 Cagliari 
23 Bari 
27 Inter 
23 Torino 

23 Foggia 

24 Napoli 
21 Genoa 
20 Padova 
13 Cremonese 
12 Reggiane 
12 Brescia 


Prossimo tar/to 

6rescia-Milan 

Gagliarl-8ar) 

Foggia-Crernonese 

Inter-Juventus 

Lazio-Fioremina 

Padova-Napol, 

Re(isiaria Genoa 

Sampdoiia-Roma 

Torino-Parina 


Fontana 

Montanari 

Arnioni 

Sigica 

Amoruso 

Ricci 

Cautlerli 

Pedone 

TovaUeo 

Gerson 

Proni 


1 Bonaniti 

2 Salleri 

3 Gabrieli 

4 Franceschetli 

5 CuKchi 

6 Lalas 

7 Kreeh 

I Zaauo 
• Viaovic 
10 Longhi 

II Maniero 


Tomo 
UW 
pmi 
Cas 
M Sanlos 
ààalusci 
A Carbone 
Di Mauro 
Bansuna 
Bui Costa 
FlaOri 


1 Pagiiucs 

2 Bergami 

3 An (Mando 

4 Berti 

6 Festa 

0 M Pagarun 

7 Seno 
• Jonk 

0 DalVecchio 

10 Bergkamp 

11 Fontoian 


AitMfO 

Sazzoli di Merano 

Alberga 12 DalBianco 
Manighetti 13 Rosa 
Alessio 14 Nunziata 
Barone 1S Perrone 
Guetieio 10 Galifetlsi 


AitMro 

Rosica A Roma 

Scalabielli 12 UonAn 
Sottri 13 APagamn 
Tedesco H A Branchi 
Amenni 1$ Dell Anno 
Cam poto H Ortandim 


NAMU-OENOA 

FARMA-LAZIO 

ROMA-REQ431ANA 

Tagiisiatoia 1 Micino 
Tarantino 2 Torrente 
Matrecano 3 Signorini 

Boroin 4 Manicone 
Cannavara S DeHiCani 

Cruz 0 Francesconi 
Buso 7 Ruotolo 

Rincoit 0 Bortolazzi 
Agostini 9 Vani Schip 

8 Carbone 10 Skuhravy 
Peccitia 11 Miuia 

Bucci 1 Marchegieni 
Senariivo 2 Bacci 

DiCItiara 3 Favelli 

Minotti 4 DiMatteo 
Apoitcfìi 5 Negro 

Coulo 0 Graverò 

Pio 7 RambauA 

D Bagglo 0 ventuiin 

Sensini 9 Casiraghi 

Zola 10 Wfinter 

Asprilla l't Sigram 

Cervone 1 Sardini 

Aldair 2 Sgarbossa 
Lanru 9 Zanutta 
Statura 4 DeNaiiaM 
Petniz» 5 GregucA 
Caibona 4 OeAgosimi 
Mortaio 7 Simutenhov 
Thent 0 Ofiseh 

Balbo 0 Padovano 
Glanrarri 'W Brambilla 

Toni 11 Esposira 

Arbitro 

Amendolia di Messina 

Arbitro 

CofflnadiViareggo 

ArtMtlO 

AienaAEicofano 

DI Fusco 12 Spagnolo 
LuzzarOi 13 SIgnorelll 
Policano 14 Rossi 

Altomare 18 Turrore 

Lerris 16 Onorati 

G Galli 12 Orsi 

Mussi 13 Ne«» 

Susic 14 BergoA 

Caruso 19 Fuser 

Rranca 14 HokiUc 

Lonml 19 Antorvoli 
Benedetti 19 CheruAni 
Armoni 14 Mazzola 
CaKMll 19 Falco 

Manu W RiuAPiiiM 


stiuire un complesso albe^hiero con cam pi di gol ciasinOoi bordi delle 
Colline Nera leira considerala sacra dai Sioux I quali-amo inluri4li(>cr 
due motivi pomo ilceniroédestinaloadalfondarc lunica bio Ionie di 
guadagno (1 pioveiMi dei casinò) secondo 1 Sioux rivendicano il pos¬ 
sesso di quella terra da un centinaio di anni Cosi dopo il tradimcnio 
Cosine! siébeccalolappelldlivodi lingua biforcuta Curiosità coinede 
finiscono I Sioux chi promette un milione di posti di luvoroc non ntanlie 
ne le promesse"' 

In attesa della nspostu segnaliamoduecosuice La puma itifosidel 
Tonno scioperano oggi quindici minuti contro il Fo^ia per -lo scarso 
impegno della squadra in trasferta- La seconda a Stoccolma vogliono 
sirattaie dal suo studio (un monolocale in pieno cenilo^ Ingmai Berg 
man II grande regista paga regolarmente I afiilto e si comporta da inqui¬ 
lino molilo maipropnetarivoglionocacciailo Dellascne senzaparo- 
le 


Anticipo lMWk«t 

Varoceok 

og^ Peonro*Voron« 

; Nell anticipo di len la Madigan di 
Pistoia ha peiso contro la Cagiva di 
Varese per 92 a 7S Questo il pro¬ 
gramma degli incontri odierni (ore 
18 30) Scavolini Pesaro Bircx Ve¬ 
rona Buckler Bologna-Stefanel Mi¬ 
lano Cometeoii Siena-Fitodoro 
Bologna lllycaflé Trieste Benellon 
Traviso Teorematour Roma Rana 
pesca Monlecalini Pfizer Reggio 
CaJabna-Melasystem R^io Emi 

! Ila 



Pallavolo 

Matorako 

noiraaticipo 

Nell anticipo di len del campiona- 
, to femminile I Anihess di Modena 
hà bettuioper?. f hcampioa»- 
se del Lolle Rugiada Parziali 1S-9 
17-16 9-15 livlO (^>eslo il pro¬ 
gramma del campionaio maschile 
(ore 1730) SisiéyTrenso-Wu^t 
Scho Banca di SùsateCanparma 
TallyMileno-IgmsPadova Alpitour 
Cuneo Fochi Bologna Gabeca 
Mondchiaii Daylona Modena 


Cldlomo 
Ballerini vinco 
In Botalo 

Franco Ballami ha vinto la Ha 
Volk precedendo di 5 il belga Ed 
wig Van Hooydonck ed il moktaro 
AndraiTchmil Al quarto posto si à 
piazzato il belga Wilfiied Nelissen 
che ha vinto la volata da grappo 
Questo di Ballenni à il pruno suc¬ 
cesso Italiano nella stona deila 
HetVak classicad'òpenuradella 
stagione be^ 


MMd Stato ampi* tW Pam 


quale moiMi « con quale scopo 
ù socteià non c enba Pone a 
qualcuno dà lasMiodte a volte 
preterisco non parlare • Scala é 
sono contrailo fino al 1996. mas 
il legaine A Irducia con ri pabon 
Tarui sembra essere aiKoia piri 
duraturo Tanto che ri tecnico se¬ 
condo m classilica ha anche 
chianio che driott ho motevo A 
pensare di andare v» da Pantu 
Proprio adesso che il trasloco é 
fmilo Abito accanto al irascovo 


RORENTNA-INTtR 


ut una casa meravjgliosa giusto 
nel centro stcstco So dovessi 
smettere A altenara potrei co¬ 
munque nmaitere qui Tra me e 
ri Parma non a sarà nessuna se¬ 
parazione consensuale Se non 
saròsoddidatlo A me stesso sarò 
to ri pnmo a comunxiare alla so- 
cielé I mienzioiie di lasciare* Ep- 
poi ancora parale Nevio Scala si 
lascia andiue ad una ammissio¬ 
ne che la dice funga su quello 
che potr^rite essere il suo futuro 


BRESCIA-CAOUAIH 


■Fare I allenatore non é l'unico 
lavoro possibile Nel Parma cal¬ 
cio e nella Patmalai ci sono an¬ 
che aJtn importanti ineanchn 
Due note tecniche sulto squadra 
che oggi pomenggio se la vedrà 
con la Lazio di Zeman Non gio¬ 
cherà Grippa (mfortunaio al gi¬ 
nocchio sinistro) e al suo posto 
in campo ci sarà I aigentino Sen- 
sini Rientiaanchelexbiancoce- 
leste Pm mentre dovrebbe restare 
in panchina Branca 


MLAN-CREMONESE 


UnIvMftolMll 

OroAarBMito 

IMrritalls 

L Italia trova Icro propno all'ulti¬ 
ma giornata delle Universiadi di Ja- 
, Cd La medaglia che migliora il bi 
lancio della trasferta azzurra in ter¬ 
ra spagnola e armala da Qmar 
Casllunger vincitore dello slalom 
speciale (in 1 32 33) sulla pista di 
(^andachu davanti al finlandese 
Peni fteikkala e lo svedese Magnus 
Oja Nella stessa competizione se¬ 
condo argento per Ganluca Cngo- 
i letto nella combinala vinta dal 
I giapponese Jo|l Kawaguchi Bion- 
I zoperFrancoisDuvillard 


Ballotta 

Adani 

(hunta 

Pimanmii 

Baronchelli 

Battistlm 

Sabau 

Gallo 

Borgonovo 

Bonetti 

Cadete 


1 fion 

2 Pancaro 

3 Pusceddu 

4 Vita 

5 Napoli 

6 Firicano 

7 Bisoli 

6 Belletta 

9 OeiyVaides 

10 Ofiveiia 

11 Muzzi 


Rossi 

CostBCurta 

PanuccI 

Albc-rtini 

Galli 

Baresi 

Eremo 

Desailly 

Boban 

Savicevic 

Massaro 


1 Turci 

2 Lucarelli 

3 Milanese 

4 De Agostini 
$ Gualco 

6 Verdelli 

7 Gianaebiaggi 

I Cristiani 

9 Chiesa 

10 Nicolim 

II Tentoni 


ArOrtro 

(juaituccioAT Annunziala 

Gamberini 12 Scarpi 
Fimtcmi 13 Bellucci 
Bonometti 14 Senna 
Si^ienardi 19 Herrera 
_Nen 18 Alleeri 


SAMPOOmA-JUVENIUS 


Aitwtro 

Rodomonti di Teramo 

leipo 12 Razzeiti 
Nave 13 GiilsQlfi 
Donadoni 14 Fertarom 
Lentmi 19 Al Pim 
Melli 19 Floriiarcic 


TORINO-FOGGIA 


ore 
Zenga 
M Serena 
Rossi 
&i«it 
Viefchowood 
Mlhajtovic 
Lombardo 
Jugovic 
Maspeio 
Maricini 
Evam 


20 30 

I Perazzi 

8 Feiraia 

3 Jarni 

4 Carreia 

9 Pornni 

9 Deschamps 
7 Di Livio 
9 Torricelli 

9 ViaW 

10 Del Piero 

II Ravanelli 


Pastine 
Angioma 
Pessotto 
Falcone 
L PeFegnn) 
Maltagliati 
RlZZltClll 

Sinigagiia 

Silenzi 

Pelé 

Cnstallinl 


1 Mancini 

2 Padaiino 

3 Bucato 

4 Nicol) 

5 DiSiagio 

6 Caini 

7 Blagioni 
9 Bressan 

9 Cappellini 

10 De Vincenzo 

11 Manoelll 


ArJNtro. 

Boggi A Salerno 

Nuciari 12 Sguizzi 
Sacchetti 13 Kohiei 
Invemizzi 14 ^sl 
Saisano 19 TaccItlnarOi 
Bellucci 16 Toenon_ 


Arbitro 

romOoiini di Ancona 

Slmoni 13 Bruriner 
Tonisi 13 Bianchini 
Lorenzini 14 Di Ben 
Oslo 18 Setacea 
Maicao 1» MararTinH 


IN B 


23“ Giornata 

(ore 1 

' Ascoli-Anilria 
i Cesena Lecce 
' Cfiievo-Acireale 
Coino-Verona 
Cosenta-Lucxnese 
I PaiBimo-Piacenta 
Pescara Ancona 
SàleriMana-Perugia 
Venezia Ataianta 
V«enza-_Uij[i)^e. 

j Classìfica 
I 44 Piacenza 
99 Udinese 
99 Ancona 
, 99 Perugia 
99 Verona 
92 Ataianta 
91 Vicenza 
91 Cesena 
; 9t F Andna 
I 91Saler[tiiana 


Trentaiange 
0-2 (Ieri) 
PacMIci 




29 Lucchese 
99 Venezia 
26 Palermo 
2S Acireale 
24 Pescara 
91 Chiavo 
20 Cosenza 
17 Ascoii 
UComo 
14 Lecce 


t 


4 


4 
















Donu'uic.n 26 l'cl>hr;iio 1995 




rUnità^t 


SCI. Straordinaria prestazione del discesista azzurro nella libera di Whistler Mountain 


La Compagnoni c’è: 
terzo posto 
sull’erba di Maribor 


HOSTI<OSIFIVi2IO 


■ MAKIGtiK iSlcivenia). La stella 
(Il Dt'lxirah Compagnoni non ha 
brill.ilo ieri eonie in molli si aspel- 
lavaiio Sulla pista slovena di Mari- 
In», l'iitlelauzziiiTa non è riuscita a 
cogliere il suctcMo pui conducen- 
do una liiiona gara c dowindosi al¬ 
la lineacconicntan'diun lerzo po¬ 
sto. C C da diro, come attenuante, 
ohe il ixToorso era al limite della 
rn-tPcabilMd. La pula, seausnienle 
iiiiicv.iia, era hcciporta da una pnl- 
liglia resa giallastra dal saie ertagli 
iigonli (.hinilui U pioggia del gior¬ 
ni scoisi ha quasi del tutto cancol- 
Ulo la lievi', veiehia di un mese. Il 
percorso, aceuniatu della parte 
bassa, dove era emerso un magni- 
liuti prato verde punteggiato dalle 
niarglierite. è per gluma dlvcntaiu 
aiicotii più semplice, modesta- 
mcntc levnicu, cosi da ic^llere ai¬ 
tili smpa'Kvalbgam. 

In cundislonl ambientali slmili 
non poteva certo splendere, come 
t ura temuto alla valila. Il talamo di 
Deborah Comptignonl. TuiiaiaA la 
srlatrKe k>mbarda, altaccuntc na¬ 
ia. facendo appello alla sua classe, 
ha ufiruniaio con rlctcrminazione 
la piova, riiiavnndcino un terzo po¬ 
sto onorevole, lasciando il secon¬ 
do posto alla slovena Spela ^tnar 
Iter soli li) centesimi u la vtiiodo al¬ 
ili ledescn Mattina Citi per 35 cen- 
h'Slnil. Il (luosl-strcesiKi della Prei- 
nar, Il quatto posto di Urska Hro- 
vai. il (|ulniu di Molca Suhadolc 
Mita anche l'iindlccslmo dt Katja 
Iwrvii) dimosiiitno che le dillicol- 
i& ambientali hanno danneggiato 
menu le sciatrici di casa. 

Il glulxi di crisiailo rtmane salda¬ 
mente nelle mani della tedesca 
KuI|b Scizinger (anche se ieri ha fi- 
niin la gara al H.mo posto) che 


con 911 punti precede l elvcnca 
Heidi Zellér-Bahicr (unclx- lei ieri 
delusa da un mediocre 21 inu po- 
slo). con 831. e. appuislo. la Sch- 
neider.con 774. 

I.'azzunn ha scialo bene, ma ha 
commesso qualche piccolo ciroie 
nella parte alla (quella meglio in¬ 
nevata) nella seconda manche, 
dovendo attaccare suòno |>er ri- 
moola/e non soltanto la Pretrar e 
la Eni che l'avevano preceduta nel¬ 
la prima, ma anclie la Hrovai. Que- 
st'uliima. dilani, dopo una lalli- 
meniaie prima m,Miche, ha sciato 
magnificamente la set oi>da c<l $ ri¬ 
masta In testa nno alla discesa del- 
ritillana. La Compagnoni ha poi 
perso quakoslna anche nulla par¬ 
te tinaie della manche decisiva, 
per non avere lasciato andate di 
più gli sci. -Preleiisco pcicorsi di- 
veisi. più difficili. Ki«avt<i non mi la- 
menio per quanto tu [xitiiio fare 
oggi e spero di far mc^io domani 
nello slalom, anche se la neve 
manclieib ancoro-' ha dettola vai- 
tellinese, eira da sola non |>un far 
dimenticare la medior re icsa del 
resto della pailugllaaztujra. 

Orditi» d'airtvO! 1 1 Martina Cnl 
(Ger) 2:16,88; 2) Spr'la Pretnar 
(Sto) 2;17,03; 3) beborahCompa- 
gnoni (.ha) 2:17.13,4 1 Urska Uro- 
vai (Slo) 2:17..53: 5) Moik» Juha- 
dolc (Sto) 2:17.38; 0) Mkhocla 
Oew-UItnor (Oer) 217.7.3; 7) 
ScnjaNel (Sv'O 2;17 76; »> Vreni 
Schnalder (81112,1779 

ClauMe» Oopp» d»t Mondai 
I] Selzinger. 91 Ipunll; 2) Zellcr- 
Baehler. 831.3) SchneKler. 774.4) 
eni. 668. S) Street. 608.6; Wach- 
ter, MS. 7) Wiberg, 431); 8) Lindh. 
434, 9) Pretnar, 409, 10) Compa¬ 
gnoni. 405. 



Ghedina raddoppia: 
trionfo in Canada 


Sfraordinarìo successo di Kristìan Ghedina su!* 
le nevi del Canada. 11 discesista azzurro si è im¬ 
posto ieri nella libera dì Whistler Mountain, bis¬ 
sando così la vittoria ottenuta sulle nevi di 
Wengen. Quinto Pietro Vitalini. 


AUOMSAaUUINI 



IWrtigtinfci» 


• Kiislianrawtva promesso:-Noi 
azziuri scendeiemo pensando so¬ 
lo a noi. ma d piacerebbe regalare 
pumi pieziani a Tanba-. Cosi é 
sialo. Suda |ùia di Whistler Moun¬ 
tain. in Canada. Ghedina ha vinto 
e. con la sua gara siraordlnaiia. ha 
badalo ancor |mù 8 campione bo¬ 
lognese veno b cortQiiisia della 
Co^ del Mondo. Non solo, H 
Coitinese i adeuo in corsa per la 
cbssdlca g^rarale di discesa libe¬ 
ra. 

Ghedita era uno dei favoriti. La 
sua condizione <8 lonna. negli ul6- 
mi lemiM e andata sempre miglio- 
rendo e b Muoria di Wengen face- 
va ben sperare. Knsiian. panho 
con I peneri numeio 9. he attac¬ 
calo subno. Lasciando conere gli 
sd (ma defle sue caiaiieslsucne 
princvail) «passaloin lesia fin dal 
pruno Intermedio. Un pencoloso 
sbandamelo a meia percorso ha 
latto tremare i tifosi italiani, ma 
l'azzunoe liusdio a hprendesl be¬ 
ne e ha iKominclato a spingsse 
CMmiisuol ne ubi finali (il secon¬ 
do di circa quarania metri), enlu- 
siasmame la conclusione. Condui- 
le una gara contrauamenie all'ai- 
lacco. ieci significava anche au¬ 


mentare 1 pencoli di una pista che 
presentava diieise -onde- e una vi- 
sibilila non perieita. Ma Ghedina 
ha giocalo bene le sue cane. Con 
la iltlona di Wengen, aveva dimo- 
siiaio pande padronanza sulla 
lunga distanza. Venerdì, conver¬ 
sando con amici e giomalisti aveva 
osservato come un pemorso di 
quasi quahiD chilomelii come 
quello di Whistìer Mountain fosse 
panicolarmenie adatto alle sue ca- 
ratteiisiiche. La prova di ieri lo ha 
dimostralo 

A lavorile la sua vitioria e siala 
anche la gaia opaca dei concor¬ 
renti dall per favorib alla paiienza. 
Sia Aamodi (che doveva vincere 
per sperare di riaccUiHare Tomba) 
sia Cirardelli (in questo periodo in 
torma scadente) sia Alphand non 
sono stari sK'aHezza delle loro pus- 
stazioni migiiMl. Lo sloveno Koslr. 
secondo in classifica geneiale. die¬ 
tro Tomba, era aasenie. 

Festa grande nel clan azzurro, 
dunque, ma non tolo per la vittoria 
di Ghedina. Fieiro Viiallnl. con una 
gara eccezionale, si e piazzato al 
quinto posto cedendo soliamo nel 
tinaie (ai tempi inteimedi risultsva 
addirittura primo). 

Ghedina « i unico Italiano che si 


piazza al primo posto nelle discese 
libere n^i ultimi cinque anni. 
L'ultima gara vinta da un azzuno, 
nel 1990. porta sempre la sua fir¬ 
ma. Dopo il successo di allora, Ktì- 
sdan é rimasto fuori dalla scena 
sporiiva, per un brutto Incidente 
d'auto nel quale ha rischiato an¬ 
che la vita. Il suo recupero è stato 
lento ma costante. Tornato aH’atU- 
vHà agonisllca nei mesi scorsi, il 
coitinese ha raggiunto II massimo 
della ibrma già un mese ià in Saz¬ 
ierà. Una vittoria a Wengen. un 
quinto posto, poi un temo a Kltz- 
buhel lo hanno libnclato, come 
uno dei m^liori defla speclaIUà. 
«Non sono partito molto bene, per 
questa stagione pone! acconlen- 
taimi - aveva detto qualche giorno 
la - ma la prossima stagione potrei 
puntare alla Coppa di specialità-. 
La sua previsione i stala scavalca- 
b dai nsuitsfi. Con fa vKtoria di ien, 
iniaui, Ghedina. si proietta al se¬ 
condo posto nella classifica gene¬ 
rale di dlroesa libera. 

Anche Vlialini aveva annuncialo 
di eentimi in forma edi lodate per il 
primato. I suoi lisultati pU che pb- 
slilvi (il quinto posto raggiunto 
quest'anno due volle) erano pas¬ 
sati In secondo piano rispeito alla 
paurosa caduta di Kitzbuhet. «Ma 
adesso sto bene-, av»a detto pri¬ 
ma della gara di ieri. «Tunl partano 
di quell'incidenie. ma succede an¬ 
che In allenamento. Polcldormi su 
una none e non ci pensi pIQ. Ab¬ 
biamo dimostrato di essere una 
squadra forte, ma non a nidi è an¬ 
data bene. Sul podio, io non ci so¬ 
no ancora salii>. Poi, ieri la sua 
splendida prestazione e U podio 
scoralo per una questione di cen¬ 
tesimi. 




















'SS V 








' ffnif.. ,„f. 


>fO) 


Da De Sica a Spielberg, da Truffaut a Kubrick, 
l'Unità pubblica la storia del cinema attraver¬ 
so i ritrani di ventìnnque grandi registi. Una 
collana fondamentale per lo spettatore del. 
grande e del piccolo ^dtetmo. DI ogni regista 
troverete: la filmografia, lo stile, la tecnica, i 
trucchi e i giudizi della critica. Scoprirete cosa 
c'é dietro ai grandi capolavori. Dal Gattopar¬ 
do a Jurassic Park, da A qualcuno piace caldo 
ad Apocalipse Now. Mercoledì 1 marzo il libro 
suWim Wenders. 

Giornate più libro a sole 2.500 tiro. 


Inoltre, nella collana, troverete: 


l'Unità vi offre l'opportunità di realizzare una 
splendida videoteca sul cinema italiarw a un 
prezzo estremamente vantaggioso. Da il sor¬ 
passo a Una giornata particolare, da Bianca a 
Il ladro di bambini, ogni sabato cori l'Unità 
troverete un grande film Sabato 4 marzo, 
Sacco e Vanzetii di Giuliano Montaido. Gior- 
iMlo più videocanetta « soie C.OOO Hre. 

Inoltra, nella collana, troverete: 

PER UN PUGNO DI DOLLARI 

a< Sergio Leone 

LA BATTAGLIA DI ALGERI 

di Gillo Pontecorvo 

IL LADRO DI BAMBINI 

di Gianni Amelio 

UGCELLACCIEUCCELUNI 

di Pier Paolo Pasolini 

TOTÒA COLORI 

di Steno 


CHARLECHAPLM 


RTTITiMi'iTm 


SMEYKOBRaC 
SBUaO LEONE 


k^if;^nLVJ 


PBryLOLomsoLii 
WAU DISNEY 
RORBITDROSSQiltl 


[rìTife 


FRANCDISTRUHAUT 
S1B/«SPEfiBtG 
AKRAKUROSAWA 
FRANK CAPRA 


J]Tim 


MARRNSCORSESE 

mAmUMARX 


Ilici Livi::i 


FRANCIS FORD GDPPOIA 
SBiGElEJZBIISIlll 


I Roberto Rossellini 

G 

1 Mano Monicèlii 

IL CASO MATTO 

di Francesco Rosi 

BERUNGUERTIVOGUOBENE 

di Giuseppe Bertolucci 


VJ,t..'Nonde« 




ChartieC 
Luchino' 
Seigio U 

Mi'